ASL MilanoDue Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Milano 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASL MilanoDue Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Milano 2"

Transcript

1 ASL MilanoDue Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Milano 2 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Protocollo Operativo NORME IN MATERIA DI SICUREZZA E PREVENZIONE INCENDI NELLE STRUTTURE SANITARIE PIANO DI EMERGENZA Servizio PSAL - U.O. di Melegnano Massimo Stroppa Marzo 2004

2 PREMESSA Il Progetto Ospedali promosso dal Servizio PSAL (Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro) della ASL della Provincia Milano 2 ha lo scopo di aumentare il livello di sicurezza degli Ospedali insediati sul proprio territorio di competenza. Le ragioni del progetto risiedono nel fatto che gli ospedali rappresentano delle aziende peculiari sia per la loro missione, sia per la complessità tecnica e organizzativa. In generale gli obiettivi del progetto sono: migliorare la sicurezza degli impianti attraverso l analisi e l adeguamento dei loro aspetti strutturali, la definizione del loro modo di impiego ottimale nelle normali condizioni d esercizio e in quelle di pericolo e d emergenza, la messa a punto di programmi di verifica periodica e di manutenzione programmata; migliorare le capacità di gestire le situazioni di emergenza, a partire dalla loro analitica identificazione e attraverso l elaborazione di credibili piani per ciascun tipo di emergenza, la realizzazione di tutte le misure strutturali e organizzative capaci di assicurare, al bisogno, l efficacia di tali piani; definire gli standard del sistema aziendale di sicurezza previsto dal Titolo I del d.lgs, 626/94 tarandolo sulle specifiche esigenze delle strutture di ricovero e cura. Inoltre con propria direttiva avente per oggetto Prevenzione incendi nelle strutture sanitarie del , inviata a tutti i Direttori Generali delle ASL e ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere nonché ai Commissari degli IRCCS di diritto pubblico, ai Legali Rappresentanti di IRCCS di diritto privato, Case di Cura e RSA e ai Direttori dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASL della Lombardia, la Giunta Regionale-Direzione Generale Sanità, ha informato, i destinatari sopra richiamati, in merito agli adempimenti in materia di prevenzione incendi. Ciò a seguito dell emanazione sulla GU del n. 227 del decreto del Ministero dell Interno 18 settembre 2002 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private. Sempre con la medesima direttiva, la Giunta Regionale-Direzione Generale Sanità, ha sottolineato l importanza ai fini della salvaguardia delle persone e della tutela dei beni, dell adeguamento delle strutture sanitarie alle norme di prevenzione incendi, richiamando anche le norme in materia di sicurezza e tutela della salute sul luogo di lavoro, in quanto la regola tecnica di prevenzione incendi di per sé, non esaurisce le misure da adottare di prevenzione e di protezione che gravano sui datori di lavoro delle strutture sanitarie, che devono essere assunte in relazione al rischio d incendio. La direttiva regionale, infatti, ribadisce che devono essere adottate anche le misure previste dal D.Lgs. 626/94 e dal DM del 10 marzo Pertanto al fine di identificare meglio i punti di verifica durante l attività sia di auditing che di ispezione, si è ritenuto di fornire agli operatori una check list per il controllo dei requisiti alle norme cogenti in materia di sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro con particolare riferimento alle misure di emergenza e di prevenzione incendi. 2

3 PIANO DI EMERGENZA Per la prevenzione incendi gli Ospedali rientrano tra le strutture a lento abbandono, dove il problema delle emissioni tossiche in caso d incendio assume una valenza fondamentale. Pertanto lo strumento basilare per la corretta gestione degli incidenti (siano essi incendi, infortuni, fughe di gas o perdite di sostanze pericolose) è il piano di emergenza. Secondo le statistiche, in caso di incendio, sono le intossicazioni a costituire la prima causa di intervento medico a causa dei gas e dei fumi tossici che si sviluppano e si diffondono con estrema rapidità nell ambiente, tant è che rappresentano c.a l 85% dei decessi. [Laboratorio di tossicologia, Dipartimento di farmacologia dell università di Padova] A titolo esemplificativo di seguito, si riporta la tabella (1) sugli effetti tossicologici dei principali gas liberati durante un incendio. Tab. 1 Effetti tossicologici gas liberati in un incendio GAS TOSSICI SORGENTI MECCANISMO D AZIONE HCN Acido cianidrico NO x Ossidi di azoto NH 3 Ammoniaca HCl Acido cloridrico Lana, seta, resine acriliche, nylon, carta, resine poliuretaniche Nitrato di cellulosa, celluloide, tessuti Lana, seta, melanina, nylon Cloruro di polivinile, materiali che ritardano la combustione CONCENTRAZIONE LETALE (ppm) Anossia tossica 350 Edema polmonare 200 Irritante respiratorio Irritante respiratorio, edema polmonare 350 Tab. 2 Effetti tossici dell ossido di carbonio CONCENTRAZIONE NELL ARIA EFFETTI TOSSICI (ppm) 100 Riduzione dell acuità sensoriale 200 Cefalea vertigini, nausea dopo due ore di esposizione 400 In coordinamento dei movimenti, difficoltà di respiro e tachicardia dopo 45 di esposizione Palpitazioni, stordimento, disturbi sensoriali Perdita di conoscenza dopo 10 di esposizione, insufficienza cerebrale sino a coma profondo Concentrazione letale in 10 di esposizione La gravità dell esposizione dipende sia dalla sua durata, sia dalla concentrazione dei gas aerodispersi, pertanto diventa un elemento di estrema importanza la rapidità con la quale si interviene in caso di incendio. Infatti valutando la curva caratteristica dell incendio, si desume che la concentrazione di sostanze tossiche e nocive, aumenta molto più velocemente della temperatura, tant è che la concentrazione dei fumi raggiunge in 5 minuti un valore pari al 50% del massimo totale, mentre per il flash-over si registrano tempi di 15 minuti. 3

4 Peraltro la curva caratteristica dell incendio offre anche una valutazione in merito al pieno incendio che si ha dopo c.a minuti dall inizio del focolaio. Anche per quanto riguarda le strutture sanitarie, occorre solo ricordare che in via generale, sul datore di lavoro grava quanto prescritto agli art. 3 e 4 comma 5, lett. q) del D.Lgs. 626/94, nonché quanto disposto dal DM laddove si prevede che, a seguito della valutazione del rischio d incendio (obbligatoria in ogni luogo di lavoro), deve essere adottato in forma scritta e tenuto aggiornato, un piano di emergenza antincendio, adeguato alle dimensioni e caratteristiche dell attività ed alle situazioni di emergenza ragionevolmente prevedibili 1, che descriva le necessarie misure organizzative e gestionali da attuare, in quanto la rapidità ed il successo con cui può essere gestita l evacuazione in una struttura ospedaliera è soggetta a numerose variabili 2. Il piano di emergenza deve contenere nel dettaglio tutte le informazioni che servono per mettere in atto i primi comportamenti e le prime manovre in caso di incidente, ed in particolare: 1. le azioni che i lavoratori devono mettere in atto in caso di incendio; 2. le procedure per l'evacuazione del luogo di lavoro che devono essere attuate dai lavoratori e dalle altre persone presenti; 3. le disposizioni per chiedere l'intervento dei vigili dei fuoco e per fornire le necessarie informazioni alloro arrivo; 4. le specifiche misure per assistere le persone disabili eventualmente presenti. 1 Fattori dai quali può dipendere che il rischio d incendio possa portare a conseguenze superiori a quanto razionalmente prevedibile: mancanza di efficaci sistemi di prevenzione; carenza nella segnalazione tempestiva dell incendio; scarse conoscenze dei luoghi da parte del personale interno; mancanza di compartimentazione antincendi e di aerazione dei luoghi a rischio; insufficienza delle vie di fuga protette; mancanza di un piano di emergenza interno; carenza nei sistemi di protezione passiva e attiva. 2 Fattori che concorrono al verificarsi del rischio d incendio in un edificio ospedaliero: destinazione d uso dei locali e dei comparti costituenti l edificio; superficie coperta; numero dei piani; altezza dell edificio; numero degli occupanti; tecnologie ed impianti presenti. 4

5 Tali provvedimenti devono avere lo scopo di conseguire nel più breve tempo possibile i seguenti obiettivi principali: 1. salvaguardia ed evacuazione delle persone 2. messa in sicurezza degli impianti 3. compartimentazione e confinamento dell incendio 4. protezione dei beni e delle attrezzature 5. estinzione completa dell incendio. I piani di emergenza ben strutturati prevedono inoltre le operazioni necessarie per la rimessa in servizio in tempi ragionevoli il ripristino delle precedenti condizioni lavorative. In ogni caso un piano di emergenza deve essere riferito alla realtà effettivamente esistente nei luoghi di lavoro cui si riferisce, deve essere facilmente comprensibile, non deve ingenerare confusione e deve essere ben conosciuto dai lavoratori. Cerchiamo pertanto di capire che cosa è, e come deve essere strutturato, un piano di emergenza. SCOPO ED OBIETTIVI Lo scopo dei piani di emergenza è quello di consentire la migliore gestione possibile degli scenari incidentali ipotizzabili, determinando una o più sequenze di azioni che sono ritenute le più idonee per avere i risultati che ci si prefigge al fine di controllare le conseguenze di un incidente. La stesura del piano di emergenza consente di raggiungere diversi obiettivi, già a partire dai momenti preliminari nei quali si valuta il rischio e la Direzione inizia ad identificare con maggiore precisione gli incidenti che possono verificarsi nell attività lavorativa. Tra gli obiettivi di un piano di emergenza ci sono, ad esempio, i seguenti: 1. raccogliere, in un documento organico e ben strutturato, le informazioni che sono difficilmente memorizzabili, o che comunque non è possibile ottenere facilmente durante una emergenza; 2. fornire una serie di linee-guida comportamentali e procedurali che siano il frutto dell esperienza di tutti i componenti dell Ospedale, e che, pertanto, rappresentano le migliori azioni da intraprendere; 3. disporre di uno strumento per sperimentare la simulazione dell emergenza; 4. promuovere organicamente l attività di addestramento all interno della struttura. La struttura di un piano di emergenza, ovviamente, può variare molto secondo il tipo di Ospedale, della sua conformazione, del numero di dipendenti, dei degenti presenti oltre che da una serie di parametri talmente diversificati che impediscono la creazione di un solo modello standard valido per tutti i casi. É tuttavia possibile individuare con sufficiente precisione alcuni contenuti di base che possono essere comuni a diverse strutture sanitarie. PROCEDURE - PERSONE - AZIONI Un piano di emergenza è definibile come un documento scritto che risulta dalla raccolta di informazioni, sia generali che dettagliate, pronte per essere usate dal personale dell azienda e 5

6 dagli enti di soccorso pubblico per determinare il tipo di risposta per incidenti ragionevolmente prevedibili. Questi piani identificano i pericoli potenziali, le condizioni e le situazioni particolari, e consentono di disporre rapidamente di specifiche informazioni che sarebbero altrimenti difficile, se non impossibile, ottenere durante un emergenza. Le procedure operative rappresentano, in genere schematicamente, linee guida, comportamentali ed operative, tramite le quali il personale può operare efficacemente e con maggiore sicurezza in condizioni di emergenza. In mancanza di appropriate procedure, la gestione di un emergenza da parte di personale non professionalmente preparato può facilmente diventare caotica, causando confusione ed incomprensione, aumentando considerevolmente il panico ed il rischio di infortuni. Il contenuto del piano di emergenza deve innanzitutto focalizzare l attenzione su alcune persone o gruppi chiave (come il Centro di Gestione delle Emergenze 3, le squadre degli addetti alla gestione delle emergenze, la direzione sanitaria, le capo sala, i responsabili di servizio, l ufficio tecnico, la manutenzione, ecc.), deve descriverne dettagliatamente il comportamento, le azioni da intraprendere, ed evidenziare le azioni da non fare. Al verificarsi dell emergenza, si deve tenere conto che, comunque, possono facilmente essere coinvolte anche persone di altri reparti, o presenti casualmente in Ospedale (clienti, visitatori, pubblico, dipendenti di altre società di manutenzione, ecc.); è bene ricordare che il piano deve prendersi cura anche di queste persone. Inoltre, una emergenza può avere ripercussioni anche in aree esterne all Ospedale, o può comunque riguardare altre Organizzazioni o Servizi la cui attività è in qualche modo correlata; in tali casi, il piano di emergenza deve prevedere i comportamenti e le misure di protezione da adottare anche per queste situazioni. Se in Ospedale si verifica un incendio nel reparto di Pronto Soccorso, si deve prevedere che dal quel momento le emergenze sanitarie vanno dirottate su altri Ospedali (o su altri Reparti), mediante idonee procedure. Ricordiamo ancora una volta che l obiettivo primario del piano di emergenza deve essere la salvaguardia delle persone, siano esse pazienti o dipendenti dell Ospedale, clienti, visitatori, o abitanti delle aree circostanti. Una figura che non deve mai mancare nella pianificazione del piano di emergenza, è quella del Gestore dell Emergenza, al quale vanno delegati poteri decisionali e la possibilità di prendere decisioni anche arbitrarie, al fine di operare nel migliore dei modi e raggiungere gli obiettivi stabiliti. Le azioni previste nel piano di emergenza devono assolutamente essere correlate alla effettiva capacità delle persone di svolgere determinate operazioni. 3 Attivazione Piano di Emergenza Interna Ospedaliera Esempio composizione Centro di Gestione delle Emergenze: Direttore Sanitario (presiede) Capo Servizi Infermieristici; Responsabile Servizio di Anestesia e Rianimazione; Coordinatore Dipartimento di Emergenza (o Resp. Chirurgia Generale e Medicina Generale); Responsabile Servizi Tecnologici; Responsabile Servizi Amministrativi. Per ogni componente deve essere previsto un sostituto. La lista deve essere tenuta aggiornata. 6

7 Non è saggio né opportuno attribuire compiti particolari a chi non è stato adeguatamente addestrato, e/o non possiede idonei requisiti psico-fisici; occorre infatti ricordare che, in condizioni di stress e di panico, le persone spesso tendono a perdere lucidità e capacità operativa, e pertanto il piano di emergenza va strutturato tenendo conto anche di questo aspetto. Sono meglio poche, semplici ed efficaci azioni piuttosto che una serie di incarichi complicati, nei quali il rischio di saltare alcuni passaggi fondamentali è molto alto. VALUTAZIONE DEL RISCHIO E PIANIFICAZIONE Per la costruzione di un piano di emergenza, una fase importantissima è quella iniziale, di identificazione dei pericoli e valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute. Nel documento di valutazione dei rischi dovranno essere raccolte tutte le informazioni che permetteranno di strutturare senza grosse difficoltà il processo di pianificazione dell emergenza, e quindi, se la valutazione del rischio è eseguita con precisione e completezza, anche la successiva pianificazione dell emergenza potrà facilmente essere di buona qualità. Per ottenere la più ampia possibilità di successo, è opportuno che nella pianificazione dell emergenza sia coinvolto, per le rispettive conoscenze e responsabilità, il personale dell Ospedale, affinché ciascuno, opportunamente guidato e stimolato, possa fornire idee e soluzioni atte a migliorare la qualità del piano d emergenza e le procedure in esso contenute. È inoltre da tenere presente che, quanto più le persone sono coinvolte e fanno proprio il piano di emergenza, tanto più questo avrà possibilità di successo nel momento in cui dovrà essere applicato in un incidente reale. La valutazione dei rischi dovrà evidenziare i possibili eventi incidentali che ragionevolmente ci si può aspettare in ambito ospedaliero, quindi sia eventi propri della struttura che quelli ambientali o di contesto che possono interagire con essa. Dopo questa valutazione occorrerà stabilire quali di questi eventi presentano i maggiori rischi, ed iniziare da questi per pianificare le procedure di emergenza. Si può partire schematizzando una griglia, dove sono indicati: il tipo di evento incidentale il reparto/servizio interessato la sequenza temporale di azioni da intraprendere le persone/gruppi coinvolti i compiti che ogni singola persona o gruppo deve portare a termine. Successivamente si potranno realizzare delle schede più dettagliate delle azioni che ogni singola figura o gruppo di persone deve intraprendere. La scheda che riguarda ogni persona o gruppo deve essere veramente una scheda, perché non ci si può aspettare di avere una valida gestione dell emergenza se, per ricordarsi e capire che cosa fare, le persone devono perdere un quarto d ora a studiarsi un manuale di procedure troppo particolareggiato. Per un evoluzione favorevole dell evento incidentale occorre che ciascuno esegua quelle poche ma fondamentali operazioni di propria competenza, nella giusta sequenza, e soprattutto coordinate con le operazioni che stanno eseguendo gli altri. 7

8 In emergenze più complesse e articolate, può essere necessario che la scheda faccia riferimento ad ulteriori procedure specifiche, come ad esempio quelle per mettere in sicurezza un impianto oppure per attivare/disattivare determinati macchinari o attrezzature. Ad esempio si possono estrapolare, dalle istruzioni particolareggiate di impianti o macchinari, alcune procedure urgenti per la disattivazione o l arresto, e descrivere dettagliatamente le poche manovre essenziali necessarie per stabilizzare un problema o porre in sicurezza un sistema; poi si potrà, con maggiore calma, fare il punto della situazione e procedere con altre manovre più accurate. L addestramento, comunque, è l unico ed insostituibile metodo che può garantire il corretto funzionamento di un sistema di gestione dell emergenza; in mancanza di aggiornamento continuo e di esercitazioni periodiche, anche il piano più semplice e le procedure meglio organizzate non avranno mai la giusta efficacia. Occorre inoltre ricordare che il piano di emergenza deve esser inteso come un documento dinamico, cioè in continua evoluzione, per poter effettivamente seguire la dinamica aziendale e potere migliorare le procedure previste. È necessario quindi procedere ad aggiornamenti periodici, sia in occasione di variazioni significative (ad esempio in occasione di introduzione di nuovi macchinari significativi dal punto di vista della sicurezza, cambiamenti strutturali, ristrutturazioni o adeguamenti strutturali, etc.), sia a seguito di ogni fase di addestramento che abbia evidenziato carenze nelle procedure. MODALITÀ PER L EVACUAZIONE DELLE PERSONE (PIANO DI EVACUAZIONE) È opportuno evidenziare subito che il piano di evacuazione non è il piano di emergenza, come alcuni erroneamente ritengono, ma è una parte del piano di emergenza generale che descrive, con gli opportuni dettagli, le misure adottate (in fase preventiva e di pianificazione), e i comportamenti da attuare (in fase di emergenza) per garantire la completa evacuazione dell edificio o della struttura da parte di tutti i presenti (siano essi gli stessi dipendenti, i degenti, i fornitori, il pubblico, etc.), in caso di emergenza. Anche il piano di evacuazione, naturalmente, deve essere elaborato tenendo conto del tipo di evento ipotizzato e delle caratteristiche dell Ospedale o della struttura sanitaria. Non è forse del tutto superfluo ricordare che la predisposizione del piano di evacuazione va effettuata prevedendo di far uscire dal fabbricato tutti gli occupanti, utilizzando le normali vie di esodo, senza pensare di impiegare soluzioni personalizzate, tanto ingegnose quanto rocambolesche. LE PROCEDURE DI CHIAMATA DEI SERVIZI DI SOCCORSO Una buona gestione dell emergenza inizia anche con la corretta attivazione delle squadre di soccorso dei Vigili del Fuoco (tel. 115). Pertanto, è bene che, dopo aver individuato la persona che è incaricata di diramare l allarme (e preferibilmente anche un suo sostituto), venga predisposto un apposito schema di richiesta di soccorso con corrette modalità, che deve contenere almeno i seguenti dati: l indirizzo dell ospedale ed il numero di telefono; il tipo di emergenza in corso; persone coinvolte e/o ferite; 8

9 reparto/servizio coinvolto; stadio dell evento (in fase di sviluppo, stabilizzato, ecc.); altre indicazioni particolari (materiali coinvolti, necessità di fermare i mezzi a distanza, ecc.); indicazioni sul percorso; risorse idriche disponibili. Può essere una buona prassi predisporre, e tenere sempre a portata di mano, una pagina fax che indica utili informazioni sull Ospedale, ed il percorso migliore per raggiungerlo; tale schema può venire inviato alla Sala Operativa dei Vigili del Fuoco al momento dell emergenza, ed in tal modo l operatore VF del 115, in contatto radio con le squadre, può così fornire preziose indicazioni per guidarle sul posto nel più breve tempo possibile. È utile sapere che fornire ai Vigili del Fuoco informazioni complete e dettagliate sull emergenza in corso, consente di organizzare immediatamente, e nel modo più efficiente possibile, i soccorsi (per quanto riguarda la tipologia delle attrezzature ed il contingente di uomini da impiegare); ricordiamo altresì che, negli interventi per incendio, l efficacia dei soccorsi (e quindi la limitazione dei danni) è direttamente proporzionale alla tempestività dell intervento ed alla corretta disponibilità delle risorse necessarie. COLLABORAZIONE CON I VIGILI DEL FUOCO IN CASO DI INTERVENTO Il modo migliore per collaborare con i Vigili del Fuoco durante l incendio è quello di mettere a loro disposizione la propria capacità ed esperienza lavorativa e la conoscenza dei luoghi, per svolgere quei compiti che già si è abituati a fare, perché si svolgono nell attività di tutti i giorni. Pertanto è necessario che un incaricato dell Ospedale sia pronto ad accogliere i soccorritori, fornendo al loro arrivo e durante l'intervento tutte le informazioni necessarie per il migliore espletamento delle operazioni di soccorso (es: vie di accesso all area ed ai locali interessati; risorse idriche disponibili nell area o nelle immediate vicinanze; presenza ed ubicazione di persone in pericolo; esistenza di depositi, sostanze, impianti o apparecchiature pericolose; situazioni particolari; etc.). ESERCITAZIONI ANTINCENDIO Inizialmente il piano di emergenza conterrà certamente alcune imprecisioni, e sarà probabilmente abbastanza generico, ma è difficile pretendere che fin dalla prima stesura il piano di emergenza sia un documento perfetto. Nel tempo, gradualmente, si applicheranno le nuove parti del piano che verranno man mano sviluppate, fino ad avere un documento soddisfacente ed adeguato alla realtà della struttura, ma l unico modo per scoprire se, e fino a che punto, funziona un piano di emergenza, è quello di fare periodiche esercitazioni. Pertanto, i lavoratori devono partecipare ad esercitazioni antincendio, da effettuare almeno una volta l'anno, per mettere in pratica le procedure di esodo e di primo intervento. I lavoratori devono partecipare all'esercitazione e, qualora ritenuto opportuno, anche il pubblico; il personale incaricato di specifiche mansioni deve attuare, per quanto possibile, le procedure previste dal piano; 9

10 Una successiva esercitazione deve essere messa in atto non appena: - una esercitazione abbia rivelato serie carenze e dopo che sono stati presi i necessari provvedimenti; - si sia verificato un incremento del numero dei lavoratori e degenti - siano stati effettuati lavori che abbiano comportato modifiche alle vie di esodo. ASSISTENZA ALLE PERSONE DISABILI IN CASO DI INCENDIO Nelle fasi di pianificazione delle misure di sicurezza antincendio e delle procedure di evacuazione del luogo di lavoro, devono essere identificate le particolari esigenze dei pazienti (bambini, anziani, donne i stato di gravidanza, persone con arti fratturati, le loro condizioni di salute, se sono collaboranti o non collaboranti o se lo sono solo parzialmente, la particolare terapia clinica) e dei servizi (blocco operatorio, rianimazione, terapia intensiva, ortopedia e traumatologia, pediatria) e dei lavoratori disabili eventualmente presenti in Ospedale perché, se non considerate, potrebbero fortemente ritardare o inficiare lo svolgimento delle procedure di evacuazione. Nel predisporre il piano di emergenza, il datore di lavoro deve prevedere una adeguata assistenza alle persone disabili presenti. Si evidenzia inoltre che, in generale, gli ascensori non devono essere utilizzati per l'esodo, salvo che siano stati appositamente progettati e realizzati per tale scopo; in particolare, poi, le persone disabili possono utilizzare un ascensore solo se è un ascensore predisposto per l'evacuazione o è un ascensore antincendio, ed inoltre tale impiego deve avvenire solo sotto il controllo di personale pienamente a conoscenza delle procedure di evacuazione. BIBLIOGRAFIA Incendio: emergenze tossicologiche e primo intervento prof. Giuliano Bressa- Laboratorio di tossicologia, Dipartimento di Farmacologia dell Università di Padova [Fire febbraio 1998]; La protezione antincendio e antintrusione negli ospedali di G. Fascina [Antincendio 9/92]; Norme di prevenzione incendi di Leonardo Corbo Pirola editore; Emergenza in ospedale di L. Maurizi da Antincendio 3/95; Indirizzi per la stesura di un piano di evacuazione a cura di A.I. S.A.C.E. (Associazione infermieri specializzati in area critica ed emergenza); Il comportamento della struttura ospedaliera nelle emergenze A. Morra, C. Romeo, C. Sala Protezione Civile e Ambiente della Regione Piemonte; Decreto Ministero degli Interni, del Lavoro e della Previdenza Sociale del 10 Marzo 1998: Regola Tecnica di Prevenzione Incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private - GU del n. 227 Decreto del Ministero dell Interno 18 settembre 2002 Prevenzione incendi nelle strutture sanitarie Giunta Regionale, Direzione Generale Sanità della Regione Lombardia del

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUL PIANO DI EMERGENZA

APPROFONDIMENTI SUL PIANO DI EMERGENZA APPROFONDIMENTI SUL PIANO DI EMERGENZA La buona riuscita di un Piano di Emergenza è una questione di "cultura". Il Piano di Emergenza fornisce le Indicazioni ma è la popolazione aziendale che decide le

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Condizioni di sicurezza - Piano D.M. 10 marzo 1998 Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 Cosa è un piano Scopo Lo

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo

Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo Corso per addetti antincendio rischio elevato 2 Modulo LA DECONTAMINAZIONE NBCR 30/03/2012 ing. V. Nocente- VVF 1 parleremo di: Misure di protezione contro gli incendi Vie di esodo Procedure da adottare

Dettagli

3. L emergenza incendio

3. L emergenza incendio 3. L emergenza incendio 3.1 I riferimenti legislativi dell emergenza incendio nei luoghi di lavoro Solo con l emanazione del D.Lgs. n. 626/1994, seguito dal DM 10 marzo 1998, venivano riprese le tematiche

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA Gestione del rischio incendio e delle misure mitigative negli istituti scolastici

Dettagli

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno PERICOLO: proprietà intrinseca di un fattore (attrezzature, sostanze, pratiche di lavoro ecc.) di poter causare danni RISCHIO: è la probabilità che si verifichino

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

ISMEDA Group di LOMAGLIO Franco

ISMEDA Group di LOMAGLIO Franco AD OGGI ABBIAMO GIA EFFETTUATO CORSI per la Sicurezza per oltre.500 SCUOLE, AZIENDE, ENTI ITALIANI (Formazione Figure sensibili ai sensi del Testo Unico sulla Sicurezza DLgs 8/08) I costi seguenti si riferiscono

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Gestione della sicurezza. Gestione della sicurezza

Gestione della sicurezza. Gestione della sicurezza CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Gestione della sicurezza Elementi principali per gestire la sicurezza in condizioni di emergenza, formazione degli addetti antincendio, squadra aziendale,

Dettagli

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO Area ex MICHELIN Trento TRENTO PIANO DI EMERGENZA INTERNO Stato delle Emissioni/Revisioni Emiss./Rev. Data Commenti Autore Controllato ed emesso da Approvato da 01/00 08/07 Richiesta

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la gestione aziendale i Definizione della Politica di prevenzione - Verificare

Dettagli

PARTE IV LEGGI E DECRETI. Decreto Legislativo 626/94

PARTE IV LEGGI E DECRETI. Decreto Legislativo 626/94 PARTE IV LEGGI E DECRETI Decreto Legislativo 626/94 T I T O L O I C a p o I D i s p o s i z i o n i g e n e r a l i A r t i c o l o 3 M i s u r e g e n e r a l i d i t u t e l a 1. Le misure generali per

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Le gestione della sicurezza antincendio nelle fasi di adeguamento

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE Nel quadro complessivo della questione il nodo della gestione delle emergenze

GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE Nel quadro complessivo della questione il nodo della gestione delle emergenze GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE Nel quadro complessivo della questione il nodo della gestione delle emergenze Un quadro della situazione Il patrimonio edilizio adibito ad attività di istruzione di

Dettagli

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche D.Lgs.81/2008 e seguenti D.M. 26 agosto 1992 D.M. 1 0 Marzo 1998 D.P.R. 151/2011 Anno 2012 Il luogo di lavoro LA SCUOLA Il Dirigente

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

DVD Antonio Del Gallo

DVD Antonio Del Gallo NUOCO CODICE DI PREVENZIONE INCENDI Capitolo S.5 Gestione della sicurezza antincendio DVD Antonio Del Gallo Direzione Interregionale per il Veneto e il Trentino Alto Adige Premessa GSA : misura della Strategia

Dettagli

CORSI ANTINCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

CORSI ANTINCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE CORSI ANTINCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA

Dettagli

Definizione di emergenza

Definizione di emergenza Definizione di emergenza Ogni scostamento dalle normali condizioni operative tale da determinare situazioni di possibile danno agli uomini e alle cose deve essere deve essere controllato e risolto nel

Dettagli

L ospedale nelle maxiemergenze: il P.E.I.

L ospedale nelle maxiemergenze: il P.E.I. Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bari Sede legale: Lungomare Starita, 6-70123 BARI OSPEDALI E MAXIEMERGENZE L ospedale nelle maxiemergenze: il P.E.I. Dott. Michele Angelo Denicolò Direzione

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 STRUTTURA D.M. 19 MARZO 2015

BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 STRUTTURA D.M. 19 MARZO 2015 BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 Sulla GU 2573/2015, n. 70 è stato pubblicato il D.M. 19 marzo 2015 recante "Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE Corsi di formazione e modalità di accertamento dell idoneità tecnica del personale incaricato a svolgere, nei luoghi di lavoro, mansioni di addetto alla prevenzione

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

CATALOGO CORSI di FORMAZIONE

CATALOGO CORSI di FORMAZIONE Con l entrata in vigore del nuovo Accordo Stato-Regioni avvenuta il 26 gennaio 2012, i contenuti formativi legati alla Sicurezza sul Lavoro hanno subito degli adeguamenti sostanziali, sia nei CONTENUTI,

Dettagli

PRIMO SOCCORSO AZIENDALE (nota informativa per le aziende)

PRIMO SOCCORSO AZIENDALE (nota informativa per le aziende) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO certificato secondo la rma UNI EN ISO 9001 Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Responsabile Dott. Giorgio Luzzana 24125 Bergamo Via B.go Palazzo

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

Formazione Particolare Aggiuntiva dei Preposti Accordo Stato Regioni 21/12/11

Formazione Particolare Aggiuntiva dei Preposti Accordo Stato Regioni 21/12/11 Formazione Particolare Aggiuntiva dei Preposti Accordo Stato Regioni 21/12/11 MODULO 2 - Relazioni tra i vari soggetti DATORE DI LAVORO: RSPP: Designa: Art.17 D.Lgs. 81/08 - Obblighi del datore di lavoro

Dettagli

G I O R N A T A D I S T U D I O X I V M A G G I O 2 0 1 3 O R E 9. 0 0

G I O R N A T A D I S T U D I O X I V M A G G I O 2 0 1 3 O R E 9. 0 0 GIUNTA REGIONALECAMPANIA ASL CASERTA DIREZIONE REGIONALE VV.F. COMANDO PROVINCIALE VV.F. DI CASERTA L E S T R U T T U R E S A N I T A R I E : I N N O V A Z I O N I N O R M A T I V E E M I S U R E G E S

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Segnaliamo infine che il decreto introduce un organo destinato al monitoraggio dell uso del nuovo approccio a livello nazionale, l

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008)

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) 3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI Via A.Labriola -80016 MARANO DI NAPOLI PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) Il Dirigente Scolastico : Dott.ssa Silvana

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Decreto del Ministro dell interno 9 maggio 2007 (G.U. n. 117 del 22/05/2007) Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Il Ministro dell interno VISTO il decreto

Dettagli

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici CULTURA PER TUTTI Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici Palazzo Vignola Todi (35 vittime) La Fenice Petruzzelli Duomo e Palazzo Reale Castello

Dettagli

LA FORMAZIONE NELL AZIENDA IN MATERIA DI SICUREZZA

LA FORMAZIONE NELL AZIENDA IN MATERIA DI SICUREZZA Pag. 1 di 15 L azienda ha provveduto ad avviare i processi di formazione erogando corsi specifici al personale dipendente secondo il programma pluriennale sotto indicato. Elenchi dei partecipanti ai corsi

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Procedure di prevenzione incendi con l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Ing. Gianfranco Tripi Direzione Regionale Vigili del Fuoco Emilia Romagna gianfranco.tripi@vigilfuoco.it

Dettagli

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile IL MINISTERO DELL INTERNO tramite Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Emana le norme contenenti le misure di Prevenzione e di Protezione contro gli Incendi che

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

Per un efficace gestione della sicurezza

Per un efficace gestione della sicurezza La gestione della sicurezza in un edificio industriale Ing. Valter Cirillo Ing. Gianluca Vigne La pianificazione dell emergenza è lo strumento che permette di compensare i cosiddetti rischi residui, cioè

Dettagli

FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO Prof. Ing.

FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO Prof. Ing. Approccio ingegneristico alla sicurezza contro il rischio di incendio FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA NECESSARIA EVOLUZIONE

Dettagli

SCHEDA Procedura per l evacuazione delle persone disabili 81/08 MODIFICATO ED INTEGRATO DAL D.LGS. 106/09

SCHEDA Procedura per l evacuazione delle persone disabili 81/08 MODIFICATO ED INTEGRATO DAL D.LGS. 106/09 Procedura per l evacuazione delle persone disabili 81/08 MODIFICATO ED INTEGRATO DAL D.LGS. 106/09 RIO Procedura per l evacuazione delle persone disabili Pagina 2 PROCEDURA PER L EVACUAZIONE DELLE PERSONE

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE PIANO DI EVACUAZIONE Il presente piano di evacuazione, inserito nel Documento di Valutazione dei rischi (affisso all'albo dell'istituto) è stato compilato a cura del D.S. Dott.ssa Cristina Grieco con la

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

7 Modalità di intervento su elisuperficie

7 Modalità di intervento su elisuperficie RISORSE TECNICHE PAG.: 1 di 18 INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione 3 Responsabilità 3.1 Azienda 3.2 Sede Sociale 3.3 Rappresentante Legale 3.4 Responsabile del Servizio Prevenzione Protezione 3.5 Coordinatore

Dettagli

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE?

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? L emergenza Cos è? Una emergenza è una situazione imprevista di potenziale pericolo che si genera quando le persone, i beni, le strutture, l ambiente sono esposti (o possono essere esposti) agli effetti

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE

MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE A)PROCEDURA PER ASSISTERE LE PERSONE DISABILI B)PROCEDURA PER EDUCATORI/EDUCATRICI COMUNALI C)PROCEDURA SICUREZZA PER VISITATORI DELL' ISTITUTO A)PROCEDURA PER ASSISTERE

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010

LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 LA GESTIONE DEI GAS MEDICINALI NELLE AZIENDE SANITARIE AI SENSI DELLA UNI EN ISO 7396-1:2010 Le misure organizzative per implementare un sistema di gestione degli impianti di distribuzione dei gas medicinali

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio e le procedure di deroga Ing. Gianfranco Tripi 06/09/2013 1 APPROCCIO PRESCRITTIVO VANTAGGI: uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 GENERALITA E OBIETTIVI Misure di protezione incendi Protezione di tipo attivo Salvaguardia della incolumità delle persone (attraverso un

Dettagli

LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Università degli Studi-Azienda Ospedaliera di Verona Servizio di Prevenzione e Protezione Dott Claudio Soave RSPP APPROCCIO METODOLOGICO Individuare i pericoli

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: DURATA: 7 MESI 4/5 lezioni a settimana turni serali o mattutini

PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: DURATA: 7 MESI 4/5 lezioni a settimana turni serali o mattutini PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: TECNICO DELLA GESTIONE DELLA CONTABILITA E FORMULAZIONE DEL BILANCIO AGENZIA FORMATIVA: New Training School S.r.l. Sede: via Peretti 1, scala

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona PROROGA APPLICAZIONE D.P.R. 151/11: D.L. 21 giugno 2013, n. 69. Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 giugno 2013, n. 144, S.O. Art. 38 Disposizioni in materia

Dettagli

Via Giovanni Gentile 91022 CASTELVETRANO (TP) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

Via Giovanni Gentile 91022 CASTELVETRANO (TP) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE Via Giovanni Gentile 91022 CASTELVETRANO (TP) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE pag. 2 di 17 I. GENERALITA I.1 Premessa Nel presente documento si identificano come situazioni d emergenza sul posto di lavoro

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA

GESTIONE DELLA SICUREZZA ASM S.p.A. AMBIENTE SERVIZI MOBILITA Via Galcianese 15, 59100 Prato SERVIZIO DI GESTIONE IMPIANTO DI SELEZIONE E TRATTAMENTO RIFIUTI URBANI, SPECIALI ASSIMILATI E SPECIALI NON PERICOLOSI AI FINI DELLA

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI DA GAS COMBUSTIBILE SULL'IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE

LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI DA GAS COMBUSTIBILE SULL'IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE LA GESTIONE DEGLI INCIDENTI DA GAS COMBUSTIBILE SULL'IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE II UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Battistotti Sassi 11/b - 20133 Milano Tel. 02 70024.1 Fax. 02 70105993

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

IL PIANO DI EMERGENZA E ANTINCENDIO

IL PIANO DI EMERGENZA E ANTINCENDIO A.S.O. SS. ANTONIO e BIAGIO e C.ARRIGO IL PIANO DI EMERGENZA E ANTINCENDIO Corso di Formazione aziendale Salute e sicurezza sul lavoro S.C. Servizio Prevenzione Protezione 1 SISTEMA PER LA SICUREZZA AZIENDALE

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

Regione Piemonte Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra Servizio Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

Regione Piemonte Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra Servizio Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE Regione Piemonte Azienda Sanitaria Locale CN2 Alba Bra Servizio Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE Presidio Ospedaliero San Lazzaro di Alba PARTE GENERALE 1 di 74 sommario 1. OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI PARMA. Provincia di Parma. Relazione Tecnica redatta ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., e del D.M. del 10/03/1998 LICEO SCIENTIFICO

COMUNE DI PARMA. Provincia di Parma. Relazione Tecnica redatta ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., e del D.M. del 10/03/1998 LICEO SCIENTIFICO COMUNE DI PARMA Provincia di Parma PIANO DI EMERGENZA Relazione Tecnica redatta ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., e del D.M. del 10/03/1998 LICEO SCIENTIFICO GUGLIELMO MARCONI Protocollo n. S / R S P

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE Per informazioni, contattare Novaconsult Via Gaggia n 1/a - 20139 MILANO Tel. +39 02.57408940 - Fax +39 02.57407100 e-mail: info@novaconsult.it www.novaconsult.it INDICE

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 1

CORSI DI FORMAZIONE 1 CORSI DI FORMAZIONE 1 2 CORSI PER ADDETTI ANTINCENDIO Questa lezione costituisce il Corso obbligatorio per tutti i lavoratori che svolgono incarichi relativi alla prevenzione incendi, lotta antincendio

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI

ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI 01.CORSO R.L.S.. 02.CORSO INFORMAZIONE/FORMAZIONE. 03.CORSO PREPOSTI. 04.CORSO ANTINCENDIO.

Dettagli

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Il DM 13 febbraio 2014, approvato dalla Commissione Consultiva nella seduta del 27 novembre 2013, ha lo scopo di attuare quanto previsto dal comma

Dettagli

ISS BOSELLI ALBERTI CORSO DI FORMAZIONE GENERALE SULLA SICUREZZA A.S. 2014-2015

ISS BOSELLI ALBERTI CORSO DI FORMAZIONE GENERALE SULLA SICUREZZA A.S. 2014-2015 ISS BOSELLI ALBERTI CORSO DI FORMAZIONE GENERALE SULLA SICUREZZA A.S. 2014-2015 SALUTE E SICUREZZA NELLA COSTITUZIONE La repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e della collettività

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

Safety to rely on SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO

Safety to rely on SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO Safety to rely on SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO BENVENUTI Siamo lieti di presentarvi la nostra azienda. Con sede a Casalecchio di Reno (BO), Proleven si occupa di consulenza e formazione

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ELABORATO N. 5 Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO ANTINCENDIO ALLEGATO 1 - PERCORSO FORMATIVO PER ADDETTO ANTINCENDIO (DECRETO MINISTERIALE 10/03/1998) Roma lì, GRUPPO DI LAVORO D - Corso ADDETTO ANTINCENDIO

Dettagli

Parte 4) Febbraio 2015 A cura di Aimini Emilio Varese - febbraio 2008. 24/02/2015 ad uso esclusivo VF e ANVVF ----- aimini

Parte 4) Febbraio 2015 A cura di Aimini Emilio Varese - febbraio 2008. 24/02/2015 ad uso esclusivo VF e ANVVF ----- aimini Le fonti della normativa della sicurezza Parte 4) Piani di emergenza Procedure da adottare in caso di allarme Modalità di evacuazione Procedure operative Standard Normative specifiche - Febbraio 2015 A

Dettagli

La prevenzione. nello studio medico

La prevenzione. nello studio medico La prevenzione delle emergenze nello studio medico Emergenza= caso, circostanza imprevista, situazione critica comunque verificatasi che può generare gravi rischi per la salute del lavoratore e delle persone

Dettagli

Progettazione degli interventi di adeguamento antincendio e gestione dell emergenza nelle strutture ospedaliere - Problematiche tecniche ed economiche

Progettazione degli interventi di adeguamento antincendio e gestione dell emergenza nelle strutture ospedaliere - Problematiche tecniche ed economiche Progettazione degli interventi di adeguamento antincendio e gestione dell emergenza nelle strutture ospedaliere - ROBERTO BARRO 1 1 - Libero Professionista, B&L Team Udine Membro Comitato Tecnico Sicurezza

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ASL AL SEDE DI TORTONA - PIAZZA FELICE CAVALLOTTI 7 Telefono 0131 865423 Fax E-mail mderosso@aslal.it

Dettagli