1. Premessa... pag Natura dell intervento... pag Inquadramento territoriale e geologico... pag. 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Premessa... pag. 1. 2. Natura dell intervento... pag. 2. 3. Inquadramento territoriale e geologico... pag. 2"

Transcript

1

2 INDICE 1. Premessa... pag Natura dell intervento... pag Inquadramento territoriale e geologico... pag Studio di inserimento urbanistico... pag Stato di fatto e interventi previsti in progetto... pag Interferenze con infrastrutture e reti tec. presenti sul territorio... pag Descrizione dei lavori... pag Studio di fattibilità ambientale... pag Finanziamenti previsti... pag. 9 Dichiarazioni... pag. 10 Allegato: Estratto del P.R.G.C. vigente

3 1. PREMESSA I Comuni di Cividale del Friuli, di Buttrio e di Remanzacco, nell ambito del Progetto cofinanziato dall Unione Europea attraverso il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Programma per la cooperazione transfrontaliera Italia Slovenia , visto il bando pubblico n. 02/2009 per la presentazione di progetti standard, hanno intrapreso per il tramite del consorzio Acquedotto Poiana S.p.a. una serie di contatti con potenziali partners sloveni, friulani, veneti ed emiliani per verificare la possibilità di predisporre una proposta progettuale all interno dell asse 1 Ambiente, trasporti ed integrazione territoriale sostenibile del programma. In seguito a tale fase transitoria di trattativa si è giunti alla condivisione, con alcuni degli interlocutori contattati, degli obiettivi di miglioramento ambientale, raggiungibili attraverso il potenziamento delle reti fognarie e di depurazione. Un accordo in tal senso è quindi stato stipulato con i comuni Miren Kostanjevica, Nova Gorica, Kanal, Tolmin e Brda in Slovenia, con i comuni di Moimacco, Cividale del Friuli, Buttrio, Pavia di Udine, Pradamano, San Giovanni al Natisone in Friuli Venezia Giulia ed infine con le ditte F.IMM Technology s.r.l. di Rovigo in Veneto e GRUPPO HERA S.p.a. di Bologna in Emilia Romagna. In questa ottica, l Amministrazione comunale di Cividale del Friuli ha quindi inserito nel proprio programma degli investimenti triennale i lavori di realizzazione del collettore fognario a collegamento tra la rete esistente di Sanguarzo ed il capoluogo di Cividale su via Leicht, il tutto finalizzato alla dismissione del depuratore primario a servizio dello stesso Sanguarzo a favore del più efficiente impianto di Grupignano. Il progetto preliminare per i suddetti lavori dal titolo Collaborazione transfrontaliera per il miglioramento ambientale e territoriale, la tutela e gestione coordinata del bacino idrografico dell'isonzo-soča mediante la depurazione ed il collettamento delle acque reflue urbane - Comuni di Cividale del Friuli, Buttrio e Remanzacco Collegamento fognario delle acque nere della frazione di Sanguarzo al capoluogo di Cividale del Friuli è stato redatto dal consorzio Acquedotto Poiana S.p.a. in data Settembre Tale progetto ha ottenuto il finanziamento con Bando pubblico per i progetti standard n.02/2009 pubblicato sul B.U.R. n.32 del 10/08/2011 per un importo complessivo di ,48. Con riferimento al finanziamento sopra riportato ed al successivo disciplinare di incarico che il Comune di Cividale del Friuli ha conferito all Acquedotto Poiana S.p.A. viene redatto il presente progetto definitivo esecutivo. 1

4 2. NATURA DELL INTERVENTO Come già anticipato in premessa, il progetto prevede il collegamento della rete delle acque nere a servizio dell abitato di Sanguarzo con quella del capoluogo in via Leicht mediante una nuova linea fognaria in PVC φ315 il cui tracciato andrà a svilupparsi in aree agricole seguendo per lo più il percorso di esistenti capezzagne. Così facendo sarà possibile inviare le acque reflue di tale frazione al più efficiente impianto di depurazione di Grupignano, permettendo così la dismissione dell attuale depuratore primario a servizio di Sanguarzo. Questo anche in un ottica futura in cui si andrà a privilegiare un sistema fognario a servizio di tutto il territorio comunale governato da pochi ma efficienti impianti di depurazione. 3. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E GEOLOGICO L intervento ricade sul territorio comunale di Cividale in aree agricole poste tra il capoluogo e l abitato di Sanguarzo. Il tracciato del nuovo collettore si snoderà per lo più lungo capezzagne private con un attraversamento di un area coltivata in prossimità del capoluogo, ove dopo aver percorso un tratto di viabilità bianca di accesso ad un gruppo di abitazioni residenziali, si andrà ad allacciare all esistente rete di via Leicht. Il territorio è caratterizzato anche dalla Roggia Pelosa, il cui alveo andrà ad intersecare il tracciato della linea di nostro interesse a livello di un esistente ponticello di suo attraversamento. In questo punto, sia a monte che a valle del citato attraversamento, la Roggia presenta fondo e sponde rivestite in cls con sezioni artificiali rispettivamente rettangolari e trapezie. Dal punto di vista geologico, l area di interesse è stata attentamente studiata dal dott. geol. Paolo Giovagnoli il quale ha riportato le sue deduzione in un apposita Relazione Geologica facente parte integrante del presente progetto. Di seguito se ne riportano gli aspetti più importanti rimandando per maggiori dettagli alla consultazione di tale elaborato. La zona di interesse è situata in un area pianeggiante priva di particolarità geomorfologiche. I risultati ottenuti dall esecuzione della prova penetrometrica dinamica hanno consentito l identificazione di un singolo tipo di terreno di interesse geotecnico, ossia il livello ghiaioso sabbioso, posto oltre 0,6 0,7 metri dal p.c.. Inoltre, le prove sismiche eseguite hanno evidenziato la presenza di conglomerato in almeno due casi, ossia presso la prova Est e la prova centrale. Presso la prova Ovest, invece, si rinviene solo ghiaia e sabbia non cementata. Tale conglomerato, comunque, si rinviene solo ad una certa profondità che si stima in circa 3,5 4,0 metri. Più in superficie sarà probabile 2

5 intercettare solo ghiaia sabbia con saltuari banchi di ghiaia cementata. La granulometria di questi terreni è tipica della ghiaia fluviale, con poca matrice fina limosa e presenza di ciottoli di dimensioni anche decimetriche. 4. STUDIO DI INSERIMENTO URBANISTICO La totalità degli interventi previsti in progetto è da realizzarsi su una porzione del territorio comunale di Cividale del Friuli. Tutti gli interventi edilizi e di trasformazione del territorio di tale comune sono regolamentati dal vigente P.R.G.C. secondo il quale le zone interessate dall intervento (visibili dall estratto riportato in allegato), sono classificabili come: - Zona Omogenea B3 Residenziale estensiva; - Zona Omogenea V/E Verde di protezione; - Zona Omogenea E4.2 Ambito di interesse paesaggistico a protezione del Natisone; Relativamente agli impianti e reti tecnologiche, le norme di attuazione del PRGC del Comune di Cividale del Friuli riportano quanto segue: ART. 48 RETI ED IMPIANTI TECNOLOGICI La posa di cavi, condotte, manufatti, ecc. necessari per l installazione di impianti tecnologici di pubblica utilità (telefono, gas, energia elettrica, fognatura, acqua, ecc.) e la costruzione di cabine ENEL, telefoniche, ecc., sono ammesse nelle diverse zone omogenee con i seguenti limiti e prescrizioni: omissis 2. Zone B2, B3, C, H2, D1, D2, D3, D3/H3 - linee interrate; - cabine interrate; omissis 3. Zone E - linee elettriche AT e MT interrate; - linee elettriche BT preferibilmente interrate; - cabine interrate. Il tutto nella salvaguardia della morfologia, della vegetazione, del paesaggio e delle infrastrutture esistenti. omissis. Alla luce di quanto sopra riportato, si evince come le norme di attuazione non vietino la realizzazione delle lavorazioni previste dal presente progetto. Pertanto gli interventi che si 3

6 andranno a realizzare sono del tutto compatibili con lo strumento urbanistico attualmente vigente sul territorio comunale di Cividale del Friuli. 5. STATO DI FATTO E INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO Il progetto prevede il collegamento della rete fognaria di Sanguarzo a quella di Cividale mediante una nuova dorsale fognaria in PVC φ315 con tracciato che andrà a svilupparsi in un area agricola seguendo prevalentemente il percorso di sedimi adibiti a transito agricolo. Di seguito viene riportata una descrizione dello stato di fatto nonché degli interventi di progetto, rimandando alla consultazione delle tavole grafiche per una miglior ed immediata comprensione di quanto esposto. Stato di fatto Ad oggi l abitato di Sanguarzo è servito da una rete fognaria mista che invia le acque raccolte verso un depuratore primario vetusto e non pienamente funzionante. Prima di giungere a tale impianto le acque vengono fatte defluir attraverso un pozzetto dotato di una soglia che permette lo sfioro delle acque di piena fognaria direttamente verso il Natisone, sgravando così le portate da assoggettare a depurazione. Interventi previsti in progetto Lo scopo che si vuole perseguire con il presente progetto consiste nella dismissione dell odierno depuratore primario a servizio di Sanguarzo mediante un invio delle acque reflue provenienti da tale abitato al più efficiente e moderno depuratore di Grupignano. A tal fine, il progetto prevede la realizzazione di un collegamento tramite una nuova dorsale in PVC φ315 della rete fognaria di Sanguarzo con quella del capoluogo con allacciamento finale in via Leicht. Tale scelta progettuale è riconducibile alle seguenti motivazioni: - La possibilità di sfruttare le potenzialità del depuratore di Grupignano, il quale risulta idoneo a depurare anche le acque nere dell abitato di Sanguarzo. Si ricorda come tale depuratore sia di recente stato potenziato con un intervento cofinanziato con i fondi INTERREG IIIA ; - La volontà di eleminare i depuratori vetusti attualmente ancora in funzione in un ottica futura di ridurre al minimo il numero di impianti di depurazione a servizio di tutta la rete fognaria comunale; 4

7 - La possibilità plano altimetrica di collegare a gravità la località Sanguarzo con la rete fognaria del capoluogo Cividale del Friuli. Si precisa come l intervento fosse già inserito nel piano triennale delle opere del Comune di Cividale del Friuli e come le opere da esso previste risultino essere la sintesi di un serie di valutazioni sulle migliori soluzioni tecniche ed economiche da adottare. Sulla base di tali considerazioni, il presente progetto prevede: - La realizzazione di una nuova dorsale fognaria in PVC φ315 di lunghezza complessiva di circa ml a collegamento tra la rete delle acque reflue di Sanguarzo con quella di Cividale del Friuli, gestita quest ultima dal depuratore di Grupignano; - La realizzazione di un pozzetto di allacciamento (a sostituzione di uno esistente) della nuova dorsale di cui al punto precedente alla rete di Sanguarzo comprensivo di una soglia di sfioro delle portate di piena fognaria e di una paratoia interna a regolazione delle portate reflue da deviare verso Cividale. In tal modo le acque nere verranno fatte defluire lungo la nuova fognatura, direzione Cividale; quella di piena fognaria, invece, lungo la linea esistente direzione fiume Natisone; - L attraversamento sub alveo della Roggia Pelosa mediante la demolizione ed il ripristino dell esistente rivestimento spondale e di fondo in cls; - Il superamento dell interferenza di intersezione con l adduttrice CAFC controtubando la condotta fognaria in PVC φ315 con un altra in PVC φ500 per un totale di 4,00 ml a cavallo di tale intersezione; - Il collegamento alla rete fognaria di Cividale tramite un allacciamento al pozzetto esistente di via Leicht. 6. INTERFERENZE CON INFRASTRUTTURE E RETI TECNOLOGICHE PRESENTI SUL TERRITORIO Nelle aree di intervento si possono rilevare le seguenti possibili interferenze con infrastrutture e reti tecnologiche ivi presenti: - Interferenze con viabilità comunali e interpoderali L esecuzione delle lavorazioni andrà marginalmente ad interferire con la viabilità di via Leicht limitatamente al tempo necessario a realizzare il collegamento della nuova fognatura a quella esistente che corre lungo tale via. 5

8 Maggiori interferenze, invece, si avranno con i mezzi agricoli che percorreranno le capezzagne lungo le quali posizionare la nuova fognatura e i frontisti lungo la viabilità bianca che da via Leicht permette l accesso ad alcune abitazioni residenziali. In questo ambito dovranno essere adottati tutti gli accorgimenti necessari a minimizzare tali interferenze che verranno meglio specificati nel PSC facente parte integrante del presente progetto. - Interferenze con la Roggia Pelosa Lungo il suo tracciato, la nuova dorsale fognaria andrà ad intersecare l alveo della Roggia Pelosa, a livello di un ponticello di suo attraversamento. Il progetto prevede la demolizione del rivestimento, lo scavo, la posa della condotta, e successivo ripristino del rivestimento spondale e di fondo in cls del canale. In questo ambito le lavorazioni dovranno essere realizzate in un periodo di magra o di asciutta della Roggia, creando un ambiente di lavoro in asciutta mediante il by passaggio delle acque da monte a valle della zona di intervento. - Interferenze con reti tecnologiche aeree Si segnala l interferenza con una linea elettrica in M.T. di tipo puntuale per un intersezione con il tracciato della nuova dorsale fognaria. In questo ambito è d obbligo il rispetto delle distanze minime riportate a tal merito nell Allegato IX del D. Lgs 81/2008 e s.m.i.. - Interferenze con reti tecnologiche interrate In fase progettuale sono stati rilevati i seguenti impianti tecnologici interrati, situati tutti lungo via Leicht ed i quali potranno interferire con le lavorazioni inerenti l allacciamento della nuova dorsale fognaria alla linea che corre lungo la stessa via: - Linea metano in B.P. in acciaio saldato DN100: Ente gestore Italgas; - Linea Telecom a cavo interrato; - Linea di acquedotto (acciaio 1 1/4) e fognatura: Ente gestore Acquedotto Poiana S.p.A.; - Illuminazione pubblica. I tracciati di tali impianti sono tali da andare in alcuni casi a dar luogo a delle interferenze puntuali di intersezione con la nuova rete fognaria. Pertanto, preliminarmente all inizio delle operazioni di scavo, sarà onere dell Impresa esecutrice interpellare i vari Enti gestori per un tracciamento in sito dei loro impianti, sia planimetrico che altimetrico, sulla cui 6

9 base definire le modalità di esecuzione degli scavi. Questi, in prossimità dei punti di interferenza, dovranno essere eseguiti con la massima cura e cautela, al fine di preservare l integrità di quanto già presente nel sottosuolo. Particolare attenzione dovrà essere prestata in corrispondenza delle intersezioni con le condotte di metano per le quali, in caso di contatto, sussistono rischi di scoppio per fuga di gas. In questo ambito fare riferimento a quanto viene specificato in merito nel PSC ed alle prescrizioni che verranno fornite dall Ente gestore di tale impianto tecnologico. - Interferenze con adduttrice CAFC e distributrice Poiana in area agricola Lungo l area agricola, il tracciato della nuova linea fognaria andrà ad intersecate puntualmente i seguenti impianti tecnologici interrati: - Adduttrice di acquedotto CAFC in ghisa sferoidale da 300 mm di diametro; - Distributrice di acquedotto in acciaio da 1 1/2 a gestione Acquedotto Poiana S.p.A.. In questo ambito, preliminarmente all inizio dei lavori, sarà onere dell Impresa esecutrice interpellare i due Enti gestori per un tracciamento sul posto dei loro impianti di competenza. Particolare attenzione dovrà essere portata nei confronti della condotta CAFC, per la quale dovranno essere adottati tutti gli accorgimenti necessari per evitarne una qualsiasi rottura e garantirne così l integrità. Si segnala come da indicazioni dell Ente gestore, la condotta adduttrice CAFC risulterebbe posta ad una profondità sufficientemente elevata per consentire il superamento dell intersezione con la nuova fognatura ad una quota più alta, limitando così i rischi di contatto e di sua messa in luce. 7. DESCRIZIONE DEI LAVORI Gli interventi previsti dal presente progetto esecutivo si possono così riassumere: - Scarifica di asfalti; - Scavo a sezione ristretta; - Demolizione di opere d arte in genere lungo il tracciato della nuova fognatura; - Posa di tubazioni in pvc; - Realizzazione di un pozzetto di sfioro e di allacciamento alla rete fognaria di Sanguarzo; - Posa di pozzetti di ispezione e/o per la realizzazione di salti di fondo; - Attraversamento dell alveo della Roggia Pelosa; - Allacciamento al pozzetto esistente di via Leicht; - Calottatura della nuova dorsale fognaria con puntina; 7

10 - Ritombamento degli scavi eseguiti; - Rispristino dello stato ante lavori dei piani campagna con inerbimenti o con materiale sottovaglio lungo le viabilità a fondo naturale e capezzagne; - Ripristino degli asfalti di via Leicht. 8. STUDIO DI FATTIBILITA AMBIENTALE Il progetto prevede la realizzazione di una nuova dorsale per acque reflue a collegamento tra la rete a servizio dell abitato di Sanguarzo con quella del capoluogo di Cividale del Friuli. Il tracciato della nuova fognatura si svilupperà in un area agricola seguendo prevalentemente il percorso di strade interpoderali adibite a transito agricolo. Essa è situata in prossimità del fiume Natisone, non rientrando però nelle zone di vincolo paesaggistico ad esso riconducibili. L unico elemento caratteristico riscontrabile in zona può essere ricondotto alla Roggia Pelosa, la quale però non risulta iscritta nel registro delle acque pubbliche. Dal punto di vista ambientale gli interventi avranno un minimo e marginale impatto sull ambiente locale interessando la realizzazione di una linea tecnologica completamente interrata, e quindi non visibile. Pertanto, al termine dei lavori il contesto ambientale e paesaggistico locale si presenterà nelle medesime condizioni attuali. Anche per quanto riguarda la Roggia Pelosa, il progetto prevede il rispristino dei suoi rivestimenti arginali e del suo fondo in cls così come si presentano attualmente. Un minimo impatto sull ambiente circostante si potrà avere in fase di realizzazione dell opera. In questo contesto si segnala come le lavorazioni non richiederanno l impiego di macchinari eccessivamente rumorosi, se non quelli abitualmente impiegati in un ordinario cantiere per posa di impianti interrati; inoltre il materiale derivante dagli scavi e non impiegabile in loco verrà destinato ad un altro cantiere o a un sito autorizzato. Pertanto, alla luce di quanto sopra espresso, si evince come l esecuzione dei lavori non andrà in alcun modo a modificare l attuale contesto ambientale e paesaggistico locale. Inoltre, considerando anche il notevole beneficio che l esecuzione dell opera comporterà all ambiente grazie all invio delle acque reflue dell abitato di Sanguarzo verso il più efficiente depuratore di Cividale del Friuli unitamente alla dismissione del non più adeguato impianto a servizio dello stesso Sanguarzo, gli impercettibili cambiamenti e mutamenti al territorio per effetto dei presenti lavori appaiono del tutto giustificabili. 8

11 9. FINANZIAMENTI PREVISTI La spesa totale di ,17 sarà finanziata con il contributo previsto nell ambito del Progetto cofinanziato dall Unione Europea attraverso il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Programma per la cooperazione transfrontaliera Italia Slovenia e in parte con fondi messi a disposizione dall amministrazione comunale. I PROGETTISTI ing. Alessandro Patriarca Laurea specialistica Sez. A Settori a ; b ; c - posizione n.1464 ing. Gabriele Sandri Laurea specialistica Sez. A Settori a ; b ; c - posizione n.2007 ing. Loredana Braidotti Laurea specialistica Sez. A Settori a ; b ; c - posizione n.2419 ing. Zeno Kratter Laurea specialistica Sez. A Settori a ; b ; c - posizione n.2599 ing. Stefano Cimenti Laurea specialistica Sez. A Settori a ; b ; c - posizione n.3228 ing. iun. Paolo Giuseppe Dreossi Laurea 1 livello Sez. B Settori a ; - posizione B0055 ing. Elisa Prodorutti Laurea specialistica Sez. A Settori a - posizione n.3346 ing. Massimo Comuzzi Laurea specialistica Sez. A Settori a ; b ; c - posizione n.2435 ing. Fabrizio Cimenti Laurea specialistica Sez. A Settori a ; b ; c - posizione n

12 Cividale del Friuli, lì Agosto 2012 OGGETTO: Collaborazione transfrontaliera per il miglioramento ambientale e territoriale, la tutela e gestione coordinata del bacino idrografico dell'isonzo-soča mediante la depurazione ed il collettamento delle acque reflue urbane - Comuni di Cividale del Friuli, Buttrio e Remanzacco. Collegamento fognario delle acque nere della frazione di Sanguarzo al capoluogo di Cividale del Friuli. DICHIARAZIONI Il sottoscritto Ing. Alessandro Patriarca iscritto all Albo Professionale degli ingegneri della Provincia di Udine alla posizioni n 1464, in qualità di Responsabile del progetto in oggetto dichiara - ai sensi della L.R. n. 19 del 11/11/2009 (Codice regionale dell'edilizia) art.10 comma 10, che le opere da realizzare sono conformi agli strumenti urbanistici vigenti, nonché sono conformi alle prescrizioni edilizie, ambientali e paesaggistiche comunali vigenti; - ai sensi della Legge Regionale 09/05/1988 n. 27, art. 1 e successive modifiche ed integrazioni l osservanza dei lavori in progetto alle norme contenute nell art. 4 comma 1, lett. a) e b) della L. 64/1974; - che le aree interessate dai lavori in oggetto non sono vincolate ai sensi dalla ex L. n.1089/39 ora D.L. n. 42/04 Parte II (Beni culturali) e tanto meno ai sensi dalla ex L.431/85 ora D.L. n. 42/04 Parte III; - che le opere in progetto rientrano nella Categoria Opere Generali OG6 ai sensi del D.P.R. n. 34 del 25/01/2000; - che ai sensi del D.L. 152/2006, art. 186 e s.m.i. la parte di materiale di scavo non idoneo al riutilizzo in cantiere verrà destinato ad altro utilizzo nelle forme e nelle modalità previste dall elaborato Relazione sul riutilizzo dei materiali. il Responsabile del progetto ing. Alessandro Patriarca Laurea specialistica Sez. A Settori a ; b ; c - posizione n

13 ALLEGATO Estratto del P.R.G.C. vigente

14

15

Studio per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo

Studio per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo Studio per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo Premesse Ai sensi dell art. 185 e 186 del decreto legislativo 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, le terre e rocce da scavo riutilizzate

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

- REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine -

- REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine - - REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - Consulta d Ambito per il Servizio Idrico Integrato Centrale Friuli - Provincia di Udine - ACQUEDOTTO POIANA SPA TITOLO AGGIORNAMENTO DEL GENERALE DELLE FOGNATURE

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

INDICE. 1. Premessa... pag. 1. 2. Manuale d uso... pag. 1. 3. Manuale di manutenzione... pag. 7. 4. Programma di manutenzione... pag.

INDICE. 1. Premessa... pag. 1. 2. Manuale d uso... pag. 1. 3. Manuale di manutenzione... pag. 7. 4. Programma di manutenzione... pag. INDICE 1. Premessa... pag. 1 2. Manuale d uso... pag. 1 3. Manuale di manutenzione... pag. 7 4. Programma di manutenzione... pag. 12 1. PREMESSA Il presente piano di manutenzione vuole individuare gli

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

PIANO DI RICOSTRUZIONE DEL CENTRO STORICO DEL COMUNE DI CAMPOTOSTO. CENTRI STORICI di MASCIONI e di ORTOLANO Ambito F

PIANO DI RICOSTRUZIONE DEL CENTRO STORICO DEL COMUNE DI CAMPOTOSTO. CENTRI STORICI di MASCIONI e di ORTOLANO Ambito F PIANO DI RICOSTRUZIONE DEL CENTRO STORICO DEL COMUNE DI CAMPOTOSTO CENTRI STORICI di MASCIONI e di ORTOLANO Ambito F INTERVENTI SU SPAZI PUBBLICI E RETI DEI SOTTOSERVIZI - ATTESTAZIONE DEL NESSO DI CAUSALITA

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO COMUNE DI CESANO MADERNO (MB) FCE0113

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO COMUNE DI CESANO MADERNO (MB) FCE0113 BRIANZACQUE S.r.l. Sede Legale Viale Enrico Fermi 105-20900 MONZA (MB) Telefono 039262301 - Fax 0392130074 www.brianzacque.it - brianzacque@legalmail.it COMUNE DI CESANO MADERNO (MB) FCE0113 REALIZZAZIONE

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

INVESTIMENTI PREVISTI PER GLI SCENARI MASSIMALE E BILANCIATO...

INVESTIMENTI PREVISTI PER GLI SCENARI MASSIMALE E BILANCIATO... Piano Investimenti gestore ACQUEDOTTO POIANA SpA INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 INVESTIMENTI PREVISTI PER GLI SCENARI MASSIMALE E BILANCIATO... 3 3 BENCHMARK INVESTIMENTI DEL PIANO BILANCIATO ADOTTATO... 6

Dettagli

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E La presente relazione si riferisce al progetto dell intervento pubblico in attuazione Programmi Urbani Complessi - PUC2 Sistemazione

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO OGGETTO: STRADA DI COLLEGAMENTO ALL ACCESSO EST DELLO STABILIMENTO

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612

Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612 Provincia di ANCONA Settore X Viabilità Via Ruggeri, 5 60131 ANCONA Tel. 071 5894 284 Fax 071 5894 612 Progetto Esecutivo Oggetto : Realizzazione di una rotatoria all incrocio tra la S.P. n. 2 Sirolo-

Dettagli

1. INTERFERENZE CON I SERVIZI A RETE...2 2. ELENCO DELLE INTERFERENZE...4 3. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISOLUZIONE DELLE INTERFERENZE...6 4.

1. INTERFERENZE CON I SERVIZI A RETE...2 2. ELENCO DELLE INTERFERENZE...4 3. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISOLUZIONE DELLE INTERFERENZE...6 4. 1. INTERFERENZE CON I SERVIZI A RETE...2 2. ELENCO DELLE INTERFERENZE...4 3. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISOLUZIONE DELLE INTERFERENZE...6 4. SPOSTAMENTO DELLE LINEE ENEL BASSA E MEDIA TENSIONE (ENEL

Dettagli

Geometra Carlo Cecchetelli

Geometra Carlo Cecchetelli STUDIO CECCHETELLI Piazza XX Settembre n. 27/2-61032 FANO - tel. 0721/827780 Ditta : SORCINELLI GIANFRANCO SANTINI LUCIANA Oggetto : PIANO ATTUATIVO DEL COMPARTO DENOMINATO ST6_52 Comparto residenziale

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

RICHIESTA DI APPROVAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

RICHIESTA DI APPROVAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO 1 MARCA DA BOLLO TIMBRO DI RICEVUTA (spazio riservato all ufficio) Comune di Cesena SETTORE GOVERNO DEL TERRITORIO Servizio Attuazione Urbanistica Piazza Guidazzi 9, ridotto Teatro Bonci 1 piano 47521Cesena

Dettagli

MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA

MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA MISURA 125 - MIGLIORAMENTO E SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN PARELLELO CON LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO DELL AGRICOLTURA E DELLA SILVICOLTURA Provincia di Pistoia Dipartimento Pianificazione Territoriale,

Dettagli

La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del

La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del La presente relazione accompagna il progetto riguardante i Lavori di sistemazione del Cortile delle Carrozze nel complesso della Venaria Reale. Il cortile attualmente è occupato da un cantiere per la sistemazione

Dettagli

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE Accordo per il conferimento dei reflui fognari provenienti dal comune di Samarate e confluenti nel collettore esistente di via

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI SOLIERA ED. AIMAG S.p.A. PER I LAVORI DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA DELLA LOCALITA GRANDE ROSA ALLA RETE

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI SOLIERA ED. AIMAG S.p.A. PER I LAVORI DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA DELLA LOCALITA GRANDE ROSA ALLA RETE PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI SOLIERA ED AIMAG S.p.A. PER I LAVORI DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA DELLA LOCALITA GRANDE ROSA ALLA RETE FOGNARIA DI CARPI. (Prog. AIMAG 13/82-RETI). L anno duemilaquattordici

Dettagli

Sistema Tangenziale di Lucca Relazione Interferenze INDICE

Sistema Tangenziale di Lucca Relazione Interferenze INDICE INDICE PREMESSA... 2 1 ENTI CONTATTATI... 3 2 INTERFERENZE INDIVIDUATE... 5 2.1 ENEL... 5 2.2 GESAM... 5 2.3 SNAM... 5 2.4 TELECOM... 6 2.5 GEAL... 6 2.6 ELENCO DELLE INTERFERENZE INDIVIDUATE... 7 3 INDICAZIONI

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PRELIMINARE ART. 18 DEL D.P.R. 207/2010 A) DESCRIZIONE GENERALE L intervento afferisce la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria al servizio del piano

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 Dott. ng. LBRTO BLRDO scritto all albo di arese n. 2235 ia Quattro Novembre, N 57 21012 CSSNO MGNGO () NDC Premessa 2 Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 1) Tratto -B:

Dettagli

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI PROGETTO DI NUOVA DERIVAZIONE D ACQUA DAL TORRENTE MONGIA AD USO ENERGETICO - RELAZIONE DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA AI SENSI DEL R.D. 523/1904 - REGIONE PIEMONTE COMUNE DI FOSSANO PROVINCIA DI CUNEO PROGETTO

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN TRATTO DI FOGNATURA PUBBLICA PER ACQUE SU VIA DEL PONTE A SCOMPUTO ONERI DI URBANIZZAZIONE AI SENSI DELL'ART. 16 DEL D.P.R. 380/2001

Dettagli

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art.

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del D.Lgs n. 4 del 16/01/2008, ai fini della VERIFICA

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

COMUNE DI UDINE. OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI UDINE. OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI UDINE C.C. 28/09/2015 2 OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE Visto il vigente Piano Regolatore Generale Comunale approvato

Dettagli

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato P.IVAc.F 02095600397 / +390544404262 +393393051205 RELAZIONE TECNICA La presente domanda di Permesso di Costruire ha per oggetto l esecuzione delle Opere di Urbanizzazione in attuazione del Piano Particolareggiato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ

DISPOSIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ DISPOSIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ Articolo 1 - Oggetto delle disposizioni 1. Le presenti disposizioni

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ Articolo 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

C.U.P. D61H13001010001 N ELABORATO (DOCUMENT N )

C.U.P. D61H13001010001 N ELABORATO (DOCUMENT N ) c_2014 C. I.M. M.B. Progetto esecutivo REV. DATA (DATE) REDATTO (DRWN.BY) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT) CONTROL. (CHCK D) APPROVATO (APPR D) DESCRIZIONE (DESCRIPTION) INGEGNERIA ENERGIA - PROGETTAZIONE

Dettagli

RELAZIONI TECNICHE E SPECIALISTICHE

RELAZIONI TECNICHE E SPECIALISTICHE ai sensi dell art. 26 del D.P.R. 207/2010 lett. b) lett. g) lett. h) lett. l) Relazione di compatibilità idraulica Relazione tecnica impianti Relazione sulla sicurezza Relazione sulle interferenze 1 lett.

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Città di Spinea CASA DELL ACQUA Predisposizione area impianti Progetto preliminare Elaborato UNICO Spinea, 11.10.2013 Piazza del Municipio 1 30038 Spinea (VE) Tel.

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA OGGETTO: Recupero e ristrutturazione

Dettagli

PEC Via Omegna_Relazione Tecnico-Illustrativa

PEC Via Omegna_Relazione Tecnico-Illustrativa A PREMESSA L area delimitata da Via Omegna, Via Cumiana, Via Parma presenta attualmente una destinazione d uso artigianale (sono presenti capannoni e bassi fabbricati adibiti a differenti lavorazioni ed

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente Allegato A PROGETTO DI FORMAZIONE LAVORO ATTIVITA RELATIVE ALLA GESTIONE EDIFICI ED INFRASTRUTTURE STRADALI COMUNALI Di cui all art. 3, legge n. 863/1984 e successive modificazioni Attività e programmi

Dettagli

COMITATO ISTITUZIONALE

COMITATO ISTITUZIONALE COMITATO ISTITUZIONALE Verbale della Deliberazione n. 23 del 18 giugno 2015 Oggetto: Acque Veronesi scarl - Approvazione progetto definitivo Sistemazione rete fognaria Via Mangano Comune di San Giovanni

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Comune di Fano, Località Madonna Ponte, area ex zuccherificio Variante parziale al P.R.G. comunale redatta ai sensi della L.R. 34/92, art. 15, comma 4 Relazione computi metrici estimativi

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

G. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI- RICOSTRUZIONE PUBBLICA

G. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI- RICOSTRUZIONE PUBBLICA G. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI- RICOSTRUZIONE PUBBLICA RETI E SOTTOSERVIZI G.3 Relazione illustrativa degli interventi sulle reti ed i sottoservizi Per quanto attiene la programmazione degli interventi

Dettagli

AREA TECNICA SETTORE GRANDI INFRASTRUTTURE

AREA TECNICA SETTORE GRANDI INFRASTRUTTURE AREA TECNICA SETTORE GRANDI INFRASTRUTTURE SERVIZIO DI ARCHITETTURA E INGEGNERIA: PROGETTAZIONE PRELIMINARE DELLE OPERE DI REALIZZAZIONE DELLE GALLERIE E DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE STRADALE

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

Cantieri di cui al titolo IV del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Nota sull intervento delle aziende distributrici di pubblici servizi.

Cantieri di cui al titolo IV del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Nota sull intervento delle aziende distributrici di pubblici servizi. Pagina 1 di 7 Cantieri di cui al titolo IV del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Nota sull intervento delle aziende distributrici di pubblici servizi. Lo scopo della presente nota è quello di fissare alcuni criteri

Dettagli

Gorasso Loretta Gorasso Lucina

Gorasso Loretta Gorasso Lucina REPUBBLICA ITALIANA COMUNE di CAMPOFORMIDO PROVINCIA di UDINE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA DEFINIZIONE DEL AMBITO COMPRESO IN ZONA OMOGENEA C E SUDDIVISIONE IN LOTTI DELLE PROPRIETA DEI SIGNORI GORASSO

Dettagli

Messaggio municipale

Messaggio municipale Torricella-Taverne, 20 aprile 2014 Messaggio municipale No. 106-2014 che chiede la concessione di un credito di CHF 351'000.00 per la sostituzione della canalizzazione delle acque miste fognarie e il rifacimento

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI RONCADE PROGETTO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE SCHEDA DI ACCORDO N. 10 DITTA: Bassetto Elio, Bassetto Renato, Bresolin Gino, Geromel Sergio, Pellegrin Luigi e Damelico Severina

Dettagli

DETERMINAZIONE NUMERO: 115 DEL 31.05.2010

DETERMINAZIONE NUMERO: 115 DEL 31.05.2010 DETERMINAZIONE NUMERO: 115 DEL 31.05.2010 OGGETTO: Valutazione tecnico amministrativa del Progetto definitivo relativo ai Lavori di rifacimento del collettore fognario principale lungo la Roggia Molinara

Dettagli

Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 23100 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 00866790140

Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 23100 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 00866790140 Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 2300 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 0086679040 PIANO DI SVILUPPO DECENNALE 204-2023 INTRODUZIONE Il presente

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

Mq. 212,00 x euro 13,00 = Euro 2.756,00. Mc. 41,25 x euro 25,00 = Euro 1.031,25. Mt. 75,00 x euro 50,00 = Euro 3.750,00

Mq. 212,00 x euro 13,00 = Euro 2.756,00. Mc. 41,25 x euro 25,00 = Euro 1.031,25. Mt. 75,00 x euro 50,00 = Euro 3.750,00 Computo metrico estimativo: A)- BASATI ( Via S. Ansano Fognature) 1)- Demolizione con mezzo meccanico di pavimentazione in calcestruzzo,compreso trasporto a discarica del materiale di risulta. Mq. 212,00

Dettagli

37. AMBITO AVA FIUME SECCHIA OPERE DI INTERESSE PUBBLICO: CENTRALE IDROELETTRICA A VALLE DEL VIADOTTO DELLA STRADA PEDEMONTANA Il progetto di impianto idroelettrico è previsto su un area demaniale, a ridosso

Dettagli

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1 9.1 1 COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! (Frazione Mascarino) P.U.A - AREALE 9.1 NUOVO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE SITO NEL! COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE IN VIA G. RODARI IN VARIANTE AL PIANO OPERATIVO COMUNALE

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura Approvato dall'assemblea

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE PAESAGGISTICA RELAZIONE PAESAGGISTICA ai sensi dell art.159 del D.Lgs. 42/2004 e s.m.i. Allegata richiesta di attivazione della procedura di verifica di assoggettabilità a V.I.A. ai sensi dell art. 48 LR 10/2010 e dell

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI MONTESPERTOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con deliberazione C.C. n. 36 del 21.05.2012 Pagina 1 di 8 PREMESSA Il presente

Dettagli

SOMMARIO... Errore. Il segnalibro non è definito.

SOMMARIO... Errore. Il segnalibro non è definito. SOMMARIO... Errore. Il segnalibro non è definito. 1. PREMESSA... 2 2. TIPOLOGIA DI MATERIALI... 3 3. MODALITA DI RIMOZIONE... 6 4. SMALTIMENTO DEL MATERIALE... 7 5. RIPRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI...

Dettagli

C1202. Riferimento commessa: luglio 2013. prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica

C1202. Riferimento commessa: luglio 2013. prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650/60 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it www.citrasrl.it Riferimento commessa: C1202 luglio 2013 REV prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i.

RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i. RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i. Il/La sottoscritto/a Arch./Ing./Geom./Per.Ind. nato/a

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Allegato del Regolamento per l assegnazione di un lotto edificabile sito nella lottizzazione produttiva Crocetta del Capoluogo RELAZIONE DI PROGETTO PREMESSA

Dettagli

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004)

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004) Regione Piemonte Provincia di Cuneo CITTÀ DI SALUZZO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Anno 1996 : Approvato con DGR 26-7934 del 16.04.1996 Anno 2012 : Approvato con DGR 29-05-2012 n 16-3906 VARIANTE

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO COMUNE DI ODERZO PROVINCIA DI TREVISO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PUBBLICA INERENTE ALL AREA DENOMINATA EX-EUROPA SITA IN VIA DELLE GRAZIE A ODERZO in adeguamento all'app3 in Variante COMMITTENTE:

Dettagli

Variante al P.R.G. ed al Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Nel Comune di Rottofreno San Nicolò Denominazione : Viale dei tigli COMPARTO 15

Variante al P.R.G. ed al Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Nel Comune di Rottofreno San Nicolò Denominazione : Viale dei tigli COMPARTO 15 PROVINCIA di PIACENZA COMUNE di ROTTOFRENO- SAN NICOLO Variante al P.R.G. ed al Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Nel Comune di Rottofreno San Nicolò Denominazione : Viale dei tigli COMPARTO

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

A.S.A. S.p.A. POTENZIAMENTO DEPURATORE DI ROSIGNANO SOLVAY. Comune di Rosignano Marittimo PIANO DI GESTIONE TERRE E ROCCE DI SCAVO

A.S.A. S.p.A. POTENZIAMENTO DEPURATORE DI ROSIGNANO SOLVAY. Comune di Rosignano Marittimo PIANO DI GESTIONE TERRE E ROCCE DI SCAVO Associata al sistema Confindustria A.S.A. S.p.A. POTENZIAMENTO DEPURATORE DI ROSIGNANO SOLVAY Comune di Rosignano Marittimo PIANO DI GESTIONE TERRE E ROCCE DI SCAVO ai sensi del D.Lgs 156/06 s.m.i. e della

Dettagli

COMUNE di MONTECARLO

COMUNE di MONTECARLO S.C.I.A. n : COMUNE di MONTECARLO Provincia di Lucca Spazio riservato all ufficio DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO PER S.C.I.A. RELATIVA A INTERVENTI STRAORDINARI SUGLI IMMOBILI ESISTENTI - L.R. 24/09 Art.79

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI/COMMERCIALI Documentazione da

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012

DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL 02.10.2012 AUTORITà DI BACINO DETERMINAZIONE PROT N. 8498 / REP. N. 509 DEL Oggetto: Comune di Arzana - Studio di compatibilità geologica e geotecnica ai sensi dell art. 31 comma 6 lett. a delle N.A. del PAI inerente

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A COMUNI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

Relazione Tecnica Illustrativa

Relazione Tecnica Illustrativa Relazione Tecnica Illustrativa Gennaio 2015 1 OGGETTO: Progetto di Piano Urbanistico Attuativo (P.U.A.) di Iniziativa Privata Ambito Strada Riazzolo comparto Produttivo. Scheda POC n. 18. PREMESSA La presentazione

Dettagli

L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo

L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo PREMESSA L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo riguarda la realizzazione di collettori fognari di raccolta dei reflui provenienti da via Bressane laterale, zone nella frazione

Dettagli

COMUNE DI BIELLA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO

COMUNE DI BIELLA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO COMUNE DI BIELLA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con Deliberazione C.C. n. 155 del 20.12.2011 PREMESSA Il presente regolamento disciplina

Dettagli

1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2

1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2 INDICE 1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2 2. INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO------------------------------------------------3 3. LE INTERFERENZE----------------------------------------------------------------------------6

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree SCHEDA SINTETICA DESCRITTIVA RELATIVA ALL IMMOBILE SITO IN VIALE MONZA 148 Allegata all avviso per l attivazione

Dettagli