INFORMATIVA INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMATIVA INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI"

Transcript

1 INFORMATIVA INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI La miopia, l ipermetropia, l astigmatismo. Nell occhio normale il tragitto dei raggi luminosi è modificato dalla cornea e dal cristallino, in modo da farli convergere sulla retina. Nell occhio miope, i raggi luminosi convergono davanti alla retina, mentre nell occhio ipermetrope, convergono dietro alla retina. L occhio astigmatico presenta invece delle anomalie della curvatura corneale. La chirurgia refrattiva trova le applicazioni più vantaggiose quando, escluso il semplice desiderio estetico di non portare una correzione ottica, vi siano caratteristiche dei parametri oculari e ambientali che impediscano al paziente di utilizzare al meglio la propria capacità visiva. L indicazione all intervento è maggiore nei forti difetti di vista che legano indissolubilmente il paziente all occhiale, nelle elevate differenze di refrazione tra un occhio e l altro, specie dove non vi è tolleranza alle lenti a contatto, ed in alcuni tipi di attività lavorative in cui i sussidi ottici creano innegabili svantaggi. L accurata selezione da parte del medico delle caratteristiche cliniche e un approfondimento dei motivi che conducono il paziente all intervento, sono resi necessari dalla considerazione che l atto chirurgico non è reversibile e dalla possibilità del verificarsi di complicazioni, di modificazioni secondarie o della persistenza o comparsa di residui refrattivi indesiderati, problemi comuni a tutti i tipi di intervento di chirurgia oculare. Va inoltre rilevato che ogni atto di chirurgia refrattiva, quale che sia la tecnica adoperata, si rivolge alla risoluzione dei soli difetti di refrazione, ma non modifica quelle patologie che possono essere associate al difetto di vista. In altre parole, ad esempio, un miope con alterazioni retiniche che compromettono parte della sua funzionalità visiva non può sperare di vedere risolto questo problema da un intervento chirurgico a scopo refrattivo, né l intervento può costituire un trattamento preventivo per eventuali, possibili, successive complicanze retiniche. L intervento mira invece ad una riduzione del potere dell occhiale e solo nei casi più favorevoli, alla sua completa eliminazione, con diminuzione dei fastidi e delle distorsioni che ad esso si accompagnano. L intervento non comporta un aumento dell acuità visiva ma tenderà a riprodurre quella ottenuta con l occhiale o con le lenti a contatto (però dopo l intervento il paziente vedrà senza occhiale o con una riduzione del suo potere). Pertanto, per non andare incontro ad errori ed incomprensioni sui programmi prefissati e sui risultati raggiunti, è indispensabile che il paziente venga informato in modo esauriente dal medico, cosicché il suo consenso sia motivato e convinto. In particolare, va escluso dall intervento un paziente che pretende i 10/10 naturali, poiché talvolta può permanere un residuo refrattivo, in dipendenza dalle variabili biologiche presenti in ogni persona, che non è prevedibile con certezza. Inoltre, nel caso particolare di un paziente ambliope (= occhio pigro) è improbabile che egli possa, dopo l intervento, vedere migliorata la sua acuità visiva. L intervento inoltre non previene il sopraggiungere fisiologico della presbiopia cioè della difficoltà nella lettura che compare normalmente con l avanzare dell età; in particolare, nelle persone nelle quali siano già presenti le sue prime manifestazioni, l eliminazione completa del difetto miopico comporterà a maggior ragione la necessità di una correzione ottica per vicino. Il Suo caso, a giudizio del suo medico oculista, può trarre vantaggio dall uso della tecnica di rimodellamento corneale con il laser ad eccimeri. Nei casi in cui l esigenza dell intervento fosse dettata dalla partecipazione a concorsi (carriere militari, brevetti di volo,...) sarà premura dell interessato informarsi circa le caratteristiche visive richieste dal bando, nonché della legittimità dell intervento stesso ai fini del concorso. 1

2 Risultati refrattivi Il trattamento chirurgico con il laser ad eccimeri è il metodo più preciso oggi disponibile per correggere la miopia, l ipermetropia e l astigmatismo. Il difetto visivo viene corretto dallo strumento con una precisione pressoché assoluta; tuttavia fattori estranei alla mano del chirurgo e alla precisione del laser possono influenzare la guarigione e quindi il risultato, per cui non è possibile fare una previsione assoluta circa la correzione ottica raggiungibile. Modesti scostamenti dal risultato previsto sono pertanto possibili e non possono essere considerati come insuccessi. E possibile che il risultato iniziale possa regredire col tempo; in alcuni casi, ma non in tutti, può essere necessaria una correzione complementare con occhiali o lenti a contatto, o mediante un ritrattamento, per tentare di ridurre eventuali residui refrattivi e/o cicatriziali. Statisticamente nella miopia si ottiene una correzione precisa del difetto visivo in un elevata percentuale di casi; si può però sicuramente affermare che lo scopo di eliminare definitivamente la correzione ottica non viene sempre ottenuto, soprattutto in presenza di difetti refrattivi elevati. La possibilità che il difetto non venga corretto del tutto aumenta con l aumentare del difetto stesso ed è più frequente quando si cerca di correggere più di un difetto insieme (miopia + astigmatismo, ipermetropia + astigmatismo, etc.). Da non escludere è pure una correzione superiore al necessario; questa è più rara e comporta ancora l uso dell occhiale. Qualora il residuo difetto visivo sia ancora consistente è comunque possibile, nella stragrande maggioranza dei casi, intervenire in un secondo momento. Con le strumentazioni attualmente disponibili, i risultati nell ipermetropia e nell astigmatismo sono meno precisi rispetto all intervento per miopia. L intervento chirurgico Prima dell intervento è necessario sospendere l uso delle lenti a contatto con le modalità che qui di seguito Le sono indicate dal chirurgo. sospensione assoluta delle lenti a contatto almeno 20 giorni prima dell'intervento E essenziale anche seguire le terapie preoperatorie e postoperatorie eventualmente indicate a seguito dell intervento. La non osservanza di queste norme può alterare significativamente il risultato dell intervento. Il giorno del trattamento è preferibile, anche se non indispensabile, presentarsi con un accompagnatore, in considerazione del fatto che dopo il trattamento non si potrà, essenzialmente per ragioni di sicurezza stradale, procedere alla guida di autoveicoli. Per le donne è importante essere ben struccate e non profumate (i vapori di alcool infatti possono interferire con il raggio laser); per gli uomini, evitare i dopobarba alcolici. È inoltre importante riportare tutti gli esami preliminari eseguiti e la presente informativa. Mezzi chirurgici Il laser ad eccimeri è uno strumento di modernissima concezione che permette di asportare microscopiche frazioni di tessuto corneale, in superficie (PRK Photo Refractive Keratectomy LASEK Laser Epithelial Keratomileusis) o nello strato intermedio (LASIK Laser In Situ Keratomileusis), mediante l emissione di un raggio laser facente parte della gamma dei raggi ultravioletti. Il tessuto viene asportato con una precisione straordinaria, impossibile alla mano umana, nell ordine di micron (millesimo di millimetro) per ogni colpo emesso, e con una riproducibilità non raggiungibile a tutt oggi da nessun altro mezzo. Questa caratteristica viene sfruttata in particolare per rimodellare la curvatura corneale centrale; 2

3 così facendo è possibile eliminare o ridurre i difetti di refrazione quali la miopia, l ipermetropia e l astigmatismo (ma questi ultimi due con minore precisione). Le tecniche. PRK: l intervento si svolge nel seguente modo: a) instillazione di alcune gocce di collirio anestetico b) posizionamento del paziente su un lettino mobile al di sotto dell apparecchio laser c) applicazione di un piccolo divaricatore palpebrale d) asportazione di una parte della sottile membrana superficiale della cornea (epitelio) mediante uno strumento smusso e) fissazione da parte del paziente di una piccola mira luminosa di colore rosso al fine di centrare correttamente il trattamento f) trattamento laser vero e proprio g) medicazione con colliri ed eventuale applicazione di una lente a contatto terapeutica; talvolta viene applicata una conchiglia protettiva. LASEK: la tecnica prevede non l asportazione ma il sollevamento dell epitelio corneale. Tale sollevamento viene ottenuto imbevendo l epitelio di una soluzione alcolica. Al termine dell intervento l epitelio viene riposizionato sullo stroma corneale, l occhio viene medicato e si applica la lente a contatto. LASIK: il trattamento con il laser ad eccimeri in questo caso non avviene sulla superficie della cornea, ma all interno di essa. Perché ciò sia possibile è necessario praticare, prima del trattamento con il laser a eccimeri, una sottile incisione a lamella: a ciò provvede uno strumento meccanico, il microcheratomo. Si può paragonare questo intervento chirurgico alla apertura di un libro (azione di creazione della lamella corneale, o flap, da parte del microcheratomo), alla estrazione di alcuni fogli sottostanti alla copertina (azione del laser), e alla chiusura del libro (riposizionamento della lamella). In rari casi può rendersi necessario apporre alcuni punti di sutura temporanei. Talvolta il taglio lamellare può essere ritenuto dal chirurgo qualitativamente non adeguato; in questo caso è universalmente ritenuto più opportuno riapporre la lamella e differire l intervento di un tempo variabile a giudizio del chirurgo. Le tre tecniche vengono abitualmente eseguite in ambulatorio, con anestesia topica, l intervento è indolore; talvolta il paziente riferisce un leggero fastidio, dovuto al divaricatore palpebrale o dovuto al microcheratomo. Durante alcune fasi dell intervento è possibile che la visione, da parte del paziente, risulti temporaneamente offuscata: questo è un aspetto del tutto normale e non deve preoccupare. La cooperazione del paziente, che deve assecondare le indicazioni impartite dal chirurgo sia prima che durante l intervento, è indispensabile per il raggiungimento del risultato ottimale. Al termine della procedura viene prescritta una terapia a base di colliri e compresse, che deve essere seguita in maniera rigorosa. Il Suo chirurgo sceglierà la metodica chirurgica che riterrà opportuna per il Suo caso. Esistono casi specifici in cui talune di queste tecniche non sono applicabili. Nel suo caso il chirurgo ritiene sia preferibile adottare la tecnica OO PRK Decorso postoperatorio Fin dal giorno dell intervento il paziente è tenuto a praticare con estremo scrupolo le medicazioni con i colliri prescritti nelle modalità indicate. Durante le prime ore dopo l intervento di PRK può insorgere dolore oculare, di intensità 3

4 variabile; normalmente la terapia prescritta riesce a controllare tale dolore mantenendolo a livelli accettabili.. Il decorso postoperatorio della LASEK è simile, ma molto spesso il dolore è inferiore rispetto alla PRK. Il decorso postoperatorio nella LASIK è generalmente privo di dolore; il paziente talvolta avverte una sensazione di corpo estraneo e di bruciore. L occhio non viene bendato, ma il paziente deve assolutamente astenersi da qualsiasi manipolazione delle palpebre per almeno un mese. In ogni caso il paziente verrà sottoposto a controlli oculistici con una scadenza prefissata dal medico; questi controlli sono assolutamente necessari per controllare l andamento dell intervento e sono obbligatori. La negligenza nel seguire la terapia postoperatoria e le scadenze dei controlli specialistici può influenzare il risultato refrattivo finale ed essere causa di complicanze. E inoltre assolutamente vietato assumere gocce di anestetico per ridurre i dolori dopo PRK E pertanto di importanza basilare seguire alla lettera le prescrizioni del chirurgo che mirano appunto a guidare i processi di guarigione per ottenere il risultato più soddisfacente. Già poche ore dopo l intervento, è consentito leggere, scrivere e guardare la televisione con l occhio non operato. Sono invece da evitare, per circa un mese, le attività sportive che prevedono contatto fisico, l uso di motocicli, cosmesi, sauna e piscina. Per i primi 7-10 giorni in alcuni casi è necessario dormire con la coppetta protettiva che viene fornita al momento dell intervento. Si consiglia, una volta esauriti i controlli postoperatori, di eseguire una visita annualmente, e di avvertire il proprio oculista (se diverso da quello che esegue l'intervento) di essere stati sottoposti a trattamento con laser ad eccimeri, poiché particolare attenzione dovrà essere posta nella rilevazione della pressione oculare. Il recupero visivo è rapido nella LASIK, più lento nella PRK e LASEK; nelle prime settimane dopo l intervento si può manifestare una ipercorrezione transitoria di durata variabile (uno o due mesi) che comporta una certa difficoltà nella messa a fuoco; inoltre la differente refrazione tra i due occhi, che si produce dopo l intervento al primo occhio, può provocare disagi visivi con senso di sbandamento. Durante questo periodo non vi sono particolari limitazioni della propria attività lavorativa e della vita di relazione, salvo quelle dovute al buon senso, essendo la visione, come detto sopra, imperfetta. Il recupero visivo completo, ovvero il raggiungimento dell obiettivo prefissato, si ottiene dopo un certo periodo di tempo (da uno a sei mesi, variabile a seconda dell entità del difetto corretto e del tipo di intervento eseguito). Ad oggi non vi sono evidenze scientifiche che dimostrino un indebolimento strutturale dell occhio sottoposto a questi tipi di intervento. Le complicanze Qualsiasi procedura chirurgica prevede la possibilità di complicanze: interventi a rischio zero non esistono e mai probabilmente esisteranno. Non è possibile quindi per il suo oculista garantire in modo formale il successo dell intervento o l assenza di complicanze. Il trattamento con il laser ad eccimeri, oltre alle complicanze generiche di ogni intervento (infezioni, malfunzionamento della strumentazione) prevede la rara possibilità delle seguenti complicanze specifiche: Complicanze intraoperatorie gravi sono estremamente rare: 4

5 perforazione corneale Complicanze intraoperatorie meno gravi: esecuzione di trattamento decentrato: comune a tutte e tre le tecniche cioè PRK, LASEK, LASIK Specifiche per la LASIK: malfunzionamento del microcheratomo con esecuzione di flap incompleto o danneggiato o decentrato: in tale eventualità, il flap viene riposizionato ed il chirurgo può decidere di rinviare l intervento di alcuni mesi. Complicanze postoperatorie Gravi: sono estremamente rare infezione: nella chirurgia refrattiva, come per qualsiasi chirurgia oculare, questa complicanza può prendere un carattere di particolare gravità (per esempio in caso di infezione refrattaria alle terapie antibiotiche e/o steroidee) e si può giungere fino alla perdita della vista o anche alla perdita dell occhio. Questa eventualità è talmente eccezionale che è impossibile valutarne la frequenza. Meno gravi: opacità transitorie della cornea nell ambito del processo di guarigione-cicatrizzazione; tali opacità determinano iniziali riduzioni dell efficienza visiva, ma generalmente regrediscono in un arco di tempo intorno ai sei mesi, in alcuni rari casi può essere necessario un nuovo trattamento laser per asportare tali opacità; irregolarità della superficie corneale, che può determinare una temporanea diminuzione dell acuità visiva; tendono a regredire con il tempo; irregolarità della cicatrizzazione corneale, tale da determinare alterazioni della superficie corneale; da ciò può risultare una visione distorta, o la formazione di immagini fantasma, o una riduzione permanente dell acuità visiva massima. nel primo periodo post-operatorio talvolta si manifesta la sensazione di aloni intorno alle fonti luminose e di abbagliamento, specie notturno; tale disturbo è di solito ben tollerato e generalmente regredisce in maniera più o meno completa nell arco di alcuni mesi e dopo che il trattamento sia stato eseguito in entrambi gli occhi. In alcuni casi tali disturbi possono perdurare anche per anni o per sempre. Essi sono tanto più frequenti tanto più il difetto iniziale è forte e quanto più la pupilla ha tendenza a dilatarsi in presenza di scarsa luce o al buio. In pazienti con pupilla molto ampia e/o affetti da difetti importanti, tali disturbi possono rendere difficoltosa la guida notturna ed,in casi rari,impedirla. Altre rarissime complicazioni riportate includono: formazione di ulcere corneali cheratite interstiziale diffusa non specifica colliquazione corneale perdita di cellule endoteliali corneali progressivo assottigliamento corneale formazione o aumento dei corpi mobili emorragie retiniche distacco di retina induzione o aggravamento di un deficit di lacrimazione. sebbene il trattamento con il laser ad eccimeri non sia di applicazione recente (i primi interventi risalgono al 1989), è possibile che si manifestino altre complicanze non ancora riportate. I risultati degli studi a lungo termine possono rivelare rischi addizionali. E consigliabile quindi eseguire controlli di routine per controllare le condizioni oculari. 5

6 Tecniche alternative ed effetti sanitari del mancato intervento I difetti refrattivi possono essere corretti con l occhiale o con lenti a contatto. Inoltre, esistono altre metodiche chirurgiche per la correzione dei difetti refrattivi. Tecniche incisionali: esse prevedono l esecuzione di tagli sulla superficie della cornea per modificarne la forma. Esse sono: La Cheratotomia Radiale, utilizzata per molti anni prima dell avvento dei laser, conserva secondo alcuni la propria utilità nella correzione di miopie basse. Le cheratotomie curve per la correzione astigmatica, che conservano ancor oggi particolari indicazioni. Queste tecniche hanno rivelato negli anni una tendenza all instabilità del risultato ottenuto. Tecniche intracorneali: esse prevedono l inserzione di lenticoli o segmenti di materiali plastici nello spessore corneale così da modificarne la forma. Tali metodiche sono per lo più sperimentali o con applicazioni particolari. Sono da ricordare gli anelli intrastromali che, pur avendo una limitata capacità correttiva, promettono la reversibilità del trattamento. Tecniche intraoculari: esse prevedono l inserzione all interno dell occhio, davanti o dietro l iride, di lenti intraoculari di vari materiali al fine di correggere il difetto refrattivo. Tali tecniche sono generalmente riservate a difetti visivi elevati non altrimenti correggibili ed espongono alle complicanze tipiche degli interventi che prevedono l apertura del bulbo. Eventuali tecniche alternative al suo caso sono: L oculista è disposto a rispondere a qualsiasi altro quesito che Lei vorrà porgli. Avvertenze Dopo il trattamento, i valori tonometrici (della pressione dell occhio) di riferimento cambiano, quindi, è possibile chi non sia a conoscenza di questi dati sottostimi i valori ottenuti e le conseguenze che ne possono derivare. Si consiglia, quindi, di informare il medico che rileva la pressione dell avvenuto intervento. Intervento bilaterale simultaneo In alcuni casi è possibile eseguire l intervento nei due occhi insieme; i vantaggi e gli svantaggi sono i seguenti. Vantaggi Operando ambedue gli occhi nello stesso giorno, si fa una sola seduta chirurgica; il paziente ha un solo stress chirurgico ed emotivo; invece, quando si opera prima un occhio e dopo alcuni giorni l altro, occorrono due sedute chirurgiche ed il paziente è sottoposto a due stress operatori. Con l intervento bilaterale simultaneo, dopo l intervento, i due occhi recuperano la vista insieme, per cui sono più equilibrati; hanno inoltre la stessa qualità di vista e migliorano insieme; il paziente, inoltre, si adatta più rapidamente alla nuova situazione; per lo più, l intervento fornisce un risultato più simile nei due occhi perché le condizioni chirurgiche ed ambientali sono uguali. Inoltre, da un punto di vista generale, l intervento simultaneo comporta minor dispersione di tempo e di energia; ciò è importante per chi lavora, studia o per chi, non abitando nella città ove viene eseguito l intervento, deve viaggiare e stare fuori casa. 6

7 Nei giorni successivi, i due occhi seguono la stessa cura e vengono controllati insieme, quindi, ci sono meno visite. Operando prima un occhio e successivamente l altro, si ha il tempo di valutare il risultato ottenuto con il primo intervento e di programmare eventuali modifiche con il secondo intervento; nel periodo che intercorre fra un intervento e l altro, l occhio operato vede in modo diverso (bene ) e, quello non operato, in maniera diversa (male ) e questo può essere causa di parecchi disagi; l occhio non operato è in difficoltà anche perché non può usare la lente a contatto (in previsione dell intervento) e perché l occhiale non viene tollerato (per la differenza fra un occhio e l altro). Inoltre, operando prima un occhio, lasciando qualche giorno di intervallo, e poi operando l altro, si perdono alcuni giorni in più. Svantaggi In ogni intervento di qualunque tipo, eseguito sul corpo umano, una delle possibili complicanze è l infezione; sebbene, nella chirurgia laser della cornea, il rischio di infezione grave sia estremamente raro, con l intervento contemporaneo nei due occhi, c è la possibilità che l infezione colpisca ambedue gli occhi; (mentre, nel caso di intervento in un solo occhio, il rischio di infezione riguarda solo l occhio interessato). Una grave infezione può comportare serie ripercussioni sulla cornea, tali da ridurre drasticamente l acuità visiva ed in casi estremamente rari compromettere, in maniera totale, la vista. In conclusione, l intervento simultaneo nei due occhi offre un recupero visivo globale più rapido e, nell insieme, più comodo ma, in caso di problemi, essi possono interessare ambedue gli occhi. 7

8 Informazioni sull uso di Mitomicina C durante intervento Chirurgia Refrattiva con Eccimeri È noto dalla Letteratura che la correzione di alti gradi di miopia, di astigmatismi elevati o di importanti gradi di ipermetropia con tecniche di superficie (PRK Photo Refractive Keratectomy LASEK Laser Epithelial Keratomileusis) può associarsi con percentuali relativamente alte (fino al 5-6%) di rischio di haze corneale, cioè di ipercicatrizazzione corneale. Tale evenienza, qualora si manifesti, si nota in genere dopo giorni, ma talora anche qualche mese dopo il trattamento e può disturbare la capacità visiva, a seconda dell entità (graduata da 0 assente a 4 - molto grave), come un offuscamento relativo, non correggibile con lenti. Qualora si manifesti, tuttavia, tende nella maggior parte dei casi a presentarsi in maniera poco significativa e a scomparire spontaneamente nell arco di circa un anno. Solo una minima percentuale di casi non regredisce e richiede un trattamento adeguato di tipo chirurgico. Alcuni oculisti avevano sperimentato l uso del farmaco Mitomicina C (MMC) per trattare i loro pazienti che avevano sviluppato haze dopo intervento di PRK [Arch Ophthalmology 1991;109: ; Ophthalmology, 2000;107:89-94). Successivamente, è stato pubblicato un articolo che dimostrava l efficacia della MMC nel ridurre la formazione di haze dopo PRK in animali [J Refractive Surgery 2001;17: ]. Da allora, molti oculisti nel mondo hanno cominciato a trattare i loro pazienti da sottoporre a fotocheratectomia refrattiva, prima come co-trattamento dei casi con haze relativamente importante e che non regrediva nel tempo, poi in modo profilattico (cioè in maniera preventiva) per cercare di ridurre la possibilità dell insorgenza di haze corneale dopo PRK o LASEK per trattamenti importanti. Con riferimento a quest ultima situazione, come evidente in studi controllati su cornee umane [J Cataract Refractive Surgery 2002;28: ; BMC Ophthalmology, 2004;4;12-18; Ophthalmology 2005;112: ] l uso al termine della procedura di PRK o LASEK di una spugnatura della cornea trattata con eccimeri per due minuti con una soluzione molto diluita (0.02%) di MMC con successivo prolungato lavaggio della superficie corneale comporta una netta riduzione della percentuale di haze clinicamente significativi., anche in caso di trattamenti importanti (microns ablati o entità di difetto miopico). La MMC è un antibiotico / chemioterapico con proprietà antimetaboliche che è stato utilizzato da decenni in campo medico, soprattutto come farmaco anti-tumore, poiché è in grado di fermare la proliferazione o la crescita di certi tipi di cellule, quali quelle che si trovano nei tumori oppure di inibire la proliferazione dei cheratociti stromali, che sono in grado di determinare cicatrici a livello oculare. La MMC è stata usata sin dagli anni 80 per prevenire potenziali complicanze operatorie di cicatrizzazione post-chirurgica oculare (es. nel trattamento chirurgico del glaucoma refrattario trabeculectomia - oppure nel trattamento chirurgico di stenosi lacrimali recidivanti dacriocistorinostomia- oppure nell asportazione dello pterigio). L utilizzo della MMC per il trattamento e la prevenzione dell insorgenza di haze corneale post-chirurgia refrattiva come pure le altre applicazioni in chirurgia oculare sono ancora un indicazione ancora non codificata ( off-labeled ) a livello di Istituti Superiori di Sanità e quindi non prevista nel foglietto illustrativo del farmaco MMC (peraltro a distribuzione solo ospedaliera). La MMC è molto potente e potenzialmente tossica. Per altri tipi di trattamento oculare (assolutamente non per l utilizzo in chirurgia refrattiva, dove la diluizione è estremamente elevata, con presenza di una minima concentrazione di farmaco) sono state riportate le seguenti complicazioni: iniezione congiuntivale (arrossamento dell occhio), deficienza permanente delle cellule staminali, assottigliamento corneale o sclerale, perforazione corneale, decompensazione corneale, cataratta e occlusioni vascolari retiniche. Nessuna di queste complicazioni a tutt oggi è mai stata riportata nella tecnica attualmente utilizzata per il trattamento e la prevenzione dell haze corneale. Dal 2000 ad oggi non si ha notizia di complicazioni per il trattamento durante la chirurgia refrattiva con utilizzo di soluzioni estremamente diluite (0.02%) di MMC al termine del trattamento fotorefrattivo con laser ad eccimeri, nonostante un numero elevatissimo di chirurgi di fama mondiale ne faccia uso abituale. Tutti i pazienti trattati hanno registrato un miglioramento della loro acuità visiva ed una riduzione significativa dell haze corneale di cui soffrivano. D altra parte, solo una minima percentuale di soggetti trattati con MMC a scopo profilattico a livello mondiale ha manifestato a distanza di un anno dal trattamento un haze significativo, ma senza mai indurre un alterazione della visione tale da indurre i soggetti a chiedere ai loro chirurgi di effettuare un nuovo trattamento di rimozione dell haze. In alcuni casi è stata riscontrata un tendenza a minima ipercorrezione di un difetto miopico in caso di trattamento profilattico con MMC, fatto di cui tutti i chirurghi refrattivi tengono conto preoperatoriamente nel caso sia indicato un trattamento in PRK con MMC.. É chiaro che non è garantito nel 100% dei casi con il trattamento preventivo con MMC la non comparsa di haze. Esiste anche la remota possibilità che, in un lungo periodo di tempo (molti anni), si possano presentare nei casi trattati sia haze corneale significativo sia una tossicità da MMC attualmente non nota. 8

9 Attenzione! Il trattamento con laser ad eccimeri non elimina sempre gli occhiali ne per sempre Il trattamento con laser ad eccimeri non guarisce tutte le patologie connesse o associate alla miopia Il trattamento con laser ad eccimeri non arresta il progredire della miopia Sono possibili delle complicanze se non si seguono le terapie o i controlli prescritti Negli anni successivi, la pressione dell occhio non verrà misurata come prima dell intervento Una volta corretto il difetto per lontano potrà essere necessario un occhiale da vicino Il sottoscritto paziente/genitore/tutore (Cognome e Nome in stampatello) Data Firma leggibile Cognome e nome di ch.i ha fornito le informazioni: Dott. Paolo Melchiori Firma di chi ha fornito le informazioni LA PRESENTE INFORMATIVA E STATA APPROVATO DALLA SOCIETA OFTALMOLOGICA ITALIANA SOI-AMOI ENTE MORALE RICONOSCIUTO DAL MINISTERO DEI BENI CULTURALI 9

10 Gentile Paziente, la SOI, Società Oftalmologica Italiana, riconosciuta come ente morale dal Ministero dei Beni Culturali, richiede nel suo interesse che prima di sottoporsi all'intervento, lei riceva le necessarie informazioni e firmi il consenso all'intervento. E' quindi invitato a leggere accuratamente il presente scritto e consegnarlo firmato prima dell'atto operatorio Il presente consenso viene richiesto per documentare la sua volontà. ATTO DI CONSENSO ALL INTERVENTO DI LASIK/PRK/LASEK INTERVENTO OCCHIO OCCHIO BILATERALE LASIK PRK LASEK DESTRO SINISTRO CON USO [] SENZA USO [] Mitomicina C 0.02% IN ANESTESIA TOPICA PARABULBARE GENERALE Con la presente dichiarazione, da valere come manifestazione piena, libera ed incondizionata della mia volontà, io sottoscritto, nato a il, residente in acconsento a sottopormi all intervento di chirurgia refrattiva mediante laser a eccimeri, dopo essere stato edotto delle caratteristiche dell intervento ed avere attentamente valutato, sulla base di quanto ampiamente illustrato e riassunto in uno specifico memorandum da me sottoscritto per presa visione (e facente parte integrante della presente dichiarazione di consenso), i possibili vantaggi così come gli eventuali rischi generici e specifici dell intervento stesso. Dichiaro inoltre di avere avuto ogni altra spiegazione da me richiesta e rilasciatami dal Dott. Paolo Melchiori Firma del Dott. Che ha rilasciato spiegazioni su: ottimale protezione con lenti filtranti dei raggi ultravioletti soprattutto nei primi 6-9 mesi dopo l'intervento (occhiali da sole UV filtranti 100%) Dichiaro di aver ricevuto non aver ricevuto ulteriori informazioni e spiegazioni relative all intervento proposto attraverso la visione di materiale audiovisivo predisposto dalla stessa équipe operatoria. Affermo infine di avere letto e compreso perfettamente tutto ciò che mi viene spiegato e che tutti gli spazi da compilarsi sono stati da me completati prima della mia firma. Cognome e Nome del paziente del tutore del paziente inabilitato; dei genitori del paziente minorenne esercenti la patria potestà in stampatello Data Firma del Paziente/tutore/genitore Firma dell altro genitore. 10

11 INTERVENTO BILATERALE Essendo stato informato dei vantaggi e dei rischi connessi all intervento contemporaneo dei due occhi acconsento ad essere sottoposto all intervento bilaterale nella stessa seduta operatoria. Il sottoscritto/i Data Firma del Paziente/tutore/genitore Firma dell altro genitore. In caso di sottoscrizione di uno solo degli esercenti la patria potestà, con la presente sottoscrizione il firmatario dichiara di esercitare congiuntamente la patria potestà, ovvero di essere l unico esercente la patria potestà esonerando da ogni responsabilità la struttura e i suoi medici per ogni atto conseguente alla mendace affermazione ed accollandosene gli oneri. In caso di esercizio della patria potestà disgiunto sarà indispensabile la sottoscrizione di entrambi gli esercenti la patria potestà ovvero di procura notarile dell esercente la patria potestà che non sottoscrive ovvero di dichiarazione con la quale si attribuisce la facoltà di sottoscrivere il consenso all altro genitore munita di dichiarazione d autenticità della firma. Nome di chi riceve la dichiarazione di consenso (in stampatello) Firma di chi riceve la dichiarazione di consenso (non necessariamente Dott.) 11

12 FOGLIO DI TERAPIA PER I PAZIENTI SOTTOPOSTI ALL INTERVENTO DI FOTOCHERATECTOMIA REFRATTIVA (PRK) CON LASER AD ECCIMERI 15 GIORNI PRIMA DELL INTERVENTO: COQUN collirio monodose, una goccia alla sera nell occhio da operare nei 15 giorni prima dell intervento e nei 3 giorni successivi. COLLIRI per l intervento: 1. OFTAQUIX collirio monodose: è da applicare in media ogni 4 ore (quindi 5 volte al di') solo nelle ore di veglia. Va usato con questa frequenza per i primi 4 giorni ad iniziare dal giorno stesso dell operazione; (instillare una o due gocce). 2. BLUYAL A collirio monodose : è da usare per 1-3 mesi volte al dì negli intervalli fra le medicazioni con gli altri colliri; iniziare il giorno stesso dell operazione; (instillare una o piu gocce). 3. FLUATON collirio monodose: è da usare 3 volte al giorno per 15 giorni (ogni 8 ore circa); 2 volte al dì per 15 giorni (ogni 12 ore) ; una volta al dì per 15 giorni. Questo collirio deve essere instillato il giorno seguente all operazione (instillare una goccia). 4. TACHIDOL bustine: 1 bust 3 volte al dì dopo i pasti in caso di dolori e fino alla scomparsa degli stessi. 5. IRIDIUM salviette per la pulizia dell occhio operato Si raccomanda di attendere almeno minuti di intervallo tra l utilizzo dei diversi colliri. Per l occhio operato si raccomanda di utilizzare solo i medicinali scritti in questo foglio; eventuali colliri o cure generali per l altro occhio vanno continuate. Si raccomanda vivamente di tenere l occhio operato coperto con la conchiglia protettiva e pertanto di non toccare o strofinare l occhio operato. La pulizia dell occhio dopo l intervento viene effettuata delicatamente con IRIDIUM salviette La prima visita di controllo è per il giorno successivo all intervento alle ore presso il Reparto Oculistico. PORTARE QUESTO FOGLIO ALLE VISITE DI CONTROLLO 12

13 TERAPIA PER I PAZIENTI SOTTOPOSTI ALL INTERVENTO DI CHERATECTOMIA INTRASTROMALE (LASIK) CON LASER AD ECCIMERI 3 GIORNI PRIMA DELL INTERVENTO: Accurata pulizia del bordo palpebrale superiore e inferiore 2 volte al di con IRIDIUM salviette COMPRESSE: LEXOTAN 3 mg. 1 compressa alle ore 23 la sera prima dell intervento ed 1 compressa alle ore 7 il giorno dell intervento. COLLIRI: Iniziare ad utilizzarli il giorno stesso dopo l operazione; instillare 1-2 gocce per collirio. 1. TOBRADEX collirio: va messo ogni 2 ore diurne, dopo l intervento. Il 2 giorno ogni 3 ore, il 3 giorno ogni 4 ore, il 4 giorno ogni 6 ore, il 5 giorno ogni 12 ore, poi si sospende. 2. NEXT monodose collirio: è da applicare in media ogni 5 ore (quindi 4 volte al di') solo nelle ore diurne. Va usato con questa frequenza per il primo mese; poi ogni 8 ore per 3 mesi, poi al bisogno. Per l occhio operato si raccomanda di utilizzare solo i medicinali scritti in questo foglio; eventuali colliri per l altro occhio o cure generali vanno continuate. Si raccomanda di attendere almeno minuti di intervallo tra l utilizzo dei diversi colliri. Nelle ore successive al trattamento il paziente potrà avere sensazione di corpo estraneo, oppure un moderato fastidio. In caso di dolore il paziente può usare gli antidolorifici cui è abituato (esempio: OPTALIDON compresse). In caso di dolore forte, lacrimazione abbondante, diminuzione drastica della vista telefonare immediatamente in Ospedale (tel ). Dopo il trattamento laser l occhio va protetto con un paio di occhiali scuri; durante la notte, invece, va protetto con una conchiglia di plastica per almeno 4-5 giorni. Evitare di toccare o strofinare l occhio almeno per i primi 5-6 giorni; ciò, oltre che provocare dolore, altererebbe e ritarderebbe il processo di guarigione. Nei 4-5 giorni che seguono l intervento è necessario evitare il trucco agli occhi, l uso di profumi, lacca, spray, areosol, etc. È, inoltre, opportuno non esporsi al sole intenso ed evitare attività sportive che predispongano a traumatismi oculari per almeno 2-3 settimane. La prima visita di controllo è fissata per il giorno successivo all intervento presso il Reparto Oculistico alle ore. L occhio operato comincerà a vedere discretamente già il giorno dopo il trattamento, ma una buona visione verrà recuperata in tempi più lunghi, cioè in alcuni giorni. PORTARE QUESTO FOGLIO ALLE VISITE DI CONTROLLO 13

14 Dipartimento CHIRURGICO Presidio Ospedaliero di Camposampiero Unità Operativa Autonoma OCULISTICA Direttore: prof. Piero Steindler Via P. Cosma, Camposampiero / Padova Tel Fax AMBULATORIO DI CHIRURGIA REFRATTIVA La Giunta Regionale del Veneto, con deliberazione n del , ha indicato le patologie oftalmologiche che prevedono l erogabilità delle prestazioni con laser ad eccimeri a carico del Servizio Sanitario Regionale per i residenti nella Regione Veneto: - anisometropie superiori alle quattro diottrie; - cheratectomia fototerapeutica (PTK): distrofie, cicatrici ed altre opacità corneali; - astigmatismo secondario a chirurgia corneale (post-cheratoplastica o simili); - ametropie post-chirurgiche (cataratta, cheratoplastica perforante). Poiché la patologia di cui è affetta la S.V. non rientra tra i criteri di cui sopra, la prestazione di chirurgia refrattiva sarà erogata con oneri a Suo completo carico alle tariffe determinate dalla deliberazione dell Azienda ULSS n. 15 del Veneto n del , avente ad oggetto Aggiornamento della tariffa per prestazioni di oculistica di chirurgia refrattiva (laser ad eccimeri), per soggetti paganti in proprio,. Il / La sottoscritto / a nato / a il a, presa visione di quanto sopra esposto si impegna a pagare l onere per la prestazione in oggetto. Camposampiero, il Firma Sede legale dell Azienda: Via Casa di Ricovero, Cittadella / Padova Codice Fiscale e Partita IVA: IT Centralino: Camposampiero Cittadella Sito Internet: 14

15 Dipartimento CHIRURGICO Presidio Ospedaliero di Camposampiero Unità Operativa Autonoma OCULISTICA Direttore: prof. Piero Steindler Via P. Cosma, Camposampiero / Padova Tel Fax AMBULATORIO DI CHIRURGIA REFRATTIVA In applicazione della deliberazione dell Azienda ULSS n. 15 del Veneto n del , avente ad oggetto Aggiornamento della tariffa per prestazioni di oculistica di chirurgia refrattiva (laser ad eccimeri), per soggetti paganti in proprio, il signor / La Signora nato / a il deve versare all Ufficio Cassa l importo per prestazione di chirurgia refrattiva: [] PRK un occhio Cod ,00 euro [] PRK due occhi Cod x 2 volte 2.200,00 euro [] LASIK un occhio Cod ,00 euro [] LASIK due occhi Cod x 2 volte 2,900,00 euro [] PTK un occhio 1.100,00 euro [] PTK due occhi 2.200,00 euro Camposampiero, L addetto Nota per l Ufficio Cassa Inserire nella voce di menù Laser ad eccimeri, mettere il timbro di pagato e fare fotocopia del presente foglio che verrà consegnato all U.O.A. di Oculistica Sede legale dell Azienda: Via Casa di Ricovero, Cittadella / Padova Codice Fiscale e Partita IVA: IT Centralino: Camposampiero Cittadella Sito Internet: t 15

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA

LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA COMPAGNIA ITALIANA OFTALMOLOGICA Piazzale Lunardi, 13/A 43100 Parma Tel. +39 0521 483123 Fax +39 0521 483472 info@cioitalia.com ALTK Automated Lamellar Therapeutic

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

Testata. Data Aprile 2015. Sezione La stanza dell esperto

Testata. Data Aprile 2015. Sezione La stanza dell esperto Testata Data Aprile 2015 Sezione La stanza dell esperto EQUA di Camilla Morabito S.R.L. Via del Babuino, 79 00187 Roma T [+39] 06 3236254 F [+39] 06 32110090 www.equa.it - info@equa.it Partita Iva e Codice

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

OFTALMOLOGIA PEDIATRICA

OFTALMOLOGIA PEDIATRICA OFTALMOLOGIA PEDIATRICA A. De Gregorio, E. Pedrotti, M. Pedrotti L occhio è la nostra finestra sul mondo, la vista è, infatti, la più importante via conoscitiva per la mente e di gran lunga il più evoluto

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO. Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale - Milano. Occhi e Urgenze

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO. Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale - Milano. Occhi e Urgenze AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale - Milano Occhi e Urgenze Copyright 2010 I.N.C. Innovation-News-Communication s.r.l. ISBN... Editore I.N.C. Innovation-News-Communication

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

SALUTE PER GLI OCCHI PATOLOGIE PIÙ COMUNI, PROTEZIONE, PREVENZIONE.

SALUTE PER GLI OCCHI PATOLOGIE PIÙ COMUNI, PROTEZIONE, PREVENZIONE. SALUTE PER GLI OCCHI PATOLOGIE PIÙ COMUNI, PROTEZIONE, PREVENZIONE. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 20 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 OGGETTO: Approvazione atti di gara Aggiudicazione

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail. COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.it bollo di 16,00 da apporre solo se si richiedono copie conformi Al Responsabile

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA CAPO I OGGETTO DEL DIRITTO D ACCESSO 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI 1. Al fine di favorire

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Az. U.L.S.S. 12 Veneziana-Dipartimento di Prevenzione Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro

Az. U.L.S.S. 12 Veneziana-Dipartimento di Prevenzione Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro PREMESSA L utilizzo della tecnologia informatica ha già rivoluzionato il modo di lavorare e lo trasformerà in modo esponenziale nel futuro. In contrapposizione sono aumentate le segnalazioni relative ai

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

I laser ad eccimeri Introduzione Concetti base dei laser ad eccimeri

I laser ad eccimeri Introduzione Concetti base dei laser ad eccimeri I laser ad eccimeri Introduzione Il laser ad eccimeri è stato introdotto in oftalmologia all inizio degli anni 80, sostituendosi via via al bisturi nell arte della chirurgia refrattiva. Grazie a questo

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED

Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED Era considerato insuperabile. Ora lo abbiamo reso ancora migliore. MIGLIORE IN OGNI PARTICOLARE, IMBATTIBILE

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli