Controllo di processo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Controllo di processo"

Transcript

1 I.T.I.S E.Majorana - Avezzano Ing. C.M.Seritti Ver.1.1 Controllo di processo Con il termine di Acquisizione dati si deve intendere qualsiasi sistema in grado di rilevare e memorizzare grandezze analogiche o digitali. La Distribuzione dei dati consiste nell inviare segnali analogici o digitali ad attuatori, come motori, dispositivi riscaldanti, relè, teleruttori ecc. Quando l acquisizione è completata da un sistema di distribuzione dati si parla di Controllo di Processo. Un sistema di acquisizione e distribuzione dati è generalmente, composto dai seguenti blocchi funzionali: 1) Un sottosistema di misura a contatto con il nodo fisico in grado di rilevare, per mezzo di opportuni sensori e trasduttori, le variazioni delle grandezze fisiche interessate, quali la temperatura, la velocità, l umidità, la pressione ecc. ) Un sottosistema costituito da un unità centrale che fornisce i segnali di controllo e temporizzazione per i sottosistemi di acquisizione e distribuzione. L unità centrale esegue anche le eventuali operazioni di elaborazione e memorizzazione richieste dalle specifiche del sistema. 3) Un sottosistema di uscita (distribuzione). L acquisizione di grandezze fisiche nei diversi casi, avviene, a volte, con trasduttori di tipo digitale altre con trasduttori analogici. Mentre nel primo caso la grandezza acquisita può essere direttamente inviata al sistema di elaborazione e controllo, nel secondo caso occorre effettuare una conversione trasformandola da analogica a digitale attraverso dei ADC (Convertitori Analogico-Digitali). In modo simile nelle catene di distribuzione possono essere fornite agli attuatori sia segnali di tipo analogico che di tipo digitale. Viene riportata di seguito una struttura a blocchi di un generico sistema di acquisizione e distribuzione dati: 1

2 Trasduttore digitale Grandezza da controllare Trasduttore analogico Sottosistema di misura (acquisizione) Convertitore A/D Interfaccia hardware Sistema a microprocessore Sottosistema di controllo Interfaccia hardware Uscite digitali Convertitore D/A Attuatore Attuatore Sottosistema di uscita (distribuzione) Grandezza controllata Esempio proposto: Controllo di temperatura gestito da PC Uno schema indicativo di un sistema di controllo di temperatura, che usa come interfaccia hardware una porta parallela, può essere il seguente:

3 Temperatura Sensore (LM35) condizionamento ADC (0804) Buffer TRI-STATE (4LS41) 4+4 bit Interf.parallela ELABORATORE Attuatore Il sensore LM35 trasforma la temperatura in un segnale elettrico che, opportunamente condizionato, cioè adattato alle specifiche dell AD entra in questo dispositivo che trasforma il segnale analogico presente all ingresso, in un segnale digitale a 8 bit (1 byte). Siccome sulla parallela possono transitare 4 bit alla volta, il byte all uscita dell ADC viene memorizzato nel buffer e, poi, in sincronia con un opportuno segnale di controllo generato dal software di gestione, viene inviato alla parallela, in blocchi di 4 bit alla volta. 3

4 Analizziamo, ora i singoli sottosistemi presenti nella figura. - Il sottosistema di misura è composto da: Grandezza da controllare Rivelatore Circuito di condizionamento Convertitore A/D Il rivelatore è un trasduttore o un sensore che rileva la grandezza fisica da controllare e fornisce un segnale(grandezza elettrica) legata ad essa da una relazione nota (molto spesso di sola proporzionalità). Lo schema completo dell hardware del sistema: LM35 GND +Vcc 1 V OUT R R +Vcc 5V CA C R P Vcc R 3 Vcc R 4 R 0 18 DB0 19(CLK-R) 1 DB1 4 (CLK-IN) 1 DB 15 DB3 14 DB4 13 DB5 1 DB 11 DB 5 INTR 8 1 CS 9 RD 10 3 WR ADC Vcc 1A 1A 1A 1A A A A A LS Vcc GI 19 GI n.c. I Parallela IP (D) ALF(D1) SI (D3) ST (D0) 5 PC Tabella dati: R = 10 KΩ C = 150 pf R 1 = 1 KΩ R + R p = 9 KΩ (R +R p /R 1 = A-1, se A=10) R 3 = 10 MΩ R 4 = 10 MΩ I 1 = Inverter 04 Sensore T Circuito di condizionamento ADC Buffer 3State P.Parallela PC S/H 4

5 - Il circuito di condizionamento provvede ad amplificare, filtrare, in generale ad adattare il segnale alle specifiche del convertitore A/D. Il circuito di condizionamento proposto è il più semplice che si possa immaginare, in quanto composto da un semplice amplificatore non invertente, adatto a questa applicazione (supposta lentamente variabile nel tempo). Molto spesso è più complesso e presenta: differenziatori, moduli S/H, filtri passa basso ecc, tutto quanto, in sostanza, fa adattare il segnale alle specifiche dell ADC. Il S/H viene utilizzato quando l ampiezza della variazione di Vi in tc supera ½ LSB (bit meno significativo). - Sottosistema di controllo I segnali acquisiti dal sottosistema di misura attraverso opportuni circuiti d interfaccia, che sono oggi disponibili in numerosi tipi (interfaccia standard IEEE 488, porta seriale RS 3, le porte parallele, USB, ecc.) vengono inviati all unità di controllo. Questa è dotata di - un microprocessore per l elaborazione dei dati; -memorie RAM-ROM per la memorizzazione dei programmi di gestione del sistema e dei dati; - una tastiera ed un dispositivo di visualizzazione che consentono all operatore di interagire col sistema. Il sottosistema di uscita è composto da: - un convertitore D/A; - una serie di circuiti di condizionamento che amplificano il segnale generato dal convertitore in modo da renderlo adatto a comandare gli attuatori. Gli schemi descritti sono di principio e possono essere realizzati in modo diverso e si differenziano essenzialmente per le modalità di collegamento tra il sottosistema di misura e quello di uscita con l unità centrale, cioè dal tipo di interfaccia usata. Convertitore A/D e circuito S/H Il convertitore A/D ha il compito di trasformare il segnale analogico, presente al suo ingresso, in un segnale digitale ad n bit. I più comuni convertitori presenti sul mercato hanno una risoluzione pari a 8, 1, 1 bit (ma anche 10, 14, 18, 0). I convertitori in commercio adoperano metodi diversi per effettuare la conversione del segnale. I più utilizzati adoperano quella ad approssimazioni successive. 5

6 Ad un convertitore, oltre al segnale analogico d ingresso, deve essere applicata una tensione continua particolarmente stabile di opportuno valore detta tensione di riferimento (V REF ). Quelli ad approssimazioni successive necessitano, inoltre di un segnale di clock. Un convertitore A/D per trasformare il segnale da analogico a digitale impiega un tempo detto di conversione (t c ). La tensione d ingresso analogica (V IN ) viene trasformata, durante la conversione, in un dato binario ad n bit e la relazione che intercorre tra la tensione d ingresso ed il dato (decimale) in uscita è: V IN = V REF N 10 n N 10 / n = 1 LSB V REF viene anche detta tensione di fondo scala (V FS ). Il valore N 10 / n viene definito come 1 LSB (bit meno significativo) e rappresenta la risoluzione del convertitore, cioè la più piccola tensione che, applicata all ingresso, produce un cambiamento del dato digitale in uscita. Poiché il segnale prelevato all uscita del circuito di condizionamento è variabile, quando l ampiezza delle variazioni di t c supera ½ LSB, è necessario inserire tra il circuito di condizionamento e l ADC un dispositivo S/H (Sample/Hold). Questo circuito è in grado di memorizzare il valore assunto dal segnale in un determinato istante (sample) e mantenerlo costante all ingresso del convertitore per tutto il tempo impiegato per la conversione (hold). Se il segnale è variabile molto lentamente (è il caso del nostro esempio) si può fare a meno del S/H ed il segnale condizionato può essere applicato direttamente all ingresso ed il convertitore A/D. Porta parallela LPT1 La porta parallela, comunemente denominata Centronics è normalmente utilizzata per connettere il computer con una stampante, ma può essere utilizzata come interfaccia hardware. Essa è accessibile all esterno del computer attraverso un connettore di tipo a vaschetta, a 5 poli, femmina.

7 Sono disponibili 8 linee per i dati, 9 per i segnali di ingresso e di uscita che, normalmente permettono il colloquio tra i computer e la stampante ma possono essere utilizzate come bit di input e controllo. Nei più recenti PC la porta parallela può essere abilitata, per mezzo del software (in genere attraverso il BIOS) a modalità diverse di funzionamento. Si parla così di: -Modalità standard Centronics denominata SPP (Standard Printer Port); -Trasferimento bidirezionale EPP (Enhanced Parallel Port) o ECP (Extended Capabilities Port) per le otto linee dati D 0 -D ; -Trasferimento Byte Mode, come sopra con protocollo diverso; -Trasferimento Nibble Mode che usa quattro linee di stato (Busy, PE,SE,ER) + la linea ACK per il segnale di Pronto a ricevere. Le modalità sopraesposte sono definite nello standard IEEE La seguente tabella ci fornisce le connessioni tra piedini e segnali (si fa riferimento al linguaggio della stampante) ed inoltre ci fornisce la funzione del bit e l indirizzo della locazione di memoria cui i singoli bit fanno riferimento. Segnale Pin Bus dati I/O Registro Indirizzo STROBE 1 D0 OUT (IN) CONTROLLO 3AH D0-D -9 D0-D OUT (IN) DATI 38H ACK 10 D IN STATO 39H BUSY 11 D IN STATO 39H PE 1 D5 IN STATO 39H SE 13 D4 IN STATO 39H AF 14 D1 OUT (IN) CONTROLLO 3AH ER 15 D3 IN STATO 39H IP 1 D OUT (IN) CONTROLLO 3AH SI 1 D3 OUT (IN) CONTROLLO 3AH GND 18-5

8 I vari pin del connettore sono organizzati in tre gruppi e vengono gestiti dal PC come se fossero delle celle di memoria indirizzabili su indirizzi consecutivi. Si tenga presente che i dati inviati in uscita sulla porta parallela rimangono memorizzati e non variano fino all invio di un nuovo dato. Si definisce porta un canale attraverso il quale ci si collega con il mondo esterno. Si parlerà, quindi, di porta di output per l uscita dei dati e di porta di input per la loro lettura. Nel caso della porta parallela esaminata, gli indirizzi da usare sono: LPT1 39H (esadecimale) 889 (decimale) INPUT DEI DATI 38H (esadecimale) 888 (decimale) OUTPUT DEI DATI 3AH (esadecimale) 890 (decimale) CONTROLLO LPT 9H (esadecimale) 3 (decimale) INPUT DEI DATI 8H (esadecimale) 3 (decimale) OUTPUT DEI DATI Con il circuito d interfaccia realizzato i dati ricevuti e quelli inviati in uscita sono formati da 4 bit, tanti quante le linee implementate. Si potrà formare un byte utilizzando due metà byte (nibble). Nella seguente tabella sono riportate le istruzioni da utilizzare nei principali linguaggi di programmazione per trasmettere (output) o ricevere (input) dati attraverso una porta parallela: QBASIC dato = INP (&H39) il dato letto viene assegnato alla variabile di stato INPUT OUT &H38, dato il valore presente in dato, viene inviato in uscita OUTPUT T.PASCAL dato := PORT ($H39) il dato letto viene assegnato alla variabile data INPUT PORT [$H38] := dato il valore presente in dato, viene inviato in uscita OUTPUT TURBO C dato = inportb (0x39) il dato letto viene assegnato alla variabile di stato INPUT outportb (0x38, dato) il valore presente in dato, viene inviato in uscita OUTPUT VISUAL BASIC Non esistono, in questo linguaggio, istruzioni specifiche per effettuare l INPUT o l OUTPUT su periferiche. E necessario utilizzare un file di Libreria Dinamica (DLL) appositamente creato e scritto in VISUAL C. I/O 8

9 I vari pin del connettore sono organizzati in tre gruppi e vengono gestiti dal PC come se fossero delle celle di memoria indirizzabili in tre indirizzi consecutivi. Quindi si può immaginare una porta parallela come l insieme di tre registri. La porta LPT1 ha gli indirizzi 38H, 39H e 3AH così organizzati: DATI H D D D5 D4 D3 D D1 D0 PIN STATO (ingresso) H BUSY ACK PE SE ER X X X PIN CONTROLLI A H X X X X SI IP AF STROBE

10 Esempi: - (OUTPUT su parallela) Inviare sulla parallela il dato binario , cioè il byte: D D D5 D4 D3 D D1 D B Bin. Hex TurboPascal: var dato: byte: dato:= $B PORT [$38]:= dato QBasic: dato = &HB OUT &H38, dato INPUT su parallela Leggere la porta parallela ed assegnare ad una variabile il valore numerico binario relativo ai livelli presenti nelle quattro linee d ingresso (utilizzate nella scheda d interfaccia) al momento della lettura. Ricordando che all indirizzo 39 H sono disponibili 5 bit ed utilizzando solo i quattro D, D5, D4, D3, si avrà: 39 H D D D5 D4 D3 D D1 D0 x D D D D x x x Per ottenere un dato significativo a 8 bit (4 bit per due volte), si dovrà effettuare una traslazione verso destra, di tre posizioni, dei bit D-D3 e porre a zero i rimanenti D-D4, cioè: 39 H D D D5 D4 D D D D D D D1 D0 Configurazione dopo la traslazione (SHIFT) di tre posizioni a destra e l azzeramento. [/8] Turbo Pascal var dato: byte; dato:= PORT[$39] dato:= dato SHR 3 dato:= dato AND$0F (il dato letto viene assegnato alla variab. dato) (si effettua lo shift di tre posizioni a destra) (vengono azzerati i bit più significativi) QBasic: dato% = INP (&H39) dato% = dato% \ 8 dato% = dato% AND &HB 10

11 39 H D D D5 D4 D3 D D1 D Applicazione AND: 0F 39 H D D D5 D4 D3 D D1 D D 3 D D 1 D 0 Così ho trasformato i primi quattro bit in zero per far posto ai successivi. D D D5 D4 D3 D D1 D0 39 Riacquisiamo i bit successivi. H x D D D 5 D 4 x x x Adesso si dovrà effettuare una traslazione verso sinistra, di una posizione, dei nuovi bit acquisiti ponendo a zero i rimanenti, ripetendo l operazione già effettuata precedentemente e cioè: D D D5 D4 D3 D D1 D0 Configurazione dopo la traslazione 39 H D D D 5 D 4 x x x x (SHIFT) di una posizioni a sinistra [x] D D D5 D4 D3 D D1 D0 39 H Applicazione AND: F0H H D D D5 D4 D3 D D1 D0 D D D 5 D 4 Ora il registro N = N H + N L D D D5 D4 D3 D D1 D0 D D D 5 D 4 D 3 D D 1 D 0 Non rimane altro che studiare il funzionamento del sistema attraverso il seguente codice in Visual Basic: 11

12 Ecco il codice in VB: Dim L As byte Private Sub Form Load () Timer1.Enabled = True End Sub attiva Timer per temporizzazione acquisizione Private Sub Timer1_Timer () Call Fout (&H0, &H3A) attiva Mux per parte alta (o attiva Buffer3st) NH = Fin (&H39) Call Fout (&H1, &H3A) NL = Fin (&H39) N = NH + NH = And &HF0 NL = NL \ 8 NL = NL And &H0F L = NH + NL Print L End Sub legge Nibble alto attiva Mux per parte bassa legge Nibble basso uno shift a sinistra di NH azzera quattro bit bassi 3 shift a destra di NL azzera quattro bit alti in L byte completo stampa su video: txttemp.text = Str(L) Il Byte dovrà, poi, essere riconvertito al valore iniziale: T = N \,5 (,5= Av) Programma realizzato a scuola: Private Sub trmtimer_timer() Dim nl, nh, n, a, t As Byte Call Fout(&H1, &H3A) nl = Fin(&H39) nl = nl / 8 nl = nl And &HF Call Fout(&H0, &H3A) nh = Fin(&H39) nh = nh * nh = nh And &HF0 n = nh + nl t = n \ 5 txttemp.text = Str(t) a = n \ 5 Call Fout(a, &H38) End Sub stampa su video dopo averlo trasformato in stringa riconverti al valore iniziale, Av=5 visualizza su display esterno, se presente sulla scheda. 1

13 Trasduttore di temperatura LM 35 Si tratta di un circuito integrato prodotto dalla NATIONAL e le sue caratteristiche principali sono: - tensione di alimentazione da 4 V a 30 V; - range di temperatura da 55 C a 150 C; - uscita lineare in tensione uguale a 10 mv/ C; - corrente di uscita uguale a 10 ma; -Bassa impedenza d uscita da 0,1-0,001 Ohm; - tensione di uscita da 1 V a V. Il trasduttore fornisce, quindi, una tensione di uscita proporzionale alla temperatura con V 0 = KT e K = V/ C. Anche se la struttura circuitale è molto complessa, in maniera schematica, l LM 35 può essere così rappresentato: +Vcc (+1 V) +Vcc (+1 V) LM 35 +Vo LM 35 -Vo R -V R Esempio sensore: T LM35 Vs Cond./Amplif. ADC Per tensione d uscita negativa Vs = αt α= 10 mv/c Vs(0 )= 0 mv Vs(50 )= 500 mv Vs(100 )= 1000 mv = 1V Av = V FS / V M = 5,1/1 = 5 (volte amplificato) 13

14 Circuito di condizionamento Dato un range di temperatura compreso tra 0 C e 50 C, si vuole dimensionare il circuito di condizionamento in modo tale da avere in uscita una tensione tra zero e 5 V. Poiché il segnale all uscita del trasduttore V 0 = 0 V per T = 0 C V 0 = 500 mv per T = 50 C Per ottenere la tensione desiderata occorre utilizzare un A.O. invertente con Guadagno = 10. R R P +Vcc R 1 +Vcc - LM 35 Vs CA V o Vcc = 1 V Attraverso il potenziometro R P, viene effettuata la regolazione fine, ovvero la taratura, del valore dell amplificazione in modo tale che, ad una certa temperatura nota, corrisponda il valore desiderato della tensione. V 0 = Vs ( 1+ R +R P ) = R 1 V 0 / Vs = 1+ R +R P = 10 R 1 R +R P = 9 R 1 14

15 Convertitore ADC 0804 E un convertitore analogico-digitale ad approssimazioni successive con risoluzione ad 8 bit. Il segnale di clock può essere generato internamente con una rete esterna RC [f c = 1/(1,1 RC)] e con i seguenti valori: R = 10 Kohm e di C = 150 pf (f c = freq.campionam. = 40 khz). Oppure essere applicato dall esterno al pin 4. Le caratteristiche del convertitore sono: Direttamente interfacciabile con il processore (linee CS, RD e WR); Latch d uscita di tipo 3State; Precisione +/- 1 LSB; Clock = 40 khz; Tempo di conversione = 100 microsecondi; Range ingresso analogico da 0 a 5 V; Tensione alimentazione da 4,5 a V (tipica 5 V); Corrente sink (livello basso) per le uscite D-D0 e INTR = 1 ma; Corrente source (livello alto) per le uscite D-D0 e INTR = ma; CS RD WR CLOCK-R CLOCKIN V REF / V IN + V IN - AGND ADC Vcc INTR D HSB D D5 D4 D3 D D1 D0 LSB DGND Funzionamento: Per avviare la conversione deve porsi CS=0 (abilitazione) e WR=0. A fine conversione la linea INTR subisce la transizione H L portandosi a livello basso. Il dato convertito è memorizzato sul LATCH interno; per renderlo disponibile sul bus dati (D0:D) bisogna attivare la linea RD, ponendola a livello basso così INTR torna alto. 15

16 Buffer TRI-STATE 4LS41-4HC44 Un Buffer può essere considerato come un dispositivo in grado, con la sua elevata impedenza d ingresso e d uscita di interfacciare, in maniera ottimale, due dispositivi. Questo integrato può essere considerato come un BUS bidirezionale comandato. Buffer con E attivo alto I O o o o E (Enable) Buffer con E attivo basso I O o o o E I O 0 X HZ E I O 1 X HZ I = Input O = Output E = Ingresso di abilitazione X = condizione di indifferenza HZ = Alta impedenza o E (Enable) L integrato 4HC41 1G G Yi 0 0 1Ai 1 1 Ai Quando 1G = 0 e G = 0 vengono trasferiti in uscita gli ingressi 1A. Quando 1G = 1 e G = 1 vengono trasferiti in uscita gli ingressi A. Quindi, quando 1G = G = 0 viene trasferito in uscita il primo blocco di quattro bit mentre, quando 1G = G = 1 viene trasferito in uscita il secondo blocco di quattro bit. 1

17 Interfacciamento dei convertitori A/D e D/A Nella figura seguente è rappresentata una generica (ma completa) catena di acquisizione dati analogici: Trasduttore Circuito Condizionat. Filtro MUX S/H A/D PC Nella figura seguente è rappresentata una generica (ma completa) catena di distribuzione dati: (il Latch indicato è spesso inserito nel D/A) PC Latch D/A Filtro PB Amplificatore di potenza Attuatore 1

18 Trasferimento seriale dei dati a breve distanza Alla base del trasferimento seriale dei dati è legata la possibilità di inviare dei dati utilizzando un numero ridotto di linee. Solo due. In tal caso il trasmettitore è collegato col ricevitore con due conduttori, uno dei quali è la massa: TX Tx Rx RX _ E evidente che, volendo trasmettere un dato da otto bit è necessario che ciascun bit del dato venga inviato, in tempi diversi, sull unica linea disponibile. Cioè si deve effettuare la trasformazione seriale del dato. Supponiamo di voler trasmettere il byte con D =1, D =0, D 5 =0, D 4 =1, D 3 =0, D =1, D 1 =1 e D 0 =0. Per rendere seriale tale dato i bit debbono essere inviati uno alla volta, partendo, per esempio, dal bit meno significativo D 0 (vedi figura A). Ogni bit deve permanere sulla linea per uno stesso periodo di tempo, per cui la durata dell operazione dovrà essere pari a: durata del bit x 8. Per diminuire la velocità di trasmissione occorrerà diminuire la durata del bit. Nasce, poi, il problema di come il ricevitore possa distinguere un byte dall altro. In base alla tecnica di successione dati si parlerà di modalità sincrona o asincrona. Noi esamineremo quest ultima. Con tale modalità per permettere il riconoscimento di ciascun byte, viene aggiunto ad esso un bit iniziale detto bit di start a livello basso ed uno o più bit alla fine detti bit di stop a livello alto. Il numero di bit di stop può essere di uno, uno e mezzo o due. In tal modo il dato da inviare potrà essere composto da più di otto bit complessivi. Inoltre, nelle pause di trasmissione il livello rimarrà alto. 18

19 Trasferimento seriale Tavole: A) D 0 D 1 D D 3 D 4 D 5 D D Durata del bit Linea a riposo Linea a riposo B) D 0 D 1 D D 3 D 4 D 5 D D Bit di Start Bit di Stop Carattere di 8 bit Linea a riposo Bit di Parità Linea a riposo C) D 0 D 1 D D 3 D 4 D 5 D D Bit di Start Bit di Stop 1 carattere di bit carattere di bit Linea a riposo D) Bit di Start Bit di Stop Bit di Parità Clock di campionamento dei bit 19

20 I bit che costituiscono il dato, a volte, possono subire delle alterazioni a causa di disturbi di diversa natura e così possono essere interpretati dal ricevitore con un livello diverso da quello iniziale. Si producono errori. E possibile effettuare un certo controllo sull esattezza del dato aggiungendo al carattere un ulteriore bit detto di parità. La parità può essere pari (parole con un numero pari di 1) o dispari (parole con numero dispari di 1). Tale tipo di controllo però risulta efficace solo se si altera un numero dispari di bit, durante la trasmissione. Dall assenza di sincronismo tra l invio di un carattere ed un altro si parla di trasmissione seriale asincrona. Da quanto precedentemente affermato emerge che per effettuare il trasferimento dati in modo asincrono il trasmettitore ed il ricevitore debbono lavorare con: stesso numero di bit per carattere (5,,, 8); stesso numero di bit di stop (1, 1,5,); stessa velocità di trasmissione; controllo di parità identico; stesso tipo di parità (pari o dispari). UART-ACE Sono dei dispositivi programmabili che possono essere direttamente interfacciati direttamente con le CPU, svolgendo le funzioni di trasmettitori e ricevitori di dati seriali. L ACE si interpone tra il computer ed il modem e quando ha la funzione di trasmettitore, riceve un carattere in formato parallelo dal PC, lo memorizza e lo trasforma in dato seriale. Viceversa da ricevitore. USB L utilizzo delle porte usb con il VB è piuttosto complesso e non gestibile direttamente da programma. Per cominciare, il protocollo usb ha bisogno di essere interfacciato ad un controller (hardware) e di un driver specifico (software). Tutte le routine di comunicazione sono contenute in una libreria specifica dinamica (DLL). Questa contiene funzioni e procedure che debbono essere prima richiamate via software e poi rese disponibili all utente. 0

21 Sample e Hold LF398 Durante un ciclo di campionamento-mantenimento il Sample-Hold deve campionare il segnale per un breve periodo e restare in stato di mantenimento per la rimanente parte del ciclo. Il SH LF398, prodotto dalla National Semiconductor, è un integrato di costo contenuto che si presta ad applicazioni con segnali di non elevata frequenza. Il condensatore di Hold (C S ) deve essere posto esternamente. S H +1 V V in +V DA IN -V 1 3 LF398 8 LG LR C S 4 5 OUT S/H 3 1 LF Cs V out GRD -1 V GRD Tab. n.1 t ac Tempo di acquisizione 4 microsec. con Cs = 1000pF 0 microsec. con Cs = 10000pF t a Tempo di apertura (T=5 C) 00 ns Droop Rate Alimentazione 30 mv/s con Cs = 1000 pf 3 mv/s con Cs = pf Da +/- 5 V a +/- 18 V 1

Conversione analogico digitale

Conversione analogico digitale Conversione analogico digitale L elettronica moderna ha spostato la maggior parte delle applicazioni nel mondo digitale in quanto i sistemi a microprocessore sono diventati più veloci ed economici rispetto

Dettagli

SISTEMI DI ACQUISIZIONE

SISTEMI DI ACQUISIZIONE SISTEMI DI ACQUISIZIONE Introduzione Lo scopo dei sistemi di acquisizione dati è quello di controllo delle grandezze fisiche sia nella ricerca pura, nelle aziende e, per i piccoli utenti. I vantaggi sono:

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione La traccia presenta lo sviluppo di un progetto relativo al monitoraggio della temperatura durante un processo di produzione tipico nelle applicazione

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

Capitolo. Interfacciamento di periferiche I/O con il PC. 1.1 Il BUS di espansione del PC

Capitolo. Interfacciamento di periferiche I/O con il PC. 1.1 Il BUS di espansione del PC Capitolo 1 Interfacciamento di periferiche I/O con il PC 1.1 Il BUS di espansione del PC 1.2 Interfacciamento di periferiche I/O con il PC, con dispositivi non programmabili 1.3 Istruzioni per leggere

Dettagli

acquisire informazioni su grandezze analogiche, trasformandole in stringhe di bit

acquisire informazioni su grandezze analogiche, trasformandole in stringhe di bit Convertitori analogico/digitali Un convertitore analogico digitale ha la funzione inversa a quella di un convertitore DAC, poiché il suo scopo è quello di permetter ad un sistema a microprocessore di acquisire

Dettagli

Porta CENTRONICS e Porta Parallela LPT.

Porta CENTRONICS e Porta Parallela LPT. Corso di BASCOM 8051 - (Capitolo 3 7 ) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM 8051. Autore: DAMINO Salvatore. Porta CENTRONICS e Porta Parallela LPT. La Porta Parallela, detta anche LPT dall'inglese

Dettagli

L ACQUISIZIONE DIGITALE DEI SEGNALI I vantaggi principali dei sistemi digitali consistono in: elevata insensibilità ai disturbi bassa incertezza con costi relativamente contenuti compatibilità intrinseca

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Sistema di acquisizione dati

Sistema di acquisizione dati Sistema di acquisizione dati Ci sono innumerevoli ragioni sul perché é necessario acquisire informazioni dal mondo esterno: 1. Il controllo dei processi fisici che interessano la produzione industriale

Dettagli

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ)

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Ing. Andrea Zanobini - Maggio 2012 Dipartimento

Dettagli

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Obiettivo e specifiche del progetto 1. Monitoraggio in tempo reale della temperatura in una stanza (Tacq= 4 sec, Input range=

Dettagli

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Comunicazione codifica dei dati Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Trasmissione dati La trasmissione dati,permette di trasmettere a distanza informazioni di tipo digitale

Dettagli

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC.

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Nelle automazioni e nell industria di processo si presenta spesso il problema di gestire segnali analogici come temperature,

Dettagli

Introduzione all acquisizione Dati

Introduzione all acquisizione Dati Introduzione all acquisizione Dati Laboratorio di Robotica Industriale Evoluzione della strumentazione Introduzione all acquisizione dati - 2 Trend nella strumentazione Introduzione all acquisizione dati

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors)

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Il microprocessore è un dispositivo integrato digitale che può essere programmato con una serie di istruzioni per effettuare una specifica

Dettagli

Acquisizione dati e digitalizzazione

Acquisizione dati e digitalizzazione Acquisizione dati e digitalizzazione Il trattamento digitale dei dati Informatica ed elettronica sono due discipline innovative che hanno caratterizzato l epoca moderna. Queste due discipline operano in

Dettagli

Architettura del computer (C.Busso)

Architettura del computer (C.Busso) Architettura del computer (C.Busso) Il computer nacque quando fu possibile costruire circuiti abbastanza complessi in logica programmata da una parte e, dall altra, pensare, ( questo è dovuto a Von Neumann)

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica - Informatica Modesto Panetti

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica - Informatica Modesto Panetti ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica - Informatica Modesto Panetti BARI Via Re David 186 - Tel : 080/5425512 080/5560840 Anno Scolastico : 2009/2010

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Temperatura in gradi centigradi; R{T)

Temperatura in gradi centigradi; R{T) Maturità AMBRA 1994 Sessione ordinaria Un'azienda automobilistica, nel corso dei test su pista di un nuovo tipo di motore, intende monitorare in tempo reale la temperatura di fimzionamento in otto punti

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI

CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI 352 CAPITOLO 16 ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DEI SEGNALI Un settore importante dell'elettronica che svolge la funzione di interfaccia tra le grandezze fisiche reali e quelle elettriche è il settore che

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

Esame di Stato 2015. Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE

Esame di Stato 2015. Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE Esame di Stato 2015 Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE Il problema proposto riguarda un sistema di acquisizione dati e controllo. I dati acquisiti sono in parte di natura digitale (misura del grado

Dettagli

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED

SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI PC-BASED Un tipico sistema di acquisizione dati di tipo PC-based ha quattro componenti hardware fondamentali (Fig.1): una morsettiera, un cavo, un dispositivo DAQ (Data Acquisition

Dettagli

Wattmetri da laboratorio

Wattmetri da laboratorio Wattmetri da laboratorio Wattmetro trifase DC-1MHz a 6 canali indipendenti 3193 Wattmetro monofase 100kHz per bassissime potenze 3332 Wattmetro mono-trifase 100kHz 3331 Wattmetro trifase DC-1MHz a 6 canali

Dettagli

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Introduzione La RTU B200, ultima nata del sistema TMC-2000, si propone come valida risposta alle esigenze di chi progetta e implementa sistemi di automazione

Dettagli

Acquisizione di temperatura

Acquisizione di temperatura tai86 09-2 - 2004 Acquisizione di temperatura Tramite sensore AD590 e relativo blocco di condizionamento.. Definizione del Progetto 2. Concetti Generali e Schede di Documentazione 3. Schema a Blocchi 4.

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Sistemi di acquisizione dati

Sistemi di acquisizione dati Sistemi di acquisizione dati - 1 Sistemi di acquisizione dati 1 - Configurazioni tipiche Generalità L impiego di tecniche numeriche per la rappresentazione dei segnali consente la successiva elaborazione

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter.

Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. Corso di BASCOM AVR - (34) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM AVR. Autore: DAMINO Salvatore. Sezione di PWM e Generatore di D/A Converter. La struttura interna dei Mini Moduli è composta

Dettagli

Appunti di Sistemi e Automazione

Appunti di Sistemi e Automazione Appunti di Sistemi e Automazione Il modello o macchina di Von Neumann rappresenta un computer con i suoi componenti principali e la sua organizzazione logico-funzionale. Tale progetto risale al 1945/1946.

Dettagli

BIOSENSORI. Esercitazione su sensori di Forza. Alessandro Tognetti Nicola Carbonaro

BIOSENSORI. Esercitazione su sensori di Forza. Alessandro Tognetti Nicola Carbonaro BIOSENSORI Esercitazione su sensori di Forza Alessandro Tognetti Nicola Carbonaro a.tognetti@centropiaggio.unipi.it nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Problema Voglio misurare una forza F con caratteristiche:

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Misure per la Automazione e la Produzione Industriale (Studenti Ingegneria Elettrica e Meccanica V anno Vecchio Ordinamento) Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE COSO DI ODINAMENTO Indirizzo: ELETTONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: ELETTONICA (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi del progetto

Dettagli

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore 2009-2010 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 7 Architettura di un calcolatore Lez. 7 1 Modello di Von Neumann Il termine modello di Von Neumann (o macchina di Von

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

M272 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

M272 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag. 1/2 Sessione ordinaria 2006 Seconda prova scritta M272 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: SISTEMI ELETTRONICI

Dettagli

Circuiti amplificatori

Circuiti amplificatori Circuiti amplificatori G. Traversi Strumentazione e Misure Elettroniche Corso Integrato di Elettrotecnica e Strumentazione e Misure Elettroniche 1 Amplificatori 2 Amplificatori Se A V è negativo, l amplificatore

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Andrea Bernieri bernieri@unicas.it

Dettagli

DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE. LCD_SERv10

DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE. LCD_SERv10 DISPLAY REMOTO PILOTATO DALLA SERIALE su CPU18LCD LCD_SERv10 035-693737 1 FUNZIONI del sistema: Il sistema è composto da: 1. una scheda con a bordo ÄÅ Un regolatore 12Vcc / 7Vcc Ä a 5Vcc ÄÇ Un microprocessore

Dettagli

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto:

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto: PLC - Linguaggi Il software è l elemento determinante per dare all hardware del PLC quella flessibilità che i sistemi di controllo a logica cablata non possiedono. Il software che le aziende producono

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 Indice INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 3.1. PESATURA SEMPLICE 2 3.2. TARA SEMIAUTOMATICA 2 3.3. BLOCCO DELLA TARA 3 4. TASTIERA 3 5. INTERFACCIA

Dettagli

SCHEDA MULTI I/O DI INTERFACCIA PER ATTUATORI/SENSORI SU PORTA PARALLELA (standard 1284)

SCHEDA MULTI I/O DI INTERFACCIA PER ATTUATORI/SENSORI SU PORTA PARALLELA (standard 1284) SCHEDA MULTI I/O DI INTERFACCIA PER ATTUATORI/SENSORI SU PORTA PARALLELA (standard 1284) MANUALE D USO E DOCUMENTAZIONE DESCRIZIONE PAG. 1 CARATTERISTICHE E SPECIFICHE 2 SCHEMA A BLOCCHI 3 LAYOUT DISPOSITIVO

Dettagli

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE Scheda d interfaccia per PC da collegare alla porta seriale. Consente di controllare otto uscite a relè e di leggere otto ingressi digitali e due analogici. Un

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

Controllo di un braccio meccanico

Controllo di un braccio meccanico Relazione di sistemi Alunni: Manfredi Giovanni Luca, Iaffaldano Giovanni Classe 5 A etb Coordinatore: Prof. Ettore Panella 1. Descrizione Controllo di un braccio meccanico Si vuole sviluppare un sistema

Dettagli

Collegamento al sistema

Collegamento al sistema Collegamento al sistema Chi comanda il movimento della testina? Chi comanda la generazione del raggio laser? Chi si occupa di trasferire i dati letti in memoria centrale? Chi comanda la rotazione dei dischi?

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

per(il(corso(di(architetture(dei(sistemi(di(elaborazione(

per(il(corso(di(architetture(dei(sistemi(di(elaborazione( Esercizi(Assembler(8086(e(ARM( per(il(corso(di(architetture(dei(sistemi(di(elaborazione( Prof.(Mezzalama,(Ing.(Bernardi( v1.0marzo2013 Autore:MaggioLuigi E6mail:luis_may86@libero.it Portfolio:http://www.luigimaggio.altervista.org

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE E DEI PRODOTTI NUTRACEUTICI Informatica con esercitazioni Prof. Onofrio Greco Modulo 1 Concetti di base dell ICT Modulo 2 Uso del Computer e Gestione dei File Modulo

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di segnali Unità di misura delle grandezze elettriche Simbologia

Dettagli

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it PLC51 di G.Filella e C. Befera filella@tin.it Ecco il piccolo Davide, un ottimo esempio di come l elettronica si integra con l informatica: un potente PLC controllabile tramite la porta seriale di un personal

Dettagli

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A ITIS M. PLANCK LANCENIGO DI VILLORBA (TV) A.S. 2006/07 CLASSE 4A/ SERALE Corso di elettronica e telecomunicazioni Ins. Zaniol Italo CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A Presentazione

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0 USART PIC 16F876 L USART (Universal Synchronous Asynchronous Receiver Trasmitter) è uno dei due moduli di I/O seriali, esso è conosciuto anche come Serial Comunications Interface (SCI). L USART può essere

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Dispensa di Informatica I.1

Dispensa di Informatica I.1 IL COMPUTER: CONCETTI GENERALI Il Computer (o elaboratore) è un insieme di dispositivi di diversa natura in grado di acquisire dall'esterno dati e algoritmi e produrre in uscita i risultati dell'elaborazione.

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK

VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK VIW 3 CANALI LC-50A RS232 RACK 1 PROFESSIONAL ELECTRONIC INSTRUMENTS VIW TRE CANALI LC50A RS232 - RACK VIW 3 CANALI LC-50A RS232 RACK 2 SOMMARIO 1. Descrizione dello strumento 1.1 Frontale 1.2 Retro 2.

Dettagli

Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia http://www.sielcoelettronica.com info@sielcoelettronica.

Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia http://www.sielcoelettronica.com info@sielcoelettronica. Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia http://www.sielcoelettronica.com info@sielcoelettronica.com Sommario 1 Installazione... 1 1.1 Verifica della confezione...1

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

Controllo comunicazioni

Controllo comunicazioni Controllo comunicazioni Il controllo comunicazioni consente di aggiungere nell'applicazione funzioni semplici per comunicazioni attraverso porte seriali nonché funzioni avanzate per la creazione di uno

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Misura ed analisi della potenza elettrica

Misura ed analisi della potenza elettrica Misura ed analisi della potenza elettrica Il tempo in cui vi era un uso illimitato di energia appartiene al passato. I costruttori di apparecchiature e macchine elettriche sono costretti ad ottimizzare

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

Storico Revisioni Rev. 1.0 Stesura 8

Storico Revisioni Rev. 1.0 Stesura 8 Storico evisioni Pagine ev. 1.0 Stesura 8 Questo prodotto soddisfa i requisiti di protezione EMC della direttiva 2004/108/CE (ex 89/336/CEE e successive modifiche. SYSTEM s.p.a. Div. Electronics via Ghiarola

Dettagli

Installazione del trasmettitore. ACom6

Installazione del trasmettitore. ACom6 Installazione del trasmettitore CBC (Europe) Ltd. Via E.majorana, 21 20054 Nova Milanese (MI) tel: +39 (0)362 365079 fax: +39 (0)362 40012 1 Precauzioni Il dispositivo non deve essere esposto a pioggia

Dettagli

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware 1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware Il seguente diagramma è un esempio di sistema di controllo accessi con il software Veritrax AS-215 e i controllori AC- 215. 1.1

Dettagli

Architettura del PIC 18F452

Architettura del PIC 18F452 Controllo Digitale a.a. 2005-2006 Architettura del PIC 18F452 Ing. Federica Pascucci PIC 18F452 Caratteristiche Frequenza operativa: 40 MHz Memorie: Program FLASH memory: 32 KBytes, 16 K-istruzioni memorizzabili

Dettagli

IL TEST JIG PER PANNELLI SOLARI

IL TEST JIG PER PANNELLI SOLARI IL TEST JIG PER PANNELLI SOLARI INDICE 1. Introduzione...3. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig pannelli solari...4 3.1 I compiti del test jig pannelli solari...4 3.

Dettagli

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE Le indagini ultrasoniche e soniche consentono la determinazione delle caratteristiche elastico-dinamiche dei materiali. In particolare

Dettagli

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore.

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore. Periferiche di I/O 02 novembre 2006 Architettura di Von Neumann Schema generale di tipo funzionale del calcolatore Unità Centrale Memoria Centrale Interfacce delle Periferiche BUS DATI BUS BUS CONTROLLO

Dettagli

Guida all hardware di rete

Guida all hardware di rete !"##$% Guida all hardware di rete ad uso degli Studenti del Corso di RETI DI CALCOLATORI CdL I livello in Ingegneria Informatica Versione 0.5 Autore: Davide Mazza Mantova, li 16/03/2004 GUIDA ALL HARDWARE

Dettagli

I dispositivi di Input e Output

I dispositivi di Input e Output Input - Output I dispositivi di Input e Output La comunicazione tra il calcolatore e l ambiente in cui esso è immerso avviene attraverso dispositivi che traducono i dati digitali in segnali compatibili

Dettagli