locale MANOR FOOD (Mercati Manor Food e Ristoranti Manora) Linee guida per il marchio proprio di MANOR La presente versione è valida per l anno 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "locale MANOR FOOD (Mercati Manor Food e Ristoranti Manora) Linee guida per il marchio proprio di MANOR La presente versione è valida per l anno 2015"

Transcript

1 Linee guida per il marchio proprio di MANOR locale MANOR FOOD (Mercati Manor Food e Ristoranti Manora) La presente versione è valida per l anno 2015 Situazione al 31 dicembre 2014 Autore: Commissione del marchio proprio di Manor

2 Sommario 1. Preambolo 3 2. Disposizioni generali 3 3. Requisiti generali del marchio locale 3 4. Certificazione e QM 5 5. Ristoranti Manora 5 6. Comunicazione del marchio locale 6 7. Allegati 6 Direttive locale Manor Food & Manora

3 1 Preambolo Considerati la sempre maggiore focalizzazione sul commercio al dettaglio svizzero, la crescente concorrenza e pressione sui prezzi e le tendenze al livellamento e alla globalizzazione per quanto riguarda i prodotti, i clienti nutrono un crescente interesse nei confronti di derrate alimentari di origine locale. Sono definiti prodotti locali i prodotti che vengono consegnati direttamente da produttori e trasformatori ubicati nelle vicinanze del supermercato. Con il label locale Manor contrassegna i prodotti provenienti dalla regione del rispettivo Mercato Food. In tal modo Manor sottolinea il radicamento locale dei Mercati Food e la vicinanza ai clienti. Grazie a prodotti locali l offerta si distingue in modo significativo da quella della concorrenza. Tali prodotti promuovono la creazione di valore aggiunto a livello locale (possibilità di smercio per le piccole aziende di produzione) e supportano gli sforzi di Manor a favore della sostenibilità (diversità, tragitti di trasporto brevi). Le direttive per il marchio locale regolano in modo esaustivo i requisiti che un prodotto deve soddisfare per poter essere incluso nell'assortimento Manor Food come prodotto certificato locale. 2 Disposizioni generali Tutti i prodotti contrassegnati con il label locale e venduti presso Manor devono sempre soddisfare i requisiti della Legge federale sulle derrate alimentari (LDerr) e delle relative ordinanze (ad es. Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari (OCDerr)). Sono anche da rispettare vari requisiti base di livello superiore dei marchi propri di Manor Food. Sostanzialmente questi requisiti vengono citati nel formulario di accettazione "Iscrizione del fornitore locale". Inoltre vanno rispettati i requisiti seguenti: - Uova e prodotti a base di uova devono provenire da detenzioni al coperto o all aperto. - Impiego obbligatorio di olio di palma sostenibile, certificato secondo RSPO o Identity Preserved. - Rispetto della legislazione svizzera sulle derrate alimentari anche per l importazione di materie prime sensibili (ad es. le disposizioni sulla detenzione di animali per quanto riguarda la produzione di carne e uova). La Commissione del marchio proprio, in coordinazione con l'ente certificatore, prende le decisioni riguardo alle eccezioni. Le eccezioni devono essere motivate e temporanee. Avviene una rivalutazione regolare nel quadro della revisione delle linee guida. 3 Requisiti generali del marchio locale I prodotti locale si distinguono per il loro legame con la regione: - origine locale - ricetta / qualità locale fornitore locale (noto) prodotti innovativi con identità locale - l assortimento di base per tutti i Mercati Food comprende: 1. frutta / verdura, latticini, uova, marmellata / miele, bevande / vino 2. almeno un azienda fornitrice con certificato Bio Suisse con almeno 3 tipi di frutta o verdura Direttive locale Manor Food & Manora

4 Tutte le derrate alimentari con il label locale vengono prodotte in un raggio di massimo 30 km in linea d aria dal Mercato Food. Per i Mercati Food ticinesi, invece del raggio di 30 km, vale come limite il confine del Cantone. Mentre per il produttore all origine (trasformatore in azienda) il calcolo del bacino locale si esegue sulla base dell indirizzo della fattoria, per le aziende di trasformazione viene considerato il luogo di produzione. La distanza in linea d aria viene rilevata con il programma e rappresenta una parte integrante e fondamentale del processo di certificazione. I dati vengono riportati per l'etichettatura della distanza rispetto al punto di vendita. I prodotti svizzeri con marchio locale vengono equiparati a prodotti provenienti dal Principato del Lichtenstein, dalla zona franca di Ginevra nonché dalle zone di confine regolate nei trattati. Quale presupposto è necessario rispettare in modo documentato i requisiti di base della Legge federale sulla protezione degli animali e dell'esclusione assicurata di OGM (modulo per l'iscrizione del fornitore locale Manor o tramite certificato, ad es. Suisse Garantie). In caso di prodotti locale equiparabili, viene data la preferenza ai prodotti che, oltre al legame con la regione, offrono anche un valore aggiunto: IP SUISSE, Bio ecc. L introduzione di nuovi prodotti è regolata nel processo di certificazione locale 2014 (cfr. Allegati). 3.1 Prodotti locale di produttori all origine I monoprodotti non lavorati provengono al 100% dal bacino locale (ad es. frutta e verdura, pesce, uova). Anche le aziende di commercializzazione locale, ivi inclusi i loro subfornitori, devono trovarsi nel bacino definito (max. 30 km / Ticino: confini cantonali). I monoprodotti acquistati presso terzi devono essere documentati tramite bollettino di consegna e valutazione del flusso di merce. Per quanto riguarda i produttori all'origine (aziende fornitrici dirette di prodotti agricoli) e le aziende di trasformazione in fattoria, per l'accettazione nell'assortimento locale viene verificato il rispetto delle linee guida locale. Possono fungere da aziende di trasformazione in fattoria anche delle semplici aziende di trasformazione o di preparazione che producono le materie prime principali dei prodotti locale nelle proprie aziende agricole (ad es. vino, liquori, miele). La commissione per il marchio proprio Manor svolge una valutazione basata sul rischio e può ordinare dei controllo sul posto, in particolare prima della prima certificazione, nel caso di sospetti, nonché nel quadro della progettazione annuale dei controlli a campione. 3.2 Prodotti locale trasformati La produzione di prodotti trasformati devono avvenire nell ambito del raggio di distanza definito (max. 30 km / Ticino: confini cantonali). Le materie prime devono provenire per quanto possibile da fonti locali e, in caso contrario, essere di origine regionale o svizzera, se disponibili in quantità sufficienti. Sono concesse anche le materie prime non disponibili per motivi climatici e agronomici (ad es. caffè, cacao). Complessivamente, almeno il 60% della creazione di valore deve tuttavia avvenire nel raggio di distanza definito (max. 30 km / Ticino: confini cantonali). Il calcolo della creazione di valore è decisivo. Quest ultima deve corrispondere almeno al 60% per il relativo bacino. Il modulo elaborato da Manor permette di calcolare la creazione di valore (cfr. Allegati). Direttive locale Manor Food & Manora

5 3.3 Regolamentazione delle eccezioni Le eccezioni, come la trasformazione per conto terzi, l origine delle materie prime, la creazione di valore, ecc., vengono approvate dalla Commissione del marchio Manor. Le autorizzazioni eccezionali sono valide per un anno e vengono riconsiderate annualmente. Le disposizioni dettagliate per le categorie di prodotto sono riportate nella Direttiva 1 Requisiti per le categorie di prodotto. 4 Certificazione e QM locale è un label certificato che garantisce il rispetto delle direttive tramite un ente certificatore esterno (q.inspecta). Oltre alla certificazione biennale di tutte le aziende di trasformazione, oltre alla certificazione di tutti i produttori all origine e trasformatori in azienda riconosciuti annualmente e oltre alla certificazione annuale dei canali di distribuzione (Manor Food & Manora), ogni anno circa il 5% di tutti i fornitori sono oggetto di un controllo sul posto senza preavviso. In tal modo si garantisce il rispetto delle direttive e l elevata credibilità del label Manor locale. Le disposizioni dettagliate per la certificazione locale ora sono riportate nella Direttiva 2. 5 Ristoranti Manora 5.1 Requisiti per i ristoranti Manora Per l'acquisto di prodotti locale viene incoraggiata espressamente una collaborazione tra i supermercati Manor e i ristoranti Manora, in modo da rafforzare l'identità della posizione e la collaborazione tra partner locali. Assortimento di base locale presente tutto l'anno nei ristoranti Manora: - ingredienti di almeno 2 prodotti locale nel settore di assortimento frutta e verdura - almeno 1 fornitore di vino locale con 1-2 qualità di vino (ad es. rosso e bianco) nell'assortimento Durante un lasso di tempo chiaramente definito (stagione locale) gli ingredienti contrassegnati secondo le direttive locale vengono acquistati, stoccati e lavorati esclusivamente da aziende fornitrici certificate locale (una sola qualità per l intero ristorante). Se, in casi straordinari, la consegna non può avvenire (ad es. per danni da maltempo), il contrassegno locale deve essere rimosso. Il contrassegno locale viene apposto su singoli ingredienti risp. pietanze e viene modificato in base all offerta attuale. Le informazioni generali sulle aziende fornitrici locale vengono comunicate indipendentemente dal contrassegno sui prodotti (ad es. all ingresso del locale) tramite cartelli locale (foto, nome, luogo, come nei supermercati) e certificati locale di q.inspecta (emessi appositamente per Manora). 5.2 Certificazione e QM Manora Le aziende fornitrici locale devono per quanto possibile corrispondere a quelle del Mercato Food (determinazione di nuove aziende fornitrici per le filiali senza Mercato Food). Direttive locale Manor Food & Manora

6 La Commissione del marchio proprio decide in coordinamento con la direzione acquisti Manor in merito all ammissione delle aziende fornitrici locale. Le disposizioni dettagliate per la certificazione locale ora sono riportate nella Direttiva 2. 6 Comunicazione del marchio locale Immagine sul mercato: valgono le disposizioni locale attuali del documento Marchi propri Manor Food (Manuale locale e Visual Briefing) nonché le relative disposizioni della Box Collection. Verrà creato un piano di comunicazione annuale per i prodotti locale di fornitori diretti (prodotti freschi non trasformati) e di prodotti trasformati localmente. I Mercati Manor Food sono responsabili della pianificazione e realizzazione di degustazioni e promozioni con i propri fornitori. 7 Allegati Direttiva 1: Requisiti per le categorie di prodotto - ivi inclusa la lista attuale delle autorizzazioni eccezionali con le motivazioni Direttiva 2: Certificazione e sanzione di aziende fornitrici dei Mercati Food e dei Ristoranti Manora - Procedura locale 2014 (ivi inclusi tutti i documenti di lavoro Manor collegati tramite link) - Moduli Iscrizione fornitore locale, Informazione sul prodotto, Calcolo della creazione di valore (controllo della ricetta) - Programma di lavoro online per i prodotti locale (inspectanet) - Lista dei fornitori locale della Commissione del marchio proprio - Manuale Visual Briefing Distanza trattore - Visual Briefing locale Ticino - Progettazione dei controlli a campione Direttive locale Manor Food & Manora

locale MANOR FOOD (Mercati Manor Food e Ristoranti Manora) Linee guida per il marchio proprio di MANOR La presente versione è valida per l anno 2016

locale MANOR FOOD (Mercati Manor Food e Ristoranti Manora) Linee guida per il marchio proprio di MANOR La presente versione è valida per l anno 2016 Linee guida per il marchio proprio di MANOR locale MANOR FOOD (Mercati Manor Food e Ristoranti Manora) La presente versione è valida per l anno 2016 Situazione al 31 dicembre 2015 Autore: Commissione del

Dettagli

Bio Natur Plus. Versione breve. Linee guida per il marchio proprio di MANOR

Bio Natur Plus. Versione breve. Linee guida per il marchio proprio di MANOR Versione breve Linee guida per il marchio proprio di MANOR Bio Natur Plus Versione breve La presente versione è valida per l anno 2015 Situazione al 31 dicembre 2014 Autore: Commissione del marchio proprio

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C KF-30-08-128-IT-C Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale www.organic-farming.europa.eu La scelta naturale Cosa significa acquistare biologico Fa bene alla natura, fa bene a te. Cos è l agricoltura

Dettagli

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Qualità con indicazione di origine "Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige" DISCIPLINARE per il settore Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Decreto Presidente della Provincia n. 55 del 04.02.2014

Dettagli

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO

ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ESPORTAZIONE VERSO L UE DI PRODOTTI A BASE DI CARNE DESTINATI AL CONSUMO UMANO ACCORDO BILATERALE SVIZZERA/UE SUI PRODOTTI AGRICOLI L'accordo del 21 giugno 1999, fra la Confederazione Svizzera e la Comunità

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Ordinanza concernente la dichiarazione di prodotti agricoli ottenuti mediante metodi vietati in Svizzera

Ordinanza concernente la dichiarazione di prodotti agricoli ottenuti mediante metodi vietati in Svizzera Ordinanza concernente la dichiarazione di prodotti agricoli ottenuti mediante metodi vietati in Svizzera (Ordinanza sulle dichiarazioni agricole, ODAgr) Modifica del 20 maggio 2015 Il Consiglio federale

Dettagli

Rapporto esplicativo relativo al diritto di esecuzione «Swissness»

Rapporto esplicativo relativo al diritto di esecuzione «Swissness» Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Istituto Federale della Proprietà Intellettuale IPI Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca DEFR Ufficio federale dell agricoltura

Dettagli

PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017

PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017 PROCEDURA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA IN AUTOGESTIONE PERIODO 1.9.2013/30.06.2017 Criteri di valutazione delle offerte Allegato n. 12 al Capitolato Speciale d Appalto Indice

Dettagli

Dogana Svizzera. Disposizioni doganali. Camera di commercio di Ancona - 23 marzo 2012 P. Prada Direzione delle dogane Lugano

Dogana Svizzera. Disposizioni doganali. Camera di commercio di Ancona - 23 marzo 2012 P. Prada Direzione delle dogane Lugano Dogana Svizzera Disposizioni doganali Camera di commercio di Ancona - 23 marzo 2012 P. Prada Direzione delle dogane Lugano Compiti La riscossione dei tributi (dazi, IVA, imposta sugli oli minerali, sugli

Dettagli

ParTeciPare da subito in quanto commerciante, albergatore o ristoratore www.fairtradetown.ch

ParTeciPare da subito in quanto commerciante, albergatore o ristoratore www.fairtradetown.ch ParTeciPare da subito in quanto commerciante, albergatore o ristoratore ecco CoMe i CoMMeRCiANti, GLi ALbeRGAtoRi e i RiStoRAtoRi PoSSoNo CoNtRibUiRe AL SUCCeSSo DeLLA CAMPAGNA www.fairtradetown.ch 2 LA

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I

il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F

Dettagli

IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE. Intervento di Kees De Roest Centro Ricerche Produzioni Animali

IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE. Intervento di Kees De Roest Centro Ricerche Produzioni Animali Consorzio del Formaggio Parmigiano-Reggiano Convegno IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE Intervento di Kees De Roest Centro Ricerche Produzioni Animali La vendita del Parmigiano-Reggiano

Dettagli

Patrizia Giuliotti Delegato Commerciale. CNA Roma e Lazio 18 gennaio 2013

Patrizia Giuliotti Delegato Commerciale. CNA Roma e Lazio 18 gennaio 2013 FARE BUSINESS CON IL CANADA Patrizia Giuliotti Delegato Commerciale AMBASCIATA DEL CANADA CNA Roma e Lazio 18 gennaio 2013 Agenda Ambasciata del Canada in Italia Perché il Canada Rapporti commerciali Canada

Dettagli

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche

Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione Strategia Reti elettriche Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni (DATEC) Ufficio federale dell energia 28 novembre 2014 Scheda informativa: avamprogetto per la procedura di consultazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio VIII DGSAF-Coordinamento PIF-UVAC LINEE GUIDA SUL REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/329 RECANTE DEROGA

Dettagli

Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente

Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente (Ordinanza sull agricoltura biologica) Modifica del 29 ottobre 2014 Il Consiglio federale

Dettagli

Direttiva Coop Oecoplan

Direttiva Coop Oecoplan Informazione: Sostenibilità Coop Tel. +41 61 336 71 00 Nachhaltigkeit@coop.ch Approvata da: Coop, Direzione 3 Marketing/Acquisti: 22.03.2016 (sostituisce la versione di settembre 2014) Lingue: tedesco,

Dettagli

Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Disciplinare. per il settore.

Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Disciplinare. per il settore. Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige Disciplinare per il settore Piccoli frutti Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 7868 del 18.06.2015

Dettagli

Food Safety System Certification 22000. fssc 22000

Food Safety System Certification 22000. fssc 22000 Food Safety System Certification 22000 fssc 22000 Certificazione del sistema di gestione della sicurezza alimentare FSSC 22000 La FSSC 22000, Certificazione del sistema di gestione della sicurezza alimentare

Dettagli

Abitat. Forum su sviluppo e ambiente PAS - Progetto acquisti pubblici sostenibili

Abitat. Forum su sviluppo e ambiente PAS - Progetto acquisti pubblici sostenibili Abitat. Forum su sviluppo e ambiente PAS - Progetto acquisti pubblici sostenibili Conferenza Alla scoperta degli acquisti pubblici sostenibili USI - Lugano, giovedì 30 marzo 2006 Avv. Monica Della Monica,

Dettagli

916.351.0 Ordinanza concernente l assicurazione della qualità e il controllo di qualità nell economia lattiera

916.351.0 Ordinanza concernente l assicurazione della qualità e il controllo di qualità nell economia lattiera Ordinanza concernente l assicurazione della qualità e il controllo di qualità nell economia lattiera (Ordinanza sulla qualità del latte, OQL) del 7 dicembre 1998 (Stato 15 maggio 2001) Il Consiglio federale

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

Regione Campania. Linee Guida Presentazione Offerta

Regione Campania. Linee Guida Presentazione Offerta Regione Campania Linee Guida Presentazione Offerta Sommario Sommario... 2 Introduzione... 3 Destinatari del documento...3 Scopo e struttura del documento...3 Accesso al portale...5 Invito...6 Richiesta

Dettagli

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Avv. Chiara Marinuzzi G a e t a n o F o r t e Studio Legale Seminario Legacoop - Bologna, 3

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. Appendice Settore Agroalimentare Pagina 1/5 APPENDICE I SETTORE AGROALIMETARE 1 - Obiettivo Il presente

Dettagli

Ispezione di aziende soggette ad autorizzazione secondo l articolo 13 dell ordinanza sulle derrate alimentari e gli oggetti d uso

Ispezione di aziende soggette ad autorizzazione secondo l articolo 13 dell ordinanza sulle derrate alimentari e gli oggetti d uso Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione protezione dei consumatori Guida Berna, 31 marzo 2011 Ispezione di aziende soggette ad autorizzazione

Dettagli

Welfare Policy sugli animali ALDI SUISSE

Welfare Policy sugli animali ALDI SUISSE Welfare Policy sugli animali ALDI SUISSE OGGI PER DOMANI Welfare Policy sugli animali 1 / 4 1º La nostra responsabilità Come importante discount in Svizzera ci assumiamo la nostra responsabilità nei confronti

Dettagli

Attestato professionale federale sommelière/sommelier Relazione sul progetto e sulla collocazione

Attestato professionale federale sommelière/sommelier Relazione sul progetto e sulla collocazione Attestato professionale federale sommelière/sommelier Relazione sul progetto e sulla collocazione Punto di partenza Da vari anni esistono in Svizzera vari corsi per sommelier offerti da diverse organizzazioni

Dettagli

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE INDICE ARTICOLO 1 definizione ARTICOLO 2 - zone ed aree commerciali ARTICOLO 3 distanze

Dettagli

Agenzia ICE - ufficio di Stoccolma. Svezia. Il mercato dei prodotti biologici

Agenzia ICE - ufficio di Stoccolma. Svezia. Il mercato dei prodotti biologici Agenzia ICE - ufficio di Stoccolma Svezia Il mercato dei prodotti biologici agosto 2013 INDICE 1. ASPETTI NORMATIVI SULLE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI AGRO- ALIMENTARI (SINTESI)...2 2. IL SISTEMA DISTRIBUTIVO

Dettagli

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene GLI SCHEMI INTERNAZIONALI DI CERTIFICAZIONE (IFS, BRC, EUREPGAP E ISO 22000) A SUPPORTO DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI IGIENE, SICUREZZA E RINTRACCIABILITÀ La rintracciabilità e la gestione dei requisiti

Dettagli

Tecniche di approvvigionamento

Tecniche di approvvigionamento Tecniche di approvvigionamento Scelta del fornitore È certamente opportuno non avere un unica fonte di approvvigionamento, ma più aziende fornitrici (due o tre al massimo) a cui rivolgersi in base all

Dettagli

CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI

CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI CITTÀ DI CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI RISERVATA AGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Approvato con Deliberazione di C.C. n. 25 del 27/04/2016 REGOLAMENTO

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO. Cremona 22 Ottobre 2014

LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO. Cremona 22 Ottobre 2014 LA CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE VALORIZZAZIONE DEL PRODOTTO Cremona 22 Ottobre 2014 Standard sicurezza alimentare: trend nazionale e internazionale PREMESSA Certificazione nel settore agro-alimentare

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E

il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a F r a n c i a m

Dettagli

Programma d esame per i maestri di cucina. La parte teorico-professionale

Programma d esame per i maestri di cucina. La parte teorico-professionale Programma d esame per i maestri di cucina La parte teorico-professionale h bin die Unterüberschrift stehe für einen kurzen Text zum Thema La parte teorico-professionale del programma d esame per i maestri

Dettagli

GESTIONE DEI PRODOTTI

GESTIONE DEI PRODOTTI Gestione dei prodotti biologici ed etichettatura G [ GESTIONE DEI PRODOTTI ] BIOLOGICI ED ETICHETTATURA E L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Il testo principale sull etichettatura, la presentazione

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE

ORDINANZA MUNICIPALE Comune di Castel San Pietro telefono 091 646 15 62 / fax 091 646 89 24 e-mail info@castelsanpietro.ch ORDINANZA MUNICIPALE concernente gli incentivi per il risparmio energetico e l utilizzo di energia

Dettagli

Produzione biologica regimi facoltativi su criteri regolamentari

Produzione biologica regimi facoltativi su criteri regolamentari Produzione biologica regimi facoltativi su criteri regolamentari QUADRO NORMATIVO Reg. CEE 2092/91 Cons. 24.6.91 Metodo di produzione biologico di prodotti agricoli e alla indicazione di tale metodo sui

Dettagli

Produzione primaria per uso domestico. Preparazione, manipolazione origine animale. conservazione domestica (eccetto di alimenti miele)

Produzione primaria per uso domestico. Preparazione, manipolazione origine animale. conservazione domestica (eccetto di alimenti miele) Ogni operatore del settore alimentare notifica Produzione primaria per uso domestico privato alimenti di Preparazione, manipolazione origine animale che esegua e conservazione domestica (eccetto di alimenti

Dettagli

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0 Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a Valorizzazione produzioni agro alimentari di qualità Premessa Cosa si intende per consumo a KM 0? prodotti provenienti da areali di

Dettagli

Quali sono le Sue attese quando acquista questo "Succo di mele Ramseier" contrassegnato con la?

Quali sono le Sue attese quando acquista questo Succo di mele Ramseier contrassegnato con la? Quali sono le Sue attese quando acquista questo "Succo di mele Ramseier" contrassegnato con la? X La materia prima (le mele) proviene dalla Svizzera 1. La materia prima (le mele) proviene dalla Svizzera

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

Modifiche delle direttive giusta l assemblea dei delegati

Modifiche delle direttive giusta l assemblea dei delegati Modifiche delle direttive giusta l assemblea dei delegati del 14.4.2010 Commercio equo in Svizzera: cap. 9, art. 9.1.1 a 9.5.2 Assortimento Gemma: art. 1.3.2 a 1.3.6, art. 6.1.4 Stabulazione fissa di bovini

Dettagli

COMUNICA. che presso i locali o negli spazi (stands) posti in Radda in Chianti / Gaiole in Chianti Via/Piazza/Loc...

COMUNICA. che presso i locali o negli spazi (stands) posti in Radda in Chianti / Gaiole in Chianti Via/Piazza/Loc... SERVIZIO ASSOCIATO COMUNI DI RADDA E GAIOLE IN CHIANTI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ PER SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE DI CUI AGLI ARTT. 42 e 45 DELLA L.R. 28/2005 l SOTTOSCRITT

Dettagli

Ordinanza sul sistema informatico per il Servizio veterinario pubblico (OSISVet)

Ordinanza sul sistema informatico per il Servizio veterinario pubblico (OSISVet) Ordinanza sul sistema informatico per il Servizio veterinario pubblico (OSISVet) del Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 54a della legge del 1 luglio 1966 1 sulle epizoozie (LFE), decreta:

Dettagli

SCHEDA FORNITORI DI INTERGAS MILANO (VERSIONE 1.5 GIUGNO 2012)

SCHEDA FORNITORI DI INTERGAS MILANO (VERSIONE 1.5 GIUGNO 2012) SCHEDA FORNITORI DI INTERGAS MILANO (VERSIONE 1.5 GIUGNO 2012) Tipo di scheda: O Produttore O Trasformatore O Rivenditore (Segnare anche piu di una casella) Per la redazione della scheda, il compilatore

Dettagli

L attuale Quadro Normativo

L attuale Quadro Normativo L attuale Quadro Normativo L educazione alimentare per il biologico Centro Congressi di Eatily Roma, 12 Ottobre 2012 Dott.ssa Teresa De Matthaeis Dirigente Ufficio Agricoltura Biologica - PQA V Ministero

Dettagli

LA NUOVA FIERA ENOGASTRONOMICA A VIENNA ESCLUSIVAMENTE PER PRODOTTI ITALIANI. 29 Ottobre - 1 Novembre 2015

LA NUOVA FIERA ENOGASTRONOMICA A VIENNA ESCLUSIVAMENTE PER PRODOTTI ITALIANI. 29 Ottobre - 1 Novembre 2015 DATI ESPOSITORE PER FATTURAZIONE Partita IVA (VAT N ): Codice Fiscale: CONTATTI REFERENTE Nome: Cognome: Incarico: Telefono: Fax: Skype: Email: Sito Web: TIPOLOGIA SOCIETÀ Produttore Associazione/Rete

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PREMESSA

CAPITOLATO TECNICO PREMESSA RICHIESTA DI OFFERTA PER SERVIZI RELATIVI ALLA PER PER L IDEAZIONE DI UN IMMAGINE COORDINATA E PER LA REALIZZAZIONE DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE E PROMOZIONE PIEMONTE AGRIQUALITA PREMESSA CAPITOLATO

Dettagli

GLI SCHEMI BRC-IFS I parte

GLI SCHEMI BRC-IFS I parte GLI SCHEMI BRC-IFS I parte LE CERTIFICAZIONI PER GESTIRE: ISO 9001 = qualità ISO 14001 - EMAS = ambiente SA 8000 = etica ISO 22000 = sicurezza alimentare PER LA D.O.: BRC IFS GLOBAL GAP = ortofrutta PER

Dettagli

La ricetta vincente per la gastronomia e il commercio al dettaglio

La ricetta vincente per la gastronomia e il commercio al dettaglio La ricetta vincente per la gastronomia e il commercio al dettaglio Tutto gira intorno a voi. Da noi potete trovare tutto ciò di cui avete bisogno, non importa se siete un gastronomo, un commerciante al

Dettagli

NORME DIRETTIVE (STANDARD) PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DEMETER CON IL NUOVO LOGO DEMETER E BIODYNAMIC

NORME DIRETTIVE (STANDARD) PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DEMETER CON IL NUOVO LOGO DEMETER E BIODYNAMIC NORME DIRETTIVE (STANDARD) PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DEMETER CON IL NUOVO LOGO DEMETER E BIODYNAMIC Versione del Giugno 2013 - da applicarsi entro il 1 luglio 2014 DEMETER INTERNATIONAL e.v. DEMETER

Dettagli

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1. Mercato, concorrenza e regole... 1 2. Esperienze del sistema europeo di regolazione del mercato... 3 3. Garanzie e tecniche di intervento nel mercato... 6 4. Fisionomia

Dettagli

Acquisti pubblici e qualificazione ambientale nella forniture di mense e alimenti. Bologna, 23 gennaio 2012

Acquisti pubblici e qualificazione ambientale nella forniture di mense e alimenti. Bologna, 23 gennaio 2012 Acquisti pubblici e qualificazione ambientale nella forniture di mense e alimenti Bologna, 23 gennaio 2012 FORNITURA DERRATE E PRODOTTI NON FOOD 2 Nel primo semestre del 2011 Intercent-ER ha bandito una

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO I regolamenti sul commercio dei prodotti agricoli tra Svizzera e Unione Europea rientrano negli Accordi bilaterali I in vigore dal Giugno 2002 2 principi Mantenimento di un livello minimo di restrizioni

Dettagli

Mostra mercato di prodotti biologici e a km 0

Mostra mercato di prodotti biologici e a km 0 Mostra mercato di prodotti biologici e a km 0 1 Dove e quando si svolge? In via Alzaia Naviglio Pavese in Milano Domenica 29 Settembre 2013 Dalle ore 08.00 alle ore 19.30 2 Programma Dalle ore 08.00 alle

Dettagli

Osservatorio SANA 2012

Osservatorio SANA 2012 Osservatorio SANA 2012 A cura di: Evento organizzato da: In collaborazione con: I CONSUMI ALIMENTARI BIOLOGICI DI FRONTE ALLA CRISI ECONOMICA I risultati dell indagine di Nomisma Fabio Lunati - Silvia

Dettagli

L innovativo sistema Enopost + Keatchen

L innovativo sistema Enopost + Keatchen L innovativo sistema Enopost + Enopost + Enopost Il Club di Degustatori è dove i tuoi prodotti potranno entrar a far parte ed essere acquistati on-line attraverso un sito e-commerce dedicato a tutti i

Dettagli

Prodotti a Km 0 e Gruppi d'acquisto Solidali (G.A.S.)

Prodotti a Km 0 e Gruppi d'acquisto Solidali (G.A.S.) Prodotti a Km 0 e Gruppi d'acquisto Solidali (G.A.S.) Il viaggio dei prodotti del supermercato La globalizzazione e le attuali logiche di mercato stanno distanziato sempre più i produttori dai consumatori.

Dettagli

Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation. Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare

Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation. Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare Nata nel 1957, l'associazione Nazionale delle Cooperative Agroalimentari

Dettagli

la Gemma, troverai bio

la Gemma, troverai bio Cerca la Gemma, troverai bio La Gemma Due terzi della popolazione svizzera consuma regolarmente bio, tendenza in aumento. I consumatori apprezzano soprattutto la genuinità, il sapore naturale e la sicurezza

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi Regolamento 183/2005 Applicazione sul territorio regionale L applicazione

Dettagli

PROMEMORIA. Contrassegno di alimenti biologici. Basi giuridiche

PROMEMORIA. Contrassegno di alimenti biologici. Basi giuridiche PROMEMORIA Contrassegno di alimenti biologici La dichiarazione di alimenti certificati Gemma e Demeter è un compito impegnativo sia per le imprese del settore alimentare piccole e grandi sia per i trasformatori

Dettagli

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno.

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. SOTTOMISURA 3.2 Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. La Sottomisura concede un sostegno, a copertura dei costi derivanti da attività

Dettagli

persona in formazione è stipulato dall azienda o organizzazione di riferimento. Art. 9 Ubicazione della formazione di base ad impostazione aziendale

persona in formazione è stipulato dall azienda o organizzazione di riferimento. Art. 9 Ubicazione della formazione di base ad impostazione aziendale Promemoria 19 Reti di aziende formatrici Cos è una rete di aziende formatrici? Una rete di aziende formatrici è un unione di aziende che, non sono in grado o preferiscono non dover offrire una formazione

Dettagli

presidente Consigliere federale Alain Berset Capo del Dipartimento federale dell interno DFI 3003 Berna

presidente Consigliere federale Alain Berset Capo del Dipartimento federale dell interno DFI 3003 Berna Consigliere federale Alain Berset Capo del Dipartimento federale dell interno DFI 3003 Berna Daniel Zimmermann Ufficio federale della cultura Hallwylstrasse 15 3003 Berna daniel.zimmermann@bak.admin.ch

Dettagli

PERIODO DI RIFERIMENTO Saranno ammessi a finanziamento solamente i progetti attuati negli anni scolastici 2011/12-2012/13.

PERIODO DI RIFERIMENTO Saranno ammessi a finanziamento solamente i progetti attuati negli anni scolastici 2011/12-2012/13. BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DELLA PROVINCIA DI ANCONA PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ANNI 2011/12-2012/13 (Approvato con Delibera della

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO ALLEGATO A) al PROTOCOLLO GENERALE per l uso dei prodotti agroalimentari del territorio nel servizio somministrazione, vendita ed esposizione. REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. Premessa e ambito di applicazione.

Dettagli

Canton Ticino. Comune di Coldrerio

Canton Ticino. Comune di Coldrerio Canton Ticino Comune di Coldrerio ORDINANZA MUNICIPALE Concernente gli incentivi per il risparmio energetico e l utilizzo di energia rinnovabile nell edilizia Risoluzione municipale n 4946 del 13 febbraio

Dettagli

Regolamento sulla formazione continua dei docenti

Regolamento sulla formazione continua dei docenti 27/2015 Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi 12 giugno 297 Regolamento sulla formazione continua dei docenti (del 9 giugno 2015) Dipartimento competente Organizzazione e finanziamento

Dettagli

Legge regionale 23 giugno 2003, n. 30 (Disciplina delle attività agrituristiche in Toscana) e s.m.i.

Legge regionale 23 giugno 2003, n. 30 (Disciplina delle attività agrituristiche in Toscana) e s.m.i. Allegato A DISCIPLINA DELL AGRTURISMO IN TOSCANA Art. 2 della L.R. 23 giugno 2003, n. 30 e s.m.i. e Art. 13 del Regolamento 3agosto 2004, n. 46/R e s.m.i. - GUIDA OPERATIVA DI INDIRIZZO- Prodotti utilizzabili

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base dell 8 maggio 2008 17011 Orticoltrice AFC/Orticoltore AFC Gemüsegärtnerin EFZ/Gemüsegärtner EFZ Maraîchère CFC/Maraîcher CFC 16403 Avicoltrice AFC/Avicoltore

Dettagli

DISCIPLINARE DI ADESIONE RASSEGNA GASTRONOMICA: Tutti a tavola! Pesce in cassola e frittura

DISCIPLINARE DI ADESIONE RASSEGNA GASTRONOMICA: Tutti a tavola! Pesce in cassola e frittura ATTUAZIONE ASSE 4 FEP 2007-2013 Mis. 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna GAC Nord Sardegna Az. 244. RASSEGNA GASTRONOMICA: Tutti a tavola! Pesce

Dettagli

DOMANDE PIU FREQUENTI

DOMANDE PIU FREQUENTI DOMANDE PIU FREQUENTI REGISTRAZIONE DELLE ATTIVITA PER LE IMPRESE ALIMENTARI ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Regolamento CE 852/2004, Decreto legislativo n. 193/2007, Delibera Giunta Regione

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

L anno 2011 addì 24 del mese di ottobre alle ore 19.00 nella Residenza Municipale si è riunita la Giunta Comunale.

L anno 2011 addì 24 del mese di ottobre alle ore 19.00 nella Residenza Municipale si è riunita la Giunta Comunale. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64/2011 Seduta del 24.10.2011 OGGETTO ISTITUZIONE DI UN MERCATO TEMPORANEO IN OCCASIONE DELLA MANIFESTAZIONE SAN MARTIN IN PIASSA. L anno 2011 addì 24 del mese di

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario Pag. 1 di 10 Sommario Sommario...1 Servizi dipartimentali competenti per la sicurezza alimentare...3 - Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione;...3 - Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale;...3

Dettagli

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Riepilogo/sommario

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione POLITICHE DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA PER GLI UTENTI STANDARD DEL DOMINIO istruzione.it 1 INTRODUZIONE La presente politica disciplina l utilizzo del

Dettagli

Trend alimentari in primo piano Un iniziativa Coop con la collaborazione specializzata della Società Svizzera di Nutrizione

Trend alimentari in primo piano Un iniziativa Coop con la collaborazione specializzata della Società Svizzera di Nutrizione Trend alimentari in primo piano Un iniziativa Coop con la collaborazione specializzata della Società Svizzera di Nutrizione Tema «Mangiare sano e veloce» Giugno 2009 Coop Thiersteinerallee 14 Casella postale

Dettagli

Bisaccia del Viandante

Bisaccia del Viandante PROGETTO DI COOPERAZIONE INTERTERRITORIALE I CAMMINI D EUROPA RETE EUROPEA DI STORIA, CULTURA E TURISMO Richiesta di adesione alla Bisaccia del Viandante Prodotti AGRO-ALIMENTARI Al fine di richiedere

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA NOTIFICA SANITARIA

RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA NOTIFICA SANITARIA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA NOTIFICA SANITARIA Il sottoscritto/a nato/a a il di nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. in qualità di della ditta/società con sede legale in Via Codice fiscale

Dettagli

Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004

Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004 Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004 L'entrata in vigore dei recenti regolamenti europei in materia di sicurezza degli alimenti, il cosiddetto "Pacchetto igiene", sta avviando una profonda

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM)

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Proposte della Commissione del Consiglio nazionale dell 11.11.2011 Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (, LPM) Disegno Modifica del L Assemblea federale della

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE - ISO 22000 I & F BUREAU VERITAS ITALIA

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE - ISO 22000 I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. GENERALITA... 2 2.1 IMPEGNI DI BUREAU VERITAS... 2 2.2 IMPEGNI DELL ORGANIZZAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 4.

Dettagli

SISTEMI DI QUALITA. Cosa Consente Standard di riferimento

SISTEMI DI QUALITA. Cosa Consente Standard di riferimento SISTEMI DI QUALITA Standard Definizione Campo di Applicazione Obiettivo Requisiti Oggetti della Certificazione Cosa Consente Standard di riferimento ISO 9001: Sistema di Gestione per Qualità internazionale

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli

817.042 Ordinanza concernente la formazione e l esame delle persone preposte all esecuzione della legislazione sulle derrate alimentari

817.042 Ordinanza concernente la formazione e l esame delle persone preposte all esecuzione della legislazione sulle derrate alimentari Ordinanza concernente la formazione e l esame delle persone preposte all esecuzione della legislazione sulle derrate alimentari (OFEDerr) del 9 novembre 2011 (Stato 1 gennaio 2012) Il Consiglio federale

Dettagli

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2

Dettagli

ALLEGATO 2-B MODELLO DI DICHIARAZIONE D OFFERTA TECNICA RAGGRUPPAMENTI CONSORZI DICHIARAZIONE D OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2-B MODELLO DI DICHIARAZIONE D OFFERTA TECNICA RAGGRUPPAMENTI CONSORZI DICHIARAZIONE D OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2-B MODELLO DI DICHIARAZIONE D OFFERTA TECNICA RAGGRUPPAMENTI CONSORZI All Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Lazio Settore Gestione Risorse Ufficio Risorse Materiali Via Giovanni Capranesi,

Dettagli

Direttive concernenti l esame di professione. Sommelière / Sommelier

Direttive concernenti l esame di professione. Sommelière / Sommelier Direttive concernenti l esame di professione Sommelière / Sommelier (sistema modulare con esame finale) Organo responsabile costituito da: Association suisse des sommeliers professionnels Hotel & Gastro

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA FARMER S MARKET (D.M. 20/11/2007) REGOLAMENTO MERCATO CONTADINO

COMUNE DI RUBIERA FARMER S MARKET (D.M. 20/11/2007) REGOLAMENTO MERCATO CONTADINO COMUNE DI RUBIERA FARMER S MARKET (D.M. 20/11/2007) REGOLAMENTO MERCATO CONTADINO Allegato A alla delibera di C.C. n 45 del 20 ottobre 2008 Finalità Il Mercato degli Agricoltori è un mercato riservato

Dettagli

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in USA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in USA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in USA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Bologna 12 15 settembre 2015 NOTA SUL MERCATO DEI PRODOTTI BIOLOGICI NEGLI U.S.A. (Dati piu recenti disponibili)

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli