Lavoro forzato e traffico di esseri umani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavoro forzato e traffico di esseri umani"

Transcript

1 Lavoro forzato e traffico di esseri umani L approccio di Patagonia ai mezzi di tutela e di riparazione Introduzione Come dichiarato nel Codice di Condotta, Patagonia condanna severamente e vieta qualsiasi forma di lavoro forzato o schiavitù, inclusi il traffico di esseri umani, il lavoro di prigionieri, il lavoro per ripagare un debito e il lavoro vincolato. Le valutazioni condotte da Patagonia per esaminare il livello di responsabilità sociale nelle fabbriche hanno lo scopo di determinare se uno stabilimento è conforme al nostro Codice e rispetta dettagliati benchmark per la tutela contro il lavoro forzato. Tutte le forme di lavoro forzato, schiavitù e traffico di esseri umani rientrano nella nostra politica di tolleranza zero. Ci aspettiamo che tutti i partner della nostra supply chain coinvolti nella realizzazione o nella finitura di prodotti Patagonia aderiscano e sostengano lo standard del nostro Codice contro il ricorso al lavoro forzato. A tale scopo, a tutti i fornitori diretti è stato chiesto di sottoscrivere una dichiarazione di certificazione che sottolinea l impegno concertato affinché non si verifichino casi di lavoro forzato, schiavitù e traffico di esseri umani nella supply chain, nonché il rispetto di tutti gli standard specificati nel documento Codice di Condotta e Benchmark di Patagonia, delle disposizioni di legge locali e, ove applicabile, di accordi relativi a trattative sindacali collettive. Il traffico di esseri umani è definito dalle Nazioni Unite come: il reclutamento, trasporto, trasferimento, l ospitare o accogliere persone, tramite l impiego o la minaccia di impiego della forza o di altre forme di coercizione, di rapimento, frode, inganno, abuso di potere o di una posizione di vulnerabilità o tramite il dare o ricevere somme di danaro o vantaggi per ottenere il consenso di una persona che ha autorità su un altra a scopo di sfruttamento. In base a tale definizione, le vittime del traffico di esseri umani sono spesso soggette a moderne forme di schiavitù e lavoro forzato, come lo sfruttamento della manodopera infantile, il lavoro vincolato e il lavoro per ripagare un debito. Nella supply chain queste conseguenze colpiscono con maggiore probabilità i lavoratori che si accordano con intermediatori del personale o altri soggetti di terze parti per ottenere un impiego all estero o in un altra regione del proprio paese. Mezzi di tutela e riparazione Nel caso in cui nella supply chain di Patagonia fossero rinvenute prove, o sospette prove, relative a casi di lavoro forzato, schiavitù o traffico di esseri umani, verranno applicate le misure di riparazione descritte di seguito. Poiché i sintomi e le radici alla base del lavoro forzato sono molteplici, le azioni volte all indagine e alla correzione saranno specificate in base alle circostanze di ogni singolo caso. A un livello minimo, per tutti i casi riferiti Patagonia si impegna a mettere in atto le azioni descritte di seguito. Il procedimento sarà supervisionato dal direttore per la responsabilità socio-ambientale, coadiuvato dai Sourcing Vice President, Director e Manager di Patagonia. Esame e investigazione delle dichiarazioni: 1) Al ricevimento di informazioni o dichiarazioni di casi di lavoro forzato, schiavitù o traffico di esseri umani, i team Corporate Responsibility (CR) e Sourcing di Patagonia applicheranno tempestivamente e con ogni possibile cautela il seguente protocollo di investigazione e riparazione. Simultaneamente, verranno intraprese altre azioni, incluse in via esemplificativa: a. Esame degli elementi emersi e delle relative disposizione di legge locali per comprendere le principali lacune e le aree problematiche che richiedono un intervento risolutivo. b. Patagonia comunicherà con la fonte che ha riferito il problema (ad esempio, addetto al controllo della page Patagonia, Inc

2 compliance sociale, ONG, lavoratore, vittima) per ottenere tutte le informazioni possibili relative alle dichiarazioni raccolte. La FLA (Fair Labor Association) e altri esperti a livello locale e internazionale saranno contattati per fornire guida e assistenza nella pianificazione di ulteriori indagini e per il recupero, la protezione e la sicurezza della vittima, nonché per altre fasi successive. c. Patagonia comunicherà alla direzione dello stabilimento interessato gli elementi venuti alla luce o le dichiarazioni rese e raccoglierà ulteriori informazioni. Durante lo svolgimento delle indagini, i team CR e Sourcing potranno anche decidere di sospendere temporaneamente le attività aziendali, con conseguente sospensione degli ordini in corso. d. In base all opinione degli esperti, Patagonia costituirà un team addetto alle indagini con professionisti qualificati per condurre una valutazione più approfondita presso la fabbrica interessata e, se applicabile, presso l intermediatore del personale o altri soggetti di terze parti coinvolti. Anche il team Corporate Responsibility di Patagonia prenderà parte alle indagini con azioni quali colloqui con i lavoratori interessati, con la direzione dello stabilimento e con altri subappaltatori coinvolti, leader della comunità, esperti locali per l occupazione, autorità governative e ONG. 2) Qualora Patagonia fosse a conoscenza della presenza di altri marchi nella fabbrica indagata, considererà la possibilità di effettuare indagini congiunte e di scambiare informazioni con i responsabili di tali marchi. 3) La FLA (Fair Labor Association) riceverà aggiornamenti e informazioni sui progressi compiuti da Patagonia. Implementazione di azioni correttive e di cicli di monitoraggio: 1) Una volta condotta un indagine esaustiva e il problema del lavoro forzato debitamente confermato e compreso, Patagonia richiederà alla direzione aziendale l applicazione di un processo con azioni correttive. La politica disciplinare prevista da Patagonia si applicherà nel caso in cui Patagonia invierà una comunicazione formale scritta che richieda una risposta nelle successive 24 ore in cui la direzione aziendale dovrà dichiararsi disposta a risolvere tutte le problematiche evidenziate e accetterà di intraprendere tutti i passaggi successivi previsti fino alla completa risoluzione della situazione. I team CR e Sourcing avranno inoltre la facoltà di estendere il periodo di sospensione delle attività aziendali fino alla completa implementazione di tutte le fasi di riparazione. 2) In base alle leggi in vigore nel paese o nei paesi coinvolti, l incidente verrà riferito alle autorità competenti. La FLA affiancherà Patagonia e sarà coinvolta nel processo di indagine e nelle fasi successive. Nel caso in cui Patagonia decidesse di coinvolgere nel processo un altro marchio, il procedimento si svolgerà congiuntamente come sottoscritto da entrambe le parti e in conformità con le relative disposizioni di legge statunitensi. 3) Azioni di riparazione nei confronti delle vittime: in tutti i casi confermati di traffico di esseri umani, schiavitù e/o altre forme di lavoro forzato, Patagonia collaborerà con autorità e organizzazioni di esperti locali e internazionali per garantire che al lavoratore coinvolto siano offerte sicurezza e protezione, nonché eventuali indennizzi finanziari e altre forme di assistenza e supporto. Esempi concreti: a. cure mediche se necessarie, counseling adeguato su base continuativa, restituzione dei depositi e delle somme corrisposti all intermediatore del personale o alla fabbrica, pagamento di tutti gli stipendi e le competenze accessorie previsti per legge, opzione di trasporto gratuito per fare ritorno a casa o per la sistemazione in un adeguata soluzione di alloggio temporanea protetta b. Se considerato sicuro e adeguato dagli esperti e dalle autorità locali e solo su espressa richiesta del lavoratore in questione, quest ultimo potrà conservare il proprio posto di lavoro. c. Anche le visite di follow-up per verificare le condizioni psicologiche, di salute e sicurezza della vittima saranno concordate con esperti locali di terze parti e in modo conforme alle disposizioni di legge locali. 4) Alla direzione aziendale verrà richiesto di riconoscere e analizzare le problematiche identificate con l aiuto di un esperto di una ONG locale. page 2

3 a. Lo stabilimento coinvolto dovrà condurre un analisi delle radici di ogni singolo problema emerso nelle indagini iniziali e la relativa valutazione dovrà essere sottoposta all attenzione di Patagonia. b. Se applicabile, verrà inoltre richiesta la rescissione dei legami lavorativi tra lo stabilimento e l intermediatore per l impiego o altre terze parti coinvolte. c. Se applicabile, sarà possibile imporre all intermediatore per l impiego lo sviluppo delle competenze, in base al livello di disponibilità a collaborare dimostrato da quest ultimo. 5) Una volta completato il processo di analisi delle radici del problema, Patagonia lavorerà insieme all azienda per sviluppare piani e scadenze per l implementazione di adeguate azioni correttive. A causa delle complessità insite nei problemi e nei sintomi alla base del traffico di esseri umani, Patagonia offrirà assistenza allo stabilimento coinvolto per la messa a punto di soluzioni pratiche ed operative e, elemento altrettanto importante, per l adozione di politiche e processi di natura preventiva e non semplicemente correttiva. Patagonia avrà la facoltà di consultare la FLA o altri esperti in materia per ricevere supporto in quest area. 6) Patagonia procederà al monitoraggio dei progressi compiuti dall azienda in base alle scadenze stabilite per l implementazione delle azioni correttive. A cadenze regolari, verrà condotta una valutazione di follow-up sul posto e sarà possibile ricorrere all ausilio di dispositivi di sorveglianza senza preavviso. In tutti i casi, verranno effettuati colloqui, sia in sede che altrove se appropriato, con i lavoratori coinvolti e con gli altri dipendenti. nonostante, Patagonia potrà prendere in considerazione la co-responsabilità nei pagamenti in base al singolo caso esaminato. Politica di adeguamento automatico Come parte della procedura disciplinare aziendale, Patagonia ha creato una politica di adeguamento automatico nel caso in cui uno stabilimento si rifiutasse di collaborare, non registrasse alcun progresso o registrasse progressi minimi nel processo di riparazione e/o dimostrasse mancanza di impegno in tal senso. Il direttore responsabile di SER notificherà la situazione ai relativi Sourcing Vice President, Director e Manager di Patagonia e verrà predisposta una videoconferenza o un colloquio presso l azienda (a seconda di quale sia la soluzione più rapida) per discutere la situazione di mancata conformità o mancata collaborazione. Patagonia farà del proprio meglio per raggiungere un accordo ragionevole, ferme restando la salvaguardia dei diritti dei lavoratori e la completa riparazione della situazione in base a scadenze realistiche. Qualora nell azienda non si registrassero miglioramenti nell arco di una settimana dalla data della videoconferenza, lo stabilimento riceverà un avviso di notifica della possibile rescissione del contratto di appalto da parte di Patagonia. Se l azienda non dimostrasse l intenzione di collaborare tempestivamente dopo il ricevimento dell avviso di notifica, Patagonia procederà alla rescissione del contratto con lo stabilimento e pianificherà una strategia di uscita responsabile per il ritiro dalle attività commerciali come definito nella relativa documentazione di Patagonia. 7) Il monitoraggio proseguirà fino a quando la fabbrica e/o l intermediario per l impiego non avranno dato prova di un adeguato impegno di riparazione. Una volta raggiunto il risultato auspicato, il monitoraggio continuerà su base annuale e verrà revocata la sospensione delle attività aziendali. 8) I costi associati alle azioni di riparazione nei confronti delle vittime, alle valutazioni e alla procedura di sviluppo delle competenze saranno a carico dell azienda coinvolta; ciò page 3

4 Manodopera infantile L approccio di Patagonia ai mezzi di tutela e di riparazione Introduzione Patagonia non ricorre e non ricorrerà consapevolmente a fornitori che impieghino manodopera infantile nella propria catena di produzione. Patagonia richiede a tutti i partner aziendali di aderire al proprio Codice di Condotta e ai propri Benchmark dettagliati sulla manodopera infantile. Nel Codice si legge: È vietato l impiego di dipendenti di età inferiore ai 15 anni o di età inferiore a quella richiesta per il completamento del percorso dell istruzione obbligatoria nei paesi in cui sorgono le nostre manifatture dove tale età sia superiore ai 15 anni. L impiego di manodopera infantile è severamente vietato. I partner aziendali sono tenuti al rispetto di tutti i requisiti legali relativi al lavoro di minori autorizzati, in particolare dei requisiti legati a orario di lavoro, retribuzione, istruzione minima e condizioni di lavoro. Patagonia supporta lo sviluppo di programmi di apprendistato legittimi nel luogo di lavoro e richiede ai partner aziendali di rispettare tutte le leggi e le normative applicabili a tali programmi. Patagonia si impegna attivamente nella gestione di una supply chain in cui non siano presenti forme di sfruttamento della manodopera infantile, a partire da un processo di screening aziendale preliminare articolato su quattro livelli, condotto prima che venga piazzato un primo ordine. Tale processo di screening preliminare valuta la capacità del potenziale fornitore di soddisfare gli standard e i requisiti (1) sociali, (2) ambientali, (3) aziendali e (4) qualitativi di Patagonia. Questo processo di ricerca preliminare di nuovi fornitori esclude i fornitori su cui gravano serie problematiche. Tutte le forme di lavoro minorile rientrano nella nostra politica di tolleranza zero. Se presso i nostri fornitori dovessero emergere casi di impiego di manodopera infantile, lavoreremo insieme a tali fornitori per risolvere il problema ed eliminare del tutto tale pratica in un modo sostenibile e preventivo che includa regolari azioni di monitoraggio e follow up per garantire che la situazione non si ripeta in futuro. Mezzi di tutela e riparazione Quando nella nostra supply chain si verificano casi di impiego di manodopera infantile--come definita dalla legge locale o in relazione a individui di età inferiore ai 15 anni (a seconda di quale delle due definizioni risulti più vincolante) Patagonia provvederà ad intervenire immediatamente presso lo stabilimento in questione. Il procedimento sarà supervisionato dal direttore per la responsabilità socio-ambientale, coadiuvato dai Sourcing Vice President, Director e Manager di Patagonia. A un livello minimo, Patagonia si impegna a mettere in atto le azioni descritte di seguito: Esame e investigazione delle dichiarazioni: 1) Patagonia esaminerà il caso per inquadrare la situazione del minore: quanti anni ha, perché lavora nello stabilimento, dove vive la sua famiglia, come è stato reclutato, qual è il suo livello di istruzione, ecc. Gli ispettori che rappresentano Patagonia hanno ricevuto un idonea formazione per la raccolta di tali dati. 2) In tutte le circostanze, saranno consultate le leggi locali e le linee guida della FLA (Fair Labor Association) e dell Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) per determinare le migliori azioni da intraprendere nel caso specifico e il livello della supply chain in cui è stata individuata la presenza del minore. In tutti i casi, prevarrà lo standard che offre il più alto livello di protezione al minore. 3) Patagonia collaborerà con un esperto ONG locale e con la FLA per determinare i passi successivi da compiere. 4) Qualora Patagonia fosse a conoscenza della presenza di altri marchi nella fabbrica indagata, considererà la possibilità di effettuare indagini congiunte e di scambiare informazioni con i responsabili di tali marchi. page 4

5 Implementazione di azioni correttive e di cicli di monitoraggio: 1) Una volta condotta un indagine esaustiva e il problema della manodopera infantile debitamente confermato e compreso, Patagonia richiederà alla direzione aziendale l applicazione di un processo con azioni correttive. La politica disciplinare prevista da Patagonia si applicherà nel caso in cui Patagonia invierà una comunicazione formale scritta che richieda una risposta nelle successive 24 ore in cui la direzione aziendale dovrà dichiararsi disposta a risolvere tutte le problematiche evidenziate e accetterà di intraprendere tutti i passaggi successivi previsti fino alla completa risoluzione della situazione. Durante lo svolgimento delle indagini, i team CR e Sourcing potranno anche decidere di sospendere le attività aziendali, con conseguente sospensione degli ordini in corso. a. Patagonia comunicherà in forma scritta allo stabilimento che il minore deve essere allontanato dal luogo di lavoro in modo sicuro sotto la supervisione dello staff CR di Patagonia e/o dell esperto ONG locale. Il piano di allontanamento del minore includerà misure di tutela finanziarie e altro tipo di supporto allo scopo di garantire che il minore non cercherà altre forme di impiego, esponendosi così al rischio di peggiori forme di sfruttamento della manodopera infantile. b. In base alla situazione, sarà necessario fornire vari tipi di tutela finanziaria e assistenza alla famiglia del minore una volta presa la decisione di allontanarlo dal luogo di lavoro. Le tipologie di supporto e assistenza possono includere una delle opzioni seguenti o una combinazione di più opzioni: i. Acquisto di un biglietto aereo o di trasporto via terra per il ritorno del minore presso la propria famiglia in completa sicurezza. Lo staff CR di Patagonia e/o l esperto ONG locale potrà accompagnare il minore per testimoniarne l effettivo ritorno in famiglia (ad esempio, in auto, autobus, treno, volo aereo). ii. Tempestivo pagamento di tutte le retribuzioni e le competenze accessorie dovute. iii. Predisposizione di una visita medica di controllo per assicurarsi che la salute del minore non risulti in alcun modo pregiudicata dallo svolgimento delle mansioni lavorative. Se necessario, il minore sarà sottoposto alle cure mediche del caso. iv. Supporto amministrativo e finanziario per l iscrizione del minore presso la scuola locale, o un suo equivalente legale, come un istituto di formazione professionale, e per la copertura dei costi relativi alla sua istruzione (uniformi scolastiche, materiale di cancelleria, libri, ecc.). Verranno predisposti gli accorgimenti necessari per assicurarsi che il minore continui a percepire almeno il salario minimo come incentivo per terminare il ciclo di studi scolastici senza tornare a lavorare. v. Pagamento di retribuzioni e competenze accessorie dovute al minore fino al raggiungimento dell età lavorativa legale; in alternativa, pagamento di uno stipendio alla famiglia del minore che sia proporzionale al contributo al reddito familiare raggiunto grazie al lavoro del minore; o ancora, adeguate azioni alternative in situazioni in cui non siano presenti sistemi educativi formali o informali o in situazioni in cui il lavoratore si opponga alla frequentazione scolastica. vi. Garanzia che il posto di lavoro presso lo stabilimento sarà disponibile una volta che il minore avrà raggiunto l età legale richiesta per lavorare. c. I costi saranno sostenuti dallo stabilimento; ciò nonostante, Patagonia prenderà in considerazione una responsabilità congiunta nei pagamenti in base a ogni singolo caso. 2) Con l aiuto del team CR di Patagonia e di un esperto locale indipendente, lo stabilimento svilupperà un piano di azioni correttive che includa un analisi delle cause alla radice (RCA) e delle lacune dei sistemi di gestione delle risorse umane, nonché l obbligo di implementare iniziative di sviluppo delle competenze in grado di impedire il verificarsi di analoghi casi di sfruttamento della manodopera infantile. page 5

6 Follow-up Una volta individuati casi di impiego di manodopera infantile, è fondamentale che le informazioni di identificazione del minore siano accuratamente registrate, inclusi nome e cognome completi, nome dei genitori, numero identificativo rilasciato dal governo, numero assegnato al lavoratore, indirizzo di residenza e numero telefonico di casa. Patagonia utilizzerà queste informazioni per tenere traccia dei progressi del minore attraverso un esperto locale indipendente allo scopo di verificare che non lavori più presso lo stabilimento, che abbia ricevuto l indennità per cessazione dell impiego e che la tutela finanziaria e il programma di supporto continuino ad essere seguiti. Lo stabilimento sarà successivamente sottoposto a un ispezione di follow-up a distanza di 1-3 mesi dall ispezione precedente per dimostrare l immediata implementazione delle azioni volte ad impedire l impiego di manodopera infantile nel luogo di lavoro. Politica di adeguamento automatico Come parte della procedura disciplinare aziendale, Patagonia ha creato una politica di adeguamento automatico nel caso in cui uno stabilimento si rifiutasse di collaborare, non registrasse alcun progresso o registrasse progressi minimi nel processo di riparazione e/o dimostrasse mancanza di impegno in tal senso. Il direttore responsabile di SER notificherà la situazione ai relativi Sourcing Vice President, Director e Manager di Patagonia e verrà predisposta una videoconferenza o un colloquio presso l azienda (a seconda di quale sia la soluzione più rapida) per discutere la situazione di mancata conformità o mancata collaborazione. Patagonia farà del proprio meglio per raggiungere un accordo ragionevole, ferme restando la salvaguardia dei diritti dei lavoratori e la completa riparazione della situazione in base a scadenze realistiche. responsabile per il ritiro dalle attività commerciali come definito nella relativa documentazione di Patagonia. Note speciale sui mezzi di tutela e riparazione in caso di problemi relativi all impiego di giovani lavoratori I giovani lavoratori sono definiti nel nostro Benchmark come individui di età compresa tra l età lavorativa minima e i 18 anni di età. A tale categoria di dipendenti è consentito lavorare, come previsto in base alla legge locale e al nostro Codice di Condotta; inoltre, nella maggior parte dei paesi, essi sono soggetti a specifici accordi di lavoro. Limitazioni come orario di lavoro massimo consentito, lavoro straordinario e tipologia di mansione lavorativa, insieme a requisiti di gestione come registrazione presso il Ministero del Lavoro e visite mediche di controllo, sono richiesti dal nostro Benchmark e spesso legalmente obbligatori nel caso di impiego di giovani lavoratori. Qualora una di tali condizioni non venisse rispettata dallo stabilimento, Patagonia richiederà alla manifattura di porre immediatamente rimedio alla situazione con un adeguata risoluzione del problema e sviluppando un piano di azioni correttive che includa un analisi delle cause alla radice (RCA) e delle lacune della gestione dei sistemi, nonché iniziative per lo sviluppo delle competenze in grado di impedire il verificarsi di problematiche analoghe in futuro. Lo stabilimento sarà successivamente sottoposto a un ispezione di follow-up a distanza di 3-6 mesi dall ispezione precedente per dimostrare i miglioramenti e i progressi effettivamente compiuti. Qualora nell azienda non si registrassero miglioramenti nell arco di una settimana dalla data della videoconferenza, lo stabilimento riceverà un avviso di notifica della possibile rescissione del contratto di appalto da parte di Patagonia. Se l azienda non dimostrasse l intenzione di collaborare tempestivamente dopo il ricevimento dell avviso di notifica, Patagonia procederà alla rescissione del contratto con lo stabilimento e pianificherà una strategia di uscita page 6

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

La Normativa del Lavoro in Cina

La Normativa del Lavoro in Cina La Normativa del Lavoro in Cina di Giovanni Pisacane g.pisacane@greatwayadvisory.com www.greatwaylimited.com Corriere Asia Publishing Ltd. www.corriereasia.com quaderni e approfondimenti LA NORMATIVA DEL

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro Lo smart working è una modalità di lavoro innovativa basata su un forte elemento di flessibilità, in modo particolare di orari e di sede. Il futuro dell organizzazione del lavoro passa necessariamente

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo determinato di n. 12 posti di Dirigente medico - Area medica e delle specialità

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Sistema di certificazione del processo di Kimberley

Sistema di certificazione del processo di Kimberley Traduzione 1 Sistema di certificazione del processo di Kimberley Preambolo I partecipanti, riconoscendo che il commercio dei diamanti insanguinati è un grave problema internazionale, che può contribuire

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

Richiesta accesso agli atti

Richiesta accesso agli atti ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI Corso dei Martiri pennesi n 6 65017 PENNE (PESCARA) Tel.Presidenza 085.82.79.542 Segreteria e Fax 085.82.70.776 C.F.: 80005810686 -

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SULLA LOTTA CONTRO LA TRATTA DI ESSERI UMANI E RELAZIONE ESPLICATIVA Varsavia, 16.V.2005 Traduzione in italiano a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GAL ISC MADONIE ASSE 4 ATTUAZIONE DELL APPROCCIO LEADER - MISURA 421 PROGETTO PRODOTTI TIPICI E DIETA MEDITERRANEA

GAL ISC MADONIE ASSE 4 ATTUAZIONE DELL APPROCCIO LEADER - MISURA 421 PROGETTO PRODOTTI TIPICI E DIETA MEDITERRANEA GAL ISC MADONIE ASSE 4 ATTUAZIONE DELL APPROCCIO LEADER - MISURA 421 PROGETTO PRODOTTI TIPICI E DIETA MEDITERRANEA AVVISO DI SELEZIONE DI COMUNI PARTNERS PER L ATTUAZIONE DELL AZIONE 1 AVVISO Il Gal Isc

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli