I.P.S.I.A. E. DE AMICIS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.P.S.I.A. E. DE AMICIS"

Transcript

1 I.P.S.I.A. E. DE AMICIS ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO EDMONDO DE AMICIS Via Galvani, Roma tel fax ESAMI DI STATO DEL CORSO DI OTTICA DOCUMENTO FINALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE (Art. 5 del Regolamento DPR 323/98) VA OTTICA ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013

2 IPSSS "Edmondo DE AMICIS" L Istituto `De Amicis" è ospitato in un edificio la cui costruzione risale agli inizi del '900, quando il quartiere di Testaccio fu oggetto di una "rivisitazione" dell'assetto urbanistico. Prima della seconda guerra mondiale nell'istituto vi era una scuola di Avviamento Professionale ed una scuola Tecnico-Industriale; quindi dal 1950 fu istituita, con decreto, la prima scuola per Ottici ed Odontotecnici d'italia assieme a molte specializzazioni a carattere spiccatamente artigiano, che purtroppo con il progresso tecnologico e sociale sono via via scomparse. Nell'Istituto professionale di Stato per l'industria e l'artigianato "De Amicis" sono attualmente attivi due corsi di studio di cinque anni: ODONTOTECNICO e OTTICO, al termine dei quali, con il superamento degli esami di Stato, gli studenti possono acquisire uno dei seguenti diplomi: Maturità professionale per Odontotecnico Maturità professionale per Ottico Maturità professionale dei Servizi Socio Sanitari Gli Ottici e gli Odontotecnici, oltre al Diploma di Stato, acquisiscono, rispettivamente, il Diploma di abilitazione all'esercizio dell'arte sanitaria ausiliaria di Odontotecnico e di Ottico che permette loro di esercitare la libera professione su tutto il territorio nazionale. Durante il 4 e 5 anno è prevista un'area professionalizzante obbligatoria (terza area) di 120 ore. Di seguito sono riportati i profili professionali così come previsti dal Testo Unico sulle leggi sanitarie dei 1928 per gli Odontotecnici e gli Ottici: ODONTOTECNICI "Art Gli Odontotecnici sono autorizzati unicamente a costruire apparecchi di protesi dentaria su modelli tratti dalle impronte loro fornite dai medici chirurghi e dagli abilitati a norma di legge all'esercizio dell odontoiatria e protesi dentaria, con le indicazioni del tipo di protesi da eseguire. E' in ogni caso vietato agli odontotecnici di esercitare, anche alla presenza ed in concorso del medico o dell'abilitato all'odontoiatria, alcuna manovra, cruenta od incruenta, nella bocca del paziente, sana o ammalata." OTTICI "Art Gli Ottici possono confezionare, apprestare e vendere direttamente al pubblico occhiali e lenti, soltanto su prescrizione del medico, a meno che si tratti di occhiali protettivi o correttivi dei difetti semplici di miopia, e presbiopia, esclusa l'ipermetropia, l'astigmatismo e l'afachia. E' in ogni caso consentito ai suddetti esercenti di fornire direttamente al pubblico e riparare, anche senza prescrizione medica, lenti ed occhiali, quando la persona che ne dà la commissione presenti le lenti o le parti delle medesime di cui chiede il ricambio o la riparazione. E' dei pari consentito ai suddetti esercenti di ripetere la vendita al pubblico di lenti od occhiali in base a precedenti prescrizioni mediche che siano conservate dall'esercente stesso, oppure esibite dall'acquirente."

3 IL PROFILO PROFESSIONALE TITOLO DEL DIPLOMA OTTICO PREREQUISITI Licenza media a conclusione del ciclo obbligatorio e qualifica di operatore meccanico nel settore ottico (che quest anno si conclude con la riforma della scuola superiore). CONOSCENZE PROFILO DI INDIRIZZO 1. Possiede una cultura umanistico-storico-giuridica che lo mette anche in grado di valutare criticamente le problematiche socio-imprenditoriali e industriali. 2. Possiede le conoscenze tecnologiche e scientifiche di base per le necessarie interconnessioni con le discipline dell area di indirizzo. 3. Conosce le caratteristiche tecnologiche dei materiali utilizzati per le montature, per le lenti oftalmiche e per le lenti a contatto. 4. Conosce le caratteristiche funzionali dei sistemi di propagazione della luce e delle tecnologie connesse. 5. Conosce l anatomia, la fisiologia dell apparato visivo e le patologie più comuni. 6. Conosce il funzionamento delle strumentazioni necessarie alla determinazione delle caratteristiche fisiche delle lenti e delle montature per occhiali. 7. Conosce gli strumenti e i metodi di misura per eseguire esami visivi per la prescrizione di lenti correttive, oftalmiche e a contatto. 8. Conosce la normativa del settore con particolare riferimento alla sicurezza. COMPETENZE PROFILO DI INDIRIZZO E in grado di: 1. Progettare e realizzare tutte le fasi di lavorazione necessarie al confezionamento degli occhiali. 2. Effettuare rilievi con attrezzatura specifica su lenti oftalmiche e a contatto. 3. Eseguire metodiche non refrattive (campimetria, test per la percezione cromatica, biomicroscopia, etc.), riconoscendo alcune patologie. 4. Eseguire un completo esame della vista con metodi oggettivi e soggettivi, utilizzando pazienti umani. 5. Valutare le indicazioni e le metodologie riguardanti l applicazione delle lenti a contatto, effettuando su di esse anche piccole modifiche. 6. Comprendere documenti tecnici, manuali d uso e riviste specializzate anche in lingua straniera (Inglese). CAPACITA PROFILO DI INDIRIZZO 1. Possiede capacità linguistico-espressive. 2. Possiede capacità logico-interpretative. 3. Possiede capacità di apprendimento. 4. Possiede capacità di rielaborazione. 5. Possiede la capacità di valutare storicamente le trasformazioni del proprio settore. 6. Sa organizzare il proprio lavoro con consapevolezza e autonomia, sapendosi orientare dinanzi a nuovi problemi. 7. Sa comunicare e documentare adeguatamente il proprio lavoro. 8. Sa lavorare in gruppo. 9. Sa utilizzare strumentazioni automatiche e computerizzate per la sagomatura delle lenti oftalmiche, per l esame del campo visivo, per l esame della topografia corneale, per l esame refrattivo oculare. 10. Sa operare con una lingua straniera.

4 IL QUADRO ORARIO Corso di OTTICA AREA COMUNE Italiano Storia Lingua Inglese Diritto ed Economia 2 2 / / / Matematica ed Informatica Scienze della Terra e Biologia 2 2 / / / Ed. Fisica RC o attività alternative TOTALE AREA COMUNE AREA DI APPROFONDIMENTO / 4 4 / / AREA D INDIRIZZO Diritto commerciale, Legislazione sociale e Pratica commerciale / / / / 2 Fisica 2 2 Chimica 2 2 Ottica, Ottica applicata 2 2 4(2) 4(2)* 4(2)* Anatomia, Fisiologia e Igiene Anatomia Fisiopatologia Oculare / / 2 3* 3* e Laboratorio Misure Oftalmiche Esercitazioni di Optometria / / Esercitazioni di Contattologia / / Esercitazioni di Lenti Oftalmiche / TOTALE AREA D INDIRIZZO MODULO DI APPROFONDIMENTO / / / (obbligatorio) ** TOTALE ORE SETT * Ore compresenza con I.T.P. del settore ottico ** Modulo relativo ad attività ed esperienze da svolgere in raccordo con realtà produttive e di ricerca specializzate nel settore ottico, anche con esperti esterni TERZA AREA

5 LA CLASSE Gli allievi N. COGNOME E NOME 1 Alberti Federico 2 Alfonsi Marco 3 Cicala Stefano 4 Contaldo Rocco 5 Di Virgilio Andrea 6 Durante Susanna 7 Lapi Jasmine 8 Mariano Michele 9 Mele Sabrina 10 Meminay Ruke 11 Palladino Yllenia 12 Panasiti Alessia 13 Passaglia Edoardo 14 Prezioso Matteo 15 Scriboni Davide 16 Tiahuallpa Del Solar Doris La continuità didattica MATERIA DOCENTE CONTINUITA DIDATTICA Italiano Piras A. Maria Storia Piras A. Maria Matematica Borrelli Laura Inglese Frascatani Cinzia Diritto Commerciale Rapisarda Luigi NON SVOLTA NON SVOLTA Fisica Di Genova Sonia Ottica e Laboratorio Saldari Massimo Anatomia e Misure Oftalmiche Fasulo Maria Rita NON SVOLTA Esercitazioni di Optometria Cavalli Valerio NON SVOLTA Esercitazioni di Contattologia Cavalli Valerio NON SVOLTA Copresenza in Ottica e Lab. Panaccione Bruna NON SVOLTA Copresenza Misure Oftalmiche Rotondo M.Antonietta NON SVOLTA Ed. Fisica Vianello Massimo Religione Sinopoli Concetta (Vittori Mauro) Alternativa all I.R.C. Rotondo M.Antonietta La Prof.ssa Sinopoli è stata sostituita dal 21 /1/2013 dal Prof.Vittori

6 Profilo della Classe COMPOSIZIONE E PROVENIENZA La classe V A ottica è composta da 16 allievi (9 maschi e 7 femmine) di cui 14 provenienti dalla medesima classe e due dalla V con stesso indirizzo dell anno scolastico precedente e tale inserimento non ha comportato alcun problema. Due allieve di origine straniera hanno raggiunto nel corso del quinquennio adeguate competenze espressive nella Lingua Italiana. Un alunno segue un percorso disciplinare personalizzato per gravi patologie mediche di cui è affetto e per il quale si allega una documentazione individuale. Un gruppo di alunni proviene da distretti scolastici differenti da quello di appartenenza dell Istituto e alcuni di loro risiedono o in zone della città lontane dalla sede o in comuni o provincie diversi. Questa situazione ha esposto gli allievi al rischio di ritardo dovendo utilizzare mezzi di trasporto vincolati ad orari talvolta disagevoli - e questo ha limitato spesso la loro presenza nella prima ora di lezione o a scioperi che hanno comportato in quel caso delle assenze. L Istituto concede agli studenti fuorisede, a richiesta, un permesso permanente di entrata posticipata (10-15 minuti rispetto all inizio della I ora di lezione) e di uscita anticipata (10-15 minuti rispetto al termine della VII ora di lezione) consentendo quindi l ingresso anche in orari diversi in caso di ritardi dovuti ai mezzi di trasporto debitamente documentati. Tale iniziativa, però, se da un lato ha agevolato gli allievi fuorisede rispetto agli orari di mezzi di trasporto, dall altro ha comportato per loro una decurtazione di fatto della prima e settima ora di lezione. Frequenza la frequenza alle lezioni è stata discontinua nel primo periodo dell anno scolastico, soprattutto per gli scioperi dei mezzi di trasporto. inoltre si sono verificati numerosi ritardi nella prima e seconda ora di lezione. tuttavia nel secondo periodo scolastico gli alunni nel complesso hanno mostrato una maggiore responsabilità ed hanno limitato il numero eccessivo delle assenze e dei ritardi. Comportamento la classe ha complessivamente tenuto un comportamento corretto e rispettoso delle regole scolastiche e ha mostrato una partecipazione apprezzabile al dialogo didattico. Analisi del gruppo classe la classe, nonostante il numero limitato degli studenti, non ha mai costituito un gruppo ben integrato e omogeneo nel corso del triennio. Livello di preparazione L attività didattica è stata progettata, programmata e svolta da tutti i docenti del Consiglio di classe in modo da perseguire il raggiungimento di competenze disciplinari e trasversali, individuate nelle varie fasi di progettazione didattica. Alcuni allievi hanno presentato problematiche personali e famigliari che hanno limitato il livello di apprendimento ed ampliamento dei propri orizzonti culturali, pur possedendo adeguate competenze ed abilità nell affrontare le tematiche proposte. A queste difficoltà, per qualche elemento, si è aggiunto un impegno discontinuo e superficiale che ha pregiudicato il loro rendimento. Per alcuni permangono difficoltà nell esposizione e nella rielaborazione dei contenuti studiati. Tuttavia si può affermare che quasi tutti gli studenti hanno raggiunto, anche se a fatica, gli obiettivi prefissati. Alcuni allievi si sono particolarmente distinti per impegno costante, partecipazione assidua e capacità di rielaborazione critica e personale degli argomenti trattati nelle singole discipline. Pertanto il possesso di un efficace metodo di studio ha consentito loro di ottenere buoni risultati in termini di conoscenze, abilità e competenze. L attività scolastica quest anno ha subito numerose interruzioni (settimana di rallentamento della didattica per attività di recupero, vacanze natalizie e pasquali, attività extracurricolari, assemblee di istituto, scioperi dei mezzi di trasporto, sospensione dell attività didattica per elezioni politiche ed amministrative), che non hanno aiutato gli elementi più deboli a recuperare completamente la loro preparazione.

7 La classe ha partecipato ad alcune attività extrascolastiche: visione dello spettacolo teatrale Il berretto a sonagli di Pirandello; visione del film Lincoln partecipazione al convegno della Professional Optometry presso l acquario della Casa dell architettura, via M.Fanti 47 su Nuove strategie per rilanciare il tuo business All attività della terza area, curata dal prof. V. Cavalli, hanno partecipato tutti gli studenti, che hanno completato in modo soddisfacente gli stage proposti.

8 L Organizzazione delle attività scolastiche Gli orari L organizzazione dell attività scolastica è stata programmata facendo riferimento a proposte di carattere collegiale prese in ambiti diversificati. Per la definizione degli obiettivi formativi e cognitivi generali connessi ai diversi profili professionali, ci si è attenuti alle scelte del Collegio dei Docenti deliberate per il Piano dell Offerta Formativa, mentre la programmazione disciplinare ha tenuto conto delle decisioni scaturite dalle riunioni dei docenti delle singole materie. I piani di lavoro e la progettazione annuale relativa agli obiettivi educativi e trasversali, le scelte metodologiche e le attività integrative e complementari, sono stati, invece, discussi e valutati nei consigli di classe. In merito alla distribuzione oraria delle attività curricolari ed integrative, il collegio dei docenti ha mostrato particolare attenzione nel cercare di rendere più agevole il gravoso monte orario settimanale attraverso ipotesi di flessibilità di svolgimento delle attività, con l accorpamento, in fase iniziale e/o in periodi definiti, delle ore relative al modulo di terza area (professionalizzante), a parte delle attività integrative e ad un certo numero di insegnamenti disciplinari curricolari quali Inglese - Italiano, Optometria-Anatomia, Matematica-Fisica, Misure Oftalmiche Anatomia. Gli spazi Aule speciali: multimediale aula Magna Biblioteca dell Istituto Palestra dell Istituto Laboratori di Optometria, Contattologia, Misure Oftalmiche, Fisica, Ottica. La terza area La terza area è il modulo d approfondimento professionale obbligatorio per tutti gli studenti (previsto dai programmi dell attuale ordinamento). Consta di 120 ore suddivise fra quarto e quinto anno, l attività è svolta prevalentemente il sabato mattina. Gli studenti sono stati muniti dall Istituto di libretti contenenti i dati personali, la fotografia e gli estremi dell assicurazione. Per la certificazione dell avvenuto tirocinio sono stati predisposti sul libretto degli spazi liberi dove sono riportate le attività svolte dallo studente. All inizio d ogni anno scolastico, il consiglio di classe delibera sulle varie proposte presentate dal responsabile della terza area e dagli insegnanti. A parte un modulo comune di circa 60 ore da svolgere presso i negozi di ottica, destinato a completare la preparazione teorico-pratica, le altre attività sono scelte in base all interesse e alle attitudini individuali (fermo restando che devono raggiungere le 120 ore complessive). Le attività proposte agli allievi delle classi quinte sono state: 25 marzo 2013 Convegno di Professional Optometry: nuove strategie sul business 2 marzo 2013 Incontro con dott. Scintei C.: cosa sono gli occhiali da riposo 18 maggio 2013 Incontro con Panzieri M.: apllicazioni di LAC con cheratocono Gli stage presso esercizi di ottica sono stati distribuiti nell intero periodo (dicembre 2012 maggio 2013). Tutti gli allievi hanno riconsegnato il libretto. Molti studenti hanno al loro attivo, un numero di ore superiore alle 120 richieste. In generale il coinvolgimento degli allievi è stato elevato, specialmente per lo stage esterno svolto presso i negozi di ottica. Questi ultimi hanno gentilmente accolto i nostri studenti offrendo loro l opportunità di avere un primo contatto con il mondo del lavoro. Ad alcuni studenti, è stato proposto di continuare l'attività lavorativa presso di loro al termine del corso di studi. Si ricorda che, per gli alunni diplomati nel nostro Istituto, tale attività è tra gli sbocchi lavorativi più probabili. Al termine del biennio, il bilancio delle attività della terza area appare positivo. Le 60 ore di tirocinio annuale costituiscono un elemento funzionale, che imprime un dinamismo che coinvolge gli allievi e conferisce una fisionomia più moderna a quest ordine di studi.

9 Le scelte educative e formative Il Consiglio di Classe, nel suo complesso, per favorire il conseguimento di competenze e capacità di carattere trasversale ha scelto i seguenti obiettivi: Obiettivi formativo- affettivi Rispettare il Regolamento di Istituto. Non usare il cellulare in classe. Promuovere un comportamento educato nei riguardi di persone e cose. Promuovere il rispetto dell ordine, della correttezza formale, della precisione nelle esecuzioni pratiche. Far rispettare i tempi di esecuzione e di consegna dei lavori. Incoraggiare l impegno autonomo nei lavori scolastici. Obiettivi formativo- cognitivi Sviluppare competenze nel campo dell educazione linguistica, per migliorare la comprensione dei testi e la comunicazione orale. Acquisire terminologie specifiche e saperle utilizzare nei vari contesti disciplinari. Individuare ed evidenziare i nuclei concettuali degli argomenti oggetto di studio. Saper esprimere in modo chiaro e corretto i contenuti appresi utilizzando un lessico appropriato e specifico in ogni disciplina. Produrre testi personali di carattere generale e specifico, con adeguata coerenza e correttezza linguistica. Analizzare e sintetizzare testi espositivi e logico scientifici. Decodificare schemi, tabelle e grafici. Saper utilizzare le conoscenze e le competenze acquisite in ambiti multidisciplinari. Rielaborare le conoscenze disciplinari acquisite, utilizzando il metodo della ricerca e le tecniche analitico sintetiche fornite delle diverse discipline.

10 Le scelte operative attività interdisciplinari Per coerenza rispetto al profilo professionale e alle scelte fatte dal Collegio dei docenti a partire già dal terzo anno di corso, si é avuto un potenziamento del carattere informativo dell attività didattica, privilegiando i saperi disciplinari e indirizzando gli allievi all acquisizione di metodologie di apprendimento significativo e di lavoro, per una rispondenza più attenta e rigorosa a specifiche richieste di tipo professionale. Attraverso la scelta di contenuti più strettamente legati all area professionale e, favorendo collegamenti interdisciplinari, si è perseguito l obiettivo di abbattere la segmentazione dei saperi per considerarli, invece, come tasselli necessari all acquisizione delle competenze utili allo svolgimento della loro futura professione. A tal fine sono state utilizzate le ore di compresenza già previste dall ordinamento. Le verifiche Nel corso dell anno scolastico i docenti, oltre alle normali verifiche scritte, orali e relazioni tecniche, hanno effettuato verifiche riconducibili alle tipologie di valutazione B dell art.2, comma 1 del DM n 429 del 20 novembre 2000, cioè quesiti a risposta singola. Le discipline a più spiccata valenza formativa (italiano, storia, inglese, diritto) hanno perseguito obiettivi di carattere polivalente e miranti all acquisizione di criteri e strumenti per favorire la comunicazione interpersonale e la comprensione delle trasformazioni socio- politico-economiche del contesto sociale nel quale si opera. Sono state effettuate prove di simulazione per la Prima Prova scritta di Italiano (Allegato 3) e per la Seconda Prova scritta di Anatomia (Allegato 4). E stata effettuata anche una prova di simulazione relativa alla Terza Prova, coinvolgendo le discipline di Inglese, Matematica, Optometria e Fisica. La prova proposta è la tipologia B dell art.2, comma 1 del DM n 429 del 20 novembre 2000, cioè Quesiti a risposta singola (Allegato 5). Tipologia delle attività scolastiche singole e collettive Le attività culturali e professionali sono state organizzate e svolte utilizzando metodologie differenziate (lezioni frontali, discussioni, relazioni, lavori su documenti ecc.) e con l ausilio di strumenti didattici miranti oltre che ad un più immediato apprendimento anche a stimolare interesse per gli argomenti da trattare (filmati, audiovisivi, CD, tavole sinottiche). Con maggior dettaglio saranno esplicitati nei programmi delle singole discipline o possono essere elencate con riferimento ad aree disciplinari. In merito ai criteri generali di valutazione adottati dal consiglio di classe nel suo complesso e riferiti al profilo professionale sono state effettuate queste scelte di principio o di orientamento: Criteri generali di valutazione del C.d.C. Livello insufficiente: l allievo non riesce, neanche con l aiuto del docente, ad orientarsi nelle conoscenze che risultano, in grado diversificato, frammentarie e acquisite per lo più secondo schemi mnemonici e rivela capacità espressive ed argomentative non idonee ad una comunicazione comprensibile e con strumenti linguistici non sempre corretti e carenti nel lessico disciplinare richiesto livello sufficiente: l allievo riesce, anche con l aiuto del docente, ad orientarsi nelle conoscenze che risultano possedute nei loro nuclei essenziali e ha raggiunto una capacità espressiva in grado di garantire una comunicazione comprensibile e con strumenti linguistici generalmente accettabili in termini normativi e adattati all ambito disciplinare livello più che sufficiente: l allievo riesce, in modo autonomo, ad orientarsi nelle conoscenze e ha raggiunto capacità espressive in grado di garantire una comunicazione organica e approfondita rispetto alle argomentazioni e con strumenti linguistici generalmente corretti e appropriati al lessico disciplinare. Per le competenze a carattere spiccatamente professionale sono state adottate le seguenti linee generali: livello insufficiente: l allievo non riesce ad operare scelte di progetto in relazione ai casi proposti e utilizza in modo inadeguato la strumentazione. livello sufficiente: l allievo riesce ad operare scelte di progetto in relazione ai casi proposti e sa utilizzare, anche se non sempre, la strumentazione. livello più che sufficiente: l allievo riesce in modo adeguato ed autonomo sia ad operare scelte di progetto in relazione ai casi proposti che ad utilizzare la strumentazione in maniera corretta.

11 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO Il Consiglio di classe, in accordo con i criteri indicati dal Collegio dei docenti, ha deliberato di adottare lo schema allegato; in particolare sono stati messi in evidenza i seguenti elementi di importanza: le conoscenze attraverso il riconoscimento del profitto, la frequenza come elemento essenziale per un percorso di formazione, l autonomia organizzativa e l impegno attraverso i crediti formativi. Elementi da valutare Media dei voti conseguiti nelle singole discipline, compresa la valutazione del comportamento Assiduità nella frequenza (meno del 20% di assenze); Valutazione positiva del Consiglio di classe relativa all impegno ed alla partecipazione alle attività didattiche; alla partecipazione alle attività extracurricolari programmate dal Collegio Docenti non superando il 25 % di assenze delle ore totali previste per tali attività Credito formativo: ovvero, qualificate esperienze, debitamente documentate, dalle quali derivino competenze coerenti con il tipo di corso cui si riferisce l Esame di Stato, come, ad esempio: Patente europea dell informatica (ECDL), corsi di lingue, purché svolti in scuole accreditate, Scuola-lavoro oppure attività sportive riconosciute dal CONI, ovvero attività professionalizzanti; ovvero partecipazione ad attività di volontariato. Valutazione positiva SI SI SI SI Criteri per i punti da assegnare Ferma restando la sovranità del Consiglio di classe nell assegnare il punteggio del credito scolastico ad ogni singolo allievo, di norma si adottano i seguenti criteri: punteggio massimo previsto nella banda di oscillazione determinata dalla media dei voti in presenza di una media espressa da un valore la prima cifra decimale del quale risulti maggiore o uguale a 5 oppure punteggio massimo previsto nella banda di oscillazione determinata dalla media dei voti in presenza di valutazioni positive in almeno 2 degli elementi da considerare (esclusa la media dei voti) N.B. Il credito scolastico da attribuire nell ambito delle bande di oscillazione indicate dalla tabella A deve essere espresso come numero intero

12 Media dei voti TABELLA A (D. M. n. 99 del 16 dicembre 2009) Credito Scolastico Relativo ai due anni precedenti di corso III IV Credito Scolastico relativo al V dell anno scolastico 2011/2012 M = < M < già assegnato < M < o < M < da ricalcolare * < M < * i punteggi del credito scolastico attribuiti sulla base delle tabelle allegate al DPR n. 323 del 23 luglio 1998 e al D.M. n.42 del 22 maggio 2007 devono essere ricalcolati dal Consiglio di classe

13 Le singole discipline Modelli di Analisi Globale della classe Programmi Didattici

14 ITALIANO Analisi globale della classe in relazione ai seguenti aspetti: Rispondenza al dialogo educativo Impegno nello studio Frequenza Svolgimento del programma Attenzione e partecipazione Raggiungimento degli obiettivi Esame quantitativo Per pochi Per molti Per tutti Aspetti Qualitativi Rispondenza al dialogo educativo Frequenza alle lezioni Attenzione e partecipazione Impegno nello studio SVOLGIMENTO DEL PROGRAMMA Scarsa Modesta Sufficiente Discreta Buona Scarsa Modesta Sufficiente Discreta Buona Scarsa Modesta Sufficiente Discreta Buona Scarso Modesto Sufficiente Discreto Buono Svolgimento del programma preventivato Parziale In termini quantitativi Parziale In termini qualitativi Accettabile in termini quantitativi Accettabile in termini qualitativi Pienamente soddisfacente In termini quantitativi Pienamente soddisfacente In termini qualitativi RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI Gli obiettivi perseguiti relativi a: Sono stati raggiunti da: pochi Molti tutti Conoscenze Capacità Competenze

15 PROGRAMMA DI ITALIANO Docente: Prof.ssa Annamaria Piras L Età del Positivismo: Il contesto storico. Le teorie di Ippolite Taine. Il Naturalismo e il Verismo. Le tematiche ideologiche del naturalismo francese e l impersonalità dell autore. Lettura e analisi della prefazione a Germinie Lacerteux dei fratelli Goncourt. E. Zola e il ciclo de I Rougon-Maquart. G. Verga e il mondo dei Vinti. I principi della poetica verista. Le tecniche narrative. La visione della vita nella narrativa di Verga. Da Vita dei Campi lettura e analisi di Fantasticheria. Il romanzo come fotografia della realtà. Il Ciclo dei Vinti : I Malavoglia e Mastro Don Gesualdo Il superamento del Positivismo: Simbolismo, Estetismo e Decadentismo Il simbolismo Charles Baudelaire Da I fiori del male : Spleen, Corrispondenze I poeti maledetti. L Estetismo L arte per l arte e la figura dell esteta. Huysmans, D Annunzio e Wilde. O. Wilde, da Il ritratto di Dorian Gray, Lo splendore della giovinezza (estratto dal cap. 2) Il Decadentismo Le nuove teorie scientifiche e filosofiche: Nietzsche, Bergson, Freud e Einstein. Giovanni Pascoli La vita e le opere Il pensiero e la poetica Da Il fanciullino: E dentro di noi un fanciullino Da Myricae: Novembre, Lavandare, agosto, Temporale, Il lampo, Il tuono. Da I Canti di Castelvecchio : Il gelsomino notturno Brano estratto da La grande Proletaria si è mossa Gabriele D Annunzio La vita e le opere Il pensiero e la poetica Da Il piacere: Il ritratto di un esteta: Andrea Sperelli (libro I, cap. I) Da L innocente: La rigenerazione spirituale (cap. II) Da Poema Paradisiaco: Consolazione Da Alcyone : La sera fiesolana, La pioggia nel pineto

16 La poesia italiana tra Ottocento e Novecento Il Crepscolarismo Guido Gozzano, La signorina Felicita ovvero la felicità La narrativa della crisi James Joyce, da Ulisse, L insonnia di Molly. Le Avanguardie storiche Il Futurismo Filippo Tommaso Marinetti, Manifesto del futurismo (1909) e Manifesto tecnico della letteratura futurista (1912). Da Zang Tumb Tumb: Il bombardamento di Adrianopoli Il Dadaismo Tristan Tzara, Per fare una poesia dadaista (da il Manifesto del Dadaismo) Italo Svevo La vita e le opere Il pensiero e la poetica Trilogia dei romanzi (contenuti e confronti): Una vita, Senilità, La coscienza di Zeno. Da Una vita, L insoddisfazione di Alfonso Da Senilità, Amalia muore Da La Coscienza di Zeno, Prefazione, L ultima sigaretta, Un rapporto conflittuale, Una catastrofe inaudita Luigi Pirandello La vita e le opere Il pensiero e la poetica Da L Umorismo, Il sentimento del contrario Da Novelle per un anno, La patente, Il treno ha fischiato I romanzi: L Esclusa, trama e tematiche dell opera. Da Il fu Mattia Pascal: Premessa (Cap. I), Premessa seconda (filosofica) a mo di scusa (Cap. II), Cambio treno (cap. VIII), Io e l ombra mia (cap. V) I quaderni di Serafino Gubbio operatore, trama e tematiche dell opera Da Uno nessuno centomila, Salute! (libro I, cap. VIII) Il Teatro: Il berretto a sonagli (visione della rappresentazione dell opera al Teatro Eliseo) Sei Personaggi in cerca d autore (visione dell opera in dvd). Enrico IV, atto III Giuseppe Ungaretti La vita e le opere Il pensiero e la poetica Da L Allegria : Il porto sepolto Veglia Fratelli Sono una creatura I Fiumi Mattina Soldati Da Il dolore Non gridate più. Eugenio Montale La vita e le opere Il pensiero e la poetica Da Ossi di seppia: I Limoni, Meriggiare pallido e assorto, Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho incontrato.

17 STORIA Analisi globale della classe in relazione ai seguenti aspetti: Rispondenza al dialogo educativo Impegno nello studio Frequenza Svolgimento del programma Attenzione e partecipazione Raggiungimento degli obiettivi Esame quantitativo Per pochi Per molti Per tutti Aspetti Qualitativi Rispondenza al dialogo educativo Scarsa Modesta Sufficiente Discreta Buona Frequenza alle lezioni Scarsa Modesta Sufficiente Discreta Buona Attenzione e partecipazione Scarsa Modesta Sufficiente Discreta Buona Impegno nello studio Scarso Modesto Sufficiente Discreto Buono SVOLGIMENTO DEL PROGRAMMA Parziale In termini quantitativi Parziale In termini qualitativi Svolgimento del programma preventivato RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI Accettabile in termini quantitativi Accettabile in termini qualitativi Pienamente soddisfacente In termini quantitativi Pienamente soddisfacente In termini qualitativi Gli obiettivi perseguiti relativi a: Sono stati raggiunti da: pochi Molti tutti Conoscenze Capacità Competenze

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 I.P.S.I.A E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA Classe 5C Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 Prof. Rossano Rossi La programmazione è stata sviluppata seguendo le linee guida ministeriali

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia FISICA (secondo biennio) Anno Scolastico 2015-2016 Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof. Serafino Maria Antonia (Coordinatore di Materia) Prof. Adobbati Mauro Prof. Baderna

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO www.scientificoatripalda.gov.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PARTE PRIMA PREMESSA La riforma del secondo ciclo d istruzione

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) pag. 1 di 7 PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: Scienze a Tecnologie Applicate Classe: 2 a Sez.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: ITC Anno scolastico Materia Classi 22 23 MATEMATICA Terze. Competenze al termine del percorso di studi Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

OTTICA, OTTICA APPLICATA

OTTICA, OTTICA APPLICATA OTTICA, OTTICA APPLICATA PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: DACCA ADRIANA BENEDUCE LUCIA CLASSE: IIIB Ott SETTORE: Servizi INDIRIZZO: Servizi Socio Sanitari articolazione Ottici

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof.

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. Francesca Rosati MATEMATICA NUCLEI TEMATICI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ssa

Dettagli

I.P.S.S.S E. DE AMICIS - ROMA

I.P.S.S.S E. DE AMICIS - ROMA I.P.S.S.S E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA a.s. 2015-2016 Indirizzo Servizi Socio Sanitari Classe 4 sezione B Docente : Prof.ssa Maria Diomedi Camassei FINALITÀ EDUCATIVE Si perseguono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V sez. B corso Odontotecnico Redatto il 10/05/2013 Anno scolastico 2012/2013 1 ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI SOCIALI GALILEO GALILEI DI ORISTANO CLASSE 5 A ODONTOTECNICO

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Michele

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof.ssa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E PER L ARTIGIANATO G. GIORGI specializzazioni: ODONTOTECNICA MECCANICA TERMICA ELETTRICA ELETTRONICA TELECOMUNICAZIONI Via Terraglio, 53 31100 TREVISO Tel.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- A.S. 2015/2016 TITOLO: INTERPRETAZIONE DI UNA RICETTA OPTOMETRICA COD. n 2 Destinatari CL 2^ Indirizzo OTTICO

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

Il corso di laurea in Ottica e Optometria. Dipartimento di Scienze

Il corso di laurea in Ottica e Optometria. Dipartimento di Scienze Il corso di laurea in Ottica e Optometria Dipartimento di Scienze Corso di laurea a carattere professionalizzante Formazione di Ottici e Optometristi Gli Ottici e gli optometristi sono professionisti che

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

Anno Scolastico 2011/2012 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

Anno Scolastico 2011/2012 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Prof. Franca Decolle Materia matematica e fisica N.ro ore settimanali 3+3 N.ro ore complessivamente svolte Classe 3C 1. Presentazione sintetica della classe; L attività didattica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010 AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINATORE Ranzani Sono presenti i proff. P Ranzani (coordinatore),

Dettagli

DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-2015 CLASSE: 2 D

DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-2015 CLASSE: 2 D DOCENTE : LO CASTO EZIO MATERIA: SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE A.S.: 2014-20 CLASSE: 2 D Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO- SANITARI TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO- SANITARI TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI SEDE ASSOCIATA DI MELEGNANO ISTITUTO PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO- SANITARI TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI La sede associata dell istituto Piero della Francesca è situata a Melegnano, a pochi

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE LIVELLI DI PARTENZA La classe è attenta ma poco partecipe, qualcuno porta anche dei contributi personali

Dettagli

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE 3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate è un articolazione del Liceo Scientifico. Oltre agli obiettivi propri del Liceo Scientifico tradizionale, il Liceo

Dettagli

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 TRIENNIO BROCCA LICEO SOCIO PSICO - PEDAGOGICO TRIENNIO BROCCA LICEO LINGUISTICO FINALITA GENERALI Il Progetto Brocca individua le seguenti finalità

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P.STRANEO Via P.Sacco 11 Tel. 0131/346280 Fax 0131/ 346315 15100 ALESSANDRIA

ISTITUTO COMPRENSIVO P.STRANEO Via P.Sacco 11 Tel. 0131/346280 Fax 0131/ 346315 15100 ALESSANDRIA ISTITUTO COMPRENSIVO P.STRANEO Via P.Sacco 11 Tel. 0131/346280 Fax 0131/ 346315 15100 ALESSANDRIA Piano di lavoro di Matematica e Scienze Classi III ANNO SCOLASTICO 2014-15 OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

Istituto Professionale - Settore Industriale Indirizzo: Abbigliamento e Moda

Istituto Professionale - Settore Industriale Indirizzo: Abbigliamento e Moda Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel: 035 250547 035 253492 Fax: 035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2013/2014. Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2013/2014. Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA Anno scolastico 2013/2014 Classe Quinta B Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico Prof. Michele Rossitti SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE

Dettagli

PIANO DI LAVORO A.S. 2013/2014

PIANO DI LAVORO A.S. 2013/2014 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE PROFESSIONALE E TECNICO COMMERCIALE A. CASAGRANDE F. CESI TERNI PIANO DI LAVORO PROF. SCIULLI PERFILIA CLASSE: I D MATERIA: SCIENZE INTEGRATE (FISICA) sez. F. CESI A.S.

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE G. MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. - SCIENTIFICO BROCCA CLASSICO - SOCIO PSICOPEDAGOGICO Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com 0187610831 E-Mail: parentucelli@hotmail.com http://www.parentucelli.com Gli ambienti Laboratori multimediali Informatico Linguistico Nuove Tecnologie Gli ambienti I Laboratori di Scienze Chimica Biologia

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA SCIENZE INTEGRATE FISICA Classi 1AP (L. Stroppa S. Bani) 1BP (L. Buono P. Ramundo) A.S.

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA SCIENZE INTEGRATE FISICA Classi 1AP (L. Stroppa S. Bani) 1BP (L. Buono P. Ramundo) A.S. !" #$%&'((&) #$%&!*(& #+#,-$%./$$011 e-mail: 23$4$23$&$/& sito: 555&$23$&$/& pec: 6*47(&*08$& Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

Istruzione professionale:

Istruzione professionale: Istruzione professionale: DUE BIENNI + QUINTO ANNO - ESAME DI STATO - ACCESSO AI CORSI UNIVERSITARI Indirizzi attivi: Servizi Commerciali dal terzo anno è possibile anche scegliere Servizi Socio-Sanitari

Dettagli

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO 1 SCIENZA DEI MATERIALI DENTALI E LABORATORIO RIF. A.S. 2015/2016 TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Classe 3^A-B

Dettagli