Debiti verso Istitu ti di previdenza e di sicu rezza sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Debiti verso Istitu ti di previdenza e di sicu rezza sociale"

Transcript

1 Camera dei Deputati Senato della Repubblica Debiti verso il personale Riguardano principalm ente le co m p eten ze m aturate e non ancora pagate al 31 dicem bre tab. B Debiti verso il personale Saldo al 31/12/13 per 14" mensilità per incentivi per permessi e ferie maturate e non godute per altre partite del personale Saldo al 31/12/ , Al 31 dicem bre 2013, talune com ponenti delle passività per incentivi, che al 31 dicem bre 2012 erano com prese nel Fondo di ristrutturazione, sono risultate determinabili con ragionevole certezza e sono sta te dunque iscritte nei debiti. Debiti verso Istitu ti di previdenza e di sicu rezza sociale tab. B Debiti verso Istituti di previdenza e di sicurezza sociale S aldo al 31/12/13 Saldo al 31/12/12 non correnti correnti non correnti correnti Debiti verso INPS Debiti verso fondi pensione Debiti verso INAIL Debiti per oneri di solidarietà Debiti verso altri Istituti In particolare: I Debiti verso INPS riguardano i contributi previdenziali dovuti all'istituto per le com p eten ze del personale liquidate e per quelle m aturate al 31 dicem bre La voce accoglie inoltre le quote relative al TFR ancora da versare. I Debiti verso fondi pensione riguardano le so m m e dovute al F ondoposte e ad altre form e di previdenza per effetto dell'adesione dei dipendenti alla previdenza com plem entare. I Debiti verso INAIL riguardano principalm ente gli oneri relativi all erogazione di rendite infortunistiche ai dipendenti della Capogruppo per sinistri verificatisi fino al 31 dicem bre 1998.

2 Camera dei Deputati Senato della Repubblica 3.3 Note delle voci di bilancio Altri debiti tributari tab. B A ltri debiti tributari Debito per imposta di bollo Debito per imposta sulle riserve assicurative Ritenute sui redditi di lavoro dipendente e autonomo Ritenute su c/c postali Debito per IVA Debito per imposta sostitutiva Debiti tributari diversi non correnti Saldo al 31/12/13 correnti non correnti Saldo al 31/12/12 correnti In particolare: Il Debito per imposta di bollo accoglie il saldo dovuto all'erario per l im posta assolta in m odo virtuale al lordo del conguaglio effettuato nell'esercizio 2014 ai sensi della nota 3 bis all'art. 13 della Tariffa prevista dal DPR 642/1972. La quota non corrente del debito per im posta di bollo si riferisce a quanto m aturato al 31 dicem bre 2013 sui Buoni Fruttiferi Postali in circolazione e sulle polizze assicurative dei Rami III e V ai sensi della nuova normativa richiamata nel par. A8. I Debiti per im posta sulle riserve assicurative si riferiscono a Poste Vita SpA e sono com m entati nella nota A8. Le Ritenute sui redditi di lavoro dipendente e autonom o riguardano le ritenute erariali operate dalla Società in qualità di sostituto d'im posta e v ersate nei successivi m esi di gennaio e febbraio Le Ritenute sui conti correnti postali, relative al Patrim onio B ancoposta, riguardano le ritenute fiscali effettu ate sugli interessi m aturati nell'esercizio sui conti correnti della clientela. Debiti verso C ontrollante La voce è costituita dal debito di migliaia di euro per le pensioni erogate dal MEF a ex dipendenti delle Poste Italiane SpA nel periodo 1 gennaio luglio Debiti diversi tab Debiti diversi non correnti Saldo al 31/12/13 Saldo al 31/12/12 correnti non correnti P assività correnti Debiti diversi della gestione Bancoposta , Depositi cauzionali Altri debiti

3 Camera dei Deputati Senato della Repubblica Nel dettaglio: I debiti diversi della gestione BancoPosta riguardano principalm ente partite p reg resse in corso di appuram ento. I depositi cauzionali sono riferiti principalm ente alle so m m e v ersate dai clienti della Capogruppo a garanzia del pagam ento dei corrispettivi di alcuni servizi (spedizioni in abbonam en to postale, utilizzo di caselle o bolgette per la raccolta postale, contratti di locazione, contratti per servizi telegrafici, ecc.). Ratei e risconti passivi di natura com m erciale tab. B Ratei e risconti passivi Saldo al 31/12/13 Saldo al 31/12/12 D escrizione Ratei passivi Risconti passivi non correnti correnti P assività non correnti correnti I risconti passivi com prendono: per migliaia di euro al traffico telefonico prepagato venduto alla data del 31 dicem bre 2013 da PosteM obile SpA e non ancora consum ato dalla clientela; per migliaia di euro a proventi di com peten za futura riferiti a contributi deliberati dagli enti com petenti a favore della Capogruppo, i cui costi connessi debbono ancora e sse re sostenuti; per migliaia di euro a com m issioni su carte P ostam at riscosse anticipatam ente dalla Capogruppo; per migliaia di euro a proventi di com peten za di esercizi futuri riferiti all'operazione di fidelizzazione Gran Premio Bancoposta che com porta l attribuzione di punti prem io in virtù di determ inati com portam enti della clientela; tali proventi, co m e previsto dall'lfric 13, sono sospesi fino al m o m en to in cui l'obbligazione nei confronti del cliente non viene estinta ovvero, se i punti prem io possono e ssere usati in un tem po limitato, fino al term ine di validità dell'iniziativa; per migliaia di euro (di cui migliaia di euro relativi a proventi di com petenza di esercizi successivi al 2013) alla riscossione anticipata da parte della Capogruppo di un canone derivante dalla concessione in uso per un periodo trentennale di un impianto di posta pneum atica in Roma.

4 Camera dei Deputati Senato della Repubblica 3.3 Note delle voci di bilancio CONTO ECONOMICO C I - RICAVI E PROVENTI 1 Ricavi e proventi am m ontano a migliaia di euro e sono cosi costituiti: tab. C.1 - Ricavi e proventi Esercizio 2013 Esercizio 2012 Ricavi per Servizi Postali e Commerciali Ricavi per Servizi Finanziari Altri ricavi della vendita di beni e servizi Ricavi per Servizi Postali e Commerciali I Ricavi per Servizi Postali e Commerciali per l'esercizio in com m ento sono i seguenti: tab. C1.1 - Ricavi per Servizi Postali e Commerciali Esercizio 2013 Esercizio 2012 Spedizioni senza la materiale affrancatura Francatura meccanica presso terzi e presso UP Pacchi Postacelere e Corriere Espresso Carte valori Servizi integrati Spedizioni in abbonamento postale Corrispondenza e pacchi - estero Servizi GED (gestione elettronica documentale) ed e-procurement Servizi di logistica Servizi innovativi Telegrammi Servizi per il censimento Altri servizi postali ricavi per Servizi Postali Servizi di trasporto aereo Proventi per richieste permessi di soggiorno Vendita prodotti PosteShop Canoni di locazione Altri servizi commerciali ricavi p er Servizi Com m erciali ricavi da m ercato Compensi per Servizio Universale Integrazioni tariffarie elettorali Integrazione relativa a ricavi da mercato commercializzati a tariffe scontate per legge.

5 Camera dei Deputati Senato della Repubblica Nel dettaglio: la voce Spedizioni senza la materiale affrancatura riguarda i ricavi relativi a spedizione di corrispondenza eseguita dai grandi clienti p resso i centri di rete e gli Uffici Postali abilitati, ivi incluse le spedizioni effettuate con la formula degli invii di corrispondenza m assiva. La voce Francatura m eccanica presso terzi e presso Uffici Postali riguarda i ricavi relativi alle spedizioni di corrispondenza affrancata direttam ente dal cliente o presso gli Uffici Postali attraverso l utilizzo della m acchina affrancatrice. La voce Pacchi, Postacelere e Corriere Espresso è relativa ai servizi prestati dalla controllata SDA Express Courier SpA. La voce Carte valori riguarda vendite di francobolli dagli Uffici Postali e dai punti vendita autorizzati e la vendita dei francobolli utilizzati per l'affrancatura dei conti di credito. La voce Servizi integrati riguarda principalm ente il servizio di notifica di atti am m inistrativi e contravvenzioni ( migliaia di euro). La voce Spedizioni in abbonam ento postale riguarda i ricavi relativi a spedizioni di sta m p e periodiche e vendita per corrispondenza effe ttu ate da clienti editori. I ricavi per servizi GED ed e-procurement si riferiscono rispettivam ente alla g estio n e elettronica docum entale e alla distribuzione e fornitura di m ateriale di cancelleria, modulistica e stam pati della società controllata Postel SpA. La voce Canoni di locazione di com plessivi migliaia di euro si riferisce prevalentem ente ai canoni derivanti dalla locazione di immobili destinati alla vendita e classificati nella voce Rimanenze. I com pensi per Servizio Universale riguardano il parziale rim borso a carico del M inistero dell'econom ia e delle Finanze dell o n ere per lo svolgim ento degli obblighi di Servizio Universale (OSU) che, nell'esercizio in com m ento, co m e già nel 2012, superata la scadenza naturale del Contratto di Program m a per il triennio tra Poste Italiane SpA e MI SE, la Capogruppo ha continuato a rendere regolarm ente. Le m odalità di determ inazione del relativo ricavo di migliaia di euro sono descritte nella nota Uso di Stim e. La voce Integrazioni tariffarie elettorali riguarda le som m e a carico dello Stato relative alle riduzioni e agevolazioni tariffarie spettanti ai candidati delle cam pagne elettorali (Legge 515/1993). Ricavi per Servizi Finanziari Sono costituiti dai servizi resi principalm ente neh am bito del Patrim onio BancoPosta della Capogruppo, dalla BdM-MCC SpA e dalla BancoPosta Fondi SpA SGR derivanti dalle seguenti form e tecniche: tab. C1.2 - Ricavi per Servizi Finanziari Proventi degli impieghi della raccolta su conti correnti postali Remun.ne attività di raccolta del risparmio postale Commissioni su bollettini di c/c postale Altri ricavi dei servizi di c/c Proventi dei Servizi delegati Collocamento prodotti di finanziamento Commissioni su emissione e utilizzo carte prepagate Servizi di trasferimento fondi Commissioni gestione fondi pubblici e altri proventi degli impieghi Commissioni gestione fondi SGR Commissioni da collocamento e negoziazione titoli Deposito Tìtoli Altri prodotti e servizi Esercizio 2013 Esercizio

6 Camera dei Deputati Senato della Repubblica 3.3 Note delle voci di bilancio In particolare: la voce Proventi degli impieghi della raccolta su conti correnti postali è di seguito dettagliata: tab. C Proventi degli im pieghi della raccolta su conti correnti postali Esercizio 2013 Proventi degli impieghi in titoli Interessi attivi su titoli detenuti a scadenza (HTMI Interessi attivi su titoli disponibili per la vendita (AFS) Interessi attivi su titoli posseduti per la negoziazione Interessi attivi su asset swap su titoli disponibili per la vendita Proventi degli impieghi presso il MEF Remunerazione della raccolta su c/c (depositi presso il MEF) Differenziale derivati di stabilizzazione dei rendimenti Remunerazione netta della liquidità propria iscritta nei proventi e oneri fin.ri (2.072) Esercizio (3.735) I proventi degli impieghi in titoli riguardano gli interessi m aturati sugli impieghi dei fondi provenienti dalla raccolta effettuata dalla Capogruppo p resso la clientela privata. L'am m ontare dei proventi com prende gli effetti della copertura dal rischio di tasso descritta nel par. A5. I proventi degli impieghi p resso il MEF riguardano gli interessi m aturati nell'esercizio sugli impieghi della raccolta effettuata p re sso la Pubblica A m m inistrazione e, in m isura m inore, i rendim enti delle so m m e d e p o sita te sul cd conto Buffer p resso il M inistero dell'econom ia e delle Finanze. L'am m ontare della rem unerazione della raccolta effettuata p resso la Pubblica Amm inistrazione com prende migliaia di euro di differenziali netti scam biati nell'am bito degli acquisiti a termine e vendite a pronti descritti nel par. A5, finalizzati a stabilizzare il rendim ento degli impieghi presso il MEF. La rem unerazione netta della liquidità propria su conti correnti postali riguarda la rem unerazione delle disponibilità liquide ed è esp o sta sep aratam en te nei proventi finanziari, diversam ente dai ricavi derivanti dagli impieghi della raccolta Banco Posta di risorse di terzi. La remunerazione delle attività di raccolta del risparmio postale si riferisce al servizio di em issione e rimborso di Buoni Fruttiferi Postali e al servizio di v ersam en to e prelevam ento su Libretti Postali, svolti da P o ste Italiane SpA per conto della Cassa Depositi e Prestiti ai sensi della Convenzione del 3 agosto 2011 per il triennio , com e modificata, in ultimo, il 20 dicem bre Gli altri ricavi dei servizi di conto corrente accolgono principalm ente le com m issioni per s p e se di tenuta conto ( migliaia di euro), le com m issioni per i servizi di incasso e per l attività di rendicontazione svolti per la clientela ( migliaia di euro), le com m issioni su carte di debito annuali ( migliaia di euro) e quelle relative alle transazioni ( migliaia di euro). I ricavi per la remunerazione dei Servizi delegati sono relativi, principalmente, al com penso sp ettan te alla Capogruppo per il servizio di pagam ento delle pensioni e dei voucher dell'inps ( migliaia di euro) e per i servizi di Tesoreria svolti in base alla Convenzione con il MEF ( migliaia di euro). I proventi da collocam ento prodotti di finanziam ento si riferiscono alle com m issioni percepite dalla Capogruppo per l'attività di collocam ento di prestiti personali e mutui erogati da terzi. Le com m issioni di gestione fondi pubblici si riferiscono in teram ente alla BdM-MCC SpA e includono anche proventi e interessi derivanti dagli impieghi. Altri ricavi della vendita di beni e servizi Riguardano proventi per migliaia di euro realizzati da PosteM obile SpA prevalen tem en te per servizi di telefonia mobile e non direttam ente ascrivibili alle attività postale e com m erciale, finanziaria e assicurativa.

7 Camera dei Deputati Senato della Repubblica C2 - PREMI ASSICURATIVI Il dettaglio è il seguente: tab. C2 - Premi Assicurativi Premi Vita ' Ramo I Ramo III Ramo IV Ramo V Premi di competenza Danni ' ' I Premi assicurativi sono esposti al netto delle cessioni in riassicurazione. Esercizio Esercizio C3 - PROVENTI DIVERSI DERIVANTI DA OPERATIVITÀ FINANZIARIA E ASSICURATIVA Il dettaglio è il seguente: tab. C3 - Proventi diversi derivanti da operatività finanziaria e assicurativa Proventi da strumenti finanziari a fair value rilevato a CE Interessi Utili da valutazione Utili realizzati Proventi da investimenti disponibili per la vendita Interessi Utili realizzati Proventi da titoli detenuti fino a scadenza Utili realizzati Proventi da strumenti finanziari di cash flow hedge Utili da valutazione Proventi da strumenti finanziari di fair value hedge Utili da valutazione Utili su cambi Utili da valutazione Utili realizzati Proventi diversi Esercizio 2013 Esercizio

8 Camera dei Deputati Senato della Repubblica

9 Camera dei Deputati Senato della Repubblica Costi per servizi tab. C5.1 - Costi per servizi Trasporti di corrispondenza, pacchi e modulistica Manutenzione ordinaria e assistenza tecnica Canoni outsourcing e oneri diversi per prestazioni esterne Spese per servizi del personale Utenze energetiche e idriche Servizi di telefonia mobile per la clientela Servizio movimento fondi Scambio corrispondenza, telegrafia e telex Pulizia, smaltimento e vigilanza Servizi di stampa e imbustamento Commissioni e oneri di gestione carte di credito/debito Servizi di telecomunicazione e trasmissione dati Pubblicità e propaganda Consulenze varie e assistenze legali Spese per servizi di logistica e archiviazione Costi aeroportuali Premi di assicurazione Provvigioni ai rivenditori e diverse Commissioni per attività di gestione patrimoni Oneri per custodia e gestione titoli Compensi e spese Sindaci Altro Esercizio 2013 Esercizio ,

10 Camera dei Deputati Senato della Repubblica 3.3 Note delle voci di bilancio Godim ento beni di terzi tab. C5.2 - Godimento beni di terzi Affitto immobili e spese accessorie Veicoli in full rent Noleggi apparecchiature e licenze software Altri costi per godimento di beni di terzi Esercizio Esercizio GII oneri sostenuti per affitto di immobili sono p resso ch é in teram ente relativi a edifici in cui è svolta l'attività produttiva (Uffici Postali, Uffici di Recapito, Centri di M eccanizzazione). Nei contratti di affitto, l'elem ento econom ico variabile è rapp resen tato dall'adeguam ento annuale del canone alla variazione dell'indice dei prezzi (ISTAT). La durata del contratto è di norm a di sei anni, rinnovabile per altri sei. La possibilità di rinnovo è assicurata dalla p resenza della clausola "di rinuncia alla facoltà di diniego al rinnovo alla prima scad en za", in virtù della quale al locatore, una volta stipulato il contratto, non è consentito di rifiutare il rinnovo, a m eno di c au se di forza m aggiore. P o ste Italiane SpA, inoltre, secondo la formulazione contrattuale standard, si riserva la facoltà di reced ere dal contratto di locazione in qualunque m om ento, con preavviso di 6 m esi. M aterie prime, sussidiarie, di consum o e merci tab. C5.3 - Materie prime, sussidiarie, di consum o e merci D escrizione Materiale di consumo e beni destinati alla vendita Carburanti, lubrificanti e combustibili Stampati, cancelleria e materiale pubblicitario Stampa francobolli e carte valori SIM carde scratch card Var.ne rimanenze prodotti in corso, semil., finiti e merci Var.ne rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo Var.ne immobili destinati alla vendita Altri Note Esercizio Itab. A6l [tab. A6I 560 [tab. A6l (2.593) Esercizio (742) Interessi passivi La voce si riferisce al costo della raccolta rappresen tato dagli interessi passivi maturati a favore della clientela per migliaia di euro, quelli su operazioni di Pronti contro term ine per migliaia di euro e quelli sostenuti da BdM-MCC SpA per la provvista. I conti correnti postali ordinari sono in generale improduttivi di interessi. Sui conti correnti postali "BancoPostaClick" e "B ancopostapiù" sono stati invece riconosciuti alla clientela tassi fino al 2%. Particolari condizioni sono applicate in presenza di taluni com portam enti premianti dei correntisti.

11 Camera dei Deputati Senato della Repubblica C6 - VARIAZIONE RISERVE TECNICHE ASSICURATIVE E ONERI RELATIVI Al SINISTRI Riguardano: tab. C6 - Variazione delle Riserve tecniche assicurative e oneri relativi ai sinistri Esercizio 2013 Somme pagate Variazione della Riserva per somme da pagare Variazione delle Riserve matematiche Variazione delle Altre riserve tecniche Variazione delle Riserve tecniche allorché il rischio dell'investimento è sopportato dagli assicurati Oneri relativi a sinistri e variazione altre riserve - Danni (13.990) ( ) Esercizio ( ) La voce Variazione delle Riserve tecniche assicurative e oneri relativi ai sinistri accoglie principalmente: le so m m e pagate nell'esercizio da P oste Vita SpA per sinistri, riscatti e sp e se di liquidazione per la gestio n e dei sinistri per migliaia di euro; la variazione delle Riserve m atem atiche di migliaia di euro per l'increm ento degli impegni a favore degli assicurati; la variazione negativa delle Riserve tecniche, allorché il rischio è sopportato dagli assicurati, cd "classe D", per migliaia euro.

12 Camera dei Deputati Senato della Repubblica 3.3 Note delle voci di bilancio C7 - ONERI DIVERSI DERIVANTI DA OPERATIVITÀ FINANZIARIA E ASSICURATIVA Riguardano: tab. C7 - Oneri diversi derivanti da operatività finanziaria e assicurativa D escrizione Oneri da strumenti finanziari a fair value rilevato a Conto economico Perdite da valutazione Perdite da realizzo Oneri da investimenti disponibili per la vendita Perdite da realizzo Oneri da strumenti finanziari di cash flow hedge Perdite da valutazione Oneri da strumenti finanziari di fair value hedge Perdite da valutazione Perdite su cambi Perdite da valutazione Perdite da realizzo Altri oneri. Esercizio 2013 Esercizio , La voce Altri oneri com prende migliaia di euro relativi ai pagam enti effettuati da P oste Vita SpA ai sensi della Legge 166/2008 che ha e ste so alle com pagnie assicurative la disciplina dei conti dorm ienti e l'obbligo di versam ento all'apposito fondo istituito presso il MEF dell'am m ontare delle polizze prescritte. Tali oneri trovano com pensazione in una corrispondente minor variazione negativa delle Riserve tecniche.

13 Camera dei Deputati Senato della Repubblica C8 - COSTO DEL LAVORO Il Costo del lavoro include le sp e se per il personale com andato o distaccato presso altre amministrazioni, i cui recuperi sono iscritti nella voce Altri ricavi e proventi, ed è cosi ripartito per natura: tab. C8 - Costo del lavoro N ote Esercizio 2013 Esercizio 2012 Salari e stipendi Oneri sociali TFR: costo relativo alle prestazioni correnti [tab. B7] TFR: costo relativo alla previdenza complementare e INPS Contratti di somministrazione/a progetto Compensi e spese amministratori Incentivi all'esodo Accantonamenti/IAssorbimenti) netti per vertenze con il personale Accantonamento al fondo di ristrutturazione Altri costi/(recuperi di costo) del personale costi Proventi per accordi CTD e somministrati [tab. B6I [tab. B6I ' (44.557) (28.613) (60.033) ( ) (20.283) (82.042) I com pensi spettanti agli Amministratori, sosten u ti per lo svolgim ento delle loro funzioni, sono i seguenti: tab. C8.1 - Compensi e spese A m m inistratori Esercizio 2013 Esercizio 2012 Compensi Spese Le voci di costo relative al TFR sono com m entate nel par. B7. Le voci A ccantonam enti netti per vertenze con il personale e A ccantonam ento al Fondo di ristrutturazione sono com m entate nel par. B6. I Proventi per accordi CTD e som m inistrati si riferiscono alle adesioni avvenute nell'esercizio a seguito delle intese del 18 maggio 2012 e del 21 marzo 2013, tra P oste Italiane SpA e le Organizzazioni Sindacali sul tem a delle riammissioni giudiziali di personale già assunto dalla Società con contratto a tem po determ inato o di assunzione obbligatoria di collaboratori in originario regim e di som m inistrazione. Le in tese hanno co nsentito di consolidare, per m ezzo di accordi individuali, il rapporto di lavoro di circa p erso n e già operanti in azienda in virtù di provvedim enti giudiziali non ancora passati in giudicato. Con tali accordi individuali, ciascun aderente ha rinunziato agli effetti giuridici ed economici della sentenza di riamm issione e circa dipendenti interessati si sono obbligati a restituire ratealm ente nel medio-lungo term ine, senza interessi, i com pensi di com petenza dei periodi non lavorati che la Società aveva già rilevato nei passati esercizi tra le com ponenti negative di reddito. Detti com pensi am m ontano com plessivam ente a circa 24 milioni di euro e, a fronte di tale importo nom inale, nel Conto econom ico dell'esercizio è stato rilevato un provento attualizzato com plessivo di migliaia di euro.

14 Camera dei Deputati Senato della Repubblica 3.3 Note delle voci di bilancio Il num ero m edio e puntuale dei dipendenti a tem p o indeterm inato del Gruppo è il seguen te: tab. C8.2 - Numero dei dipendenti N um ero m edio N um ero puntu ale Unità Esercizio 2013 Esercizio /12/13 31/12/12 Dirigenti Quadri Aree operative Aree di base Tot. unità tem p o indeterm inato1' Dati espressi in full time equivalent. Inoltre, tenendo conto del dipendenti con contratti di lavoro flessibile, il num ero m edio com plessivo full tim e equivalent delle risorse im piegate nell'esercizio in com m ento è stato di (nell'esercizio 2012: ). C 9 - AMMORTAMENTI E SVALUTAZIONI Il dettaglio è II seguente: tab. C9 - Am m ortam enti e svalutazioni Ammortamenti Immobili impianti e macchinari Fabbricati strumentali Impianti e macchinari Attrezzature industriali e commerciali Migliorie beni di terzi Altri beni Svalutazioni/assorbimento svai ni/rettifiche Immobili, impianti e macchinari Ammortamenti Investimenti immobiliari Svalutazioni/assorbimento svai ni/rettifiche Investimenti immobiliari Ammortamenti e Svalutazioni di Attività immateriali Diritti di brev. ind ie e diritti di utiliz. opere ing., concessioni licenze, marchi e simili Altre Impairment avviamento/differenza da consolidamento Esercizio 2013 Esercizio (604)

15 Camera dei Deputati Senato della Repubblica C 10 - INCREMENTI PER LAVORI INTERNI La voce è così com posta: tab. C10 - Incrementi per lavori interni Immobili impianti e macchinari Attività immateriali Note Esercizio 2013 Esercizio 2012 [All [A3] C11 - ALTRI COSTI E ONERI La com posizione del saldo degli Altri costi e oneri è la seguente: tab. C11 - A ltri costi e oneri D escrizione Svalutazioni nette e perdite su crediti (assorbimenti del fondo svalutazione) Svalutazione crediti verso clienti Svalutazione/lnprese di valore) crediti verso Controllante Svalutazione/lriprese di valore) crediti verso clienti diversi Perdite su crediti Manifestazione rischi operativi Rapine subite Insussitenze deh'attivo Bancoposta al netto dei recuperi Altre perdite operative del Bancoposta Accantonamenti netti ai/(assorbimenti netti dai) fondi rischi e oneri per vertenze con terzi per oneri non ricorrenti per altri rischi e oneri Minusvalenze IMU, TARSU/TARI/TARES e altre imposte e tasse Differenze su stime e accertamenti di esercizi precedenti Altri costi correnti It Note Esercizio 2013 Esercizio [tab. A7.2I [tab. A7.4] (11.894) (9.045) [tab. A8.1] (2.665) I. A5.1.1 b] [tab. B6] [tab. B6] (897) [tab. B6] (10.095) (18.124) La voce comprende 624 migliaia di euro di accantonamenti netti al Fondo oneri fiscali/previdenziali (tab. B6)

16 Camera dei Deputati Senato della Repubblica 3.3 Note delle voci di bilancio C I 2 - PROVENTI E ONERI FINANZIARI Le voci Proventi e Oneri da strum enti finanziari si riferiscono ad attività diverse da quelle tipiche del B ancoposta e/o del se tto re assicurativo. Proventi finanziari tab. C Proventi finanziari Proventi da strumenti finanziari disponibili per la vendita Interessi Differenziali maturati su strumenti finanziari derivati di fair value hedgmg' Proventi da realizzo Dividendi Proventi da strumenti finanziari a fair value rilevato a Conto economico Altri proventi finanziari Interessi attivi da Controllante2 Remunerazione liquidità propria di Poste Italiane Interessi su c/c bancari Proventi finanziari su crediti attualizzati3 Interessi di mora Svalutazione crediti per interessi di mora Proventi da società controllate Interessi su Crediti rimborso IRES Altri proventi Utili su cambi Esercizio 2013 Esercizio (8.218) (5.376) (7.058) (7.604) A fini di raccordo con il Rendiconto finanziario, nell'esercizio 2013 le voci in esam e ammontano complessivamente a migliaia di euro ( migliaia di euro nell'esercizio 2012). 2 Gli interessi attivi da controllante riguardano gli interessi sul mutuo ex Legge 887/1984 a copertura degli oneri finanziari derivanti dai mutui erogati dalla Cassa Depositi e Prestiti 3 I Proventi finanziari su crediti attualizzati riguardano: per migliaia di euro gli interessi maturati nell'esercizio sul credito verso il MEF, per migliaia di euro gli interessi sui crediti per Integrazioni tariffarie Editoria e per migliaia di euro gli interessi sui crediti verso il personale e verso ex IPOST e INPS per accordi CTD 2006, 2008, 2010 e ' Si veda par. C13.

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli