Progetto di Gestione Documenti in Ambiente Web

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto di Gestione Documenti in Ambiente Web"

Transcript

1 Progetto di Gestione Documenti in Ambiente Web Sessione Febbraio 2013 Marco Taddei Federico Valentini Il progetto SharesShop simula un portale web di una banca che mette a disposizione dei propri utenti una funzione di compravendita online di titoli azionari. Abbiamo quindi concepito 3 diverse tipologie di utenti: utente ospite, utente registrato e amministratore. L'utente ospite è un utente che non si è ancora loggato al portale. Se l'utente è già registrato potrà immediatamente eseguire il login per accedere altrimenti sarà obbligato a registrarsi utilizzando l'apposito form della pagina per poi proseguire con il login in un secondo momento. L'utente registrato è in grado, a tutti gli effetti, di entrare nel portale web SharesShop. Dalla sua pagina personale può consultare il listino titoli messo a disposizione dalla banca ed acquistare eventuali azioni. Quando una o più azioni vengono comprate, queste vengono spostate nel carrello dove è possibile confermare definitivamente l'acquisto oppure no. Quando l'acquisto viene confermato è possibile tenere sotto controllo il proprio portafoglio azionario consultando la voce portafoglio. Qui è anche possibile monitorare il proprio conto corrente analizzando il proprio percorso finanziario dall'apertura del conto ad oggi.

2 L'utente ha anche a disposizione una funzione di ricerca dei titoli azionare sotto la voce ricerca. Qui può ricercare titoli tramite nome, fascia di prezzo e categoria. L'utente può inoltre accedere allo storico per visualizzare la storia della sua compravendita come per esempio la lista delle azioni che ha comprato/venduto. Infine l'utente può accedere alla sezione profilo dove può modificare i propri dati personali. L'amministratore è incaricato della gestione del portale. Esso può accedere alla gestione titolo dove può modificare/eliminare titoli azionari con l'apposito form e tramite aggiungi titolo può inserire nuovi titoli e nuove categorie. Accedendo alla gestione utenti può controllare la lista degli utenti registrati ed il loro stato attivando il conto corrente dei nuovi utenti. L'ultima funzione dell'amministratore è la visualizzazione degli ordini presenti e, nel caso di acquisti, l'evasione di quest'ultimi. Questa funzione è presente nella sezione elenco ordini nella quale l'amministratore può anche filtrare l'elenco degli ordini in base ad alcuni criteri quali il codice fiscale dell'utente, la tipologia di transazione o il nome del titolo. Scelte progettuali L'applicazione è stata sviluppata tramite servlet Java, i dati sono stati salvati in maniera persistente tramite XML e la definizione dei dati è stata definita in XML Schema. La pagina di index è una servlet Java che in base al tipo di utente che ha effettuato l'accesso permette di visualizzare le varie funzionalità messe a disposizione dal portale. Tutta la gestione dei file XML è nella classe XMLreader.java, in questa classe infatti sono presenti tutte le funzioni di lettura e scrittura dei file. Infatti ogni servlet istanzia un oggetto di tipo XMLreader e richiama le sue funzioni per passare dati da salvare oppure richiede dati da leggere che vengono trasformati in alberi DOM con cui la servlet chiamante può operare. Tutte le risposte al client vengono inviate in formato HTML e CSS interpretabili da un browser. Per la creazione di queste pagine è stata implementata una classe specifica: Pagination.java. Ogni servlet che deve mandare una risposta al client istanzia un oggetto di tipo Pagination e utilizza le funzioni messe a disposizione per creare la pagina di risposta.

3 Diagramma delle classi Il seguente diagramma ha lo scopo di sintetizzare il funzionamento delle Servlet e delle classi Java utilizzate per il progetto. Index.java Login.java Registrazione.java Visualizzazione delle classi dal punto di vista astratto per i visitatori (utenti non loggati) Carrello.java Index.java Logout.java ConfermaAcquisto.java AggiungiCarrello.java Ricerca.java Portafoglio.java Storico.java Profilo.java Vendi.java Visualizzazione delle classi dal punto di vista astratto per utenti loggati Index.java Logout.java ModificaTitolo.java RimuoviTitolo.java AggiungiTitolo.java GestioneUtenti.java Ordini.java Visualizzazione delle classi dal punto di vista astratto per amministratori

4 File Xml Per la memorizzazione dei dati utili al sito sono stati usati più file Xml e ad ogni file è associato uno Schema per la definizione del tipo di dato e della sua struttura. Come esempio possiamo vedere il file login.xml: <?xml version="1.0" encoding="utf-8" standalone="no"?> <users xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" xsi:nonamespaceschemalocation="login.xsd"> <user id_user="0"> <username>admin</username> <password>admin</password> <!-- admin --> </user> <user id_user="1"> <username>m.taddei</username> <password>taddei</password> </user> <user id_user="2"> <username>f.valentini</username> <password>valentini</password> </user> </users> Lo Schema di questo file Xml si presenta cosi: <?xml version="1.0" encoding="utf-8"?> <xsd:schema xmlns:xsd="http://www.w3.org/2001/xmlschema" elementformdefault="qualified"> <xsd:element name="users"> <xsd:complextype> <xsd:sequence> <xsd:element name="user" maxoccurs="unbounded"> <xsd:complextype mixed="true"> </xsd:complextype> </xsd:element> </xsd:sequence> </xsd:complextype> </xsd:element> </xsd:schema> <xsd:sequence> <xsd:element name="username" type="xsd:string" /> <xsd:element name="password" type="xsd:string" /> </xsd:sequence> <xsd:attribute name="id_user" type="xsd:nonnegativeinteger" use="required" />

5 Classe Ordini.java import java.io.ioexception; import java.io.printwriter; import java.util.arraylist; import javax.servlet.servletexception; import javax.servlet.http.httpservlet; import javax.servlet.http.httpservletrequest; import javax.servlet.http.httpservletresponse; import javax.servlet.http.httpsession; public class Ordini extends HttpServlet protected void doget(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) throws ServletException, IOException dopost(request, response); protected void dopost(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) throws ServletException, IOException Pagination pag = new Pagination (); PrintWriter out = response.getwriter(); XMLreader reader = new XMLreader(); HttpSession session = request.getsession(true); if (!reader.isadmin((string)session.getattribute("user_id"))) response.sendredirect(getservletcontext().getcontextpath()); ArrayList <ElementoDegliOrdini> ordini = reader.getelencodegliordini(); String cf = ""; String nome = ""; String tipologia = "null"; if (request.getparameter("txt_cf")!=null &&!request.getparameter("txt_cf").equals("")) this.filtracodfisc(out, ordini, request.getparameter("txt_cf")); cf = request.getparameter("txt_cf"); if (request.getparameter("txt_nome")!=null &&!request.getparameter("txt_nome").equals("")) this.filtranometitolo(ordini, request.getparameter("txt_nome")); nome = request.getparameter("txt_nome"); if (request.getparameter("cmb_tipologia")!=null) if (request.getparameter("cmb_tipologia").equals("0")) this.filtratipologia(ordini, "Vendita"); tipologia = request.getparameter("cmb_tipologia"); if (request.getparameter("cmb_tipologia").equals("1")) this.filtratipologia(ordini, "Acquisto"); tipologia = request.getparameter("cmb_tipologia"); pag.gethead(out);

6 pag.getheaderloggedamministratore(out); pag.getbuttonsadmin(out, "ordini"); pag.getformricercaordini(out, cf, nome, tipologia); if (!ordini.isempty()) if (request.getparameter("sort")==null request.getparameter("sort").equals("1")) //ordinamento del vettore storico per data (dal piu recente al meno recente) for (int i = 1; i < ordini.size(); i++) int j = i; ElementoDegliOrdini b = ordini.get(i); while ((j > 0) && (ordini.get(j-1).getdata() < b.getdata())) ordini.set(j, ordini.get(j-1)); j--; ordini.set(j, b); out.println ("</br><span class=\"linkblock\">ordina dal più recente</span> <span id=\"text\"> </span> <a href=\"ordini?sort=2&txt_cf="+cf+"&txt_nome="+nome+"&cmb_tipologia="+tipologia+"\" class=\"link\">ordina dal meno recente</a></br>"); //ordinamento del vettore storico per data (dal meno recente al piu recente) for (int i = 1; i < ordini.size(); i++) int j = i; ElementoDegliOrdini b = ordini.get(i); while ((j > 0) && (ordini.get(j-1).getdata() > b.getdata())) ordini.set(j, ordini.get(j-1)); j--; ordini.set(j, b); out.println ("</br><a href=\"ordini?sort=1&txt_cf="+cf+"&txt_nome="+nome+"&cmb_tipologia="+tipologia+"\" class=\"link\">ordina dal più recente</a> <span id=\"text\"> </span> <span class=\"linkblock\">ordina dal meno recente</span></br>"); pag.getelencodegliordini(out, ordini); pag.getfooter(out); pag.getendpage(out); public void filtracodfisc (PrintWriter out, ArrayList <ElementoDegliOrdini> ordini, String cf) ArrayList <ElementoDegliOrdini> temp = new ArrayList <ElementoDegliOrdini> (); for (int i=0; i<ordini.size(); i++) temp.add(ordini.get(i)); ordini.clear(); for (int i=0; i<temp.size(); i++) if (temp.get(i).getcodfisc().touppercase().contains(cf.touppercase())) ordini.add(temp.get(i));

7 public void filtranometitolo (ArrayList <ElementoDegliOrdini> ordini, String nome) ArrayList <ElementoDegliOrdini> temp = new ArrayList <ElementoDegliOrdini> (); for (int i=0; i<ordini.size(); i++) temp.add(ordini.get(i)); ordini.clear(); for (int i=0; i<temp.size(); i++) if (temp.get(i).getnometitolo().touppercase().contains(nome.touppercase())) ordini.add(temp.get(i)); public void filtratipologia (ArrayList <ElementoDegliOrdini> ordini, String tipologia) ArrayList <ElementoDegliOrdini> temp = new ArrayList <ElementoDegliOrdini> (); for (int i=0; i<ordini.size(); i++) temp.add(ordini.get(i)); ordini.clear(); for (int i=0; i<temp.size(); i++) if (temp.get(i).gettipotransazione().touppercase().equals(tipologia.touppercase())) ordini.add(temp.get(i)); public String getservletinfo() return "Short description"; // </editor-fold> Classe Vendi.java public class Vendi extends HttpServlet protected void doget(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) throws ServletException, IOException dopost(request, response); protected void dopost(httpservletrequest request, HttpServletResponse response) throws ServletException, IOException int ntitoli = Integer.parseInt(request.getParameter("nTitoli")); XMLreader reader = new XMLreader(); HttpSession session = request.getsession(true); if (reader.isadmin((string)session.getattribute("user_id"))) response.sendredirect(getservletcontext().getcontextpath()); PrintWriter out = response.getwriter(); Pagination pag = new Pagination();

8 String userid = (String) session.getattribute("user_id"); Node portafoglio = reader.getportafoglio((string)session.getattribute("user_id")); Configurazione conf = new Configurazione(); //controllo sull'input n 1: almeno un elemento e' diverso da null o zero boolean controllo1 = true; int numeronull = 0; for (int i=0; i< ntitoli; i++) if (request.getparameter("qt"+i).equals("") request.getparameter("qt"+i).equals("0")) numeronull++; if (numeronull==ntitoli) controllo1=false; //controllo sull'input n 2: i valori devono essere numeri interi positivi boolean controllo2 = true; for (int i=0; i< ntitoli; i++) if (!request.getparameter("qt"+i).equals("")) try if (Integer.parseInt(request.getParameter("qt"+i))<0) controllo2 = false; catch (NumberFormatException e) controllo2 = false; //controllo sull'input n 3: valori <= della disponibilita' boolean controllo3 = true; if (controllo1 && controllo2) for (int i=0; i< ntitoli; i++) if (!request.getparameter("qt"+i).equals("")) controllo3 = reader.controllodispazionivendita(request.getparameter("id"+i), request.getparameter("qt"+i), portafoglio); if (!controllo3) break; if (controllo1 && controllo2) if(controllo3) float totale = 0; for (int i=0; i<ntitoli; i++) if (!request.getparameter("qt"+i).equals("")) String id = request.getparameter("id"+i); String qta = request.getparameter("qt"+i); totale = totale + (Float.parseFloat(reader.getAskTitoloByID(id))*Integer.parseInt(qta)); reader.vendiazioni(id, qta, userid); String data = (new SimpleDateFormat("yyyyMMddHHmmss")).format(new Date()); reader.createvendita(id, reader.getbidtitolobyid(id), qta, data, userid);

9 reader.setsaldo(userid, totale); response.sendredirect(conf.url+"portafoglio?msg=3"); response.sendredirect(conf.url+"portafoglio?msg=1"); response.sendredirect(conf.url+"portafoglio?msg=2"); public String getservletinfo() return "Short description"; // </editor-fold>

Gestire le sessioni con le Servlet

Gestire le sessioni con le Servlet PROGETTO Gestire le sessioni con le Servlet Con il termine sessione si intende un insieme di attività correlate, con una o alcune di queste che sono preliminari ad altre. Si pensi, per esempio, a un qualsiasi

Dettagli

Tener traccia del client

Tener traccia del client Tener traccia del client Raramente un applicazione web è costituita da una singola pagina (risorsa). E utile quindi tener traccia dei client che si collegano per rendere più semplice lo sviluppo dell applicazione.

Dettagli

I file WAR. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2004/05-1

I file WAR. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2004/05-1 I file WAR WAR è una contrazione di Web ARchive. I file WAR consentono di archiviare un intera applicazione web in un unico file. Tomcat fornisce (tramite il Tomcat Manager) un interfaccia grafica per

Dettagli

1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet

1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet 1 Gestione dell utente connesso in sessione con Java Server Pages, Java Beans, Servlet Controllo dell utente connesso al sito tramite JSP, Java Beans e Servlet. Ciò che ci proponiamo di fare è l accesso

Dettagli

Trasformare una Java (Console) Application in una Web Application (con utilizzo di un database MySQL)

Trasformare una Java (Console) Application in una Web Application (con utilizzo di un database MySQL) Pag. 1/12 Trasformare una Java (Console) Application in una Web Application (con utilizzo di un database MySQL) Prendiamo in esame un qualsiasi progetto NetBeans tra quelli studiati che fa uso di un database

Dettagli

Programmazione server-side: Java Servlet

Programmazione server-side: Java Servlet Programmazione server-side: Java Servlet Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.11 parte II Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Cos

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE: Java Servlet Parte a versione 3.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G. Mecca

Dettagli

Servlet API. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Servlet API. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Servlet API Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Servlet Interfaccia Java che modella il paradigma richiesta/elaborazione/risposta tipico delle applicazioni lato server Presuppone l esistenza

Dettagli

Laboratorio di sistemi Prima Web Application JSP [Java]

Laboratorio di sistemi Prima Web Application JSP [Java] Vogliamo scrivere la nostra prima web application che legga da tastiera il nostro nome e fornisca un messaggio di saluto. Per costruire la nostra applicazione creiamo con NetBeans un nuovo progetto. File

Dettagli

Laboratorio di sistemi MVC versione 2 Jsp (NetBeans)

Laboratorio di sistemi MVC versione 2 Jsp (NetBeans) Definizione Adattato da "http://it.wikipedia.org/wiki/model-view-controller" Model-View-Controller (MVC, talvolta tradotto in italiano Modello-Vista-Controllore) è il nome di un design pattern fondamentale

Dettagli

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008 Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Esercitazione 6 Corso di Tecniche di programmazione Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

SERVLET & JSP DISPENSE

SERVLET & JSP DISPENSE SERVLET & JSP DISPENSE PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Un server deve rispondere alle richieste del client e permettere di visualizzare le pagine Web. Questo compito è svolto da un software ben definito, il

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Prototipo autenticazione utente Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Prototipo autenticazione utente Jsp [Java] Vogliamo realizzare un prototipo di applicativo web che consenta a un gruppo di utenti di autenticarsi. In prima istanza, carichiamo in memoria tutti gli utenti ammessi ad accedere al sistema, in seconda

Dettagli

Servlet e JDBC. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Richieste. Servlet. Servlet:

Servlet e JDBC. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Servlet e Web Server. Richieste. Servlet. Servlet: e JDBC Programmazione in Rete e Laboratorio Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Universita` degli Studi di Torino C.so Svizzera, 185 I-10149 Torino e : estensioni del Java API permettono di scrivere

Dettagli

Osservazioni. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2005/06-1

Osservazioni. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2005/06-1 Osservazioni Nell esempio della precedente lezione del contatore di accessi persistente il nome del file in cui memorizzare il numero di hit ed il valore iniziale del contatore sono codificati direttamente

Dettagli

1 http://desvino.altervista.org JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages

1 http://desvino.altervista.org JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages 1 http://desvino.altervista.org JSPDynPage, componenti portale e Java Server Pages Le JSP DynPages sono un utile strumento, fornito da SAP Netweaver, per una gestione più evoluta di event handling e session

Dettagli

Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I)

Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I) Note pratiche sullo sviluppo di servlet (I) Nel caso in cui sulla macchina locale (PC in laboratorio/pc a casa/portatile) ci sia a disposizione un ambiente Java (con compilatore) e un editor/ambiente di

Dettagli

Tomcat & Servlet. Contenuti. Programmazione in Ambienti Distribuiti. Tomcat Applicazioni Web. Servlet JSP Uso delle sessioni

Tomcat & Servlet. Contenuti. Programmazione in Ambienti Distribuiti. Tomcat Applicazioni Web. Servlet JSP Uso delle sessioni Tomcat & Servlet Programmazione in Ambienti Distribuiti V 1.2 Marco Torchiano 2005 Contenuti Tomcat Applicazioni Web Struttura Sviluppo Deployment Servlet JSP Uso delle sessioni 1 Tomcat Tomcat è un contenitore

Dettagli

Svantaggi delle servlet

Svantaggi delle servlet Svantaggi delle servlet Le servlet sono la tecnologia principale di J2EE per comunicare con i browser dei client. Tuttavia ci sono degli inconvenienti per gli sviluppatori di applicazioni web: le servlet

Dettagli

Introduzione alla programmazione Http lato server in Java

Introduzione alla programmazione Http lato server in Java Introduzione alla programmazione Http lato server in Java Tito Flagella Laboratorio Applicazioni Internet - Università di Pisa Slide API Java Titleper il Protocollo Http Programmazione Client java.net.url

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "Ciao"; protected int n; public General() { n = 1; public

Dettagli

Test e validazione 1 La fase di test 1.1 Tecniche Ispezione: checklist Test white box: grafo di controllo complessità ciclomatica

Test e validazione 1 La fase di test 1.1 Tecniche Ispezione: checklist Test white box: grafo di controllo complessità ciclomatica Test e validazione 1 La fase di test Il test è il processo di verifica di un programma con lo scopo di individuare errori prima della consegna all utente finale. Tipicamente, correggere i difetti sul software

Dettagli

Laboratorio di reti II: Servlet

Laboratorio di reti II: Servlet Laboratorio di reti II: Servlet Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 16 marzo, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Servlet 16 marzo, 2009 1 / 34 Le servlet Una servlet è una classe Java eseguita

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "ciao"; protected int n; public General() { n = 3; public

Dettagli

Architetture Web: un ripasso

Architetture Web: un ripasso Architetture Web: un ripasso Pubblicazione dinamica di contenuti. Come si fa? CGI Java Servlet Server-side scripting e librerie di tag JSP Tag eseguiti lato server Revisione critica di HTTP HTTP non prevede

Dettagli

JAVA SERVLET: I filtri

JAVA SERVLET: I filtri JAVA SERVLET: I filtri INTRODUZIONE Quest oggi vedremo una particolarità delle servlet che è stata introdotta nelle servlet API versione 2.3. I filtri sono un potente meccanismo che è in grado di fare

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE: Struttura dell Applicazione versione 2.4 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Web

Laboratorio di Basi di Dati e Web Laboratorio di Basi di Dati e Web Docente: Alberto Belussi Lezione 8 Java Server Pages Java Server Pages è essenzialmente un modo più comodo per il programmatore dell applicazione web di scrivere una Servlet.

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

Basi di dati e Web (Moduli: Laboratorio e Siti Web centrati sui Dati) Prova scritta del 14 luglio 2008

Basi di dati e Web (Moduli: Laboratorio e Siti Web centrati sui Dati) Prova scritta del 14 luglio 2008 Basi di dati e Web (Moduli: Laboratorio e Siti Web centrati sui Dati) Prova scritta del 14 luglio 2008 Avvertenze: e severamente vietato consultare libri e appunti; chiunque verrà trovato in possesso di

Dettagli

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP EVOLUZIONE DEL WEB: PAGINE STATICHE vs PAGINE DINAMICHE Il Web è nato a supporto dei fisici, perché potessero scambiare tra loro le informazioni inerenti le loro sperimentazioni. L HTTP è nato inizialmente

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Http con java, URL

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Http con java, URL Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Http con java, URL Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei - Tecnologie

Dettagli

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi Applicazioni web Parte 6 Java Alberto Ferrari 1 Sommario Introduzione alle API ed esempi Tomcat Server per applicazioni web Alberto Ferrari 2 Alberto Ferrari 1 Java: da applet a servlet In origine Java

Dettagli

Chat. Si ha un server in ascolto sulla porta 4444. Quando un client richiede la connessione, il server risponde con: Connessione accettata.

Chat. Si ha un server in ascolto sulla porta 4444. Quando un client richiede la connessione, il server risponde con: Connessione accettata. Chat Si ha un server in ascolto sulla porta 4444 Quando un client richiede la connessione, il server risponde con: Connessione accettata. Nome: Il client deve rispondere con lo user name A questo punto

Dettagli

ScanDoc presentazione ed uso

ScanDoc presentazione ed uso ScanDoc presentazione ed uso - documentazione ufficiale - Sommario Premessa... 2 Descrizione ScanDoc... 2 Panoramica... 2 Funzioni disponibili... 2 Invio di documenti letti da scanner tramite mail... 2

Dettagli

Java Enterprise Edition - JEE. Autore: Agostino Sorbara ITIS M. M. Milano

Java Enterprise Edition - JEE. Autore: Agostino Sorbara ITIS M. M. Milano Java Enterprise Edition - JEE Autore: Agostino Sorbara ITIS M. M. Milano Indice Introduzione 2 Il modello Client Server. 2 La piattaforma di sviluppo JEE... 3 Application Server... 3 Servlet. 4 JSP (Java

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Session tracking Session tracking HTTP: è stateless, cioè non permette di associare una sequenza di richieste ad un dato utente. Ciò vuol dire che, in generale, se un browser richiede una specifica pagina

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma, Facoltà di Ingegneria

SAPIENZA Università di Roma, Facoltà di Ingegneria SAPIENZA Università di Roma, Facoltà di Ingegneria Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE Laurea in Ingegneria Informatica Prof. E.Casalicchio A.A. 2008/09 QUARTA PARTE: Soluzioni Esercizi 13-23 Soluzione

Dettagli

SESSION TRACKING DISPENSE

SESSION TRACKING DISPENSE SESSION TRACKING DISPENSE SESSION TRACKING Sessione: In modo generico potremmo dire che una sessione consiste in tutto il tempo in cui un utente, scambiando informazioni con il server, può dire di aver

Dettagli

Esercitazione n 4. Obiettivi

Esercitazione n 4. Obiettivi Esercitazione n 4 Obiettivi Progettare e implementare per intero un componente software in Java Linguaggio Java: Classi astratte Utilizzo di costruttori e metodi di superclasse Polimorfismo Esempio guida:

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Web

Laboratorio di Basi di Dati e Web Laboratorio di Basi di Dati e Web Docente: Alberto Belussi Lezione 6 Servlet Servlet: classi java che estendono le funzionalità di un server Web generando dinamicamente le pagine Web. Riferimento: http://java.sun.com/products/servlets

Dettagli

Laboratorio di Basi di dati

Laboratorio di Basi di dati Laboratorio di Basi di dati Docente: Alberto Belussi Lezione 6 Servlet Servlet: classi java che estendono le funzionalità di un server Web generando dinamicamente le pagine Web. Riferimento: http://www.oracle.com/technetwork/java/javaee/servlet/index.html

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Scuola di Ingegneria e Architettura. Tecnologie Web T. Esercitazione 09 Riepilogo

Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Scuola di Ingegneria e Architettura. Tecnologie Web T. Esercitazione 09 Riepilogo Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Ingegneria e Architettura Tecnologie Web T Esercitazione 09 Riepilogo Home Page del corso: http://www-db.disi.unibo.it/courses/tw/ Versione elettronica:

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione XML: JDOM versione 2.0 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G.

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Distribuiti Leonardo Mariani

Laboratorio di Sistemi Distribuiti Leonardo Mariani Laboratorio di Sistemi Distribuiti Leonardo Mariani ELECTION ALGORITHMS In molti sistemi distribuiti un processo deve agire da (o svolgere un ruolo particolare) per gli altri processi. Spesso non è importante

Dettagli

Cifratura simmetrica

Cifratura simmetrica Cifratura Cifratura simmetrica Alice canale insicuro Bob 2 Cifratura simmetrica m Algoritmo di decifratura m Alice canale insicuro Algoritmo di cifratura Bob 3 Cifrari simmetrici chiave privata k chiave

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 27 Marzo 2012 Architetture Architetture Web Protocolli di Comunicazione Il Client Side

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche

Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche Referti on-line e CRM ReView Service Monitor Specifiche tecniche Versione 1.3 Sommario 1- Introduzione... 3 2 - Modalità di interazione con il servizio... 3 3 - Formato dell output... 3 4 - Modello dei

Dettagli

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {"ind.","cognome","nome","telefono","e-mail"}; //nomi delle colonne della tabella

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {ind.,cognome,nome,telefono,e-mail}; //nomi delle colonne della tabella import java.awt.*; import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; import java.awt.event.windowevent; import java.awt.event.windowlistener; import java.io.*; import java.util.*;

Dettagli

AA 2003-2004 Esame di Tecnologie Informatiche per il Web - Prof. Piero Fraternali Prova straordinaria del 19 marzo 2004 Esercizio 1 (6 punti)

AA 2003-2004 Esame di Tecnologie Informatiche per il Web - Prof. Piero Fraternali Prova straordinaria del 19 marzo 2004 Esercizio 1 (6 punti) AA 2003-2004 Esame di Tecnologie Informatiche per il Web - Prof. Piero Fraternali Prova straordinaria del 19 marzo 2004 Esercizio 1 6 punti) Si descriva il formato della richiesta e della risposta HTTP,

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2008-09 Lezione n.12 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Una Servlet è un componente software scritto in Java,

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Java Server Pages. Corso di Applicazioni Telematiche. A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico

Java Server Pages. Corso di Applicazioni Telematiche. A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico Java Server Pages Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Java Server Pages (JSP) Java Server

Dettagli

Lezione 11 Accesso al file system

Lezione 11 Accesso al file system A cura di Carlo Pelliccia Qualunque applicazione Android può leggere e scrivere file dalla memoria interna del telefono o da una scheda esterna inserita nel dispositivo. I principi da osservare per compiere

Dettagli

Guida Operativa. ArchiviaOL

Guida Operativa. ArchiviaOL Guida Operativa ArchiviaOL I ArchiviaOL Indice 0 Part I Introduzione 3 Part II Gestione utenze 5 Part III Modalità di accesso all'applicativo 7 1 Autenticazione... da programmi fiscali e gestionali 7 2

Dettagli

Capitolo 7. Soluzione:

Form di invio nome e cognome

Capitolo 7. Soluzione: <P align= center > Form di invio nome e cognome </P> <FORM action= nomecognome.exe method= post > Capitolo 7 Esercizio 7.1 Commentare le caratteristiche di HTTP come protocollo client-server, evidenziando gli aspetti differenti rispetto ai protocolli client-server tradizionali. La caratteristica che

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB.

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE E APPLICAZIONI WEB Web Server TOMCAT Ing. Marco Mamei Anno Accademico 2004-2005 M. Mamei - Tecnologie

Dettagli

Laboratorio di reti II: Java Server Pages

Laboratorio di reti II: Java Server Pages Laboratorio di reti II: Java Server Pages Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 6 aprile, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Java Server Pages 6 aprile, 2009 1 / 34 JSP - Java Server Pages Le

Dettagli

Programmazione ad Oggetti Modulo A (Esame del 11/9/2015)

Programmazione ad Oggetti Modulo A (Esame del 11/9/2015) Programmazione ad Oggetti Modulo A (Esame del 11/9/2015) Esercizio 1 Considerate la seguente gerarchia di classi: class A { public void print(string s) { System.out.println(s); public void m1() { print("a.m1");

Dettagli

19. Introduzione al multi-threading

19. Introduzione al multi-threading 19. Introduzione al multi-threading Marco Faella Dip. Ing. Elettrica e Tecnologie dell'informazione Università di Napoli Federico II Corso di Linguaggi di Programmazione II I thread I thread, o processi

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica ed Ingegneria

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

Architetture Web parte 2

Architetture Web parte 2 Architetture Web parte 2 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05 Sessione Un insieme di richieste, provenienti dallo stesso browser e dirette allo stesso server, confinate in un dato lasso

Dettagli

Tomcat struttura delle directory

Tomcat struttura delle directory Tomcat struttura delle directory $CATALINA_HOME (oppure $TOMCAT_HOME): rappresenta la directory radice dell installazione di Tomcat e contiene le seguenti directory: bin common (lib nelle versioni più

Dettagli

Synchronized (ancora)

Synchronized (ancora) Synchronized (ancora) Riscriviamo l esempio di prima. Usiamo una struttura modulare, con una classe Notificatore che ha opportuni metodi. La classe ha due campi privati, la lista buftext e un suo thread.

Dettagli

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA Versione 1.0 Qualificazione della Porta di INDICE 1. PROCESSO DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO IN MODALITÀ PROVVISORIA 3 2. DESCRIZIONE

Dettagli

Programmazione ad Oggetti: JAVA. Esercitazione

Programmazione ad Oggetti: JAVA. Esercitazione Programmazione ad Oggetti: JAVA Esercitazione Docente Ing. Mariateresa Celardo mariateresa.celardo@uniroma2.it Scrivere la classe Motorino che ha i seguenti attributi colore: una stringa indicante il colore

Dettagli

Spring WS Sviluppare WebService in Java

Spring WS Sviluppare WebService in Java Spring WS Sviluppare WebService in Java 1.1 Introduzione Nell ambito della programmazione Java è particolarmente utile avere una certa familiarità con i WebService e la tecnologia che li supporta. In particolare

Dettagli

Politecnico di Milano. Ingegneria del Software a.a. 2006/07. Appello del 14 settembre 2007 Cognome Nome Matricola

Politecnico di Milano. Ingegneria del Software a.a. 2006/07. Appello del 14 settembre 2007 Cognome Nome Matricola Politecnico di Milano Ingegneria del Software a.a. 2006/07 Appello del 14 settembre 2007 Cognome Nome Matricola Sezione (segnarne una) Baresi, Ghezzi, Morzenti, SanPietro Istruzioni 1. La mancata indicazione

Dettagli

Gestione delle eccezioni Individuazione e ripristino parseint Individuazione e ripristino Individuazione e ripristino parseint

Gestione delle eccezioni Individuazione e ripristino parseint Individuazione e ripristino Individuazione e ripristino parseint parseint parseint showinputdialog JOptionPanenull null throw BankAccount IllegalArgumentException amount public class BankAccount { public void withdraw(double amount) { if (balance < amount) { // Parametro

Dettagli

Corsi di Reti di Calcolatori (Docente Luca Becchetti)

Corsi di Reti di Calcolatori (Docente Luca Becchetti) Corsi di Reti di Calcolatori (Docente Luca Becchetti) NOT : le soluzioni proposte sono volutamente sintetiche. Lo studente dovrebbe fare uno sforzo per risolvere i quesiti in modo autonomo, espandendo

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

KNEWS Messaging system

KNEWS Messaging system KNEWS Messaging system 1. Indice 1. Indice 1 2. Introduzione 2 3. Descrizione generale 2 4. Struttura generale 4.1. 2 4.2 Admin 2 4.3 Client 5 4.4 Conf 7 4.5 Images 7 4.6 Profiles 7 4.7 Sh 8 4.8 Wap 9

Dettagli

Compito di Fondamenti di Informatica

Compito di Fondamenti di Informatica Compito di Fondamenti di Informatica In un magazzino viene utilizzato un archivio informatico, nel quale vengono memorizzate le informazioni relative ai prodotti contenuti nel magazzino e che ne permette

Dettagli

Operazioni di input/output. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Operazioni di input/output. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Operazioni di input/output Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Input /Output introduzione Per ottenere delle informazioni un programma apre un flusso (Stream)

Dettagli

Organizzazione della lezione. Lezione 18 Remote Method Invocation - 6. (con callback) L accesso al registry per il rebind()

Organizzazione della lezione. Lezione 18 Remote Method Invocation - 6. (con callback) L accesso al registry per il rebind() Organizzazione della lezione Lezione 18 Remote Method Invocation - 6 Vittorio Scarano Corso di Programmazione Distribuita (2003-2004) Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno

Dettagli

Flussi, lettori e scrittori

Flussi, lettori e scrittori Flussi, lettori e scrittori Per sequenze di byte, InputStream, OutputStream e loro sottoclassi. Es: InputStream in = ; int next = in. read(); if (next!= -1) byte b = (byte) next; Per sequenze di caratteri,

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

Il Web-Service SDMX dell ISTAT

Il Web-Service SDMX dell ISTAT Il Web-Service SDMX dell ISTAT Versione: 1.0.0 Data: 26/06/2014 Autore: Approvato da: Modifiche Versione Modifiche Autore Data Indice dei contenuti 1 Introduzione... 4 2 Esempio d uso... 5 2.1 Riferimento

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 1 Aprile 2014 Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Il Server

Dettagli

Sessioni Applicative in Http. Tito Flagella tito@link.it

Sessioni Applicative in Http. Tito Flagella tito@link.it Sessioni Applicative in Http Tito Flagella tito@link.it Perché le sessioni Solitamente le transazioni http sono anonime e indipendenti Le applicazioni hanno bisogno di correlarle tra di loro User1: http://bank.com/prelievo?amount=10000$

Dettagli

Test di unità con JUnit4

Test di unità con JUnit4 Test di unità con JUnit4 Richiamo sul test di unità Il test d unità è una metodologia che permette di verificare il corretto funzionamento di singole unità di codice in determinate condizioni. Nel caso

Dettagli

Web Intelligence. Argomenti 10/5/2010. abaroni@yahoo.com

Web Intelligence. Argomenti 10/5/2010. abaroni@yahoo.com Web Intelligence Argomenti Cap.1 Introduzione Cap.2 Creazione/Modifica di QUERY (semplici,custom,unioni) Cap.3 Uso dei Filtri e delle Condizioni Slide 2 - Copyright 2007 Business Objects SA - All Rights

Dettagli

Siti web centrati sui dati Architettura MVC-2: i JavaBeans

Siti web centrati sui dati Architettura MVC-2: i JavaBeans Siti web centrati sui dati Architettura MVC-2: i JavaBeans 1 ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 Limiti dell approccio SEVLET UNICA La servlet svolge tre tipi di funzioni distinte: Interazione con

Dettagli

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRVWUHDP

(VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRVWUHDP (VHUFLWD]LRQLGLEDVHVXOOH6RFNHWLQ-DYD 6RFNHWGLWLSRVWUHDP D (FKR&OLHQWH6HUYHU Sviluppare un applicazione C/S in cui: il server attende una connessione da parte del client (su MDYDQHW6HUYHU6RFNHW), usa la

Dettagli

Uno dei pregi di Java è quello di integrare la documentazione con il codice stesso Formato dei commenti:

Uno dei pregi di Java è quello di integrare la documentazione con il codice stesso Formato dei commenti: Javadoc Uno dei pregi di Java è quello di integrare la documentazione con il codice stesso Formato dei commenti: /* commenti */ // commenti /** commenti documentazione */ Questi ultimi generano automaticamente

Dettagli

Registrazione nuovo utente. Per registrare un nuovo utente cliccare sul link Registrazione

Registrazione nuovo utente. Per registrare un nuovo utente cliccare sul link Registrazione Manuale Gedos 2 Indice Indice... 3 Il Portale... 4 Registrazione nuovo utente... 5 Primo Logon... 8 Registrazione a Gedos... 9 Accesso ai Servizi... 11 Gestione Donatori... 12 Inserimento nuovo donatore...

Dettagli

Tomcat. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2004/05-1

Tomcat. Laboratorio di Tecnologie Lato Server - V.Della Mea e I.Scagnetto, a.a. 2004/05-1 Tomcat E uno dei servlet engine più diffusi. Può funzionare sia come prodotto standalone, sia come modulo del web server Apache. Disponibile gratuitamente (per molti sistemi operativi tra cui Linux e Windows)

Dettagli

Ricambi Esplosi Ordini vers. 1.0.1 settembre 2007

Ricambi Esplosi Ordini  vers. 1.0.1 settembre 2007 spa Sito Web di Consultazione Disegni Esplosi e Distinte Ricambi, Gestione Preventivi e Ordini Ricambi e Consultazione della Documentazione Tecnica Prodotti Esplosi Ricambi Ordini vers. 1.0.1 settembre

Dettagli

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School Area Sviluppo Web Autore: Alessio Bernardo Revisione: 1 Data: 23/05/13 Titolo: Sviluppo piattaforma e-learning e sviluppo siti web File: Documentazione tecnica Sito:

Dettagli

Ricorsione. Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona.

Ricorsione. Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona. Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Sommario Implementazione di Utilizzo ricorsione per processare dati in java vs. multipla

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Multimedia

Laboratorio di Basi di Dati e Multimedia Laboratorio di Basi di Dati e Multimedia Laurea in Tecnologie dell Informazione: Multimedia Docente: Alessandra Di Pierro Email: dipierro@sci.univr.it Lezione 7 Java DataBase Connectivity JDBC consente

Dettagli

Architettura MVC-2: i JavaBeans

Architettura MVC-2: i JavaBeans Siti web centrati sui dati Architettura MVC-2: i JavaBeans Alberto Belussi anno accademico 2008/2009 Limiti dell approccio SEVLET UNICA La servlet svolge tre tipi di funzioni distinte: Interazione con

Dettagli

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1)

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Corsi A e B Esercitazioni 7 e 8 Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) public class BoundedBuffer private

Dettagli

Sistema di Tracciabilità del Farmaco

Sistema di Tracciabilità del Farmaco SPECIFICHE TECNICHE DEI TRACCIATI XML TRACCIATO PER LE VALORIZZAZIONI DELLA FORNITURA A SSN Sistema di Tracciabilità del Farmaco Fase 1 Fase di prima attuazione 1 gennaio 2006 Versione 1.1 Pag. 1 di 16

Dettagli