PROGETTO ESECUTIVO DELL INTERVENTO A TITOLARITA REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO ESECUTIVO DELL INTERVENTO A TITOLARITA REGIONALE"

Transcript

1 Regione Puglia Unione Europea P.O. FERS PUGLIA ASSE IV AZIONE LETTERA I PROGETTO ESECUTIVO DELL INTERVENTO A TITOLARITA REGIONALE Potenziamento e valorizzazione della programmazione di spettacolo dal vivo sul territorio regionale Consolidamento delle attività della rete regionale delle residenze previsto dal Programma Pluriennale dell Asse IV, Linea di Intervento 4.3. Azione lettera I, approvato con D.G.R. n 1150/2009, successivamente modificato con D.G.R. n , D.G.R. n. 2426/2011, D.G.R. n. 2549/2011 e D.G.R. n. 803/2013 1

2 INDICE 1. Obiettivi 2. Coerenza e integrazione con il Piano Pluriennale di Asse IV 3. Tipologia di attività 4. Descrizione generale dell attività 5. Piano finanziario 6. Timing 7. Attività 1 8. Attività 2 9. Struttura organizzativa e modalità gestionali 10. Indicatori di attività 2

3 1 Obiettivi L intervento I dell Azione della Linea 4.3 del PPA PO FESR Puglia 2007/2011 realizza un gruppo articolato di attività capace di garantire sviluppo economico, crescita occupazionale e competitività territoriale. L attuazione dell intervento mira a: - attraverso la procedura di evidenza pubblica che sarà attivata direttamente dalla Regione in regime di aiuti, a sostenere l innovazione anche tecnologica delle imprese di piccole dimensioni che operano nel campo dello spettacolo dal vivo (teatro e danza) per la creazione di nuovi contenuti, di nuovi servizi e di nuovi modelli economici che contribuiranno a stimolare direttamente la crescita e l occupazione del settore, nonché la qualità dell offerta al pubblico (dei residenti e dei turisti), consolidando le migliori esperienze, in termini di sostenibilità del progetto, della costituita rete regionale delle residenze teatrali, attivata nel 2009 dall APQ Sensi Contemporanei e proseguita nel periodo 1/1/ /6/2012 con l Intervento I della Linea dell Asse IV del PO FESR PUGLIA 2007/2013; - attraverso l affidamento al Consorzio Teatro Pubblico Pugliese (TPP) del coordinamento tecnico-organizzativo delle azioni di rete (promozione delle produzioni e della programmazione; sinergie organizzative ed artistiche con analoghe esperienze presenti in altre regioni italiane ed europee; comunicazione integrata; affiancamento organizzativogestionale alle imprese); della raccolta dei dati relativi all attività dell intero intervento e dei risultati conseguiti in termini di ricadute economiche sul territorio, valorizzazione della filiera dello spettacolo dal vivo pugliese. Fin dal 2010, anno di avvio dell attività in argomento, nell ambito del PO FESR Puglia 2007/2013, l intervento sta producendo una rafforzata attrattività del territorio sia rispetto ai flussi turistici interni ed esterni, sia agli investimenti della piccola e media impresa sul territorio regionale chiamata a rispondere alla nuova domanda di attrezzature e servizi provenienti dalle Residenze Teatrali. Tutto il territorio urbano e del circondario interessato dall intervento si posiziona nel circuito della fruizione culturale con un appeal rinforzato capace di creare e sviluppare nuovo capitale sociale, di creare legami tra individui e fra comunità che altrimenti resterebbero distanti e separati. La prosecuzione dell intervento consoliderà i sistemi territoriali culturali, consentendo nuove e rinforzate relazioni fra il complesso dei beni e delle attività culturali e la filiera del turismo. L intervento è coerente con le finalità e gli obiettivi del Programma triennale 2010/2012 in materia di Spettacolo (approvato con DGR n. 1191/2009, prorogato per l annualità 2013 con DGR n. 1498/2012) che costituisce uno dei riferimenti programmatici settoriali per l attuazione della Linea di intervento 4.3 Sviluppo di attività culturali e dello spettacolo prevista nell ambito del P.O. FESR 2007/2013 relativo all Asse IV Valorizzazione delle risorse naturali e culturali per l attrattività e lo sviluppo. 2 Coerenza e integrazione con il Piano Pluriennale di Asse IV Coerenza con gli obiettivi PO FESR: - promuovere l economia turistica attraverso azioni di marketing territoriale; 3

4 - promuovere infrastrutture e servizi per lo sviluppo delle attività culturali. Criteri di selezione: - coerenza con la domanda di fruizione culturale attuale e potenziale; - capacità di diversificare e migliorare la qualità dell offerta culturale; - capacità di realizzare un incremento di flussi turistici in un ottica di destagionalizzazione e/o di diversificazione; - gestione innovativa e attività di marketing; - impatto sociale e economico; - grado di integrazione con altri interventi/progetti anche a valere su altri programmi regionali, nazionali, comunitari; - carattere consolidato delle attività; - grado di applicazione del principio di pari opportunità e non discriminazione, in riferimento al lavoro femminile, di persone disabili e immigrate, all occupazione diretta ed indotta, all accessibilità e fruibilità degli interventi da parte di persone con disabilità, dei nuclei famigliari con figli minori, o persone non autosufficienti e di stranieri; - capacità di efficienza amministrativa. Possibili integrazioni con altre azioni della Linea Intervento L, Circuito della Danza Dansystem. Il Progetto Rete dei Teatri Abitati presenta forti elementi di integrazioni con il sistema della Danza, soprattutto per quanto riguarda la possibilità di offrirsi quale contenitore ideale per le produzioni, programmazioni e attività coreutiche, mettendo così a sistema il pubblico, le professionalità ed il relativo indotto. - Intervento L, Puglia Sounds. Il Progetto Rete dei Teatri Abitati presenta forti elementi di integrazioni con il sistema delle Musiche Puglia Sounds, soprattutto per quanto riguarda la possibilità di offrirsi quale contenitore ideale per le produzioni, programmazioni e attività del settore musicale, mettendo così a sistema il pubblico, le professionalità ed il relativo indotto. - Intervento H, Internazionalizzazione della scena. Il presente progetto presenta forti potenzialità di integrazione con il progetto di Internazionalizzazione della scena, soprattutto rispetto alla possibilità di procedere: ad avvisi o procedure ad evidenza pubblica unici per l incoming e la distribuzione di produzioni internazionali presso i teatri aderenti alla rete delle residenze teatrali; ad accordi unici con le istituzioni internazionali ed all integrazione complessiva del sistema di luoghi e operatori con le attività di internazionalizzazione avviate attraverso l intervento H. Possibili integrazioni con altre linee Asse IV: Linea 4.1 Visti i risultati conseguiti dalla relazione intermedia dello studio di fattibilità Criteri di selezione ed integrazione degli investimenti sui beni culturali, le attività culturali e le azioni di attrazione (codice SF09) realizzato dall ARTI, il presente progetto esecutivo è coerente con le Azioni Integrate di Intervento ivi proposte. Nondimeno, l attuazione del presente piano esecutivo potrà subire le modifiche che si renderanno necessarie e/o che saranno richieste dalla Regione per la migliore attuazione delle succitate Azioni Integrate. Possibili integrazioni con altri Assi L attuazione del presente piano esecutivo potrà subire le modifiche che si renderanno necessarie per la migliore attuazione delle succitate Azioni Integrate nel caso in cui la Regione dovesse 4

5 disporne la realizzazione. Non si escludono inoltre eventuali e possibili integrazioni con altri assi al fine di sviluppare iniziative comuni. 3 Tipologia di attività Tipologia Servizi alle imprese Servizi alle P.A. Servizi al territorio Attività di spettacolo Comunicazione e promozione Attività di studio e progettazione Innovazione di prodotto e di processo produttivo Interazione con filiere parallele Categoria I II III IV V VI VII VIII I) Azioni di sistema finalizzate all accompagnamento nei processi di innovazione anche tecnologica attivati dalle imprese di piccole dimensioni che operano nel campo dello spettacolo dal vivo (teatro e danza); II) Azioni di sistema orientate all accompagnamento degli amministratori locali per la predisposizione di politiche culturali orientate allo sviluppo complessivo dei sistemi territoriali finalizzate all efficacia della spesa pubblica, soprattutto in termini di attrattività; III) Servizi ai cittadini attraverso le azioni di rete finalizzate all offerta di maggiore opportunità di fruizione delle attività culturali e dell animazione territoriale volta all inclusione sociale ed all allargamento del pubblico; IV) Azioni di rete finalizzate alla programmazione e organizzazione di attività di spettacolo gratuite o a pagamento; V) Attività integrata della rete di comunicazione (predisposizione e gestione di piani pubblicitari) e di promozione (eventi, seminari, laboratori, rapporti con il territorio, innovazione nella politica dei prezzi, facilities all accesso, etc); VI) In questa tipologia di attività sono ricomprese: analisi dei fabbisogni; misurazione dei risultati; affiancamento delle imprese e degli amministratori locali, dirigenti d impresa, lavoratori dello spettacolo per il miglioramento della governance dei processi culturali; raccolta di dati e informazioni sulla filiera dello spettacolo pugliese; VII) Affiancamento alle imprese nella creazione di nuovi contenuti, di nuovi servizi e di nuovi modelli economici, nell internazionalizzazione, nonché nei processi di innovazione tecnologica della produzione e della gestione; VIII) Azioni di rete volte a sviluppare la coesione tra filiere produttive contigue (cultura, beni culturali, spettacolo dal vivo, turismo, politiche giovanili, ambiente, politiche enogastronomiche e agricole). 5

6 4 Descrizione generale dell attività L intervento, che continuerà a realizzarsi sotto il brand TEATRI ABITATI-una Rete del Contemporaneo, punta al consolidando delle migliori esperienze, in termini di sostenibilità del progetto, della costituita rete regionale delle residenze teatrali. L attività affidata al TPP consiste nella realizzazione delle seguenti azioni in favore delle imprese che risulteranno aggiudicatarie della sovvenzione a seguito di apposita procedura ad evidenza pubblica attivata dalla Regione Puglia: - Costituzione dello staff culturale-organizzativo ed amministrativo; - Rendicontazione finanziaria e culturale-organizzativa del Progetto; - Coordinamento tecnico-organizzativo, comprensivo del Coordinatore delle attività della Linea 4.3, che opererà trasversalmente anche sulle azioni dell intervento Internazionalizzazione della Scena (H), Circuito delle musiche e dalla danza -Puglia Sounds (L), Circuito delle musiche e dalla danza -Dansystem (L). - Raccolta dei dati dell intero intervento e dei risultati conseguiti in termini di ricadute economiche sul territorio, valorizzazione della filiera dello spettacolo dal vivo pugliese, con riferimento ai seguenti Indicatori di attività : numero di giornate di apertura al pubblico; quantità di pubblico presente alle manifestazioni in Puglia; incremento delle presenze nelle strutture o nelle aree oggetto di intervento; numero di recite programmate/sostenute; studi e/o progettazioni; numero di soggetti raggiunti dalla comunicazione; giornate/uomo complessivamente attivate. - Attività di affiancamento alle imprese e alla P.A. coinvolte nel Progetto; - Azioni di rete per un progetto integrato di promozione delle produzioni e della programmazione e di scambio organizzativo ed artistico con analoghe esperienze presenti in altre regioni italiane ed europee; - Comunicazione integrata delle attività. Tutte le attività saranno coordinate dalla Cabina di Regia Regionale Progetti Strategici di cui al Programma Pluriennale FESR Puglia 2007/2013 dell Asse IV, Linea di Intervento 4.3 Azione lettera G (DGR n.1825 del 5/8/2011 e successive modifiche e/o integrazioni). Attività 1 Organizzazione generale - Costituzione dello staff organizzativo ed amministrativo; - Raccolta dati e dei risultati delle attività. Attività 2 Azioni di sistema - Affiancamento alle imprese e alle P.A. coinvolte nel progetto; - Programmazione delle azioni di rete. - Comunicazione istituzionale integrata. 6

7 5 - Piano finanziario (tutti gli importi si intendono inclusivi di IVA) ATTIVITA 1 TOTALE Coordinamento e staff organizzativo e amministrativo SPESE GENERALI (trasferte personale, costi telefonici, cancelleria, postali, ecc.) Raccolta dei dati e misurazione dei risultati TOTALE ATTIVITA ATTIVITA 2 TOTALE Affiancamento alle imprese e alla P.A Azioni di rete PERSONALE SPESE GENERALI (trasferte personale, costi telefonici, cancelleria, postali, ecc.) ATTIVITA' DI RETE Comunicazione istituzionale integrata PERSONALE AZIONI INTEGRATE TOTALE ATTIVITA ENTRATE GENERATE DAL TOTALE PROGETTO Entrate generale azioni di rete COSTO PROGETTO (TOTALE ATTIVITA 1 + TOTALE ATTIVITA 2 ENTRATE GENERATE DAL PROGETTO)

8 6 Timing ATTIVITA 1 Anno Trimestre I II III IV I II III IV I II III IV 1.1 Staff organizzativo e amministrativo 1.2 Raccolta dei dati e misurazione dei risultati ATTIVITA Affiancamento alle imprese e alla P.A. 2.2 Azioni di rete 2.3 Comunicazione istituzionale integrata 7 ATTIVITA 1 ORGANIZZAZIONE GENERALE Tipologia dell intervento: I II VI - VII Settore di intervento: spettacolo dal vivo Start up: I Trimestre 2012 Conclusione delle attività: IV trimestre 2014 Importo: (l importo si intende inclusivo di IVA) Responsabile Unico del Procedimento: Marilena Laera Capo Progetto: Franco D Ippolito Outsourcing: parziale Descrizione e obiettivi L attività si pone l obiettivo di fornire al Progetto Teatri Abitati una rete del contemporaneo il supporto organizzativo, amministrativo e di misurazione dei risultati per la migliore realizzazione delle attività della rete delle residenze. L attività si articola in: A. Costituzione staff organizzativo-amministrativo Si procederà alla costituzione di uno staff organizzativo, selezionato per il tramite di procedure ad evidenza pubblica (creazione di elenchi, short list), che si avvarrà anche della struttura operativa interna del TPP, con compiti di supporto costante alla Cabina di Regia regionale progetti strategici ed alle compagnie residenti, garantendo l efficienza e l efficacia delle iniziative progettuali previste e fornendo il necessario supporto per: gli adempimenti procedurali inerenti l avvio dei progetti finanziati; il cronoprogramma delle attività della rete delle residenze; le relazioni con gli Enti Locali di riferimento; il rispetto dei tempi previsti per il completamento degli interventi programmati; la formulazione di proposte per superare/rimuovere eventuali difficoltà nella realizzazione del progetto; il controllo relativo all avanzamento della realizzazione dei progetti (di 8

9 programmazione, di produzione, di promozione e alfabetizzazione del pubblico, di innovazione tecnologica); il supporto amministrativo per la rendicontazione ed il controllo di gestione di tutti i soggetti residenti; la eventuale riprogrammazione degli interventi. In particolare, lo staff organizzativo supporta la funzione del Responsabile Unico del Procedimento e del Capo Progetto al fine di coordinare le attività di analisi dello stato di attuazione degli interventi, con particolare riferimento alla valutazione delle problematiche organizzative ed amministrative insorte nel corso dell attuazione degli interventi ed alla conseguente risoluzione ottimale degli ostacoli alla piena efficacia degli interventi. B. Raccolta dei dati e dei risultati. Attraverso la raccolta dei dati e dei risultati delle attività delle compagnie residenti, degli Enti Locali coinvolti e del pubblico dei fruitori delle attività, si procede alla misurazione dei risultati conseguiti, anche per apportare eventuali rimodulazioni o riorganizzazioni delle attività, per verificare eventuali inadempienze circa l attuazione dei progetti, ovvero per premiare comportamenti virtuosi. La raccolta dei dati sull intero intervento e dei risultati conseguiti in termini di ricadute economiche sul territorio, valorizzazione della filiera dello spettacolo dal vivo pugliese, fa riferimento ai seguenti Indicatori di attività : - numero di giornate di apertura al pubblico; - numero dei fruitori delle manifestazioni in Puglia; - incremento delle presenze nelle strutture o nelle aree oggetto di intervento; - numero di recite programmate/sostenute; - studi e/o progettazioni; - numero di soggetti raggiunti dalla comunicazione; - giornate/uomo complessivamente attivate. La misurazione si avvale anche di un sistema di rilevazione che utilizza indicatori di risultato capaci di evidenziare i punti di forza e le criticità, con report che saranno portati a conoscenza della Regione, degli Enti Locali e dei soggetti coinvolti. Gli indicatori di risultato sono: Creazione di nuovi contenuti a) incidenza nella programmazione del repertorio contemporaneo; b) incidenza nelle attività dell utilizzo di nuovi e diversi linguaggi espressivi; c) presenza nelle attività laboratoriali di Maestri (registi, attori, scenografi, costumisti, musicisti,) di riconosciuta esperienza a livello nazionale ed internazionale; d) presenza nelle attività di azioni che integrino l intera filiera dei beni e delle attività culturali. Creazioni di nuovi servizi 9

10 a) incremento dei biglietti venduti rispetto all anno precedente; b) percentuale di presenze paganti giovani ; c) offerta di facilities all accesso (vendita on line, trasporto/parcheggio gratuito, biglietti last minute, kindergarten); d) numero delle giornate di apertura al pubblico suddivise per attività recitativa, laboratoriale e di alfabetizzazione del pubblico. Creazione di nuovi modelli economici a) rapporto fra l impiego di giovani lavoratori under 35 e il totale dei lavoratori impiegati; b) durata media dei contratti del personale impiegato per i quali siano stati versati contributi assicurativi e previdenziali; c) costo medio per giornata di apertura al pubblico (tot costi / n. gg apertura); d) incidenza dell intervento Fesr sul totale dei costi dell attività. 8 ATTIVITA 2 AZIONI DI SISTEMA Tipologia dell intervento: I II III - IV V VI - VII - VIII Settore di intervento: spettacolo dal vivo Start up: III trimestre 2012 Conclusione delle attività: IV trimestre 2014 Importo: ,00 (l importo si intende inclusivo di IVA) Attività generatrice di entrate Responsabile Unico del Procedimento: Marilena Laera Capo Progetto: Franco D Ippolito Outsourcing: parziale Descrizione e obiettivi L attività si pone l obiettivo di dotare il Progetto Teatri Abitati una rete del contemporaneo di azioni ed interventi che abbiano come referenti gli attori (pubblici e privati) coinvolti e si propongano di sviluppare sinergie fra le imprese dello spettacolo dal vivo a livello regionale, nazionale ed internazionale. L attività si articola in: A. Affiancamento alle imprese e alla P.A. Lo sviluppo di nuovi contenuti, di nuovi servizi e di nuovi modelli economici, anche in chiave di internazionalizzazione delle imprese, nonché i processi di innovazione tecnologica della produzione e della gestione, è supportato da un azione di affiancamento che intende rafforzare la sostenibilità futura del progetto e potenziare il grado di competitività delle imprese coinvolte. Tale azione si estende anche agli Enti Locali territoriali che partecipano ai progetti selezionati, al fine di favorire la concertazione degli obiettivi di politica culturale da conseguire attraverso l utilizzo innovativo degli spazi in residenza e la riorganizzazione delle 10

11 modalità di gestione, anche in relazione al rapporto con il pubblico (consolidato e nuovo) e con la realtà socio-economica dei territori di riferimento. L attività sarà affidata ad organismi di rilevanza nazionale ed internazionale esperienza pluriennale nel settore della raccolta dei dati e dei risultati dei processi e delle attività culturali innovativi. B. Azioni di rete Le attività da realizzare in favore della rete delle residenze si articolano in: promozione della programmazione degli spazi gestiti e delle produzioni delle imprese; sinergie organizzative ed artistiche con analoghe esperienze presenti in altre regioni italiane ed europee; comunicazione integrata. La rete delle residenze teatrali pugliesi si configura come un vero e proprio circuito del contemporaneo che opera nel sistema regionale dello spettacolo per promuovere la distribuzione territoriale dell offerta culturale, anche in una logica di destagionalizzazione, ottimizzando le attività per generare economie di scala. Lo sviluppo di nuovi contenuti, di nuovi servizi e di nuovi modelli economici, anche in chiave di internazionalizzazione delle imprese, nonché i processi di innovazione tecnologica della produzione e della gestione, viene supportato dalle azioni di rete, che intendono così rafforzare la sostenibilità futura del progetto e potenziare il grado di competitività delle imprese. Si intende potenziare l offerta culturale dei luoghi di residenza con attività di promozione anche del sistema musicale regionale, oltre che del teatro e della danza, al fine di diversificare la programmazione ed incidere sull audience development, ossia su quel processo strategico, dinamico e interattivo finalizzato a rendere ogni forma di arte/cultura accessibile al più vasto pubblico possibile, migliorando le condizioni di fruizione e apportando in questo modo benefici culturali, sociali e economici all intero territorio. La rete delle residenze deve ricomprendere, in funzione di protagonisti dell animazione culturale e della promozione dei territori, gli Enti Locali coinvolti nel Progetto, che, sempre più consapevoli del ruolo centrale dello spazio pubblico gestito dalle imprese di produzione, possono attuare le proprie politiche culturali garantendo risultati importanti alle proprie comunità. Infine, fra le azioni di rete che si vuole attivare, sono particolarmente rilevanti quelle legate alla valorizzazione/fruizione dei beni culturali e naturalistici, attraverso la promozione di eventi di rilievo nazionale ed internazionale e l adozione, da parte di ciascuna residenza, di un bene del territorio. C. Comunicazione istituzionale integrata Il progetto Teatri Abitati una rete del contemporaneo richiede un complesso piano di comunicazione che accompagni, sostenga e comunichi tutte le fasi dell attuazione dell intervento, distinto su due diversi livelli: a) l ambito regionale e nazionale; 11

12 b) l ambito locale, provinciale e comunale. Gli obiettivi del piano di comunicazione sono: - valorizzare il territorio come entità complessa, con particolare riferimento alle sue risorse culturali, naturali e paesaggistiche, umane e di talenti, economiche e sociali; - valorizzare e potenziare lo sviluppo del sistema spettacolo pugliese, come complesso di professionalità, talenti, sistema imprenditoriale, storia e cultura, servizi e luoghi legati alla produzione di spettacolo dal vivo ed integrarlo nel sistema nazionale; - produrre identità e immagine, promuovere la vocazione del territorio, il suo posizionamento strategico e dunque la sua competitività, favorire processi di identificazione culturale con il territorio, producendo benefici diffusi nel sistema sociale, in quello economico-imprenditoriale e nel sistema istituzionale; - rafforzare il legame tra comunità locale e spazi teatrali, come luoghi capaci di creare identità; - innescare e potenziare processi virtuosi di collegamento tra i vari attori locali di filiere parallele allo spettacolo, come quella dei beni culturali e paesaggistici, del turismo; - formare e coinvolgere il pubblico dello spettacolo dal vivo, raggiungendo le diverse fasce di pubblico (interessato e potenziale), diffondendo il linguaggio delle arti performative, migliorando le condizioni di fruizione e di accesso allo spettacolo; - raggiungere il pubblico specialistico e gli addetti ai lavori, promuovendo le nuove produzioni di spettacolo pugliese. Il piano di comunicazione istituzionale integrata utilizza tutti i mezzi (mediaplan nazionale, regionale e di settore; comunicazione web; direct marketing; outdoor; materiali promozionali; eventi promozionali) al fine di promuovere il Progetto nel suo complesso in Regione e fuori dalla Regione, accompagnando e sostenendo l attività di comunicazione delle singole residenze. La predisposizione del piano comporterà le seguenti attività: studio dei fabbisogni e della domanda da intercettare, trattative con le concessionarie di pubblicità, scelta dei fornitori, redazione del progetto, gestione del budget, per la realizzazione della immagine coordinata attraverso l adattamento del logo e di un head-line forte e declinabile ai vari contesti, nonché della campagna pubblicitaria generale del progetto. 9 - Struttura organizzativa e modalità gestionali Questo lo schema di governance del progetto: 12

13 INDIRIZZI POLITICO- PROGRAMMATICI COORDINAMENTO PROGETTO REGIONE PUGLIA Assessorato Mediterraneo, Cultura e Turismo Servizio Cultura e Spettacolo Direzione Asse IV CABINA di REGIA REGIONALE PROGETTI STRATEGICI - LINEA 4.3 SOGGETTO ATTUATORE CONSORZIO TEATRO PUBBLICO PUGLIESE RESPONSABILE ATTIVITA FESR CAPO PROGETTO STAFF di PROGETTO (organizzativo-amministrativo) Nell ambito degli Interventi dell Asse IV, Linea 4.3, il Responsabile d Asse determinerà gli indirizzi politico-programmatici del Progetto, in coerenza con gli obiettivi generali dell Asse e con quelli specifici della Linea 4.3. Strumento di coordinamento regionale per l attuazione degli indirizzi politico-programmatici è la Cabina di Regia regionale progetti strategici della Linea 4.3 (di cui all intervento G dell Azione del PPA PO FESR Puglia 2007/2013 approvato con DGR n.1825 del 5/8/2011), attraverso la quale: a) coadiuvare, mediante pareri e linee di indirizzo, il Responsabile di Linea 4.3 nel perseguimento degli obiettivi operativi; b) coordinare le funzioni e i compiti dei soggetti attuatori (AFC e TPP); c) curare l integrazione fra le principali azioni dei soggetti attuatori (AFC e TPP), fornendo indicazioni e linee di indirizzo attuative ed operative ai RUP; d) garantire l omogeneità delle procedure e il rispetto della disciplina comunitaria anche in fase attuativa e di verifica e controllo; e) curare l efficacia ed efficienza degli interventi e dei loro impatti di sistema nel settore delle attività culturali; f) assicurare la coerenza e l integrazione dei progetti avviati con gli altri progetti della Linea, con le tematiche, le strategie e le scelte operative delle altre Linee dell Asse IV. Per l attuazione del Progetto si costituisce uno specifico staff di progetto, che è contrattualizzato, coordinato e diretto dal TPP. 13

14 CABINA di REGIA REGIONALE PROGETTI STRATEGICI - LINEA 4.3 RESPONSABILE ATTIVITÀ FESR CAPO PROGETTO STAFF DI PROGETTO COORDINATORE ATTIVITÀ PROGETTO SEGRETERIA ORGANIZZATIVA COMUNICAZIONE INTEGRATA AZIONI DI RETE CONTROLLO DI GESTIONE SEGRETERIA AMMINISTRATIVA Lo staff di progetto sarà costituito dalle seguenti figure professionali: n. 1 Dirigente Responsabile Progetto; n. 1 Coordinatore Cabina di Regia Regionale; n. 1 Capo Progetto; n. 1 Coordinatore Attività Residenze Teatrali; n. 1 Responsabile Unico del Procedimento; n. 1 Addetto Segreteria Generale; n. 2 Addetti segreteria organizzativa; n. 2 Addetto alla Comunicazione e Promozione; n. 1 Addetto Amministrativo; n. 2 Addetti Amministrazione (Registrazione Contabili e Pagamenti); n. 1 Capo Progetto Area Teatro; n. 1 Capo Progetto Area Danza. Sarà inoltre valutata, a secondo delle necessità del TPP, la possibilità di integrare lo staff con l utilizzo di ulteriore personale tecnico e/o organizzativo. I profili professionali delle figure coinvolte nello staff di progetto dovranno rispondere ai seguenti requisiti: per la segreteria organizzativa, esperienza pluriennale di organizzazione delle attività e conduzione dei rapporti con le imprese del teatro e della danza, con capacità di coordinamento dei processi; per la segreteria generale, esperienza pluriennale di segreteria, rapporti con il pubblico, disbrigo pratiche; per il coordinamento, esperienza pluriennale di direzione di progetti di spettacoli dal vivo e di relazione con la Pubblica Amministrazione; per la comunicazione, esperienza pluriennale di comunicazione nel settore dello spettacolo dal vivo e portfolio relazionale con i media regionali e nazionali in materia di spettacolo; per le attività di programmazione, sostegno della produzione e promozione ed alfabetizzazione del pubblico, esperienza pluriennale di direzione di progetti e di relazione con la Pubblica Amministrazione, con conoscenza anche della normativa in materia di spettacolo dal vivo e delle procedure amministrativo-burocratiche della P.A. per il finanziamento alle attività di spettacolo; per le azioni di rete, esperienza pluriennale di direzione di progetti teatrali e di relazione con la Pubblica Amministrazione, con conoscenza della normativa in materia di spettacolo 14

15 dal vivo e delle procedure amministrativo-burocratiche della P.A. per il finanziamento alle attività di spettacolo; per l amministrazione e funzioni di RUP, esperienza pluriennale di gestione amministrativa delle attività di spettacolo dal vivo, con conoscenza della normativa fiscale e previdenziale del settore, con conoscenza della normativa in materia di spettacolo dal vivo e delle procedure amministrativo-burocratiche della P.A. per il finanziamento alle attività di spettacolo. 10 Indicatori di attività La valutazione dell efficacia delle attività rispetto agli obiettivi dell intervento sarà effettuata facendo riferimento a: - rispetto dei tempi previsti per il completamento degli interventi programmati; - numero delle riunioni della rete della residenze ; - numero degli incontri organizzativo-amministrativi con le singole residenze; - numero degli incontri con gli Enti Locali coinvolti nel Progetto; - numero delle azioni di rete attivate; - numero dei report di misurazione dei risultati; - numero delle azioni di affiancamento realizzate con le imprese e le P.A.; - numero delle attività comunicate; - rispetto delle Linee Guida per la rendicontazione e dei termini di rendicontazione; - numero dei report amministrativo-finanziari. BARI, 2 dicembre 2013 Consorzio Teatro Pubblico Pugliese - Il Presidente Consorzio Teatro Pubblico Pugliese - Il Dirigente Responsabile Progetti FESR 15

Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012)

Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012) Teatro Pubblico Pugliese Programma Operativo Regione Puglia Unione Europea Fondo per lo sviluppo e coesione 2007/2013. Accordo di programma quadro rafforzato Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE

Dettagli

La filiera del Teatro e della Danza/Puglia Green Hour Misteri e Sacri Fuochi

La filiera del Teatro e della Danza/Puglia Green Hour Misteri e Sacri Fuochi Regione Puglia Unione Europea Accordo Quadro Rafforzato Beni ed Attività Culturali PROGETTO ESECUTIVO La filiera del Teatro e della Danza/ Puglia Green Hour Misteri e Sacri Fuochi Fondo per lo sviluppo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA Puglia Promozione con sede legale in Piazza Moro 33/A 70121 Bari, C.F. 93402500727 e Consorzio Teatro Pubblico Pugliese (di seguito denominato TPP) con sede legale in via Imbriani,

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE rende noto Bando Provinciale per l erogazione dei contributi per lo spettacolo dal vivo ai sensi della L.R. 11/2009, del Piano triennale

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura

Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 Sistemi locali di sviluppo 4. Codice

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

Al TPP aderiscono 52 soci tra Regione Puglia, Province e Comuni.

Al TPP aderiscono 52 soci tra Regione Puglia, Province e Comuni. Il Teatro Pubblico Pugliese è un organismo di promozione e formazione del pubblico, riconosciuto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Al TPP aderiscono 52 soci tra Regione Puglia,

Dettagli

GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA

GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA GIOVANI INNOVATORI IN AZIENDA 1. CONTESTO E OBIETTIVI GENERALI DELL INIZIATIVA L inserimento in azienda di giovani ad alta qualificazione appare sempre più come una risorsa strategica per permettere alle

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE Puglia Sounds - Recording Promozione di nuove produzioni discografiche Premessa La Regione Puglia ha affidato al Consorzio Teatro Pubblico Pugliese la realizzazione

Dettagli

PROGETTO ENERGIA TEATRALE

PROGETTO ENERGIA TEATRALE PROGETTO - PROGETTO ALTERENERGY: ENERGY SUSTAINABILITY FOR ADRIATIC SMALL COMMUNITIES REGIONE PUGLIA SERVIZIO MEDITERRANEO 1 1. OBIETTIVI Obiettivo primario della presente proposta progettuale, in linea

Dettagli

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali www.itinerari.conform.it Il corso Gli obiettivi Il percorso formativo Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni

Dettagli

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato)

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA INDIVIDUAZIONE DI AZIONI COMUNI VOLTE A MIGLIORARE LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE CITTA D ARTE DELLA SICILIA TRA LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA

VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA Programma di riferimento: Progetto di Eccellenza Progettazione e realizzazione di itinerari dedicati al segmento religioso (art. comma 228 della Legge 296/2006)

Dettagli

ALLEGATO 3 SCHEDA DI OPERAZIONE

ALLEGATO 3 SCHEDA DI OPERAZIONE ALLEGATO 3 SCHEDA DI OPERAZIONE AZIONI 4.2.2 E 4.4.2 (LETTERE E-F) DEL PPA ASSE IV POR FESR PUGLIA 2007-2013 A Notizie generali Denominazione del SAC Beneficiario dell operazione [Denominazione, indirizzo]

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 - Sviluppo Locale 4. Descrizione della

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Roma, 17 febbraio 2015 Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Premessa generale In relazione al DM 1 luglio

Dettagli

DICEMBRE 2007. Caso ZETEMA

DICEMBRE 2007. Caso ZETEMA DICEMBRE 2007 Caso ZETEMA ZETEMA 100% DEL COMUNE DAL 2005 Acquisita nel 2005 da parte del Comune di Roma, Zètema Progetto Cultura opera dal 1998 per favorire e sviluppare una fruizione ottimale del patrimonio

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Sett.1 AA.GG, Giunta, URP, Segr./Direz. Generale, Contratti- -Assistenza Giuridico Amm.va ai Comuni, Controllo Strategico/Direzionale, Pari Opportunità, Consigliera di parità

Dettagli

Regione Puglia. Assessorato al Turismo Servizio Turismo

Regione Puglia. Assessorato al Turismo Servizio Turismo Unione Europea PO FESR PUGLIA 2007-2013 Asse IV Linea 4.1 Azione 4.1.2 Regione Puglia Assessorato al Turismo Servizio Turismo PugliaPromozione Agenzia Regionale del Turismo ATTIVITA DI PUBBLICHE RELAZIONI

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

Progetto formativo complesso per il potenziamento degli Uffici di Piano

Progetto formativo complesso per il potenziamento degli Uffici di Piano Regione Puglia F.S.E Progetto formativo complesso per il potenziamento degli Uffici di Piano (Corso di formazione ed assistenza tecnica) Progetto ammesso a finanziamento della Regione Puglia Mis. 3.10:

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 50/38 del 5.12.2006 STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE 0. PREMESSE Come evidenziato nei documenti guida del nuovo periodo di programmazione dei fondi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione ASSE II - Ambiente e prevenzione dei rischi Attività 4 Valorizzazione delle strutture di fruizione

Dettagli

PYOU: PASSIONE DA VENDERE

PYOU: PASSIONE DA VENDERE Relazione tecnica del Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici della Regione Piemonte in accompagnamento alla proposta dell APQ in materia di politiche giovanili PYOU: PASSIONE DA VENDERE

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani BANDO DI CONCORSO CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani INDICE: Art. 1 Finalità Art. 2 Indirizzi di programma ed obiettivi Art. 3 Procedure e termini di presentazione delle domande Art. 4 Requisiti

Dettagli

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI COMUNE DI NOVARA CODICE15.3.1.5 Cabina di Regia: funzioni di rango urbano e gateway Scheda azioni Immateriali Cabina di Regia: funzioni di rango urbano

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Unione Europea Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Indice Pag. 3 La politica di sviluppo rurale 2007.2013 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Assessore ai Beni e alle Attività culturali Pietro Marcolini - Servizio 3 - Internazionalizzazione, Cultura, Turismo, Commercio e Attività Promozionali P.F. Conservazione

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DELLE MONTAGNE E DELLE MINIERE DI GORNO Le montagne, le miniere e la gente di Gorno: cultura e tradizioni locali per

Dettagli

linea di azione Sostegno e promozione dei progetti di residenza artistica e culturale, finalizzati alla

linea di azione Sostegno e promozione dei progetti di residenza artistica e culturale, finalizzati alla ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI A VALERE SUL PROGETTO REGIONALE Sistema regionale per lo spettacolo dal vivo:attività teatrali, di danza e di musica linea di azione Sostegno

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Il sistema dei Controlli

Dettagli

PROPOSTE DI IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

PROPOSTE DI IDEE E PROGETTI INNOVATIVI ALTO TAVOLIERE INSIEME Laboratori Urbani di Apricena, Lesina, San Paolo di Civitate Serracapriola e Poggio Imperiale REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l'innovazione Servizio Politiche

Dettagli

progetto di educazione al teatro e allo spettacolo

progetto di educazione al teatro e allo spettacolo A TEATRO CONSAPEVOLI progetto di educazione al teatro e allo spettacolo Il progetto di educazione al teatro e allo spettacolo rivolto al mondo della scuola mira a far conoscere l arte teatrale in tutti

Dettagli

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7 Bando per la selezione di manifestazioni di interesse ad interventi per la fruibilità turistica e ricreativa in aree interessate da attività estrattive Articolo 1. Contenuto del bando ed obiettivi 1. Il

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO 1 1. Premessa Il presente capitolato ha lo scopo di supportare gli operatori incaricati dagli enti pubblici territoriali nella elaborazione e stesura di uno studio di fattibilità

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti in un sistema turistico locale)

CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti in un sistema turistico locale) REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale SOGGETTO ATTUATORE CORSO DI FORMAZIONE Tecnico delle attività ricettive ed assimilati (operanti

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

Unioncamere Calabria - Lamezia Terme - 2 aprile 2015. L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020

Unioncamere Calabria - Lamezia Terme - 2 aprile 2015. L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020 L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020 Programmazione 2014-2020 In un mondo oramai globalizzato le PMI devono essere in grado di affrontare la sempre più crescente concorrenza

Dettagli

viva donna AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

viva donna AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE Il Comune di Napoli nell ambito degli interventi finalizzati allo sviluppo ed alla coesione ha approvato il Programma Donne per lo sviluppo urbano (con risorse

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

INTERVENTO A SOSTEGNO DELLA PRODUZIONE TEATRALE A TORINO E IN PIEMONTE

INTERVENTO A SOSTEGNO DELLA PRODUZIONE TEATRALE A TORINO E IN PIEMONTE INTERVENTO A SOSTEGNO DELLA PRODUZIONE TEATRALE A TORINO E IN PIEMONTE PREMESSA La Regione Piemonte e la Città di Torino, al fine di promuovere nella produzione teatrale la qualità, l innovazione, la ricerca,

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE

L OSSERVATORIO NAZIONALE L OSSERVATORIO NAZIONALE DELL AGRITURISMO Formulare proposte per la determinazione dei criteri di classificazione delle aziende agrituristiche secondo criteri omogenei per l intero territorio nazionale

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi

Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi Progetto Governance delle Risorse Umane-Modelli Innovativi Attività dirette al rafforzamento degli Uffici addetti alle politiche e alla gestione del personale delle Amministrazioni degli Enti Locali delle

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 CHIAMATA PER IDEE PROGETTUALI DA AVVIARE ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI DI FATTIBILITA PER LA

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico Allegato n. 2 Fabbisogno Assistenza Tecnica AdG e AdC Fabbisogno di n. 26 esperti per l espletamento di attività di Assistenza tecnica indirizzata alla gestione, sorveglianza, valutazione, informazione

Dettagli

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE Regione Puglia Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE N. 041 di repertorio OGGETTO: Progetto Seconda fase del Progetto ILO2 - Creare impresa e diffondere tecnologia a

Dettagli

Distretti agricoli in Regione Lombardia

Distretti agricoli in Regione Lombardia Distretti agricoli in Regione Lombardia Attività dei distretti (finalità, ruolo, opportunità), meccanismo di accreditamento in Regione Lombardia Roberto Daffonchio Distretti agricoli Distretti rurali >

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 Il 26 marzo 2010 il Consiglio Europeo ha approvato la proposta della Commissione Europea di lanciare Europa 2020, una nuova strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità

Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità Task Force P.O. Sicilia PON ATAS Mis. I.2 Ob. 1 e APQ Previsioni programmatiche sull imprenditoria femminile e di impatto per le Pari Opportunità PO FSE e PO FESR - ricognizione su obiettivi, linee di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Area Disabilità La politica regionale lombarda in quest area è particolarmente attiva, con servizi ed interventi a carattere educativo, formativo

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna POR SARDEGNA 2000/2006 MISURA 4.2 Direttive di Attuazione - Servizi reali Art. 1 Oggetto 1. Le presenti Direttive di Attuazione disciplinano l erogazione di aiuti per l acquisizione di servizi reali destinati

Dettagli