Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, Carloforte (Ci)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci)"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, Carloforte (Ci) C. F Cod. Min. CAIC82000T Tel. 0781/ Fax 0781/ PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA In data 21 maggio 2013 è stato costituito il GLI come previsto dal D.M. del 27 dicembre 2012 e dalla C.M. 6 marzo 2013 n 8. La modalità scelta è quella della trasformazione del GLHT in GLI, con le stesse rappresentanze istituzionali. Fanno parte del GLI: per la scuola: il Dirigente scolastico, che ne è il presidente, le funzioni strumentali ai BES, un docente rappresentante della Scuola dell Infanzia, un docente curriculare, un rappresentante del personale ATA; per i servizi sociali del Comune: il responsabile dell Ufficio comunale o suo delegato; per i servizi sanitari locali: un rappresentante del servizio di neuropsichiatria infantile, la responsabile del servizio comunale di pediatria; per i genitori: un rappresentante dei genitori nominato dal Dirigente scolastico. Il presente Piano annuale per l inclusività è stato approvato dal Collegio dei docenti tenutosi in Carloforte, presso la sede della Scuola Primaria, in data 28 giugno 2013.

2 Premessa L Istituto Comprensivo Statale di Carloforte ha tra i suoi obiettivi prioritari quello del miglioramento dell inclusività ed integrazione degli alunni con bisogni educativi speciali. La scuola è inclusiva quando è in grado di costruire percorsi capaci di portare ciascun allievo al massimo livello possibile di formazione. Questi percorsi si concretizzano con la personalizzazione e/o l individualizzazione degli interventi educativi e formativi, che trovano nel POF la loro definizione nella quotidianità, prevedendo azioni da compiere, interventi da adottare e progetti da realizzare. In tale direzione si è operato nell Istituto, con una programmazione, a partire dall inizio anno scolastico , indirizzata ad una maggiore diffusione del modello sociale dell inclusività, promuovendo un approccio globale all alunno, prestando attenzione alle sue potenzialità complessive ed alle sue risorse, tenendo presente il contesto personale, sociale e culturale. Le funzioni strumentali per il sostegno, i referenti ai DSA e agli Svantaggio (già presenti nella scuola) ed il GLHI hanno proceduto a: rilevare i BES presenti nell Istituto; raccogliere la documentazione degli interventi didattico-educativi posti in essere anche in funzione di azioni di riprogettazione; svolgere azioni di rilevazione, monitoraggio e valutazione del livello di inclusività della scuola; 1. L esperienza dell a.s : l analisi di contesto, la progettazione/riprogettazione curriculare L Istituto Comprensivo statale di Carloforte ha avviato un sistema oggettivo di rilevazione dei Bes. Si descrivono le azioni intraprese nell a.s per ordini di scuola. Scuola dell Infanzia Nella scuola dell Infanzia sono state somministrate le prove MT e tenendo conto dei risultati, sono state progettate attività di piccolo gruppo mirate allo sviluppo e al potenziamento di abilità trasversali. In questo contesto sono emersi due casi di alunni che hanno manifestato difficoltà tali da essere segnalate per un approfondimento diagnostico presso la ASL; nel contempo sono stati

3 progettati interventi abilitativi/riabilitativi, tenendo conto dei diversi stili di apprendimento di ciascun bambino. Il percorso intrapreso ci ha consentito di rilevare per ogni bambino proprie peculiarità da utilizzare nei momenti di raccordo sia in senso orizzontale che verticale. Scuola Primaria Nella scuola primaria, all inizio dell anno scolastico, è stata fatta una prima rilevazione dei BES con l esclusione delle classi prime e seconde. Nelle classi prime e seconde sono state adottate modalità essenzialmente di osservazione dei comportamenti degli alunni affidate ai docenti curricolari e di sostegno, documentate nella programmazione settimanale. Sono state somministrate le prove collettive MT e nei casi sospetti di difficoltà e disturbi anche le prove MT individuali. A seguito dell acquisizione e tabulazione dei dati, il team docente ha formulato la programmazione didattico-educativa. Per alcuni casi particolarmente importanti, sono state impegnate risorse per attivare tempestivamente azioni di recupero e percorsi personalizzati (in orario scolastico). Questo sistema oggettivo di rilevazione ha fornito elementi utili anche per l individuazione e segnalazione di un nuovo caso al fine di un approfondimento medico-diagnostico presso la ASL di competenza. Al termine del primo quadrimestre è stata compilata una nuova scheda di rilevazione dei bisogni, ai fini di riprogettare gli interventi formativi-educativi. Ogni team docente ha condiviso le problematiche di ciascun alunno e sulla base dei bisogni rilevati sono stati riprogettati (o confermati) gli interventi da attuare nel corso del secondo quadrimestre. Dalla tabulazione dei dati è emerso che gli interventi riprogettati hanno riguardato principalmente forme di flessibilità e personalizzazione dei percorsi formativi, delle strategie metodologiche e dei tempi esecutivi. Solo in pochi casi sono stati previste azioni di recupero disciplinare. Un punto di forza è stata la condivisione partecipata del team docente nella rilevazione dei bisogni e nella scelta degli interventi da adottare svolta in sede di programmazione settimanale. Scuola Secondaria di primo grado La stessa procedura - rilevazione BES iniziali, prove MT, rilevazione bisogni fine primo quadrimestre, riprogettazione - è stata seguita nella scuola secondaria di primo grado.

4 A seguito delle prime rilevazioni dei bisogni formativi ed educativi, sono stati attivati interventi indirizzati al singolo alunno e alla classe con la presenza di educatori dei servizi sociali del Comune e attività di recupero disciplinare con le risorse del progetto finanziato dalla Regione Sardegna ai sensi della Delibera della Giunta Regionale numero 28/69 del 24 giugno Per un caso particolare di svantaggio socio-culturale, la scuola si è attivata presso i servizi sociali per concordare interventi educativi, e presso l associazione sportiva Special Olimpics, con l obiettivo di promuovere l inclusione scolastica - sociale finalizzata ad un più ampio progetto di vita. Per tale alunno è stato previsto un percorso didattico-educativo personalizzato, rispondente alle sue potenzialità ed interessi, che mira principalmente allo sviluppo di competenze educative. E stata sperimentata la metodologia del tutoring. Anche nella scuola secondaria di primo grado, a conclusione del primo quadrimestre, è stata formulata una nuova scheda di rilevazione dei bisogni per la riprogettazione di interventi educativiformativi. La scheda di rilevazione non è stata compilata in sede di Consiglio di Classe, bensì da ogni singolo docente in riferimento alla sua disciplina; ciò ha comportato difficoltà nella rilevazione e tabulazione dei dati segnalati. Le difficoltà rilevate sono state: la non condivisione di una terminologia comune, un quadro disomogeneo della rilevazione dei bisogni del singolo caso (es.: differente rilievo da parte dei docenti su uno stesso alunno tra bisogni formativi ed educativi). L attività di tabulazione dei dati ha messo in rilievo sia bisogni formativi che bisogni educativi. Tuttavia la maggior parte degli interventi di riprogettazione hanno riguardato azioni di recupero disciplinare sia in orario scolastico che extrascolastico, piuttosto che azioni di riprogettazione dell attività curricolare. 2. Il contesto rilevato nell a.s , alla base della progettazione dell attività per il successivo anno scolastico Le attività descritte in precedenza hanno portato alla definizione di un quadro dell Istituto che si può riassumere con le considerazioni seguenti: alunni con certificazione ai sensi della L.104/92, distribuiti in tutti i tre ordini di scuola (Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado);

5 2. 2 alunno con DSA certificato ai sensi della L.170/2010; alunni con situazioni di svantaggio socioeconomico, linguistico, culturale, documentati sulla base dei dati di contesto e ai sensi della Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 e della Circolare Ministeriale n. 8 del 6 marzo Ambiti di intervento. Analisi dei punti di forza e delle criticità rilevate nell esperienza dell a.s Al fine di creare una scuola sempre più inclusiva si è operanto prevalentemente in tre ambiti: la sicurezza, la formazione del personale, gli ambienti di apprendimento. Nell ambito della sicurezza, si sono individuati i principali ostacoli che possono costituire delle barriere architettoniche, nonché gli ambienti che possono essere più idonei a facilitare l integrazione e l operatività. Nell ambito della formazione/aggiornamento del personale si sono organizzati corsi di formazione rivolti in particolare al corpo docente sull uso della dattilobraille, sulle varie tipologie di autismo, sui disturbi specifici dell apprendimento. Nell ambito degli ambienti di apprendimento, e in particolare degli spazi, si sta intervenendo per attrezzare le aule in modo da consentire interventi diversificati e differenziati durante l attività curriculare, nonché per migliorare la funzionalità dei laboratori. La scuola ha attivato il G.L.H.T. e i G.L.H.O. che periodicamente si sono riuniti al fine di porre in essere le programmazioni annuali (PEI e PDP), le rimodulazioni delle stesse ed affrontare, discutere e condividere problematiche ed interventi finalizzati all'inclusione. Ruolo particolarmente rilevante hanno rivestito le funzioni strumentali per la disabilità, i referenti D.S.A. e Svantaggio. Nell a.s è stato seguito il seguente iter: rilevazione alunni Bes, somministrazione prove MT, somministrazione prove comuni, rilevazione degli esiti del primo quadrimestre e interventi di riprogettazione. Attivazione progetti pluriennali sul piano dell'inclusione sociale e scolastica attraverso lo sport unificato, cioè un metodo di lavoro basato sull adattamento dello sport alle potenzialità ed alle possibilità dell atleta, disabile e non.

6 Interventi di educatori nelle classi finalizzati al miglioramento delle dinamiche relazionali di gruppo. Progetti R.A.S. ed Area a Rischio rivolti sia ad interventi mirati allo sviluppo delle competenze sociali, sia al recupero e potenziamento delle abilità disciplinari per gruppi di livello. La scuola ha messo a disposizione degli spazi per interventi riabilitativi (logopedico, psicomotorio) che consentono relazioni e azioni sinergiche tra gli attori coinvolti nel processo educativo e riabilitativo. E stato attivato anche un progetto di istruzione domiciliare. Si sta costruendo un lavoro di rete con il territorio servizi sociali, Asl, associazioni e famiglie, finalizzato alla condivisione degli interventi. 4. Le azioni dei Consigli di classe, dei team docenti e degli insegnanti di sostegno L Istituto si è posto l obiettivo di attivare concretamente azioni inclusive a partire dal fatto che alla base della programmazione didattico-educativa, PEI e PDP, e nella realizzazione delle attività vi sia una condivisione degli obiettivi e di interventi da parte di tutti i docenti curricolari e di sostegno (importanti risorse nelle classi ove presenti). Si sono definiti obiettivi di apprendimento per gli alunni con bisogni educativi speciali in correlazione con quelli previsti per l intera classe, nonché l attuazione di percorsi integrati sia curriculari che extracurriculari. Tali azioni hanno portato a conclusione del corrente anno scolastico a risultati più che soddisfacenti nella valutazione dei processi di apprendimento: un solo alunno non ammesso alla classe successiva nella scuola secondaria di primo grado. 5. Rafforzamento della rete con i servizi che operano nel territorio L Istituto comprensivo statale di Carloforte è situato in una piccola isola che dista varie miglia dall isola madre. Questa condizione di forte insularità condiziona notevolmente le attività e le possibilità di raccordo con le agenzie che operano nel territorio, alcune delle quali hanno sede non a Carloforte. La scuola ha lavorato nel corso dell a.s per migliorare la rete delle relazioni, a partire dai servizi educativi e specialistici del Comune. Nel corso dell a.s , nell ambito dei servizi specialistici del Comune, hanno operato, sia nella scuola primaria, sia e soprattutto nella Scuola secondaria di 1 grado 4 educatori

7 mediamente per 4 ore settimanali ciascuno. Essi hanno collaborato prioritariamente per favorire l integrazione degli alunni che presentavano maggiori difficoltà negli ambiti relazionali e dell autonomia personale, affiancando i consigli di classe e gli insegnanti di sostegno negli interventi settimanalmente programmati. Con i servizi sanitari locali si è operato per un migliore raccordo attraverso rapporti più frequenti nel corso dell anno scolastico, sia con riunioni periodiche del GLHT d istituto e dei GLHO, sia attraverso frequenti contatti e periodici incontri presso le sedi territoriali di questi servizi. In particolare si sono sviluppate modalità di collaborazione più efficaci con i servizi di pediatria, neuropsichiatria e logopedia. Per quest ultimo settore, la scuola ha messo a disposizione uno spazio affinché fosse possibile la realizzazione di tale servizio all interno della sua struttura. L Istituto Comprensivo, inoltre, attraverso un servizio di counselling effettuato dal Dirigente scolastico e dalle Funzioni strumentali ai bisogni educativi speciali, ha favorito le relazioni tra genitori e servizi sanitari locali, in particolare accompagnando e sostenendo le famiglie con bambini e ragazzi che presentavano particolari difficoltà nelle attività scolastiche, nel superare eventuali situazioni problematiche. Infine, nel corso dell a.s , è stato realizzato un progetto, finanziato con la L. 440/97, che ha interessato le classi in cui è presente un alunno diversamente abile. Il progetto ha sviluppato un attività di psicomotricità per un ora alla settimana, da novembre a maggio, che ha coinvolto tutti gli alunni della classe, non solo il disabile. Sempre nel corso dell a.s sono proseguiti interventi rivolti alle situazioni di difficoltà e di svantaggio principalmente, ma all intera classe nel complesso, per prevenire l insuccesso scolastico, attivando strategie didattiche finalizzate al recupero o rafforzamento di competenze pluridisciplinari. Si sono utilizzati i residui del finanziamento della Regione Autonoma della Sardegna (Delibera della Giunta Regionale numero 28/69 del 24 giugno 2011) concesso nell anno precedente. E inoltre proseguito l intervento dei servizi di specialistica del comune di Carloforte, avviato sempre nell a.s , e gestiti in collaborazione dagli stessi servizi e dall Istituto comprensivo, che hanno visto la presenza per alcune ore settimanali di 4 educatori. Infine, con un finanziamento attribuito alla L. 440/97, si è organizzata un attività di psicomotricità che ha coinvolto tutte le classi in cui sono presenti alunni disabili (progetto citato in precedenza). Per l a.s non si potrà più usufruire dei finanziamenti segnalati, in quanto non sono state rinnovate le possibilità di accesso a tali opportunità. Per quanto riguarda l intervento della

8 specialistica da parte del Comune di Carloforte, sarà rimodulato con l affidamento delle attività alla cooperativa sociale vincitrice del bando di selezione. 6. Rapporti con le famiglie L Istituto si è impegnato a migliorare il rapporto con le famiglie degli alunni, in modo particolare per coloro con bisogni educativi speciali, rapporto a cui è stato dato particolare rilievo per poter raggiungere gli obiettivi educativi e formativi programmati per ogni alunno. Esso si è esplicitato concretamente: Nel raccordo per la conoscenza dell alunno Nell attivazione col team docenti di momenti di programmazione condivisa Nel rapporto costante con l insegnante di sostegno, ove presente all interno della classe Nell informazione quotidiana sulle attività, periodica sugli sviluppi del percorso educativo Nel favorire il raccordo tra famiglia e soggetti che intervengono nel processo formativo ed educativo, nonché riabilitativo Nel favorire un attiva partecipazione ai GLHO, e di un rappresentante dei genitori nel GLHT d Istituto 7. Piano di lavoro per l a.s Il lavoro dell Istituto Comprensivo sarà indirizzato affinché l'intera comunità scolastica sia coinvolta nei processi di inclusione e integrazione, non demandando alle sole figure professionali specifiche tali compiti. Nell Istituto è, e sarà, operante una Commissione con referenti per ogni ordine di scuola, col compito di coordinare le attività sia interne alla scuola sia esterne, in particolare con gli altri soggetti operanti nel territorio ed interessati in interventi sugli alunni disabili e con bisogni educativi speciali. La fase attuale di predisposizione del piano annuale dell inclusività ha portato all individuazione, per l anno scolastico 2013/2014, di: alunni con certificazione ai sensi della L.104/92, distribuiti in tutti i tre ordini di scuola (Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado); 2. 1 alunno con DSA certificati ai sensi della L.170/2010;

9 3. circa 40 alunni con situazioni di svantaggio socioeconomico, linguistico, culturale, documentati sulla base dei dati di contesto e ai sensi della Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 e della Circolare Ministeriale n. 8 del 6 marzo Le azioni dei Consigli di classe, dei team docenti e degli insegnanti di sostegno La cooperazione e la corresponsabilità del team docenti sarà definita da tre azioni (esplicate in parte nell a.s , ma che si intendono strutturare in modo completo e più efficace nell a.s , anche alla luce della Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 e della Circolare Ministeriale n. 8 del 6 marzo 2013): 1. la rilevazione all inizio dell anno scolastico delle situazioni di difficoltà attraverso il reperimento delle informazioni relativo allo storico e all anno precedente, alle prove d ingresso collettive ed individuali, alla condivisione dei risultati tra i docenti del team con il supporto delle funzioni strumentali, alla discussione dei risultati ed alla progettazioneriprogettazione di interventi nell ambito dei GLHO per gli alunni certificati ai sensi della L. 104/92 e nei consigli di classe per gli alunni certificati ai sensi della L.170/2010 e con svantaggi, nella segnalazione alle famiglie della necessità di approfondimenti qualora si avvisi la necessità da parte della scuola; 2. il monitoraggio periodico delle attività svolte attraverso riunioni di GLHO per gli alunni disabili e dei consigli di classe per gli alunni con DSA e che presentano degli svantaggi; riunioni periodiche del GLI per la determinazione o la riprogettazione/adeguamento degli interventi nell attività curriculare, o la programmazione di azioni specifiche di recupero con attività extracurriculare; 3. l attività di valutazione di fine anno con l individuazione delle criticità e la determinazione dei risultati per ogni alunno con bisogni educativi speciali e per gli alunni disabile avendo cura di rapportarla agli obiettivi previsti nel PEI e nel PDP. 7.2 Le principali attività formative della scuola rivolte agli alunni disabili e con bisogni educativi speciali Le azioni rivolte ad alunni disabili e con bisogni educativi speciali che la scuola intraprenderà saranno le seguenti: individuazione di situazioni di difficoltà a partire dalla scuola dell Infanzia, attraverso l osservazione dei docenti, la somministrazione di test e prove individuali, la segnalazione

10 delle difficoltà alle famiglie, il raccordo con le figure che operano localmente nell ambito sanitario e sociale; la predisposizione di un progetto di vita, parte integrante del P.E.I., riguardante la crescita personale e sociale dell'alunno con disabilità, il cui fine principale è l innalzamento della qualità della vita dell'alunno con la predisposizione di percorsi volti sia a sviluppare il senso di autoefficacia e il sentimenti di autostima, sia a predisporre il conseguimento delle competenze necessarie a vivere in contesti di esperienza comuni; la predisposizione dei PDP per alunni con DSA che consentano attraverso la personalizzazione e l individualizzazione degli interventi formativi di valorizzare gli stili di apprendimento e le capacità di ciascun alunno; la progettazione di percorsi che motivino e integrino maggiormente gli alunni con particolari svantaggi accompagnandoli nel loro inserimento nel contesto scolastico ed extrascolastico; la documentazione delle attività attraverso un portfolio che accompagni il percorso degli alunni anno dopo anno, in particolare nel passaggio da un ordine all altro; un organizzazione flessibile e modulare delle attività scolastiche, in particolare attraverso un articolazione dell orario che consenta un più efficace utilizzo del tempo pieno e prolungato, l attivazione di progetti didattici per gruppi di lavoro e di livello; la diffusione di metodologie didattiche che valorizzino gli stili di apprendimento degli alunni, in particolare attraverso l organizzazione di esperienze laboratoriali; l uso di strumenti che aiutino gli alunni nelle attività formative, ed in particolare delle TIC; l indicazione di modalità per l individuazione delle difficoltà scolastiche, la condivisione delle tipologie e dei relativi protocolli pedagogico-didattici tra team di docenti; lo studio e la predisposizione degli spazi formativi in particolare dell aula al fine di adeguare la disposizione degli arredi e degli strumenti didattici alle esigenze specifiche che la presenza di alunni con disabilità richiede; le attività di aggiornamento e formative promosse dalla scuola per i docenti di tutti gli ordini, di cui si è fatta menzione in precedenza. 7.3 Rafforzamento della rete con i servizi che operano nel territorio Sono già in corso attività di confronto con i servizi sociali del Comune per il trasferimento di informazioni e la condivisione di migliori azioni comuni e coordinate; per la definizione di un accordo di programma tra la scuola e i servizi sociali comunali, per migliorare sia la comunicazione sia la programmazione condivisa tra i due enti. In particolare si andranno a definire:

11 le modalità di rilevazione dei bisogni educativi speciali con particolari problematiche sociali e relazionali Modalità di trasferimento delle informazioni da parte della scuola Modalità di trasferimento di informazioni da parte del Servizio sociale di Carloforte Modalità di trasferimento delle informazioni sui contesti familiari e personali; La realizzazione di portfolii per ogni alunno con bisogni educativi speciali che possano in modo efficace narrare e documentare l esperienza scolastica e sociale; La progettazione e programmazione di interventi maggiormente coordinati sia nell ambito scolastico che extrascolastico tra docenti ed educatori; L organizzazione di un nuovo servizio di sostegno psicologico all interno della scuola. A tal fine saranno concordate e condivise le tipologie di difficoltà scolastiche e relativi protocolli pedagogico-didattici d intervento sia da parte della scuola sia da parte dei servici sociali territoriali. Più nel dettaglio si intende attivare un programma di lavoro comune annuale, articolato in 6 fasi: a) Insediamento del GLI, inizio anno scolastico (mese di settembre) b) Insediamento della Commissione di lavoro sui test di ingresso (inizio di settembre) c) Analisi congiunta, e alla luce dei risultati dei test, delle situazioni di svantaggio rilevate e definizione di programmi di intervento comune (entro il mese di ottobre) d) Riunione dei GLHO per affrontare le situazioni più problematiche (entro ottobre) e) Monitoraggio delle attività: riunione del GLI (inizio di febbraio) f) Valutazione delle attività svolte e predisposizione del piano annuale per l inclusività per l anno successivo: riunione del GLI (mese di giugno) Per i circa quaranta alunni individuati in situazione di svantaggio verranno definiti dei piani personalizzati sulla base della tipologia di difficoltà scolastica di riferimento, che dettagli le azioni che il consiglio di classe e gli altri enti che intervengono intendono realizzare. Tale piano farà parte integrante della programmazione generale della classe in cui è inserito l alunno e del suo portfolio. Al fine di migliorare le azioni programmate verrà sperimentata la figura dell osservatore delle dinamiche del gruppo per l analisi delle pratiche didattiche ed educative a livello di singola classe. Tale iniziativa sarà sperimentata con docenti della scuola e all interno della sperimentazione Valutazione e miglioramento promossa dall Invalsi e a cui l Istituto ha aderito. L osservazione in classe intende essere un attività che consenta di individuare pratiche e processi che nel lavoro d aula risultano maggiormente utili per promuovere l apprendimento. L obiettivo finale è di sviluppare strumenti di autovalutazione delle pratiche didattiche da mettere a disposizione delle

12 degli insegnanti. L osservazione in classe, pertanto, non ha finalità valutative ma meramente conoscitive: attraverso questa tecnica si intende approfondire la conoscenza del processo di insegnamento-apprendimento.

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M.

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002 e-mail: caee033002@istruzione.it pec: caee033002@pec.istruzione.it

Dettagli

Scuola a.s. 2016/17_. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola a.s. 2016/17_. Piano Annuale per l Inclusione Scuola a.s. 2016/17_ Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) 22

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità (nell anno scolastico 2013/2014) A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

Piano annuale per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Piano annuale per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Piano annuale per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali anno scolastico 2014-2015 L Istituto Alberghiero Le Streghe si propone di potenziare la cultura dell inclusione per realizzare

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015-2016 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi

Dettagli

Casella di posta elettronica (PEC): apic83600e@pec.istruzione.it. Istituto Comprensivo Statale n. 1 PORTO SANT ELPIDIO (FM) a.s.

Casella di posta elettronica (PEC): apic83600e@pec.istruzione.it. Istituto Comprensivo Statale n. 1 PORTO SANT ELPIDIO (FM) a.s. ' ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N. 1 DI PORTO SANT ELPIDIO Via Fontanella, 2 PORTO SANT ELPIDIO (FM) Tel. 0734/992287 - C.F. 90055060447 e-mail:apic83600e@istruzione.it Fax : 0734/801181 URL:www. primocircolopse.it/isc1pse

Dettagli

HANDICAP E INTEGRAZIONE

HANDICAP E INTEGRAZIONE HANDICAP E INTEGRAZIONE Inserimento ed Integrazione degli alunni diversamente abili L integrazione degli alunni diversamente abili costituisce, per la nostra scuola, un impegno fondamentale che si ispira

Dettagli

A.S. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione. Parte I analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014/2015

A.S. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione. Parte I analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERTÀ DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Statale Scuola Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Montalto di Castro (VT)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

Istituto Comprensivo "SAN GIULIO" a.s.2015 /2016

Istituto Comprensivo SAN GIULIO a.s.2015 /2016 Istituto Comprensivo "SAN GIULIO" a.s.2015 /2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOVARA DI SICILIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOVARA DI SICILIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOVARA DI SICILIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PREMESSA PROGETTO INTEGRAZIONE PER GLI ALUNNI BES Nella nostra istituzione scolastica, vi è sempre stata un attenzione ai processi di

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

I.C. L.PIRANDELLO TARANTO Distretto Scolastico 52 D.S. Dott. Michele Maggialetti. Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/14

I.C. L.PIRANDELLO TARANTO Distretto Scolastico 52 D.S. Dott. Michele Maggialetti. Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/14 I.C. L.PIRANDELLO TARANTO Distretto Scolastico 52 D.S. Dott. Michele Maggialetti Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/14 PREMESSA L I.C. L.PIRANDELLO ha elaborato per l a.s.2013/14 il Piano annuale

Dettagli

Parte 1 : Analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014-15

Parte 1 : Analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014-15 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA D M 27/12/2012 e CM n. 8 del 6/3/2013 per l anno scolastico 2015-16 Proposta dal GLI d istituto in data 26-05-2015 Deliberato dal collegio dei docenti in data 04-06-2015

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Piano di integrazione degli alunni diversamente abili,

Piano di integrazione degli alunni diversamente abili, Piano di integrazione degli alunni diversamente abili, con disturbi specifici di apprendimento, DSA, con Bisogni educativi speciali (BES) e degli alunni stranieri Le idee base su cui si fonda l intervento

Dettagli

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI.

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LINEE GUIDA L Istituto Comprensivo attua percorsi significativi in sinergia con le ASL, con

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Istituto Comprensivo Via Monte Zebio a.s. 2014/15 Delibera del Collegio Docenti n. 37 del 24-06-14 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES

Dettagli

Piazza Palio, 63 Lecce Tel.0832/ 393473 fax 0832/317863 e-mail:leps07000a@istruzione.it sit o www.liceobanzi.gov.it

Piazza Palio, 63 Lecce Tel.0832/ 393473 fax 0832/317863 e-mail:leps07000a@istruzione.it sit o www.liceobanzi.gov.it LICEO SCIENTIFICO STATALE G. BANZI BAZOLI Piazza Palio, 63 Lecce Tel.0832/ 393473 fax 0832/317863 e-mail:leps07000a@istruzione.it sito www.liceobanzi.gov.it Prot. N. 3125 del 30/06/2015 Piano Annuale Inclusione

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Anno scolastico 2015-2016

Piano Annuale per l Inclusione Anno scolastico 2015-2016 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N - Cod.

Dettagli

PIANO ANNUALE PER l INCLUSIVITA

PIANO ANNUALE PER l INCLUSIVITA MINISTERO dell ISTRUZIONE dell UNIVERSITA e della RICERCA USR CAMPANIA Ambito Territoriale I NAPOLI - 38 Distretto Scolastico I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S. D I G I A C O M O - E. D E N I C O

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità ISTITUTO COMPRENVO STATALE POLO EST LUMEZZANE a. s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infanzia Primaria Sec.I grado

Dettagli

PIANO ANNUALE DI INCLUSIONE I.C. DI CARBONERA

PIANO ANNUALE DI INCLUSIONE I.C. DI CARBONERA PIANO ANNUALE DI INCLUSIONE I.C. DI CARBONERA PREMESSA Le finalità della scuola devono essere definite a partire dalla persona che apprende, con l originalità del suo percorso individuale e le aperture

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art.

Dettagli

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERTA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Via R. Paribeni Via R. Paribeni, 10 00013 Mentana (ROMA) e fax 06/9090078 e 06/9092689

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Statale A. Vespucci Via Stazione snc, 89900 Vibo Valentia Marina Tel. 0963/572073 telefax 0963/577046 Cod. mecc. VVIC82600R

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2013/2014 Approvato nel Collegio dei Docenti del 13 giugno 2014 1 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Liceo Artistico A. Modigliani Giussano a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione

Liceo Artistico A. Modigliani Giussano a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione Liceo Artistico A. Modigliani Giussano a.s. 2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Scuola: IIS Majorana di Moncalieri (Liceo e sezione associata Tecnico Economica ex Marro) a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusività.

Scuola: IIS Majorana di Moncalieri (Liceo e sezione associata Tecnico Economica ex Marro) a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusività. Sezione Liceale E.Majorana Scientifico Linguistico - Classico Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI tel. 011/6471271-2 fa 011/6471273 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAJORANA Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI

Dettagli

B. Risorse professionali specifiche Prevalentemente utilizzate in Sì / No Insegnanti di sostegno Attività individualizzate e di.

B. Risorse professionali specifiche Prevalentemente utilizzate in Sì / No Insegnanti di sostegno Attività individualizzate e di. Istituto Comprensivo Statale di Gavirate a.s._2013/14 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione. Anno scolastico 2014/2015

Piano Annuale per l Inclusione. Anno scolastico 2014/2015 Istituto Tecnico Statale Commerciale e per Geometri LUIGI EINAUDI Via Matilde Ceretti, 23 28845 Domodossola (VB) Piano Annuale per l Inclusione Anno scolastico 2014/2015 PREMESSE Finalità Il Piano dell

Dettagli

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso A.S. 2015-2016 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA Direttiva M. 27/12/2012 e CM n 8 del 6/3/2013 A.S. 2015-2016 Nei punti che seguo so riportate

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE 1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE 2 SOMMARIO QUADRO DI SINTESI DEI PERCORSI PERSONALIZZATI Pag. 3 QUADRO DI SINTESI DEI CRITERI OPERATIVI Pag. 8 QUADRO DI SINTESI DELLE RISORSE Pag. 10 QUADRO DI SINTESI

Dettagli

STRATEGIE E METODOLOGIE PER UN PIANO DELL INCLUSIVITA di alunni DSA/BES/DIVA

STRATEGIE E METODOLOGIE PER UN PIANO DELL INCLUSIVITA di alunni DSA/BES/DIVA STRATEGIE E METODOLOGIE PER UN PIANO DELL INCLUSIVITA di alunni DSA/BES/DIVA 1. NORMATIVA PRINCIPALE DI RIFERIMENTO - Legge n. 104/1992 - DPR n. 122 del 22 Giugno 2009: regolamento per la valutazione degli

Dettagli

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILANO) a.s 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILANO) a.s 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione Scuola ISTITUTO COMPRENVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILA) a.s 2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

FIGURE OPERANTI ALL INTERNO DELLA SCUOLA E LORO RUOLI

FIGURE OPERANTI ALL INTERNO DELLA SCUOLA E LORO RUOLI All. 11. Protocollo di accoglienza alunni con disabilità PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ Il presente documento, denominato Protocollo di Accoglienza, nasce dall

Dettagli

PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA. Obiettivi educativi

PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA. Obiettivi educativi PROGETTI D ISTITUTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA L integrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della persona disabile nell apprendimento, nella comunicazione, nelle relazioni e

Dettagli

Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE ATTIVITÀ PER L INCLUSIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE ATTIVITÀ PER L INCLUSIONE Pagina 1 di 6 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITÀ 4. PROCEDURA 4.1 Programmazione (disabilità riconducibili alla tutela L.104) 4.2 Organizzazione del lavoro 4.3 Valutazione approfondita

Dettagli

Scuola _DIREZIONE DIDATTICA VOLPIANO a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola _DIREZIONE DIDATTICA VOLPIANO a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola _DIREZIONE DIDATTICA VOLPIANO a.s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA (P. A. I.) Direttiva M. 27/12/2012 e C.M. n. 8 del 6/3/2013

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA (P. A. I.) Direttiva M. 27/12/2012 e C.M. n. 8 del 6/3/2013 REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE CAMPANIA - AUTOMIA N 102-56 DISTRETTO SCOLASTICO BATTIPAGLIA ISTITUTO COMPRENVO STATALE BELLIZZI Scuola dell infanzia primaria e secondaria di I grado BELLIZZI (SA) P.za A.

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO da VINCI 30173 Mestre - Venezia PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA E D INCLUSIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Premessa Nel

Dettagli

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO Istituto Comprensivo Pio Fedi Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO INTEGRAZIONE-INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTI ABILI Premessa Questo documento denominato PROTOCOLLO D'ISTITUTO: integrazioneinclusione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Direzione Generale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Direzione Generale I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Scuola Infanzia Primaria Secondaria

Dettagli

Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili

Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili Linee generali per l elaborazione dei progetti e modalità organizzativa L inserimento degli alunni disabili nel nostro Istituto è finalizzato alla

Dettagli

Scuola Istituto Comprensivo di Spresiano a.s. 2015-2016. Piano Annuale per l Inclusione ( Allegato C al PTOF )

Scuola Istituto Comprensivo di Spresiano a.s. 2015-2016. Piano Annuale per l Inclusione ( Allegato C al PTOF ) Scuola Istituto Comprensivo di Spresiano a.s. 2015-2016 Piano Annuale per l Inclusione ( Allegato C al PTOF ) Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

I.S.I.S.S. «Marco Polo»

I.S.I.S.S. «Marco Polo» Certificazione di qualità Committed to ecellence in Europe I.S.I.S.S. «Marco Polo» E sezioni associate ITC e ITA Cattaneo Piano Annuale per l Inclusione A.S. 2013-14 Parte I analisi dei punti di forza

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO CUNEO a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO CUNEO a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO CUNEO a.s. 2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INCLUSIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INCLUSIONE FINALITÀ Il presente documento contiene indicazioni riguardanti le procedure per un ottimale inserimento di alunni con bisogni educativi speciali, come indicato

Dettagli

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DUCA DEGLI ABRUZZI Via Garibaldi, 90 26812 Borghetto Lodigiano (LO) - C.M. LOIC80400A C.F. 92517390156 Tel. 0371/80389

Dettagli

Prato, 20 marzo 2013. Circolare n 187 AI DOCENTI ALLA SEGRETERIA ALLA DSGA

Prato, 20 marzo 2013. Circolare n 187 AI DOCENTI ALLA SEGRETERIA ALLA DSGA Liceo Scientifico Statale N. Copernico Viale Borgovalsugana n. 63 59100 Prato tel. 0574596616-fax 0574592888 email POPS02000G@istruzione.it C.F. 84009230487 Prato, 20 marzo 2013 Circolare n 187 AI DOCENTI

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Il Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni diversamente abili e lo sviluppo di una cultura

Dettagli

Piano annuale inclusività

Piano annuale inclusività Piano annuale inclusività Finalità Il Piano intende raccogliere in un quadro organico gli interventi atti ad affrontare le problematiche relative all inclusività degli alunni con diverse abilità, quali

Dettagli

5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA

5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA I.C. MAHATMAGANDHI,VIA CORINALDO 41 ROMA 5. AREA PEDAGOGICO DIDATTICA - Continuità- Integrazione Orientamento Nido-Infanzia Infanzia- Primaria Primaria- Secondaria - Diversità, integrazione e inclusione

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DIREZIONE DIDATTICA PAOLO VETRI - RAGUSA PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Commissione Inclusione Alunni BES Gruppo di Lavoro per l Inclusione (GLI) Anno scolastico

Dettagli

Piano per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Piano per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "DON LORENZO MILANI" Via Volpi 22-30174 Venezia loc. Gazzera tel/fax 915909 email veic845009@istruzione.it posta certificata: veic845009@pec.istruzione.it Piano per l inclusione

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali la normativa

Bisogni Educativi Speciali la normativa Bisogni Educativi Speciali la normativa 27 DICEMBRE 2012 DIRETTIVA MINISTERIALE «Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica»

Dettagli

Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione

Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti 2014/2015: n 1. disabilità

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO G. DI VITTORIO UMBERTIDE. Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015/2016

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO G. DI VITTORIO UMBERTIDE. Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO G. DI VITTORIO UMBERTIDE Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi, passerà tutta la sua vita a credersi uno stupido Albert

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP

PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP PROTOCOLLO PER L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP Ciò che conta non è il fatto che una persona in situazione di handicap trovi una collocazione all'interno dell'istituzione scolastica,

Dettagli

Traccia Programmatica Funzione D

Traccia Programmatica Funzione D Istituto di Istruzione Secondaria Superiore U. Mursia Carini Traccia Programmatica Funzione D INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI PAI BES ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROF. RANDAZZO SALVATORE PREFAZIONE Ogni azione

Dettagli

LA DOCENTE REFERENTE IL DIRIGENTE SCOLASTICO

LA DOCENTE REFERENTE IL DIRIGENTE SCOLASTICO PRESENTAZIONE L Istituto Comprensivo di Segni intende proporsi come scuola polo per l istituzione di un Centro Territoriale per l Inclusione. La candidatura ha come presupposto la convinzione che l esperienza

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di primo grado Viale Santuccio (Ex V.le Lido)

Dettagli

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO P.SENTATI CASTELLEONE a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO P.SENTATI CASTELLEONE a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione Scuola ISTITUTO COMPRENVO P.SENTATI CASTELLEONE a.s. 2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO ITIS "LEONARDO DA VINCI" PISA a.s. 2012-2013 PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO Sezioni del documento Finalità Piano Didattico Personalizzato Indicazioni per

Dettagli

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL DI SANGRO a.s.2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL DI SANGRO a.s.2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENVO DI CASTEL DI SANGRO Via Nicola Mancini, 18 - tel. 0864/845904 Fa 0864/847474 Scuola ISTITUTO COMPRENVO DI CASTEL DI SANGRO a.s.2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi

Dettagli

Scuola come comunità integrante

Scuola come comunità integrante PROGETTO DI INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA Scuola come comunità integrante PREMESSA La scuola italiana sviluppa la propria azione educativa in coerenza con i principi dell inclusione

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO (Scuola Infanzia - Primaria- Secondaria 1 Grado) Via A. BARTOLI, 53-03013 FERENTINO

Dettagli

PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16

PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO ANNUALE INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 Premessa L istruzione è un elemento indispensabile per qualunque società e la scuola ha il compito di assicurare a tutti il diritto allo studio e al successo

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE L INCLUONE Pag.1 di 8 La scuola italiana pensata nella Costituzione è una scuola che si fonda sui valori dell equità, della promozione sociale e sulla valorizzazione di tutti gli alunni, qualunque sia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GABRIO PIOLA GIUSSANO anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO GABRIO PIOLA GIUSSANO anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO GABRIO PIOLA GIUSSA anno scolastico 2015/2016 PIA ANNUALE PER L INCLUSIVITA (P. A. I.) Direttiva M. 27/12/2012 e C.M. n 8 del 6/3/2013 Elaborato in data 28/05/2015 dal GLI Deliberato

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO Referente alla Disabilità Prof. ssa Nardiello Paola Referente BES (bisogni educativi speciali) Prof. ssa Cappello Monica Anna INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN MARTINO BUON ALBERGO Via Gottardi, 2B 37036 San Martino Buon Albergo (VR) 045990148 Fax 045990155 e-mail VRIC84000T@ISTRUZIONE.IT Anno scolastico 2014-2015 BISOGNI EDUCATIVI

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA PROTOCOLLO D INTESA PER L ASSISTENZA SCOLASTICA AGLI ALUNNI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI ALBANO LAZIALE (RM) 1 PROTOCOLLO D'INTESA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Vademecum dell insegnante di sostegno a.s. 2015-16

Vademecum dell insegnante di sostegno a.s. 2015-16 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI GROSOTTO 23034 GROSOTTO (SO) - Via Roma, 4 Tel.0342/887192 c.f.: 92016170141 SOIC807005@istruzione.it sito: www.icgrosotto.gov.it Prot.n.5700/C27

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014

Anno scolastico 2013/2014 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Dante Alighieri di Angera Via Dante, 2 - Angera(VA) tel. 0331.930169 / 932928 - fax 0331.960127 e-mail: VAIC880006@istruzione.it

Dettagli

Scuola SMS G. GALILEI CECINA. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola SMS G. GALILEI CECINA. Piano Annuale per l Inclusione Scuola SMS G. GALILEI CECINA Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ISTITUTO SALESIANO - «Beata Vergine di San Luca» Scuole secondarie di primo e di secondo grado - Paritarie Scuola secondaria di primo grado ( D. USR n. 148 del 27-08-2001) Istituto Professionale settore

Dettagli

L'integrazione degli alunni diversamente abili avviene attraverso:

L'integrazione degli alunni diversamente abili avviene attraverso: 5. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'integrazione degli alunni diversamente abili avviene attraverso: Progetti mirati per ogni singola classe Percorsi alternativi a quelli curricolari Attività a

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE 1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE SOMMARIO QUADRO DI SINTESI DEI PERCORSI PERSONALIZZATI Pag. 2 QUADRO DI SINTESI DEI CRITERI OPERATIVI Pag. 4 QUADRO DI SINTESI DELLE RISORSE Pag. 5 QUADRO DI SINTESI DEI

Dettagli