IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni"

Transcript

1 IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO Fausto Roila Oncologia Medica, Terni

2 IL PROBLEMA - CRISI ECONOMICA DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI - COSTI SEMPRE PIU ELEVATI DELLA INNOVAZIONE (nuove tecnologie, nuovi farmaci)

3 COSTO DEI FARMACI ANTITUMORALI: C E UN RAZIONALE? ( Cox MC, J Clin Oncol 2004; 22: ) Il prezzo di un nuovo farmaco è UNA VARIABILE INDIPENDENTE che viene attribuito in base a quanto le industrie farmaceutiche reputano che il mercato possa sopportare

4 IL PROBLEMA - RISCHIO: Costi non sostenibili da alcun servizio sanitario nazionale - CONSEGUENZE: razionamento

5 USO RISORSE ECONOMICHE IN ONCOLOGIA (commissione 2013 del Ministero della Salute) Obiettivo: individuare gli accertamenti diagnostici di non documentata efficacia e non renderli più rimborsabili (evitando cosi consumi di risorse non giustificati) - markers tumorali - esami di follow up - utilizzo ingiustificato della PET-TC, TC, RM -..

6 ...E PER NON FAR RAZIONARE I NUOVI FARMACI CHE SI PUO FARE?

7 GLI ATTORI - GLI ENTI REGOLATORI (FDA, EMA) - L INDUSTRIA FARMACEUTICA - GLI ONCOLOGI-EMATOLOGI - I FARMACISTI OSPEDALIERI - IL SSN - LE ASSOCIAZIONI DEI PAZIENTI

8 GLI ENTI REGOLATORI: FDA, EMA - STRETTI LEGAMI CON INDUSTRIA FARMACEUTICA (gli enti sono sovvenzionati in larga parte dall industria, concordano gli studi per ottenere l approvazione del nuovo farmaco ) SOLUZIONI: - Rendere realmente indipendenti gli enti regolatori - Proibire i conflitti di interesse

9 GLI ENTI REGOLATORI: FDA, EMA - USO DI ENDPOINT SURROGATI PER APPROVARE NUOVI FARMACI - USO DEL PLACEBO

10 EFFETTI DEL TRATTAMENTO SUL CANCRO (ATTIVITA ) - Risposta completa o parziale e durata della risposta (ORR) - Tempo alla progressione (TTP) - Tempo al fallimento della terapia (TTF) - Sopravvivenza libera da progressione (PFS) - Sopravvivenza libera da malattia (DFS) - Tempo alla progressione dei sintomi del cancro - Tempo alla comparsa dei sintomi (in pts asintomatici)

11 EFFETTI DEL TRATTAMENTO SUL PAZIENTE (EFFICACIA) - Sopravvivenza globale (OS) - Qualità di vita (QoL)

12 OS versus PFS - OVERALL SURVIVAL: tempo dalla randomizzazione alla morte per ogni causa valutata secondo il criterio di intenzione a trattare (intention to treat). E precisa, facile da misurare, senza rischio di errori Svantaggi: - Richiede studi con maggior numero di pts - richiede follow-up più lunghi - terapie successive alla progressione possono confondere i risultati cosi come il crossover dei trattamenti

13 OS versus PFS - PROGRESSION FREE SURVIVAL: tempo dalla randomizzazione alla progressione della malattia o morte per ogni causa ( dal TTP che non include la morte). Richiede un più piccolo numero di pts e più breve follow-up; non è affetta dalle terapie successive e dal crossover Svantaggi: endpoint surrogato della OS non validato sufficientemente; non precisamente misurato; soggetto a bias di valutazione se studi non in cieco, se visite e valutazioni malattia asimmetriche nei 2 bracci

14 OS versus PFS - Una misura di outcome (come la PFS) per essere validato come un buon endpoint surrogato richiede che sia strettamente ed in modo consistente correlato con l endpoint definitivo (OS) e, quando questo è stato stabilito, la PFS (l endpoint surrogato) dovrebbe predire il beneficio del trattamento sulla OS - Questa relazione dovrebbe essere dimostrata per ogni tipo di tumore e per ogni trattamento

15 OS versus PFS - L evidenza che la PFS sia un endpoint surrogato validato della OS in differenti neoplasie metastatiche è variabile (apparentemente dimostrata nel ca colonretto e ovaio ma non nel ca mammella metastatico) (Korn EL, J Clin Oncol 2011; 29: )

16 PFS: UN ENDPOINT SURROGATO DELLA OS? - Modelli statistici hanno suggerito che la correlazione tra OS e PFS è più debole in malattie con una più lunga sopravvivenza (> 12 mesi) post progressione (SPP), mentre è un buon endpoint surrogato quando la SPP è < 12 mesi (Broglio KR, J Natl Cancer Inst 2009; 101: ) - Questo è stato confermato analizzando la correlazione tra PFS e OS nei bracci di controllo e sperimentali degli RCT eseguiti negli ultimi 10 anni che hanno portato alla approvazione di un nuovo farmaco (Amir E, Eur J Cancer 2012; 48: )

17 PFS: UN ENDPOINT SURROGATO DELLA OS? - Pertanto nelle neoplasie con breve SPP (ca polmone e pancreas) la PFS è un buon endpoint surrogato. Ciò è di scarso significato clinico in quanto, in queste neoplasie, data la breve OS, è fattibile disegnare RCT con endpoint primario la OS - Nelle neoplasie con lunga SPP (ca mammella e ovaio) la PFS non è un endpoint surrogato della OS. La PFS può essere però clinicamente importante se associata con un miglioramento dei PRO come la qualità di vita. In questi casi un endpoint composto dovrebbe però essere sviluppato e validato in sostituzione della OS

18 GLI ENTI REGOLATORI - Negli ultimi 20 anni gli enti regolatori hanno approvato i nuovi farmaci antitumorali prevalentemente sulla base di endpoint di attività (> 75% dei casi). - Di questi i più utilizzati sono la percentuale di risposte (dal 30 al 50% circa) e la PFS (dal 20 al 40% circa). - L uso di endpoint quali la PFS è stato utilizzato anche se non dimostrato che era un endpoint surrogato della OS.

19 GLI ENTI REGOLATORI - Oltre l 80% delle approvazioni sono state basate sui risultati di un solo studio (peraltro nel 30% circa non controllato ed non in cieco). - A parte le approvazioni accelerate, che richiedono ulteriori studi per confermare l efficacia del farmaco, la registrazione con un unico studio potrebbe essere corretta solo se il farmaco ha già dimostrato efficacia e buona tollerabilità in altre indicazioni o in neoplasie rare in cui è difficile condurre studi clinici randomizzati

20 GLI ENTI REGOLATORI Fino a poco tempo fa la richiesta minima per approvare un farmaco era di dimostrarne l efficacia in uno studio clinico controllato. Tali risultati dovevano peraltro essere confermati da almeno un altro studio clinico randomizzato

21 SOLUZIONI: GLI ENTI REGOLATORI: uso di endpoint surrogati - Richiedere almeno due studi controllati eseguiti contemporaneamente con simili risultati per approvare un farmaco - Obbligare l industria ad usare endpoint surrogati solo quando non è possibile usare OS o QoL - Se endpoint surrogato richiedere sempre valutazione QoL e/o miglioramento dei sintomi - Non permettere crossover (se non OS aumentata)

22 GLI ENTI REGOLATORI: soluzioni Non dovrebbero approvare farmaci sulla base di studi: - con dubbia efficacia (beva nel glioblastoma e ovaio)

23 GLIOBLASTOMA MULTIFORME BEVACIZUMAB

24 GLIOBLASTOMA: BEVACIZUMAB - Studio di fase III doppio cieco eseguito in 637 pts con glioblastoma, che sono stati randomizzati a ricevere, come prima linea di terapia, bevacizumab vs placebo associati a radioterapia più temozolomide. - La OS (endpoint coprimario con la PFS ) era simile (15.7 con bevacizumab vs 16.1 mesi con placebo). La PFS era invece superiore (10.7 vs 7.3 mesi, rispettivamente). Il bevacizumab peggiorava la QoL e le funzioni neurocognitive e aumentava la tossicità Gilbert MR, et al. N Engl J Med 2014; 370:

25 GLIOBLASTOMA: BEVACIZUMAB - Studio di fase III doppio cieco eseguito in 921 pts con glioblastoma, che sono stati randomizzati a ricevere, come prima linea di terapia, bevacizumab vs placebo associati a radioterapia più temozolomide. - La OS (endpoint coprimario con la PFS ) era simile (16.8 con bevacizumab vs 16.7 mesi con placebo). La PFS era invece superiore (10.6 vs 6.2 mesi, rispettivamente). Il bevacizumab manteneva la QoL e il PS più a lungo stabili e richiedeva meno steroidi. La tossicità era aumentata Chinot OL, et al. N Engl J Med 2014; 370:

26 CARCINOMA DELL OVAIO METASTATICO BEVACIZUMAB

27 CA. OVAIO METASTATICO: BEVACIZUMAB - Studio di fase III (GOG-0218) doppio cieco eseguito in 1873 pts con carcinoma dell ovaio stadio FIGO III non resecabile e IV, che sono state randomizzate a ricevere, come prima linea di terapia, carboplatino + paclitaxel vs + beva per 6 cicli vs lo stesso + mantenimento con beva per 21 cicli (15 mesi) - La PFS (endpoint primario) era significativamente superiore con beva mantenimento (10.3 vs 11.2 vs 14.1 mesi). La OS mediana non era significativamente differente (39.3 vs 38.7 vs 39.7 mesi) così come la QoL. Maggior tossicità con bevacizumab Burger RA, et al. N Engl J Med 2011; 365:

28 CA. OVAIO METASTATICO: BEVACIZUMAB - Studio di fase III (ICON7) non doppio cieco eseguito in 1528 pts con carcinoma dell ovaio stadio III e IV + I e II ad alto rischio), che sono state randomizzate a ricevere, come prima linea di terapia, carboplatino + paclitaxel ± bevacizumab dal 2 al 6 ciclo di CT + altri 12 cicli - La PFS (endpoint coprimario come la OS) era aumentata significativamente con bevacizumab (21.8 vs 20.3 mesi). La OS mediana non era significativamente differente (ma dati non maturi). La QoL era superiore con sola CT. Maggior tossicità con bevacizumab. Perren TJ, et al. N Engl J Med 2011; 365:

29 GLI ENTI REGOLATORI: soluzioni Non dovrebbero approvare farmaci sulla base di studi con: - differenze statisticamente significative ma clinicamente poco o nulla rilevanti (aflibercept e regorafenib nel ca colon-retto)

30 CARCINOMA DEL COLON- RETTO METASTATICO AFLIBERCEPT COME 2 LINEA DI CT

31 CR. COLONRETTO: AFLIBERCEPT - Studio di fase III eseguito in 1226 pts con carcinoma colo-rettale che erano randomizzati a ricevere FOLFIRI + aflibercept vs FOLFIRI come seconda linea di chemioterapia. - La OS (endpoint primario) era significativamente superiore (13.5 vs 12.1 mesi) così come la PFS (6.9 vs 4.7 mesi). Tossicità G3-G4 > con aflibercept (83.5% vs 62.5%). Van Cutsem E, et al. J Clin Oncol 2012; 30:

32 CARCINOMA DEL COLON- RETTO METASTATICO REGORAFENIB IN PTS RESISTENTI A TUTTE LE CT

33 CR. COLONRETTO: REGORAFENIB - Studio di fase III doppio cieco, eseguito in 760 pts con carcinoma colo-rettale resistente a tutte le CT, che erano randomizzati a ricevere regorafenib vs placebo come ultima linea di terapia. - La OS (endpoint primario) era significativamente superiore con regorafenib (6.4 vs 5.0 mesi). La PFS era 1.9 vs 1.7 mesi. RR nel 1.0% vs 0.4%. Tossicità G3-G4 > con regorafenib (61% vs 22%). Grothey A, et al. Lancet 2013; 381:

34 GLI ENTI REGOLATORI: soluzioni Non dovrebbero approvare farmaci sulla base di studi: - con superiorità rispetto alla chemioterapia (vecchio trattamento standard) ma non rispetto all attuale trattamento standard (afatinib)

35 CARCINOMA DEL POLMONE NON MICROCITOMA METASTATICO AFATINIB

36 NSCLC METASTATICO: AFATINIB - Studio di fase III eseguito in 345 pts con adenocarcinoma del polmone stadi IIIB-IV con mutazione dell EGFR, che sono stati randomizzati a ricevere, come prima linea di terapia, afatinib vs chemioterapia con cisplatino e pemetrexed. Alla P era permesso il crossover. - La PFS (endpoint primario) era significativamente superiore con afatinib (11.1 vs 6.9 mesi) così come la RR (56% vs 23%). La OS mediana era non significativamente differente (16.6 vs 14.8 mesi). QoL superiore con afatinib. Tossicità diversa ma incidenza di grado 3-4 simile. Sequist LV, et al. J Clin Oncol 2013; 31:

37 NSCLC METASTATICO: AFATINIB - Studio di fase III eseguito in 364 pts asiatici con adenocarcinoma del polmone stadi IIIB-IV con mutazione dell EGFR, che sono stati randomizzati 2:1 a ricevere, come prima linea di terapia, afatinib vs chemioterapia con cisplatino e gemcitabina. Alla P era permesso il crossover. - La PFS (endpoint primario) era significativamente superiore con afatinib (11.0 vs 5.6 mesi) così come la RR (66.9% vs 23%). La OS mediana era simile (22.1 vs 22.2 mesi). Wu Y-L, et al. Lancet Oncol 2014; 15:

38 GLI ENTI REGOLATORI: soluzioni Non dovrebbero approvare farmaci sulla base di studi: - analisi per sottogruppi (saga dei RAS)

39 CR. COLONRETTO: CETUXIMAB - Lo studio di fase III (CRYSTAL) è stato eseguito in 1198 pts e ha confrontato FOLFIRI + cetuximab vs FOLFIRI come prima linea di chemioterapia. - Il cetuximab ha determinato un aumento della PFS (endpoint primario) statisticamente significativo (8.9 vs 8.0 mesi) rispetto al trattamento di controllo. Van Cutsem E, N Engl J Med 2009; 360:

40 CR. COLONRETTO: PANITUMUMAB -Studio di fase III ( ) in 463 pts in 3-4 linea di CT che ha confrontato panitumumab (6 mg/kg ev ogni 14 giorni) + BSC vs BSC - La PFS mediana (endpoint primario dello studio) era significativamente superiore con panitumumab (8 vs 7.3 settimane). La OS mediana era simile Van Cutsem E et al. J Clin Oncol 2007; 25:

41 CETUXIMAB IN RAPPORTO A KRAS STUDIO Variabile KRAS WT KRAS MT CET CTL CET CTL CRYSTAL n pts PFS (mesi) OS (mesi) EPIC n pts PFS (mesi) OS (mesi)

42 CETUXIMAB IN RAPPORTO A KRAS STUDIO Variabile KRAS WT KRAS MT CET CTL CET CTL NCIC-017 n pts PFR (mesi) OS (mesi)

43 PANITUMUMAB IN RAPPORTO A KRAS STUDIO Variabile KRAS WT KRAS MT PAN CTL PAN CTL PRIME* n pts PFS (mesi) OS (mesi) Peters** n pts PFS (mesi) OS (mesi) * Douillard J-Y, et al. J Clin Oncol 2010; 28: ** Peters M, et al. J Clin Oncol 2010; 28:

44 ANALISI PER SOTTOGRUPPI - Lo stato KRAS (wild type versus mutato) era disponibile in una percentuale variabile di pts nei vari studi (la FDA suggeriva su 90% dei pts arruolati) - Talora l analisi è stata ripetuta più volte nello stesso studio in base al numero di determinazioni KRAS disponibili senza mai considerare, per la disuguaglianza di Bonferroni, che quanto maggiore è il numero di analisi per sottogruppi eseguite tanto più i loro risultati sono esposti al rischio che sia il caso a determinarne l esito.

45 ANALISI PER SOTTOGRUPPI - Analisi essenzialmente esplorative le cui conclusioni devono essere sottoposte ad ulteriori studi programmati ad hoc in quanto generatori di ipotesi. - Quindi va stigmatizzato il risultato delle analisi per sottogruppi come criterio per approvare i farmaci (come deciso dalla FDA e dall EMA per il cetuximab ed il panitumumab approvato solo nei pts KRAS WT).

46 CR. COLONRETTO KRAS WT: CETUXIMAB - Lo studio di fase III (COIN) è stato eseguito in 715 pts KRAS wild type e ha confrontato FOLFOX (o CAPOX) + cetuximab vs FOLFOX (o CAPOX) come prima linea di chemioterapia. - La OS (endpoint primario) non era significativamente differente (17.0 mesi con cetuximab vs 17.9 mesi con CT) così come la PFS (8.6 vs 8.6 mesi rispettivamente). RR superiore con cetuximab (64% vs 57%). Maughan TS, Lancet 2011; 377:

47 CR. COLONRETTO KRAS WT: CETUXIMAB - Studio di fase III (NORDIC-VII) che ha confrontato boli di FA+FU + oxaliplatino (Nordic FLOX) ± cetuximab come prima linea di chemioterapia in 324 pts (194 KRAS wild type ed 130 KRAS mutati) - Nei pts KRAS WT la PFS mediana (endpoint primario) era inferiore con cetuximab (7.9 vs 8.7 mesi) così come la OS (20.1 vs 22.0 mesi). Nei pts KRAS mutati il trend era a favore del cetuximab (PFS 9.2 vs 7.8 mesi e OS 21.1 vs 20.4 mesi) Tveit KM, et al. J Clin Oncol 2012; 30:

48 CR. COLONRETTO RAS WT: PANITUMUMAB (studio PRIME) - Analisi per sottogruppi dello studio PRIME in cui sono state analizzati i risultati dei pts RAS WT (che escludevano oltre la quelli con mutazione KRAS 2 anche le mutazioni KRAS 3, 4 e NRAS 2, 3 e 4) - In 512 pts RAS WT quelli sottoposti a panitumumab + FOLFOX presentavano una PFS mediana (10.1 vs 7.9 mesi) e una OS mediana (26.0 vs 20.2 mesi) superiore significativamente rispetto a quelli trattati con sola CT Douillard J-Y, et al. N Engl J Med 2013; 369:

49 CR. COLONRETTO RAS WT: PANITUMUMAB (studio PRIME) - I pts RAS WT e BRAF WT (466 pts) trattati con panitumumab + CT presentavano una OS mediana (28.3 vs 20.9 mesi) significativamente superiore rispetto alla sola CT - Pts con mutazioni KRAS 3,4 e NRAS 2,3 e 4 avevano una PFS e una OS inferiore se trattati con panitumumab. Douillard J-Y, et al. N Engl J Med 2013; 369:

50 CR. COLONRETTO RAS WT: CETUXIMAB (studio OPUS) - Lo studio ha confrontato FOLFOX + cetuximab vs FOLFOX in 337 pazienti sottoposti ad una prima linea di chemioterapia. Di questi 179 non avevano mutazioni RAS - La PFS mediana dei pazienti RAS WT trattati con cetuzimab aumentava significativamente (12 vs 5.8 mesi). Anche la OS aumentava (20.7 vs 17.8 mesi) ma la differenza non era statisticamente significativa Bokemeyer C, et al. Ann Oncol 2011; 22:

51 CONCLUSIONI (non della saga) - Gli enti regolatori hanno ristretto l uso di cetuximab e panitumumab ai pts RAS WT. - Il Lancet Oncology ha denunciato i ritardi incredibili con cui sono state eseguite le analisi per sottogruppi (già da anni il razionale degli studi era noto così come disponibili erano i dati). Ciò di fatto avrebbe risparmiato terapie più tossiche e meno efficaci a tanti pts se le analisi fossero state eseguite prima.

52 GLI ENTI REGOLATORI: soluzioni Non dovrebbero approvare farmaci sulla base di: - Studi di non inferiorità

53 L INDUSTRIA FARMACEUTICA - AL PRIMO POSTO IL MERCATO (rofecoxib, paroxetina, etc., no ai generici e biosimilari ma., carenza dei farmaci a basso costo, innovazione a costi non sostenibili, etc.) - CARATTERISTICHE DELLA RICERCA DELL INDUSTRIA (disegno degli studi, organizzazione studi, computerizzazione dati, analisi dei risultati, pubblicazione dei risultati, ghost writer and guest authors)

54 L INDUSTRIA FARMACEUTICA: soluzioni - Ridare la ricerca in mano ai ricercatori - Evitare che chi elabora/valuta i dati abbia conflitti di interesse - Sorveglianza degli enti regolatori

55 GLI ONCOLOGI-EMATOLOGI - Consumano circa il 70% delle risorse investite sui farmaci - Difficoltà nel valutare criticamente le molteplici revisioni della letteratura che dicono tutte la stessa cosa (in genere suggerite e supportate dall industria farmaceutica) con conseguente enfasi sproporzionata rispetto al beneficio reale dei nuovi farmaci - Prescrizioni talora fuori indicazione (off label)

56 GLI ONCOLOGI-EMATOLOGI: soluzioni - Coinvolgimento nei processi di valutazione efficacia/tossicità e costo/efficacia dei nuovi farmaci - Informazione e controinformazione - Evitare per legge i conflitti di interesse (e non solo disclosure del conflitto) - Appropriatezza prescrittiva

57 I FARMACISTI OSPEDALIERI - Ruolo prezioso nel monitoraggio dell appropriatezza prescrittiva - Supporto dell oncologo-ematologo nell informazione (e controinformazione) sull efficacia/tossicità e costo/efficacia dei nuovi farmaci - Non mero esecutore della «necessità di risparmiare a tutti i costi»

58 IL SSN: soluzioni - APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA (registro AIFA dei farmaci sottoposti a monitoraggio, ETOR) - MUTARE LE MODALITA DI RIMBORSO

59 Il SSN: soluzioni Utilizzo registro AIFA per varie modalità di rimborsabilità dei farmaci oncologi: - Cost sharing - Risk sharing - Payment by results

60 REGISTRO AIFA SUI FARMACI ONCOLOGICI - Cost sharing: sconto sul prezzo (in genere del 50%) per i primi cicli per tutti i pazienti (es: erlotinib come 2-3 linea di terapia nel NSCLC) e/o sul proseguimento delle terapie oltre un determinato numero di cicli (bevacizumab)

61 REGISTRO AIFA SUI FARMACI ONCOLOGICI - Risk sharing: sconto (in genere del 50%) sul prezzo delle confezioni utilizzate per pazienti non responder alla prima rivalutazione - Payment by results: rimborso totale per i trattamenti effettuati per pazienti non responder alla prima rivalutazione

62 Il SSN: soluzioni - Analisi Farmacoeconomiche (HTA) (leggi NICE) - AVERE PIU CORAGGIO - il caso Lucentis - Avastin - imporre prezzi «sostenibili» - non rimborsare «i sogni» ed i «benefici marginali»

63 LE ASSOCIAZIONI DEI PAZIENTI - Ruolo importante nel supporto ai pazienti ma talora rapporti troppo stretti con l industria farmaceutica (alcune vivono grazie all industria) - Acritica difesa del dare tutto a tutti (e quindi anche il non efficace). Suggerito dall industria?

64 LE ASSOCIAZIONI DEI PAZIENTI: soluzioni - indipendenza economica e culturale dall industria farmaceutica

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto Carmelo Lupo RAS-RAF signaling Activation of the RAS-RAF signaling cascade occurs via the following sequential steps 1 : Activation

Dettagli

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO Cetuximab può ridurre la massa tumorale per permettere la resezione delle metastasi, anche, in pazienti inizialmente non resecabili,

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia)

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Panitumumab Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 36 Ottobre 2014 Direzione

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte B: Cetuximab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO 1/7 MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO Nome Commerciale Avastin Principio Attivo Bevacizumab Ditta Produttrice Roche ATC L01XC07 Formulazione Concentrato per soluzione

Dettagli

Il punto di vista del clinico

Il punto di vista del clinico Il punto di vista del clinico Giulio Metro S.C. Oncologia Medica Ospedale Santa Maria della Misericordia, Azienda Ospedaliera di Perugia Registri di monitoraggio AIFA: stato dell arte ed esperienze a confronto

Dettagli

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta in aggiunta a chemioterapia a base

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO Raccomandazione n. 2 - Marzo 2011 INTRODUZIONE La presente Raccomandazione si pone come strumento metodologico di supporto a

Dettagli

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici Percorsi e processi organizzativi nei trattamenti integrati dei tumori gastrointestinali Associazione Dossetti Roma, 25-26 ottobre 2011 Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Dettagli

Nel tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) metastatico o non operabile (I linea di terapia)

Nel tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) metastatico o non operabile (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Afatinib Nel tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) metastatico o non operabile (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte A: Bevacizumab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

Forma farmaceutica: 1 flaconcino da 50 ml, soluzione per infusione 2 mg/ml - Prezzo: euro 312.01

Forma farmaceutica: 1 flaconcino da 50 ml, soluzione per infusione 2 mg/ml - Prezzo: euro 312.01 CETUXIMAB per l'indicazione: trattamento di pazienti affetti da carcinoma metastatico del colon-retto con espressione del recettore per EGF e con gene KRAS non mutato (27-10-2009) Specialità: ERBITUX (Merck

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Specialità: Avastin (Roche spa)

Specialità: Avastin (Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento di pazienti con carcinoma metastatico del colon e del retto in combinazione con chemioterapia a base di fluoropirimidine. (09-09-2008) Specialità: Avastin (Roche

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

Farmaci sottoposti a monitoraggio Aifa: Tumori Gastroenterici. Dr Andrea Rocchi Oncologia-Foligno

Farmaci sottoposti a monitoraggio Aifa: Tumori Gastroenterici. Dr Andrea Rocchi Oncologia-Foligno Farmaci sottoposti a monitoraggio Aifa: Tumori Gastroenterici Dr Andrea Rocchi Oncologia-Foligno Carcinoma del colon: Bevacizumab I e II linea Aflibercept II linea Panitumumab I, II, III linea Carcinoma

Dettagli

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Negli ultimi anni c è stato un notevole cambiamento nella gestione diagnosticoterapeutica dei soggetti affetti da neoplasia

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

Off Label in Oncologia

Off Label in Oncologia Off Label in Oncologia Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica - Osp. Oncologico Cagliari Presidente AIOM Sardegna Farmaci antitumorali Un uso appropriato dei farmaci antitumorali è la più importante premessa

Dettagli

AGGIORNAMENTO (Dicembre 2012) della Raccomandazione n. 2

AGGIORNAMENTO (Dicembre 2012) della Raccomandazione n. 2 AGGIORNAMENTO (Dicembre 2012) della Raccomandazione n. 2 RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO (già approvata dalla Giunta Regionale nel marzo 2011) Nota: il testo

Dettagli

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Studio aperto randomizzato multicentrico di fase III di confronto tra il trattamento con Erlotinib (Tarceva ) e la chemioterapia nei pazienti affetti da carcinoma non a piccole

Dettagli

Raccomandazioni evidence-based. Farmaci per il tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC), avanzato, seconda linea di terapia

Raccomandazioni evidence-based. Farmaci per il tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC), avanzato, seconda linea di terapia Raccomandazioni evidence-based Farmaci per il tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC), avanzato, seconda linea di terapia A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d

Dettagli

Quali strategie per un utilizzo razionale dei farmaci oncologici innovativi? L esperienza della Regione Veneto

Quali strategie per un utilizzo razionale dei farmaci oncologici innovativi? L esperienza della Regione Veneto FARMACI ONCOLOGICI INNOVATIVI: SCENARIO ATTUALE E LORO VALUTAZIONE Quali strategie per un utilizzo razionale dei farmaci oncologici innovativi? L esperienza della Regione Veneto Roberto Leone Dipartimento

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR Presentata da Dott. S. Ortu ASL 2 RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI PANITUMAB ATC L01XC08 (VECTIBIX ) In data febbraio 2010 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Monoterapia per il trattamento di pazienti

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO. A cura di Sara Lonardi, Francasaca Bergamo, Vittorina Zagonel L approccio multidisciplinare integrato è la migliore

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE:

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: QUALE STRATEGIA CLINICA? II Congresso Interregionale AIRO Piemonte-Liguria-Valle d Aosta Grinzane Cavour, 8 ottobre 201 1 Dimensioni del problema Dal

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

Le terapie neoadiuvanti

Le terapie neoadiuvanti Le terapie neoadiuvanti Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia TERAPIA NEOADIUVANTE definizione SINONIMI: TERAPIA PRIMARIA TERAPIA PREOPERATORIA DEFINIZIONE: trattamento medico somministrato prima

Dettagli

IL REGISTRO ONCOLOGICO COME STRUMENTO DI IMPLEMENTAZIONE DELLE DECISIONI: QUALE RUOLO NELL HTA

IL REGISTRO ONCOLOGICO COME STRUMENTO DI IMPLEMENTAZIONE DELLE DECISIONI: QUALE RUOLO NELL HTA IL REGISTRO ONCOLOGICO COME STRUMENTO DI IMPLEMENTAZIONE DELLE DECISIONI: QUALE RUOLO NELL HTA Francesca Caprari Direttore Affari Istituzionali e Relazioni Esterne Celgene srl L inizio Il Registro AIFA

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n.

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n. Documento PTR n.131 Raccomandazioni d'uso Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile Erlotinib II linea di terapia A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

Dettagli

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma)

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Markers tumorali Colon CEA Ca199 Mammella Ca15.3 CEA Polmone CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Marcatori classici Problemi di interpretazione Bassa sensibilità Marcatore negativo

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Gefitinib (23-09-2010)

Gefitinib (23-09-2010) Gefitinib (23-09-2010) Specialità: Iressa(Astrazeneca Spa) Forma farmaceutica: 30 CPR 250 mg - Prezzo: euro 3.615 ATC: L01XE02 Categoria terapeutica: Inibitori della proteina chinasi Fascia di rimborsabilità:

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Tumore del polmone Non Small Cell Lung Cancer, non squamoso (mantenimento dopo I linea)

Tumore del polmone Non Small Cell Lung Cancer, non squamoso (mantenimento dopo I linea) Tumore del polmone Non Small Cell Lung Cancer, non squamoso () Raccomandazioni evidence-based A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 38 Aggiornamento Direzione

Dettagli

Indicatori di qualità nei carcinomi genitali femminili: ovaio e utero Serata di presentazione progetto Zonta Club Locarno 13.04.2010 Registro Tumori Canton Ticino Istituto Cantonale di Patologia Via in

Dettagli

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

La Rete Oncologica Veneta e i numeri del tumore del polmone nel Veneto

La Rete Oncologica Veneta e i numeri del tumore del polmone nel Veneto La Rete Oncologica Veneta e i numeri del tumore del polmone nel Veneto Padova, 29 ottobre 2015 PierFranco Conte Giulia Pasello, Mario Saugo Dipartimento di Scienze Chirurgiche Oncologiche e Gastroenterologiche

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

Benefici e rischi della terapia neoadiuvante

Benefici e rischi della terapia neoadiuvante METASTASI EPATICHE DA CANCRO COLO-RETTALE Benefici e rischi della terapia neoadiuvante Dr.ssa Alessandra Auriemma Oncologia A.O.U.I. Verona CURA DELLE METASTASI EPATICHE DA CANCRO COLO-RETTALE QUESTIONE

Dettagli

Prof. Enrico Cortesi Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche, Università Sapienza, Policlinico Umberto I, Roma

Prof. Enrico Cortesi Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche, Università Sapienza, Policlinico Umberto I, Roma «INTEGRARE LE CONOSCENZE BIOLOGICHE/ONCOLOGICHE, CHIRURGICHE E RADIOTERAPICHE ALL INTERNO DELLA PRATICA CLINICA. ALGORITMI TERAPEUTICI PER LA GESTIONE IDEALE DELLA NEOPLASIA COLORETTALE METASTATICA» Prof.

Dettagli

Ricerca, innovazione e Competitività

Ricerca, innovazione e Competitività Ricerca, innovazione e Competitività Roma 15 novembre 2012 dott.ssa Nadia Storti Farmaci innovativi ed innovazioni terapeutiche: quali vantaggi per il paziente - Possibili vantaggi terapeutici - Controllo

Dettagli

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014)

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014) Raccomandazioni evidence-based Pertuzumab Nel carcinoma mammario avanzato HER2/neu positivo (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 26 Settembre

Dettagli

LA TERAPIA FARMACOLOGICA

LA TERAPIA FARMACOLOGICA FATIGUE: INTERVENTISTI O MINIMALISTI? STATO DELL ARTE SULLE POSSIBILI TERAPIE LA TERAPIA FARMACOLOGICA Fausto Roila S.C. Oncologia, Terni FATIGUE DA CANCRO: DEFINIZIONE (NCCN) Sensazione soggettiva, stressante,

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Progetto grafico: Tecnograf s.r.l. Stampato in Italia da Tecnograf s.r.l. Direttore Responsabile: Giancarlo Martignoni

Progetto grafico: Tecnograf s.r.l. Stampato in Italia da Tecnograf s.r.l. Direttore Responsabile: Giancarlo Martignoni New Era Opened Medical Oncology Progress & Perspectives Pubblicazione di informazione scientifica oncologica a cura di N 3 Dicembre 2013 L Editore non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi lesione

Dettagli

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante RETTO TRATTAMENTO MEDICO 01 Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti che effettuano una terapia medica oncologica e radioterapia post-intervento

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

Giovanna Scroccaro Settore Farmaceutico Regione Veneto

Giovanna Scroccaro Settore Farmaceutico Regione Veneto Processi decisionali e responsabilità finanziarie Giovanna Scroccaro Settore Farmaceutico Regione Veneto Rispetto spesa farmaceutica 14,85% sul FSN REGIONE FSN Gen Dic 2013 Spesa Territoriale Spesa Ospedaliera

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

Progetti di ricerca e collaborazioni

Progetti di ricerca e collaborazioni 2 Congresso Nazionale Firenze 12 14 Giugno 2014 Progetti di ricerca e collaborazioni La valutazione degli esiti nella pratica reale in oncologia: studio di sopravvivenza nel carcinoma del colon retto metastatico

Dettagli

nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazioni evidence-based Nab-paclitaxel nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 40 Febbraio

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE Gianna Regis qualche informazione Il tumore del polmone rappresenta la prima tra le cause di morte tumorale in termini di frequenza tra i maschi e la seconda tra

Dettagli

CANCRO DEL COLON - Tab.1

CANCRO DEL COLON - Tab.1 CANCRO DEL COLON - Tab.1 Presentazione clinica Workup Soluzioni Polipo sessile o peduncolato con cancro invasivo Polipectomia Esame istologico Colonscopia Marcatura sede Campione integro, completamente

Dettagli

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica:

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica: TRASTUZUMAB per l'indicazione: in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa affetti da carcinoma mammario metastatico positivo per i recettori ormonali, non

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Studi clinici controllati in area di elevata incertezza Oncologia Quesito G1

Studi clinici controllati in area di elevata incertezza Oncologia Quesito G1 Studi clinici controllati in area di elevata incertezza Oncologia Quesito G1 Studio randomizzato multicentrico di CONFronto tra ERlotinib e Monochemioterapia nel trattamento di terza linea del tumore polmonare

Dettagli

Farmaci e scheduleinnovative

Farmaci e scheduleinnovative MALATTIA METASTATICA DEL CARCINOMA DEL GROSSO INTESTINO. TECNICHE E TERAPIE INNOVATIVE Sabato 29 ottobre 2011 - Aula Magna delle Nuove Cliniche II Sessione Trattamenti sistemici e approcci integrati: quali

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona Dott.ssa Chiara Dell Agnola MdA Oncologia,AOUI Verona Malattia metastatica La neoplasia del testa-collo si presenta in oltre la metà dei pazienti in stadio avanzato (Stadio III e IV) 40-80% recidiva loco-regionale

Dettagli

PEMETREXED per il trattamento carcinoma polmonare non a piccole cellule. (Nuovo allargamento indicazione) (27-05-2009)

PEMETREXED per il trattamento carcinoma polmonare non a piccole cellule. (Nuovo allargamento indicazione) (27-05-2009) PEMETREXED per il trattamento carcinoma polmonare non a piccole cellule. (Nuovo allargamento indicazione) (27-05-2009) Specialità: Alimta (Eli lilly italia spa) Forma farmaceutica: 1 fl di polvere per

Dettagli

www.medscape.org/viewarticle/805542

www.medscape.org/viewarticle/805542 Lucio Crinò, MD: Salve e benvenuti a questo programma. Sono Lucio Crinò, un oncologo medico di Perugia (Italia). Oggi parleremo degli attuali paradigmi per il trattamento del carcinoma del polmone non

Dettagli

Association Rare Tumor

Association Rare Tumor Association Rare Tumor PARP-INHIBITORS E TUMORI RARI Il laboratorio nel percorso di cura L interpretazione del clinico Dr Stefania Marsili UOC Oncologia Medica Azienda Ospedaliera Universitaria Senese

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI GEFITINIB ATC L01XE02 (IRESSA ) Presentata da Dott. A. Contu Direttore Oncologia medica ASL 1 Sassari In data luglio 2010 Per le seguenti motivazioni: Iressa è l unico

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

Dal Laboratorio al Reparto, dalla Diagnostica alla Terapia.

Dal Laboratorio al Reparto, dalla Diagnostica alla Terapia. 5 Congresso Nazionale F.I.Te.La.B Innovazione e Formazione nella Medicina di laboratorio Palermo 2-4 Dicembre 2014 Dal Laboratorio al Reparto, dalla Diagnostica alla Terapia. Nicolò Borsellino Direttore

Dettagli

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Inspired to innovate Dott.ssa Annamaria Passarelli Direttore di U.O.C. di Medicina di Laboratorio A USL RM G Tivoli Indicazioni per l impiego

Dettagli

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA )

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) 1/6 MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) FARMACO IN ESAME Nome commerciale Inlyta Principio Attivo Axitinib Ditta Produttrice Pfizer Italia srl ATC L01XE17 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 1 mg

Dettagli

L accesso ai nuovi farmaci. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino

L accesso ai nuovi farmaci. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino L accesso ai nuovi farmaci Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino Le basi del problema ATTUALMENTE I FARMACI ANTITUMORALI DISPONIBILI SONO 112 e con le tecniche di biologia molecolare

Dettagli

Neoplasie dell apparato gastroenterico. Terapia medica

Neoplasie dell apparato gastroenterico. Terapia medica Neoplasie dell apparato gastroenterico Terapia medica Tumori del colon-retto COLON - Anatomia e vascolarizzazione FLESSURA EPATICA FLESSURA SPLENICA COLON TRASVERSO Mid colic a. Inf. mes. v. Sup. mes

Dettagli

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma renale avanzato e/o metastatico in combinazione con interferone alfa-2a. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa)

Dettagli

Accesso ai farmaci innovativi: alternative all AIC

Accesso ai farmaci innovativi: alternative all AIC Accesso ai farmaci innovativi: alternative all AIC Maria Lebboroni Servizio di Farmacia Ospedaliera ULSS 9 Treviso Premessa Sperimentazione clinica Immissione in commercio (AIC) normativa farmacovigilanza

Dettagli

Dott. Castellari Sigerio

Dott. Castellari Sigerio Dott. Castellari Sigerio Congresso Terapia Biologica delle patologie neoplastiche e degenerative a cura della Fondazione Di Bella Repubblica di San Marino 16 Gennaio 2010 1 Specialista in Oncologia Generale,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate

Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate Intervista a 1 e 2 Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate nel cancro al colon retto Abstract Il Cancro Colon Rettale (CCR) rappresenta uno dei tumori più diffusi e aggressivi. I nuovi farmaci

Dettagli

La valutazione multidisciplinare in sanità dalla teoria alla applicazione pratica: modello di valutazione in oncologia

La valutazione multidisciplinare in sanità dalla teoria alla applicazione pratica: modello di valutazione in oncologia Motore Sanità - Summer School Il futuro del SSN tra modelli organizzativi, sostenibilità ed innovazione La valutazione multidisciplinare in sanità dalla teoria alla applicazione pratica: modello di valutazione

Dettagli

INCONTRI DI AGGIORNAMENTO - DIPARTIMENTO ONCOLOGICO Strategie terapeutiche nel carcinoma del colon-retto metastatico Negrar, 11 Febbraio 2014

INCONTRI DI AGGIORNAMENTO - DIPARTIMENTO ONCOLOGICO Strategie terapeutiche nel carcinoma del colon-retto metastatico Negrar, 11 Febbraio 2014 INCONTRI DI AGGIORNAMENTO - DIPARTIMENTO ONCOLOGICO Strategie terapeutiche nel carcinoma del colon-retto metastatico Negrar, 11 Febbraio 2014 Caratterizzazione biomolecolare e strategie terapeutiche nel

Dettagli

SINOSSI DEL PROTOCOLLO

SINOSSI DEL PROTOCOLLO SINOSSI DEL PROTOCOLLO TITOLO DELLO STUDIO: CODICE DEL PROTOCOLLO: SPONSOR: FASE DELLO STUDIO: CENTRI PARTECIPANTI ALLO STUDIO: PERIODO DI STUDIO PIANIFICATO (PRIMO ARRUOLAMENTO ULTIMO PAZIENTE USCITO

Dettagli

Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 2 di 5)

Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 2 di 5) Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 1 di 5) PANITUMUMAB Indicazioni del nuovo principio attivo Come monoterapia per il trattamento di pazienti con carcinoma colorettale metastatico

Dettagli

IL CARCINOMA DEL COLON - RETTO METASTICO TRA RICERCA E PRATICA CLINICA: NUOVI AGGIORNAMENTI

IL CARCINOMA DEL COLON - RETTO METASTICO TRA RICERCA E PRATICA CLINICA: NUOVI AGGIORNAMENTI IL CARCINOMA DEL COLON - RETTO METASTICO TRA RICERCA E PRATICA CLINICA: NUOVI AGGIORNAMENTI CAGLIARI CAESAR S HOTEL 10 OTTOBRE 2015 Alessio Cubeddu Manuela Dettori CASO CLINICO N 1 PAZIENTE RAS WT NON

Dettagli

coin lesion polmonare

coin lesion polmonare coin lesion polmonare accurata anamnesi ed esame obiettivo impossibile confronto con precedenti radiogrammi lesione non preesistente o modificatasi TC Follow-up caratteri di benignità lesione sospetta

Dettagli

Farmaci per il carcinoma della prostata metastatico castrazione resistente

Farmaci per il carcinoma della prostata metastatico castrazione resistente Raccomandazioni evidence-based Farmaci per il carcinoma della prostata metastatico castrazione resistente Abiraterone-Cabazitaxel-Enzalutamide A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione

Dettagli

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2 Gli studi caso controllo Obiettivi Negli ultimi decenni questo modello di indagine è stato applicato soprattutto per lo studio delle malattie cronicodegenerative (le più frequenti cause di morte in tutti

Dettagli

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale 4 Incontro STRATEGIE TERAPEUTICHE NEL CARCINOMA DEL COLON- RETTO CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale VALENTINA SEGA E.B. 80 anni ANAMNESI Nulla di rilevante all anamnesi patologica

Dettagli