Corso di Elettronica Medicale: tecniche ottiche applicate alla medicina Università di Modena e Reggio Emilia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Elettronica Medicale: tecniche ottiche applicate alla medicina Università di Modena e Reggio Emilia"

Transcript

1 Corso di Elettronica Medicale: tecniche ottiche applicate alla medicina VUT Anno accademico Indice (1) Introduzione: cenni di ottica di base Tipi di cromofori e interazione radiazione-materia. Transizioni elettroniche Transizioni vibrazionali Caratteristiche dei laser Laser utilizzati in applicazioni cliniche Interazione laser - tessuto biologico Interazione fotochimica Interazione fototermica Interazione fotomeccanica

2 Indice (2) Laser per terapia Oftalmologia Dermatologia Otorinolaringoiatria neurochirurgia Urologia Podiatria Chirurgia generica Diagnostica Tecniche di misura Esempi La luce E un onda elettromagnetica di espressione: E ( M 0 z, t) = E cos( ω t + βz + φ ) dove: ω = 2πυ λ = 2π / β φ 0 pulsazione [rad/s] lunghezza d onda [m] fase iniziale [rad] Inoltre λ = c υ

3 La luce Propagazione spazio-temporale Bande spettrali La luce: grandezze di interesse Intensità (lungo e breve periodo, tempo di volo, assorbimento e trasmissione, risoluzione in tempo) Spettro (Shift frequenziali doppler, assorbimento e trasmissione) Polarizzazione

4 Fondamenti di Ottica Sorgenti di luce (LED, SLD, LASER, Lampade) Fotorivelatori (Fotodiodi, APD, Tubi fotomoltiplicatori) Componenti ottici (Filtri, lenti, specchi, fibre ottiche) Componenti meccanici (Banco ottico, supporti per ottiche) Interazione Luce - Materia Riflessione Rifrazione Assorbimento Diffusione Variazioni di Polarizzazione

5 Riflessione e Rifrazione Legge di Snell α = δ n1 sen( α ) = n2 sen( β ) Riflession e totale : sen( β) = 1 α = arcsen( n 2 / n 1 ) Assorbimento Legge di Lambert-Beer I o (λ) c, α(λ) I(λ) I( λ) = I 0 OD = ln t ( λ) e [ I ( λ) / I( λ) ] = c α( λ) t 0 cα( λ)t

6 Esempio misura in-vitro Assorbimento Misura spettrale Assorbimento Spettro di ingresso Spettro di uscita Spettro di trasmissione = Uscita / Ingresso [%] Spettro di assorbimento = 1 - Spettro di trasmissione

7 Diffusione o scattering scattering di superficie scattering di volume Diffusione di Rayleigh (r<<λ) I diffusa I incidente r 4 λ 6 1 LS e il colore azzurro del cielo Ligh from the sun Scattered ligh O Earth I diffusa I incidente r 4 λ 6 1

8 Polarizzazione Introduzione APPLICAZIONI MEDICHE DEI LASER Fotobiologia La fotobiologia studia l interazione della radiazione elettromagnetica non ionizzata con le biomolecole e le risposte biologiche che ne derivano Lo studio si basa sulle alterazioni fotochimiche nelle biomolecole che influenzano la funzione delle cellule vive L energia dei fotoni a specifiche lunghezze d onda porta all eccitazione elettronica di specifiche molecole e conseguentemente a possibili reazioni chimiche L importanza delle distribuzione spettale della radiazione è legata alla possibilità di causare reazioni specifiche selezionando solo le molecole di interesse

9 Cromofori Le molecole in grado di assorbire la luce vengono chiamate cromofori. Esistono 2 tipi principali di interazione luce-cromoforo: Transizioni elettroniche: l energia associata ai fotoni viene utilizzata per generare portatori liberi di carica (coppie-elettrone-lacuna). L assorbimento avviene principalmente nelle ragioni spettrali dell ultravioletto, del visibile e del vicino infrarosso (NIR). Es.: porfirine (clorofilla, emoglobina, vitamina B12). Transizioni di vibrazione: l energia associata ai fotoni viene trasformata in moti vibrazionali dei legami. L assorbimento avviene principalmente nelle ragioni spettrali dell infrarosso. In biologia il cromoforo dominante in grado di assorbire tramite transizione di vibrazione è l acqua. Energia Fotone= h ν ν = frequenza ottica (λν=c, c=310 8 m/s)) h=costante di Planck ( Js) Caratteristiche dei laser Terapie ottiche Il laser rappresenta uno strumento unico per la terapia medica e la tecnica chirurgica La luce Laser può essere facilmente focalizzata il che permette di indirizzare molta energia in punti molto piccoli utilizzando opportuni sistemi di lenti o microscopi e/o di canalizzarla tramite fibre ottiche La luce Laser può essere facilemnte modulata (impulsi brevi) permettendo di trasferire Gigawatts in pochi nanosecondi limitando limitazioni stress termici e meccanici nelle regioni di interesse La luce Laser ha uno spettro ben definito e stabile il che permette l accoppiamento efficiente con il picco di assorbimento dei cromofori

10 Interazione laser-tessuto Il tessuto biologico è una soluzione prettamente acquosa di molecole in grado di assorbire la luce Laser utilizzati Laser a CO2 (λ=10.6 µm): le lunghezze d onda all infrarosso vengono completamente assorbite dall acqua nei primi strati cellulari portando ad una vaporizzazione esplosiva della superficie del tessuto e ad un lieve danno del tessuto sottostante I laser ad eccimeri (emissione UV): elevato assorbimento dell acqua, hanno un effetto ancor più superficiale Laser Nd-YAG (1064 nm): questa radiazione viene assorbita poco dall acqua e il fascio viene trasmesso e diffuso in una regione centinaia di volte più grande rispetto al caso del laser a CO2.

11 Laser utilizzati Laser a Rubino (694 nm): la luce rossa è poco assorbita ad eccezione delle cellule contenenti particolari pigmenti La luce verde (514nm) e quella blu (488nm) del laser ad Argon: in modo simile alla radiazione emessa dal laser a Krypton ( e 568 nm), la luce viene viene trasmessa dall acqua e notevolmente assorbita dall emoglobina permettendo quindi la penetrazione dei tessuti densi e la coagulazione delle lesioni vascolari e pigmentose Solitamente i laser nelle finestre del visibile e dell infrarosso hanno effetti esclusivamente termici, mentre i fotoni ultravioletti degli eccimeri sono sufficientemente energetici da rompere alcuni legami chimici e causare la ionizzazione Spettro di assorbimento del tessuto La figura in basso mostra gli spettri di assorbimento principali dei tessuti biologici. Vengono mostrati anche i coefficienti di assorbimento in corrispondenza di alcune tipiche lunghezze d onda dei laser utilizzati.

12 Contributi all assorbimento Lo spettro di assorbimento è caratterizzato da numerosi contributi. Nell ultravioletto l assorbimento aumenta con il diminuire della lunghezza d onda. Oltre all acqua si ha assorbimento da parte delle proteine, del DNA e di altre molecole Nell infrarosso l assorbimento aumenta con l aumentare della lunghezza d onda a causa del contenuto di acqua nel tessuto. (Il tipico contenuto d acqua del tessuto biologico è del 75%) Nella regione del rosso-vicino infrarosso (NIR) l assorbimento è minimo. La regione viene chiamata finestra diagnostica e terapeutica Contributi all assorbimento Il sangue è un grande assorbente nel regime rosso-nir, ma considerato il fatto che la frazione di volume di sangue è una piccola percentuale nei tessuti, il coefficiente di assorbimento medio che influenza il trasporto di luce è moderato. Questo significa che le proprietà di assorbimento locali governano l interazione luce-tessuto mentre le proprietà di diffusione governano il trasporto della luce I melanosomi sono anch essi forti assorbenti. Anche in questo caso, però, vista la piccola percentuale di essi nell epidermide, il coefficiente di assorbimento medio risulta abbastanza basso

13 Tipologie di interazione Interazione fotochimica. I fotoni partecipano stechiometricamente come reagenti nelle reazioni chimiche; ogni fotone assorbito da un cromoforo fa passare la molecola nello stato eccitato. Lo stato eccitato può essere poi gestito in vari modi. Interazione fototermica. Coagulazione fototermica : i fotoni assorbiti da un cromoforo possono riscaldare una zona biologica a livello intracellulare, cellulare o tessuto-organo Interazione fotomeccanica. I laser pulsati possono conferire l energia molto rapidamente alla regione di interesse. Quando la zona viene riscaldata avviene un espansione termoelastica che causa un aumento di pressione (fotoacustica) Applicazioni fotochimiche Applicazioni fotochimiche possibili Terapia fotodinamica per il trattamento del cancro, azione antibatterica, rimozione di virus dal sangue. Adesivi fotoattivati per la congiunzione chirurgica dei tessuti lesi denominata incollaggio fotochimico. Fotofissaggio di reagenti chimici ai tessuti in cui la luce fissa il reagente chimico sul tessuto o all interno delle cellule.tali agenti possono poi indurre varie risposte biologiche del corpo (ad es. una risposta immunologica).

14 Interazione fototermica Interazione fototermica. La delimitazione termica consiste nella creazione di calore in una zona prestabilita prima che che la diffusione termica possa dissipare il calore stesso. Teoricamente il tessuto circostante non viene riscaldato. Alcuni esempi sono: Danno termico intracellulare: laser Q-switched (impulsi di ns). Danno termico cellulare: su una singola cellula che ha assorbito un particolare cromoforo (impulsi di µs). Danno tessuto/organo: coagulazione di superfici epiteliali cancerogene o di tumori trasferendo calore con un laser continuo o ad impulsi lunghi (dai µs ai ms). Interazione fototermica Il risultato finale della terapia fototermica dipende dalla struttura del tessuto danneggiato e dalla risposta del corpo a tale lesione. Ad esempio La fotocoagulazione della pelle causa cicatrici. Esteticamente questo può essere dannoso ma, d altra parte, una leggera cicatrice superficiale può rifinire la pelle e rimuovere certi tipi di rughe portando ad un miglioramento estetico d insieme Cicatrizzare la retina per ancorare una retina staccata

15 Applicazioni fototermiche Trattamento di lesioni portwine stain : utilizzo del laser giallo (Argon-dye laser, λ=577 nm, picco di assorbimento per l'ossiemoglobina) pulsato per riscaldare selettivamente delle lesioni vascolari cutanee come il nevus flammeus o 'portwine stain della pelle. I vasi sanguinei vengono portati ad alte temperature per meno di 1/10 di secondo senza riscaldare la pelle circostante. I vasi danneggiati vengono poi rimossi dal corpo come una semplice ferita da bruciatura. Applicazioni fototermiche Trattamento di tumori nei polmoni o nell esofago Trattamento di noduli percutanei del tumore al fegato via ago utilizzando fibre ottiche ed evitando quindi l intervento della chirurgia Trattamento per limitare il distacco della retina etc...

16 Interazione fotomeccanica Interazione fotomeccanica. La limitazione di stress si riferisce al processo di innalzamento della pressione in una regione prima che quest ultima possa dissiparsi alla velocità del suono.un incremento di temperatura di 55 C tramite un laser ad impulsi può portare ad una pressione momentanea di quasi 1000 atmosfere! Una simile pressione fa letteralmente esplodere la zona interessata La Spallation è un altro evento fotomeccanico. Quando c è un confine libero come un interfaccia aria/tessuto, il tessuto si comprime alla superficie ma successivamente si espande come se fosse un elastico. L espansione è una pressione o stress positivo mentre la compressione è uno stress negativo. Se lo stress negativo supera la forza del tessuto l elastico si rompe e viene espulso un sottile strato di tessuto. Inoltre si propaga un onda che causa lacerazioni multiple Fenomeni fotomeccanici I cambiamenti di fase: vaporizzazione e la formazione di plasma costituiscono un altro fenomeno fotomeccanico. La vaporizzazione avviene quando l energia conferita supera la densità di energia richiesta per raggiungere la temperatura di 100 C. L acqua del tessuto si trasforma da liquida a gassosa e la bolla di vapore in espansione deforma il tessuto, portando spesso all espulsione del tessuto denominata ablazione. Il plasma si forma quando la densità di potenza massima derivata da un esposizione laser supera all incirca i 10Mw/cm². La ionizzazione della materia porta all espansione del plasma e ad una successiva deformazione meccanica del tessuto.

17 Applicazioni fotomeccaniche Nelle applicazioni cliniche, i laser vengono utilizzati per tagliare e vaporizzare i tessuti durante le operazioni chirurgiche Altre applicazioni mediche nel campo della microchirurgia utilizzano il fenomeno della spallation per rimuovere solo tessuti a livello superficiale La generazione di plasma è comunemente utilizzata nella chirurgia oftalmica non invasiva Oftalmologia - chirurgia rifrattiva Il problema della focalizzazione Condizione dell occhio in cui le varie componenti non sono perfettamente proporzionate per permettere la messa a fuoco corretta degli oggetti sulla retina. Occhio normale: Il fuoco è posizionato perfettamente sulla retina, la quale trasforma l energia luminosa in energia elettrica che arriva al cervello tramite il nervo ottico. Occhio miope: A causa di un occhio troppo lungo o di una cornea dalla curvatura troppo accentuata il fuoco si posiziona davanti alla retina. Occhio ipermetrope: A causa di un occhio troppo corto o di una cornea dalla curvatura scarsa il fuoco si posiziona dietro alla retina. Occhio astigmatico: A causa di una cornea dalla forma non perfettamente sferica la luce viene deviata maggiormente verso una delle due mediane e quindi non viene focalizzata in un unico punto sulla retina.

18 Cheratotomia radiale ed astigmatica (RK - AK) RK: utilizzata negli Stati Uniti dal 1970.Vengono praticate delle incisioni radiali nella cornea ad un profondità all incirca del 90%. Indebolendo le strutture periferiche della cornea la regione centrale si appiattisce permettendo la diminuzione o l eliminazione della miopia. AK: effettuando incisioni tangenziali per appiattire la meridiana più deformata la superficie della cornea diviene maggiormente sferica. RK - AK: Vantaggi e svantaggi Vantaggi di queste tecniche: Costi limitati Buoni risultati su individui affetti da lieve miopia(fino a 3 diottrie) Svantaggi: Risultati piuttosto imprevedibili Correzione spesso insufficiente (necessità di ripetere l operazione) correzione talvolta troppo elevata in certi pazienti (che porta alla presbiopia) abbagliamenti notturni molto comuni per 6-18 mesi dopo l intervento fluttuazione nella visione fino a 6 mesi dopo. Possibilità di formazione di tessuto cicatrizzante anormale. Problemi nel portare lenti a contatto nel caso di insuccesso. Integrità strutturale della cornea indebolita. Seri oscuramenti della vista ad elevate altitudini.

19 Cheratoplastia lamellare automatizzata (ALK) Per curare la miopia un sofisticato strumento chiamato microcheratoma automatizzato viene utilizzato per rimuovere un sottile strato superficiale della cornea. Successivamente viene asportata una parte di tessuto della cornea in modo da appiattirla tramite il microcheratoma. Infine viene riposizionato lo strato superficiale senza bisogno di suturare. ALK: Vantaggi e svantaggi Vantaggi: Possibilità di trattare miopie gravi (fino alle 18 diottrie) e moderati casi di presbiopia Ritorno ad attività normali relativamente rapido. Svantaggi: Problemi tecnici con la rimozione meccanica del tessuto della cornea portano a dei risultati imprevedibili ed alla formazione di cicatrici. La tecnica è stata essenzialmente soppiantata dalle nuove procedure con laser ad eccimeri.

20 Cheratectomia fotorifrattiva con laser ad eccimeri (PRK) Il laser ad eccimeri è uno strumento che utilizza impulsi ad alta energia di luce ultravioletta che rompono i legami molecolari fra le cellule della cornea con grande precisione. Il fascio luminoso è freddo o non termico. Per questo è ideale per la rimodellazione della cornea visto che elimina la possibilità di danneggiare il tessuto circostante con il calore. Un sofisticato computer controlla l emissione ed i movimenti del laser. PRK: Procedura adottata Nella procedura PRK il laser rimuove un sottile strato di tessuto sulla superficie centrale della cornea appiattendola in modo da permettere alla luce di focalizzarsi più accuratamente sulla retina. La copertura superficiale della cornea (epithelium) deve ricrescere affinché l occhio ricominci a vedere correttamente.

21 PRK: Vantaggi e svantaggi Vantaggi: Buoni risultati per bassi valori di miopia (fino a 3 diottrie) Relativamente precisa - raramente c è bisogno di ripetere l operazione (più accurata del RK) Procedura molto breve - il paziente torna alla normalità dopo 2-3 giorni Svantaggi: Per valori di miopia superiori alle 4 diottrie il ritorno della vista può essere lento poiché il tessuto cicatrizzante resta per numerose settimane Poiché l epithelium viene rimosso dal laser l occhio può restare lacrimante e sensibile alla luce per 2-3 giorni E necessario utilizzare gocce di cortisone per circa 8 settimane per minimizzare la presenza di tessuto cicatrizzante nel periodo di guarigione Cheratomilesi in sito assistita con laser ad eccimeri (LASIK) La procedura LASIK rappresenta la tecnologia più recente nella chirurgia rifrattiva. Essa combina la precisione dei laser ad eccimeri con i benefici precedentemente elencati del ALK.

22 LASIK: Procedura adottata In questa procedura il Microcheratoma incide la cornea creando una sorta di cappello corneale come precedentemente descritto. Il laser rimodella la parte di cornea sottostante per correggere miopia presbiopia od astigmatismo. Successivamente il cappello corneale viene riposizionato senza bisogno di suturare la parte. Già dal giorno seguente il paziente può ritornare ad attività normali e generalmente riacquista la vista. Fs-LASIK Esempio di procedura LASIK sperimentale effettuata con laser a femtosecondi.

23 LASIK: Vantaggi e svantaggi Vantaggi: Sembra avere risultati più precisi del RK. Equivalente al PRK nel trattamento di lievi miopie (fino a 3 diottrie) ma nettamente migliore per livelli di miopia più elevati. Buoni risultati nelle miopie gravi - risultati incoraggianti per il trattamento di presbiopia ed astigmatismo. Nessun dolore a parte lievi irritazioni per 1-2 giorni. Ritorno ad attività normali fin dal giorno dopo. Nessun bisogno di lenti a contatto protettive per la guarigione (a differenza del PRK). Generalmente nessun annebbiamento della vista come nei primi 2 mesi dopo il PRK. Non c è bisogno di gocce di cortisone nel periodo di guarigione. Svantaggi: Più caro del RK a causa del costo della tecnologia laser computerizzata. Distorsione occasionale della vista in caso di problemi con il microcheratoma. Oftalmologia - il glaucoma All interno dell occhio esiste una pressione normale che assicura la salute dell occhio stesso. E possibile immaginare l occhio come un lavandino dotato di rubinetto per l acqua e di un canale di sfogo. I fluidi si possono accumulare sia perché il rubinetto è troppo aperto sia perché il canale di sfogo è intasato. Per l occhio umano il fattore predominante nell aumento della pressione intra-oculare è un graduale intasamento del canale di sfogo. Se la pressione rimane elevata per un lungo periodo le fibre nervose del nervo ottico si danneggiano irrimediabilmente. Per questo motivo per poter trattare la patologia è necessario che la diagnosi sia fatta per tempo.

24 Trabeculoplastia con laser ad argon (ALT) Il laser ad Argon (luce verde) è stato usato per molti anni nel trattamento del glaucoma cronico ad angolo aperto (graduale intasamento dei canali di drenaggio). In questa procedura una speciale lente a contatto viene posizionata di fronte all occhio ed il fascio laser viene focalizzato nell area dei canali di sfogo in modo da rendere liberi i passaggi ostruiti. In generale il paziente è in grado di tornare ad attività normali fin da subito. Pare che l effetto del trattamento svanisca dopo circa 7-10 anni e sia necessaria un ulteriore applicazione. Iridotomia laser Nel glaucoma ad angolo chiuso (anormalità strutturale presente fin dalla nascita) i canali di drenaggio sono troppo stretti ed è possibile che avvenga un improvviso intasamento in età adulta. Prima dell introduzione della tecnologia laser l unico trattamento possibile era una procedura chirurgica che implicava la creazione di una apertura artificiale interna all iride. Ora è possibile realizzare l apertura con l utilizzo del laser evitando quindi l operazione e limitando decisamente il dolore. In genere si utilizza un laser ad Argon o uno YAG laser nel caso in cui serva più potenza.

25 Ciclofotocoagulazione con laser a diodo In certi individui che presentano grossi problemi di glaucoma viene utilizzato il laser a diodo. Con questo strumento si effettuano numerose applicazioni sulla sclera nell area sottostante il corpo ciliare (struttura dell occhio che produce il fluido interno). In questo modo viene danneggiata una parte delle cellule che producono il fluido. Oftalmologia - problemi alla retina Il primo utilizzo medico della tecnologia laser è stato il trattamento di vasi sanguinei anormali nella retina causati dal diabete. La luce verde viene assorbita selettivamente dai vasi sanguinei. Da qui l utilizzo del laser ad argon che funziona da saldatore microscopico sigillando le perdite dei vasi. E un fatto accettato che la vista dei diabetici è stata prolungata principalmente grazie ai trattamenti con il laser. La chiave principale per preservare la vista consiste in una precoce diagnosi delle anormalità. Per questo è consigliabile che gli affetti da diabete effettuino un controllo annuale da un oftalmologo.

26 Dermatologia - chirurgia estetica Grazie alla capacità delle nuove tecnologie laser di rimuovere con precisione sottili strati cutanei si sono sviluppate numerose tecniche che permettono di migliorare l estetica come la rimozione delle rughe o l eliminazione di tessuti grassi in eccesso. Per questo tipo di interventi i laser utilizzati sono il laser a CO2 e il laser ad erbio. Esempi di applicazioni estetiche Laser a CO2: utilizzato nella rimozione di rughe, di grasso in eccesso e di danni cutanei causati dal sole o dall acne. prima dopo

27 Vantaggi del laser a CO2 Vantaggi del laser a CO2 rispetto al lifting facciale: meno traumatico - la pelle non deve essere incisa e successivamente suturata; per questo il periodo di ricovero è inferiore e meno doloroso. Il laser a CO2 può trattare le rughe nella parte mediana del viso (in particolare sulle guance e sul labbro superiore). A differenza del lifting è possibile rimuovere i danni cutanei causati dal sole o dall invecchiamento. Vantaggi del laser a CO2 rispetto a dermabrasioni o creme. Meno traumatico più efficiente nella rimozione delle rughe maggiore precisione nella asportazione degli strati cutanei Laser all erbio nella dermatologia Laser ad erbio: utilizzato al posto del laser a CO2 perché più adatto per il trattamento estetico di determinati individui nei seguenti casi: pazienti dalla pelle scura con problemi di iperpigmentazione se sottoposti a trattamento con laser a CO2. Pur essendo meno efficace nella rimozione delle rughe non è necessaria l anestesia locale. Minore rossore postoperatorio, quindi periodo di recupero inferiore. Più adatto per trattamenti nella regione del collo.

28 Trattamento di vene varicose Vene varicose: il trattamento avviene tramite l utilizzo di un laser al neodimio (versapulse laser) in grado di penetrare lo strato superficiale della pelle senza danneggiarlo ma la cui energia viene assorbita dai vasi sanguinei anormali che vengono di conseguenza distrutti. Nonostante la presenza di un leggero senso di irritazione il paziente è in grado di tornare ad attività normali fin dallo stesso giorno del trattamento. Altre anormalità dei vasi sanguinei Lesioni di tipo portwine stain: sebbene siano necessarie numerose applicazioni anche queste anormalità dei vasi sanguinei vengono trattate in modo indolore dal versapulse laser. prima dopo prima dopo

29 Depilazione laser La depilazione laser si basa sul principio della fototermolisi selettiva. I sistemi di depilazione utilizzano lunghezze d onda comprese fra i 680 e i 760 nm in modo da penetrare l epidermide e raggiungere le zone in cui si trovano i follicoli. L energia del laser viene assorbita dalla melanina che si trova nel follicolo e nella radice del pelo coagulando il follicolo stesso. Il fattore limitante nella depilazione laser è rappresentato dal colore della pelle. Individui con la pelle scura hanno un maggior contenuto di melanina, per cui rischiano di subire danni alla pelle. Esempi di depilazione laser Esempi di applicazioni nella regione del collo. prima dopo un anno prima dopo 2 anni

30 Tipi di laser utilizzati nella depilazione I tipi di laser utilizzati nella depilazione sono: Laser a diodo Laser ad alessandrite ad impulsi lunghi Q-switched YAG laser al neodimio* YAG laser al neodimio ad impulsi lunghi* * adatti per i trattamenti di tutti i tipi di pelle Rimozione tatuaggi La luce viene selettivamente assorbita dal pigmento del tatuaggio e riduce l inchiostro in piccoli frammenti che vengono eliminati dal sistema immunitario del corpo. Tipicamente sono necessari 4 o 5 trattamenti a distanza di parecchi mesi prima della completa rimozione del tatuaggio.

31 Applicazioni in otorinolaringoiatria Trattamento di patologie relative alle vie aeree tramite laser a CO2. L utilizzo del laser permette la rimozione di tessuti senza compromettere la respirazione del paziente. Il laser a CO2 è usato nel trattamento di condizioni sia maligne che benigne della laringe, della faringe e della cavità orale. In modo simile gli Nd:YAG laser e i laser a kripton che possono essere trasmessi attraverso fibre ottiche vengono usati per rimuovere escrescenze nell albero tracheobronchiale e nell esofago. La precisione garantita dal laser permette la rimozione di tessuto osseo e il riposizionamento di protesi artificiali per migliorare l udito del paziente. Applicazioni in neurochirurgia La grande precisione di taglio dei laser per la microchirurgia li rende uno strumento importante per la realizzazione di incisioni nel cervello e nella spina dorsale. I laser a CO2, KTP(Potassium-Titanyl-Phosphate):YAG e Nd:YAG vengono usati frequentemente nella vaporizzazione e coagulazione dei tumori, specialmente se situati in profondità o addirittura sotto il cervello. Infine i laser trasmissibili tramite fibre ottiche sono sempre più utilizzati per la vaporizzazione dei dischi spinali nel trattamento di pazienti affetti da ernia al disco con l ausilio di un minimo intervento chirurgico e di una sonda endoscopica.

32 Esempi di utilizzo in neurochirurgia Esempi di incisioni effettuate su tessuto nervoso con laser ad impulsi a 140-fs. Urologia Vari tipi di laser vengono utilizzati con successo nel trattamento del sistema urinario e genitale. Le patologie più comuni sono: Calcoli urinari. Tumori uroteliali. Ostruzioni dovute alla restrizione della giunzione ureteropelvica. Allargamento benigno della prostata. Condiloma benigno del pene e dell uretra. Tumore superficiale del pene. La maggior parte di questi trattamenti necessita di anestesia totale e porta ad eccellenti risultati senza perdite di sangue.

33 Podiatria Come negli altri settori della medicina anche nella podiatria le potenzialità del laser permettono la realizzazione di interventi chirurgici con una maggiore precisione ed efficacia. Alcune delle applicazioni più comuni sono: Trattamento di granulomi. Neurofibromatosi. Emangiomi. Varie tipologie di cisti. Incisioni di neuromi. Fibroma periunguale. Chirurgia generica Molte procedure chirurgiche possono teoricamente essere effettuata con l utilizzo del laser. I chirurghi generici usano laser a varie lunghezze d onda e sistemi di trasmissione per tagliare, coagulare, vaporizzare o rimuovere tessuti. Attualmente i dispositivi laser possono sostituire bisturi, unità elettrochirurgiche, sonde o dispositivi a microonde per effettuare procedure standard come la mastectomia (operazione al seno) o la colecistectomia (rimozione chirurgica della cistifellea).

34 Chirurgia laser: incollaggio fototermico L incollaggio laser (anastamosi) è la tecnica che utilizza l energia laser per la congiunzione chirurgica di due parti di tessuto biologico. Esistono due tipi di procedura: Incollaggio fototermico: L energia laser viene convertita in calore causando una trasformazione delle proteine che creano un sottile strato di collante in grado di tenere unite le due superfici di tessuto. Una strategia comune è quella di usare un composto di albumina e di un cromoforo in grado di assorbire selettivamente l energia del laser incidente. Il composto si scalda ed unisce le due parti di tessuto senza provocare un danno termico ai tessuti vicini. Chirurgia laser: incollaggio fotochimico Incollaggio fotochimico: Alcuni reagenti fotoattivati sono in grado di congiungere i tessuti. I reagenti vengono posizionati fra le due superfici e la luce li attiva formando dei collegamenti incrociati che realizzano la congiunzione. In questo modo i tessuti vengono incollati senza calore. Un esempio pratico di utilizzo è quello dell agente 1,8-naftalimide.

35 Esempio di incollaggio laser Esempio pratico: una vena recisa ricongiunta tramite incollaggio laser. Vantaggi del laser in chirurgia Vantaggi derivanti dall utilizzo del laser: Perdite di sangue ridotte. Minore disagio post-operatorio. Limitazione della diffusione di alcuni tipi di tumori. Possibilità di infezioni derivanti dalle ferite notevolmente ridotta. Intervento della chirurgia molto limitato con conseguente miglioramento del rimarginarsi delle ferite.

36 Terapia fotodinamica (PDT) Nella terapia fotodinamica (PDT per il trattamento di tumori) vengono somministrate al paziente sostanze fotosensibili attivate in un secondo momento tramite la luce. A differenza della chemioterapia classica, la terapia fotodinamica agisce solo nelle zone illuminate La PDT viene utilizzata per il trattamento di tumori, per alleviare l artrite e per la distruzione di virus. Vantaggi della PDT: permette un trattamento aggressivo e localizzato senza gli effetti collaterali sistematici della chemioterapia Svantaggi della PDT: necessità di conoscere con precisione la localizzazione del tumore Esempio di accumulo di agente fotosensibile fluorescente in cellule tumorali. (la fotofirina si è accumulata nelle membrane e nei mitocondri delle cellule). Diagnostica La luce è in grado di rivelare molte caratteristiche del tessuto senza danneggiarlo minimamente. La luce può essere trasportata via fibre ottiche che le permettono di raggiungere punti remoti all interno del corpo tramite aghi o cateteri endoscopici. Questa caratteristica costituisce il punto di forza delle tecniche ottiche. La luce non penetra in profondità nei tessuti. La luce visibile ha una penetrazione di qualche mm mentre la luce nel vicino infrarosso di qualche cm. Da un lato è una debolezza poiché è possibile analizzare solo un modesto volume di tessuto; d altro canto la maggior parte del corpo umano è costituita da sottili strati di tessuto, perciò le tecniche ottiche sono molto utili nell analisi localizzata. Molte decisioni mediche vengono prese in base allo stato dei sottili strati di tessuto.

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Effetti biologici derivanti da dall interazione tra fasci laser utilizzati nelle applicazioni industriali ed il corpo umano Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS

Dettagli

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica

OFTALMOLOGIA. Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) L'occhio: una macchina fotografica OFTALMOLOGIA Dott. Francesco Laurelli (laurelli@tin.it - www.ofta.it) a cura di L'occhio: una macchina fotografica L'occhio funziona come una macchina fotografica; possiede lenti, diaframma e pellicola.

Dettagli

CHIRURGIA REFRATTIVA

CHIRURGIA REFRATTIVA CHIRURGIA REFRATTIVA Responsabile: Dott. Marco Tavolato Perché un immagine possa essere vista, una complessa catena di eventi deve avvenire nell occhio. La luce entra nell occhio attraversando cornea,

Dettagli

ASA X-tra. Advanced Surface Ablation. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

ASA X-tra. Advanced Surface Ablation. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch ASA X-tra Advanced Surface Ablation Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione

Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione Istituto di Medicina dello Sport CONI - F.M.S.I Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche in Medicina dello Sport Sede di Bologna PULSED

Dettagli

Applicazioni dei Laser alle Scienze Mediche

Applicazioni dei Laser alle Scienze Mediche Applicazioni dei Laser alle Scienze Mediche Proprieta della luce laser coerenza monocroma8cita direzionalita concentrabilita brillanza intensita 1 Laser in Medicina CO 2 (10600 nm) Er:YAG (2940 nm) Ho:YAG

Dettagli

FEMTO LASIK X-tra. Only Laser Lasik. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

FEMTO LASIK X-tra. Only Laser Lasik. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch FEMTO LASIK X-tra Only Laser Lasik Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch LASIK X-tra Bilaterale Simultanea Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

IL LASER. Principio di funzionamento.

IL LASER. Principio di funzionamento. IL LASER Acronimo di Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation (amplificazione di luce per mezzo di emissione stimolata di radiazione), è un amplificatore coerente di fotoni, cioè un dispositivo

Dettagli

U.O. FISICA SANITARIA

U.O. FISICA SANITARIA REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U.O. FISICA SANITARIA RADIAZIONI IONIZZANTI E LASER IN AMBIENTE MEDICALE (Informazioni a cura del Dott. L. Chiatti) 1 Parametri caratteristici della radiazione

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

Phase Q-terra Q-SWITCHED & LONG PULSED ND:YAG LASER

Phase Q-terra Q-SWITCHED & LONG PULSED ND:YAG LASER Q-SWITCHED & LONG PULSED ND:YAG LASER Phase Q-terra laser Nd:YAG unica e innovativa tecnologia, che grazie ai diversi sistemi di emissione Long Pulse, Q-Switched e Genesis delle lunghezze d onda 1064nm

Dettagli

Serie Q-Plus. Taking care of people, our masterpieces. Piattaforma Laser Q-Switch Creata per le tue Esigenze. Dermatologia e Medicina Estetica

Serie Q-Plus. Taking care of people, our masterpieces. Piattaforma Laser Q-Switch Creata per le tue Esigenze. Dermatologia e Medicina Estetica Taking care of people, our masterpieces Serie Q-Plus Piattaforma Laser Q-Switch Creata per le tue Esigenze Questa brochure è relativa ad un prodotto o ad una configurazione di prodotto non destinata al

Dettagli

MTOne. Taking care of people, our masterpieces. Piattaforma Multi-Sorgente di Ultima Generazione IPL - LASER Er:YAG - LASER Nd:YAG - LASER DIODO

MTOne. Taking care of people, our masterpieces. Piattaforma Multi-Sorgente di Ultima Generazione IPL - LASER Er:YAG - LASER Nd:YAG - LASER DIODO Taking care of people, our masterpieces MTOne Piattaforma Multi-Sorgente di Ultima Generazione IPL - LASER Er:YAG - LASER Nd:YAG - LASER DIODO Questa brochure è relativa ad un prodotto o ad una configurazione

Dettagli

Il Centro Ambrosiano Oftalmico

Il Centro Ambrosiano Oftalmico Il Centro Ambrosiano Oftalmico Il Centro Ambrosiano Oftalmico (CAMO Spa) è una innovativa clinica fondata nel 1983 dal Dott. Lucio Buratto. CAMO offre al paziente una struttura altamente specializzata

Dettagli

Ottica fisiopatologica

Ottica fisiopatologica Ottica fisiopatologica Introduzione La visione è una funzione complessa che dipende da FATTORI AMBIENTALI interazione luce-materia FATTORI ANATOMO-FISIOLOGICI oculari sistema nervoso centrale L occhio

Dettagli

La luce che cura. di Matthias Schulze*

La luce che cura. di Matthias Schulze* STORIe 100 La luce che cura L Il laser è diventato un utensile importante in tutte le specializzaioni della medicina, dalle procedure terapeutiche ai moderni metodi clinici diagnostici, fino al suo impiego

Dettagli

occhio e visione La miopia L ipermetropia L astigmatismo: correzione con il laser ad eccimeri

occhio e visione La miopia L ipermetropia L astigmatismo: correzione con il laser ad eccimeri occhio e visione La miopia L ipermetropia L astigmatismo: correzione con il laser ad eccimeri Scopo di questo depliant è di fornire alcune semplici informazioni per capire cos è la miopia, l astigmatismo

Dettagli

Phase Dermaxel FRACTIONAL CO2 LASER SYSTEM

Phase Dermaxel FRACTIONAL CO2 LASER SYSTEM FRACTIONAL CO2 LASER SYSTEM Phase Dermaxel Laser CO2, frazionato, ultrapulse, consente una precisione d intervento mai raggiunta grazie alla sua sorgente di anidride carbonica eccitata in radiofrequenza

Dettagli

Uso dei laser nelle malattie cutanee feline

Uso dei laser nelle malattie cutanee feline GIORNATA DI STUDIO DERMATOLOGIA FELINA Bologna, 22 febbraio 2015 Uso dei laser nelle malattie cutanee feline di cosa parleremo Definizione e caratteristiche dei L.A.S.E.R. Tipologie di laser di interesse

Dettagli

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 a member of GLI ELEMENTI FONDAMENTALI PER TROVARE LA PACE INTERIORE Armonia Bellezza MEDICINA ESTETICA Forza Equilibrio Negli anni è cresciuta per gli uomini

Dettagli

= 103.8 10 2 5 = = 1

= 103.8 10 2 5 = = 1 = = π 10 2 = 103.8 10 2 5 = = 1 π =3.2 10 3.810 = 1 5 π = µ = = π = = Industriali: taglio, saldatura, trattamenti di materiali, Misure di distanze e velocità, giroscopi laser Sensori, attuatori a distanza

Dettagli

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento maggio 2012 a member of Trattamento VISO-CORPO CRIOLIPOSCULTURA (Criolipolisi selettiva) È un nuovo tipo di trattamento, non invasivo, per eliminare il grasso in eccesso

Dettagli

D NE N E E E DI D SPA

D NE N E E E DI D SPA S.C. Recupero e Rieducazione Funzionale Ospedaliera Aziendale S.S. Polo Riabilitativo Levante Dr.ssa Monica Santangelo Genova 27 Novembre 2014 LE PATOLOGIE MUSCOLO- TENDINEE DI SPALLA NELLO SPORT La terapia

Dettagli

FRAXEL SR1500 LASER SISTEMA LASER FRAXEL SR1500

FRAXEL SR1500 LASER SISTEMA LASER FRAXEL SR1500 FRAXEL SR1500 LASER SISTEMA LASER FRAXEL SR1500 Reliant Technologies: L avanguardia del resurfacing frazionale Il sistema laser Fraxel è una creazione della Reliant Technologies, fondata da un gruppo di

Dettagli

Rischi da Agenti Fisici: Radiazioni Ottiche Artificiali

Rischi da Agenti Fisici: Radiazioni Ottiche Artificiali Università di Ferrara Insegnamento di Sicurezza nei luoghi di lavoro CdL Area Sanitaria A.A. 2011-2012 Rischi da Agenti Fisici: Radiazioni Ottiche Artificiali Dott. Salvatore Mìnisci Art. 180 DLgs 81/08

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP)

SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP) SCHEDA INFORMATIVA INTERVENTO DI IMPIANTO DI LENTE INTRAOCULARE DA CAMERA POSTERIORE IN OCCHIO FACHICO (LIOF-CP) Data: Informazioni fornite da: Responsabile del trattamento chirurgico:. I difetti visivi,

Dettagli

LASER è l acronimo di

LASER è l acronimo di LASER è l acronimo di ovvero: amplificazione luminosa per mezzo di emissione stimolata di radiazioni. LASER Il fenomeno fisico sul quale si base il suo funzionamento è quello dell'emissione stimolata,

Dettagli

Non è mai possibile promettere al candidato alla chirurgia refrattiva che non farà mai più uso delle lenti correttive.

Non è mai possibile promettere al candidato alla chirurgia refrattiva che non farà mai più uso delle lenti correttive. STUDIO OFTALMOLOGICO Dr Giovanni Bolzoni, Medico Chirurgo Specialista Oculista OPERARE con il Laser ad ECCIMERI, cosa vuol dire? L operazione con il Laser ad Eccimeri serve a rimodellare la cornea per

Dettagli

vi dipende dalla composizione del mezzo che attraversa

vi dipende dalla composizione del mezzo che attraversa LA SPETTROSCOPIA Le tecniche spettroscopiche si basano sull assorbimento o sulla emissione di una radiazione elettromagnetica da parte di un atomo o di una molecola La radiazione elettromagnetica è una

Dettagli

La miopia L ipermetropia L astigmatismo correzione con il laser ad eccimeri

La miopia L ipermetropia L astigmatismo correzione con il laser ad eccimeri occhio e visione La miopia L ipermetropia L astigmatismo correzione con il laser ad eccimeri Scopo di questo depliant è di fornire alcune semplici informazioni per capire cos è la miopia, l astigmatismo

Dettagli

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO Scambio termico per irraggiamento L irraggiamento, dopo la conduzione e la convezione, è il terzo modo in cui i corpi possono scambiare calore. Tale fenomeno non

Dettagli

SERVIZIO DI OCULISTICA

SERVIZIO DI OCULISTICA SERVIZIO DI OCULISTICA Cellula gangliare Bastoncello Nervo ottico Retina Cono Vasi sanguigni della retina Coroide Cornea Iride Pupilla Cristallino Corpo ciliare Corpo vitreo Sclera ASSOCIAZIONE ITALIANA

Dettagli

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso www.brunolumbroso.it OCT - Tomografia Ottica ad alta definizione (Spectral domain) e tridimensionale Prof. Bruno Lumbroso La

Dettagli

Luce blu e Lenti Transitions

Luce blu e Lenti Transitions Luce blu e Lenti Transitions Sommario Definizione di luce blu Dove si trova Benefici e problematiche potenziali relative all esposizione alla luce blu Lenti Transitions Caratteristica proprietà di filtrare

Dettagli

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame.

T13 FIBRE OTTICHE. T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13 FIBRE OTTICHE T13.1 Elencare i principali vantaggi delle fibre ottiche come mezzo trasmissivo, in confronto con le linee di trasmissione in rame. T13. Perché le fibre ottiche possono essere considerate

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006 a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006 Visione della luce La luce è una forma di energia elettromagnetica siamo soliti definire "luce visibile" una radiazione

Dettagli

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari.

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari. Spettrofotometria. Con questo termine si intende l utilizzo della luce nella misura delle concentrazioni chimiche. Per affrontare questo argomento dovremo conoscere: Natura e proprietà della luce. Cosa

Dettagli

Urun VrrA. OccHrALr SENZA. SUt TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DELLA VISTA GUIDA INFORMATIVA

Urun VrrA. OccHrALr SENZA. SUt TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DELLA VISTA GUIDA INFORMATIVA Urun VrrA SENZA OccHrALr GUIDA INFORMATIVA SUt TRATTAMENTO CHIRURGICO DEI DIFETTI DELLA VISTA I difetti visivi piü comuni ln un occhio normale i raggi di luce vengono messi a fuoco dalla cornea e dal cristallino

Dettagli

POLISTUDIO. Ing. Federica Riva

POLISTUDIO. Ing. Federica Riva Ing. Federica Riva Cosa sono le radiazioni Differenze da sorgenti coerenti ed incoerenti Effetti per la sicurezza e salute Normativa nazionale e norme tecniche Il termine luce (dal latino, lux, lucis)

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 Direttore dott A. Scialdone INFORMAZIONE SUL TRATTAMENTO DI CROSS- LINKING CORNEALE ( TERAPIA FOTODINAMICA CORNEALE) PER IL CHERATOCONO E PATOLOGIE ECTASICHE

Dettagli

La legge di Lambert-Beer

La legge di Lambert-Beer La legge di Lambert-Beer In questa esperienza determinerete la concentrazione di una soluzione incognita di permanganato di potassio per via spettrofotometrica. Generalita La spettroscopia si occupa dell

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

PHOTOSILK PLUS PHOTOSILK PLUS MEDICINA ED ESTETICA

PHOTOSILK PLUS PHOTOSILK PLUS MEDICINA ED ESTETICA PHOTOSILK PLUS MEDICINA ED ESTETICA PHOTOSILK PLUS Fotoringiovanimento non ablativo Lesioni Vascolari Epilazione Skin Thigtening Dermatologia Tatuaggi Laser e Luce Pulsata: la Soluzione Premium Contro

Dettagli

Cenni di tecnologia del laser a femtosecondi in chirurgia corneale

Cenni di tecnologia del laser a femtosecondi in chirurgia corneale Capitolo 1 Cenni di tecnologia del laser a femtosecondi in chirurgia corneale Giuseppe Perone, Filippo Incarbone Il laser a femtosecondi (1,2) è un laser chirurgico per uso oftalmico in grado di produrre

Dettagli

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi La possibilità di osservare direttamente singole molecole dà grandi vantaggi

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI Torino, li Informazione in merito al caso clinico del Sig.: Nato a: Residente in: Lei presenta un difetto visivo che viene

Dettagli

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci.

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci. Il DSS7 Lo spettroscopio dell Osservatorio Monte Baldo A.Gelodi L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che

Dettagli

PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI

PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI LASER Dr.ssa L. Ferrero DEPOSITO AVOGADRO S.r.l. Centro di Radioprotezione LASER Acronimo di Light Amplification

Dettagli

Newsletter 11/2012. Introduzione. Definizione ROA e Laser. Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM

Newsletter 11/2012. Introduzione. Definizione ROA e Laser. Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM Codroipo, lì 11 ottobre 2012 Prot. 5712LM Newsletter 11/2012 Introduzione Per quanto riguarda il rischio fisico, le radiazioni ottiche artificiali (ROA) ed i laser rappresentano uno dei fattori di rischio

Dettagli

Definizione di ipovisione

Definizione di ipovisione Definizione di ipovisione L ipovisione è una condizione di ridotta capacità visiva, bilaterale ed irreversibile, tale da condizionare l autonomia dell individuo. L acutezza visiva o acuità visiva o visus

Dettagli

Teoria dell immagine

Teoria dell immagine Archivi fotografici: gestione e conservazione Teoria dell immagine Elementi di base: la luce, l interazione tra luce e materia, il colore Mauro Missori Cos è la fotografia? La fotografia classica è un

Dettagli

Interazione della radiazione ottica con le strutture biologiche ed effetti sulla salute

Interazione della radiazione ottica con le strutture biologiche ed effetti sulla salute Interazione della radiazione ottica con le strutture biologiche ed effetti sulla salute Gianni F. Mariutti Dipartimento Tecnologie e Salute Fondazione Sicurezza in Sanità ISS - Roma SIMLII, Sezione Apulo-Lucana

Dettagli

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento giugno 2012

MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento giugno 2012 MEDICINA DERMOESTETICA Aggiornamento giugno 2012 a member of MEDICINA ESTETICA Negli anni è cresciuta per gli uomini e le donne l esigenza di ricercare l armonia estetica. Assolutamente prioritaria anche

Dettagli

Tecnologia laser per la cura dei tuoi occhi

Tecnologia laser per la cura dei tuoi occhi struttura Tecnologia laser per la cura dei tuoi occhi Casa di Cura San Rossore dispone delle più avanzate tecnologie laser per il trattamento mirato dei tuoi occhi. Da noi potrai trovare la soluzione più

Dettagli

apri gli occhi Uno sguardo al mondo della protezione occhi

apri gli occhi Uno sguardo al mondo della protezione occhi apri gli occhi Uno sguardo al mondo della protezione occhi tipologie di rischi sul lavoro scegliere il dispositivo adatto normative in materia di sicurezza Il funzionamento dell occhio umano può essere

Dettagli

Elenco delle prestazioni e tariffe CAMO Spa

Elenco delle prestazioni e tariffe CAMO Spa Elenco delle prestazioni e tariffe CAMO Spa Visite specialistiche VISITA SPECIALISTICA OCULISTICA VISITA DI CONTROLLO POST OPERATORIA 300,00 Visita specialistica completa di indagini strumentali 150,00

Dettagli

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali DLgs 81/2008 titolo VIII, capo V Indicazioni operative ISPESL www.ispesl.it Michele Saba Dipartimento di Fisica Università di Cagliari

Dettagli

L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO

L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO L OCCHIO L OCCHIO : STRUTTURA E FUNZIONAMENTO MIOPIA, IMPERMETROPIA, ASTIGMATISMO I DECIMI LE DIOTTRIE IL CRISTALLINO IL CAMPO VISIVO L ESAME DEL FONDO OCULARE ESAME OCULISTICO DEL BAMBINO 1 L OCCHIO 2

Dettagli

TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X

TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X Dipartimento di Scienze Chimiche TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X Analisi superficiali via XRF: Le misure sono effettuate in tempi dell ordine di qualche centinaio

Dettagli

MICROCHIRURGIA OCULARE

MICROCHIRURGIA OCULARE CARTA DEI SERVIZI 2014 BLUE EYE DIAGNOSTICA E MICROCHIRURGIA OCULARE Piazza Fontana, 6 20122 Milano Telefono: 02.89012307 r.a. Fax: 02.89010639 Sito Internet: www.blueeye.it - e- mail: contatti@blueeye.it

Dettagli

SCIENTIA MAGISTRA VITAE

SCIENTIA MAGISTRA VITAE 1 -Argomento Lenti fatte in casa Esperimenti usando lenti realizzate con materiali a costo nullo o basso o di riciclo. Cosa serve: acqua, bottiglie di plastica trasparente (es. quelle dell acqua minerale

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Agenti fisici Radiazioni Ottiche Artificiali LASER

DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Agenti fisici Radiazioni Ottiche Artificiali LASER Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro DECRETO LEGISLATIVO 81/08 Agenti fisici Radiazioni Ottiche Artificiali LASER Alessandra Pompini COSA SONO I LASER? Cioè:

Dettagli

INTRODUZIONE AL LASER A DIODI: CHEESE 7W INFORMAZIONI GENERALI ED UTILIZZO

INTRODUZIONE AL LASER A DIODI: CHEESE 7W INFORMAZIONI GENERALI ED UTILIZZO INTRODUZIONE AL LASER A DIODI: CHEESE 7W INFORMAZIONI GENERALI ED UTILIZZO Il Laser è una radiazione elettromagnetica con specifiche caratteristiche: frequenza e lunghezza d onda ben precisa (monocromaticità)

Dettagli

LE IPERPIGMENTAZIONI CUTANEE

LE IPERPIGMENTAZIONI CUTANEE LE IPERPIGMENTAZIONI CUTANEE A cura di: Dott. Matteo Claudio Garavaglia Milano, 15 Maggio 2010 PIGMENTI NORMALI Diversi pigmenti,normalmente presenti nella cute normale, ne determinano il colore: Le melanine

Dettagli

HIFU con US. Daniela Origgi e Federica Palorini

HIFU con US. Daniela Origgi e Federica Palorini HIFU con US Daniela Origgi e Federica Palorini High Intensity Focused Ultrasound (HIFU) Tecnica minimamente invasiva Sfrutta ultrasuoni focalizzati (effetto lente) Ablazione in situ del tumore, con risparmio

Dettagli

TERAPIA PARACHIRURGICA DEL GLAUCOMA. Dr. S. Santoro Dr. G. Colonna

TERAPIA PARACHIRURGICA DEL GLAUCOMA. Dr. S. Santoro Dr. G. Colonna TERAPIA PARACHIRURGICA DEL GLAUCOMA Dr. S. Santoro Dr. G. Colonna TERAPIA PARACHIRURGICA DEL GLAUCOMA E UNA TERAPIA LASER IL TRATTAMENTO DEL BLOCCO PUPILLARE NEL GLAUCOMA AD ANGOLO CHIUSO E ESSENZIALMENTE

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Quali sono i vantaggi nell utilizzo di questa tecnologia rispetto alle altre utilizzate ad oggi?

Quali sono i vantaggi nell utilizzo di questa tecnologia rispetto alle altre utilizzate ad oggi? La tecnologia SHR e assolutamente indolore, veloce in quanto consente di trattare anche zone molto estese come la gamba e la schiena in meno di un ora, mentre per le piccole zone come ascelle, inguine,

Dettagli

Introduzione alle fibre ottiche

Introduzione alle fibre ottiche Introduzione alle fibre ottiche Struttura delle fibre ottiche Una fibra ottica è sostanzialmente un cilindro (solitamente in vetro) con una parte centrale, detta core, con un indice di rifrazione superiore

Dettagli

Fare della vista una priorità per la salute. Guida per il relatore

Fare della vista una priorità per la salute. Guida per il relatore Fare della vista una priorità per la salute Guida per il relatore DIAPOSITIVA 1 Presentazione del relatore. Lo scopo della presentazione è fornire informazioni riguardo ai cambiamenti della vista che si

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

LIFTING ENDOSCOPICO TEMPORO FRONTALE E PERIOCULARE. dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA

LIFTING ENDOSCOPICO TEMPORO FRONTALE E PERIOCULARE. dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA LIFTING ENDOSCOPICO TEMPORO FRONTALE E PERIOCULARE dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA Il lifting endoscopico

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

Cross-Linking del Cheratocono

Cross-Linking del Cheratocono - Il Cheratocono (KC) è una malattia progressiva, non infiammatoria e bilaterale della cornea, la lente trasparente situata al davanti dell occhio. Come il nome di questa condizione suggerisce, la cornea

Dettagli

dermenergy MicroRoll Anti-ageing Rivitalizzazione Cutanea

dermenergy MicroRoll Anti-ageing Rivitalizzazione Cutanea dermenergy MicroRoll Anti-ageing Rivitalizzazione Cutanea Caratteristiche Il Micro-Needling, o Skin-Needling, è un trattamento di bio-rimodellamento meccanico per il ringiovanimento cutaneo e per il miglioramento

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI: MISURE ED ESPERIMENTI COSA SONO I CAMPI ELETTROMAGNETICI (CEM): UNA BREVISSIMA INTRODUZIONE.

CAMPI ELETTROMAGNETICI: MISURE ED ESPERIMENTI COSA SONO I CAMPI ELETTROMAGNETICI (CEM): UNA BREVISSIMA INTRODUZIONE. CAMPI ELETTROMAGNETICI: MISURE ED ESPERIMENTI F. Bersani, P. Mesirca, D. Platano (mesirca@df.unibo.it; 051 2095304) COSA SONO I CAMPI ELETTROMAGNETICI (CEM): UNA BREVISSIMA INTRODUZIONE. Da sempre esistono

Dettagli

endodermal la soluzione che cercavi.

endodermal la soluzione che cercavi. endodermal la soluzione che cercavi. Scopri tutte le novità Esclusiva endodermal la soluzione che cercavi di serie Vacum Radiofrequenza Ultrasuoni Elettroporazione Musicoterapia (Relax) in aggiunta Multipla

Dettagli

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza Cellule staminali dal tuo tessuto adiposo Crea la tua riserva di cellule staminali adulte non espanse per Salute Benessere Bellezza inal GmbH persona per la quale è previsto l utilizzo in non espanse,

Dettagli

FIBRE OTTICHE ULTRA VIOLETTO VISIBILE. 10 nm 390 nm 770 nm 10 6 nm

FIBRE OTTICHE ULTRA VIOLETTO VISIBILE. 10 nm 390 nm 770 nm 10 6 nm Fibre ottiche FIBRE OTTICHE Le fibre ottiche operano nelle bande infrarosso, visibile e ultravioletto. La lunghezza d onda di tali bande è: (1 nm = 10-9 m) ULTRA VIOLETTO VISIBILE INFRAROSSO 10 nm 390

Dettagli

In media si sono osservati i seguenti risultati:

In media si sono osservati i seguenti risultati: Le Onde d UrtO Vengono applicati impulsi meccanici di pressione ricchi di energia sui tessuti superficiali e profondi. Anche in medicina e fisioterapia le onde d urto sono caratterizzate da impulsi di

Dettagli

Il Laser in Odontoiatria e in fisioterapia

Il Laser in Odontoiatria e in fisioterapia Il Laser in Odontoiatria e in fisioterapia I laser utilizzati nello studio Laser a Diodi 810 nm Creation Laser Er-Yag Fotona Fidelis Er III Cos è il Laser odontoiatrico? Laser è un acronimo per: L = Light

Dettagli

Radiazione elettromagnetica

Radiazione elettromagnetica Radiazione elettromagnetica Un onda e.m. e un onda trasversa cioe si propaga in direzione ortogonale alle perturbazioni ( campo elettrico e magnetico) che l hanno generata. Nel vuoto la velocita di propagazione

Dettagli

LA FOTOBIOSTIMOLAZIONE LASER IN ODONTOIATRIA

LA FOTOBIOSTIMOLAZIONE LASER IN ODONTOIATRIA B O L L E T T I N O D I I N F O R M A Z I O N E S U L L I M P L A N T O L O G I A M10A7 LA FOTOBIOSTIMOLAZIONE LASER IN ODONTOIATRIA EDITORIALE: PRESENTAZIONE LUMIX 2 DENTAL pag. 2 LA PENETRAZIONE TISSUTALE

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Stato dell arte della laser-terapia nella malattia peri-implantare. Relazione Dott. Giuseppe D'Antuono

Stato dell arte della laser-terapia nella malattia peri-implantare. Relazione Dott. Giuseppe D'Antuono Stato dell arte della laser-terapia nella malattia peri-implantare Relazione Dott. Giuseppe D'Antuono I tessuti a sostegno del dente L uso del Laser Sempre più spesso il laser viene utilizzato come strumento

Dettagli

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona 1.Visione_01 Ottica geometrica Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona Obiettivi Principi di refrazione delle lenti, indice di refrazione

Dettagli

Lampada Sbiancante Zoom

Lampada Sbiancante Zoom Lampada Sbiancante Zoom Lampada al Plasma Wand Anestesia Indolore Ultrasuoni Soniflex Air Abrasion Endox Foto San Radar Monitorizzazione Ceramica senza Metallo Cosa Sono Lampada Sbiancante Zoom Per sbiancare

Dettagli

Elettroerosione Macchina per elettroerosione

Elettroerosione Macchina per elettroerosione Elettroerosione 1 Macchina per elettroerosione 2 Politecnico di Torino 1 Il processo di elettroerosione Viene generato un campo elettrico tra elettrodo e pezzo Si forma un canale ionizzato tra elettrodo

Dettagli

Lasik P-Curve Xtra. Correzione della Presbiopia. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

Lasik P-Curve Xtra. Correzione della Presbiopia. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch Lasik P-Curve Xtra Correzione della Presbiopia Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Che cos è la presbiopia È una condizione fisiologica

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria Università degli Studi dell Insubria Corso integrato: FISICA E STATISTICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Dott. Raffaele NOVARIO Recapito: raffaele.novario@uninsubria.it Orario ricevimento: Da concordare

Dettagli

CONSENSO INFORMATO ALL IMPIANTO INTRAOCULARE A SCOPO REFRATTIVO DEL SIG consegnato il..firma..

CONSENSO INFORMATO ALL IMPIANTO INTRAOCULARE A SCOPO REFRATTIVO DEL SIG consegnato il..firma.. Ambulatorio di Chirurgia Oculare Santa Lucia Direttore Sanitario Dott. Giuseppe Eugenio Apuzzo Via Mazzini. 60 58100 Grosseto Tel. 0564-414775 Cell. Emergenze 320-0558171 Fax 0564-413023 e-mail: info@studiosarnicola.it

Dettagli

ROA: effetti sulla salute e protezione dei lavoratori

ROA: effetti sulla salute e protezione dei lavoratori ROA: effetti sulla salute e protezione dei lavoratori Alessandra Cattini Dipartimento SanitàPubblica Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Reggio Emilia ROA: effetti sulla salute Gli effetti

Dettagli

COS E LA CATARATTA Come si opera

COS E LA CATARATTA Come si opera COS E LA CATARATTA Come si opera AMBULATORIO MEDICO-CHIRURGICO DI OCULISTICA Direttore Tecnico: dott. Giacomo Sanfelici 17027 Pietra Ligure SV Via Mameli, 54 12051 Alba CN Via Gastaldi, 5 Tel.: 019.62.57.02

Dettagli

Stefano Miglior. Il Glaucoma ad angolo stretto/chiuso SMI

Stefano Miglior. Il Glaucoma ad angolo stretto/chiuso SMI Stefano Miglior Il Glaucoma ad angolo stretto/chiuso Che cos e? Forma particolare di glaucoma, relativamente frequente nella popolazione generale, ad andamento sia cronico che acuto si manifesta soprattutto

Dettagli

Classificazione dei laser

Classificazione dei laser Classificazione dei laser ATTENZIONE: i criteri di classificazione sono cambiati Classi introdotte nel 1993 Classi introdotte nel 2007 1 1 1M 2 2 3A 3B 2M 3R 3B 4 4 Che cos è la coerenza (spaziale):

Dettagli

Patologia vascolare della retina, degenerazione maculare e distacco di retina

Patologia vascolare della retina, degenerazione maculare e distacco di retina Patologia vascolare della retina, degenerazione maculare e distacco di retina Dr. U. Benelli R. Magritte The false mirror Patologia vascolare della retina Retinopatia diabetica Retinopatia ipertensiva

Dettagli

Imaging con raggi X e rivelatori a microstrip

Imaging con raggi X e rivelatori a microstrip Laboratorio di Fisica Biomedica Imaging con raggi X e rivelatori a microstrip L. Ramello Universita del Piemonte Orientale Argomenti trattati Fasci di raggi X Tecniche di rivelazione dei raggi X Qualita

Dettagli

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA Storia delle comunicazioni ottiche 84 a.c.: caduta di Troia comunicata a Micene (550km di distanza) attraverso una serie di fuochi allineati 794 d.c.: rete di Chappe collega

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA LANZONI s.r.l. Via Michelino, 93/B--40127 BOLOGNA, tel. 051-504810/501334-fax 051-6331892 http://www.lanzoni.it e-mail: lanzoni@lanzoni.it LASER LIMAX RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Campi di applicazione

Dettagli