Parte prima Teoria e pratica del crisis management e della crisis comunication

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte prima Teoria e pratica del crisis management e della crisis comunication"

Transcript

1

2 Luca Poma Giampietro Vecchiato LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL CRISIS MANAGEMENT Come comunicare la crisi: strategie e case history per salvaguardare la business continuity e la reputazione Con la collaborazione di Enrico Finucci Prefazione di Elio Borgonovi

3 Sommario 9 Prefazione di Elio Borgonovi 15 Introduzione Parte prima Teoria e pratica del crisis management e della crisis comunication Che cosa bisogna sapere sulle situazioni di crisi Che cos è una crisi? Le cause di una crisi Tipologie e classificazioni delle crisi Come si distingue una crisi da un falso allarme Caratteristiche principali di una crisi Dinamica di una crisi Che cosa non fare mai in una situazione di crisi Crisi, fiducia e reputazione I possibili scenari di crisi: l esempio di un industria farmaceutica Crisis management e crisis communication Definizione della disciplina del crisis management Fase I: Research. Che cosa fare prima della crisi Fase II: Response. Siamo in crisi? Si, la crisi è iniziata Fase III: Recovery. La crisi finisce: che cosa fare dopo? La comunicazione del rischio Una società sempre più fragile

4 6 SOMMARIO Il rischio e il risk management Tecnosfera vs. demosfera Le euristiche del rischio Il concetto di outrage Strategie per coinvolgere il pubblico Princìpi di risk communication La comunicazione dei dati tecnici quantitativi Evitare la paura della paura I mass media e la comunicazione del rischio Comunicazione del rischio e fiducia Crisis communication e media relation Le crisi e i media Due prospettive molto differenti Il giornale come un impresa e una missione La copertura mediatica di una crisi Media relation e crisi Crisi e nuovi mass media Nuove minacce e nuove opportunità Le caratteristiche dei nuovi media Princìpi di crisis communication in internet Le minacce dei siti internet Le minacce dei social media Le opportunità di internet Parte seconda Case history dal mondo delle aziende e delle istituzioni Un settore critico: l alimentare Il settore alimentare: una categoria merceologica molto sensibile alle situazioni di crisi La percezione del rischio nel settore alimentare La comunicazione del rischio nel settore alimentare I cambiamenti e le problematiche del settore Le crisi tipiche Un caso di crisi che ha fatto storia, raccontato minuto per minuto: E. Leclerc I protagonisti della vicenda

5 SOMMARIO Cronologia degli eventi (25 ottobre-16 novembre 2005) Che cosa è successo a Soviba? La reazione dei media La gestione di crisi di E. Leclerc La comunicazione di crisi di E. Leclerc Una gestione di crisi apprezzata Un altro caso minuto per minuto : The Coca-Cola Company in Belgio e la gestione della paura I protagonisti della vicenda Lo scandalo diossina Cronologia degli eventi (maggio-giugno 1999) Che cosa è successo realmente? La reazione dei media: una vicenda attraente La gestione di crisi di The Coca-Cola Company La comunicazione di crisi di The Coca-Cola Company I danni maggiori colpiscono il fattore fiducia La comunicazione di crisi nel settore aeronautico In collaborazione con Francesca Concina Peculiarità del settore e tipologia di crisi cui è esposto La risposta organizzativa delle compagnie aeree La cultura della comunicazione di crisi L importanza del training nella comunicazione di crisi La comunicazione di crisi in seguito a un incidente aereo Conclusioni Crisis e istituzioni La comunicazione di crisi nel settore politico Cronaca di una grave crisi di reputazione: il Vaticano e il dossier pedofilia In collaborazione con Sara Venditti Schede di approfondimento su altri casi di interesse L esposizione in prima linea del vertice aziendale: i casi Union Carbide e ThyssenKrupp WikiLeaks: una campagna di comunicazione planetaria gestita minuto per minuto BP - British Petroleum: la distruzione di un ecosistema e la crisi di un marchio

6 8 SOMMARIO Guna: industria farmaceutica vs. agenzie stampa Galbani: quando la crisi degli altri ci riguarda da vicino Giù le Mani dai Bambini: una campagna multistakeholder che precipita in una crisi Playstation Sony: dove sono finite le nostre carte di credito? 373 Bibliografia

7 Prefazione Crisi, comunicazione e fiducia/reputazione è la triade di contenuti che caratterizza questo libro. Crisi è diventato un termine con il quale dal 2007 l opinione pubblica convive quotidianamente, non perché in precedenza non vi fossero state crisi, ma perché quella scoppiata nel 2007 e apparsa evidente nel 2008 si è caratterizzata da subito come crisi sistemica. Essa nata secondo molti in occasione della crisi della Royal Bank of Scotland, salvata dal governo inglese, o in occasione dell insolvenza di Fannie Mae e Freddie Mac, salvate dal governo statunitense, o del fallimento di Lehman Brothers si è poi propagata all intera economia del mondo occidentale, nel con la caduta della fiducia reciproca tra le banche e nel con il braccio di ferro tra Usa ed Europa sulla stabilità finanziaria e il ruolo dell euro. Questa situazione di forte incertezza ha coinvolto anche economie in forte crescita e caratterizzate da rilevanti investimenti in titoli di Stato, Stati esportatori di petrolio, e infine anche la Cina. Tuttavia, questa crisi internazionale ha lasciato nella penombra un altra tipologia di crisi, sulla quale si concentra invece il contributo della guida: le crisi di imprese non riconducibili alla situazione economica generale. Molte sono le imprese che hanno sofferto stravolgimenti in termini di riduzioni drammatiche del fatturato e degli utili, perdite di quote di mercato, sovradimensionamento degli organici e conseguenti politiche di licenziamento o di delocalizzazione. Ma ognuna di queste situazioni, oltre ad aver trovato impreparata la quasi totalità degli economisti, manager, analisti finanziari e opinionisti, ha in un certo senso perso la propria specificità. Gli autori, al contrario, analizzano e propongono indicazioni utili ad affrontare proprio le crisi dovute a fattori specifici di destabilizzazione delle imprese, in un libro corredato da numerosi casi di studio.

8 10 PREFAZIONE La comunicazione è a sua volta una delle caratteristiche proprie del mondo globalizzato, grazie alla presenza di nuovi media e delle reti. Le informazioni si diffondono rapidamente, e arrivano a moltissimi soggetti, che possono avere interessi diretti o indiretti nell impresa. Il modo in cui le informazioni si propagano e sono comunicate ai diversi destinatari è l essenza di un processo di comunicazione, e non di rado è di fatto più rilevante della dimensione stessa degli effetti reali della crisi. Eventi di per sé poco significativi possono essere ingigantiti, e situazioni che nulla hanno a che fare con l impresa possono avere riflessi molto negativi sulla stessa: è il caso ad esempio dei rischi alimentari connessi a casi di sofisticazione o di danni alla salute di pochi individui, che però si ripercuotono sui comportamenti di milioni di consumatori, oppure di eventi gravi e drammatici ancorché statisticamente poco frequenti che possono colpire e danneggiare la reputazione dell impresa, come avviene nel caso di gravi incidenti aerei. Il terzo vertice del nostro triangolo è costituito dalla fiducia e dalla reputazione, che sono a loro volta elementi cruciali di un sistema quello economico caratterizzato dalle cosiddette profezie che si autoavverano. Infatti, come le attese su aumenti di prezzo determinano proprio la corsa agli acquisti, che poi provoca gli aumenti previsti o temuti, così la fiducia in un impresa e nel suo indice reputazionale determinano atteggiamenti positivi dei diversi portatori di interessi nei suoi confronti, mentre al contrario la sfiducia o il pregiudizio alla sua reputazione determinano atteggiamenti negativi da parte degli utenti e del mercato. Ciò, peraltro, con un asimmetria di fondo: mentre la fiducia e la reputazione si costruiscono in tempi lunghi, la sfiducia o la caduta della reputazione possono essere determinati da fattori imprevisti, a volte non controllabili, che hanno però riflessi immediati nel breve periodo. Una corretta gestione delle situazioni di crisi diventa quindi uno strumento fondamentale per affrontare questa asimmetria ed evitare che l impegno, la professionalità e la dedizione che manager e altri collaboratori hanno profuso per molti anni possano essere vanificati o messi in discussione a causa di una situazione di crisi semplicemente mal gestita. Gli autori si addentrano in questa complessa, e per molti aspetti scarsamente esplorata materia, partendo da una chiara analisi del problema: che cos è una crisi, e più nello specifico cos è una crisi di reputazione, quali sono le cause di una crisi, come si distingue una crisi da un falso allarme, qual è la dinamica di una crisi, sono alcune tra le domande poste nel primo capitolo. In esso si sottolinea in particolare la tassonomia e si dà una prima indicazione di merito: che cosa non bisogna fare all approssimarsi di una crisi. Banalizzando, come nella vita di società occorre evitare di fare gaffe, ad esempio sbilanciandosi sull età di una signora o esprimendo apprezzamenti non lu-

9 PREFAZIONE 11 singhieri su qualcuno in presenza di estranei che potrebbero conoscerlo, scopriremo che a volte nella vita delle imprese è spesso più dannoso fare passi affrettati ed erronei piuttosto che non fare nulla. Ovviamente gli autori non si limitano a segnalare che cosa non occorre fare, ma nel secondo capitolo danno indicazioni su cosa bisogna fare, o per meglio dire su cosa è più opportuno fare. Individuano le tre fasi principali, quella della prevenzione e anticipazione della situazione di crisi, con un particolare rilievo al tema della collegialità espressa plasticamente con i concetti di crisis team e crisis room ; quella della risposta, con una particolare attenzione alla velocità che qualifica i primi 180 minuti di una crisi, e al ruolo di alcuni personaggi chiave, quali il portavoce e il leader nei periodi di crisi; infine quella della ripresa post-crisi, nella quale è ancora importante la rapidità con la quale si attua un programma di rilancio, di motivazione del personale e di recupero della reputazione. Probabilmente coinvolti dalla passione e dall entusiasmo per questo lavoro, gli autori forse esagerano nel definire il crisis management una disciplina, ma ciò che è certo è che hanno sicuramente ragione nell affermare che la gestione di questi processi richiede un approccio multidisciplinare o interdisciplinare. Nei capitoli 3, 4 e 5, il libro si concentra poi sugli aspetti specifici del processo di comunicazione attraverso i mass media. Nel capitolo 3 si mette in evidenza come in una società fragile e da parte mia aggiungerei sempre più interdipendente aumentino le condizioni di rischio, e come quindi la crisi sia sempre in agguato. Di qui la necessità di avere una chiara e organica mappatura dei rischi di ogni tipo: tecnici, amministrativi, di comportamenti non opportuni o addirittura illeciti che possono determinarsi nell impresa, di qualità dei prodotti, di rapporti con i clienti e di relazione con le comunità dei territori in cui opera l impresa, adottando metodologie che hanno anche un elevato contenuto tecnico. Solo un organica mappatura dei rischi consente infatti di organizzare risposte strategiche al loro manifestarsi, evitando risposte emotive, irrazionali o casuali. Nel capitolo 4, dopo aver analizzato in termini generali il rapporto con i mass media, l esposizione si concentra sui rapporti con i media convenzionali. Va sottolineata la riflessione sul giornale come impresa, forse sarebbe meglio dire sugli editori di giornali come imprese, ma soprattutto il concetto di giornale come missione, che mostra come i media dovrebbero attenersi al principio del giornalismo moderno, secondo il quale i fatti sono sacri, le opinioni sono libere, atteggiamento purtroppo sempre meno frequente. Centrale nel capitolo 5 è il ruolo della rete, di internet e dei social network: sono i moderni media, sempre meno controllabili dai cosiddetti poteri forti sia politici sia economici, quelli verso i quali i manager spesso hanno ancora minore familiarità. Molti

10 12 PREFAZIONE di questi poteri sono anzi tendenzialmente preoccupati dalla minaccia costituita da internet e dai social network, mentre in una strategia di comunicazione della crisi specialmente in quella di risposta e in quella di rilancio la rete può diventare una concreta opportunità di dialogo con il pubblico. Un efficace uso della rete può essere infatti uno strumento per modificare le percezioni e le reazioni emotive degli stakeholder a una situazione di crisi, sia all interno dell impresa sia all esterno. La seconda parte della guida presenta in modo dettagliato una serie di casi di studio, che rappresentano in modo emblematico differenti situazioni di crisi. Il capitolo 6 si concentra sulla crisi nell ambito di un settore quello alimentare particolarmente sensibile alle notizie e alla loro diffusione. Basti pensare agli esempi della mucca pazza, l influenza aviaria, dei cetrioli spagnoli poi rivelatisi innocenti e probabilmente vittime di una guerra commerciale, ai periodici casi di sofisticazioni di prodotti o di cattive condizioni igienico-sanitarie diffusi dai mass media. I capitoli 7 e 8 si fanno apprezzare anche per il genere letterario utilizzato dagli autori: la descrizione minuto per minuto di due crisi tra loro diverse per genesi e natura, ma simili nelle procedure con cui sono state affrontate. Anche il capitolo 9 affronta la tematica di un settore quello aeronautico nel quale spesso il problema è essenzialmente la gestione del singolo incidente grave, soprattutto per quanto riguarda l assistenza psicologica nei confronti dei parenti dei passeggeri. Pianificare le situazioni di crisi, eliminare le incertezze nelle comunicazioni che devono arrivare in tempi rapidissimi orario di arrivo, certezza per la compagnia aerea dell avvenuto incidente, comunicazione ai parenti nelle sale di attesa, nonché formare tutto il personale che può avere contatti con il pubblico nel caso di incidenti, sono azioni che consentono di affrontare le drammatiche situazioni degli incidenti aerei. Non meno importanti, ma sicuramente meno critici, sono gli interventi di comunicazione finalizzati a recuperare la reputazione della compagnia e a ricostituire il senso di sicurezza per chi la utilizzerà in futuro. Dopo un interessante disamina delle situazioni di crisi nelle istituzioni, cui è dedicato il capitolo 10, nel capitolo 11 infine sono presentati in modo più sintetico altri sette casi di crisi aziendali, molto differenti tra loro. Gli autori dimostrano di possedere una grande conoscenza di questa tematica, sviluppata in anni di attività professionale come giornalisti ed esperti di comunicazione: hanno raccolto in modo meticoloso una precisa documentazione su molti casi di gestione dei rischi di impresa, tra i quali hanno scelto quelli più significativi. Ciò gli ha consentito di proporre, nella prima parte, una significativa e originale sistematizzazione teorica e, nella seconda parte, una nutrita messe di casi a supporto della teoria.

11 PREFAZIONE 13 Un testo che si rivela quindi utile per i comunicatori, per i manager delle imprese, ma anche per gli studiosi e gli accademici che in corsi universitari o post-esperienza intendano affrontare la tematica della comunicazione di crisi con il supporto di un efficace strumento didattico. Elio Borgonovi Professore ordinario di Economia delle Aziende e delle Amministrazioni pubbliche - Università Bocconi di Milano

12 Introduzione Nell ultimo decennio grandi aziende, multinazionali, banche d affari e altre organizzazioni complesse sono cadute vittime della loro intrinseca arroganza, incapaci di strutturare anticorpi efficaci per far fronte a gravi situazioni di crisi. Ad esempio, la disorientata frase Scusate, abbiamo un problema, lo stabilimento va a fuoco: avete una stanza dove poterci riunire lontano da occhi indiscreti? è stata realmente pronunciata dal manager di una nota multinazionale, che fattura complessivamente oltre 53 miliardi di euro ed è presente in decine di Paesi del mondo, mentre un loro grande stabilimento andava a fuoco causando la morte di sette operai e un successivo scandalo che tenne banco sulle prime pagine della cronaca nazionale per un intero semestre, disastro per il quale l azienda sta pagando ancor oggi a distanza di anni un caro prezzo in termini di reputazione e che ha evidenziato la totale incapacità di quell organizzazione di far fronte a una crisi grave, eppure per certi versi prevedibilissima. Vari autori hanno dato contributi sostanziali allo studio del crisis management e delle strategie di comunicazione in situazioni di crisi, innovando la materia su come prevedere scenari e come rapportarsi con i propri pubblici in situazioni di stress dell organizzazione tali da pregiudicare la business continuity, ma ci sono alcuni segreti del mestiere che noi consulenti siamo quasi sempre restii a rivelare, quasi fossimo vittime del luogo comune se dico tutto... perchè poi dovrebbero ingaggiarmi?. Con questa guida che vuol essere un compendio ragionato di quanto già noto sul tema e nel contempo un articolato insieme di nuovi spunti di riflessione, e per la descrizione dettagliata del quale vi rimandiamo all autorevolissima prefazione del professor Elio Borgonovi abbiamo deciso di dare un contributo per certi versi originale: colmare un vuoto, in perfetto stile web 2.0, raccontandovi anche tutto ciò che non vi è mai stato detto dagli esperti sulla gestione operativa di una situazione di crisi.

13 16 INTRODUZIONE Siete degli impreditori e dopo lo studio di questo volume potrete organizzarvi internamente, in autonomia, e avrete quindi meno bisogno dell apporto di consulenti come noi e come gli autorevoli colleghi che citiamo come fonti nelle note? Forse, anche se un libro per quanto completo mai potrà sostiture efficacemente un consulente in carne e ossa, così com è impensabile mettersi a sfogliare il manuale di istruzioni dell aereo mentre il velivolo sta già precipitando. Comunque sia, se la vostra cultura sul crisis management e sulla crisis communication si rafforzerà grazie alla lettura di questo volume, e se inizierete a implementare strumenti di crisis management efficaci nella vostra azienda, non potremo che esserne felici: avremo contribuito in parte alla maturazione del sistema imprenditoriale italiano, che troppo spesso trascura la fase di prevenzione e organizzazione, per la stessa ragione per la quale finisce per interrogarsi sulle proprie coperture assicurative puntualmente solo dopo che è avvenuto il sinistro... Come dicevano Tapscott e Williams: I mercati sono diventati conversazioni, le aziende devono capire che i tempi dei monologhi sono finiti. Questo deve valere anche per i rapporti tra professionisti e imprenditori: la parola chiave del ventunesimo secolo a nostro avviso dev essere condivisione di saperi. Con piacere, compatibilmente con lo spazio a nostra disposizione in questo volume, abbiamo quindi deciso di condividere le nostre conoscenze con voi.

14 58 TEORIA E PRATICA DEL CRISIS MANAGEMENT E DELLA CRISIS COMMUNICATION 2.2 Fase I: Research. Che cosa fare prima della crisi Come ci si prepara a una crisi? Il ciclo di Deming Per gestire una crisi occorre saper imparare rapidamente; per imparare rapidamente nel corso di una crisi è necessario aver imparato molto tempo prima. PATRICK LAGADEC La corretta gestione di una situazione di crisi incomincia molto prima che si verifichi o si possa manifestare un evento negativo. Lo stadio iniziale del crisis management è infatti quello definito di preparazione, ovvero di research. Purtroppo però capita spesso che i manager delle organizzazioni scoprano l importanza di questa fase solo dopo aver provato sulla propria pelle la drammaticità della sua mancanza o carenza. Un caso internazionale eclatante e facilmente richiamabile alla memoria anche dei non addetti ai lavori è la scomparsa nel giro di poco più di tre mesi in relazione a gravi scandali finanziari di società multinazionali da essa certificate della seconda società di revisione contabile al mondo, la Arthur Andersen, fondata dall omonimo esperto revisore nel Come una vera e propria istituzione, riconosciuta come best-in-class del suo settore da oltre ottant anni e protagonista delle più grandi operazioni di merger & acquisition del ventesimo secolo negli Stati Uniti, possa letteralmente scomparire nell arco di novanta giorni o poco più è un caso lampante di totale incapacità di previsione del rischio e della crisi, nonché un evidente dimostrazione dell importanza di questa disciplina: se un disastro del genere può colpire una società delle dimensioni della Arthur Andersen, può colpire chiunque. I responsabili delle imprese faticano però a comprendere come tutte le aziende corrano stabilmente il rischio di essere colpite da una crisi: non esistono infatti organizzazioni che si possano ritenere immuni. Inoltre, tali eventi sono molto più probabili di quel che si stima comunemente, soprattutto se si ragiona in un ottica a lungo termine. Questo non vuol dire che l atteggiamento dell organizzazione debba essere passivo o fatalista: al contrario l azienda deve essere consapevole che la preparazione e la prevenzione verso gli eventi critici è di fondamentale importanza per la propria crescita e sopravvivenza, poiché l illusione che tutto vada bene è piuttosto una speranza vana in un ottica a lungo periodo. Oggi non è più possibile per un azienda sottovalutare l eventualità di essere colpiti da una crisi: la preparazione e la prevenzione sono da considerarsi ormai doverose nei confronti degli stessi membri dell organizzazione e della società in cui opera. Il primo obiettivo dei professionisti di crisis management è proprio quello di far raggiungere ai manager delle imprese la consa-

15 CRISIS MANAGEMENT E CRISIS COMMUNICATION 59 pevolezza della necessità della prevenzione e della programmazione come strumenti di difesa per proteggere e preparare l organizzazione agli eventi critici. Il secondo obiettivo è quello di creare una corretta mentalità con la quale approcciarsi a questa disciplina: la domanda che ci si deve porre quando si pensa alla gestione di una crisi non è se l azienda si potrà trovare a fronteggiare o meno una situazione critica, ma Quando e come l organizzazione verrà colpita da un evento negativo?, Quale crisi potrà verificarsi? e Di che portata sarà?. Ma soprattutto: L azienda sarà capace di gestirla in modo efficace? (Norsa 2002). La business continuity di un azienda dovrebbe venir pianificata secondo il cosiddetto ciclo di Deming (Deming Cycle), detto anche dagli addetti ai lavori ciclo PDCA, così chiamato dal nome del suo ideatore Edward Deming negli anni Cinquanta. A quell epoca il controllo qualità si limitava a una fase di collaudo finale e le ispezioni successive al collaudo prevedevano solo la possibilità di scartare eventuali pezzi difettosi identificati nei controlli a campione. Seguendo tale logica di verifica a posteriori, era possibile aumentare il grado di qualità della produzione solo aumentando le ispezioni, e quindi aumentando proporzionalmente i costi. Le aziende giapponesi si affidarono a esperti americani, tra i quali Edward Deming, appunto, per introdurre degli strumenti atti ad assicurare un progressivo e costante miglioramento della qualità. Deming codificò un semplice modello, utile per il miglioramento continuo della qualità in un ottica a lungo raggio e per promuovere una cultura della qualità tesa all incessante miglioramento dei processi e all utilizzo ottimale delle risorse aziendali. Questo strumento parte dall assunto che per il raggiungimento del massimo della qualità è necessaria una costante interazione tra quattro fasi, che devono susseguirsi costantemente in una sequanza logica (figura 2.2): P - Plan (programmazione), ovvero viene elaborata una lista di possibili aree di crisi e un ipotesi di procedura per risolverle; D - Do (esecuzione), ovvero la procedura viene applicata secondo il programma, ma in contesti circoscritti, effettuando simulazioni di scenari di crisi; C - Check (test e controllo), ovvero studio e raccolta dei risultati e dei feed - back derivanti dall applicazione della procedura; A - Act (azione), ovvero il processo viene migliorato sulla base del feedback ottenuto, e quindi reso definitivo e ampliato in tutto il suo ambito d applicazione.

16 60 TEORIA E PRATICA DEL CRISIS MANAGEMENT E DELLA CRISIS COMMUNICATION Figura 2.2 Il ciclo di Deming Intervento: - Individuazione problemi e cause - Definizione obiettivi - Definizione direzioni di intervento ACT PLAN Pianificazione: - Individuazione dei progetti - Definizione priorità - Piano triennale CHECK DO Verifica: - Misurazione qualità - Verifica dei risultati - Valutazione andamento progetti Realizzazione: - Predispozione piani operativi - Pareri - Realizzazione progetti Il ciclo in un ottica di formazione permanente e miglioramento continuo viene teoricamente ripetuto all infinito in azienda, o comunque periodicamente riproposto con il mutare delle condizioni ambientali, al fine di perfezionare sempre più le procedure e mantenerle adeguate al contesto. I giapponesi, come loro uso, hanno poi perfezionato il metodo, dando forma e codificando questo sistema circolare in modo da renderlo applicabile a qualunque procedura aziendale. Oggi come oggi il concetto di far girare costantemente la ruota di Deming per generare un miglioramento continuo è esteso a tutte le fasi del management: di fatto, lo stesso concetto di area test, adottato da ogni direttore marketing per la verifica dell indice di gradimento di un prodotto su di un territorio di distribuzione circoscritto (con conseguente raccolta di interviste ai consumatori, prima del lancio vero e proprio su scala nazionale), si rifà nel suo modello teorico al ciclo di Deming. Questo metodo, che viene incontro anche alle più elementari regole di buon senso, è uno strumento utile per sviluppare procedure per la gestione di situazioni di crisi potenziale. Puntualmente, per nostra esperienza, le prime situazioni di crisi arrivano all attenzione del management prima del raggiungimento di un livello accettabile di standardizzazione delle procedure di gestione delle crisi stesse, e costituiscono quindi nel concreto il primo reale banco di prova per un crisis manager.

17 CRISIS MANAGEMENT E CRISIS COMMUNICATION 111 dizio a una credibilità già compromessa. Si può invece provvedere alla formazione di un vicario, così da poter contare su di un altra risorsa da porre in campo in caso di indisponibilità del primo, ma all atto dell attivazione delle procedure di crisi il portavoce con facoltà di parlare ai pubblici dell azienda deve essere uno solo per tutta la durata della crisi Le caratteristiche del leader Nei momenti di crisi i manager devono comunicare di più, essere a fianco del loro staff, rassicurare e confortare le persone. JACK WELCH La gestione di una crisi esalta il ruolo del leader. È durante questa fase che il boss di un azienda deve prendere la situazione in pugno e dare l esempio a tutti. Un organizzazione colpita da un evento negativo modifica la propria struttura da democratica in assoluta, diventando come un organismo militare, dove un unico uomo, circondato da fidati consiglieri, si deve prendere delle responsabilità e compiere scelte difficili. Quando i tempi si fanno duri il capo deve essere vicino ai propri dipendenti, poiché essi necessitano di un contatto diretto. Nelle situazioni eccezionali gli ordinari messaggi del Ceo non bastano più, ci vuole, in via straordinaria, la sua diretta presenza che comunichi anche senza bisogno delle parole la forza, l impegno e la fiducia che i dipendenti richiedono. Questo capita a tutti i livelli e negli ambiti più diversi, dalla squadra di calcio, che dopo una serie di risultati negativi riceve la visita del presidente negli spogliatoi o durante l allenamento successivo, agli eventi drammatici come quelli dell 11 settembre 2001, quando l allora sindaco di New York Rudolph Giuliani accorse immediatamente per le strade della città per essere accanto alla gente comune e mostrare che le istituzioni pubbliche erano presenti. Secondo Pat Rowe, esperto americano di crisis management, il leader di un organizzazione deve avere almeno dieci qualità principali per gestire al meglio una situazione di crisi (www.bernsteincrisismanagement.com): 1. realismo: un leader sa vedere le cose per quello che sono, senza sottrarsi alla realtà; 2. strategia e dettaglio: un leader sa vedere sia il minimo particolare che il quadro generale, sia a breve che a lungo periodo; 3. opzioni multiple: il boss continua a cercare altre soluzioni anche quando ne ha già una in mente, perché non crede a priori che la sua idea sia sicuramente la migliore e sa metterla in discussione;

18 112 TEORIA E PRATICA DEL CRISIS MANAGEMENT E DELLA CRISIS COMMUNICATION 4. decisionismo: il capo di un azienda si assume fino in fondo le responsabilità delle decisioni che prende; 5. collaborazione: un leader sa identificare i giusti stakeholder con i quali collaborare per trovare una soluzione condivisa; 6. consigli impopolari: un boss sa ascoltare chi ha un punto di vista diverso dal proprio, evita che si sviluppi un meccanismo di group think all interno del crisis team e cerca sempre nuove prospettive attraverso cui vedere le cose; 7. calmo, coraggioso, positivo: anche sotto pressione, un leader sa resistere allo stress e all ansia, mantenere la calma, comunicare positivamente con i propri interlocutori e prendere le decisioni che ritiene migliori per l organizzazione, anche se a prima vista sembrano impopolari; 8. rischio: davanti a un rischio il boss si assume le proprie responsabilità e stabilisce quale rischio calcolato vale la pena affrontare; 9. regola dell 80%: un leader sa che anche in assenza di tutte le informazioni per decidere è meglio fare una scelta piuttosto che restare immobili; 10. errori: il boss sa ammettere prontamente i propri errori davanti al suo team, senza imbarazzi né reticenze (a proposito di errori, si veda il riquardo sotto). Gli errori tipici dei leader nella crisis communication (Jonathan Bernstein) 1. Iniziare a pensare alle potenziali situazioni di crisi solo quando queste sono ormai diventate pubbliche. 2. Trattare i media come nemici. 3. Reagire passivamente anziché proattivamente. 4. Usare un linguaggio incomprensibile per l audience. 5. Non ascoltare i propri stakeholder. 6. Assumere che la verità alla fine comunque trionferà. 7. Pensare solo ai fatti e non alle emozioni. 8. Comunicare solo attraverso messaggi scritti. 9. Stimare il rischio tirando a indovinare. 10. Ripetere una stessa azione più e più volte nella speranza che prima o poi il risultato cambi da solo.

19

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

IL SALTO DI QUALITà DEI NUMERI UNO

IL SALTO DI QUALITà DEI NUMERI UNO MARINA CAPIZZI ULDERICO CAPUCCI IL SALTO DI QUALITà DEI NUMERI UNO Leadership degli scopi, valore e modelli di management in un indagine sul ruolo dei capi d azienda italiani all epoca della crisi Marina

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 IL SISTEMA GESTIONE QUALITA DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 Col termine know-how ( so come ) si definisce il patrimonio brevettuale e brevettabile di un azienda, per la quale rappresenta

Dettagli

Second Opinion. Business reliability and values creation. November 2013 Second Opinion. rel 2.0

Second Opinion. Business reliability and values creation. November 2013 Second Opinion. rel 2.0 Second Opinion Business reliability and values creation November 2013 Second Opinion. rel 2.0 A differenza e di altri documenti, ou i,pepaaii preparati in precedenza, pee e questo va inteso esclusivamente

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

GUIDA ELETTRONICA ALLA VITA DIGITALE. 5 motivi per cui gli stratagemmi del social engineering funzionano

GUIDA ELETTRONICA ALLA VITA DIGITALE. 5 motivi per cui gli stratagemmi del social engineering funzionano GUIDA ELETTRONICA ALLA VITA DIGITALE 5 motivi per cui gli stratagemmi del social engineering funzionano Che cos è il social engineering? Il social engineering è l arte di raggirare le persone. Si tratta

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli