Consiglio Informale dei Ministri dell Ambiente. Nota. Sessione Crescita verde: inverdimento del Semestre europeo. e Strategia europea 2020

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consiglio Informale dei Ministri dell Ambiente. Nota. Sessione Crescita verde: inverdimento del Semestre europeo. e Strategia europea 2020"

Transcript

1 Consiglio Informale dei Ministri dell Ambiente Nota Sessione Crescita verde: inverdimento del Semestre europeo e Strategia europea 2020 Milano, 16 luglio ) Introduzione Il Semestre europeo e l imminente revisione di medio-termine della Strategia Europa 2020 per una crescita sostenibile, intelligente ed inclusiva presentano importanti opportunità per rafforzare la dimensione ambientale della Strategia e dei suoi processi di governance. Oltre ad essere un obbligo di legge ai sensi dell'art. 11 del TFUE, una maggiore integrazione dell'ambiente e della politica economica insieme ad azioni concrete in materia di efficienza delle risorse ed economia a basse emissioni di carbonio possono fornire maggiore crescita e opportunità di lavoro ed una migliore qualità della vita per i cittadini dell'ue. Il dibattito sull inverdimento del Semestre europeo in seno al Consiglio Ambiente, iniziato già nel 2011, ha da allora contribuito ogni anno alle Conclusioni del Consiglio europeo di primavera. Facendo un bilancio dei Rapporti Annuali sulla Crescita (Annual Growth Surveys - AGSs) presentati dalla Commissione europea, il Consiglio Ambiente ha ripetutamente sottolineato l'importanza della transizione verso un uso efficiente delle risorse ed un'economia a basse emissioni di carbonio per il perseguimento di una crescita sostenibile, evidenziando la necessità di introdurre un maggior numero di priorità ambientali e di azioni per il clima nell AGS. Il Consiglio Ambiente ha sottolineato il potenziale delle azioni in alcuni settori, in particolare gestione dei rifiuti e delle risorse idriche, attuazione e innovazione nel campo delle tecnologie a basse emissioni, promuovendo, l eco-design, l eco-innovazione e l'efficienza delle risorse nelle PMI, migliorando l'efficienza degli edifici, introducendo la tassazione ambientale, eliminando gradualmente le sovvenzioni dannose per l'ambiente e riducendo la dipendenza energetica, così come rinverdendo gli acquisti pubblici ed i fondi di spesa dell'ue. Alcune di queste misure sono già state riportate nei Programmi Nazionali di Riforma e nelle Raccomandazioni specifiche per diversi Stati Membri e sono stati al contempo migliorati il coordinamento e lo scambio delle migliori pratiche a livello europeo. Tuttavia, l'obiettivo della Strategia Europa 2020 per dissociare la crescita economica dall uso delle risorse ed il suo impatto ambientale non potrà essere raggiunto a meno che gli sforzi per promuovere la transizione verso un uso efficiente delle risorse ed un'economia circolare non vengano intensificati. Occorre inoltre garantire costanti progressi verso un'economia a basse emissioni di carbonio.

2 La revisione di medio-termine della strategia Europa 2020 dà la possibilità unica di integrare in modo più forte e consistente gli obiettivi ambientali ed economici nel contesto dell'efficienza delle risorse. Nella comunicazione sul "Bilancio della Strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva" 1, la Commissione ha individuato la pressione sull uso delle risorse e le problematiche ambientali come fattori chiave di rischio a lungo termine per la crescita. La Commissione ha inoltre sottolineato i progressi già compiuti in vista del conseguimento dei principali obiettivi 2020 sul cambiamento climatico e l'energia, pur sottolineando che si rendono necessari ulteriori sforzi. Il Settimo Programma di Azione per l Ambiente (7 EAP), entrato in vigore nel gennaio 2014, richiede agli Stati Membri e all'unione europea di integrare le considerazioni ambientali e relative al clima nel Semestre europeo e di valutare l'opportunità di includere in questo processo indicatori guida e obiettivi. Collegare il dibattito sull inverdimento del Semestre europeo e la revisione di mediotermine della strategia Europa 2020 con le iniziative 2014 della Commissione su economia circolare, politica dei rifiuti e relativi obiettivi, posti di lavoro verdi, alimentazione sostenibile ed edilizia sostenibile, offre una strada promettente per incrementare la transizione verso un'economia verde in Europa. Inoltre, è in corso il dibattito sul quadro proposto dalla Commissione per le politiche su energia e clima fino al 2030, in vista di una decisione definitiva da parte del Consiglio europeo entro e non oltre ottobre Un ruolo rafforzato del Consiglio Ambiente nei processi di governance dell'unione europea può contribuire ad una visione positiva di un Europa dall uso efficiente delle risorse e dalle basse emissioni di carbonio attraverso approcci per una crescita ed un benessere più sostenibili da un punto di vista ambientale. Nel marzo 2014, il Consiglio Ambiente ha sottolineato che il potenziale di crescita sostenibile e la green economy dovrebbero essere indirizzati più specificatamente e chiaramente nel Rapporto Annuale sulla Crescita, come aree politiche che migliorano la creazione di posti di lavoro e promuovono l'innovazione. Si è convenuto, inoltre, che i Ministri dell'ambiente abbiano, nella preparazione dei Programmi Nazionali di Riforma, il ruolo di garantire che la crescita e la creazione di posti di lavoro potenziali derivanti da azioni efficaci a basso tenore di carbonio ed efficienti dal punto di vista delle risorse siano state pienamente presi in considerazione. Il prossimo Semestre europeo che inizia con l AGS per il 2015 offre l occasione di affrontare queste conclusioni nel più breve periodo, insieme all individuazione delle priorità a lungo termine per i prossimi cinque anni, secondo quanto stabilirà la revisione di medio-termine della Strategia Europa ) Una rinnovata agenda per la crescita verde E il momento di passare ad un'economia circolare in cui potenzialmente nulla venga sprecato ed in cui le risorse acquistino un valore nell'economia e nella società di gran lunga maggiore rispetto a quanto avviene oggi. Il modello attualmente prevalente è basato sul paradigma: 1 COM(2014)130),

3 prendere-trasformare-buttare (in inglese,'take-make-dispose'): esso si fonda principalmente sull'estrazione delle risorse e conduce ad una perdita di materiali di pregio e ad un enorme produzione di rifiuti. Questo modello lineare non è più una scelta percorribile per una crescita sostenibile. Contestualmente agli incrementi dell efficienza nell uso delle risorse, l inserimento continuo nei cicli produttivi dei rifiuti come fonte di materie prime rappresenta un percorso per migliorare la competitività, creare nuove opportunità di business e posti di lavoro e ridurre l'impatto ambientale della produzione e del consumo. Tuttavia, molte condizioni strutturali devono essere modificate, poiché i sistemi, le infrastrutture, le tecnologie, i modelli di business e di comportamento attuali rappresentano ostacoli per la transizione ad un economia ed una società circolari ed efficienti dal punto di vista delle risorse. Sono necessari segnali più forti per accelerare questa transizione. La Commissione europea ha adottato il 2 luglio del 2014 una serie di iniziative che rappresentano una rinnovata agenda per la crescita sostenibile e l uso efficiente delle risorse sulla scia della Roadmap di un Europa efficiente nell uso delle risorse del E essenziale individuare aree concrete in cui gli sforzi congiunti dell Europa e degli Stati Membri diano negli anni a venire risultati in grado di preparare il terreno per una crescita sostenibile nel lungo periodo. La Comunicazione della Commissione "Verso un economia circolare: Un programma per un Europa a rifiuti zero 2 mira a stabilire un quadro di riferimento per un economia circolare che coniughi politiche di integrazione, una normativa intelligente, ricerca ed innovazione, incentivando gli investimenti e attraendo finanziamenti, promuovendo contemporaneamente un ruolo forte delle imprese e dei consumatori. Per un economia circolare è fondamentale il modo in cui i prodotti sono stati progettati in quanto essa si basa sul riutilizzo, la riparazione, la rigenerazione e, infine, il riciclaggio degli stessi. In questo contesto è doveroso pensare ad una coerente politica di prodotto dell UE con un ruolo rilevante dell'eco-design. Indirizzare ricerca e innovazione verso soluzioni in linea con il concetto di economia circolare, sviluppare partenariati tra pubblico e privato e trovare strumenti finanziari innovativi sono ulteriori e promettenti strade da perseguire. La politica sui rifiuti è fondamentale per assicurare un economia circolare ed efficiente dal punto di vista dell utilizzo delle risorse. Nel 7 EAP l UE ha già definito il proprio impegno politico a ridurre la produzione di rifiuti, riciclare i rifiuti per ottenere una preziosa e sicura fonte di materie prime, recuperare energia a partire da materiali non riciclabili, eliminare potenzialmente le discariche. Obiettivi sui rifiuti ambiziosi, ma ancora raggiungibili in una prospettiva a lungo termine ed obiettivi di un progressivo aumento del riciclaggio dei rifiuti urbani e di quelli da imballaggio contemporaneamente alla loro riduzione e poi il graduale conferimento in discarica dei materiali riciclabili prima di tutto e dei materiali recuperabili in seguito, sono funzionali a fornire un segnale più forte per gli investimenti e lo sviluppo di politiche appropriate. Allo stesso tempo l attuazione delle politiche dev essere significativamente perfezionata attraverso una migliore cooperazione tra la Commissione e gli 2

4 Stati Membri, compresa l individuazione di appropriati strumenti economici tasse su discariche ed inceneritori, migliorati regimi di responsabilità estesa del produttore, sovvenzioni o sanzioni per promuovere la raccolta differenziata a livello locale, sistemi Pay As You Throw (cioè Pagare per quanto si conferisce butta via ) etc. Vi è, inoltre, la possibilità di una significativa semplificazione degli obblighi di rendicontazione, armonizzando e razionalizzando il calcolo degli obiettivi e migliorando l affidabilità dei dati statistici. Queste misure possono creare posti di lavoro, diminuire la dipendenza dall importazione e ridurre le emissioni di gas ad effetto serra, i rifiuti marini, ma anche i costi diretti relativi alla produzione e al trattamento dei rifiuti. La proposta legislativa di revisione della Commissione sul riciclaggio e su altre disposizioni ed obiettivi relativi ai rifiuti affronta questi settori e propone, inter alia, di incrementare il riciclaggio/riutilizzo dei rifiuti urbani fino al 70% e dei rifiuti di imballaggio fino all 80% nel 2030, con obiettivi specifici per materiale da aumentare gradualmente tra il 2020 e il 2030; di eliminare gradualmente il conferimento in discarica entro il 2025 dei rifiuti riciclabili (compresi plastica, carta, metalli, vetro ed organico) per limitarlo al massimo al 25% della produzione di rifiuti; di ridurre la produzione di rifiuti alimentari con un obiettivo indicativo del 30% entro il Sono state previste precise misure per migliorare la qualità e la comparabilità di quanto riportato dalle statistiche sulla gestione dei rifiuti, assicurare un monitoraggio proattivo del raggiungimento degli obiettivi attraverso una procedura di early warning diretta a garantire la diffusione delle migliori pratiche, migliorando la trasparenza e l efficacia in termini di costi dei sistemi di responsabilità del produttore. Le nuove misure sono in grado di creare oltre posti di lavoro diretti in Europa entro il 2030, oltre ai stimati che scaturiranno dalla piena attuazione della legislazione sui rifiuti in vigore. Sono state sviluppate anche Iniziative specifiche riguardo a quei prodotti che hanno un impatto sostanziale sull ambiente prodotti alimentari e per l edilizia. Gli Stati Membri giocano un ruolo chiave nell intraprendere azioni coordinate e mirate a prevenire i rifiuti alimentari, perseguendo al contempo un auspicato obiettivo comune. Una visione di come potrebbe essere in futuro un sistema alimentare sostenibile e stabilire quali passi potrebbero essere necessari per realizzarlo, sono elementi importanti per fornire un quadro degli sforzi da compiere. La Comunicazione della Commissione sulle Opportunità dell uso efficiente delle risorse nel settore edile 3 si concentra su una migliore informazione sulle prestazioni ambientali degli edifici basata su di un quadro europeo con core indicators (indicatori principali) ed incrementando l uso di materiali riciclati nella costruzione degli edifici, promuovendo un migliore funzionamento del mercato dei materiali da costruzione riciclati e dei rifiuti di demolizione. Fornire informazioni e consulenza alle PMI (piccole e medie imprese) su come poter ridurre l uso delle risorse, innovare, cooperare e competere con successo nei mercati verdi può portare benefici significativi per l economia dell UE. 3 COM(2014)445

5 Un investimento in programmi di sostegno può generare volte il proprio valore in termini di risparmio di costi e di risorse ambientali. Nell ambito del Piano d Azione Verde per le PMI, la Commissione ha presentato una serie di azioni rivolte alle PMI, proposte a livello europeo, per aiutare a valorizzare le opportunità imprenditoriali che il passaggio ad un economia circolare offre, attraverso il miglioramento dell uso efficiente delle risorse delle PMI europee, sostenendo l imprenditorialità verde, sfruttando le opportunità di un ciclo di produzione più verde e facilitando l accesso al mercato delle PMI. Sarà incentivata un azione di networking internazionale per consentire alle PMI di entrare più facilmente nei mercati verdi che sono in rapida espansione al di fuori dell UE. Una serie di misure faciliterà l accesso agli aiuti finanziari per l eco-innovazione ed il miglioramento nell uso delle risorse, attraverso programmi finanziari europei come COSME, Horizon 2020 e LIFE, mentre la BEI fornirà prestiti alle banche per migliorare l accesso ai finanziamenti per le PMI. Per sostenere l inverdimento in molti settori economici, si rende necessaria una più stretta integrazione tra i programmi per l occupazione e quelli per l ambiente. L Iniziativa per l Occupazione Verde 4 della Commissione europea è finalizzata ad intensificare le azioni in numerosi ambiti, come ad es. il superamento delle lacune di competenze, l anticipazione del cambiamento, l assicurazione delle transizioni e la promozione della mobilità; sostenendo la creazione di posti di lavoro, oltre che aumentando la trasparenza e la qualità dei dati. Un altro contributo alla crescita verde è l inclusione delle priorità ambientali nei Fondi Europei per il periodo (nuovi programmi di coesione, programmi di sviluppo rurale, programmi del Fondo per gli Affari Marittimi e la Pesca, LIFE+RTD, TENs, etc), che negli anni a venire dovrebbero essere monitorati attentamente. Inoltre, per orientare i modelli di consumo e produzione verso prodotti e servizi verdi, il sistema degli Acquisti Pubblici Verdi - Green Public Procurement (GPP), sta giocando un ruolo importante e in generale per l inverdimento dell economia e, di conseguenza, per la creazione di posti di lavoro nei settori di beni e servizi ambientali. Le azioni chiave da perseguire sono: rafforzare i requisiti per il GPP per i prodotti con impatti significativi sull ambiente, verificando al contempo la possibilità di rendere obbligatori tali requisiti; rafforzare la presenza del GPP nei progetti finanziati dall EU; preparare una guida su come utilizzare al meglio le direttive sugli appalti pubblici, pubblicate recentemente, ai fini del GPP e sostenere strumenti innovativi, come appalti pre-commerciali e appalti pubblici per l'innovazione, nonché facilitare la creazione di reti di autorità pubbliche per il GPP.. Infine, un obiettivo politico sulla produttività delle risorse può riunire tutti questi elementi e focalizzare l attenzione ed un maggiore impegno per sviluppare politiche che contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi ambientali ed economici allo stesso tempo. La produttività delle risorse nell'ue è cresciuta del 20% nel periodo , ma tale crescita dovrebbe rallentare nei prossimi anni. Il mantenimento del tasso di crescita medio degli ultimi 10 anni porterà ad un incremento della produttività delle risorse del 30% entro il 4 COM(2014)446

6 2030. Tale sviluppo potrebbe incrementare il PIL di quasi l'1%, creando al contempo oltre 2 milioni di posti di lavoro in più rispetto ad uno scenario business as usual (scenario immutato) 5. Sostenere un obiettivo sulla produttività delle risorse nell'ambito della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020 può fornire quell anello di congiunzione tanto necessario tra le misure riguardanti la ristrutturazione dell'economia e quelle che affrontano le sfide sull uso delle risorse. L obiettivo verrebbe monitorato nel corso del Semestre europeo in modo collettivo e ogni Stato Membro avrebbe la possibilità di concentrarsi sulle risorse o aree politiche per le quali i miglioramenti risulterebbero più vantaggiosi sia dal punto di vista economico che ambientale. Attualmente l'indicatore più appropriato è quello che misura la produttività delle risorse come il rapporto tra il Prodotto Interno Lordo (GDP, acronimo inglese) ed il Consumo delle Materie Prime (RMC, acronimo inglese) 6. Sulla base dell attuale pacchetto clima e dei suoi obiettivi principali nell'ambito della strategia Europa 2020, la Commissione ha presentato, nel gennaio 2014, un quadro politico per il clima e l energia per il Mentre l'ue sta compiendo buoni progressi verso il raggiungimento dei suoi obiettivi climatici ed energetici per il 2020, è necessario un quadro politico integrato per il periodo fino al 2030 per garantire la certezza regolamentare per gli investitori ed un approccio coordinato tra gli Stati Membri. Il quadro si propone di guidare ulteriori e continui progressi verso un'economia a basse emissioni di carbonio. Esso mira a costruire un sistema energetico competitivo e sicuro che garantisca energia a prezzi accessibili per tutti i consumatori, aumenti la sicurezza dell'approvvigionamento energetico dell'ue, riduca la nostra dipendenza dalle importazioni di energia e crei nuove opportunità di crescita e di occupazione. Un elemento centrale di tale quadro è l'obiettivo di ridurre le emissioni interne UE di gas ad effetto serra del 40%, rispetto ai livelli del 1990, entro il La Commissione europea propone inoltre l'obiettivo di aumentare, entro il 2030, la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili di almeno il 27% del consumo energetico dell'ue. Il ruolo dell'efficienza energetica nel quadro politico per il 2030 sarà ulteriormente preso in considerazione nell ambito della revisione della Direttiva sull'efficienza Energetica, che dovrebbe concludersi entro il Fonte: "Modelling the Economic and Environmental Impacts of Change in Raw Material Consumption " (2014), Cambridge Econometrics et al. 6 L RMC è un indicatore aggregato che misura (in tonnellate) tutte le risorse utilizzate in un economia, tenendo conto dell'uso delle risorse incorporate nelle importazioni Attualmente è disponibile per l'unione europea e alcuni Stati Membri, tra cui l Italia. I Paesi per i quali l RMC non è disponibile possono utilizzare nel frattempo il Consumo Materiale Interno.

7 3) Domande per i Ministri: Concordate sul fatto che le politiche ambientali come quelle sul clima, offrono importanti opportunità in termini di crescita e di creazione di posti di lavoro e che ci sia quindi la possibilità e la necessità di razionalizzare al meglio le politiche verdi nell ambito del Semestre europeo e di rafforzare la dimensione ambientale della Strategia Europa 2020? Quali sono le aree più promettenti su cui concentrarci? Siete d accordo sul fatto che gli indicatori sulla produttività delle risorse e/o un obiettivo politico sull efficienza nell uso delle risorse dovrebbero essere approvati nel quadro della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020 e monitorati nel Semestre europeo per concentrare gli sforzi maggiori su quelle misure che siano vantaggiose sia dal punto di vista economico che ambientale? In diverse occasioni i Ministri dell Ambiente hanno riconosciuto la necessità di un maggiore coinvolgimento nei processi di governance dell UE. Concordate sul fatto che tale messaggio dovrebbe tradursi in uno specifico set di Conclusioni del Consiglio Ambiente da indirizzare al Consiglio Europeo? Se sì, quale messaggi specifici dovrebbero essere trasmessi?

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26.1.2011 COM(2011) 21 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive Premessa Il 2010 deve segnare un nuovo inizio. Voglio che l Europa esca rafforzata dalla crisi

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.6.2011 COM(2011) 500 definitivo PARTE II COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (FESR 2007 2013) - Asse II Obiettivo Operativo II.4 INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Ricognizione preliminare delle principali

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile Più intelligenti e più ecologici Consumare e produrre in maniera sostenibile 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Il contenuto di questa pubblicazione non riflette l opinione ufficiale dell Unione europea. La responsabilità delle informazioni in

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

20.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 347/289

20.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 347/289 20.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 347/289 REGOLAMENTO (UE) N. 1301/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17 dicembre 2013 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale e a

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 16.12.2014 COM(2014) 910 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Programma

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue

Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue Dossier tecnico Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue Primo dossier tecnico A cura della Direzione centrale cultura, sport, relazioni internazionali

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2006R1083 IT 25.12.2008 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1083/2006 DEL CONSIGLIO dell'11 luglio

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica

Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI II fase 2000-2006 Studio su LA PROMOZIONE DELL AMBIENTE E DELLO SVILUPPO

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

PIANO D AZIONE PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI CONSUMI NEL SETTORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PIANO D AZIONE PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI CONSUMI NEL SETTORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare PIANO D AZIONE PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI CONSUMI NEL SETTORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (OVVERO PIANO NAZIONALE D AZIONE SUL

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 DIRETTIVA 2006/32/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re.

Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re. Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re. STRUMENTI PRATICI PER UNA VIRTUOSA ED EFFICACE GESTIONE DEI RIFIUTI PREMESSA Il Mo.Re.&Mo.Re., progetto europeo LIFE+, cofinanziato dalla regione Lazio ed iniziato nel Gennaio

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

COSIGLIO EUROPEO Bruxelles, 27 giugno 2014 (OR. en)

COSIGLIO EUROPEO Bruxelles, 27 giugno 2014 (OR. en) COSIGLIO EUROPEO Bruxelles, 27 giugno 2014 (OR. en) EUCO 79/14 CO EUR 4 COCL 2 OTA DI TRASMISSIOE del: Segretariato generale del Consiglio alle: delegazioni Oggetto: COSIGLIO EUROPEO 26 e 27 GIUGO 2014

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2012/C 158/04) INDICE INTRODUZIONE... 6 POLITICA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO E DIRETTIVA ETS...

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2012/C 158/04) INDICE INTRODUZIONE... 6 POLITICA IN MATERIA DI AIUTI DI STATO E DIRETTIVA ETS... C 158/4 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.6.2012 COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Orientamenti relativi a determinati aiuti di Stato nell ambito del sistema per lo scambio di quote di emissione dei

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento (CE) n.

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento (CE) n. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 6.10.2011 COM(2011) 607 definitivo 2011/0268 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo al Fondo sociale europeo e che abroga il regolamento

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia

Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia 2015 XIV Commissione permanente Politiche dell Unione Europea Camera dei Deputati 14/01/2015

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

FARE DI PIÙ CON MENO

FARE DI PIÙ CON MENO FARE DI PIÙ CON MENO Libro verde sull efficienza energetica Direzione generale dell'energia e dei trasporti COMMISSIONE EUROPEA Fotografie: per gentile concessione di Comunità europee e Wärtsilä FARE DI

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli