Lavoro forzato e traffico di esseri umani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavoro forzato e traffico di esseri umani"

Transcript

1 Lavoro forzato e traffico di esseri umani L approccio di Patagonia ai mezzi di tutela e di riparazione Introduzione Come dichiarato nel Codice di Condotta, Patagonia condanna severamente e vieta qualsiasi forma di lavoro forzato o schiavitù, inclusi il traffico di esseri umani, il lavoro di prigionieri, il lavoro per ripagare un debito e il lavoro vincolato. Le valutazioni condotte da Patagonia per esaminare il livello di responsabilità sociale nelle fabbriche hanno lo scopo di determinare se uno stabilimento è conforme al nostro Codice e rispetta dettagliati benchmark per la tutela contro il lavoro forzato. Tutte le forme di lavoro forzato, schiavitù e traffico di esseri umani rientrano nella nostra politica di tolleranza zero. Ci aspettiamo che tutti i partner della nostra supply chain coinvolti nella realizzazione o nella finitura di prodotti Patagonia aderiscano e sostengano lo standard del nostro Codice contro il ricorso al lavoro forzato. A tale scopo, a tutti i fornitori diretti è stato chiesto di sottoscrivere una dichiarazione di certificazione che sottolinea l impegno concertato affinché non si verifichino casi di lavoro forzato, schiavitù e traffico di esseri umani nella supply chain, nonché il rispetto di tutti gli standard specificati nel documento Codice di Condotta e Benchmark di Patagonia, delle disposizioni di legge locali e, ove applicabile, di accordi relativi a trattative sindacali collettive. Il traffico di esseri umani è definito dalle Nazioni Unite come: il reclutamento, trasporto, trasferimento, l ospitare o accogliere persone, tramite l impiego o la minaccia di impiego della forza o di altre forme di coercizione, di rapimento, frode, inganno, abuso di potere o di una posizione di vulnerabilità o tramite il dare o ricevere somme di danaro o vantaggi per ottenere il consenso di una persona che ha autorità su un altra a scopo di sfruttamento. In base a tale definizione, le vittime del traffico di esseri umani sono spesso soggette a moderne forme di schiavitù e lavoro forzato, come lo sfruttamento della manodopera infantile, il lavoro vincolato e il lavoro per ripagare un debito. Nella supply chain queste conseguenze colpiscono con maggiore probabilità i lavoratori che si accordano con intermediatori del personale o altri soggetti di terze parti per ottenere un impiego all estero o in un altra regione del proprio paese. Mezzi di tutela e riparazione Nel caso in cui nella supply chain di Patagonia fossero rinvenute prove, o sospette prove, relative a casi di lavoro forzato, schiavitù o traffico di esseri umani, verranno applicate le misure di riparazione descritte di seguito. Poiché i sintomi e le radici alla base del lavoro forzato sono molteplici, le azioni volte all indagine e alla correzione saranno specificate in base alle circostanze di ogni singolo caso. A un livello minimo, per tutti i casi riferiti Patagonia si impegna a mettere in atto le azioni descritte di seguito. Il procedimento sarà supervisionato dal direttore per la responsabilità socio-ambientale, coadiuvato dai Sourcing Vice President, Director e Manager di Patagonia. Esame e investigazione delle dichiarazioni: 1) Al ricevimento di informazioni o dichiarazioni di casi di lavoro forzato, schiavitù o traffico di esseri umani, i team Corporate Responsibility (CR) e Sourcing di Patagonia applicheranno tempestivamente e con ogni possibile cautela il seguente protocollo di investigazione e riparazione. Simultaneamente, verranno intraprese altre azioni, incluse in via esemplificativa: a. Esame degli elementi emersi e delle relative disposizione di legge locali per comprendere le principali lacune e le aree problematiche che richiedono un intervento risolutivo. b. Patagonia comunicherà con la fonte che ha riferito il problema (ad esempio, addetto al controllo della page Patagonia, Inc

2 compliance sociale, ONG, lavoratore, vittima) per ottenere tutte le informazioni possibili relative alle dichiarazioni raccolte. La FLA (Fair Labor Association) e altri esperti a livello locale e internazionale saranno contattati per fornire guida e assistenza nella pianificazione di ulteriori indagini e per il recupero, la protezione e la sicurezza della vittima, nonché per altre fasi successive. c. Patagonia comunicherà alla direzione dello stabilimento interessato gli elementi venuti alla luce o le dichiarazioni rese e raccoglierà ulteriori informazioni. Durante lo svolgimento delle indagini, i team CR e Sourcing potranno anche decidere di sospendere temporaneamente le attività aziendali, con conseguente sospensione degli ordini in corso. d. In base all opinione degli esperti, Patagonia costituirà un team addetto alle indagini con professionisti qualificati per condurre una valutazione più approfondita presso la fabbrica interessata e, se applicabile, presso l intermediatore del personale o altri soggetti di terze parti coinvolti. Anche il team Corporate Responsibility di Patagonia prenderà parte alle indagini con azioni quali colloqui con i lavoratori interessati, con la direzione dello stabilimento e con altri subappaltatori coinvolti, leader della comunità, esperti locali per l occupazione, autorità governative e ONG. 2) Qualora Patagonia fosse a conoscenza della presenza di altri marchi nella fabbrica indagata, considererà la possibilità di effettuare indagini congiunte e di scambiare informazioni con i responsabili di tali marchi. 3) La FLA (Fair Labor Association) riceverà aggiornamenti e informazioni sui progressi compiuti da Patagonia. Implementazione di azioni correttive e di cicli di monitoraggio: 1) Una volta condotta un indagine esaustiva e il problema del lavoro forzato debitamente confermato e compreso, Patagonia richiederà alla direzione aziendale l applicazione di un processo con azioni correttive. La politica disciplinare prevista da Patagonia si applicherà nel caso in cui Patagonia invierà una comunicazione formale scritta che richieda una risposta nelle successive 24 ore in cui la direzione aziendale dovrà dichiararsi disposta a risolvere tutte le problematiche evidenziate e accetterà di intraprendere tutti i passaggi successivi previsti fino alla completa risoluzione della situazione. I team CR e Sourcing avranno inoltre la facoltà di estendere il periodo di sospensione delle attività aziendali fino alla completa implementazione di tutte le fasi di riparazione. 2) In base alle leggi in vigore nel paese o nei paesi coinvolti, l incidente verrà riferito alle autorità competenti. La FLA affiancherà Patagonia e sarà coinvolta nel processo di indagine e nelle fasi successive. Nel caso in cui Patagonia decidesse di coinvolgere nel processo un altro marchio, il procedimento si svolgerà congiuntamente come sottoscritto da entrambe le parti e in conformità con le relative disposizioni di legge statunitensi. 3) Azioni di riparazione nei confronti delle vittime: in tutti i casi confermati di traffico di esseri umani, schiavitù e/o altre forme di lavoro forzato, Patagonia collaborerà con autorità e organizzazioni di esperti locali e internazionali per garantire che al lavoratore coinvolto siano offerte sicurezza e protezione, nonché eventuali indennizzi finanziari e altre forme di assistenza e supporto. Esempi concreti: a. cure mediche se necessarie, counseling adeguato su base continuativa, restituzione dei depositi e delle somme corrisposti all intermediatore del personale o alla fabbrica, pagamento di tutti gli stipendi e le competenze accessorie previsti per legge, opzione di trasporto gratuito per fare ritorno a casa o per la sistemazione in un adeguata soluzione di alloggio temporanea protetta b. Se considerato sicuro e adeguato dagli esperti e dalle autorità locali e solo su espressa richiesta del lavoratore in questione, quest ultimo potrà conservare il proprio posto di lavoro. c. Anche le visite di follow-up per verificare le condizioni psicologiche, di salute e sicurezza della vittima saranno concordate con esperti locali di terze parti e in modo conforme alle disposizioni di legge locali. 4) Alla direzione aziendale verrà richiesto di riconoscere e analizzare le problematiche identificate con l aiuto di un esperto di una ONG locale. page 2

3 a. Lo stabilimento coinvolto dovrà condurre un analisi delle radici di ogni singolo problema emerso nelle indagini iniziali e la relativa valutazione dovrà essere sottoposta all attenzione di Patagonia. b. Se applicabile, verrà inoltre richiesta la rescissione dei legami lavorativi tra lo stabilimento e l intermediatore per l impiego o altre terze parti coinvolte. c. Se applicabile, sarà possibile imporre all intermediatore per l impiego lo sviluppo delle competenze, in base al livello di disponibilità a collaborare dimostrato da quest ultimo. 5) Una volta completato il processo di analisi delle radici del problema, Patagonia lavorerà insieme all azienda per sviluppare piani e scadenze per l implementazione di adeguate azioni correttive. A causa delle complessità insite nei problemi e nei sintomi alla base del traffico di esseri umani, Patagonia offrirà assistenza allo stabilimento coinvolto per la messa a punto di soluzioni pratiche ed operative e, elemento altrettanto importante, per l adozione di politiche e processi di natura preventiva e non semplicemente correttiva. Patagonia avrà la facoltà di consultare la FLA o altri esperti in materia per ricevere supporto in quest area. 6) Patagonia procederà al monitoraggio dei progressi compiuti dall azienda in base alle scadenze stabilite per l implementazione delle azioni correttive. A cadenze regolari, verrà condotta una valutazione di follow-up sul posto e sarà possibile ricorrere all ausilio di dispositivi di sorveglianza senza preavviso. In tutti i casi, verranno effettuati colloqui, sia in sede che altrove se appropriato, con i lavoratori coinvolti e con gli altri dipendenti. nonostante, Patagonia potrà prendere in considerazione la co-responsabilità nei pagamenti in base al singolo caso esaminato. Politica di adeguamento automatico Come parte della procedura disciplinare aziendale, Patagonia ha creato una politica di adeguamento automatico nel caso in cui uno stabilimento si rifiutasse di collaborare, non registrasse alcun progresso o registrasse progressi minimi nel processo di riparazione e/o dimostrasse mancanza di impegno in tal senso. Il direttore responsabile di SER notificherà la situazione ai relativi Sourcing Vice President, Director e Manager di Patagonia e verrà predisposta una videoconferenza o un colloquio presso l azienda (a seconda di quale sia la soluzione più rapida) per discutere la situazione di mancata conformità o mancata collaborazione. Patagonia farà del proprio meglio per raggiungere un accordo ragionevole, ferme restando la salvaguardia dei diritti dei lavoratori e la completa riparazione della situazione in base a scadenze realistiche. Qualora nell azienda non si registrassero miglioramenti nell arco di una settimana dalla data della videoconferenza, lo stabilimento riceverà un avviso di notifica della possibile rescissione del contratto di appalto da parte di Patagonia. Se l azienda non dimostrasse l intenzione di collaborare tempestivamente dopo il ricevimento dell avviso di notifica, Patagonia procederà alla rescissione del contratto con lo stabilimento e pianificherà una strategia di uscita responsabile per il ritiro dalle attività commerciali come definito nella relativa documentazione di Patagonia. 7) Il monitoraggio proseguirà fino a quando la fabbrica e/o l intermediario per l impiego non avranno dato prova di un adeguato impegno di riparazione. Una volta raggiunto il risultato auspicato, il monitoraggio continuerà su base annuale e verrà revocata la sospensione delle attività aziendali. 8) I costi associati alle azioni di riparazione nei confronti delle vittime, alle valutazioni e alla procedura di sviluppo delle competenze saranno a carico dell azienda coinvolta; ciò page 3

4 Manodopera infantile L approccio di Patagonia ai mezzi di tutela e di riparazione Introduzione Patagonia non ricorre e non ricorrerà consapevolmente a fornitori che impieghino manodopera infantile nella propria catena di produzione. Patagonia richiede a tutti i partner aziendali di aderire al proprio Codice di Condotta e ai propri Benchmark dettagliati sulla manodopera infantile. Nel Codice si legge: È vietato l impiego di dipendenti di età inferiore ai 15 anni o di età inferiore a quella richiesta per il completamento del percorso dell istruzione obbligatoria nei paesi in cui sorgono le nostre manifatture dove tale età sia superiore ai 15 anni. L impiego di manodopera infantile è severamente vietato. I partner aziendali sono tenuti al rispetto di tutti i requisiti legali relativi al lavoro di minori autorizzati, in particolare dei requisiti legati a orario di lavoro, retribuzione, istruzione minima e condizioni di lavoro. Patagonia supporta lo sviluppo di programmi di apprendistato legittimi nel luogo di lavoro e richiede ai partner aziendali di rispettare tutte le leggi e le normative applicabili a tali programmi. Patagonia si impegna attivamente nella gestione di una supply chain in cui non siano presenti forme di sfruttamento della manodopera infantile, a partire da un processo di screening aziendale preliminare articolato su quattro livelli, condotto prima che venga piazzato un primo ordine. Tale processo di screening preliminare valuta la capacità del potenziale fornitore di soddisfare gli standard e i requisiti (1) sociali, (2) ambientali, (3) aziendali e (4) qualitativi di Patagonia. Questo processo di ricerca preliminare di nuovi fornitori esclude i fornitori su cui gravano serie problematiche. Tutte le forme di lavoro minorile rientrano nella nostra politica di tolleranza zero. Se presso i nostri fornitori dovessero emergere casi di impiego di manodopera infantile, lavoreremo insieme a tali fornitori per risolvere il problema ed eliminare del tutto tale pratica in un modo sostenibile e preventivo che includa regolari azioni di monitoraggio e follow up per garantire che la situazione non si ripeta in futuro. Mezzi di tutela e riparazione Quando nella nostra supply chain si verificano casi di impiego di manodopera infantile--come definita dalla legge locale o in relazione a individui di età inferiore ai 15 anni (a seconda di quale delle due definizioni risulti più vincolante) Patagonia provvederà ad intervenire immediatamente presso lo stabilimento in questione. Il procedimento sarà supervisionato dal direttore per la responsabilità socio-ambientale, coadiuvato dai Sourcing Vice President, Director e Manager di Patagonia. A un livello minimo, Patagonia si impegna a mettere in atto le azioni descritte di seguito: Esame e investigazione delle dichiarazioni: 1) Patagonia esaminerà il caso per inquadrare la situazione del minore: quanti anni ha, perché lavora nello stabilimento, dove vive la sua famiglia, come è stato reclutato, qual è il suo livello di istruzione, ecc. Gli ispettori che rappresentano Patagonia hanno ricevuto un idonea formazione per la raccolta di tali dati. 2) In tutte le circostanze, saranno consultate le leggi locali e le linee guida della FLA (Fair Labor Association) e dell Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) per determinare le migliori azioni da intraprendere nel caso specifico e il livello della supply chain in cui è stata individuata la presenza del minore. In tutti i casi, prevarrà lo standard che offre il più alto livello di protezione al minore. 3) Patagonia collaborerà con un esperto ONG locale e con la FLA per determinare i passi successivi da compiere. 4) Qualora Patagonia fosse a conoscenza della presenza di altri marchi nella fabbrica indagata, considererà la possibilità di effettuare indagini congiunte e di scambiare informazioni con i responsabili di tali marchi. page 4

5 Implementazione di azioni correttive e di cicli di monitoraggio: 1) Una volta condotta un indagine esaustiva e il problema della manodopera infantile debitamente confermato e compreso, Patagonia richiederà alla direzione aziendale l applicazione di un processo con azioni correttive. La politica disciplinare prevista da Patagonia si applicherà nel caso in cui Patagonia invierà una comunicazione formale scritta che richieda una risposta nelle successive 24 ore in cui la direzione aziendale dovrà dichiararsi disposta a risolvere tutte le problematiche evidenziate e accetterà di intraprendere tutti i passaggi successivi previsti fino alla completa risoluzione della situazione. Durante lo svolgimento delle indagini, i team CR e Sourcing potranno anche decidere di sospendere le attività aziendali, con conseguente sospensione degli ordini in corso. a. Patagonia comunicherà in forma scritta allo stabilimento che il minore deve essere allontanato dal luogo di lavoro in modo sicuro sotto la supervisione dello staff CR di Patagonia e/o dell esperto ONG locale. Il piano di allontanamento del minore includerà misure di tutela finanziarie e altro tipo di supporto allo scopo di garantire che il minore non cercherà altre forme di impiego, esponendosi così al rischio di peggiori forme di sfruttamento della manodopera infantile. b. In base alla situazione, sarà necessario fornire vari tipi di tutela finanziaria e assistenza alla famiglia del minore una volta presa la decisione di allontanarlo dal luogo di lavoro. Le tipologie di supporto e assistenza possono includere una delle opzioni seguenti o una combinazione di più opzioni: i. Acquisto di un biglietto aereo o di trasporto via terra per il ritorno del minore presso la propria famiglia in completa sicurezza. Lo staff CR di Patagonia e/o l esperto ONG locale potrà accompagnare il minore per testimoniarne l effettivo ritorno in famiglia (ad esempio, in auto, autobus, treno, volo aereo). ii. Tempestivo pagamento di tutte le retribuzioni e le competenze accessorie dovute. iii. Predisposizione di una visita medica di controllo per assicurarsi che la salute del minore non risulti in alcun modo pregiudicata dallo svolgimento delle mansioni lavorative. Se necessario, il minore sarà sottoposto alle cure mediche del caso. iv. Supporto amministrativo e finanziario per l iscrizione del minore presso la scuola locale, o un suo equivalente legale, come un istituto di formazione professionale, e per la copertura dei costi relativi alla sua istruzione (uniformi scolastiche, materiale di cancelleria, libri, ecc.). Verranno predisposti gli accorgimenti necessari per assicurarsi che il minore continui a percepire almeno il salario minimo come incentivo per terminare il ciclo di studi scolastici senza tornare a lavorare. v. Pagamento di retribuzioni e competenze accessorie dovute al minore fino al raggiungimento dell età lavorativa legale; in alternativa, pagamento di uno stipendio alla famiglia del minore che sia proporzionale al contributo al reddito familiare raggiunto grazie al lavoro del minore; o ancora, adeguate azioni alternative in situazioni in cui non siano presenti sistemi educativi formali o informali o in situazioni in cui il lavoratore si opponga alla frequentazione scolastica. vi. Garanzia che il posto di lavoro presso lo stabilimento sarà disponibile una volta che il minore avrà raggiunto l età legale richiesta per lavorare. c. I costi saranno sostenuti dallo stabilimento; ciò nonostante, Patagonia prenderà in considerazione una responsabilità congiunta nei pagamenti in base a ogni singolo caso. 2) Con l aiuto del team CR di Patagonia e di un esperto locale indipendente, lo stabilimento svilupperà un piano di azioni correttive che includa un analisi delle cause alla radice (RCA) e delle lacune dei sistemi di gestione delle risorse umane, nonché l obbligo di implementare iniziative di sviluppo delle competenze in grado di impedire il verificarsi di analoghi casi di sfruttamento della manodopera infantile. page 5

6 Follow-up Una volta individuati casi di impiego di manodopera infantile, è fondamentale che le informazioni di identificazione del minore siano accuratamente registrate, inclusi nome e cognome completi, nome dei genitori, numero identificativo rilasciato dal governo, numero assegnato al lavoratore, indirizzo di residenza e numero telefonico di casa. Patagonia utilizzerà queste informazioni per tenere traccia dei progressi del minore attraverso un esperto locale indipendente allo scopo di verificare che non lavori più presso lo stabilimento, che abbia ricevuto l indennità per cessazione dell impiego e che la tutela finanziaria e il programma di supporto continuino ad essere seguiti. Lo stabilimento sarà successivamente sottoposto a un ispezione di follow-up a distanza di 1-3 mesi dall ispezione precedente per dimostrare l immediata implementazione delle azioni volte ad impedire l impiego di manodopera infantile nel luogo di lavoro. Politica di adeguamento automatico Come parte della procedura disciplinare aziendale, Patagonia ha creato una politica di adeguamento automatico nel caso in cui uno stabilimento si rifiutasse di collaborare, non registrasse alcun progresso o registrasse progressi minimi nel processo di riparazione e/o dimostrasse mancanza di impegno in tal senso. Il direttore responsabile di SER notificherà la situazione ai relativi Sourcing Vice President, Director e Manager di Patagonia e verrà predisposta una videoconferenza o un colloquio presso l azienda (a seconda di quale sia la soluzione più rapida) per discutere la situazione di mancata conformità o mancata collaborazione. Patagonia farà del proprio meglio per raggiungere un accordo ragionevole, ferme restando la salvaguardia dei diritti dei lavoratori e la completa riparazione della situazione in base a scadenze realistiche. responsabile per il ritiro dalle attività commerciali come definito nella relativa documentazione di Patagonia. Note speciale sui mezzi di tutela e riparazione in caso di problemi relativi all impiego di giovani lavoratori I giovani lavoratori sono definiti nel nostro Benchmark come individui di età compresa tra l età lavorativa minima e i 18 anni di età. A tale categoria di dipendenti è consentito lavorare, come previsto in base alla legge locale e al nostro Codice di Condotta; inoltre, nella maggior parte dei paesi, essi sono soggetti a specifici accordi di lavoro. Limitazioni come orario di lavoro massimo consentito, lavoro straordinario e tipologia di mansione lavorativa, insieme a requisiti di gestione come registrazione presso il Ministero del Lavoro e visite mediche di controllo, sono richiesti dal nostro Benchmark e spesso legalmente obbligatori nel caso di impiego di giovani lavoratori. Qualora una di tali condizioni non venisse rispettata dallo stabilimento, Patagonia richiederà alla manifattura di porre immediatamente rimedio alla situazione con un adeguata risoluzione del problema e sviluppando un piano di azioni correttive che includa un analisi delle cause alla radice (RCA) e delle lacune della gestione dei sistemi, nonché iniziative per lo sviluppo delle competenze in grado di impedire il verificarsi di problematiche analoghe in futuro. Lo stabilimento sarà successivamente sottoposto a un ispezione di follow-up a distanza di 3-6 mesi dall ispezione precedente per dimostrare i miglioramenti e i progressi effettivamente compiuti. Qualora nell azienda non si registrassero miglioramenti nell arco di una settimana dalla data della videoconferenza, lo stabilimento riceverà un avviso di notifica della possibile rescissione del contratto di appalto da parte di Patagonia. Se l azienda non dimostrasse l intenzione di collaborare tempestivamente dopo il ricevimento dell avviso di notifica, Patagonia procederà alla rescissione del contratto con lo stabilimento e pianificherà una strategia di uscita page 6

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

RESPONSABILITÀ SOCIALE BILANCIO SOCIALE SA8000 ANNO 2015

RESPONSABILITÀ SOCIALE BILANCIO SOCIALE SA8000 ANNO 2015 RESPONSABILITÀ SOCIALE BILANCIO SOCIALE SA8000 ANNO 2015 DISTRIBUZIONE CONTROLLATA DISTRIBUZIONE NON CONTROLLATA NUMERO IDENTIFICATIVO PERSONALE (Solo per distribuzione controllata) Verifica Edizione Revisione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità

REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità Il presente documento, è stato approvato dal Direttore. L originale firmato è conservato presso la Segreteria. 0. STORIA Questa

Dettagli

C&A. Codice di Condotta per la Fornitura di Merce

C&A. Codice di Condotta per la Fornitura di Merce C&A Codice di Condotta per la Fornitura di Merce Nota: la presente è una traduzione di un testo inglese. Il testo legalmente vincolante è la versione originale inglese. - Aprile 2015 - Introduzione Il

Dettagli

Condizioni Integrative per i Prodotti e i Servizi IBM Internet Security Systems

Condizioni Integrative per i Prodotti e i Servizi IBM Internet Security Systems Condizioni Integrative per i Prodotti e i Servizi IBM Internet Security Systems Le presenti Condizioni Integrative per i Prodotti e i Servizi IBM Internet Security Systems ( Condizioni Integrative ) si

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 Raccomandazione 201 RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale PROCEDURA PGSA 01 Gestione del personale Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 30/09/212 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 Sommario 1. Scopo...... 3 2. Campo di applicazione...3 3. Riferimenti...3

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 920/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 920/2013 DELLA COMMISSIONE L 253/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 25.9.2013 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 920/2013 DELLA COMMISSIONE del 24 settembre 2013 relativo alla designazione e alla sorveglianza degli organismi

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 Pag. 1 di 9 DEI SISTEMI DI AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 1 03/14 Nuova edizione ED. DATA VARIAZIONI VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 9 ARTICOLO 1 - SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento,

Dettagli

Dispensa informativa sulla Responsabilità Sociale INTRODUZIONE

Dispensa informativa sulla Responsabilità Sociale INTRODUZIONE Pag. 1 di 8 INTRODUZIONE Gruppo GESMAR, consapevole del proprio ruolo e delle proprie responsabilità nel contesto della comunità sociale ed economica in cui opera vuole caratterizzarsi come organizzazione

Dettagli

Contratto per i Certified Software Advisor di Microsoft Dynamics

Contratto per i Certified Software Advisor di Microsoft Dynamics Contratto per i Certified Software Advisor di Microsoft Dynamics Facendo clic sul pulsante Accetto, la Società accetta di essere vincolata dal presente Contratto per i Certified Software Advisor (CSA)

Dettagli

Art.22. Premesse. Art.23. Criteri generali. Art.24. Assegnazione ai plessi

Art.22. Premesse. Art.23. Criteri generali. Art.24. Assegnazione ai plessi Capo 3. Funzionamento delle scuole Art.22. Premesse a) Il processo di realizzazione dell autonomia deve essere inteso come l acquisizione graduale, da parte di tutti i plessi dell Istituto, di responsabilità

Dettagli

Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione

Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione Revisione ITA4 Settembre 2010 Regolamento Q.C.B. Italia SG ITA4 Set 10- pag. 1/15 Contenuti ll presente regolamento si applica per la

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Informazioni essenziali sulla Certificazione dei sistemi di gestione

Informazioni essenziali sulla Certificazione dei sistemi di gestione 1 / 10 Certificazione dei Sistemi di Gestione Il certificato ottenuto da un Organizzazione che abbia fatto richiesta di Certificazione conferma che tale Organizzazione abbia implementato e mantenuto il

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 2. CONTESTO NORMATIVO... 5 2.1 DEFINIZIONE DI OPERAZIONE PERSONALE... 5 2.2 DEFINIZIONE DI SOGGETTO

Dettagli

Codice di Condotta dei Fornitori Bayer. La sostenibilità è un elemento chiave dei valori e dei principi di leadership Bayer

Codice di Condotta dei Fornitori Bayer. La sostenibilità è un elemento chiave dei valori e dei principi di leadership Bayer Codice di Condotta dei Fornitori Bayer La sostenibilità è un elemento chiave dei valori e dei principi di leadership Bayer Indice INTRODUZIONE 4 1. ETICA 5 2. LAVORO 6 3. QUALITÀ, SALUTE, SICUREZZA E

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco

sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco Premessa Le aziende del settore tessile e della moda tedesco professano la propria responsabilità com-merciale a prescindere del

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

BILANCIO SA 8000:2008

BILANCIO SA 8000:2008 \ BILANCIO SA 8000:2008 AL 05.10.2012 DELTA GROUP AGROALIMENTARE s.r.l. via Dosso, 43 PORTO VIRO (RO) Pagina 1 di 13 Politica Etico - Sociale DELTA GROUP AGROALIMENTARE s.r.l. La Direzione Generale di

Dettagli

Riesame SA 8000/08. Responsabilità Sociale SA 8000:2008 M 9.2.1. Rev. 1 del 03.11.2011 Pag. 1 di 16

Riesame SA 8000/08. Responsabilità Sociale SA 8000:2008 M 9.2.1. Rev. 1 del 03.11.2011 Pag. 1 di 16 Pag. 1 di 16 R I E S A M E S A 8 0 0 0 / 0 8 DATA OGGETTO REDATTO VERIFICATO APPROVATO 09/06/2011 Riesame SA 8000 PASTORE G. PASTORE G. I semestre 2011 GALEAZZO F. DA 03/11/2011 PASTORE G. PASTORE G. Riesame

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE MACCHINE. Direttiva 2006/42/CE All. IX e X SOMMARIO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE MACCHINE. Direttiva 2006/42/CE All. IX e X SOMMARIO Pag. 1 di 11 SOMMARIO 0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 1 PROCESSO DI EROGAZIONE... 2 1.1 PREMESSA... 2 1.2 FORMULAZIONE OFFERTA... 2 1.3 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA... 2 1.4 PROCESSO DI VALUTAZIONE

Dettagli

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, 101 Raccomandazione della Commissione 15 febbraio 2005, n. 2005/162/Ce, sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza delle società quotate e sui comitati

Dettagli

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione Indice La somministrazione di lavoro - I contratti di somministrazione - Cosa sono - Facciamo un po d ordine - La somministrazione di lavoro a tempo determinato - Il contratto - I rapporti tra somministratore

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2012 Aggiornato in data 14 marzo 2013 Ultimo aggiornamento approvato

Dettagli

Cessione, pignoramento e sequestro dei crediti di lavoro

Cessione, pignoramento e sequestro dei crediti di lavoro Cessione, pignoramento e sequestro dei crediti di lavoro Assolombarda 27 Settembre 2007 Area relazioni Industriali e affari Sociali Tiziana Cardone Argomenti trattati Le somme oggetto della cessione (retribuzione,

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

PARTNER AZIENDALI MSD CODICE DI CONDOTTA

PARTNER AZIENDALI MSD CODICE DI CONDOTTA PARTNER AZIENDALI MSD CODICE DI CONDOTTA I nostri valori e i nostri standard per i partner aziendali Codice di Condotta per i partner aziendali MSD [I edizione] MSD si impegna per la sostenibilità in tutte

Dettagli

Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008

Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008 1 INDICE Premessa 1. Principi generali 1.1 Correttezza ed onestà 1.2 Imparzialità 1.3 Professionalità e valorizzazione delle risorse

Dettagli

UNITED TECHNOLOGIES CORPORATION CODICE DI CONDOTTA DEL FORNITORE. Introduzione. Rispetto delle leggi applicabili. Qualità, salute, sicurezza, ambiente

UNITED TECHNOLOGIES CORPORATION CODICE DI CONDOTTA DEL FORNITORE. Introduzione. Rispetto delle leggi applicabili. Qualità, salute, sicurezza, ambiente Introduzione United Technologies Corporation (di seguito denominata "UTC"), incluse le sue consociate, divisioni e business unit, si impegna a rispettare i più rigorosi standard di condotta etica e professionale.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI DISPOSITIVI MEDICI

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI DISPOSITIVI MEDICI pag. 1 di 13 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE (Certificazione del Sistema Qualità di Aziende produttrici di Dispositivi Medici) Documento R-003 pag. 2 di 13 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 3 2 DEFINIZIONI...

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO Società con unico socio soggetta a direzione e coordinamento di AstraZeneca PLC Capitale soc. 39.520.000 Euro Interamente Versato Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Numero di Iscrizione, Codice

Dettagli

Certificazione SA8000 Open Access

Certificazione SA8000 Open Access GRUPPO TELECOM ITALIA - T&O OPEN ACCESS Certificazione SA8000 Open Access Certificazione Etica 5 aprile 2011 Massimo Visciani GRUPPO TELECOM ITALIA - T&O OPEN ACCESS Argomenti trattati Il contesto di riferimento

Dettagli

TARIFFARIO SGQ_EA28 1. SCOPO

TARIFFARIO SGQ_EA28 1. SCOPO INDICE 1.SCOPO 2.STRUTTURA TARIFFARIA 3.INTEGRAZIONI DEL CONTRATTO GIÀ STIPULATO 4.DEFINIZIONI 5.METODO PER IL CALCOLO DELLA DURATA DI AUDIT 6.SUBENTRO 7.EMISSIONE FATTURE E RELATIVI PAGAMENTI 8.ORGANIZZAZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE SULLA POLICY UNILEVER PER I DIRITTI UMANI

DICHIARAZIONE SULLA POLICY UNILEVER PER I DIRITTI UMANI DICHIARAZIONE SULLA POLICY UNILEVER PER I DIRITTI UMANI Crediamo che un business sano possa unicamente fiorire in società in cui i diritti umani sono protetti e rispettati. Riconosciamo che qualsiasi tipo

Dettagli

PROFILO AZIENDALE. Pagina 2 di 10

PROFILO AZIENDALE. Pagina 2 di 10 PROFILO AZIENDALE BTM Brokers nasce per iniziativa di alcuni professionisti, attivi già da molti anni nel settore dell intermediazione assicurativa e della consulenza nella gestione dei rischi, che, sfruttando

Dettagli

Ringraziamenti Un ringraziamento molto sentito è verso chi, onorandomi della sua fiducia, mi ha chiesto di affrontare la stimolante avventura della

Ringraziamenti Un ringraziamento molto sentito è verso chi, onorandomi della sua fiducia, mi ha chiesto di affrontare la stimolante avventura della Alla mia famiglia Ringraziamenti Un ringraziamento molto sentito è verso chi, onorandomi della sua fiducia, mi ha chiesto di affrontare la stimolante avventura della docenza in questa materia. E poi doveroso

Dettagli

CAMERA MINORILE DI LECCE. In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere

CAMERA MINORILE DI LECCE. In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere CAMERA MINORILE DI LECCE In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere Minorili del 29 gennaio 2005, ed in vista del congresso dell Unione che si terrà a Gallipoli

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

C.E.V.I. S.r.l. Via Giambologna, 38 52100 Arezzo Tel 0575-370371 Fax 0575-293023 - www.cevisrl.org info@cevisrl.org RG-02

C.E.V.I. S.r.l. Via Giambologna, 38 52100 Arezzo Tel 0575-370371 Fax 0575-293023 - www.cevisrl.org info@cevisrl.org RG-02 Pag. 1 di 8 REGOLAMENTO ESECUZIONE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE ASCENSORI Revisione N. Data MOTIVAZIONE 00 10/12/2012 Prima emissione 01 15/11/2013 Aggiornamenti in seguito ad esame documentale

Dettagli

Regolamento: Piano di attribuzione gratuita di azioni ordinarie della Società ai. dipendenti del Gruppo Saras (il Piano Azionario o il Piano )

Regolamento: Piano di attribuzione gratuita di azioni ordinarie della Società ai. dipendenti del Gruppo Saras (il Piano Azionario o il Piano ) Regolamento: Piano di attribuzione gratuita di azioni ordinarie della Società ai dipendenti del Gruppo Saras (il Piano Azionario o il Piano ) 1. Emittente Saras S.p.A. e qualsiasi successore (la Società

Dettagli

DATI IDENTIFICATIVI DEL DOCUMENTO 04 03.02.2014 TABELLA DELLA REVISIONI. 04 03.02.2014 Modifiche per inserimento M 120

DATI IDENTIFICATIVI DEL DOCUMENTO 04 03.02.2014 TABELLA DELLA REVISIONI. 04 03.02.2014 Modifiche per inserimento M 120 DATI IDENTIFICATIVI DEL DOCUMENTO REV. DATA EMISSIONE REDATTO COMPLIANCE MANAGER ANGELO PARMA APPROVATO DIRETTORE DIVISIONE PRODOTTO EMANUELE FERRARI 04 03.02.2014 TABELLA DELLA REVISIONI REV. DATA REV.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LA VERIFICA METROLOGICA SU CORRETTORI VOLUMETRICI DI GAS NATURALE

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LA VERIFICA METROLOGICA SU CORRETTORI VOLUMETRICI DI GAS NATURALE CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LA VERIFICA METROLOGICA SU CORRETTORI VOLUMETRICI DI GAS NATURALE TECLAB\ VERIFICHE PERIODICHE\ pag. i di i INDICE 1 SCOPO... 2 2 RIFERIMENTI... 2 3 DEFINIZIONI...

Dettagli

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni contenute nel presente Codice Etico esprimono i principi fondamentali cui si ispira

Dettagli

3D SYSTEMS, INC. TERMINI E CONDIZIONI STANDARD SUL SOFTWARE

3D SYSTEMS, INC. TERMINI E CONDIZIONI STANDARD SUL SOFTWARE I presenti Termini e Condizioni sono validi per qualsiasi proposta e accordo e/o ordine di acquisto relativo alla concessione in licenza del software ( Software ) o alla fornitura della manutenzione relativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONALE, PRODOTTI E MATERIALI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONALE, PRODOTTI E MATERIALI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONALE, PRODOTTI E MATERIALI CONDIZIONI GENERALI DI Copia controllata n 01 13/10/2015 INTEGRAZIONE MATERIALI DA CO- STRUZIONE 00 31/07/2014 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO CERT.IM. SRL

REGOLAMENTO CERT.IM. SRL REGOLAMENTO CERT.IM. SRL 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Responsabilità 4. Distribuzione 5. Modalità di svolgimento dei controlli 5.1 Controlli per marcature CE e certificazione

Dettagli

Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse

Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse CASSA RURALE DI TRENTO 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 3. RIFERIMENTI NORMATIVI... 5 4. RICHIAMO

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE E REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO SPAZIO GIOCO RIVOLTO ALLA PRIMA INFANZIA. TRIENNIO 2007/2010.

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE E REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO SPAZIO GIOCO RIVOLTO ALLA PRIMA INFANZIA. TRIENNIO 2007/2010. CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE E REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO SPAZIO GIOCO RIVOLTO ALLA PRIMA INFANZIA. TRIENNIO 2007/2010. ART. 1 Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto la

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE DI INCARICO. Tra:

BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE DI INCARICO. Tra: BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE DI INCARICO Tra: l Agenzia per la Mobilità metropolitana, C.F.: 97639830013 in persona del direttore generale, nato a, il C.F., nella sua qualità di, a quanto infra

Dettagli

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI Come cambiano le norme e quali sono gli impatti sull operatività legata al rapporto con il cliente BROCHURE INFORMATIVA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI CONVENZIONATI, AGENTI

Dettagli

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati Paolo Stern Il D. Lgs. n. 81/2015 racchiude: Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni mirando

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 01/08/2008 ai sensi dell art. 18 del Regolamento Congiunto Banca d Italia Consob

Dettagli

Laurenzia Alveti, Manager, KStudio Associato Milano, 26 giugno 2008

Laurenzia Alveti, Manager, KStudio Associato Milano, 26 giugno 2008 Dalla norma all operatività: area Legal, Privacy e Human Resources La certificazione AEO per il marchio di qualità negli scambi internazionali di imprese Laurenzia Alveti, Manager, KStudio Associato Milano,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO COMUNE DI GUASILA.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO COMUNE DI GUASILA. ALLEGATO 2 AL BANDO DI GARA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO COMUNE DI GUASILA. Art. 1 Norme regolatrici dell appalto L appalto ha per oggetto l

Dettagli

SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO TS 16949 REQUISITI ESSENZIALI - PSC 05T

SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO TS 16949 REQUISITI ESSENZIALI - PSC 05T INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE 3. DEFINIZIONI 4. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI VALUTAZIONE

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 300 PIANIFICAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 300 PIANIFICAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 300 PIANIFICAZIONE DELLA REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO EX D. LGS. 231/2001 1 L introduzione di un sistema disciplinare volto a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel Modello 231/2001, aggiornato alla L. 190/2012,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica Politiche Gruppo Biesse Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica 1 INDICE 1. INTRODUZIONE, PREMESSE E OBIETTIVI... 3 2. FINALITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO... 5 2.1 POLITICHE DELLA QUALITÀ... 6 2.3

Dettagli

Cognome e nome del richiedente / assicurato: Numero matricolare unico del cittadino (EMŠO)

Cognome e nome del richiedente / assicurato: Numero matricolare unico del cittadino (EMŠO) Cognome e nome del / assicurato: Numero matricolare unico del cittadino (EMŠO) Il sottoscritto presenta, in base all articolo 118 della Legge che regola il mercato del lavoro (Gazzetta ufficiale della

Dettagli

COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA)

COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA) COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) AI SERVIZI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE COMUNALI

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS Oggetto: Comunicazione relativa all impegno per la Responsabilità Sociale di Sparacio Trasporti Sparacio Trasporti ha sempre dato una fondamentale importanza alla qualità

Dettagli

Codice etico e di condotta aziendale

Codice etico e di condotta aziendale Codice etico e di condotta aziendale Prima versione febbraio 2010 Ingenico, 190-192 Avenue Charles de Gaulle, 92200 Neuilly-sur-Seine Tel. 33(0)1 46 25 82 00 - Fax 33 (0)1 47 72 56 95 - ingenico@ingenico.com

Dettagli

BANCA D ITALIA DISPOSIZIONI PER L ATTIVITA DI GESTIONE DEL CONTANTE

BANCA D ITALIA DISPOSIZIONI PER L ATTIVITA DI GESTIONE DEL CONTANTE BANCA D ITALIA DISPOSIZIONI PER L ATTIVITA DI GESTIONE DEL CONTANTE 1 INDICE FONTI NORMATIVE... 3 DEFINIZIONI... 4 CAPITOLO I ATTIVITA DI GESTIONE DEL CONTANTE... 6 CAPITOLO II REQUISITI DI ORGANIZZAZIONE...

Dettagli

I pazienti possono altresì contattare il Dipartimento di salute dello Stato di New York al numero (800) 804-5447 o al numero (518) 402-6993.

I pazienti possono altresì contattare il Dipartimento di salute dello Stato di New York al numero (800) 804-5447 o al numero (518) 402-6993. Rientra nella politica del Winthrop University Hospital informare ogni paziente circa la disponibilità di assistenza finanziaria, definita come la fornitura di servizi sanitari gratuiti o a costo ridotto

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Procedura selezione personale

Cassa del Trentino S.p.A. Procedura selezione personale Indice PAG. 1. Procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale 2 2. Principi generali 2 3. Avvio della procedura 3 4. Pubblicizzazione della procedura 3 5. Selezione del personale a mezzo di

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa)

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea. Questo portale riflette il punto di vista degli sviluppatori e

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 Data emissione condivisione Approvazione : Rappresentante della Direzione - Responsabile

Dettagli

Riesame della Direzione SA8000 del 24.02.2015 METALLINEA SRL

Riesame della Direzione SA8000 del 24.02.2015 METALLINEA SRL Riesame della Direzione SA8000 del 24.02.2015 METALLINEA SRL 1. Partecipanti... 2 2. Responsabilità dell attività di Riesame, definizione di un calendario di date per il Riesame della Direzione e modalità

Dettagli

CAPITOLATO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CIG 4665283950 Indice Art.1 - OGGETTO ART.2 COSTI ASSICURATIVI ART.3 - PRESTAZIONI Art. 4 - POLIZZA ASSICURATIVA A GARANZIA DELLA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE e ISPEZIONE ASCENSORI. Direttiva 95/16/CE DPR 162/99 SOMMARIO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE e ISPEZIONE ASCENSORI. Direttiva 95/16/CE DPR 162/99 SOMMARIO CERTIFICAZIONE e ISPEZIONE ASCENSORI Pag. 1 di 17 SOMMARIO 0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 1 RIFERIMENTI... 2 2 PROCESSO DI EROGAZIONE... 3 2.1 PREMESSA... 3 2.1.1 Certificazione... 3 2.1.2 Ispezione...

Dettagli

PSC 05I - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE BS OHSAS 18001 REQUISITI ESSENZIALI

PSC 05I - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE BS OHSAS 18001 REQUISITI ESSENZIALI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE 3. RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE 4. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE DELLA CERTIFICAZIONE 5. USO DEL MARCHIO

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ABBONAMENTO. 1. Definizioni

TERMINI E CONDIZIONI DI ABBONAMENTO. 1. Definizioni TERMINI E CONDIZIONI DI ABBONAMENTO 1. Definizioni a) Nei presenti Termini e Condizioni di Abbonamento, nel Modulo di Iscrizione, nei Regolamenti e in qualsiasi altro documento emanando ai sensi del Contratto,

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 RILEVAZIONE DATI D.i.Re I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 A cura del Gruppo Ricerca rilevazione dati Novembre 2014 Premessa L associazione nazionale D.i.Re Donne in

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI PER LO SVILUPPO DI SOFTWARE E LA FORNITURA DI SERVIZI PROFESSIONALI da MSC.SOFTWARE SRL

TERMINI E CONDIZIONI PER LO SVILUPPO DI SOFTWARE E LA FORNITURA DI SERVIZI PROFESSIONALI da MSC.SOFTWARE SRL TERMINI E CONDIZIONI PER LO SVILUPPO DI SOFTWARE E LA FORNITURA DI SERVIZI PROFESSIONALI da MSC.SOFTWARE SRL (EMEA_Service_T&C s_it_default_aprile2011_version) 1 INTRODUZIONE. I presenti Termini e Condizioni

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SULLA SICUREZZA NELL UTILIZZO DELL AMIANTO 1

RACCOMANDAZIONE SULLA SICUREZZA NELL UTILIZZO DELL AMIANTO 1 Raccomandazione 172 RACCOMANDAZIONE SULLA SICUREZZA NELL UTILIZZO DELL AMIANTO 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Condizioni Generali. GARANZIA LIMITATA PER IL KOBO AURA ereader REGNO UNITO

Condizioni Generali. GARANZIA LIMITATA PER IL KOBO AURA ereader REGNO UNITO Condizioni Generali GARANZIA LIMITATA PER IL KOBO AURA ereader REGNO UNITO La presente Garanzia Limitata viene concessa da Kobo Inc. ("Kobo") e conferisce diritti specifici in relazione al Kobo ereader

Dettagli

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI Art. 77 TFUE 1. L'Unione sviluppa una politica volta a: b) garantire il controllo delle persone e la sorveglianza efficace dell'attraversamento delle

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza.

Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza. Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza. Linee guida PRESENTAZIONE Il presente lavoro costituisce un estratto da una

Dettagli

Politica di Uso Accettabile di PTC Per Servizi Cloud

Politica di Uso Accettabile di PTC Per Servizi Cloud Politica di Uso Accettabile di PTC Per Servizi Cloud Introduzione PTC si impegna costantemente a rispettare le leggi e le normative che regolano l'uso di Internet e a garantire a tutti i suoi clienti la

Dettagli

Allegato allo Schema di Contratto

Allegato allo Schema di Contratto Allegato allo Schema di Contratto AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D. LGS. N. 163/2006 E S.M.I. DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE, GEOTECNICHE E ARCHEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli