FISICA DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FISICA DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI FISICA NUCLEARE E TEORICA FISICA DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI SAVERIO ALTIERI AA

2 Testi cosigliati F. H. Attix Itroductio to radiological Physics ad radiatio Dosimetry - W. R. Leo Techiques for Nuclear ad Particle Physics Experimet J. R. Lamarsh Itroductio to uclear reactor theory

3 CAPITOLO 1 1 Campo di radiazioi e gradezze radiometriche Si defiisce radiazioe ioizzate qualsiasi tipo di radiazioe i grado di produrre, per via diretta o idiretta, la ioizzazioe degli atomi o delle molecole del mezzo attraversato. Soo direttamete ioizzati le particelle cariche, ad esempio protoi, elettroi, particelle alfa, la cui eergia cietica eguaglia o supera l eergia di ioizzazioe degli atomi del mezzo; eutroi e fotoi rietrao ivece ella categoria delle radiazioi idirettamete ioizzati, poiché, iteragedo co la materia, possoo liberare particelle cariche, che a loro volta produrrao ioizzazioe. Si defiisce campo di radiazioe ua regioe dello spazio attraversata da radiazioe. Il campo di radiazioi può essere descritto attraverso gradezze o stocastiche associate al valore di aspettazioe di gradezze stocastiche

4 Ua quatità stocastica ha le segueti caratteristiche: a il suo valore è casuale, perciò o può essere predetto. Tuttavia, la probabilità che assuma u particolare valore è prevedibile sulla base di ua distribuzioe di probabilità. b E defiita solo su domii fiiti, e o ifiitesimi; poiché i suoi valori variao i modo discotiuo ello spazio e el tempo, o ha sigificato parlare del gradiete o della velocità di variazioe di ua gradezza stocastica. c I liea di pricipio, il suo valore può essere misurato co u errore arbitrariamete piccolo. d Il valore di aspettazioe di ua quatità stocastica è il valore medio delle sue misure quado il umero delle osservazioi tede all ifiito. Ua gradezza o stocastica, ivece, ha queste caratteristiche: a Ua volta fissate le codizioi, il suo valore può essere predetto da calcoli. b E ua fuzioe cotiua e differeziabile ello spazio e el tempo, perciò è defiita ache per volumi ifiitesimali. Ioltre, il suo gradiete e la sua velocità di cambiameto soo ach esse gradezze o stocastiche. c Ua gradezza stocastica viee collegata ad ua o stocastica attraverso il valore di aspettazioe della prima. Nel cotesto delle radiazioi ioizzati vegoo defiite delle gradezze o stocastiche che fao riferimeto a gradezze stocastiche e al loro valore di aspettazioe.

5 Flueza di particelle (o stocastica U modo semplice per descrivere il campo di radiazioe è quello di cotare il umero di particelle preseti i ogi puto istate per istate. I realtà fissato u geerico puto P dello spazio si cosidera ua sfera di cetro P, raggio fiito r e di sezioe massima da (fig. 1. Fig.1 Parametri per descrivere u campo di radiazioe ell itoro del puto P Cosideriamo il umero di particelle che attraversao ua sfera fiita i u itervallo di tempo fiito; il valore di aspettazioe N di questo umero, diviso per da viee associato ad ua gradezza o stocastica: la flueza. Se dn è il umero di particelle che attraversao la sfera i u itervallo di tempo dt, si defiisce la gradezza dn Φ = ( m da -2 che ha le dimesioi dell iverso di ua superficie (m -2 e prede il ome di flueza. Rateo di flueza (flusso di particelle Derivado la flueza rispetto al tempo, si defiisce il rateo di flueza o desità di flusso (spesso chiamato semplicemete flusso dφ d dn ϕ = = (m dt dt da -2 s -1 che ha le dimesioi di m -2 s -1 e rappreseta il umero di particelle che, ell uità di tempo, passao attraverso la superficie sferica S defiita itoro a P.

6 Flueza di eergia Se, ivece che al umero di particelle, siamo iteressati all eergia che attraversa la superficie S cosiderata, idichiamo co R il valore di aspettazioe dell eergia totale trasportata dalle N particelle (esclusa quella associata alle masse a riposo; si può defiire, aalogamete alla flueza di particelle, la flueza di eergia Ψ= dr da (J m-2 espressa i J m -2. Nel caso particolare di particelle mooeergetiche di eergia E, risulta R = N E (J e quidi Ψ dr = = E dn = da da E Φ (J m -2 Rateo di flueza (flusso di eergia Derivado la Ψ rispetto al tempo si può defiire il rateo di flueza di eergia o la desità di flusso di eergia dψ ψ = = dt d dt dr da (J m -2 s -1

7 1.1 Distribuzioi differeziali Le gradezze precedeti o tegoo coto del fatto che le particelle che attraversao la sfera possoo avere ua certa distribuzioe i eergia e che il campo di radiazioi può essere aisotropo. Fig. 2 Elemeto di agolo solido i u sistema di coordiate polari Vegoo perciò defiite le distribuzioi differeziali i fuzioe dell eergia e degli agoli di icideza (polare θ e azimutale β: ψ '( θ, β, E per la desità di flueza di eergia e ϕ '( θ, β, E per la desità di flueza di particelle. Esse soo defiite i modo tale che ϕ '( θ, β, E dωde, per esempio, rappreseti il umero di raggi co eergia compresa fra E ed E+dE, che passao attraverso l elemeto di agolo solido dω ad u dato θ e ad u dato β, prima di colpire la piccola sfera posta itoro a P, per uità di area del cerchio massimo della sfera. Da queste distribuzioi differeziali si possoo otteere quelle itegrali defiite prima, itegradole su tutto l agolo solido e su tutto lo spettro eergetico: ψ = π 0 dθ 2π dβ 0 0 E max ψ '( E, θ, βsiθde

8 ϕ = π 0 dθ 2π dβ 0 0 E max ϕ' ( E, θ, β siθde 1.2 Defiizioe alterativa di flueza Chilto ha dimostrato la validità di ua defiizioe alterativa di flueza, ossia: La flueza i u puto P è umericamete uguale al valore di aspettazioe della somma delle lughezze di traccia (assute rettiliee che si verificao i u volume ifiitesimo dv itoro a P, diviso per il volume stesso dv. Questa affermazioe è valida per u qualsiasi tipo di campo (ache o isotropo e per ua qualsiasi forma del volume cosiderato. Questo risulta estremamete utile ei calcoli della flueza co metodo Mote Carlo.

9 2. Sezioe d urto L iterazioe della radiazioe co la materia viee descritta per mezzo della sezioe d urto. Cosideriamo u fascio di particelle mooeergetiche diretto perpedicolarmete verso u bersaglio di spessore x (abbastaza piccolo da poter cosiderare costate l itesità del fascio i tutto lo spessore di cui colpisce ua sezioe S, e che cotiee uclei al cm 3. Sia I l itesità del fascio, ossia il umero di particelle che i ogi secodo colpiscoo l uità di superficie del bersaglio. Si trova che il rate di reazioi, ossia il umero di reazioi per uità di tempo che si verificao el bersaglio è proporzioale all itesità del fascio I, alla desità ucleare e al volume del bersaglio colpito. Ossia: Numero di reazioi al secodo I V = I S x Numero di reazioi al secodo = σ I S x La costate di proporzioalità σ è detta sezioe d urto del processo cosiderato. Dalla relazioe precedete si può scrivere σ = Numerodi reazioi al I S x secodo Essedo S x = V il umero totale di uclei coteuti el bersaglio, la sezioe d urto rappreseta il umero di reazioi che si verificao ell uità di tempo quado u fascio di itesità uitaria colpisce u bersaglio che cotiee u solo ucleo per uità di volume. Ioltre osserviamo che il rapporto fra il umero di reazioi per uità di tempo che si verificao i tutto il bersaglio e il umero di particelle al secodo che

10 colpiscoo l itero bersaglio rappreseta la probabilità per uità di tempo che si verifichi ua reazioe ella zoe del bersaglio colpita dal fascio. Questo rapporto può essere scritto tramite la sezioe d urto come σ I S x σ σ = S x = V I S S S e ricordado che V è il umero totale di uclei el bersaglio, la quatità σ/s rappreseta proprio, per ogi ucleo situato ella zoa del bersaglio ivestito dal fascio, la probabilità per uità di tempo che quel ucleo iteragisca co ua particella icidete, e la σ può essere iterpretata coma la superficie efficace offerta da u sigolo ucleo per quella data iterazioe. Chiaramete la σ ha le dimesioi di ua superficie; viee misurata i m 2 e ua uità speciale comuemete usata è il bar bar = 10 cm La sezioe d urto appea defiita viee chiamata sezioe d urto microscopica; viee ioltre defiita ua sezioe d urto macroscopica come Σ = σ cm -3 cm 2 = cm -1 dove è uguale al umero di uclei per uità di volume del materiale cosiderato; Σ ha le dimesioi dell iverso di ua lughezza e rappreseta la probabilità per uità di lughezza che la particella subisca u iterazioe metre attraversa u materiale di data sezioe d urto macroscopica; il suo iverso rappreseta la distaza media percorsa dalla particella prima di subire u iterazioe. 3. Coefficiete di atteuazioe Cosideriamo u fascio moocromatico di fotoi icidete perpedicolarmete sulla superficie di u materiale omogeeo di spessore L, come è schematizzato i figura 3. Figura 3 Atteuazioe espoeziale semplice Idicado co la probabilità che ua particella iteragisca i uo spessore uitario, la probabilità che l iterazioe si verifichi el tratto dl è dl; e se N è il umero di

11 particelle icideti su uo strato di spessore dl, i dl iteragirao u umero di particelle dn dato da: dn = dl N La variazioe subita dal fascio i u tratto dl, se ogi particella che iteragisce i dl viee elimiata dal fascio, è data da dn N = dl E, quidi, la variazioe su u tratto fiito di spessore L, se idichiamo co N 0 le particelle i igresso e co N L quelle i uscita, è dato da N N 0 L dn N = 0 L dl N L = N 0 e L Il coefficiete è espresso i m -1 o i cm -1 ed è chiamato coefficiete di atteuazioe lieare; esso è equivalete alla sezioe d urto macroscopica Σ = σ defiita prima dove è uguale al umero di bersagli per uità di volume del materiale cosiderato e σ sezioe d urto microscopica del processo i esame. L iverso del coefficiete di atteuazioe (come el caso della sezioe d urto macroscopica, ha le dimesioi di ua lughezza, è detto libero cammio medio delle particelle primarie ed esprime la distaza media che ua particella percorre el mezzo prima di subire u iterazioe.

12 Nell ipotesi che la particella possa subire vari processi d iterazioe, il coefficiete di atteuazioe lieare totale è uguale alla somma dei coefficieti dei sigoli processi, ossia: e coseguetemete abbiamo: = N L = N 0 e ( L Dividedo il coefficiete di atteuazioe lieare di u dato materiale per la sua desità ρ viee defiito il coefficiete di atteuazioe massico di quel materiale ρ 2 cm solitamete misurato i. L uso di queste uità rede più agevole il cofroto g dei valori del coefficiete di atteuazioe dei vari materiali.

13 3.1 Cattiva e buoa geometria Per studiare più i dettaglio il feomeo dell atteuazioe, suppoiamo di avere ua sorgete di radiazioi, u rivelatore sesibile alla radiazioe i esame e vari spessori del materiale atteuate. Geeralmete la radiazioe primaria 1. raggiuge il rivelatore al di là dello schermo perché o ha subito alcua iterazioe; 2. oppure o raggiuge il rivelatore perché subisce u iterazioe i cui viee assorbita o deviata; oppure può essere prodotta della radiazioe secodaria che raggiuge il rivelatore. Possoo essere defiite due disposizioi che caratterizzao la dimesioe del fascio e la posizioe relativa fra sorgete e rivelatore: 1. disposizioe i buoa geometria 2. disposizioe i cattiva geometria. FASCIO COLLIMATO NARROW-EAM GEOMETRY UONA GEOMETRIA I buoa geometria il fascio primario viee strettamete collimato prima dello schermo e il rivelatore dopo lo schermo viee messo ad ua adeguata distaza e collimato i modo da redere trascurabile la frazioe di radiazioe secodaria che lo possa raggiugere. FASCIO LARGO ROAD-EAM GEOMETRY CATTIVA GEOMETRIA

14 I cattiva geometria sul rivelatore arrivao sia la radiazioe primaria che quella secodaria. Ci soo vari processi di iterazioe i cui vegoo geerate delle particelle secodarie che a loro volta possoo raggiugere il rivelatore. Alcui esempi di disposizioi i cattiva geometria La figura riporta l adameto della dose (legata all itesità del fascio i fuzioe dello spessore di atteuatore iterposto fra sorgete e rivelatore; mette i evideza: 1. adameto espoeziale i buoa geometria 2. scostameto dall adameto espoeziale i cattiva geometria a causa della radiazioe secodaria che giuge sul rivelatore.

15 3.2 Fattore di buildup Nella disposizioe di fascio largo, o di cattiva geometria, la risposta del rivelatore o ha più u adameto espoeziale i fuzioe dello spessore del materiale iterposto; è ecessario itrodurre u fattore correttivo detto fattore di buildup che viee a dipedere sia dallo spessore cosiderato, sia, attraverso, dall eergia della radiazioe: I L L ( L I e L = I0 e I L = 0 è defiito come rapporto fra le itesità della totalità della radiazioe (primaria, secodaria, diffusa che giuge sul rivelatore e di quella primaria: = I p + dipede fortemete dalla geometria del fascio e dal tipo di materiale attraversato; il suo valore può essere determiato sperimetalmete e si trova tabulato. I I s p + I d Nella figura seguete viee riportato per due diversi materiali (acqua e piombo per fotoi di diversa eergia che icidoo perpedicolarmete su mezzo semifiito. Lo spessore del materiale è riportato come umero di liberi cammii medi

16 L equazioe per l atteuazioe ( L L L L e I L I e I I = = 0 0 può essere riscritta come L L e e I I ' 0 = = Che ci permette di defiire il coefficiete di atteuazioe efficace L L L l l ' ' = =

17 Gradezze caratteristiche dell iterazioe radiazioe-materia All iizio del capitolo abbiamo visto alcue gradezze usate per descrivere u campo di radiazioi; ora passiamo a studiare alcue gradezze o stocastiche utili alla descrizioe dell iterazioe della radiazioe co la materia. Queste gradezze soo: 1. il kerma K, che descrive il primo step del trasferimeto di eergia da parte della radiazioe idirettamete ioizzate alla materia, cioè, il trasferimeto di eergia a particelle cariche ioizzati che depositerao eergia ella materia; 2. la dose assorbita D, che descrive l eergia impartita alla materia da parte di tutti i tipi di radiazioe e che viee poi effettivamete depositata da parte delle particelle cariche; 3. l Esposizioe X, che descrive i campi di raggi X e γ i termii della loro capacità di ioizzare l aria. Kerma Il kerma K viee defiito per mezzo delle gradezze stocastiche eergia trasferita ε tr e dell eergia radiate R ( eergia associata alla radiazioe esclusa la massa a riposo. Prima di defiire l eergia trasferita, cosideriamo questa figura: out out or ( R = ( R + ( R rad L eergia trasferita i u volume V, da parte di radiazioe o direttamete ioizzate, è defiita come or ε tr ( i ( out out = R R + Q (R i = eergia associata alle particelle eutre etrati i V; (R out or = eergia associata alle particelle eutre che lasciao V, eccetto quella dei fotoi prodotti i feomei di dissipazioe radiativa subita da particelle cariche

18 messe i moto el volume V (raggi X di bremsstrahlug, aichilazioe i volo di positoi ; Q = eergia derivate dalle trasformazioi di massa a riposo i eergia, e viceversa, che si verificao i V (Q è positivo se della massa si coverte i eergia, egativo se l eergia si trasforma i massa. Se a è la particella (es. il che iteragisce col ucleo A, e b e soo i uclei o le particelle prodotte la reazioe ucleare si scrive: Q = Q valore della reazioe Dal pricipio di coservazioe dell eergia totale: T a ( T + T b Q A + ( M + T ( T a a a + A b + + Q a( A, b + M c 2 + T = A A = T + T + ( M + M c [( M + M ( M + M ] c 2 a b [( M + M ( M M ] c 2 valore = a A b + 1. Se Q > 0 reazioe esotermica. Aumeto dell eergia cietica delle particelle 2. Se Q < 0 reazioe edotermica. Q = miima eergia cietica di A ed a el sistema del cetro di massa, perché la reazioe possa avveire. I base alla sua defiizioe, si può osservare che l eergia trasferita o è altro che l eergia cietica trasferita dalla radiazioe eutra alle particelle cariche el volume V specificato. Attraverso l eergia trasferita viee defiito il Kerma K ell itoro di u puto P: d( ε tr aspett. dε tr K = dm dm i cui (ε tr aspett è il valore di aspettazioe dell eergia trasferita i V, e dε tr si riferisce al volume ifiitesimo dv che cotiee ua massa dm. Quidi il kerma è il valore di aspettazioe dell eergia cietica trasferita alle particelle cariche per uità di massa ell itoro del puto di iteresse, iclusa l eergia che potrebbe essere liberata elle perdite radiative dalle particelle cariche messe i moto i V. Le uità di misura del kerma soo il gray (Gy e il rad, così defiiti: 1 Gy = 1 J Kg -1 1 rad = 100 erg g -1 e quidi 1 Gy = 100 rad A b b 2

19 Relazioe tra kerma e flueza di eergia per i fotoi Il kerma è esprimibile come prodotto di ua quatità radiometrica, che descrive le caratteristiche del campo di radiazioe, e di u coefficiete di iterazioe, che dipede dalle proprietà della radiazioe e del mezzo i cui si verifica l iterazioe. I u campo di fotoi il kerma i u puto P è collegato alla flueza di eergia Ψ i quel puto attraverso u fattore detto coefficiete di trasferimeto di eergia ( tr /ρ E,Z che dipede dall eergia icidete E dei fotoi e dal umero atomico Z del mezzo assorbitore. Il coefficiete di trasferimeto, i aalogia co quello di atteuazioe, viee defiito come segue: = ρ dn N 1 ρ dl dε E 1 tr tr ρ dl = ρ che rappreseta la frazioe dell eergia icidete che viee trasferita alle particelle cariche come eergia cietica, per uità di percorso. Attraverso questo coefficiete possiamo calcolare il kerma dalla flueza di eergia: K = tr Ψ ( EZ, ρ Se el puto P i fotoi o soo mooeergetici, ma hao ua distribuzioe spettrale Ψ (E, allora il kerma i P può essere otteuto itegrado su tutto il rage eergetico: E Max tr K = Ψ'( E ( EZ, de ρ E = 0 Il valore medio di ( tr /ρ sullo spettro Ψ (E è dato da : tr ( ρ K = = Ψ tr Ψ'( E de ρ Ψ'( EdE

20 Relazioe tra kerma e flueza per i eutroi Pur essedo la relazioe tra il kerma e le gradezze radiometriche sostazialmete la stessa per fotoi e eutroi, l uso ha voluto che i fattori di coversioe fossero espressi diversamete per le due particelle. Si defiisce allora ua relazioe tra il kerma e la flueza di eergia per i fotoi, e tra il kerma e la flueza di particelle per i eutroi. Perciò, per eutroi mooeergetici, il kerma è dato da ρ tr tr K = Ψ ( E, A = Φ E ( E, A = Φ ( F E, A ρ i cui Φ è la flueza dei eutroi, ed eutroi. ( ρ tr F E, A E ( E, A =, è il fattore kerma per i Per eutroi la cui flueza è distribuita secodo lo spettro i eergia Φ (E, il kerma è dato da K = E Max E= 0 Φ' ( E ( F E, A Il valor medio del fattore di kerma sullo spettro Φ (E è la quatità: de ( F = K Φ = Φ' ( E F de Φ' ( E de Compoeti del kerma L eergia cietica degli elettroi può essere dissipata attraverso le perdite per collisioe e quelle per radiazioe; elle perdite per collisioe l eergia provoca eccitazioi e ioizzazioi metre ella perdita radiativa vegoo emessi fotoi di bremsstrahlug. Per questo motivo il kerma viee diviso i due compoeti: K = K + K c 1. K c si riferisce all eergia cietica che le particelle cariche spedoo elle collisioi (e che portao ad u rilascio locale di eergia ell itoro del puto i cui è stata messa i moto la particella carica; 2. K r si riferisce all eergia cietica spesa i perdite radiative co emissioe di fotoi; i questo caso i fotoi trasportao eergia i puti lotai da quello i r

21 cui la particella carica l aveva ricevuta. Quado le particelle eutre primarie soo i eutroi, i secodari carichi messi i moto soo particelle pesati (p, α ; i questo caso le perdite radiative soo trascurabili; pertato K r è ach esso trascurabile, e il kerma è praticamete tutto di collisioe. Si può defiire il kerma di collisioe i termii di u altra gradezza stocastica, chiamata eergia trasferita etta, che el volume V è data da: ε tr = ( Ri ( Rout + Q or rad ε = ( R ( R R + Q = ε tr i out ( ( R rad cioè è l eergia trasferita alle particelle cariche meo l eergia persa per radiazioe. out Attraverso l eergia trasferita etta viee defiito il coefficiete di assorbimeto di tr out eergia e ρ come 1 = ρ ρ dl e dε tr E che si riferisce solo a quella parte di eergia trasferita alle particelle cariche che sarà dissipata per collisioe; perciò il kerma di collisioe è dato da dε tr e K c = = Ψ dove dm è la massa coteuta i dv. dm ρ E, Z

22 Esposizioe L esposizioe è ua delle prime gradezze o stocastiche defiite ella fisica delle radiazioi. E defiita solo per la radiazioe elettromagetica. Si defiisce esposizioe X la quatità X = dq dm dove dq è la carica totale degli ioi di u sego prodotti i aria quado soo completamete fermate i aria tutte le particelle cariche (e + ed e - liberate dai fotoi el volume di aria dv e massa dm.

23 Per defiizioe l esposizioe o iclude la ioizzazioe derivate dai fotoi prodotti elle perdite radiative; i questo modo risulta che l esposizioe X è la ioizzazioe equivalete al kerma di collisioe K c i aria, per raggi X e γ. Per scrivere la relazioe che lega l esposizioe alla flueza di eergia dei fotoi, è ecessario prima defiire ua uova gradezza: l eergia media ecessaria ad ua particella carica per produrre ua coppia di ioi i aria (W. Ricordiamo che siamo iteressati alla ioizzazioe equivalete al kerma di collisioe; quidi ella defiizioe di W o dobbiamo icludere la parte di eergia cietica persa per feomei radiativi. Suppoiamo di avere a che fare co elettroi di diversa eergia cietica di parteza e che si muovoo i aria; sia T i l eergia cietica iiziale dell iesimo elettroe messo i moto da u fotoe el volume ifiitesimo di aria dv, cetrato el puto P. Sia g i la frazioe di T i spesa dall elettroe i iterazioi radiative lugo l itero suo percorso i aria; allora 1-g i sarà la frazioe di eergia spesa per collisioe. La somma di tutte le eergie cietiche dissipate per collisioe dai vari elettroi prodotti i uo specifico itervallo di tempo t si può scrivere come: T tot = T 1 g i ( i Sia ora N i il umero totale delle coppie di ioi prodotte i aria dall i-esimo elettroe di eergia T i, e sia ivece g i la frazioe di queste coppie che soo state geerate dai fotoi prodotti elle perdite radiative. Allora 1-g i è la frazioe delle coppie di ioi prodotte elle collisioi che si verificao lugo la traccia della particella. Così il umero totale di coppie di ioi prodotte elle iterazioi di collisioe da tutti gli elettroi origiati i dv el tempo t è: Ntot = Ni ( 1 g' i Assumedo che la somma sia estesa a u umero sufficietemete grade di particelle cariche da cosetire a W di raggiugere il suo valore di aspettazioe el gas i questioe, si può scrivere: W = Ti (1 gi N (1 g' Usualmete W è espresso i ev/(coppia di ioi, e il suo valore correte i aria secca è ev/coppia. Dividedo W per la carica dell elettroe i coulomb, e covertedo l eergia da elettovolt a joules si ottiee W aria = J/C e Naturalmete ua discussioe aaloga vale per gli evetuali positroi prodotti elle iterazioi. i i

24 Relazioe tra esposizioe e flueza di eergia Per mezzo delle gradezze defiite i precedeza, l esposizioe el puto P, prodotta dalla flueza di eergia Ψ da u fascio di fotoi moocromatici di eergia E si può scrivere come: X tr 1 e = Ψ ( E, aria (1 g = Ψ ( E, ρ W ρ e aria 1 ( Kc aria = ( Kc aria = W e aria aria 1 W e aria La stessa relazioe è valida per fotoi la cui flueza di eergia è distribuita secodo lo spettro Ψ (E: i questo caso il kerma è otteuto itegrado su tutto lo spettro. X = E Max E= 0 e ( ρ E 1, aria Ψ'( E de W e aria Nel Sistema Iterazioale le uità di misura dell esposizioe soo i C/Kg, ma è molto più usuale che questa gradezza vega espressa i roetge (R, defiito come l esposizioe che produce 1 esu di carica di ciascu sego i g di aria (cioè la massa di 1 cm 3 di aria alla pressioe di 1 atm e a 0 C irraggiata da fotoi. Perciò, voledo passare da u uità all altra: 1 R=(1 esu/ g (C/ esu (10 3 g/kg= C/Kg Si trovao duque i fattori di coversioe: 1 R = C Kg -1 ; 1 C Kg -1 = 3876 R

25 Fig Flusso di gamma equivalete a 1 Roetge h -1, i fuzioe dell eergia dei fotoi (da Radiological Health Hadbook, R= C/Kg Importaza dell esposizioe L esposizioe è ua gradezza molto coveiete per caratterizzare i campi di raggi X e γ, per i segueti motivi: 1. per ua data eergia del fotoe, l esposizioe è proporzioale alla flueza di eergia; 2. la miscela degli elemeti dell aria è tale da avere u umero atomico efficace abbastaza simile a quello dei tessuti biologici molli (il muscolo, ad esempio, il che rede l aria u materiale tessuto equivalete per quato riguarda l assorbimeto di raggi X e γ; quidi se uo è iteressato all assorbimeto dei fotoi i tessuto può usare l aria come mezzo sesibile el rivelatore.

26 Ricordado le espressioi fra il kerma di collisioe i u mezzo Z e l esposizioe i aria: K c e = Ψ ρ e X e = Ψ( E, aria ρ E, Z 1 W e si vede che e Kc ρ E, Z X e ρ E, aria Ossia il rapporto fra il kerma di collisioe i u dato materiale e l esposizioe i aria è proporzioale al rapporto fra i coefficieti di assorbimeto di quel materiale e quello dell aria. Come si vede ella figura, el caso del muscolo e dell acqua tale rapporto rimae circa costate (etro qualche perceto per il muscolo e per l acqua da 4 KeV a quasi 10 MeV. aria Nella figura seguete viee mostrato u altro esempio che riguarda l osso:

27 Dose assorbita La dose assorbita può essere defiita attraverso la correlata quatità stocastica eergia impartita. L eergia impartita dalla radiazioe ioizzate ad u mezzo di massa m i u volume fiito V è defiita come: ε = ( i ( out + ( i c ( out c + R R R R Q dove (R i e (R out rappresetao l eergia associata rispettivamete alle particelle eutre etrati e a quelle usceti dal volume V; (R i c e (R out c l eergia associata alle particelle cariche etrati e a quelle usceti dallo stesso volume, e Q è la somma delle trasformazioi di eergia i massa e di massa i eergia che avvegoo i V. Si defiisce dose assorbita i ogi puto P apparteete a V la gradezza: D = dε dm

28 dove ε è il valore di aspettazioe dell eergia impartita el volume fiito V, i u determiato itervallo di tempo, e dε è la stessa quatità riferita ad u volume ifiitesimo dv, di massa dm, cetrato itoro al puto P di iteresse. Quidi la dose assorbita D è il valore di aspettazioe dell eergia impartita alla materia per uità di massa i u dato puto. Le dimesioi e le uità di misura della dose soo uguali a quelle del kerma, e cioè, rispettivamete, eergia per uità di massa e gray (1Gy=1J/Kg. Come vedremo più avati, solo i casi particolari è possibile scrivere ua relazioe che collega la dose alle gradezze radiometriche, a differeza di quato avviee per il kerma che può essere calcolato dalla flueza di eergia o di particelle attraverso il coefficiete di trasferimeto. Questo dipede dal fatto che, geeralmete, o tutta l eergia ricevuta dalle particelle cariche i V viee ceduta alla materia coteuta i V; ua parte di essa può essere ceduta ache fuori da V; ioltre i V può essere assorbita ache ua data quatità di eergia che è stata ceduta alla particelle cariche all estero di V. Equilibrio di radiazioe ed equilibrio di particelle cariche La dose assorbita pur essedo ua gradezza fodametale ella fisica delle radiazioi, è quella più difficile da calcolare, perchè strettamete legata alla radiazioe secodaria e al puto i cui l eergia viee effettivamete assorbita. Tuttavia, esistoo particolari situazioi i cui è possibile stabilire relazioi di uguagliaza tra la dose e il kerma il cui calcolo è meo problematico. Questo accade se soo soddisfatte le codizioi di equilibrio di radiazioe o, a volte, ache semplicemete l equilibrio di particelle cariche. Equilibrio di radiazioe Si cosideri u volume esteso, V coteete ua sorgete distribuita, e sia v u piccolo volume itero, cetrato itoro al puto di iteresse, P. Si richiede che V sia grade abbastaza da cosetire che la massima distaza di peetrazioe d di ogi radiazioe emessa e dei suoi secodari sia iferiore alla miima separazioe s delle superfici di V e v.

29 Se la sorgete emette radiazioe idirettamete ioizzate, (eutroi o fotoi la cui atteuazioe el mezzo ha u adameto espoeziale, o è defiibile u percorso massimo oltre il quale la particella o peetra. Perciò, la codizioe su V deve essere modificata: si richiede quidi che V sia grade abbastaza da permettere ua riduzioe desiderata dell itesità della radiazioe che peetra i v. Si dice che i v c è equilibrio di radiazioe se soo soddisfatte le segueti codizioi: ( R = ( R i out e ( R = ( R i c out c cioè l eergia delle particelle cariche e eutre che etrao i v è bilaciata dall eergia di quelle che escoo da v. Si può dimostrare che ciò avviee se soo soddisfatte le segueti quattro codizioi: 1. la composizioe atomica del mezzo è omogeea; 2. la desità del mezzo è omogeea; 3. la sorgete radioattiva è uiformemete distribuita; 4. o soo preseti campi elettrici o magetici che perturbio il percorso delle particelle cariche. Dalla defiizioe dell eergia impartita, la cui itera espressioe è ε = ( i ( out + ( i c ( out c + R R R R Q si vede che essa, i codizioi di equilibrio di radiazioi diveta semplicemete: ε = Q quidi i codizioi di ER l eergia impartita al volume v è uguale a quella parte di massa a riposo di v che è stata covertita i eergia cietica, ossia l eergia rilasciata el decadimeto radioattivo. La dose assorbita el puto P è ora facilmete calcolabile, ed è precisamete: D d ε Q = = dm dm

30 Equilibrio di particelle cariche (EPC Quado o si realizzao le codizioi di equilibrio di radiazioi, a volte si possoo realizzare le codizioi più semplice di equilibrio di particelle cariche (EPC. Esiste equilibrio di particelle cariche el volume v se l eergia portata detro da particelle cariche è uguale a quella portata fuori da v da particelle cariche; ossia è verificata l uguagliaza: ( R = ( R i c out c Facedo acora riferimeto alla figura precedete i cui i V grade è stato delimitato u volume v i modo che le superfici di v e V siao separate almeo da ua distaza superiore al rage dei secodari carichi, si può dimostrare che i v esiste equilibrio di particelle cariche se i V soo realizzate le segueti codizioi: 1. la composizioe atomica del mezzo è omogeea; 2. la desità del mezzo è omogeea; 3. il campo di radiazioe idirettamete ioizzate è uiforme (l atteuazioe della radiazioe primaria deve essere trascurabile durate l attraversameto di V; 4. gli evetuali campi elettrici o magetici esteri preseti o soo disomogeei. Le codizioi richieste per l esisteza di EPC soo simili a quelle di ER. La codizioe 4 è meo strigete di quella precedetemete espressa per ER, e può sostituire la richiesta di asseza di campi elettrici e magetici seza compromettere la realizzazioe di ER. Si dimostra che i codizioi di CPE la dose assorbita è umericamete uguale al Kerma di collisioe CPE D = K c Richiamiamo la defiizioe di eergia impartita, che è la quatità coivolta ella defiizioe della dose: ( R ( R ( R ( R Q ε = i out + i c out c + Che, i codizioi di CPE ( Ri c = ( Rout c si riduce a ε = ( Ri ( Rout + Q ε Ossia, i codizioi di equilibrio di particelle cariche si giuge all uguagliaza ε = ε tr tr

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione Le ode elettromagetiche Origie e atura, spettro delle ode e.m., la polarizzazioe Origie e atura delle ode elettromagetiche: Ua carica elettrica che oscilla geera u campo elettrico E che oscilla e a questo

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

5. Le serie numeriche

5. Le serie numeriche 5. Le serie umeriche Ricordiamo che ua successioe reale è ua fuzioe defiita da N, evetualmete privato di u umero fiito di elemeti, a R. Solitamete si idica ua successioe co la lista dei suoi valori: (a

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x.

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x. ANALISI MATEMATICA Area dell Igegeria dell Iformazioe Appello del 5.0.0 TEMA Esercizio Si cosideri la fuzioe f(x = arcsi log x. Determiare il domiio di f e discutere il sego. Discutere brevemete la cotiuità

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

II-9 Successioni e serie

II-9 Successioni e serie SUCCESSIONI II-9 Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA Storia delle comuicazioi ottiche 84 a.c.: caduta di Troia comuicata a Micee (550km di distaza) attraverso ua serie di fuochi allieati 794 d.c.: rete di Chappe collega Parigi

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale Calcolo della risposta di u sistema lieare viscoso a più gradi di libertà co il metodo dell Aalisi Modale Lezioe 2/2 Prof. Adolfo Satii - Diamica delle Strutture 1 La risposta a carichi variabili co la

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

A = 10 log. senϕ = n n (3)

A = 10 log. senϕ = n n (3) CORSO DI LABORATORIO DI FISICA A Misure co fibre ottiche Scopo dell esperieza è la misura dell atteuazioe e dell apertura umerica di fibre ottiche di tipo F-MLD-500. Teoria dell esperieza La fisica sulla

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione Capitolo 2 Successioi 2.1 Defiizioe Ua prima descrizioe, più ituitiva che rigorosa, di quel che itediamo per successioe cosiste i: Ua successioe è ua lista ordiata di oggetti, avete u primo ma o u ultimo

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S = S0 X k, co X k = k= co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE LORENZO BRASCO. Teoremi di Cesaro Teorema di Stolz-Cesaro. Siao {a } N e {b } N due successioi umeriche, co {b } N strettamete positiva, strettamete crescete e ilitata. Se esiste

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

Statistica 1 A.A. 2015/2016

Statistica 1 A.A. 2015/2016 Corso di Laurea i Ecoomia e Fiaza Statistica 1 A.A. 2015/2016 (8 CFU, corrispodeti a 48 ore di lezioe frotale e 24 ore di esercitazioe) Prof. Luigi Augugliaro 1 / 19 Iterdipedeza lieare fra variabili quatitative

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1 SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI c Paola Gervasio - Aalisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioi cap3b.pdf 1 Successioi Def. Ua successioe è ua fuzioe reale (Y = R) a variabile aturale, ovvero X = N:

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO PARAMETRI DEL MOTO SISMICO Attività microsismica: caratterizzata da vibrazioi di debole ampiezza e periodi molto gradi tali da o essere percepiti dai più comui strumeti di registrazioe (importate soprattutto

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13 Statistica di base Luca Mari, versioe 31.12.13 Coteuti Moda...1 Distribuzioi cumulate...2 Mediaa, quartili, percetili...3 Sigificatività empirica degli idici ordiali...3 Media...4 Acora sulla media...4

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

- 1 - L ottica geometrica studia il comportamento dei raggi luminosi. Le leggi che governano il comportamento dei raggi sono 5:

- 1 - L ottica geometrica studia il comportamento dei raggi luminosi. Le leggi che governano il comportamento dei raggi sono 5: - 1-1 CAPITOLO I I questo capitolo cerchiamo di riassumere molto brevemete i pricipali cocetti di ottica geometrica che sarao ecessari el prosieguo di questa dispesa. 1.1 Leggi dell ottica geometrica L

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

Ottica geometrica. R. Zei Fisica Applicata alla Biomedicina Slide 1

Ottica geometrica. R. Zei Fisica Applicata alla Biomedicina Slide 1 Ottica geometrica R. Zei Fisica Applicata alla Biomedicia Slide Itroduzioe L ottica geometrica tratta i feomei che possoo essere descritti tramite la propagazioe i liea retta, la riflessioe e la rifrazioe

Dettagli

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi.

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi. Serie SERIE NUMERICHE Co l itroduzioe delle serie vogliamo estedere l operazioe algebrica di somma ad u umero ifiito di addedi. Def. Data la successioe {a }, defiiamo la successioe {s } poedo s = a k.

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte.

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte. ESEMPIO Prima dell esplosioe di ua cetrale ucleare, i terrei di ua certa regioe avevao ua produzioe media di grao pari a 00 quitali co uo scarto di 5. Dopo la catastrofe si selezioao 00 uità di superficie

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.uige/pls_statistica Resposabili scietifici M.P. Rogati e E. Sasso (Dipartimeto di Matematica Uiversità di Geova) STATISTICA INFERENZIALE

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e ecologie della Comuicazioe Lezioe 4: strato fisico: caratterizzazioe del segale i frequeza Lo strato fisico Le pricipali fuzioi dello strato fisico soo defiizioe delle iterfacce meccaiche (specifiche

Dettagli

, l'insieme dei numeri interi relativi: 0, 1, 1, 2, 2, infinito. m dove m e n sono elementi di. Le frazioni hanno tre

, l'insieme dei numeri interi relativi: 0, 1, 1, 2, 2, infinito. m dove m e n sono elementi di. Le frazioni hanno tre Uiversità Boccoi. Ao accademico 00 00 Corso di Matematica Geerale Prof. Fabrizio Iozzi email: fabrizio.iozzi@ui-boccoi.it Lezioi / Gli isiemi umerici Gli isiemi umerici co i quali lavoreremo soo:, l'isieme

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

INVENTORY CONTROL. Ing. Lorenzo Tiacci

INVENTORY CONTROL. Ing. Lorenzo Tiacci INVENTORY CONTRO Ig. orezo Tiacci Testo di riferimeto: Ivetory Maagemet ad Productio Plaig ad Cotrol - Third Ed. E.A. Silver, D.F. Pyke, R. Peterso Wiley, 998 Idice. POITICA (s, ) (order poit, order quatity)

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

Fluidi non newtoniani

Fluidi non newtoniani Petea Aa matricola: 9603 Lezioe del 0/04/00 0:30-3:30 ossi Giulia matricola: 0878 Fluidi o ewtoiai INDICE DELLA LEZIONE DEL 0/04/00 AGOMENTO:FLUIDI NON NEWTONIANI Comportameto reologico dei fluidi... -

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

cerchiamo di convincerci che ha senso sommare infiniti numeri! INSIEME INFINITO non INSIEME ILLIMITATO maggiorante limitato B 1/4 + 1/16 + 1/64

cerchiamo di convincerci che ha senso sommare infiniti numeri! INSIEME INFINITO non INSIEME ILLIMITATO maggiorante limitato B 1/4 + 1/16 + 1/64 By Luca Torchio Prima di defiire i modo rigoroso ua somma di ifiiti umeri, che tra l altro i matematici chiamao Serie, cerchiamo di covicerci che ha seso sommare ifiiti umeri! La cosa, i effetti, fa u

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

Matematica Finanziaria

Matematica Finanziaria Corso di Matematica Fiaziaria a.a. 202/203 Testo a cura del Prof. Sergio Biachi Programma Operazioi fiaziarie i codizioi di certezza L operazioe fiaziaria elemetare Operazioi a proti e a termie Regimi

Dettagli

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA SPENSE MATEMATA FNANZAA 3 Piai di ammortameto. 3. osiderazioi geerali. U piao di ammortameto cosiste ella restituzioe di u importo preso a prestito mediate il versameto d'importi distribuiti el tempo.

Dettagli

STIMA DEL FONDO RUSTCO

STIMA DEL FONDO RUSTCO STIMA DEL FONDO RUSTCO 1) Quali soo gli aspetti ecoomici che possoo essere presi i cosiderazioe ella stima dei fodi rustici? La stima di u fodo rustico può essere fatta applicado i segueti aspetti ecoomici:

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S S0 X k, co X k k co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti e ideticamete

Dettagli

12 SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

12 SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA SECONDO PRINCIPIO DELL ERMODINMIC Il primo pricipio della termodiamica stabilisce l equivaleza fra calore scambiato e lavoro meccaico e quidi che il calore assorbito o ceduto da u sistema termodiamico

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina)

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina) ITIS OMAR Dipartimeto di Meccaica APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE (tratti da A. MONTE Elemeti di Impiati Idustriali Cortia) Si defiisce iteresse il dearo pagato per l'uso di u capitale otteuto i prestito

Dettagli

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere Eserciio 1 7 puti. Dato il campo vettoriale v, + 1,, i si determii ua fuioe f > i modo tale che il campo vettoriale f v sia irrotaioale, cioè abbia le derivate icrociate uguali; ii si spieghi se i risultati

Dettagli

Distribuzione di un carattere

Distribuzione di un carattere Distribuzioe di u carattere Dopo le fasi di acquisizioe e di registrazioe dei dati, si passa al loro cotrollo e quidi alle loro elaborazioe. Si defiisce distribuzioe uitaria semplice di u carattere l elecazioe

Dettagli

CAPITOLO UNDICESIMO VARIABILI CASUALI 1. INTRODUZIONE

CAPITOLO UNDICESIMO VARIABILI CASUALI 1. INTRODUZIONE CAPITOLO UNDICESIMO VARIABILI CASUALI SOMMARIO:. Itroduzioe. -. Variabili casuali discrete. - 3. La variabile casuale di Beroulli. - 4. La variabile casuale biomiale. -. La variabile casuale di Poisso.

Dettagli

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c.

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c. I LEZIONE Il ostro iteto è aalizzare i dettaglio i metodi di cifratura che si soo susseguiti el corso della storia prestado particolare attezioe all impiato matematico che e cosete la realizzazioe Iiziamo

Dettagli

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA SOMMARIO: 1. Itroduzioe. - 2. Asimmetria. - 3. Grafico a scatola (box plot). - 4. Curtosi. - Questioario. 1. INTRODUZIONE Dopo aver aalizzato gli idici di posizioe

Dettagli

Matematica Finanziaria

Matematica Finanziaria Corso di Matematica Fiaziaria a.a. 202/203 Testo a cura del Prof. Sergio Biachi Programma Operazioi fiaziarie i codizioi di certezza L operazioe fiaziaria elemetare Operazioi a proti e a termie Regimi

Dettagli

La matematica finanziaria

La matematica finanziaria La matematica fiaziaria La matematica fiaziaria forisce gli strumeti ecessari per cofrotare fatti fiaziari che avvegoo i mometi diversi Esempio: Come posso cofrotare i ricavi e i costi legati all acquisto

Dettagli

MOTO UNIFORME NEI CANALI A PELO LIBERO

MOTO UNIFORME NEI CANALI A PELO LIBERO Carlo Gregoretti Idraulica capitolo 8 0 Nov. 08 64 MT UNIFRME NEI CANALI A PEL LIBER 8. Leggi di moto uiforme per caali a sezioi compatte Ua correte i u caale di sezioe costate tede ad assumere u regime

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

Dispense di Analisi Matematica II

Dispense di Analisi Matematica II Dispese di Aalisi Matematica II Domeico Cadeloro (Prima Parte) Itroduzioe Queste dispese trattao la prima parte del corso di Aalisi Matematica II. Nel primo capitolo si discutoo gli itegrali geeralizzati

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

ESERCIZI SULLE SERIE

ESERCIZI SULLE SERIE ESERCIZI SULLE SERIE Studiare la atura delle segueti serie. ) cos 4 + ; ) + si ; ) + ()! 4) ( ) 5) ( ) + + 6) ( ) + + + 7) ( log ) 8) ( ) + 9) log! 0)! Studiare al variare di x i R la atura delle segueti

Dettagli

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. Applicado la defiizioe di covergeza di ua serie stabilire il carattere delle segueti serie, e, i caso di covergeza, trovare la somma: = + b) = + +. Verificare utilizzado

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumeti di idagie per la valutazioe psicologica 1.2 - Richiami di statistica descrittiva Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Descrivere i dati Dovedo scegliere u esame opzioale, uo studete ha itezioe

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014)

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014) Calcolo Combiatorio (vers. 1/10/2014 Daiela De Caditiis modulo CdP di teoria dei segali Igegeria dell Iformazioe - sede di Latia, CALCOLO COMBINATORIO Pricipio Fodametale del Calcolo Combiatorio: Si realizzio

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli