PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI MONOCRATICHE E COLLEGIALI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI MONOCRATICHE E COLLEGIALI."

Transcript

1 TRIBUNALE DI TERAMO PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI TERAMO CONSIGLIO ORDINE FORENSE DI TERAMO PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI MONOCRATICHE E COLLEGIALI.

2 TRIBUNALE DI TERAMO Protocollo per la gestione delle udienze penali monocratiche e collegiali. 1. (L 'orario d'inizio dell 'udienza). L'udienza penale, sia monocratica sia collegiale, inizia di regola alle ore Nel rito collegiale, il pubblico dibattimento può essere preceduto dalla celebrazione dei procedimenti urgenti in camera di consiglio. "L'ufficiale giudiziario o chi ne esercita le funzioni deve trovarsi nell'aula prima che cominci l'udienza" ( art. 21 del regolamento per l'esecuzione del C.P.P.). L'ufficiale giudiziario apre quindi l'aula alle ore 8.45 e cura l'afflusso delle parti, degli ausiliari del giudice e dei testimoni, identificando questi ultimi. 2. (La durata dell 'udienza). L'udienza penale, nel rito monocratico come in quello collegiale, è organizzata dal giudice in modo che abbia una prevedibile durata di non meno di 5,00 ore effettive ( ) e in modo che non si protragga oltre le ore (con una sospensione tra le e le 15.00), fatte salve le esigenze dei processi con imputati detenuti e la particolare necessità che si presenti di completare la trattazione di un procedimento o di una sua fase. I1 giudice organizza la prevedibile durata dell'udienza anche con riguardo alle esigenze della cancelleria, ove tempestivamente segnalate. 3. (Il ruolo d'udienza) I1 giudice fa affiggere il ruolo sulla porta dell'aula d'udienza e nella bacheca della Cancelleria della Sezione entro le ore del giorno precedente l'udienza (art. 20 D.M n. 334). I difensori ed il pubblico ministero possono chiedere che venga loro rilasciata copia. I1 ruolo è compilato in modo da non ingenerare equivoci. Sono perciò indicati il rito (monocratico, collegiale, camerale), la data dell'udienza, il collegio o il nome del magistrato, l'aula in cui si terrà l'udienza e, per ogni processo, il numero del registro generale del Tribunale, il numero del registro generale notizie di reato, il nome degli imputati, quello della parte civile e del difensore, l'ora prima della quale il processo non sarà chiamato, nonché, ove possibile, ogni altra utile indicazione.

3 I1 ruolo, quando gli impegni del giudice e della Cancelleria lo rendono possibile, contiene la sommaria indicazione delle attività processuali da svolgersi nel singolo processo (es.: "per discussione", "per istruttoria senza discussione", "per formalità di apertura"). 4. (La fissazione dell 'udienza di prima comparizione). I giudizi dibattimentali ordinari sia di rito collegiale che monocratico, sia a citazione diretta che provenienti da udienza preliminare, sono fissati in prima comparizione negli orari e nelle date indicate nelle tabelle di organizzazione dell'ufficio approvate dal CSM (punto ). I1 carico dei flussi in entrata sui singoli ruoli è regolato, ai sensi degli artt. 132 e 160 disp. att. cpp, dal Presidente del Tribunale o da suo delegato, sulla base delle pendenze sul ruolo stesso. 5. (I1 contenuto dell 'udienza di prima comparizione) L'udienza di prima comparizione, sia nel rito monocratico sia nel rito collegiale, con eccezione dei giudizi con imputato detenuto (anche agli arresti domiciliari) e salvo quanto previsto nel successivo art. 6, è dedicata alla sola verifica della regolare costituzione delle parti, alla discussione delle questioni preliminari, alle formalità di apertura del dibattimento, all'ammissione delle prove, alla definizione dei giudizi per ragioni processuali, di prescrizione o per applicazione della pena su richiesta ex art. 444 C.P.P., nonché alla definizione dei giudizi di rito abbreviato non condizionato all'assunzione di prove e che non si presenti di particolare complessità. In tale udienza, di regola, non si assumono prove, né si dà corso all'esame di imputati, periti o consulenti tecnici. Per tale ragione le parti non citano i testimoni e i propri consulenti tecnici e il giudice non ne autorizza la citazione. I1 giudice, ove in prima comparizione abbia comunque la presenza di testimoni, periti e consulenti tecnici, sull'accordo delle parti pubbliche e private, potrà procedere all'istruttoria: questa di regola si svolgerà dopo la trattazione di tutti gli altri giudizi. 6. (La parte offesa e l 'udienza di prima comparizione) P.M. e G.U.P. inseriscono in calce ai decreti di citazione a giudizio il seguente avviso: "la persona offesa è citata a comparire alfine di consentirle, ove lo ritenga opportuno e previa nomina di un difensore, di costituirsi parte civile per chiedere le restituzioni ed il risarcimento del danno. L'audizione come teste verrà effettuata, se del caso, con distinta citazione a cura delle parti che vi hanno interesse'. J La persona offesa, qualora, nonostante l'avviso di cui sopra, si presenti all'udienza di prima comparizione, è in ogni caso escussa se detenuta, portatrice di handicap, in stato di gravidanza o di allattamento, ultrasettantenne o se provenga da Regione diversa dall'abruzzo o dalla provincia di Ascoli Piceno. Parimenti è escussa quando l'imputato è detenuto. Viene altresì sentita quando il giudice ritiene che gli interessi della parte civile costituita possano essere seriamente pregiudicati anche da un breve rinvio. In tale ultimo caso, il giudice di regola assume la testimonianza della persona offesa dopo la trattazione di tutti gli altri procedimenti di prima comparizione per i quali gon deve essere svolta istruttoria.

4 7. (I rinvii delle udienze) I processi sono sempre rinviati dal giudice con indicazione d'orari differenziati per 3 fasce: h. 9.00, h , h Nel formare il ruolo, il giudice tiene conto delle fasce d'orario di cui sopra, nonché della prevedibile durata complessiva dell'udienza secondo i criteri indicati al precedente art. 2. L'orario indicato nell'ordinanza di rinvio comunica l'ora prima della quale il processo non sarà chiamato. I1 rinvio di un giudizio senza l'indicazione dell'ora, s'intende fatto per le ore Nel rinviare i giudizi per istruttoria, il giudice riserva le fasce di prima mattina ai giudizi di più spedita trattazione, e quelle di tarda mattina per i dibattimenti di durata prevedibilmente più lunga. Nel rinviare i giudizi per la sola discussione, il giudice fissa l'orario dell'udienza tenendo conto della prevedibile durata della stessa e della camera di consiglio, e comunque, preferibilmente, non nella prima fascia oraria. In ogni caso, il giudice cercherà per quanto possibile, di assicurare il principio di continuità nella trattazione del procedimento da parte dello stesso Sostituto Procuratore della Repubblica. 8. (I criteri di priorità nel1 'ambito delle singole fasce). Nell'ambito delle singole fasce, in ogni modo nella effettiva trattazione, il giudice dà la precedenza ai processi con imputati detenuti (anche se per reato diverso da quello per cui si procede), a quelli affetti da nullità, irregolarità della notificazione o altre evenienze processuali (legittimo impedimento a comparire dell'imputato o del difensore, intervenuta remissione di querela, difetti di procedibilità, già maturata prescrizione del reato ecc.) che determinino l'immediata definizione o il differimento del giudizio. Nell'ambito di ciascuna fascia oraria, e in deroga all'ordine dei processi fissato nel ruolo, il giudice tratta con precedenza, nell'ordine, i giudizi per i quali siano presenti parti private, testimoni o dichiaranti che siano: detenuti, portatori di handicap, in stato di gravidanza o di allattamento, ultrasettantenni o provenienti da Regioni diverse dall'abruzzo o dalla provincia di Ascoli Piceno. Tali situazioni particolari saranno segnalate dagli interessati all'ufficiale giudiziario, che le sottoporrà senza ritardo al giudicante. Nell'ambito di ciascuna fascia oraria, esauriti i giudizi di cui al precedente comma e in deroga dall'ordine indicato nel ruolo, il giudice tratta con precedenza, nell'ordine, i giudizi in cui intervenga remissione (e relativa accettazione) di querela, istanza di rinvio per legittimo impedimento dell'imputato o del difensore, istanza di "patteggiamento" o istanza di giudizio abbreviato. In tale ultimo caso, ove si tratti di processo la cui definizione comporti uno studio di atti di una qualche complessità, ammesso il rito abbreviato, il giudice rinvia la discussione del processo ad altra udienza, oppure, sentiti il Pubblico Ministero, il difensore e il cancelliere, la differisce nell'ambito della medesima giornata ma all'esito della trattazione

5 Nell'udienza, il giudice - esauriti i criteri di cui ai commi precedenti - anticipa all'intemo della stessa fascia oraria o posticipa un giudizio in ragione di documentati e concomitanti impegni dei difensori. Il rispetto degli impegni del difensore deve essere in ogni caso contemperato con le esigenze del Pubblico Ministero, degli altri avvocati, delle parti private e dei testimoni, anche se interessati a processi diversi da quello per cui è chiesta l'anticipazione o il differimento. 9. (Udienze con imputato detenuto) Nella gestione della udienza, il giudice evita in ogni caso che l'imputato detenuto debba stazionare a lungo in aula. In aula, il detenuto attende la chiamata del suo processo libero nella persona. Ove siano necessarie cautele per prevenire il pericolo di fuga o di violenze, attende la chiamata del giudizio nel quale deve intervenire, anche come testimone, dichiarante o parte offesa, nei locali di sicurezza. 10. (La presenza del difensore d'ufficio). I1 giudice deferisce al Consiglio dell'ordine, senza eccezioni, il difensore d'ufficio nominato ex art O comma C.P.P. che, senza addurre giustificazioni, non si presenti in udienza (Sul comportamento in udienza) I pubblici ministeri, i difensori, gli assistenti d'udienza e gli ufficiali giudiziari hanno l'obbligo di indossare la toga. P.M., difensori e parti private possono accedere alla camera di consiglio esclusivamente per la celebrazione di giudizi sottoposti a rito camerale. Nel corso dell'udienza dibattimentale, il pubblico ministero e i difensori conferiscono con il giudice con modalità tali da consentire l'ascolto a tutti i presenti. L'Ufficio del P.M. deve essere costantemente rappresentato in aula. I1 pubblico ministero che abbia necessità di assentarsi - ad es. nel corso della discussione o della camera di consiglio - deve farsi sostituire da altro rappresentante (anche onorario) dell'ufficio, per garantire la disciplina dell'udienza ex art. 470 C.P.. Ai giudizi si assiste in silenzio, senza manifestazioni di assenso o dissenso. E' vietato l'uso dei telefoni cellulari che devono essere tenuti spenti o con disattivazione dell'avviso sonoro di chiamata. Nelle adiacenze dell'aula di udienza, i presenti parlano a bassa voce ed evitano rumori molesti. 12. (Le motivazioni contestuali). I1 giudice evita le motivazioni contestuali di complessa o non breve stesura, salvo che la sentenza riguardi l'ultimo orocesso e non si suoerino i limiti orari indidati nell'art. 2.

6 13. (La comunicazione dei rinvii). Ove il rinvio di un processo sia per qualsivoglia ragione certo sin dai giorni precedenti l'udienza, il giudice ne informa appena possibile i difensori ed il pubblico ministero a mezzo della Cancelleria, senza formalità, anche per via telefonica o telematica. 14. (Il patrocinio a spese dello stato). I difensori, quando non ne derivi danno per loro o per l'assistito, presentano l'istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato in cancelleria almeno 3 giorni prima dell'udienza, sempre compatibilmente con il conferimento dell'incarico. La liquidazione del patrocinio a spese dello Stato avviene in udienza se presentato con riferimento alle 20 (venti) tabelle allegate al presente protocollo, ed alla relativa modulistica costituita da 7 (sette) schede pure esse allegate (Estensione al1 'udienza G UP). All'udienza GUP si applicano le disposizioni dianzi indicate compatibilmente con le caratteristiche peculiari dell'udienza in questione, stabilendosi un orario nel decreto di fissazione orientativo (dalle ore 9,00 alle 12,OO) per i proc. pen. ordinari e di verosimile non complessa trattazione ed un orario, invece, ben preciso (dalle ore 12,OO in poi) per i proc. pen. complessi, potendo, comunque, l'ordine di trattazione subire variazioni per sopravvenienze concernenti imputati detenuti ovvero procedimenti o processi con carattere di urgenza. 16. (L 'aggiornamento del protocollo). Entro il 15 ottobre di ogni anno, il Presidente del Tribunale, dopo le opportune consultazioni con l'associazione Nazionale Magistrati, con il Consiglio dell'ordine forense e con la Camera Penale, può indire un incontro aperto agli avvocati, ai magistrati inquirenti e giudicanti, al dirigente della Cancelleria penale e al personale che presta assistenza alle udienze, al fine di raccogliere osservazioni e proposte ed eventualmente formare un Commissione di lavoro che apporti al presente Protocollo le variazioni ritenute opportune. Teramo, 26 agosto I1 Presaente del Tribunale Sono allegate nr. 20 (venti) ta spese dello Stato, 7 (sette) moduli per istanze di liquidazione, con relativo modulo di liquidazione ed 1 (una) tabella riassuntiva.

7 Onorari dei difensori dei cittadini non abbienti ammessi al ~atrocinio a mese dello Stato. dei difensori d'ufficio e di persona irreperibile "". Tipologia giudizio Parcella Giudizio che si conclude con richiesta di applicazione Dena Giudizio per convalida e direttissimo Giudizio ordinario che si conclude in due udienze 3 bis Giudizio ordinario che si conclude in due udienze con imputato latitante o irreperibile Giudizio ordinario che si conclude in tre udienze 4 bis F 5 bis 6 bis 7 bis t 10 bis Giudizio ordinario che si conclude in tre udienze con imputato latitante o irreperibile Giudizio ordinario che si conclude in quattro udienze Giudizio ordinario che si conclude in quattro udienze con im~utato latitante o irreoeribile Giudizio abbreviato Giudizio abbreviato con procura Incidente di esecuzione avanti al Tribunale collegiale Incidente di esecuzione avanti al Tribunale collegiale con imputato latitante o irreperibile Incidente di esecuzione avanti al Tribunale IMPORTO COMPLESSIVO 633,38 590, , , ,25 856,12 731, ,87 568,12 monocratico Incidente di esecuzione avanti al Tribunale 534,37 monocratico con im~utato latitante o irreveribile I Incidente di esecuzione de plano avanti al Tribunale 345,37 collegiale Incidente di esecuzione de plano avanti al Tribunale 304,87 collegiale con imputato latitante o irreperibile Incidente di esecuzione de plano avanti al Tribunale 275,62 monocratico Incidente di esecuzione de plano avanti al Tribunale monocratico con imvutato latitante o irreoeribile Giudizio su misura di prevenzione promosso a seguito di istanza del difensore. Giudizio su misura di prevenzione promosso a seguito di istanza del Pubblico Ministero

8 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio di applicazione della pena su richiesta Esame e studio in occasione della prima sessione (voce 2 della tariffa penale) Informativa con il cliente in occasione della orima sessione ( voce 1.2 della tariffa ~enale ) I Esame e studio in occasione della notifica dell'avviso di conclusione delle indagini (voce 2 della I tariffa penale) Esame e studio in occasione della notifica del decreto di citazione a giudizio (voce 2 della tariffa penale) Esame e studio per la redazione dell'istanza di applicazione pena ( voce 2 della tariffa oenale ) Redazione istanza di applicazione pena (voce 7.2 della tariffa penale) Esame e studio in occasione dell'udienza (voce 2 della tariffa penale ) Informativa fuori studio con il PM per concordare il patteggiamento (voce 1.3 della tariffa I oenale I I Partecipazione ail'udienza ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine alla richiesta preliminare di patteggiamento svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa oenale ) I Indennità di accesso e di attesa ~ edette r (voce 4 della tariffa ~enale Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 "0 di 563,OO 'TO'TAI,I? ciiio f, ,OO ') I 'Y~III<, p ~ kqgc r 1 N.H.: Nella determinazione degli onorari si i. fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari niccli (massimo liquidabilc ex art. 82 1>1)1< 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procccliniciiti di compctcnza del tribunalc in composizione moiiocratica, con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa ti)rciisc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione nionocratica..563,00 70, ,38 I Aw. (Avv. Divina

9 & -- Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio ovvero in seguito alla nomina a difensore d'ufficio secondo modello predisposto dal Tribunale e dall'ordine Forense di Teramo, relativa a giudizio direttissimo Informativa: colloquio telefonico con la Polizia Giudiziaria ( voce 1.1 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione della prima sessione (voce 2 della tariffa penale ) Informativa con il cliente in occasione della prima sessione (voce 1.3 deila tariffa penale ) Esame e studio in occasione deil'udienza di convalida ( voce 2 della tariffa oenale > 9, I Informativa con il cliente in occasione del1 7 udienza di convalida ( voce 1.3 della I 1 tariffa penale ) Partecipazione all'udienza di convalida ( voce 6.1 della tariffa penale ) I Informativa con il PM per concordare il pattemamento ovvero per concordare il rito abbreviato (voce 1.3 della tariffa penale) Partecipazione all'udienza con rito direttissimo ( voce 6.1 della tariffa penale ) Onorari per la discussione orale awenuta all'udienza con rito direttissimo ( voce della iariffa ~enale Indennità di accesso e di attesa per dette (voce 4 deila tariffa penale ) e così in totale Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 % di 525,00 e così in totale 'I'O'I'Al~E e11ro C 60,OO 60,OO ) I ,OO.52.1,00 65, =5!1!Uj2 ijltrc lv:\ e CAP 01nc Ilci. lqqc N.B.: Nella dctcrniina~ionc degli onorari si C fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabilc cx art. 83 1)1'1< 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti iiclla tariffa forcnsc per i procedimenti di competenza del tribunale in composizionc monocratica, con la prccisazionc chc si i. applicata la nuova tariffa forense in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di compctcnza del tribunalc in composizione monocrarica. I Aw.

10 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dallyordine Forense di Teramo, relativa a giudizio ordinario che si conclude in due udienze (una di ammissione prove ed una di istruttoria) Esame e studio in occasione della prima sessione (voce 2 della tariffa penale ) Informativa con il cliente in studio in occasione della prima sessione (voce 1.2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione della notifica dell'awiso di conclusione delle indagini preliminari (voce 2 della tariffa ~enale ) Esame e studio in occasione della notifica del decreto di citazione a giudizio (voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa oenale ) I Informativa in studio con il cliente in occasione dell'udienza (voce 1.2 della tariffa ~enale ') Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) I Per l'esercizio deìi'attività difensiva in ordine alla richiesta di contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento, svolta all'udienza I (voce 6.2 deìia tariffa penale ) 124,OO Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Erteci~azione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa ~enale ) I Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del PM svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa ~enale ) Onorari per la discussione orale awenuta all'udienza del (voce 6.3 deìia tariffa penale ) Indennità di accesso e di attesa per dette (voce 4 della tariffa penale ) Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 9'0 di 790,00 170,OO 70,OO 7 YUJ)!) 98,75 I TOTALE curo C 888,75 N.H.: Nella dctcrminazione degli onorari si i. fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabi1c ex art. 82 1)I'R 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di compctcnza del tribunale in composizionc monocratica, con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa forcnsc in vigorc dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizionc monocratica. 111trt l\.l (, <.,Ai1 winr p r Icgp IL PRESIDENTE

11 NO3 bis Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla nomina a difensore d'ufficio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio ordinario che si conclude in due udienze (una di ammissione prove ed una di istruttoria) con imputato irreperibile (anche di fatto) o latitante Esame e studio in occasione deila prima sessione ( voce 2 deila tariffa penale) Esame e studio in occasione della notifica dell'awiso di conclusione delle indagini - preliminari (voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione deila notifica del decreto di citazione a giudizio ( voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine aila richiesta di contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento, svolta all'udienza ( voce 6.2 della tariffa oenale 'I I Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa oenale ') I Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal Phi owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del PM svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa penale ) 124,OO Onorari per la discussione orale avvenuta all'udienza del (voce 6.3 della tariffa penale) 170,OO Indennità di accesso e di attesa per dette ( voce 4 della tariffa penale ) 70,OO Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense oari al 12.5 '/O di I H21Ji I'O'I'Al.I< curo C 821,2.5 oltrv 11'4 t (,Il' IN r kqgt N.H.: Nella detcrminazioiic degli onorari si i. fatto riferimento al valore mcdio comprcso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 1>1'1< 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i proccdimciiti di competenza del tribunale in composizione monocratica, con la prccisazionc che si i. applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione rnonocratica. Avv. 1L PRESIDENTE

12 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio ordinario che si conclude in tre udienze (una di ammissione prove e due di istruttoria) Esame e studio in occasione della prima sessione ( voce 2 della tariffa penale ) Informativa con il cliente in studio in occasione della prima sessione ( voce 1.2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione della notifica dell'awiso di conclusione delle indagini prehnari - ( voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione della notifica del decreto di citazione a giudizio (voce 2 della I tariffa ~enale I I Esame e studio in occasione dell'udienza f voce 2 della tariffa ~enale ) I Informativa in studio con il cliente in occasione dell'udienza ( voce 1.2 della tariffa ~enale Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio deli'attività difensiva in ordine alla richiesta di contro esame dei testi indotti dal I PM ovvero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento, svolta d'udienza I I ( voce 6.2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) 124,OO Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM ovvero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del Phl svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa ~enale 1 Esame e studio in occasione dell'udienza (voce 2 della tariffa ~enale ) I Partecipazione d'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) 16,OO Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del PM I svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa penale ) 124,OO Onorari per la discussione orale avvenuta d'udienza del (voce 6.3 della tariffa penale) 170,OO Indennità di accesso e di attesa ~ edette r I voce 4 della tariffa nenale I I I I b borso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense ari al di I 'I'C)'I'ALE euro C <llrll<: [>C' Ii.#xc N.H.: Nella determinazione degli onorari si i. fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 1)1>1< 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica. con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica. 1113, Xw.

13 NO4 bis Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla nomina a difensore d'ufficio secondo modelio predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio ordinario che si conclude in tre udienze (una di ammissione prove e due di istruttoria) con imputato irreperibile (anche di fatto) o latitante Esame e studio in occasione deila prima sessione ( voce 2 deila tariffa penale ) Esame e studio in occasione della notifica dell'awiso di conclusione delle indagini preliminari ( I voce 2 della tariffa ~enale 1 Esame e studio in occasione deila notifica del decreto di citazione a giudizio ( voce 2 deila tariffa ~enale 'I I Esame e studio in occasione deil'udienza ( voce 2 deila tariffa ~enale ) I Partecipazione ail'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio deil'attività difensiva in ordine aila richiesta di contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento, svolta ail'udienza ( voce 6.2 deila tariffa penale ) Esame e studio in occasione deil'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) 124,OO Parteci~azione ail'udienza del ( voce 6.1 della tariffa ~enale 'I I Per l'esercizio deil'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del PM svolta ail'udienza del ( voce 6.2 della tariffa penale Esame e studio in occasione deil'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Partecipazione ail'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in I ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza aila discussione del PM svolta ail'udienza del ( voce 6.2 della tariffa penale ) 124,OO Onorari ~ ela r discussione orale avvenuta all'udienza del (voce 6.3 deila tariffa ~enale) I Indennità di accesso e di attesa per dette ( voce 4 della tariffa penale ) 70,OO 93tl1O0 Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 '/O di 9300,OO 116, ,25 'TOTALE curo f: OItlC JYA l (:41' coriic per Icgxc N.H.: Nella dctcrminazionc degli onorari si C fatto riferimento al valorc medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 I)1)1< 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di competenza del tribunale in composizionc monocratica, con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa forcrisc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica. Avv.

14 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio ordinario che si conclude in quattro udienze (una di ammissione prove e tre di istruttoria) Esame e studio in occasione deila prima sessione ( voce 2 della tariffa penale ) Informativa con il cliente in studio in occasione della prima sessione ( voce 1.2 della tariffa penale ) I Esame e studio in occasione deila notifica deil'awiso di conclusione delle indagini preliminari I I (voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione della notifica del decreto di citazione a giudizio ( voce 2 della I tariffa ~enale I I Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Informativa in studio con il cliente in occasione dell'udienza (voce 1.2 deila tariffa penale ) Partecipazione ail'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio deil'attività difensiva in ordine aila richiesta di contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento, svolta all'udienza I voce 6.2 deila tariffa ~enale ) I Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa ~enale Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ') I I ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del PM I I svolta ail'udienza del ( voce 6.2 deila tariffa penale ) 124,OO Esame e studio in occasione deil'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Parteci~azione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa ~enale ) Per l'esercizio deil'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del PM svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa ~enale ) t~same studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa ~enale ) Partecipazione d'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del Phl 'l. 'rr I svolta ail'udienza del (voce 6.7 Onorari per la discussinne nrale I vnre (i.? Indennità di accesso e di attesa per dette (voce 4 aeua ranrra penale ) I YO,UU I 1.31ti.00 I Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense ari al 12.5 '/O di 'L'O'I'ALE curo ti 1.370,ZS trc IVA e (;AI' coine 1ic.r Iqgc N.H.: Nella determinazione degli onorari si i: fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 l>l'r 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica, con la precisazione che si i: applicata la nuova tariffa forcnse in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica.

15 NO5 bis Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla nomina a difensore d'ufficio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio ordinario che si conclude in tre udienze (una di ammissione prove e due di istruttoria) con imputato irreperibile (anche di fatto) o latitante I Esame e studio in occasione della ~rima sessione I voce 2 deila tariffa ~enale \ Esame e studio in occasione della notifica deii'awiso di conclusione delle indagmi preliminari ( voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione deiia notifica del decreto di citazione a giudizio ( voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Partecipazione aii'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio deii'attività difensiva in ordine aila richiesta di contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento, svolta all'udienza ( voce 6.2 della tariffa ~enale \ I I Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa ~enale ) I Partecipazione aii'udienza del ( voce 6.1 deiia tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed aii'assistenza alla discussione del PM svolta aii'udienza del ( voce 6.2 della tariffa penale ) 124,OO Esame e studio in occasione deii'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Partecipazione aii'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio deii'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed aii'assistenza alla discussione del PM svolta aii'udienza del ( voce 6.2 della tariffa ~enale I Onorari ~ ela r discussione orale avvenuta all'udienza del (voce 6.3 deiia tariffa oenale) Indennità di accesso e di attesa per dette (voce 4 della tariffa penale) 70,OO 9 Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 '/O di , TOTALI: curo f: 1046,25 olirc 1\!A v (:Al' wnic pri. Itggc N.H.: Nella determinazione degli onorari si i. fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 1>1'1< 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabellari stabiliti nella tariffa forensc per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica, con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa forensc in vigorc dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica. Avv.

16 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio abbreviato introdotto dal difensore con procura Esame e studio in occasione della prima sessione ( voce 2 della tariffa penale ) Informativa con il cliente in occasione della ~ r hsessione a voce 1.2 della tariffa ~enale Esame e studio in occasione della notifica dell'awiso di conclusione delle indagini (voce 2 della I -. tariffa penale) Esame e studio in occasione della notifica del decreto di citazione a giudizio (voce 2 della tariffa Redazione della procura per richiedere il rito abbreviato e per la redazione della richiesta di rito abbreviato (voce 7.2 della tariffa ~enale ) Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa ~enale ) I Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Accesso in Cancelleria per estrarre copia del verbale dell'udienza ( voce 4 della tariffa ~enale Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa ~enale ) I Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine all'assistenza alla discussione delle altre parti svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa ~enale ) I Onorari per la discussione orale awenuta all'udienza del ( voce 6.3 della tariffa penale) 170,OO Indennità di accesso e di attesa ~ edette r (voce 4 della tariffa ~enale I ,OO Runborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 '/O di 761,OO 95,12 556,12 'I'O'I'ALE ci1 m N.H.: Nella determinazione degli onorari si i. fatto riferimento al valore mcdio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art )1< 30 maggio 2002 n. 115) e minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forense per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica, con la precisazione che si C applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica. TERAMO (TE), LI... Xw. ohrt 1k.i C AI' < t)ltlc ]?t i i< +!,e(' (Avv. Divinan

17 NO6 bis Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190tdine Forense di Teramo, relativa a giudizio abbreviato Esame e studio in occasione della prima sessione ( voce 2 della tariffa penale ) Informativa con il cliente in occasione della orima sessione ( voce 1.2 della tariffa ~enale ') I Esame e studio in occasione della notifica dell'awiso di conclusione delle indagini (voce 2 della 1 tariffa ~enale'l I Esame e studio in occasione delia notifica del decreto di citazione a giudizio (voce 2 della tariffa nenale) - Esame e studio in occasione deli'udienza (voce 2 della tariffa ~enale 'l I Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 deiia tariffa penale ) Accesso in Cancelleria per estrarre copia del verbale dell'udienza ( voce 4 della tariffa penale I Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa ~enale ') I Partecipazione ali'udienza del ( voce 6.1 delia tariffa penale ) Per l'esercizio deli'attività difensiva in ordine all'assistenza alla discussione delle altre parti svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa ~enale ) Onorari per la discussione orale awenuta ali'udienza del (voce 6.3 della tariffa penale) Indennità di accesso e di attesa ~ edette r ( voce 4 della tariffa ~enale ) I c>.%,oc! Runborso forfetario ex art. 8 delia Tariffa forense pari al 12,5 % di 650,OO 81, I i-i!tllc I>'.' N.H.: Nella determinazione degli onorari si ì. fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 1)PR 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica, con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2001 per i procedimenti di competenza dcl tribunale in composizione nioriocratica. TERAMO (TE), LI Aw. Ic<gC "pmi-dmt (do GiovanniSpi sa)

18 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a incidente di esecuzione con rito collegiale Esame e studio in occasione della prima sessione ( voce 2 della tariffa penale ) Informativa in studio con il cliente ( voce 1.2 della tariffa penale ) 36,OO Esame e studio per le redazione dell'istanza per l'incidente di esecuzione (voce 2 della tariffa penale ) Redazione istanza per l'incidente di esecuzione (voce 7.2 della tariffa penale ) 142,OO Esame e studio in occasione dell'udienza camerale (voce 2 della tariffa penale ) I ~&eci~azione all'udienza del camerale I voce 6.1 della tariffa ~enale I Onorari ~ ela r discussione orale avvenuta all'udienza camerale ( voce 6.3 della tariffa ~enale ) Indennità di accesso e di attesa per dette ( voce 4 della tariffa penale ) 36,OO Esame e studio in occasione della notifica dell'orduianza conclusiva (voce 2 della tariffa penale) I Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense ari al 12.5 O/O di I 'I'O'I',ALG c.ii ro C coine l xr I c ~ ~ c N.B.: Nella determinazione Jcgli onorari si ì: fatto riferimento al valore nicdio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 1)PK 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnse per i procedimenti di compctcnza del tribunale in composizione collcgialc, con la precisazione che si C applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di compctcnza del tribunale in composizione collcgialc. m!)? 671,62

19 P P p~ p~ P NO7 bis Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla nomina a difensote d'ufficio secondo modelio predisposto dal Tribunale e dall'ordine Fotense di Teramo, relativa a incidente di esecuzione con tito collegiale con imputato irreperibile (anche di fatto) o latitante I Esame e studio in occasione deila mima sessione ( voce 2 della tariffa ~enale Esame e studio per le redazione deii'istanza per l'incidente di esecuzione ( voce 2 della tariffa l ) penale > I l'incidente di esecuzione ( voce 7.2 deiia tariffa oenale ') Redazione istanza ~ e r Esame e studio in occasione deii'udienza camerale ( voce 2 deiia tariffa penale ) Partecipazione ail'udienza del camerale ( voce 6.1 della tariffa penale ) Onorari ner la discussione orale avvenuta all'udienza camerale ( voce 6.3 della tariffa nenale > 60,OO Indennità di accesso e di attesa oer dette f voce 4 della tariffa penale ) I I Esame e studio in occasione deiia notifica deli'ordinanza conclusiva (voce 2 della tariffa ~enale) I Runborso forfetario ex art. 8 deiia Tariffa forense pari a1 12,5 '10 di 551,00.551,1)0 68, N.H.: Nella dctcrminazionc degli onorari si C fatto riferimento al valore medio comprcso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 l>l'r 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di compctcnza del tribunale in composixionc collcgialc, con la precisazione che si applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2004 pcr i proccdimcnti di compctcnza del tribunalc in composizione collcgialc. -~ P Aw. IL PRESIDENTE

20 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a incidente di esecuzione con rito monocratico Esame e studio in occasione della prima sessione ( voce 2 deiia tariffa penale ) Informativa in studio con il cliente ( voce 1.2 della tariffa penale ) Esame e studio per le redazione dell'istanza per l'incidente di esecuzione ( voce 2 della tariffa penale ) 30,00 1 Redazione istanza ~ el'incidente r di esecuzione I voce 7.2 deiia tariffa oenale ) I Esame e studio in occasione dell'udienza camerale ( voce 2 deiia tariffa penale ) Partecipazione all'udienza camerale ( voce 6.1 della tariffa penale ) Onorari per la discussione orale awenuta all'udienza camerale ( voce 6.3 deila tariffa penale ) Indennità di accesso e di attesa ~ edette r I voce 4 della tariffa oenale ') Esame e studio dopo la notifica dell'ordinanza conclusiva ( voce 2 della tariffa penale ) Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 '/O di 505,00 TOTALE curo f: N.H.: Nella determinazione degli onorari si i. fatto rifcrimcnto al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 1>1)1t 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di compctcnza dcl tribunalc in coniposizione monocratica, con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di compctcnza del tribunalc in composizione monocratica. %L%!N 63,12 5_8,!2 568J2 oi1sc l\?>\ v (Al' ciinic pvi- Icypv Aw. EDELTRIBUNALE 1 1 PRESIDENTE (Avv. ~ ~ w s i o )

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA TRIBUNALE DI VERONA - SEZ. PENALE VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE DEL

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA TRIBUNALE DI VERONA - SEZ. PENALE VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE DEL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA TRIBUNALE DI VERONA - SEZ. PENALE CAMERA PENALE VERONESE VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE DEL PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI MONOCRATICHE E COLLEGIALI

Dettagli

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE 1. L udienza penale dibattimentale inizia alle ore 9.30, subito dopo la trattazione dei procedimenti

Dettagli

PRESIDENZA DI UDIENZE PENALI DIBATTIMENTALI.

PRESIDENZA DI UDIENZE PENALI DIBATTIMENTALI. TRIBUNALE DI ASCOLI PICENO PRESIDENZA Prot. n. 1037 /13 OGGETTO: CIRCOLARE REG. PROVV. N.78 - CRITERI E PRESCRIZIONI IN MATERIA DI UDIENZE PENALI DIBATTIMENTALI. Premessa Il Presidente, ritenuto necessario

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI RAVENNA

ORDINE DEGLI AVVOCATI RAVENNA TRIBUNALE DI RAVENNA ORDINE DEGLI AVVOCATI RAVENNA CAMERA PENALE DELLA ROMAGNA PROTOCOLLO PER LA LIQUIDAZIONE DEGLI ONORARI DOVUTI AI DIFENSORI (D'UFFICIO 0 Dl FIDUCIA) DI SOGGETTI AMMESSI AL PATROCINIO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI E CIVILI

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI E CIVILI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI E CIVILI dinanzi al: GIUDICE DI PACE DI LAGONEGRO GIUDICE DI PACE DI LAURIA GIUDICE DI PACE DI CHIAROMONTE GIUDICE DI PACE DI SANT ARCANGELO PROTOCOLLO

Dettagli

VADEMECUM PER LA LIQUIDAZIONE

VADEMECUM PER LA LIQUIDAZIONE VADEMECUM PER LA LIQUIDAZIONE 1. LE FASI La liquidazione deve essere effettuata tenendo conto della attività prestata dal difensore in relazione a cinque fasi individuate dal legislatore (Studio, Introduttiva,Istruttoria,

Dettagli

CAMERA PENALE di MESSINA P. PISANI G. AMENDOLIA

CAMERA PENALE di MESSINA P. PISANI G. AMENDOLIA Liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali. Linee guida per l'applicazione dei parametri previsti dal D.M. n. 55 del 10 marzo 2014 Premessa: Che con la legge 31 dicembre

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione protocollo d'intesa del 12.5.2010

OGGETTO: Trasmissione protocollo d'intesa del 12.5.2010 I TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI SCIACCA Via Quasimodo n.l - 92019 Sciacca Tcl.Segr. 0925/964253-09251964255 - fax 0925f964252 ]11,p,II( ~1_;J::'.lIl1_;lk '.vi_tt.,,;1 ~',gl\l']~:l,~ n N.1616 dì Prot Al

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI RIETI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI RIETI ASSOCIAZIONE DIFENSORI D UFFICIO DI RIETI CAMERA PENALE DI RIETI

TRIBUNALE ORDINARIO DI RIETI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI RIETI ASSOCIAZIONE DIFENSORI D UFFICIO DI RIETI CAMERA PENALE DI RIETI TRIBUNALE ORDINARIO DI RIETI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI RIETI ASSOCIAZIONE DIFENSORI D UFFICIO DI RIETI CAMERA PENALE DI RIETI ASSOCIAZIONE ITALIANA GIOVANI AVVOCATI SEZIONE DI RIETI 1 PROTOCOLLO PER LA

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI TRIBUNALE DI MONZA CAMERA PENALE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MONZA DI MONZA Aggiornamento del prontuario per la liquidazione degli onorari ai difensori dei cittadini non abbienti ammessi al patrocinio a spese

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

Protocollo per le udienze preliminari avanti il Tribunale di Busto Arsizio

Protocollo per le udienze preliminari avanti il Tribunale di Busto Arsizio Protocollo per le udienze preliminari avanti il Tribunale di Busto Arsizio concordato tra il Presidente del Tribunale di Busto Arsizio Dott. Antonino Mazzeo Rinaldi, l Ufficio del Giudice per le indagini

Dettagli

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive"

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 Disposizioni in materia di indagini difensive Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2001 Capo I MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA PENALE Art. 1 1. All'articolo

Dettagli

sulla liquidazione degli onorar! ai difensori di imputati e parti civili ammessi al patrocinio a spese dello Stato o di imputati irreperibili

sulla liquidazione degli onorar! ai difensori di imputati e parti civili ammessi al patrocinio a spese dello Stato o di imputati irreperibili \ Protocollo sulla liquidazione degli onorar! ai difensori di imputati e parti civili ammessi al patrocinio a spese dello Stato o di imputati irreperibili Sottoscritto da Tribunale di Ferrara, Ordine degli

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Capitolo II Tariffa penale

Capitolo II Tariffa penale Capitolo II Tariffa penale Art. 1 - Criteri generali - 1. Per la determinazione dell'onorario di cui alla tabella deve tenersi conto della natura, complessità e gravità della causa, delle contestazioni

Dettagli

PROTOCOLLO Dl INTESA. onorari a favore dei d i f e n s o r i d e g l i i m p u t a t i

PROTOCOLLO Dl INTESA. onorari a favore dei d i f e n s o r i d e g l i i m p u t a t i PROTOCOLLO Dl INTESA per la liquidazione accelerata delle r ichieste di di pagamento degli onorari a favore dei d i f e n s o r i d e g l i i m p u t a t i ammessi al patrocinio a spese dello Stato nonché

Dettagli

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016 Programma strutturato per aree tematiche e materie, ciascuna delle quali sarà sviluppata in una o più lezioni dedicate. Il corso, in conformità alla vigente normativa, avrà la durata di diciotto mesi,

Dettagli

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da:

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: TRIBUNALE DI TRIESTE I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: Camera Penale di Trieste Responsabili della ricerca: Elisabetta Burla, Mariapia Maier Hanno partecipato al monitoraggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

Liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali

Liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Linee guida per l'applicazione dei parametri previsti dal D.M. n. 140 del 20 luglio 2012 1. Premessa: l'art. 9 del D.L. 24

Dettagli

VERBALE. Addì 18 novembre 2014 ore 12,30 nell ufficio del Presidente della Sezione penale del tribunale di Imperia sono presenti :

VERBALE. Addì 18 novembre 2014 ore 12,30 nell ufficio del Presidente della Sezione penale del tribunale di Imperia sono presenti : VERBALE Addì 18 novembre 2014 ore 12,30 nell ufficio del Presidente della Sezione penale del tribunale di Imperia sono presenti : per il Tribunale di Imperia, su delega del Presidente del Tribunale, la

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

SETTORE CIVILE. 1) Codice di comportamento. Iscrizione della causa a ruolo. Tenuta dei fascicoli. Comunicazioni

SETTORE CIVILE. 1) Codice di comportamento. Iscrizione della causa a ruolo. Tenuta dei fascicoli. Comunicazioni Premessa Le disposizioni che seguono costituiscono regole condivise di prassi finalizzate a regolamentare - nel rispetto della vigente normativa - l attività processuale da parte di magistrati, avvocati

Dettagli

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo

Carta dei Servizi. Tribunale di Salerno. Sezione GIP-GUP. Ed. marzo Carta dei Servizi Tribunale di Salerno Ed. marzo 2012 Sezione GIP-GUP INDICE 0. La Carta dei Servizi 3 1. Il processo penale e il ruolo del GIP 4 1.1 La Sezione GIP-GUP del Tribunale di Salerno e i servizi

Dettagli

DELIBERA PER L ATTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DIFESA D'UFFICIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA

DELIBERA PER L ATTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DIFESA D'UFFICIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA DELIBERA PER L ATTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DIFESA D'UFFICIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Ivrea - visto l art. 16 della Legge 31 dicembre 2012; -

Dettagli

NORMATIVA PREVIGENTE MODIFICHE APPORTATE DAL PROVVEDIMENTO. Art. 3. Art. 168-bis c.p. (Sospensione del processo con messa alla prova dell'imputato).

NORMATIVA PREVIGENTE MODIFICHE APPORTATE DAL PROVVEDIMENTO. Art. 3. Art. 168-bis c.p. (Sospensione del processo con messa alla prova dell'imputato). LEGGE 28 APRILE 2014, N. 67 (IN VIGORE DAL 17 MAGGIO 2014) DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA DI SOSPENSIONE DEL PROCEDIMENTO CON MESSA ALLA PROVA, PENE DETENTIVE NON CARCERARIE, NONCHÉ SOSPENSIONE DEL PROCEDIMENTO

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SALERNO E PRESIDENZA DEL TRIBUNALE DI SALERNO CONVENZIONE SUL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO E PROCEDURE ASSIMILATE

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SALERNO E PRESIDENZA DEL TRIBUNALE DI SALERNO CONVENZIONE SUL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO E PROCEDURE ASSIMILATE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI SALERNO E PRESIDENZA DEL TRIBUNALE DI SALERNO CONVENZIONE SUL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO E PROCEDURE ASSIMILATE L anno 2013 addì 10 del mese di luglio, in Salerno: il Tribunale

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese T R I B U N A L E D I V A R E S E Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese avverso il decreto di

Dettagli

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Testo vigente Testo in vigore dal 1 marzo 2006 Art. 706. Forma della domanda. La domanda di separazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

LEGGE N. 67/14. MODIFICHE AL CODICE PENALE. 1) ASSENZA DELL'IMPUTATO.

LEGGE N. 67/14. MODIFICHE AL CODICE PENALE. 1) ASSENZA DELL'IMPUTATO. Www.carelladarcangelo.com LEGGE N. 67/14. MODIFICHE AL CODICE PENALE. 1) ASSENZA DELL'IMPUTATO. Art. 159. Sospensione del corso della prescrizione. Il corso della prescrizione rimane sospeso in ogni caso

Dettagli

Compensi professionali: disposizioni concernenti gli avvocati Decreto Ministero Giustizia 20.07.2012 n 140, G.U. 23.08.2012

Compensi professionali: disposizioni concernenti gli avvocati Decreto Ministero Giustizia 20.07.2012 n 140, G.U. 23.08.2012 Compensi professionali: disposizioni concernenti gli avvocati Decreto Ministero Giustizia 20.07.2012 n 140, G.U. 23.08.2012 Riforma dei compensi professionali (DM n. 140/2012) Capo II - Disposizioni concernenti

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

AGGIORNA LA RUBRICA LEGISLAZIONE E RICERCA

AGGIORNA LA RUBRICA LEGISLAZIONE E RICERCA 1 AGGIORNA LA RUBRICA LEGISLAZIONE E RICERCA www.anvag.it Il pagamento del contributo unificato nei ricorsi avverso i provvedimenti di rigetto delle istanze di ammissione al patrocinio a spese dello Stato

Dettagli

TRIBUNALE DEI MINORENNI : FUNZIONI E COMPETENZE

TRIBUNALE DEI MINORENNI : FUNZIONI E COMPETENZE TRIBUNALE DEI MINORENNI : FUNZIONI E COMPETENZE Il Tribunale per i Minorenni è un organo giudiziario ordinario, specializzato a composizione mista, formato cioè da giudici professionali (detti anche "giudici

Dettagli

Legge 19 gennaio 2001, n. 4

Legge 19 gennaio 2001, n. 4 Legge 19 gennaio 2001, n. 4 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 novembre 2000, n. 341, recante disposizioni urgenti per l'efficacia e l'efficienza dell'amministrazione della

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali

Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Edizioni Il Momento Legislativo s.r.l. Liquidazione giudiziale dell attività legale 2 INDICE Determinazione

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA/IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE I/II SEZIONE PENALE. (proc. pen. n. R.G.N.G., n. R.G.Dib.

TRIBUNALE DI BOLOGNA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA/IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE I/II SEZIONE PENALE. (proc. pen. n. R.G.N.G., n. R.G.Dib. IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA/IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE (proc. pen. n. R.G.N.G., n. R.G.Dib.) Istanza di liquidazione degli onorari e delle spese ai sensi dell'art.82 D.P.R. 115/02 Il sottoscritto avv.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri)

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) INDICE SOMMARIO Premessa... vii Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) Capitolo I DALLA RIFORMA DELL ART. 111 DELLA COSTITUZIONE ALLA LEGGE N. 63/2001 1.1. Premessa... 3 1.2. La

Dettagli

Tribunale di Ferrara

Tribunale di Ferrara Tribunale di Ferrara Ferrara/ /2014 ~3 SET M prow. n}\t>l /14 Oggetto: deposito istanze di liquidazione. Il Dirigente Rilevato che è emersa una carenza di controllo sul numero di istanze di liquidazione

Dettagli

LA FASE STRAGIUDIZIALE

LA FASE STRAGIUDIZIALE INDICE SOMMARIO Presentazione... 5 Normativa di riferimento LA FASE STRAGIUDIZIALE 1. Provv. (Isvap) 13 dicembre 2002, n. 2136. Approvazione del modulo di denuncia di sinistro per l assicurazione obbligatoria

Dettagli

TRIBUNALE DI MONZA CAMERA PENALE ORDINE DEGLI AVVOCATI

TRIBUNALE DI MONZA CAMERA PENALE ORDINE DEGLI AVVOCATI TRIBUNALE DI MONZA CAMERA PENALE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MONZA DI MONZA GIUDICE DI PACE DI MONZA GIUDICE DI PACE DI DESIO Prontuario per la liquidazione degli onorari ai difensori dei cittadini non abbienti

Dettagli

INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M.

INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M. INDICAZIONI SULL APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PROFESSIONALE D.M. 8 aprile 2004 n. 127 a cura del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pordenone CRITERI GENERALI Tariffa applicabile La tariffa applicabile

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A C O N S I G L I O G I U D I Z I A R I O REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11

Dettagli

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI PROCEDURA PENALE I LEZIONE X LE NOTIFICAZIONI PROF. GIANLUCA D AIUTO Indice 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

(facsimile preventivo di massima analitico civile - penale da indirizzare al cliente)

(facsimile preventivo di massima analitico civile - penale da indirizzare al cliente) (facsimile preventivo di massima analitico civile - penale da indirizzare al cliente) Egr. /Gentile. Oggetto: vertenza contro..., avente ad oggetto... ed avente valore... Con la presente ai sensi dell'articolo

Dettagli

Prefazione... Premessa... Elenco delle principali abbreviazioni... L EVOLUZIONE STORICA E L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DEL GIUDIZIO DIRETTISSIMO

Prefazione... Premessa... Elenco delle principali abbreviazioni... L EVOLUZIONE STORICA E L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DEL GIUDIZIO DIRETTISSIMO SOMMARIO Prefazione... Premessa... Elenco delle principali abbreviazioni... VII XV XIX CAPITOLO 1 di ALESSANDRO TRINCI L EVOLUZIONE STORICA E L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DEL GIUDIZIO DIRETTISSIMO 1. I

Dettagli

OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE

OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE 1 PARTE I^ 1) PRIMA UDIENZA 1) L assegnazione delle cause ai giudici e la fissazione dell udienza di

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE IN MATERIA PENALE

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE IN MATERIA PENALE SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE IN MATERIA PENALE L anno, il giorno del mese di. in.. nello Studio dell avv., sono presenti: A) il sig., nato in. il (C.F.:,

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Tei. TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Via Moretto, 78-25100 Brescia 030/29861 - Fax 030/2986373 - E mali tribunale.brescia@giustizia.it Y Prot. Brescia, 12marzo'09 OGGETTO: Trasloco nel nuovo Palagiustizia

Dettagli

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO I PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI D AUTORITÀ, COMMISSIONI

Dettagli

DIFESA D'UFFICIO - PATROCINIO NON ABBIENTI - VIA CORELLI Assemblea Avvocati 20 giugno 2001

DIFESA D'UFFICIO - PATROCINIO NON ABBIENTI - VIA CORELLI Assemblea Avvocati 20 giugno 2001 DIFESA D'UFFICIO - PATROCINIO NON ABBIENTI - VIA CORELLI Assemblea Avvocati 20 giugno 2001 Difesa d'ufficio (legge n. 60 del 2001). A poco più di due mesi dall'entrata in vigore della legge n. 60 del 2001,

Dettagli

I crediti dell'avvocato

I crediti dell'avvocato Alumni Litubium Claviere (TO) - 12 e 13 Dicembre 2104 I crediti dell'avvocato Nuovi e vecchi scenari dopo le recenti riforme I rapporti con i clienti 2 Prima Durante Dopo Premessa: riforma del Tariffario

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione...................................... VII CAPITOLO I LA TESTIMONIANZA IN GENERALE 1.1. Introduzione................................... 2 1.2. La prova testimoniale nella Costituzione

Dettagli

Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 17 maggio 2000, ha deliberato a maggioranza di approvare l allegato parere.

Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 17 maggio 2000, ha deliberato a maggioranza di approvare l allegato parere. Parere richiesto dal Ministro della Giustizia sul decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri nella riunione del 7 aprile 2000, recante: Disposizioni urgenti di modifica della disciplina dei termini

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

LEGGE 7 dicembre 2000 n. 397. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INDAGINI DIFENSIVE

LEGGE 7 dicembre 2000 n. 397. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INDAGINI DIFENSIVE LEGGE 7 dicembre 2000 n. 397. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INDAGINI DIFENSIVE La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; Il Presidente della Repubblica Promulga la seguente legge:

Dettagli

Vigente al: 8-5-2015. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

Vigente al: 8-5-2015. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga LEGGE 16 aprile 2015, n. 47 Modifiche al codice di procedura penale in materia di misure cautelari personali. Modifiche alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di visita a persone affette da handicap

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA DIFESA D UFFICIO Principi generali in materia di difesa d ufficio

REGOLAMENTO DELLA DIFESA D UFFICIO Principi generali in materia di difesa d ufficio REGOLAMENTO DELLA DIFESA D UFFICIO Principi generali in materia di difesa d ufficio 1. Elenchi La predisposizione e l aggiornamento degli elenchi degli iscritti negli albi disponibili ad assumere, a richiesta

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5 TABELLA B - DIRITTI DI AVVOCATO (redatta dall'autore) I - PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI

Dettagli

NORMATIVA MATERIA GIUDIZIALE CIVILE AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA. Art. 1. Determinazione consensuale del compenso

NORMATIVA MATERIA GIUDIZIALE CIVILE AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA. Art. 1. Determinazione consensuale del compenso PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE NORMATIVA DELIBERATA NELLA SEDUTA AMMINISTRATIVA STRAORDINARIA DEL 03/05/2013 NORMATIVA MATERIA GIUDIZIALE CIVILE AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA

Dettagli

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE Il Caso La Procura della Repubblica notificava, ai sensi dell art. 415 bis c.p.p., l avviso di conclusione delle indagini

Dettagli

Norme integrative per i giudizi davanti alla Corte costituzionale 16 MARZO 1956 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI 1

Norme integrative per i giudizi davanti alla Corte costituzionale 16 MARZO 1956 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI 1 Norme integrative per i giudizi davanti alla Corte costituzionale 16 MARZO 1956 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI 1 (Gazzetta Ufficiale 24 marzo 1956, n. 71, edizione speciale) -------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Iscritto al n. 23 del Registro degli Organismi deputati a gestire procedure di mediazione ai sensi del D.Lgs. 28/2010 e s.m.i. REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Revisione IX del 15 aprile 2015 - In vigore dal

Dettagli

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE AVVOCATI 29 Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici

Dettagli

CULTURA PENALE E SPIRITO EUROPEO MARIO ANTINUCCI

CULTURA PENALE E SPIRITO EUROPEO MARIO ANTINUCCI CULTURA PENALE E SPIRITO EUROPEO MARIO ANTINUCCI L attuazione della direttiva europea sul diritto alla traduzione: verso la tutela sostanziale del diritto alla difesa effettiva 1. Il D.lgs. 4 marzo 2014,

Dettagli

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE Pubblichiamo la delibera del 19.4.2001 dell'unione DELLE CAMERE PENALI ITALIANE, con la quale è stato approvato il testo definitivo delle Regole di comportamento del penalista nelle investigazioni difensive,

Dettagli

PROCURA DELLA ~PUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI BOLOGNA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI "ENRICO REDENTI" BOLOGNA CONVENZIONE

PROCURA DELLA ~PUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI BOLOGNA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI ENRICO REDENTI BOLOGNA CONVENZIONE SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI PROCURA DELLA ~PUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI BOLOGNA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI BOLOGNA CONVENZIONE tra la Scuola di Specializzazione

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO ART. 73 D.L.

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO ART. 73 D.L. TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO EX ART. 73 D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98, e ss.mm.) DECRETO N. 118/14 IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLA PROVA PENALE

LA FORMAZIONE DELLA PROVA PENALE T E O R I A E P R A T I C A DEL D I R I T T O SEZIONE III: DIRITTO E PROCEDURA PENALE 120 ERCOLE APRILE PIETRO SILVESTRI LA FORMAZIONE DELLA PROVA PENALE DOPO LE LEGGI SÜLLE INDAGINIDIFENSIVE E SUL "GIUSTO

Dettagli

ATTENZIONE: tale aumento non si applica in caso di posizioni processuali identiche.

ATTENZIONE: tale aumento non si applica in caso di posizioni processuali identiche. n. RGDIB Nota spese 1 "Rito Monocratico" (Acq. atti, e/o Sentenza ex artt.129 o 49 c.p.p.)" NOTA SPESE n. 1 "Rito Monocratico con consenso acquisizione atti e/o definito con sentenza di proscioglimento,

Dettagli

Tariffa civile (Tabella A)... 20 Tariffa penale (Tabella B)... 22 Tariffa stragiudiziale (compensi indicativi )... 26

Tariffa civile (Tabella A)... 20 Tariffa penale (Tabella B)... 22 Tariffa stragiudiziale (compensi indicativi )... 26 PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 - Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per

Dettagli

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA Il presente protocollo recepisce le indicazioni emerse all interno del gruppo di lavoro istituito all interno

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Matera

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Matera Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Matera Matera, 24 Aprile 2009 PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE CIVILI PRESSO TRIBUNALE DI MATERA PREAMBOLO Il presente Protocollo, nel solco tracciato

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Regolamento per la tenuta e l aggiornamento dell elenco unico nazionale degli avvocati iscritti negli albi disponibili ad assumere le difese di ufficio. IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 3 maggio 2013

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 3 maggio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 3 maggio 2013 Ill.mi Signori Avvocati PRESIDENTI DEI CONSIGLI DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI PRESIDENTI

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Verona - visto l art. 16 della Legge 31 dicembre 2012; - visto il decreto legislativo

Dettagli

PROTOCOLLO PER I PROCESSI CIVILI

PROTOCOLLO PER I PROCESSI CIVILI TRIBUNALE di FORLÌ CONSIGLIO dell ORDINE degli AVVOCATI di FORLÌ-CESENA PROTOCOLLO PER I PROCESSI CIVILI 1 L'iscrizione a ruolo e l'udienza di prima comparizione Articolo 1 Indicazione dell'oggetto della

Dettagli

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio...

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio... dati personali Nome e Cognome.................................................... Indirizzo abitazione................................................... Telefono abitazione...................................................

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE TESTO APPROVATO IL 14 LUGLIO 2001 DAL CONSIGLIO DELLE CAMERE PENALI CON LE MODIFICHE APPROVATE IL 19 GENNAIO 2007 IL CONSIGLIO DELLE

Dettagli

Lezione 16 novembre 2015. Modulo di Diritto e Procedura Civile

Lezione 16 novembre 2015. Modulo di Diritto e Procedura Civile Lezione 16 novembre 2015 Modulo di Diritto e Procedura Civile PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE introdotto dalla legge 69/09 (che ha aggiunto nel c.p.c. tre articoli dal 702 bis al quater) Procedimento

Dettagli

PARERI di CONGRUITA PARCELLE

PARERI di CONGRUITA PARCELLE RACCOLTA DELIBERE E MASSIME del Consiglio dell Ordine di Sassari dal 01.02.2010 aggiornata al 26.02.2014 a cura del Consigliere Segretario avv. Silvio Zicconi in Tema di : PARERI di CONGRUITA PARCELLE

Dettagli

2) La presenza del praticante alle udienze civili dovrà risultare dal provvedimento del giudice che chiude il verbale. 3) L assistenza alle udienze

2) La presenza del praticante alle udienze civili dovrà risultare dal provvedimento del giudice che chiude il verbale. 3) L assistenza alle udienze REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E PER L ESERCIZIO DEL PATROCINIO La pratica forense costituisce un momento essenziale del percorso formativo dell avvocato e svolge la funzione essenziale di consentire

Dettagli

SPUNTI PER UNA LINEA CONDIVISA IN MATERIA DI GRATUITO PATROCINIO E ANNESSI

SPUNTI PER UNA LINEA CONDIVISA IN MATERIA DI GRATUITO PATROCINIO E ANNESSI Premessa : SPUNTI PER UNA LINEA CONDIVISA IN MATERIA DI GRATUITO PATROCINIO E ANNESSI GRATUITO PATROCINIO. Il regolamento dettato con il DM n. 55 del 10 marzo 2014 prevede, per quanto qui d interesse,

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

Codice di Procedura Penale Libro primo Parte prima: SOGGETTI Titolo I : GIUDICE Capo VII: INCOMPATIBILITÀ, ASTENSIONE E RICUSAZIONE DEL GIUDICE

Codice di Procedura Penale Libro primo Parte prima: SOGGETTI Titolo I : GIUDICE Capo VII: INCOMPATIBILITÀ, ASTENSIONE E RICUSAZIONE DEL GIUDICE Codice di Procedura Penale Libro primo Parte prima: SOGGETTI Titolo I : GIUDICE Capo VII: INCOMPATIBILITÀ, ASTENSIONE E RICUSAZIONE DEL GIUDICE Art. 36 Astensione 1. Il giudice ha l'obbligo di astenersi:

Dettagli

Vademecum per il Testimone nel processo civile

Vademecum per il Testimone nel processo civile Vademecum per il Testimone nel processo civile 10 regole da conoscere per non sbagliare 1 1) A ciascuno di noi può capitare di essere citato davanti al Giudice per rendere testimonianza di un fatto conosciuto.

Dettagli

LA DIFESA DI UFFICIO E IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IN MATERIA PENALE

LA DIFESA DI UFFICIO E IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IN MATERIA PENALE LA DIFESA DI UFFICIO E IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IN MATERIA PENALE a cura dei componenti della Commissione consiliare del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma per la difesa di ufficio e

Dettagli

RICHIESTA ACCERTAMENTI FOTODATTILOSCOPICI

RICHIESTA ACCERTAMENTI FOTODATTILOSCOPICI ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE DI CITTADINO ITALIANO MAGGIORENNE INDAGATO 10068 10037 10035 10001/10006 PIETRO CUSTODI-VERBALE DI ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE se fotosegnalato

Dettagli

COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni

COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni Con la presente Comunicazione Organizzativa vengono definite le modalità operative

Dettagli