Corte dei Conti. Sezione Giurisdizionale per la Regione Marche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corte dei Conti. Sezione Giurisdizionale per la Regione Marche"

Transcript

1 Corte dei Conti Sezione Giurisdizionale per la Regione Marche Intervento del Procuratore Regionale Prof. Maurizio Mirabella in occasione dell inaugurazione dell anno giudiziario 2012 ADUNANZA DEL 23 MARZO 2012 PRESIDENTE: DR.SSA ANNA MARIA GIORGIONE

2 Signor Presidente, desidero, previamente, ringraziare le illustrissime autorità politiche, civili, militari e religiose, le Signore ed i Signori presenti a questa annuale cerimonia, che testimoniano l attenzione delle Istituzioni e della collettività per l attività della Corte dei conti, Istituto del quale ricorre, quest anno, il centocinquantesimo anno dalla sua fondazione come prima magistratura unitaria del Regno d Italia. La funzione giurisdizionale, unitamente a quella di controllo, costituisce espressione della posizione che la Corte ha di soggetto istituzionale, previsto dalla Costituzione, preposto alla verifica della legalità e della legittimità dell agire pubblico, nonché del corretto utilizzo dei relativi mezzi economici e finanziari, oltre che al rispetto delle regole di sana gestione; la giurisdizione, in particolare, come chiusura del sistema, persegue le condotte dei pubblici agenti, caratterizzate da dolo o colpa grave, causative di danno all erario, contribuendo, anch essa, alla correttezza dell agire pubblico. La Corte dei conti, nella sua funzione di garanzia è, sicuramente, in grado, anche per la sua posizione costituzionale di organo imparziale e pienamente autonomo rispetto al Governo (indipendenza oggettiva), composto di magistrati indipendenti (indipendenza soggettiva), di svolgere un ruolo costruttivo, nell interesse della collettività organizzata. In entrambe le funzioni, di controllo e giurisdizionale, la Corte, nel suo compito di custode della finanza pubblica, assicura l applicazione e l osservanza delle norme, essendo in ciò partecipe del buon andamento dell azione amministrativa di cui all art. 97 Cost., nell interesse dei cittadini. La democrazia si basa, infatti, sul rispetto delle regole e, quindi, sulla legalità, la legittimità e la coerenza delle scelte amministrative, finalizzate ad un efficace, efficiente ed economica gestione della cosa pubblica. L inaugurazione dell anno giudiziario consente di svolgere una riflessione sull attività della Procura regionale della Corte dei conti per le Marche, analizzando l azione di tutela delle risorse della collettività svolta da quest Ufficio. Com è noto, sul piano legislativo, i giudizi oggetto della giurisdizione contabile sono, sostanzialmente, regolati dal T.U. 12 luglio 1924, n. 104 e dal relativo regolamento di procedura 13 agosto 1933, n. 1038, così come modificati dalle leggi 19 gennaio 1994, nn. 19 e 20, attuative del completo decentramento giurisdizionale della Corte dei conti1. Con la legge 20 dicembre 1996, n. 639 è stato dato un migliore assetto alla materia, con l introduzione di alcuni fondamentali principi, tra cui ricordiamo quelli della personalità della responsabilità dei soggetti sottoposti alla giurisdizione contabile, del grado minimo della colpa, che deve essere grave, ferma l ipotesi del dolo, dell insindacabilità, nel merito, delle scelte discrezionali, dell inestensibilità della responsabilità amministrativa ai titolari di organi politici, del principio di parziarietà dell obbligazione di risarcimento, della compensatio lucri cum damno. La legge n. 289/2002 (finanziaria 2003), all art. 23, comma, ha poi disposto che tutte le Amministrazioni pubbliche debbano trasmettere alle Procure della Corte dei conti i provvedimenti di riconoscimento di debito adottati, perché esse procedano ad una verifica sistematica degli stessi. 1 Anteriormente agli interventi legislativi del 94, erano state decentrate le funzioni giurisdizionali per la regione Sicilia con il decreto legislativo 6 maggio 1948, n. 6 e per la regione Sardegna con la legge 8 ottobre 1984, n. 68; nell ambito di una azione di contrasto della criminalità organizzata era stato poi attuato un ulteriore decentramento di Sezioni giurisdizionali e Procure nelle regioni c.d. a rischio con la legge 12 luglio 1991, n. 203, di conversione del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 12, con la previsione, all art. 16, comma 3, altresì, della possibilità per la Corte dei conti, nell esercizio delle sue attribuzioni, di disporre, anche a mezzo della Guardia di Finanza, ispezioni ed accertamenti diretti presso le pubbliche Amministrazioni ed i terzi contraenti o beneficiari di provvidenze finanziarie a destinazione vincolata. La Sezione d appello per la Sicilia, con sede a Palermo, è stata istituita solo con decreto legislativo 18 giugno 1999, n. 200, secondo la previsione di cui all art. 23 dello Statuto della Regione Sicilia, approvato con r.d. legislativo n. 4 del 1 maggio 1946 e, successivamente, dall Assemblea costituente con legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 2.

3 La legge n. 266/200 (finanziaria 2006), all art. 1, comma 174, con norma interpretativa dell art. 26 del regio decreto n. 1038/1933 ha, inoltre, previsto che: Al fine di realizzare una più efficace tutela dei crediti erariali, il Procuratore regionale della Corte dei conti possa esercitare tutte le azioni a tutela delle ragioni del creditore previste dalla procedura civile, ivi compresi i mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale, quali l azione surrogatoria, l azione revocatoria ed il sequestro conservativo. La legge n. 244/2007 (finanziaria 2008), all art. 3, comma 9, ha, ancora, stabilito la nullità della stipula, da parte degli enti pubblici, di contratti di assicurazione a favore dei propri dipendenti, per i rischi derivanti dall espletamento dei compiti istituzionali connessi con la carica e riguardanti la responsabilità per danni cagionati allo Stato o ad enti pubblici, confermando, quindi, in sede legislativa, un orientamento che già da tempo la Corte perseguiva. I suddetti, recenti, interventi normativi hanno, in qualche misura, attualizzato le funzioni della Corte. Non sono, però, tutte luci. Sul versante della giurisdizione, essa è stata, infatti, destinataria, nel recente passato, di interventi legislativi non compresi in un organico disegno ordinamentale, che hanno, talvolta, attenuato, l incisività della sua azione; tra questi ricordiamo, a titolo esemplificativo: - Il condono erariale di cui alla L. n. 266/200 (finanziaria 2006), art. 1, commi 231, 232 e 233, che ha beneficiato politici, amministratori, dipendenti pubblici e di società partecipate, i quali abbiano prodotto danni all erario e siano stati già condannati al risarcimento dalle Sezioni giurisdizionali regionali della Corte dei conti; - La recente normativa, in materia di danno all immagine, in base alla quale, ai sensi dell art. 17, comma 30-ter, della L. n. 141/2009, l esercizio, da parte delle Procure della Corte dei conti, dell'azione per il risarcimento del danno all'immagine è limitato ai soli casi e modi previsti dall'articolo 7 della legge 27 marzo 2001, n. 97, con sospensione della prescrizione fino alla sentenza irrevocabile di condanna nei confronti dei dipendenti ed agenti pubblici, per i delitti contro la pubblica Amministrazione, limitatamente alle condotte riconducibili ai reati di cui al libro II, titolo II, capo I - Dei delitti dei pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione quali il peculato, la concussione, la corruzione, l indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, etc.. Sono, pertanto, rimasti esclusi dalla possibilità di intervento di questa Procura comportamenti afferenti a reati che ripugnano alla coscienza sociale, come, a titolo esemplificativo, la pedopornografia, gli atti di libidine o lo stupro, commessi dal pubblico dipendente nell ambito lavorativo; - La sanatoria di cui alla L. n. 73/2010, art. 2, che ha ridotto sensibilmente le entrate dovute dagli agenti della riscossione, che costituisce, pure, un punto di crisi, avendo determinato, per l erario, minori riscossioni stimate in milioni di euro. A ciò si aggiunga che, sul piano procedurale, la normativa non è più rispondente alle esigenze processuali; appare, pertanto, indilazionabile l emanazione di un Codice del processo contabile che, come già avvenuto in sede di giurisdizione amministrativa con il Codice del processo amministrativo, riconsideri l intera materia della responsabilità amministrativa e contabile, aggiornandone le norme regolatrici, adeguandole, coordinandole e razionalizzandole, al fine di consentire un più incisivo contrasto dei fenomeni di mala gestio. Sul piano funzionale, questa Procura necessita, altresì, di un potenziamento del numero di magistrati, posto che essa sta attualmente fronteggiando i suoi impegnativi compiti con risorse estremamente limitate; ed, invero, quest Ufficio, escluso il Procuratore regionale, su un organico di tre magistrati, ne ha in servizio uno solo, con una scopertura pari al 66,6%. Sul piano finanziario, non occorre spendere molte parole, essendo ben noti gli attuali contenimenti di spesa. Massimo è, comunque, l impegno ad operare con le risorse esistenti, affinché i valori della legittimità e della correttezza amministrativa siano sempre e comunque rispettati, così come la sana gestione, attraverso un attenta azione di contrasto dei fatti lesivi delle pubbliche finanze, commessi dai pubblici operatori. La Procura, nonostante la sua penetrante azione, non risulta, però, elemento frenante delle dinamiche dell Amministrazione e delle autonomie, rimanendo, le scelte politiche e gestionali, ovviamente, di pertinenza degli enti esponenziali delle collettività; unicamente alla violazione dolosa o gravemente colposa delle norme, essa è chiamata ad intervenire nella sede

4 giurisdizionale, in presenza di danno erariale, per conseguire il risarcimento, sanzionando, a garanzia della finanza pubblica e, quindi, della comunità, le condotte lesive. Affiancata a questa funzione repressiva, la Procura svolge, altresì, una funzione di dissuasione dalla commissione di illeciti erariali: l actio damni non vale, infatti, al mero ristoro del danno, ma svolge un compito di guida per l agente pubblico e, al contempo, ha un effetto di deterrenza, di talché diversi sono i procedimenti conclusi con il risarcimento del danno erariale a seguito della mera apertura di un istruttoria o della spedizione di un invito a dedurre da parte di quest Ufficio. Totale è, nell attuazione dei doveri istituzionali, l impegno dei magistrati inquirenti di questa Procura, la cui condotta è sempre improntata al rispetto dei principi deontologici la deontologia legittima, infatti, la funzione giudiziaria, attesa la sua centralità, di fronte alla società e che non agiscono come monadi, ma hanno bisogno della collaborazione di tutti i soggetti istituzionali, delle forze politiche e di polizia, degli amministratori, dei pubblici funzionari e degli operatori di diritto, con i quali procedere, sinergicamente, per il conseguimento dei risultati di sana amministrazione e corretta gestione della cosa pubblica e per il contrasto dei fenomeni corruttivi e concussivi, che non vanno combattuti, però solo sul piano repressivo. Il Presidente della Corte dei conti, Luigi Giampaolino, ha recentemente affermato, al riguardo, che la lotta alla corruzione, in Italia, deve iniziare dalla meritocrazia nella scelta degli operatori e proseguire con un controllo costante, favorito da una legislazione efficiente. L azione della Procura, quanto più la gestione finanziaria delle Istituzioni sarà corretta e rispettosa dei principi di etica pubblica, tanto meno sarà necessaria come chiusura del sistema. La necessarietà delle funzioni svolte dalla Corte è stata confermata, anche recentemente, dalla Corte di cassazione (Sez. Un., ord. n. 411/2006), che ha dimostrato grande sensibilità ed attenzione non solo per gli aspetti del corretto utilizzo delle risorse nazionali, ma anche di quelle comunitarie, affermando che pure in quelle fattispecie nelle quali il danno erariale sia configurato nei confronti di privati che abbiano partecipato all attività diretta all ottenimento di indebiti finanziamenti sussiste la giurisdizione contabile; nell ipotesi, infatti, in cui la normativa di settore preveda oneri certificativi a carico dei privati percettori dei contributi, le dichiarazioni non veritiere finalizzate ad un uso distorto delle provvidenze pubbliche comportano responsabilità amministrativo-contabile (v. Cass., Sez. Un.: ord. n /200; sent. n /2006; ord. n. 3367/2007; sent. n /2008; ord. n. 9966/2010). Il dato essenziale dal quale scaturisce, quindi, la giurisdizione contabile risiede nella natura pubblica delle risorse rispetto alle quali si è verificato il danno e nell essere tali risorse destinate al perseguimento di uno scopo pubblico. Ciò in quanto l Amministrazione agisce, sempre più spesso, per mezzo di soggetti non inseriti nella sua struttura, di talché la distinzione tra la giurisdizione ordinaria e contabile si rinviene nella natura del danno e degli obiettivi prefissi e non, come per il passato, nella qualità del soggetto legato o meno da rapporto di impiego o di servizio. In tale ottica, particolare è l attenzione che questa Procura regionale sta rivolgendo alle fattispecie concernenti le frodi e le irregolarità in danno del bilancio comunitario, anche in seguito all accordo di cooperazione stipulato dalla Procura generale della Corte dei conti con l'ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF), il 23 giugno 2006, mediante il quale le parti, nell adempimento dei loro compiti istituzionali, hanno stabilito di collaborare, per la salvaguardia degli interessi finanziari della Comunità e della Repubblica italiana, prevenendo e combattendo le frodi e le altre attività illecite attraverso indagini indipendenti, la reciproca assistenza e lo scambio di informazioni. Le indagini di questa Procura nel settore Set Aside curate in modo approfondito, con eccellente esito, dalla Collega Pomponio che hanno portato alla scoperta di fattispecie di danno alle finanze comunitarie, vanno in questa direzione. Giova qui ricordare che, ai sensi della Convenzione riguardante la tutela degli interessi finanziari delle Comunità europee del 26 luglio 199, ratificata dall Italia con la legge n. 300/2000, per frode lesiva degli interessi finanziari della Comunità europea deve intendersi: a) in materia di spese, qualsiasi azione od omissione intenzionale relativa: all utilizzo od alla presentazione di dichiarazioni o di documenti falsi, inesatti o incompleti, cui consegua il percepimento o la ritenzione illecita di fondi provenienti dal bilancio generale delle Comunità europee o dai bilanci gestiti dalle Comunità europee o per conto di esse; alla mancata

5 comunicazione di un informazione in violazione di un obbligo specifico, cui consegua lo stesso effetto; alla distrazione di tali fondi per fini diversi da quelli per cui essi sono stati inizialmente concessi; b) in materia di entrate, qualsiasi azione od omissione intenzionale relativa: all utilizzo o alla presentazione di dichiarazioni o documenti falsi, inesatti o incompleti, cui consegua la diminuzione illegittima di risorse del bilancio generale delle Comunità europee o dei bilanci gestiti dalle Comunità europee o per conto di esse; alla mancata comunicazione di un informazione in violazione di un obbligo specifico, cui consegua lo stesso effetto; alla distrazione di un beneficio lecitamente ottenuto, cui consegua lo stesso effetto. Deve, invece, intendersi per irregolarità, secondo la definizione data dal regolamento CE 203/200 della Commissione, qualsiasi violazione di una disposizione del diritto comunitario, derivante dall azione o dall omissione di un operatore economico, che ha o avrebbe l effetto di arrecare pregiudizio al bilancio generale delle Comunità europee, attraverso l imputazione al bilancio comunitario di una spesa indebita, considerandosi operatore economico qualsiasi soggetto che partecipi alla realizzazione di un intervento dei Fondi, ad eccezione degli Stati membri nell esercizio delle loro prerogative di diritto pubblico. Da quanto fin qui detto, è di piena evidenza la rilevanza delle attribuzioni della magistratura contabile; essa, infatti, è parte di un dialogo sovranazionale e punto di riferimento indispensabile per un controllo puntuale ed efficace della spesa pubblica e della gestione finanziaria ed economica delle risorse pubbliche, nazionali e comunitarie, per il tramite sia della funzione di controllo, sia di quella giurisdizionale. Le due funzioni si integrano reciprocamente e sono state ponderatamente cointestate, dal legislatore costituente, ad un unico organo, nell interesse della collettività organizzata, nei confronti della quale la Corte svolge un ruolo di servizio. Attività della Procura regionale I dati relativi all attività della Procura regionale possono essere sintetizzati come segue. Nel 2011, sono state avviate n nuove istruttorie e ne sono state concluse n Il numero di quelle pendenti, a fine anno, è di n Sono stati emessi n. 26 atti di citazione conseguenti a: danno per ,96, corrispondente alla indebita percezione di un contributo della Regione Marche, da parte di una azienda artigiana di cantieristica navale, che lo utilizzava per finalità diverse da quelle indicate nel provvedimento di concessione; danno per ,10, conseguente al maggior esborso di somme per notevoli quantitativi di breccia rossa, non forniti al Comune di Sarnano e contabilizzati, irregolarmente, da parte di dipendenti dell ente stesso; danno per ,82, dovuto al mancato versamento nelle casse del Comune di Tolentino delle rette pagate dagli utenti della locale Casa di riposo Residenza Protetta Centro diurno per Anziani "Vincenzo Porcelli", da parte dell'agente contabile della riscossione, nonché responsabile dell'ufficio polifunzionale; danno per ,26, derivante dallo svolgimento, non autorizzato, di attività liberoprofessionali presso strutture sanitarie private, da parte di un infermiera professionale in servizio presso l'a.s.u.r. Marche - Zona Territoriale n. 7 - in contrasto con quanto disposto dalle norme di settore; danno per ,02, riguardante l importo di una borsa di studio, indebitamente percepita da un medico frequentante il corso triennale di formazione in medicina generale, per aver svolto, senza autorizzazione, attività incompatibili con il percorso formativo, in violazione degli obblighi previsti dal bando di concorso e accettati dall interessata; danno per ,80, riguardante l importo di una borsa di studio, indebitamente percepita da un medico frequentante il corso triennale di formazione in medicina generale, per aver svolto, senza autorizzazione, attività incompatibili con il percorso formativo, in violazione degli obblighi previsti dal bando di concorso e accettati dall interessato; danno per 17.40,28, riguardante l importo di una borsa di studio, indebitamente percepita da un medico frequentante il corso triennale di formazione in medicina generale, per aver svolto, senza autorizzazione, attività incompatibili con il percorso formativo, in violazione degli obblighi previsti dal bando di concorso e accettati dall interessata;

6 danno per ,04, riguardante l importo di una borsa di studio, indebitamente percepita da un medico frequentante il corso triennale di formazione in medicina generale, per aver svolto, senza autorizzazione, attività incompatibili con il percorso formativo, in violazione degli obblighi previsti dal bando di concorso e accettati dall interessata; danno per 1.032,00, conseguente al mancato introito nelle casse del Comune di Rosora, di somme relative a sanzioni previste per le violazioni delle norme edilizie, non applicate dal responsabile e dal geometra dell'ufficio Tecnico; danno per ,00, derivante dall'incendio doloso di un autocarro di proprietà del Comune di Campofilone, appiccato, presumibilmente, da un autista di scuolabus dello stesso ente; danno per ,04, riguardante l importo di una borsa di studio, indebitamente percepita da un medico frequentante il corso triennale di formazione in medicina generale, per aver svolto, senza autorizzazione, attività incompatibili con il percorso formativo, in violazione degli obblighi previsti dal bando di concorso e accettati dall interessata; danno per ,00, cagionato all'a.s.u.r. Marche - Zona Territoriale n. 7 - dalla condotta colposa di un radiologo del Pronto Soccorso di Osimo che non diagnosticava la frattura a seguito della quale un paziente subiva lesioni invalidanti e otteneva il risarcimento in via transattiva dall'azienda Sanitaria; danno per ,70, dovuto alla indebita percezione di un contributo della Regione Marche, da parte del titolare di una azienda agricola, che lo utilizzava per finalità diverse da quelle indicate nel provvedimento di concessione; danno per ,80, riguardante l importo di una borsa di studio, indebitamente percepita da un medico frequentante il corso triennale di formazione in medicina generale, per aver svolto, senza autorizzazione, attività incompatibili con il percorso formativo, in violazione degli obblighi previsti dal bando di concorso e accettati dall interessato; danno per ,2, derivante dall importo di una borsa di studio, indebitamente percepita da un medico frequentante il corso triennale di formazione in medicina generale, per aver svolto, senza autorizzazione, attività incompatibili con il percorso formativo, in violazione degli obblighi previsti dal bando di concorso e accettati dall interessata; danno per ,40, relativo all importo di una borsa di studio, indebitamente percepita da un medico frequentante il corso triennale di formazione in medicina generale, per aver svolto, senza autorizzazione, attività incompatibili con il percorso formativo, in violazione degli obblighi previsti dal bando di concorso e accettati dall interessato; danno per 11.04,, corrispondente alla retribuzione illecitamente percepita, da un dipendente del Comune di Ancona, nei periodi di assenza dal lavoro per malattia, risultati giustificati con certificati medici dallo stesso, presumibilmente, falsificati; danno per ,83, relativo a frodi comunitarie poste in essere nel settore Set Aside da parte di tre soggetti privati, destinatari di contributi pubblici, e tre funzionari incaricati di gestire le relative pratiche per conto dell'agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea); danno per ,1, dovuto, a titolo risarcitorio, ad un alunno di una Scuola Elementare di Porto Recanati, per il grave infortunio occorsogli a seguito dell'omissione di vigilanza da parte dell'insegnante; danno per 1.000,00, conseguente alla condanna del giudice amministrativo nei confronti di un funzionario dell'inpdap di Ascoli Piceno, per la mancata osservanza delle disposizioni legislative sull'accesso ai documenti amministrativi; danno per ,16, dovuto, a titolo risarcitorio, agli eredi di un paziente deceduto a causa di un errore diagnostico, da parte del medico di turno in servizio presso il Pronto Soccorso dell'ospedale di Sant'Elpidio; danno per ,44, relativo a frodi comunitarie poste in essere, nel settore Set Aside, derivante dalla condotta del titolare dell'ufficio Monocratico dell'agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea); danno per 06,46, relativo alle telefonate effettuate, utilizzando il codice di servizio e addebitate sul contratto di utenza a carico dell'azienda Ospedaliera Umberto I, Lancisi e Salesi di Ancona, a causa del comportamento gravemente negligente della dipendente che deteneva il codice; danno per ,04, cagionato alla società partecipata AnconAmbiente S.p.A., a seguito dell acquisto di un'area, non idonea allo scopo sociale e per di più ad un prezzo

7 notevolmente superiore al suo valore (integrazione del contraddittorio per due ex Sindaci di Ancona, a seguito di ordine del Collegio giudicante); danno per ,00, relativo alle spese non vantaggiose e non giustificate, sostenute dall'amministrazione Comunale per incarichi di consulenza, conferiti dal Sindaco e dal Dirigente del Settore Assetto del Territorio e Urbanistica del Comune di San Benedetto del Tronto, ad un architetto; danno per 7.736,47, derivante dallo svolgimento, non autorizzato, di attività liberoprofessionali presso strutture sanitarie private, da parte di un infermiera professionale in servizio presso l'i.n.r.c.a. di Ancona e presso l'a.s.u.r. - Zona Territoriale n. - di Jesi. Ulteriori n. 3 atti di citazione sono stati depositati presso la competente Sezione giurisdizionale e sono in corso di notificazione. Sono stati emessi n. 2 sequestri conservativi ante causam: per un danno di ,13, relativo a frodi comunitarie poste in essere nel settore Set Aside, da parte di tre soggetti privati, destinatari di contributi agricoli e di tre funzionari pubblici incaricati di gestire le relative pratiche per conto dell Agenzia per le erogazioni in agricoltura; per un danno di ,11, relativo a frodi comunitarie poste in essere nel settore Set Aside, che ha coinvolto tredici soggetti privati, destinatari di contributi agricoli e tre funzionari pubblici incaricati di gestire le relative pratiche per conto dell Agenzia per le erogazioni in agricoltura. Sono stati emessi due atti di riassunzione, relativi a: danno per 19.73,28, concernente il mancato versamento, nelle casse del Comune di Jesi, di somme riscosse a titolo di imposte e tasse, per conto dell Ente stesso, da parte dell Agenzia Italiana per le Pubbliche Amministrazioni (A.I.P.A.) e della San Giorgio S.p.A., ora Tributi Italia S.p.A., riunite in Raggruppamento Temporaneo di Imprese, affidatario del servizio di riscossione dei tributi locali; danno all immagine per 0.000,00, derivante da comportamento illecito di un medico ginecologo ed aiuto primario che, nell esercizio di attività intramoenia, compiva atti di libidine nei confronti di alcune pazienti. Sono state aperte istruttorie nei confronti di pubblici dipendenti, ditte private ed amministratori, a seguito di comunicazione di illeciti penali, che hanno assunto rilievo in ambito contabile e, precisamente, per presunte ipotesi di: truffa (n. 1), peculato (n. 12), abuso d ufficio (n. 8), falso ideologico e materiale (n. 6), corruzione (n. 4) e concussione (n. 1). La durata media delle indagini, che hanno portato alla chiamata in giudizio, si è attestata in 736 giorni dall apertura dell istruttoria. L ammontare complessivo del danno erariale contestato ha un valore pari ad ,83. Nel corso delle istruttorie, anche a seguito di invito a dedurre, è stato conseguito il recupero di ,03; tra le somme incamerate ricordiamo: 1.029,00, in favore del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, per somme inerenti all attività lavorativa svolta da un docente di scuola secondaria di secondo grado, presso una ditta privata, senza autorizzazione; 86,00, in favore del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, per somme inerenti all attività lavorativa svolta da una docente di scuola secondaria di primo grado, presso una ditta privata, senza autorizzazione; ,63, in favore della Regione Marche, per il mancato risparmio sull acquisto dei farmaci inseriti nel cosiddetto Prontuario PH-T, derivante dal pagamento degli stessi a prezzo intero anziché a prezzo contrattato; 898,0, in favore della Regione Marche, per il mancato risparmio sull acquisto dei farmaci inseriti nel cosiddetto Prontuario PH-T, derivante dal pagamento degli stessi a prezzo intero anziché a prezzo contrattato; 1.628,2, in favore della Regione Marche, per il mancato risparmio sull acquisto dei farmaci inseriti nel cosiddetto Prontuario PH-T, derivante dal pagamento degli stessi a prezzo intero anziché a prezzo contrattato; 1.968,16, in favore della Regione Marche, per il mancato risparmio sull acquisto dei farmaci inseriti nel cosiddetto Prontuario PH-T, derivante dal pagamento degli stessi a prezzo intero anziché a prezzo contrattato;

8 794,89, in favore della Regione Marche, per il mancato risparmio sull acquisto dei farmaci inseriti nel cosiddetto Prontuario PH-T, derivante dal pagamento degli stessi a prezzo intero anziché a prezzo contrattato; ,39, in favore dell Inpdap Direzione Compartimentale Abruzzo-Marche-Umbria, per mancata riscossione di canoni di locazione relativi ad un immobile di proprietà dell Inpdap stesso; 320,20, in favore del Comune di Cerreto d Esi, per indebita erogazione del contributo, concesso ai sensi della legge regionale n. 30/1998, a soggetto privato, sulla base di dichiarazione non veritiera; 40,00, in favore del Comune di Ancona, per l indebito pagamento, ad un assessore, dell importo relativo all iscrizione ad un corso di formazione sulla giurisprudenza amministrativa; 2.092,8, in favore della Regione Marche, per l indebita erogazione di contributi, ai sensi della L.R. n. 431/98, a soggetti privati, in assenza dei requisiti previsti; 2.21,47, in favore della Regione Marche, per indebita percezione, da parte di un azienda, sulla base di dichiarazioni non veritiere, di finanziamenti comunitari ex lege 488/92 per la costruzione di un impianto; 1.366,86, in favore della Regione Marche, per indebita percezione, da parte di una ditta di abbigliamento, di finanziamenti F.S.E., Ob. 3 per l assunzione di dipendenti; 2.897,79, in favore della Regione Marche, per somme non versate, da parte del titolare di una tabaccheria di Carpegna, relative a tasse automobilistiche; 3.000,00, in favore del Comune di Sarnano, a titolo di recupero quota-parte di canoni di locazione pregressi, nei confronti del Circolo cittadino; 1.48,00, in favore del Comune di Civitanova Marche, a seguito dell emissione di ruolo, a carico di soggetti privati, per abuso edilizio; 7.648,1, in favore del Comune di Ancona, a titolo di riscossione della Tosap, per il Mercatino di Natale, da società privata inadempiente; 6.849,77, in favore dell Azienda Ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti Umberto I G.M. Lancisi G. Salesi di Ancona, per compensi indebitamente percepiti da un dirigente medico psichiatra; 9.017,80, in favore delle Istituzioni Riunite di Cura e Riposo di Macerata IPAB, per somme relative all indebito pagamento, da parte dell Istituto, di una sanzione comminata, a titolo personale, al Presidente; 1.000,00, in favore del Comune di Sassocorvaro, per danno all immagine derivante da arbitraria riduzione di sanzioni amministrative, relative al codice della strada, da parte del responsabile del Servizio di Polizia Municipale; 16,00, in favore del Comune di Pioraco, corrispondente all importo della sanzione amministrativa comminata per un abuso edilizio, commesso dal vice sindaco; 3.281,32, in favore dell ACI Ufficio provinciale di Ascoli Piceno per somme non versate, relative a formalità telematiche, da parte di uno Studio di Consulenza di Monteprandone; 80,41, in favore della Regione Marche, per somme non versate, relative a proventi del lotto, da parte di titolare di tabaccheria di Matelica; 382,84, in favore del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, per illecita percezione di emolumenti non dovuti da parte di docente di scuola di primo grado; 221,80, in favore del Ministero della Difesa Scuola di Perfezionamento Sottufficiali Aeronautica Militare di Loreto quale quota parte della complessiva somma di 2.189,23 relativa ai danni arrecati ad un automezzo militare. Le istruttorie concluse con provvedimento di archiviazione sono n L attività investigativa si è concretata nell emissione di n. 414 note istruttorie. La Guardia di Finanza ha ricevuto n. 1 deleghe, l Arma dei Carabinieri n. 21 ed il Corpo Forestale n. 2. In materia di conti giudiziali, hanno ricevuto il visto n proposte per l estinzione e n. 67 relazioni per il discarico. Particolare attenzione si è concentrata nel monitoraggio dell effettiva esecuzione delle sentenze; in tale fase esecutiva, si trovano n. 70 sentenze e n. 9 ordinanze, per un danno pari ad ,13. La somma complessivamente recuperata, in corso d anno, ammonta ad ,97.

9 La provenienza delle segnalazioni di danno dalle quali sono scaturite le indagini si è sviluppata secondo le tendenze degli anni precedenti: n da autorità amministrative (pari all 80%), n. 9 dagli organi giurisdizionali (pari al 4%), n. 213 da privati cittadini (pari al 14%). Le rimanenti istruttorie, pari al 2%, sono state attivate da notizie di stampa, dai mezzi di comunicazione e dagli organi di controllo, ovvero da iniziativa autonoma del Procuratore regionale. A conclusione del mio intervento, ringrazio il Presidente della Giunta regionale e il Presidente del Consiglio regionale, i Senatori e i Deputati della Regione Marche, il Sindaco della città di Ancona, il Prefetto, il Presidente della Provincia, il Vescovo della Diocesi, gli Assessori regionali, i Colleghi della magistratura ordinaria, amministrativa e tributaria, i Rettori delle Università delle Marche, l Avvocatura distrettuale dello Stato, nonché gli avvocati del libero Foro - con i quali il dibattito in udienza è sempre interessante e professionalmente arricchente, l argomentare spesso serrato, ma sempre corretto, nell illustrare le diverse posizioni processuali, al fine di giungere a una completa ed esaustiva ricostruzione dei fatti, che consenta al Collegio lo ius dicere - i Giudici di pace ed i Difensori civici, per l attenzione che hanno sempre riservato alla nostra Istituzione. Ringrazio, inoltre, in modo particolare, la Guardia di Finanza per il grande impegno dedicato a complesse indagini, delegate da questa Procura o d iniziativa, al fine di individuare gli autori di danni erariali, con risultati encomiabili, che testimoniano la costante opera delle Fiamme Gialle a servizio dello Stato. Espressioni di ringraziamento riservo, poi, all Arma dei Carabinieri per la dedizione, che dimostra il grande attaccamento dell Arma alle Istituzioni, nell indagare, in materia di danno erariale, su alcuni casi affidati o autonomamente investigati, risolti in modo eccellente. Ringrazio, altresì, per la collaborazione, la Polizia di Stato, il Corpo Forestale dello Stato, la Polizia municipale, i Rappresentanti delle collettività locali, i Rappresentanti delle Associazioni esponenziali di interessi diffusi e collettivi e tutti gli Organi dello Stato. Formulo il mio sincero, cordiale e grato apprezzamento nei confronti dei Colleghi Alessandra Pomponio, recentemente assegnata ad altro rilevante incarico presso la Procura generale, e Stefano Grossi per l impegno profuso, con alto senso del dovere e di responsabilità, in presenza delle note insufficienze dell organico di questa Procura, nello svolgimento di istruttorie complesse e delicate. Una parola di lode desidero rivolgere al personale amministrativo del mio Ufficio per la dedizione, il senso dell Istituzione e lo zelo con cui si dedica al suo lavoro, con risultati decisamente eccellenti. Un grazie rivolgo anche al personale della Sezione giurisdizionale per la costante collaborazione. Di rilievo, è stata l opera d informazione delle reti televisive e degli organi di stampa, che hanno svolto il loro compito con serena obiettività, come sempre deve avvenire in democrazia. Un cordiale e sincero ringraziamento, rivolgo, infine, con vero piacere, alle Colleghe Cons. Anna Maria Lentini, rappresentante del Consiglio di Presidenza e V.P.G. Carmela de Gennaro, rappresentante dell Associazione Magistrati della Corte dei conti, per essere intervenuti a questa cerimonia, dimostrando la grande sensibilità ed attenzione della Corte centrale alle problematiche delle sedi territoriali della nostra Istituzione. Sig. Presidente, nel ringraziare il Collegio e tutti i gentili Ospiti presenti, Le chiedo di dichiarare aperto, in nome del Popolo italiano, l anno giudiziario 2012 della Sezione giurisdizionale della Corte dei conti per la Regione Marche. Ancona, 23 marzo 2012 (Maurizio Mirabella)

10 TABELLA PRIMA SEGNALAZIONI PROVENIENZA DELLE DENUNCE Organi giurisdizionali Organi amministrativi Organi di controllo Organi di informazione Privati Iniziativa autonoma Totale delle denunce AMMINISTRAZIONI INTERESSATE Stato Regione Province Comunità Montane Comuni Aziende Ospedaliere e Sanitarie Società ed Enti partecipati Altri Enti Totale delle istruttorie 1.66 TABELLA SECONDA ATTIVITÀ INVESTIGATIVA 2.1 MODALITÀ DELL ISTRUTTORIA Diretta Deleghe Guardia di Finanza Deleghe Carabinieri Deleghe Corpo Forestale Deleghe a Dirigenti dell amministrazione Consulenze tecniche DELEGHE GUARDIA DI FINANZA Deleghe conferite Deleghe concluse, comprensive di quelle iniziate nell anno precedente 34 TABELLA TERZA ATTIVITÀ CAUTELARE Sequestri richiesti Sequestri disposti Sequestri confermati 2

11 TABELLA QUARTA INVITI A DEDURRE Atti d invito Soggetti invitati Audizioni Proroghe istruttorie concesse Archiviazioni a seguito d invito 20 TABELLA QUINTA CITAZIONI.1 ATTI DI CITAZIONE Giudizi di responsabilità Soggetti citati Reclami per nullità Riassunzioni 2.2 AMMINISTRAZIONI DANNEGGIATE Stato Regione Comuni Altri Enti 18.3 UDIENZE Udienze 24 TABELLA SESTA CONTI GIUDIZIALI Proposte di estinzione Relazioni di discarico Istanze per resa di conto 0 TABELLA SETTIMA APPELLI Appelli di convenuti condannati nei confronti di sentenze di primo grado Sezione Marche 4

12 TABELLA OTTAVA ARCHIVIAZIONI 8.1 TIPOLOGIA Assenza di danno Assenza di dolo o colpa grave Altro Danno risarcito Legge 141/ Totale delle archiviazioni 870 TABELLA NONA RECUPERI Ante causam , A seguito di condanna ,7 TABELLA DECIMA RIEPILOGO GENERALE RIEPILOGO Istruttorie in corso all 1/1/ Istruttorie aperte Istruttorie archiviate, trasferite e riunite Citazioni depositate Istanze per resa di conto Istruttorie in corso al 31/12/

13 TABELLA UNDICESIMA TIPOLOGIE DEI FATTI OGGETTO DELLE INDAGINI 11.1 Acquisizione di beni a prezzo superiore a quello di mercato 11.2 Acquisizione di beni non utilizzati 11.3 Acquisto beni immobili oggetto di ipoteca 11.4 Adozione ritardata dei provvedimenti di riscatto 11. Alienazione di beni a prezzo non congruo 11.6 Ammanco contabile 11.7 Ammanco di beni 11.8 Appropriazione illecita di beni pubblici 11.9 Assenteismo del personale Assunzione di personale in violazione degli organici Danni conseguenti a partecipazioni in società Capitalizzazione e ricapitalizzazione di società partecipate in violazione dei principi di buona gestione Conferimento di consulenze in mancanza dei presupposti di legge Conferimento di pensioni di invalidità non dovute 11.1 Cumulo impieghi Danni conseguenti a responsabilità precontrattuale Danni per illegittimità nelle procedure di scelta del contraente negli appalti Danno per indebite agevolazioni a terzi in materia urbanistica Danno conseguente a lavori non autorizzati e non riconosciuti utili Danno per appalto conferito senza gara con perdita dei vantaggi concorrenziali Danni per improvvida stipula di contratti finanziari a rischio (swap e derivati) Danni per omessa o insufficiente determinazione degli oneri di urbanizzazione Danni per omessa soppressione o modificazione territoriale delle Comunità Montane Danni per omessa vigilanza nell esecuzione delle opere di urbanizzazione a carico dei privati 11.2 Danno al patrimonio artistico e archeologico Danno al patrimonio mobile Danno all immagine dell amministrazione Danno conseguente a debito fuori bilancio Danno da circolazione stradale Danno da percezione di tangente Danno disfunzionale o da disservizio Danno in materia ambientale Danno per liquidazione di equa riparazione per mancato rispetto del termine di ragionevole durata dei processi Danno per mancato coordinamento di attività gestorie 11.3 Danno per protrazione dell ultimazione di lavori pubblici conseguente ad illegittima sospensione Esecuzione di lavori e forniture senza impegno di spesa Frodi e irregolarità in ambito comunitario Giudizi di conto Infortuni in genere Inquadramenti illegittimi in qualifiche e livelli superiori Irregolare gestione delle istituzioni scolastiche Irregolare gestione delle mense

14 11.43 Irregolare gestione di fondi per corsi professionali Irregolare gestione di fondi per la ricostruzione postsismica 11.4 Irregolare gestione di piscine e impianti sportivi Irregolarità nelle procedure espropriative Omessa disattivazione di corsi universitari a insufficiente frequenza di alunni Liquidazione di somme a titolo di liberalità Liquidazione di somme non dovute 11.0 Liquidazione di stipendi e indennità non dovute 11.1 Liquidazione trattamento di missione non dovuto 11.2 Mancata esecuzione delle sentenze di condanna 11.3 Mancata gestione del patrimonio secondo criteri economici 11.4 Mancata o insufficiente riscossione canoni 11. Mancata o insufficiente riscossione di crediti 11.6 Mancata o insufficiente riscossione di tributi e imposte 11.7 Mancato accertamento e riscossione di sanzioni 11.8 Mancato contrasto evasione ed elusione fiscale 11.9 Mancato utilizzo di mutui Mancato utilizzo delle risorse umane e demansionamento del personale Occupazione abusiva del demanio Occupazione abusiva del patrimonio Omessa applicazione di penali contrattuali Omessa attivazione di tutela giudiziaria 11.6 Omessa custodia dei beni Omessa manutenzione di beni e strutture Omessa o irregolare gestione di beni e servizi Omessa o ritardata acquisizione censi e fitti Omessa o ritardata acquisizione entrate fiscali Omessa o ritardata riscossione degli oneri di urbanizzazione Omessa o ritardata riscossione degli oneri per concessioni cimiteriali Omessa prevenzione delle conseguenze delle calamità naturali Omessa retrocessione di aree inutilizzate per sviluppo artigianale Omessa segnalazione al procuratore regionale di eventi di danno erariale 11.7 Omesse sanzioni per inquinamento Omesso controllo sull utilizzo dei contributi di scopo Omesso recupero contributi finalizzati Oneri aggiuntivi per ritardato pagamento di somme dovute Opera pubblica non ultimata

15 11.80 Opera pubblica ultimata ma non utilizzata Pagamento canoni a prezzo non congruo Pagamento di sanzioni per omesso o ritardato versamento di contributi previdenziali e assistenziali Peculato e peculato d uso Progettazioni erronee o lacunose 11.8 Realizzazione di opere pubbliche con vizi e difetti Realizzazione di opere pubbliche in difformità dal progetto Realizzazione di opere pubbliche in violazione delle norme di tutela ambientale Rescissione contratti Risarcimenti per comportamenti mobbizzanti Risarcimenti per infortuni alunni Risarcimento per errori sanitari Risarcimento per omessa manutenzione strade Risarcimento per utilizzo improprio armi da fuoco Soccombenza in giudizi civili e amministrativi 11.9 Spese di rappresentanza non giustificate Spese sanitarie non motivate per iperprescrittività dei farmaci Stipulazione di mutui a condizioni di mercato onerose Stipulazione di mutui e indebitamento a copertura spese non di investimento Stipulazione o proroga di contratti di assicurazione per responsabilità contabile a carico degli enti pubblici Truffa militare Uso illecito delle reti informatiche e telefoniche Verifiche amministrativo contabili Varie non classificabili come sopra

16

TABELLA PRIMA PROCURA REGIONALE DELLE MARCHE

TABELLA PRIMA PROCURA REGIONALE DELLE MARCHE TABELLA PRIMA PROCURA REGIONALE DELLE MARCHE 1.1 TIPOLOGIE DELLE DENUNCE 1.1.1 Organi giurisdizionali 7 1.1.2 Organi amministrativi 385 1.1.3 Organi di controllo 3 1.1.4 Organi di informazione 121 1.1.5

Dettagli

Corte dei Conti. Sezione Giurisdizionale per la Regione Marche

Corte dei Conti. Sezione Giurisdizionale per la Regione Marche Corte dei Conti Sezione Giurisdizionale per la Regione Marche INTERVENTO DEL PROCURATORE REGIONALE PROF. MAURIZIO MIRABELLA IN OCCASIONE DELL INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO 2011 ADUNANZA DELL 11 MARZO

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI Sezioni Accertamento Danni Erariali Dette articolazioni, svolgono l attività operativa a favore della Procura Regionale della Corte dei

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE I ATTI GIUDIZIARI DI DIRITTO CIVILE

INDICE SOMMARIO PARTE I ATTI GIUDIZIARI DI DIRITTO CIVILE IX Presentazione... Gli Autori... v xv PARTE I ATTI GIUDIZIARI DI DIRITTO CIVILE SEZIONE I PROPRIETAv E DIRITTI REALI N. 1 Comparsa di costituzione e risposta Servitù prediali Servitù coattiva di passaggio...

Dettagli

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti.

Da ciò è evidente che anche le Aziende con partecipazione pubblica sono chiamati a rispondere dinanzi al Giudice Contabile della Corte dei Conti. IL BISOGNO ASSICURATIVO E LA LEGGE FINANZIARIA 2008 (DANNI PATRIMONIALI) L evoluzione dell ordinamento giuridico e dell amministrazione pubblica verso la trasformazione in aziende di diritto privato di

Dettagli

Corte dei Conti. Sezione Giurisdizionale per la Regione Marche

Corte dei Conti. Sezione Giurisdizionale per la Regione Marche Corte dei Conti Sezione Giurisdizionale per la Regione Marche Intervento del Procuratore Regionale Prof. Maurizio Mirabella In occasione DELL INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO 2013 ADUNANZA DEL 22 MARZO

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A Sent. 585/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: Ivan DE MUSSO Andrea LUPI Pina Maria Adriana

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 5 dell 11.1.2012 DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ART. 1 PREMESSA 1. Il presente documento disciplina il conferimento degli incarichi per

Dettagli

L OBBLIGO DI DENUNCIA DEL DANNO ERARIALE

L OBBLIGO DI DENUNCIA DEL DANNO ERARIALE L OBBLIGO DI DENUNCIA DEL DANNO ERARIALE Dott. Corrado Croci Sost. Proc. Gen. Corte dei Conti Procura Regionale per il Piemonte Il mio intervento riguarderà un tema credo - di un certo interesse per i

Dettagli

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Torino, 10 Aprile 2013 La legge 190/2012 introduce degli strumenti per

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE.

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. *********************** Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di

Dettagli

SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA CALABRIA RELAZIONE DEL PROCURATORE REGIONALE

SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA CALABRIA RELAZIONE DEL PROCURATORE REGIONALE CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA CALABRIA CATANZARO RELAZIONE DEL PROCURATORE REGIONALE CRISTINA ASTRALDI DE ZORZI PER L INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO 2008 UDIENZA 8 FEBBRAIO 2008 1

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA VII INDICE-SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni.... pag. XV Capitolo Primo PREMESSA 1. Premessa.... pag. 1 2. Evoluzione storica. Appalti urbanistica edilizia....» 2 3. Le norme applicabili....»

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE Prefazione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Presentazione alla prima edizione CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE

Dettagli

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010]

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE [approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO pag. ABBREVIAZIONI... XIX SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA......................... 15 CAPITOLO PRIMO I DELITTI IN MATERIA DI DICHIARAZIONE: ELEMENTI COMUNI 1. I

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015

Delibera Consiglio Direttivo n 100 del 23 febbraio 2015 Regolamento recante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e prevenzione della corruzione del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Bologna ai sensi dell art. 2, comma 2-bis del D.L. 31 agosto

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l.

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. Approvato all unanimità dagli Amministratori con decisione del 21 aprile 2009 SOMMARIO Art. 1 PREMESSA Art. 2 ILLECITI DISCIPLINARI E CRITERI SANZIONATORI Art. 3 LAVORATORI

Dettagli

L opera Omnia dei contratti pubblici: dal Decreto Legislativo 12 Aprile 2006 n.163 allo schema di Regolamento IN CAPO AL RUP

L opera Omnia dei contratti pubblici: dal Decreto Legislativo 12 Aprile 2006 n.163 allo schema di Regolamento IN CAPO AL RUP L opera Omnia dei contratti pubblici: dal Decreto Legislativo 12 Aprile 2006 n.163 allo schema di Regolamento LE RESPONSABILITA IN CAPO AL RUP Reggio Emilia Mercoledì 12 Dicembre 2007 Matteo Biraschi COMPITI

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO PISA, 13.04.2013 LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO IL PUNTO DI VISTA DEL BROKER ASSICURATIVO 1 Il contratto individuato dalla Corte di Cassazione quale fondamento della struttura

Dettagli

http://www.normattiva.it/do/atto/export

http://www.normattiva.it/do/atto/export Pagina 1 di 7 LEGGE 14 gennaio 1994, n. 20 Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. Vigente al: 25-6-2014 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Gestione del contenzioso ai fini del D.Lgs 231/01

Gestione del contenzioso ai fini del D.Lgs 231/01 1 di 12 Situazione Revisione Vers. Data emissione Motivazione della revisione Autore 01 Strutture richiamate nel protocollo, Area Risorse Umane e Servizi Generali, Area Amministrazione Finanza e Controllo,

Dettagli

Stato di previsione dell entrata anno finanziario 2015 CAPITOLI DI INTERESSE DELLA DIFESA

Stato di previsione dell entrata anno finanziario 2015 CAPITOLI DI INTERESSE DELLA DIFESA anno finanziario 1 TRIBUTARIE 1.1 ENTRATE RICORRENTI 1.1.1 IMPOSTA SUI REDDITI 1023 1023 CAPO VI IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE ART. 2 RITENUTE DA VERSARSI IN TESORERIA DALLE AMMINISTRAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

Il controllo dei contratti pubblici

Il controllo dei contratti pubblici Il controllo dei contratti pubblici 1) Considerazioni generali L attività contrattuale delle pubbliche amministrazioni è connessa sia alla gestione patrimoniale che alla gestione finanziaria in quanto

Dettagli

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 CONTABILITA PUBBLICA(130 h) DIRITTO DEI CONTRATTI PUBBLICI La gestione delle gare d appalto. Profili teorici e pratici

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario Introduzione... 2 Le violazioni e le misure disciplinari... 2 SISTEMA SANZIONATORIO PER I LAVORATORI DIPENDENTI... 3 LAVORATORI DIPENDENTI NON DIRIGENTI (QUADRI, IMPIEGATI, OPERAI)... 3 DIRIGENTI...

Dettagli

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo)

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) 1. REATI SOCIETARI 2. REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 3. REATI SOCIETARI E FALSE COMUNICAZIONI SOCIALI 4. REATI AMBIENTALI

Dettagli

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE... MODELLO ORGANIZZATIVO D. Lgs. 231/2001 Data emissione: Luglio 2006 Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3 I Soggetti...4 I Reati...5 Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...8

Dettagli

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI IL D.LGS. 231/2001 INTRODUZIONE Su delega legislativa il Governo italiano ha emanato il D.lgs. 231/2001 intitolato Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

Responsabilità e normativa

Responsabilità e normativa Responsabilità e normativa L elemento!soggettivo!del!fatto!dal!quale!ha!origine!il!danno!può!essere!di!natura: Dolosa fatto commesso con volontarietà ed intenzionalità; Colposa fatto commesso senza intenzionalità

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

Università, Istituti Scolastici Pubblici e Scuole Pubbliche in genere. Segmento Affinity

Università, Istituti Scolastici Pubblici e Scuole Pubbliche in genere. Segmento Affinity Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Patrimoniale verso Terzi e della Responsabilità Amministrativa ed AmministrativoContabile n. CRB038AON39 Università, Istituti Scolastici Pubblici e

Dettagli

Autotutela e giudicato. Roma, 11 giugno 2013 Docente Prof. a c. Avv. Giuseppe Mazzuti

Autotutela e giudicato. Roma, 11 giugno 2013 Docente Prof. a c. Avv. Giuseppe Mazzuti Autotutela e giudicato Roma, 11 giugno 2013 Docente Prof. a c. Avv. Giuseppe Mazzuti Quesiti posti a fine giornata del 30 maggio 2013 -Art. 58 produzione documenti nuovi -Prescrizione spese processuali

Dettagli

INDICE SISTEMATICO. Prefazione alla dodicesima edizione... CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE

INDICE SISTEMATICO. Prefazione alla dodicesima edizione... CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE INDICE SISTEMATICO pag. Prefazione alla dodicesima edizione....................... v CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE TITOLO PRIMO Del titolo esecutivo e del precetto ART.

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PIANO PER LA TRASPARENZA

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PIANO PER LA TRASPARENZA PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PIANO PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PARTE PRIMA PREMESSA Art. 1 Finalità Art. 2 Definizioni Art. 3 Il responsabile della prevenzione della

Dettagli

Comune di Palma di Montechiaro Provincia di Agrigento

Comune di Palma di Montechiaro Provincia di Agrigento Comune di Palma di Montechiaro Provincia di Agrigento DISCIPLINARE D ONERI/SCHEMA DI CONTRATTO Oggetto: Contratto di Appalto servizio giuridico-legale per il Comune di Palma di Montechiaro PREMESSE - Il

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

INFORMATIVA AI LAVORATORI. Allegato 4

INFORMATIVA AI LAVORATORI. Allegato 4 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Liceo Scientifico Statale NOMENTANO Sede Centrale: Via della Bufalotta, 229-00139 Roma - Tel. 06/121122012

Dettagli

Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1

Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1 Sanzioni disciplinari tra vecchio e nuovo Normativa vigente per gli enti locali di Gianluca Bertagna 1 Per comprendere al meglio il funzionamento del procedimento disciplinare è innanzitutto necessario

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TRANFA AVV. ALESSIO Indirizzo //////////////////////// Telefono //////////////////////// Fax ////////////////////////

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE. MISURE DI PREVENZIONE SPECIFICO DA PREVENIRE Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE. MISURE DI PREVENZIONE SPECIFICO DA PREVENIRE Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Allegato B alla deliberazione di Giunta comunale n. 010 del 28.01.2015 Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del Responsabile

Dettagli

SCHEDA 1 MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE

SCHEDA 1 MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del Responsabile del servizio competente in apposta banca dati dell Ente. SCHEDA

Dettagli

Accertamento dei tributi locali. (Prof. Gianluigi Bizioli, Università di Bergamo)

Accertamento dei tributi locali. (Prof. Gianluigi Bizioli, Università di Bergamo) I. Introduzione. Accertamento dei tributi locali (Prof. Gianluigi Bizioli, Università di Bergamo) Con il termine accertamento si indicano sia l attività (generalmente condotta dagli organi dell amministrazione

Dettagli

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156

Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 Circolare 30 del 24 novembre 2015 Riforma del contenzioso tributario Novità del DLgs. 24.9.2015 n. 156 INDICE 1 Premessa... 2 2 Difesa dell agente della riscossione... 2 3 Difesa delle agenzie fiscali...

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 Modificato con delibera di C.C. 138 del 09 giugno 2006 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. Art. 1 - (Contenuto della delega) prevedere un unica figura di giudice

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Sintesi delle nuove polizze gratuite per gli iscritti alla UIL Scuola migliorative rispetto alle precedenti e con effetto dal 1 febbraio 2012.

Sintesi delle nuove polizze gratuite per gli iscritti alla UIL Scuola migliorative rispetto alle precedenti e con effetto dal 1 febbraio 2012. Sintesi delle nuove polizze gratuite per gli iscritti alla UIL Scuola migliorative rispetto alle precedenti e con effetto dal 1 febbraio 2012. 1. INFORTUNI polizza numero 1331/ 77 / 327 1. L assicurazione

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - FONDAMENTI DEL DIRITTO AMMINISTRATIVO 1 29 gennaio 2016-9.00-13.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - FONDAMENTI DEL DIRITTO AMMINISTRATIVO 1 29 gennaio 2016-9.00-13.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - FONDAMENTI DEL DIRITTO AMMINISTRATIVO 1 29 gennaio 2016-9.00-13.00 Parte prima: Le fonti, l origine e l evoluzione del diritto amministrativo e della giustizia amministrativa.

Dettagli

Profili sostanziali. Inquadramento generale. Le molte facce della responsabilità delle pubbliche amministrazioni

Profili sostanziali. Inquadramento generale. Le molte facce della responsabilità delle pubbliche amministrazioni Premessa...XIX Parte Prima Profili sostanziali Sezione Prima Inquadramento generale Le molte facce della responsabilità delle pubbliche amministrazioni 1. Considerazioni preliminari.... 5 2. La nozione

Dettagli

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 Approvato dal CdA 15 dicembre 2010 INDICE 1. I PRINCIPI DI TORRICELLI S.R.L.... 5 1.1 Principi generali... 5 1.2 Selezione, gestione e formazione delle risorse

Dettagli

1. Azione di responsabilità.

1. Azione di responsabilità. Legge 14 gennaio 1994, n. 20 Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (Pubblicata nella G.U. 14 gennaio 1994, n. 10) 1. Azione di responsabilità. 1. La responsabilità

Dettagli

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016

P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 C O M U N E DI A L I M E N A Provincia di Palermo * -------------------------------- -------------------------------- P.T.P.C. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2014 2016 Adottato dalla Giunta

Dettagli

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE Allegato A al piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1972, n. 1036

Decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1972, n. 1036 Decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1972, n. 1036 Norme per la riorganizzazione delle amministrazioni e degli enti pubblici operanti nel settore della edilizia residenziale pubblica IL

Dettagli

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione)

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Allegato A alla deliberazione C.C. n. 38 del 3.8.2010. COMUNE DI BORGIO VEREZZI (Prov. di Savona) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

TABELLE DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DEL COMUNE DI CASLINO D ERBA

TABELLE DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DEL COMUNE DI CASLINO D ERBA TABELLE DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DEL COMUNE DI CASLINO D ERBA Pag. 1 di 11 PROCEDURE DELL UFFICIO AFFARI GENERALI SCADENZA TEMPO MAX Esecuzione deliberazioni 45 Designazione Rappresentanti del Comune

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI Pag. 1 di 5 Con la presente si informa il lavoratore su alcuni aspetti tratti dal contratto collettivo nazionale di categoria: Art. 47 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI L inosservanza, da parte del lavoratore,

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO del sistema di videosorveglianza per la sicurezza cittadina e disciplina del trattamento dei dati personali * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO

CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO INDICE-SOMMARIO XI PREFAZIONE Capitolo Primo IL CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO 1 Presentazione 2 1.1. Diritto privato e diritto pubblico 5 1.2. Fonti del diritto privato 6 1.3. La Costituzione

Dettagli

Sommario generale. Capitolo primo

Sommario generale. Capitolo primo Sommario generale Capitolo primo 1/1 Introduzione all opera 1/2 Note di presentazione degli autori 1/3 Sommario generale 1/4 Indice formule su CD-Rom 1/5 Elenco delle abbreviazioni utilizzate negli indici

Dettagli

1 Si riporta per intero l art. 110 (Incarichi a contratto) TUEL:

1 Si riporta per intero l art. 110 (Incarichi a contratto) TUEL: Illegittimo conferimento di incarico a soggetto esterno all amministrazione conferente e conseguente danno erariale in capo al Sindaco di un comune di 4000 abitanti, che ha definito contraddittoriamente

Dettagli

ELEMENTI DI SINTESI SU PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E CONFLITTO DI INTERESSI Aggiornamento gennaio 2015

ELEMENTI DI SINTESI SU PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E CONFLITTO DI INTERESSI Aggiornamento gennaio 2015 NORMA QUESITO OBBLIGO L. 190/2012 Qual è il ruolo dei dirigenti nell applicazione della normativa per la prevenzione della corruzione? I Dirigenti responsabili delle strutture aziendali concorrono con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO Approvato con Delibera della Giunta Provinciale n.122 dell 11.12.2012 In vigore dal 1 gennaio 2013 Pag. 1 di 6 Art. 1 - Avvocatura Provinciale 1. L Avvocatura

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE - Delibera C.C. n 10 del 30.03.2012: Regolamento per la disciplina della Videosorveglianza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE D/903/71 Ed. Nov. 2009

CODICE DISCIPLINARE D/903/71 Ed. Nov. 2009 L art. 69 del D.Lgs. 150/09, modificativo del D.Lgs. 165/01, ha apportato ulteriori modifiche in materia disciplinare. Le norme del Codice disciplinare sotto riportato sono applicate solo se risultano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA Approvato con deliberazione di Consiglio N 7 del 2013 INDICE 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con delibera di C.C. 44 del 30 ottobre 2007 ) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI SOLIDARIETÀ E MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DELLE VITTIME DEI REATI ESTORSIONE E DI USURA. (Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa PREMESSA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa, visto l art. 24, comma 3, L. 247/2012, che prevede

Dettagli

COPERTURA ASSICURATIVA DELLE SPESE LEGALI E PERITALI. Lotto 4 Ambito 4.1

COPERTURA ASSICURATIVA DELLE SPESE LEGALI E PERITALI. Lotto 4 Ambito 4.1 COPERTURA ASSICURATIVA DELLE SPESE LEGALI E PERITALI Lotto 4 Ambito 4.1 DEFINIZIONI... 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE... 3 Art. 1: Durata del contratto... 3 Art. 2: Gestione del contratto... 3

Dettagli

SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE.

SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. Art. 1 - (Contenuto della delega) prevedere un unica figura

Dettagli

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 in data 26

Dettagli

CONVENZIONE. premesso:

CONVENZIONE. premesso: CONVENZIONE ALLEGATO A) PER L AFFIDAMENTO DEI COMPITI DELL UFFICIO COMUNE PER LE ESPROPRIAZIONI, PREVISTO DALL ART. 6 COMMA 4 DEL D.P.R. N 327/2001, ALL UFFICIO PER LE ESPROPRIAZIONI DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA. Capitolo Primo NOZIONI GENERALI

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA. Capitolo Primo NOZIONI GENERALI VII INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA INTRODUZIONE ALLA FIGURA DEL CONTRATTO PRELIMINARE Capitolo Primo NOZIONI GENERALI 1. Il contratto preliminare secondo gli interpreti.... pag. 3 2. La contrattazione in

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI Indice ART. 1: Finalita ART. 2: Patrocinio legale ART. 3: Conflitto di interessi ART. 4: Assunzione diretta ed indiretta degli oneri

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n. Pagina 1 di 7 CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità

Dettagli

CITTÀ DI AFRAGOLA Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario

CITTÀ DI AFRAGOLA Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario (approvato con Delibera di Consiglio Comunale n [ ] del [ ]) Art. 1. Finalità 1. Il Comune di Afragola, in virtù proprie

Dettagli