Atti. Volume III. Centro Congressi Forte Village ottobre S. Margherita di Pula (Cagliari)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atti. Volume III. Centro Congressi Forte Village 18-20 ottobre 2006 - S. Margherita di Pula (Cagliari)"

Transcript

1 Atti Volume III Centro Congressi Forte Village ottobre S. Margherita di Pula (Cagliari)

2 SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Responsabile: Prof. Giuseppe Cimaglia SETTORE VI (Formazione, Aggiornamento Professionale, Pubblicazioni e Convenzioni) Responsabile: Dott. Giuseppe Bonifaci Collaborazione tecnica Sig. Fabrizio Pelone Stampato dalla Tipolitografia INAIL di Milano nel mese di giugno 2007

3 INDICE VOLUME III Pag. ALTRI CONTRIBUTI LINFOMA IMMUNOBLASTICO NON HODGKIN DA FORMALDEIDE: PROBLEMATICHE MEDICO LEGALI IN ORDINE AL RICONOSCIMENTO DELL ORIGINE PROFESSIONALE DELLA MALATTIA A. Sacco, A. Cristiano, A. Di Sora, M. Barucca LEGGE 68/99. REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI ASSICURATI INAIL. PROBLEMATICHE E CRITICITÀ OPERATIVE, NELLA REALTÀ SANITARIA DELLA REGIONE VENETO, PER IL QUADRIENNIO G. Salatin, L. Perrone LA PERIMETRIA COMPUTERIZZATA IN AMBITO INAIL: ASPETTI MEDICO LEGALI M.R. Sannino, C. Merenda, P.G. Iacoviello, G. Bianco, G. Di Palma LA SINDROME DEI CICLISTI: NUOVA MALATTIA PROFESSIONALE D. Santovito, A. Avellino, P. Malavenda, P. Rispoli PATOLOGIA TRAUMATOLOGICA ORO-MAXILLO FACCIALE IN AMBITO INAIL. ASPETTI CLINICI E MEDICO-LEGALI, VALUTAZIONE DEL DANNO BIOLOGICO NELL INFORTUNISTICA DEL LAVORO G. Satriani, A. Grassi, M. Puglia, G. Puglia IL RISCHIO CANCEROGENO PER ESPOSIZIONE A CVM E PVC G. Satriani, M. Puglia, G. Colafemmina MALATTIE PROFESSIONALI ED ATTIVITÀ ISTITUZIONALE DELL INAIL IN BASILICATA. POSSIBILI CONTRIBUTI ALLA PREVENZIONE G. Satriani, M. Puglia, G. Colafemmina RAPPORTI TRA ESPOSIZIONI A PESTICIDI E TUMORI DESMOPLASTICI G. Satriani, M. Puglia, G. Colafemmina LA VALUTAZIONE DELL INABILITÀ TEMPORANEA ASSOLUTA NEGLI SPORT PROFESSIONISTICI E. Savino, P.G. Iacoviello, V. Secchione, F. Timo LA TUTELA INAIL DEGLI SPORTIVI PROFESSIONISTI: ANALISI COMPARATIVA TRA IL PRIMO ED IL SECONDO TRIENNIO DI APPLICAZIONE LEGISLATIVA E. Savino, F. Timo, P.G. Iacoviello, L. Aprile, G. Bianco VERTIGINI E LAVORI IN ALTEZZA M. Tavolaro, M. Fazzi, L. Maci, G. Trevisi

4 NANOLASER. TECNOLOGIA E MODALITÀ DI IMPIEGO - NORME OPERATIVE SULLA SICUREZZA - FATTORI DI RISCHIO E DANNI ALLA SALUTE DA ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI LASER F. Troìa NANOTUBI E FULLURENI : LE NUOVE MALATTIE PROFESSIONALI PER GLI ADDETTI ALLA PRODUZIONE ED ALL UTILIZZO DI QUESTI MATERIALI DERIVATI ALLOTROPICI DEL CARBONIO F. Troìa, B. Troìa RAPPRESENTAZIONE DI UN MODELLO MATEMATICO NEL CALCOLO DELLA CINETICA DEL CICLO CELLULARE FISIOLOGICO E PATOLOGICO NEI TUMORI PROFESSIONALI (AGENTI FISICI CHIMICI BIOLOGICI) F. Troìa, B. Troìa MALATTIE PROFESSIONALI E NESSO CAUSALE: PROBLEMATICHE ATTUALI E PROSPETTIVE FUTURE R. Ucciero, S. Spiritigliozzi MALATTIE PROFESSIONALI EXTRATABELLARI: LA RESPONSABILITÀ PENALE V. Vecchione, N. D Angelo, A. Siringano LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE DEL C.T. INAIL NEL PROCESSO DEL LAVORO V. Vecchione, E. Savino, P. Iacoviello IL NESSO CAUSALE NELLE MALATTIE PROFESSIONALI TABELLATE SECONDO LA GIURISPRUDENZA ED IL RUOLO DEL MEDICO-LEGALE A. Vidoni LA RESPONSABILITÀ DEL CONSULENTE TECNICO DELLA PARTE. PROFILI MEDICO LEGALI G. Vitiello, F. Antonelli LE MALATTIE PROFESSIONALI NON TABELLATE OSTEOARTICOLARI: ATTIVITÀ NELLA SEDE INAIL DI GENOVA IN COLLABORAZIONE CON GLI ENTI DI PATROCINIO V. Vitto, A. Podestà, N. Lagattolla

5 Altri contributi

6

7 LINFOMA IMMUNOBLASTICO NON HODGKIN DA FORMALDEIDE: PROBLEMATICHE MEDICO LEGALI IN ORDINE AL RICONOSCIMENTO DELL ORIGINE PROFESSIONALE DELLA MALATTIA A. SACCO*, A. CRISTIANO**, A. DI SORA***, M. BARUCCA**** * DIRIGENTE MEDICO DI I LIVELLO PRESSO U.O. PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO ASL DI FROSINONE ** DIRIGENTE MEDICO LEGALE DI II LIVELLO SEDE INAIL DI FROSINONE *** DIRIGENTE MEDICO LEGALE DI I LIVELLO SOVRINTENDENZA MEDICA REGIONE LAZIO **** DIRIGENTE MEDICO LEGALE DI I LIVELLO SEDE INAIL DI FROSINONE Gli Autori, prendendo spunto da un caso di contenzioso giudiziario, affrontano gli aspetti inerenti il riconoscimento dell origine professionale di un linfoma non-hodgkin in soggetto esposto a formaldeide. Nella disamina del caso, non viene tralasciato di accertare la probabile esposizione ad altri agenti cancerogeni presenti nell ambiente di lavoro. Il riconoscimento del nesso di causalità viene formulato anche sulla scorta delle evidenze statistiche e della più recente bibliografia in materia. A seguito di richiesta di ammissione ad indennizzo per esposizione a formaldeide, giungeva alla nostra osservazione un caso di linfoma immunoblastico non-hodgkin in lavoratore che prestava la propria opera professionale presso azienda produttrice di detersivi. Più specificatamente, dalla disamina della documentazione sanitaria esibita nonché della denuncia di malattia professionale, è stato possibile evincere che il predetto, assunto nel 1982, aveva prestato servizio per circa 10 anni presso il Reparto miscelazione liquidi della suindicata azienda. Presso tale reparto sarebbe venuto a contatto con diverse sostanze chimiche, oltre 80 prodotti, il cui elenco, fornito dall Azienda, viene di seguito riportato. Acid Red 52 (CI 45100) Etilen diammino tetra acetico Acido acetico tecnico (glaciale) 80% Formalina (24%) Acido citrico Giallo Uranina (CI 45350) Acido cloridrico 21B Glicole monoetilenico cond. con 7.7 moli di OE Acido di cocco Imbiancante ottico n. 2 Acido duodecilbenzen solfonico Ipoclorito di sodio 15% Acido fosforico 75% Lutensol ON 60 Alcol condensato con 7 e 11 moli di OE Lytron 621 (Stirene polimero) Alcol condensato con 7 moli di OE e di PO Maxacal LS Alcol Etere Solfatato Sodico Neolan E3G (C43) Alcol Isopropilico Ossido di alluminio Alcol Solfato Sodico Potassa caustica Ammonio cloruro Profumi Antischiuma SRE Profumo Bouquet B Blu E 131 (CI ) Rosso Bassacid ROR 410 e Rosso E124 (CI16255) 1151

8 Blu E131 (CI 42051) Blu Iragon LUC (CI 61585) Brisquest S Brisquest ADPA 60A (Soluzione amino-alchil fosfonata) Cera carnauba Nacar scaglie Cera KSL sintetica scaglie Cera Sasolwax A 12 Chimipal AC/9F (nonilfenolo etossilato) Cloroacetamide Coccodietonalammide Colorante Blu E131 Colorante Flavinia Dodecildistearil ammonio cloruro E102 Giallo (CI 42051) E131 Blu (CI 42051) Edta sodico Emulsionante 2106 Erio Rosso XB 400 (CI 45100) Essenza Arco Iris 79219S Sequion CLR (acido fosforico modificato) Silicone SRE Sillitin N85 Soda caustica Sodio Bicarbonato Sodio bisolfato Sodio carbonato anidro Sodio carbonico Sodio cloruro Sodio dodecilbenzen solforato Sodio Lauril etere solftato Sodio silicato Bè (35% di secco) Synperonic A3 Tinopal CBS (derivato dell acido bis- (triazinilamino)-stilbendisolfonico TKPP Trisodio citrato Urea Verde Xilene 3 MG Zeoliti polvere Nel reparto suindicato si esegue la miscelazione dei componenti necessari ad ottenere le formulazioni dei prodotti finiti: il reparto è costituito da una serie di serbatoi, agitati e muniti di serpentine per il raffreddamento o il riscaldamento del prodotto in essi contenuto, nei quali avviene la suddetta mescola e da due pompe dosatrici a teste multiple. Tutti gli sfiati provenienti dai serbatoi si uniscono in un collettore collegato all atmosfera. In seguito alla diagnosi dell affezione (1991), per cui l interessato avanzava domanda di riconoscimento di malattia professionale, lo stesso veniva trasferito presso il Reparto Magazzino CMPO (1993), dove operava per ulteriori cinque anni. Dalla disamina dell anamnesi patologica raccolta, si evince che trattasi di soggetto fumatore (20 sigarette al giorno: dalla cartella clinica di ricovero ospedaliero del 1991, tuttavia, si evince che «fino a quattro anni fa fumava 40 sigarette al giorno») che all età di 18 anni subiva intervento chirurgico per varicosità arto inferiore destro. In corrispondenza temporale con l assunzione presso la predetta azienda, veniva posta diagnosi di gastrite con esami radiologici negativi per ulcera. Nei mesi precedenti il ricovero in ambiente ospedaliero, avvenuto circa nove anni dopo l assunzione presso la suindicata azienda, i disturbi venivano ad accentuarsi e si associavano a disfagia per i cibi solidi. Proprio in occasione del dianzi ricordato ricovero ospedaliero (1991), veniva posta diagnosi di linfoma gastrico (le risultanze dell esame istologico su materiale bilogico prelevato con biopsia deponevano per «Frammenti di mucosa gastrica con ulcerazione ed estesa infiltrazione di cellule linfoidi con modeste atipie. La natura linfoide è confermata dalla positività per LCA e dalla negatività per le citocheratine. Reperto da linfoma gastrico»), con successivo intervento chirurgico di gastrectomia allargata secondo Roux (con splenectomia). Veniva, quindi, formulata diagnosi istopatologica di linfoma maligno non-hodgkin ad alto grado di malignità di tipo immunoblastico. 1152

9 Nei mesi successivi, l interessato veniva nuovamente sottoposto a regime di ricovero ospedaliero, con diagnosi: «Linfoma non-hodgkin in trattamento chemioterapico». L anno successivo (1992) veniva tentato un trapianto di midollo e, dopo alcuni anni di silenzio clinico, interveniva l exitus dell interessato (1999) per «Tromboembolia bilaterale dei rami secondari dell arteria polmonare. Infarto polmonare multifocale in corrispondenza della base del lobo inferiore di entrambi i polmoni. Edema polmonare acuto. Trombosi bilaterale della vena femorale superficiale in soggetto con esiti di gastrectomia totale, splenectomia e resezione parziale dell intestino». Nella fase di esame ed istruttoria del caso, veniva richiesto parere alla CONTARP dell INAIL, che così argomentava: «L istruttoria del caso evidenzia che le mansioni svolte hanno comportato contatto con le sostanze elencate nella nota acquisita agli atti e che l agente patogeno da correlare a tale patologia sembra essere rappresentato da PVC ovvero da formaldeide Orbene, l istruttoria del caso, con particolare riguardo alle mansioni svolte dall assicurato e consistenti in operazione di miscelazione di sostanze chimiche allo stato liquido, consentono di affermare che il predetto è stato a contatto con le sostanze chimiche di cui al citato elenco e, quindi, esposto qualitativamente a tali sostanze A ciò aggiungasi che il MOD. 101 I semba indicare quale agente patogeno la formaldeide, mentre la nota apposta sul MOD. 11-ss ipotizza l esposizione a cloruro di vinile. Ebbene l istruttoria del caso con particolare riguardo alla bibliografia sembra evidenziare una mancata correlazione tra la malattia denunciata e gli ipotizzati agenti tecnopatici. D altra parte la stessa relazione dell Istituto di Medicina del Lavoro dell Università, evidenzia valori espositivi (solventi organici, benzene, toluene, cilene, cvm, SO2 ed altri) inferiori ai limiti di rischio». In occasione di una successiva nota aggiuntiva, la predetta Consulenza Tecnica argomentava: «ha lavorato nel reparto miscelazione liquidi dal 1982 al 1992 e al magazzino CMPO dal 1993 al 1998 In tale ambiente di lavoro non veniva utilizzato come materia prima il PVC né il CVM Per maggior precisione si segnala che siffatte indagini evidenziano esposizione ambientale a cvm, quantunque per valori inferiori al TLV, unicamente nel reparto soffiaggio che, stante l istruttoria del caso, non rappresenta ambiente di lavoro dell assicurato». Come si evince, dunque, dalle notizie di specifica, veniva esibito all INAIL certificato medico attestante la sussistenza di correlazione causale tra linfoma immunoblastico non-hodgkin ed esposizione lavorativa a formaldeide. Nella predetta certificazione, veniva argomentato che «la esposizione a formaldeide, specialmente se in assenza di adeguati mezzi di protezione può aver determinato l insorgenza di una patologia che per caratteristiche cliniche e istologiche è coerente con il tipo di danno che la sostanza in oggetto determina. Anche il lasso di tempo trascorso dall inizio dell esposizione al primo manifestarsi della neoplasia (circa 10 anni) è coerente con un solido rapporto di causa-effetto». I sanitari INAIL non riconoscevano fondata la domanda del ricorrente ed escludevano la correlazione causale tra la patologia sofferta e l attività lavorativa svolta. Veniva, così, proposto ricorso da parte dell interessato prima e degli eredi successivamente, che attualmente non ha ancora avuto conclusione. Le neoplasie del sistema emolinfopoietico costituiscono un importante gruppo di patologie, rappresentando, nel loro complesso, circa il 9% di tutti i tumori maligni. Benché esse mostrino differenze geografiche meno accentuate della maggior parte dei tumori solidi, la loro incidenza è comunque più elevata nei paesi occidentali. Nessuna delle neoplasie del sistema emolinfopoietico, con la sola eccezione di linfomi non-hodgkin, ha presentato variazioni temporali di rilievo negli ultimi decenni; il solo 1153

10 linfoma non-hodgkin ha mostrato viceversa un trend in crescita in numerosi paesi industrializzati. Questa neoplasia è il quinto cancro più comune negli USA con circa nuovi casi stimati per il Sulla base dei dati raccolti nel periodo i tassi di incidenza annuali aggiustati per età hanno mostrato un incremento dell 80% circa con un incremento percentuale annuale di circa il 3%, incremento che è più veloce della maggior parte dei tumori. I linfomi maligni sono inoltre le malattie più frequenti nei soggetti di età compresa tra i 20 e i 40 anni1. Sulla base dei dati del National Cancer Institute americano, il tasso di incidenza di LHN negli uomini bianchi è passato dal 10,4 x abitanti nel 1973 a 19,0 x abitanti nel L incremento di incidenza del linfoma non-hodgkin non trova al momento alcuna spiegazione. I linfomi non-hodgkin correlati all AIDS spiegano in parte ma non del tutto l incremento di incidenza della malattia. Al contrario, l incidenza del linfoma di Hodgkin è ampiamente inferiore a quella del NHL, ed ha avuto un decremento del 16% dal 1970 ad oggi. L American Cancer Society ha predetto circa 7400 nuovi casi di Linfoma di Hodgkin nel 2000 negli USA. Soltanto una piccola parte di questo decremento può essere spiegato dalla cattiva classificazione del HD come NHL 3. Nel caso giunto alla nostra osservazione, l interessato risultava essere affetto in vita da linfoma gastrico primitivo non-hodgkin immunoblastico. A mente della classificazione istologica di Kiel, il linfoma immunoblastico (inserito tra i linfomi ad alto grado di malignità) è una neoplasia linfatica costituita essenzialmente da immunoblasti B o T, cioè da cellule voluminose, con citoplasma evidente ed intensamente basofilo e con nucleo evidente nel quale sono presenti uno o due grossi nucleoli centrali. L attività mitotica delle cellule è sempre molto elevata. Secondo la classificazione di Rappaport si tratta di linfomi istiocitari diffusi. Trattasi di istotipo molto rappresentato (il 10-20% di tutti i linfomi NH in America e il 55-75% in Giappone) che viene osservato in tutte le età, con un picco di maggiore incidenza nella 7 decade di vita. E un po più rappresentato nel sesso maschile che nel femminile. La prognosi di tali neoplasie è infausta, essendo il loro decorso rapidamente progressivo (con un trattamento chemioterapico aggressivo la sopravvivenza a 5 anni è compresa tra il 20 ed il 50% a seconda delle varie casistiche) 4. Migliore è la prognosi di tale istotipo nell infanzia (istotipo che è localizzato prevalentemente in sedi extralinfonodali, come lo stomaco), quando, in seguito a terapia aggressiva, si ottiene una sopravvivenza libera da malattia nell 80% dei casi. La sopravvivenza sembra ulteriormente aumentare quando, come nel caso di specie, si ricorre a terapie più avanzate come il trapianto di midollo. Sulla base di quanto premesso, è possibile ritenere che i linfomi non Hodgkin sono un eterogeneo gruppo di patologie proliferative del sistema linfatico il cui inquadramento nosologico non è stato ancora perfezionato e per le quali si utilizzano tuttora le più varie classificazioni istopatologiche. Di conseguenza, l epidemiologia della malattia (e delle sue numerose varianti istologiche) non è tuttora perfettamente nota. 1 Harrison: Principi di Medicina Interna. McGraw-Hill, Milano, 1995 (pag ). 2 National Cancer Institute: SEER Cancer Statisties Review Baris D., Zahm SH: Epidemiology of lymphomas. Curr Opin Oncol 2000; 12(5); Deodori U.: Trattato di Medicina Interna. Quarta edizione. SEU, Roma, 1987 (volume III, pag ). 1154

11 Dai dati in nostro possesso, comunque, sembrerebbe evincersi che, benché tutte le età possano essere colpite, l incidenza di NHL aumenterebbe con l aumentare dell età. Le cause delle patologie del sistema emolinfopoietico sono ancora in gran parte sconosciute. I fattori di rischio certi (radiazioni ionizzanti, agenti chemioterapici e benzene per le leucemie, l immunodepressione per i linfomi non-hodgkin) rendono conto solo di una quota assai limitata dei casi che si verificano nella popolazione, mentre restano ancora aperti numerosi quesiti sul ruolo causale di molti agenti biologici, fisici e chimici, ed in particolare sui rischi connessi con l esposizione a fattori di rischio occupazionali5. Numerosi studi hanno evidenziato un eccesso di linfoma non-hodgkin, linfoma di Hodgkin, leucemia e mieloma multiplo presso gli agricoltori. E stato ipotizzato un possibile ruolo di virus zoonotici ed alcuni studi hanno evidenziato un associazione con l esposizione ad alcune classi di pesticidi. In particolare, la letteratura mostra un eccesso di linfomi non-hodgkin tra i lavoratori professionalmente esposti ad erbicidi fenossiacetici e a insetticidi non arsenicali6. Eccessi di linfoma non-hodgkin (e di mieloma multiplo e leucemia linfatica cronica) sono emersi in studi effettuati su lavoratori esposti a solventi organici, in particolare a solventi clorurati, nell industria chimica e petrolchimica e della gomma 7. L esposizione a solventi sarebbe peraltro più legata alla localizzazione sopradiaframmatica del linfoma. Tra i solventi imputati di aumentare il rischio di Linfoma non-hodgkin abbiamo il tricoloetilene per il quale è stato osservato un incremento (non statisticamente significativo) del rischio (RR = 1.5, 95% CI ) 8, il benzene, che è risultato un potente leucemogeno e linfomogeno anche negli animali da esperimento 9 ; anche per il tetracloroetilene ed il tetracloruro di carbonio è stato ipotizzato, e talvolta dimostrato, l incremento del rischio di NHL 10. Un campo di indagine di grande interesse è il ruolo dell immunodepressione. Il rischio di contrarre linfoma non-hodgkin è fortemente aumentato tra gli immunodepressi, in particolare tra coloro che hanno acquisito una immunodepressione da farmaci a seguito di trapianti di organi o tra gli affetti dalla sindrome da immunodepressione acquisita per infezione da HIV 11. Un alterata risposta immunologica, in particolare la deplezione della frazione T4 linfocitaria, potrebbe favorire l induzione di linfomi di tipo B. Queste evidenze hanno giustificato una evoluzione degli studi scientifici verso la ricerca del nesso di causalità tra xenobiotici professionali ed immunosoppressione. Alcuni solventi di comune uso lavorativo sono risultati tossici per il sistema immunitario, determinando una riduzione dei linfociti T in soggetti esposti Hardell L., Axelson O.: Environmental and occupational aspects on the etiology of non-hodgkin lymphoma. Oncology Research, 1998; 10: Hoar Zahm S., Blair A: Pesticides and non-hodgkin lymphoma. Cancer Research, 1992; 52: 5485s-5488s. 7 Cartwtight RA, McKinney PA, O Bien C et al: Non Hodgkin Lymphoma: case-control epidemiological study in Yorkshire. Leuk Res, 1988; 12: Wartenberg D., Reyner D., Scott CS.: Trichloroethylene and cancer: epidemiologic evidence. Environ Health Perspect 2000; 108 Suppl 2: O Connor SR., Farmer PB., Lauder I.: Benzene and non-hodgkin s lymphoma. J Pathos. 1999; 189 (4): Lynge E., Antila A., Hemminki K: Organic solvents and cancer. Cancer Causes Control 1997; 8(3): Levine AM: Non Hodgkin s lymphomas and other malignancies in the acquired immune deficiency syndrome. Sem Onc, 1987; 14: Moszczynsky P: Organic solvents and T-lymphocytes. Lancet, 1981; i:

12 Alcuni insetticidi e la tetra-clorodibenzo-para-diossina (TCDD), possibile contaminante degli erbicidi fenossiacetici, hanno mostrato sperimentalmente un effetto immunodepressivo Si può ipotizzare che l immunodepressione costituisca una tappa patogenetica comune ad agenti causali diversi. Infatti, Le sostanze chimiche come acidi fenossiacetici, clorofenoli, diossine, solventi organici, policlorobifenili, clordane e farmaci immunosoppressori sono stati associati con la malattia. Anche la luce UV e le trasfusioni di sangue sono state ipotizzate come possibili fattori di rischio. Ciononostante, conclusive evidenze circa la associazione causale tra NHL e questi fattori di rischio non sono state stabilite, ma le osservazioni sperimentali e cliniche indicano che tutte queste esposizioni hanno in comune il fatto che possono compromettere il sistema immunitario. Inoltre, alterazioni del sistema immunitario congenite o acquisite come disordini autoimmuni aumentano il rischio di NHL15. Diversi studi epidemiologici hanno mostrato la presenza di un eccesso di rischio nel contrarre linfomi non-hodgkin per gli addetti alla attività di parrucchiere e barbiere La IARC ha classificato tale attività tra quelle che possono comportare un rischio di cancro per l uomo 18 (Gruppo 2A - probabile cancerogeno 19 ); nella monografia in calce citata, l evidenza di che trattasi è riferita per il rischio di neoplasie della vescica, mentre sembra essere più limitata per il linfoma non-hodgkin. Anche l uso di coloranti per capelli è stato associato all aumento di linfomi non- Hodgkin, leucemie, mieloma In quest ultimo caso però la IARC, nella medesima monografia sopra citata, ha classificato tale attività nell ambito del Gruppo 3 (non classificabile) 22. Una ricerca multicentrica di grande interesse (condotta in 12 diverse zone d Italia) che ha aperto nuove prospettive nello studio della associazione tra malattie emolinfopoietiche e 13 Banarjee BD: Effects of subchronic DDT exposure on humoral and cell-mediated immune response in albino rats. Bull Environ Contam Toxicol, 1987; 39: Lilienfeld DE, Gallo MA: 2,4-D, 2,4,5-T and 2,3,7,8-TCDD: an overview. Epidemiologic Rev, 1989; 11: Hardell L, Axelson O: Environmental and occupational aspects on the etiology of non-hodgkin's lymphoma. Oncol Res 1998;10(1): Blair A, Linos A, Sewart PA, et al.: Evaluation of risks for non-hodgkin s lymphoma by occupation and industry exposures from a case-control study. Am J Ind Med, 1993; 23: Giles GG, Lickiss JN, Baikie MJ et al.: Myeloproliferative and lymphoproliferative disorders in Tasmania, : occupational and familial aspects. J Natl Cancer Inst, 1984; 72: International Agency for Research on Cancer (IARC): Occupational exposures of har-dressers and barbers and personal use of hair colourants; some hair dyes, cosmetic colourants, industrial diestuffs and aromatic amines. Lyon: IARC, 1993 (IARC Monographs on the evaluation of carcinogenic risks of chemicals to humans, n 57). 19 Nella classificazione dell evidenza qualitativa di cancerogenicità IARC, le ricerche su un prodotto (o su una attività lavorativa) classificata nel gruppo 2A (probabile cancerogeno per l uomo), hanno mostrato limitata evidenza nell uomo in studi epidemiologici e sufficiente negli animali da laboratorio o, in casi eccezionali, sufficiente negli animali in presenza di dati pertinenti. 20 Cantor KP, Blair A, Everett GD, et al.: Hair dye use and risk of leukemia and lymphoma. Am J Publ Health, 1988; 78: Zahm SH, Weisenburger DD, Babbit PA, et al.: Use of hair coloring products and the risk of lymphoma, multiple myeloma and chronic lymphocytic leukaemias. Am J Public Health, 1992; 82: Nella classificazione dell evidenza qualitativa di cancerogenicità IARC, le ricerche su un prodotto (o su una attività lavorativa) classificata nel gruppo 3 (non classificabile), hanno mostrato evidenza inadeguata nell uomo e inadeguata o limitata negli animali da laboratorio. 1156

13 professioni, è quello condotto nel nostro Paese da un gruppo di esperti e pubblicato su Epidemiology nel gennaio Lo studio ha mostrato un incremento del rischio di LNH (non statisticamente significativo) presso gli uomini impiegati in qualità di: 1) cuochi, camerieri, baristi (Odds ratio: 1.5; CI 95%: ); 2) domestici, custodi di edifici, addetti alle pulizie (Odds ratio: 1.9; CI 95%: ); 3) addetti di lavanderia, pulitori a secco e stiratori (Odds ratio: 1.6; CI 95%: ). E interessante notare che per gli operatori dell industria chimica (esposti ai più svariati prodotti chimici) è stato osservato un rischio relativo inferiore all unità (pari a 0.9). Un recente documento dell Environmental Protection Agency americana (EPA24), ha fatto il punto su 16 sostanze chimiche per le quali la letteratura ha inequivocabilmente mostrato effetti leucemogeni e linfomogeni nell uomo e negli animali da esperimento, e su 10 sostanze chimiche (classificate nel gruppo 2A IARC) per le quali esiste il fondato sospetto di effetti leucemogeni/linfomogeni. Tra queste sostanze, quelle imputate di effetti linfomogeni nell uomo, si annoverano: il cloruro di vinile monomero, l etilene (per i quali il rischio viene definito relativamente debole e la loro collocazione da parte di IARC nel gruppo 1 è legata, per il cloruro di vinile, alla documentata possibilità di causare tumori in altri organi e, per quanto riguarda l ossido di etilene, sulla base di dati sperimentali, e non già della positività degli studi epidemiologici), la ciclosporina, l azatioprina e l 1,3 butadiene. Ciò che è importante sottolineare è che, nel caso di specie, l assicurato, nell ambito della sua attività lavorativa non sembra essere venuto a contatto con nessuna di tali sostanze. Al termine di questa discussione circa i dati di letteratura sulla associazione tra NHL ed esposizione professionale, è di grande interesse riportare la ricerca di (Tatham et al., ) che non è stata in grado fino in fondo di correlare il sottotipo istologico con l esposizione professionale. Gli autori hanno però evidenziato due associazioni significative: la prima, tra esposizione a solventi e linfomi diffusi a piccole cellule [odds ratio (OR) = 1.60; 95% confidence interval (CI) = ], l altra, tra lavorazione/ confezionamento della carne e linfomi follicolari (OR = 1.60; 95% CI = ). Non è stata viceversa osservata alcuna associazione tra linfomi diffusi a grandi cellule ed esposizione professionale. Tale aspetto del problema renderà, nel caso di specie, ancora più complessa la nostra ricerca dell eventuale nesso causale. Per quanto attiene ai fattori extra-professionali di rischio, un ruolo di rilievo sembra essere giocato dalla immunosoppressione primitiva e secondaria, da fattori genetici e familiari, dalle infezioni virali e batteriche e da alcune condizioni mediche e iatrogene 26. Circa l associazione tra infezioni e NHL, un recente campo di ricerca attiene all Helicobacter pylori, accomunato con il linfoma gastrico da importanti legami biologici e da alcune coincidenze storiche singolari. 23 Costantini AS, Miligi L, Kriebel D, Ramazzotti V, Rodella S, Scarpi E, Stagnaro E, Tumino R, Fontana A, Masala G, Vigano C, Vindigni C, Crosignani P, Benvenuti A, Vineis P: A multicenter case-control study in Italy on hematolymphopoietic neoplasms and occupation. Epidemiology 2001;12(1): Environmental Protection Agency (EPA): Chemical and Radiation Leukemogenesis in Humans and Rodents and the Value of Rodents Models for Assessing Risks of Lymphohematopoitic Cancers. U.S. -EPA Washington DC (EPA/600/R-97/090), May, Tatham L, Tolbert P, Kjeldsberg C: Occupational risk factors for subgroups of non-hodgkin's lymphoma.epidemiology 1997;8(5): Baris D, Zahm SH: Epidemiology of lymphomas. Current Opinion in Oncology, 2000; 12:

14 In oltre il 90% dei pazienti con linfoma gastrico è presente il microrganismo; nella mucosa adiacente viene evidenziata una gastrite follicolare, pattern costante di risposta all'infezione da H. pylori, in cui il tessuto linfoide mostra caratteri simili per organizzazione e fenotipo al MALT. Negli anni successivi la relazione fra H. pylori e linfoma gastrico primitivo si dimostra sempre più stretta, conferendo all'h. pylori un importante ruolo eziopatogenetico nello sviluppo del linfoma gastrico primitivo. Le evidenze epidemiologiche, morfologiche e cliniche che legano H. pylori e LGP sono, ormai, numerose e significative. Gli studi sull argomento hanno mostrato che l'infezione da H. pylori si associa allo sviluppo di linfomi gastrici, ma non a linfomi NH di altre sedi corporee; che il rischio di sviluppare un linfoma gastrico primitivo è più elevato (6 volte) in soggetti H. pylori positivi; che l'infezione precede di anni la diagnosi di linfoma gastrico. Non a caso lo IARC ha classificato l H. pylori come un cancerogeno certo per l uomo (Gruppo 1)27. Ancora più interessanti sono gli studi di Vineis e coll. 28 che hanno evidenziato come i soggetti con diagnosi di ulcera peptica avevano un rischio di oltre 5 volte superiore di sviluppare un linfoma non-hodgkin gastrico rispetto ai controlli con assenza della malattia ulcerosa (RR = 5.6; CI: ). Se sufficientemente chiara è l associazione tra linfoma non-hodgkin e i fattori di rischio sopra indicati, controverso è il ruolo esercitato dallo stile di vita e, più in particolare, dal fumo di tabacco nella genesi dell affezione. Gli studi più di recente condotti sembrerebbero negare l associazione tra abitudine al fumo di tabacco (attuale o pregressa) e rischio di linfoma non-hodgkin 29. Secondo i risultati di una recente ricerca, il rischio sarebbe più elevato nei fumatori giovani rispetto ai fumatori ultra-quarantenni, con rischi relativi che decrescono da 2.8 presso i soggetti di età compresa tra 32 e 44 anni a 1.1 per i soggetti con oltre 55 anni di età 30. Infine, controversi risultano i risultati delle ricerche circa l associazione tra attività fisica (occupazionale e non) e rischio di linfoma non-hodgkin, come inconclusivi sono gli studi di associazione tra esposizione a luce solare e la malattia. In entrambi i casi, le ricerche più recenti sembrerebbero negare tali associazioni Fin qui le evidenze epidemiologiche (disponibili in letteratura) circa l associazione tra Linfoma non-hodgkin e fattori professionali ed extra-professionali di rischio. 27 International Agency for Research on Cancer (IARC): Infection with Helicobacter Pylori. Lyon: IARC, 1994 (IARC Monographs on the evaluation of carcinogenic risks of chemicals to humans, n 60). 28 Vineis P, Crosignani P, Sacerdote C et al.: Hematopoietic cancer and peptic ulcer: a multicenter case-control study. Carcinogenesis, 1999; 20: Holly EA, Lele C, Bracci PM et al.: Case-control study of non-hodgkin s lymphoma among women and heterosexual men in the S. Francisco Area, California. Am J Epidemiology, 1999; 150: Freedman DS, Tolbert PE, Coates R, Brann EA, Kjeldsberg CR: Relation of cigarette smoking to non- Hodgkin's lymphoma among middle-aged men. Am J Epidemiol 1998;148(9): Zahm SH, Hoffman-Goetz L, Dosemeci M, Cantor KP, Blair A: Occupational physical activity and non- Hodgkin's lymphoma.med Sci Sports Exerc 1999;31(4): Adami J, Gridley G, Nyren O, Dosemeci M, Linet M, Glimelius B, Ekbom A, Zahm SH: Sunlight and non-hodgkin's lymphoma: a population-based cohort study in Sweden. Int J Cancer 19991;80(5): Freedman DM, Zahm SH, Dosemeci M: Residential and occupational exposure to sunlight and mortality from non-hodgkin's lymphoma: composite (threefold) case-control study. BMJ 1997;314(7092):

15 Veniamo ora ai numerosi prodotti chimici ai quali il ricorrente è stato esposto nel corso della prima parte della propria attività lavorativa, quand egli era impiegato come operaio presso il reparto miscelazione liquidi di una azienda di produzione detersivi, partendo da formaldeide, cloroformio, stirene, zeolite silico alluminato sodico, per alcuni dei quali, comunque, l esposizione non risulta provata. Abbiamo considerato questi prodotti alla luce delle attuali conoscenze scientifiche in tema di effetti cancerogeni, in base alla classificazione prodotta dalla International Agency for Research on Cancer di Lione (IARC). A scopo esemplificativo, possiamo dire che tale Agenzia, sulla base dei rilievi sugli animali da esperimento e degli studi epidemiologici sull uomo ha classificato numerosi agenti chimici in 5 gruppi. Gruppi Gradi di evidenza di cancerogenicità GRUPPO I: Cancerogeno accertato per l uomo Sufficiente evidenza nell uomo GRUPPO 2A: Probabile cancerogeno per l uomo Limitata evidenza in studi epidemiologici nell uomo e sufficiente negli animali da laboratorio GRUPPO 2B: Possibile cancerogeno per l uomo Limitata evidenza in studi epidemiologici nell uomo e limitata negli animali da laboratorio GRUPPO III: Non classificabile Inadeguata evidenza in studi epidemiologici nell uomo e inadeguata o limitata negli animali da laboratorio GRUPPO IV: Probabile non cancerogeno per l uomo Assenza di cancerogenicità nell uomo e nell animale. Per inciso riferiamo che l Istituto di Medicina del Lavoro, territorialmente competente, tra il 1994 e il 1995 condusse, presso la predetta Azienda, una serie di rilevazioni ambientali che è stato possibile acquisire: tali rilevazioni sono contenute in una relazione, alla lettura della quale si evince quanto segue: a) Le concentrazioni di formaldeide riscontrate nel reparto liquidi erano di 0.09 e 0.02 mg/m3, rispettivamente presso le postazioni operatore e zona N 8 ; b) Le concentrazioni di acido cloridrico riscontrati in tutte le posizioni del reparto WC NET, sia nella zona preparazione, sia lungo la linea, il confezionamento, le etichettatrici e la zona riempitrici sono risultate sempre inferiori a 0.5 ppm. c) Le concentrazioni del materiale particolato totale, comprendente polveri e materiale aerodisperso liquido (ad esempio oli), riscontrati nel reparto liquidi erano, per quanto riguarda le polveri totali di 1.22, 0.42, 0.43 mg/m3, rispettivamente nelle postazioni operatore creta silicea, zona creta silicea e zona ossido di alluminio ; nelle prime due postazione la frazione respirabile era di 0.49 e 0.14 mg/m3 e la concentrazione di silice era di 0.11 e < di 0.01 mg/m3. Successivamente, dopo alcuni anni (1998), sempre presso il reparto preparazione liquidi vennero nuovamente monitorati due inquinanti: a) la formaldeide, che risultò pari a e mg/m3 rispettivamente nella zona 1 operatore e primo piano fonte serbatoio ; 1159

16 b) i l 1,4 diossano risultato pari a 1.5 mg/m3 nella zona quadro elettrico diossan stripper. Come è possibile osservare dai risultati del monitoraggio ambientale, la formaldeide è risultata a livelli di concentrazione pressoché trascurabili (il TLV ACGIH per la formaldeide è 0,37 mg/m3), così come l 1,4-diossano (il TLV ACGIH per 1,4-diossano è 90 mg/m3). Esaminiamo, ora, le predette sostanze: Formaldeide. La IARC ha classificato tale sostanza tra quelle probabilmente cancerogene per l uomo [limitata evidenza di cancerogenicità nell uomo, sufficiente per gli animali da esperimento] (Gruppo 2A); la monografia alla quale facciamo riferimento, che è la più aggiornata in materia, è del Al proposito, è indispensabile aggiungere che la classificazione è riferita all eccesso di rischio per i tumori nasofaringei; per quanto riguarda le neoplasie linfoemopoietiche, così si esprime la monografia: «the studies of industrial cohorts also showed low or no risk for lymphatic or haematopoietic cancers» (gli studi sui lavoratori industriali ha anche mostrato un rischio basso o l assenza di rischio per tumori linfatici o ematopoietici). Già i risultati di uno studio condotto precedentemente alla pubblicazione del rapporto IARC avevano sollevato dubbi sulla riconducibilià del linfoma Non-Hodgkin all esposizione a formaldeide 35. Questi dati inequivocabilmente contraddicono, nella specie, la richiesta del ricorrente, che, da un lato si basa su acquisizioni scientifiche datate, in quanto risalenti al 1987, dall altro, non tiene nel debito conto l organotropismo del prodotto chimico, il quale, ammesso che sia in grado di causare neoplasie, queste ultime interesserebbero tipologie cellulari del tutto diverse dal sistema emolinfopoietico. Cloroformio. La IARC ha classificato tale sostanza tra quelle possibilmente cancerogene per l uomo [inadeguata evidenza di cancerogenicità nell uomo, sufficiente negli animali da esperimento] (Gruppo 2B) 36 ; anche in questo caso, la classificazione è riferita a neoplasie della vescica, del colon-retto, del polmone, della prostata e del rene e non già a neoplasie del sistema emolinfopoietico. Stirene. La IARC ha classificato tale sostanza tra quelle possibilmente cancerogene per l uomo [evidenza di cancerogenicità inadeguata nell uomo, sufficiente negli animali da esperimento] (Gruppo 2B) 37. In questo caso, gli studi epidemiologici sull uomo condotti dall Agenzia (prevalentemente lavoratori impiegati nell industria della gomma), non hanno mostrato un eccesso di rischio per tumori linfoemopoietici negli esposti. Zeolite. La IARC ha classificato tale sostanza non classificabile per il rischio di cancro per l uomo [inadeguata evidenza di cancerogenicità sia nell uomo, sia negli animali da esperimento] (Gruppo 3) International Agency for Research on Cancer (IARC): Formaldheyde. Lyon: IARC, 1995 (IARC Monographs on the evaluation of carcinogenic risks of chemicals to humans, n 62). 35 Partanen T, Kauppinen T, Luukkonen R, Hakulinen T, Pukkala E: Malignant lymphomas and leukemias, and exposures in the wood industry: an industry-based case-referent study. Int Arch Occup Environ Health 1993;64(8): International Agency for Research on Cancer (IARC): Chloroform. Lyon: IARC, 1999 (IARC Monographs on the evaluation of carcinogenic risks of chemicals to humans, n 73). 37 International Agency for Research on Cancer (IARC): Styrene. Lyon: IARC, 1994 (IARC Monographs on the evaluation of carcinogenic risks of chemicals to humans, n 60). 38 International Agency for Research on Cancer (IARC): Zeolites other tha erionite. Lyon: IARC, 1997 (IARC Monographs on the evaluation of carcinogenic risks of chemicals to humans, n 68). 1160

17 Considerato che nel 1998 venne misurata la concentrazione di 1,4-diossano nell aria del reparto miscelazione liquidi, benché la presenza di tale prodotto non veniva segnalata dall interessato, abbiamo comunque proceduto alla verifica, sui dati di letteratura internazionale del potenziale tossico di questo prodotto. 1,4-diossano. La IARC ha classificato tale sostanza tra quelle possibilmente cancerogene per l uomo [evidenza di cancerogenicità inadeguata nell uomo, sufficiente negli animali da esperimento] (Gruppo 2B)39. Anche in questo caso si è rilevato che l organotropismo della sostanza, negli animali da esperimento, non riguarda il tessuto emolinfopoietico, bensì il fegato, la cistifellea, le cavità nasali e, con qualche dubbio, il polmone dei ratti. Esaminati i dianzi detti prodotti (nessuno dei quali, come abbiamo appena visto, è classificato nel gruppo 1 dallo IARC), occorrerà a questo punto, prendere in rassegna, per ciò che è stato possibile, il lungo elenco di prodotti che il lavoratore stesso ha dichiarato di avere utilizzato. A tal fine, ci siamo avvalsi, laddove possibile, delle schede tecniche e di sicurezza che ha fornito l Azienda; in mancanza di esse, dei dati disponibili dalla letteratura scientifica. L Azienda ha fornito n 30 schede tecniche e di sicurezza relative ai prodotti che venivano utilizzati nel periodo durante il quale risultava in servizio l interessato. Dall attenta analisi di ciascuna di esse, si evidenzia come nessuno dei prodotti (peraltro largamente rappresentati nell elenco fornito dal lavoratore) utilizzati presso il reparto miscelazione liquidi, fosse classificato come cancerogeno. Ci riferiamo, particolarmente ai seguenti prodotti (utilizzati in formulazione liquida o solida): acido acetico, acido cloridrico, acido di cocco, profumi, cere, alcuni coloranti (E102 Giallo, E131 Blu Patent, Giallo Uranina, Verde Xilene40), paraffine, nonilfenolo etossilato (Chimipal WN 6), Tetrapotassio pirofosfato (TKPP), acido alchil benzen solfonico, alchil fenolo etossilato, sodio alchil etossi solfato, silicoalluminato di sodio. Tra i prodotti chimici utilizzati dal lavoratore, alcuni, sempre presenti allo stato liquido, contenevano ossido di etilene. Ci riferiamo, in particolare, ai seguenti prodotti: nonilfenolo condensato con 9,5 moli di OE, nonilfenolo etossilato con 12 moli di OE, alcol condensato con 11 moli di OE, alcol condensato con 7 moli di OE, alcol condensato con 7 moli di OE e di PO, glicole monoetilenico condensato con 7.7 moli di OE. Anche in tali casi, la attenta lettura delle schede tecniche e di sicurezza che ha fornito l Azienda ha dato esito negativo per la possibilità di effetti cancerogeni legati alla esposizione ai suddetti prodotti. Ciò detto, di seguito passeremo in rassegna tutti i prodotti chimici con i quali il lavoratore dichiarò di essere venuto a contatto, relativamente alle esigenze di cancerogenicità tratte dalla letteratura internazionale. 39 International Agency for Research on Cancer (IARC): 1,4-dioxane. Lyon: IARC, 1999 (IARC Monographs on the evaluation of carcinogenic risks of chemicals to humans, n 71). 40 La ricerca sulle pubblicazioni IARC ha inoltre permesso di evidenziare che nessuno di rossi utilizzati abbia caratteristiche di cancerogenicità. 1161

18 PRODOTTO Acid Red 52 (CI 45100) Acido acetico tecnico (glaciale) 80% Acido citrico Acido cloridrico 21B Acido di cocco Acido duodecilbenzen Solforico Acido fosforico 75% Alcol condensato con 7 e 11 moli di OE Alcol condensato con 7 moli di OE e di PO Alcol Etere Solfatato Sodico Alcol Isopropilico Alcol Solfato Sodico Ammonio cloruro EVIDENZE DI CANCEROGENICITA Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda e quella tratta dalla letteratura non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno 41. Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. La scheda tecnica e di sicurezza del prodotto non attribuisce allo stesso proprietà cancerogene 42. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. Classificazione ACGIH: A4. Dalla scheda tecnica e di sicurezza risulta la possibilità di neoplasie naso-faringee nella produzione dell alcol isopropilico con il processo dell acido forte 43. Dalla analisi delle monografie IARC, il composto è classificato nel gruppo 3 (non classificabile per il rischio cancerogeno nell uomo) 44. Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. 41 New Jersey Department of Health and Senior Services: Hazardous Substance Fact Sheet. Acetic Acid, June Redox chemical PTY LTD. Material Safety Data Sheet according to criteria of Worksafe Australia. Cictric Acid. Jan New Jersey Department of Health and Senior Services: Hazardous Substance Fact Sheet. Isopropyl Alcohol, January International Agency for Research on Cancer (IARC): Isopropyl alcohol manufacture (strong-acid process), Isopropyl alcohol and Isopropyl oils. Lyon: IARC, 1987 (IARC Monographs on the evaluation of carcinogenic risks of chemicals to humans, Supplemento n. 7). 1162

19 PRODOTTO Antischiuma SRE Blu E 131 (CI ) Blu E131 (CI 42051) Blu Iragon LUC (CI 61585) Brisquest S Brisquest ADPA 60A (Sol. amino-alchil fosfonata) Cera carnauba Nacar scaglie Cera KSL sintetica scaglie Cera Sasolwax A 12 Chimipal AC/9F (nonilfenolo tossilato Cloroacetamide Coccodietonalammide Colorante Blu E131 Colorante Flavinia EVIDENZE DI CANCEROGENICITA La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non Evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. Non sono disponibili informazioni su cloroacetamide. Le informazioni su acetamide, tratta dalla analisi delle monografie IARC, permettono di collocare la sostanza nel gruppo 2B (possibile cancerogeno) 45. Verosimilmente, si tratta della coccodietanolamina, un prodotto liquido utilizzato come detergente. La scheda tecnica e di sicurezza della dietanolamina non ha evidenziato proprietà cancerogene del prodotto 46. Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. Dodecildistearil ammonio La scheda tecnica e di sicurezza dell ammonio cloruro non cloruro ha evidenziato proprietà cancerogene del prodotto International Agency for Research on Cancer (IARC): Acetamide. Lyon: IARC, 1999 (IARC Monographs on the evaluation of carcinogenic risks of chemicals to humans, n 71). 46 New Jersey Department of Health and Senior Services: Hazardous Substance Fact Sheet. Diethanolamine, Ottobre New Jersey Department of Health and Senior Services: Hazardous Substance Fact Sheet. Ammonium Chloride, Ottobre

20 PRODOTTO E102 Giallo (CI 42051) EVIDENZE DI CANCEROGENICITA Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. Edta sodico (Etilen diammino La scheda tecnica e di sicurezza non ha evidenziato tetra acetico) proprietà cancerogene del prodotto 48. Emulsionante 2106 Erio Rosso XB 400 (CI 45100) Essenza Arco Iris 79219S Formalina (24%) Giallo Uranina (CI 45350) Glicole monoetilenico cond. con 7.7 moli di OE Imbiancante ottico n. 2 Ipoclorito di sodio 15% Lutensol ON 60 Lytron 621 (Stirene polimero) Maxacal LS Neolan E3G (C43) Ossido di alluminio La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. Dalla analisi delle monografie IARC, questo prodotto non risulta nell elenco dei cancerogeni. Non è stato possibile rinvenire osservazioni documentali su tale prodotto. Vedere precedente discussione. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. Pur essendovi evidenze di teratogenicità, il glicole etilenico non viene considerato un cancerogeno (scheda tecnica e di sicurezza) 49. Non è stato possibile rinvenire osservazioni documentali su tale prodotto. Dalla analisi delle monografie IARC, il composto, che risulta inserito nel gruppo dei sali ipocloriti, è classificato nel gruppo 3 (non classificabile per il rischio cancerogeno nell uomo) 50. Il Lutensol è un acido grasso etossilato. Dall analisi della scheda tecnica e di sicurezza non sono emerse proprietà cancerogene del prodotto 51. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. E un prodotto costituito da una proteasi ad elevato ph prodotto da batteri alcalofili, in particolare, Bacillus sp. La scheda tecnica e di sicurezza fornita dall azienda non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno. La scheda tecnica e di sicurezza tratta dalla letteratura non evidenzia la presenza di rischio cancerogeno New Jersey Department of Health and Senior Services: Hazardous Substance Fact Sheet. Ethylenediamine tetra-acetic acid, Gennaio Redox chemical PTY LTD. Material Safety Data Sheet according to criteria of Worksafe Australia. Ethylene Glycol. Giugno International Agency for Research on Cancer (IARC): Hypochlorite salts. Lyon: IARC, 1991 (IARC Monographs on the evaluation of carcinogenic risks of chemicals to humans, n 52). 51 Redox chemical PTY LTD. Material Safety Data Sheet according to criteria of Worksafe Australia. Lutensol. Jan New Jersey Department of Health and Senior Services: Hazardous Substance Fact Sheet. Aluminium oxide, Novembre

L INCIDENZA DEI TUMORI A PAESE (anni 1990 2002).

L INCIDENZA DEI TUMORI A PAESE (anni 1990 2002). L INCIDENZA DEI TUMORI A PAESE (anni 199 22). L incidenza dei tumori (o numero di nuovi casi per anno) nella popolazione di Paese è aumentata nel periodo 199-22 (+.8% nei maschi e +1% nelle ) in maniera

Dettagli

Epidemiologia dei tumori professionali

Epidemiologia dei tumori professionali Epidemiologia dei tumori professionali L. Miligi U.O. di Epidemiologia Ambientale Occupazionale, ISPO, Istituto per lo studio e la Prevenzione Oncologica, Firenze La sorveglianza sanitaria in esposti ad

Dettagli

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA ANZIANI E TUMORI L invecchiamento è un fattore determinante nello sviluppo del cancro. Con l avanzare dell età, infatti, viene meno la capacità di riparazione cellulare dell organismo. Nell anziano (over

Dettagli

Prof. Luigi Perbellini

Prof. Luigi Perbellini CANCEROGENESI PROFESSIONALE: CLASSIFICAZIONE DEI CANCEROGENI E VALUTAZIONE DEL RISCHIO Prof. Luigi Perbellini Medicina del Lavoro - Università di Verona Modello a stadi multipli per la cancerogenesi Fase

Dettagli

Il lungo ed insospettabile cammino delle sostanze inquinanti

Il lungo ed insospettabile cammino delle sostanze inquinanti Il lungo ed insospettabile cammino delle sostanze inquinanti Le sostanze inquinanti emesse da una ciminiera si allontanano fino a migliaia di chilometri dal punto di emissione mandando in fumo il concetto

Dettagli

Newsletter medico-legale

Newsletter medico-legale Newsletter medico-legale Via G. Paisiello, 43 00198 Roma Tel. 06/855631 a cura di Marco Bottazzi e Gabriele Norcia della Consulenza medico-legale Inca Cgil Numero 46 /2009 IARC: Valutazione di cancerogenicità

Dettagli

Lavoro Salute Sicurezza Ambiente Brescia28 Aprile 2015 Marina Mastrantonio ENEA UTTAMB-BRA

Lavoro Salute Sicurezza Ambiente Brescia28 Aprile 2015 Marina Mastrantonio ENEA UTTAMB-BRA Analisi dei dati epidemiologici Lavoro Salute Sicurezza Ambiente Brescia28 Aprile 2015 Marina Mastrantonio ENEA UTTAMB-BRA La metodologia epidemiologica che si utilizza per indagare sui rapporti tra fattori

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

Indagini epidemiologiche sullo stato di salute della popolazione residente in prossimità dello stabilimento BASF Italia Srl (ex Engelhard)

Indagini epidemiologiche sullo stato di salute della popolazione residente in prossimità dello stabilimento BASF Italia Srl (ex Engelhard) Indagini epidemiologiche sullo stato di salute della popolazione residente in prossimità dello stabilimento BASF Italia Srl (ex Engelhard) Valutazione di fattibilità di studi caso-controllo e di studi

Dettagli

Morbosità oncologica ed inquinamento atmosferico. Dr. Fabrizio Limonta Direttore Dipartimento PAC ASL Lecco

Morbosità oncologica ed inquinamento atmosferico. Dr. Fabrizio Limonta Direttore Dipartimento PAC ASL Lecco Morbosità oncologica ed inquinamento atmosferico Dr. Fabrizio Limonta Direttore Dipartimento PAC ASL Lecco Premessa storica The Great Smog - Londra, Dicembre 1952 Inverno rigido ( consumo carbone) + inversione

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

IL RISCHIO DA UTILIZZO DI SOSTANZE CHIMICHE NELL ATTIVITA DI PARRUCCHIERE RIASSUNTO

IL RISCHIO DA UTILIZZO DI SOSTANZE CHIMICHE NELL ATTIVITA DI PARRUCCHIERE RIASSUNTO IL RISCHIO DA UTILIZZO DI SOSTANZE CHIMICHE NELL ATTIVITA DI PARRUCCHIERE L. Quaranta*, M.C. Casale**, P. La Pegna***, P. Ricciardi*** * INAIL - Direzione Centrale Prevenzione ** INAIL - Sovrintendenza

Dettagli

TUMORE VESCICALE & FATTORI DI RISCHIO AMBIENTALE

TUMORE VESCICALE & FATTORI DI RISCHIO AMBIENTALE FONDAZIONE GRUPPO STUDIO TUMORI UROLOGICI TUMORE VESCICALE & FATTORI DI RISCHIO AMBIENTALE Giornata informativa del paziente EPIDEMIOLOGIA Maschi Incidenza in Italia 57.5/100.000 ab/anno Mortalità 4193/anno

Dettagli

Tumori e fattori di rischio. Aliana Guerrieri Gonzaga Sustinente, 22/01/2011

Tumori e fattori di rischio. Aliana Guerrieri Gonzaga Sustinente, 22/01/2011 Tumori e fattori di rischio Aliana Guerrieri Gonzaga Sustinente, 22/01/2011 Premessa La parola tumore implica diversi concetti: tante patologie diverse (ne esistono oltre 150 tipi) malattie multi-fattoriali

Dettagli

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO 6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Gli indicatori di tipo sanitario utilizzati sono stati tratti dagli archivi organizzati e istituzionalizzati, quali i Registi di mortalità e

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

Rischio da cancerogeni IL ruolo del medico competente nella tutela della salute dei lavoratori esposti a cancerogeni/mutageni

Rischio da cancerogeni IL ruolo del medico competente nella tutela della salute dei lavoratori esposti a cancerogeni/mutageni http://prevenzione.ulss20.verona.it/ Verona 4 giugno 2012 Rischio da cancerogeni IL ruolo del medico competente nella tutela della salute dei lavoratori esposti a cancerogeni/mutageni Mario Gobbi - responsabile

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori Impatto del fumo sui tumori del polmone in provincia di Sondrio In Italia la neoplasia del polmone è il terzo tumore più comune nei maschi, dopo quello della prostata e quelli non melanomatosi delle cute,

Dettagli

Il danno dell inquinamento sui nostri amici animali

Il danno dell inquinamento sui nostri amici animali Il danno dell inquinamento sui nostri amici animali Per quasi tutta la vita gli animali domestici vivono a stretto contatto con i padroni che gli hanno adottati. Condividono con loro lo stesso ambiente,

Dettagli

Cancer risk among tetrafluoroethylene synthesis and polymerization workers

Cancer risk among tetrafluoroethylene synthesis and polymerization workers Cancer risk among tetrafluoroethylene synthesis and polymerization workers Consonni D, Straif K, Symons JM, et al. American Journal of Epidemiology - 2013 Elena Farina Journal Club 6 maggio 2014 Contesto

Dettagli

Campi elettromagnetici e tumori: la risposta della IARC

Campi elettromagnetici e tumori: la risposta della IARC Page 1 of 5 Campi elettromagnetici e tumori: la risposta della IARC Nel maggio 2011 l Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha classificato i campi elettromagnetici a radiofrequenza tra

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA. Epidemiologia dei tumori

ONCOLOGIA MEDICA. Epidemiologia dei tumori ONCOLOGIA MEDICA Epidemiologia dei tumori Sir Richard Doll 1912-2005 Definizioni L epidemiologia è una scienza che si occupa del rilevamento della distribuzione delle malattie nella popolazione (epidemiologia

Dettagli

Numero 41 /2015 Il lavoro delle donne e il tumore del seno: il punto sulle conoscenze (2)

Numero 41 /2015 Il lavoro delle donne e il tumore del seno: il punto sulle conoscenze (2) Numero 41 /2015 Il lavoro delle donne e il tumore del seno: il punto sulle conoscenze (2) oseguiamo la pubblicazione del rapporto pubblicato nell agosto 2015 dal Breast Cancer Fund statunitense *******

Dettagli

I tumori professionali La prevenzione possibile. Dr.ssa Sabrina Filiberto Dirigente Medico SPSAL-Jesi Area Vasta 2 ASUR Marche

I tumori professionali La prevenzione possibile. Dr.ssa Sabrina Filiberto Dirigente Medico SPSAL-Jesi Area Vasta 2 ASUR Marche I tumori professionali La prevenzione possibile Dr.ssa Sabrina Filiberto Dirigente Medico SPSAL-Jesi Area Vasta 2 ASUR Marche Cosa sono le neoplasie professionali? Sono neoplasie nella cui patogenesi abbiano

Dettagli

I. IL RUOLO DELLA PREVENZIONE PRIMARIA NELLA STRATEGIA DI CONTROLLO DEI TUMORI E DI ALTRE PATOLOGIE AMBIENTALI E PROFESSIONALI

I. IL RUOLO DELLA PREVENZIONE PRIMARIA NELLA STRATEGIA DI CONTROLLO DEI TUMORI E DI ALTRE PATOLOGIE AMBIENTALI E PROFESSIONALI 19/09/2012 Nota relativa agli incontri svolti, nelle settimane passate, tra la Fiom e il dott. Morando Soffritti, direttore scientifico del i Centro di Ricerca sul Cancro dell Istituto Ramazzini, volti

Dettagli

Risultati di una esperienza di ricerca attiva delle neoplasie professionali: il cancro della vescica

Risultati di una esperienza di ricerca attiva delle neoplasie professionali: il cancro della vescica Risultati di una esperienza di ricerca attiva delle neoplasie professionali: il cancro della vescica UOC Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro USL UMBRIA1 Perugia G.Miscetti, P.Bodo, E.P.Abbritti,

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

XXXIX Congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Milano, 28-30 Ottobre 2015

XXXIX Congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Milano, 28-30 Ottobre 2015 Dipartimento di Scienze Biomediche Sezione di Citomorfologia XXXIX Congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Milano, 28-30 Ottobre 2015 STUDIO MULTICENTRICO ITALIANO SULL INTERAZIONE GENI-AMBIENTE

Dettagli

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007)

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007) 5 La "cartella clinica" del Cesenate Conoscere quali sono le principali cause di morte e le malattie a maggior impatto sociale e sanitario in una popolazione può fornire utili indicazioni per l identificazione

Dettagli

Che cosa sono gli agenti cancerogeni e mutageni?

Che cosa sono gli agenti cancerogeni e mutageni? Che cosa sono gli agenti cancerogeni e mutageni? agente cancerogeno/mutageno 1. una sostanza che risponde ai criteri relativi alla classificazione quali categorie cancerogene 1 o 2, stabiliti ai sensi

Dettagli

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia Fabio Barbone Dip. di Scienze Mediche e Biologiche Università di Udine SOC Igiene ed Epidemiologia

Dettagli

Protezione da agenti cancerogeni

Protezione da agenti cancerogeni Protezione da agenti cancerogeni Testo unico in materia di Sicurezza D.Lgs 81/08 del 09.04.2008 (Titolo IX capo II) Le prescrizioni da applicare ai fini della protezione dei lavoratori da agenti cancerogeni

Dettagli

20/07/2014 TUMORI DEL SANGUE, MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA IN EUROPA MAGGIOR PARTE PATOLOGIE ITALIA E' IN MEDIA O SUPERIORE

20/07/2014 TUMORI DEL SANGUE, MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA IN EUROPA MAGGIOR PARTE PATOLOGIE ITALIA E' IN MEDIA O SUPERIORE 20/07/2014 TUMORI DEL SANGUE, MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA IN EUROPA MAGGIOR PARTE PATOLOGIE ITALIA E' IN MEDIA O SUPERIORE (ANSA) - ROMA, 20 LUG - Negli ultimi 11 anni e' cresciuta in Europa la sopravvivenza

Dettagli

Epidemiologia dei TUNS in Italia Registro Nazionale Tumori Nasali e Sinusali (ReNaTuNS)

Epidemiologia dei TUNS in Italia Registro Nazionale Tumori Nasali e Sinusali (ReNaTuNS) Epidemiologia dei TUNS in Italia Registro Nazionale Tumori Nasali e Sinusali (ReNaTuNS) Luciano Riboldi Clinica del Lavoro L. Devoto Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico - Milano CONTESTO

Dettagli

Oncologia e sigaretta elettronica

Oncologia e sigaretta elettronica Oncologia e sigaretta elettronica Prof. Umberto Tirelli Direttore Dipartimento di Oncologia Medica Istituto Nazionale Tumori di Aviano Il fumo rappresenta il più grande problema sanitario di oggi e lo

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO La leucemia acuta linfoide è una malattia non frequente (15% delle forme leucemiche) in cui vi è una proliferazione maligna di cellule linfoidi nel midollo, nel sangue

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione. Alessandra Tavani

Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione. Alessandra Tavani Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione Alessandra Tavani Scopo della epidemiologia Principali tipi di studi per epidemiologia analitica Tipi di analisi

Dettagli

L approccio vaccinale al cancro*

L approccio vaccinale al cancro* L approccio vaccinale al cancro* La vaccinazione è una tecnica mirata a stimolare una reazione immunologica dell organismo verso l'antigene o gli antigeni contenuti nel vaccino somministrato. Oggi i vaccini

Dettagli

I.P. Via A. Torlonia, 15-00161 ROMA - Tel. 06 4425971 - Fax 06 4425932 www.lilt.it - E.mail: sede.centrale@lilt.it. Tumore del polmone

I.P. Via A. Torlonia, 15-00161 ROMA - Tel. 06 4425971 - Fax 06 4425932 www.lilt.it - E.mail: sede.centrale@lilt.it. Tumore del polmone I.P. Via A. Torlonia, 15-00161 ROMA - Tel. 06 4425971 - Fax 06 4425932 www.lilt.it - E.mail: sede.centrale@lilt.it Tumore del polmone TUMORE DEL POLMONE Cos è il tumore del polmone? Dopo il tumore della

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA DEI MATERIALI

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA DEI MATERIALI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA DEI MATERIALI PARTE 1 - IDENTIFICAZIONE Nome del prodotto: Cartuccia Magenta BCI-3PM Codice del prodotto: Società produttrice: CANON INC. Distributore: CANON ITALIA S.p.A.

Dettagli

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAP 5 LA MORTALITA EVITABILE 5.1 LA MORTALITA EVITABILE PER TIPOLOGIA D INTERVENTO In accordo con quanto indicato dalla letteratura internazionale più recente e accreditata,

Dettagli

Qualità della vita in Italia: venti anni di studi attraverso l'indagine Multiscopo dell'istat

Qualità della vita in Italia: venti anni di studi attraverso l'indagine Multiscopo dell'istat Qualità della vita in Italia: venti anni di studi attraverso l'indagine Multiscopo dell'istat Roma, 27-28 gennaio 2015 La prevenzione del cancro: fattori di protezione e di rischio negli stili di vita

Dettagli

Igiene nelle Scienze motorie

Igiene nelle Scienze motorie Igiene nelle Scienze motorie Cause di malattia e fattori di rischio per la salute Misurare l incidenza di malattia equivale a valutare la probabilità (ossia il rischio) di avere nuovi casi di malattia

Dettagli

Tabella per l individuazione delle patologie causate dalla professione

Tabella per l individuazione delle patologie causate dalla professione Tabella per l individuazione delle patologie causate dalla professione Muratore Cementista Operaio Edile Addetto alle pulizie Operai metallurgici e meccanici Chimici e farmaceutici Industria delle materie

Dettagli

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Paola Zambon Registro Tumori del Veneto (IOV IRCCS) Manola Lisiero, Mario Saugo (SER) Belluno, 20 Ottobre 2011 Casi annui in Veneto stimati nel 2011 a partire

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche. Cattedra di Ematologia Centro Trapianti Midollo Osseo

Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche. Cattedra di Ematologia Centro Trapianti Midollo Osseo Nome ed Indirizzo Mangoni Marcellina ( Lina) Via Ruggero da Parma 3 43100 Parma Qualifica professionale Prof. Associato II Fascia Med /15 Dipartimento Medicina Interna e Scienze Biomediche Cattedra di

Dettagli

Il cancro nelle Marche

Il cancro nelle Marche Il cancro nelle Marche La mortalità per tumori nella regione Marche Nelle Marche (1.443.000 abitanti nel periodo 1992-95), secondo i dati ISTAT, ogni anno, muoiono per cancro circa 4.000 persone (2.413

Dettagli

Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica

Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica Le neoplasie dello stomaco Definizione etiopatogenetica Nelle forme avanzate della malattia compaiono alterazioni epiteliali precancerose -DISPLASIA: : Variazioni di dimensioni, forma e orientamento delle

Dettagli

Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C

Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C SOCIETA MEDICO-CHIRURGICA FERRARA Anastasio Grilli UO Malattie Infettive Universitaria Dipartimento Medico 19 settembre 2015 Epidemiologia e storia

Dettagli

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia Sergio Fava Oncologia medica Legnano Oncologia Medica E'una disciplina che derivata dalla Medicina Interna e dalla Oncologia

Dettagli

I SECONDI TUMORI PRIMARI DOPO IL TUMORE DELLA MAMMELLA: RISULTATI DELLO STUDIO EPIC (EUROPEAN PROSPECTIVE INVESTIGATION INTO CANCER AND NUTRITION)

I SECONDI TUMORI PRIMARI DOPO IL TUMORE DELLA MAMMELLA: RISULTATI DELLO STUDIO EPIC (EUROPEAN PROSPECTIVE INVESTIGATION INTO CANCER AND NUTRITION) Fulvio Ricceri, Carlotta Sacerdote, EPIC PI, Paolo Vineis I SECONDI TUMORI PRIMARI DOPO IL TUMORE DELLA MAMMELLA: RISULTATI DELLO STUDIO EPIC (EUROPEAN PROSPECTIVE INVESTIGATION INTO CANCER AND NUTRITION)

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

sintesi dei risultati

sintesi dei risultati sintesi dei risultati In questo primo rapporto collaborativo tra i registri tumori delle province emiliane di Parma, Reggio Emilia e Modena vengono presentati i dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza in provincia di Macerata

Incidenza, mortalità e sopravvivenza in provincia di Macerata 4.2 IL CANCRO NELLE MARCHE (Pannelli F) Fonti informative: ISTAT (Osservatorio della mortalità per tumori maligni nelle Marche dal 1980 al 2001); Registro tumori di popolazione della provincia di Macerata

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

Valutazione del rischio

Valutazione del rischio Valutazione del rischio Non si migliora ciò che non si misura. Anche in terapia dietetica se, come, quando e quanto intervenire sono decisione che si possono prendere solo a patto di poter valutare la

Dettagli

I RISCHI PER LA SALUTE NELL INDUSTRIA DI PRODUZIONE DI PNEUMATICI

I RISCHI PER LA SALUTE NELL INDUSTRIA DI PRODUZIONE DI PNEUMATICI I RISCHI PER LA SALUTE NELL INDUSTRIA DI PRODUZIONE DI PNEUMATICI di G. Maina, F. Rossi Dipartimento di Traumatologia Ortopedia e Medicina del Lavoro. Università di Torino SCDU Tossicologia ed Epidemiologia

Dettagli

Dott. Morando Soffritti

Dott. Morando Soffritti Istituto Nazionale B. Ramazzini Centro di Ricerca sul Cancro Cesare Maltoni IV GIORNATE MEDICHE DELL AMBIENTE SALSOMAGGIORE 5 Novembre 2009 Gli effetti a lungo termine delle basse dosi di inquinanti negli

Dettagli

IL COMPARTO DI GALVANICA NELLA PROVINCIA DI BELLUNO: RISCHIO CHIMICO/CANCEROGENO E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

IL COMPARTO DI GALVANICA NELLA PROVINCIA DI BELLUNO: RISCHIO CHIMICO/CANCEROGENO E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE IL COMPARTO DI GALVANICA NELLA PROVINCIA DI BELLUNO: RISCHIO CHIMICO/CANCEROGENO E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Dott.ssa Nicoletta De Marzo Belluno 22 gennaio 2016 Perché un intervento di comparto

Dettagli

New England Journal of Medicine Nature Medicine, Team di Stanley Hazen della Cleveland Clinic,

New England Journal of Medicine Nature Medicine, Team di Stanley Hazen della Cleveland Clinic, LA FLORA INTESTINALE POTREBBE ESSERE RESPONSABILE DI INFARTI E ICTUS DOVUTI alla produzione di un 'veleno' per le arterie, la molecola Tmao, (ossido di Trimetilammina) che viene prodotta da batteri presenti

Dettagli

Gli studi epidemiologici

Gli studi epidemiologici Gli studi epidemiologici STUDI OSSERVAZIONALI descrittivi STUDI OSSERVAZIONALI analitici: Ecologici Trasversali Caso-controllo Di coorte STUDI SPERIMENTALI : Trial controllati randomizzati Trial sul campo

Dettagli

Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico. Valutazione epidemiologica

Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico. Valutazione epidemiologica Verbania 22 febbraio 2003 Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico Ennio Cadum Area di Epidemiologia Ambientale ARPA Piemonte Valutazione epidemiologica È È stata condotta un analisi descrittiva

Dettagli

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2 Gli studi caso controllo Obiettivi Negli ultimi decenni questo modello di indagine è stato applicato soprattutto per lo studio delle malattie cronicodegenerative (le più frequenti cause di morte in tutti

Dettagli

Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole:

Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole: Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole: integrazione alle considerazioni conclusive riportate nella versione Ottobre 2013 AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLE MARCHE

Dettagli

RELAZIONE CAUSALE IN EPIDEMOLOGIA

RELAZIONE CAUSALE IN EPIDEMOLOGIA RELAZIONE CAUSALE IN EPIDEMOLOGIA Docente: Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università di Verona A) Relazione descrittiva determinante Ad esempio: dita gialle mungitura

Dettagli

Misure di Associazione

Misure di Associazione Misure di Associazione Prof. Tommaso Staniscia Introduzione Esposizione e Malattia Esposizione (E) = variabile esplicativa Qualsiasi agente, ospite, o fattore ambientale che può avere un effetto sulla

Dettagli

ESERCITAZIONE 2. TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore

ESERCITAZIONE 2. TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore ESERCITAZIONE 2 TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore Modalità di lettura della tabella di contingenza 2x2 sull associazione tra l esposizione

Dettagli

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne.

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne. TUMORE DEL POLMONE Nel periodo 27-211 sono stati registrati complessivamente in provincia di Latina 172 nuovi casi di tumore del polmone. E risultato al 1 posto in termini di frequenza fra le neoplasie

Dettagli

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING PRESIDIO OSPEDALIERO DI CONEGLIANO PIASTRA AMBULATORIALE DIREZIONE MEDICA AMBULATORIO SENOLOGICO EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E SCREENING INCIDENZA DI TUMORI NELLA DONNA 35000 30000 25000 20000 15000 10000

Dettagli

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015 ESERCITAZIONE CdL Fisioterapia e Podologia 25 novembre 2015 Epidemiologia Domanda 1 Le neoplasie gastriche sono: a. diminuite in tutta Europa b. diminuite fino agli anni 80, poi stabili c. aumentate in

Dettagli

ATTIVITA ARS Profili di salute dei comuni di Arezzo, Civitella in Val di Chiana e Monte S. Savino

ATTIVITA ARS Profili di salute dei comuni di Arezzo, Civitella in Val di Chiana e Monte S. Savino Progetto Regione Toscana Studio di popolazione nei Comuni di Civitella della Chiana ed Arezzo in relazione all esposizione a fattori di inquinamento ambientale ATTIVITA ARS Profili di salute dei comuni

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI, ASPETTI EMPIRICI: ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE

IMPLEMENTAZIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI, ASPETTI EMPIRICI: ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE IMPLEMENTAZIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI, ASPETTI EMPIRICI: ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE 1. L analisi del rischio ambientale Concetto di rischio Il concetto di rischio si riferisce in modo generale

Dettagli

Aumento REALE di incidenza dei tumori

Aumento REALE di incidenza dei tumori Aumento REALE di incidenza dei tumori ANCHE SE: MAGGIORI POSSIBILITA DIAGNOSTICHE DIMINUZIONE MORTALITA PER MALATTIE INFETTIVE AUMENTO DELLA VITA MEDIA (MALATTIA NEOPLASTICA AUMENTA CON L ETA ) INCIDENZA

Dettagli

14808-60-7 Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 50 (Frazione respirabile <5µm) < 0,02

14808-60-7 Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 50 (Frazione respirabile <5µm) < 0,02 WCOLCLASSGR pag. 1 di 5 1 - Identificazione del prodotto (preparato) Codice del prodotto : 23023/23101/23391/23291/23431 Nome commerciale : WEBER.COL CLASSIC PLUS PRESTIGE - PROGRES GRIGIO Natura del prodotto

Dettagli

Proposta di referto Epidemiologico

Proposta di referto Epidemiologico Proposta di referto Epidemiologico presentata dall Osservatorio Ambientale Comunale di Tortona e mail: oac.tortona@gmail.com Tortona, 29.01.2016 1 INTRODUZIONE Cancerogenesi ambientale le più recenti acquisizioni

Dettagli

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali.

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. Tuttavia, a livello mondiale, le principali cause di morte sono rappresentate da: -diarrea -malaria -tubercolosi

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it STUDI EPIDEMIOLOGICI Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA Studi sulla distribuzione di malattie nella popolazione in esame Tempo, luogo, persone affette da malattie

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia Università del Piemonte Orientale Master per data manager Epidemiologia dei tumori Screening in oncologia Epidemiologia Che cos è l epidemiologia Metodi e strumenti La descrizione epidemiologica di una

Dettagli

MODALITA D ESAME MATERIALE DIDATTICO. Oncologia: programma PRINCIPI DI CANCEROLOGIA. Esame a quiz Risposte multiple di cui una sola valida

MODALITA D ESAME MATERIALE DIDATTICO. Oncologia: programma PRINCIPI DI CANCEROLOGIA. Esame a quiz Risposte multiple di cui una sola valida Oncologia: programma CONCETTI GENERALI: Definizione di Cancro, Epidemiologia, Eziologia PRINCIPI DI DIAGNOSI E TERAPIA DELLE SEGUENTI NEOPLASIE Mammella Polmone Colon Prostata Ovaio Stomaco Pancreas MODALITA

Dettagli

PRODUZIONE E LAVORAZIONE DI FILM PLASTICI : RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI PERICOLOSI

PRODUZIONE E LAVORAZIONE DI FILM PLASTICI : RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI PERICOLOSI Sesto Fiorentino 21 /09/2007 Carla Poli PRODUZIONE E LAVORAZIONE DI FILM PLASTICI : RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI PERICOLOSI Il settore della lavorazione delle materie plastiche, in grande espansione

Dettagli

INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO

INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO 1 Legislazione di riferimento D.Lgs 277/91 D.Lgs 66/00 D.Lgs. 25/02 UNI EN 689/97 TLV - Threshold Limit Values della American Conference

Dettagli

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana

Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Statistiche e stime su rapporto tra assunzione di alcolici e infortuni sul lavoro Antonella Ciani Passeri CeRIMP - Regione Toscana Alcol e salute In Europa (OMS) terza causa di mortalità prematura, dopo

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo Simboli di pericolo I simboli di pericolo vengono usati per etichettare le sostanze pericolose, come previsto dalle normative vigenti sull argomento. La Ordinance on Hazardous Substances è una regolamentazione

Dettagli