Corso di Elettronica Medicale: tecniche ottiche applicate alla medicina Università di Modena e Reggio Emilia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Elettronica Medicale: tecniche ottiche applicate alla medicina Università di Modena e Reggio Emilia"

Transcript

1 Corso di Elettronica Medicale: tecniche ottiche applicate alla medicina VUT Anno accademico Indice (1) Introduzione: cenni di ottica di base Tipi di cromofori e interazione radiazione-materia. Transizioni elettroniche Transizioni vibrazionali Caratteristiche dei laser Laser utilizzati in applicazioni cliniche Interazione laser - tessuto biologico Interazione fotochimica Interazione fototermica Interazione fotomeccanica

2 Indice (2) Laser per terapia Oftalmologia Dermatologia Otorinolaringoiatria neurochirurgia Urologia Podiatria Chirurgia generica Diagnostica Tecniche di misura Esempi La luce E un onda elettromagnetica di espressione: E ( M 0 z, t) = E cos( ω t + βz + φ ) dove: ω = 2πυ λ = 2π / β φ 0 pulsazione [rad/s] lunghezza d onda [m] fase iniziale [rad] Inoltre λ = c υ

3 La luce Propagazione spazio-temporale Bande spettrali La luce: grandezze di interesse Intensità (lungo e breve periodo, tempo di volo, assorbimento e trasmissione, risoluzione in tempo) Spettro (Shift frequenziali doppler, assorbimento e trasmissione) Polarizzazione

4 Fondamenti di Ottica Sorgenti di luce (LED, SLD, LASER, Lampade) Fotorivelatori (Fotodiodi, APD, Tubi fotomoltiplicatori) Componenti ottici (Filtri, lenti, specchi, fibre ottiche) Componenti meccanici (Banco ottico, supporti per ottiche) Interazione Luce - Materia Riflessione Rifrazione Assorbimento Diffusione Variazioni di Polarizzazione

5 Riflessione e Rifrazione Legge di Snell α = δ n1 sen( α ) = n2 sen( β ) Riflession e totale : sen( β) = 1 α = arcsen( n 2 / n 1 ) Assorbimento Legge di Lambert-Beer I o (λ) c, α(λ) I(λ) I( λ) = I 0 OD = ln t ( λ) e [ I ( λ) / I( λ) ] = c α( λ) t 0 cα( λ)t

6 Esempio misura in-vitro Assorbimento Misura spettrale Assorbimento Spettro di ingresso Spettro di uscita Spettro di trasmissione = Uscita / Ingresso [%] Spettro di assorbimento = 1 - Spettro di trasmissione

7 Diffusione o scattering scattering di superficie scattering di volume Diffusione di Rayleigh (r<<λ) I diffusa I incidente r 4 λ 6 1 LS e il colore azzurro del cielo Ligh from the sun Scattered ligh O Earth I diffusa I incidente r 4 λ 6 1

8 Polarizzazione Introduzione APPLICAZIONI MEDICHE DEI LASER Fotobiologia La fotobiologia studia l interazione della radiazione elettromagnetica non ionizzata con le biomolecole e le risposte biologiche che ne derivano Lo studio si basa sulle alterazioni fotochimiche nelle biomolecole che influenzano la funzione delle cellule vive L energia dei fotoni a specifiche lunghezze d onda porta all eccitazione elettronica di specifiche molecole e conseguentemente a possibili reazioni chimiche L importanza delle distribuzione spettale della radiazione è legata alla possibilità di causare reazioni specifiche selezionando solo le molecole di interesse

9 Cromofori Le molecole in grado di assorbire la luce vengono chiamate cromofori. Esistono 2 tipi principali di interazione luce-cromoforo: Transizioni elettroniche: l energia associata ai fotoni viene utilizzata per generare portatori liberi di carica (coppie-elettrone-lacuna). L assorbimento avviene principalmente nelle ragioni spettrali dell ultravioletto, del visibile e del vicino infrarosso (NIR). Es.: porfirine (clorofilla, emoglobina, vitamina B12). Transizioni di vibrazione: l energia associata ai fotoni viene trasformata in moti vibrazionali dei legami. L assorbimento avviene principalmente nelle ragioni spettrali dell infrarosso. In biologia il cromoforo dominante in grado di assorbire tramite transizione di vibrazione è l acqua. Energia Fotone= h ν ν = frequenza ottica (λν=c, c=310 8 m/s)) h=costante di Planck ( Js) Caratteristiche dei laser Terapie ottiche Il laser rappresenta uno strumento unico per la terapia medica e la tecnica chirurgica La luce Laser può essere facilmente focalizzata il che permette di indirizzare molta energia in punti molto piccoli utilizzando opportuni sistemi di lenti o microscopi e/o di canalizzarla tramite fibre ottiche La luce Laser può essere facilemnte modulata (impulsi brevi) permettendo di trasferire Gigawatts in pochi nanosecondi limitando limitazioni stress termici e meccanici nelle regioni di interesse La luce Laser ha uno spettro ben definito e stabile il che permette l accoppiamento efficiente con il picco di assorbimento dei cromofori

10 Interazione laser-tessuto Il tessuto biologico è una soluzione prettamente acquosa di molecole in grado di assorbire la luce Laser utilizzati Laser a CO2 (λ=10.6 µm): le lunghezze d onda all infrarosso vengono completamente assorbite dall acqua nei primi strati cellulari portando ad una vaporizzazione esplosiva della superficie del tessuto e ad un lieve danno del tessuto sottostante I laser ad eccimeri (emissione UV): elevato assorbimento dell acqua, hanno un effetto ancor più superficiale Laser Nd-YAG (1064 nm): questa radiazione viene assorbita poco dall acqua e il fascio viene trasmesso e diffuso in una regione centinaia di volte più grande rispetto al caso del laser a CO2.

11 Laser utilizzati Laser a Rubino (694 nm): la luce rossa è poco assorbita ad eccezione delle cellule contenenti particolari pigmenti La luce verde (514nm) e quella blu (488nm) del laser ad Argon: in modo simile alla radiazione emessa dal laser a Krypton ( e 568 nm), la luce viene viene trasmessa dall acqua e notevolmente assorbita dall emoglobina permettendo quindi la penetrazione dei tessuti densi e la coagulazione delle lesioni vascolari e pigmentose Solitamente i laser nelle finestre del visibile e dell infrarosso hanno effetti esclusivamente termici, mentre i fotoni ultravioletti degli eccimeri sono sufficientemente energetici da rompere alcuni legami chimici e causare la ionizzazione Spettro di assorbimento del tessuto La figura in basso mostra gli spettri di assorbimento principali dei tessuti biologici. Vengono mostrati anche i coefficienti di assorbimento in corrispondenza di alcune tipiche lunghezze d onda dei laser utilizzati.

12 Contributi all assorbimento Lo spettro di assorbimento è caratterizzato da numerosi contributi. Nell ultravioletto l assorbimento aumenta con il diminuire della lunghezza d onda. Oltre all acqua si ha assorbimento da parte delle proteine, del DNA e di altre molecole Nell infrarosso l assorbimento aumenta con l aumentare della lunghezza d onda a causa del contenuto di acqua nel tessuto. (Il tipico contenuto d acqua del tessuto biologico è del 75%) Nella regione del rosso-vicino infrarosso (NIR) l assorbimento è minimo. La regione viene chiamata finestra diagnostica e terapeutica Contributi all assorbimento Il sangue è un grande assorbente nel regime rosso-nir, ma considerato il fatto che la frazione di volume di sangue è una piccola percentuale nei tessuti, il coefficiente di assorbimento medio che influenza il trasporto di luce è moderato. Questo significa che le proprietà di assorbimento locali governano l interazione luce-tessuto mentre le proprietà di diffusione governano il trasporto della luce I melanosomi sono anch essi forti assorbenti. Anche in questo caso, però, vista la piccola percentuale di essi nell epidermide, il coefficiente di assorbimento medio risulta abbastanza basso

13 Tipologie di interazione Interazione fotochimica. I fotoni partecipano stechiometricamente come reagenti nelle reazioni chimiche; ogni fotone assorbito da un cromoforo fa passare la molecola nello stato eccitato. Lo stato eccitato può essere poi gestito in vari modi. Interazione fototermica. Coagulazione fototermica : i fotoni assorbiti da un cromoforo possono riscaldare una zona biologica a livello intracellulare, cellulare o tessuto-organo Interazione fotomeccanica. I laser pulsati possono conferire l energia molto rapidamente alla regione di interesse. Quando la zona viene riscaldata avviene un espansione termoelastica che causa un aumento di pressione (fotoacustica) Applicazioni fotochimiche Applicazioni fotochimiche possibili Terapia fotodinamica per il trattamento del cancro, azione antibatterica, rimozione di virus dal sangue. Adesivi fotoattivati per la congiunzione chirurgica dei tessuti lesi denominata incollaggio fotochimico. Fotofissaggio di reagenti chimici ai tessuti in cui la luce fissa il reagente chimico sul tessuto o all interno delle cellule.tali agenti possono poi indurre varie risposte biologiche del corpo (ad es. una risposta immunologica).

14 Interazione fototermica Interazione fototermica. La delimitazione termica consiste nella creazione di calore in una zona prestabilita prima che che la diffusione termica possa dissipare il calore stesso. Teoricamente il tessuto circostante non viene riscaldato. Alcuni esempi sono: Danno termico intracellulare: laser Q-switched (impulsi di ns). Danno termico cellulare: su una singola cellula che ha assorbito un particolare cromoforo (impulsi di µs). Danno tessuto/organo: coagulazione di superfici epiteliali cancerogene o di tumori trasferendo calore con un laser continuo o ad impulsi lunghi (dai µs ai ms). Interazione fototermica Il risultato finale della terapia fototermica dipende dalla struttura del tessuto danneggiato e dalla risposta del corpo a tale lesione. Ad esempio La fotocoagulazione della pelle causa cicatrici. Esteticamente questo può essere dannoso ma, d altra parte, una leggera cicatrice superficiale può rifinire la pelle e rimuovere certi tipi di rughe portando ad un miglioramento estetico d insieme Cicatrizzare la retina per ancorare una retina staccata

15 Applicazioni fototermiche Trattamento di lesioni portwine stain : utilizzo del laser giallo (Argon-dye laser, λ=577 nm, picco di assorbimento per l'ossiemoglobina) pulsato per riscaldare selettivamente delle lesioni vascolari cutanee come il nevus flammeus o 'portwine stain della pelle. I vasi sanguinei vengono portati ad alte temperature per meno di 1/10 di secondo senza riscaldare la pelle circostante. I vasi danneggiati vengono poi rimossi dal corpo come una semplice ferita da bruciatura. Applicazioni fototermiche Trattamento di tumori nei polmoni o nell esofago Trattamento di noduli percutanei del tumore al fegato via ago utilizzando fibre ottiche ed evitando quindi l intervento della chirurgia Trattamento per limitare il distacco della retina etc...

16 Interazione fotomeccanica Interazione fotomeccanica. La limitazione di stress si riferisce al processo di innalzamento della pressione in una regione prima che quest ultima possa dissiparsi alla velocità del suono.un incremento di temperatura di 55 C tramite un laser ad impulsi può portare ad una pressione momentanea di quasi 1000 atmosfere! Una simile pressione fa letteralmente esplodere la zona interessata La Spallation è un altro evento fotomeccanico. Quando c è un confine libero come un interfaccia aria/tessuto, il tessuto si comprime alla superficie ma successivamente si espande come se fosse un elastico. L espansione è una pressione o stress positivo mentre la compressione è uno stress negativo. Se lo stress negativo supera la forza del tessuto l elastico si rompe e viene espulso un sottile strato di tessuto. Inoltre si propaga un onda che causa lacerazioni multiple Fenomeni fotomeccanici I cambiamenti di fase: vaporizzazione e la formazione di plasma costituiscono un altro fenomeno fotomeccanico. La vaporizzazione avviene quando l energia conferita supera la densità di energia richiesta per raggiungere la temperatura di 100 C. L acqua del tessuto si trasforma da liquida a gassosa e la bolla di vapore in espansione deforma il tessuto, portando spesso all espulsione del tessuto denominata ablazione. Il plasma si forma quando la densità di potenza massima derivata da un esposizione laser supera all incirca i 10Mw/cm². La ionizzazione della materia porta all espansione del plasma e ad una successiva deformazione meccanica del tessuto.

17 Applicazioni fotomeccaniche Nelle applicazioni cliniche, i laser vengono utilizzati per tagliare e vaporizzare i tessuti durante le operazioni chirurgiche Altre applicazioni mediche nel campo della microchirurgia utilizzano il fenomeno della spallation per rimuovere solo tessuti a livello superficiale La generazione di plasma è comunemente utilizzata nella chirurgia oftalmica non invasiva Oftalmologia - chirurgia rifrattiva Il problema della focalizzazione Condizione dell occhio in cui le varie componenti non sono perfettamente proporzionate per permettere la messa a fuoco corretta degli oggetti sulla retina. Occhio normale: Il fuoco è posizionato perfettamente sulla retina, la quale trasforma l energia luminosa in energia elettrica che arriva al cervello tramite il nervo ottico. Occhio miope: A causa di un occhio troppo lungo o di una cornea dalla curvatura troppo accentuata il fuoco si posiziona davanti alla retina. Occhio ipermetrope: A causa di un occhio troppo corto o di una cornea dalla curvatura scarsa il fuoco si posiziona dietro alla retina. Occhio astigmatico: A causa di una cornea dalla forma non perfettamente sferica la luce viene deviata maggiormente verso una delle due mediane e quindi non viene focalizzata in un unico punto sulla retina.

18 Cheratotomia radiale ed astigmatica (RK - AK) RK: utilizzata negli Stati Uniti dal 1970.Vengono praticate delle incisioni radiali nella cornea ad un profondità all incirca del 90%. Indebolendo le strutture periferiche della cornea la regione centrale si appiattisce permettendo la diminuzione o l eliminazione della miopia. AK: effettuando incisioni tangenziali per appiattire la meridiana più deformata la superficie della cornea diviene maggiormente sferica. RK - AK: Vantaggi e svantaggi Vantaggi di queste tecniche: Costi limitati Buoni risultati su individui affetti da lieve miopia(fino a 3 diottrie) Svantaggi: Risultati piuttosto imprevedibili Correzione spesso insufficiente (necessità di ripetere l operazione) correzione talvolta troppo elevata in certi pazienti (che porta alla presbiopia) abbagliamenti notturni molto comuni per 6-18 mesi dopo l intervento fluttuazione nella visione fino a 6 mesi dopo. Possibilità di formazione di tessuto cicatrizzante anormale. Problemi nel portare lenti a contatto nel caso di insuccesso. Integrità strutturale della cornea indebolita. Seri oscuramenti della vista ad elevate altitudini.

19 Cheratoplastia lamellare automatizzata (ALK) Per curare la miopia un sofisticato strumento chiamato microcheratoma automatizzato viene utilizzato per rimuovere un sottile strato superficiale della cornea. Successivamente viene asportata una parte di tessuto della cornea in modo da appiattirla tramite il microcheratoma. Infine viene riposizionato lo strato superficiale senza bisogno di suturare. ALK: Vantaggi e svantaggi Vantaggi: Possibilità di trattare miopie gravi (fino alle 18 diottrie) e moderati casi di presbiopia Ritorno ad attività normali relativamente rapido. Svantaggi: Problemi tecnici con la rimozione meccanica del tessuto della cornea portano a dei risultati imprevedibili ed alla formazione di cicatrici. La tecnica è stata essenzialmente soppiantata dalle nuove procedure con laser ad eccimeri.

20 Cheratectomia fotorifrattiva con laser ad eccimeri (PRK) Il laser ad eccimeri è uno strumento che utilizza impulsi ad alta energia di luce ultravioletta che rompono i legami molecolari fra le cellule della cornea con grande precisione. Il fascio luminoso è freddo o non termico. Per questo è ideale per la rimodellazione della cornea visto che elimina la possibilità di danneggiare il tessuto circostante con il calore. Un sofisticato computer controlla l emissione ed i movimenti del laser. PRK: Procedura adottata Nella procedura PRK il laser rimuove un sottile strato di tessuto sulla superficie centrale della cornea appiattendola in modo da permettere alla luce di focalizzarsi più accuratamente sulla retina. La copertura superficiale della cornea (epithelium) deve ricrescere affinché l occhio ricominci a vedere correttamente.

21 PRK: Vantaggi e svantaggi Vantaggi: Buoni risultati per bassi valori di miopia (fino a 3 diottrie) Relativamente precisa - raramente c è bisogno di ripetere l operazione (più accurata del RK) Procedura molto breve - il paziente torna alla normalità dopo 2-3 giorni Svantaggi: Per valori di miopia superiori alle 4 diottrie il ritorno della vista può essere lento poiché il tessuto cicatrizzante resta per numerose settimane Poiché l epithelium viene rimosso dal laser l occhio può restare lacrimante e sensibile alla luce per 2-3 giorni E necessario utilizzare gocce di cortisone per circa 8 settimane per minimizzare la presenza di tessuto cicatrizzante nel periodo di guarigione Cheratomilesi in sito assistita con laser ad eccimeri (LASIK) La procedura LASIK rappresenta la tecnologia più recente nella chirurgia rifrattiva. Essa combina la precisione dei laser ad eccimeri con i benefici precedentemente elencati del ALK.

22 LASIK: Procedura adottata In questa procedura il Microcheratoma incide la cornea creando una sorta di cappello corneale come precedentemente descritto. Il laser rimodella la parte di cornea sottostante per correggere miopia presbiopia od astigmatismo. Successivamente il cappello corneale viene riposizionato senza bisogno di suturare la parte. Già dal giorno seguente il paziente può ritornare ad attività normali e generalmente riacquista la vista. Fs-LASIK Esempio di procedura LASIK sperimentale effettuata con laser a femtosecondi.

23 LASIK: Vantaggi e svantaggi Vantaggi: Sembra avere risultati più precisi del RK. Equivalente al PRK nel trattamento di lievi miopie (fino a 3 diottrie) ma nettamente migliore per livelli di miopia più elevati. Buoni risultati nelle miopie gravi - risultati incoraggianti per il trattamento di presbiopia ed astigmatismo. Nessun dolore a parte lievi irritazioni per 1-2 giorni. Ritorno ad attività normali fin dal giorno dopo. Nessun bisogno di lenti a contatto protettive per la guarigione (a differenza del PRK). Generalmente nessun annebbiamento della vista come nei primi 2 mesi dopo il PRK. Non c è bisogno di gocce di cortisone nel periodo di guarigione. Svantaggi: Più caro del RK a causa del costo della tecnologia laser computerizzata. Distorsione occasionale della vista in caso di problemi con il microcheratoma. Oftalmologia - il glaucoma All interno dell occhio esiste una pressione normale che assicura la salute dell occhio stesso. E possibile immaginare l occhio come un lavandino dotato di rubinetto per l acqua e di un canale di sfogo. I fluidi si possono accumulare sia perché il rubinetto è troppo aperto sia perché il canale di sfogo è intasato. Per l occhio umano il fattore predominante nell aumento della pressione intra-oculare è un graduale intasamento del canale di sfogo. Se la pressione rimane elevata per un lungo periodo le fibre nervose del nervo ottico si danneggiano irrimediabilmente. Per questo motivo per poter trattare la patologia è necessario che la diagnosi sia fatta per tempo.

24 Trabeculoplastia con laser ad argon (ALT) Il laser ad Argon (luce verde) è stato usato per molti anni nel trattamento del glaucoma cronico ad angolo aperto (graduale intasamento dei canali di drenaggio). In questa procedura una speciale lente a contatto viene posizionata di fronte all occhio ed il fascio laser viene focalizzato nell area dei canali di sfogo in modo da rendere liberi i passaggi ostruiti. In generale il paziente è in grado di tornare ad attività normali fin da subito. Pare che l effetto del trattamento svanisca dopo circa 7-10 anni e sia necessaria un ulteriore applicazione. Iridotomia laser Nel glaucoma ad angolo chiuso (anormalità strutturale presente fin dalla nascita) i canali di drenaggio sono troppo stretti ed è possibile che avvenga un improvviso intasamento in età adulta. Prima dell introduzione della tecnologia laser l unico trattamento possibile era una procedura chirurgica che implicava la creazione di una apertura artificiale interna all iride. Ora è possibile realizzare l apertura con l utilizzo del laser evitando quindi l operazione e limitando decisamente il dolore. In genere si utilizza un laser ad Argon o uno YAG laser nel caso in cui serva più potenza.

25 Ciclofotocoagulazione con laser a diodo In certi individui che presentano grossi problemi di glaucoma viene utilizzato il laser a diodo. Con questo strumento si effettuano numerose applicazioni sulla sclera nell area sottostante il corpo ciliare (struttura dell occhio che produce il fluido interno). In questo modo viene danneggiata una parte delle cellule che producono il fluido. Oftalmologia - problemi alla retina Il primo utilizzo medico della tecnologia laser è stato il trattamento di vasi sanguinei anormali nella retina causati dal diabete. La luce verde viene assorbita selettivamente dai vasi sanguinei. Da qui l utilizzo del laser ad argon che funziona da saldatore microscopico sigillando le perdite dei vasi. E un fatto accettato che la vista dei diabetici è stata prolungata principalmente grazie ai trattamenti con il laser. La chiave principale per preservare la vista consiste in una precoce diagnosi delle anormalità. Per questo è consigliabile che gli affetti da diabete effettuino un controllo annuale da un oftalmologo.

26 Dermatologia - chirurgia estetica Grazie alla capacità delle nuove tecnologie laser di rimuovere con precisione sottili strati cutanei si sono sviluppate numerose tecniche che permettono di migliorare l estetica come la rimozione delle rughe o l eliminazione di tessuti grassi in eccesso. Per questo tipo di interventi i laser utilizzati sono il laser a CO2 e il laser ad erbio. Esempi di applicazioni estetiche Laser a CO2: utilizzato nella rimozione di rughe, di grasso in eccesso e di danni cutanei causati dal sole o dall acne. prima dopo

27 Vantaggi del laser a CO2 Vantaggi del laser a CO2 rispetto al lifting facciale: meno traumatico - la pelle non deve essere incisa e successivamente suturata; per questo il periodo di ricovero è inferiore e meno doloroso. Il laser a CO2 può trattare le rughe nella parte mediana del viso (in particolare sulle guance e sul labbro superiore). A differenza del lifting è possibile rimuovere i danni cutanei causati dal sole o dall invecchiamento. Vantaggi del laser a CO2 rispetto a dermabrasioni o creme. Meno traumatico più efficiente nella rimozione delle rughe maggiore precisione nella asportazione degli strati cutanei Laser all erbio nella dermatologia Laser ad erbio: utilizzato al posto del laser a CO2 perché più adatto per il trattamento estetico di determinati individui nei seguenti casi: pazienti dalla pelle scura con problemi di iperpigmentazione se sottoposti a trattamento con laser a CO2. Pur essendo meno efficace nella rimozione delle rughe non è necessaria l anestesia locale. Minore rossore postoperatorio, quindi periodo di recupero inferiore. Più adatto per trattamenti nella regione del collo.

28 Trattamento di vene varicose Vene varicose: il trattamento avviene tramite l utilizzo di un laser al neodimio (versapulse laser) in grado di penetrare lo strato superficiale della pelle senza danneggiarlo ma la cui energia viene assorbita dai vasi sanguinei anormali che vengono di conseguenza distrutti. Nonostante la presenza di un leggero senso di irritazione il paziente è in grado di tornare ad attività normali fin dallo stesso giorno del trattamento. Altre anormalità dei vasi sanguinei Lesioni di tipo portwine stain: sebbene siano necessarie numerose applicazioni anche queste anormalità dei vasi sanguinei vengono trattate in modo indolore dal versapulse laser. prima dopo prima dopo

29 Depilazione laser La depilazione laser si basa sul principio della fototermolisi selettiva. I sistemi di depilazione utilizzano lunghezze d onda comprese fra i 680 e i 760 nm in modo da penetrare l epidermide e raggiungere le zone in cui si trovano i follicoli. L energia del laser viene assorbita dalla melanina che si trova nel follicolo e nella radice del pelo coagulando il follicolo stesso. Il fattore limitante nella depilazione laser è rappresentato dal colore della pelle. Individui con la pelle scura hanno un maggior contenuto di melanina, per cui rischiano di subire danni alla pelle. Esempi di depilazione laser Esempi di applicazioni nella regione del collo. prima dopo un anno prima dopo 2 anni

30 Tipi di laser utilizzati nella depilazione I tipi di laser utilizzati nella depilazione sono: Laser a diodo Laser ad alessandrite ad impulsi lunghi Q-switched YAG laser al neodimio* YAG laser al neodimio ad impulsi lunghi* * adatti per i trattamenti di tutti i tipi di pelle Rimozione tatuaggi La luce viene selettivamente assorbita dal pigmento del tatuaggio e riduce l inchiostro in piccoli frammenti che vengono eliminati dal sistema immunitario del corpo. Tipicamente sono necessari 4 o 5 trattamenti a distanza di parecchi mesi prima della completa rimozione del tatuaggio.

31 Applicazioni in otorinolaringoiatria Trattamento di patologie relative alle vie aeree tramite laser a CO2. L utilizzo del laser permette la rimozione di tessuti senza compromettere la respirazione del paziente. Il laser a CO2 è usato nel trattamento di condizioni sia maligne che benigne della laringe, della faringe e della cavità orale. In modo simile gli Nd:YAG laser e i laser a kripton che possono essere trasmessi attraverso fibre ottiche vengono usati per rimuovere escrescenze nell albero tracheobronchiale e nell esofago. La precisione garantita dal laser permette la rimozione di tessuto osseo e il riposizionamento di protesi artificiali per migliorare l udito del paziente. Applicazioni in neurochirurgia La grande precisione di taglio dei laser per la microchirurgia li rende uno strumento importante per la realizzazione di incisioni nel cervello e nella spina dorsale. I laser a CO2, KTP(Potassium-Titanyl-Phosphate):YAG e Nd:YAG vengono usati frequentemente nella vaporizzazione e coagulazione dei tumori, specialmente se situati in profondità o addirittura sotto il cervello. Infine i laser trasmissibili tramite fibre ottiche sono sempre più utilizzati per la vaporizzazione dei dischi spinali nel trattamento di pazienti affetti da ernia al disco con l ausilio di un minimo intervento chirurgico e di una sonda endoscopica.

32 Esempi di utilizzo in neurochirurgia Esempi di incisioni effettuate su tessuto nervoso con laser ad impulsi a 140-fs. Urologia Vari tipi di laser vengono utilizzati con successo nel trattamento del sistema urinario e genitale. Le patologie più comuni sono: Calcoli urinari. Tumori uroteliali. Ostruzioni dovute alla restrizione della giunzione ureteropelvica. Allargamento benigno della prostata. Condiloma benigno del pene e dell uretra. Tumore superficiale del pene. La maggior parte di questi trattamenti necessita di anestesia totale e porta ad eccellenti risultati senza perdite di sangue.

33 Podiatria Come negli altri settori della medicina anche nella podiatria le potenzialità del laser permettono la realizzazione di interventi chirurgici con una maggiore precisione ed efficacia. Alcune delle applicazioni più comuni sono: Trattamento di granulomi. Neurofibromatosi. Emangiomi. Varie tipologie di cisti. Incisioni di neuromi. Fibroma periunguale. Chirurgia generica Molte procedure chirurgiche possono teoricamente essere effettuata con l utilizzo del laser. I chirurghi generici usano laser a varie lunghezze d onda e sistemi di trasmissione per tagliare, coagulare, vaporizzare o rimuovere tessuti. Attualmente i dispositivi laser possono sostituire bisturi, unità elettrochirurgiche, sonde o dispositivi a microonde per effettuare procedure standard come la mastectomia (operazione al seno) o la colecistectomia (rimozione chirurgica della cistifellea).

34 Chirurgia laser: incollaggio fototermico L incollaggio laser (anastamosi) è la tecnica che utilizza l energia laser per la congiunzione chirurgica di due parti di tessuto biologico. Esistono due tipi di procedura: Incollaggio fototermico: L energia laser viene convertita in calore causando una trasformazione delle proteine che creano un sottile strato di collante in grado di tenere unite le due superfici di tessuto. Una strategia comune è quella di usare un composto di albumina e di un cromoforo in grado di assorbire selettivamente l energia del laser incidente. Il composto si scalda ed unisce le due parti di tessuto senza provocare un danno termico ai tessuti vicini. Chirurgia laser: incollaggio fotochimico Incollaggio fotochimico: Alcuni reagenti fotoattivati sono in grado di congiungere i tessuti. I reagenti vengono posizionati fra le due superfici e la luce li attiva formando dei collegamenti incrociati che realizzano la congiunzione. In questo modo i tessuti vengono incollati senza calore. Un esempio pratico di utilizzo è quello dell agente 1,8-naftalimide.

35 Esempio di incollaggio laser Esempio pratico: una vena recisa ricongiunta tramite incollaggio laser. Vantaggi del laser in chirurgia Vantaggi derivanti dall utilizzo del laser: Perdite di sangue ridotte. Minore disagio post-operatorio. Limitazione della diffusione di alcuni tipi di tumori. Possibilità di infezioni derivanti dalle ferite notevolmente ridotta. Intervento della chirurgia molto limitato con conseguente miglioramento del rimarginarsi delle ferite.

36 Terapia fotodinamica (PDT) Nella terapia fotodinamica (PDT per il trattamento di tumori) vengono somministrate al paziente sostanze fotosensibili attivate in un secondo momento tramite la luce. A differenza della chemioterapia classica, la terapia fotodinamica agisce solo nelle zone illuminate La PDT viene utilizzata per il trattamento di tumori, per alleviare l artrite e per la distruzione di virus. Vantaggi della PDT: permette un trattamento aggressivo e localizzato senza gli effetti collaterali sistematici della chemioterapia Svantaggi della PDT: necessità di conoscere con precisione la localizzazione del tumore Esempio di accumulo di agente fotosensibile fluorescente in cellule tumorali. (la fotofirina si è accumulata nelle membrane e nei mitocondri delle cellule). Diagnostica La luce è in grado di rivelare molte caratteristiche del tessuto senza danneggiarlo minimamente. La luce può essere trasportata via fibre ottiche che le permettono di raggiungere punti remoti all interno del corpo tramite aghi o cateteri endoscopici. Questa caratteristica costituisce il punto di forza delle tecniche ottiche. La luce non penetra in profondità nei tessuti. La luce visibile ha una penetrazione di qualche mm mentre la luce nel vicino infrarosso di qualche cm. Da un lato è una debolezza poiché è possibile analizzare solo un modesto volume di tessuto; d altro canto la maggior parte del corpo umano è costituita da sottili strati di tessuto, perciò le tecniche ottiche sono molto utili nell analisi localizzata. Molte decisioni mediche vengono prese in base allo stato dei sottili strati di tessuto.

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

proiezione geometrica modalità di propagazione dei raggi di luce incidenti il sistema ottico

proiezione geometrica modalità di propagazione dei raggi di luce incidenti il sistema ottico Capitolo 4 Sistema ottico 4.1 Introduzione Nel processo di formazione dell immagine, il sistema ottico genera in un piano (il piano immagine) l immagine bidimensionale degli oggetti 3D del mondo la cui

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA

LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA LA CHIRURGIA CORNEALE LAMELLARE AUTOMATIZZATA COMPAGNIA ITALIANA OFTALMOLOGICA Piazzale Lunardi, 13/A 43100 Parma Tel. +39 0521 483123 Fax +39 0521 483472 info@cioitalia.com ALTK Automated Lamellar Therapeutic

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Definizione di Dispositivo Medico

Definizione di Dispositivo Medico Definizione di Dispositivo Medico Vs Cosmetico Vs prodotto farmaceutico Vs Biocida Vs DPI Definizione di dispositivo medico Qualsiasi strumento,apparecchio, impianto, sostanza od altro prodotto, utilizzato

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli