Tavola Rotonda sui probemi attuali del diritto internazionale umanitario LE COMPAGNIE MILITARI E DI SICUREZZA PRIVATE Sanremo 6-8 Settembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tavola Rotonda sui probemi attuali del diritto internazionale umanitario LE COMPAGNIE MILITARI E DI SICUREZZA PRIVATE Sanremo 6-8 Settembre 2012"

Transcript

1 Tavola Rotonda sui probemi attuali del diritto internazionale umanitario LE COMPAGNIE MILITARI E DI SICUREZZA PRIVATE Sanremo 6-8 Settembre 2012 Min. pl. Gianni GHISI Coordinatore Anti-Pirateria del Ministero degli Affari Esteri Gentili Autorità, Signore e Signori, ho l onore di portare agli organizzatori ed ai partecipanti di questa Tavola Rotonda il saluto del Ministro degli Esteri, Amb. Giulio Terzi, e del Sottosegretario Staffan de Mistura, il quale è impossibilitato ad intervenire come si era proposto- e mi ha delegato a rappresentarlo. A nome del Ministro, con l occasione, vorrei ribadire al prof. Pocar il vivo apprezzamento per l alta qualità delle attività dell Istituto Internazionale di Diritto Umanitario di Sanremo. Il Ministero degli Esteri co-patrocinatore di questa Tavola Rotonda - ha consolidati rapporti di collaborazione con l Istituto, che considera un centro di eccellenza nel settore del diritto internazionale umanitario. L Istituto è ottimamente ed opportunamente ospitato a Sanremo, città a lunga vocazione internazionale. Il nostro sostegno finanziario continua, anche se, a causa della inderogabile necessità di contenimento della spesa pubblica, è diminuito quantitativamente; non è certo diminuita l attenzione con la quale seguiamo e sosteniamo le attività dell Istituto. Da parte mia, sono lieto di partecipare a questa Tavola Rotonda, che affronta una tematica di attualità di grande interesse per la diplomazia italiana, e per me in particolare nella mia attuale posizione di coordinatore- inviato speciale del Ministero Affari Esteri per la pirateria marittima. Si sta infatti sempre più affermando, e lo sarà presto anche in Italia, l impiego di società private di sicurezza nella protezione del naviglio contro questa peculiare forma di criminalità organizzata costituita dalla pirateria marittima. Vorrei iniziare con una nota positiva: il 2012 sembra segnare una svolta importante nella lotta alla pirateria nell area in cui è attualmente concentrata (Golfo di Aden ed Oceano Indiano). Dall inizio dell anno ad ora gli attacchi sono stati 67, di cui 13 conclusisi con la cattura della nave e dell equipaggio. Nel 2011gli attacchi erano stati 231 e 27 i sequestri. Si tratta di un indubbio successo della strategia di contrasto messa in atto dalla Comunità internazionale. Tale strategia si fonda su tre pilastri: 1) il pattugliamento delle zone ad alto rischio con naviglio militare, 2) l adozione di efficaci misure di difesa passiva da parte delle imbarcazioni in transito, 3) la presenza a bordo di nuclei di protezione armata, militari o civili. (Per inciso, si tratta di un successo importante, ma non necessariamente irreversibile, fintantoché la pirateria non sarà sradicata dalla Somalia). La prima risposta della comunità internazionale all acutizzarsi del fenomeno della pirateria al largo delle coste Somale (che ha raggiunto il suo picco nel 2008) è stata il pattugliamento, a partire dalla missione Ocean Shield della NATO. L espandersi del raggio d azione dei pirati (che ora copre il golfo di Aden, l Oceano indiano occidentale fino al canale del Mozambico ed il mare arabico fino alle coste indiane) come controreazione, e delle loro capacità operative ha reso necessario individuare misure più

2 capillari di difesa, passiva ed attiva: da una parte sono state definite dall International Maritime Organization (IMO) delle Best Management Practices che armatori e comandanti debbono attuare; dall altra si è ampiamente diffusa la pratica di imbarcare dei Nuclei di protezione Armata, formati da personale militare (sistema del Vessel Protection Detachement o VPD s) ovvero formati da personale civile, a contratto (Privately Contracted Armed Security Personnel o PCASP). Allo stato attuale prevale numericamente - ed è in espansione il ricorso da parte degli armatori alle compagnie di sicurezza private. La legislazione di alcuni paesi (Italia, Spagna, Norvegia) consente l impiego sia di VPD s che di PCASP, mentre Francia e Paesi Bassi ritengono che l esercizio di tali funzioni di protezione amata spetti esclusivamente allo Stato. Nonostante l IMO abbia inizialmente scoraggiato lo sviluppo dei PCASP, il mercato ha chiaramente scelto la sicurezza privata, più duttile e più facilmente disponibile a seconda delle mutevoli esigenze, rispetto alla solidità (ma anche maggiore rigidità) del servizio offerto dalle forze armate. Tanto che la stessa IMO, preso atto dell ampio ricorso ai PCASP ha riconosciuto la necessità di mettere un po di ordine. Lo ha iniziato a fare cercando di fissare degli standard per l impiego di sicurezza privata a bordo (sui quali ritornerò più avanti). Ma - ci si potrebbe chiedere- quale dei due sistemi, VPD s e PCASP, è più efficace? La risposta non è univoca: dipende dalle legislazioni nazionali e dal contesto operativo. Un importante dato di fatto è che nessuna imbarcazione con personale armato a bordo, civile o militare, è mai stata sequestrata. Allora, quale dei sistemi due è più semplice da attuare? Probabilmente il VPD è più semplice nel senso che poggia su una serie di norme di diritto internazionale consolidate e le regole di ingaggio sono saldamente ancorate alle legislazioni nazionali; ma è più complicato per la rigidità di procedure, che talvolta mal si confanno alla flessibilità richiesta dalle esigenze commerciali. Ovviamente, come purtroppo è avvenuto ad un Nucleo di protezione militare italiano in India, se viene meno il rispetto delle norme fondamentali del diritto internazionali sulle quali si regge tale misura di protezione (in particolare la giurisdizione dello stato di bandiera nelle acque internazionali e il principio di immunità funzionale dei militari addetti) tale sistema perde la sua efficacia: per questo il Governo italiano, oltre alla doverosa azione nei confronti delle Autorità indiana di tutela dei due membri di un VPD indebitamente detenuti, sta sensibilizzando i partners internazionali sulla assoluta necessità che non si creino precedenti negativi di mancato rispetto dei principi fondamentali, che compromettano l efficacia dell azione della comunità internazionale nel contrasto alla pirateria. Rispetto ai Nuclei Militari di Protezione, sicuramente i PCASP, più duttili, anche in ragione della carente normativa internazionale. E qui sono giunto finalmente al tema specifico di questa tavola rotonda. La problematica della sicurezza privata a bordo di naviglio commerciale è analoga a quella che si pone in altri contesti, dall impiego in situazioni di conflitto armato o nel contrasto al crimine. Ho avuto modo di partecipare recentemente, nella mia posizione di Rappresentante Permanente presso le Organizzazioni Internazionali in Vienna al dibattito in ambito UNODC sull impiego di servizi di sicurezza privati per la prevenzione del crimine e la sicurezza delle comunità, dal quale sono emerse proposte di linee guida (le

3 Abu Dhabi draft preliminary recommendations on the oversight and regulation of civilian private security services and on their contribution to crime prevention and community safety ). Le best practices sviluppate in un contesto possono essere molto utili a svilupparne analoghe in un altro. Come emerge anche dallo schema di lavori di questo convegno, l elaborazione di linee guida in un contesto di conflitto armato sono più avanzate rispetto a quanto sta iniziando ad emergere dal dibattito riguardo alla protezione anti-pirateria. Vorrei citare, a questo proposito, la circolare dell IMO del 25 maggio scorso Interim guidance to Private Maritime Security Companies providing PCASP on board ships in the High Risk Area. L IMO prende in considerazione sia il documento di Montreux che l ICoC The Montreux Document on Pertinent International Legal Obligation and Good Practices for States related to Operations of Private Military and Security Companies during Armed Conflict and the International Code of Conduct for security Service Providers are useful reference points for PMSC, but are not directly relevant to the situation of piracy and armed robbery in the maritime domain and do not provide sufficient guidance for PMSC. The Montreux Document, which addresses States, restates rules of international law and provides a set of good practices for States, although it should be noted that international humanitarian law is applicable only during armed conflict. The ICoC, which addresses the private security industry, identifies a set of principles and processes for private security services providers related to support for the rule of law and respect for human rights, but is written in the context of self-regulation and only for land-based security companies, and is therefore not directly applicable to peculiarities of deploying armed guards on board merchant ships to protect against acts of piracy and armed robbery at sea. Da tale considerazioni, l IMO trae la conclusione che The prevailing situation off the coast of Somalia therefore necessitates separate and urgent consideration of requirements for the use of PCASP on board ships transiting in the High Risk Area. L interim guidance dell IMO per le società di sicurezza marittima (PMSC) oggetto della citata circolare, è dunque mirata a colmare una lacuna ( no international guidance or standards exists at present for Private Maritime Security Companies providing PCASP services ) al fine di improve governance, reduce the potential for accidents, and promote competent, safe and lawful conduct at sea. Tali linee guida si aggiungono alle precedenti elaborate dall IMO per l impiego delle guardie private, vale a dire: Revised interim guidance to shipowners, ship operators and shipmasters (Circ. 1405), Revised interim recommendations for Flag States (Circ. 1406) e Revised interim recommendations for port and coastal States (Circ 1408). Si tratta di documenti di riferimento, ben lontani dunque dall essere vincolanti e per di più provvisori, in quanto predisposti nell urgenza di mettere ordine in un fenomeno in rapida crescita in gran parte al di fuori dell esistente quadro normativo internazionale. Il dibattito è ancora molto aperto ed è condotta in molteplici fori di discussione: oltre che all IMO e se ne parla al Gruppo di Contatto sulla Pirateria (CGPSC) e in diversa altri organismi intergovernativi, dall INTERPOL, all ISO. E c è chi vorrebbe investirne il Consiglio di Sicurezza. Se ormai è accettata da tutte le parti la necessità di concordare standard minimi in ogni aspetto dell impiego dei PCASP (dalle procedure di ingaggio, selezione e formazione delle guardie giurate, concessione delle autorizzazione, al carico transito e uso

4 dell armamento) nel dibattito continuano a manifestarsi forti resistenze da parte della maggior parte degli Stati costieri al sistema di protezione privato (particolarmente attivi in tal senso sono Arabia Saudita, Egitto, India e Pakistan) preoccupati per l uso indebito che può essere fatto vicino ai loro confini ed in aree già turbolente e di difficile controllo dell armamento trasportato da privati; ma anche preoccupati nello stesso impiego degli addetti alla sicurezza, che essi vedono come delle potenziali forze mercenarie (magari, alla fine, altrettanto pericolose quanto i pirati). Nel dibattito, gli Stati costieri chiedono dunque vivacemente che i Governi dei Flag States si facciano carico, assumendosi anche specifiche responsabilità, di vigilare sui comportamenti delle società private e del personale impiegato sulle loro navi commerciali di bandiera. Noto per inciso che tale preoccupazione non è invece mai stata manifestata dagli Stati costieri riguardo all impiego di militari, evidentemente considerati adeguatamente affidabili grazie alle proprie regole d ingaggio. Vi è indubbiamente una serie di lacune da colmare affinché l operatività delle guardie giurate a bordo abbia un inquadramento giuridico che offra a tutte le parti le stesse garanzie dei militari. Intanto bisognerebbe averne il quadro completo, la lista esaustiva dei gaps, per avere una base comune di discussione: è quanto gli Stati Uniti si sono ora proposti di fare, convocando una riunione (che si terrà il 12 settembre a Washington) sulla Identification of Foreign Policy Implications and International Law Issues. Cito alcune delle problematiche che mi sembrano rilevanti anche per i lavori di questo convegno. - How can/should flag, port and coastal states address questions of jurisdiction over incidents that occur beyond the territorial sea? - How are parties addressing civil and criminal liability claims arising from accidents caused by, misuse of, or misconduct of PCASP? - How can/should States exercise regulation and oversight of emerging phenomena such as private armed escort vessels and floating armories operating beyond the territorial sea? - How do navigation rights and freedoms relate to concerns about PCASP in a territorial sea or Exclusive Economic Zone? - How can we facilitate easier movement of PCASP and firearms to/from vessels and while ships are in port? Come spero sia risultato chiaro, ho cercato di mettere in luce i pro ed i contra dell impiego, a bordo di navi mercantili, di Nuclei Armati di Protezione composti da militari ovvero di guardie giurate, soffermandomi maggiormente su quest ultima soluzione, più attinente alla tematica in discussione in questa Tavola Rotonda. Anche se la maggior parte degli Stati che dispongono di sicurezza armata a bordo ha optato per un solo sistema (i più per le guardie private, Francia e Paesi Bassi per i militari), le due modalità possono essere integrate combinando nella gestione i vantaggi dell una o dell altra. Quanto all Italia, nel momento in cui si è dotata di una apposita legislazione anti-pirateria, l Italia ha ritenuto che la risposta più efficace al complesso problema dell autodifesa dalla pirateria marittima consista in un sistema di sicurezza integrato pubblico-privato. La Legge n.130 del 2 agosto 2011, che il Governo ha predisposto sotto forma di decreto-legge sulla base di un accurata indagine parlamentare che ha vagliato le

5 misure di auto protezione adottate da altri paesi, prevede infatti l impiego di Nuclei Militari di Protezione, sulla base di convenzioni da stipularsi tra il Ministero della Difesa e l armatoria privata italiana. Tali NMP operano in conformità con le direttive e le regole d ingaggio emanate dal ministero delle Difesa e ad essi sono attribuite le funzioni di polizia giudiziaria riguardo ai reati previsti nella normativa penale italiana on materia di pirateria (art 1135 del codice di navigazione) e sospetta pirateria (art. 1136). La medesima Legge prevede anche la possibilità per gli armatori, in via sussidiaria, di ricorrere a guardie giurate private, ponendo una serie di condizioni generali che inquadrano il loro utilizzo entro alcuni limiti, tra questi: la nave deve avere adottato almeno alcune delle Best Management Practices dell IMO; le guardie giurate debbono essere autorizzate dal Ministero dell Interno a svolgere il servizio, ottenere l apposita licenza per il possesso delle armi e debbono avere superato degli specifici corsi di formazione. Delle due componenti, tuttavia, sino ad ora è operativa solo quella militare, evidentemente più semplice da attuare, essendo collocata in un contesto istituzionalmente predisposto. Nel primo anno di applicazione, il servizio reso dai Nuclei Militari di Protezione è stato giudicato assai positivamente dagli armatori: è tuttavia emerso un limite nella copertura che è possibile assicurare con i 16 NMP disponibili, copertura inferiore alle richieste (si tenga presente che nel Golfo di Aden e nell Oceano indiano transitano annualmente circa 1300 navi battenti bandiera italiana, per una media di quasi 4 al giorno, con picchi fino a 10 navi) I tempi più lunghi per la messa in opera dell opzione privata sono dovuti alla maggiore complessità delle regole di attuazione della Legge: è stato necessario adeguare la normativa nazionale in materia di compagnie private di sicurezza (calibrate sui servizi di vigilanza a terra), si è posto cura nel soddisfare le esigenze di certificazione delle società e di adeguata formazione del personale. Ferma restando la responsabilità primaria dello Stato, il ricorso alle guardie giurate da parte degli armatori non deve essere un ripiego, un second best, il servizio deve mirare a essere di pari qualità a quello ottenibile dal personale militare e lo Stato ne deve creare le precondizioni, se si vuole dare piena attuazione alla legge che ha previsto un sistema integrato. Le attività di contrasto alla pirateria costituiscono anche per l Italia un impegno gravoso in termini di gestione e di costi; ma sono attività indispensabili per proteggere importanti interessi nazionali, ma soprattutto vite umane. L approccio italiano è che per portare avanti efficacemente tale impegno è necessaria una solida partnership pubblico-privato che massimizzi i contributi dei due settori. Questo è l approccio italiano e in tale partnership ben si colloca l integrazione dei servizi di protezione militari e civili. Per concludere, vorrei evidenziare come aldilà del contesto nazionale- rimane da meglio definire l inquadramento giuridico internazionale dei servizi privati di sicurezza nel contrasto della pirateria, nonché definire procedure globalmente condivise per la necessaria collaborazione tra Stati di bandiera, Stati costieri e di transito. Per questo il Ministero degli Affari Esteri guarda con vivo interesse ai lavori di questa Tavola rotonda, dalla quale emergeranno sicuramente spunti utili al nostro lavoro. Grazie per l attenzione.

OPERAZIONI DI CONTRASTO DELLA PIRATERIA IN ACQUE INTERNAZIONALI. Senato 15 giugno 2011 AUDIZIONE DELLA PROF. ANGELA DEL VECCHIO

OPERAZIONI DI CONTRASTO DELLA PIRATERIA IN ACQUE INTERNAZIONALI. Senato 15 giugno 2011 AUDIZIONE DELLA PROF. ANGELA DEL VECCHIO 1 OPERAZIONI DI CONTRASTO DELLA PIRATERIA IN ACQUE INTERNAZIONALI Senato 15 giugno 2011 AUDIZIONE DELLA PROF. ANGELA DEL VECCHIO Signor Presidente, onorevoli Senatori Ringrazio per l onore concessomi e

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA. ALLEGATO 2: Disposizioni per l approvazione del regolamento di servizio.

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA. ALLEGATO 2: Disposizioni per l approvazione del regolamento di servizio. ALLEGATO 2: Disposizioni per l approvazione del regolamento di servizio. Di seguito si riportano disposizioni generali riguardanti l organizzazione dei servizi e l impiego delle guardie giurate nei servizi

Dettagli

ISTANZA RILASCIO AUTORIZZAZIONE (1)/COMUNICAZIONE INIZIO SERVIZIO (2)/ DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ

ISTANZA RILASCIO AUTORIZZAZIONE (1)/COMUNICAZIONE INIZIO SERVIZIO (2)/ DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Alla Questura/Prefettura 1 di (e-mail: ) Al Comando Generale del corpo delle capitanerie di porto Guardia Costiera 6 Reparto Sicurezza della Navigazione Via dell Arte, 16 00144 ROMA (e-mail: ufficio2.reparto6@mit.gov.it)

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XXIV n. 24 RISOLUZIONE DELLA 4ª COMMISSIONE PERMANENTE (Difesa) d iniziativa dei senatori AMATO e PINOTTI approvata nella seduta pomeridiana del 22 giugno 2011

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI. Gestione sicurezza di una nave (Ship Security Management)

I NOSTRI SERVIZI. Gestione sicurezza di una nave (Ship Security Management) L AGENZIA SEAWAYS RISK SOLUTIONS è una agenzia operante nel campo della security in grado di fornire consulenze e servizi altamente professionali rivolti allo sviluppo e mantenimento dei più alti standard

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ALLA. Convenzione allegata al Protocollo di intesa tra Ministero della Difesa e Confederazione Italiana Armatori (CONFITARMA)

MODULO DI ADESIONE ALLA. Convenzione allegata al Protocollo di intesa tra Ministero della Difesa e Confederazione Italiana Armatori (CONFITARMA) MODULO DI ADESIONE ALLA Convenzione allegata al Protocollo di intesa tra Ministero della Difesa e Confederazione Italiana Armatori (CONFITARMA) per la prestazione di servizi finalizzata alla protezione

Dettagli

!"!#!$%!& &'#&!(!()* "!+,)-!"!

!!#!$%!& &'#&!(!()* !+,)-!! #$%& &'#&(()* +,)- #$%% % &'( ) * +* *,)(+, -../ % ' # 0 #1 '01 #234 5 + #5 ' # 0 #1 6 + ' 7 5)5+)8/91: 8 ( )# ; )< ( =(#< ( = ' %' # 0 #1 > # %*# # ) 5# 4* *3 #*% ;.'& = 4* &((&'(&'&'(( # **? ; @*- A/

Dettagli

Presentare le operazioni militari e le capacità militari

Presentare le operazioni militari e le capacità militari Presentare le operazioni militari e le capacità militari Military PESD mission Rafforzare capacità dell Unione Europea ad agire in ambito esterno attraverso lo sviluppo delle capacità civili e militari

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Conoscere ed utilizzare gli strumenti dell ILO e dell IMO sul benessere dei marittimi della pesca e del commercio (a bordo e a terra)

Conoscere ed utilizzare gli strumenti dell ILO e dell IMO sul benessere dei marittimi della pesca e del commercio (a bordo e a terra) GRUPPO DI LAVORO XXI CONGRESSO MONDIALE DELL APOSTOLATO DEL MARE Rio de Janeiro, Brasile, 29 Settembre - 5 Ottobre 2002 Conoscere ed utilizzare gli strumenti dell ILO e dell IMO sul benessere dei marittimi

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti COMANDO GENERALE DEL CORPO DELLE CAPITANERIE DI PORTO DECRETO DIRIGENZIALE N. 349 / 2013 DECRETO DI DISCIPLINA DELLE PROCEDURE TECNICO-AMMINISTRATIVE AFFERENTI

Dettagli

LE BOCCHE DI BONIFACIO DIVENTANO PSSA - PARTICULARY SENSITIVE SEA AREA.

LE BOCCHE DI BONIFACIO DIVENTANO PSSA - PARTICULARY SENSITIVE SEA AREA. LE BOCCHE DI BONIFACIO DIVENTANO PSSA - PARTICULARY SENSITIVE SEA AREA. A cura di Cristian Rovito Sottufficiale del Corpo delle Capitanerie di porto Guardia Costiera. Si stima che nelle Bocche di Bonifacio

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Venerdì, 29 marzo 2013 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Venerdì, 29 marzo 2013 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 154 - Numero 75 UFFICIALE DELLA

Dettagli

DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154

DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154 DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154 PERCORSO NORMATIVO Art. 18, co. 1 e 2 del DL 27/07/05, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio

Dettagli

La pirateria: che fare per sconfiggerla?

La pirateria: che fare per sconfiggerla? La pirateria: che fare per sconfiggerla? n. 44 - aprile 2012 A cura dello IAI (Istituto Affari Internazionali) La pirateria: che fare per sconfiggerla? Fabio Caffio e Natalino Ronzitti * * Fabio Caffio

Dettagli

IL CASO DEI FUCILIERI DI MARINA IN INDIA: UNA CAPORETTO DIPLOMATICA,

IL CASO DEI FUCILIERI DI MARINA IN INDIA: UNA CAPORETTO DIPLOMATICA, IL CASO DEI FUCILIERI DI MARINA IN INDIA: UNA CAPORETTO DIPLOMATICA, POLITICA E GIUDIZIARIA di Carlo Curti Gialdino (Professore associato di Diritto internazionale Sapienza Università di Roma) 3 aprile

Dettagli

Il Sistema di Gestione per la Security: i controlli previsti dal D. Lgs 196/03 e quelli basati sulla BS 7799-2:2002 in logica di Loss Prevention

Il Sistema di Gestione per la Security: i controlli previsti dal D. Lgs 196/03 e quelli basati sulla BS 7799-2:2002 in logica di Loss Prevention Il Sistema di Gestione per la Security: i controlli previsti dal D. Lgs 196/03 e quelli basati sulla BS 7799-2:2002 in logica di Loss Prevention Raoul Savastano Responsabile Security Services Kpmg Information

Dettagli

Convegno GESTIONE SOSTENIBILE DEL COSTRUITO ENEA 22 maggio 2012. Intervento del dott. Alberto De Gaetano Responsabile Attività Legislativa ANIA

Convegno GESTIONE SOSTENIBILE DEL COSTRUITO ENEA 22 maggio 2012. Intervento del dott. Alberto De Gaetano Responsabile Attività Legislativa ANIA Convegno GESTIONE SOSTENIBILE DEL COSTRUITO ENEA 22 maggio 2012 Intervento del dott. Alberto De Gaetano Responsabile Attività Legislativa ANIA Buongiorno. Anzitutto desidero esprimere un ringraziamento

Dettagli

MISURE DI CONTRASTO ALLA PIRATERIA MARITTIMA:

MISURE DI CONTRASTO ALLA PIRATERIA MARITTIMA: MISURE DI CONTRASTO ALLA PIRATERIA MARITTIMA: MISSIONI INTERNAZIONALI O SERVIZI PRIVATI ARMATI A BORDO? 1. PIRATI DEL XXI SECOLO: IL DILAGARE DI UN FENOMENO INQUIETANTE. La pirateria marittima costituisce

Dettagli

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management Idee per emergere Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management FI Consulting Srl Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (TV) Tel. 0438 360422 Fax 0438 411469 E-mail: info@ficonsulting.it

Dettagli

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Torino

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Torino INTERVENTO DEL PREFETTO DI TORINO, DOTT. GOFFREDO SOTTILE, AL CONVEGNO BANCHE E SICUREZZA 2005 - SOLUZIONI, STRUMENTI E METODOLOGIE PER UNA NUOVA STRATEGIA DI PROTEZIONE ROMA - 6/7 GIUGNO 2005 Dall angolo

Dettagli

Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali

Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali Elenco Enti: ICAO - FAA IATA EUROCONTROL EASA ENTI NAZIONALI ICAO (International

Dettagli

Impiego di guardie armate a bordo in funzione antipirateria. Aspetti legali ed assicurativi Recenti sviluppi della giurisprudenza in materia di piracy

Impiego di guardie armate a bordo in funzione antipirateria. Aspetti legali ed assicurativi Recenti sviluppi della giurisprudenza in materia di piracy Impiego di guardie armate a bordo in funzione antipirateria Aspetti legali ed assicurativi Recenti sviluppi della giurisprudenza in materia di piracy Claudio Perrella c.perrella@lslex.com Impiego di guardie

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante Attuazione della direttiva 2012/35/UE. UCINA Confindustria Nautica dr. Roberto Neglia

Schema di decreto legislativo recante Attuazione della direttiva 2012/35/UE. UCINA Confindustria Nautica dr. Roberto Neglia Schema di decreto legislativo recante Attuazione della direttiva 2012/35/UE UCINA Confindustria Nautica dr. Roberto Neglia Senato della Repubblica 11.03.2015 Illustre Signor presidente, illustri Senatori,

Dettagli

a cura del dott. Cristian Rovito Sottufficiale del Corpo delle Capitanerie di porto Guardia Costiera.

a cura del dott. Cristian Rovito Sottufficiale del Corpo delle Capitanerie di porto Guardia Costiera. L attività dell Organismo Investigativo sui sinistri marittimi: aspetti giuridici e tecnico operativi. a cura del dott. Cristian Rovito Sottufficiale del Corpo delle Capitanerie di porto Guardia Costiera.

Dettagli

Gli enti aeronautici internazionali

Gli enti aeronautici internazionali N O E S Gli enti aeronautici internazionali Approfondimenti 1 L ICAO L ICAO è un organismo internazionale permanente con sede a Montreal, creato dalla Convenzione di Chicago per promuovere ed assicurare

Dettagli

SOMALIA Un analisi sul coinvolgimento dell Italia Contesto storico e politico

SOMALIA Un analisi sul coinvolgimento dell Italia Contesto storico e politico SOMALIA Un analisi sul coinvolgimento dell Italia Contesto storico e politico La Somalia non ha avuto un vero e proprio governo nazionale per oltre venti anni, durante i quali è stata un territorio di

Dettagli

Patient Safety and Quality Improvement Act of 2005: quali opportunità applicative in Italia?

Patient Safety and Quality Improvement Act of 2005: quali opportunità applicative in Italia? Patient Safety and Quality Improvement Act of 2005: quali opportunità applicative in Italia? Il Servizio Sanitario Nazionale è caratterizzato da alcuni paradossi. Mentre, infatti, è indubbia la sua continua

Dettagli

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa Laura Blasiol Servizio Risk Management Milano, 30 giugno 2010 1 Agenda Solvency II: A challenge and an opportunity 2 Milestones 22/04/2009:

Dettagli

La pirateria marittima ha da sempre rappresentato. L Unione Europea contro la pirateria marittima nel Golfo di Aden. Cooperazione internazionale

La pirateria marittima ha da sempre rappresentato. L Unione Europea contro la pirateria marittima nel Golfo di Aden. Cooperazione internazionale Cooperazione internazionale L Unione Europea contro la pirateria marittima nel Golfo di Aden G. Masetti, F. Orsini La pirateria marittima ha da sempre rappresentato una minaccia al principio universalmente

Dettagli

ACQUE DI SUPERFICIE E MODELLI DI GESTIONE. Bologna, 13 MARZO 2009

ACQUE DI SUPERFICIE E MODELLI DI GESTIONE. Bologna, 13 MARZO 2009 ACQUE DI SUPERFICIE E MODELLI DI GESTIONE Bologna, 13 MARZO 2009 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE di GIORGIO STUPAZZONI Ricordare un centenario può rischiare di fare emergere soltanto retorica, agiografia, autoreferenzialità:

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 gennaio 2013. Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionale. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano. Contributo n 71

Contributo per la Carta di Milano. Contributo n 71 Milan Center for Food Law and Policy Contributo per la Carta di Milano Contributo n 71 Allegato A SCHEDA PER LA RACCOLTA DEI CONTRIBUTI DEL TAVOLO DI COORDINAMENTO PER LA CARTA DI MILANO Sezione tematica

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

Convegno ASSIOM FOREX - MILLIMAN GOVERNANCE E FUNZIONE ATTUARIALE IL RUOLO DEGLI ATTUARI

Convegno ASSIOM FOREX - MILLIMAN GOVERNANCE E FUNZIONE ATTUARIALE IL RUOLO DEGLI ATTUARI Convegno ASSIOM FOREX - MILLIMAN Milano, 24 maggio 2012 GOVERNANCE E IL RUOLO DEGLI ATTUARI CLAUDIO TOMASSINI SISTEMA DI GOVERNANCE FUNZIONE GESTIONE DEI RISCHI, ART. 44 (SISTEMA GESTIONE DEI RISCHI EFFICACE)

Dettagli

Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese.

Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese. Risoluzione ONU 1973/2011 sulla Libia. Traduzione italiana dal testo inglese. Ecco il testo integrale della risoluzione 1973 (2011) sulla Libia, approvata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Dettagli

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/OPAC/ITA/1 Quarantaduesima sessione 15 maggio 2 giugno 2006 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE Analisi dei Rapporti presentati dall Italia ai sensi dell art. 8 del Protocollo

Dettagli

RELAZIONE ALLA 9 th EURO-MED CONVENTION FROM LAND TO SEA MALTA, 21 OTTOBRE 2005

RELAZIONE ALLA 9 th EURO-MED CONVENTION FROM LAND TO SEA MALTA, 21 OTTOBRE 2005 trasporti - diritto, economia, politica volume 2006 - n. 98 SILVIO DI VIRGILIO * Capo del Dipartimento per la Navigazione e il Trasporto Marittimo e Aereo Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Dettagli

Articolo 1 (finalità) Articolo 2 (ambito di applicazione) Articolo 3 (definizioni)

Articolo 1 (finalità) Articolo 2 (ambito di applicazione) Articolo 3 (definizioni) DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2009/18/CE CHE STABILISCE I PRINCIPI FONDAMENTALI IN MATERIA DI INCHIESTE SUGLI INCIDENTI NEL SETTORE DEL TRASPORTO MARITTIMO E CHE MODIFICA LE DIRETTIVE

Dettagli

Diritti umani e diritto umanitario nei conflitti armati. Alessandra Annoni Università Magna Graecia Catanzaro alessandra.annoni@unicz.

Diritti umani e diritto umanitario nei conflitti armati. Alessandra Annoni Università Magna Graecia Catanzaro alessandra.annoni@unicz. Diritti umani e diritto umanitario nei conflitti armati Alessandra Annoni Università Magna Graecia Catanzaro alessandra.annoni@unicz.it 1. Il rapporto fra iusin bello e altre norme di diritto internazionale

Dettagli

Il quadro strategico delle azioni Nato

Il quadro strategico delle azioni Nato Il quadro strategico delle azioni Nato Visita della delegazione Fondazione Alcide De Gasperi, Associazione La Democrazia e dello IASEM Istituto Alti Studi Euro Mediterranei presso il segretariato generale

Dettagli

Schema SCS. Supply Chain Security Management System. Norma ISO 28000_2007. Riunione Ispettori 25 Maggio 2012 Slide n. domenica 15 luglio 2012

Schema SCS. Supply Chain Security Management System. Norma ISO 28000_2007. Riunione Ispettori 25 Maggio 2012 Slide n. domenica 15 luglio 2012 Schema SCS Supply Chain Security Management System Norma ISO 28000_2007 1 Schema SCS Supply Chain Security Management System Norma ISO 28000_2007 2 In rosso i Paesi aderenti all OECD; in blu i richiedenti

Dettagli

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA Signor Presidente, Signore e Signori, Cari colleghi, ringrazio innanzitutto il Governo del Brasile per l ospitalità che ha voluto riservare alle delegazioni

Dettagli

Icosti della pirateria somala per l economia globale sono uno degli aspetti meno

Icosti della pirateria somala per l economia globale sono uno degli aspetti meno 81 Capitolo quinto IL COSTO ECONOMICO DELLA PIRATERIA SOMALA 5. IL COSTO ECONOMICO DELLA PIRATERIA SOMALA Icosti della pirateria somala per l economia globale sono uno degli aspetti meno approfonditi e

Dettagli

XXVII Convegno Nazionale di IT Auditing, Security e Governance Innovazione e Regole: Alleati o Antagonisti?

XXVII Convegno Nazionale di IT Auditing, Security e Governance Innovazione e Regole: Alleati o Antagonisti? XXVII Convegno Nazionale di IT Auditing, Security e Governance Innovazione e Regole: Alleati o Antagonisti? L innovazione applicata ai controlli: il caso della cybersecurity Tommaso Stranieri Partner di

Dettagli

Audizione 13 a Commissione Permanente Territorio, ambiente, beni ambientali

Audizione 13 a Commissione Permanente Territorio, ambiente, beni ambientali Audizione 13 a Commissione Permanente Territorio, ambiente, beni ambientali Le problematiche ambientali connesse alla prospezione, ricerca, coltivazione ed estrazione di idrocarburi liquidi in mare, anche

Dettagli

alla pirateria marittima

alla pirateria marittima Cooperazione Internazionale Le Nazioni Unite impegnate nel contrasto alla pirateria marittima Fabio Caffio Dopo anni che si discuteva sul come contrastare la minaccia dei pirati somali alla sicurezza delle

Dettagli

PROGETTO LAMPEDUSA. Parere del 9 maggio 2014 a cura del Gruppo di studio del Progetto Lampedusa

PROGETTO LAMPEDUSA. Parere del 9 maggio 2014 a cura del Gruppo di studio del Progetto Lampedusa PROGETTO LAMPEDUSA Parere del 9 maggio 2014 a cura del Gruppo di studio del Progetto Lampedusa COOPERAZIONE INTERNAZIONALE IN MATERIA DI SOCCORSO IN MARE: NORMATIVA INTERNA E CONVENZIONALE. COMPATIBILITÀ

Dettagli

Legge 30 luglio 2004, n.207

Legge 30 luglio 2004, n.207 Legge 30 luglio 2004, n.207 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 giugno 2004, n. 160, recante proroga della partecipazione italiana a missioni internazionali" pubblicata nella

Dettagli

ACCORDO TRA IRLANDA, REGNO DEI PAESI BASSI, REGNO DI SPAGNA, REPUBBLICA ITALIANA, REPUBBLICA PORTOGHESE, REPUBBLICA FRANCESE,

ACCORDO TRA IRLANDA, REGNO DEI PAESI BASSI, REGNO DI SPAGNA, REPUBBLICA ITALIANA, REPUBBLICA PORTOGHESE, REPUBBLICA FRANCESE, ACCORDO TRA IRLANDA, REGNO DEI PAESI BASSI, REGNO DI SPAGNA, REPUBBLICA ITALIANA, REPUBBLICA PORTOGHESE, REPUBBLICA FRANCESE, E REGNO UNITO DI GRAN BRETAGNA ED IRLANDA DEL NORD CHE ISTITUISCE UN CENTRO

Dettagli

Milos servizio pesa legale(ed eventuale misurazione sagome 3D)

Milos servizio pesa legale(ed eventuale misurazione sagome 3D) Milos servizio pesa legale(ed eventuale misurazione sagome 3D) Gli emendamenti alla normativa SOLAS (Safety of Life at Sea Salvaguardia della vita umana in mare), che rendono obbligatoria la verifica della

Dettagli

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

La norma ISO/IEC 27018: protezione dei dati personali nei servizi Public Cloud

La norma ISO/IEC 27018: protezione dei dati personali nei servizi Public Cloud La norma ISO/IEC 27018: protezione dei dati personali nei servizi Public Cloud Mariangela Fagnani ICT Security & Governance Senior Advisor Sernet SpA Sessione di Studio AIEA 19 Giugno 2015 Sernet e l offerta

Dettagli

anno I, n.2, 2011 Recensioni

anno I, n.2, 2011 Recensioni L. Salamone, La disciplina giuridica dell'immigrazione clandestina via mare, nel diritto interno, europeo ed internazionale, Torino, Giappichelli 2011, pp. XXVI-406 Come è noto, gli arrivi irregolari per

Dettagli

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA

STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA LA CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA STATUTO DELLE NAZIONI UNITE (estratto) Capitolo XIV CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA Articolo 92 La Corte Internazionale di Giustizia costituisce il principale organo

Dettagli

Argomenti della presentazione:

Argomenti della presentazione: Argomenti della presentazione: VTMIS Nazionale, Sistema SafeSeaNet, Sistema AIS (Automatic Identification System), Sistema VTS (Vessel Traffic Service). 1 Cos è il VTMIS Nazionale 2 VTMIS Nazionale (Vessel

Dettagli

La pirateria nelle acque dell Oceano indiano

La pirateria nelle acque dell Oceano indiano Maritime Security Distinti signori, Abbiamo l onore di presentarci come gruppo Esse Security Strategic end Partners. Esse Security International è la compagnia europea di sicurezza privata con la maggiore

Dettagli

Informative posta elettronica e internet

Informative posta elettronica e internet SOMMARIO Disclaimer mail che rimanda al sito internet 2 Informativa sito internet 3 Data Protection Policy 5 pag. 1 Disclaimer mail che rimanda al sito internet Il trattamento dei dati avviene in piena

Dettagli

Insufficienza del diritto e ragioni per la ricerca di una integrazione con la CSR

Insufficienza del diritto e ragioni per la ricerca di una integrazione con la CSR Transnational Corporations and Human Rights: Responsibility or Accountability? Elena Pariotti elena.pariotti@unipd.it Insufficienza del diritto e ragioni per la ricerca di una integrazione con la CSR Il

Dettagli

Antonio Bellesi, Renato Roffi La sicurezza della navigazione nei suoi aspetti normativi, ambientali ed applicativi

Antonio Bellesi, Renato Roffi La sicurezza della navigazione nei suoi aspetti normativi, ambientali ed applicativi A12 394 Antonio Bellesi, Renato Roffi La sicurezza della navigazione nei suoi aspetti normativi, ambientali ed applicativi La disciplina della safety e della security nonché il ruolo del R.I.Na. S.p.A.

Dettagli

Analisi dei Requisiti, Progettazione Preliminare ed Esecutiva di Grandi Sistemi Ingegneristici: Casi di Studio

Analisi dei Requisiti, Progettazione Preliminare ed Esecutiva di Grandi Sistemi Ingegneristici: Casi di Studio Seminario di Analisi dei Requisiti, Progettazione Preliminare ed Esecutiva di Grandi Sistemi Ingegneristici: Casi di Studio Corso di Ingegneria dei Sistemi Software e dei Servizi in Rete Parte 2. Caso

Dettagli

INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO-

INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO- DIPARTIMENTO IMPRESA ED INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI INDUSTRIAL DESIGN AS A TOOL FOR INNOVATION AND SOCIO- ECONOMIC GROWTH:

Dettagli

CAPITOLO XI-2 (Misure speciali per incrementare la sicurezza marittima)

CAPITOLO XI-2 (Misure speciali per incrementare la sicurezza marittima) CAPITOLO XI-2 (Misure speciali per incrementare la sicurezza marittima) Regola 1 Definizioni 1. Per gli scopi di questo capitolo, se non diversamente stabilito: 1 Bulk carrier identifica una porta rinfuse

Dettagli

La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India

La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India Cloud computing e processi di outsourcing dei servizi informatici La tutela dei dati nei processi di outsourcing informatico in India Domenico Francavilla Dipartimento di Scienze Giuridiche Università

Dettagli

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Tavolo di consultazione con la Società civile per la preparazione della seconda fase del VERTICE MONDIALE SULLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Tunisi 2005 Roma, martedì

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Intervento dell Avvocato Generale dello Stato. Avv. Michele Dipace

Intervento dell Avvocato Generale dello Stato. Avv. Michele Dipace Intervento dell Avvocato Generale dello Stato Avv. Michele Dipace IN OCCASIONE DELLA CERIMONIA DI INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO 2013 (Roma, 25 gennaio 2013) Signor Presidente della Repubblica, Autorità,

Dettagli

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE Agenda Item 9 EACC(11)M22Prep-QUESTIONS TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE WARNING: Documento NON UFFICIALE. Quando disponibile il verbale

Dettagli

Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione

Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione 1 AGENDA Criticità del software nel settore aerospaziale Standard di riferimento esistenti e loro similitudini/differenze (panoramica

Dettagli

Policy di MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. in materia di Antiriciclaggio e Contrasto al Finanziamento del.

Policy di MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. in materia di Antiriciclaggio e Contrasto al Finanziamento del. Policy di MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. in materia di Antiriciclaggio e Contrasto al Finanziamento del Terrorismo (Direttiva 2005/60/CE, Direttiva 2006/70/CE, D.Lgs. 231/2007, D.Lgs.

Dettagli

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari BARI, 28 Maggio 2014 project partners IL PROTOTIPO DI NATIONAL MARITIME

Dettagli

1 a CONFERENZA NAZIONALE DEL SETTORE ATTRAZIONI PER PARCHI DIVERTIMENTO

1 a CONFERENZA NAZIONALE DEL SETTORE ATTRAZIONI PER PARCHI DIVERTIMENTO AMUSEMENT INDUSTRY COUNCIL of EUROPE EUROPEAN ASSOCIATION AMUSEMENT SUPPLIER INDUSTRY INTERNATIONAL ASSOCIATION OF AMUSEMENT PARKS AND ATTRACTIONS 1 a CONFERENZA NAZIONALE DEL SETTORE ATTRAZIONI PER PARCHI

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

the company and the partners

the company and the partners the company and the partners Visemar line is the only service which is structured to accommodate in the same time rolling cargo and passengers The service will give the opportunity to the Syrians and Egyptian

Dettagli

Parte II Analisi per singoli Paesi

Parte II Analisi per singoli Paesi Parte II Analisi per singoli Paesi Capitolo VII - Cipro Capitolo VII CIPRO SOMMARIO: 7.1 Disciplina. - 7.2 Dall 11 settembre 2001. 7.1 Disciplina Le fonti normative cipriote in materia di segreto bancario

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia 01 Angelo Micocci: fonti e definizioni 1 Obiettivo della lezione Internal Control

Dettagli

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA Sentiamo la responsabilità di essere un player globale in un settore caratterizzato da elementi strategici di grande delicatezza. L attenzione alle regole e la

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Management e certificazione: valori per le reti di impresa

Management e certificazione: valori per le reti di impresa ACCREDIA L ente italiano di accreditamento ACCREDIA Management e certificazione: valori per le reti di impresa Roma, 9 maggio 2013 Documento sviluppato da: Accredia Via G. Saliceto, 7/9 00161 Roma Rif.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

LE TECNOLOGIE ALIMENTARI PER LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E IL RISPETTO PER L AMBIENTE

LE TECNOLOGIE ALIMENTARI PER LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E IL RISPETTO PER L AMBIENTE LE TECNOLOGIE ALIMENTARI PER LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E IL RISPETTO PER L AMBIENTE Luciano Piergiovanni COSA ABBIAMO NEL PIATTO: TECNOLOGIE, AMBIENTE, EDUCAZIONE, SICUREZZA. Milano, 17 ottobre 2012

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Pannello LEXAN BIPV. 20 Novembre 2013

Pannello LEXAN BIPV. 20 Novembre 2013 Pannello LEXAN BIPV 20 Novembre 2013 PANELLO LEXAN BIPV Il pannello LEXAN BIPV (Building Integrated Photovoltaic panel) è la combinazione di una lastra in policarbonato LEXAN con un pannello fotovoltaico

Dettagli

Trasparenza ed efficacia della comunicazione durante eventi di emergenze radiologiche e nucleari

Trasparenza ed efficacia della comunicazione durante eventi di emergenze radiologiche e nucleari 48 Corso della Scuola Superiore di Radioprotezione Carlo Polvani La gestione delle emergenze radiologiche e nucleari : aspetti di radiobiologia 5-7 novembre 2012 ENEA, Centro Ricerche Casaccia, Roma Trasparenza

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly linked to the oral comments which were made at its presentation,

Dettagli

LA SICUREZZA DEL VOLO La Security

LA SICUREZZA DEL VOLO La Security 11 LA SICUREZZA DEL VOLO La Security 91 INTRODUZIONE Il concetto di security era già presente in nuce negli atti della Convenzione di Chicago del 1944 ed è stato successivamente sviluppato dalle convenzioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MIUR DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE, L INTEGRAZIONE, LA PARTECIPAZIONE E LA COMUNICAZIONE E PROTOCOLLO DI INTESA tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

Dettagli

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa it D.M. 10 maggio 1994, n. 415 Regolamento per la disciplina delle categorie di documenti sottratti al diritto di accesso ai documenti amministrativi, in attuazione

Dettagli

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Elena Cervasio LRQA Italy La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Motivazioni e Milestone INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 2 Scenario INNOVAZIONE E

Dettagli

Educazione ai diritti umani; campagna contro la

Educazione ai diritti umani; campagna contro la GIULIO TERZI MINISTRO DEGLI ESTERI 1 Educazione ai diritti umani; campagna contro la pena di morte; libertà di religione; diritti dei bambini nei conflitti; diritti delle donne e lotta contro le mutilazioni

Dettagli

Nessuna perdita di tempo

Nessuna perdita di tempo Océ TCS500 Nessuna perdita di tempo Sistema per la stampa, la copia e l acquisizione Grande Formato a colori Pronto per ogni lavoro: Sempre il risultato corretto estremamente produttivo Eccellente produttività

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSEMBLEA LEGISLATIVA "BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI" I COMMISSIONE ASSEMBLEARE PERMANENTE

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSEMBLEA LEGISLATIVA BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI I COMMISSIONE ASSEMBLEARE PERMANENTE Atti assembleari VIII LEGISLATURA Commissioni DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E DI REGOLAMENTO - PROVVEDIMENTI ATTI E RELAZIONI DI COMPETENZA DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

L universalità dei diritti umani: una conquista o un utopia? Milano, Casa dei diritti umani, via De Amicis 10 10 dicembre 2015, ore 14.

L universalità dei diritti umani: una conquista o un utopia? Milano, Casa dei diritti umani, via De Amicis 10 10 dicembre 2015, ore 14. L universalità dei diritti umani: una conquista o un utopia? Milano, Casa dei diritti umani, via De Amicis 10 10 dicembre 2015, ore 14.30 Quale approccio scegliere: a) storico b) tematico c) problematico

Dettagli

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni: Codice di Autodisciplina/Amendemnts to the Instructions: Code

Dettagli

Prefettura di Verona Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Verona Ufficio territoriale del Governo PROTOCOLLO DI INTESA CON ISTITUTI DI VIGILANZA PRIVATA PREMESSO che in sede di Riunione tecnica di Coordinamento delle Forza di Polizia è emersa l esigenza di individuare concordi strategie operative e

Dettagli

Superyacht Normativa di riferimento

Superyacht Normativa di riferimento Superyacht Normativa di riferimento Venezia 14 marzo 2008 Superyacht: Normativa di riferimento Indice Il mercato dei SY: order book, charter, costi di gestione, indotto La normativa europea La normativa

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE CAPO I ORGANIZZAZIONE DEL CORPO ART. 1 ORGANO DI GOVERNO Il presidente della Provincia, nell esercizio della funzione di indirizzo politico

Dettagli