19/G9/2ei2-3569e9 P Roma POSTfl ELETTR.Cfl

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "19/G9/2ei2-3569e9 P Roma POSTfl ELETTR.Cfl"

Transcript

1 19/G9/2ei2-3569e9 P Roma POSTfl ELETTR.Cfl DÌGifAUZZAfÒ IL 2 0SET2Gi2 CIRCOLARE n. All'Avvocato Generale Aggiunto SEDE Ai Vice Avvocati Generali SEDE Agli Avvocati Distrettuali LORO SEDI AVVOCATURA DKIJ.O Agli Avvocati e Procuratori dello Stato LORO SEDI Al preposto all'ufficio Vili Liquidazione e Recupero onorari SEDE Oggetto: Abrogazione delle tariffe forensi. Indicazioni operative a seguito dell'entrata in vigore del D.M. 20 luglio 2012 n. 140 In data 23 Agosto 2012, è entrato in vigore il D.M. 20 luglio 2012 n. 140, recante ''Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdìzionale dei compensi per le professioni regolarmente vigilate dal Ministero della giustizia, ai sensi delvart. 9 del decreto legge 24 gennaio 2012 n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012 n. 2T\ Nel rispetto dei principi generali stabiliti all'art. 9 del D.L. 1/2012 (definitivo abbandono del previgente sistema tariffario, obbligo di pattuizione del compenso fra cliente e professionista al momento del conferimento dell'incarico), nel D.M. 140/2012 vengono stabiliti i parametri cui deve attenersi l'organo giurisdizionale chiamato a liquidare il compenso a varie categorie di professionisti fra i quali, per quanto qui particolarmente interessa, gli avvocati. L'art. 1 precisa, tra l'altro, che il D.M. deve essere applicato dagli organi giurisdizionali nel liquidare il compenso dei professionisti in difetto di diverso accordo fra le parti; che le relative disposizioni si possono sempre applicare analogicamente ai casi non espressamente contemplati; che le soglie numeriche indicate per la liquidazione non sono, in nessun caso, vincolanti. 1) Disposizioni concernenti eli avvocati

2 Nel sistema delineato dal D.M., le prestazioni professionali forensi sono distinte in attività stragiudiziale e giudiziale, e quest'ultima in attività penale e civile, amministrativa e tributaria (art. 2). Secondo gli artt. 3 e 4, nella liquidazione del compenso sia dell'attività giudiziale che di quella stragiudiziale, il giudice deve tenere conto di vari fattori, quali il valore e la natura della questione o dell'affare, il numero ed importanza delle questioni trattate, l'eventuale urgenza della prestazione, il pregio dell'opera prestata, i suoi risultati ed i vantaggi anche non economici conseguti dal cliente. La definizione della vertenza con una conciliazione determina l'applicabilità di una maggiorazione al compenso. Secondo l'art. 4 comma 1, l'attività giudiziaria civile, amministrativa e tributaria si articola nelle fasi dello studio della controversia, dell'introduzione del pr()cedimento, dell'istruttoria, della decisione e dell'esecuzione. Analoga ripartizione in fasi è prevista, all'art. 12, per l'attività giurisdizionale penale. Il compenso è liquidato per fasi, ed il Regolamento precisa, a titolo di esempio, quali siano le attività da comprendere in ciascuna fase. Per ciascuna fase dei giudizi civili, amministrativi e tributari, la Tabella A, allegata al D.M., individua valori medi di liquidazione per scaglioni, differenziati a seconda: - del valore della causa (da determinarsi, secondo l'art. 5, a norma del c.p.c. fermo restando che - nei giudizi per il pagamento di somme anche a titolo di danno - il valore non è determinato dalla domanda bensì dalla somma attribuita alla parte vincitrice); - dell'autorità giurisdizionale innanzi alla quale essa si svolge: Tribunale ed organo di giustizia tributaria di primo grado; Giudice di pace; Corte d'appello, organi di giustizia tributaria di secondo grado, organi di giustizia amministrativa e contabile di primo grado; Corte di Cassazione, Magistrature superiori, compreso il tribunale di prima istanza dell'u.e., Corte costituzionale e altri organi di giustizia sovranazionali. Inoltre, sono individuati valori diriferimentoad hoc per il procedimento per ingiunzione, il precetto, l'espropriazione presso terzi e per consegna orilascio,gli affari tavolari. Per ciascuna fase dei giudizi penali, similmente, la Tabella B indica valori medi di riferimento diversificati per fasi di giudizio ed autorità giurisdizionale, assumendo quale parametro di riferimento i giudizi innanzi al Tribunale monocratico ed al magistrato di sorveglianza; riduzioni od incrementi percentuali sono previsti per i giudizi innanzi al giudice di pace, al Giudice per le indagini preliminari o dell'udienza preliminare, al Tribunale collegiale, alla Corte d'assise, alla Corte d'appello e al Tribunale di sorveglianza, alla Corte d'assise d'appello e alle magistrature superiori. Secondo l'art. 4 comma 4, nel caso in cui l'avvocato difenda più persone con la stessa posizione processuale il compenso unico può essere aumentato fino al doppio. Lo stesso parametro di liquidazione si applica quando l'avvocato difende una parte contro più parti. Ai sensi dell'art. 9, nelle controversie per l'indennizzo da irragionevole durata del processo, il compenso può essereridottofinoalla metà. 2) Riflessi del D.M, 140/02 sull'attività istituzionale dell'avvocatura Le norme contenute nel D.M. 140/2012 interessano sotto più profili l'attività istituzionale dell'avvocatura, segnatamente per quanto attiene alla liquidazione delle competenze a

3 quest'ultima spettanti in caso di compensazione delle spese di lite o transazione di cui all'art. 21 R.D. 1611/1933, all'espressione di pareri in materia di congruità delle spese liquidate dalle controparti o delle quali sia chiesto ilrimborsoai sensi dell'art. 18 del D.L. 611X991, alla liquidazione dei compensi da corrispondere agli avvocati del foro libero delegati alla rappresentanza delle Amministrazioni dello Stato nei giudizi che si svolgono fuori della sede degli uffici dell'avvocatura dello Stato ai sensi dell'art. 2 comma 3 R.D. 1611/1933, come pure - infine - nei casi in cui l'avvocatura sia chiamata a vagliare la congruità dei compensi spettanti a consulenti tecnici appartenenti alle altre categorie professionali interessate dal D.M.. Sebbene, infatti, il campo applicativo del D.M. 140/2012 sia limitato ai soli casi di liquidazione giurisdizionale del compenso, sicché deve escludersene T applicabilità diretta alle sopra descritte fattispecie, tuttavia è evidente che i parametri ii>uividuati dai D.M. medesimo costituiscono - essendo venuta meno la possibilità di fare riferimento alle ormai abrogate tariffe professionali - l'unico punto diriferimentooggettivo utilizzabile per dirimere le questioni di cui sopra. Tutto ciò premesso, si forniscono all'applicazione del D.M. 140/2012. le seguenti indicazioni operative relative 2.1) La liquidazione delle competenze previste dau'at 21 comma 3 del R.D. n. 16U/1933: 2.1.a) Discrìmine temporale Con Circolare n. 39/2010, in esecuzione di quanto disposto con Circolare n. 33/2010, sono state diramate indicazioni in materia di liquidazione delle competenze di cui in rubrica. Alcune delle suddette indicazioni necessitano di un aggiornamento alle recenti innovazioni normative. Preliminare al suddetto aggiornamento, è l'individuazione del discrimine temporale fta i casi in cui la liquidazione delle competenze in parola rimane soggetta al sistema tariffario previgente ed i casi in cui, invece, debbano applicarsi 1 parametri introdotti dal D.M. 140/2012. Secondo l'art. 41 del D.M. "Le disposizioni di cui al presente decreto si applicano alle liquidazioni successive alla sua entrata in vigore'*. Mentre appare evidente, alla luce di tale norma, che gli organi giuri sdizionali sono tenuti a fare applicazione del D.M. in tutti i provvedimenti di liquidazione adottati in data successiva al 23 agosto 2012, è invece più articolata la risposta da dare al quesito ove si tratti dell'individuazione dei criteri da applicare per la liquidazione delle competenze spettanti all'avvocatura dello Stato nei casi di cui all'art. 21 comma 3 del R.D. 1611/1933. Secondo la norma di cui all'art. 21 cit., '^Negli altri casi di transazione dopo sentenza favorevole alle Amministrazioni dello Stato e nei casi di pronunciata compensazione di spese in cause nelle quali le Amministrazioni stesse non siano rimaste soccombenti, sarà corrisposta dall'erario all'avvocatura dello Stato, con le modalità stabilite dal regolamento, la metà delle competenze di avvocato e di procuratore che si sarebbero liquidate nei confronti del soccombente....". Posto che l'art. 21 fariferimentoalle competenze che si sarebbero liquidate (sottinteso, da parte del Giudice) a carico del soccombente - è ragionevole ritenere che il regime da seguire sia quello di cui il Giudice stesso, se avesse posto le spese a carico del soccombente, avrebbe dovuto astrattamente fare applicazione alla data di deposito della sentenza: quello del previgente sistema tariffario, ove quest'ultima data sia precedente rispetto all'entrata in vigore del D.M.; quello delle Tabelle allegate al D.M., ove sia successiva. 2.1.b) Applicabilità della Circolare n, 39/2010

4 Le fattispecie che, secondo quanto stabilito al punto precedente, restano soggette al sistema tariffario, restano altresì soggette a tutte le disposizioni di cui alla Circolare n. 39/2010. Alle fattispecie riconducibili - ratiom temporis - al D.M. 140/2012, continuano ad applicarsi i punti da 1 a 7 ed il punto 10 della suddetta Circolare, in quanto vertono su aspetti non interessati dalle recenti modifiche normative. Le restanti disposizioni si applicano, invece, in quanto compatibili con il nuovo sistema e, quindi, con le precisazioni e modifiche che qui di seguito si illustrano, facendo sin d'ora riserva di diramare, prossimamente, ulteriori e più dettagliate indicazioni. 2.1.e) Liquidazione delle competenze delle Avvocature Distrettuali In un'ottica di continuità con quanto disposto al punto 8 della Circolare n. 39/2010 (ove si prevedeva che - di regola - le parcelle fossero redatte applicando i valori tariffari medi), nel liquidare le competenze in discorso, si farà applicazione dei valori medi individuati per ciascuno scaglione nelle Tabelle, senza - in linea di massima - gli incrementi percentuali previsti dalle Tabelle medesime se non, in via eccezionale, quando ciò appaia giustificato in ragione della natura della questione 0 dell'affare, del numero ed importanza delle questioni trattate, dell'eventuale urgenza della prestazione, del pregio dell'opera prestata, dei suoi risultati e dei vantaggi anche non economici conseguti dal cliente (artt. 3 e 4 D.M. 140/2012). Ove, al ricorrere di tali presupposti, si ritenga di discostarsi in aumento dal parametro del valore medio di cui sopra, le singole sedi Distrettuali - nell'inviare la proposta di parcella all'avvocatura Generale, secondo quanto disposto con la Circolare n. 33/ segnaleranno e motiveranno la ritenuta opportunità di applicare la maggiorazione, trasmettendo altresì tutta la documentazione necessaria (fascicolo di causa, decisioni giurisdizionali, atti difensivi ecc). Si evidenzia infine che - degli scaglioni per valore elencati nelle Tabelle allegate al D.M. 140/12 - quello massimoriguardale cause di valore compreso fra ed ,00; none, invece, previsto uno scaglione per cause di valore eccedente tale ultimo importo. Per quest'ultima categoria di controversie, l'assenza di una specifica disciplina consiglia - nell'attesa di un auspicato intervento nonnativo - di fare applicazione del valore medio previsto per le cause di valore compresofi-a ed ,00, incrementato nella misura percentuale massima consentita per detto scaglione, senza ulteriori maggiorazioni. 2. l.d) Controversie di valore indeterminato od indeterminabile Si rammenta che, nel previgente sistema tariffario, erano previsti due distinti scaglioni, uno per le controversie ^^di valore indeterminabue", ed uno per quelle "t// straordinaria importanza di valore indeterminabile"'. Il D.M. 140/12 ha eliminato la categoria delle controversie "c/i" straordinaria importanza di valore irtdeterminabile'\ ed ha dettato una disciplina per i compensi spettanti in relazione alle controversie amministrative delle quali non possa detenninarsi il valore, nonché per quelle di valore indeterminato o indeterminabile. Per tali casi, in linea generale, l'art. 5 cit., ai commi 2 e 3, prevede rispettivamente che, per le controversie amministrative di cui non sia possibile determinare il valore, si tenga conto dell'interesse sostanziale tutelato e, per le controversie di valore indeterminato o indeterminabile, si tenga conto dell'oggetto e della complessità della vertenza. La Tabella A, a sua volta, nell'individuare lo ^^Scaglione di valore indeterminato o indeterminabile'"' nel cui ambito operare la qxiantificazione avuto riguardo ai criteri di cui sopra, preve-

5 de che il valore medio di liquidazione sia quello ^'corrispondente allo scaglione di riferimento'*', aumentato fino al 150% ovvero diminuito fino al 50%. La norma desta perplessità, in quanto non si comprende quale debba essere lo ''scaglione di riferimento" richiamato, posto che gli scaglioni sono tutti individuati in base al valore, mentre nel caso di specie si presx^pone proprio che il valore non sia, o non possa essere, determinato. In attesa di un auspicato chiarimento normativo ovvero giurisprudenziale, sembra opportuno identificare prudenzialmente lo ''scaglione di riferimento'^ con quello corrispondente ad un valore intermedio fra i vari scaglioni previsti per l'autorità giudiziaria innanzi alla quale si è svolto il giudizio. Nel caso in cui la speciale rilevanza della questione In relazione ai parametri di cui agli artt. 3 e 4 del D.M. induca ad applicare un incremento percentuale al valore come sopra individuato, occorrerà ovviamente che le Avvocature Distrettuali, all'atto dell'invio della proposta di parcella all'avvocatura Generale a mente della Circolare n. 33/10, segnalino, motivino e documentino la ritenuta opportunità di applicare la maggiorazione, come meglio specificato al punto 2.1.e e) Giudizi con pluralità di parti Quando l'avvocatura assista e difenda più amministrazioni, l'aiimento fino al doppio consentito dall'art. 4 comma 4 del D.M. va applicato solo in casi particolari, da segnalare, motivare e documentare come indicato al punto 2.1.e. Analoga regola va osservata quando l'avvocatura assista e difenda un'amministrazione contro più controparti. E' escluso che di tale maggiorazione possa farsi applicazione nelle ipotesi (frequenti soprattutto nelle controversie in materia di lavoro) di più soggetti che agiscono contro 1 ' Amminstrazione. 2.1.f) Cause seriali Per quanto conceme le cause seriali, intese (come già disposto al punto 11 della Circolare n. 39/10) come gruppi di caxise sostanzialmente omogenee per quanto riguarda la natura, l'oggetto e le questioni giuridiche trattate, in numero siiperiore a dieci, ai valori medi dovrà sempre applicarsi la riduzione percentuale contemplata nelle Tabelle, nella misura massima. Nei casi in cui, per gruppi di cause particolarmente numerosi, il valore risultante da tale riduzione appaia comimque irragionevole (in considerazione della ripetitività dell'attività difensiva, tale da comportare impegno professionale solo per la prima causa, data l'assoluta identità dell'oggetto, della natura e del tipo di questioni trattate) ragioni di equità consigliano un'ulteriore riduzione forfettaria. In particolare, quando il numero di cause sia particolarmente elevato, o si prevede possa esserlo in futuro, sarà opportuno che le sedi Distrettuali concordino preventivamente con l'avvocatura Generale l'importo da liquidare per ciascuna vertenza, stabilendone l'entità in ragione inversa del numero di cause. Resta fermo tutto quanto disposto al punto 11 della Circolare n. 39/10 con riferimento ai giudizi di opposizione ad ordinanza ingiunzione di cui alla legge n g) Spese generali ed interessi Le nuove tabelle non contengono più alcun riferimento al rimborso forfettario delle spese generali, pari al 12,50%; Si conferma pertanto che non può essere avanzata alcuna richiesta a tale titolo alle Amministrazioni patrocinate, tanto nelle fattispecie tuttora soggette al sistema tariffario, quanto in quelle riconducibili aj D.M. 140/12. Resta fermo quanto disposto al punto 12 della Circolare n. 39/2012 con riferimento agli interessi sugli importi liquidati dal Giudice a carico delle controparti per spese giudiziali.

6 2.2) La liquidazione dei compensi spettanti ai domiciliatarì Per quanto conceme, infine, la liquidazione dei compensi spettanti agli avvocati del foro Ubero delegati alla rappresentanza delle Amministrazioni dello Stato nel giudizi che si svolgono fuori della sede degli uffici dell'avvocatura dello Stato, ai sensi delfart. 2 comma 3 R.D. 1611/1933, sembra opportuno che i compensi siano quantificati, secondo il prudente ^prezzamento dell'avvocato Distrettuale o del Vice Avvocato Generale competente, avendo a riferimento i parametri di cui al summenzionato D.M., sempre applicabile in via analogica sebbene - come già detto - non cogente ai fini che qui interessano. Va peraltro evidenziato che - superata nel D.M. 140/2012 la tradizionale distinzione fra onorari di avvocato e diritti di procuratore - la quantificazione dei valori medi di cui alla Tabella A è sostanzialmente riferita ad attività tecnico-difensive, e non meramente procuratorie o di domiciliazione, quali quelle oggetto della delega di cui all'art. 2 del R.D. 1611/1933. Pertanto, il riferimento alla Tabella stessa ai fini in discorso deve intendersi in termini indicativi, contenuti entro Ì limiti della sua compatibilita con la natura delle funzioni delegate. Inoltre, in considerazionedel carattere ricorrente delle tipologie di giudizi che si svolgono fiiori sede (giudizi di lavoro, appelli in materia di opposizione ad ingiunzione ex lege 689/81, ecc.) è comunque auspicabile che in ciascuna sede si proceda ad una quantificazione forfctaria dei compensi per categorie omogenee di contenziosi. Del conferimento di delega ad un libero professionista, nonché della spesa orientativamente preventivabile per il giudizio delegato alla luce della nuova normativa, sarà opportuno dare notizia, contestualmente alla nomina del delegato, alle Amministrazioni di volta in volta interessate. 'Avvocato Generale CARAMA2ZA

Avvocato, tabelle dei compensi professionali (allegate a DM n. 140/2012) Attività giudiziale civile, amministrativa e tributaria

Avvocato, tabelle dei compensi professionali (allegate a DM n. 140/2012) Attività giudiziale civile, amministrativa e tributaria Avvocato, tabelle dei compensi professionali (allegate a DM n. 140/2012) Attività giudiziale civile, amministrativa e tributaria Tribunale ordinario e organo di giustizia tributaria di primo grado Giudice

Dettagli

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato

PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le

Dettagli

Tariffa civile (Tabella A)... 20 Tariffa penale (Tabella B)... 22 Tariffa stragiudiziale (compensi indicativi )... 26

Tariffa civile (Tabella A)... 20 Tariffa penale (Tabella B)... 22 Tariffa stragiudiziale (compensi indicativi )... 26 PARTE I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 20 LUGLIO 2012, N. 140 - Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per

Dettagli

Parte I Normativa sui compensi dell avvocato

Parte I Normativa sui compensi dell avvocato Parte I Normativa sui compensi dell avvocato D.M. 10 marzo 2014, n. 55. Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense ai sensi dell art.13,

Dettagli

Compensi professionali: disposizioni concernenti gli avvocati Decreto Ministero Giustizia 20.07.2012 n 140, G.U. 23.08.2012

Compensi professionali: disposizioni concernenti gli avvocati Decreto Ministero Giustizia 20.07.2012 n 140, G.U. 23.08.2012 Compensi professionali: disposizioni concernenti gli avvocati Decreto Ministero Giustizia 20.07.2012 n 140, G.U. 23.08.2012 Riforma dei compensi professionali (DM n. 140/2012) Capo II - Disposizioni concernenti

Dettagli

CAMERA PENALE di MESSINA P. PISANI G. AMENDOLIA

CAMERA PENALE di MESSINA P. PISANI G. AMENDOLIA Liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali. Linee guida per l'applicazione dei parametri previsti dal D.M. n. 55 del 10 marzo 2014 Premessa: Che con la legge 31 dicembre

Dettagli

da 0,01 a 1.100,00 da 2.000,01 a 60.000,00 20.000,00 1. Fase di studio della controversia da 5.200,01 a 26.000,00 52.000,00

da 0,01 a 1.100,00 da 2.000,01 a 60.000,00 20.000,00 1. Fase di studio della controversia da 5.200,01 a 26.000,00 52.000,00 TABELLE ALLEGATE AL D.M. 55/2014 COMPENSI PROFESSIONALI AVVOCATI Sono state introdotte alcune modifiche rispetto alla normativa precedente: 1) è stato reintrodotto il rimborso per spese forfettarie, che

Dettagli

TARIFFA CIVILE, AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA

TARIFFA CIVILE, AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA ALLEGATO N. 1. TARIFFA CIVILE, AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA NORMATIVA VIGENTE TARIFFA DEGLI ONORARI, DIRITTI E INDENNITA' SPETTANTI AGLI AVVOCATI ED AI PROCURATORI PER LE PRESTAZIONI GIUDIZIALI IN MATERIA

Dettagli

Parametri d.m. 140/2012

Parametri d.m. 140/2012 Parametri d.m. 140/2012 Allegato a Il Notiziatio Novembre 2012 TABELLE DELLE NOTE SPESE E PROSPETTI DEI COMPENSI PROFESSIONALI PROCEDIMENTI DI INGIUNZIONE - TRIBUNALE pag 2 PARAMETRI d.m. 20 luglio 2012,

Dettagli

NOTAI, COMMERCIALISTI E AVVOCATI ADDIO ALLE TARIFFE CON QUALCHE FALLA

NOTAI, COMMERCIALISTI E AVVOCATI ADDIO ALLE TARIFFE CON QUALCHE FALLA LIBERE PROFESSIONI Avvocati, commercialisti, notai e "tutti gli altri": addio alle tariffe con qualche falla Antonio Ciccia Il compenso diventa unico per le professioni ordinistiche. Si abbandona la parcellizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI Art. 1 Disposizioni generali Il presente regolamento disciplina in via generale i rapporti, anche

Dettagli

1. Gli onorari e i diritti sono sempre dovuti all'avvocato dal cliente indipendentemente dalle statuizioni del giudice sulle spese giudiziali.

1. Gli onorari e i diritti sono sempre dovuti all'avvocato dal cliente indipendentemente dalle statuizioni del giudice sulle spese giudiziali. Decreto n. 127/2004 con il Regolamento (adottato con decreto ministeriale 8 aprile 2004) del ministero della giustizia Determinazione degli onorari dei diritti e delle indennità spettanti agli avvocati

Dettagli

I NUOVI PARAMETRI FORENSI

I NUOVI PARAMETRI FORENSI FOCUS NELDIRITTO Domenico MONTERISI I NUOVI PARAMETRI FORENSI Decreto del Ministro della Giustizia n. 55 del 10/3/2014 Breve commentario e guida pratica, con software per la redazione delle parcelle SOMMARIO

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Municipale n. 13 del 18 gennaio 2012 1 Titolo I - ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali

Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Edizioni Il Momento Legislativo s.r.l. Liquidazione giudiziale dell attività legale 2 INDICE Determinazione

Dettagli

Capitolo II Tariffa penale

Capitolo II Tariffa penale Capitolo II Tariffa penale Art. 1 - Criteri generali - 1. Per la determinazione dell'onorario di cui alla tabella deve tenersi conto della natura, complessità e gravità della causa, delle contestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI 88 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI L AVVOCATURA COMUNALE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 424 reg./456 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 04/12/2014 Art. 1

Dettagli

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014

Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Le tariffe professionali la normativa attuale e la prassi professionale 16 aprile 2014 Dr. Giuseppe Paulato Art. 2233 c.c. Il compenso, se non è convenuto dalle parti e non può essere determinato secondo

Dettagli

DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA

DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA DISCIPLINA PER LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DELLA PROVINCIA Approvata con Deliberazione della Giunta Provinciale n. 3 del 14.1.2013 INDICE: Art. 1 Oggetto della disciplina

Dettagli

C O M U N E D I VIBO VALENTIA

C O M U N E D I VIBO VALENTIA C O M U N E D I VIBO VALENTIA R E G O L A M E N T O AVVOCATURA CIVICA E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE ART. 1 E istituito l Ufficio di Avvocatura civica dell Amministrazione

Dettagli

Tariffe degli onorari, diritti e indennità spettanti agli avvocati per le prestazioni giudiziali in materia civile, amministrativa e tributaria

Tariffe degli onorari, diritti e indennità spettanti agli avvocati per le prestazioni giudiziali in materia civile, amministrativa e tributaria CAPITOLO I Allegato al decreto del ministro della Giustizia Tariffe degli onorari, diritti e indennità spettanti agli avvocati per le prestazioni giudiziali in materia civile, amministrativa e tributaria

Dettagli

Liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali

Liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali Linee guida per l'applicazione dei parametri previsti dal D.M. n. 140 del 20 luglio 2012 1. Premessa: l'art. 9 del D.L. 24

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 20 dicembre 2012

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Consultiva per gli Atti Normativi. Adunanza di Sezione del 20 dicembre 2012 Numero 00161/2013 e data 18/01/2013 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 20 dicembre 2012 NUMERO AFFARE 12463/2012 OGGETTO:

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA denominata LIBERO CONSORZIO COMUNALE REGOLAMENTO DELL'AVVOCATURA DEL LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI RAGUSA

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA denominata LIBERO CONSORZIO COMUNALE REGOLAMENTO DELL'AVVOCATURA DEL LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI RAGUSA PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA denominata LIBERO CONSORZIO COMUNALE REGOLAMENTO DELL'AVVOCATURA DEL LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI RAGUSA Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 20 LUGLIO 2012, N. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le professioni regolamentate

Dettagli

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense

sono entrati in vigore il 23 agosto 2012. Legge 31 dicembre 2012, n. 247, Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense Egregio Collega, il tuo quesito, in buona sostanza, è il seguente: In base alla normativa vigente, sono ripetibili dal soccombente le spese generali e/o forfettarie non liquidate dal Giudice nella sentenza?

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO. Disciplina della corresponsione dei compensi professionali

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO. Disciplina della corresponsione dei compensi professionali Allegato alla deliberazione della G.P. N. 102 del 19 GIUGNO 2008 PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO Disciplina della corresponsione dei compensi professionali spettanti agli avvocati interni ai sensi dell'art.

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo.

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. (ex articolo 9 del DL 90/2014, convertito in L. 114/2014 approvato con Deliberazione

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA Adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione

Dettagli

EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATA IN VIGORE 1 Rev.0 G.C. n. 145 del 25.10.2006 5.11.2006

EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATA IN VIGORE 1 Rev.0 G.C. n. 145 del 25.10.2006 5.11.2006 Regolamento per il servizio legale RO/038 CITTA DI SANTENA Edizione 2 Revisione 0 NORMAZIONE EDIZIONI ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE ENTRATA IN VIGORE 1 Rev.0 G.C. n. 145 del 25.10.2006 5.11.2006 2 Rev.0

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI SCHEMA CONVENZIONE ALLEGATO 1 SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI L anno 2014, il giorno. del mese di, in Paternò (CT), nei

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 21 febbraio 2013, n. 46 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale, dei compensi

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 232 del 24 /08/2006 Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l ordinamento

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA PROVINCIALE

PROVINCIA DI CROTONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA PROVINCIALE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA PROVINCIALE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA PROVINCIALE. SOMMARIO RUBRICA Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

ALLEGATO A Deliberazione di Giunta Comunale del 30 aprile 2015, n. 149

ALLEGATO A Deliberazione di Giunta Comunale del 30 aprile 2015, n. 149 ALLEGATO A Deliberazione di Giunta Comunale del 30 aprile 2015, n. 149 Regolamento dell Avvocatura comunale e disciplina dei compensi professionali per i dipendenti e dirigenti avvocati di cui all art.

Dettagli

Determinazione. del 20-03-2009. SETTORE: Ragioneria

Determinazione. del 20-03-2009. SETTORE: Ragioneria Comune n. 178 di del 20-03-2009 Argenta PROVINCIA DI FERRARA Determinazione SETTORE: Ragioneria OGGETTO: Incarico Legale all Avvocato Riccardo Caniato per l assistenza preliminare in giudizio e la costituzione

Dettagli

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA VISTO l'articolo 1 della legge 3 agosto 1949, n.536 concernente "Tariffe forensi in materia penale e stragiudiziale e sanzioni disciplinari per il mancato pagamento dei contributi

Dettagli

sulla liquidazione degli onorar! ai difensori di imputati e parti civili ammessi al patrocinio a spese dello Stato o di imputati irreperibili

sulla liquidazione degli onorar! ai difensori di imputati e parti civili ammessi al patrocinio a spese dello Stato o di imputati irreperibili \ Protocollo sulla liquidazione degli onorar! ai difensori di imputati e parti civili ammessi al patrocinio a spese dello Stato o di imputati irreperibili Sottoscritto da Tribunale di Ferrara, Ordine degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO Approvato con Delibera della Giunta Provinciale n.122 dell 11.12.2012 In vigore dal 1 gennaio 2013 Pag. 1 di 6 Art. 1 - Avvocatura Provinciale 1. L Avvocatura

Dettagli

* * * TARIFFARIO DEGLI ONORARI E DIRITTI DI AVVOCATO IN MATERIA GIUDIZIALE CIVILE - AMMINISTRATIVA E PENALE * * * TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

* * * TARIFFARIO DEGLI ONORARI E DIRITTI DI AVVOCATO IN MATERIA GIUDIZIALE CIVILE - AMMINISTRATIVA E PENALE * * * TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI * * * TARIFFARIO DEGLI ONORARI E DIRITTI DI AVVOCATO IN MATERIA GIUDIZIALE CIVILE - AMMINISTRATIVA E PENALE * * * TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Diritto dell'avvocato al pagamento di onorari, spese

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE Articolo 1 (Definizioni) Ai fini del presente regolamento s intende per praticante chi sta svolgendo l iter formativo previsto dall art. 3 comma 5 D.L. 13 agosto 2011

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

COMPENSI PROFESSIONALI ED ALTRE NORME DI FUNZIONAMENTO DEL

COMPENSI PROFESSIONALI ED ALTRE NORME DI FUNZIONAMENTO DEL C I V I T A S T E M P L I COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA DISPOSIZIONI RIGUARDANTI I COMPENSI PROFESSIONALI ED ALTRE NORME DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO "AFFARI LEGALI" A cura del Dirigente del Servizio Personale

Dettagli

PROPOSTA DI PARAMETRI PER L' ATTIVITÀ FORENSE

PROPOSTA DI PARAMETRI PER L' ATTIVITÀ FORENSE PROPOSTA DI PARAMETRI PER L' ATTIVITÀ FORENSE ROMA 12 MAGGIO 2012 Consiglio Nazionale Forense INDICE RELAZIONE COMMISSIONE TARIFFE NORMATIVA TABELLE RELAZIONE COMMISSIONE TARIFFE Sin dal suo insediamento,

Dettagli

Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata

Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata Cassazione civile, sezione lavoro, 2 luglio 2014, n. 15070. Presidente Lamorgese. Relatore Tria. Notificazioni e comunicazioni - Comunicazione

Dettagli

del. n. 187 /2015/PAR Repubblica italiana La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per l Abruzzo

del. n. 187 /2015/PAR Repubblica italiana La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per l Abruzzo del. n. 187 /2015/PAR Repubblica italiana La Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per l Abruzzo nella Camera di consiglio del 17 luglio 2015 composta dai Magistrati: Maria Giovanna GIORDANO

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO 20 CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Ove il difensore non indichi il proprio indirizzo P.E.C. e il proprio numero di fax ai sensi degli articoli 125, comma 1, c.p.c., ed il proprio indirizzo

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA VII INDICE-SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni.... pag. XV Capitolo Primo PREMESSA 1. Premessa.... pag. 1 2. Evoluzione storica. Appalti urbanistica edilizia....» 2 3. Le norme applicabili....»

Dettagli

Visto l'articolo 9, comma 2, primo periodo, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n.

Visto l'articolo 9, comma 2, primo periodo, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 20 luglio 2012, n. 140. Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le professioni regolarmente

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI RAVENNA

ORDINE DEGLI AVVOCATI RAVENNA TRIBUNALE DI RAVENNA ORDINE DEGLI AVVOCATI RAVENNA CAMERA PENALE DELLA ROMAGNA PROTOCOLLO PER LA LIQUIDAZIONE DEGLI ONORARI DOVUTI AI DIFENSORI (D'UFFICIO 0 Dl FIDUCIA) DI SOGGETTI AMMESSI AL PATROCINIO

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Si riportano qui di seguito le tabelle ed i criteri di calcolo del contributo unificato per i procedimenti giurisdizionali riguardo ai quali ne è previsto

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 1420 del 19/12/2013 OGGETTO: Regolamento per l'affidamento di incarichi legali. Il Direttore della SC Legale e Assicurazioni

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

UNIONE TRIVENETA. ~S dei Consigli dell'ordine degli Avvocali

UNIONE TRIVENETA. ~S dei Consigli dell'ordine degli Avvocali ~S dei Consigli dell'ordine degli Avvocali (facsimile accordo col cliente) CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Con la presente il sig nato a il, cod. fise, residente in, via, n in proprio (oppure) quale

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.1869 del 26.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.1869 del 26.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Pagina 1 di 7 Quotidiano d'informazione giuridica - n.1869 del 26.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Testo unico in materia di spese di giustizia D.P.R., testo coordinato,

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 12 03 2014 N 5691

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 12 03 2014 N 5691 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA 12 03 2014 N 5691 Agevolazioni fiscali benefici per l acquisto della prima casa abitazione non di lusso secondo i parametri di cui al D.M. 2/8/1969 disposizione dell art. 10

Dettagli

Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense ai sensi dell'art.

Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense ai sensi dell'art. Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense ai sensi dell'art. 13 comma 6 della legge 31 dicembre 2012 n. 247. Il Ministro della Giustizia

Dettagli

VADEMECUM PER LA LIQUIDAZIONE

VADEMECUM PER LA LIQUIDAZIONE VADEMECUM PER LA LIQUIDAZIONE 1. LE FASI La liquidazione deve essere effettuata tenendo conto della attività prestata dal difensore in relazione a cinque fasi individuate dal legislatore (Studio, Introduttiva,Istruttoria,

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione n. AC 149/19 del 01.03.2012 del Commissario Straordinario con poteri del Consiglio Comunale REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMUNE DI TRINITAPOLI

COMUNE DI TRINITAPOLI COMUNE DI TRINITAPOLI (PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA - TRANI) COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 48 Del 12-05-2014 Oggetto: D.M. N.55/2014 - DETERMINAZIONE PARAMETRI PER LA LIQUIDAZIONE

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI TRIBUNALE DI MONZA CAMERA PENALE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MONZA DI MONZA Aggiornamento del prontuario per la liquidazione degli onorari ai difensori dei cittadini non abbienti ammessi al patrocinio a spese

Dettagli

RISOLUZIONE N. 2/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 2/E QUESITO RISOLUZIONE N. 2/E Direzione Direzione Centrale Normativa Roma, 9 gennaio 2012 OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 IRPEF - IVA - Indennità liquidata all amministratore

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA Avvocatura TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI ART. 8 D.Lgs. n. 33/2013

PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA Avvocatura TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI ART. 8 D.Lgs. n. 33/2013 PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA Avvocatura TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI ART. 8 D.Lgs. n. 33/2013 Denominazione procedimento Autorizzazione a stare in giudizio Descrizione del procedimento con

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 5 dell 11.1.2012 DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ART. 1 PREMESSA 1. Il presente documento disciplina il conferimento degli incarichi per

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere 2008-2011 IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE RITENUTO CHE: a) L art. 1 DPR 101/90 dispone che la pratica forense deve essere svolta con assiduità, diligenza e che la stessa si svolge principalmente

Dettagli

(facsimile accordo col cliente) CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Con la presente il sig... nato a... il..., cod. fisc..., residente in...

(facsimile accordo col cliente) CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Con la presente il sig... nato a... il..., cod. fisc..., residente in... (facsimile accordo col cliente) CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Con la presente il sig.... nato a... il..., cod. fisc...., residente in..., via..., n.... in proprio (oppure) quale legale rappresentante

Dettagli

SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI

SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI L'art. 73 del D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) ha introdotto la possibilità per i laureati in Giurisprudenza

Dettagli

NORMATIVA MATERIA GIUDIZIALE CIVILE AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA. Art. 1. Determinazione consensuale del compenso

NORMATIVA MATERIA GIUDIZIALE CIVILE AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA. Art. 1. Determinazione consensuale del compenso PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE NORMATIVA DELIBERATA NELLA SEDUTA AMMINISTRATIVA STRAORDINARIA DEL 03/05/2013 NORMATIVA MATERIA GIUDIZIALE CIVILE AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI RIETI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI RIETI ASSOCIAZIONE DIFENSORI D UFFICIO DI RIETI CAMERA PENALE DI RIETI

TRIBUNALE ORDINARIO DI RIETI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI RIETI ASSOCIAZIONE DIFENSORI D UFFICIO DI RIETI CAMERA PENALE DI RIETI TRIBUNALE ORDINARIO DI RIETI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI RIETI ASSOCIAZIONE DIFENSORI D UFFICIO DI RIETI CAMERA PENALE DI RIETI ASSOCIAZIONE ITALIANA GIOVANI AVVOCATI SEZIONE DI RIETI 1 PROTOCOLLO PER LA

Dettagli

La mediazione finalizzata alla conciliazione. Diritti riservati 1

La mediazione finalizzata alla conciliazione. Diritti riservati 1 La mediazione finalizzata alla conciliazione Diritti riservati 1 1. Regolamentazione Dlgs. 4 marzo 2010 n. 28 (come mod. art. 84 DL 21.6.2013 n.69, L. di conv. 9.8.2013 n.98) Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Documento. n. 31. Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali

Documento. n. 31. Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali Documento n. 31 Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali Luglio 2014 OBBLIGATORIETÀ DEL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI PROCESSUALI OBBLIGATORIETÀ DEL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI

Dettagli

ISTANZA PER LA LIQUIDAZIONE DEGLI ONORARI PROFESSIONALI

ISTANZA PER LA LIQUIDAZIONE DEGLI ONORARI PROFESSIONALI ISTANZA PER LA LIQUIDAZIONE DEGLI ONORARI PROFESSIONALI Il sottoscritto Avv.., iscritto presso Codesto Ordine, avendo svolto attività giudiziale civile e/o amministrativa e/o tributaria e/o, penale o attività

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L.

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L. Circolare informativa per la clientela n. 31/2011 del 6 ottobre 2011 CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO

Dettagli

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5 TABELLA B - DIRITTI DI AVVOCATO (redatta dall'autore) I - PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI

Dettagli

Recupero crediti dell'avvocato: un bivio e due strade Tribunale Treviso, ordinanza 13.12.2012 commento e testo

Recupero crediti dell'avvocato: un bivio e due strade Tribunale Treviso, ordinanza 13.12.2012 commento e testo Recupero crediti dell'avvocato: un bivio e due strade Tribunale Treviso, ordinanza 13.12.2012 commento e testo (Andrea Bulgarelli) Altalex.it L ordinanza del tribunale di Treviso 13 dicembre 2012 è interessante

Dettagli

Circolare N.119 del 18 Luglio 2013

Circolare N.119 del 18 Luglio 2013 Circolare N.119 del 18 Luglio 2013 Novità in materia di mediazione civile e commerciale. Ripristinata l obbligatorietà Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, con l art. 84 del DL

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 3 maggio 2013

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 3 maggio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 3 maggio 2013 Ill.mi Signori Avvocati PRESIDENTI DEI CONSIGLI DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI PRESIDENTI

Dettagli

RAPPRESENTANZA LEGALE IN GIUDIZIO DEL COMUNE DI. CALCIANO DINANZI AL TRIBUNALE CIVILE DI ROMA II Sez.

RAPPRESENTANZA LEGALE IN GIUDIZIO DEL COMUNE DI. CALCIANO DINANZI AL TRIBUNALE CIVILE DI ROMA II Sez. CONVENZIONE OGGETTO: DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER IL PATROCINIO E LA RAPPRESENTANZA LEGALE IN GIUDIZIO DEL COMUNE DI CALCIANO DINANZI AL TRIBUNALE CIVILE DI ROMA II Sez.

Dettagli

D.M. 140/2012 Parametri per la determinazione dei compensi per le professioni

D.M. 140/2012 Parametri per la determinazione dei compensi per le professioni D.M. 140/2012 Parametri per la determinazione dei compensi per le professioni arch. paolo papini (Consigliere OAPPC PT e responsabile Commissione Consultiva Tariffe e Notule) 1 DALLE TARIFFE AI PARAMETRI

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA L ART. 9, COMMA 6 DEL DECRETO-LEGGE N. 90 DEL 2014, CONVERTITO DALLA LEGGE N. 114 NON ESCLUDE, SECONDO UNA LETTURA COSTITUZIONALMENTE ORIENTATA, LA POSSIBILITÀ

Dettagli

Concorso - MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

Concorso - MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Concorso - MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Bando di esame di abilitazione all'esercizio della professione di avvocato - sessione 2012 Gazzetta Ufficiale Concorsi numero 70 del 07 Settembre

Dettagli

IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA. DECRETO 8 APRILE 2004, n. 127 (G.U. 18 maggio 2004, n. 127, suppl. ord.)

IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA. DECRETO 8 APRILE 2004, n. 127 (G.U. 18 maggio 2004, n. 127, suppl. ord.) IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 8 APRILE 2004, n. 127 (G.U. 18 maggio 2004, n. 127, suppl. ord.) Regolamento recante determinazione degli onorari, dei diritti e delle indennità spettanti agli avvocati

Dettagli

Le tabelle per il calcolo degli onorari dei legali applicabili dal 2 giugno 2004

Le tabelle per il calcolo degli onorari dei legali applicabili dal 2 giugno 2004 L Il settimanale LA EGGE dei professionisti del diritto Speciale TARIFFE FORENSI Giovedì 20 Maggio 2004 25 Le tabelle per il calcolo degli onorari dei legali applicabili dal 2 giugno 2004 Ecco le nuove

Dettagli

http://www.normattiva.it/do/atto/export

http://www.normattiva.it/do/atto/export Pagina 1 di 6 DECRETO 20 luglio 2012, n. 140 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi per le professioni regolarmente vigilate

Dettagli

contro per l'ottemperanza

contro per l'ottemperanza R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia Lecce - Sezione Prima ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro

Dettagli

Delibera n. 119 del 18 Ottobre 2011 APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO

Delibera n. 119 del 18 Ottobre 2011 APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO SPECIALE DI MEDIAZIONE CITTADINI & SALUTE ISTITUITO PRESSO L ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI ED ODONTOIATRI DI RAGUSA Ai sensi del Decreto Legislativo n. 28/2010

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE.

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. *********************** Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di

Dettagli

Noi difendiamo i Vostri Diritti. Rödl & Partner

Noi difendiamo i Vostri Diritti. Rödl & Partner Noi difendiamo i Vostri Diritti 1 Globally active Dall'abolizione delle Tariffe Forensi al Decreto Ministeriale n. Rödl & Partner Avv. Silvia Formenti, Avv. Federica Bargetto 2 Rödl & Partner Il nostro

Dettagli

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE Strumento non giurisdizionale di risoluzione delle controversie mediazione > attività svolta per raggiungere un accordo tra le parti conciliazione > il risultato di siffatta

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO LEGALE E CONTENZIOSO E DISCIPLINA DELLA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI Indice PARTE PRIMA Disciplina del

Dettagli

Fonte: www.palazzochigi.it

Fonte: www.palazzochigi.it Fonte: www.palazzochigi.it Misure urgenti per la crescita: il CdM approva il decreto Fare Giustizia civile Lo stato della giustizia civile costituisce, senza dubbio, uno dei fattori esogeni di svantaggio

Dettagli

SPUNTI PER UNA LINEA CONDIVISA IN MATERIA DI GRATUITO PATROCINIO E ANNESSI

SPUNTI PER UNA LINEA CONDIVISA IN MATERIA DI GRATUITO PATROCINIO E ANNESSI Premessa : SPUNTI PER UNA LINEA CONDIVISA IN MATERIA DI GRATUITO PATROCINIO E ANNESSI GRATUITO PATROCINIO. Il regolamento dettato con il DM n. 55 del 10 marzo 2014 prevede, per quanto qui d interesse,

Dettagli

Riforma delle professioni: cosa cambia per gli avvocati

Riforma delle professioni: cosa cambia per gli avvocati : cosa cambia per gli avvocati di Maurizio Villani e Paola Rizzelli (*) LA NOVITA` Compenso unico e parametri quali nuove modalita` per la liquidazione dei compensi professionali in sostituzione delle

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA COMUNALE E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA COMUNALE E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE DEL COMUNE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FUNZIONAMENTO DELL AVVOCATURA COMUNALE E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE DEL COMUNE DI NOLA SOMMARIO Art. 1 Compiti 3 Art. 2 Ulteriori attività...3

Dettagli

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 Sezione quarta La retribuzione del professionista Questionario n. 4 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 2. Possono essere derogati i minimi tariffari?...» 31 3. Quali sono le azioni

Dettagli