CORNER PIEMONTE/ITALIA 2008 ART BRASILE Relazione finale sull attività svolta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORNER PIEMONTE/ITALIA 2008 ART BRASILE Relazione finale sull attività svolta"

Transcript

1 REGIONE PIEMONTE Direzione Attività Produttive Settore Promozione, Sviluppo e Credito Artigianato Via Pisano TORINO BANDO DI ATTUAZIONE DELLE MISURE IN FAVORE DEL SETTORE ARTIGIANO DI CUI AI COMMI 82 E 83 DELL ART.4 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2004 E AL DM INTERMINISTERIALE DEL 3 AGOSTO 2007 CORNER PIEMONTE/ITALIA 2008 ART BRASILE Relazione finale sull attività svolta Decreto Ministero Commercio Internazionale Contributi per progetti di promozione all estero di prodotti o servizi presentati da aggregazioni di imprese artigiane. Progetto Corner Piemonte/Italia 2008 ART BRASILE pos. n.11 CONSORZIO I.C.I.M. Imprese Canavesane Insieme sui Mercati del Mondo Via Breda Burolo (TO) Tel Fax P.IVA

2 INTRODUZIONE IL MERCATO BRASILIANO Decreto Ministero Commercio Internazionale Contributi per progetti di promozione all estero di prodotti o servizi presentati da aggregazioni di imprese artigiane.

3 IL BRASILE, UN MERCATO DALLE GRANDI POTENZIALITA Il Brasile, futura potenza invitata al tavolo del G8, corteggiato dall Unione europea e dagli Stati Uniti, ha saputo affacciarsi sui mercati mondiali passando in quaranta anni, da paese esclusivamente agricolo a decima nazione più industrializzata del mondo. Ciò è stato possibile soprattutto grazie all attuazione di significative privatizzazioni, alla lotta contro l inflazione e alla ristrutturazione dell economia. In questi anni, il Presidente Lula, da un lato ha lavorato per cancellare le ingiustizie sociali più feroci, dall'altro per convincere i mercati che il Brasile non sarebbe diventato una "repubblica popolare". Ecco perché, dopo un primo momento di attesa dei mercati e degli investitori internazionali, i flussi finanziari sono ricominciati e l'economia brasiliana ha ripreso quota. Gli effetti benefici degli investimenti si sono fatti sentire in termini occupazionali, specie nella grande industria. Gli investimenti hanno raggiunto cifre importanti, dai 25 ai 30 miliardi di dollari l'anno. Le esportazioni sono passate da 13 a 100 miliardi, e va considerato che sono costituite per circa il 50% da prodotti semilavorati. Con una popolazione di 190 milioni di persone (di cui più di 25 milioni di origine italiana), il paese è il 5 al mondo per numero di abitanti. I ricchi, sono circa 30 milioni, mentre gli appartenenti alla classe media si aggirano sui 20/21 milioni. Il mercato del lusso registra un aumento del 12% ed è concentrato soprattutto nelle grandi città come Rio de Janeiro, Brasilia, San Paolo. Proprio in quest ultima metropoli, che occupa solo il 3% del territorio del Paese, vive il 22% della popolazione brasiliana, si produce il 45% del PIL industriale e si registra il più elevato reddito pro capite tra tutti gli stati brasiliani. La città potrebbe essere considerata la 21 regione del nostro paese, visto che circa il 30% della popolazione che vi risiede, è di origine italiana. La comunità italiana residente in Brasile ha sempre avuto un occhio di riguardo per tutto ciò che proviene dal nostro Paese. C è poi da aggiungere che buona parte delle aziende brasiliane operanti in settori come quelli della moda o delle calzature (nel caso degli associati all equivalente della Confindustria del distretto di San Paolo, oltre il 60%) è stata fondata da imprenditori di origine italiana. I prodotti italiani considerati di eccellenza, oltre ai classici del Made in Italy (agroalimentare, moda, calzature, ecc.), sono quelli relativi al settore metalmeccanico, quelli di alta tecnologia e gli strumenti sanitari. Il Made in Italy richiama il design, la qualità e l innovazione. Nel settore agroalimentare, il consumatore brasiliano è molto attento alle origini e alla storia del prodotto. LE DIFFICOLTA DELLE PICCOLE IMPRESE SUL MERCATO BRASILIANO I problemi più comuni delle aziende italiane consistono principalmente: 1. nella loro piccola dimensione e nella difficoltà ad aggregarsi con altre realtà produttive dello stesso settore per fare sistema, rafforzare l offerta (anche in termini quantitativi) e diminuire i costi di trasporto e di promozione; 2. nel proporre prodotti di nicchia, che sono poco concorrenziali, in termini di prezzo, con produzioni similari provenienti da altri paesi che hanno processi lavorativi di tipo industriale e non artigianale e che, conseguentemente, riducono drasticamente i costi all origine; 3. nella mancanza di conoscenza adeguata del segmento di mercato in Brasile relativo al proprio prodotto (potenzialità export, presenza e strategia dei concorrenti, canali distributivi più adatti); 4. nel non disporre di referenti stabili in loco, con cui poter adeguatamente programmare le azioni promozionali e monitorare i risultati raggiunti;

4 5. partecipare ad eventi spot, come le fiere o le degustazioni, senza disporre delle necessarie certificazioni e non conoscendo adeguatamente le procedure di sdoganamento della merce; 6. nella veicolazione di materiale promozionale inadeguato da un duplice punto di vista: da un lato, spesso, l ostacolo linguistico tende ad essere sottovalutato data la similitudine tra il portoghese e l italiano e, pertanto, si eseguono traduzioni di basso livello di cataloghi e brochure che possono annullare lo sforzo delle azioni promozionali intraprese; dall altro, i cataloghi prodotto finiscono per omologarsi a quelli diffusi da altre imprese internazionali presenti sul mercato, tralasciando aspetti fondamentali quali il territorio, le tradizioni, la descrizione del processo produttivo, ovvero gli elementi che rendono unica l eccellenza italiana e giustificano o quantomeno permettono di comprendere i fattori che concorrono alla determinazione del prezzo di vendita. LA SCELTA PAESE: I PUNTI DI FORZA DEL CONSORZIO ICIM IN BRASILE Tutte le considerazioni esposte nei punti da 1 a 6 della presente relazione, che mettono in evidenza le fragilità delle piccole imprese italiane sul mercato brasiliano, trovano ancor più applicazione per le aziende piemontesi e canavesane. Le piccole dimensioni delle imprese artigiane della nostra regione, la produzione di eccellenze di nicchia e la reale difficoltà delle aziende di affacciarsi sui mercati internazionali, anche attraverso azioni a sistema, sono state evidenziate dal Ministero Italiano del Commercio Internazionale che, con il decreto del 12 febbraio 2008, ha messo a disposizione dei contributi finanziari a fondo perduto per la realizzazione di progetti di promozione all estero di prodotti e servizi presentati da aggregazioni di imprese artigiane. Il Consorzio ICIM, che ha come obiettivo il sostegno all internazionalizzazione delle PMI e l avvio sui mercati esteri di progetti e programmi che possano avere positive ricadute sul territorio e su interi comparti produttivi nei quali operano le piccole realtà imprenditoriali della regione, ha inoltrato domanda di contributo per la realizzazione, nell ambito del sopra citato decreto, di un progetto dal titolo CORNER PIEMONTE/ITALIA 2008 ART BRASILE. Nella scelta del mercato bersaglio, verso cui indirizzare le azioni per il raggiungimento dei migliori risultati, l ICIM ha individuato il Brasile, il paese in cui, negli anni, ha concentrato le principali azioni e ha realizzato i più importanti progetti. Si è ritenuto che le basi poste in Sud America, fin dal 2005, anno di inizio attività su quel mercato, fossero in grado di consentire il superamento dei punti più critici per l affermazione delle imprese e dei loro prodotti. In modo schematico si riportano di seguito: 1. i punti di debolezza delle aziende; 2. i punti di forza del consorzio in Brasile che giustificano l attuazione del progetto su quel mercato; 3. la presentazione delle 6 fasi previste e attuate nel progetto (tempi, ruoli, luoghi, strumenti utilizzati); 4. il piano economico e finanziario con comparazione costi stimati e a consuntivo

5 AZIENDE ARTIGIANE DIFFICOLTÀ/DEBOLEZZE CONSORZIO ICIM PUNTI DI FORZA 1. Difficoltà di aggregazione e presentazione a sistema di prodotti diversi per rafforzare l offerta Da anni il consorzio presenta in Brasile le eccellenze produttive del Canavese in particolare e del Piemonte in generale, concentrando l attenzione degli operatori e del grande pubblico sudamericano, non sulla singola azienda bensì sul potenziale di offerta generale della regione, perché prima di intraprendere azioni commerciali finalizzate alla vendita su un nuovo mercato, è indispensabile da un lato far conoscere il trinomio produzione-territorio-processo produttivo, dall altro comprendere la reale domanda, al fine di selezionare un offerta adeguata. Optare per questa scelta strategica ha significato proporre prodotti appartenenti a diversi sistemi qualità: dai marchi europei riconosciuti e già apprezzati in Brasile: DOC, DOCG, DOP, ecc., ai PAT prodotti tradizionali, legati a un disciplinare regionale, dai prodotti tipici alle eccellenze artigiane. I prodotti forti fanno da traino a quelli poco noti e, questi ultimi, hanno la possibilità di affacciarsi e farsi apprezzare su un nuovo mercato, creando i presupposti per la domanda. Questo modo di procedere ha consentito di concentrare le proprie azioni promozionali su diversi canali: dal ristorante, alla GDO, dalle fiere, agli eventi turistici che registrano la partecipazione di operatori interessati a circuiti enoagstronomici. Tutto ciò ha permesso di ampliare la visibilità dei prodotti della nostra regione e di inserire, negli anni, nuove specialità enoagroalimentari, grazie in modo particolare, alla realizzazione delle seguenti azioni: - compartecipazione del Consorzio ICIM (in collaborazione con altri due consorzi piemontesi) all organizzazione a Rio de Janeiro, di un Concorso Internazionale dedicato al Riso Italiano delle Province Piemontesi. L evento, fino al 2007 prevedeva la partecipazione di chef professionisti di affermati ristoranti della città brasiliana che, nel loro locale, propongono la cucina italiana. I concorrenti erano invitati a elaborare una speciale ricetta, utilizzando il riso messo a disposizione dalla Provincia di Vercelli. Il miglior piatto preparato, consentiva allo chef di aggiudicarsi un viaggio in Piemonte per meglio conoscere il territorio, i prodotti e le aziende. Dal 2008, per rafforzare l azione promozionale e dare maggiore importanza e visibilità al concorso e, conseguentemente al Canavese e al Piemonte, in Brasile avvengono solo le selezioni dei concorrenti che sottopongono le loro ricette a una speciale commissione italiana/brasiliana, mentre la competizione si svolge nei ristoranti della nostra

6 regione. La partecipazione è ora aperta a due diverse categorie: gli chef professionisti e gli studenti della Facoltà di Scienze Gastronomiche dell Università Estacio de Sa di Rio de Janeiro. L apertura del concorso agli allievi, consente il coinvolgimento di scuole piemontesi e, cosa molto importante, permette di puntare su percorsi di training a studenti universitari che, quando saranno chef, comprenderanno la differenza tra un prodotto autentico e uno contraffatto e sapranno che per proporre ricette italiane, si devono utilizzare produzioni provenienti dal paese di origine, pena una distorsione delle tradizioni e dei sapori più autentici; - realizzazione di educational tour in Canavese e in Piemonte per importatori e buyers, legati ai ristoranti brasiliani selezionati per il concorso dedicato al riso; - promozione della nostra regione attraverso l avvio di una collaborazione professionale con alcune tra le principali TV brasiliane: GAZETA, CULTURA, GLOBOSAT e l organizzazione di educational tour in Piemonte, volti alla produzione di immagini video sull enogastronomia, le tradizioni, le potenzialità turistiche della nostra regione e le produzioni di eccellenza; - organizzazione di percorsi e itinerari turistici ad hoc per tour operator brasiliani Tutte le azioni intraprese negli anni, hanno di fatto consentito la creazione del Sistema Piemonte/Canavese sul mercato brasiliano e di preparare il terreno per l avvio di concrete azioni commerciali a favore delle aziende produttrici. 4. AZIENDE ARTIGIANE DIFFICOLTÀ/DEBOLEZZE Mancanza di referenti stabili in loco, con cui poter adeguatamente programmare le azioni promozionali e monitorare i risultati raggiunti CONSORZIO ICIM PUNTI DI FORZA Dal 2005 il Consorzio ICIM dispone di una stabile sede di rappresentanza a Rio de Janeiro. Il referente locale Rafael Zibelli NETO è responsabile della AICC Associazione Internazionale di Commercio e Cultura, che da anni è impegnata in Brasile nell organizzazione di eventi e manifestazioni internazionali, fra cui la fiera RIO EQUIPAR, nel settore dell hospitality equipment food&beverage, gestita in collaborazione con l organizzazione sindacale dei ristoranti, hotel e bar del Municipio di Rio de Janeiro. L AICC, dati i suoi legami con il settore nel quale opera, coordina le selezioni del concorso dedicato al riso organizzato in Piemonte, segnala al consorzio opportunità promozionali e commerciali per le aziende aderenti, veicolando costantemente le informazioni sul Piemonte e sul Canavese agli operatori locali. Un elemento di maggior forza in Brasile per l ICIM è

7 caratterizzato dal fatto che Rafael Zibelli NETO è altresì presidente della UIM Unione Italiani nel Mondo. Come sopra già ricordato, la promozione del Made in Italy avviene in Brasile anche grazie alla presenza di 25 milioni e oltre di italiani di origine ivi residenti e ormai completamente radicati nel tessuto sociale ed economico. Il binomio UIM-AICC e il coordinamento dei due canali di collaborazione da parte di un unico referente, consente al consorzio di programmare azioni promozionali di grande visibilità sul mercato locale e di monitorare i risultati conseguiti con le attività svolte AZIENDE ARTIGIANE DIFFICOLTÀ/DEBOLEZZE Produzioni di nicchia poco concorrenziali, in termini di prezzo, con prodotti similari provenienti da altri paesi, ottenuti con processi lavorativi di tipo industriale Materiale promozionale inadeguato: traduzioni di basso livello, mancanza di spiegazione degli elementi che rendono unico un prodotto di qualità: territorio, tradizioni, processo produttivo e che concorrono alla determinazione del prezzo di vendita CONSORZIO ICIM PUNTI DI FORZA Le produzioni enoagroalimentari contribuiscono a valorizzare la storia, la cultura e le tradizioni di un paese nel mondo. Esportare le eccellenze piemontesi su un nuovo mercato non solo remunera la qualità dei prodotti nazionali, ma avvia un processo di progressiva internazionalizzazione del sistema agricolo ed agroalimentare nazionale. Il prodotto italiano di alta qualità riconosciuto da un disciplinare europeo, quello tipico, tradizionale o artigianale, ha necessità di "istruzioni per l'uso" e di informazioni, che ne spieghino e ne descrivano i sapori, i profumi, le distinzioni organolettiche. Una campagna promozionale adeguata deve inoltre far emergere tutti gli elementi della cultura materiale di cui è impregnato il prodotto: la storia, l arte millenaria, la passione per il proprio lavoro e l esperienza, tramandate di generazione in generazione. La volontà di esportare un prodotto tipico di una regione dunque, non risponde solo a logiche commerciali e non ha come unico scopo la vendita su un nuovo mercato. L obiettivo è soprattutto quello di far conoscere la propria cultura, le tradizioni e la storia, ovvero il proprio codice genetico. Le azioni promozionali realizzate negli anni e sopra già segnalate, hanno consentito al consorzio di mettere adeguatamente in evidenza la ricchezza degli elementi che costituiscono il codice genetico intrinseco di ogni prodotto artigianale, che lo rendono unico e inimitabile, giustificando e consentendo la comprensione delle differenze di prezzo rispetto a prodotti similari ottenuti con processi di produzione industriale

8 AZIENDE ARTIGIANE DIFFICOLTÀ/DEBOLEZZE CONSORZIO ICIM PUNTI DI FORZA Mancanza di conoscenza adeguata sul segmento di mercato in Brasile relativo al proprio prodotto (potenzialità export, presenza e strategia dei concorrenti, canali distributivi più adatti) Partecipazione a fiere o degustazioni, senza disporre delle necessarie certificazioni e senza conoscere adeguatamente le procedure di sdoganamento Le attività promozionali realizzate dal consorzio ICIM, hanno permesso l individuazione in Brasile di tre principali strade di commercializzazione dei prodotti delle eccellenze artigiane: 1. il canale ristorante; 2. gli importatori; 3. la GDO La tipologia delle azioni intraprese dal 2005 ad oggi e il coordinamento dell ufficio di rappresentanza a Rio de Janeiro, hanno favorito l individuazione dei migliori operatori all interno delle 3 categorie citate e di quelli più interessati all instaurazione di un partenariato commerciale con le imprese del Piemonte. Le informazioni catalogate negli anni, relative ai vari segmenti di mercato, nonché alle modalità di esportazione, sdoganamento e certificazione dei prodotti, mediante apposite società di consulenza locali, sono state ulteriormente supportate dall adesione del consorzio alla Camera di Commercio brasiliana in Italia, che offre ai propri soci costanti aggiornamenti professionali sulle procedure burocratiche legate all export e verifica l attendibilità e la solvibilità delle imprese importatrici brasiliane individuate. Tutto il complesso sistema di informazioni di cui il consorzio dispone è a disposizione delle imprese artigiane, per consentire il reale avvio delle trattative commerciali.

9 FASE 1 PREPARAZIONE CATALOGO E SITO WEB IN LINGUA ITALIANA E PORTOGHESE Decreto Ministero Commercio Internazionale Contributi per progetti di promozione all estero di prodotti o servizi presentati da aggregazioni di imprese artigiane.

10 Nell ambito del progetto sono stati raccolti dati sulle aziende coinvolte e sui prodotti da destinare all export verso il Brasile. Analoga operazione è stata svolta per la creazione del sito web ad hoc creato per la diffusione di informazioni sulle eccellenze produttive e sul territorio della nostra regione. Tutto il materiale è stato realizzato in lingua portoghese. Le traduzioni sono state svolte da uno studente universitario brasiliano di origine italiana, allievo di un corso di marketing turistico cofinanziato dal Ministero del Lavoro di Roma e realizzato in Brasile da un team di operatori piemontesi fra cui i Consorzi del Canavese. Tutto il lavoro è stato poi supervisionato dalla Direttrice dell Osservatorio ENIT di San Paolo, con cui l ICIM collabora da anni. Due le fasi operative che hanno portato alla realizzazione del catalogo: 1. elaborazione grafica e stampa di una prima brochure in lingua portoghese con una presentazione generale ed un inquadramento geografico del Canavese e del Piemonte, nonché la descrizione di alcune tra le specialità maggiormente apprezzate e conosciute, senza riferimento specifico alle singole imprese. Questa operazione ha consentito di individuare la precisa domanda sul mercato brasiliano, in modo da poter formulare una corretta offerta che permettesse di valorizzare al meglio le eccellenze artigiane coinvolte nel progetto; 2. scelta di alcuni prodotti forti della nostra regione che potessero fungere da traino per il successo delle specialità artigiane in Brasile. Predisposizione finale del catalogo delle aziende artigiane, dopo aver individuato, congiuntamente con gli operatori brasiliani selezionati per l export dei prodotti piemontesi, gli elementi di forza delle produzioni artigiane da sottolineare ed evidenziare nella brochure, per stimolare la domanda. RISULTATI OTTENUTI Le due operazioni sopra descritte, hanno consentito di ottimizzare i costi e i benefici dell intera azione: brochure più generiche sono servite per avviare la promozione e quindi distribuite in modo più massivo attraverso il partner locale dell ICIM, mentre cataloghi più specifici sono stati elaborati solo nella fase finale del progetto, ottenendo i seguenti risultati: evitare una diffusione casuale e dispersiva degli elaborati; veicolare il materiale attraverso i canali messi a disposizione dai singoli operatori brasiliani individuati, riducendo i costi di azioni di marketing intraprese dai medesimi; dotare le imprese artigiane di uno strumento qualitativamente e quantitativamente adatto a proseguire le azioni di commercializzazione avviate collettivamente dal consorzio. Analoga procedura è stata altresì seguita per la gestione delle informazioni on line consultabili sul sito web: Si allega alla presente relazione: la versione finale del catalogo Il Piemonte una regione da scoprire in italiano e portoghese. Per una migliore veicolazione delle informazioni inserite sul catalogo e una più ampia distribuzione del materiale agli operatori brasiliani interessati ai prodotti Piemonte, si è altresì provveduto all invio mezzo mail al referente del Consorzio a Rio de Janeiro, della versione in lingua portoghese; un CD con il sito web realizzato in portoghese e italiano

11 FASE 2 INDIVIDUAZIONE E SELEZIONE DEI BUYERS BRASILIANI. APERTURA 3 POSSIBILI CANALI COMMERCIALI DIVERSI Decreto Ministero Commercio Internazionale Contributi per progetti di promozione all estero di prodotti o servizi presentati da aggregazioni di imprese artigiane.

12 Per portare a termine al meglio questa fase del progetto, sono state compiute 3 distinte operazioni: 1. gestione contatti con le aziende artigiane incontri, report di monitoraggio periodici, richiesta di informazioni su listini prezzi, valori della produzione e prodotti su cui puntare per l export; 2. coordinamento con il partner brasiliano dei consorzi monitoraggio sull invio del primo catalogo di presentazione predisposto dal consorzio, verifica del numero degli operatori scelti. Individuazione dei potenziali canali commerciali a cui proporre le eccellenze artigiane; 3. raccolta/gestione dei cataloghi e dei campioni prodotto per la fase successiva RISULTATI OTTENUTI Le tre operazioni sopra citate hanno consentito l individuazione dei seguenti potenziali canali di vendita e degli operatori brasiliani sotto elencati: SETTORE DELLA RISTORAZIONE selezione di 3 ristoranti, 2 di Rio de Janeiro e uno dell area metropolitana di Niteroj, ai quali proporre le eccellenze artigiane. Le strutture di ristorazione individuate sono state scelte tra tutte quelle che dal 2005 ad oggi hanno partecipato al Concorso Internazionale dedicato al Riso Italiano delle Province Piemontesi (organizzato dai Consorzi Piemontesi). I tre ristoranti selezionati sono: Artigiano (Rio de Janeiro), Da Carmine (Niteroj), Gibo (Rio de Janeiro). IMPORTATORI Nella scelta degli importatori è stata data priorità agli operatori che, nell ambito di iniziative già avviate dal Consorzio ICIM, congiuntamente ai Consorzi Verde Canavese e Canavese Export, nel corso degli ultimi due anni, potessero conoscere non solo le specialità tipiche ma anche i processi produttivi e il territorio di riferimento. 1. C-TRADE Gourmet di Carlos Roberto e Mauro Clemente 2. Pasta Italia di Ronaldo Machado Vargas Filho 3. Belfer Hispania Importadora di Rita Fernandes Oltre ai sopra citati soggetti, che rappresentano per il consorzio non solo dei potenziali importatori dei prodotti del Canavese e del Piemonte, ma (unitamente al referente di Rio dell ICIM) dei partner operativi sul mercato brasiliano per la veicolazione dei prodotti, sono stati selezionati altri 3 operatori di Rio de Janeiro: 1. Balkonn Soluções em A&B, rappresentata da Andréa Calmon, importante società che supporta l incontro tra domanda e offerta di beni e servizi tra gli importatori/distributori di Rio e i produttori nazionali e internazionali; 2. GCM International di Claudio Freitas che oltre ad essere un importatore, offre servizi di consulenza alle imprese nel complesso processo di certificazione e accredito presso il Ministero dell Agricoltura, passo necessario per poter esportare i propri prodotti in Brasile; 3. LGM Produtos Naturais che ha manifestato il proprio interesse all avvio di una collaborazione con aziende piemontesi operanti nel campo dei prodotti biologici.

13 GDO/CANALE COMMERCIALE In questo ambito, sono stati scelti 3 importanti rappresentanti della distribuzione (alla ricerca di prodotti di nicchia): 1. il referente Supermercato Zona Sul di Rio de Janeiro, un istituzione che da 44 anni offre ai propri clienti i migliori prodotti nazionali e di importazione nel settore agroalimentare, casalinghi e affini, abbigliamento e molto altro ancora; 2. il direttore della rete Supermarket, 90 negozi a Rio de Janeiro, con reparti dedicati ai prodotti di nicchia; 3. il proprietario di 11 negozi della rete Supermarket

14 FASE 3 ORGANIZZAZIONE MOSTRA/DEGUSTAZIONE E WORKSHOP IN BRASILE CON BUYERS E IMPORTATORI Decreto Ministero Commercio Internazionale Contributi per progetti di promozione all estero di prodotti o servizi presentati da aggregazioni di imprese artigiane.

15 In base ai risultati raggiunti nella seconda fase del progetto, sono state individuate a Rio de Janeiro, date e sedi per lo svolgimento delle seguenti attività: 1. presentazione delle aziende e delle eccellenze artigiane; 2. workshop con operatori brasiliani; 3. sedute accademico/degustative per la valorizzazione dei prodotti e per meglio sottolineare il legame territorio/produzioni Il workshop e la presentazione si sono svolti il giorno 20 ottobre 2009, presso l hotel Ouro Verde di Rio de Janeiro. All evento, coordinato e gestito dal partner locale Rafael Zibelli Neto, hanno partecipato tutti gli importatori selezionati nella fase 2. Per l evento a Rio de Janeiro, si è preferito non inserire i rappresentanti della GDO interessati alla valutazione concreta di offerte e prodotti in un momento successivo, ovvero a certificazione avvenuta in Brasile e dopo l individuazione degli importatori e dei produttori concretamente coinvolti nel processo export. Come già specificato nella fase 1, in occasione del workshop è stato consegnato a ciascun operatore brasiliano presente, un catalogo sulle eccellenze produttive del Piemonte e una presentazione della regione, con indicazione delle fasce di prezzo medio per ciascun prodotto. I nomi delle singole aziende artigiane sono stati più marcatamente legati ai prodotti promozionali. RISULTATI OTTENUTI Grazie alle azioni intraprese con gli operatori brasiliani, sono state raccolte interessanti informazioni sulla domanda locale: tipologia prodotti di interesse e quantitativi potenzialmente richiesti. Tutti questi dati rivestono una fondamentale importanza per una corretta formulazione dell offerta che, per soddisfare le esigenze quantitative può aggregare più imprese artigiane del medesimo comparto, mentre per garantire l accesso al mercato può dover inizialmente puntare su prodotti Piemontesi qualitativamente forti, già conosciuti in Brasile, attraverso cui fare leva sugli interlocutori locali per agganciare altre produzioni di qualità. Molto interessante è stato il contatto con la GCM International e l acquisizione di informazioni necessarie alla certificazione delle imprese e dei prodotti italiani sul mercato brasiliano. Altro elemento fondamentale che ha caratterizzato questa fase è stata la visita dell area portuale e di sdoganamento MULTITERMINAIS di Rio de Janeiro, dove vengono logisticamente gestite tutte le operazioni necessarie per l ingresso della merce estera in Brasile e la conclusione dell esportazione. Le degustazioni sono avvenute nei tre ristoranti citati nella fase 2, nelle date e secondo le modalità di seguito indicate: 1. consegna a ciascun locale, di una vetrinetta Made in Piemonte da esporre in modo permanente presso il ristorante, contenente in primis le eccellenze artigiane del Canavese e del Piemonte e in secundis, i prodotti tradizionali/tipici della regione;

16 2. organizzazione in ognuno dei locali selezionati, di una cena con gli importatori, strutturata come di seguito riepilogato: giorno 20 ottobre 2009 presso il ristorante Da Carmine preparazione di una ricetta con la farina del Mulino di Piova; giorno 21 ottobre 2009 presso il ristorante Artigiano - preparazione di piatti a base di pasta con i prodotti forniti dal Pastificio De Stefano di Bollengo e dal Pastificio Lamberto Giancarlo e presentazione della ricetta nella tofeja della R.P. Castellamonte; giorno 22 ottobre 2009 presso il ristorante Gibo Brambini, guarnizione del dessert con i prodotti biologici della Biopack Italia e degustazione del genepy della Distilleria Monterosa. Dopo ciascuna cena sono state degustate le eccellenze artigiane ed i prodotti tradizionali e tipici della nostra regione, con assaggi di tutte le specialità inserite nell espositore. RISULTATI OTTENUTI Grande visibilità per le eccellenze artigiane con i clienti dei ristoranti selezionati. Possibilità per i ristoratori di conoscere meglio i prodotti, utilizzandoli per la preparazione dei piatti. Ulteriore opportunità per gli importatori di apprezzare le eccellenze artigiane.

17 ALCUNI MOMENTI DEL WORKSHOP DEL 20 OTTOBRE 2009 PRESSO L HOTEL OURO VERDE DI RIO DE JANEIRO Presentazione delle aziende piemontesi e del mercato agrolimentare italiano: le classificazioni e i marchi di qualità europei; i prodotti tradizionali; le eccellenze artigiane. Illustrazione delle caratteristiche principali dei prodotti esposti e del progetto di valorizzazione delle imprese artigiane. Incontri ONE2ONE con gli operatori presenti al workshop.

18 ALCUNI MOMENTI DELLE CENE DI DEGUSTAZIONE DEI GIORNI 20, 21 E 22 OTTOBRE ottobre Ristorante Da Carmine 21 ottobre Ristorante Artigiano 22 ottobre Ristorante Gibo Gli espositori con i prodotti del Piemonte e le specialità artigiane sono rimaste nei ristoranti in esposizione e hanno suscitato grande interesse e apprezzamento nei clienti locali.

19 FASE 4 EDUCATIONAL TOUR IN PIEMONTE PER BUYERS BRASILIANI Decreto Ministero Commercio Internazionale Contributi per progetti di promozione all estero di prodotti o servizi presentati da aggregazioni di imprese artigiane.

20 Questa fase, per esigenze logistiche e operative è stata suddivisa in due momenti distinti e, in realtà, ha comportato la realizzazione di 2 diversi educational: - il primo ha visto il coinvolgimento delle imprese artigiane nell ambito dell esecuzione di un progetto a regia Consorzio per la Promozione Turistico Alberghiera del Canavese. Dal 10 al 16 giugno 2009, i tre ristoratori indicati nella fase 2 sono stati invitati in Piemonte per lo svolgimento della IX edizione del Concorso di Cucina. In quella occasione sono stati coinvolti anche i tre importatori già segnalati nella fase 2: Belfer Importadora, Pasta Italia e C-Trade Gourmet. La giornata dell 11 giugno, da loro trascorsa in Piemonte, è stata dedicata alla conoscenza delle eccellenze artigiane e, più in generale alla spiegazione dei processi produttivi cui le imprese del settore devono adeguarsi per ricevere il marchio di qualità. Questo importante momento formativo ha consentito agli importatori selezionati di meglio valutare le reali possibilità di export sui mercati brasiliani, nonché di stabilire i prodotti di interesse in prospettiva del workshop di ottobre descritto nella fase 3; - il secondo educational è stato programmato dal 19 al 24 aprile, poi rimandato in data 6/10 maggio a causa della sospensione voli per l eruzione vulcanica islandese ed è stato riservato alla visita in Italia dei tre rappresentanti della GDO segnalati nella fase 2. Il programma di viaggio ha previsto le azioni sotto riportate: 6 maggio 2010 visita della Distilleria Monterosa S.n.C. di Piedimulera (VB) Cena presso la Cascina Belvedere. Presentazione aziende, territorio e eccellenze artigiane; 7 maggio 2010 Visita della Biopack Italia S.a.S., Castellamonte (TO); Visita del Mulino di Piova di Pagliero Giorgio, Fr. Spineto (TO); Visita del Pastificio Lamberto Giancarlo, Savigliano (CN); 9 maggio 2010 Visita delle Ceramiche R.P., Castellamonte (TO) RISULTATI OTTENUTI Apertura di tre concreti canali di vendita per le imprese artigiane: 1. ristorazione 2. GDO 3. importatori e messa a disposizione delle imprese artigiane di una piattaforma logistica e di rappresentanza in Brasile, presso la sede del referente locale del Consorzio a Rio de Janeiro.

21 FASE 5 INVIO CAMPIONI PRODOTTI IN BRASILE E PREDISPOSIZIONE LISTINI PREZZI Decreto Ministero Commercio Internazionale Contributi per progetti di promozione all estero di prodotti o servizi presentati da aggregazioni di imprese artigiane.

22 In collaborazione con il partner locale sono state elaborate le schede dei vari prodotti delle aziende artigiane e predisposti i listini prezzi con relativa traduzione in portoghese dei contenuti. E stata poi acquisita una mini campionatura prodotti per la consegna agli importatori brasiliani e per l avvio delle procedure di accreditamento presso il Ministero dell Agricoltura. Tutti i campioni e le informazioni sono stati inoltrati in Brasile mediante Rafael Zibelli Neto, in occasione dell ultimo viaggio in Piemonte per l educational del 6/10 maggio RISULTATI OTTENUTI 1. Reale possibilità di accedere ai tre canali di vendita individuati; 2. avvio pratiche di registrazione delle imprese artigiane e dei loro prodotti, con la possibilità per il futuro di individuare più agevolmente altri canali commerciali, anche in occasione di fiere e workshop internazionali.

23 FASE 6 TRAINING PER LE IMPRESE ARTIGIANE PER UNA MIGLIORE CONOSCENZA DEL MERCATO BRASILIANO E DELLE PROCEDURE DI ESPORTAZIONE Decreto Ministero Commercio Internazionale Contributi per progetti di promozione all estero di prodotti o servizi presentati da aggregazioni di imprese artigiane.

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

P.E./24H La cas@ fuori casa. Programma. Venerdì 18 ottobre 2013 PAD.14 STAND M34 N47 ORARIO LOCATION EVENTO TEMA

P.E./24H La cas@ fuori casa. Programma. Venerdì 18 ottobre 2013 PAD.14 STAND M34 N47 ORARIO LOCATION EVENTO TEMA Venerdì 18 ottobre 2013 Welcome Coffee 12.30-14.30 Area 14.30-16.30 Master Class Il bar del futuro Lavoro nella Ristorazione: risorsa vincente oltre i confini generazionali Il breakfast e la tradizione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Esportare la dolce vita Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Il rapporto è stato realizzato da: Alessandro Gambini, Manuela Marianera, Luca Paolazzi (Centro

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria

1. Finalità pag. 2. 2. Definizioni. 3. Proposte. 4. Promotori. 5. Linee di intervento. 6. Dotazione finanziaria LE FIERE PER LA COMPETITIVITA E LO SVILUPPO DEL TESSUTO IMPRENDITORIALE LOMBARDO. INVITO A PRESENTARE PROGETTI DI INNOVAZIONE ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA FIERISTICO REGIONALE 1. Finalità pag.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli