Lavoro forzato e traffico di esseri umani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavoro forzato e traffico di esseri umani"

Transcript

1 Lavoro forzato e traffico di esseri umani L approccio di Patagonia ai mezzi di tutela e di riparazione Introduzione Come dichiarato nel Codice di Condotta, Patagonia condanna severamente e vieta qualsiasi forma di lavoro forzato o schiavitù, inclusi il traffico di esseri umani, il lavoro di prigionieri, il lavoro per ripagare un debito e il lavoro vincolato. Le valutazioni condotte da Patagonia per esaminare il livello di responsabilità sociale nelle fabbriche hanno lo scopo di determinare se uno stabilimento è conforme al nostro Codice e rispetta dettagliati benchmark per la tutela contro il lavoro forzato. Tutte le forme di lavoro forzato, schiavitù e traffico di esseri umani rientrano nella nostra politica di tolleranza zero. Ci aspettiamo che tutti i partner della nostra supply chain coinvolti nella realizzazione o nella finitura di prodotti Patagonia aderiscano e sostengano lo standard del nostro Codice contro il ricorso al lavoro forzato. A tale scopo, a tutti i fornitori diretti è stato chiesto di sottoscrivere una dichiarazione di certificazione che sottolinea l impegno concertato affinché non si verifichino casi di lavoro forzato, schiavitù e traffico di esseri umani nella supply chain, nonché il rispetto di tutti gli standard specificati nel documento Codice di Condotta e Benchmark di Patagonia, delle disposizioni di legge locali e, ove applicabile, di accordi relativi a trattative sindacali collettive. Il traffico di esseri umani è definito dalle Nazioni Unite come: il reclutamento, trasporto, trasferimento, l ospitare o accogliere persone, tramite l impiego o la minaccia di impiego della forza o di altre forme di coercizione, di rapimento, frode, inganno, abuso di potere o di una posizione di vulnerabilità o tramite il dare o ricevere somme di danaro o vantaggi per ottenere il consenso di una persona che ha autorità su un altra a scopo di sfruttamento. In base a tale definizione, le vittime del traffico di esseri umani sono spesso soggette a moderne forme di schiavitù e lavoro forzato, come lo sfruttamento della manodopera infantile, il lavoro vincolato e il lavoro per ripagare un debito. Nella supply chain queste conseguenze colpiscono con maggiore probabilità i lavoratori che si accordano con intermediatori del personale o altri soggetti di terze parti per ottenere un impiego all estero o in un altra regione del proprio paese. Mezzi di tutela e riparazione Nel caso in cui nella supply chain di Patagonia fossero rinvenute prove, o sospette prove, relative a casi di lavoro forzato, schiavitù o traffico di esseri umani, verranno applicate le misure di riparazione descritte di seguito. Poiché i sintomi e le radici alla base del lavoro forzato sono molteplici, le azioni volte all indagine e alla correzione saranno specificate in base alle circostanze di ogni singolo caso. A un livello minimo, per tutti i casi riferiti Patagonia si impegna a mettere in atto le azioni descritte di seguito. Il procedimento sarà supervisionato dal direttore per la responsabilità socio-ambientale, coadiuvato dai Sourcing Vice President, Director e Manager di Patagonia. Esame e investigazione delle dichiarazioni: 1) Al ricevimento di informazioni o dichiarazioni di casi di lavoro forzato, schiavitù o traffico di esseri umani, i team Corporate Responsibility (CR) e Sourcing di Patagonia applicheranno tempestivamente e con ogni possibile cautela il seguente protocollo di investigazione e riparazione. Simultaneamente, verranno intraprese altre azioni, incluse in via esemplificativa: a. Esame degli elementi emersi e delle relative disposizione di legge locali per comprendere le principali lacune e le aree problematiche che richiedono un intervento risolutivo. b. Patagonia comunicherà con la fonte che ha riferito il problema (ad esempio, addetto al controllo della page Patagonia, Inc

2 compliance sociale, ONG, lavoratore, vittima) per ottenere tutte le informazioni possibili relative alle dichiarazioni raccolte. La FLA (Fair Labor Association) e altri esperti a livello locale e internazionale saranno contattati per fornire guida e assistenza nella pianificazione di ulteriori indagini e per il recupero, la protezione e la sicurezza della vittima, nonché per altre fasi successive. c. Patagonia comunicherà alla direzione dello stabilimento interessato gli elementi venuti alla luce o le dichiarazioni rese e raccoglierà ulteriori informazioni. Durante lo svolgimento delle indagini, i team CR e Sourcing potranno anche decidere di sospendere temporaneamente le attività aziendali, con conseguente sospensione degli ordini in corso. d. In base all opinione degli esperti, Patagonia costituirà un team addetto alle indagini con professionisti qualificati per condurre una valutazione più approfondita presso la fabbrica interessata e, se applicabile, presso l intermediatore del personale o altri soggetti di terze parti coinvolti. Anche il team Corporate Responsibility di Patagonia prenderà parte alle indagini con azioni quali colloqui con i lavoratori interessati, con la direzione dello stabilimento e con altri subappaltatori coinvolti, leader della comunità, esperti locali per l occupazione, autorità governative e ONG. 2) Qualora Patagonia fosse a conoscenza della presenza di altri marchi nella fabbrica indagata, considererà la possibilità di effettuare indagini congiunte e di scambiare informazioni con i responsabili di tali marchi. 3) La FLA (Fair Labor Association) riceverà aggiornamenti e informazioni sui progressi compiuti da Patagonia. Implementazione di azioni correttive e di cicli di monitoraggio: 1) Una volta condotta un indagine esaustiva e il problema del lavoro forzato debitamente confermato e compreso, Patagonia richiederà alla direzione aziendale l applicazione di un processo con azioni correttive. La politica disciplinare prevista da Patagonia si applicherà nel caso in cui Patagonia invierà una comunicazione formale scritta che richieda una risposta nelle successive 24 ore in cui la direzione aziendale dovrà dichiararsi disposta a risolvere tutte le problematiche evidenziate e accetterà di intraprendere tutti i passaggi successivi previsti fino alla completa risoluzione della situazione. I team CR e Sourcing avranno inoltre la facoltà di estendere il periodo di sospensione delle attività aziendali fino alla completa implementazione di tutte le fasi di riparazione. 2) In base alle leggi in vigore nel paese o nei paesi coinvolti, l incidente verrà riferito alle autorità competenti. La FLA affiancherà Patagonia e sarà coinvolta nel processo di indagine e nelle fasi successive. Nel caso in cui Patagonia decidesse di coinvolgere nel processo un altro marchio, il procedimento si svolgerà congiuntamente come sottoscritto da entrambe le parti e in conformità con le relative disposizioni di legge statunitensi. 3) Azioni di riparazione nei confronti delle vittime: in tutti i casi confermati di traffico di esseri umani, schiavitù e/o altre forme di lavoro forzato, Patagonia collaborerà con autorità e organizzazioni di esperti locali e internazionali per garantire che al lavoratore coinvolto siano offerte sicurezza e protezione, nonché eventuali indennizzi finanziari e altre forme di assistenza e supporto. Esempi concreti: a. cure mediche se necessarie, counseling adeguato su base continuativa, restituzione dei depositi e delle somme corrisposti all intermediatore del personale o alla fabbrica, pagamento di tutti gli stipendi e le competenze accessorie previsti per legge, opzione di trasporto gratuito per fare ritorno a casa o per la sistemazione in un adeguata soluzione di alloggio temporanea protetta b. Se considerato sicuro e adeguato dagli esperti e dalle autorità locali e solo su espressa richiesta del lavoratore in questione, quest ultimo potrà conservare il proprio posto di lavoro. c. Anche le visite di follow-up per verificare le condizioni psicologiche, di salute e sicurezza della vittima saranno concordate con esperti locali di terze parti e in modo conforme alle disposizioni di legge locali. 4) Alla direzione aziendale verrà richiesto di riconoscere e analizzare le problematiche identificate con l aiuto di un esperto di una ONG locale. page 2

3 a. Lo stabilimento coinvolto dovrà condurre un analisi delle radici di ogni singolo problema emerso nelle indagini iniziali e la relativa valutazione dovrà essere sottoposta all attenzione di Patagonia. b. Se applicabile, verrà inoltre richiesta la rescissione dei legami lavorativi tra lo stabilimento e l intermediatore per l impiego o altre terze parti coinvolte. c. Se applicabile, sarà possibile imporre all intermediatore per l impiego lo sviluppo delle competenze, in base al livello di disponibilità a collaborare dimostrato da quest ultimo. 5) Una volta completato il processo di analisi delle radici del problema, Patagonia lavorerà insieme all azienda per sviluppare piani e scadenze per l implementazione di adeguate azioni correttive. A causa delle complessità insite nei problemi e nei sintomi alla base del traffico di esseri umani, Patagonia offrirà assistenza allo stabilimento coinvolto per la messa a punto di soluzioni pratiche ed operative e, elemento altrettanto importante, per l adozione di politiche e processi di natura preventiva e non semplicemente correttiva. Patagonia avrà la facoltà di consultare la FLA o altri esperti in materia per ricevere supporto in quest area. 6) Patagonia procederà al monitoraggio dei progressi compiuti dall azienda in base alle scadenze stabilite per l implementazione delle azioni correttive. A cadenze regolari, verrà condotta una valutazione di follow-up sul posto e sarà possibile ricorrere all ausilio di dispositivi di sorveglianza senza preavviso. In tutti i casi, verranno effettuati colloqui, sia in sede che altrove se appropriato, con i lavoratori coinvolti e con gli altri dipendenti. nonostante, Patagonia potrà prendere in considerazione la co-responsabilità nei pagamenti in base al singolo caso esaminato. Politica di adeguamento automatico Come parte della procedura disciplinare aziendale, Patagonia ha creato una politica di adeguamento automatico nel caso in cui uno stabilimento si rifiutasse di collaborare, non registrasse alcun progresso o registrasse progressi minimi nel processo di riparazione e/o dimostrasse mancanza di impegno in tal senso. Il direttore responsabile di SER notificherà la situazione ai relativi Sourcing Vice President, Director e Manager di Patagonia e verrà predisposta una videoconferenza o un colloquio presso l azienda (a seconda di quale sia la soluzione più rapida) per discutere la situazione di mancata conformità o mancata collaborazione. Patagonia farà del proprio meglio per raggiungere un accordo ragionevole, ferme restando la salvaguardia dei diritti dei lavoratori e la completa riparazione della situazione in base a scadenze realistiche. Qualora nell azienda non si registrassero miglioramenti nell arco di una settimana dalla data della videoconferenza, lo stabilimento riceverà un avviso di notifica della possibile rescissione del contratto di appalto da parte di Patagonia. Se l azienda non dimostrasse l intenzione di collaborare tempestivamente dopo il ricevimento dell avviso di notifica, Patagonia procederà alla rescissione del contratto con lo stabilimento e pianificherà una strategia di uscita responsabile per il ritiro dalle attività commerciali come definito nella relativa documentazione di Patagonia. 7) Il monitoraggio proseguirà fino a quando la fabbrica e/o l intermediario per l impiego non avranno dato prova di un adeguato impegno di riparazione. Una volta raggiunto il risultato auspicato, il monitoraggio continuerà su base annuale e verrà revocata la sospensione delle attività aziendali. 8) I costi associati alle azioni di riparazione nei confronti delle vittime, alle valutazioni e alla procedura di sviluppo delle competenze saranno a carico dell azienda coinvolta; ciò page 3

4 Manodopera infantile L approccio di Patagonia ai mezzi di tutela e di riparazione Introduzione Patagonia non ricorre e non ricorrerà consapevolmente a fornitori che impieghino manodopera infantile nella propria catena di produzione. Patagonia richiede a tutti i partner aziendali di aderire al proprio Codice di Condotta e ai propri Benchmark dettagliati sulla manodopera infantile. Nel Codice si legge: È vietato l impiego di dipendenti di età inferiore ai 15 anni o di età inferiore a quella richiesta per il completamento del percorso dell istruzione obbligatoria nei paesi in cui sorgono le nostre manifatture dove tale età sia superiore ai 15 anni. L impiego di manodopera infantile è severamente vietato. I partner aziendali sono tenuti al rispetto di tutti i requisiti legali relativi al lavoro di minori autorizzati, in particolare dei requisiti legati a orario di lavoro, retribuzione, istruzione minima e condizioni di lavoro. Patagonia supporta lo sviluppo di programmi di apprendistato legittimi nel luogo di lavoro e richiede ai partner aziendali di rispettare tutte le leggi e le normative applicabili a tali programmi. Patagonia si impegna attivamente nella gestione di una supply chain in cui non siano presenti forme di sfruttamento della manodopera infantile, a partire da un processo di screening aziendale preliminare articolato su quattro livelli, condotto prima che venga piazzato un primo ordine. Tale processo di screening preliminare valuta la capacità del potenziale fornitore di soddisfare gli standard e i requisiti (1) sociali, (2) ambientali, (3) aziendali e (4) qualitativi di Patagonia. Questo processo di ricerca preliminare di nuovi fornitori esclude i fornitori su cui gravano serie problematiche. Tutte le forme di lavoro minorile rientrano nella nostra politica di tolleranza zero. Se presso i nostri fornitori dovessero emergere casi di impiego di manodopera infantile, lavoreremo insieme a tali fornitori per risolvere il problema ed eliminare del tutto tale pratica in un modo sostenibile e preventivo che includa regolari azioni di monitoraggio e follow up per garantire che la situazione non si ripeta in futuro. Mezzi di tutela e riparazione Quando nella nostra supply chain si verificano casi di impiego di manodopera infantile--come definita dalla legge locale o in relazione a individui di età inferiore ai 15 anni (a seconda di quale delle due definizioni risulti più vincolante) Patagonia provvederà ad intervenire immediatamente presso lo stabilimento in questione. Il procedimento sarà supervisionato dal direttore per la responsabilità socio-ambientale, coadiuvato dai Sourcing Vice President, Director e Manager di Patagonia. A un livello minimo, Patagonia si impegna a mettere in atto le azioni descritte di seguito: Esame e investigazione delle dichiarazioni: 1) Patagonia esaminerà il caso per inquadrare la situazione del minore: quanti anni ha, perché lavora nello stabilimento, dove vive la sua famiglia, come è stato reclutato, qual è il suo livello di istruzione, ecc. Gli ispettori che rappresentano Patagonia hanno ricevuto un idonea formazione per la raccolta di tali dati. 2) In tutte le circostanze, saranno consultate le leggi locali e le linee guida della FLA (Fair Labor Association) e dell Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) per determinare le migliori azioni da intraprendere nel caso specifico e il livello della supply chain in cui è stata individuata la presenza del minore. In tutti i casi, prevarrà lo standard che offre il più alto livello di protezione al minore. 3) Patagonia collaborerà con un esperto ONG locale e con la FLA per determinare i passi successivi da compiere. 4) Qualora Patagonia fosse a conoscenza della presenza di altri marchi nella fabbrica indagata, considererà la possibilità di effettuare indagini congiunte e di scambiare informazioni con i responsabili di tali marchi. page 4

5 Implementazione di azioni correttive e di cicli di monitoraggio: 1) Una volta condotta un indagine esaustiva e il problema della manodopera infantile debitamente confermato e compreso, Patagonia richiederà alla direzione aziendale l applicazione di un processo con azioni correttive. La politica disciplinare prevista da Patagonia si applicherà nel caso in cui Patagonia invierà una comunicazione formale scritta che richieda una risposta nelle successive 24 ore in cui la direzione aziendale dovrà dichiararsi disposta a risolvere tutte le problematiche evidenziate e accetterà di intraprendere tutti i passaggi successivi previsti fino alla completa risoluzione della situazione. Durante lo svolgimento delle indagini, i team CR e Sourcing potranno anche decidere di sospendere le attività aziendali, con conseguente sospensione degli ordini in corso. a. Patagonia comunicherà in forma scritta allo stabilimento che il minore deve essere allontanato dal luogo di lavoro in modo sicuro sotto la supervisione dello staff CR di Patagonia e/o dell esperto ONG locale. Il piano di allontanamento del minore includerà misure di tutela finanziarie e altro tipo di supporto allo scopo di garantire che il minore non cercherà altre forme di impiego, esponendosi così al rischio di peggiori forme di sfruttamento della manodopera infantile. b. In base alla situazione, sarà necessario fornire vari tipi di tutela finanziaria e assistenza alla famiglia del minore una volta presa la decisione di allontanarlo dal luogo di lavoro. Le tipologie di supporto e assistenza possono includere una delle opzioni seguenti o una combinazione di più opzioni: i. Acquisto di un biglietto aereo o di trasporto via terra per il ritorno del minore presso la propria famiglia in completa sicurezza. Lo staff CR di Patagonia e/o l esperto ONG locale potrà accompagnare il minore per testimoniarne l effettivo ritorno in famiglia (ad esempio, in auto, autobus, treno, volo aereo). ii. Tempestivo pagamento di tutte le retribuzioni e le competenze accessorie dovute. iii. Predisposizione di una visita medica di controllo per assicurarsi che la salute del minore non risulti in alcun modo pregiudicata dallo svolgimento delle mansioni lavorative. Se necessario, il minore sarà sottoposto alle cure mediche del caso. iv. Supporto amministrativo e finanziario per l iscrizione del minore presso la scuola locale, o un suo equivalente legale, come un istituto di formazione professionale, e per la copertura dei costi relativi alla sua istruzione (uniformi scolastiche, materiale di cancelleria, libri, ecc.). Verranno predisposti gli accorgimenti necessari per assicurarsi che il minore continui a percepire almeno il salario minimo come incentivo per terminare il ciclo di studi scolastici senza tornare a lavorare. v. Pagamento di retribuzioni e competenze accessorie dovute al minore fino al raggiungimento dell età lavorativa legale; in alternativa, pagamento di uno stipendio alla famiglia del minore che sia proporzionale al contributo al reddito familiare raggiunto grazie al lavoro del minore; o ancora, adeguate azioni alternative in situazioni in cui non siano presenti sistemi educativi formali o informali o in situazioni in cui il lavoratore si opponga alla frequentazione scolastica. vi. Garanzia che il posto di lavoro presso lo stabilimento sarà disponibile una volta che il minore avrà raggiunto l età legale richiesta per lavorare. c. I costi saranno sostenuti dallo stabilimento; ciò nonostante, Patagonia prenderà in considerazione una responsabilità congiunta nei pagamenti in base a ogni singolo caso. 2) Con l aiuto del team CR di Patagonia e di un esperto locale indipendente, lo stabilimento svilupperà un piano di azioni correttive che includa un analisi delle cause alla radice (RCA) e delle lacune dei sistemi di gestione delle risorse umane, nonché l obbligo di implementare iniziative di sviluppo delle competenze in grado di impedire il verificarsi di analoghi casi di sfruttamento della manodopera infantile. page 5

6 Follow-up Una volta individuati casi di impiego di manodopera infantile, è fondamentale che le informazioni di identificazione del minore siano accuratamente registrate, inclusi nome e cognome completi, nome dei genitori, numero identificativo rilasciato dal governo, numero assegnato al lavoratore, indirizzo di residenza e numero telefonico di casa. Patagonia utilizzerà queste informazioni per tenere traccia dei progressi del minore attraverso un esperto locale indipendente allo scopo di verificare che non lavori più presso lo stabilimento, che abbia ricevuto l indennità per cessazione dell impiego e che la tutela finanziaria e il programma di supporto continuino ad essere seguiti. Lo stabilimento sarà successivamente sottoposto a un ispezione di follow-up a distanza di 1-3 mesi dall ispezione precedente per dimostrare l immediata implementazione delle azioni volte ad impedire l impiego di manodopera infantile nel luogo di lavoro. Politica di adeguamento automatico Come parte della procedura disciplinare aziendale, Patagonia ha creato una politica di adeguamento automatico nel caso in cui uno stabilimento si rifiutasse di collaborare, non registrasse alcun progresso o registrasse progressi minimi nel processo di riparazione e/o dimostrasse mancanza di impegno in tal senso. Il direttore responsabile di SER notificherà la situazione ai relativi Sourcing Vice President, Director e Manager di Patagonia e verrà predisposta una videoconferenza o un colloquio presso l azienda (a seconda di quale sia la soluzione più rapida) per discutere la situazione di mancata conformità o mancata collaborazione. Patagonia farà del proprio meglio per raggiungere un accordo ragionevole, ferme restando la salvaguardia dei diritti dei lavoratori e la completa riparazione della situazione in base a scadenze realistiche. responsabile per il ritiro dalle attività commerciali come definito nella relativa documentazione di Patagonia. Note speciale sui mezzi di tutela e riparazione in caso di problemi relativi all impiego di giovani lavoratori I giovani lavoratori sono definiti nel nostro Benchmark come individui di età compresa tra l età lavorativa minima e i 18 anni di età. A tale categoria di dipendenti è consentito lavorare, come previsto in base alla legge locale e al nostro Codice di Condotta; inoltre, nella maggior parte dei paesi, essi sono soggetti a specifici accordi di lavoro. Limitazioni come orario di lavoro massimo consentito, lavoro straordinario e tipologia di mansione lavorativa, insieme a requisiti di gestione come registrazione presso il Ministero del Lavoro e visite mediche di controllo, sono richiesti dal nostro Benchmark e spesso legalmente obbligatori nel caso di impiego di giovani lavoratori. Qualora una di tali condizioni non venisse rispettata dallo stabilimento, Patagonia richiederà alla manifattura di porre immediatamente rimedio alla situazione con un adeguata risoluzione del problema e sviluppando un piano di azioni correttive che includa un analisi delle cause alla radice (RCA) e delle lacune della gestione dei sistemi, nonché iniziative per lo sviluppo delle competenze in grado di impedire il verificarsi di problematiche analoghe in futuro. Lo stabilimento sarà successivamente sottoposto a un ispezione di follow-up a distanza di 3-6 mesi dall ispezione precedente per dimostrare i miglioramenti e i progressi effettivamente compiuti. Qualora nell azienda non si registrassero miglioramenti nell arco di una settimana dalla data della videoconferenza, lo stabilimento riceverà un avviso di notifica della possibile rescissione del contratto di appalto da parte di Patagonia. Se l azienda non dimostrasse l intenzione di collaborare tempestivamente dopo il ricevimento dell avviso di notifica, Patagonia procederà alla rescissione del contratto con lo stabilimento e pianificherà una strategia di uscita page 6

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 SA 8000: 1997 SA 8000 Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 Sulla Norma SAI Questa è l edizione iniziale di SA8000, una norma omogenea e verificabile attraverso un sistema di verifica

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

SOCIAL ACCOUNTABILITY 2008

SOCIAL ACCOUNTABILITY 2008 STANDARD INTERNAZIONALE SAI SA8000 : 2008 SOCIAL ACCOUNTABILITY 2008 SA8000 is a registered trademark of Social Accountability International Pagina 2 di 10 INFORMAZIONI SULLO STANDARD Questa è la terza

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 Pag. 1 di 9 DEI SISTEMI DI AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 1 03/14 Nuova edizione ED. DATA VARIAZIONI VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 9 ARTICOLO 1 - SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento,

Dettagli

Aree di impatto che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949

Aree di impatto che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949 Aree di che il cliente deve considerare in base alle Regole per ottenere e mantenere il riconoscimento IATF 4^ Edizione per l ISO/TS 16949 1 Febbraio 2014 1 Premessa Introduzione 1.0 Certificabilità secondo

Dettagli

Codice di condotta per i fornitori

Codice di condotta per i fornitori Codice di condotta per i fornitori 2013 Introduzione di Duncan Palmer, Direttore Finanziario di Reed Elsevier Gli standard di comportamento stabiliti, sia da parte dell azienda che delle singole persone,

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini Pag. 1 di 10 QA-EQDL20 Revisione n 1 del 29/03/2005 PROCEDURA DI AUDIT EQDL REVISIONI 1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA P. Fezzi/C. Morlacchi CONTROLLATA F. Filippazzi/

Dettagli

SOCIAL ACCOUNTABILITY 2008

SOCIAL ACCOUNTABILITY 2008 STANDARD INTERNAZIONALE SAI SA8000 : 2008 SOCIAL ACCOUNTABILITY 2008 SA8000 is a registered trademark of Social Accountability International Pagina 2 di 10 INFORMAZIONI SULLO STANDARD Questa è la terza

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

LAVORO INFANTILE PEORSI Toscana Energia S.p.A. COD. PROCEDURA P 70/1 DECORRENZA 30/11/2010 PAG. 1 DI 7 LAVORO INFANTILE

LAVORO INFANTILE PEORSI Toscana Energia S.p.A. COD. PROCEDURA P 70/1 DECORRENZA 30/11/2010 PAG. 1 DI 7 LAVORO INFANTILE COD. PROCEDURA P 70/1 DECORRENZA 30/11/2010 PAG. 1 DI 7 LAVORO INFANTILE COD. PROCEDURA P 70/1 DECORRENZA 30/11/2010 PAG. 2 DI 7 FRUIBILITA DEL DOCUMENTO Il presente documento è disponibile nel portale

Dettagli

Codice di Condotta dei Fornitori Bayer. La sostenibilità è un elemento chiave dei valori e dei principi di leadership Bayer

Codice di Condotta dei Fornitori Bayer. La sostenibilità è un elemento chiave dei valori e dei principi di leadership Bayer Codice di Condotta dei Fornitori Bayer La sostenibilità è un elemento chiave dei valori e dei principi di leadership Bayer Indice INTRODUZIONE 4 1. ETICA 5 2. LAVORO 6 3. QUALITÀ, SALUTE, SICUREZZA E

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

Traduzione fornita solo per vostra comodità in caso di conflitto la versione in inglese ha la priorità.

Traduzione fornita solo per vostra comodità in caso di conflitto la versione in inglese ha la priorità. Traduzione fornita solo per vostra comodità in caso di conflitto la versione in inglese ha la priorità. Codice di condotta dei Fornitori del gruppo TUI Travel PLC Guida per i Fornitori ( Fornitori ) del

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008 PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SUI DIRITTI UMANI E LA BIOMEDICINA RELATIVO AI TEST GENETICI A FINI SANITARI (2008) Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa

Dettagli

SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 Responsabilità Sociale 8000

SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 Responsabilità Sociale 8000 1 SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 Responsabilità Sociale 8000 SA8000 is a registered trademark of Social Accountability International Nota: Il presente documento è frutto di una libera traduzione in lingua

Dettagli

CONVENZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1

CONVENZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 Convenzione 189 CONVENZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 La Conferenza Generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro Convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT EUCIP

PROCEDURA DI AUDIT EUCIP Pag. 1 di 10 PROCEDURA DI AUDIT EUCIP REVISIONI 1 10/05/04 Prima Emissione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA CONTROLLATA APPROVATA Funzione Funzione Qualità delle Certificazioni EUCIP Responsabile

Dettagli

Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto

Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto Tutela del lavoro Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto ESTRATTO PROCEDURA _ PR PRE 10 5.1. LAVORO INFANTILE 5.1.1. Scopo Lo scopo di questo paragrafo è

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè:

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè: SA 8000 La SA 8000 ha la stessa impostazione generale delle norme internazionali relative ai Sistemi di Qualità ed impegna l Azienda ad assicurare il rispetto dei principi etici delle Nazioni Unite sancite

Dettagli

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE REPORT SULLO STATO DI GESTIONE DEL SISTEMA DI RESPONSABILITA SOCIALE IN BASE AI REQUISITI DELLA NORMA SA 8000/08 AGGIORNATO AL 3 NOVEMBRE 2014 Doc. Riesame della Direzione

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF

Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF Regole 3 Edizione Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Aree di impatto per considerazioni da parte del cliente Tratte dalle Regole per ottenere il riconoscimento IATF 3 Edizione per

Dettagli

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO relativo alla Procedura selettiva n. 238/2014 ai sensi dell art. 125 comma 11 del D.Lgs. n.163/2006 per l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza di carattere

Dettagli

Art.22. Premesse. Art.23. Criteri generali. Art.24. Assegnazione ai plessi

Art.22. Premesse. Art.23. Criteri generali. Art.24. Assegnazione ai plessi Capo 3. Funzionamento delle scuole Art.22. Premesse a) Il processo di realizzazione dell autonomia deve essere inteso come l acquisizione graduale, da parte di tutti i plessi dell Istituto, di responsabilità

Dettagli

Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento. Programma Gioventù in Azione

Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento. Programma Gioventù in Azione Servizio Volontario Europeo Linee Guida per l Accreditamento Programma Gioventù in Azione Maggio 2011 1. Introduzione Il Servizio Volontario Europeo (SVE), facente parte del Programma dell Unione Europea

Dettagli

Garanzia. ASUS KasKo. Il motivo in più per scegliere ASUS! www.asus.it

Garanzia. ASUS KasKo. Il motivo in più per scegliere ASUS! www.asus.it Garanzia ASUS KasKo Il motivo in più per scegliere ASUS! www.asus.it Caro Cliente, La ringraziamo per aver scelto un prodotto ASUS e ci auguriamo che i nostri sforzi nel mantenere gli standard qualitativi

Dettagli

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 Raccomandazione 201 RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Politica sulla privacy

Politica sulla privacy Politica sulla privacy Kohler ha creato questa informativa sulla privacy con lo scopo di dimostrare il suo grande impegno nei confronti della privacy. Il documento seguente illustra le nostre pratiche

Dettagli

FAQ della 3 Edizione delle Regole per il Raggiungimento del Riconoscimento IATF

FAQ della 3 Edizione delle Regole per il Raggiungimento del Riconoscimento IATF FAQ della 3 Edizione delle Regole per il Raggiungimento del Riconoscimento IATF Le Regole per il Raggiungimento del Riconoscimento IATF, 3 Edizione sono state pubblicate nel 2008. In risposta alle domande

Dettagli

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI REGOLAMENTO CERSOI per la Certificazione delle strutture di medicina e chirurgia oculistica secondo le norme ISO 9001/2008 I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3)

Dettagli

- POLITICA AZIENDALE -

- POLITICA AZIENDALE - ALLEGATO AL MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE - POLITICA AZIENDALE - Indice di revisione Data di emissione Motivo della revisione 00 09.01.2012 Prima emissione 01 15.12.2014 Implementazione per l adeguamento

Dettagli

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS Oggetto: Comunicazione relativa all impegno per la Responsabilità Sociale di Sparacio Trasporti Sparacio Trasporti ha sempre dato una fondamentale importanza alla qualità

Dettagli

Comunicazione del nostro CEO

Comunicazione del nostro CEO Comunicazione del nostro CEO Coltivare e conservare la fiducia nei nostri rapporti professionali e perseguire i massimi standard etici rimangono due aspetti fondamentali dei valori chiave della nostra

Dettagli

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi In vigore dal 25/06/2014 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Tel. +39 010 53851 Fax +39 010 5351000 E-MAIL:

Dettagli

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE Questi Termini e condizioni costituiscono l'accordo tra ACSQ/CCAS e la Società/Cliente richiedente 1. INTRODUZIONE ACSQ/CCAS segue i criteri specificati

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Messaggio della Bruschi Spa attraverso il suo CEO A distanza di 1 anno dalla prima adesione all iniziativa Global Compact siamo lieti di confermare il nostro impegno a proseguire

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

tra Premesso che: - in data 30 giugno 2007 è stato sottoscritto l Accordo Quadro del Gruppo Banco Popolare ;

tra Premesso che: - in data 30 giugno 2007 è stato sottoscritto l Accordo Quadro del Gruppo Banco Popolare ; Accordo per l accesso volontario alle prestazioni straordinarie erogate dal Fondo di solidarietà dei dipendenti delle Aziende del Gruppo Banco Popolare In Lodi Verona, il 30 giugno 2007 tra Banco Popolare

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DELLA QUALITA' E DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE - PG 016 LAVORO INFANTILE E MINORILE

PROCEDURA GESTIONALE DELLA QUALITA' E DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE - PG 016 LAVORO INFANTILE E MINORILE PROCEDURA GESTIONALE DELLA QUALITA' E DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE - PG 016 LAVORO INFANTILE E MINORILE INDICE 1 - SCOPO ED APPLICABILITÀ...2 2 - RIFERIMENTI:...2 3 - TERMINI E DEFINIZIONI...2 4 - MODALITÀ

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Fonti normative Accertamento assenza tossicodipendenza in lavoratori addetti a mansioni comportanti rischi per la sicurezza, la incolumità e la salute dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

3D SYSTEMS, INC. TERMINI E CONDIZIONI STANDARD SUL SOFTWARE

3D SYSTEMS, INC. TERMINI E CONDIZIONI STANDARD SUL SOFTWARE I presenti Termini e Condizioni sono validi per qualsiasi proposta e accordo e/o ordine di acquisto relativo alla concessione in licenza del software ( Software ) o alla fornitura della manutenzione relativa

Dettagli

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file:

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file: Procedura Gestionale PG-10 Indice: 1. Scopo e campo di applicazione 2. Riferimenti e definizioni 3. Responsabilità 4. Attività REV. DATA DESCRIZIONE REDATTO COMPLIANCE MANAGER Angelo Parma APPROVATO DIRETTORE

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

PROCEDURA PG. A 6.1 RIMEDIO PER IL LAVORO INFANTILE PROCEDURA PG. A 6.1 TITOLO

PROCEDURA PG. A 6.1 RIMEDIO PER IL LAVORO INFANTILE PROCEDURA PG. A 6.1 TITOLO Pag 1/6 PROCEDURA PG. A 6.1 TITOLO Indice 1. Scopo 2. Campo di applicazione 3. Definizioni 4. Responsabilità 5. Modalità operative 5.1 Azioni di rimedio per il lavoro infantile 5.2 Azioni di tutela e sostegno

Dettagli

Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition

Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition Sommario I. INTRODUZIONE 4 II. SCOPO DELLA CARTA 4 III. AMBITO DI APPLICAZIONE 5 IV. IMPEGNI 6 4.1. Diritto alla contrattazione

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

PROCEDURA LAVORO INFANTILE

PROCEDURA LAVORO INFANTILE PROCEDURA LAVORO INFANTILE N REVISIONE 1 DATA REVISIONE 06/07/09 NATURA DELLA REVISIONE Adeguamento alla norma SA8000:2008 POSIZIONE FIRMA ELABORAZIONE ELABORAZIONE APPROVAZIONE RD SA8000 Responsabile

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI COMUNE DI CANDA REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DEL VOLONTARIATO IN ATTIVITÀ SOCIALMENTE UTILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 5 del 05.03.2009 Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento ha lo

Dettagli

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità

Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità Il nuovo principio di revisione (SA Italia) 250B sulle verifiche periodiche della contabilità di Fabrizio Bava e Alain Devalle (*) Le verifiche periodiche del revisore legale trovano una loro disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona All. 1 alla delibera di C.C. n. del REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE DI VOLONTARIATO

Dettagli

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività:

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività: Pag. 1 /6 8 Misurazione analisi e 8.1 Generalità L Istituto pianifica ed attua attività di monitoraggio, misura, analisi e (PO 7.6) che consentono di: dimostrare la conformità del servizio ai requisiti

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 220 CONTROLLO DELLA QUALITÀ DELL INCARICO DI REVISIONE CONTABILE DEL BILANCIO (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

LEGGA ATTENTAMENTE IL SEGUENTE CONTRATTO PRIMA DI UTILIZZARE QUESTO SOFTWARE.

LEGGA ATTENTAMENTE IL SEGUENTE CONTRATTO PRIMA DI UTILIZZARE QUESTO SOFTWARE. LICENZA D USO PER SOFTWARE SONY LEGGA ATTENTAMENTE IL SEGUENTE CONTRATTO PRIMA DI UTILIZZARE QUESTO SOFTWARE. CON L UTILIZZAZIONE DEL SOFTWARE LEI ESPRIME LA SUA ACCETTAZIONE DEL CONTRATTO. IMPORTANTE

Dettagli

CODICE ETICO E DEONTOLOGICO POLITICA ANTI-RITORSIONI

CODICE ETICO E DEONTOLOGICO POLITICA ANTI-RITORSIONI CODICE ETICO E DEONTOLOGICO POLITICA ANTI-RITORSIONI POLITICA ANTI-RITORSIONI Magna è una società impegnata a sostenere una cultura aziendale in cui è possibile denunciare questioni di ordine legale ed

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO Stazione di Soggiorno e turismo citta della musica REGOLAMENTO per l istituzione dell Albo Comunale dei Volontari e per la disciplina dei rapporti di collaborazione

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale PROCEDURA PGSA 01 Gestione del personale Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 30/09/212 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 Sommario 1. Scopo...... 3 2. Campo di applicazione...3 3. Riferimenti...3

Dettagli

Codice di Condotta di Benetton Group

Codice di Condotta di Benetton Group Codice di Condotta di Benetton Group Il Gruppo Benetton, che comprende Benetton Group S.p.A. e tutte le società direttamente o indirettamente controllate da Benetton Group S.p.A., è impegnato nella promozione

Dettagli

2. Le attività solidaristiche di cui al comma precedente sono così di seguito individuate:

2. Le attività solidaristiche di cui al comma precedente sono così di seguito individuate: REGOLAMENTO PER I RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI FERRARA E SINGOLI CITTADINI VOLONTARI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA SOLIDARISTICHE E PER LA PROMOZIONE DELLA CITTADINANZA ATTIVA - ALBO DEL

Dettagli

Policy sulla Proprietà Intellettuale

Policy sulla Proprietà Intellettuale Policy sulla Proprietà Intellettuale 1. Missione e scopi di AriSLA - Finalità della Policy 1.1 Missione della Fondazione Italiana di Ricerca per la SLA - Sclerosi Laterale Amiotrofica (di seguito, la Fondazione

Dettagli

L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti

L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti INTRODUZIONE I contatori intelligenti sono strumenti per il monitoraggio in tempo reale dei consumi e per l invio automatico

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

CLARCOR Inc. INFORMATIVA SULLA PRIVACY "SAFE HARBOR" (PRINCIPI DI APPRODO SICURO IN MATERIA DI RISERVATEZZA) DIPENDENTI ULTIMA REVISIONE: APRILE 2014

CLARCOR Inc. INFORMATIVA SULLA PRIVACY SAFE HARBOR (PRINCIPI DI APPRODO SICURO IN MATERIA DI RISERVATEZZA) DIPENDENTI ULTIMA REVISIONE: APRILE 2014 CLARCOR Inc. INFORMATIVA SULLA PRIVACY "SAFE HARBOR" (PRINCIPI DI APPRODO SICURO IN MATERIA DI RISERVATEZZA) DIPENDENTI ULTIMA REVISIONE: APRILE 2014 INTRODUZIONE CLARCOR Inc. e le sue società controllate

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

UILCOM-UIL APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA

UILCOM-UIL APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA UILCOM-UIL UNIONE ITALIANA LAVORATORI DELLA COMUNICAZIONE (UILSIC UILTE) APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA L indennità di mobilità è stata istituita dalla Legge n 223 del 23 luglio 1991. Essa

Dettagli

LAVORO INFANTILE PROCEDURA ORGANIZZATIVA RESPONSABILITA SOCIALE. Edizione 1. Rev Data Redaz. Descrizione Resp. Funz. R.G.Q.

LAVORO INFANTILE PROCEDURA ORGANIZZATIVA RESPONSABILITA SOCIALE. Edizione 1. Rev Data Redaz. Descrizione Resp. Funz. R.G.Q. Pagina n. 1 di 6 SRS 01 LAVORO INFANTILE PROCEDURA ORGANIZZATIVA RESPONSABILITA SOCIALE Edizione 1 Rev Data Redaz. Descrizione Resp. Funz. R.G.Q. In vigore da 0 24/11/2010 Emissione M. Sandra P. Simionato

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

MANUALE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 ED ALLEGATI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI

MANUALE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 ED ALLEGATI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 1.LAVORO INFANTILE PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI L azienda non intende utilizzare e favorire l utilizzo di lavoro infantile. Se l azienda dovesse venire

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria 0 Presentazione La valutazione dei rischi è il presupposto necessario per l adozione

Dettagli

PSC 05H - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 22000 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05H - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 22000 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro

Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Questa scheda informativa offre indicazioni generali per le persone che gestiscono un azienda o un iniziativa imprenditoriale

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione

Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione Revisione ITA4 Settembre 2010 Regolamento Q.C.B. Italia SG ITA4 Set 10- pag. 1/15 Contenuti ll presente regolamento si applica per la

Dettagli

PSC 05L - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 27001 REQUISITI ESSENZIALI

PSC 05L - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 27001 REQUISITI ESSENZIALI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2. RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE 2 3. RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE DELLA CERTIFICAZIONE 4 5. USO DEL

Dettagli

2.2 Qualsiasi stima orale o scritta non verrà considerata contrattualmente vincolante, ma verrà fornita solamente come guida o informazione.

2.2 Qualsiasi stima orale o scritta non verrà considerata contrattualmente vincolante, ma verrà fornita solamente come guida o informazione. Termini e condizioni Nell invio di un testo per la traduzione, un individuo o azienda (a cui da qui in poi si fa riferimento come Cliente ) stipula un contratto vincolante con Giorgia Garavini (a cui da

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a.

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. 15 settembre 2015 1 Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Compiti e regole di funzionamento (ex art. 49 dello Statuto) Premessa Ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI CAPO I RICHIAMI NORMATIVI Art. 1 1. Il presente documento disciplina i criteri per l accesso ai servizi erogati dal Comune di Vedano Olona, le modalità del

Dettagli