Ludoteca MAGICA LUNA Calenzano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ludoteca MAGICA LUNA Calenzano"

Transcript

1 Piano generale per fronteggiare le emergenze In osservanza di quanto previsto dall art. 5 del D.M. 10/03/1998 D.Lgs. 81/2008 Marzo 2012 Ludoteca MAGICA LUNA Calenzano Finalità : Circoscrivere e contenere l evento Permettere la segnalazione dell evento al personale e la eventuale evacuazione dal luogo Garantire il soccorso a persone infortunate Permettere la chiamata di strutture esterne e l assistenza agli interventi di competenza Redatto in collaborazione con il RSPP del Comune di Fiesole Palagi Gabriello SOLUZIONE S.r.l. Firenze

2 Personale incaricato della gestione dell emergenza : Coordinatore per l emergenza Lotta antincendio Evacuazione Pronto soccorso

3 COMPITI E ISTRUZIONI PER TUTTO IL PERSONALE DA ATTUARE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Condizione generica di emergenza 1. infortunio o malore 2. principio di incendio 3. evacuazione 4. esplosione 5. terremoto 6. telefonata o messaggio minatorio 7. rapina 8. procedure per richiedere l intervento delle strutture esterne

4 Compiti e istruzioni per tutto il personale CONDIZIONE GENERICA DI EMERGENZA Chiunque individui o si accorga di : un principio di incendio la presenza di fumo scoppi e/o crolli infortuni malori bisogno di soccorso; ogni e qualsiasi altra condizione di pericolo da cui possa derivare un emergenza deve: mantenere la calma e non farsi prendere dal panico invitare le persone presenti a mantener la calma, rassicurandolo che sono previste delle procedure che coinvolgono personale preparato a far fronte alle emergenze segnalare l evento avvisando il il personale designato la segnalazione deve comprendere: la natura dell emergenza (fuoco, fumo, infortunio, malore etcc ) il punto in cui è accaduto l evento deve poi: evitare di fuggire dal luogo senza aver, se possibile, prestato aiuto a chi ne abbia bisogno attenersi a quanto il personale incaricato, indicherà evitare di intasare le linee telefoniche in caso di emergenza assoluta deve: tentare un intervento diretto nel solo caso che l intervento non pregiudichi la propria e l altrui incolumità avvisare tutte le persone che possano essere coinvolte dagli sviluppi dell evento

5 1 IN CASO DI INFORTUNIO O MALORE PER TUTTO IL PERSONALE Compiti e istruzioni per tutto il personale mantenere la calma e non farsi prendere dal panico avvisare il personale designato nel frattempo, non permettere interventi sulla persona colpita dall evento da parte di persone con scarsa preparazione non assembrarsi nella zona in cui giace l infortunato non suggerire azioni o comportamenti se dettati unicamente da emozione invitare, con pacatezza di tono, le atre persone presenti a non accalcarsi, bensì ad allontanarsi PER IL PERSONALE DESIGNATO AL PRONTO SOCCORSO portarsi sul luogo in cui accaduto l evento prima di intervenire sulla persona colpita cercare di comprendere cosa sia accaduto ed accertarsi che non vi siano ulteriori condizioni di pericolo che possano compromettere la Vs. sicurezza indossare guanti monouso prima di eseguire qualsiasi intervento provare a stabilire l entità dell infortunio, procedendo ad esaminare l infortunato verificando: lo stato di coscienza (ponendo qualche semplice domanda e verificando che l infortunato sia in grado di rispondere) In caso di mancata risposta richiedere l intervento del 118 Descrivendo la condizione della persona e procedendo a verificare la respirazione (avvicinando il vostro orecchio alla bocca dell infortunato e ponendo attenzione allo sterno se questo si muove) il cuore (appoggiare due dita in corrispondenza delle arterie del collo che si trovano a fianco del «pomo di adamo») presta le cure che è in grado di eseguire con i presidi contenuti nella cassetta di primo soccorso assiste l infortunato per tutto il tempo necessario, rassicurandolo e tranquillizzandolo attende l arrivo delle strutture esterne chiamate ad intervenire, fornendo ad esse le informazioni che il personale delle stesse richiederà Eseguire sempre ed unicamente quanto ben conosciuto Eseguire quanto appreso nei corsi di formazione a cui partecipato Nel caso che siano state chiamate ad intervenire le strutture esterne (118 - Firenze Soccorso) IL PERSONALE DESIGNATO ALLA EVACUAZIONE Invitare le altre persone presenti a non assembrarsi intorno alla zona di intervento Portarsi all esterno della Ludoteca per segnalare e accompagnare sul luogo il personale chiamato ad intervenire

6 2 IN CASO DI PRINCIPIO DI INCENDIO PER IL TUTTO PERSONALE Compiti e istruzioni per tutto il personale mantenere la calma e non farsi prendere dal panico avvisare il personale designato invitare le persone presenti a mantener la calma, rassicurandole che sono previste delle procedure che coinvolgono personale preparato a far fronte alle emergenze far allontanare i bambini o le persone presenti, invitandolo a dirigersi verso le uscite nel frattempo e se ciò non comporta pericolo per la vs. persona: allontanare quante più possibili quantità di prodotti facilmente combustibili dal focolaio (esempio: tessuti o carta) PER IL PERSONALE DESIGNATO ALLA LOTTA ANTINCENDIO portarsi in prossimità del luogo in cui è scaturito un principio di incendio non entrare in luoghi già invasi dal fumo non aprire porte prima di essersi messi in posizioni di sicurezza, cioè al riparo dalle fiamme che tendono ad uscire perché alimentate dall ossigeno che si fornisce al momento di aprire una porta valutare se un intervento diretto possa essere efficace, in tal caso: intervenire con gli estintori presenti sul luogo seguendo le comuni procedure che si riassumono in togliere la spina di sicurezza presente sulla leva di comando dell estintore impugnare la lancia premere a fondo la leva di comando dirigere il getto alla base della fiamma ricordarsi che l azione estinguente dell estintore (6 kg. a polvere) si esaurisce dopo circa 10 secondi, deve quindi essere utilizzato al meglio non utilizzare acqua su impianti elettrici o parti di impianto, o su apparecchiatura ad alimentazione elettrica, se prima non è stata tolta la corrente elettrica; l acqua è conduttore di corrente elettrica, rischiereste di rimanere investiti da una scarica di corrente (utilizzare l estintore a CO 2 ) fare in modo da avere sempre una possibilità di fuga quando un intervento NON SIA POSSIBILE o RISULTI INEFFICACE o INSUFFICIENTE o POSSA COMPORTARE PERICOLO per esempio : quando non in grado di tenere sotto controllo l evento; il personale DESIGNATO per la LOTTA ANTINCENDIO ha il compito di: comunicare la necessità di abbandonare il luogo allontanarsi dal luogo dell evento provvede nella richiesta di intervento, formando il numero 115 decide se necessario interrompere la fornitura di corrente elettrica interrompe la fornitura elettrica agendo dal pulsante di sgancio

7 Compiti e istruzioni per tutto il personale Nel caso si renda necessario richiedere l intervento dei VIGILI DEL FUOCO PER IL PERSONALE DESIGNATO ALLA EVACUAZIONE impedire il deflusso delle persone nella direzione della zona interessato dall evento accaduto invitare le persone presenti a mantener la calma aiutare le persone in difficoltà ad allontanarsi invitare a non spingere ed a mantenere una distanza dalla persona che la precede portarsi all esterno della Ludoteca per segnalare e accompagnare sul luogo il personale chiamato ad intervenire

8 Compiti e istruzioni per tutto il personale 3 IN CASO DI EVACUAZIONE (anche a seguito di incendio) : PER IL TUTTO PERSONALE mantenere la calma e non farsi prendere dal panico PER IL PERSONALE DESIGNATO ALLA EVACUAZIONE mantenere la calma organizzare l allontanamento dei bambini, disponendoli in fila, distanziati tra loro e accelerando l uscita impedire il deflusso delle altre eventuali persone nella direzione della zona interessato dall evento accaduto invitare le persone presenti a mantener la calma aiutare le persone in difficoltà ad allontanarsi invitare le persone a non spingere e a mantenere una distanza dalla persona che la precede PER TUTTO IL PERSONALE al termine dell abbandono dal luogo si ritrova nel punto di raccolta; verifica della presenza della totalità dei bambini e colleghi PUNTO DI RACCOLTA NEL GIARDINO ESTERNO DELLA LUDOTECA Nel caso di mancanza di bambini e/o colleghi IL PERSONALE DESIGNATO ALLA EVACUAZIONE richiede l intervento dei Vigili del Fuoco

9 4 IN CASO DI ESPLOSIONE PER TUTTO IL PERSONALE Mantenere la calma e non farsi prendere dal panico Seguire le indicazioni date per l evacuazione Attendere nei punti raccolta l arrivo dei mezzi di soccorso Compiti e istruzioni per tutto il personale PER IL PERSONALE DESIGNATO ALLA LOTTA ANTINCENDIO Seguire le indicazioni date per l eventualità di un incendio, se ve ne sono le condizioni IL PERSONALE DESIGNATO ALLA EVACUAZIONE richiede l intervento di soccorso alle strutture esterne ( ) 5 IN CASO DI TERREMOTO PER TUTTO IL PERSONALE Un terremoto giunge in modo improvviso; si manifesta con violente scosse iniziali, seguite da alcuni momenti di pausa mantenere la calma e non farsi prendere dal panico invitare le persone presenti a mantenere la calma ed il proprio posto interrompere tutte le lavorazioni e spegnere gli impianti in uso prepararsi a fronteggiare le probabili successive scosse: allontanandosi da torri o altre strutture da cui potrebbero cadere oggetti o attrezzatura di teatro al termine delle scosse telluriche, abbandonare il luogo seguendo le indicazioni in caso di evacuazione IL PERSONALE DESIGNATO ALLA EVACUAZIONE interrompe le fornitura elettrica richiede l intervento di soccorso alle strutture esterne ( )

10 Compiti e istruzioni per tutto il personale 6 IN CASO DI TELEFONATA O MESSAGGIO MINATORIO PER IL PERSONALE CHE HA RICEVUTO LA SEGNALAZIONE Mantenere la calma e non farsi prendere dal panico Cercare di raccogliere più informazioni possibili (con particolare riferimento al luogo ed al tipo di ordigno o altra minaccia) comprese quelle relative alla persona che sta telefonando (timbro di voce, accento, eventuali messaggi) Non diffondere la notizia alle persone presenti Comunica l allarme alle forze dell Ordine Pubblico ed alla Polizia Municipale Nel caso si renda necessaria l evacuazione dal luogo PER TUTTO IL PERSONALE Mantenere la calma Invitare il pubblico ad allontanarsi giustificando che ci sono problemi tecnici, evitare di diffondere la notizia Seguire le istruzione per l evacuazione Compiti e istruzioni per tutto il personale 7 IN CASO DI RAPINA AGGRESSIONE SEQUESTRO PER TUTTO IL PERSONALE Mantenere la calma e non farsi prendere dal panico Eseguire quanto ordinato dai malviventi Non eseguire operazioni o movimenti dettati dall istinto Prima di eseguire spostamenti o movimenti, preavvisare gli aggressori per evitare reazioni degli stessi Nel caso squilli il telefono non rispondere, chiedere il permesso di farlo agli aggressori Evitare di assumere atteggiamenti ostili, temerari o sconsiderati; potrebbero mettere in pericolo la vostra incolumità e quella dei colleghi o della altre persone presenti Non ostacolare la fuga dei malviventi Solo quando possibile, senza mettere a repentaglio la propria e l altrui sicurezza comunicare l allarme alle forze dell Ordine Pubblico ed alla Polizia Municipale Attende l arrivo delle Forze dell Ordine

11 Compiti e istruzioni per tutto il personale 8 NEL CASO SI DEBBA PROCEDERE A RICHIEDERE L INTERVENTO DELLE STRUTTURE ESTERNE si deve sempre mantenere la calma e procedere nella richiesta in modo chiaro, indicando: le proprie generalità (nome e cognome) il luogo da cui si sta chiamando un recapito telefonico dove poter essere ricontattati l evento accaduto (infortunio, incendio, esplosione, minaccia etc..) le condizioni in cui si trova il luogo e/o il numero di persone interessate negativamente dall evento le condizioni in cui si trovano le persone stesse la possibilità di accedere con automezzi di soccorso un esempio di richiesta di intervento : Sono Bianchi Mario, lavoro alla Ludoteca Magica Luna in Calenzano, in Via Arrighetto da Settimello 92, telefono dal.. (indicare da dove si sta chiamando es. dalla ludoteca o dall esterno della ludoteca); dove si è verificato... (descrizione sintetica della situazione): (es. in caso di incendio) nella zona magazzino si è verificato un incendio che non riusciamo a spegnere, le fiamme stanno diffondendosi, ci stiamo accingendo a far uscire le persone dal Centro perché non è possibile restare all interno (es. in caso di infortunio) si è verificato un infortunio ad una persona che ha urtato la testa, non è cosciente ma respira, si è anche procurato un taglio sulla fronte e sta perdendo molto sangue è necessario un vostro intervento; la ludoteca si trova in Calenzano in Via Arrighetto da Settimello n 92, nel tratto compreso tra Via della Chiesa e Via 2 Giugno. le lascio il recapito telefonico. ed il telefono cellulare., per poter eventualmente comunicare con noi

12 ULTERIORI COMPITI E FUNZIONI DEL PERSONALE DESIGNATO PER FRONTEGGIARE LE SITUAZIONI D EMERGENZA in occasione di emergenze al termine dell emergenza nelle normali condizioni di esercizio COORDINATORE PER L EMERGENZA LOTTA ANTINCENDIO EVACUAZIONE PRONTO SOCCORSO

13 COORDINATORE PER LE EMERGENZE IN OCCASIONE DI EMERGENZE all interno dell attività, ha il compito di: ricevere la segnalazione da parte di chi ha assistito ad un evento portarsi direttamente sul luogo dell evento, se lo stesso non comporta pericolo per la propria persona, al fine di meglio valutare le condizioni e meglio coordinare i successivi interventi coordinare il gruppo di lavoratori incaricati per le emergenze coordinare gli interventi di sezionamento impianti, nel caso che l evento richieda tale necessità provvedere a richiedere l intervento delle strutture esterne (pronto soccorso medico, vigili del fuoco etc.) provvedere nel ricevimento delle strutture esterne chiamate decretare l evacuazione dall area, quando l evento degenera e non può essere tenuto sotto controllo procedere a verificare che tutto il personale sia presente nei punti di raccolta nel caso di assenza di personale, provvede immediatamente a richiedere l intervento delle strutture esterne di pronto soccorso medico e dei vigili del fuoco è il referente per il personale delle strutture esterne chiamate ad intervenire comunicare agli uffici comunali di riferimento l evento in corso o accaduto AL TERMINE E SUCCESSIVAMENTE ad ogni situazione di emergenza, ha il compito di: concertarsi con il personale al fine di ripristinare le normali condizioni di esercizio (fornitura elettrica, ripristino impianto allarme, ripristino impianti in genere) richiedere l intervento dei tecnici del Comune per ripristinare le normali condizioni di esercizio che richiedano presenza di personale specializzato (imprese terze con contratto di lavoro di assistenza) procedere a raccogliere tutte le informazioni al termine di ogni emergenza, sull evento avvenuto, sugli effetti prodotti, sui danni subiti comunicare agli uffici comunali di riferimento l evento accaduto

14 LOTTA ANTINCENDIO al termine e successivamente ad ogni situazione di emergenza, ha il compito di : segnalare quali estintori o altri mezzi sono stati impiegati, al fine di permettere la ricarica o il ripristino dei mezzi stessi nelle normali condizioni di esercizio, ha compiti di sorveglianza dei mezzi e presidi antincendio, quali : controllare la presenza dei mezzi mobili antincendio (estintori) nei punti previsti controllare giornalmente che gli stessi mezzi non siano ostruiti o coperti da merce, quindi che siano raggiungibili agevolmente controllare giornalmente che gli estintori non presentino evidenti difetti e che siano quindi integri in ogni loro parte controllare settimanalmente che il manometro degli estintori abbia la lancetta nel campo verde, indicante la giusta pressione controllare che non vi siano condizioni di maggior rischio come ad esempio: il deposito di materiale combustibile nelle dirette vicinanze di fonti di innesco (es. carta in prossimità di prese di corrente elettrica o corpi illuminanti) l abbandono di prodotti infiammabili (bombolette spray) rimuovere o provvedere a far rimuovere le carenze eventualmente rilevate Mezzi e dispositivi a loro disposizione: - estintori portatili - apparecchio telefonico per comunicazioni.

15 EVACUAZIONE in occasione di emergenze ha il compito di : accompagnare i bambini all esterno dell edificio impedire il deflusso delle persone nella direzione della zona interessato dall evento accaduto invitare le persone presenti a mantenere la calma aiutare le persone in difficoltà ad allontanarsi invitare a non spingere ed a mantenere una distanza dalla persona che la precede al termine e successivamente ad ogni situazione di emergenza, ha il compito di : segnalare eventuali condizioni o situazioni che hanno ostacolato o favorito l esecuzione dei compiti assegnati nelle normali condizioni di esercizio, ha compiti di : accertare quotidianamente che le vie d esodo individuate siano sgombre accertare quotidianamente che le uscite di sicurezza non siano chiuse a chiave in orario di presenza sia di lavoratori che di pubblico Mezzi e dispositivi a loro disposizione: relativamente allo stabilimento - apparecchio telefonico per comunicazioni

16 PRONTO SOCCORSO al termine e successivamente ad ogni situazione di emergenza, ha il compito di : segnalare l eventuale necessità di rifornire la cassetta di pronto soccorso di medicamenti e presidi medici nelle normali condizioni di esercizio, ha compiti di : verificare mensilmente la presenza di tutti i medicamenti all interno delle cassette di pronto soccorso, le date di scadenza, il loro stato di conservazione richiedere l acquisto di quanto mancante o scaduto Mezzi e dispositivi a loro disposizione: - cassette di pronto soccorso - apparecchio telefonico per comunicazioni

17 RECAPITI TELEFONICI ENTI DI EMERGENZA ente telefono orari note Vigili del Fuoco sala operativa Pronto Soccorso Coordinamento Sanitario centrale Pronto Soccorso Punto più vicino a Centro Giovani Protezione Civile Arma dei Carabinieri 112 sala operativa Arma dei Carabinieri Comando di Compagnia Polizia di Stato 113 Polizia Municipale Ufficio Comunale di riferimento Azienda Gas Emergenze Acquedotto Pronto intervento Segnalazione guasti ENEL Pronto intervento Segnalazione guasti Manutenzione Conduzione IMPIANTO TERMICO Manutenzione IMIANTO ELETTRICO Manutenzione ESTINTORI Manutenzione

18 VEBALE DI COORDINAMENTO In data.. per l evento/manifestazione prevista per il giorno.., in orario.., la gestione delle emergenze è affidata alle seguenti persone: COORDINATORE PER L EMERGENZA : _ ADDETTI ALLA LOTTA INCENDI : ADDETTI ALPRIMO SOCCORSO : ADDETTI ALLA EVACUAZIONE: Non si prevedono procedure o azioni diverse da quanto contenuto nel Piano Generale delle emergenze Rispetto alle procedure previste dal piano generale si prevedono le seguenti azioni e/o procedure : (indicare le azioni o procedure diverse da quanto previsto nel Piano delle emergenze Generale)

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

Versione Aprile 2009 PIANO DI EMERGENZA 1-13

Versione Aprile 2009 PIANO DI EMERGENZA 1-13 PIANO DI EMERGENZA 1-13 Questo semplice manuale raccoglie, in modo organico, le informazioni già fornite al personale, relative ai comportamenti da tenere in caso di emergenza. Benché ogni situazione sia

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Sede Legale. Sede Esaminata

Sede Legale. Sede Esaminata Sede Legale Sede Esaminata PIA DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA/EVACUAZIONE CON MANONARI PERSONALE ADDETTI CON FUNZIONI SPECIFICHE (Ai sensi del D.M. 10/03/1998) Revisione 01 del Settembre

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara giugno 2014 Corpo E Polo Scientifico-Tecnologico di Via Saragat, 1 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE INDICAZIONI GENERALI relative all edificio L edificio si sviluppa su 4 piani di cui uno interrato; il

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE LOGO DELLA SOCIETA PARTE III ESEMPIO DI PROCEDURA PER PIANO DI ED EVACUAZIONE Ediz.: Rev. : del: Pagina: 1 di 13 N OME SOCIETÀ PIANO DI ED EVACUAZIONE Dispensa a cura del relatore PIANO DI ED EVACUAZIONE

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. Esistono due squadre per la gestione delle emergenze, una INFN ed una congiunta INFN/UNIFE.

PIANO DI EMERGENZA. Esistono due squadre per la gestione delle emergenze, una INFN ed una congiunta INFN/UNIFE. PIANO DI EMERGENZA PREMESSA Per emergenza si intende un evento improvviso, un fatto o una circostanza imprevista tali da mettere in situazione di pericolo reale o potenziale persone o cose rappresentano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Pavia, 25/01/2006 Prot. n. 2892 Titolo IX Classe 3 Fascicolo 14-2006 Allegati n. 1 Ai Direttori/Responsabili Strutture universitarie Ai Dirigenti Ai Direttori dei Centri: - CNR Sezioni ospitate - INFN

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO 2. EMERGENZA SANITARIA 3. ALLAGAMENTO 4. TERREMOTO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE (per qualsiasi tipo di emergenza, come

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO Qualora si verichi un incidente tale da rendere necessario l abbandono cautelativo dell edificio (p. es.

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ***

PIANO DI EMERGENZA *** OTTI *** PREMESSA DEL REGISTRO DEI REGISTRO DEI Con l entrata in vigore del DPR 12 gennaio 1998 n. 37 regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, ai sensi dell art.

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE MINIMIZZARE I DANNI ALLE PERSONE AGEVOLARE L ESODO DALLE STRUTTURE PREVENIRE O LIMITARE I DANNI AL PATRIMONIO, ALL ATTIVITA LAVORATIVA ED AGLI AMBIENTI

Dettagli

Data inizio : 2015-01-01 Prezzo per partecipante : 180 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2015-01-01 Prezzo per partecipante : 180 EUR Località : Da definire Data inizio : 2015-01-01 Prezzo per partecipante : 180 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto)

REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto) REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto) CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA SCUOLE

PIANO DI EMERGENZA SCUOLE PIANO DI EMERGENZA SCUOLE ai sensi del D.Lgs. 81/08-242/96 e D.M. 10/3/98 Nome scuola/istitut o indirizzo Istituto Comprensivo di CastelGoffredo Anno scolastico 2014/2015 Gestione delle emergenze Il D.Lgs

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

Informazioni base per la sicurezza nell ambiente scolastico. Liceo Statale Vito Capialbi

Informazioni base per la sicurezza nell ambiente scolastico. Liceo Statale Vito Capialbi Liceo Statale Vito Capialbi Liceo Musicale - Liceo Linguistico - Liceo Scienze Umane - opz. Economico Sociale Via S. Ruba snc * 89900 VIBO VALENTIA * Cod.Mecc. VVPM01000T 0963/592415 * Fax 0963/991310

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI

IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI I docenti non possono mettere a repentaglio la sicurezza degli alunni e devono pertanto: sorvegliare gli alunni conoscere e informare gli alunni loro affidati sulle

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

INFORMATIVA INDICANTE ATTIVITA OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

INFORMATIVA INDICANTE ATTIVITA OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE OPUSCOLO N.C INFORMATIVA INDICANTE ATTIVITA OPERATORI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREPOSTO.. ADDETTO ANTINCENDIO.. ADDETTO PRONTO SOCCORSO.. INCARICATO.. LAVORATORE INCARICATO PER ASSISTERE

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Gestione emergenze P08 Rev 02 del 14/06/2014 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

REGISTRO DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGISTRO DI SORVEGLIANZA PERIODICA DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via G. Deledda, 2-09036 GUSPINI (Codice Fiscale 91011420923 Tel 070/970051-Fax 070/9783069) e-mail mail: caee046004@istruzione.it sito: www.direzionedidatticastataleguspini.it

Dettagli

Organizzazione e gestione dell emergenza nella Scuola 1

Organizzazione e gestione dell emergenza nella Scuola 1 Organizzazione e gestione dell emergenza nella Scuola 1 GESTIONE DELLE EMERGENZE CHE COS E L EMERGENZA Si può definire emergenza tutto ciò che appare come condizione insolita e pericolosa che può presentarsi

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

Piano d emergenza Istituto comprensivo «Falcone e Borsellino»

Piano d emergenza Istituto comprensivo «Falcone e Borsellino» Piano d emergenza Istituto comprensivo «Falcone e Borsellino» Dirigente scolastico: Prof.ssa Cesarina Santocchi PLESSI: Vignanello: infanzia, primaria, secondaria di 1 grado. Vallerano: infanzia, primaria,

Dettagli

RICHIESTA USO PALESTRE PER UTILIZZI MINIMI SALTUARI

RICHIESTA USO PALESTRE PER UTILIZZI MINIMI SALTUARI RICHIESTA USO PALESTRE PER UTILIZZI MINIMI SALTUARI Comune di Brescia Settore Partecipazione Servizio amministrativo Ufficio di zona Est Il sottoscritto C.F. Residente avia n Nella sua qualità di rappresentante

Dettagli

Piano delle emergenze della sala adunanze

Piano delle emergenze della sala adunanze Piano delle emergenze della sala adunanze Croce Verde Associazione di Carità via Capriglia 5 Pietrasanta 2 La sala delle adunanze, in via Capriglia 5 a Pietrasanta, viene impiegata dalla Croce Verde per

Dettagli

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE?

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? L emergenza Cos è? Una emergenza è una situazione imprevista di potenziale pericolo che si genera quando le persone, i beni, le strutture, l ambiente sono esposti (o possono essere esposti) agli effetti

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA DELLO STUDIO ODONTOIATRICO

PIANO DI EMERGENZA DELLO STUDIO ODONTOIATRICO Pagina N 1 PIANO DI EMERGENZA DELLO STUDIO ODONTOIATRICO... VIA... N... COMUNE DI... PROVINCIA.. Datore di lavoro:... RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione): RLS (Rappresentante dei

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA BIBLIOTECA DI MEDICINA VETERINARIA

PIANO DI EMERGENZA BIBLIOTECA DI MEDICINA VETERINARIA PAG. 1 DI 12 1408 BIBLIOTECA DI MEDICINA VETERINARIA Via del Taglio PARMA PARMA, LUGLIO 2013 PAG. 2 DI 12 SOMMARIO 1. STESURA ED EMISSIONE DELLA PROCEDURA...3 2. SCOPO DELLA PROCEDURA...3 3. DEFINIZIONI...4

Dettagli

EMERGENZA ed EVACUAZIONE

EMERGENZA ed EVACUAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. MENNELLA PROCEDURA DA ATTUARSI NEI CASI DI EMERGENZA ed EVACUAZIONE DESTINATO AGLI INCARICATI ALL EMERGENZA ED EVACUAZIONE Questo libretto deve essere Consegnato ad

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98)

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) RISC_INC Rev. 1 Pagina 1 di 12 Sede direzionale / amministrativa NOMINATIVO AZIENDA

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza Scheda di verifica ESTINTORI A POLVERE Data Risultato della verifica Eventuali Interventi firma

Dettagli

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81

D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 D.Lgs 9 aprile 2008, n.81 Definizioni Ai sensi dell art.2 del decreto 81/2008, si precisa che: 1. Datore di lavoro: è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Nel caso Suo è la persona

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 "Medio Friuli"

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 Medio Friuli ANTINCENDIO Cos è il fuoco? Cosa si può fare in caso di incendio? Come ci si deve comportare in caso di incendio? Cosa ci serve per fare il fuoco?? COMBUSTIBILE: carta, legno, vari gas, benzina, olii,

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Pagina: 1 di 12 PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA Compiti del Coordinatore dell emergenza (procedura PROC_1) Compiti dell addetto alla comunicazione (procedura PROC_2) Compiti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.lgs81/08) Plesso SCUOLA MEDIA ANDREA PALLADIO Fratta Polesine DATORE DI LAVORO- DIRIGENTE SCOLASTICO- DOTT.SSA MARIARITA

Dettagli