Il moltiplicarsi dei rischi impone una maggiore cautela. Pictet Asset Management Strategy Unit

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il moltiplicarsi dei rischi impone una maggiore cautela. Pictet Asset Management Strategy Unit"

Transcript

1 SOTTOPESARE NEUTRALE SOVRAPPESARE + CAMBIAMENTO MENSILE Massimo cambiamento ASSET CLASS GLOBALI Ridimensioniamo l esposizione azionaria, passando al sottopeso, e aumentiamo la liquidità. Ci attendiamo una correzione dei mercati sulla scia della crescita debole, della revisione al ribasso delle previsioni di utili e dell impasse politica nell area euro. AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Ridimensioniamo fino al sottopeso l esposizione all Europa, prendendo profitto sul precedente sovrappeso; passiamo a una posizione sovrappesata sul Giappone e aumentiamo fino a un peso neutrale gli investimenti nell Area Pacifico (Giappone escluso). AZIONARIO: SETTORI Preferiamo adottare un approccio più prudente, con un netto sottopeso sui titoli finanziari e rafforzando fino a livello neutrale l esposizione alle utility. Manteniamo il sovrappeso sul settore tecnologico nonostante la recente sottoperformance, ritenendo che queste società continuino a presentare valutazioni convenienti unite a solidi fondamentali di crescita. REDDITO FISSO Manteniamo il sovrappeso sui prodotti a spread ma riduciamo quello sulle obbligazioni investment grade fino a una posizione neutrale, a causa di rendimenti ai minimi storici. Industriali Finanziari Telecomunicazioni Azioni Europa Obbligazioni Petrolio Stati Uniti Asia-Pacifico Mercati emergenti Mid e small cap Value Materiali Utilities Oro USD Beni di consumo voluttuari Beni di consumo di base Salute Obbligazioni governative EUR Obbligazioni Infl. Linked EUR Obbligazioni Corp. Invest. Grade EUR Obbligazioni Corp. High Yield EUR Debito Emerg. Hard Curr. (USD) Liquidità Giappone Energia Informatica Debito Emerg. Local Currency Il moltiplicarsi dei rischi impone una maggiore cautela Pictet Asset Management Strategy Unit Aggiornamento mensile per gli investitori in euro: prospettive a tre mesi Novembre 2012

2 Aggiornamento mensile Pictet Asset Management Strategy Unit Data di pubblicazione: 29 ottobre 2012 Il mercato globale La spinta impressa dalle banche centrali si sta esaurendo rapidamente Nel corso di ottobre i risultati societari deludenti e i timori legati allo stato dei conti pubblici spagnoli hanno pesato negativamente sui mercati azionari, mentre il contesto di deterioramento delle prospettive economiche globali ha causato ulteriori ribassi dei prezzi delle commodity. Gli utili societari deludenti e la revisione al ribasso delle previsioni di molte aziende, fra cui colossi della tecnologia come Google, Intel e Microsoft, hanno destabilizzato i listini statunitensi. La debolezza del settore tecnologico ha contribuito ad annullare gran parte dei guadagni generati dai mercati azionari globali dopo l annuncio, lo scorso 6 settembre, del nuovo programma di acquisto di titoli di Stato della Banca Centrale Europea (OMT). Non è comunque mancata qualche nota positiva. I titoli finanziari hanno registrato buone performance e anche le utility hanno messo a segno buoni progressi. I mercati azionari emergenti hanno chiuso ottobre su livelli invariati, nonostante i forti guadagni dei titoli cinesi e turchi. I mercati dei titoli di Stato sono stati penalizzati dal taglio dei rating di alcune regioni spagnole, e il rendimento dei bond decennali spagnoli, che nella prima metà del mese aveva registrato un calo, ha ripreso a salire superando nuovamente la soglia del 5,5%. Nei mercati del credito, è proseguito il rally dei titoli investment grade e high yield. I rendimenti delle emissioni societarie statunitensi ed europee hanno toccato nuovi minimi storici, rispettivamente il 2,9% e il 2,4%. Sul fronte valutario, l euro ha messo a segno buoni risultati, mentre lo yen ha perso terreno in previsione di ulteriori acquisti di asset da parte della banca centrale giapponese. 2 BAROMETER NOVEMBRE 2012 Asset allocation Le crescenti minacce alla crescita inducono a sottopesare il rischio Abbiamo preferito ridurre l esposizione alle asset class più rischiose, assumendo una posizione sottopesata. La crescita globale rimane debole, le prospettive in termini di utili societari registrano un deterioramento e la capacità delle banche centrali dei mercati sviluppati di stimolare l economia tramite manovre di allentamento quantitativo sembra essere vicina al limite. Nel contempo, siamo convinti che gli investitori sottovalutino i rischi legati alla crisi del debito in Europa e al fiscal cliff negli Stati Uniti. Dopo il rally di mercato, ci sembra ora difficile mantenere un giudizio positivo sulle prospettive dei listini, principalmente alla luce di una crescita economica rivelatasi, nel migliore dei casi, moderata. In realtà, la crescita fiacca è solo il primo di una serie di segnali d allarme. Mentre l economia globale vacilla, le autorità politiche dell area euro continuano a rinviare le riforme bancarie e fiscali. La Germania si è opposta ai salvataggi per ripiana- re le perdite sui legacy asset bancari, e i leader dell Unione Europea non hanno ancora raggiunto un accordo sulla creazione di un autorità di vigilanza unica per il settore bancario. Ai problemi dell area euro si aggiunge il fatto che la Spagna non abbia ancora richiesto ufficialmente gli aiuti finanziari di cui ha disperatamente bisogno; in assenza di tale richiesta la BCE non può attivare il programma di acquisto di titoli di Stato. Anche il rischio politico rimane elevato, poiché le elezioni in Catalogna potrebbero rafforzare le spinte indipendentiste della regione. Negli Stati Uniti, i sondaggi mostrano un quadro altamente incerto fra i due candidati presidenziali, mentre sul fronte della crescita l aumento dei rischi legati al fiscal cliff rappresenta una minaccia persino superiore a quella posta dalla crisi del debito dell area euro. In tale contesto, sono molti i segnali di un eccessiva fiducia degli investitori: rispetto alle quotazioni di luglio, le ob- DIMINUISCE IL NUMERO DI SOCIETÀ CHE RIESCONO A BATTERE LE PREVISIONI DI UTILI 10 Indice S&P, % di società che hanno dichiarato un utile N. di società che, dall'inizio del trimestre, 9 per azione superiore alle previsioni di consenso hanno pubblicato i propri risultati: T1992 2T1993 2T1994 2T1995 2T1996 2T1997 2T1998 2T1999 2T2000 2T2001 2T2002 2T2003 2T2004 2T2005 2T2006 2T2007 2T T2009 2T2010 2T2011 2T2012 Fonte: Thomson Reuters Datastream

3 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream / JPM and BoA Merrill Lynch PRINCIPALI ASSET CLASS PERFORMANCE: ASSET CLASS OBBLIGAZIONI: DIFFERENZIALI DI RENDIMENTO FRA ASSET CLASS MSCI Global Equities equities JPM Global Bonds bonds Indice GSCI Index GSCI USD Basis points (x100) 12 Mercati EM Hard emergenti Currency vs in US valuta Treasuries forte vs Treasury USA Obbligazioni Euro Investment investment Grade vs grade Bunds in euro vs. Bund Obbligazioni Euro High Yield high vs yield Bunds in euro vs. Bund ROTAZIONE DEI SETTORI AZIONARI E PERFORMANCE VALUTARIA ROTAZIONE DEI SETTORI AZIONARI GLOBALI: PERFORMANCE DEI TITOLI CICLICI E DIFENSIVI US USA EMU UEM EMU EM MERCATI EM EMERGENTI JP GIAPPONE JP PERFORMANCE: VALUTE VS. USD EUR GBP 115 CHF 13 JPY BAROMETER NOVEMBRE

4 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream INDICATORI PROPENSIONE AL RISCHIO: VARIAZIONE MENSILE VARIAZIONE MENSILE Variazione massima AVVERSIONE AL RISCHIO ASSETTO NEUTRALE PROPENSIONE AL RISCHIO + Ciclo economico Liquidità Valutazione Sentiment Strategia PAM CICLO ECONOMICO: ATTIVITÀ ANCORA FIACCA A LIVELLO MONDIALE INDICE DI TENDENZA ATTIVITÀ MONDIALE E CRESCITA REALE PIL % 16 Indice Leading index tendenza (Q/Q (Q/Q an.) an.) 12 Indice Leading index tendenza (Y/Y) (Y/Y) Crescita 8 World GDP PIL growth mondiale (Y/Y) (Y/Y) CRESCITA SEQUENZIALE ATTIVITÀ MONDIALE (M/M) %m/m 1.2 Indicatore World leading tendenza indicator mondiale Media Average (dal (since 1999) 99) G10 E PAESI EMERGENTI: GLI INDICATORI DI TENDENZA SUGGERISCONO CHE LA RIPRESA DELLA CRESCITA DEVE ANCORA ARRIVARE INDICATORE DI TENDENZA G10: CRESCITA M/M %m/m 0.8 Indicatore G10 leading tendenza indicator G Media Average (dal (since 1999) 99) INDICATORE DI TENDENZA MERCATI EMERGENTI: CRESCITA M/M %m/m Indicatore EM leading di indicator tendenza mercati emergenti 1.5 Media Average (dal (since 1999) 99) BAROMETER NOVEMBRE 2012

5 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream VALUTAZIONI: MERCATI E SETTORI AZIONARI PAESI E SETTORI REGIONI MSCI CRESCITA EPS CRESCITA FATTURATO P/E P/B P/FATTURATO DY M 2012E 2012E 2012E USA 7% 11% 4% 4% % UEM -4% 15% 3% 3% % Europa escl.uk -1% 14% 3% 4% % UK -7% 9% -1% 4% % Giappone 57% 23% 3% 2% % Mercati emergenti 4% 13% 9% 8% % Asia esc. Giappone 9% 13% 8% 9% % Globale 5% 12% 4% 5% % SETTORI GLOBALI MSCI CRESCITA EPS CRESCITA FATTURATO P/E P/B P/FATTURATO DY M 2012E 2012E 2012E Energia -8% 8% 0% 1% % Materiali -18% 20% 1% 6% % Industria 8% 12% 5% 5% % Beni voluttuari 35% 16% 9% 6% % Beni di prima necessità 6% 10% 6% 6% % Salute 3% 7% 6% 5% % Finanza 10% 12% 4% 5% % Informatica 11% 16% 5% 8% % Telecomunicazioni 1% 9% 3% 2% % Utility 15% 15% 3% 4% % LIQUIDITÀ: ALIMENTATA DA POLITICHE MONETARIE ESPANSIVE SENTIMENT: EDGING CLOSE TO BUY SIGNAL BILANCI DELLE BANCHE CENTRALI SENTIMENT: VICINO AL SEGNALE DI ACQUISTO Indexed Indicizzato Fed BCE ECB BOE BOJ BNS SNB Indice Pictet del Sentiment sentiment Index Pictet (LHS) (sx.) S&P 500 COMPOSITE - PRICE INDEX (RHS) +/- 1 STD SEGNALE DI BUY ACQUISTO SIGNAL SEGNALE SELL DI VENDITA SIGNAL BAROMETER NOVEMBRE

6 bligazioni e le azioni greche si sono apprezzate rispettivamente del 150% e del 90%, mentre l Italia è riuscita di recente a raccogliere ben 18 miliardi di euro con un unica emissione di debito pubblico. L ottimismo permea anche le previsioni di utili, a nostro parere troppo generose. A giudicare dalle ultime trimestrali, difficilmente gli utili delle società statunitensi ed europee registreranno una crescita superiore al 10% nel Fra le società che finora hanno pubblicato i risultati trimestrali, soltanto il 60% ha battuto le aspettative di mercato la percentuale più bassa dal terzo trimestre del I nostri indicatori del ciclo economico evidenziano la debolezza dell attuale fase congiunturale: gli indicatori anticipatori sono negativi da cinque mesi consecutivi, con l unica eccezione della Cina. Negli Stati Uniti i consumi registrano una ripresa, a cui si contrappone però la contrazione degli investimenti. La situazione è preoccupante anche in Germania, dove gli indicatori anticipatori registrano un deterioramento e l indicatore IFO del clima di fiducia delle imprese è sceso ai minimi degli ultimi 20 mesi. Guardando al futuro, prevediamo che la crescita globale registrerà un accelerazione solo modesta nei prossimi mesi; gli Stati Uniti dovrebbero crescere del 2% circa, mentre l area euro dovrà probabilmente attendere i primi mesi del 2013 per uscire dalla recessione. I nostri indicatori di liquidità delineano un quadro eterogeneo. Negli Stati Uniti la liquidità del settore privato è elevata, ma la spinta impressa dalla Federal Reserve il mese scorso sembra GLI INDICATORI DI TENDENZA TEDESCHI SONO IN FLESSIONE %m/m Crescita dell indice di tendenza Media (dal 1999) essersi già esaurita. Inoltre, la liquidità iniettata finora dalla Banca Centrale è meno abbondante del previsto, a causa della lentezza con cui sono stati implementati i piani di acquisto di bond. L area euro rimane una regione di forti contrasti: se da un lato la Germania beneficia di condizioni di liquidità straordinariamente favorevoli, dall altro in molti Paesi la crescita dei prestiti rimane bassa (Francia) o nulla (Europa periferica). Quanto al sentiment degli investitori, in base ai nostri indicatori le asset class più rischiose si stanno avvicinando sempre più a livelli di buy. Tuttavia, l emergere di un chiaro segnale rialzista è subordinato alla continuazione della correzione e ad un inversione dei flussi di capitali di cui hanno beneficiato Fonte: Pictet Asset Management i listini azionari nelle ultime settimane. Gli indicatori di rischio, come il livello di volatilità implicita e i dati sul posizionamento degli investitori, escludono chiaramente una fase di panico Sul fronte delle valutazioni, i nostri modelli indicano che le azioni statunitensi ed europee hanno raggiunto valori di equilibrio, con prezzi pari rispettivamente a 13 e 11 volte gli utili attesi. Le azioni rimangono interessanti anche rispetto alle obbligazioni. Tuttavia, considerando che le previsioni di utili saranno probabilmente riviste al ribasso e che i mercati scontano già acquisti sostanziali di bond da parte delle banche centrali, i nostri parametri di valutazione si stanno gradualmente spostando da livelli convenienti ad una situazione neutrale. 6 BAROMETER NOVEMBRE 2012

7 Ripartizione settoriale e dei titoli azionari Preferiamo sottopesare l Europa Abbiamo ridotto l esposizione alle azioni europee, passando dal sovrappeso al sottopeso, poiché i forti rialzi registrati dal mercato a partire da luglio hanno portato le valutazioni a livelli che non rispecchiano gli odierni rischi politici ed economici. Anche se gli attuali prezzi di mercato, pari a circa 11 volte gli utili a 12 mesi, possono sembrare ragionevoli, questi multipli implicano un incremento dei profitti societari del 15% nel 2013 che appare improbabile alla luce di prospettive di crescita incerte. Inoltre, il 30% circa dei settori europei risulta più oneroso dei corrispondenti segmenti del mercato statunitense. Il quadro sfavorevole è confermato anche da alcuni indicatori tecnici: considerando che, in base ai sondaggi fra gli investitori, l esposizione dei gestori ai listini dell area euro ha raggiunto livelli che non si registravano dall inizio del 2010, il mercato comincia ad apparire oneroso. Questa presa di profitto in Europa ci consente di investire in aree con un miglior profilo di rischio e rendimento come il Giappone, dove siamo passati da una posizione neutrale al sovrappeso. Pur essendo consapevoli che la crescita economica e degli utili rimane modesta, siamo convinti che, fra i principali mercati azionari, il Giappone offra le valutazioni più interessanti: il listino nipponico è il solo a presentare prezzi inferiori al valore di libro e a quotare a sconto, in base al rapporto prezzo/ utili attesi, rispetto ai mercati azionari globali. Anche basandosi unicamente su questi parametri, il mercato giapponese appare eccessivamente punito. Ci sono almeno altri due fattori che giocano a favore del Giappone: l economia nazionale beneficerà più di altre di un accelerazione della crescita cinese, e la borsa nipponica tende a generare buone performance in periodi di scarsa GIAPPONE VS. MERCATI AZIONARI GLOBALI: QUALITÀ DIFENSIVE NELLE FASI DI DEBOLEZZA MSCI Japan vs MSCI World % % di occasioni in cui il listino nipponico ha registrato una sovraperformance nelle settimane in cui i mercati azionari globali hanno perso terreno Correlazione Beta Giappone Stati Uniti Area Pacifico (Giappone escluso) Mercati emergenti Europa Fonte: Thomson Reuters Datastream propensione al rischio. Dal 2010, le azioni giapponesi hanno registrato una sovraperformance (in dollari) nel 70% dei casi in cui i mercati globali hanno subito perdite settimanali. Confermiamo il posizionamento neutrale sul mercato azionario statunitense, poiché le valutazioni elevate e i rischi connessi al fiscal cliff non consentono di essere più ottimisti su questo fronte. A livello settoriale, le nostre previsioni sulla crescita economica globale ci hanno indotto a ridimensionare l esposizione ai titoli ciclici. Abbiamo ridotto gli investimenti nel settore finanziario, passando da una posizione neutrale al sottopeso. Dopo le ampie sovraperformance degli ultimi mesi, i prezzi di questi titoli hanno raggiunto un valore vicino all equilibrio soprattutto in Europa, dove si attestano su livelli pari a circa 0,8 volte il book value. Abbiamo invece aumentato l esposizione alle utility; questo settore difensivo, che attualmente non gode del favore degli investitori, registra un miglioramento della crescita degli utili, offre un dividend yield interessante (4,5%) e sembra beneficiare di un ridimensionamento dei rischi normativi. Manteniamo il sovrappeso sulla tecnologia, ritenendo che gli utili deludenti pubblicati da alcune di queste società rappresentino un ostacolo trascurabile per un settore la cui crescita è sostenuta da dinamiche di lungo periodo. Confermiamo anche il netto sovrappeso dei beni voluttuari, che beneficeranno dell ulteriore miglioramento del mercato dell edilizia residenziale negli Stati Uniti. BAROMETER NOVEMBRE

8 Reddito fisso Continuiamo a preferire le obbligazioni societarie Continuiamo a privilegiare le aree più rischiose del reddito fisso, poiché riteniamo che le obbligazioni di categoria speculativa e il debito dei mercati emergenti continueranno a beneficiare del mantenimento di politiche monetarie fortemente espansive nei Paesi sviluppati. Abbiamo però deciso di ridurre a livello neutrale l esposizione alle obbligazioni societarie investment grade, i cui rendimenti segnano nuovi minimi storici. Confermiamo il sovrappeso del debito dei Paesi emergenti e la nostra preferenza per le emissioni in valuta locale rispetto al debito denominato in dollari, ritenendo che ci siano margini di apprezzamento valutario in molte aree dei mercati in via di sviluppo. Puntiamo soprattutto su valute sensibili alla crescita come il peso messicano, il real brasiliano e alcune monete asiatiche, poiché prevediamo un continuo miglioramento dell attività economica in questi Paesi. Il Brasile, in particolare, ha mostrato negli ultimi mesi segnali di solida ripresa. Quanto ai mercati sviluppati, siamo I RENDIMENTI DELLE OBBLIGAZIONI INVESTMENT GRADE SONO SCESI AI MINIMI STORICI T1992 2T1993 Rendimento obbligazioni IG in EUR Rendimento obbligazioni IG in USD più prudenti nei confronti dei titoli di Stato italiani dopo la recente fase di forte rally, temendo il possibile impatto su questi titoli di una richiesta ufficiale di salvataggio da parte della Spagna. Sul fronte valutario, manteniamo le posizioni sovrappesate nei Paesi che presentano prospettive di crescita ragionevoli e in cui non si è fatto ricorso a manovre di politica monetaria non convenzionali. Tuttavia, abbiamo ridotto l esposizione su alcune divise dei paesi sviluppati esposte alle materie prime, ad eccezione del dollaro canadese. Manteniamo %m/m la posizione corta sullo yen, prevedendo 1. un Crescita ulteriore dell indice ampliamento di tendenza del Media (dal 1999) programma di acquisto di bond della banca centrale giapponese. Siamo più prudenti 0.5 nei confronti dell euro, poiché riteniamo che l attuale cambio a 1,30 dollari non sia sostenibile alla luce dei problemi 0. economici a lungo termine che gravano sulla regione. Olivier -0.5 Ginguené, Chairman Pictet Asset Management Strategy Unit Luca Paolini, Chief strategist -1. Pictet Asset Management 2T1994 2T1995 2T1996 2T1997 2T1998 2T1999 2T2000 2T2001 2T2002 2T2003 2T2004 2T2005 2T2006 2T2007 2T PICTET STRATEGY UNIT Pictet Asset Management Via Fratelli Gabba, 1/A 2T2009 2T2010 2T Fonte: Merrill Lynch, Thomson Reuturs Datastream 0.0 2T Pictet Asset Management Strategy Unit (PSU) è il gruppo di investimento responsabile delle linee guida di asset allocation in ambito azionario e obbligazionario, nonché in materia di valute e commodity. Ogni mese, la PSU definisce una politica generale in base all analisi dei seguenti fattori: ciclo economico: indicatori di tendenza proprietari, inflazione liquidità: politica monetaria, variabili creditizie/monetarie Milano valutazioni: premio di rischio azionario, divario di rendimento, multipli e dati storici -0.5 aspettative: indice del sentiment Pictet (indagini fra gli investitori, indicatori tattici) -1.0 La distribuzione del presente documento è riservata esclusivamente ad investitori professionali. Il documento non è concepito per la distribuzione a persone fisiche o entità giuridiche aventi cittadinanza o residenza in una località, stato, paese o altra giurisdizione nei quali la relativa distribuzione, pubblicazione o utilizzo sono in contrasto con norme di legge o regolamenti. Le informazioni utilizzate per la preparazione del presente documento sono basate su fonti ritenute affidabili. Tuttavia non può essere fornita alcuna dichiarazione o garanzia in merito all accuratezza o alla completezza di tali fonti. Qualsiasi opinione, stima o previsione può essere modificata in ogni momento senza preavviso. Si invitano gli investitori a leggere il prospetto informativo o il memorandum d offerta prima di effettuare investimenti nei fondi gestiti da Pictet. Il presente documento è stato emesso in Svizzera da Pictet Asset Management SA e/o da Pictet & Cie e nel resto del mondo da Pictet Asset Management Limited. Esso non può essere riprodotto o distribuito, in tutto o in parte, senza la preventiva autorizzazione di dette entità. Per gli investitori britannici, le SICAV multicomparto Pictet e Pictet Total Return domiciliate in Lussemburgo sono considerate «recognized collective investment schemes» ai sensi della section 264 del Financial Services and Markets Act I fondi svizzeri di Pictet, autorizzati per la distribuzione unicamente in Svizzera ai sensi della Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale, sono considerati «unregulated collective investment schemes» nel Regno Unito. Il Gruppo Pictet gestisce hedge funds, fondi di hedge funds e fondi di fondi di private equity non autorizzati per la distribuzione al pubblico nell ambito dell Unione Europea e considerati «unregulated collective investment schemes» nel Regno Unito. Per gli investitori australiani, Pictet Asset Management Limited (ARBN ) è esonerata dall obbligo di possedere una licenza per i servizi finanziari australiani ai sensi del Corporate Act Per gli investitori statunitensi, le azioni dei fondi gestiti dal Gruppo Pictet sono offerte agli investitori non soggetti a imposizione fiscale statunitense. La vendita di azioni negli Stati Uniti o a US Persons avverrà unicamente tramite collocamento privato ad «accredited investors» in base all esenzione dalla registrazione presso la SEC ai sensi della section 4(2) e della Regulation D Private placement exemptions della legge del 1933 nonché ai clienti qualificati secondo la definizione della legge del Le azioni dei fondi Pictet non sono state registrate ai sensi della legge del 1933 e pertanto, ad eccezione delle transazioni non in contrasto con la legislazione statunitense in materia di titoli, esse non possono essere offerte o vendute direttamente o indirettamente negli Stati Uniti o a US Persons. Le società di gestione di fondi d investimento del Gruppo Pictet non saranno registrate ai sensi della legge del Copyright 2012 Pictet - Emesso a Novembre BAROMETER NOVEMBRE 2012

Mercati azionari più promettenti. Marzo 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Mercati azionari più promettenti. Marzo 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo una posizione di sovrappeso sul mercato azionario alla luce dell accelerazione congiunturale e degli ingenti stimoli monetari; aumentiamo la ponderazione dei titoli obbligazionari

Dettagli

Pronti per la prossima mossa della Fed. Dicembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Pronti per la prossima mossa della Fed. Dicembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il posizionamento neutrale sull azionario in vista del primo rialzo dei tassi di interesse statunitensi e riduciamo l esposizione obbligazionaria a un sottopeso in ragione

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Abbiamo accentuato il nostro orientamento ciclico sovrappesando industria e informatica.

AZIONARIO: SETTORI Abbiamo accentuato il nostro orientamento ciclico sovrappesando industria e informatica. ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il sovrappeso del mercato azionario alla luce di una ripresa economica sempre più solida in tutti i Paesi avanzati, con effetti positivi per gli utili delle aziende. AZIONARIO:

Dettagli

Fed e Cina pesano sul futuro delle borse. Pictet Asset Management Strategy Unit

Fed e Cina pesano sul futuro delle borse. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Riduciamo l esposizione azionaria a livello neutrale e aumentiamo il peso della liquidità poiché i nostri indicatori suggeriscono possibili pressioni sugli asset rischiosi. AZIONARIO:

Dettagli

Le azioni eclisseranno le obbligazioni a fine anno. Dicembre 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit

Le azioni eclisseranno le obbligazioni a fine anno. Dicembre 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo un giudizio positivo sulle azioni per via dell accelerazione congiunturale e delle prospettive di un ulteriore sostegno monetario da parte delle banche centrali; abbiamo

Dettagli

Rally azionario sostenuto dalle banche centrali. Maggio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Rally azionario sostenuto dalle banche centrali. Maggio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo la posizione di sovrappeso sull azionario, contando sul proseguimento della ripresa economica alimentata dagli stimoli monetari. AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO

Dettagli

Prudenza nella fase di ripresa del mercato. Novembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Prudenza nella fase di ripresa del mercato. Novembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Nonostante il rimbalzo dei mercati dopo il difficile periodo estivo, per ora abbiamo evitato di aumentare il rischio, in attesa di segnali di migliori prospettive per gli utili aziendali.

Dettagli

AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Prediligiamo ancora le azioni giapponesi e dei mercati emergenti, che presentano valutazioni allettanti.

AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Prediligiamo ancora le azioni giapponesi e dei mercati emergenti, che presentano valutazioni allettanti. ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo un posizionamento neutrale nelle asset class rischiose; confermiamo il sottopeso dei bond, poiché il calo dei rendimenti obbligazionari appare insostenibile. AZIONARIO: REGIONI

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza.

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza. ASSET CLASS GLOBALI Dopo il crollo subito in agosto e settembre, le valutazioni ci sembrano allettanti, ma aspettiamo un segnale di acquisto più forte sul mercato azionario. AZIONARIO: REGIONI E STILI

Dettagli

L intervento della BCE aumenta l appeal dei titoli azionari. Febbraio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

L intervento della BCE aumenta l appeal dei titoli azionari. Febbraio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo un giudizio positivo sul mercato azionario dato il continuo miglioramento delle condizioni economiche; i titoli obbligazionari restano sottopesati per motivi di valutazione.

Dettagli

Il sentiment volge a favore dei mercati emergenti. Aprile 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit

Il sentiment volge a favore dei mercati emergenti. Aprile 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il posizionamento neutrale sulle asset class rischiose; nonostante le previsioni di una ripresa economica, la crescita non è ancora così forte da far decollare gli utili

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza.

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza. ASSET CLASS GLOBALI Nel breve termine manteniamo un allocazione neutrale ad azioni e obbligazioni, in attesa della conferma di un graduale rialzo dei tassi di interesse USA e di una ripresa degli utili.

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

ILR con. Posizione. attuale.

ILR con. Posizione. attuale. ILR con il gestore G. Spinola del 16/04/15 Trend vs. Msci World Dal lancio ( 15/02/93 ) al 16/04/15. Posizione attuale. 63% %* in Azioni (profilo di rischio teoricoo del portafoglio mediamente in lineaa

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

Portafogli Modello Giugno 2014

Portafogli Modello Giugno 2014 Portafogli Modello Giugno 2014 Investment Advisory 10 Giugno 2014 Milano Indice Commento Generale (p. 3) Portafoglio Obbligazionario (p. 4) Portafoglio Bilanciato (p. 6) Portafoglio Azionario (p. 8) Ranking

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Analisi Settimanale dei rcati Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Performance deludenti per i titoli e le materie prime a più alto rischio dal momento che questa settimana

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Prospettive 2015 - Divergenze

Prospettive 2015 - Divergenze NOVEMBRE 2014 Prospettive 2015 - Divergenze Jean-Sylvain Perrig, CIO Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

Investire in bond: quando il gioco si fa duro

Investire in bond: quando il gioco si fa duro Investire in bond: quando il gioco si fa duro No. 3 - Maggio 2013 Investire in bond: quando il gioco si fa duro Dopo la corsa agli elevati rendimenti generalizzati degli ultimi anni, il mercato obbligazionario

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net 10 otto, 2010 Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Il mercato azionario ha avuto un impennata a metà settimana per poi consolidarsi durante gli ultimi giorni dal momento

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Data Pubblicazione 04/06/2015 Sito Web www.impresamia.com MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Commento mensile di Giugno 2015 a firma di Alessandro

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

2014 meglio del 2013?

2014 meglio del 2013? S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica 2014 meglio del 2013? Roberto Cesarini Intesa Sanpaolo Private Banking 20 marzo 2014 - Milano Contesto 1/2 Quadro economico in lento

Dettagli

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 Quadro macro globale 60 ISM manif atturiero Usa PMI manif atturiero Germania PMI manif atturiero Cina 55 50 45 Fonte:

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico ASSET SG S.p.A. A SOCIO UNICO Via Tre Settembre, 210 47891 Dogana R.S.M.

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

UBS Dynamic. Portfolio Solution

UBS Dynamic. Portfolio Solution Dynamic 30 giugno 2013 UBS Dynamic Linee di Gestione di UBS (Italia) S.p.A. Linea Global Credit Linea Income Linea Yield Linea Balanced Linea Equity Linea Global Credit Linea Income Linea Yield Linea Balanced

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

06/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Giugno 2014 2011

06/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Giugno 2014 2011 06/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Giugno 2014 2011 Giugno 2014 Analisi di scenario Mercati 19/06/2014 2 Analisi di scenario Giudizi sintetici Azionario US Europa Giappone Emergenti

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Manteniamo un orientamento ciclico in ragione dell accelerazione della crescita globale e di valutazioni interessanti.

AZIONARIO: SETTORI Manteniamo un orientamento ciclico in ragione dell accelerazione della crescita globale e di valutazioni interessanti. ASSET CLASS GLOBALI Aumentiamo il peso della componente azionaria a un livello neutrale, riduciamo il sovrappeso della liquidità e confermiamo il sottopeso delle obbligazioni. AZIONARIO: REGIONI E STILI

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

La crescita accelera nella seconda metà del 2013

La crescita accelera nella seconda metà del 2013 Approfondimento mensile sulla situazione attuale e sui probabili sviluppi dei mercati globali 21 agosto 2013 Analisi dei Mercati L outlook di mercato è positivo, grazie ai solidi indicatori economici e

Dettagli

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Schroders Economia e Mercati Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Introduzione Il rally dei mercati azionari che è iniziato nel terzo trimestre ha proseguito la sua

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net La forza delle oscillazioni nel momentum di mercato ha continuato ad essere molto forte questa settimana dal momento che il mercato è stato dominato da notizie che hanno incrementato la volatilità. Durante

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Per Consulenti E Investitori Qualificati Strategic Solutions Schroder Global Diversified Growth Fund Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Quando gli strumenti classici non bastano

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 5 - Maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Via Calprino 18, 6900 Paradiso www.compass-am.com Novembre 2013 - Pagina 1 Indice 1. Fondamentali

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Marco Piersimoni Roma 30 Settembre 2014 Indice 1. Problema di investimento del risparmiatore italiano 2. Una possibile soluzione: Pictet Multi Asset Global

Dettagli

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 Cfa Society: +56,8 pt Italy sentiment in maggio, fiducia confermata 2015-05-04

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Gennaio/Febbraio 2015 Si preferiscono gli USA L inizio dell anno è cautamente positivo se parliamo dei

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Scenario economico e politiche

Scenario economico e politiche Scenario economico e politiche Fedele De Novellis Bergamo, 14 giugno 2013 www.refricerche.it Schema generale Rallentamento economia globale nel 2012 (crisi della periferia europea) Reazione politiche monetarie

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Rialzo dei mercato azionari durante questa settimana grazie ai dati migliori delle attese provenienti dalla Cina che hanno ridato

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Fondo Interno Core. 31 luglio 2012

Fondo Interno Core. 31 luglio 2012 Fondo Interno Core 31 luglio 2012 Indice FIDEURAM VITA INSIEME Commento mensile FVI - Fondo Interno Core Classe K FVI - Fondo Interno Core Classe Y FVI - Fondo Interno Core Classe Z Indice Luglio 2012

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 3// Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e riflette

Dettagli

I Differenziali di rendimento

I Differenziali di rendimento I Differenziali di rendimento continuano ad orientare il mercato FX 14 Febbraio 2011 Durante la scorsa settimana abbiamo avuto un attività di trading favorevole sul Dollaro USA in quanto i differenziali

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

Nextam Partners. Via Bigli 11 20121 Milano - Tel.: +39027645121. Nextam Partners Obbligazionario Misto

Nextam Partners. Via Bigli 11 20121 Milano - Tel.: +39027645121. Nextam Partners Obbligazionario Misto Via Bigli 11 20121 Milano - Tel.: +39027645121 Nextam Partners Obbligazionario Misto Rapporto Mensile novembre 2015 Commento del gestore Categoria Assogestioni: Obbligazionari Misti Categoria Morningstar

Dettagli

TASSI DI CAMBIO AVVENIMENTI DI QUESTA SETTIMANA. Analisi Settimanale dei Mercati

TASSI DI CAMBIO AVVENIMENTI DI QUESTA SETTIMANA. Analisi Settimanale dei Mercati Il vulcano ha eruttato durante la settimana poiché i problemi di solvibilità del debito nella periferia dell Europa hanno creato il panico in tutto il mondo ed i mercati finanziari hanno avuto comportamenti

Dettagli

Schroders Private Banking

Schroders Private Banking Schroders Private Banking Weekly newsletter Schroders Italy SIM S.p.A. Via della Spiga, 30-20121 Milano Tel: 0276377.1 Fax: 0276377300 www.schroders.it 1 Il Mercato Europeo Andamento dei principali indici

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Dopo il forte rally di giovedì nei mercati azionari statunitensi, le azioni si sono consolidate e sono avanzate leggermente. Un risultato sulle Vendite al dettaglio negli USA peggiore delle attese è stato

Dettagli