Storia, normative, rimedi. IL FENOMENO DELLA RADIOATTIVITA. In generale, con il termine radioattività si intende la trasformazione spontanea di un

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storia, normative, rimedi. IL FENOMENO DELLA RADIOATTIVITA. In generale, con il termine radioattività si intende la trasformazione spontanea di un"

Transcript

1 IL FENOMENO DELLA RADIOATTIVITA In generale, con il termine radioattività si intende la trasformazione spontanea di un elemento in un altro, con emissione di particelle materiali o di radiazione elettromagnetica ad una frequenza (tipicamente di circa Hz) molto più alta rispetto ad esempio alla frequenza della radiazione elettromagnetica della luce visibile o delle onde radio. Le particelle così emesse hanno un energia sufficiente a strappare gli elettroni dagli atomi, creando in tal modo quella che viene definita una coppia di ioni : lo ione negativo (cioè l elettrone strappato) e lo ione positivo (cioè l atomo che essendo stato privato di un elettrone- rimane carico positivamente): per questo nel caso della radioattività- si parla di radiazioni ionizzanti, Storia, distinguendo così tale tipo di radiazione da quelle elettromagnetiche visibili o da quelle delle normative, onde radio che non hanno energia sufficiente a produrre ionizzazione e che pertantovengono dette radiazioni non ionizzanti. rimedi. Il fenomeno della radioattività può essere classificato in radioattività artificiale e radioattività di origine naturale. La radioattività artificiale è conseguente alle attività antropiche (ad esempio produzione di radioisotopi, esperimenti nucleari, attività conseguente all impiego pacifico dell energia nucleare, attività di studio e ricerca, utilizzo di radionuclidi in radiodiagnostica); la radioattività naturale proviene o dal cosmo (radionuclidi cosmogenici ) o dalla terra stessa, esiste sin dalla sua formazione e fa capo sostanzialmente a tre principali serie (*) di radionuclidi: 235 U (serie dell Attinio), 238 U (serie dell Uranio), 232 Th (serie del 40 Torio) cui si aggiunge il potassio ( K). All interno di queste serie, si trova un particolare radionuclide, il RADON. Esistono tre tipi (isotopi) di Radon tutti radioattivi e instabili : (Thoron) e 235 U, Th e 219 Rn (Actinon), 220 Rn Rn (Radon) che sono, rispettivamente, membri della serie di decadimento di 238 U. Solitamente si rileva che il radionuclide 222 Rn è quello che ha maggiore influenza sulla salute e, pertanto, è quello su cui viene principalmente concentrata l attenzione a livello radioprotezionistico, sia da parte della comunità scientifica, sia da parte della normativa vigente. (*) una serie o catena di decadimento o serie radioattiva è un insieme di radionuclidi legati tra di loro da una sequenza di decadimenti che conducono da un radionuclide ad un altro. L ultimo elemento di una serie è un elemento stabile, non radioattivo. (Ad esempio, l ultimo elemento della serie di decadimento dell 238U è il 206Pb, cioè il piombo di utilizzo comune). 2

2 IL RADON Da un punto di vista chimico, il radon è un gas nobile (come il neon ) e, pertanto, è chimicamente inerte oltre ad essere inodore ed incolore. Il Radon si trasforma rapidamente in una serie di discendenti o figli (altri radionuclidi conseguenti alle emissioni radioattive del Radon) a loro volta radioattivi e con tempi di dimezzamento inferiori a 30 minuti. È ormai ampiamente accertato che il radon emana dal terreno, dalle fondamenta e on parte dalle pareti delle abitazioni, contenenti materiali con tracce di Uranio più o meno abbondante, quindi si mescola con l aria ed aumenta la sua concentrazione in condizioni di scarsa ventilazione, specie all interno degli edifici. Elevate concentrazioni di radon possono essere trovate anche in acque sotterranee. Questi fenomeni di accumulo suscitano particolare preoccupazione, se si tiene conto del fatto che la popolazione dei paesi industrializzati trascorre circa l 80% del proprio tempo in ambienti chiusi (casa, ufficio, luoghi di svago etc.), come si evince da numerose accurate indagini condotte in varie nazioni compresa l Italia (indagine nazionale dell Istituto Superiore della Sanità, 1994, Bochicchio F, Campos Venuti G. Nuccetelli C. Piermattei S. Risica S. Tommasino L. Toni G. Results of the representative Italian national survey on radon indoors. Health Phys. 71(5): : 1996a.). È stato stimato (UNSCEAR 1993) che il radon contribuisce per il 48 % circa alla dose annua di radiazioni cui ogni individuo è esposto come mostrato in figura: GLI EFFETTI NOCIVI DEL RADON E DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Gli effetti nocivi del radon sulla salute sono ormai ben noti e riguardano il cancro al polmone: è stato stimato che il radon è responsabile di circa il % dei tumori al polmone nei paesi occidentali (che corrispondono a circa 3000 casi di morti per tumore polmonare da radon ogni anno in Italia), risultando secondo solo al fumo di sigarette. È stato inoltre studiato che l effetto cancerogeno del radon è maggiore nei soggetti fumatori che -a parità di esposizione al radon rispetto ai non fumatori- hanno una probabilità maggiore di circa 25 volte di contrarre il cancro al polmone, in quanto i tessuti polmonari dei fumatori intrappolano con estrema facilità le particelle di radon. Infatti, una volta inalato, il radon in buona parte viene espirato senza interagire con l organismo ma in parte decade in altri radionuclidi a vita media molto breve (pochi minuti o frazioni di secondi) che si depositano negli alveoli polmonari e da lì emettono particelle alfa o beta ad alta intensità che possono provocare notevoli effetti nocivi. Gli effetti nocivi del radon o meglio, come abbiamo visto, gli effetti nocivi dei figli del radon (come del resto gli effetti nocivi delle radiazioni ionizzanti in generale) si verificano perché la ionizzazione provocata dalle radiazioni emesse, provoca la formazione di entità chimiche nuove a volte molto reattive (radicali liberi) capaci di modificare il contenuto stesso Radon 48.3% Interna 8.6% Medica 11.2% Gamma 17.1% Cosmica 14.5% Scarichi < 0.1% Occupazionale < 0.1% Fallout 0.3% Prodotti < 0.1% della cellula. Infatti la cellula umana contiene 46 cromosomi schematizzabili come catene di geni (DNA). Le radiazioni ionizzanti sono in grado di rompere la catena del DNA: a seguito della rottura del DNA si può verificare schematicamente- una delle seguenti ipotesi: a) La cellula danneggiata muore; b) La cellula danneggiata attiva i propri meccanismi di riparazione e effettua una corretta riparazione del danno al DNA ripristinando le corrette posizioni dei suoi componenti; c) La cellula danneggiata effettua una riparazione errata e, a partire da tale riparazione, essa si riproduce moltiplicando il codice genetico errato. distribuzione percentuale del contributo di radon alla dose annua di radiazioni cui è esposta la popolazione. Per quanto riguarda più in generale gli effetti delle radiazioni ionizzanti sull organismo umano, si possono riassumere in maniera sintetica due tipologie: gli effetti di tipo Somatico che riguardano danni rilevati sull individuo esposto e che si esauriscono in esso e gli effetti Genetici che riguardano i danni trasmessi dall individuo esposto alla discendenza: in questo 3 4

3 caso si ha la prosecuzione del danno alle generazioni future. A seconda della dose di radiazioni assorbite, inoltre, gli effetti possono essere di tipo deterministico (cioè a partire da una certa dose molto elevata certamente si avrà un certo tipo di danno all individuo) o di tipo casuale (cioè, a dosi basse non c è la certezza che si avrà un certo tipo di danno ma al tempo stesso- non c è una dose minima, per bassa che sia, che non possa determinare effetti eventualmente anche a lungo termine). attenzione, quindi, va posta all intera struttura dell edificio. In alcuni casi elevate concentrazioni di radon si possono trovare disciolte nell acqua corrente (soprattutto se è attinta direttamente da pozzi). La diffusione da materiali da costruzione è tipicamente invece meno rilevante rispetto alla diffusione dal suolo almeno secondo quanto riferiscono gli studi dell Unscear che riportano che il contributo del contenuto di radon nelle abitazioni dovuto ai materiali da costruzione è mediamente del 15-20%. In figura è riportato il contenuto di Radio226 in vari materiali utilizzati in edilizia (fonte ENEA-G.Sciocchetti). L ACCUMULO DEL RADON NEGLI AMBIENTI ABITATIVI L emanazione del radon dai materiali avviene a causa dell effetto di rinculo che si ha dopo l emissione, da parte del nucleo di radio, di una particella alfa e può portare appunto o all emissione del radon fuori dal materiale da cui è originato o all intrappolamento del nucleo di radon nello stesso materiale o, a seconda delle situazioni, alla sua diffusione e solubilizzazione in acqua. Poiché, come anticipato in precedenza, la maggior parte della popolazione dei paesi industrializzati trascorre al chiuso il proprio tempo, è naturale analizzare le condizioni che possono portare in tali ambienti all accumulo del radon poiché maggiore è la concentrazione maggiore probabilità c è che il radon provochi effetti nocivi. Dato che il meccanismo di emanazione è così delicato, esso è influenzato da una serie di fattori quali la concentrazione di uranio nel materiale, la tipologia del materiale stesso, la stagionalità e, in ultima analisi, anche le condizioni atmosferiche. Il radon essendo un elemento pesante, più pesante dell aria che respiriamo- tende ad accumularsi in basso. Pertanto capita più spesso di avere alte concentrazioni di gas radioattivo radon in abitazioni poste al piano terra, specialmente se a diretto contatto con il terreno. Tuttavia, il radon non proviene soltanto dal sottosuolo ma può anche seppure in minima parte- provenire anche dai materiali da costruzione e, quindi, anche dalle pareti delle case. Oltre a ciò, è importante evidenziare che ogni tipo di ventilazione presente all interno di un edificio può influenzare la distribuzione di radon nell edificio stesso; anche le canalizzazioni idrauliche, la presenza di camini, le intercapedini nelle pareti possono provocare una risalita di LE POSSIBILI AZIONI DI RIMEDIO. Per quanto riguarda le azioni di rimedio in caso di abitazioni con elevate concentrazioni di radon, esse devono essere valutate con estrema attenzione di volta in volta. Non esiste infatti un rimedio unico in caso di abitazioni in cui si dovessero riscontrare concentrazioni elevate di gas radon. Raramente può risultare sufficiente l aerazione dei locali che si può ottenere semplicemente aprendo le finestre dei locali stessi; più spesso questa semplice operazione può radon dai piani bassi ai piani più alti a causa degli effetti di depressurizzazione. Grande 5 6

4 ottenere l effetto opposto come spiegato nel seguito. In altri casi occorrono interventi particolari con sistemi di ventilazione forzata i cui effetti positivi nel diminuire l accumulo di radon negli ambienti chiusi sono stati effettivamente misurati: In alcuni casi, infatti, un errato sistema di aerazione può addirittura provocare un effetto di risucchio del radon dagli ambienti interrati dove tende ad accumularsi- verso l interno delle abitazioni, come mostrato in figura. Depressurizzazione forzata del sottosuolo in presenza di vuoto sanitario: andamento della concentrazione di radon presso l asilo nido oggetto dell intervento in presenza di ventole di aerazione accese e a ventole spente (Fonte: ARPA FVG). Tali operazioni di rimedio, tuttavia, vanno opportunamente verificate perché ci può pure essere il rischio che un errata ventilazione sortisca l effetto opposto convogliando dentro i locali una maggiore quantità di radon, essendo molte e varie le possibili vie di accesso del Andamento di pressione in un edificio tipo ed elementi che possono provocare depressurizzazione all interno dell abitazione (ARPA FVG). radon nelle abitazioni Tipiche vie di accesso del radon nelle abitazioni (ARPA FVG). 7 8

5 Da allora è stato un susseguirsi di studi e di attenzioni poste dalla comunità scientifica LA SCOPERTA DELLA RADIOATTIVITÀ E DEGLI EFFETTI DEL RADON. internazionale e dagli Enti di ricerca e di normazione sulla problematica connessa alla possibile presenza di concentrazioni di radon nelle abitazioni e nei luoghi di lavoro, finchè La scoperta della radioattività deve le sue origini a Bequerel il quale, su suggerimento di Poincaré, ricercava nei sali di uranio una relazione tra la fluorescenza ottica e i raggi X da l International Commission on Radiological Protection (ICRP) emanò la pubblicazione n.65 riguardante appunto la protezione dal Radon in ambienti di lavoro e in ambiti domestici. poco scoperti da Röntgen. Sebbene questa relazione non fu affatto trovata, quegli studi aprirono la strada ad altri sviluppi: nel 1898, infatti, M. Curie notò che -sebbene la radioattività dei composti di uranio puro fosse proporzionale al contenuto di uranio stesso- nei minerali da cui erano estratti i composti dell uranio, la radioattività risultava decisamente più alta di quanto ci si potesse aspettare in base al contenuto di uranio. Questo la spinse ad effettuare un analisi chimica degli elementi contenuti e così scoprì che le proprietà chimiche degli atomi radioattivi cambiava nel tempo. Così, nel corso degli anni sono state individuate diverse specie chimiche il cui nucleo ha la proprietà di essere instabile nel tempo: esso può restare così com è per pochi minuti o secondi o anche per millenni ma ad un certo punto si trasforma o, come si dice comunemente, decade. Questi nuclei che si trasformano spontaneamente vengono chiamati Radioattivi. La scoperta della radioattività, e in particolare della radioattività dovuta al radon, fu di fondamentale importanza per comprendere la genesi di alcune patologie polmonari. Per la prima volta l evidenza di malattie polmonari nei lavoratori delle miniere fu rilevata da Paracelso (Einsiedeln ) il quale notò che i tra i lavoratori delle miniere d argento dello Schneeberg, in Sassonia, si riscontrava un alto tasso di mortalità. Nel corso del tempo, con lo sviluppo delle attività minerarie i casi di morte andavano aumentando ma fu solo nel 1879 che Haerting e Hesse, effettuando delle autopsie sui minatori deceduti, identificarono come causa delle morti il cancro al polmone. Tuttavia, fu proprio dopo la scoperta del radon da parte dei coniugi Curie (1898) e dopo diversi studi di correlazione tra le coorti di minatori e le concentrazioni di radon che fu possibile stabilire un nesso definito tra le concentrazioni di radon e le patologie tumorali riscontrate. Ciò ha condotto, nel 1967, il Congresso Federale degli Stati Uniti a proporre delle raccomandazioni per la sicurezza dei lavoratori in miniera e, più recentemente nel 1988, l Organizzazione Mondiale delle Sanità a classificare il radon in classe 1 tra gli agenti RIFERIMENTI NORMATIVI - Raccomandazione 90/143/Euratom (emanata dall Unione Europea, tutela la popolazione contro l esposizione a radon negli ambienti chiusi, e raccomanda i livelli di riferimento di 400 e 200 Bq/m3 rispettivamente per gli edifici esistenti e per quelli in fase di progettazione). - D. Lgs. 230/95 (e s.m.i.: D.Lgs. 187/00, D.Lgs. 241/00, Avviso di rettifica ed errata corrige G.U. 23/3/01, D.Lgs. 257/01) L Italia non ha adottato norme particolari per i livelli di radon nelle abitazioni, a differenza di diversi paesi europei. Tuttavia, nelle Linee guida per la tutela e promozione della salute negli ambienti confinati, recepite con l Accordo Stato-Regioni del 27 settembre 2001, si introduce la necessità di predisporre un Piano Nazionale Radon comprendente, fra l altro, una proposta per la normativa di tutela dal radon negli ambienti di vita, le azioni di rimedio e di prevenzione per gli edifici, e una regolamentazione dell uso di particolari materiali da costruzione. Nel mese di gennaio 2008 è stato presentato, con il Primo Convegno Nazionale Radon, il Piano Nazionale Radon (PNR) che prevede un attenta attività di monitoraggio e mappatura del radon in Italia. Nell ambito del PNR si inserisce il progetto di monitoraggio del Radon condotto da ARPA Sicilia che prevede, complessivamente, il posizionamento di circa 6000 dosimetri in tutta la Regione. Attualmente è in corso di sviluppo il primo passo di questa attività di monitoraggio che prevede come progetto pilota il monitoraggio nella Provincia di Ragusa, grazie ad una serie di collaborazioni in atto con la Provincia Regionale di Ragusa. I centri di riferimento per le radiazioni ionizzanti in ARPA Sicilia si trovano presso i laboratori di Catania e Palermo che sono strutture egualmente ed idoneamente attrezzate, grazie all utilizzo dei fondi POR , per il monitoraggio ed il controllo della radioattività da radon e da altri radionuclidi naturali ed artificiali. cancerogeni, cioè come agente sicuramente cancerogeno. 9 10

6 Riferimenti Bibliografici [1] Bochicchio F, Campos Venuti G. Nuccetelli C. Piermattei S. Risica S. Tommasino L. Toni G. Results of the representative Italian national survey on radon indoors. Health Phys. 71(5): : 1996a. [2] United Nations Scientific Committee on the Effects of Atomic Radiation - UNSCEAR 2000 Report to the General Assembly,with scientific annexes. rif. indirizzo internet: [3] IARC Monographs; Vol.78;2001 (rif. indirizzo internet: [4] Ministero della Salute: Piano Sanitario Nazionale , pag. 93. rif. indirizzo internet: 3D003B6C97/$file/PSN% %20TESTO.pdf [5] Ministero della Salute, Piano Nazionale Radon rif. indirizzo internet: [6] ARPA Friuli Venezia Giulia, rif. indirizzo internet: [7] ENEA G. Scioccehtti - AAI - NT III.2 - Radon nell Alto Lazio 11

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti Radon un problema per la salute negli ambienti confinati Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti 1 ARPA PIEMONTE Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Realizzazione

Dettagli

Radon e salute. A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012. ASL di Milano. Dipartimento di Prevenzione

Radon e salute. A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012. ASL di Milano. Dipartimento di Prevenzione Radon e salute A cura di: Anita Cappello, Martina Greco, Marina Rampinini 20/11/2012 ASL di Milano Dipartimento di Prevenzione Struttura semplice dipartimentale Salute e Ambiente Via Statuto 5 20121 Milano

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it

Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it Radioattività in casa. Radon e valutazione della qualità ambientale. Decreti, Direttive e il futuro in Italia. Ing. Massimo Esposito U-SERIES srl - Bologna Radioattività naturale in edilizia L esposizione

Dettagli

Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra;

Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra; Ogni persona è esposta alla radioattività naturale derivante da: Radiazioni di origine cosmica che arrivano sulla Terra; Sostanze radioattive naturali presenti nell aria, nell acqua e nel cibo; Sostanze

Dettagli

attività lavorative sorgenti di radiazioni naturali

attività lavorative sorgenti di radiazioni naturali Per una presentazione più dettagliata della tematica del radon, presentiamo un contributo di Flavia Groppi, che incomincia con l attuale regolamentazione: La normativa Italiana di Radioprotezione, in attuazione

Dettagli

MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE

MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE MISURE DI CONCENTRAZIONE DI GAS RADON IN AMBIENTI CONFINATI VALUTAZIONE DELLA CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUALE richiedente: COMUNE DI RODENGO SAIANO -- DICEMBRE 2014-- PREMESSA Il Radon 222 ( 222 Rn) è un

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RADON

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RADON Data 01-02-2010 Rev. N. 00 Pagina 1 di 7 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO RADON Documento unico formato da 7 pagine INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 01-02-2010 Rev. N. 00 Pagina

Dettagli

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale Radioattività naturale Sorgenti esterne e sorgenti interne L uomo è sottoposto ad irradiazione naturale dovuta a sorgenti sia esterne che interne. L irradiazione

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

Progetto per lo studio della presenza del gas radon all interno di edifici ad uso scolastico

Progetto per lo studio della presenza del gas radon all interno di edifici ad uso scolastico Progetto per lo studio della presenza del gas radon all interno di edifici ad uso scolastico Progetto Gennaio 2005 Pag / indice 01 / Premessa 01 / Obiettivi 03 / Modalità dell intervento e tempi di realizzazione

Dettagli

ISPRA - Via Vitaliano Brancati, 48-00148 Roma ARPA Lazio - Via Garibaldi, 114-02100 Rieti

ISPRA - Via Vitaliano Brancati, 48-00148 Roma ARPA Lazio - Via Garibaldi, 114-02100 Rieti Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Agenzia Regionale Protezione Ambientale del Lazio ISPRA - Via Vitaliano Brancati, 48-00148 Roma ARPA Lazio - Via Garibaldi, 114-02100 Rieti

Dettagli

Campagna di misure di RADON nelle abitazioni abruzzesi

Campagna di misure di RADON nelle abitazioni abruzzesi Campagna di misure di RADON nelle abitazioni abruzzesi materiale informativo a cura di ISPRA (già APAT) Agenzia Regionale per la Tutela dell Ambiente Viale Marconi 178 Pescara tel. 085 450021- fax 4500221

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

Città di Pomezia. Settore VII Tutela dell Ambiente. Radon nelle abitazioni e nei Luoghi di Lavoro. Radon. Guida al

Città di Pomezia. Settore VII Tutela dell Ambiente. Radon nelle abitazioni e nei Luoghi di Lavoro. Radon. Guida al Città di Pomezia Settore VII Tutela dell Ambiente Radon Guida al Radon nelle abitazioni e nei Luoghi di Lavoro pag. 2 PREMESSA Il Radon e' un gas radioattivo inodore ed incolore che e' stato rinvenuto

Dettagli

Radon e Tumori: cosa li accomuna?

Radon e Tumori: cosa li accomuna? Conferenza con la dottoressa Silvia Villa Radon e Tumori: cosa li accomuna? I.I.S.S. Greppi, Progetto Scuola e casa a misura di radon L oncologa Silvia Villa Tra le varie attività programmate nel progetto

Dettagli

Raccomandazione 90/143/Euratom

Raccomandazione 90/143/Euratom Raccomandazione 90/143/Euratom TITOLO: Raccomandazione della Commissione sulla tutela della popolazione contro l esposizione al radon in ambienti chiusi DATA: 21 febbraio 1990 LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

Effetti del Radon sulla salute umana

Effetti del Radon sulla salute umana Asl Lecco 25 OTTOBRE 2013 RADON, NEMICO INVISIBILE... Ma PRESENTE IN PROVINCIA DI LECCO Effetti del Radon sulla salute umana Dott. Mario Anghileri- Medico Dip. di Prevenzione Medica ASL Lecco Note storiche

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE INFORMAZIONE PER LA POPOLAZIONE IN CASO DI SOSTA DI NAVI MILITARI A PROPULSIONE NUCLEARE Trieste, Luglio 2007 INFORMAZIONE PER LA

Dettagli

informativa sul problema del radon nei luoghi di vita e di lavoro

informativa sul problema del radon nei luoghi di vita e di lavoro Spett. Impresa xxxx xxxx OGGETTO: informativa sul problema del radon nei luoghi di vita e di lavoro Il radon è un gas naturale inerte, cancerogeno certo per l uomo; l organo bersaglio è il polmone. Esso

Dettagli

Guida al Radon nelle abitazioni

Guida al Radon nelle abitazioni GEOEX s.a.s. Consulenze Ambientali.xx xx x Febbraio 2001 Guida al Radon nelle abitazioni Fai un Test nella tua abitazione............................ pag. 2 PREMESSA Il Radon e' un gas radioattivo inodore

Dettagli

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina Paleontologia Industria Radioisotopi Archeologia Medicina Biologia I radioisotopi I radioisotopi (o radionuclidi), sono dei nuclidi instabili che decadono emettendo energia sottoforma di radiazioni, da

Dettagli

Radioattività e dosimetria

Radioattività e dosimetria Radioattività e dosimetria Un nucleo atomico è caratterizzato da: IL IL NUCLEO ATOMICO numero atomico (Z) che indica il numero di protoni numero di massa (A) che rappresenta il numero totale di nucleoni

Dettagli

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA

PROGETTO D INDAGINE RADON IN PUGLIA Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080.5460111 Fax 080.5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Dipartimento

Dettagli

AMBIENTE E SALUTE NELLE MARCHE

AMBIENTE E SALUTE NELLE MARCHE AMBIENTE E SALUTE NELLE MARCHE ATTIVITA ED ESPERIENZE DEL SERVIZIO DI EPIDEMIOLOGIA AMBIENTALE DEL DIPARTIMENTO PROVINCIALE ARPAM DI ANCONA Rielaborazione e aggiornamento del report 2003 a cura del dott.

Dettagli

SCUOLA e CASA A MISURA DI RADON

SCUOLA e CASA A MISURA DI RADON I.I.S.S. "Alessandro Greppi" PROGETTO SCUOLA e CASA A MISURA DI RADON Responsabile: prof. Valter Giuliani 1. IL PROGETTO IN SINTESI Il radon, gas radioattivo naturale proveniente dal sottosuolo, che non

Dettagli

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio:

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio: LA RADIOATTIVITA Gli atomi di un elemento non sono in realtà tutti uguali, una piccola percentuale di essi ha un numero di neutroni differente, questi atomi si chiamano isotopi di quell elemento. Il 99,9%

Dettagli

A cura di Mattia Vailati, studente del Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria Università degli Studi di Milano a.a. 2007-2008

A cura di Mattia Vailati, studente del Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria Università degli Studi di Milano a.a. 2007-2008 Radon in casa? NO, grazie!!! - Informazioni e consigli per i cittadini - A cura di Mattia Vailati, studente del Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria Università degli Studi di Milano a.a. 2007-2008 Che

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Rischio per la salute da RADON

Rischio per la salute da RADON 1/10 Bergamo 27 ottobre 2015 Rischio per la salute da RADON Pietro Imbrogno Area Salute e Ambiente 2/10 Percorso logico Il Radon come fattore di rischio: Radiotossicologia Effetti Sanitari ed evidenze

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

P.Volpe. Dip. Chim. Generale e Organica Applicata. Università di Torino

P.Volpe. Dip. Chim. Generale e Organica Applicata. Università di Torino P.Volpe. Dip. Chim. Generale e Organica Applicata. Università di Torino Dalla tabella si può vedere come la catena dell uranio è divisa in due dal Rn-222 e come nella parte che lo precede la radioattività

Dettagli

Elio GIROLETTI, Dip. Fisica nucleare e teorica, Università Studi di Pavia e INFN sez. Pavia elio.giroletti@unipv.it

Elio GIROLETTI, Dip. Fisica nucleare e teorica, Università Studi di Pavia e INFN sez. Pavia elio.giroletti@unipv.it FAQ s: il radon, ovvero quando la natura può far male Elio GIROLETTI, Dip. Fisica nucleare e teorica, Università Studi di Pavia e INFN sez. Pavia elio.giroletti@unipv.it Cosa è il radon? Il radon simbolo

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Sono parte integrante dell ambiente in cui viviamo e lavoriamo Di origine artificiale (per esempio le onde radio, radar e nelle telecomunicazioni) Di origine

Dettagli

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano I riferimenti legislativi

Dettagli

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze IL RISCHIO NUCLEARE Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze radioattive o in seguito a esplosioni di centrali o armi nucleari. L'esposizione

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

IL GAS RADON E LA SALUBRITÀ DEGLI AMBIENTI CONFINATI. di Massimo Moroni Www.radon.it - info@radon.it

IL GAS RADON E LA SALUBRITÀ DEGLI AMBIENTI CONFINATI. di Massimo Moroni Www.radon.it - info@radon.it IL GAS RADON E LA SALUBRITÀ DEGLI AMBIENTI CONFINATI di Massimo Moroni Www.radon.it - info@radon.it COS'È IL RADON Isotopo Radiazione Emivita Uranio 238 alfa 4.5x10 9 anni Torio 234 Beta 24.1 giorni Protoattinio

Dettagli

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE LA RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI LOMBARDE: IMPOSTAZIONE DEI CONTROLLI E RISULTATI Rosella Rusconi ARPA Lombardia Dipartimento di Milano PARAMETRI OGGETTO DI CONTROLLO ai sensi del D.L.vo 31/01: TRIZIO

Dettagli

Salute ed esposizione al radon

Salute ed esposizione al radon Il Ccm per la prevenzione - Ambiente e salute 23 giugno 2008 Salute ed esposizione al radon Stato dell'arte del progetto CCM Avvio del Piano Nazionale Radon per la riduzione del rischio di tumore polmonare

Dettagli

Una scuola senza Radon. Ricerca

Una scuola senza Radon. Ricerca Una scuola senza Radon Ricerca Edizione 2013 Pubblicazione realizzata da INAIL Settore Ricerca Dipartimento Igiene del Lavoro Direttore Dott. Sergio Iavicoli COORDINAMENTO SCIENTIFICO Rosabianca Trevisi

Dettagli

RaDON. Giuseppe Scielzo (Fisico) Filippo Grillo Ruggieri (Medico) Salvatore Melluso (Geologo)

RaDON. Giuseppe Scielzo (Fisico) Filippo Grillo Ruggieri (Medico) Salvatore Melluso (Geologo) RaDON Giuseppe Scielzo (Fisico) Filippo Grillo Ruggieri (Medico) Salvatore Melluso (Geologo) INDICE COS E p. 5 DA DOVE PROVIENE 11 COME ENTRA NEGLI AMBIENTI 15 CONSEGUENZE SULLA SALUTE 23 INTERVENTO DI

Dettagli

L energia nucleare La radioattività

L energia nucleare La radioattività L energia nucleare La radioattività La radioattività fu scoperta nel 1896 da Henri Bequerel, un fisico francese che per primo osservò l emissione spontanea di radiazioni da un pezzo di un minerale di uranio,

Dettagli

RADON. Concettina Giovani Silvia Pividore ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito - Fisica ambientale

RADON. Concettina Giovani Silvia Pividore ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito - Fisica ambientale AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 190 RADON Il radon è un gas radioattivo naturale ed è la seconda causa di tumore ai polmoni dopo il fumo di sigaretta. L ARPA FVG ha effettuato numerose campagne di

Dettagli

La radioattività dei materiali da costruzione

La radioattività dei materiali da costruzione Paolo Randaccio Università di Cagliari Dipartimento di Fisica Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Cagliari La radioattività dei materiali da costruzione Obiettivo del progetto Tutti i materiali

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Che cos è un campo elettromagnetico? Un campo elettromagnetico è una regione dello spazio in cui c è tensione elettrica. È il caso, ad esempio, della regione di spazio in cui vi

Dettagli

Stabilita' dei nuclei

Stabilita' dei nuclei Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t1/2 circa 900 s), i protoni sono stabili.

Dettagli

Documento unico 20-11-2001 9:49 Pagina 1

Documento unico 20-11-2001 9:49 Pagina 1 Documento unico 20-11-2001 9:49 Pagina 1 Documento unico 20-11-2001 9:50 Pagina 2 Il radon in Veneto ecco come proteggersi Guida pratica alla misurazione del radon e alla bonifica delle abitazioni IL RADON

Dettagli

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO)

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE...

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

Sovraintendenza ai Beni Culturali U.O. Amministrativa e Contabile Servizio Protezione e Prevenzione

Sovraintendenza ai Beni Culturali U.O. Amministrativa e Contabile Servizio Protezione e Prevenzione Sovraintendenza ai Beni Culturali U.O. Amministrativa e Contabile Servizio Protezione e Prevenzione Corso di formazione Quaderno N 13 IL RADON LE RADIAZIONI IONIZZANTI NATURALI 1 PREMESSA Sebbene la radioattività

Dettagli

COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON (Provincia di Bergamo) COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON (Provincia di Bergamo) MISURE DI RADON INDOOR REDATTA DA Sig. Olivari Francesco VERIFICATA DA P.Ch. Giorgio Ghezzi APPROVATA DA Emissione del 18 Settembre 2008 File: V0888A08

Dettagli

Il radon in Italia: guida per il cittadino

Il radon in Italia: guida per il cittadino QUADERNI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DIPARTIMENTO DI MEDICINA DEL LAVORO Osservatorio Epidemiologico Nazionale sulle condizioni di salute e sicurezza negli ambienti di vita Il radon in Italia: guida per

Dettagli

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione Effetti biologici delle radiazioni Range, esposizione Dose assorbita, equivalente, efficace Danno biologico Dosi limite e radioprotezione pag.1 Le radiazioni

Dettagli

Radioattività nel materiale storico e nelle costruzioni dell'esercito svizzero

Radioattività nel materiale storico e nelle costruzioni dell'esercito svizzero Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport DDPS Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP LABORATORIO SPIEZ Markus Zürcher 10 giugno 2013 Radioattività

Dettagli

Radioattività e materiali da costruzione

Radioattività e materiali da costruzione Massimo Esposito Ricerca Radioattività e materiali da costruzione Sebbene in Italia non ci sia nessuna legge che limiti la quantità di radioattività nei materiali da costruzione, in Europa diversi Paesi

Dettagli

Radon: un potenziale problema per la salute una semplice diagnosi una rapida soluzione

Radon: un potenziale problema per la salute una semplice diagnosi una rapida soluzione Codice ID: 13877322 Radical Radon Radon: un potenziale problema per la salute una semplice diagnosi una rapida soluzione RADICAL: RADon: Integrating Capabilities of Associated Labs Un progetto INTERREG

Dettagli

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD Dott. Pier Luca Rossi U.O. Fisica Sanitaria Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Viale Berti Pichat 6/2 QUADRO NORMATIVO PRATICHE

Dettagli

MISURE DI RADON NELLE SCUOLE SUPERIORI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA: IL PROGETTO RSS RADON

MISURE DI RADON NELLE SCUOLE SUPERIORI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA: IL PROGETTO RSS RADON Comunicare Fisica Trieste, 1-6 ottobre 2007 MISURE DI RADON NELLE SCUOLE SUPERIORI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA: IL PROGETTO RSS RADON ISIS Nautico di Trieste La natura del progetto Il Progetto RSS Radon

Dettagli

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO According Dangerous Road è un accordo che regola il trasporto di merci pericolose in tutto il mondo ed è stipulato fra la maggior parte delle nazioni, che devono rispettarlo

Dettagli

Il Radon e la radioattività

Il Radon e la radioattività Stage estivo 2004 Montesanti Alessio Tutori LNF L. Casano, M. Chiti, A. Gentile INFN-LNF Fisica Sanitaria Autore: Montesanti Alessio - 1 - IL RADON Indice: Introduzione sul tema delle radiazioni ionizzanti

Dettagli

PIANO NAZIONALE RADON

PIANO NAZIONALE RADON PIANO NAZIONALE RADON Il Piano Nazionale Radon (PNR) consiste in un insieme coordinato di azioni volte a ridurre il rischio di tumore polmonare associato all esposizione al radon in Italia. Il PNR è stato

Dettagli

Liberi di respirare. Sensori innovativi per misurare la concentrazione del gas Radon

Liberi di respirare. Sensori innovativi per misurare la concentrazione del gas Radon Liberi di respirare Sensori innovativi per misurare la concentrazione del gas Radon La La società società RSens si occupa della progettazione, produzione e vendita di sensori innovativi per la misura del

Dettagli

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute La Direttiva 2013/51/EURATOM Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute Stabilisce i requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 2 LO STATO DELL AMBIENTE E GLI IMPATTI SULL AMBIENTE

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 2 LO STATO DELL AMBIENTE E GLI IMPATTI SULL AMBIENTE STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 2 LO STATO DELL AMBIENTE E GLI IMPATTI SULL AMBIENTE Paragrafo 2.10 RADIAZIONI IONIZZANTI Novembre 2003 Le radiazioni

Dettagli

Manuale sensore di radioattività

Manuale sensore di radioattività Manuale sensore di radioattività Introduzione allo strumento Questo strumento ha la funzione di monitorare la radioattività ambientale in particolare di registrare eventuali anomalie dovute a fallout di

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Giancarlo Fabio Renato Giancarlo Marialuisa Antonio Marino Massimo Raffaele Antonio Floriano Ermanno Raffaele

Dettagli

AGENTI CHIMICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

AGENTI CHIMICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro AGENTI CHIMICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Arcari Claudio e Mariacristina Mazzari Piacenza 6 maggio 2011 1 CURVA DOSE-EFFETTO

Dettagli

Il rischio cancerogeno e mutageno

Il rischio cancerogeno e mutageno Il rischio cancerogeno e mutageno Le sostanze cancerogene Un cancerogeno è un agente capace di provocare l insorgenza del cancro o di aumentarne la frequenza in una popolazione esposta. Il cancro è caratterizzato

Dettagli

L'irradiazione di radon può essere eliminata al 95%

L'irradiazione di radon può essere eliminata al 95% PITTSBURGH CORNING (Svizzera) SA Servizio stampa Isolamento con FOAMGLAS di edifici nuovi o da ristrutturare L'irradiazione di radon può essere eliminata al 95% In molte parti della Svizzera, in modo particolare

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

A) LA CAMPAGNA REGIONALE RADON DELL ARPA VALLE D AOSTA

A) LA CAMPAGNA REGIONALE RADON DELL ARPA VALLE D AOSTA Il radon dove meno te lo aspetti: un caso particolare di elevate concentrazioni in Valle d Aosta, e le azioni di bonifica Roscio, F.; Ducourtil, M.; Agnesod, G. Arpa Valle d Aosta, loc. Grande Charrière

Dettagli

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia Fabio Barbone Dip. di Scienze Mediche e Biologiche Università di Udine SOC Igiene ed Epidemiologia

Dettagli

Negli ultimi decenni i possibili effetti nocivi dell esposizione ai campi elettromagnetici sulla salute umana hanno costituito un importante area di

Negli ultimi decenni i possibili effetti nocivi dell esposizione ai campi elettromagnetici sulla salute umana hanno costituito un importante area di Negli ultimi decenni i possibili effetti nocivi dell esposizione ai campi elettromagnetici sulla salute umana hanno costituito un importante area di ricerca. PARTE PRIMA 10. RADIAZIONI 10. Radiazioni Contenuti

Dettagli

Emissioni di composti volatili non metanici dalle discariche dell area vasta di Giugliano: il progetto BioQuAr RISULTATI PRELIMINARI

Emissioni di composti volatili non metanici dalle discariche dell area vasta di Giugliano: il progetto BioQuAr RISULTATI PRELIMINARI Emissioni di composti volatili non metanici dalle discariche dell area vasta di Giugliano: il progetto BioQuAr RISULTATI PRELIMINARI Premessa I composti organici non metanici (COV), pur rappresentando

Dettagli

Università degli Studi di Messina Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Protezionistica Ambientale, Sanitaria, Sociale ed Industriale

Università degli Studi di Messina Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Protezionistica Ambientale, Sanitaria, Sociale ed Industriale 1 Università degli Studi di Messina Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Protezionistica Ambientale, Sanitaria, Sociale ed Industriale G. Acri B. Testagrossa G. Vermiglio 2 Il nei materiali

Dettagli

Progetto della rete regionale di monitoraggio della radioattività ambientale.

Progetto della rete regionale di monitoraggio della radioattività ambientale. Attuazione della Sottoazione a.4.6 Monitoraggio della radioattività ambientale della misura 1.01 A del Complemento di Programmazione del POR Sicilia 2000-2006. Progetto della rete regionale di monitoraggio

Dettagli

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Ezio Previtali INFN Sezione Milano Bicocca Università di Milano Bicocca Misure di Elementi in Ultra-Tracce Fisica

Dettagli

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Radon Cos è e da dove viene Il radon è un gas radioattivo di origine naturale proveniente dal sottosuolo che si può infiltrare e accumulare nelle abitazioni

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it

Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it Radioattività in casa. I materiali in edilizia e i controlli dal punto di vista radioattivo. Direttiva 2013/59 e il futuro in Italia. Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna Radioattività naturale in

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI OBIETTIVI Determinare la presenza di materie radioattive e di macchine generatrici di radiazioni ionizzanti Sorvegliare l esposizione della popolazione a radionuclidi presenti in matrici ambientali Proteggere

Dettagli

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova)

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova) L ATOMO Di cosa sono fatte le cose? Come si è arrivati a capire gli atomi? Com è fatto un atomo? Quanto è grande un atomo? Che atomi esistono in natura? Perché esistono gli atomi? Risponde (o almeno ci

Dettagli

Metodi di datazione di interesse archeologico

Metodi di datazione di interesse archeologico Metodi di datazione di interesse archeologico Radioattività La radioattività, o decadimento radioattivo, è un insieme di processi fisico-nucleari attraverso i quali alcuni nuclei atomici instabili o radioattivi

Dettagli

Presentazione risanamento in presenza di gas Radon

Presentazione risanamento in presenza di gas Radon Presentazione risanamento in presenza di gas Radon Abitazione i unifamiliare ili Atelier d Architettura e Consulenze Tecniche WULLSCHLEG GER sagl Vista generale edificio Atelier d Architettura e Consule

Dettagli

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA Poiché la luce è energia trasportata da oscillazioni del campo elettrico (fotoni) e la materia è fatta di particelle elettricamente cariche (atomi

Dettagli

Come nasce un tumore. La cellula "impazzisce"

Come nasce un tumore. La cellula impazzisce Come nasce un tumore La cellula "impazzisce" Non si può parlare di un'unica malattia chiamata cancro, ma di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e distinte, che colpiscono organi e tessuti

Dettagli

Le radiazioni ionizzanti nelle attività lavorative

Le radiazioni ionizzanti nelle attività lavorative U-Series Srl Via Ferrarese, 131 40128 Bologna Tel. 051 6312418 - Fax. 051 4158173 info@u-series.com Le radiazioni ionizzanti nelle attività lavorative Relazione dell Ing. Massimo Esposito Esperto Qualificato

Dettagli

Radon. Informazioni relative ad un argomento radiante

Radon. Informazioni relative ad un argomento radiante Radon Informazioni relative ad un argomento radiante 2 I Radon Informazioni relative ad un argomento radiante Indice Introduzione 5 Come si forma il radon? 6 Come si diffonde il radon? 7 Come penetra il

Dettagli

AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi

AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi Aggiornamenti in Medicina del Lavoro AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi Aldo Todaro U.O.C. Promozione e protezione salute lavoratori. Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico

Dettagli

G. Lisciandrello, A. Conti - ARPA Sicilia- La Rete di monitoraggio regionale della radioattività in Sicilia: stato attuale e prospettive

G. Lisciandrello, A. Conti - ARPA Sicilia- La Rete di monitoraggio regionale della radioattività in Sicilia: stato attuale e prospettive G. Lisciandrello, A. Conti - ARPA Sicilia- La Rete di monitoraggio regionale della radioattività in Sicilia: stato attuale e prospettive 1) Nascita del progetto della rete di monitoraggio; 2) Fasi di realizzazione

Dettagli

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA Spettro elettromagnetico Radiazioni termiche: microonde infrarossi Radiazioni ionizzanti: ultravioletti raggi X raggi gamma pag.1 Spettro elettromagnetico (fermi)

Dettagli

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti RSA rovincia di Milano Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti L insieme di tutte le onde elettromagnetiche, classificate in base alla loro frequenza, costituisce lo spettro elettromagnetico, che

Dettagli

PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI

PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI 5160000 5140000 5120000 5100000 5080000 5060000 12 11.5 11 10.5 10

Dettagli