H1 N1. realtàmedica LA RIVISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA METABOLOMICA. ADDIO A FILIPPO CONTI DIABETE. PIANIFICARE I PERCORSI DI CURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "H1 N1. realtàmedica LA RIVISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA METABOLOMICA. ADDIO A FILIPPO CONTI DIABETE. PIANIFICARE I PERCORSI DI CURA"

Transcript

1 realtàmedica LA RIVISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA PAG. 11 METABOLOMICA. ADDIO A FILIPPO CONTI PAG. 17 DIABETE. PIANIFICARE I PERCORSI DI CURA H1 N1 PAG. 29 MUSICOTERAPIA. MEDIATORE ARTISTICO Poste Italiane S.p.A. - Sped. A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1 c. 1 - DRCB - Roma wakingdreams.it GIULIA EDITORE SRL n. 3/09 LUGLIO/SETTEMBRE ANNO XI 4,00

2

3 IL PUNTO Realtà Medica n. 3/2009 Il suicidio, un profondo atto di riflessione Prof. Delfo Galileo Faroni Cominciamo subito, il lettore ce lo consenta, a modificare la definizione che molti studiosi danno del suicidio. Essi dicono più o meno che si tratta di un triplice attentato; verso Dio, verso la società, verso se stessi e aggiungono che si tratta di un delirio che fa dimenticare i più sani doveri, unitamente al sentimento della propria conservazione, senza contare un altro importante aspetto che è quello che il suicida è un codardo che non ha il coraggio di sopportare ingiustizie, soperchierie, sofferenze fisiche e morali. Quindi lo considerano un delitto detestabile, un azione esaltata da disapprovare e compiangere, un affronto a Dio a cui soltanto appartiene il diritto di giudicare, ed alla società di cui disprezzano le leggi, i doveri, le regole della convivenza e via dicendo. Va da sé che considerano questo omicidio di se stessi un atto di disperazione che non trova giustificazione neanche verso l amore per la Patria, verso le grandi malattie incurabili o come dice Shakespeare per "por fine a tante angosce unico certo retaggio di chi veste carne umana" o di conseguenza il suicida è un essere imperfetto, un disertore della vita, un salvato che abbandona il campo in battaglia nascondendosi o fuggendo prima di combattere. ll lettore non stenterà a crederci, ma c è chi sostiene che la causa di questa morte volontaria va ricondotta ad un indebolimento della fede religiosa, quindi, per intenderci, meglio ad un abbassamento della luce del Cristianesimo o ad una colpevolezza verso Dio. Morale della favola daremo vigore al fatto che chi si allontana dai precetti religiosi si rende colpevole verso Dio ed il conforto della fede perde la resistenza alla sofferenza; nasce così il pensiero di attentare alla propria vita. Di fronte agli infiniti conflitti di cui è protagonista un suicida, a quanto è stato detto finora su questo tema caldo da eminenti studiosi, religiosi, umanisti, filosofi e quant altro la nostra risposta eccola qui: buona parte delle osservazioni fatte da questi grandi pensatori con aria sacrale non sono vere e vi spieghiamo perché: il suicidio è un atto di coraggio che necessita di una dose di energia per disfarsi con violenza della vita; e questa energia, sia ben chiaro, non si genera da una esaltazione momentanea, ma da un improvviso eccitamento del cervello o da questo o quell avvenimento o da tale o talaltra circostanza, ma rappresenta la forza morale ed il coraggio di uomini di eccezionale fermezza di carattere. Nessuno è in grado di esaminare ciò che passa nella loro mente e le lotte che combattono con se stessi prima di giungere a tale estremo. Molti dotti nella materia sostengono che coloro che soffrono di avversione alla propria esistenza e si arrogano il diritto di disfarsene con la violenza, si ostinano a non vedere che il nulla, oltre la vita, senza pensare che questa appartiene a Dio. E meglio che su questa ipotesi stendiamo un velo pietoso. Il suicidio secondo noi ha tutti i caratteri di un profondo atto di riflessione e appunto per questo nessuno capirà mai i veri motivi per cui il suicida si lascia trascinare verso il fatale eccesso di lasciare la vita. E inutile tirare in ballo le varie cause che possono indurre individui a provare disgusto per la vita. Ci sono i vari scoraggiamenti per sofferenze morali; per gravi malanni che si prolungano, per rovesci di 1 Il punto

4 La morte di Cleopatra di Reginald Arthur - Roy Miles Gallery, London fortuna, per passioni violente contrastate, per sazietà di godimenti e piaceri procurati da eccessi di ricchezze, o come un tempo suggerivano le sette degli stoici e degli epicurei che concedevano all uomo stanco della vita la facoltà di distruggersi. Fin qui va tutto bene? Pare proprio di no. E necessario per chiarezza distinguere due tipi di suicidi: quelli d élite e quelli banali. Ai primi appartengono i personaggi che decidono serenamente di farla finita con la vita, andandosene come disertori, convinti che il suicidio è connotato nell umana natura. Son liberi dal giogo imposto dai precetti religiosi e contemplano, indipendentemente dai motivi di ordinaria portata, il suicidio come un azione virtuosa. Shakespeare diceva: "Retaggio di chi veste carne umana - e questo salutar disfacimento - esser dovria d ogni alma il suo desio. Quanto ai suicidi banali, sono quelli più frequenti, a cui accedono i suicidi cronici, i disperati, i miseri, i disonorati, i timorati di Dio, i peccatori e quelli che desiderano ardentemente come grande attrattiva andare a trovare la Madonna prima del tempo e quelli la cui scolorita esistenza e la comprensione delle avversità della vita molto limitata li porta col pensiero alla tomba per liberarsi di un peso reso insopportabile da passioni in odio alla vita, quali l invidia, l astio, il livore, la maldicenza, la calunnia, la denigrazione e via discorrendo. A questa categoria di suicidi poveracci, per il gusto dell invettiva, vengono spesso rivolte frasi come questa: "Ma perché non ti suidici?" Il punto 2

5 Nome... Cognome... Società... Settore... Indirizzo...CAP... Città...Nazione... Tel...Fax N... Abbonamenti annuali per l Italia (4 numeri - 12,00) N... Abbonamenti annuali per l Estero (4 numeri - 24,00) Modalità di pagamento [ ] Assegno bancario non trasferibile intestato a Giulia s.r.l. [ ] Conto Corrente postale n intestato a : Giulia s.r.l. - Via Torino, Roma Autorizzo al trattamento dei miei dati personali (D.Lgs 196/2003) Firma... Data... Inviare il coupon al numero di fax oppure in busta chiusa a: Editore Giulia s.r.l. - Via Torino, Roma

6 Garante scientifico Delfo Galileo Faroni Direttore editoriale Jessica Faroni Direttore responsabile Luciano Pecchi Coordinamento redazionale Glauco Messina Coordinatore comitato scientifico Carlo De Bac Comitato scientifico Francesco Bove, Carlo De Bac, Delfo Galileo Faroni, Jessica Veronica Faroni, Gaetano Lanzetta, Glauco Messina, Roberto Proietti, Valter Santilli Segreteria di redazione Laura Righetti Abbonamenti Una copia 4,00 (numeri arretrati 6,00) Abbonamento annuo per l Italia 12,00 Estero: 24,00 - Sostenitore: 50,00 Pagameto: - a mezzo conto corrente postale n intestato a: Giulia s.r.l. Via Torino, Roma; - con assegno bancario non trasferibile intestato a Giulia s.r.l. Poste Italiane S.p.A. Sped in A.P. - D.l. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 c. 1 - DRCB - Roma La rivista è posta sotto la tutela delle leggi sulla stampa. Gli articoli pubblicati impegnano esclusivamente le responsabilità degli autori. La riproduzione dei lavori pubblicati è permessa solo dietro autorizzazione scritta della direzione. La Rivista del Medico di Famiglia Anno XI - n. 2 Aprile/Giugno 2009 Pubblicazione trimestrale Editore: Giulia s.r.l. Via Torino, Roma Direzione, redazione, amministrazione e pubblicità: Via Torino, Roma Tel Fax Registrazione: Tribunale di Roma n. 591/99 del 19/12/99 Videoediting e impaginazione wakingdreams communications srl Tipografia Balzanelli s.r.l. - Via A. Einstein, 4/ Monterotondo Scalo (Roma) La rivista è aperta a ogni tipo di contributo medico-scientifico. Tutti gli operatori sanitari possono inviare alla redazione di Realtà Medica 2000 propri articoli, che troveranno spazio in base alla normale programmazione redazionale. La direzione si riserva, comunque, il diritto di non pubblicazione; nel qual caso gli articoli verranno restituiti all autore. 4

7 SOMMARIO Realtà Medica n. 3/2009 IL PUNTO Il Suicidio, un profondo atto di riflessione, di Delfo Galileo Faroni VIROLOGIA H1N1 paura giustificata o isteria collettiva?, intervista al prof. Carlo De Bac METABOLOMICA Le nuove frontiere della Metabolomica: il futuro della diagnostica, di Filippo Conti La scomparsa di Filippo Conti, di Luciano Pecchi OCULISTICA IntraLase per eliminare i difetti di vista in maniera ancora più sicura, intervista al dott. Luca Iacobelli DIABETOLOGIA Epidemia di diabete. Pianificare i percorsi di cura più idonei UROLOGIA La Calcolosi Vescicale, di Patrizio Vicini Approccio multidisciplinare a patologia urologica complessa, di Renzo D Andrea, Alfonso Di Nardo, Massimiliano Di Renzo, Roberto Perna, Massimo Cardilli, Paolo Barone MUSICOTERAPIA Musica, mediatore artistico per pazienti con funzioni non evolute o regredite di M. Emerenziana D Ulisse PSICOLOGIA L Alcol e la sua abbuffata adolescenziale ovvero il bere giovanile, di Francesco De Pietro SOCIETÀ Alcol. I numeri dello sballo TERAPIA DEL DOLORE Più facile accedere alle cure grazie all Ordinanza di Fazio ONCOLOGIA COMPARATA Cani e gatti sentinelle dei tumori dell uomo, di Luciano Pecchi BIOETICA Le Dat e il valore dell alleanza terapeutica, di Giorgia Pecchi SALUTE & PARLAMENTO Rubrica a cura di Giorgia Pecchi Castrazione chimica contro pedofili e maniaci sessuali SEGNALIBRO La vita? Un sistema aperto omeodinamico, di Daniele Romano NEWS Rubrica a cura di Luciano Pecchi Sommario

8

9 VIROLOGIA Realtà Medica n. 3/2009 H1N1paura giustificata o isteria collettiva? Intervista al Prof. Carlo De Bac La comparsa di un virus influenzale di origine suina e del ceppo H1N1 ha creato sin dall'inizio un certo allarme per la sua somiglianza con il suo antenato responsabile della famosa pandemia cosiddetta spagnola che ha imperversato negli anni a cavallo della fine della prima guerra mondiale e che procurò la morte di milioni di persone. In Italia i dati epidemiologici sono finora rassicuranti. Si procede a un monitoraggio attento e perspicace dell'infezione attraverso valutazioni virologiche seriate e questo sembra essere l'atteggiamento più produttivo e responsabile. Il governo, comunque, ha predisposto a partire dal 15 novembre prossimo un piano di vaccinazione di massa. Per il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, l allarme sulla nuova influenza, l A/H1N1 più comunemente conosciuta come l influenza suina, non è mai cessato. A metà luglio 2009 nel mondo erano stati riscontrati quasi casi di persone affette dal virus A/H1N1 con 580 persone decedute. In Europa, alla stessa data, le persone infettate erano poco più di con 18 morti: due in Spagna e 16 in Gran Bretagna. A riaccendere i riflettori su questo tipo di influenza sono state alcune dichiarazioni del viceministro della Salute Ferruccio Fazio, il quale, citando i dati relativi a proiezioni messe a punto dall Istituto superiore di sanità, ha detto che in Italia in assenza di misure di contenimento come il ricorso a farmaci antivirali, a tutto marzo 2010 si potrebbero verificare circa 13 milioni di contagi e l epidemia continuerebbe per l anno in corso. Attraverso il contenimento con farmaci antivirali invece si arriverebbe a nove milioni di contagi. Ma vaccinando le categorie dei lavoratori essenziali (sanità, vigili del fuoco, polizia) e delle popolazioni a rischio, alla fine del mese di marzo 2010 si verificherebbero, secondo le proiezioni, quattro milioni di contagi e l epidemia proseguirebbe per l anno successivo. Il governo italiano, in tal senso, ha predisposto un piano di vaccinazione di massa che, a partire dal 15 novembre prossimo sarà disponibile una prima tranche di 8 milioni di dosi. La campagna partirà dai soggetti più a rischio con età compresa tra i due e i 60 anni. Un quadro non certo confortante, per non dire apocalittico, anche alla luce della rapida diffusione dell infezione e del rischio di eventuali mutazioni, che merita una riflessione ponderata, non isterica. Ne parliamo con il prof. Carlo De Bac, emerito di Malattie infettive all Università La Sapienza di Roma. Prof. De Bac, entriamo subito nel merito. Ci dobbiamo preoccupare di quello che ha detto il viceministro Fazio e di quanto predisposto dal Governo? Va premesso che la comparsa di un virus influenzale di origine suina e del ceppo H1N1 ha creato sin dall'inizio un certo allarme per la sua somiglianza con il suo antenato responsabile della famosa pandemia cosiddetta spagnola che ha imperversato negli anni a cavallo della fine della prima guerra mondiale e che procurò la morte di milioni di persone. Successivamente altri motivi di apprensione sono stati determinati dalla facile trasmissibilità interumana dopo la prima fase di passaggio dal maiale all'uomo. La velocità di diffusione dell H1N1 è nettamente superiore a quella registrata in altre epidemie influenzali. Quindi l'oms non poteva non innescare il meccanismo di allarme biologico e mediatico e non trasmetterlo alle autorità sanitarie di tutti i paesi, che sono state invitate ad allertare i propri sistemi sanitari secondo le particolari situazioni epidemiologiche e socioeconomiche. In Italia i dati epidemiologici sono finora rassicuranti, 7 Virologia

10 Virologia 8 il numero dei casi è limitato, sopratutto di quelli autoctoni cioè senza che si sia potuto individuare un contagio all'estero. Il viceministro Fazio ha dovuto tener conto delle raccomandazioni dell'oms e delle informazioni fornite dagli organi preposti, dando un colpo al cerchio e uno alla botte e variando le prospettive a seconda dell'andamento dell'epidemia. In effetti le sue previsioni hanno riguardato il numero dei contagiati nel prossimo inverno mentre sono state sempre rassicuranti sulla severità della malattia indotta. Non sono mai state proposte limitazioni agli spostamenti aerei né si è mai invocata un'apertura posticipata delle scuole ma ci si è limitati a consigliare di evitare i viaggi in paesi più a rischio, Messico all'inizio e poi Gran Bretagna come misura precauzionale. D'altronde va tenuta presente l'enorme responsabilità che grava sulle Autorità sanitarie che da un lato devono prevenire qualsiasi complicazione e dall'altro non devono allarmare. Registriamo comportamenti positivi come il rapido accertamento virologico nei casi sospetti, il loro ricovero in ambienti ospedalieri protetti nei casi confermati. C'è stata forse una breve fase di allarme pronunciato nel corso della quale Fazio aveva prospettato l'eventualità di provvedimenti più drastici come il ritardo dell'anno scolastico e all'annuncio della disponibilità anticipata del vaccino ad ottobre rispetto ai programmi del governo, ma poi prontamente rientrata anche in relazione alla confermata mitezza della malattia respiratoria. Si procede ad un monitoraggio attento e perspicace dell'infezione attraverso valutazioni virologiche seriate e questo mi sembra l'atteggiamento più produttivo e responsabile. Qual è secondo lei la migliore strategia di controllo? Non è facile riuscire a limitare la diffusione di una malattia infettiva che si trasmette per via respiratoria dato che non è realizzabile vietare la circolazione dei soggetti infetti sia sintomatici che in periodo d'incubazione. Esiste il problema delle comunicazioni ormai troppo veloci per via aerea che impediscono di fermare il virus. Le autorità sanitarie dei vari paesi si sono infatti limitate a sconsigliare all'inizio di recarsi nei luoghi dove si è verificato il maggior numero di casi, come il Messico o all inizio del mese di luglio la Gran Bretagna. In quest'ultima nazione sono stati rafforzati i controlli sui turisti con il conseguente isolamento di quelli che presentano sintomi sospetti all'arrivo o si ammalano durante il soggiorno onde sottoporli più precocemente possibile al trattamento antivirale con oseltamivir o zanamivir ma si tratta di provvedimenti molto costosi e che richiedono un apparato sanitario di grandissima efficienza senza avere oltretutto la probabilità di essere in qualche modo risolutivi. Più importante appare l'individuazione dei contatti dei soggetti con infezione in atto sui quali praticare la profilassi con gli antivirali sopra menzionati che in questo caso possono limitare l'attacco del virus ai recettori delle cellule dell'epitelio respiratorio. L'uso di mascherine filtro eguali a quelle chirurgiche può essere indicato solo in particolari circostanze tanto più che non sembra che riescano a evitare il passaggio di un virus come l'h1n1 che è di piccolissime dimensioni. In definitiva fino al momento in cui ci si potrà vaccinare, l'elemento più importante, a mio parere, è una diagnosi più precoce possibile, meglio se confermata dall'esame del DNA virale, seguita dall'isolamento e dal trattamento antivirale obbligatorio per il paziente e consigliabile per coloro che hanno avuto stretti contatti nelle ore precedenti. In questo secondo caso è opportuno non abbandonarsi all'autoprescrizione ma osservare scrupolosamente i consigli del medico, meglio se infettivologo o igienista. L'utilità dei farmaci antivirus influenzale è ancora in discussione sopratutto nell'uso preventivo, cioè nei soggetti ancora asintomatici, proprio per il loro meccanismo d'azione che non prevede l'eradicazione diretta del virus.

11 VIROLOGIA Realtà Medica n. 3/2009 I vaccini contro la nuova influenza saranno disponibili dal 15 novembre, quando comincerà la campagna vaccinale predisposta dal Governo italiano, ma non saranno testati per gli under 18 e per le donne in gravidanza. Cosa potrebbe comportare per queste persone? E quali suggerimenti fornisce loro? Chiaramente la vaccinazione rappresenta il momento risolutivo del controllo dell'epidemia e quindi la sua disponibilità prevista per metà novembre potrà assicurare protezione a tutti coloro che la utilizzeranno. In un primo tempo saranno sottoposti alla profilassi tutti gli operatori sanitari e gli addetti a servizi di pubblica utilità, seguiti dai soggetti a rischio, anziani e/o affetti da malattie croniche cardiovascolari e respiratorie, obesi, bambini al di sotto di due anni, che abitualmente danno il maggior tributo di forme mortali in corso di epidemia influenzale. Un elemento nuovo è rappresentato dal fatto che circa il 30-50% degli ultrasettantenni è fornito di anticorpi anti- H1N1, per precedenti contatti con il virus. Per quanto riguarda i bambini e le donne in gravidanza, per allora saranno certamente state fatte le prove necessarie di innocuità e quindi non ci dovrebbero essere problemi di effetti secondari, che d'altronde sono stati molto rari nelle campagne vaccinali fin qui condotte dato che il nuovo vaccino verrà approntato con l'abituale metodica. Bisognerà però mobilitare al massimo i mezzi di comunicazione per esercitare la necessaria opera di divulgazione e persuasione, che probabilmente in questo caso sarà facilitata dal battage scatenatosi con tanto anticipo. La mortalità di una normale influenza stagionale oscilla attorno all un per mille. Per l A/H1N1 cosa è prevedibile ipotizzare? Per il momento il nuovo virus non si è comportato in modo aggressivo (l unico decesso in Italia ha interessato un soggetto con gravi patologie croniche) e ha dimostrato una capacità lesiva modesta, quindi non si dovrebbe avere aumento della mortalità oltre il livello indicato ma la caratteristica del virus potrebbe riservare delle sorprese man mano che l'epidemia si allarga, come avvenne per la forma cosiddetta spagnola nel che mieté il maggior numero di vittime nella seconda fase. Per ora è un elemento rassicurante il fatto che l'h1n1 è rimasto identico nella sua composizione e non ha quindi mostrato tendenza a mutare. Di questa nuova influenza, qual è l aspetto che preoccupa maggiormente? L assenza di immunità nella fascia d'età fino a quarant'anni e oltre (il virus non ha circolato negli ultimi 50 anni) e la possibile combinazione con altri virus respiratori, sopratutto quelli influenzali abitualmente circolanti (per cui è necessario immunizzarsi anche contro questi ultimi). In più l'eventualità di una trasformazione del comportamento del virus secondo i canoni del cosiddetto genio epidemico. A quali sintomi è necessario fare attenzione? Ai soliti, dato che la malattia è del tutto identica a quella osservata abitualmente per gli altri ceppi. Gli elementi più significativi per la diagnosi clinica sono la febbre, l'astenia e la tosse secca insistente di origine tracheale, la rinite invece non è caratteristica. Né sono segnalati disturbi a carico delle corde vocali o dell'intestino, questi ultimi d'altronde non previsti in una malattia respiratoria Come ci si infetta? Tramite le goccioline di saliva che passano da infetto a sano con tosse e starnuti; anche il contatto con le mani può trasferire il virus alle mucose, bisogna quindi proteggere la bocca e il naso anche con la mano, lavarsi spesso le mani. Quali le regole per evitare il contagio? E' problematico riuscire ad evitare il contagio passivo ma si può cercare di limitare il rischio allontanandosi da soggetti sospetti di infezione, stando il più possibile all'aria aperta e assumendo, se consigliati dal medico, i farmaci antivirali come profilassi. Naturalmente tutto questo in attesa del vaccino. (Red.) 9 Virologia

12

13 METABOLOMICA Realtà Medica n. 3/2009 Le nuove frontiere della Metabolomica: il futuro della diagnostica* di Filippo Conti ** Tutte le scienze umane biologiche e fisiche possono essere unificate considerandole come sistemi di relazioni e cercando i principi di organizzazione sottostanti ogni tipo di sistema 1. Credo che stiamo vivendo un notevole cambiamento nello studio dei sistemi biologici, in cui il dominante approccio riduzionistico è integrato con quello olistico (System thinking). Siamo nell`era delle discipline omiche e dei network. Cartesio può essere considerato il padre della metodologia riduzionista quando asserisce di essere il pioniere di " una nuova scienza che generalmente risolve tutte le questioni di quantità continue e discontinue" 2. Per Cartesio l Universo è una macchina cosmica che consiste di parti elementari separate. Il sistema modello più avanzato al tempo di Cartesio era l orologio meccanico. Anche il mondo è considerato come un gigante e complesso sistema che può essere sempre compreso riducendolo ai suoi blocchi base di costruzione e analizzando i meccanismi attraverso i quali questi interagiscono tra loro e si organizzano nel loro ordine logico. ll metodo analitico di Cartesio è divenuto caratteristica essenziale della scienza moderna e si è rivelato estremamente utile nello sviluppo della conoscenza scientifica e delle teorie. Dal XVII secolo, a partire dalla fisica, considerata una scienza esatta, questo metodo è diventato il modello per tutte le altre discipline. Anche i sistemi viventi sono paragonati ad atomi intelligenti, la cui auto-organizzazione e comportamento dipendono, e possono essere dedotti, dalle proprietà dei suoi costituenti. Allo stesso modo la biochimica ha progredito costantemente sostenendo che tutte le proprietà e le funzioni degli organismi viventi potrebbero essere spiegate con le stesse leggi della cinetica e termodinamica le quali regolano il mondo non vivente, prendendo separatamente in esame le caratteristiche e le funzioni delle diverse componenti dei sistemi biologici. Jacques Loeb in La meccanicistica concezione della vita scrisse che gli organismi viventi sono macchine chimiche, che possiedono la peculiarità di preservarsi e riprodursi autonomamente. Il funzionamento di queste macchine biologiche può essere spiegato basandosi sui blocchi base che li costituiscono. La tipica frammentazione del riduzionismo nella scienza è stata la base della Biologia Molecolare. Tuttavia, già nel secolo passato la Fisica è andata incontro ad una serie di rivoluzioni concettuali che hanno chiaramente rivelato i limiti dclla visione riduzionista. L universo stesso non è più visto come costituito da una moltitudine di oggetti separati, ma appare come un tutt uno armonioso ed individuale, un network di relazioni dinamiche includenti in modo essenziale l osservatore e la sua coscienza. Bohr scrisse che le particelle materiali isolate sono astrazioni, le loro proprietà sono definibili ed osservabili solo attraverso le loro interazioni con altri sistemi 3. (continua a pag. 13) * Articolo postumo ** Ordinario di Chimica Fisica, Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Dipartimento di Chimica, Presidente dell Associazione Italiana di Metabolomica 11 Metabolomica

14 La scomparsa di Filippo Conti Filippo Conti ci ha lasciati il 30 maggio Ordinario di Chimica Fisica all Università di Roma La Sapienza, il prof. Conti è stato un pioniere e un promotore della Risonanza Magnetica Nucleare, nonché uno dei padri fondatori del Gruppo Italiano di Risonanza Magnetica. Recentemente era diventato attivo nello studio della Metabolomica ovvero l insieme dei composti a basso peso molecolare (metaboliti) presenti in un sistema biologico. Ricordo di averlo incontrato la prima volta al Dipartimento di Chimica alla Sapienza proprio per organizzare un corso di formazione sulla Metabolomica. Alle mie domande, alle mie richieste di informazioni sull argomento lui rispondeva sempre con entusiasmo e sottolineava il fatto che nei prossimi anni l'approccio metabolomico, combinato con la genomica funzionale e la proteomica, avrebbe avuto un fortissimo impatto sulla ricerca in campo farmacologico, nella diagnostica, nella terapia, in un'ampia gamma di biotecnologie e in alcune applicazioni nella ricerca sul cancro. «Che cosa distingue apparentemente la metabolomica dai precedenti studi di metabolismo, mi spiegava, è la sua focalizzazione su profili metabolici completi e pathways associati di un campione piuttosto che su uno o alcuni metaboliti. Questi profili sono rappresentati da spettri NMR o di massa e sono comparati usando metodi di analisi statistica multivariata dei dati che permettono di ottenere una visione completa dei pathways molecolari all interno del sistema biologico studiato. Così mentre la genomica e la trascrittomica danno un possibile funzionamento del sistema, la metabolomica rappresenta il reale stato del sistema». Il prof. Conti era malato di cancro, lo sapeva ma faceva finta di niente. Sicuramente per lui il lavoro, l attacamento alla scienza andavano oltre la sua malattia; erano anche modi per esorcizzare un nemico che era finito nel mirino dei suoi studi. Non si risparmiava e in questo suo modo di essere non volle mancare neanche al Congresso nazionale dell Associazione italiana dei patologi clinici tenutosi a Tivoli dal 12 al 15 maggio In quell occasione, in particolare il 12, tenne una lezione magistrale illuminante per tutto il consesso. In sua memoria la pubblichiamo sulle colonne di questa Rivista che già in altre occasione ospitò suoi scritti. Con la scomparsa di Filippo Conti, l Italia perde uno scienziato valente e uno dei massimi esperti della Risonanza Magnetica Nucleare. Giungano alla sua Famiglia le più sentite condoglianze di tutto l Istituto Neurotraumatologico Italiano e della direzione di Realtà Medica. Luciano Pecchi Metabolomica 12

15 METABOLOMICA Realtà Medica n. 3/2009 Questo potrebbe essere considerato il primo passo verso una generale teoria per lo studio dei sistemi complessi. Riguardo ai sistemi biologici, l approccio riduzionista ha avuto grandissimo successo, culminante negli straordinari risultati della comprensione della natura chimica dei geni, l unità di base dell eriditarietà e la definizione del codice genetico pronosticando enormi prospettive nella biomedicina come ad esempio l ottenimento di nuovi e più efficaci farmaci (aspettativa per lo più delusa). Tuttavia negli ultimi decenni è diventato chiaro che l approccio riduzionista, il quale stabiliva una gerarchia geni-proteine-metaboliti, può fornire solo una parziale valutazione e una possibile predizione del funzionamento dei sistemi biologici integrali e/o le risposte ad input chimici o fisici cosi come a variazioni genetiche. Altri scienziati del nostro tempo hanno realizzato i limiti dei metodi riduzionisti. Ad esempio, in una lettera Francis Crick, lo scopritore della struttura del DNA, scrive a Sidney Bremmer mettendo in evidenza i limiti della Biologia Molecolare nel tentativo di capire le basi dei fenomeni biologici. E` l'inizio della scuola di pensiero che quando gli scienziati riducono un tutto integrale ai suoi blocchi fondamentali, siano essi cellule, geni o particelle elementari, nel tentativo di spiegarne il comportamento in termini di caratteristiche dei singoli separati elementi costituenti, essi perdono la capacità di capire le attività autoorganizzative dell intero sistema ovvero le proprietà emergenti, caratteristiche dei sistemi complessi come quelli biologici. Lo studio dei sistemi biologici si sta sviluppando nelle discipline omiche come la Genomica, la Trascrittomica, la Proteomica e più recentemente la Metabolomica che rappresentano diverse discipline della System biology. La Genomica studia la struttura, il contenuto, la funzione e l evoluzionc del genoma degli organismi viventi. La Trascrittomica si occupa deil espressione dei geni negli RNA messaggeri della sintesi proteica. La Proteomica studia il completamento tempo-specifico e cellulo-specifico delle macromolecole proteiche espresse in una cellula, comprese le isoforme e le modifiche post-trascrizionali. La Metabolomica prende in esame l insieme dei composti a basso peso molecolare (metaboliti) presenti in un sistema biologico. Nel 1998 S. Oliver et al. con il termine Metabolomica indicava il set di tutti i composti a basso peso molecolare sintetizzati da un organismo 4. In seguito JC. Lindon, E, Holmes e JK. Nicholson nel 2001 definirono Metabolomica la misura quantitativa di risposte metaboliche di sistemi multicellulari (organismi) in stimoli patofisiologici o alterazioni geniche 5. L ottica riduzionista ha portato a considerare queste discipline in un artificioso ordine gerarchico, riflettendo il dogma centrale della biologia molecolare, che sviluppa il concetto di flusso unidirezionale dell'informazione, a partire dagli acidi nucleici per arrivare ai metaboliti, conferendo così un importanza preponderante alla genomica. Comunque, i recenti sviluppi in campo biotecnologico hanno portato a riconsiderare l idea gerarchica, e a vedere genomica e proteomica come la descrizione di ciò che l organismo può, vale a dire, utilizzando termini della metafisica aristotelica, la descrizione di un organismo in potenza. Ciò che invece un organismo è, cioè un organismo che perviene alla specie, o meglio un organismo in atto, può essere definito solo tenendo in opportuna considerazione l interazione tra l ambiente esterno e l acido nucleico; compito esercitato da composti la cui concentrazione varia istante per istante garantendo una risposta ed una segnalazione in tempo reale in seguito a stimoli esterni o interni, cioè dai metaboliti. La descrizione delle conoscenze ottenibili dai dati omici ad un dato tempo e/o in 13 Metabolomica

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica

Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica Influenza suina A/H1N1v Raccomandazioni alle persone con fibrosi cistica Informazioni generali La nuova influenza A(H1N1) è un infezione virale acuta dell'apparato respiratorio con sintomi fondamentalmente

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Influenza suina: l influenza A (H1N1)

Influenza suina: l influenza A (H1N1) . Influenza suina: l influenza A (H1N1) Il virus: lui chi è Ad aprile si sono registrati in Messico casi di infezione nell uomo da nuovo virus influenzale di tipo A (H1N1), precedentemente identificato

Dettagli

L influenza. stagionale

L influenza. stagionale Questo opuscolo vuole fornire alcune informazioni pratiche per avere una visione corretta ed equilibrata di un fenomeno, quello dell influenza aviaria, che al momento attuale sta determinando un inutile

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Carcinoma prostatico

Carcinoma prostatico SIUrO Società Italiana di Urologia Oncologica Alessandro Bertaccini, Sergio Bracarda, Roberta Ceccarelli, Adriana Gelmini Carcinoma prostatico Guida per il paziente e i suoi familiari Introduzione di Giuseppe

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 I.T.I. OMAR GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 Procedure igienico sanitarie OTTOBRE 2009 REVISIONE 01 SOMMARIO La sindrome influenzale da virus A/H1N1 3 Misure di prevenzione 3 Come lavare

Dettagli

Tecnologia laser per la cura dei tuoi occhi

Tecnologia laser per la cura dei tuoi occhi struttura Tecnologia laser per la cura dei tuoi occhi Casa di Cura San Rossore dispone delle più avanzate tecnologie laser per il trattamento mirato dei tuoi occhi. Da noi potrai trovare la soluzione più

Dettagli

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute

Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013. Fonte: Ministero della salute Prevenzione e controllo dell influenza, raccomandazioni per la stagione 2012-2013 Fonte: Ministero della salute Vaccinazione influenzale al via da metà ottobre, con l obiettivo di vaccinare il 95 per cento

Dettagli

IL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET TERAPEUTICI NELLA PRATICA CLINICA: I RISULTATI DELLO STUDIO QUASAR

IL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET TERAPEUTICI NELLA PRATICA CLINICA: I RISULTATI DELLO STUDIO QUASAR IL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET TERAPEUTICI NELLA PRATICA CLINICA: I RISULTATI DELLO STUDIO QUASAR Maria Chiara Rossi Dipartimento di Farmacologia Clinica ed Epidemiologia Centro Studi e Ricerche AMD Consorzio

Dettagli

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others www.euro.who.int/influenza INFLUENZA A(H1N1) COSA E QUESTA NUOVA INFLUENZA 1. Cosa è l Influenza A(H1N1)? L influenza A(H1N1) è un nuovo virus influenzale

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI La sindrome influenzale Che cosa è l influenza? Chi si ammala di influenza? Quali sono i sintomi? Cosa bisogna fare quando si ha l influenza? Quando è necessario chiamare il medico?

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DELLA SANITA Fact sheet n.3 ksdbfsm ASIHFncj Molti dei fattori che contribuiscono di più alla genesi delle disuguaglianze sociali nella salute non sono di competenza

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER L UVA CROSS-LINKING CORNEALE Approvato dalla Società Oftalmologica Italiana - Ottobre 2007 Primo Aggiornamento Febbraio 2014

SCHEDA INFORMATIVA PER L UVA CROSS-LINKING CORNEALE Approvato dalla Società Oftalmologica Italiana - Ottobre 2007 Primo Aggiornamento Febbraio 2014 Gentile Sig./Sig.ra Lei è affetto in OD/OS/OO da una alterazione della forma della cornea denominata CHERATOCONO. Il trattamento che le viene proposto è... Il responsabile del trattamento chirurgico è...

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

PROGRAMMA PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE

PROGRAMMA PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE PROGRAMMA PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE DIRETTORE SCIENTIFICO DEL PROGRAMMA Nome e Cognome Giulio DOVERI Qualifica Responsabile U.B. Diabetologia ed Endocrinologia Sede Ospedale regionale

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE PROSTATICHE E DELL APPARATO UROGENITALE MASCHILE

LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE PROSTATICHE E DELL APPARATO UROGENITALE MASCHILE LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE PROSTATICHE E DELL APPARATO UROGENITALE MASCHILE ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA LA PROSTATA: ANATOMIA E FUNZIONE La prostata (o ghiandola

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

COS E LA CATARATTA Come si opera

COS E LA CATARATTA Come si opera COS E LA CATARATTA Come si opera AMBULATORIO MEDICO-CHIRURGICO DI OCULISTICA Direttore Tecnico: dott. Giacomo Sanfelici 17027 Pietra Ligure SV Via Mameli, 54 12051 Alba CN Via Gastaldi, 5 Tel.: 019.62.57.02

Dettagli

IL TUMORE DELLA PROSTATA

IL TUMORE DELLA PROSTATA IL TUMORE DELLA PROSTATA Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cos è il cancro della prostata? Cancro significa crescita incontrollata di cellule

Dettagli

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la Epatite Cronica B, malattia sommersa Un virus spesso sottovalutato L Istituto Superiore di Sanità stima che in Italia vi siano non meno di 900mila individui cronicamente infettati da HBV, i cosiddetti

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 Direttore dott A. Scialdone INFORMAZIONE SUL TRATTAMENTO DI CROSS- LINKING CORNEALE ( TERAPIA FOTODINAMICA CORNEALE) PER IL CHERATOCONO E PATOLOGIE ECTASICHE

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica OFTALMOLOGIA Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) a cura di L'occhio: una macchina fotografica L'occhio funziona come una macchina fotografica; possiede lenti, diaframma e pellicola.

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO SCREENING DEL TUMORE DEL COLLO DELL'UTERO IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO Il tumore del collo dell utero (o della cervice) è uno dei tumori più frequenti nella donna. In Italia ogni anno ci sono 3.500 nuovi

Dettagli

Confronto tra Esperienze e Progetti realizzati o in via di realizzazione

Confronto tra Esperienze e Progetti realizzati o in via di realizzazione Confronto tra Esperienze e Progetti realizzati o in via di realizzazione Indice Premessa Progetti a confronto Risorse coinvolte Obiettivi Metodologia Risultati e ricadute Premessa Una delle sfide che,

Dettagli

Ai Medici, ai Dentisti, ai Farmacisti autorizzati al libero esercizio nel Cantone Ticino. 31 luglio 2009. Info-med 06/2009

Ai Medici, ai Dentisti, ai Farmacisti autorizzati al libero esercizio nel Cantone Ticino. 31 luglio 2009. Info-med 06/2009 Ai Medici, ai Dentisti, ai Farmacisti autorizzati al libero esercizio nel Cantone Ticino 31 luglio 2009 Info-med 06/2009 Influenza A H1N1: adattamento della strategia Gentile collega, egregio collega Desideriamo

Dettagli

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 1. Quando sarà disponibile il vaccino pandemico per il nuovo virus A(H1N1)? Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K V O L U M E 8, N U M E R O 8 Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G

Dettagli

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini IL diabetico anziano Gestione condivisa Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@seed-online.it

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP)

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP) SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP) Data: Informazioni fornite da: Responsabile del trattamento chirurgico:. I difetti visivi,

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI Torino, li Informazione in merito al caso clinico del Sig.: Nato a: Residente in: Lei presenta un difetto visivo che viene

Dettagli

Malattie infettive a trasmissione aerea

Malattie infettive a trasmissione aerea Ogni anno, immancabilmente, si ripete un incontro puntuale quanto indesiderato... quello fra l uomo ed i virus influenzali Malattie infettive a trasmissione aerea Ambiente: densità della popolazione occasioni

Dettagli

Il Centro Ambrosiano Oftalmico

Il Centro Ambrosiano Oftalmico Il Centro Ambrosiano Oftalmico Il Centro Ambrosiano Oftalmico (CAMO Spa) è una innovativa clinica fondata nel 1983 dal Dott. Lucio Buratto. CAMO offre al paziente una struttura altamente specializzata

Dettagli

LA CATARATTA CATARATTA BIANCA TOTALE

LA CATARATTA CATARATTA BIANCA TOTALE LA CATARATTA La cataratta consiste in una perdita di trasparenza, parziale o totale, del cristallino, cioè di una lente del nostro occhio fondamentale per la focalizzazione dell immagine. CATARATTA BIANCA

Dettagli

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere Sigla editoriale Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Editore: Ufficio federale della sanità pubblica Data di pubblicazione: settembre 2009 L opuscolo è pubblicato anche nelle seguenti lingue: Tedesco

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Intesa Stato Regioni Province Autonome del 23 Marzo 2005 Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007: linee operative

Dettagli

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Dott. Vitaliano De Salazar, Direttore Generale Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

Dettagli

La prevalenza di diabete è in di continua tipo 2 crescita a causa dell'aumento dell'obesità e della sedentarietà. La

La prevalenza di diabete è in di continua tipo 2 crescita a causa dell'aumento dell'obesità e della sedentarietà. La Il diabete mellito, con le sue complicanze, è in continuo aumento, tale da indurre gli esperti a parlare di e Le forme principali di diabete sono: tipo 1 (8% dei casi) tipo 2 (90% dei casi) La prevalenza

Dettagli

In Europa cure senza confini Ma con tanti dubbi da sciogliere

In Europa cure senza confini Ma con tanti dubbi da sciogliere Corriere della Sera http://www.corriere.it/salute/13_novembre_04/europa-cure-senza-confini-ma-tanti-du... Page 1 of 1 11/11/2013 stampa chiudi DIRETTIVA In Europa cure senza confini Ma con tanti dubbi

Dettagli

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Giordana Fauci IL DIABETE: ASPETTI MEDICO-LEGALI, PSICOLOGICI E SOCIALI www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Giordana Fauci Tutti i diritti

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Dott. Marco Gaietta Specializzando in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano Obiettivo dello studio Valutare la corrispondenza

Dettagli

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso.

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso. NOTA OPERATIVA GORES : indicazioni per la sorveglianza e gestione nel territorio regionale di eventuali casi sospetti di malattia da Virus Ebola (MVE) collegati con l epidemia in Africa Occidentale L epidemia

Dettagli

(da rilasciare in copia al paziente al momento del colloquio)

(da rilasciare in copia al paziente al momento del colloquio) diagnosi o sospetto diagnostico (al momento della proposta dell intervento):.. possibili varianti nell esecuzione: L intervento viene effettuato in sala operatoria con l'ausilio di un microscopio operatorio.

Dettagli

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE Segnali d allarme Gran parte delle malattie renali si possono comportare come killer silenziosi : operano indisturbate, senza sintomi, per anni e, quando i loro effetti si

Dettagli

Stagione Influenzale 2014-2015 Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna

Stagione Influenzale 2014-2015 Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna Stagione Influenzale 2014-2015 Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna Descrizione dell epidemia. La stagione influenzale appena trascorsa si è dimostrata di particolare intensità sia per

Dettagli

Proteggiamoci insieme!

Proteggiamoci insieme! Influenza stagionale. Proteggiamoci insieme! Informazioni importanti per Lei e per la sua famiglia. www.vaccinarsicontrolinfluenza.ch www.ufsp.admin.ch B C Cos è l influenza stagionale e quali sono i sintomi

Dettagli

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana Che cos è il Diabete Cause e conseguenze. Lilly Cos è il Diabete Il Diabete Mellito è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

gratuita per alcune categorie:

gratuita per alcune categorie: DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Vaccinazione antinfluenzale stagionale 2010-2011 l ASL organizza LA CAMPAGNA ANTINFLUENZALE in collaborazione con i Medici di Medicina Generale con inizio il giorno 2

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

Alleanza per il diabete della Regione Campania

Alleanza per il diabete della Regione Campania Progetto Alleanza per il diabete della Regione Campania Razionale Il diabete mellito tipo 2 è una malattia cronica invalidante ad elevato impatto sociale (legge 115/87). E una malattia che dura tutta la

Dettagli

Proteggiamoci insieme!

Proteggiamoci insieme! Influenza stagionale. Proteggiamoci insieme! Informazioni importanti per Lei e per la sua famiglia. www.vaccinarsicontrolinfluenza.ch www.ufsp.admin.ch B C Cos è l influenza stagionale e quali sono i sintomi

Dettagli

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana Che cos è il Diabete CAUSE E CONSEGUENZE. Lilly Cos è il Diabete Il DIABETE MELLITO è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr. Roberto Benelli TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr.ssa Maria Nincheri Kunz Terapie a bersaglio molecolare

Dettagli

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza.

Dettagli

Epidemiologia dell obesità

Epidemiologia dell obesità Epidemiologia dell obesità Obesità Paradossalmente,visto il grado di malnutrizione esistente sul pianeta, l obesità costituisce oggi uno dei problemi di salute pubblica più visibile e tuttavia ancora

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

occhio e visione Il glaucoma

occhio e visione Il glaucoma occhio e visione Il glaucoma Scopo di questo depliant è di fornire alcune semplici informazioni per capire cos'è il glaucoma, come viene curato e come può essere trattato con il laser od operato chirurgicamente.

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE A06 152 Maria Grazia Belvedere Paolo Ruggeri IL RUOLO DELL INFERMIERE NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE AFFETTO DA IPERTENSIONE ARTERIOSA POLMONARE ANALISI DI UN CASO CLINICO E REVISIONE DELLA LETTERATURA Copyright

Dettagli

IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E SALUTE

IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E SALUTE IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E SALUTE Prof. Umberto Tirelli Direttore Dipartimento di Oncologia Medica Istituto Nazionale Tumori di Aviano www.umbertotirelli.it 1 Secondo la definizione della Commissione

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

Proteggiamoci insieme!

Proteggiamoci insieme! Influenza stagionale. Proteggiamoci insieme! Informazioni importanti per Lei e per la sua famiglia. www.uniticontrolinfluenza.ch www.bag.admin.ch B C Cos è l influenza stagionale e quali sono i sintomi

Dettagli

Progetto GIANO Gestione dell'ipertensione in Ambulatorio giugno 1999 giugno 2004

Progetto GIANO Gestione dell'ipertensione in Ambulatorio giugno 1999 giugno 2004 Progetto GIANO Gestione dell'ipertensione in Ambulatorio giugno 1999 giugno 2004 Sperimentazione di un nuovo modello gestionale della medicina di famiglia che, attraverso il lavoro in equipe e la strategia

Dettagli

Appropriatezza Clinica, Strutturale, Tecnologica e Operativa

Appropriatezza Clinica, Strutturale, Tecnologica e Operativa Appropriatezza Clinica, Strutturale, Tecnologica e Operativa Sandro Gentile Roma, Ministero della Salute 27 settembre 2011 Appropriatezza clinica Appropriatezza diagnostica Obiettivi terapeutici Educazione

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

Con il patrocinio della FNOMCeO

Con il patrocinio della FNOMCeO SPERIMENTAZIONE PURA NAZIONALE Il rimedio omeopatico ultramolecolare: il medico che sperimenta su se stesso. Aspetti legali, metodologici ed etici della sperimentazione pura sull uomo sano. Con il patrocinio

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012

PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012 Arcispedale S. Maria Nuova Infrastruttura Statistica, Qualità e Studi Clinici Direttore p. t - dott. Salvatore De Franco PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE 2010/2012 Presentazione del Ministro della Salute Roma,

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Normativo Compiti della Gruppo di Lavoro Regionale per

Dettagli

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell Introduzione Il diabete mellito di tipo 2 rappresenta un problema medico estremamente rilevante per l ampia diffusione della patologia e per la morbilità a essa associata. Mentre si è affermata la necessità

Dettagli

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA LEZIONI DI STATISTICA MEDICA A.A. 2010/2011 - Screening - Test diagnostici Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica Università degli Studi di Verona Storia naturale della malattia (Rothman( Rothman,,

Dettagli