PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI MONOCRATICHE E COLLEGIALI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI MONOCRATICHE E COLLEGIALI."

Transcript

1 TRIBUNALE DI TERAMO PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI TERAMO CONSIGLIO ORDINE FORENSE DI TERAMO PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI MONOCRATICHE E COLLEGIALI.

2 TRIBUNALE DI TERAMO Protocollo per la gestione delle udienze penali monocratiche e collegiali. 1. (L 'orario d'inizio dell 'udienza). L'udienza penale, sia monocratica sia collegiale, inizia di regola alle ore Nel rito collegiale, il pubblico dibattimento può essere preceduto dalla celebrazione dei procedimenti urgenti in camera di consiglio. "L'ufficiale giudiziario o chi ne esercita le funzioni deve trovarsi nell'aula prima che cominci l'udienza" ( art. 21 del regolamento per l'esecuzione del C.P.P.). L'ufficiale giudiziario apre quindi l'aula alle ore 8.45 e cura l'afflusso delle parti, degli ausiliari del giudice e dei testimoni, identificando questi ultimi. 2. (La durata dell 'udienza). L'udienza penale, nel rito monocratico come in quello collegiale, è organizzata dal giudice in modo che abbia una prevedibile durata di non meno di 5,00 ore effettive ( ) e in modo che non si protragga oltre le ore (con una sospensione tra le e le 15.00), fatte salve le esigenze dei processi con imputati detenuti e la particolare necessità che si presenti di completare la trattazione di un procedimento o di una sua fase. I1 giudice organizza la prevedibile durata dell'udienza anche con riguardo alle esigenze della cancelleria, ove tempestivamente segnalate. 3. (Il ruolo d'udienza) I1 giudice fa affiggere il ruolo sulla porta dell'aula d'udienza e nella bacheca della Cancelleria della Sezione entro le ore del giorno precedente l'udienza (art. 20 D.M n. 334). I difensori ed il pubblico ministero possono chiedere che venga loro rilasciata copia. I1 ruolo è compilato in modo da non ingenerare equivoci. Sono perciò indicati il rito (monocratico, collegiale, camerale), la data dell'udienza, il collegio o il nome del magistrato, l'aula in cui si terrà l'udienza e, per ogni processo, il numero del registro generale del Tribunale, il numero del registro generale notizie di reato, il nome degli imputati, quello della parte civile e del difensore, l'ora prima della quale il processo non sarà chiamato, nonché, ove possibile, ogni altra utile indicazione.

3 I1 ruolo, quando gli impegni del giudice e della Cancelleria lo rendono possibile, contiene la sommaria indicazione delle attività processuali da svolgersi nel singolo processo (es.: "per discussione", "per istruttoria senza discussione", "per formalità di apertura"). 4. (La fissazione dell 'udienza di prima comparizione). I giudizi dibattimentali ordinari sia di rito collegiale che monocratico, sia a citazione diretta che provenienti da udienza preliminare, sono fissati in prima comparizione negli orari e nelle date indicate nelle tabelle di organizzazione dell'ufficio approvate dal CSM (punto ). I1 carico dei flussi in entrata sui singoli ruoli è regolato, ai sensi degli artt. 132 e 160 disp. att. cpp, dal Presidente del Tribunale o da suo delegato, sulla base delle pendenze sul ruolo stesso. 5. (I1 contenuto dell 'udienza di prima comparizione) L'udienza di prima comparizione, sia nel rito monocratico sia nel rito collegiale, con eccezione dei giudizi con imputato detenuto (anche agli arresti domiciliari) e salvo quanto previsto nel successivo art. 6, è dedicata alla sola verifica della regolare costituzione delle parti, alla discussione delle questioni preliminari, alle formalità di apertura del dibattimento, all'ammissione delle prove, alla definizione dei giudizi per ragioni processuali, di prescrizione o per applicazione della pena su richiesta ex art. 444 C.P.P., nonché alla definizione dei giudizi di rito abbreviato non condizionato all'assunzione di prove e che non si presenti di particolare complessità. In tale udienza, di regola, non si assumono prove, né si dà corso all'esame di imputati, periti o consulenti tecnici. Per tale ragione le parti non citano i testimoni e i propri consulenti tecnici e il giudice non ne autorizza la citazione. I1 giudice, ove in prima comparizione abbia comunque la presenza di testimoni, periti e consulenti tecnici, sull'accordo delle parti pubbliche e private, potrà procedere all'istruttoria: questa di regola si svolgerà dopo la trattazione di tutti gli altri giudizi. 6. (La parte offesa e l 'udienza di prima comparizione) P.M. e G.U.P. inseriscono in calce ai decreti di citazione a giudizio il seguente avviso: "la persona offesa è citata a comparire alfine di consentirle, ove lo ritenga opportuno e previa nomina di un difensore, di costituirsi parte civile per chiedere le restituzioni ed il risarcimento del danno. L'audizione come teste verrà effettuata, se del caso, con distinta citazione a cura delle parti che vi hanno interesse'. J La persona offesa, qualora, nonostante l'avviso di cui sopra, si presenti all'udienza di prima comparizione, è in ogni caso escussa se detenuta, portatrice di handicap, in stato di gravidanza o di allattamento, ultrasettantenne o se provenga da Regione diversa dall'abruzzo o dalla provincia di Ascoli Piceno. Parimenti è escussa quando l'imputato è detenuto. Viene altresì sentita quando il giudice ritiene che gli interessi della parte civile costituita possano essere seriamente pregiudicati anche da un breve rinvio. In tale ultimo caso, il giudice di regola assume la testimonianza della persona offesa dopo la trattazione di tutti gli altri procedimenti di prima comparizione per i quali gon deve essere svolta istruttoria.

4 7. (I rinvii delle udienze) I processi sono sempre rinviati dal giudice con indicazione d'orari differenziati per 3 fasce: h. 9.00, h , h Nel formare il ruolo, il giudice tiene conto delle fasce d'orario di cui sopra, nonché della prevedibile durata complessiva dell'udienza secondo i criteri indicati al precedente art. 2. L'orario indicato nell'ordinanza di rinvio comunica l'ora prima della quale il processo non sarà chiamato. I1 rinvio di un giudizio senza l'indicazione dell'ora, s'intende fatto per le ore Nel rinviare i giudizi per istruttoria, il giudice riserva le fasce di prima mattina ai giudizi di più spedita trattazione, e quelle di tarda mattina per i dibattimenti di durata prevedibilmente più lunga. Nel rinviare i giudizi per la sola discussione, il giudice fissa l'orario dell'udienza tenendo conto della prevedibile durata della stessa e della camera di consiglio, e comunque, preferibilmente, non nella prima fascia oraria. In ogni caso, il giudice cercherà per quanto possibile, di assicurare il principio di continuità nella trattazione del procedimento da parte dello stesso Sostituto Procuratore della Repubblica. 8. (I criteri di priorità nel1 'ambito delle singole fasce). Nell'ambito delle singole fasce, in ogni modo nella effettiva trattazione, il giudice dà la precedenza ai processi con imputati detenuti (anche se per reato diverso da quello per cui si procede), a quelli affetti da nullità, irregolarità della notificazione o altre evenienze processuali (legittimo impedimento a comparire dell'imputato o del difensore, intervenuta remissione di querela, difetti di procedibilità, già maturata prescrizione del reato ecc.) che determinino l'immediata definizione o il differimento del giudizio. Nell'ambito di ciascuna fascia oraria, e in deroga all'ordine dei processi fissato nel ruolo, il giudice tratta con precedenza, nell'ordine, i giudizi per i quali siano presenti parti private, testimoni o dichiaranti che siano: detenuti, portatori di handicap, in stato di gravidanza o di allattamento, ultrasettantenni o provenienti da Regioni diverse dall'abruzzo o dalla provincia di Ascoli Piceno. Tali situazioni particolari saranno segnalate dagli interessati all'ufficiale giudiziario, che le sottoporrà senza ritardo al giudicante. Nell'ambito di ciascuna fascia oraria, esauriti i giudizi di cui al precedente comma e in deroga dall'ordine indicato nel ruolo, il giudice tratta con precedenza, nell'ordine, i giudizi in cui intervenga remissione (e relativa accettazione) di querela, istanza di rinvio per legittimo impedimento dell'imputato o del difensore, istanza di "patteggiamento" o istanza di giudizio abbreviato. In tale ultimo caso, ove si tratti di processo la cui definizione comporti uno studio di atti di una qualche complessità, ammesso il rito abbreviato, il giudice rinvia la discussione del processo ad altra udienza, oppure, sentiti il Pubblico Ministero, il difensore e il cancelliere, la differisce nell'ambito della medesima giornata ma all'esito della trattazione

5 Nell'udienza, il giudice - esauriti i criteri di cui ai commi precedenti - anticipa all'intemo della stessa fascia oraria o posticipa un giudizio in ragione di documentati e concomitanti impegni dei difensori. Il rispetto degli impegni del difensore deve essere in ogni caso contemperato con le esigenze del Pubblico Ministero, degli altri avvocati, delle parti private e dei testimoni, anche se interessati a processi diversi da quello per cui è chiesta l'anticipazione o il differimento. 9. (Udienze con imputato detenuto) Nella gestione della udienza, il giudice evita in ogni caso che l'imputato detenuto debba stazionare a lungo in aula. In aula, il detenuto attende la chiamata del suo processo libero nella persona. Ove siano necessarie cautele per prevenire il pericolo di fuga o di violenze, attende la chiamata del giudizio nel quale deve intervenire, anche come testimone, dichiarante o parte offesa, nei locali di sicurezza. 10. (La presenza del difensore d'ufficio). I1 giudice deferisce al Consiglio dell'ordine, senza eccezioni, il difensore d'ufficio nominato ex art O comma C.P.P. che, senza addurre giustificazioni, non si presenti in udienza (Sul comportamento in udienza) I pubblici ministeri, i difensori, gli assistenti d'udienza e gli ufficiali giudiziari hanno l'obbligo di indossare la toga. P.M., difensori e parti private possono accedere alla camera di consiglio esclusivamente per la celebrazione di giudizi sottoposti a rito camerale. Nel corso dell'udienza dibattimentale, il pubblico ministero e i difensori conferiscono con il giudice con modalità tali da consentire l'ascolto a tutti i presenti. L'Ufficio del P.M. deve essere costantemente rappresentato in aula. I1 pubblico ministero che abbia necessità di assentarsi - ad es. nel corso della discussione o della camera di consiglio - deve farsi sostituire da altro rappresentante (anche onorario) dell'ufficio, per garantire la disciplina dell'udienza ex art. 470 C.P.. Ai giudizi si assiste in silenzio, senza manifestazioni di assenso o dissenso. E' vietato l'uso dei telefoni cellulari che devono essere tenuti spenti o con disattivazione dell'avviso sonoro di chiamata. Nelle adiacenze dell'aula di udienza, i presenti parlano a bassa voce ed evitano rumori molesti. 12. (Le motivazioni contestuali). I1 giudice evita le motivazioni contestuali di complessa o non breve stesura, salvo che la sentenza riguardi l'ultimo orocesso e non si suoerino i limiti orari indidati nell'art. 2.

6 13. (La comunicazione dei rinvii). Ove il rinvio di un processo sia per qualsivoglia ragione certo sin dai giorni precedenti l'udienza, il giudice ne informa appena possibile i difensori ed il pubblico ministero a mezzo della Cancelleria, senza formalità, anche per via telefonica o telematica. 14. (Il patrocinio a spese dello stato). I difensori, quando non ne derivi danno per loro o per l'assistito, presentano l'istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato in cancelleria almeno 3 giorni prima dell'udienza, sempre compatibilmente con il conferimento dell'incarico. La liquidazione del patrocinio a spese dello Stato avviene in udienza se presentato con riferimento alle 20 (venti) tabelle allegate al presente protocollo, ed alla relativa modulistica costituita da 7 (sette) schede pure esse allegate (Estensione al1 'udienza G UP). All'udienza GUP si applicano le disposizioni dianzi indicate compatibilmente con le caratteristiche peculiari dell'udienza in questione, stabilendosi un orario nel decreto di fissazione orientativo (dalle ore 9,00 alle 12,OO) per i proc. pen. ordinari e di verosimile non complessa trattazione ed un orario, invece, ben preciso (dalle ore 12,OO in poi) per i proc. pen. complessi, potendo, comunque, l'ordine di trattazione subire variazioni per sopravvenienze concernenti imputati detenuti ovvero procedimenti o processi con carattere di urgenza. 16. (L 'aggiornamento del protocollo). Entro il 15 ottobre di ogni anno, il Presidente del Tribunale, dopo le opportune consultazioni con l'associazione Nazionale Magistrati, con il Consiglio dell'ordine forense e con la Camera Penale, può indire un incontro aperto agli avvocati, ai magistrati inquirenti e giudicanti, al dirigente della Cancelleria penale e al personale che presta assistenza alle udienze, al fine di raccogliere osservazioni e proposte ed eventualmente formare un Commissione di lavoro che apporti al presente Protocollo le variazioni ritenute opportune. Teramo, 26 agosto I1 Presaente del Tribunale Sono allegate nr. 20 (venti) ta spese dello Stato, 7 (sette) moduli per istanze di liquidazione, con relativo modulo di liquidazione ed 1 (una) tabella riassuntiva.

7 Onorari dei difensori dei cittadini non abbienti ammessi al ~atrocinio a mese dello Stato. dei difensori d'ufficio e di persona irreperibile "". Tipologia giudizio Parcella Giudizio che si conclude con richiesta di applicazione Dena Giudizio per convalida e direttissimo Giudizio ordinario che si conclude in due udienze 3 bis Giudizio ordinario che si conclude in due udienze con imputato latitante o irreperibile Giudizio ordinario che si conclude in tre udienze 4 bis F 5 bis 6 bis 7 bis t 10 bis Giudizio ordinario che si conclude in tre udienze con imputato latitante o irreperibile Giudizio ordinario che si conclude in quattro udienze Giudizio ordinario che si conclude in quattro udienze con im~utato latitante o irreoeribile Giudizio abbreviato Giudizio abbreviato con procura Incidente di esecuzione avanti al Tribunale collegiale Incidente di esecuzione avanti al Tribunale collegiale con imputato latitante o irreperibile Incidente di esecuzione avanti al Tribunale IMPORTO COMPLESSIVO 633,38 590, , , ,25 856,12 731, ,87 568,12 monocratico Incidente di esecuzione avanti al Tribunale 534,37 monocratico con im~utato latitante o irreveribile I Incidente di esecuzione de plano avanti al Tribunale 345,37 collegiale Incidente di esecuzione de plano avanti al Tribunale 304,87 collegiale con imputato latitante o irreperibile Incidente di esecuzione de plano avanti al Tribunale 275,62 monocratico Incidente di esecuzione de plano avanti al Tribunale monocratico con imvutato latitante o irreoeribile Giudizio su misura di prevenzione promosso a seguito di istanza del difensore. Giudizio su misura di prevenzione promosso a seguito di istanza del Pubblico Ministero

8 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio di applicazione della pena su richiesta Esame e studio in occasione della prima sessione (voce 2 della tariffa penale) Informativa con il cliente in occasione della orima sessione ( voce 1.2 della tariffa ~enale ) I Esame e studio in occasione della notifica dell'avviso di conclusione delle indagini (voce 2 della I tariffa penale) Esame e studio in occasione della notifica del decreto di citazione a giudizio (voce 2 della tariffa penale) Esame e studio per la redazione dell'istanza di applicazione pena ( voce 2 della tariffa oenale ) Redazione istanza di applicazione pena (voce 7.2 della tariffa penale) Esame e studio in occasione dell'udienza (voce 2 della tariffa penale ) Informativa fuori studio con il PM per concordare il patteggiamento (voce 1.3 della tariffa I oenale I I Partecipazione ail'udienza ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine alla richiesta preliminare di patteggiamento svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa oenale ) I Indennità di accesso e di attesa ~ edette r (voce 4 della tariffa ~enale Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 "0 di 563,OO 'TO'TAI,I? ciiio f, ,OO ') I 'Y~III<, p ~ kqgc r 1 N.H.: Nella determinazione degli onorari si i. fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari niccli (massimo liquidabilc ex art. 82 1>1)1< 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procccliniciiti di compctcnza del tribunalc in composizione moiiocratica, con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa ti)rciisc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione nionocratica..563,00 70, ,38 I Aw. (Avv. Divina

9 & -- Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio ovvero in seguito alla nomina a difensore d'ufficio secondo modello predisposto dal Tribunale e dall'ordine Forense di Teramo, relativa a giudizio direttissimo Informativa: colloquio telefonico con la Polizia Giudiziaria ( voce 1.1 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione della prima sessione (voce 2 della tariffa penale ) Informativa con il cliente in occasione della prima sessione (voce 1.3 deila tariffa penale ) Esame e studio in occasione deil'udienza di convalida ( voce 2 della tariffa oenale > 9, I Informativa con il cliente in occasione del1 7 udienza di convalida ( voce 1.3 della I 1 tariffa penale ) Partecipazione all'udienza di convalida ( voce 6.1 della tariffa penale ) I Informativa con il PM per concordare il pattemamento ovvero per concordare il rito abbreviato (voce 1.3 della tariffa penale) Partecipazione all'udienza con rito direttissimo ( voce 6.1 della tariffa penale ) Onorari per la discussione orale awenuta all'udienza con rito direttissimo ( voce della iariffa ~enale Indennità di accesso e di attesa per dette (voce 4 deila tariffa penale ) e così in totale Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 % di 525,00 e così in totale 'I'O'I'Al~E e11ro C 60,OO 60,OO ) I ,OO.52.1,00 65, =5!1!Uj2 ijltrc lv:\ e CAP 01nc Ilci. lqqc N.B.: Nella dctcrniina~ionc degli onorari si C fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabilc cx art. 83 1)1'1< 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti iiclla tariffa forcnsc per i procedimenti di competenza del tribunale in composizionc monocratica, con la prccisazionc chc si i. applicata la nuova tariffa forense in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di compctcnza del tribunalc in composizione monocrarica. I Aw.

10 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dallyordine Forense di Teramo, relativa a giudizio ordinario che si conclude in due udienze (una di ammissione prove ed una di istruttoria) Esame e studio in occasione della prima sessione (voce 2 della tariffa penale ) Informativa con il cliente in studio in occasione della prima sessione (voce 1.2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione della notifica dell'awiso di conclusione delle indagini preliminari (voce 2 della tariffa ~enale ) Esame e studio in occasione della notifica del decreto di citazione a giudizio (voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa oenale ) I Informativa in studio con il cliente in occasione dell'udienza (voce 1.2 della tariffa ~enale ') Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) I Per l'esercizio deìi'attività difensiva in ordine alla richiesta di contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento, svolta all'udienza I (voce 6.2 deìia tariffa penale ) 124,OO Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Erteci~azione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa ~enale ) I Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del PM svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa ~enale ) Onorari per la discussione orale awenuta all'udienza del (voce 6.3 deìia tariffa penale ) Indennità di accesso e di attesa per dette (voce 4 della tariffa penale ) Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 9'0 di 790,00 170,OO 70,OO 7 YUJ)!) 98,75 I TOTALE curo C 888,75 N.H.: Nella dctcrminazione degli onorari si i. fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabi1c ex art. 82 1)I'R 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di compctcnza del tribunale in composizionc monocratica, con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa forcnsc in vigorc dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizionc monocratica. 111trt l\.l (, <.,Ai1 winr p r Icgp IL PRESIDENTE

11 NO3 bis Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla nomina a difensore d'ufficio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio ordinario che si conclude in due udienze (una di ammissione prove ed una di istruttoria) con imputato irreperibile (anche di fatto) o latitante Esame e studio in occasione deila prima sessione ( voce 2 deila tariffa penale) Esame e studio in occasione della notifica dell'awiso di conclusione delle indagini - preliminari (voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione deila notifica del decreto di citazione a giudizio ( voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine aila richiesta di contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento, svolta all'udienza ( voce 6.2 della tariffa oenale 'I I Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa oenale ') I Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal Phi owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del PM svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa penale ) 124,OO Onorari per la discussione orale avvenuta all'udienza del (voce 6.3 della tariffa penale) 170,OO Indennità di accesso e di attesa per dette ( voce 4 della tariffa penale ) 70,OO Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense oari al 12.5 '/O di I H21Ji I'O'I'Al.I< curo C 821,2.5 oltrv 11'4 t (,Il' IN r kqgt N.H.: Nella detcrminazioiic degli onorari si i. fatto riferimento al valore mcdio comprcso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 1>1'1< 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i proccdimciiti di competenza del tribunale in composizione monocratica, con la prccisazionc che si i. applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione rnonocratica. Avv. 1L PRESIDENTE

12 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio ordinario che si conclude in tre udienze (una di ammissione prove e due di istruttoria) Esame e studio in occasione della prima sessione ( voce 2 della tariffa penale ) Informativa con il cliente in studio in occasione della prima sessione ( voce 1.2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione della notifica dell'awiso di conclusione delle indagini prehnari - ( voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione della notifica del decreto di citazione a giudizio (voce 2 della I tariffa ~enale I I Esame e studio in occasione dell'udienza f voce 2 della tariffa ~enale ) I Informativa in studio con il cliente in occasione dell'udienza ( voce 1.2 della tariffa ~enale Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio deli'attività difensiva in ordine alla richiesta di contro esame dei testi indotti dal I PM ovvero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento, svolta d'udienza I I ( voce 6.2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) 124,OO Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM ovvero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del Phl svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa ~enale 1 Esame e studio in occasione dell'udienza (voce 2 della tariffa ~enale ) I Partecipazione d'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) 16,OO Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del PM I svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa penale ) 124,OO Onorari per la discussione orale avvenuta d'udienza del (voce 6.3 della tariffa penale) 170,OO Indennità di accesso e di attesa ~ edette r I voce 4 della tariffa nenale I I I I b borso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense ari al di I 'I'C)'I'ALE euro C <llrll<: [>C' Ii.#xc N.H.: Nella determinazione degli onorari si i. fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 1)1>1< 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica. con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica. 1113, Xw.

13 NO4 bis Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla nomina a difensore d'ufficio secondo modelio predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio ordinario che si conclude in tre udienze (una di ammissione prove e due di istruttoria) con imputato irreperibile (anche di fatto) o latitante Esame e studio in occasione deila prima sessione ( voce 2 deila tariffa penale ) Esame e studio in occasione della notifica dell'awiso di conclusione delle indagini preliminari ( I voce 2 della tariffa ~enale 1 Esame e studio in occasione deila notifica del decreto di citazione a giudizio ( voce 2 deila tariffa ~enale 'I I Esame e studio in occasione deil'udienza ( voce 2 deila tariffa ~enale ) I Partecipazione ail'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio deil'attività difensiva in ordine aila richiesta di contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento, svolta ail'udienza ( voce 6.2 deila tariffa penale ) Esame e studio in occasione deil'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) 124,OO Parteci~azione ail'udienza del ( voce 6.1 della tariffa ~enale 'I I Per l'esercizio deil'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del PM svolta ail'udienza del ( voce 6.2 della tariffa penale Esame e studio in occasione deil'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Partecipazione ail'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in I ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza aila discussione del PM svolta ail'udienza del ( voce 6.2 della tariffa penale ) 124,OO Onorari ~ ela r discussione orale avvenuta all'udienza del (voce 6.3 deila tariffa ~enale) I Indennità di accesso e di attesa per dette ( voce 4 della tariffa penale ) 70,OO 93tl1O0 Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 '/O di 9300,OO 116, ,25 'TOTALE curo f: OItlC JYA l (:41' coriic per Icgxc N.H.: Nella dctcrminazionc degli onorari si C fatto riferimento al valorc medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 I)1)1< 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di competenza del tribunale in composizionc monocratica, con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa forcrisc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica. Avv.

14 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio ordinario che si conclude in quattro udienze (una di ammissione prove e tre di istruttoria) Esame e studio in occasione deila prima sessione ( voce 2 della tariffa penale ) Informativa con il cliente in studio in occasione della prima sessione ( voce 1.2 della tariffa penale ) I Esame e studio in occasione deila notifica deil'awiso di conclusione delle indagini preliminari I I (voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione della notifica del decreto di citazione a giudizio ( voce 2 della I tariffa ~enale I I Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Informativa in studio con il cliente in occasione dell'udienza (voce 1.2 deila tariffa penale ) Partecipazione ail'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio deil'attività difensiva in ordine aila richiesta di contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento, svolta all'udienza I voce 6.2 deila tariffa ~enale ) I Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa ~enale Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ') I I ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del PM I I svolta ail'udienza del ( voce 6.2 deila tariffa penale ) 124,OO Esame e studio in occasione deil'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Parteci~azione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa ~enale ) Per l'esercizio deil'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del PM svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa ~enale ) t~same studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa ~enale ) Partecipazione d'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed all'assistenza alla discussione del Phl 'l. 'rr I svolta ail'udienza del (voce 6.7 Onorari per la discussinne nrale I vnre (i.? Indennità di accesso e di attesa per dette (voce 4 aeua ranrra penale ) I YO,UU I 1.31ti.00 I Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense ari al 12.5 '/O di 'L'O'I'ALE curo ti 1.370,ZS trc IVA e (;AI' coine 1ic.r Iqgc N.H.: Nella determinazione degli onorari si i: fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 l>l'r 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica, con la precisazione che si i: applicata la nuova tariffa forcnse in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica.

15 NO5 bis Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla nomina a difensore d'ufficio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio ordinario che si conclude in tre udienze (una di ammissione prove e due di istruttoria) con imputato irreperibile (anche di fatto) o latitante I Esame e studio in occasione della ~rima sessione I voce 2 deila tariffa ~enale \ Esame e studio in occasione della notifica deii'awiso di conclusione delle indagmi preliminari ( voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione deiia notifica del decreto di citazione a giudizio ( voce 2 della tariffa penale ) Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Partecipazione aii'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio deii'attività difensiva in ordine aila richiesta di contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento, svolta all'udienza ( voce 6.2 della tariffa ~enale \ I I Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa ~enale ) I Partecipazione aii'udienza del ( voce 6.1 deiia tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed aii'assistenza alla discussione del PM svolta aii'udienza del ( voce 6.2 della tariffa penale ) 124,OO Esame e studio in occasione deii'udienza ( voce 2 della tariffa penale ) Partecipazione aii'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio deii'attività difensiva in ordine al contro esame dei testi indotti dal PM owero in ordine al contenuto del fascicolo per il dibattimento ed aii'assistenza alla discussione del PM svolta aii'udienza del ( voce 6.2 della tariffa ~enale I Onorari ~ ela r discussione orale avvenuta all'udienza del (voce 6.3 deiia tariffa oenale) Indennità di accesso e di attesa per dette (voce 4 della tariffa penale) 70,OO 9 Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 '/O di , TOTALI: curo f: 1046,25 olirc 1\!A v (:Al' wnic pri. Itggc N.H.: Nella determinazione degli onorari si i. fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 1>1'1< 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabellari stabiliti nella tariffa forensc per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica, con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa forensc in vigorc dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica. Avv.

16 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a giudizio abbreviato introdotto dal difensore con procura Esame e studio in occasione della prima sessione ( voce 2 della tariffa penale ) Informativa con il cliente in occasione della ~ r hsessione a voce 1.2 della tariffa ~enale Esame e studio in occasione della notifica dell'awiso di conclusione delle indagini (voce 2 della I -. tariffa penale) Esame e studio in occasione della notifica del decreto di citazione a giudizio (voce 2 della tariffa Redazione della procura per richiedere il rito abbreviato e per la redazione della richiesta di rito abbreviato (voce 7.2 della tariffa ~enale ) Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa ~enale ) I Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Accesso in Cancelleria per estrarre copia del verbale dell'udienza ( voce 4 della tariffa ~enale Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa ~enale ) I Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 della tariffa penale ) Per l'esercizio dell'attività difensiva in ordine all'assistenza alla discussione delle altre parti svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa ~enale ) I Onorari per la discussione orale awenuta all'udienza del ( voce 6.3 della tariffa penale) 170,OO Indennità di accesso e di attesa ~ edette r (voce 4 della tariffa ~enale I ,OO Runborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 '/O di 761,OO 95,12 556,12 'I'O'I'ALE ci1 m N.H.: Nella determinazione degli onorari si i. fatto riferimento al valore mcdio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art )1< 30 maggio 2002 n. 115) e minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forense per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica, con la precisazione che si C applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica. TERAMO (TE), LI... Xw. ohrt 1k.i C AI' < t)ltlc ]?t i i< +!,e(' (Avv. Divinan

17 NO6 bis Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190tdine Forense di Teramo, relativa a giudizio abbreviato Esame e studio in occasione della prima sessione ( voce 2 della tariffa penale ) Informativa con il cliente in occasione della orima sessione ( voce 1.2 della tariffa ~enale ') I Esame e studio in occasione della notifica dell'awiso di conclusione delle indagini (voce 2 della 1 tariffa ~enale'l I Esame e studio in occasione delia notifica del decreto di citazione a giudizio (voce 2 della tariffa nenale) - Esame e studio in occasione deli'udienza (voce 2 della tariffa ~enale 'l I Partecipazione all'udienza del ( voce 6.1 deiia tariffa penale ) Accesso in Cancelleria per estrarre copia del verbale dell'udienza ( voce 4 della tariffa penale I Esame e studio in occasione dell'udienza ( voce 2 della tariffa ~enale ') I Partecipazione ali'udienza del ( voce 6.1 delia tariffa penale ) Per l'esercizio deli'attività difensiva in ordine all'assistenza alla discussione delle altre parti svolta all'udienza del ( voce 6.2 della tariffa ~enale ) Onorari per la discussione orale awenuta ali'udienza del (voce 6.3 della tariffa penale) Indennità di accesso e di attesa ~ edette r ( voce 4 della tariffa ~enale ) I c>.%,oc! Runborso forfetario ex art. 8 delia Tariffa forense pari al 12,5 % di 650,OO 81, I i-i!tllc I>'.' N.H.: Nella determinazione degli onorari si ì. fatto riferimento al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 1)PR 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di competenza del tribunale in composizione monocratica, con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2001 per i procedimenti di competenza dcl tribunale in composizione nioriocratica. TERAMO (TE), LI Aw. Ic<gC "pmi-dmt (do GiovanniSpi sa)

18 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a incidente di esecuzione con rito collegiale Esame e studio in occasione della prima sessione ( voce 2 della tariffa penale ) Informativa in studio con il cliente ( voce 1.2 della tariffa penale ) 36,OO Esame e studio per le redazione dell'istanza per l'incidente di esecuzione (voce 2 della tariffa penale ) Redazione istanza per l'incidente di esecuzione (voce 7.2 della tariffa penale ) 142,OO Esame e studio in occasione dell'udienza camerale (voce 2 della tariffa penale ) I ~&eci~azione all'udienza del camerale I voce 6.1 della tariffa ~enale I Onorari ~ ela r discussione orale avvenuta all'udienza camerale ( voce 6.3 della tariffa ~enale ) Indennità di accesso e di attesa per dette ( voce 4 della tariffa penale ) 36,OO Esame e studio in occasione della notifica dell'orduianza conclusiva (voce 2 della tariffa penale) I Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense ari al 12.5 O/O di I 'I'O'I',ALG c.ii ro C coine l xr I c ~ ~ c N.B.: Nella determinazione Jcgli onorari si ì: fatto riferimento al valore nicdio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 1)PK 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnse per i procedimenti di compctcnza del tribunale in composizione collcgialc, con la precisazione che si C applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di compctcnza del tribunale in composizione collcgialc. m!)? 671,62

19 P P p~ p~ P NO7 bis Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla nomina a difensote d'ufficio secondo modelio predisposto dal Tribunale e dall'ordine Fotense di Teramo, relativa a incidente di esecuzione con tito collegiale con imputato irreperibile (anche di fatto) o latitante I Esame e studio in occasione deila mima sessione ( voce 2 della tariffa ~enale Esame e studio per le redazione deii'istanza per l'incidente di esecuzione ( voce 2 della tariffa l ) penale > I l'incidente di esecuzione ( voce 7.2 deiia tariffa oenale ') Redazione istanza ~ e r Esame e studio in occasione deii'udienza camerale ( voce 2 deiia tariffa penale ) Partecipazione ail'udienza del camerale ( voce 6.1 della tariffa penale ) Onorari ner la discussione orale avvenuta all'udienza camerale ( voce 6.3 della tariffa nenale > 60,OO Indennità di accesso e di attesa oer dette f voce 4 della tariffa penale ) I I Esame e studio in occasione deiia notifica deli'ordinanza conclusiva (voce 2 della tariffa ~enale) I Runborso forfetario ex art. 8 deiia Tariffa forense pari a1 12,5 '10 di 551,00.551,1)0 68, N.H.: Nella dctcrminazionc degli onorari si C fatto riferimento al valore medio comprcso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 l>l'r 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di compctcnza del tribunale in composixionc collcgialc, con la precisazione che si applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2004 pcr i proccdimcnti di compctcnza del tribunalc in composizione collcgialc. -~ P Aw. IL PRESIDENTE

20 Nota spese e degli onorari per la liquidazione in seguito alla domanda di ammissione al gratuito patrocinio secondo modello predisposto dal Tribunale e dal190rdine Forense di Teramo, relativa a incidente di esecuzione con rito monocratico Esame e studio in occasione della prima sessione ( voce 2 deiia tariffa penale ) Informativa in studio con il cliente ( voce 1.2 della tariffa penale ) Esame e studio per le redazione dell'istanza per l'incidente di esecuzione ( voce 2 della tariffa penale ) 30,00 1 Redazione istanza ~ el'incidente r di esecuzione I voce 7.2 deiia tariffa oenale ) I Esame e studio in occasione dell'udienza camerale ( voce 2 deiia tariffa penale ) Partecipazione all'udienza camerale ( voce 6.1 della tariffa penale ) Onorari per la discussione orale awenuta all'udienza camerale ( voce 6.3 deila tariffa penale ) Indennità di accesso e di attesa ~ edette r I voce 4 della tariffa oenale ') Esame e studio dopo la notifica dell'ordinanza conclusiva ( voce 2 della tariffa penale ) Rimborso forfetario ex art. 8 della Tariffa forense pari al 12,5 '/O di 505,00 TOTALE curo f: N.H.: Nella determinazione degli onorari si i. fatto rifcrimcnto al valore medio compreso fra gli onorari medi (massimo liquidabile ex art. 82 1>1)1t 30 maggio 2002 n. 115) c minimi tabcllari stabiliti nella tariffa forcnsc per i procedimenti di compctcnza dcl tribunalc in coniposizione monocratica, con la precisazione che si i. applicata la nuova tariffa forcnsc in vigore dal 2 giugno 2004 per i procedimenti di compctcnza del tribunalc in composizione monocratica. %L%!N 63,12 5_8,!2 568J2 oi1sc l\?>\ v (Al' ciinic pvi- Icypv Aw. EDELTRIBUNALE 1 1 PRESIDENTE (Avv. ~ ~ w s i o )

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

I. Introduzione. Nella giurisprudenza costituzionale è ripetuta l'affermazione secondo cui il procedimento penale davanti al giudice di

I. Introduzione. Nella giurisprudenza costituzionale è ripetuta l'affermazione secondo cui il procedimento penale davanti al giudice di Peculiarità e differenze del procedimento penale di cui al D.Lgs. 274/2000 rispetto al modello ordinario. Aggiornamenti alla luce delle modifiche introdotte dal legislatore e delle interpretazioni proposte

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali.

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE TITOLO I Giudicato Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. 1. Sono irrevocabili le sentenze pronunciate in giudizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario.

R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario. R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario. 1. È approvato l'unito testo dell'«ordinamento giudiziario», allegato al presente decreto e visto d'ordine nostro dal Ministro guardasigilli e dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

PROCEDIMENTO DAVANTI AL TRIBUNALE PER I MINORENNI: PECULIARITÀ DEL RITO E STRATEGIE DIFENSIVE FONTI

PROCEDIMENTO DAVANTI AL TRIBUNALE PER I MINORENNI: PECULIARITÀ DEL RITO E STRATEGIE DIFENSIVE FONTI PROCEDIMENTO DAVANTI AL TRIBUNALE PER I MINORENNI: PECULIARITÀ DEL RITO E STRATEGIE DIFENSIVE FONTI R.D.L. 1404.1934 (detta anche Legge Minorile): istituzione e fondamento del tribunale per i minorenni

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14

Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14 LA DIALETTICA DIBATTIMENTALE: CONFRONTO A PIU VOCI Villa di Castel Pulci, Scandicci 9-11 giugno 2014 Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14 a cura di Valeria Bove Giudice del

Dettagli

GUIDA PER GLI AVVOCATI

GUIDA PER GLI AVVOCATI GUIDA PER GLI AVVOCATI Note destinate a servire da guida agli agenti e agli avvocati delle parti per la fase scritta e orale del procedimento dinanzi alla Corte di giustizia delle Comunità europee Febbraio

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

L istituto della messa alla prova per gli adulti : indicazioni operative per il giudice e provvedimenti adottabili 1

L istituto della messa alla prova per gli adulti : indicazioni operative per il giudice e provvedimenti adottabili 1 indicazioni operative per il giudice e provvedimenti adottabili 1 di Valeria Bove giudice del Tribunale di Napoli SOMMARIO 1 Introduzione: un vademecum rivolto ai giudici del Tribunale di Napoli 1 2 L

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI CAPO I DEFINIZIONE DI ACCESSO E DI DOCUMENTO AMMINISTRATIVO ART.1 Fonti e finalità 1. Il

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

(1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 settembre 1934, n. 208 e convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 27 maggio 1935, n. 835.

(1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 settembre 1934, n. 208 e convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 27 maggio 1935, n. 835. R.D.L. 20 luglio 1934, n. 1404 (1). Istituzione e funzionamento del tribunale per i minorenni (2) (3). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 settembre 1934, n. 208 e convertito in legge, con modificazioni,

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni ISTRUZIONI PRATICHE relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni La presente edizione coordina le istruzioni pratiche relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni adottate il 15 ottobre 2004 (GU

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

D.P.R. 15 luglio 1988, n. 574

D.P.R. 15 luglio 1988, n. 574 D.P.R. 15 luglio 1988, n. 574 NORME DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO SPECIALE PER LA REGIONE TRENTINO- ALTO ADIGE IN MATERIA DI USO DELLA LINGUA TEDESCA E DELLA LINGUA LADINA NEI RAPPORTI DEI CITTADINI CON

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

PROCESSO CIVILE TELEMATICO ISTRUZIONI PER L'USO VADEMECUM DEL DISTRETTO DELLA CORTE D'APPELLO DI FIRENZE

PROCESSO CIVILE TELEMATICO ISTRUZIONI PER L'USO VADEMECUM DEL DISTRETTO DELLA CORTE D'APPELLO DI FIRENZE PROCESSO CIVILE TELEMATICO ISTRUZIONI PER L'USO VADEMECUM DEL DISTRETTO DELLA CORTE D'APPELLO DI FIRENZE Edizione 1.0 novembre 2014 Nota di presentazione Il vademecum è frutto dell'elaborazione del Referente

Dettagli

GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULLE DISPOSIZIONI MODIFICATE DAL D.L. 21 FEBBRAIO 2005, N. 17, CONV. DALLA L. 22 APRILE 2005, N.

GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULLE DISPOSIZIONI MODIFICATE DAL D.L. 21 FEBBRAIO 2005, N. 17, CONV. DALLA L. 22 APRILE 2005, N. GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULLE DISPOSIZIONI MODIFICATE DAL D.L. 21 FEBBRAIO 2005, N. 17, CONV. DALLA L. 22 APRILE 2005, N. 60 Sez. 1, Sentenza n. 16717 del 13/3/2007 Ud. (dep. 2/5/2007),

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

LINEE GUIDA PER I CTU

LINEE GUIDA PER I CTU LINEE GUIDA PER I CTU per lo svolgimento delle operazioni peritali e per la redazione delle consulenze tecniche. PARTE PRIMA Le operazioni peritali Accettazione dell incarico. - Il c.t.u. ha l obbligo

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

QUESTIONI PRELIMINARI. CASI PRATICI

QUESTIONI PRELIMINARI. CASI PRATICI QUESTIONI PRELIMINARI. CASI PRATICI L argomento attiene alla disciplina degli atti introduttivi al dibattimento, tra i quali è possibile distinguere: - la fase inerente alla verifica della regolare costituzione

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 132. (GU n.261 del 10-11-2014 - Suppl. Ordinario n. 84) Capo I

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 132. (GU n.261 del 10-11-2014 - Suppl. Ordinario n. 84) Capo I TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 132 Testo del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 212 del 12 settembre 2014), coordinato con la

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali 1. Premessa. 2.La questione della vigenza dell art.23 della legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO Approvato con verbale n. 108 Consiglio Comunale del 20 ottobre 2010 Capo I DISPOSIZIONI GENERALI sul DIRITTO di

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

LEGGE 10 novembre 2014, n. 162

LEGGE 10 novembre 2014, n. 162 LEGGE 10 novembre 2014, n. 162 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli