Sovraintendenza ai Beni Culturali U.O. Amministrativa e Contabile Servizio Protezione e Prevenzione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sovraintendenza ai Beni Culturali U.O. Amministrativa e Contabile Servizio Protezione e Prevenzione"

Transcript

1 Sovraintendenza ai Beni Culturali U.O. Amministrativa e Contabile Servizio Protezione e Prevenzione Corso di formazione Quaderno N 13 IL RADON LE RADIAZIONI IONIZZANTI NATURALI 1

2 PREMESSA Sebbene la radioattività e i conseguenti pericoli coinvolgano l equilibrio e la salute dell intero sistema mondiale, oggi questo argomento continua ad essere materia di studi e conoscenza limitato a sole ristrette branche di addetti Ad oggi la protezione contro le radiazioni è comunemente rivolta al solo personale interessato alla gestione ed esercizio d impianti dove si generano o si manipolano materiali radioattivi. Al comune cittadino, oggetto di eventuali esposizioni di carattere accidentale (Cernobyl), naturali( fonti termali, radon) o sanitarie (risonanza, radioterapia, radiodiagnostica) non è facile acquisire un informazione sull argomento per una cosciente protezione. A seguito di una veloce inchiesta fatta con interviste sui luoghi di lavoro sulla conoscenza di radiazioni ionizzanti naturali, radioattività, radioprotezione, ho ricevuto risposte superficiali e generiche basate sul <<sentito dire>> o sul << sentito qualcosa.>> che ha evidenziato una radicale non conoscenza dell argomento ed ignoranza sulla normativa a tutela al riguardo dei lavoratori. A chi se non all Amministrazione Pubblica deve essere demandato il compito di acquisire una conoscenza almeno sufficiente sull argomento per dare una seppure minima ma corretta informazione ai lavoratori, in primo luogo anche cittadini, che per la loro attività possono venire a contatto con ambienti contaminati. Una informazione, seppure elementare, rende cosciente le persone sulla eventuale necessità di misure cautelari atte a ridurre i rischi. P.I. Alessandro Moglioni 2

3 INTRODUZIONE Una recente normativa (D.Lgs 241/2000) di recepimento ed attuazione di una direttiva comunitaria prevede, ad integrazione di quanto contenuto nel precedente D.Lgs 17 marzo 1995 n 230, la protezione sanitaria della popolazione e dei lavoratori contro i rischi derivanti dall esposizione delle radiazioni ionizzanti naturali. In particolare nel campo applicativo del decreto rientrano le.. attività lavorative durante le quali i lavoratori e, eventualmente le persone del pubblico sono esposti a prodotti di decadimento del radon o del toron o a radiazioni gamma o ad ogni altra esposizione in particolari luoghi di lavoro quali tunnel, sottovia, catacombe, grotte e, comunque, in tutti i luoghi di lavoro sotterranei. In ambito della Sovrintendenza sussiste la possibilità che vengano svolte attività lavorative in ambienti confinati ipogei sia naturali che artificiali per le quali è imposta l applicazione del disposto della recente normativa. In tal senso si prevede l obbligo da parte del Datore di Lavoro di verificare se le eventuali concentrazioni di contaminanti ambientali siano al di sotto dei livelli di azione previsti dal D.Lgs 17 marzo 1995 n 230 ; ovviamente qualora tali limiti non siano rispettati è ovvio il dovere di mettere in atto quanto previsto dal decreto sopra citato con idonee azioni di rimedio e l attivazione delle procedure di informazione e formazione ai lavoratori. Scopo di questo nuovo opuscolo è dare ai lavoratori interessati un minimo di informazione sull argomento, sui rischi derivanti dall esposizione e sulla prevenzione da adottare. 3

4 1.0 LE RADIAZIONI IONIZZANTI Con il termine generico di radiazione intendiamo una infinità di fenomeni notevolmente diversi uno dall altro che possono spaziare dall energia luminosa emessa da una lampada, dall energia termica emessa da una fonte di calore di una fiamma, dall energia elettromagnetica di un elettrodomestico nonché dall energia emessa da elementi radioattivi. Le radiazioni, essendo in prima analisi un fenomeno naturale, dobbiamo sapere che sono costantemente intorno a noi e sebbene generalmente pericolose per l uomo non debbono necessariamente essere sempre demonizzate: dobbiamo conoscerle per saper distinguere quelle non pericolose da quelle pericolose nonché da quelle che per ragioni mediche possono risultare indispensabili per salvare le vite umane. Sono comuni fonte di radiazioni: Tv, radio, cellulari, ed elettrodomestici in genere. Onde radio emesse da stazioni di trasmissione. Antenne tv, ed antenne dei cellulari. Elettrodotti e cabine di trasformazione di energia elettrica. Il terreno, le rocce ed i materiali di costruzione. Alcuni esami di diagnostica e cura medica. Raggi solari. Raggi cosmici. Reattori nucleari. Le radiazioni emesse sotto forma di onde dalle sorgenti evidentemente non sono tutte dello stesso tipo, della stessa intensità e conseguentemente hanno un diverso impatto sulla nostra salute. L unità di misura adottata per la rilevazione della grandezza dell onda è il Becquerel (Bq). La scala riprodotta a fianco evidenzia facilmente il limite d i classificaz ion e t r a radiazioni ionizzanti e radiazioni non ionizzanti. Le radiazioni non ionizzanti, causate da telefonia mobile, antenne, elettrodomestici, impianti elettrici, elettrodotti, che comunemente vanno sotto la voce di eletrosmog, hanno una energia generalmente bassa e sebbene produ- 4

5 Rif.to 1 D.M. 381/98, legge quadro N. 36/2001, DPCM cano un induzione elettrica nell organismo umano i loro effetti sono tutt ora fonte di studio. Attualmente i livelli di esposizione sono normati da altre fonti legislative ( Rif.to 1 ). Le radiazioni ionizzanti, consuderate con certezza dalla scienza nocive per l uomo, possono essere definite come onde elettromagnetiche dotate di potere altamente penetrante nella materia. Esse sono prodotte da: 1. sostanze radioattive naturali ( Radon) ; 2. sostanze radioattive artificiali (Plutonio impoverito); 3. reazioni nucleari; 4. raggi cosmici; 5. macchine radiogene (raggi x, radioterapia). Percui in base alla fonte di produzione ed emissione esistono due diverse possibilità: -radiazioni ionizzanti naturali ( dalle rocce e dallo spazio cosmico ) -radiazioni ionizzanti artificiali ( prodotte dalla tecnologia del l uomo). 2.0 LE RADIAZIONI IONIZZANTI NATURALI Rif.to 2 L'emivita (o tempo di dimezzamento) di un isotopo radioattivo è definita come il tempo occorrente perché la metà degli atomi di un campione puro dell'isotopo decadano in un altro elemento. L'emivita dei materiali radioattivi varia da frazioni di secondo per i più instabili, fino a miliardi di anni per quelli che sono solo leggermente instabili. Il decadimento si dice avvenga da un nucleo parente che produce un nucleo figlio. ( Le radiazioni ionizzanti naturali sono l oggetto di interesse del D.Lgs 241/2000. L uomo è stato costantemente esposto, fin dalla sua comparsa sulla terra, alle radiazioni ionizzanti di origine naturale. Sebbene il vasto impiego di sostanze ed impianti radiogeni, la radioattività naturale continua ad essere la fonte di maggior esposizione da parte della popolazione terrestre. La radiazione naturale può, a sua volta, suddividersi in origine terrestre ed origine extraterrestre; la prima è dovuta ai radionuclidi primordiali presenti in varie concentrazioni nei materiali inorganici della crosta terrestre (rocce minerali), la seconda è costituita dai raggi cosmici. In natura sono presenti dei radionuclidi primordiali così definiti perché esistenti fin dalla formazione del sistema solare e tuttora presenti perché caratterizzati da una emivita( Rif.to 2 ) paragonabile a quella della Terra. I principali radionuclidi primordiali sono gli elementi delle due serie radioattive dell Uranio (U-238) e del Torio (Th232). La concentrazione dei radionuclidi naturali nel suolo e nelle rocce varia fortemente da luogo a luogo in dipendenza della formazione geologica dei terreni. 5

6 In genere le rocce ignee ed i graniti contengono U-238 in percentuale maggiore di altre rocce ed alcune volte anche le rocce sedimentarie marine possono contenere altissimi valori di concentrazione di tale minerale. 3.0 LA RADIOATTIVITA Tutta la materia è costituita da atomi formati da un fascio di Elettroni, con all interno un nucleo composto da Protoni e Neutroni. Gli Elettroni rappresentano la carica negativa dell atomo, i Protoni quella positiva mentre i Neutroni hanno carica neutra, da cui ne deriva che l atomo ha una carica neutra. Mediante il numero fisso di protoni ed il numero (variabile) di neutroni avviene la classificazione in chimica degli elementi; Se l elemento, perché naturalmente instabile o per processi artificiali, varia il numero di neutroni si genera un isotopo dell elemento stesso ( Rif.to 1 ). La radioattività, per l appunto, è la proprietà naturale attraverso la quale gli atomi instabili di alcuni elementi emettono in maniera spontanea energia da parte dei nuclei trasformandosi in atoni di un diverso elemento. Rif.to 1 Numero di Protoni=Numero di elettroni= Numero Atomico Numero di Protoni=Numero di Neutroni =Numero di Massa Ne deriva che un isotopo è un elemento con numero atomico uguale ma diverso numero di massa rispetto all elemento originario Questa trasformazione ( Rif.to 2): - è chiamata disintegrazione o decadimento e può avvenire in tempi brevissimi o estremamente lunghissimi. - è la causa delle radiazioni ionizzanti da cui ne deriva la terminologia di isotopi radioattivi, o anche radionuclidi. I due principali elementi naturali che generano spontaneamente isotopi sono per l appunto i già citati Uranio e Torio. Rif.to 2 Il numero di trasformazioni nucleari spontanee di un radionuclide che si producono nell'unità di tempo, ovvero la sua attività, si esprime in Becquerel mediante il simbolo Bq 6

7 4.0 IL RADON Rif.to 1 Radon 222 Radon 222 Polonio 218 emissione particelle emissione particelle emissione particelle Per la relativa facilità di presenza nel terreno di elementi quali l Uranio ed il Torio ne consegue la presenza di sostanze radioattive da questi derivate e denominate figli. Uno di queste è l isotopo 222 del gas Radon formatosi dal decadimento dell U-238 che porta alla formazione del Radio 226 (Ra-226) che emettendo una particella decade in Radon 222 (Rn-222). Dal punto di vista della radioprotezione il Radon decade con una emivita di 3,82 giorni dando origine ad una serie di figli con emivita breve che sono i veri responsabili degli effetti sanitari( Rif.to 1). Il Radon è un gas nobile radioattivo, inodore, incolore, chimicamente inerte, elettricamente neutro, più pesante dell aria (7,5 volte più pesante) e moderatamente solubile in acqua e per questa ultima caratteristica rilevabile disciolto in falde acquifere. Piombo 214 Bismuto 214 Polonio 214 Piombo 210 emissione particelle emissione particelle emissione particelle L Uranio, che come abbiamo visto è il progenitore del Radon, è un elemento chimico facilmente presente in natura : ne consegue che il Radon è un inquinante ubiquitariamente diffuso sulla terra. Ai fini della salute riveste particolare attenzione solo quando è presente in ambienti chiusi: il così detto radon indoor. 5.0 IL RADON INDOOR Rif.to 3 Una concentrazione di 200 Bq/mc implica una dose efficace di circa 3 msv/anno Molti materiali da costruzione emettono quantità modeste di Radon, risultano molto radioattivi i graniti, la pomice, il tufo, la pozzolana e non da ultimi alcuni prodotti di scarto dell edilizia come le scorie degli altiforni ed il fosfato di gesso. Tuttavia la principale sorgente di Radon proviene sempre dal terreno sottostante le nostre residenze. Una recente campagna nazionale ha stabilito il valore medio della concentrazione di radon nelle abitazioni italiane di circa 77 Bq/mc con percentuali superiori del 5% ed 1% rispettivamente per concentrazioni di 200 Bq/mc e 400 Bq/mc (R if.to 3) Se il gas Radon prodotto dalle rocce e dal sottosuolo si 7

8 infiltra in un ambiente chiuso tenderà ad accumularsi raggiungendo, in mancanza di ricambi d aria, livelli tali da rappresentare un rischio. Il trasporto del Radon all interno di un edificio è governato principalmente dal gradiente di pressione aria del suolo aria interna e dall isolamento a livello del contatto suolo-edificio, nonché dal tasso di esalazione diradon dal suolo sottostante. La depressione presente negli ambienti confinati causata da temperature più elevate rispetto all esterno, determina il così detto effetto camino che causa il richiamo di gas rrdon dal terreno sottostante, per tale motivo il riscaldamento dell aria interna può ulteriormente condizionare il fenomeno. 6.0 I RISCHI SULLA SALUTE Rif.to 1 Ad esempio, una radiografia al torace comporta l'assorbimento di una dose di circa 0,14 msv. La dose annualmente assorbita da ogni individuo per effetto della radioattività naturale è in media di 2,4 msv/anno Il limite massimo di dose stabilito dalla legge italiana per le persone è 1mSv/anno al di sopre della dose naturale di radiazioni( 20 msv/anno per lavoratori impegnati in attività che prevedono l uso o la manipolazione di radioisotopi ) Le radiazioni prodotte dai radioisotopi interagiscono con la materia con cui vengono a contatto, trasferendovi energia. Tale apporto di energia, negli organismi viventi, produce una ionizzazione delle nostre molecole. Gli effetti possono essere irrilevanti o più o meno dannosi, a seconda della dose di radiazioni ricevuta e del tipo di radiazioni. L'unità di misura della dose assorbita dalla materia a seguito dell'esposizione alle radiazioni ionizzanti é il Gray (Gy). Per la misura delle dosi di radiazioni assorbite dall'uomo, o più precisamente per una misura degli effetti biologici dovuti alla dose di radiazioni assorbita, è stato introdotto il concetto di equivalente di dose, che tiene conto della dannosità più o meno grande, a parità di dose, dei vari tipi di radiazioni ionizzanti. In questo caso, l'unità di misura è il Sievert (Sv) ( Rif.to 1). Nel 1977 il Comitato Scientifico delle Nazioni Unite sugli effetti della radiazione atomica, in un suo rapporto, ha classificato il Radon come la principale sorgente naturale di radiazioni ionizzanti a cui la popolazione mondiale I è esposta. Nel l 1988 l Organizzazione Mondiale della Sanità (W HO) attraverso l Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ( IARC) ha classificato il Radon nel Gruppo 1 ossia come sostanza in cui vi è evidenza di cancerogenità anche negli esseri umani, collocandolo al secondo posto, dopo il fumo di tabacco. L effetto sanitario di maggiore rilevanza, legato al Radon, è un aumento di rischio di sviluppo del cancro polmonare. 8

9 Il radon,che come abbiamo visto, è un elemento inerte ed elettricamente neutro, non può reagisce con altre sostanze, di conseguenza, così come viene inspirato, viene espirato. Tuttavia essendo radioattivo si trasforma in altri elementi, chiamati genericamente "figli", che sono e- lettricamente carichi e si attaccano sul particolato sempre presente in aria. Il particolato, costituito anche da polvere non visibile che rimane sospesa in aria, può essere inalato e fissarsi sulle superfici dei tessuti polmonari. I danni che vengono prodotti sono generalmente riparati dai meccanismi biologici, ma vi è una probabilità che il danno cellulare provocato dagli atomi radioattivi così depositati, emettendo radiazioni alfa, possono danneggiare il DNA delle cellule polmonari che mantenendo la loro capacità di riproduzione entrano a far parte di un processo cancerogeno. Il percorso delle radiazioni alfa è molto breve, per cui non vi è possibilità che altri organi possano essere danneggiati, pertanto praticamente l'unico rischio potenziale possibile è il tumore polmonare. Nella valutazione degli effetti sanitari è molto importante tenere in considerazione l'effetto del fumo di tabacco, infatti, esiste una sinergia tra Radon e fumo di tabacco. Il Radon ha maggiore possibilità di causare il tumore polmonare tra i fumatori che tra i non fumatori. La probabilità di contrarre un tumore è proporzionale alla concentrazione in aria dei figli di Radon ed al tempo trascorso nei vari ambienti di vita (case scuole, ambienti di lavoro, ecc.). Non esiste una concentrazione "sicura" al di sotto della quale la probabilità di contrarre il tumore è nulla. La grandezza che viene presa come riferimento per rendersi conto dell'entità del problema è la concentrazione di gas Radon (o Radon 222). Viene espressa in: Bq/m3 (Bequerel per metro cubo) ossia il numero di disintegrazioni nucleari per ogni secondo per ogni metro cubo di aria. In realtà il danno ai tessuti è causato, come abbiamo visto, dai prodotti di decadimento del radon, i cosiddetti "figli". 9

10 7.0 COME SI RILEVA E SI MISURA La misura diretta della concentrazione dei figli di Radon è relativamente complessa, in alternativa la misura della concentrazione del solo gas Radon invece è più semplice. Dato che esiste una corrispondenza tra figli e il gas Radon si preferisce fare riferimento a questa ultima grandezza per tutte le considerazioni sanitarie e per eventuali decisioni su azioni di bonifica degli edifici. La misura si effettua con un dispositivo il dosimetro composto da un contenitore e da un rilevatore che viene posizionato nell'ambiente che si vuole analizzare. Nel dosimetro è presente un materiale sensibile alle radiazioni alfa emesse dal Radon e dai suoi prodotti di decadimento. Le radiazioni alfa, attraversando il materiale, vi imprimono una "traccia" indelebile. Il dosimetro rimane esposto per un certo tempo nell ambiente da monitorare. Al termine della esposizione viene portato in laboratorio ed analizzato. Il "numero" delle tracce rivelate è proporzionale alla concentrazione del gas Radon presente nell'ambiente misurato. 9.0 COSA PREVEDE LA NORMATIVA Rif.to 1 Cap.1 c. 1.2 Linee guida per le misure di concentrazione di radon in aria nei luoghi di lavoro sotterranei Luogo sotterraneo: Locale o ambiente con almeno 3 pareti interamente sotto il piano di campagna, indipendentemente dal fatto che queste siano a diretto contatto con il terreno circostante o meno Il D.Lgs n 241 del 26 maggio 2000 attua la Direttiva Comunitaria 96/29 EURATOM, relativa alla protezione dei lavoratori alle radiazioni ionizzanti che introduce anche l esposizione dei lavoratori a sorgenti naturali di radiazioni ionizzanti. Il campo di applicazione del D.Lgs n 241 del 26 maggio 2000 prevede le attività lavorative per le quali è necessario effettuare i controlli per ridurre l esposizione dei lavoratori e di eventuali persone del pubblico ai radionuclidi naturali, con particolare riferimento al Radon. Le attività lavorative previste dalla vigente normativa ed individuabili in quelle della Sovrintendenza sono quelle: a) durante le quali i lavoratori e, eventualmente, persone del pubblico sono esposti a prodotti di decadimento del Radon o del Toron o a radiazioni gamma o ad ogni altra esposizione in particolari luoghi di lavoro quali tunnel, sottovie, catacombe, grotte e comunque, in tutti i luoghi sotterranei( Rif.to 1) b) durante le quali i lavoratori e, eventualmente, persone del pubblico sono esposti a prodotti di decadimento del Radon o del Toron o a radiazioni gamma o ad ogni altra esposizione in particolari luoghi di lavoro diversi da quelli di cui alla lettera a) in zone ben individuate o con caratteristiche determinate. 10

11 Rif.to 1 Commi 1 e 2 Art. 10 D.Lgs 241/00 Rif.to 2 (Allegato I-bis D. lgs. 230/95), Nei luoghi di lavoro dove si svolgono le attività di cui al punto a) l esercente è obbligato ( Rif.to 1), a procedere alle misurazioni sistematiche per 365 giorni negli ambienti tramite organismi riconosciuti. Nei luoghi di lavoro dove si svolgono le attività di cui al punto b) l esercente è obbligato (Rif.to 1), a procedere alle misurazioni sistematiche per 365 giorni negli ambienti tramite organismi riconosciuti. Il livello d azione fissato è di 500 Bq/mc di concentrazione di attività di Radon media in un anno (Rif.to 2); I casi previsti dalla legge che si possono presentare sono così schematizzati: A) se la misura è inferiore a 400 Bq/mc l obbligo è risolto e occorre ripetere la misura solo se variano le condizioni di lavoro; B) se la misura è compresa tra 400 e 500 Bq/mc l obbligo si risolve con la ripetizione della misura annualmente; C) se la misura supera il livello di azione (> 500 Bq/ mc) si deve: C1) spedire agli organi di controllo la relazione di misura; C2) incaricare un Esperto Qualificato per la valutazione della dose efficace assorbita dai lavoratori esposti; C3) verifica della dose efficace: C3.1) se la dose efficace è < 3mSv/anno l obbligo si risolve con la ripetizione della misura; C3.2) se la dose efficace è 3 msv/anno è prevista: C 3.2.a) valutazione del rischio da parte dell Esperto Qualificato C3.2.b) il Datore di Lavoro predispone le a- zioni di rimedio e ripete la misura, D) se i risultati confermano il superamento dei 3 msv/anno lo stesso incarica: D1) l Esperto Qualificato per la sorveglianza fisica; D2) il Medico Competente per la sorveglianza medica dei lavoratori esposti; D3) predispone ulteriori azioni di rimedio e ripete la misura. 11

12 7.0 COSA FARE Richiedete una misura anche nelle scuole dei vostri figli. Se le concentrazioni dovessero essere elevate occorre prendere in considerazione la eventualità di adottare dei sistemi che riducano la presenza del Radon. Per concentrazioni elevate si intendono concentrazioni che superano determinati valori di riferimento (che possono essere diversi per case, ambienti di lavoro, scuole, ecc.). In Italia ancora non c'è una chiara indicazione per questi valori. In attesa di una normativa nazionale si può fare riferimento ai valori raccomandati dalla Comunità Europea. Molti paesi hanno adottato valori di riferimento più bassi: Stati Uniti: 150 Bq/m3, Inghilterra: 200 Bq/m3, Germania: 250 Bq/m3. Per le scuole non vi sono indicazioni, ma, pur essendo assimilabili ad ambienti di lavoro, data la particolarità della popolazione esposta (bambini e giovani) si tende a prendere come valore di riferimento quello delle abitazioni. RICORDATE, TUTTAVIA, CHE NON ESISTE UNA CONCENTRAZIONE "SICURA" AL DI SOTTO DELLA QUALE IL RISCHIO DIVENTA ZERO. Il Radon è un serio problema sanitario. Vivere, lavorare o studiare in ambienti con elevate concentrazioni di radon aumenta la probabilità di contrarre un tumore polmonare. Una semplice prevenzione può ridurre tale rischio. La prima cosa da fare, se si abita o si lavora in edifici per i quali si sospetta la presenza di Radio, è di misurare gli ambienti di vita. 8.0 COME SI ELIMINA Non è possibile eliminare completamente il Radon dai nostri ambienti di vita. Anche all'aperto vi è una seppur relativamente bassa concentrazione di Radon (5-10 Bq/m3). Tuttavia è possibile, anzi è raccomandabile intervenire in quegli ambienti in cui la concentrazione è elevata e causa un inaccettabile rischio per la salute. Negli Stati Uniti più di un milione di edifici sono stati bonificati riducendo la concentrazione di radon al di sotto del livello di raccomandazione (150 Bq/m3) o costruite con criteri anti Radon. La scelta del metodo più adatto al singolo edificio dipende da molti fattori e deve essere oggetto di discussione e di accordo tra tutti i soggetti interessati (proprietario, progettista, eventuali occupanti, imprese). L'intervento sull'edificio è un compromesso tra efficienza di abbattimento del radon, costi di installazione ed esercizio, 12

13 accettabilità da parte degli occupanti, facilità di manutenzione, incidenza sulle abitudini di vita, durabilità nel tempo. Vi sono diversi modi per ridurre la concentrazione di Radon in un ambiente. Sigillatura delle vie di ingresso: con questo metodo si tenta di chiudere tutte le possibili vie di ingresso. La sigillatura può essere "parziale", cioè a carico delle fessure, delle giunzioni pavimento-pareti, dei passaggi dei servizi, (idraulici, termici, delle utenze, ecc.), oppure "totale", cioè a carico di tutta la superficie di contatto con il suolo. Si utilizzano particolari materiali polimerici per la sigillatura parziale e fogli di materiale impermeabile al radon per la sigillatura totale. Ventilazione: un aumento della ventilazione dell'ambiente favorisce la diluizione e la dispersione del radon presente. La ventilazione può essere di tipo passivo o forzata, con l'ausilio di ventilatori. Tuttavia devono essere valutati i problemi connessi ad e- sempio con il dispendio di calore nei mesi invernali. Pressurizzazione dell'edificio: In questo caso si incrementa la pressione interna dell'edificio, con l'ausilio di un ventilatore, in modo da contrastare la risalita del radon dal suolo. In pratica l'aria immessa spinge il radon fuori dall'edificio. Ventilazione del vespaio: Questo metodo è utilizzato quando è presente un vespaio al di sotto dell'edificio. Aumentando la ventilazione del vespaio si diluisce il radon presente e di conseguenza meno radon si trasferisce nell'edificio. L'incremento della ventilazione può essere realizzato aumentando il numero delle bocchette di aerazione ed eventualmente applicando un ventilatore. In alcuni casi la semplice pulizia delle bocchette di aerazione già presenti porta ad un abbassamento della concentrazione di radon. Depressurizzazione del suolo: Questa è tra le tecniche maggiormente consigliate per situazioni di concentrazioni molto elevate. Si tratta di realizzare sotto la superficie dell'edificio un piccolo ambiente per la raccolta del gas radon. Questo vano viene collegato ad un piccolo ventilatore con funzione di estrattore d aria. In tal modo si realizza, all'interno del pozzetto, una depressione che raccoglie il radon e lo espelle in aria impedendo che entri all'interno dell'edificio. Ventilazione del vespaio: Il metodo è utilizzato quando è presente un vespaio al di 13

14 sotto dell'edificio. Aumentando la ventilazione del vespaio si diluisce il radon presente e di conseguenza meno radon si trasferisce nell'edificio. L'incremento della ventilazione può essere realizzato aumentando il numero delle bocchette di aerazione ed eventualmente applicando un ventilatore. In alcuni casi la semplice pulizia delle bocchette di aerazione presenti porta ad un abbassamento della concentrazione di radon. Azioni di prevenzione per nuove costruzioni In fase di progettazione o di costruzione di un nuovo edificio adottare criteri che riducano l'ingresso del radon dal suolo ha un costo molto contenuto, a volte irrilevante rispetto all'intero costo della costruzione. Nel caso si voglia adottare la tecnica del vespaio o delle intercapedini, è sufficiente tenere presente di realizzare una buona ventilazione naturale per tutta la superficie di contatto suolo - edificio. Il numero delle bocchette di aerazione deve essere sufficiente a consentire un buon ricambio di aria (orientativamente una bocchetta ogni 2 metri lineari). Inoltre è consigliabile il riempimento del vespaio con ghiaia. In aggiunta deve essere steso un foglio di materiale impermeabile al radon (già ne esistono in commercio) sempre su tutta la superficie di contatto suolo - edificio. In tal modo la costruzione rimane predisposta per una facile installazione di un ventilatore nel caso la concentrazione risultasse elevata. Nel caso non si adotti il vespaio si devono predisporre, al di sotto della prima gettata, uno o più pozzetti di raccolta, a seconda della superficie dell'edificio (circa uno ogni 250 m2), collegati tra loro e collegati con l'esterno dell'edificio. Inoltre si deve stendere, sempre sotto la prima gettata, uno strato di ghiaia di circa 5-10 cm. Infine si deve stendere un foglio di materiale impermeabile al radon. Anche in questo caso, nella eventualità si riscontrino elevate concentrazioni, potrà essere collegato un ventilatore per l'aspirazione del radon dal o dai pozzetti. Azioni di prevenzione in cantieri mobili e temporanei Uno dei compiti spettanti alla Stazione Appaltante in caso di affidamento di un opera rientrante nel campo di applicazione del D.Lgs 494/96 è la progettazione della sicurezza. Nel caso di lavori di qualsiasi genere in ambienti sotterranei è opportuno pertanto che il Coordinatore della Sicurezza in fase di Progettazione preveda e predisponga in fase preventiva un indagine del sito mirata anche alla rilevazione della concentrazione del gas Radon. In caso di esito positivo s impone la previsione di tecniche di mitigazione finalizzate ad ottenere percentuali trascurabili di gas Radon durante le successive attività 14

15 lavorative ( durante i lavori dovranno comunque svolgersi indagini che accertino l efficacia delle tutele progettate). Considerando che in fase di lavorazione non possono adottarsi misure passive di tutela che limitino preventivamente la penetrazione di gas Radon in ambientel unica misura attiva adottabile è il ricorso ad una ventilazione a doppio flusso in squilibrio. Tale sistema vede l impiego di una ventilazione dell ambiente di lavoro abbinata ad una estrazione leggermente sottodimensionata rispetto alla prima in maniera da mettere in atto sia una diluizione di gas presente nel volume con contemporaneo impedimento di penetrazione di ulteriore gas. Per ottenere un idoneo effetto sarà necessario l utilizzo di un ventilatore per insufflazione con portata indicativa compresa tra 1,5 5 mc/h x mq di superficie ed un ventilatore per estrazione con portata nominale inferiore. Il progettista della sicurezza in tal caso dovrà valutare alcune conseguenze determinanti la sicurezza dei lavoratori e la tutela del bene in considerazione che: - la scelta del tipo di ventilatori deve essere determinata dall ambiente nel quale sarà prevista l installazione ( esplosivo, aggressivo, umido, bagnato, polveri etc). - la ventilazione a doppio flusso in squilibrio può comportare sia rischi di condensazione che di perdita dell umidità relativa dell aria con influenze negative sulle strutture da sottoporre a lavori di recupero o restauro. 15

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti Radon un problema per la salute negli ambienti confinati Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti 1 ARPA PIEMONTE Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Realizzazione

Dettagli

Campagna di misure di RADON nelle abitazioni abruzzesi

Campagna di misure di RADON nelle abitazioni abruzzesi Campagna di misure di RADON nelle abitazioni abruzzesi materiale informativo a cura di ISPRA (già APAT) Agenzia Regionale per la Tutela dell Ambiente Viale Marconi 178 Pescara tel. 085 450021- fax 4500221

Dettagli

ISPRA - Via Vitaliano Brancati, 48-00148 Roma ARPA Lazio - Via Garibaldi, 114-02100 Rieti

ISPRA - Via Vitaliano Brancati, 48-00148 Roma ARPA Lazio - Via Garibaldi, 114-02100 Rieti Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Agenzia Regionale Protezione Ambientale del Lazio ISPRA - Via Vitaliano Brancati, 48-00148 Roma ARPA Lazio - Via Garibaldi, 114-02100 Rieti

Dettagli

Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra;

Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra; Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra; Sostanze radioattive naturali presenti nell aria, nell acqua e nel cibo; Sostanze

Dettagli

attività lavorative sorgenti di radiazioni naturali

attività lavorative sorgenti di radiazioni naturali Per una presentazione più dettagliata della tematica del radon, presentiamo un contributo di Flavia Groppi, che incomincia con l attuale regolamentazione: La normativa Italiana di Radioprotezione, in attuazione

Dettagli

Radon e salute. A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012. ASL di Milano. Dipartimento di Prevenzione

Radon e salute. A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012. ASL di Milano. Dipartimento di Prevenzione Radon e salute A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012 ASL di Milano Dipartimento di Prevenzione Struttura semplice dipartimentale Salute e Ambiente Via Statuto 5 20121 Milano

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it

Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it Radioattività in casa. Radon e valutazione della qualità ambientale. Decreti, Direttive e il futuro in Italia. Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna Radioattività naturale in edilizia L esposizione

Dettagli

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale Radioattività naturale Sorgenti esterne e sorgenti interne L uomo è sottoposto ad irradiazione naturale dovuta a sorgenti sia esterne che interne. L irradiazione

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RADON

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RADON Data 01-02-2010 Rev. N. 00 Pagina 1 di 7 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RADON Documento unico formato da 7 pagine INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 01-02-2010 Rev. N. 00 Pagina

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Raccomandazione 90/143/Euratom

Raccomandazione 90/143/Euratom Raccomandazione 90/143/Euratom TITOLO: Raccomandazione della Commissione sulla tutela della popolazione contro l esposizione al radon in ambienti chiusi DATA: 21 febbraio 1990 LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO)

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE...

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE INFORMAZIONE PER LA POPOLAZIONE IN CASO DI SOSTA DI NAVI MILITARI A PROPULSIONE NUCLEARE Trieste, Luglio 2007 INFORMAZIONE PER LA

Dettagli

Una scuola senza Radon. Ricerca

Una scuola senza Radon. Ricerca Una scuola senza Radon Ricerca Edizione 2013 Pubblicazione realizzata da INAIL Settore Ricerca Dipartimento Igiene del Lavoro Direttore Dott. Sergio Iavicoli COORDINAMENTO SCIENTIFICO Rosabianca Trevisi

Dettagli

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina Paleontologia Industria Radioisotopi Archeologia Medicina Biologia I radioisotopi I radioisotopi (o radionuclidi), sono dei nuclidi instabili che decadono emettendo energia sottoforma di radiazioni, da

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Stabilita' dei nuclei

Stabilita' dei nuclei Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t1/2 circa 900 s), i protoni sono stabili.

Dettagli

Rischio per la salute da RADON

Rischio per la salute da RADON 1/10 Bergamo 27 ottobre 2015 Rischio per la salute da RADON Pietro Imbrogno Area Salute e Ambiente 2/10 Percorso logico Il Radon come fattore di rischio: Radiotossicologia Effetti Sanitari ed evidenze

Dettagli

informativa sul problema del radon nei luoghi di vita e di lavoro

informativa sul problema del radon nei luoghi di vita e di lavoro Spett. Impresa xxxx xxxx OGGETTO: informativa sul problema del radon nei luoghi di vita e di lavoro Il radon è un gas naturale inerte, cancerogeno certo per l uomo; l organo bersaglio è il polmone. Esso

Dettagli

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti RSA rovincia di Milano Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti L insieme di tutte le onde elettromagnetiche, classificate in base alla loro frequenza, costituisce lo spettro elettromagnetico, che

Dettagli

A cura di Mattia Vailati, studente del Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria Università degli Studi di Milano a.a. 2007-2008

A cura di Mattia Vailati, studente del Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria Università degli Studi di Milano a.a. 2007-2008 Radon in casa? NO, grazie!!! - Informazioni e consigli per i cittadini - A cura di Mattia Vailati, studente del Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria Università degli Studi di Milano a.a. 2007-2008 Che

Dettagli

Progetto per lo studio della presenza del gas radon all interno di edifici ad uso scolastico

Progetto per lo studio della presenza del gas radon all interno di edifici ad uso scolastico Progetto per lo studio della presenza del gas radon all interno di edifici ad uso scolastico Progetto Gennaio 2005 Pag / indice 01 / Premessa 01 / Obiettivi 03 / Modalità dell intervento e tempi di realizzazione

Dettagli

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio:

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio: LA RADIOATTIVITA Gli atomi di un elemento non sono in realtà tutti uguali, una piccola percentuale di essi ha un numero di neutroni differente, questi atomi si chiamano isotopi di quell elemento. Il 99,9%

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

SCUOLA e CASA A MISURA DI RADON

SCUOLA e CASA A MISURA DI RADON I.I.S.S. "Alessandro Greppi" PROGETTO SCUOLA e CASA A MISURA DI RADON Responsabile: prof. Valter Giuliani 1. IL PROGETTO IN SINTESI Il radon, gas radioattivo naturale proveniente dal sottosuolo, che non

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

Normativa di riferimento. Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena

Normativa di riferimento. Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena Normativa di riferimento Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena 1 Comma 3 Art. 180 D.Lgs. 81/08 La Protezione dei lavoratori dalle radiazioni Ionizzanti è disciplinata

Dettagli

L'irradiazione di radon può essere eliminata al 95%

L'irradiazione di radon può essere eliminata al 95% PITTSBURGH CORNING (Svizzera) SA Servizio stampa Isolamento con FOAMGLAS di edifici nuovi o da ristrutturare L'irradiazione di radon può essere eliminata al 95% In molte parti della Svizzera, in modo particolare

Dettagli

MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE

MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE richiedente: COMUNE DI RODENGO SAIANO -- DICEMBRE 2014-- PREMESSA Il Radon 222 ( 222 Rn) è un

Dettagli

Radioattività e dosimetria

Radioattività e dosimetria Radioattività e dosimetria Un nucleo atomico è caratterizzato da: IL IL NUCLEO ATOMICO numero atomico (Z) che indica il numero di protoni numero di massa (A) che rappresenta il numero totale di nucleoni

Dettagli

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione Effetti biologici delle radiazioni Range, esposizione Dose assorbita, equivalente, efficace Danno biologico Dosi limite e radioprotezione pag.1 Le radiazioni

Dettagli

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze IL RISCHIO NUCLEARE Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze radioattive o in seguito a esplosioni di centrali o armi nucleari. L'esposizione

Dettagli

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO According Dangerous Road è un accordo che regola il trasporto di merci pericolose in tutto il mondo ed è stipulato fra la maggior parte delle nazioni, che devono rispettarlo

Dettagli

L energia nucleare La radioattività

L energia nucleare La radioattività L energia nucleare La radioattività La radioattività fu scoperta nel 1896 da Henri Bequerel, un fisico francese che per primo osservò l emissione spontanea di radiazioni da un pezzo di un minerale di uranio,

Dettagli

Storia, normative, rimedi. IL FENOMENO DELLA RADIOATTIVITA. In generale, con il termine radioattività si intende la trasformazione spontanea di un

Storia, normative, rimedi. IL FENOMENO DELLA RADIOATTIVITA. In generale, con il termine radioattività si intende la trasformazione spontanea di un IL FENOMENO DELLA RADIOATTIVITA In generale, con il termine radioattività si intende la trasformazione spontanea di un elemento in un altro, con emissione di particelle materiali o di radiazione elettromagnetica

Dettagli

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD Dott. Pier Luca Rossi U.O. Fisica Sanitaria Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Viale Berti Pichat 6/2 QUADRO NORMATIVO PRATICHE

Dettagli

Università degli Studi di Messina Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Protezionistica Ambientale, Sanitaria, Sociale ed Industriale

Università degli Studi di Messina Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Protezionistica Ambientale, Sanitaria, Sociale ed Industriale 1 Università degli Studi di Messina Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Protezionistica Ambientale, Sanitaria, Sociale ed Industriale G. Acri B. Testagrossa G. Vermiglio 2 Il nei materiali

Dettagli

RT CONTROLLO RADIOGRAFICO CORSO PER OPERATORI DI II LIVELLO TOTALE ORE : 120 (Pluri-Settoriale) - 80 (Settore Lettura Lastre) PARTE 1 - PRINCIPI DEL CONTROLLO RADIOGRAFICO 1.1) Scopo e limitazioni del

Dettagli

AMBIENTE E SALUTE NELLE MARCHE

AMBIENTE E SALUTE NELLE MARCHE AMBIENTE E SALUTE NELLE MARCHE ATTIVITA ED ESPERIENZE DEL SERVIZIO DI EPIDEMIOLOGIA AMBIENTALE DEL DIPARTIMENTO PROVINCIALE ARPAM DI ANCONA Rielaborazione e aggiornamento del report 2003 a cura del dott.

Dettagli

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE LA RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI LOMBARDE: IMPOSTAZIONE DEI CONTROLLI E RISULTATI Rosella Rusconi ARPA Lombardia Dipartimento di Milano PARAMETRI OGGETTO DI CONTROLLO ai sensi del D.L.vo 31/01: TRIZIO

Dettagli

Procedura Reg. 333/2011/UE Rev. 0 del 14/09/2011

Procedura Reg. 333/2011/UE Rev. 0 del 14/09/2011 Pagine 1 di 5 INDICE 1) Scopo e campo di applicazione 2) Riferimenti 3) Risorse e responsabilità 4) Applicabilità 5) Metodo di prova con strumentazione portatile 6) Registrazione ed archiviazione dei documenti

Dettagli

QUALI SONO DUNQUE I FATTORI DI INFLUENZA CHE VENGONO STUDIATI DALLA GEOBIOLOGIA?

QUALI SONO DUNQUE I FATTORI DI INFLUENZA CHE VENGONO STUDIATI DALLA GEOBIOLOGIA? QUALI SONO DUNQUE I FATTORI DI INFLUENZA CHE VENGONO STUDIATI DALLA GEOBIOLOGIA? 1 La Geobiologia in genere si occupa di ricercare le zone in cui i fattori di influenza sono alterati, queste zone alterate

Dettagli

Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it

Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it Radioattività in casa. I materiali in edilizia e i controlli dal punto di vista radioattivo. Direttiva 2013/59 e il futuro in Italia. Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna Radioattività naturale in

Dettagli

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45.

Dettagli

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI 1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI La normativa di riferimento in materia di protezione contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti è rappresentato

Dettagli

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Prevenire Proteggere Misurare gli effetti Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Prevenzione Anche se è banale,

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

Guida al Radon nelle abitazioni

Guida al Radon nelle abitazioni GEOEX s.a.s. Consulenze Ambientali.xx xx x Febbraio 2001 Guida al Radon nelle abitazioni Fai un Test nella tua abitazione............................ pag. 2 PREMESSA Il Radon e' un gas radioattivo inodore

Dettagli

Il Radon e la radioattività

Il Radon e la radioattività Stage estivo 2004 Montesanti Alessio Tutori LNF L. Casano, M. Chiti, A. Gentile INFN-LNF Fisica Sanitaria Autore: Montesanti Alessio - 1 - IL RADON Indice: Introduzione sul tema delle radiazioni ionizzanti

Dettagli

Elio GIROLETTI, Dip. Fisica nucleare e teorica, Università Studi di Pavia e INFN sez. Pavia elio.giroletti@unipv.it

Elio GIROLETTI, Dip. Fisica nucleare e teorica, Università Studi di Pavia e INFN sez. Pavia elio.giroletti@unipv.it FAQ s: il radon, ovvero quando la natura può far male Elio GIROLETTI, Dip. Fisica nucleare e teorica, Università Studi di Pavia e INFN sez. Pavia elio.giroletti@unipv.it Cosa è il radon? Il radon simbolo

Dettagli

COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON (Provincia di Bergamo) COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON (Provincia di Bergamo) MISURE DI RADON INDOOR REDATTA DA Sig. Olivari Francesco VERIFICATA DA P.Ch. Giorgio Ghezzi APPROVATA DA Emissione del 18 Settembre 2008 File: V0888A08

Dettagli

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo RISCHIO DA ESPOSIZIONE L attenzione, la valutazione e la conseguente gestione del rischio va posta con la moderna pratica clinica anche al di fuori dei reparti solitamente ritenuti a rischio di Radiazioni

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni

Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni ELETTROSMOG Con il termine elettrosmogsi designa il presunto inquinamento derivante dalla formazione di campi elettromagnetici (CEM) dovuti a radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti, quali quelle prodotte

Dettagli

Le radiazioni ionizzanti nelle attività lavorative

Le radiazioni ionizzanti nelle attività lavorative U-Series Srl Via Ferrarese, 131 40128 Bologna Tel. 051 6312418 - Fax. 051 4158173 info@u-series.com Le radiazioni ionizzanti nelle attività lavorative Relazione dell Ing. Massimo Esposito Esperto Qualificato

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

Manuale sensore di radioattività

Manuale sensore di radioattività Manuale sensore di radioattività Introduzione allo strumento Questo strumento ha la funzione di monitorare la radioattività ambientale in particolare di registrare eventuali anomalie dovute a fallout di

Dettagli

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Radon Cos è e da dove viene Il radon è un gas radioattivo di origine naturale proveniente dal sottosuolo che si può infiltrare e accumulare nelle abitazioni

Dettagli

RaDON. Giuseppe Scielzo (Fisico) Filippo Grillo Ruggieri (Medico) Salvatore Melluso (Geologo)

RaDON. Giuseppe Scielzo (Fisico) Filippo Grillo Ruggieri (Medico) Salvatore Melluso (Geologo) RaDON Giuseppe Scielzo (Fisico) Filippo Grillo Ruggieri (Medico) Salvatore Melluso (Geologo) INDICE COS E p. 5 DA DOVE PROVIENE 11 COME ENTRA NEGLI AMBIENTI 15 CONSEGUENZE SULLA SALUTE 23 INTERVENTO DI

Dettagli

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080.5460111 Fax 080.5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Dipartimento

Dettagli

Radon e Tumori: cosa li accomuna?

Radon e Tumori: cosa li accomuna? Conferenza con la dottoressa Silvia Villa Radon e Tumori: cosa li accomuna? I.I.S.S. Greppi, Progetto Scuola e casa a misura di radon L oncologa Silvia Villa Tra le varie attività programmate nel progetto

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Il Radon negli ambienti di lavoro:

Il Radon negli ambienti di lavoro: ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Commissione Sicurezza Il Radon negli ambienti di lavoro: aspetti applicativi, sorgenti, rischi per la salute, modalità di indagine e di valutazione. CONVEGNO

Dettagli

Risparmio energetico negli edifici rurali

Risparmio energetico negli edifici rurali RECUPERO DELLE BORGATE E DEL PATRIMONIO EDILIZIO DELLE TERRE ALTE Risparmio energetico negli edifici rurali Torino, 8 Ottobre 2012 Paola ing.strata un occasione per ripensare alle fonti energetiche utilizzabili

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLE MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN ARIA NEI LUOGHI DI LAVORO SOTTERRANEI

RELAZIONE TECNICA SULLE MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN ARIA NEI LUOGHI DI LAVORO SOTTERRANEI RELAZIONE TECNICA SULLE MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN ARIA NEI LUOGHI DI LAVORO SOTTERRANEI Come previsto dal capo III bis del D.Lgs. 230/95 (modificato dal D.Lgs. 241/00) e dal D.Lgs. 626/94,

Dettagli

IL RADON NEI FABBRICATI

IL RADON NEI FABBRICATI Conferenza con l architetto Alessandro Cornaggia IL RADON NEI FABBRICATI Come risanare dal radon gli ambienti nelle nostre case I.I.S.S. Greppi, Progetto Scuola e casa a misura di radon Primo piano dell

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Sono parte integrante dell ambiente in cui viviamo e lavoriamo Di origine artificiale (per esempio le onde radio, radar e nelle telecomunicazioni) Di origine

Dettagli

P.Volpe. Dip. Chim. Generale e Organica Applicata. Università di Torino

P.Volpe. Dip. Chim. Generale e Organica Applicata. Università di Torino P.Volpe. Dip. Chim. Generale e Organica Applicata. Università di Torino Dalla tabella si può vedere come la catena dell uranio è divisa in due dal Rn-222 e come nella parte che lo precede la radioattività

Dettagli

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Compiti e responsabilità L organizzazione della radioprotezione è strutturata in modo da distribuire alle varie figure di riferimento

Dettagli

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute La Direttiva 2013/51/EURATOM Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute Stabilisce i requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Città di Pomezia. Settore VII Tutela dell Ambiente. Radon nelle abitazioni e nei Luoghi di Lavoro. Radon. Guida al

Città di Pomezia. Settore VII Tutela dell Ambiente. Radon nelle abitazioni e nei Luoghi di Lavoro. Radon. Guida al Città di Pomezia Settore VII Tutela dell Ambiente Radon Guida al Radon nelle abitazioni e nei Luoghi di Lavoro pag. 2 PREMESSA Il Radon e' un gas radioattivo inodore ed incolore che e' stato rinvenuto

Dettagli

Elementi di Radioprotezione

Elementi di Radioprotezione AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE N. 2 Via Cusmano 1, 93100 - CALTANISSETTA SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Corso di formazione finalizzato alla radioprotezione (Art. 61 comma 3 lettera e) del D.Lgv. 230/95)

Dettagli

Radon: un potenziale problema per la salute una semplice diagnosi una rapida soluzione

Radon: un potenziale problema per la salute una semplice diagnosi una rapida soluzione Codice ID: 13877322 Radical Radon Radon: un potenziale problema per la salute una semplice diagnosi una rapida soluzione RADICAL: RADon: Integrating Capabilities of Associated Labs Un progetto INTERREG

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Giancarlo Fabio Renato Giancarlo Marialuisa Antonio Marino Massimo Raffaele Antonio Floriano Ermanno Raffaele

Dettagli

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano I riferimenti legislativi

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

DECOR HOUSE LA BIOEDILIZIA. 1. Conoscenza delle specificità locali del sito, come ad esempio,

DECOR HOUSE LA BIOEDILIZIA. 1. Conoscenza delle specificità locali del sito, come ad esempio, LA BIOEDILIZIA Costruire in armonia con l ambiente significa riconoscere che la casa fa parte di un ecosistema che si estende al di là delle pareti domestiche. Risulta fondamentale, pertanto, scegliere

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RADIAZIONI IONIZZANTI DPR 547/55 D.Lgs. 230/95 D.L.gs 241/00 e D.L.gs 257/01 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Attuazione delle direttive 89/618/Euratom,

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è FRIABILE c è il pericolo di inalarne fibre. COMPATTO, materiale

Dettagli

Il nucleo degli atomi

Il nucleo degli atomi Il nucleo atomico 1. Energia di legame nucleare 2. La radioattività naturale 3. Banda di stabilità degli isotopi degli elementi naturali 4. Decadimenti radioattivi 5. Reazioni nucleari Il nucleo degli

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

Documento unico 20-11-2001 9:49 Pagina 1

Documento unico 20-11-2001 9:49 Pagina 1 Documento unico 20-11-2001 9:49 Pagina 1 Documento unico 20-11-2001 9:50 Pagina 2 Il radon in Veneto ecco come proteggersi Guida pratica alla misurazione del radon e alla bonifica delle abitazioni IL RADON

Dettagli

La radioattività dei materiali da costruzione

La radioattività dei materiali da costruzione Paolo Randaccio Università di Cagliari Dipartimento di Fisica Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Cagliari La radioattività dei materiali da costruzione Obiettivo del progetto Tutti i materiali

Dettagli

La ventilazione meccanica controllata [VMC]

La ventilazione meccanica controllata [VMC] La ventilazione meccanica controllata [VMC] Sistemi di riscaldamento e di raffrescamento - Principio di funzionamento: immissione forzata di aria in specifici ambienti. - Peculiarità: garantisce il controllo

Dettagli

Metodi di datazione di interesse archeologico

Metodi di datazione di interesse archeologico Metodi di datazione di interesse archeologico Radioattività La radioattività, o decadimento radioattivo, è un insieme di processi fisico-nucleari attraverso i quali alcuni nuclei atomici instabili o radioattivi

Dettagli

Il rischio cancerogeno e mutageno

Il rischio cancerogeno e mutageno Il rischio cancerogeno e mutageno Le sostanze cancerogene Un cancerogeno è un agente capace di provocare l insorgenza del cancro o di aumentarne la frequenza in una popolazione esposta. Il cancro è caratterizzato

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico.

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. Il CERTIFICATO ENERGETICO : la Direttiva Europea 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio del 16 dicembre 2002

Dettagli

NUCLEARE: IL D ORIA MISURA LA RADIOATTIVITA DELLA NUBE EMESSA DA FUKUSHIMA

NUCLEARE: IL D ORIA MISURA LA RADIOATTIVITA DELLA NUBE EMESSA DA FUKUSHIMA NUCLEARE: IL D ORIA MISURA LA RADIOATTIVITA DELLA NUBE EMESSA DA FUKUSHIMA Gli studenti del D Oria di Ciriè si sono impegnati a rilevare ed analizzare i dati sull aumento della radioattività di fondo.

Dettagli