OPEN-XCHANGE. Procedura d'installazione su piattaforma Linux Mandrake Stefano Bordini Rel.: 1.1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OPEN-XCHANGE. Procedura d'installazione su piattaforma Linux Mandrake 10.1. Stefano Bordini stefano.bordini@gmail.com Rel.: 1.1"

Transcript

1 OPEN-XCHANGE Procedura d'installazione su piattaforma Linux Mandrake 10.1 Stefano Bordini Rel.: 1.1

2 Ringraziamenti Desidero ringraziare: Il team Open-Xchange Mike Fetherston (Open-Xchange on Gentoo) Fabrice Ch-Anglay (Open-Xchange on Fedora Core 3.0) e tutti coloro che, partecipando al Forum OX e offrendo il proprio contributo sul sito Open-Xchange Wiki, mi hanno aiutato a scrivere questa documentazione. 2

3 Definizione dei prerequisiti del sistema Questa guida contiene le informazioni necessarie all'installazione di Open-Xchange. In queste pagine non sarà descritta la procedura d'installazione di Linux Mandrake, ma saranno indicati i pacchetti necessari all'installazione di OX e la loro configurazione. I pacchetti in questione sono i seguenti: Nome Webmin PostgreSQL Apache2 OpenLDAP Postfix Cyrus Tomcat Descrizione Tool di amministrazione remota via web Database relazionale Web server LDAP server SMTP server IMAP/POP3 server Servlet container E' consigliabile utilizzare Mandrake Control Center per installare/aggiornare il software. Gli aggiornamenti possono essere effettuati tramite uno dei siti FTP raggiungibili cliccando su Mandrake Updates. 3

4 Installazione WEBMIN Webmin fornisce un'interfaccia web-based in grado di amministrare da remoto un sistema Linux. Questo tool fornisce gli strumenti per gestire le utenze, l'hardware, i logs, i servizi in esercizio sul sistema. In effetti la sua presenza non è indispensabile ai fini dell'installazione di Open-Xchange, tuttavia è uno stumento estremamente comodo che facilita notevolmente i processi di configurazione. Dopo aver installato il pacchetto tramite i files RPM a corredo della distribuzione, avviare il servizio tramite Mandrake Control Center o da riga di comando, digitando service webmin start Verificare che tutto funzioni correttamente utilizzando un browser, specificando l'indirizzo https://localhost:10000 oppure Installazione/configurazione di PostgreSQL Dopo aver installato PostgreSQL dagli RPM a corredo della distribuzione Linux Mandrake, è opportuno modificare alcuni file di configurazione. Aprire il file: /var/lib/pgsql/data/postgresql.conf ed assicurarsi che sia presente/attiva la seguente istruzione: tcpip_socket = true Aprire il file: /var/lib/pgsql/data/pg_hba.conf ed aggiungere, se non sono presenti, le seguenti righe: local all all trust host all trust commentando, se esiste, questa riga: #local all all ident sameuser IMPORTANTE: la mancanza del pacchetto perl-dbd-pg potrebbe causare degli errori in fase di startup del servizio. Assicurarsi che tale pacchetto sia installato correttamente. 4

5 Creazione del database e delle utenze per Open-Xchange Open-Xchange ha bisogno di un'utenza/gruppo e di un database (PostgreSQL) definiti sul sistema per essere installato correttamente. Per questo motivo è necessario aprire una shell e digitare quanto segue: Comando Descrizione useradd ox su postrgres createuser -A -D -P openexchange createdb openexchange exit Definisce utenza/gruppo sul sistema operativo switch sull'utenza di servizio PostgreSQL crea l'utenza openexchange all'interno del database crea un database chiamato openexchange ritorna all'utenza root A questo punto è possibile utilizzare Webmin per verificare il funzionamento di PostgreSQL. Dopo aver effettuato il logon con Webmin, cliccare su Servers PostgreSQL Database Server. Se tutto funziona correttamente si dovrebbero individuare sia il database openexchange sia l'utenza openexchange definite precedentemente. In questa fase è sufficiente verificare che il servizio PostgreSQL possa essere fermato e riavviato senza errori. Nota: E' importante ricordare la password dell'utente openexchange: dovrà essere utilizzata in seguito. Installazione di Apache2 Installare Apache2 tramite gli RPM forniti con la distribuzione di Linux Mandrake Per configurare Apache2 è possibile utilizzare Webmin, cliccando su Servers Apache Webserver e, successivamente, su Configurazione modulo. Verificare che il percorso relativo al file eseguibile sia definito correttamente, per cui: Path del file eseguibile: /usr/sbin/httpd Cliccare sull'icona Modifica file di configurazione e verificare che il percorso relativo al file di configurazione di apache sia nella directory corretta: Path del file di configurazione: /etc/httpd/2.0/conf/httpd2.conf Anche in questo caso, è sufficiente verificare che il servizio Apache possa essere fermato e avviato senza errori. Nota: è possibile che il file eseguibile di Apache e il suo file di configurazione non siano apparentemente collocati nelle directory sopra indicate. In questo caso è opportuno verificare tramite shell di comando la possibile presenza di collegamenti che si riferiscono a tali files. 5

6 Installazione di OpenLDAP Dopo aver installato OpenLDAP dai pacchetti RPM a corredo della distribuzione di Linux Mandrake, verificare tramite Webmin, che il servizio possa essere arrestato e riavviato senza errori. Per eseguire questo controllo da riga di comando, digitare quanto segue: service ldap restart In seguito, modificare il file /etc/openldap/ldap.conf definendo i seguenti parametri: Base dc=oxtest,dc=com ATTENZIONE: non digitare spazi dopo la virgola Host localhost ldap_version 3 scope sub Configurare il file /etc/openldap/slapd.conf definendo i seguenti parametri: include /usr/share/openldap/schema/core.schema include /usr/share/openldap/schema/cosine.schema include /usr/share/openldap/schema/corba.schema include /usr/share/openldap/schema/inetorgperson.schema include /usr/share/openldap/schema/java.schema include /usr/share/openldap/schema/misc.schema include /usr/share/openldap/schema/nis.schema include /usr/share/openldap/schema/openldap.schema # include /etc/openldap/schema/openxchange.schema database suffix bdb dc=oxtest,dc=com rootdn cn=oxadmin,dc=oxtest,dc=com rootpw oxadmin index objectclass index gidnumber,memberuid pres,eq eq # index uid,mailenabled,cn,sn,givenname,lnetmailaccess,alias,logindestination eq,sub # include /etc/openldap/acl_ox.auth Attenzione: questo non è tutto il contenuto del file! 6

7 E' importante creare un file (nell'esempio acl_ox.auth) che definisca le autorizzazioni di accesso ad OpenLDAP. Procedere con un text editor qualsiasi o da riga di comando come segue: vi /etc/openldap/acl_ox.auth access to dn.base="" by * read access to dn.base="cn=subschema" by * read # protect the userpassword attribute access to attr=userpassword by self =w by anonymous auth # global address book access to dn.subtree="o=addressbook,ou=oxobjects,dc=oxtest,dc=com" by group.exact="cn=addressadmins,o=addressbook,ou=oxobjects,dc=oxtest,dc=com" write by users read # personal address book access to dn.regex="^ou=addr,(uid=([^,]+),ou=users,ou=oxobjects,dc=oxtest,dc=com)$" attrs=children by dn.exact,expand="$1" write access to dn.regex="^uid=([^,]+),ou=addr,(uid=([^,]+),ou=users,ou=oxobjects,dc=oxtest,dc=com)$" attrs=entry by dn.exact,expand="$2" write # default rule allowing users full access to their own entries access to * by self write by users read 7

8 Installazione di Postfix (SMTP server) Dopo aver installato Postfix dai pacchetti RPM a corredo della distribuzione di Linux Mandrake, verificare tramite Webmin, che il servizio possa essere arrestato e riavviato senza errori. Per eseguire questo controllo da riga di comando, digitare quanto segue: service postfix restart In seguito, modificare il file /etc/postfix/master.cf e /etc/postfix/main.cf definendo i seguenti parametri: /etc/postfix/master.cf #lmtp unix - - y - - lmtp lmtp unix - - n - - lmtp /etc/postfix/main.cf myhostname = mailserver.oxtest.com mydomain = oxtest.com myorigin = $mydomain mydestination = $mydomain inet_interfaces = all mailbox_transport = lmtp:unix:/var/spool/postfix/public/lmtp local_recipient_maps= alias_maps = ldap:/etc/postfix/ldapalias virtual_mailbox_domains = ldap:/etc/postfix/ldapdomalias lmtp_cache_connection = NO Attenzione: questo non è tutto il contenuto del file! Dopo aver salvato la configurazione, è opportuno creare i file ldapalias e ldapdomalias necessari alla risoluzione delle caselle di posta degli utenti e dei domini virtuali. /etc/postfix/ldapalias server_host = :389 bind = no version = 3 search_base = ou=users,ou=oxobjects,dc=oxtest,dc=com scope = sub query_filter = uid=%s result_attribute = mail /etc/postfix/ldapdomalias server_host = :389 bind = no version = 3 search_base = ou=users,ou=oxobjects,dc=oxtest,dc=com scope = sub query_filter = uid=%s result_attribute = maildomain 8

9 Installazione di Cyrus e SASL (IMAP/POP3 server) Per installare Cyrus-Imapd è necessario scaricare da internet i pacchetti RPM necessari, da un mirror qualsiasi che fornisce le distribuzioni Mandrake, ad esempio: ftp://bo.mirror.garr.it/pub/mirrors/mandrake/official/10.1/i586/media/main/ I pacchetti da scaricare sono i seguenti: 10/05/04 12:00AM 6,603,642 cyrus-imapd mdk.i586.rpm 10/05/04 12:00AM 265,003 cyrus-imapd-devel mdk.i586.rpm 10/05/04 12:00AM 1,135,878 cyrus-imapd-murder mdk.i586.rpm 10/05/04 12:00AM 597,363 cyrus-imapd-nntp mdk.i586.rpm 10/05/04 12:00AM 153,709 cyrus-imapd-utils mdk.i586.rpm 10/09/04 12:00AM 384,288 cyrus-sasl mdk.i586.rpm E' possibile che durante l'installazione venga chiesto di soddisfare alcune dipendenze, in tal caso è necessario scaricarne i pacchetti. Per automatizzare il processo d'installazione di Cyrus (ma anche di altro software) e delle eventuali dipendenze è consigliabile aggiungere una sorgente d'installazione all'interno del Mandrake Control Center, nella sezione relativa alla gestione RPM, specificando come FTP Server uno dei mirror che forniscono i pacchetti di Mandrake (quello indicato in precedenza è sufficiente). In questo modo, richiedendo l'installazione di Cyrus tramite Mandrake Control Center, il sistema operativo sarà in grado di attingere al software dal nuovo supporto e potrà soddisfare automaticamente l'installazione delle eventuali dipendenze. Dopo aver installato Cyrus è opportuno verificare, tramite Webmin, che il servizio possa essere arrestato e riavviato senza errori. Per eseguire questo controllo da riga di comando, digitare quanto segue: service cyrus-imapd restart Successivamente, è necessario modificare il file di configurazione /etc/cyrus.conf definendo i seguenti parametri: imap imaps pop3 pop3s sieve cmd= imapd listen= imap prefork=0 cmd= imapd -s listen= imaps prefork=0 cmd= pop3d listen= pop3 prefork=0 cmd= pop3d -s listen= pop3s prefork=0 cmd= timsieved listen= sieve prefork=0 lmtpunix cmd=lmtpd listen= /var/spool/postfix/public/lmtp prefork=0 Attenzione: questo non è tutto il contenuto del file! 9

10 Modificare il file di configurazione /etc/imapd.conf per utilizzare SASL come sistema di autenticazione per Cyrus: admins: cyrus allowanonymouslogin: no allowplaintext: yes unixhierarchysep: yes servername: localhost virtualdomains: yes defaultdomain: oxtest.com loginrealms: oxtest.com autocreatequota: 5000 quotawarn: 90 lmtpsocket: /var/spool/postfix/public/lmtp sasl_pwcheck_method: saslauthd sasl_mech_list: PLAIN Attenzione: questo non è tutto il contenuto del file! Verificare che SASL supporti LDAP come metodo di autenticazione, digitando: saslauthd -v dovrebbe essere visualizzato un messaggio simile: authentication mechanisms: getpwent kerberos5 pam imap rimap shadow ldap IMPORTANTE: Se LDAP non appare come metodo di autenticazione, provate a reistallare il pacchetto cyrussasl o a consultare Google, in ogni caso è inutile continuare con l'installazione finchè non si risolve il problema. /etc/sysconf/saslauthd Verificare che all'interno del file siano definiti i seguenti parametri: SASL_AUTHMECH=pam Adesso installa il modulo pam_ldap /etc/ldap.conf (file di configurazione utilizzato dal sistema PAM_LDAP usato da SASL per accedere all'ldap) Verificare che all'interno del file siano definiti i seguenti parametri: host base dc=oxtest,dc=com ldap_version 3 rootbinddn cn=oxadmin,dc=oxtest,dc=com scope sub Attenzione: questo non è tutto il contenuto del file! 10

11 /etc/ldap.secret(file di configurazione utilizzato dal sistema PAM di SASL per accedere all'ldap) Verificare che all'interno del file sia definita la password relativa all'utenza di amministrazione di ldap: oxadmin E' opportuno definire i permessi su questo file in modo che sia accessibile solo all'utenza root. Infine, per un corretto funzionamento di Cyrus con il supporto di autenticazione SASL, è necessario definire una password per l'utenza di servizio cyrus e, successivamente, definire la stessa utenza all'interno del database utenti utilizzato da SASL, perciò da riga di comando: passwd cyrus saslpasswd2 -c cyrus (definire la password, per es.: cyrusadmin) (definire la stessa password) Per rendere operative le modifiche è necessario riavviare i servizi, quindi: service ldap restart service postfix restart service cyrus-imapd restart service saslauthd restart L'ultima cosa da fare è configurare i moduli PAM per il servizio IMAP (e POP nel caso venga usato), per cui: cd /etc/pam.d aprire il file imap e modificarlo come segue: vi imap #%PAM-1.0 #auth required pam_stack.so service=system-auth #account required pam_stack.so service=system-auth auth sufficient pam_ldap.so auth required pam_unix.so account sufficient pam_ldap.so account required pam_unix.so Definire le stesse modifiche al file POP se si vuole applicare l'autenticazione PAM anche a questo servizio. 11

12 Installazione di pacchetti RPM aggiuntivi dalla distribuzione Mandrake Per procedere con la definizione dei prerequisiti di Open-Xchange è necessario installare i seguenti pacchetti: Jdom b9.2jpp ant jpp postgresql-jdbc apache2-devel xerces-j jpp ed i seguenti moduli perl, per i quali sarà necessario soddisfare delle dipendenze: perl-convert-asn perl-ldap-0.31 perl-io-socket-ssl-0.96 perl-authen-sasl-2.08 perl-net_ssleay-1.25 Dipendenze: perl-xml-parser-2.34 perl-xml-sax perl-xml-namespacesupport_1.08 I pacchetti Jdom e ant possono essere scaricati dal link: ftp://bo.mirror.garr.it/pub/mirrors/mandrake/official/10.1/i586/media/jpackage Alcune dipendenze del pacchetto Jdom: Jpackage-utils_ jpp xalan-j jpp xerces-j jpp xml-commons b2.6jpp xml-commons-apis b2.6jpp xml-commons-resolver-1.1-2jpp NOTA: E' possibile che sia necessario soddisfare alcune dipendenze non indicate in questo documento :-) 12

13 Installazione dei moduli JAVA Per installare correttamente Open-Xchange è necessario avvalersi di alcuni moduli Java, scaricabili gratuitamente dal sito SUN. Per questo motivo è necessario connettersi ai seguenti link e scaricare i pacchetti: Java 2 Platform, Standard Edition (J2SE) (piattaforma Java 2) cliccare sul link Download JDK 5.0 update 4, accettare i termini di licenza e scaricare il pacchetto per linux jdk-1_5_0_04-linux-i586-rpm.bin (circa 45 Mb) Alla stesura di questo documento, l'ultima versione di J2SE è la 5.0. Dopo aver eseguito il download del file, è necessario modificarne le proprietà e procedere all'installazione come segue: chmod 700 jdk-1_5_0_04-linux-i586-rpm.bin./jdk-1_5_0_04-linux-i586-rpm.bin (invio) (invio) JavaMail (framework per realizzare applicazioni di messaging e mail) cliccare sul link Download, accettare i termini di licenza e scaricare il pacchetto in formato.zip javamail-1_3_3-ea.zip (circa 2,5 Mb) Alla stesura di questo documento, l'ultima versione di Javamail è la Dopo aver eseguito il download del file, è necessario procedere all'installazione come segue: unzip javamail-1_3_3-ea.zip cd javamail-1.3.3ea cp mail.jar /usr/share/java (invio) (invio) (invio) JAF (JavaBeans Application Framework) cliccare sul link Download, accettare i termini di licenza e scaricare il pacchetto in formato.zip jaf-1_0_2-upd2.zip (circa 352 Kb) Alla stesura di questo documento, l'ultima versione di JAF è la Procedere all'installazione come segue: unzip jaf-1_0_2-upd2.zip cd jaf-1_0_2-upd2 cp -R * /usr/share/java (invio) (invio) (invio) 13

14 JTA (Java Transaction API) cliccare sui link Download sia per ClassFiles che per JavaDocs, accettare i termini di licenza e scaricare i pacchetti in formato.zip: jta-1_0_1b-classes.zip jta-1_0_1b-doc.zip (circa 8 Kb) (circa 102 Kb) Per l'installazione dei pacchetti è sufficiente copiare il contenuto dei files.zip all'interno della cartella /usr/share/java. Java Servlet Development Kit cliccare sul link Download relativo al pacchetto Java Servlet Development Kit 2.1, accettare i termini di licenza e scaricare il pacchetto per piattaforma Solaris SPARC jsdk2_1-solsparc.tar.z (circa 456 Kb) Alla stesura di questo documento, l'ultima versione di J2SDK è la 2.1 Per l'installazione del pacchetto procedere come segue: tar xzf jsdk2_1-solsparc.tar.z chown -R root:root jsdk2.1 cp -R jsdk2.1 /usr/local (invio) (invio) (invio) 14

15 Installazione di Tomcat Per installare Tomcat è necessario scaricare il pacchetto connettendosi al sito La versione di Tomcat utilizzata in questa guida è la 5.5.9, tuttavia è consigliabile scaricare una nuova release qualora fosse disponibile. Dopo aver scaricato il pacchetto jakarta-tomcat tar.gz, digitare quanto segue: tar xzf jakarta-tomcat tar.gz cd jakarta-tomcat mkdir /usr/local/tomcat5 cp -R * /usr/local/tomcat5 (invio) (invio) (invio) (invio) Prima di procedere, è opportuno definire alcune variabili di ambiente. Per questo motivo è necessario editare con vi il file.bashrc all'interno della cartella /root e digitare quanto segue: cd /root vi.bashrc export JAVA_HOME=/usr/java/jdk1.5.0_04 PATH=$PATH:/usr/java/jdk1.5.0_04/bin la modifica alla variabile PATH è indispensabile per fornire al sistema operativo la possibilità di rintracciare i file necessari al processo di compilazione di OX. A questo punto, per verificare che tomcat funzioni correttamente, avviare il servizio digitando /usr/local/tomcat5/bin/startup.sh e arrestarlo digitando /usr/local/tomcat5/bin/shutdown.sh 15

16 Può essere comodo realizzare uno script che consenta di avviare/arrestare il servizio di tomcat in modo più efficiente. Per questo motivo, se si desidera, è necessario creare un file all'interno della directory /etc/init.d con il nome del servizio che si vuole gestire, e scrivere quanto segue: cd /etc/init.d vi tomcat #! /bin/sh start() { echo echo "Avvio di TOMCAT" echo /usr/local/tomcat/bin/startup.sh } stop() { echo echo "Arresto di TOMCAT" echo /usr/local/tomcat/bin/shutdown.sh } restart() { stop start } case "$1" in start) start ;; stop) stop ;; restart) stop start ;; *) echo "Usage: service tomcat {start stop restart}" exit 1 esac exit $? Da questo momento sarà possibile avviare/fermare/riavviare tomcat digitando: service tomcat start/stop/restart 16

17 Compilazione di Open-Xchange Dopo aver scaricato l'ultima versione di OpenExchange dal sito è necessario entrare nella directory che si è creata scompattando il file tar.gz di OX con il comando: tar xzf open-xchange-0.8.x-x.tar.gz cd open-xchange-0.8.x-x Successivamente (e per comodità) si potrà procedere alla creazione di un file che consentirà di automatizzare i processi di configurazione di OpenExchange. Per cui, da riga di comando, si deve creare il file oxinst.sh (o un file con qualsiasi altro nome) con vi ed impostare i seguenti parametri di configurazione, quindi: vi oxinst.sh Parametro script Descrizione./configure \ --prefix=/usr/local/ox \ Directory dove sarà installato Open-Xchange --with-mailjar=/usr/share/java/mail.jar \ --with-activationjar=/usr/share/java/activation.jar \ --with-jdomjar=/usr/share/java/jdom.jar \ --with-xercesjar=/usr/share/java/xerces-j2.jar \ --with-jsdkjar=/usr/local/tomcat5/common/lib/servlet-api.jar \ --with-jdbcjar=/usr/share/pgsql/pg74.1jdbc3.jar \ --with-dbname=openexchange \ --with-dbuser=openexchange \ --with-dbpass=openexchange \ --with-domain=oxtest.com \ Nome del db utilizzato da Open-Xchange Utente per la gestione del db di Open-Xchange Password impostata durante la creazione dell'utente openexchange Dominio di posta elettronica --with-basedn=dc=oxtest,dc=com \ --with-rootdn=cn=oxadmin,dc=oxtest,dc=com \ --with-rootpw=oxadmin \ --with-organization= OX-Test \ --enable-webdav \ --with-runuid=ox \ --with-rungid=ox Salvare il file e procedere alla compilazione come segue: sh oxinst.sh make make install NOTA: per evitare fastidiosi messaggi di warning relativi al database, è necessario che il servizio postgresql sia avviato. 17

18 Dopo aver installato con successo Open-Xchange, è necessario copiare i seguenti files nella directory cgi-bin di Apache: cd /usr/local/ox/share/perl cp login.* /var/www/cgi-bin Verificare la schermata di login di OX con un browser, caricando l'indirizzo: oppure Successivamente, copiare il resto dei files relativi all'interfaccia web di OX, quindi: cd /var/www/html mkdir -p cfintranet/webmail cd /usr/local/ox/share/groupware/data cp -R images css javascript /var/www/html/cfintranet cd /usr/local/ox/share/webmail/data cp -R images css javascript /var/www/html/cfintranet/webmail 18

19 Open-Xchange: installazione servlets A questo punto è opportuno configurare Tomcat5 per ospitare le servlets di Open-Xchange. La procedura è la seguente: cd /usr/local/tomcat5/webapps mkdir -p servlet/web-inf/classes cd servlet/web-inf/classes cp /usr/local/ox/share/servlets/*.class. Per gestire le servlets in modo opportuno è indispensabile definire il file web.xml quindi, all'interno della directory /usr/local/tomcat5/webapps/servlet/web-inf/ digitare: vi web.xml <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <!DOCTYPE web-app PUBLIC "-//Sun Microsystems, Inc.//DTD Web Application 2.3//EN" "http://java.sun.com/dtd/web-app_2_3.dtd"> <web-app> <display-name> Open-Xchange Servlets and WebDAV </display-name> <description> Open-Xchange </description> <servlet> <servlet-name>intranet</servlet-name> <servlet-class>intranet</servlet-class> </servlet> <servlet> <servlet-name>webmail</servlet-name> <servlet-class>webmail</servlet-class> </servlet> <servlet> <servlet-name>documents</servlet-name> <servlet-class> com.openexchange.webdav.documents </servlet-class> <init-param> <param-name>openexchange.propfile</param-name> <param-value> /usr/local/open-xchange/etc/groupware/system.properties </param-value> </init-param> </servlet>...continua... 19

20 <servlet> <servlet-name>calendar</servlet-name> <servlet-class> com.openexchange.webdav.calendar </servlet-class> <init-param> <param-name>openexchange.propfile</param-name> <param-value> /usr/local/open-xchange/etc/groupware/system.properties </param-value> </init-param> </servlet> <servlet> <servlet-name>tasks</servlet-name> <servlet-class> com.openexchange.webdav.tasks </servlet-class> <init-param> <param-name>openexchange.propfile</param-name> <param-value> /usr/local/open-xchange/etc/groupware/system.properties </param-value> </init-param> </servlet> <servlet> <servlet-name>contacts</servlet-name> <servlet-class> com.openexchange.webdav.contacts </servlet-class> <init-param> <param-name>openexchange.propfile</param-name> <param-value> /usr/local/open-xchange/etc/groupware/system.properties </param-value> </init-param> </servlet>...continua... 20

21 <servlet> <servlet-name>folders</servlet-name> <servlet-class> com.openexchange.webdav.folders </servlet-class> <init-param> <param-name>openexchange.propfile</param-name> <param-value> /usr/local/open-xchange/etc/groupware/system.properties </param-value> </init-param> </servlet> <servlet> <servlet-name>projects</servlet-name> <servlet-class> com.openexchange.webdav.projects </servlet-class> <init-param> <param-name>openexchange.propfile</param-name> <param-value> /usr/local/open-xchange/etc/groupware/system.properties </param-value> </init-param> </servlet> <servlet> <servlet-name>groupuser</servlet-name> <servlet-class> com.openexchange.webdav.groupuser </servlet-class> <init-param> <param-name>openexchange.propfile</param-name> <param-value> /usr/local/open-xchange/etc/groupware/system.properties </param-value> </init-param> </servlet>...continua... 21

22 <servlet> <servlet-name>attachments</servlet-name> <servlet-class> com.openexchange.webdav.attachments </servlet-class> <init-param> <param-name>openexchange.propfile</param-name> <param-value> /usr/local/open-xchange/etc/groupware/system.properties </param-value> </init-param> </servlet> <servlet> <servlet-name>freebusy</servlet-name> <servlet-class> com.openexchange.webdav.freebusy </servlet-class> <init-param> <param-name>openexchange.propfile</param-name> <param-value> /usr/local/open-xchange/etc/groupware/system.properties </param-value> </init-param> </servlet> <servlet> <servlet-name>ical</servlet-name> <servlet-class> com.openexchange.webdav.ical </servlet-class> <init-param> <param-name>openexchange.propfile</param-name> <param-value> /usr/local/open-xchange/etc/groupware/system.properties </param-value> </init-param> </servlet>...continua... 22

23 <servlet> <servlet-name>vcard</servlet-name> <servlet-class> com.openexchange.webdav.vcard </servlet-class> <init-param> <param-name>openexchange.propfile</param-name> <param-value> /usr/local/open-xchange/etc/groupware/system.properties </param-value> </init-param> </servlet> <servlet> <servlet-name>bookmarks</servlet-name> <servlet-class> com.openexchange.webdav.bookmarks </servlet-class> <init-param> <param-name>openexchange.propfile</param-name> <param-value> /usr/local/open-xchange/etc/groupware/system.properties </param-value> </init-param> </servlet> <servlet-mapping> <servlet-name>intranet</servlet-name> <url-pattern>/intranet</url-pattern> </servlet-mapping> <servlet-mapping> <servlet-name>webmail</servlet-name> <url-pattern>/webmail</url-pattern> </servlet-mapping> <servlet-mapping> <servlet-name>documents</servlet-name> <url-pattern>/webdav.documents/*</url-pattern> </servlet-mapping> <servlet-mapping> <servlet-name>calendar</servlet-name> <url-pattern>/webdav.calendar/*</url-pattern> </servlet-mapping> <servlet-mapping> <servlet-name>tasks</servlet-name> <url-pattern>/webdav.tasks/*</url-pattern> </servlet-mapping>...continua... 23

24 <servlet-mapping> <servlet-name>contacts</servlet-name> <url-pattern>/webdav.contacts/*</url-pattern> </servlet-mapping> <servlet-mapping> <servlet-name>folders</servlet-name> <url-pattern>/webdav.folders/*</url-pattern> </servlet-mapping> <servlet-mapping> <servlet-name>projects</servlet-name> <url-pattern>/webdav.projects/*</url-pattern> </servlet-mapping> <servlet-mapping> <servlet-name>groupuser</servlet-name> <url-pattern>/webdav.groupuser/*</url-pattern> </servlet-mapping> <servlet-mapping> <servlet-name>attachments</servlet-name> <url-pattern>/webdav.attachments/*</url-pattern> </servlet-mapping> <servlet-mapping> <servlet-name>freebusy</servlet-name> <url-pattern>/webdav.freebusy/*</url-pattern> </servlet-mapping> <servlet-mapping> <servlet-name>ical</servlet-name> <url-pattern>/webdav.ical/*</url-pattern> </servlet-mapping> <servlet-mapping> <servlet-name>vcard</servlet-name> <url-pattern>/webdav.vcard/*</url-pattern> </servlet-mapping> <servlet-mapping> <servlet-name>bookmarks</servlet-name> <url-pattern>/webdav.bookmarks/*</url-pattern> </servlet-mapping> </web-app> 24

25 Successivamente, definire la directory lib e copiare al suo interno i seguenti files: cd /usr/local/tomcat5/webapps/servlet/web-inf mkdir lib cd lib cp /usr/local/ox/lib/*.jar. Configurare la variabile JAVA_OPTS intervenendo sui file di configurazione di Tomcat: vi /usr/local/tomcat5/bin/catalina.sh JAVA_OPTS= -Dopenexchange.propfile=/usr/local/ox/etc/groupware/system.properties A questo punto è possibile procedere alla definizione della servlet relativa al Setup utente di OX. Prima di tutto è necessario modificare il file di configurazione di tomcat relativo alle utenze di amministrazione come segue: cd /usr/local/tomcat5/conf vi tomcat-users.xml <?xml version='1.0' encoding='utf-8'?> <tomcat-users> <role rolename="tomcat"/> <role rolename="role1"/> <role rolename="manager"/> <user username="tomcat" password="tomcat" roles="manager"/> <user username="both" password="tomcat" roles="tomcat,role1"/> <user username="role1" password="tomcat" roles="role1"/> </tomcat-users> Accedere alla Web GUI con un browser all'indirizzo e, cliccando sul link Tomcat Manager, fornire le credenziali di autenticazione definite precedentemente (username: tomcat / password: tomcat). Nella pagina di amministrazione, alla sezione WAR file to deploy, cliccare sul pulsante Browse e sfogliare la cartella contenente la servlet da installare, e cioè /usr/local/ox/lib selezionando il file umin.war Cliccare sul pulsante Deploy. 25

26 WEBDAV Per definire la servlet relativa alle estensioni WebDAV procedere come segue: cd /usr/local/tomcat5/webapps/servlet/web-inf/classes cp /usr/local/ox/lib/webdav.jar. jar xvf webdav.jar Questo comando scompatterà il file webdav.jar e creerà due directory: com e META-INF Entrare all'interno della directory com e digitare quanto segue: cd com/openexchange mkdir -p tools/webdav cd tools/webdav cp /%sourceox%/build/com/openexchange/tools/webdav/*. cd /usr/local/tomcat5/webapps/servlet/web-inf/lib Verifica il contenuto della directory, copiando i files mancanti da /usr/local/ox/lib e definendo i link simbolici indicati: -rw-r--r-- 1 root root activation.jar -rw-r--r-- 1 root root comfiretools.jar -rw-r--r-- 1 root root intranet.jar lrwxrwxrwx 1 root root 24 jdom.jar -> /usr/share/java/jdom.jar -rw-r--r-- 1 root root mail.jar -rw-r--r-- 1 root root nas.jar lrwxrwxrwx 1 root root 32 pg74.1jdbc3.jar -> /usr/share/pgsql/pg74.1jdbc3.jar* -rw-r--r-- 1 root root sessiond.jar -rw-r--r-- 1 root root umin.jar -rw-r--r-- 1 root root webdav.jar -rw-r--r-- 1 root root webmail.jar Sincronizzazione di Tomcat con Apache (mod_jk) Perchè tutto funzioni correttamente è indispensabile installare un connettore che consenta ad Apache di interfacciarsi con Tomcat. Per questo motivo è necessario connettersi al link e scaricare il file jakarta-tomcat-connectors-jk src.zip (1Mb circa) A questo punto si provveda alla compilazione del connettore secondo la procedura indicata: unzip jakarta-tomcat-connectors-jk src.zip Rinominare la cartella creata in jakarta-tomcat-connector e, successivamente, digitare quanto segue: mv jakarta-tomcat-connector /usr/src cd /usr/src/jakarta-tomcat-connector/jk/native2 26

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser.

Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser. Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser. Se vogliamo accedere alla nostra casella di posta elettronica unipg.it senza usare un client di posta (eudora,

Dettagli

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo & Web CMS v1.5.0 beta (build 260) Sommario Museo&Web CMS... 1 SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 I PASSI PER INSTALLARE MUSEO&WEB

Dettagli

Indice. Documentazione ISPConfig

Indice. Documentazione ISPConfig Documentazione ISPConfig I Indice Generale 1 1 Cos'è ISPConfig? 1 2 Termini e struttura del manuale 1 3 Installazione/Aggiornamento/Disinstallazione 1 3.1 Installazione 1 3.2 Aggiornamento 1 3.3 Disinstallazione

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta alla Rubrica PA da client di Posta Postecom S.p.A. Poste Italiane S.p.A. Telecom Italia S.p.A. 1 Indice INDICE... 2 PREMESSA... 3 CONFIGURAZIONE OUTLOOK 2007... 3 CONFIGURAZIONE EUDORA 7... 6 CONFIGURAZIONE

Dettagli

Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC

Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC Informazioni sul documento Revisioni 06/06/2011 Andrea De Bruno V 1.0 1 Scopo del documento Scopo del presente documento è quello di illustrare

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

1. FileZilla: installazione

1. FileZilla: installazione 1. FileZilla: installazione Dopo aver scaricato e salvato (sezione Download >Software Open Source > Internet/Reti > FileZilla_3.0.4.1_win32- setup.exe) l installer del nostro client FTP sul proprio computer

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email.

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email. Mail da Web Caratteristiche generali di Virgilio Mail Funzionalità di Virgilio Mail Leggere la posta Come scrivere un email Giga Allegati Contatti Opzioni Caratteristiche generali di Virgilio Mail Virgilio

Dettagli

Outlook Express. Dalla barra del menu in alto, selezionare STRUMENTI e successivamente ACCOUNT :

Outlook Express. Dalla barra del menu in alto, selezionare STRUMENTI e successivamente ACCOUNT : OutlookExpress Dallabarradelmenuinalto,selezionare STRUMENTI esuccessivamente ACCOUNT : Siapriràfinestra ACCOUNTINTERNET. Sceglierelascheda POSTAELETTRONICA. Cliccaresulpulsante AGGIUNGI quindilavoce POSTAELETTRONICA

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

Programma Servizi Centralizzati s.r.l.

Programma Servizi Centralizzati s.r.l. Via Privata Maria Teresa, 11-20123 Milano Partita IVA 09986990159 Casella di Posta Certificata pecplus.it N.B. si consiglia di cambiare la password iniziale assegnata dal sistema alla creazione della casella

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows

Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows Piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence Versione del documento: 4.1 Support Package 3-2014-03-25 Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows Sommario 1 Cronologia

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

Guida alla WebMail Horde

Guida alla WebMail Horde Guida alla WebMail Horde La funzione principale di un sistema Webmail è quella di gestire la propria posta elettronica senza dover utilizzare un programma client installato sul computer. Il vantaggio è

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Sommario Sommario... 1 Parte 1 - Nuovo canale di sicurezza ANPR (INA-AIRE)... 2 Parte 2 - Collegamento Client INA-SAIA... 5 Indicazioni generali... 5 Installazione e configurazione... 8 Operazioni di Pre-Installazione...

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014)

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014) GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad (v. 1.0.0 Maggio 2014) Benvenuto alla guida di configurazione della posta elettronica per dispositivi mobili tipo iphone/ipad. Prima di proseguire, assicurati

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Traduzione di TeamLab in altre lingue

Traduzione di TeamLab in altre lingue Lingue disponibili TeamLab è disponibile nelle seguenti lingue nel mese di gennaio 2012: Traduzioni complete Lingue tradotte parzialmente Inglese Tedesco Francese Spagnolo Russo Lettone Italiano Cinese

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Selezionare Account di posta e cliccare su avanti

Selezionare Account di posta e cliccare su avanti Per configurare una casella di posta elettronica certificata su Mozilla Thunderbird e' necessario aprire il programma di posta cliccare su >STRUMENTI >IMPOSTAZIONI ACCOUNT >AGGIUNGI ACCOUNT Selezionare

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 INDICE Indice File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2...4 Requisiti di sistema: QLA Server...5 Requisiti di sistema:

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

ESEMPI DI FORM (da www.html.it)

ESEMPI DI FORM (da www.html.it) ESEMPI DI FORM (da www.html.it) Vediamo, nel particolare, tutti i tag che HTML 4.0 prevede per la creazione di form. Questo tag apre e chiude il modulo e raccoglie il contenuto dello stesso,

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

OCS in un ora. Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0. OCS in un ora. Ultimo aggiornamento: dicembre 2007

OCS in un ora. Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0. OCS in un ora. Ultimo aggiornamento: dicembre 2007 Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0 Ultimo aggiornamento: dicembre 2007 1 Open Conference Systems è un iniziativa di ricerca sviluppata dal Public Knowledge Project dell Università della

Dettagli