SED LEX. Dossier anno 2 n I doveri dell avvocato: il dovere di fedeltà, correttezza e lealtà

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SED LEX. Dossier anno 2 n. 12-2011. I doveri dell avvocato: il dovere di fedeltà, correttezza e lealtà"

Transcript

1 SED LEX Dossier anno 2 n I doveri dell avvocato: il dovere di fedeltà, correttezza e lealtà Premessa: i riferimenti normativi...2 Il dovere di lealtà e correttezza...3 Il dovere di fedeltà...4 Il dovere di lealtà e probità nel giudizio e il divieto di utilizzo di espressioni sconvenienti od offensive...5 Le conseguenze della condotta infedele e/o sleale: il patrocinio infedele e le altre infedeltà del patrocinatore o del consulente tecnico...6 Le conseguenze della condotta infedele e/o sleale dell avvocato: il procedimento disciplinare..9 La competenza territoriale e i casi di conflitti di competenza...9 L avvio del procedimento disciplinare...10 L istruttoria...10 Il dibattimento...11 La conclusione del procedimento disciplinare: la decisione...12 Il ricorso al Consiglio Nazionale Forense...12 Il ricorso incidentale avanti al Consiglio Nazionale Forense...13 Il giudizio avanti al Consiglio Nazionale Forense: l istruttoria...13 Il giudizio avanti al Consiglio Nazionale Forense: la decisione...14 Il ricorso alle sezioni Unite della Cassazione...14 Riferimenti giurisprudenziali...16 Sul dovere di correttezza e lealtà...16 Sul dovere di lealtà e di probità: le espressioni sconvenienti ed offensive...21 Sul reato di patrocinio infedele...21 Sulla natura del procedimento disciplinare...21 Sulla modalità di contestazione degli addebiti nel procedimento disciplinare...23 Sulla composizione del Consiglio dell Ordine nel procedimento disciplinare...23 Sull istruttoria del procedimento disciplinare...23 Sul ricorso alle sezioni Unite della Cassazione...25 Dossier SED Lex anno 2, n.12, dicembre 2011 Editore Zadig via Ampére 59, Milano Direttore: Roberto Satolli - Redazione: Nicoletta Scarpa tel.: fax: Autore dossier: Katia Scarpa

2 1. Premessa: i riferimenti normativi Gli avvocati e i praticanti avvocati, nell'esercizio della loro professione, anzitutto devono rispettare gli obblighi imposti dalle numerose disposizioni contenute nel codice di procedura civile, nel R.D.L. 27 novembre 1933 n (sull Ordinamento della professione di avvocato) nonché nel codice deontologico forense, approvato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta del con le modifiche introdotte il , il , il , il e il Le norme deontologiche sono da ritenere norme giuridiche vincolanti perché trovano il loro fondamento nell art.12 della legge professionale forense R.D.L. n.1578/1933 (che impone agli avvocati di adempiere il loro ministero con dignità e decoro come si conviene all altezza della funzione che sono chiamati a esercitare nell amministrazione della giustizia ) e nell art.38 della stessa legge, che prescrive che qualora gli avvocati si rendano colpevoli di abusi o mancanze nell'esercizio della loro professione o comunque di fatti non conformi alla dignità e al decoro professionale, essi sono sottoposti a procedimento disciplinare. Al riguardo, la Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con la sentenza n ha precisa - to che In materia di responsabilità disciplinare degli avvocati, le norme del codice disciplinare forense costituiscono fonti normative integrative del precetto legislativo che attribuisce al Consiglio nazionale forense il potere disciplinare, con funzione di giurisdizione speciale appartenente all'ordinamento generale dello Stato, e come tali sono interpretabili direttamente dalla Corte di legittimità. Per quanto interessa in questa sede, vengono in rilievo gli artt.6 e 7 del codice deontologico, i quali, nel tipizzare i comportamenti che costituiscono violazioni deontologiche, precisano: l' avvocato deve svolgere la propria attività professionale con lealtà e correttezza ; non deve proporre azioni o assumere iniziative in giudizio con mala fede o colpa grave ; deve svolgere con fedeltà la propria attività professionale ; costituisce infrazione disciplinare il comportamento dell'avvocato che compia consapevolmente atti contrari all'interesse del proprio assistito ; l'avvocato deve esercitare la sua attività anche nel rispetto dei doveri che la sua funzione gli impone verso la collettività per la salvaguardia dei diritti dell'uomo nei confronti dello Stato e di ogni altro potere. Lealtà, correttezza e fedeltà, sono perciò i principali obblighi a cui è tenuto l avvocato che agisca nel rispetto della dignità e decoro professionale. I medesimi principi, peraltro, sono ripetuti anche dal codice di procedura civile, per quanto attiene agli obblighi di comportamento nel corso di giudizio. L art.88 del cpc infatti stabilisce che Le parti e i loro difensori hanno il dovere di comportarsi in giudizio con lealtà e probità. In caso di mancanza dei difensori a tale dovere, il giudice deve riferirne alle autorità che esercitano il potere disciplinare su di essi. Il successivo art. 89, poi, prescrive espressamente Negli scritti presentati e nei discorsi pronunciati davanti al giudice, le parti e i loro difensori non debbono usare espressioni sconvenienti od offensive. Il giudice, in ogni stato dell'istruzione, può disporre con ordinanza che si cancellino le espressioni sconvenienti od offensive, e, con la sentenza che decide la causa, può inoltre assegnare alla persona offesa una somma a titolo di risarcimento del danno anche non patrimoniale sofferto, quando le espressioni offensive non riguardano l'oggetto della causa. Appaiono all evidenza, pertanto, le ragioni per cui la Corte di Cassazione a Sezioni Unite civili, con la sentenza n.2784/1989 abbia ritenuto che La violazione da parte di avvocato o procuratore del dovere di lealtà e probità, ovvero del divieto di usare espressioni sconvenienti e offensive, a norma degli artt. 88 ed 89 c. p.c., può dar luogo, oltre ai provvedimenti adottabili nel processo in cui tali fatti vengono commessi, anche all'irrogazione di sanzione disciplinare, ai sensi dell'art. 38 del R.D.L. 27 novembre 1933 n.1578, ove il relativo comportamento non sia conforme alla dignità ed al decoro della professione

3 2. Il dovere di lealtà e correttezza Come si è anticipato, l obbligo di tenere un comportamento leale e corretto è anzitutto affermato dall art.6 del codice deontologico forense, il quale prescrive espressamente che: L'avvocato deve svolgere la propria attività professionale con lealtà e correttezza. L'avvocato non deve proporre azioni o assumere iniziative in giudizio con mala fede o colpa grave. In linea di massima, gli interpreti ritengono che integri la violazione di tale disposizione la condotta di colui che utilizzi un linguaggio offensivo e trascuri di informare tempestivamente il cliente delle vicende processuali o stragiudiziali che lo riguardino. E così, la Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n.520, ha ritenuto che Ai fini di un corretto esercizio della professione forense, l'avvocato deve elevarsi al di sopra delle parti e, nel dare l'indispensabile contributo tecnico per la risoluzione della lite in favore del proprio cliente, deve mantenersi nei limiti inva - licabili risultanti dal contemperamento della libertà di pensiero e delle esigenze di difesa con il necessario rispetto verso tutti i protagonisti del processo. Viene pertanto meno al dovere di correttezza, con conseguente lesione del decoro professionale (artt. 14 e 38 r.d.l. 27 novembre 1933 n. 1578), oltre la violazione dell'art. 89 c. p.c., l'avvocato che in uno scritto difensivo si abbandoni a espressioni dispregiative per la controparte o per altri soggetti, tanto più se estranei al giudizio, ove dette espressioni non siano attinenti alla materia del con - tendere e tanto meno indispensabili per chiarire una situazione di fatto non diversamente rappresentabile, restando in tal caso priva di valore esimente la soggettiva convinzione del professionista di dover reagire a uno scritto difensivo della controparte. E stato ritenuto deontologicamente rilevante, inoltre, il comportamento dell'avvocato che non destini le somme ricevute dal cliente allo scopo pattuito, ma le trattenga per sé e le restituisca solo successivamente, alla denuncia di quest'ultimo; (così C.N.F., , n.178 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore) ovvero quando il professionista, dopo aver difeso una parte, assuma nella medesima vicenda il patrocinio della parte avversa (Così Cass. SS.UU n in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore), nonché nel caso in cui l'avvocato, a seguito della revoca del mandato, invii numerose parcelle all'ex cliente così chiedendo compensi eccessivi e usi in scritti difensivi espressioni offensive nei confronti di un magistrato e nei confronti del consiglio dell'ordine e del suo presidente (così C.N.F., , n.194 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore). Ed ancora, è stato ritenuto contrario ai doveri di lealtà e correttezza il comportamento dell avvocato che falsamente affermi in una causa che la relazione di notifica della comunicazione di deposito del decreto di sequestro era stata falsificata dall ufficiale giudiziario allo scopo di escludere il termine perentorio, così supponendo una intercorsa collusione tra il collega di controparte e l uf - ficiale giudiziario, mentre egli stesso era consapevole, perché avvertito dallo stesso pubblico ufficiale, delle ragioni della correzione legittimamente effettuata. (così C.N.F., , n.220 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore) E, invece, deontologicamente corretto il comportamento dell avvocato che non comunichi al collega di controparte lo svolgimento di un attività extragiudiziale svolta nell interesse del proprio assistito. (Così C.N.F., , n.248 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore)

4 3. Il dovere di fedeltà L articolo 7 del codice deontologico forense dispone che È dovere dell avvocato svolgere con fedeltà la propria attività professionale. I - Costituisce infrazione disciplinare il comportamento dell avvocato che compia consapevolmente atti contrari all interesse del proprio assistito. II - L avvocato deve esercitare la sua attività anche nel rispetto dei doveri che la sua funzione gli impone verso la collettività per la salva - guardia dei diritti dell uomo nei confronti dello Stato e di ogni altro potere. Consegue che l avvocato rispettoso del dovere di fedeltà deve anzitutto rispettare la posizione della parte assistita e non deve arrecarle pregiudizio nè colludere con la controparte. Il Consiglio Nazionale Forense, con la decisione n.139 ha ritenuto lesivo del dovere di fedeltà e correttezza, il professionista che nel giudizio di separazione personale dei coniugi assuma la difesa di una dei due, e nel giudizio di divorzio la difesa dell'altro. Nel medesimo senso si era espresso, in precedenza, con la decisione n.121. Di interesse è, poi, la sentenza della Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite n.134, per cui L' avvocato che, dopo aver assistito congiuntamente i coniugi in una procedura di separazione non conclusasi con omologa, assuma la difesa di un coniuge contro l'altro nel giudizio di separazione personale, pone in essere un comportamento deontologicamente scorretto, e quindi passibile di sanzione disciplinare, in quanto l'art. 37, 3 comma, del codice deontologico pone per l'avvocato un obbligo assoluto di astensione a prescindere se il conflitto di interessi è reale o solo potenziale. Esempi tipici di infedeltà (o prevaricazione ) sono, inoltre, l omissione della produzione di documenti, la dolosa trascuratezza circa la scadenza dei termini, la soppressione di mezzi di prova, l omissione di costitu - zione in giudizio, l omissione di difesa, ma soprattutto la collusione e commistione che vengono create tra gli interessi della parte assistita e la (contemporanea e successiva) difesa degli interessi della parte contrapposta. Si pensi per esempio, al comportamento dell avvocato che abbia assistito la parte civile in un processo penale e poi assuma la difesa dell imputato criticando la sentenza pronunciata (Consiglio Naz. Forense, 20 maggio 1991, n.87, in Rass. forense, 1994, 129); o dell avvocato che abbia fatto sottoscrivere al proprio cliente uno svantaggiosissimo contratto di mutuo in favore di una società di cui egli era socio fittizio (Consiglio naz. forense, 5 novembre 1996, n.146, in Rass. forense 1997, 542); o ancora al comportamento dell avvocato che abbia compiuto contemporaneamente atti di patrocinio e di consulenza nell interesse di clienti in contrasto, consigliando e redigendo, finanche, le reciproche denuncie-querele (Consiglio Naz. Forense, 24 maggio 1973, in Rass. forense 1975, 369). Ancora, è stato deciso che costituisce violazione dei doveri professionali la condotta dell avvocato che dopo aver assistito nel giudizio di primo grado due clienti, in seguito a un incidente stradale, abbia assistito nel giudizio di appello il primo cliente contro il secondo (Cons. naz. Forense, 7 marzo 1969, in Rass. forense, 1970, 147). In senso conforme si è espressa anche la Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite con la sentenza 22 giugno 1990, n.6326, per cui Il comportamento dell'avvocato, il quale, dopo aver difeso una parte, assume nella medesima vicenda il patrocinio della parte avversa, è lesivo della reputazione del professionista e della dignità della classe forense e, pertanto, configura un illecito che è sanzionabile sotto il profilo disciplinare, ai sensi dell'art. 38 del R.D. legge 27 novembre 1933 n. 1578, indipendentemente dalla circostanza che tale condotta si sia o no rivelata dannosa per le parti. È stato, invece, ritenuto deontologicamente corretto, il comportamento dell'avvocato che, dopo aver difeso due parti in uno stesso giudizio penale, successivamente alla denuncia di una nei confronti dell'altra, mantenga la difesa di una sola parte, ove i fatti oggetto della denuncia siano ontologicamente e storicamente diversi da quelli oggetti del primo procedimento. (Nella specie è stato assolto il professionista a cui era stata inflitta la sanzione della censura). (Così Cons. Naz. Forense n.120.) - 4 -

5 4. Il dovere di lealtà e probità nel giudizio e il divieto di utilizzo di espressioni sconvenienti od offensive Nel corso del giudizio, le parti e i loro difensori hanno il dovere di comportarsi con lealtà e probità. Così prescrive l art.88 del codice di procedura civile, che precisa, poi, al 2 comma che in caso di mancanza dei difensori a tale dovere, il giudice deve riferirne alle autorità che esercitano il potere disciplinare su di essi. Il successivo art.89 (come si è accennato in precedenza) dispone che negli scritti presentati e nei discorsi pronunciati davanti al giudice, le parti e i loro difensori non debbono usare espressioni sconvenienti od of - fensive e ribadisce, al 2 comma, che il giudice ha il potere di disporre, con ordinanza, che si cancellino le espressioni sconvenienti od offensive, e, con la sentenza che decide la causa, può inoltre assegnare alla perso - na offesa una somma a titolo di risarcimento del danno anche non patrimoniale sofferto, quando le espressioni offensive non riguardano l'oggetto della causa. In sede interpretativa, la Suprema Corte di Cassazione, a Sezioni Unite, con la sentenza n ha ritenuto che costituisca violazione del dovere di lealtà e probità delle parti così come disciplinato dall'art. 88 cod. proc. civ. la condotta processuale di una parte caratterizzata dalla ripetuta contestazione della giurisdizione del giudice adito in simmetrica opposizione alle scelte di controparte, unita alla richiesta, accolta, di sospensione del giudizio ai sensi dell'art. 295 cod. proc. civ., trattandosi di un comportamento processuale idoneo a pregiudicare il diritto fondamentale della parte a una ragionevole durata del processo ai sensi dell'art. 111 Cost. Pertanto tale condotta può determinare l'applicazione dell'art. 92, primo comma, ultima parte cod. proc. civ., secondo il quale, il giudice, a prescindere dalla soccombenza può condannare una parte al rimborso delle spese che, in violazione dell'art. 88 cod. proc. civ., ha causato all'altra parte. Con la sentenza n.11379, inoltre, il Supremo Collegio ha ritenuto costituisca violazione del dovere di lealtà e probità delle parti processuali anche il comportamento dell avvocato il quale - proposta da una compagnia di assicurazione opposizione all'esecuzione, - abbia proceduto esecutivamente benché in precedenza gli fosse stato offerto (da controparte) un assegno circolare a soddisfazione del credito. Ciò, perché il comportamento del creditore (e del suo difensore) si era posto in contrasto con i doveri di lealtà e probità di cui all'art. 88 cod. proc. civ., avendo egli omesso di comunicare il proprio rifiuto di ricevere l'assegno prima di dare inizio all'esecuzione, adducendo a giustificazione la mancanza del potere di riscuotere in capo al difensore, così comportandosi in modo palesemente teso a lucrare anche le spese dell'esecuzione

6 5. Le conseguenze della condotta infedele e/o sleale: il patrocinio infedele e le altre infedeltà del patrocinatore o del consulente tecnico Dalla violazione dei doveri di fedeltà, lealtà e correttezza del professionista possono discendere non solo conseguenze sul piano disciplinare, ma altresì, da un lato la responsabilità civile per i danni eventualmente arrecati al cliente e, d altro canto, sul piano penale, l integrazione delle fattispecie di reato prescritte dagli artt. 380 (patrocinio infedele) e 381 del codice penale (altre infedeltà del patrocinatore o del consulente tecnico) ovvero di appropriazione indebita, truffa, falso, abusi nella qualità di curatore, esecutore fallimentare, ecc.. Più precisamente, il menzionato art.380 prevede che Il patrocinatore o il consulente tecnico, che, rendendosi infedele ai suoi doveri professionali, arreca nocumento agli interessi della parte da lui difesa, assistita o rappresentata dinanzi all'autorità giudiziaria, è punito con la reclusione da uno a tre anni e con la multa non inferiore a lire un milione. La pena è aumentata: 1) se il colpevole ha commesso il fatto, colludendo con la parte avversaria; 2) se il fatto è stato commesso a danno di un imputato. Si applicano la reclusione da tre a dieci anni e la multa non inferiore a lire due milioni, se il fatto è commesso a danno di persona imputata di un delitto per il quale la legge commina la pena di morte o l'ergastolo ovvero la reclusione superiore a cinque anni. Il successivo art.381 c.p. dispone, poi, che Il patrocinatore o il consulente tecnico, che, in un procedimento dinanzi all'autorità giudiziaria, presta contemporaneamente, anche per interposta persona, il suo patrocinio o la sua consulenza a favore di parti contrarie, è punito, qualora il fatto non costituisca un più grave reato, con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa non inferiore a lire duecentomila. La pena è della reclusione fino a un anno e della multa da lire centomila a un milione, se il patrocinatore o il consulente, dopo aver difeso, assistito o rappresentato una parte, assume, senza il consenso di questa, nello stesso procedimento, il patrocinio o la consulenza della parte avversaria. Al riguardo, la Suprema Corte di Cassazione, sez. 2^ pen., con la sentenza n ha precisato: Il reato di patrocinio infedele (articolo 380 comma 1, del Cp) è un reato che richiede per il suo perfezionamento, in primo luogo, una condotta del patrocinatore irrispettosa dei doveri professionali stabiliti per fini di giustizia a tutela della parte assistita e, in secondo luogo, un evento che implichi un nocumento agli interessi di quest'ultimo, inteso questo non necessariamente in senso civilistico di danno patrimoniale, ma anche nel senso di mancato conseguimento dei beni giuridici o dei benefici di ordine anche solo morale che alla stessa parte sarebbero potuti derivare dal corretto e leale esercizio del patrocinio legale. In questa prospettiva, la condotta illecita può consistere anche nell'occultamento di notizie o nella comunicazione di notizie false e fuorvianti nel corso del processo. (Da queste premesse, la Corte ha ritenuto correttamente ravvisato il reato in una fattispecie nella quale la condotta dell'imputato si era sostanziata nella comunicazione di una falsa notizia circa l'esito di un procedimento civile di rilevante importo economico, condotta apprezzata come idonea a creare una falsa aspettativa nella parte assistita, inducendola a comportamenti imprudenti e quindi pregiudizievoli; con la precisazione, peraltro, che l'evento di danno non doveva comunque essere inteso in senso civilistico, non occorrendo, quindi, in proposito, l'individuazione di un preciso pregiudizio patrimoniale). (così Cass. sez. 2^ pen n.22702); Per la configurazione del reato di patrocinio infedele, di cui all'art. 380 c.p. - che e` reato proprio, nel senso che soggetto attivo deve essere il "patrocinatore" - non e` sufficiente che l'avvocato si renda genericamente infedele nell'adempimento dei doveri scaturenti dall'accettazione dell'incarico affidatogli, essendo necessaria, al contrario, quale elemento costitutivo del reato, la pendenza di un procedimento nell'ambito del quale deve realizzarsi la violazione degli obblighi assunti con il mandato: la valenza penale dell'attività` del patrono deve ricondursi, infatti, al momento effettivo dell'esercizio della giurisdizione. Tuttavia, neppure e` sufficiente che il comportamento produca esclusivamente la lesione dell'interesse concernente il normale funzionamento della giustizia, richiedendo anche la legge, ai fini della consumazione del reato, che sia arrecato un nocumento al soggetto privato (Nella specie e` stata esclusa la sussistenza del reato nel comportamento del patrocinatore il quale, assuntosi l'incarico di dare corso all'offerta di una somma per il rilascio di un terreno agricolo e, in caso di mancata accettazione, di intimare il precetto per l'esecuzione del rilascio, - 6 -

7 aveva omesso il compimento di tali atti - ritenuti dalla Corte entrambi extragiudiziali - assicurando, falsamente di avervi provveduto). (Cass. sez. 6^ pen n.9758). Con particolare rifermento all esistenza (quale necessario elemento costitutivo della fattispecie di reato) di un nocumento agli interessi della parte, il Supremo Collegio ha poi chiarito: Il delitto di patrocinio o consulenza infedele non è integrato dalla sola infedeltà ai doveri professionali, occorrendo la verificazione di un nocumento agli interessi della parte, che, quale conseguenza della violazione dei doveri professionali, rappresenta l'evento del reato. (così Cass. 6^ sez. pen n.31678); Ai fini dell'integrazione della fattispecie criminosa del patrocinio infedele, l'evento di danno, e quindi il nocumento agli interessi della parte difesa, assistita o rappresentata dinanzi all'autorità giudiziaria, non va inteso nel senso civilistico e quindi non è necessario che si verifichi un pregiudizio patrimoniale, ben potendo consistere anche soltanto nell'adozione di comportamenti imprudenti in conseguenza della comunicazione di una falsa notizia circa l'esito di un procedimento civile di rilevante importo economico. (Così Cass n.22702). Avendo riguardo, invece, alle modalità di estrinsecazione della condotta delittuosa, la Cassazione ha altresì enunciato i seguenti principi di diritto: Per la sussistenza del reato di patrocinio infedele è necessaria, quale elemento costitutivo del reato, la pendenza di un procedimento nell'ambito del quale deve realizzarsi la violazione degli obblighi assunti con il mandato, anche se la condotta non deve necessariamente estrinsecarsi in atti o comportamenti processuali (Così Cass. 6^ sez. pen n.21160); Il delitto di patrocinio infedele è reato proprio, il cui soggetto attivo deve essere il "patrocinatore"; ne consegue che, essendo detta qualità inscindibile dallo svolgimento di attività processuali, ai fini dell'integrazione del reato non è sufficiente che un avvocato non adempia ai doveri scaturenti dall'accettazione di un qualsiasi incarico di natura legale, ma occorre la pendenza di un procedimento nell'ambito del quale si sia realizzata la violazione degli obblighi assunti con il mandato. (Cass. sez. 2^ pen n.6382); Per la sussistenza del reato di patrocinio infedele è necessaria, quale elemento costitutivo del reato, la pendenza di un procedimento nell'ambito del quale deve realizzarsi la violazione degli obblighi assunti con il mandato, che peraltro non deve necessariamente estrinsecarsi in atti o comportamenti processuali. (In applicazione di tale principio, la Corte ha ravvisato il reato di cui all'art. 380 cod. pen. nella condotta del difensore, il quale avendo assunto l'incarico di patrocinare una parte per la revocatoria di una donazione, aveva costituito con la parte avversaria rapporti societari aventi ad oggetto il trasferimento di beni immobili, arrecando un nocumento al suo cliente, consistito nel fargli perdere le garanzie sul patrimonio immobiliare della controparte). (Cass. sez. 6^ pen ,2006 n.41370); La disposizione di cui all'art. 380 del cod. pen. (Patrocinio o consulenza infedele) sanziona la condotta del patrocinatore, infedele ai suoi doveri professionali, che arrechi nocumento agli interessi della parte da lui difesa (assistita o rappresentata) dinanzi all'autorità giudiziaria: il testo della norma impone di interpretarla letteralmente nel senso di ritenere che il legislatore abbia inteso riservare la sanzione penale per quei comportamenti infedeli che abbiano luogo nell'ambito di un procedimento, escludendo invece dalla portata della previsione le attività poste in essere prima dell'instaurazione del procedimento e ad esso prodromiche. (Così Cass. sez. 2^ pen n.13489) Perche` si abbia il reato di patrocinio infedele punito dall`art. 380 cod. pen., occorre una attuale e effettiva pendenza del procedimento avanti all`autorità` giudiziaria e l`infedeltà` del patrocinio non puo` essere riferita alle attività prodromiche alla sua instaurazione.(nell`affermare il principio di cui in massima la corte ha escluso che potesse integrare il reato di patrocinio infedele la omessa presentazione di un ricorso per sequestro giudiziario e di un ricorso possessorio) (così Cass n.8420) Seguendo gli insegnamenti dei giudici di legittimità, il Tribunale de L aquila, con la sentenza n.186, ha ritenuto che La condotta del difensore che indebitamente si appropri di somme spettanti alla parte assistita, integra, nel contempo, sia il reato di patrocinio infedele di cui all'art. 380 c.p., che quello d'appropriazione indebita previsto dall'art. 646 c.p.. Il Tribunale di Roma, sez. 4^ pen., con la sentenza n.26504, inoltre, ha ritenuto: In tema di patrocinio o consulenza infedele, qualora l'avvocato con la sua condotta infedele, occultando notizie o comunicando notizie false sul corso del processo, oltre a recare un danno al cliente si procuri dolosamente un ingiusto profitto, deve ritenersi ipotizzabile il concorso materiale del reato di cui all'art

8 380 c.p. con quello di truffa. (Nella fattispecie, l'ingiusto profitto conseguito dal patrocinatore è rappresentato dall'avere incassato in più occasioni somme di denaro per spese e onorari a fronte del mancato svolgimento dell'incarico conferitogli.) ; In tema di reato di patrocinio o consulenza infedele, sul piano soggettivo non assume alcun rilievo la volontà specifica dell'agente di nuocere alla parte. Invero, per la punibilità di tale fattispecie delittuosa non è necessario che il comportamento del patrocinatore sia posto in essere con il preciso scopo di recare pregiudizio al cliente nel senso che l'infedeltà venga indirizzata con l'intento di ledere gli interessi del medesimo. Il reato deve ritenersi integrato sotto il profilo del dolo, semplicemente con la consapevolezza e la volontà di violare l'obbligo di curare gli interessi della parte difesa, assistita o rappresentata nel processo, in conformità al mandato da essa ricevuto e a quanto le regole e le incombenze processuali richiedono per l'adempimento di tale incarico. Andando in senso contrario ai principi più volte affermati dalla giurisprudenza di legittimità, invece, il Tribunale di Roma, con la medesima decisione n.26504/2006 ha concluso che Il presupposto del reato di infedele patrocinio è l'esercizio della difesa, rappresentanza e assistenza davanti all'autorità giudiziaria, intese come oggetto del rapporto di partecipazione professionale e non come estrinsecazione effettiva di attività processuale. Ne consegue che, ad integrare l'elemento oggettivo del delitto è sufficiente che l'avvocato si renda infedele ai doveri connessi all'accettazione dell'incarico di difendere taluno dinanzi all'autorità giudiziaria, indipendentemente dall'attuale svolgimento di un'attività processuale e della pen - denza della lite, dal momento che il pregiudizio in danno della parte può concretarsi nella dolosa astensione dalla doverosa attività processuale (In applicazione di tale principio, il tribunale in composizione monocratica ha ritenuto pienamente responsabile l'imputato dei reati di patrocinio infedele e di quello connesso di truffa, sebbene il professionista non avesse mai avviato alcun procedimento giudiziale nell'interesse della parte offesa. Nella fattispecie, quest'ultima aveva conferito all'avvocato l'incarico di curare la pro - cedura di sfratto dell'inquilino conduttore dell'appartamento di sua proprietà. Il legale tuttavia, nonostante avesse percepito in più occasioni acconti in denaro a titolo di spese e onorari ed avesse dato ampie rassi - curazioni sullo svolgimento del mandato in favore del cliente, non compiva di fatto alcuna attività, renden - dosi infedele ai suoi doveri professionali e procurando al cliente un grave pregiudizio economico.. Con riguardo, invece, ai comportamenti dell avvocato che integrano la fattispecie di reato di cui all art.381 c.p., merita ricordare il principio affermato dalla Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza (in Giust. Pen. 1936, II, 738) per cui è sanzionato ai sensi del menzionato art.381 c.p., il comportamento del - l avvocato che, sia pure con il proposito di far vincere il proprio cliente, rediga una comparsa nell interesse dell avversario, nonché la decisione del Tribunale di Sant Angelo dei Lombardi n.63, per la quale Ai fini della sussistenza del reato p. e p. dall'art. 381 c.p., la norma incriminatrice considera sufficiente an - che lo svolgimento del patrocinio per interposta persona. E stato, invece, escluso il reato di cui all'art. 381 comma I, c.p. qualora le parti apparentemente contrapposte, in favore delle quali l'esercente la professione legale presti contemporaneamente la propria opera, perseguano in realtà un unico e lecito fine ad esse comune, facendo difetto, in tal caso, l'evento tipico del suddetto reato, identificabile o nel nocumento arrecato al patrocinato o nel perseguimento di un fine illecito. (In applicazione di tale principio, la Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n.13106, ha escluso che potesse affermarsi la responsabilità penale di un avvocato il quale, dopo aver predisposto, per il promissario acquirente di un bene immobile, un atto di citazione per ottenere, ai sensi dell'art c.c., l'esecuzione specifica del preliminare di compravendita, aveva redatto, in favore del convenuto promittente la vendita, una comparsa di risposta in cui non si negava l'esistenza o la validità del suddetto preliminare, ma si allegava soltanto l'impossibilità di adempierlo a cagione di un provvedimento di sequestro conservativo gravante sull'immobile)

9 6. Le conseguenze della condotta infedele e/o sleale dell avvocato: il procedimento disciplinare In caso di comportamenti contrari alle disposizioni della legge professionale forense, gli avvocati oltre a essere sottoposti alle disposizioni del codice penale e di procedura penale, per il caso in cui le violazioni integri - no ipotesi di reato - sono sottoposti altresì a procedimento disciplinare. Art.38 RDL n.1578 dispone infatti, che Salvo quanto è stabilito negli artt. 130, 131 e 132 del codice di procedura penale e salve le disposizioni relative alla polizia delle udienze, gli avvocati e i procuratori che si rendano colpevoli di abusi o mancanze nell'esercizio della loro professione o comunque di fatti non conformi alla dignità e al decoro professionale sono sottoposti a procedimento disciplinare. Il potere disciplinare spetta al Consiglio dell Ordine degli Avvocati. La competenza territoriale e i casi di conflitti di competenza La competenza territoriale del Consiglio dell Ordine degli avvocati chiamato a decidere sull applicazione di un provvedimento disciplinare a carico di un avvocato è individuata, quale principio generale, dall art.38/2 comma del R.D.L n La menzionata norma dispone La competenza a procedere disciplinarmente appartiene tanto al direttorio che ha la custodia dell albo in cui il professionista è iscritto, quanto al direttorio nella giurisdizione del quale è avvenuto il fatto per cui si procede: ed è determinata, volta per volta, dalla prevenzione. Il direttorio che ha la custodia dell albo nel quale il professionista è iscritto è tenu - to a dare esecuzione alla deliberazione dell altro direttorio. Per determinare la competenza del Consiglio dell Ordine degli avvocati, pertanto, occorre avere riguardo (i) al luogo in cui è custodito l'albo in cui il professionista è iscritto,ovvero (ii) al luogo in cui è avvenuto il fatto per cui si procede. Il Consiglio dell Ordine che ha la custodia dell albo nel quale il professionista è iscritto è tenuto, poi, a dare esecuzione alle deliberazioni dell altro Consiglio. In via generale, allora può affermarsi che vi sia una duplice competenza alternativa, determinata, volta per volta, dal criterio della prevenzione. Vi sono, però, alcuni casi particolari che, secondo parte della dottrina, costituirebbero una deroga alla competenza alternativa prevista dall art.38 del R.D.L n Più precisamente: (i) se l azione inizia in base a comunicazione dell autorità giudiziaria, in ordine all esistenza di un processo penale che può dar vita all azione disciplinare, ovvero all applicazione della sospensione cautelare, la competenza appartiene al Consiglio presso cui il professionista è iscritto, poiché tale Consiglio è competente a decidere. L Art.44/3 comma RDL n.1578, con riguardo al caso in cui l avvocato sia stato sottoposto anche a procedimento penale, prevede infatti, che: Le autorità giudiziarie e le altre autorità competenti danno immediatamente avviso al Pubblico Ministero presso il Tribunale ed al Consiglio dell ordine che ha la custodia dell albo, in cui il professionista è iscritto, dei provvedimenti per i quali sono stabilite l apertura del procedimento disciplinare o l applicazione della sospensione cautelare. ; (ii) se l azione è diretta contro un consigliere dell Ordine, la competenza è del Consiglio avente sede presso la Corte d appello più vicina. L art. 1 del D.Lgs. n.597/1947 dispone infatti che La competenza a procedere disciplinarmente in confronto dell'avvocato o del procuratore che è componente del Consiglio dell'ordine, appartiene al Consiglio costituito nella sede della Corte d'appello. Se egli appartiene a quest'ultimo, è giudicato dal Consiglio costituito nella sede della Corte d'appello più vicina. (iii) se l azione è diretta contro un avvocato straniero, la competenza è del Consiglio dov è avvenuto il fatto e se riguarda avvocati italiani all estero è del Consiglio ove il professionista è iscritto. In giurisprudenza, la Suprema Corte di Cassazione a sezioni unite, con la sentenza n , ha ritenuto, invece, che la disposizione del R.D.L. n del 1933, art. 44, comma 3, prevede soltanto che le segnalazioni vengano inoltrate al Consiglio dell Ordine degli Avvocati più facilmente identificabile come titolare di competenza a decidere sulla segnalazione stessa, senza che si debba far riferimento al, sovente incerto, criterio del locus commissi delicti. E non sussistono elementi per sostenere che da simile disposizio - ne procedimentale discenda una deroga alla competenza alternativa prevista dalla norma che disciplina specificamente il tema della competenza per territorio. In tali casi, talora, può sorgere un conflitto di competenza disciplinare fra i sindacati locali per quanto con - cerne l esercizio del potere disciplinare, la cui risoluzione è demandata al Consiglio Nazionale Forense

10 L art.49 del R.D.L. n.1578/1933 prevede infatti che Spetta altresì al Consiglio nazionale forense di pronunciarsi sui conflitti di competenza fra i sindacati locali per quanto concerne l'esercizio del potere disciplinare. L art.3 del D.Lgs n.597/1947, dispone, inoltre, che Il Consiglio nazionale forense, oltre a esercitare le altre funzioni demandategli dall'ordinamento sulle professioni di avvocato e di procuratore, decide: a) sui conflitti di competenza fra i Consigli degli ordini; b) sul reclamo del praticante avverso il diniego del rilascio di certificato di compiuta pratica. Un conflitto di competenza può verificarsi anche in senso negativo, quando nessuno dei due Ordini si ritenga competente a decidere. Anche in questo caso, l interessato potrà rivolgersi al Consiglio Nazionale forense, il quale deciderà in ordine all attribuzione del procedimento. L avvio del procedimento disciplinare La fase di avvio del procedimento è disciplinata dall art.38 R.D.L. n.1578/1933 e dall art.47 RD. n.37/1934. In particolare, il 3 comma dell art.38 citato dispone che Il procedimento disciplinare è iniziato di ufficio o su richiesta del Pubblico Ministero presso la Corte d'appello o il Tribunale, ovvero su ricorso dell'interessato. L art. 47 RD. n.37/1934, poi, precisa che Il segretario del sindacato, presidente del direttorio deve dare immediata comunicazione all'interessato e al Pubblico Ministero dei procedimenti disciplinari che siano stati iniziati a termini dell'art. 38 del R.D.L. 27 novembre 1933, n La comunicazione deve contenere la enunciazione sommaria dei fatti per i quali il procedimento è stato iniziato. Lo stesso Presidente, o un componente del Consiglio da lui delegato, raccoglie quindi le opportune informazioni e i documenti che reputa necessari ai fini del procedimento nonché le deduzioni che gli pervengano dall'incolpato e dal Pubblico Ministero, stabilisce quali testimoni siano utili per l'accertamento dei fatti e provvede a ogni altra indagine. Il Presidente nomina poi il relatore tra i componenti del Consiglio, e fissa la data della seduta per il giudizio, ordinando la citazione dell'incolpato, con l'osservanza del termine prescritto nell'art. 45 del R.D.L. 27 novembre 1933, n Dalla lettura coordinata delle due menzionate disposizioni discende, perciò, che il procedimento disciplinare inizia o d ufficio o su istanza della parte interessata ovvero su richiesta del P.M.. E allora, non appena il Consiglio dell Ordine ha notizia di un fatto che potrebbe essere sanzionato sul piano disciplinare, svolge una sommaria valutazione dei fatti addebitati per valutarne la fondatezza e rilevanza, oltre alla propria competenza a decidere. Se gli stessi risultano manifestamente infondati o irrilevanti il Consiglio delibera immediatamente l archiviazione. Qualora invece i fatti abbiano una rilevanza deontologica, il Presidente del Consiglio dell Ordine dispone l apertura del procedimento disciplinare con la formulazione dei relativi capi di incolpazione e ne dà comunicazione all interessato ed al P.M.. Tale comunicazione è di rilievo, perché: interrompe la prescrizione quinquennale; determina la competenza tra i due possibili fori alternativi. L istruttoria Una volta avviato il procedimento disciplinare, in base al principio del contraddittorio, il Consiglio deve ascoltare l interessato e il P.M, i quali possono presentare deduzioni anche scritte memorie, documenti, richiesta di escussione testi ovvero di acquisizione di ulteriore documentazione probatoria. Il legislatore, in - fatti, non sembra aver posto alcuna limitazione di carattere probatorio. L art. 47 RD. n.37/1934, dispone, infatti, che Lo stesso Presidente, o un componente del Consiglio da lui delegato, raccoglie quindi le opportune informazioni e i documenti che reputa necessari ai fini del procedi - mento nonché le deduzioni che gli pervengano dall'incolpato e dal pubblico ministero, stabilisce quali testimoni siano utili per l'accertamento dei fatti e provvede a ogni altra indagine. Quindi, espletata l attività istruttoria Il Presidente. fissa la data della seduta per il giudizio, ordinando la citazione dell'incolpato, con l'osservanza del termine prescritto nell'art. 45 del R.D.L. 27 novembre 1933, n (così il citato art.47). Parte degli interpreti, con riguardo alla funzione a cui adempia tale attività istruttoria (così G. ORSONI, in L ordinamento professionale forense, Padova, 2005, pp.76 e ss.) ha osservato che l art.47 cit. attribuisce il potere istruttorio unicamente al Presidente del Consiglio, ovvero a un suo delegato (e cioè a un organo monocratico e non collegiale), il quale non ha il potere di rilevazione e raccolta delle prove, bensì di raccolta

11 degli elementi reputati utili ai fini dell accertamento dei fatti. Si tratterebbe, cioè, di un attività di carattere sommario e monocratico, con funzione prodromica e inerente al successivo dibattimento, che non trova quale momento conclusivo la prospettazione (per quanto generica e sommaria) di un ipotesi di responsabilità disciplinare, quanto, invece, la mera esposizione (rappresentativa) delle contestazioni svolte, in sede di esercizio dell iniziativa procedimentale. E cioè in sede di avvio del procedimento. (Così G. ORSONI, in op. cit., p.77.) D altra parte, anche il successivo art.48 RDL n.37/1934, tra gli elementi essenziali dell atto di citazione contiene unicamente la menzione circostanziata degli addebiti e l'elenco dei testimoni che saranno presentati in giudizio, senza alcuna previsione di includervi gli esiti di un attività di accertamento e verificazione delle contestazione. La fase istruttoria termina o con una deliberazione di archiviazione (qualora - già a una prima valutazione sommaria emerga la palese insussistenza dei presupposti necessari a configurare un ipotesi di responsabilità disciplinare) ovvero con il successivo rinvio a giudizio e la citazione dell incolpato. Se viene disposto il rinvio a giudizio, il Presidente nomina il Consigliere relatore e notifica all incolpato la data di fissazione del dibattimento, concedendogli un termine di comparizione non inferiore a 10 giorni e ordinandone la citazione con un atto (art.48 RDL n.37/1934) che contiene: le generalità dell incolpato; l indicazione precisa e determinata degli addebiti (a pena di nullità); il luogo, il giorno e l ora della comparizione; l avviso che l incolpato potrà farsi assistere da un difensore; l avviso che si procederà al giudizio anche in caso di mancata comparizione; l elenco dei testi che saranno escussi; il termine entro il quale l incolpato, il suo difensore ed il PM, potranno prendere visione degli atti, presentare deduzioni ed indicare testi; la data di emissione e la sottoscrizione del Presidente. L atto di citazione deve essere notificato anche al PM. Il dibattimento La fase dibattimentale del procedimento è disciplinata dagli artt. 49 e 50 del RDL n.37/1934. Più precisamente, l art. 49 dispone che L'incolpato e il Pubblico Ministero, qualora inducano testimoni a termini del n. 5 del precedente articolo, debbono esporre sommariamente le circostanze sulle quali intendono che i testimoni siano esaminati. Il segretario del sindacato, presidente del direttorio, ordina la citazione dei testimoni indicati. Qualora non sia possibile provvedere tempestivamente per la citazione dei testimoni indicati, il Presidente ordina il rinvio del giudizio ad altra prossima seduta, dandone immediatamente comunicazione all'incolpato, al Pubblico Ministero e ai testimoni già citati. Il successivo art.50 precisa poi che Nella seduta stabilita, il relatore espone i fatti e le risultanze del procedimento. Viene interrogato quindi l'incolpato, sono esaminati i testimoni e il difensore è ammesso a esporre le sue deduzioni. L'incolpato ha per ultimo la parola, se la domanda. Qualora l'incolpato non si presenti né giustifichi un legittimo impedimento, si procede in sua assenza. L attenzione del legislatore nella disciplina della prova per testimoni evidenzia che la fase dibattimentale è caratterizzata dall oralità dell istruttoria. In dottrina, da tale constatazione un autore ha osservato che all oralità dell istruttoria non può che conseguire vista la sua determinante incidenza, nella fase dibattimen - tale la configurazione dell oralità dell intero procedimento. E a una tale teorizzazione soccorre, altresì, un ulteriore circostanza. Qualora, infatti, nel corso del dibattimento, abbia luogo l emersione di elementi idonei a supportare un nuovo ed ulteriore addebito, in tal caso, è sufficiente procedere ad una contestazio - ne formale nei confronti dell incolpato a prescindere da qualsiasi adempimento di carattere documentale. E il diritto di difesa, si ritiene tutelato, consentendo il mero rinvio dell udienza dibattimentale. (Così G. OR- SONI, in L ordinamento professionale forense, Padova, 2005, p.80.). L udienza è presieduta dal Presidente del Consiglio dell Ordine, ovvero (in sua assenza) dal Consigliere anziano e non è pubblica. Per la validità della delibera, il quorum costitutivo deve essere della maggioranza dei membri del Consiglio. L udienza può essere rinviata su richiesta dell interessato, il quale ha anche facoltà di non presentarsi. Può presenziare il PM, con facoltà di presentare le sue conclusioni

12 Il consigliere incaricato apre l udienza dando lettura della sua relazione, cui segue l interrogatorio dell incolpato, l esame dei testi, le deduzioni della difesa. In ogni caso, l incolpato, ove lo richieda, ha diritto ad avere per ultimo la parola. Chiusa la discussione e dopo aver allontanato l interessato ed il difensore, il Consiglio delibera a maggioranza dei voti. In caso di parità il voto del Presidente vale il doppio. La conclusione del procedimento disciplinare: la decisione. Al termine della fase dibattimentale, dopo la discussione, il Consiglio dell Ordine adotta la decisione. L art.51 RDL n.37/1934 prevede, al riguardo, che Chiusa la discussione, il direttorio delibera fuori della Presenza dell'incolpato e del difensore. Si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni dell'art. 473 del codice di procedura penale. La decisione è redatta dal relatore e deve contenere la esposizione dei fatti, i motivi sui quali si fonda, il dispositivo, l'indicazione del giorno, del mese e dell'anno in cui è pronunziata e la sottoscrizione del Presidente e del segretario. Essa è pubblicata mediante deposito dell'originale negli uffici di segreteria. La decisione può essere di archiviazione ovvero di inflizione di sanzione. Quale atto attraverso cui si estrinseca un potere amministrativo proprio del Consiglio dell ordine, si tratta di un provvedimento amministrativo. Elemento essenziale della decisione è, pertanto, la motivazione, redatta dal Consigliere relatore, la quale deve contenere l esposizione dei fatti, i motivi a sostegno della decisione, il dispositivo, l indicazione dell anno, mese e giorno della pronuncia e la sottoscrizione anche del Presidente e del segretario. La giurisprudenza di legittimità ha precisato, al riguardo, che poiché la funzione disciplinare, di cui sono titolari i Consigli dell Ordine è manifestazione di un potere amministrativo, attribuito dalla legge per l attuazione del rapporto che si instaura con l appartenenza all Ordine, per quanto i Consigli operino con la garanzia di un procedimento, ciò non vale ad attribuire ad esso alcun connotato giurisdizionale (così Cass. SS. UU. n.10688/2002, ma si veda anche TAR Abruzzo, n.166). La pubblicazione della decisione avviene con il deposito in segreteria e la notificazione di copia integrale all interessato e al pubblico ministero presso il tribunale, entro 15 giorni (art.50 l.p.f.). Il ricorso al Consiglio Nazionale Forense La decisione del Consiglio dell Ordine può essere impugnata con ricorso al Consiglio Nazionale Forense. Legittimati all azione sono unicamente due soggetti: il professionista incolpato ed il P.M. presso la Corte d Appello. Le disposizioni contenute negli artt.50, della legge sull ordinamento forense, infatti, non contemplano alcuna forma di intervento del terzo esponente. L art.50 del RDL n.1578 dispone, che Le decisioni del direttorio del sindacato nazionale e del direttorio di un sindacato locale sono notificate in copia integrale entro quindici giorni all'interessato ed al Pubblico Ministero presso il Tribunale, al quale sono comunicati contemporaneamente anche gli atti del procedimento disciplinare. Il Pubblico Ministero presso il Tribunale riferisce entro dieci giorni con parere motivato al Pubblico Ministero presso la Corte d'appello. Quest'ultimo e l'interessato possono, entro venti giorni dalla notificazione di cui al comma precedente, proporre ricorso al Consiglio superiore forense. Perciò, dopo aver ricevuto copia della decisione, il pubblico ministero riferisce (entro dieci giorni) con parere motivato al Procuratore Generale presso la Corte d Appello, il quale (come pure l incolpato) può proporre ri - corso al Consiglio Nazionale forense entro venti giorni dalla notificazione della decisione. Merita evidenziare che il ricorso non deve essere notificato, ma deve essere depositato ( presentato ) negli uffici del Consiglio dell Ordine che ha emesso il provvedimento impugnato entro il suddetto termine di venti giorni dalla notifica della decisione (art.50, 2 comma l.p.f. e 59 RDL n.37/1934). L art.59 del RDL n.37/1934 prescrive, poi, che: Il ricorso alla commissione centrale è presentato negli uffici del direttorio che ha emesso la pronuncia, e deve contenere l'indicazione specifica dei motivi sui quali si fonda, ed essere corredato della copia della pronuncia stessa, notificata al ricorrente. Agli effetti della decorrenza del termine per il ricorso incidentale preveduto nell'art. 50, comma terzo, R.D.L. 27 novembre 1933, n. 1578, si ha riguardo alla data in cui è stata fatta la notificazione del provvedimento impugnato al professionista interessato e, nel caso di più professionisti, alla data dell'ultima notificazione. L'ufficio del direttorio comunica immediatamente, in copia, alle altre parti il ricorso che sia stato presentato a norma del comma primo del presente articolo. Al Pubblico Ministero è anche comunicata la data dell'ultima notifi

13 cazione del provvedimento impugnato ai professionisti interessati. Il ricorso e gli altri atti del procedimento rimangono depositati negli uffici del direttorio per il termine di dieci giorni dalla scadenza di quello stabilito per ricorrere. Nel caso di cui all'art. 50, comma terzo, del R.D.L. 27 novembre 1933, n. 1578, il termi - ne del deposito decorre dalla scadenza di quello stabilito per il ricorso incidentale. Fino a quando gli atti ri - mangono depositati le parti interessate possono prenderne visione, proporre deduzioni ed esibire docu - menti. Il ricorso e gli altri atti nonché le deduzioni ed i documenti di cui al comma precedente sono quindi trasmessi alla Commissione centrale. Gli atti, perciò, dopo essere stati depositati negli uffici del Consiglio dell Ordine, vengono trasmessi alla segreteria del Consiglio Nazionale forense, che li comunica al procuratore generale presso la Corte di Cassazione. Quest ultimo dovrà curare la restituzione non oltre 15 giorni dalla ricezione (artt.59 e 60 RDL n.37/1934). Contemporaneamente la stessa segreteria comunica al ricorrente e alle altre parti interessate (e cioè al Consiglio dell Ordine che ha emesso il provvedimento e al procuratore generale presso la Corte di Cassazione) che gli atti rimarranno depositati negli uffici del Consiglio Nazionale Forense <per il termine di dieci giorni a decorrere dal giorno successivo a quello in cui il pubblico ministero deve effettuarne la restituzione>. Per poter ricevere tempestivamente le comunicazioni in parola (oltre che ai fini delle notificazioni ex lege), l art.60 del menzionato R.D.L. n.37/1934 prevede che le parti eleggano il proprio domicilio in Roma presso una persona od un ufficio e darne avviso alla segreteria della Commissione. In mancanza della elezione di domicilio, le comunicazioni e le notificazioni sono fatte mediante deposito nella segreteria del Commissione centrale. Durante il termine dei dieci giorni successivi al deposito degli atti da parte del PM, il ricorrente, il suo difensore e le altre parti (e così il procuratore generale della Cassazione) possono prendere visione degli atti, proporre deduzioni ed esibire documenti (art.61 RDL n.37/1934). Il Presidente del Consiglio Nazionale forense nomina quindi il relatore tra i componenti del Consiglio e fissa la data della seduta per la discussione del ricorso. Anche questo provvedimento deve essere comunicato a tutte le parti (incolpato, pubblico ministero e consiglio dell ordine). Il ricorso incidentale avanti al Consiglio Nazionale Forense L art.50 del RDL n.1578 dopo aver fissato il termine di venti giorni dalla notificazione della deci - sione per la proposizione del ricorso prevede che Nel caso che abbia ricorso soltanto il professionista, il Pubblico Ministero può proporre ricorso incidentale entro quindici giorni dalla scadenza del termine di cui al comma precedente. Per effetto del ricorso incidentale la commissione centrale può, limitatamente ai punti della decisione ai quali si riferiscono i motivi proposti, infliggere al professionista ricorrente una pena disciplinare più grave, per specie e durata, di quella inflitta dal Consiglio dell'ordine. Il ricorso incidentale mantiene efficacia nonostante la successiva rinuncia del professionista al proprio ricorso. Il ricorso ha effetto sospensivo. Gli effetti del ricorso sono limitati ai professionisti che lo hanno proposto. Il giudizio avanti al Consiglio Nazionale Forense: l istruttoria Dopo il deposito del ricorso e degli atti, con le deduzioni del ricorrente, il Presidente del Consiglio Nazionale forense nomina il relatore tra i componenti del Consiglio e fissa la data della seduta per la discussione del ricorso. La segreteria provvede a comunicare tempestivamente al ricorrente, al Pubblico Ministero e al Consiglio dell Ordine il provvedimento del Presidente del Consiglio Nazionale forense. L udienza è pubblica (salvo che l interessato chieda espressamente l udienza a porte chiuse) e si svolge attraverso la relazione, l intervento dell incolpato e le conclusioni. La legge sull ordinamento professionale forense non prevede alcuna specifica attività istruttoria da parte del Consiglio Nazionale Forense. E, perciò, rimessa alla discrezionalità del ricorrente proporre eventuali deduzioni istruttorie o esibire documenti ed alla discrezionalità del Consiglio Nazionale Forense di procedere a tutte le ulteriori indagini ritenute necessarie per l'accertamento dei fatti. (così art.63 RDL n.37/1934). E evidente, pertanto, che si tratta di un istruttoria meramente eventuale, che può trovare ragione esclusivamente nella necessità di integrare le risultanze del precedente giudizio avanti al Consiglio dell Ordine. In dottrina, al riguardo, vi è chi ha evidenziato che si tratta di un ulteriore anomalia del procedimento avanti al Consiglio Nazionale Forense ove si consideri che la struttura appare quella tipica dei giudizi di impugnazione, però, il giudizio avanti al Consiglio Nazionale Forense non può qualificarsi quale giudizio di impugna

14 zione in senso proprio, in quanto oggetto di cognizione non è un provvedimento giurisdizionale, emesso da un organo titolare di una tale funzione, ma, invece, si tratta di un provvedimento amministrativo. Provvedimento adottato a conclusione di un procedimento amministrativo, nell esercizio di tale potestà. Tutto ciò fa sì che il giudizio avanti il CNF non sia idoneo ad assumere la configurazione di un giudizio di secondo grado. Senza dimenticare che, come ha rilevato un autore [L. Mazzarolli, Riflessione sul procedimento di - sciplinare, in Rass. Forense, 1996, 445] il ricorso proposto avanti il CNF non può intendersi quale impugnazione, in senso stretto, in quanto non è preordinato ad un giudizio volto all eliminazione di un provvedimento che si ritiene affetto da vizi, ma piuttosto ad un giudizio volto a non vedere inciso il suo status pro - fessionale per effetto di un atto non legittimamente adottato. (Così G. ORSONI, in L ordinamento professionale forense, Padova, 2005, p.110.). Il giudizio avanti al Consiglio Nazionale Forense: la decisione L art.64 del R.D.L. n.37/1934 dispone che Le decisioni della commissione centrale sono pronunciate in nome del Re, sono redatte dal relatore e devono contenere l'indicazione dell'oggetto del ricorso, le deduzio - ni del ricorrente, le conclusioni del Pubblico Ministero, quando sia intervenuto, i motivi sui quali si fondano, il dispositivo, l'indicazione del giorno, del mese e dell'anno in cui sono pronunziate, la sottoscrizione del Presidente e del segretario. Esse sono pubblicate mediante deposito dell'originale nella segreteria della Commissione. Una copia ne e comunicata immediatamente al Procuratore generale presso la Corte di cassazione, al quale debbono essere comunicate anche le date in cui siano state eseguite le notificazioni delle decisioni stesse alle altre parti interessate. Dalla lettura del menzionato art.64 del RDL n.37/1934 emerge che il dispositivo della sentenza non viene let - to in aula, perché costituisce parte della decisione, la quale contiene, più precisamente: l oggetto del ricorso; le deduzioni del ricorrente; le eventuali conclusioni del Procuratore Generale; i motivi; il dispositivo; le indicazioni dell anno, mese e giorno della pronuncia; la sottoscrizione del segretario e del Presidente. La decisione viene pubblicata mediante deposito in segretaria ed è notificata in copia autentica entro 30 giorni all interessato, al Consiglio dell Ordine ed al Pubblico Ministero presso il Tribunale e la Corte d appello cui appartiene l incolpato. Discussa è, tra gli interpreti, la natura delle decisioni del Consiglio Nazionale Forense. Secondo alcuni si tratterebbe di un provvedimento giurisdizionale, immediatamente esecutivo (Così G. OR- SONI, in op. cit., p.111.). Indurrebbe a tale conclusione la lettura sia dell art.64 citato (nella parte in cui dispone che la decisione in parola è pronunciata in nome del Popolo Italiano ), sia dell art.56 del RDL n.1578 (laddove chiarisce che Gli interessati ed il Pubblico Ministero possono proporre ricorso avverso le decisioni della Commissione centrale alle sezioni unite della Corte di cassazione, entro trenta giorni dalla notificazione, per incompetenza, eccesso di potere e violazione di legge. Il ricorso non ha effetto sospensivo. Tuttavia l'esecuzione può essere sospesa dalle sezioni unite della Corte di cassazione, in camera di consiglio, su istanza del ricorrente. ). La Cassazione, a sezioni Unite, con la sentenza n.596/76 ha rilevato l inammissibilità del ricorso proposto avanti le Sezioni Unite della Cassazione avverso una decisione del Consiglio Nazionale Forense che, risolvendo un conflitto di competenza, si sia limitata ad indicare il Consiglio dell Ordine competente per territorio giustificata dal fatto che la mancata statuizione su posizioni giuridiche di diritto soggettivo andrebbe a privare le decisioni del Consiglio Nazionale Forense del carattere giurisdizionale, dando luogo a meri provvedi - menti amministrativi, non impugnabili. Il ricorso alle sezioni Unite della Cassazione Avverso la decisione del Consiglio nazionale Forense, tutte le parti del giudizio possono proporre impugnazione innanzi alle Sezioni Unite della Cassazione

15 Le decisioni sono ricorribili per: (i) incompetenza, (ii) eccesso di potere e (iii) violazione di legge, in relazione ad un difetto di motivazione, quando questa manchi, non sia logicamente ricostruibile o sia priva di congruenza logica. Al riguardo, è di interesse la sentenza , n della Suprema Corte di Cassazione Sezioni Unite civili con la quale è stato affermato il principio per cui ai sensi dell'art. 56 comma 3, del R.D.L. n del 1933, convertito nella legge n. 36 del 1934 e dell'art. 68 comma 1, del R.D. n. 37 del 1934 le decisioni del Consiglio Nazionale Forense nella materia disciplinare sono ricorribili per Cassazione soltanto per incompetenza, eccesso di potere e violazione di legge, con la conseguenza che avverso dette decisioni non possono essere denunziati vizi motivazionali riconducibili all'ambito dell'art. 360, comma 1, n. 5 c.c., limitandosi il controllo di legittimità sulla motivazione ai casi in cui si configuri una assoluta mancanza o una mera apparenza o una totale illogicità o perplessità di essa, tale da non consentire di individuare la ratio decidendo e quindi da integrare una inosservanza dell'obbligo imposto al giudice dall'art. 132, comma 2, n. 4 c.c. di esporre concisamente i motivi in fatto e in diritto della decisione (v. per tutte in tal senso S.U n. 4802; 2004 n ; 2003 n. 5072; 2002 n. 8144; 2002 n. 1732; 2002 n. 487). In sede di ricorso in Cassazione (secondo quanto prescrive l art.56 del RDL n.1578), è possibile anche chiedere la sospensione della esecutività della decisione del Consiglio Nazionale Forense. La decisione della Suprema Corte, sull istanza di sospensione, è presa in Camera di Consiglio, prima della discussione del ricorso principale. Il ricorrente, entro 30 giorni deve notificare il ricorso a tutte le altre parti interessate, a pena di inammissibilità. Esso deve contenere l esposizione dei fatti e dei motivi sui quali si fonda, evidenziando in particolare l incompetenza, la violazione di legge o l eccesso di potere che giustificano l impugnazione. Nei 15 giorni successivi alla notificazione, l originale del ricorso dev essere depositato nella cancelleria della Suprema Corte, unitamente a copia della decisione impugnata, notificata al ricorrente, a pena di improcedibilità. Nei 20 giorni successivi alla notificazione, gli interessati possono depositare le loro deduzioni. La Cancelleria comunica copia del ricorso al Procuratore Generale e richiede gli atti del processo alla segreteria del Consiglio Nazionale Forense. Il Primo Presidente della Corte di Cassazione nomina un relatore, fa comunicare gli atti al Procuratore Generale e fissa l udienza di discussione del ricorso che notifica alle parti almeno 15 giorni prima. L interessato può presenziare e svolgere la propria difesa anche personalmente ovvero può farsi assistere da un avvocato, purché abilitato all esercizio innanzi alla Cassazione, al quale avrà conferito mandato speciale, L interessato, inoltre, elegge domicilio in Roma (diversamente si considera domiciliato presso la segreteria del Consiglio Nazionale Forense). All incolpato deve essere concesso un termine minimo inderogabile di almeno 10 giorni per comparire all udienza ed un termine di meno di 10 giorni per prendere visione degli atti del procedimento. Negli stessi termini presenta le sue conclusioni il Procuratore Generale. Il procedimento segue le disposizioni del processo civile innanzi alla Corte di Cassazione. Il giudizio deve concludersi entro 90 giorni. Se la Suprema Corte annulla con rinvio, il Consiglio Nazionale Forense deve provvedere uniformandosi alla decisione della Corte sul punto in cui vi è stata la pronuncia

16 7. Riferimenti giurisprudenziali Sul dovere di correttezza e lealtà Cass. sez. 3^ civ n.11379, in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Proposta da una compagnia di assicurazione opposizione all'esecuzione, qualora il creditore abbia proceduto esecutivamente benché in precedenza fosse stato inviato al suo difensore (e coniuge) un assegno circolare a soddisfazione del credito, risulta corretta la motivazione della sentenza di merito che, nel definire con il rigetto l'opposizione, disponga la integrale compensazione delle spese rilevando che il comportamento del creditore si era posto in contrasto con i doveri di lealtà e probità di cui all'art. 88 cod. proc. civ., avendo egli omesso di comunicare il proprio rifiuto di ricevere l'assegno prima di dare inizio all'esecuzione, adducendo a giustificazione la mancanza del potere di riscuotere in capo al difensore, così comportandosi in modo palesemente teso a lucrare anche le spese dell'esecuzione. Cass. SS.UU n.134, in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore L'avvocato che, dopo aver assistito congiuntamente i coniugi in una procedura di separazione non conclusasi con omologa, assuma la difesa di un coniuge contro l'altro nel giudizio di separazione personale, pone in es - sere un comportamento deontologicamente scorretto, e quindi passibile di sanzione disciplinare, in quanto l'art. 37, 3 comma, del codice deontologico pone per l'avvocato un obbligo assoluto di astensione a prescindere se il conflitto di interessi è reale o solo potenziale. Cass. SS.UU n.6188, in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore La violazione del dovere di informazione, discendente dai primari doveri di correttezza e lealtà, nonché dal dovere di colleganza, costituisce illecito disciplinare. Cass. SS.UU n.7401, in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore L`avvocato costituisce un collaboratore della giustizia, sicche` la sua condotta, anche se estranea all`attivita` professionale da lui svolta, deve in ogni caso conformarsi a criteri di correttezza, dignita` e decoro (nella specie, la S.C. ha confermato, siccome adeguatamente motivata, la decisione del giudice disciplinare che aveva inflitto la sanzione ad un avvocato il quale, incontrata la moglie da cui viveva separato per le strade di un pic - colo centro, l`aveva ingiuriata e percossa, cosi da suscitare commenti sfavorevoli o riprovevole curiosità in grado di riflettersi sull`intera classe forense). Cass. SS.UU n.11176, in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Il comportamento dell'avvocato, il quale, dopo avere difeso una parte, assume nella medesima vicenda il patrocinio della parte avversa, e` lesivo della reputazione del professionista e della dignità della classe forense, in quanto la cura degli interessi della controparte rende possibile l'uso delle informazioni acquisite a causa del precedente incarico, creando una situazione non conforme alla dignità di avvocato ed al dovere di lealtà connesso alla delicatezza delle funzioni espletate, suscettibile di riflettersi sull'intera classe forense. Tale comportamento configura, pertanto, un illecito sanzionabile ai sensi dell'art. 38 del R.D.L. 27 Novembre 1933 n.1578, indipendentemente dalla circostanza che la condotta in oggetto si sia o no rivelata dannosa per le parti e che la difesa della parte avversa sia stata assunta solo nella fase esecutiva ed a distanza di alcuni anni da quando era cessata l'attività difensiva in favore della parte originariamente assistita. Cass. SS.UU n.2784, in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore La violazione da parte di avvocato o procuratore del dovere di lealtà e probità, ovvero del divieto di usare espressioni sconvenienti ed offensive, a norma degli artt. 88 ed 89 c. p.c., può dar luogo, oltre ai provvedi - menti adottabili nel processo in cui tali fatti vengono commessi, anche l'irrogazione di sanzione disciplinare, ai sensi dell'art. 38 del r.d.l. 27 novembre 1933 n. 1578, ove il relativo comportamento non sia conforme alla dignità ed al decoro della professione (alla stregua di valutazioni di merito, in ordine alle quali il sindacato delle sezioni unite della corte di cassazione, su ricorso contro pronuncia del consiglio nazionale forense, e` circoscritto ad eventuali vizi della motivazione)

17 C.N.F., , n.178 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l'avvocato che non destini le somme ricevute dal cliente allo scopo pattuito ma le trattenga per sé e solo successivamente, alla denuncia di quest'ultimo, le restituisca. (Nella specie, nei confronti dell'avvocato che si era fatto consegnare e aveva trattenuto per sé somme del cliente prospettandogli falsamente la conclusione di un accordo transattivo, la sanzione della sospensione per mesi sei è stata ridotta a mesi quattro in considerazione dei buoni precedenti e del fatto che l'avvocato aveva restituito le somme al cliente con l'aggiunta, peraltro di un pur lieve risarcimento). (Accoglie parzialmente il ricorso avverso decisione C.d.O. di Ravenna, 19/1/1996). C.N.F., , n.194 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l'avvocato che a seguito della revoca del mandato invii numerose parcelle all'ex cliente così chiedendo compensi eccessivi, usi in scritti difensivi espressioni offensive nei confronti di un magistrato e nei confronti del consiglio dell'ordine e del suo presidente. Il professionista, infatti, nell'espletamento della sua attività può manifestare la massima fermezza tanto negli scritti, quanto negli interventi orali pur sempre però nella rigorosa osservanza dei principi di probità e correttezza propri della classe forense. (Nella specie è stata confermata la sanzione della sospensione per mesi due). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Torino, 14/12/2001). C.N.F., , n.220 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l avvocato che falsamente affermi in una causa che la relazione di notifica della comunicazione di deposito del decreto di sequestro era stata falsificata dall ufficiale giudiziario allo scopo di escludere il termine perentorio, così supponendo una intercorsa collusione tra il collega di controparte e l ufficiale giudiziario, mentre egli stesso era consapevole, perché avvertito dallo stesso pubblico ufficiale, delle ragioni della correzione legittimamente effettuata. (Nella specie è stata confermata la sanzione dell avvertimento. (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Padova, 14/2/2003). C.N.F., , n.240 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante, perché lesivo del dovere di dignità e decoro, l avvocato che assuma ingiustificate plurime azioni processuali a carico dei debitori provocando, peraltro, un aumento delle spese processuali, a nulla rilevando ai fini disciplinari che tale comportamento sia processualmente consentito. (Nella specie è stata confermata la sanzione della censura). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Torino, 15/1/2003). C.N.F., , n.248 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente corretto l avvocato che non comunichi al collega di controparte lo svolgimento di un attività extragiudiziale svolta nell interesse del proprio assistito. (Nella specie è stato ritenuto non responsabile disciplinarmente l avvocato che nell ambito di un procedimento contenzioso di separazione fra due coniugi, a mezzo di una procura notarile rilasciata dal suo cliente aveva provveduto ad estinguere i conti intestati ai due coniugi e, dopo la redazione dell inventario, ad aprirne uno nuovo intestato al suo assistito). C.N.F., , n.244 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante, perché lesivo del dovere di fedeltà e correttezza il professionista che assuma un incarico difensivo contro ex clienti, specie specie quando il giudizio successivamente instaurato, pur avendo un petitum diverso, scaturisca da un identico rapporto. (Nella specie, anche in considerazione della rinuncia al secondo mandato la sanzione della censura è stata sostituita dalla più lieve sanzione dell avvertimento nei confronti dell avvocato che dopo aver difeso una parte nel giudizio di sfratto aveva assunto la difesa della controparte nel successivo giudizio per il risarcimento del danno). C.N.F., , n.243 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante, perché in violazione del dovere di lealtà e correttezza, l avvocato che chieda il pagamento del compenso professionale al proprio cliente pur avendo già ottenuto il pagamento della parcella dalla compagnia di assicurazione. (Nella specie è stata confermata la sanzione della sospensione per due mesi)

18 C.N.F., , n.242 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l avvocato che, in presenza del cliente e di terzi estranei, usi nei confronti del collega di controparte espressioni sconvenienti e denigratorie. (Nella specie è stata confermata la sanzione dell avvertimento per l avvocato che aveva usato nei confronti della collega di controparte la seguente frase per l avvocato Lei è giovane non ha esperienza ) C.N.F., , n.241 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante, perché lesivo del rapporto di colleganza e del dovere di correttezza a cui ciascun professionista è tenuto, l'avvocato che produca in giudizio copia di un esposto disciplinare presentato dalla propria assistita nei confronti del collega di controparte. (Nella specie è stata confermata la sanzione dell'avvertimento). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Perugina, 22/5/2003). C.N.F., , n.238 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante, perché lesivo del dovere di lealtà, correttezza e difesa l'avvocato che abbandoni il giudizio all'insaputa del cliente e successivamente al fine di occultare l'omesso svolgimento del mandato sottoponga al cliente un documento falso. (Nella specie è stata confermata la sanzione della sospensione per mesi due nei confronti dell'avvocato che aveva abbandonato il giudizio e successivamente aveva sottoposto al cliente un atto di quietanza, per un presunto risarcimento, risultato successivamente falso). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Lecce, 12/7/2000). C.N.F., , n.234 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l'avvocato che nominato difensore di fiducia, non sia presente alle udienze, sebbene le nomine per la difesa gli fossero state regolarmente notificate, e non eserciti pertanto l'attività difensiva omettendo così di svolgere il mandato ricevuto. (Nella specie la sanzione della sospensione per mesi quattro è stato ridotta a mesi due). (Accoglie parzialmente il ricorso avverso deci - sione C.d.O. di Vicenza, 27/10/2003). C.N.F., , n.232 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l'avvocato che nominato commissario liquidatore in una amministrazione coatta di società disponga illegittimamente di rilevanti somme della stessa e omettendo altresì ogni controllo nei confronti dei suoi collaboratori consenta anche a questi di accedere illegittimamente ai fondi liquidi della società. (Nella specie è stata confermata la sanzione della cancellazione dall'albo). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Genova, 23/10/2002). C.N.F., , n.217 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l'avvocato che notifichi alla controparte un atto di precetto e un pignoramento malgrado la stessa avesse riconosciuto il credito professionale vantato dal professionista e avesse inviato un assegno circolare in adempimento e che trattenga somme avute dal proprio cliente per l'esecuzione del mandato ricevuto giustificando tale comportamento con una unilaterale e non autorizzata compensazione di crediti professionali. (Nella specie, vista la richiesta della procura e considerata la fattispecie la sanzione della sospensione per mesi quattro è stata ridotta a mesi due). (Accoglie parzialmente il ricorso avverso decisione C.d.O. di Bari, 25/9/2002). C.N.F., , n.195 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l avvocato che abbandoni un giudizio senza comunicarlo alla parte nel cui interesse lo aveva intrapreso, rifiuti la consegna di un documento affidatogli fiduciariamente in custodia e che dopo aver assistito congiuntamente più parti presti assistenza a favore di una contro l altra. (Nella specie anche in considerazione dei buoni precedenti è stata confermata la sanzione della sospensione per due mesi nei confronti del professionista che dopo aver assunto l incarico di agire nell interesse delle parti promettenti, acquirente e venditrice, per l annullamento di un testamento, nel quale veniva disposto del bene oggetto del contratto preliminare di compravendita, abbandoni l azione e successivamente assuma la difesa della parte promittente venditrice contro la parte promittente acquirente, per la risoluzione della promessa di vendita). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Ravenna, 3/12/2001)

19 C.N.F., , n.185 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l'avvocato che non depositi il fascicolo di parte, anche dopo la rinuncia al mandato, non dia informazioni alla parte e al suo nuovo difensore, rendendosi irreperibile, e ometta di dare chiarimenti al C.d.O. sul suo comportamento. (Nella specie è stata confermata la sanzione della censura). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Roma, 5/10/1999). C.N.F., , n.184 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante, perché lesivo del dovere di correttezza e probità propri della classe forense, il praticante abilitato che sottoscriva una lettera con il titolo di avvocato, peraltro utilizzando una carta intestata con la dicitura ingannevole di studio legale, che ai fini della determina - zione della parcella affermi falsamente al vero di aver depositato un ricorso, che chieda onorari in misura superiore a quella dovuta per legge, e sottoscriva un atto per il quale non era professionalmente qualificato, perché superiore in valore ai limiti della propria competenza professionale, a nulla rilevando, peraltro, che tale atto fosse sottoscritto anche da un avvocato. (Nella specie è stata confermata la sanzione della sospensione per mesi due). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Monza, 20/1/2003). C.N.F., , n.149 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante, perché lesivo dei principi di decoro e probità a cui ciascun professionista è tenuto, l'avvocato che emetta assegni non onorati, minacci e si appropri di somme di spettanza del cliente, ometta di svolgere il mandato ricevuto, avendo peraltro incassato delle somme in acconto, ometta di provvedere al pagamento delle prestazioni procuratorie affidata al collega, partecipi ad una estorsione tentando di convincere telefonicamente la vittima al pagamento e recandosi nel luogo dell'ap - puntamento per incassare le somme illegittimamente richieste. (Nella specie è stata confermata la sanzione della radiazione). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Milano, 18/11/2002). C.N.F., , n.141 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante, perché lesivo del dovere di correttezza e probità l'avvocato che concordi con un collega plurime costituzioni di parte civile al solo fine di aggravare le spe - se processuali. (Nella specie è stata confermata la sanzione della censura nei confronti dell'avvocato che, in una causa per omicidio colposo a seguito di incidente stradale aveva indotto i parenti della vittima a costituirsi parte civile ognuno attraverso un proprio legale per costituire un collegio di difesa, quando, in realtà, visti i criteri che segue il risarcimento in relazione al grado di parentela che lega la vittima ai familiari, non vi erano motivi per la costituzione di un collegio di difesa che, invece, aveva avuto come unica conseguenza quella di aumentare ingiustificatamente le spese processuali). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Lucca, 17/1/2003). C.N.F., , n.387 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l'avvocato che assuma un incarico professionale con il preciso intento di porre in essere attività di favoreggiamento e, allo stesso scopo, riveli a terzi l'esi - to degli interrogatori effettuati dalla pubblica autorità. (Nella specie, l'avvocato e stato ritenuto responsabile ed è stata inflitta la sanzione della sospensione per anni uno). (Accoglie il ricorso avverso decisione C.d.O. di Padova, 15/12/1999). C.N.F., , n.365 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l'avvocato che utilizzando una firma falsa di girata apposta su un assegno di spettanza del cliente incassi e trattenga le somme così percepite, che non ot - temperi all'accordo transattivo a cui era pervenuto con la controparte, che richieda compensi eccessivi rispetto alle somme indicate nel preventivo di spesa comunicato al cliente, e dichiari in misura inferiore al vero l'entità delle somme percepite quali acconti. (Nella specie è stata ritenuta congrua la sanzione della sospen - sione per mesi quattro). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Genova, 15/6/2002). C.N.F., , n.362 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore È deontologicamente rilevante il comportamento privato del professionista se lo stesso abbia rilevanza esterna e possa incidere negativamente sul prestigio, la dignità e il decoro dell'intera classe forense. Pertanto, l'av

20 vocato che compia atti sessuali con un minore pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante perché lesivo del dovere di probità dignità e decoro che il professionista deve tenere sia nella professione che nella vita privata. (Nella specie è stata ritenuta congrua la sanzione della sospensione per mesi tre). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Torino, 10/7/2002). C.N.F., , n.359 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore L'avvocato che ometta di adempiere alle obbligazioni assunte nei confronti dei terzi, restituisca somme di spettanza del cliente solo dopo un notevole corso di tempo, trattenendone altre a compensazione di onorari, pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante perché lesivo della dignità e decoro dell'intera classe forense. (Nella specie la sanzione della sospensione è stata ridotta da mesi quattro a mesi due). (Accoglie parzialmente il ricorso avverso decisione C.d.O. di Milano, 6/10-8/11/1999). C.N.F., , n.353 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l'avvocato che violi il dovere di correttezza e riservatezza usando espressioni volgari ed offensive in una missiva inviata a più persone in cui dava la notizia del tradimento di un coniuge nei confronti dell'altro. (Nella specie è stata confermata la sanzione dell'avvertimento). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Modena, 3/3/1997). C.N.F., , n.207 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l'avvocato che trattenga somme avute in ragione del mandato, in parte giustificando tale trattenimento con la compensazione degli onorari, peraltro non autorizzata, e che richiesto non dia informazioni al C.d.O. sul suo comportamento. (Nella specie è stata confermata la sanzione della sospensione per mesi sei). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Catania, 12/6/2001). C.N.F., , n.211 in Repertorio24, Banca Dati Lex 24 del Sole24 Ore Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante perché lesivo del dovere di probità dignità e decoro propri della classe forense, l'avvocato che richieda al cliente denaro da consegnare illegittimamente ad un pubblico ufficiale per la definizione di una pratica, a nulla rilevando l'eventualità che quelle somme fossero inferiori al credito vantato dall'avvocato per l'attività svolta e in realtà fossero state richieste per ottenere il pagamento delle proprie spettanze professionali. (Nella specie è stata confermata la sanzione della sospensione per mesi due). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Siracusa, 8/7/2003). C.N.F., , n.25 in Rass. Forense, 2001, 733 Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante, perché lesivo del dovere di lealtà e fedeltà, il professionista che assuma a breve distanza di tempo l'incarico contro un suo ex- cliente e utilizzi contro lo stesso documenti e notizie avute del mandato precedentemente svolto. (Nella specie è stata confermata la sanzione dell'avvertimento). C.N.F., , n.7 in Rass. Forense, 2000, 605 L'avvocato che trattenga illegittimamente somme avute in ragione del mandato, e non le utilizzi in linea con le disposizioni ricevute, pone in essere un comportamento disciplinarmente rilevante perché lesivo del dovere di fedeltà e lealtà propri della classe forense. (Nella specie la sanzione della sospensione per mesi 2 è stata sostituita dalla sanzione della censura). C.N.F., , n.249 in Rass. Forense, 2000, 597 Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante, perché lesivo del dovere di lealtà e fedeltà, il professionista che utilizzi contro un ex cliente documenti avuti in ragione del mandato precedentemente svolto. (Nella specie il professionista aveva redatto un atto transattivo e lo aveva fatto firmare dalla parte; successivamente, malgrado il mandato di custodia ricevuto e l'incarico di perfezionare la transazione, aveva utilizzato l'atto contro la parte stessa)

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Capo II - Degli esami per la professione di procuratore

Capo II - Degli esami per la professione di procuratore R.D. 22 gennaio 1934, n. 37. Norme integrative e di attuazione del R.D.L. 27 novembre 1933, n. 1578, sull'ordinamento della professione di avvocato e di procuratore. TITOLO I Delle iscrizioni nei registri

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CODICE DEONTOLOGICO FORENSE (Testo approvato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta del 17 aprile 1997 ed aggiornato con le modifiche introdotte il 16 ottobre 1999, il 26 ottobre 2002, il 27 gennaio

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali.

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE TITOLO I Giudicato Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. 1. Sono irrevocabili le sentenze pronunciate in giudizio

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI

CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI CODICE DEONTOLOGICO DEI CONSERVATORI DEI BENI ARCHITETTONICI ED AMBIENTALI ITALIANI Visto l art. 4, comma 2, Cost. che così recita: Ogni cittadino ha il dovere di svolgere secondo le proprie possibilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari REGOLAMENTO APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE SINDACALI (Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli