SKEMA CITTÀ DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI. Esecuzione verifiche e prove di carico nella ex scuola Ambrosini alla Falchera

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SKEMA CITTÀ DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI. Esecuzione verifiche e prove di carico nella ex scuola Ambrosini alla Falchera"

Transcript

1 SKEMA Rilievi, controlli, indagini e monitoraggio strutture Rilievi topografici, tracciamenti, servizi di collaudo CITTÀ DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI DIVISIONE SERVIZI TECNICI ED EDILIZIA PER I SERVIZI CULTURALI - SOCIALI - COMMERCIALI - SETTORE EDIFICI PER LA CULTURA Esecuzione verifiche e prove di carico nella ex scuola Ambrosini alla Falchera PROVA DI CARICO SOLAIO AULA AL PRIMO PIANO aprile 2008 Via Cernaia Collegno (TO) - Tel./Fax SKEMA SKEMA di Lavarda Giampietro & C. s.n.c. Partita I.V.A. e C.F

2 RELAZIONE TECNICA Il giorno 10 aprile 2008 nella ex Scuola Ambrosini nel quartiere della Falchera a Torino, è stata eseguita una prova di carico sul solaio di un aula al primo piano. Erano presenti: l ingegnere Flavio Aquilano ed il geometra Luigi Balice del Comune di Torino, il Geologo Marco Di Cosmo e il sottoscritto geometra Giampietro Lavarda entrambi della ditta SKEMA incaricata delle prove. Per il collaudo del solaio sono stati utilizzati n 2 serbatoi flessibili in materiale plastico (m 4,20 x 3,00) riempiti con acqua, posizionati affiancati al centro del locale a coprire una fascia larga m 4,20 m e lunga quanto la larghezza dell aula (6,00 m). Il carico d acqua è stato misurato mediante un contalitri con precisione del 2%. Le deformazioni del solaio durante la prova di carico sono state rilevate utilizzando n. 9 flessimetri analogici a precisione centesimale, corsa 50 mm, collegati a fili in acciaio inox fissati all intradosso della struttura e messi in tensione con dei pesi. N. 5 flessimetri sono stati allineati lungo l asse centrale del carico, n. 2 flessimetri sono stati posizionati in mezzeria lungo l asse trasversale del carico e altri due strumenti sono serviti a monitorare i cedimenti di un pilastro e di una trave tra l aula e il corridoio. La disposizione dei serbatoi d acqua e dei flessimetri centesimali sono riportati nello schema di carico allegato. La prova sul solaio è avvenuta in modo graduale effettuando quattro scalini di carico e altrettanti step di scarico, durante queste fasi i serbatoi sono stati caricati/scaricati singolarmente in modo da assicurare un uniforme distribuzione dell acqua. L ingegnere Renzo Formento, da noi incaricato, ha redatto una verifica preliminare del solaio e delle travi interessati dalla prova di carico, valutando anche il carico da utilizzare durante la prova e le deformazioni teoriche risultanti.

3 Da tale relazione risulta che Il carico di prova applicabile sul solaio dell aula è di 3,5 kn/mq, considerata una striscia di carico di 4 m, tale valore è incrementato a 4,15 kn/mq per tenere conto della compartecipazione trasversale dell intero solaio. Operativamente si è applicato un carico di 3,69 kn/mq, aumentato a 4,36 kn/mq in considerazione della collaborazione trasversale del solaio, pari a mc 11,20 d acqua immessi gradualmente nei serbatoi con quattro gradini di carico di mc 2,80 ognuno. Durante la prova di carico la temperatura ambientale è rimasta pressoché invariata (circa 20 ) in quanto nell edificio l impianto di riscaldamento era ancora funzionante. Le deformazioni del solaio a pieno carico (3,69 kn/mq) sono risultate le seguenti (lett. 12 delle ore 13.20): FLESSIMETRO UBICAZIONE deformazione totale [mm] deformazione netta [mm] 1 prossimità appoggio lato corridoio quarto lato corridoio 3-1,30 3 mezzeria -2,39-2,16 4 quarto lato cortile -1, prossimità appoggio lato cortile -0, mezzeria a m 1,5 da asse carico 7-7 mezzeria a m 3,0 da asse carico 8 - La deformazione massima in mezzeria (-2,16 mm) è risultata inferiore a quella teorica calcolata (3,1 mm). Le deformazioni residue del solaio a scarico terminale sono state (lett. 17 delle ore 16.40): FLESSIMETRO UBICAZIONE deformazione totale [mm] deformazione netta [mm] 1 prossimità appoggio lato corridoio ±0 ±0 2 quarto lato corridoio -0,38-0,38 3 mezzeria -0,57-0,57 4 quarto lato cortile -0,39-0,39 5 prossimità appoggio lato cortile mezzeria a m 1,5 da asse carico -0,51-0,51 7 mezzeria a m 3,0 da asse carico 3 3

4 I valori residui delle deformazioni sono abbastanza elevati, tenuto conto che il residuo massimo che si poteva ipotizzare in mezzeria era di circa -0,3 mm; è da considerare peraltro che probabilmente il solaio non è mai stata così caricato e che quindi abbia subito un leggero assestamento. La trave di bordo lato cortile a massimo carico ha subito un cedimento di -0,36 mm (calcolato), che è un valore poco più elevato rispetto ai 1 mm previsti nella relazione preliminare. Considerato che il carico applicato è stato leggermente superiore a quello teorico, si può comunque affermare che la deformazione della trave è risultata in linea con le previsioni. Durante la prova di carico non si sono verificati ammaloramenti, cedimenti o lesioni visibili nelle strutture sottoposte a collaudo.

5

6

7 LOCALITA' : Ex scuola "Ambrosini" nel quartiere Falchera a Torino UBICAZIONE PROVA Solaio aula al primo piano Data: 10/04/2008 superficie di carico : 4,2*3,0 m = mq 12,60 * n 2 serbatoi = mq 25,2 Configurazioni di carico Letture litri nel serbatoio A [lt.] litri nel serbatoio B [lt.] totale litri [lt.] carico serbatoio A [KN/mq] 0 1,09 1,09 2,18 2,18 2,18 3,27 3,27 4,36 4,36 4,36 4,36 3,27 2,18 1, carico serbatoio B [KN/mq] 0 0 1,09 1,09 2,18 2,18 2,18 3,27 3,27 4,36 4,36 4,36 3,27 2,18 1, carico di prova [KN/mq] (*) 0 0,46 0,92 1,39 1,85 1,85 2,31 2,77 3,23 3,69 3,69 3,69 2,77 1,85 0, configurazione di carico (%) 0% 13% 25% 38% 50% 50% 63% 75% 88% 100% 100% 100% 75% 50% 25% 0% 0% (*) al netto della compartecipazione trasversale del solaio ora Letture ai flessimetri mm flessimetro n / Letture ,65 21,65 21,65 21,65 21,62 21,63 21,61 21,59 21,59 21,57 21,53 21,47 21,56 21,56 21,60 21,65 21, ,50 16,38 16,27 16,15 15,99 16,00 15,84 15,66 15,48 15,20 15,15 15,07 15,33 15,55 15,80 16,10 16, ,53 24,29 24,14 23,86 23,65 23,65 23,34 23,10 22,72 22,31 22,25 22,14 22,51 22,93 23,35 23,86 23, ,01 20,79 20,68 20,42 20,28 20,28 19,99 19,83 19,48 19,19 19,13 19,04 19,40 19,75 20,10 20,54 20, ,75 19,65 19,64 19,54 19,50 19,50 19,44 19,44 19,29 19,13 19,09 19,08 19,20 19,32 19,46 19,66 19, ,26 16,08 15,97 15,72 15,57 15,57 15,33 15,16 14,87 14,54 14,47 14,39 14,65 14,97 15,30 15,70 15, ,58 35,52 35,50 35,43 35,37 35,37 35,29 35,23 35,12 35,02 34,97 34,90 35,01 35,10 35,20 35,35 35, ,98 47,99 47,99 47,98 47,98 47,98 47,98 47,99 47,96 47,97 47,96 47,95 47,96 47,97 47,96 47,99 47, ,74 36,74 36,74 36,74 36,74 36,73 36,74 36,74 36,72 37,74 36,73 36,72 36,72 36,73 36,73 36,74 36,74

8 Variazioni mm flessimetro n / Letture ±0 ±0 ±0 ± ,12-0, ±0 ±0 2 ±0-0,12 3-0,35-0,51-0, ,30-1,35 3-1,17-0,95-0,70 0-0,38 3 ±0 4-0, , , ,18 7-0,57 4 ±0 2-0,33-0,59-0,73-0,73 2-1,18-1, , ,91 7-0,39 5 ±0-0,10-0, ,31-0, , ±0-0,18 9-0, ,93-1,10-1,39-1,72-1, ,96-0,56-0,51 7 ± , ,35 6-0, ,57 8-0, ± ±0 ±0 ±0 ± ±0 9 ±0 ±0 ±0 ±0 ±0-1 ±0 ±0-2 +1, ±0 ±0 -) le letture su sfondo grigio sono riportate nel riepilogo configurazioni -) la lettura iniziale di riferimento è quella contornata di rosso

9 LOCALITA' : Ex scuola "Ambrosini" nel quartiere Falchera a Torino Ubicazione prova: Solaio aula al primo piano Data: 10/04/2008 RIEPILOGO CONFIGURAZIONI DI CARICO PRINCIPALI Carico lt.acqua 2800, carico di prova 0,92 KN/mq Carico lt.acqua 2800, carico 0,92 KN/mq Configurazione 25% del carico totale Configurazione 25% del carico totale LETTURA N. 3 LETTURA N. 3 totali [mm] cedimento appoggi [mm] netti [mm] totali [mm] ± ,39 0,25 1 ± , , , ,25 3-0, ,36 4,88 4-0, ,25 5-0, , ±0 nota: i cedimenti in verde sono presunti 0,2 lettura n ,63 3,25 4,88 6,50 Carico lt.acqua 5600, carico di prova 1,85 KN/mq Carico lt.acqua 5600, carico 1,85 KN/mq Configurazione 50% del carico totale Configurazione 50% del carico totale LETTURA N. 6 LETTURA N. 6 totali [mm] cedimento appoggi [mm] netti [mm] totali [mm] 0 8 ±0 ±0 ± , , ,63 2-0, , , ,88 4-0,73-0,10 3 6, ,13-0,13 6, ,13-0,13 ±0 nota: i cedimenti in verde sono presunti lettura n ,50 3, lettura n ,63 3,25 4,88 6,50 lettura n ,50 3,

10 LOCALITA' : Ex scuola "Ambrosini" nel quartiere Falchera a Torino Ubicazione prova: Solaio aula al primo piano Data: 10/04/2008 RIEPILOGO CONFIGURAZIONI DI CARICO PRINCIPALI Carico lt.acqua 8400, carico di prova 2,77 KN/mq Carico lt.acqua 8400, carico 2,77 KN/mq Configurazione 75% del carico totale Configurazione 75% del carico totale LETTURA N. 8 LETTURA N. 8 totali [mm] cedimento appoggi [mm] netti [mm] totali [mm] ± , ,50 6-1,10 1, ,00 7-0,35 3, ,36 4,88 4-1,18-0,12 6 6,25 5-0,31-0,15-0,16 6, ,16-0,16 ±0 nota: i cedimenti in verde sono presunti 0,2 lettura n ,63 3,25 4,88 6,50 Carico lt.acqua 11200, carico di prova 3,69 KN/mq Carico lt.acqua 11200, carico 3,69 KN/mq Configurazione 100% del carico totale Configurazione 100% del carico totale LETTURA N. 10 LETTURA N. 10 totali [mm] cedimento appoggi [mm] netti [mm] totali [mm] ± , ,50 6-1,72 1,63 2-1,30-0,11-1,19 3,00 7-0,56 3, , ,32-1,50 6, , ±0 nota: i cedimenti in verde sono presunti lettura n ,50 3, lettura n ,63 3,25 4,88 6,50 lettura n ,50 3,

11 LOCALITA' : Ex scuola "Ambrosini" nel quartiere Falchera a Torino Ubicazione prova: Solaio aula al primo piano Data: 10/04/2008 RIEPILOGO CONFIGURAZIONI DI CARICO PRINCIPALI Carico lt.acqua 11200, carico di prova 3,69 KN/mq Carico lt.acqua 11200, carico 3,69 KN/mq Configurazione 100% del carico totale Configurazione 100% del carico totale LETTURA N. 12 LETTURA N. 12 totali [mm] cedimento appoggi [mm] netti [mm] totali [mm] ± ,39 0,25 1-0, ,13 1, , ,13-1,30 3, ,25 3-2,39 3-2,16 4,88 4-1,97-0,34 3 6, , nota: i cedimenti in verde sono presunti lettura n ,63 3,25 4,88 6,50 Carico lt.acqua 8400, carico di prova 2,77 KN/mq Carico lt.acqua 8400, carico 2,77 KN/mq Configurazione 75% del carico totale Configurazione 75% del carico totale LETTURA N. 13 LETTURA N. 13 totali [mm] cedimento appoggi [mm] netti [mm] totali [mm] ± , , ,63 2-1,17-0,10 7 3,00 7-0,57 3, ,19 3 4, ,34 6,25 5-0,55-0,35 0 6, ,36-0,36 ±0 nota: i cedimenti in verde sono presunti lettura n ,50 3, lettura n ,63 3,25 4,88 6,50 lettura n ,50 3,

12 LOCALITA' : Ex scuola "Ambrosini" nel quartiere Falchera a Torino Ubicazione prova: Solaio aula al primo piano Data: 10/04/2008 RIEPILOGO CONFIGURAZIONI DI CARICO PRINCIPALI Carico lt.acqua 5600, carico di prova 1,85 KN/mq Carico lt.acqua 5600, carico 1,85 KN/mq Configurazione 50% del carico totale Configurazione 50% del carico totale LETTURA N. 14 LETTURA N. 14 totali [mm] cedimento appoggi [mm] netti [mm] totali [mm] ± , , ,63 2-0, , , ,14 6 4, , ,17 6, ±0 nota: i cedimenti in verde sono presunti lettura n ,63 3,25 4,88 6,50 Carico lt.acqua 0, carico di prova 0 KN/mq Carico lt.acqua 0, carico 0 KN/mq Configurazione 0% del carico totale Configurazione 0% del carico totale LETTURA N. 17 LETTURA N. 17 totali [mm] cedimento appoggi [mm] netti [mm] totali [mm] 0 8 ±0 ±0 ± ,57 0,25 1 ±0 ±0 ±0 1,50 6-0,51 1,63 2-0,38 ±0-0,38 3, ,25 3-0,57 ±0-0,57 4,88 4-0,39 ±0-0,39 6, ±0-8 6,50 - ±0 ±0 ±0 nota: i cedimenti in verde sono presunti lettura n ,50 3, lettura n ,63 3,25 4,88 6,50 lettura n ,50 3,

13 LOCALITA' : Ex scuola "Ambrosini" nel quartiere Falchera a Torino Ubicazione prova: Solaio aula al primo piano data: 16/11/2007 grafici carichi/cedimenti totali carico [ KN/mq] 0 0,92 1,85 2,77 3,69 3,69 2,77 1,85 0 fless.n./ Letture ±0 3-0,50 4-1,30 3-1,17-0,95-0,38 3 ±0-0, , ,57 4 ±0-0,33-0,73-1,18 2-1, ,39 5 ±0-0,11 5-0, , ± ,10-1, ,51 7 ± ,35-0,56 8-0, FLESSIMETRO N ,92 1,84 2,76 3,68 fase di scarico carico [KN/mq] FLESSIMETRO N ,92 1,84 2,76 3,68 fase di scarico carico [KN/mq] FLESSIMETRO N ,92 1,84 2,76 3,68 fase di scarico carico [KN/mq]

14 FLESSIMETRO N ,92 1,84 2,76 3,68 fase di scarico carico [KN/mq] FLESSIMETRO N ,92 1,84 2,76 3,68 fase di scarico carico [KN/mq] FLESSIMETRO N ,92 1,84 2,76 3,68 fase di scarico carico [KN/mq]

15 FOTOGRAFIE

16 FOTO N 1 Solaio con metà carico di prova (1,85 kn/mq) FOTO N 2 Serbatoi al primo piano con il massimo carico di prova (3,69 kn/mq) FOTO N 3 Serbatoi con il massimo carico di prova (3,69 kn/mq)

17 FOTO N 4 Serbatoi con il massimo carico di prova (3,69 kn/mq) FOTO N 5 Ubicazione flessimetri al piano terreno FOTO N 6 Ubicazione flessimetri al piano terreno

18 FOTO N 8 Contatore e distributore acqua FOTO N 7 Tubazione per il carico e lo scarico dell'acqua

VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DELLA SCUOLA MATERNA G. FIASTRI IN VIA ROMA 101

VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DELLA SCUOLA MATERNA G. FIASTRI IN VIA ROMA 101 COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DELLA SCUOLA MATERNA G. FIASTRI IN VIA ROMA 101 INDAGINI INTEGRATIVE Committente: Amministrazione Comunale

Dettagli

dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi.

dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi. dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi.it Comune di xxx Provincia di xxx C O L L A U D O S T A T I C O SCUOLA

Dettagli

PROVE DI CARICO MEDIANTE CONTENITORI E SERBATOI AD ACQUA

PROVE DI CARICO MEDIANTE CONTENITORI E SERBATOI AD ACQUA PROVE DI CARICO PREMESSA La presente sezione illustra lo svolgimento delle seguenti prove: prove di carico mediante contenitori e serbatoi ad acqua prove di carico mediante martinetti idraulici prove di

Dettagli

PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN. PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l.

PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN. PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l. Università degli Studi di Catania LABORATORIO UFFICIALE PROVE MATERIALI PROVE SUL NODO CON PROTOTIPI DI TRAVE MISTA PAN PRODOTTI DALLA DITTA TECNOPAN ENGINEERING S.r.l. RELAZIONE DELLO STUDIO TECNICO DELLA

Dettagli

Prova di carico statica su specchiatura di solaio in latero cemento armato

Prova di carico statica su specchiatura di solaio in latero cemento armato Prova di carico statica su specchiatura di solaio in latero cemento armato Ing. Santo Mineo Amministratore Unico della CIMENTO S.r.l. Laboratorio di diagnostica strutturale Certificato al liv. 3 (UNI EN

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE PROVE SPERIMENTALI SU PIGNATTE IN PSE RELAZIONE Il Responsabile Scientifico Dott. Ing. Fausto Mistretta Il

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Indagini termografiche Esempi di applicazione Studio Mantovani IR

Indagini termografiche Esempi di applicazione Studio Mantovani IR Collaudo di una casa prefabbricata a basso consumo energetico. L immagine termica dimostra l ottimo isolamento delle pareti e dell intero involucro (temp. amb. interna 21 C temp. sup. esterna 0,6 C). Viene

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1 PROVE DI CARICO 1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1.1.1 L attrezzatura Le prove di carico sono eseguite utilizzando l apparecchiatura denominata Collaudatore GS progettata

Dettagli

Il monitoraggio degli spostamenti

Il monitoraggio degli spostamenti Il monitoraggio degli spostamenti Introduzione Lo studio del monitoraggio di un opera d Ingegneria Civile nasce con l opera stessa in quanto fisiologicamente connesso ai problemi strutturali che il progetto

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI PISA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA ROSELLINI Via Rosellini,

Dettagli

www.ferracingroup.it Toti

www.ferracingroup.it Toti www.ferracingroup.it Toti Toti TOTI è un cassero a perdere in polipropilene riciclato utilizzato come elemento modulare per la realizzazione di platee di fondazione e solai mono/bidirezionali in calcestruzzo

Dettagli

CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA

CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA FABBRICATO SEMINTERRATO ESISTENTE Committente: CRA-PLF Unità di ricerca per le produzioni legnose fuori foresta Oggetto: Verifica di idoneità statica delle strutture portanti

Dettagli

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO prof. Gianmarco de Felice, arch. Lorena Sguerri PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento Analisi dei carichi permanenti Sovraccarichi variabili Combinazioni di

Dettagli

Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio

Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio 1 Elementi strutturali Travi principali reticolari (capriate); travi secondarie (arcarecci); pilastri; controventi di falda; controventi longitudinali

Dettagli

PROVE DI CARICO PASSERELLE CICLO-PEDONALI PASTRENGO E RIVOLI VERONESE (VR)

PROVE DI CARICO PASSERELLE CICLO-PEDONALI PASTRENGO E RIVOLI VERONESE (VR) PROVE DI CARICO PASSERELLE CICLO-PEDONALI PASTRENGO E RIVOLI VERONESE (VR) PROVE N 3720-3721/VR 15-16 giugno 2010 Committente: Provincia di Verona Collaudatore: dott. ing. Luciano Ortolani Relatore: geom.

Dettagli

N.B.: il collaudo dovrà essere redatto preferibilmente in carta uso bollo al fine di individuare con facilità il rispetto della normativa sul bollo;

N.B.: il collaudo dovrà essere redatto preferibilmente in carta uso bollo al fine di individuare con facilità il rispetto della normativa sul bollo; Bollo Schema Collaudo Statico (art. 7 Legge 05/11/1971 n 1086 condotto secondo i dettami del D. M. 14.01.2008) Il Presente schema è da intendersi esclusivamente come traccia di massima. Il collaudatore

Dettagli

SOLAIO A LASTRE TRALICCIATE

SOLAIO A LASTRE TRALICCIATE SOLAIO A LASTRE TRALICCIATE Il solaio a lastre tralicciate predalles, rappresenta per la D.M.P. DALLA MORA PREF. S.R.L., il fiore all occhiello della propria produzione, non solo per la continua crescita

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 e-mail: edilizia@provincia.cremona.it ITIS G. GALILEI CREMA.

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO LOC. CANALE- CITTA DELLA PIEVE (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

ANALISI TERMOGRAFICA DI SOLAIO DI COPERTURA

ANALISI TERMOGRAFICA DI SOLAIO DI COPERTURA AALII TERMOGRAFICA DI OLAIO DI COPERTURA Committente: --- ede edificio: --- 1. PREMEA Lo tudio chvarcz, incaricato da ---, ha eseguito una indagine termografica sulla copertura di una palestra a --- allo

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC 2,00 X 2,00 ml.

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC 2,00 X 2,00 ml. CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC,00 X,00 ml. SIXTEMA S.r.l. Loc. Mezzano Passone, 11 6846 Corno Giovine (LO) Italy tel-fax +39 0377 69370 r.a. info@sixtema-line.com sixtema-line.com 1) PREMESSE:

Dettagli

1.2.1 Premessa Le prove di carico si distinguono in prove di VERIFICA e prove di ANALISI.

1.2.1 Premessa Le prove di carico si distinguono in prove di VERIFICA e prove di ANALISI. 1. PROVE DI CARICO DI VERIFICA 1..1 Premessa Le prove di carico si distinguono in prove di VERIFICA e prove di ANALISI. Le prime hanno lo scopo di verificare la corrispondenza dei risultati sperimentali

Dettagli

NOTE E CONSIDERAZIONI SULLA PESATURA DI SILOS E SERBATOI CON CELLE DI CARICO

NOTE E CONSIDERAZIONI SULLA PESATURA DI SILOS E SERBATOI CON CELLE DI CARICO ADRIANO GOMBA & C. NOTE E CONSIDERAZIONI SULLA PESATURA DI SILOS E SERBATOI CON CELLE DI CARICO Installazione. Un sistema di pesatura è costituito da un serbatoio, il cui contenuto deve essere tenuto sotto

Dettagli

SCHEDA TECNICA MODULO H40 CASSAFORMA IN POLIPROPILENE RIGENERATO PER LA REALIZZAZIONE DI VESPAI VENTILATI

SCHEDA TECNICA MODULO H40 CASSAFORMA IN POLIPROPILENE RIGENERATO PER LA REALIZZAZIONE DI VESPAI VENTILATI SCHEDA TECNICA MODULO H40 CASSAFORMA IN POLIPROPILENE RIGENERATO PER LA REALIZZAZIONE DI VESPAI VENTILATI 3 2 - Consumo di Cls a raso sommità modulo m 0,056 x m - Passaggio tubazioni n 1 max 29 cm - Passaggio

Dettagli

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori -Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori Operazioni di misura a diretto contatto con l oggetto da rilevare; è possibile il

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO VIA DELLA PIAGGIOLA, 176 GUBBIO (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

IMMOBILIARE 2Z S.r.l. AREA EX FONDERIA DEL QUINTANO - COMUNE DI CASTELLI CALEPIO INTERVENTI DI RISANAMENTO AMBIENTALE

IMMOBILIARE 2Z S.r.l. AREA EX FONDERIA DEL QUINTANO - COMUNE DI CASTELLI CALEPIO INTERVENTI DI RISANAMENTO AMBIENTALE IMMOBILIARE 2Z S.r.l. AREA EX FONDERIA DEL QUINTANO - COMUNE DI CASTELLI CALEPIO INTERVENTI DI RISANAMENTO AMBIENTALE FASE: Rimozione terre di fonderia e rifiuti, operazioni di bonifica. ATTO: Segnalazione

Dettagli

Realizzazione di una autorimessa interrata in piazza Meda. Milano.

Realizzazione di una autorimessa interrata in piazza Meda. Milano. Realizzazione di una autorimessa interrata in piazza Meda. Milano. SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI EDIFICI ADIACENTI GLI SCAVI CON ELETTROLIVELLE DI PRECISIONE Novembre 2008 Luglio 2009 ADVANCED G EOTECHNICAL

Dettagli

Appoggi per l edilizia Kilcher

Appoggi per l edilizia Kilcher Appoggi per l edilizia Kilcher Deforma Limitgliss Teflon Con l installazione degli appoggi Kilcher è possibile evitare la formazione di crepe nelle costruzioni dovute a deformazioni e torsioni angolari

Dettagli

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq I PREMESSA La presente relazione riporta i calcoli e le verifiche relativi alle nuove strutture in progetto. Sono previste opere in acciaio (scale di sicurezza esterne, spazi calmi, passerelle) e in c.a.

Dettagli

Le prove di carico a verifica della capacità portante, per il collaudo statico strutturale.

Le prove di carico a verifica della capacità portante, per il collaudo statico strutturale. Geo-Controlli s.a.s. Via l. Camerini 16/1 35016 Piazzola sul Brenta (PD) Italy P.I. e C.F. 04706820281 Tel. +39-049-8725982 Mobile 3482472823 www.geocontrolli.it www.scannerlaser.it www.vibrodina.it Info@geocontrolli.it

Dettagli

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano OGGETTO: Ampliamento scuola primaria di Cisliano - CUP J81E15001290004 PROGETTO PRELIMINARE PER APPALTO INTEGRATO COMPLESSO ai sensi dell art. 53 comma 2 lett. C)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 30 novembre 2010 Tema n. 1 Si descriva l iter burocratico e gli adempimenti da ottemperare per l ottenimento dell autorizzazione all edificazione di un edificio residenziale. Si

Dettagli

barriera stradale di sicurezza in acciaio PAB H2 TE classe H2 - bordo laterale ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SU RILEVATO

barriera stradale di sicurezza in acciaio PAB H2 TE classe H2 - bordo laterale ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SU RILEVATO barriera stradale di sicurezza in acciaio PAB H2 TE classe H2 - bordo laterale ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SU RILEVATO A) Operazioni preliminari 1. Lo scarico degli elementi della barriera stradale

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo ing. Nicola Mazzei Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni Innovhub - Stazioni Sperimentali per l Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 mazzei@ssc.it 1

Dettagli

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI...

INDICE. 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Dimensionamento della rete... 3 IMPIANTO SMALTIMENTO ACQEU 4 VERIFICHE, COLLAUDO E CERTIFICAZIONI... Pagina 1 di 6 1. PREMESSA La presente relazione intende

Dettagli

Spett. le Comune di Xxxxxx

Spett. le Comune di Xxxxxx Spett. le Comune di Xxxxxx OFFERTA n 28/13 Breganze, 05/02/2013 C.A. Xxxxx Xxxxx Oggetto: Indagini varie su Magazzino-Ufficio Tecnico, Scuola Media, Scuola Elementare, Palestra e Municipio di Xxxxxx (XX)

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Consolidamento di scarpate TECCO con il nuovo clip di congiunzione T3

Consolidamento di scarpate TECCO con il nuovo clip di congiunzione T3 Consolidamento di scarpate TECCO con il nuovo clip di congiunzione T3 Giunzione di teli di rete TECCO G65/3 con il nuovo clip di congiunzione T3 Documentazione tecnica / aprile 2009 Documentazione tecnica

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO Z.I. VILLARODE- BASTARDO - GUALDO CATTANEO (PG)

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO Z.I. VILLARODE- BASTARDO - GUALDO CATTANEO (PG) COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO Z.I. VILLARODE- BASTARDO - GUALDO CATTANEO (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

PROVA DI CARICO STATICA CENTINA ASSIEMATA COMMESSA 1820 STABILIMENTO E.M.E. URSELLA S.p.a VIA DEI MULINI BUJA (UD)

PROVA DI CARICO STATICA CENTINA ASSIEMATA COMMESSA 1820 STABILIMENTO E.M.E. URSELLA S.p.a VIA DEI MULINI BUJA (UD) PROVA DI CARICO STATICA CENTINA ASSIEMATA COMMESSA 1820 STABILIMENTO E.M.E. URSELLA S.p.a VIA DEI MULINI BUJA (UD) PROVA n. 3288/TV 26 marzo 2014 Committente : Relatore : E.M.E. URSELLA S.p.a. geom. Morris

Dettagli

S P A Z I O R I S E R V A T O AG L I U F F I C I C O MU N AL I

S P A Z I O R I S E R V A T O AG L I U F F I C I C O MU N AL I Modello 11 S P A Z I O R I S E R V A T O AG L I U F F I C I C O MU N AL I R e g. Attestazione del versamento di. 40,00 per diritti di segreteria da effettuare al momento della presentazione MARCA DA BOLLO

Dettagli

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale... CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...) Il progetto architettonico delle opere in collaudo per

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO

CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL GAS E REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO NEL COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO RELAZIONE TECNICA CONSULTIVA, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Ing. Stefano Di Sangro REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE

Ing. Stefano Di Sangro REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE Studio di Ingegneria Stefano Di Sangro CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI Provincia di Teramo PIANO REGIONALE TRIENNALE TUTELA E RISANAMENTO AMBIENTALE 2006/2008 ART. 225 L.R. N. 15 DEL 26.04.04 INSTALLAZIONE

Dettagli

PROCEDURE PER ALLACCIAMENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SCAMBIO SUL POSTO CON POTENZA 20 kw

PROCEDURE PER ALLACCIAMENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SCAMBIO SUL POSTO CON POTENZA 20 kw Comune di Isera AZIENDA SERVIZI COMUNALI ISERA Via A. Ravagni n. 8-38060 ISERA Cod. Fisc. e P. IVA 00203870225 Tel. 0464 487096 / Fax 0464 401430 e-mail aziendaservizi@comune.isera.tn.it PROCEDURE PER

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI: SCAFA PROVINCIA DI: PESCARA OGGETTO: Piano Scuole Abruzzo il Futuro in Sicurezza edificio scolastico c.so I Maggio Scuola Elementare. Intervento indicato al n.132 dell allegato al D.C.D. n.

Dettagli

Descrizione Tecnica Gamma Scan LB128 RIFIUTI OSPEDALIERI RIFIUTI URBANI TRATTAMENTO ROTTAMI METALLICI PORTALE PER LA RILEVAZIONE DELLA RADIOATTIVITA

Descrizione Tecnica Gamma Scan LB128 RIFIUTI OSPEDALIERI RIFIUTI URBANI TRATTAMENTO ROTTAMI METALLICI PORTALE PER LA RILEVAZIONE DELLA RADIOATTIVITA Descrizione Tecnica Gamma Scan LB128 RIFIUTI OSPEDALIERI RIFIUTI URBANI TRATTAMENTO ROTTAMI METALLICI PORTALE PER LA RILEVAZIONE DELLA RADIOATTIVITA Gamma Scan LB112 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA Berthold

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 34086 Pag. 1/8. Richiedente: OTTO s.n.c. via Belle, 24C

RAPPORTO DI PROVA N. 34086 Pag. 1/8. Richiedente: OTTO s.n.c. via Belle, 24C RAPPORTO DI PROVA N. 34086 Pag. 1/8 Richiedente: OTTO s.n.c. via Belle, 24C 35042 ESTE (PD) Domanda di prova: 19 Ottobre 2011 Materiale: sistemi modulari galleggianti prodotti da OTTO composti da elementi

Dettagli

CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO CERTIFICATO COLLAUDO STATICO COMUNE DI PROVINCIA DI BRINDISI COLLAUDO DELLE STRUTTURE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO D.P.R. n 380/01 s.m.i. art. 67 Lavori: Costruzione Progettista architettonico: con

Dettagli

Provincia di Pesaro e Urbino

Provincia di Pesaro e Urbino Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino OGGETTO: VENDITA DI LOTTI EDIFICABILI UBICATI NELL AREA DI PROPRIETÀ COMUNALE DESTINATA DALLO STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE AD UN AREA PROGETTO PREVALENTEMENTE

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

Cantieri di cui al titolo IV del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Nota sull intervento delle aziende distributrici di pubblici servizi.

Cantieri di cui al titolo IV del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Nota sull intervento delle aziende distributrici di pubblici servizi. Pagina 1 di 7 Cantieri di cui al titolo IV del D. Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Nota sull intervento delle aziende distributrici di pubblici servizi. Lo scopo della presente nota è quello di fissare alcuni criteri

Dettagli

CAL-601001. Estensimetro ad Aste. www.pizzi-instruments.it. Strumenti e Sistemi di Monitoraggio Geotecnico e Strutturale

CAL-601001. Estensimetro ad Aste. www.pizzi-instruments.it. Strumenti e Sistemi di Monitoraggio Geotecnico e Strutturale Estensimetro ad Aste Estensimetro ad Aste Descrizione _ Gli estensimetri ad asta, consentono di monitorare e misurare con precisione i movimenti di uno o più punti punti ancorati a diverse profondità in

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE danielemanni architetto COMMITTENZA: DOMUS VIVENS SRL RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE OGGETTO: PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA E RICONVERSIONE DI ATTIVITA (D.P.R.

Dettagli

Per ACCETTAZIONE dell incarico da parte dell impresa di costruzioni:

Per ACCETTAZIONE dell incarico da parte dell impresa di costruzioni: 4) NOMINA DEL COSTRUTTORE Il sottoscritto Committente delle opere in oggetto, dichiara che: 4.1) I LAVORI SARANNO AFFIDATI ALLA DITTA APPALTATRICE Il sottoscritto Committente delle opere in epigrafe comunica

Dettagli

ALLEGATO n. 1 K PROGETTO DEFINITIVO. Sistema di stoccaggio ed alimentazione. rifiuti speciali Fax : 055 8323024. Page : 1/10. Numéro du document

ALLEGATO n. 1 K PROGETTO DEFINITIVO. Sistema di stoccaggio ed alimentazione. rifiuti speciali Fax : 055 8323024. Page : 1/10. Numéro du document Page : 1/10 50069 Sieci Pontassieve (F) IMPIANTO I CIPRESSI DDC 5226 S 0022 A Sistema di stoccaggio ed alimentazione rifiuti speciali ALLEGATO n. 1 K Page : 2/10 50069 Sieci Pontassieve (F) IMPIANTO I

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E PUNTO RISTORO

Dettagli

Tecnologia made in Italy

Tecnologia made in Italy cemento & calcestruzzo Zoom su un progetto internazionale Tecnologia made in Italy Marco Costa L impresa Pizzarotti partecipa alla realizzazione, a Marsiglia, di un importante terminal per la ricezione

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

UFFICI GIUDIZIARI MANUTENZIONE STRAORDINARIA - SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE: ASCENSORE DI VIA MAZZINI

UFFICI GIUDIZIARI MANUTENZIONE STRAORDINARIA - SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE: ASCENSORE DI VIA MAZZINI UFFICI GIUDIZIARI MANUTENZIONE STRAORDINARIA - SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE: ASCENSORE DI VIA MAZZINI R E L A Z I O N E I L LU S T R A T I V A **************************** PREMESSA Il Comune di

Dettagli

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Edificio 4 Orto di San Matteo Relazione Tecnica CLIENTE: Comune di Castelfranco di Sotto CODICE OFFERTA: PROPONENTE Toscana

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP Tipo dell aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto

ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto Procedura aperta per la fornitura di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti. ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto CONTENITORE 360 LITRI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI

Dettagli

Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20

Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VICENZA Doc. B Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20 Delibera del Consiglio: 25/11/2010 In vigore dal: 02/05/2011 1. Il presente

Dettagli

Situazione finanziamenti edilizia al settembre 2004 e proposta di revisione programma

Situazione finanziamenti edilizia al settembre 2004 e proposta di revisione programma Situazione finanziamenti edilizia al settembre 2004 e proposta di revisione programma premessa Il programma triennale 2004-2006 è stato impostato confidando nella stima della concessione dei finanziamenti

Dettagli

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI 23/09/2013 Tipologie LE FONDAZIONI? 1 23/09/2013 FUNZIONE DELLE FONDAZIONI Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi agenti sull edificio. Il sedime

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

PROPERTY e ASSET MANAGEMENT

PROPERTY e ASSET MANAGEMENT 01 IVIO GENERALE PATRIMONIO Sistema di Gestione per la qualità Analisi giuridica Analisi giuridica Titolo e contratto di provenienza Pesi e Servitù gravanti Contratti o concessioni correlate Terreno Immobile

Dettagli

Residenze Universitarie Via Monnorret, 1 Milano Cantiere Leggero

Residenze Universitarie Via Monnorret, 1 Milano Cantiere Leggero Il solaio a piastra alleggerito: Leggero e bidirezionale, ampi spazi liberi, sicurezza sismica, velocità di posa, utilizzo consapevole delle risorse. Residenze Universitarie Via Monnorret, 1 Milano Cantiere

Dettagli

Relazione Tecnica. Premessa

Relazione Tecnica. Premessa Premessa L analisi termoflussimetrica viene adottata per verificare la trasmittanza termica di una struttura opaca verticale esistente. Scopo del presente documento è di illustrare i risultati di un indagine

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401)

BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401) BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401) Livello di contenimento Risultati H2 Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Posizione laterale estrema del veicolo B W4 (1,3 m)

Dettagli

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture S.r.l. Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture DESCRIZIONE L uso dei rinforzi FRP SYTEM per il consolidamento di strutture in c.a., murature, legno e acciaio

Dettagli

KAPPAZETA AKTIV CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI

KAPPAZETA AKTIV CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI 2013 Consolidamento fondazioni di un edificio di culto sito nel Comune di ROCCABIANCA (PR). KAPPAZETA S.P.A. ha consolidato e stabilizzato con la collaborazione dell Impresa Bolsi le fondazioni della Chiesa

Dettagli

CERTIFICATO DI IDONEITÀ STATICA

CERTIFICATO DI IDONEITÀ STATICA CERTIFICATO DI IDONEITÀ STATICA AI FINI DELL'ATTESTAZIONE DELLA SUSSISTENZA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA - ART. 24 T.U.E. (PER OPERE NON SOGGETTE A DENUNCIA C.A. ART. 65 T.U.E.) E AI SENSI ART. 35 LEGGE

Dettagli

CALCOLO DI PARAPETTO ARENA 2,00 X 4,00 ml.

CALCOLO DI PARAPETTO ARENA 2,00 X 4,00 ml. CALCOLO DI PARAPETTO ARENA 2,00 X 4,00 ml. SIXTEMA S.r.l. Loc. Mezzano Passone, 11 26846 Corno Giovine (LO) Italy tel-fax +39 0377 69370 r.a. info@sixtema-line.com sixtema-line.com 1) PREMESSE: La presente

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 120234-R-4182

RAPPORTO DI PROVA 120234-R-4182 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO CASI DI STUDIO

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO CASI DI STUDIO SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO Paolo Panzeri MILANO - maggio 2007 a.a. 2006-07 Eseguite sulle strutture

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

Sommario. Relazione impianto idrico - fognario

Sommario. Relazione impianto idrico - fognario Relazione impianto idrico - fognario Sommario 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 2 2. RETE ADDUZIONE ACQUA... 2 3. SISTEMA PER IL RECUPERO DELL ACQUA PIOVANA PER USI INDOOR... 3 4. PRODUZIONE DI ACQUA CALDA

Dettagli

Elenco delle Unità strutturali. Strutture di fondazione Sono previste al piano terra dell area 1. Travi di fondazione in acciaio.

Elenco delle Unità strutturali. Strutture di fondazione Sono previste al piano terra dell area 1. Travi di fondazione in acciaio. INDICE 1 PREMESSA... 2 2 PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (art. 10.1 DM 14/01/2008)... 3 3 MANUALE D'USO... 6 4 MANUALE DI MANUTENZIONE... 7 5 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 9 1 PREMESSA Il piano di

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema

SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema SymCAD/C.A.T.S. modulo Canali Schema Il modulo Ventilazione Standard permette di effettuare la progettazione integrata (disegno e calcoli) in AutoCAD di reti di canali aria (mandata e ripresa). Il disegno

Dettagli

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Pulizia, manutenzione e collaudo delle reti idiriche Gli impianti idraulici prima di essere consegnati all utente devono essere ripuliti

Dettagli

PROVE PER LA DETERMINAZIONE DEI MODULI DI DEFORMAZIONE M d E M d M PROVA DI CARICO A DOPPIO CICLO CON PIASTRA CIRCOLARE<

PROVE PER LA DETERMINAZIONE DEI MODULI DI DEFORMAZIONE M d E M d M PROVA DI CARICO A DOPPIO CICLO CON PIASTRA CIRCOLARE< 2.5.17 PROVA SU PIASTRA Md Pag. 1 di 4 PROVE PER LA DETERMINAZIONE DEI MODULI DI DEFORMAZIONE M d E M d M PROVA DI CARICO A DOPPIO CICLO CON PIASTRA CIRCOLARE< 1. Scopo Lo scopo della prova è quello di

Dettagli

Sistema di Montaggio Est-Ovest. Pacchetto informativo

Sistema di Montaggio Est-Ovest. Pacchetto informativo Sistema di Montaggio Est-Ovest Pacchetto informativo Sistema di Montaggio Est-Ovest Indice Il sistema di montaggio 100/10...3 Specifiche tecniche...4 Guida rapida di riferimento...5 3 passagi per il vostro

Dettagli

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL ARCHITETTURA 2A prof. Renato Giannini Relazione ed elaborati di progetto per il solaio (arch. Lorena Sguerri) Relazione di calcolo Predimensionamento e analisi dei carichi

Dettagli