Important notice. Aviso importante

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Important notice. Aviso importante"

Transcript

1 Important notice If you don t understand the information in this booklet for language problem, you can ask for information translated into English, Spanish, French and many other languages in one of our outpatient vaccine. Aviso importante Si usted no entiende la información contenida en este folleto para un problema de idioma, puede pedir información traducida al inglés, francés, español y muchos otros idiomas en una de nuestra vacuna para pacientes ambulatorios. Avis important Si vous ne comprenez pas les informations contenues dans cette brochure pour un problème de langue, vous pouvez demander des informations traduites en anglais, français, espagnol et autres langues dans l'un de nos vaccin ambulatoire. Cari genitori, al compimento delle 8 settimane di vita del/della vostro/a bambino/a, mediante una lettera d invito e invio di materiale informativo, Vi verrà proposto di iniziare le vaccinazioni che sono raccomandate per tutti i nuovi nati e che saranno somministrate presso i nostri ambulatori con due iniezioni: - il vaccino esavalente, un vaccino combinato che contiene i vaccini contro difterite, tetano, poliomielite, epatite B, pertosse e Hib; - il vaccino antipneumococco coniugato 13 valente (PCV). Anche i bambini prematuri possono essere vaccinati a questa età, perché si è visto che sono in grado di rispondere ai vaccini come i bambini nati a termine. Non dovete aver paura che questi vaccini rappresentino un carico eccessivo per l organismo, perché il nostro sistema immunitario è in grado di rispondere contemporaneamente a milioni di microbi. Inoltre, la somministrazione di vaccini combinati diminuisce la quantità di sostanze preservanti iniettate, sempre presenti per la corretta conservazione dei vaccini stessi. La II dose di vaccino esavalente e PCV viene proposta dopo almeno 8 settimane dalla prima e la III dose dopo almeno 6 mesi dalla seconda. Dopo il compimento dell anno di vita è proposta la vaccinazione contro morbillo-parotiterosolia e varicella, oltre alla vaccinazione anti-meningococco C. A 5-6 anni si esegue un richiamo contro difterite, tetano, pertosse, poliomielite e la II dose di vaccino anti morbillo-parotite-rosolia e varicella. A anni, solo alle bambine, è proposto il ciclo di vaccinazione anti-papilloma virus (HPV) in due dosi somministrate a sei mesi di distanza l una dall altra. A 15 anni, a maschi e femmine, è offerto un richiamo per difterite tetano pertosse.

2 CALENDARIO VACCINAZIONI DELL INFANZIA Vaccino anni mese mese mese mese anni anni DTP I dose II dose III dose IV dose V dose IPV I dose II dose III dose IV dose HBV I dose II dose III dose Hib I dose II dose III dose PCV I dose II dose III dose MPR I dose II dose Var ** Men C I dose *** HPV* 2 dosi DTP: vaccino anti-difterite, tetano, pertosse IPV: vaccino anti-poliomielite inattivato HBV: vaccino anti-epatite B Hib: vaccino anti-haemophilus tipo b PCV: vaccino coniugato anti-pneumococcico MPR: vaccino anti-morbillo, parotite, rosolia Men C: vaccino coniugato anti-meningococco C HPV: vaccino anti-papillomavirus Var: vaccino anti-varicella * solo per le femmine ** 2 dosi di vaccino antivaricella offerte a tutti gli adolescenti non vaccinati e che non hanno mai fatto la malattia *** 1 dose di vaccino antimeningococco C offerta a tutti gli adolescenti non precedentemente vaccinati

3 LE VACCINAZIONI - COSA E' IMPORTANTE SAPERE Vogliamo richiamare la Vostra attenzione sulle vaccinazioni dell infanzia, perché possiate farle somministrare al Vostro bambino conoscendo i grandi benefici che portano e i possibili rischi, molto pochi nel caso delle vaccinazioni, ma propri di ogni intervento sanitario. Cosa fa la vaccinazione? Stimola la produzione delle difese immunitarie contro la malattia per la quale vacciniamo in modo che, quando l individuo incontra il microrganismo responsabile della malattia, è già in grado di difendersi efficacemente. Le vaccinazioni hanno lo scopo di proteggere sia il singolo bambino che l intera collettività; tranne che per il tetano, quanto più numerosi sono i bambini vaccinati, tanto più difficile è la circolazione dei germi responsabili di queste malattie nella popolazione; infatti, trovano soggetti già protetti che non possono essere infettati. L obiettivo è, in un primo tempo, di eliminare queste malattie dal territorio nazionale e, successivamente, di eradicarle (più nessun caso al mondo). E un traguardo concreto, già acquisito per il vaiolo, che si spera di raggiungere a breve termine per la poliomielite e che ci si augura di conquistare presto per il morbillo. La vaccinazione contro il tetano è importante, invece, solo per il singolo soggetto, in quanto il germe è diffuso nell ambiente ed ogni piccola ferita può essere occasione di contrarre la malattia; è per questo che la vaccinazione è consigliata anche per tutti gli adulti. Vaccinazioni, dunque, come strumento indispensabile per la salute del bambino, ma anche come concreto contributo di tutti al benessere della collettività. Oggi, grazie alla ricerca scientifica, abbiamo a disposizione vaccini sempre più efficaci, con pochi effetti collaterali. Tali reazioni, nella maggior parte dei casi, sono di breve durata e di lieve entità; si possono manifestare come arrossamento e dolore nel punto di iniezione, malessere generale, febbre controllabile con i comuni farmaci antipiretici; solo in casi estremamente rari possono verificarsi eventi gravi tipo convulsioni febbrili, lesioni neurologiche, ecc.; queste sono, comunque, molto meno frequenti delle complicanze causate dalle malattie prevenibili con la vaccinazione; solo lo shock anafilattico, reazione rarissima dopo somministrazione di vaccini, non è provocabile dal verificarsi della malattia infettiva. Quando non vaccinare Vi sono alcune situazioni che possono controindicare la vaccinazione, temporaneamente o per sempre, oppure che richiedono alcune precauzioni nella somministrazione del vaccino; è necessario, quindi, che i genitori, prima della vaccinazione, sentano il proprio medico di fiducia che, insieme al medico vaccinatore, valuterà l opportunità di vaccinare, di rimandare o di evitare la vaccinazione. Tali situazioni sono rappresentate da: 1. malattia acuta con febbre superiore a 38 C; 2. reazioni importanti dopo la precedente dose; 3. storia clinica di convulsioni;

4 4. allergia grave ad alcune sostanze; 5. somministrazione recente di immunoglobuline o trasfusioni; 6. malattia neurologica in evoluzione (non stabilizzata); 7. terapie in corso che riducono le difese immunitarie (cioè la capacità dell organismo di difendersi dalle malattie) come radioterapia, assunzione di particolari farmaci (cortisonici, anti-tumorali), ecc.; 8. riduzione o assenza degli anticorpi prodotti naturalmente, presente dalla nascita o conseguente a particolari malattie (immunodeficienza primitiva o acquisita). N.B. Quando vi è una di queste condizioni è importante parlarne con il medico vaccinatore prima della somministrazione del vaccino. Via e sito di somministrazione dei vaccini Tutti i vaccini utilizzati per le vaccinazioni routinarie dell infanzia sono somministrati, a seconda del tipo di vaccino, mediante iniezione intramuscolare o sottocutanea. La sede di iniezione è costituita dalla faccia anterolaterale della coscia nei bambini più piccoli e nel muscolo deltoide del braccio in quelli più grandicelli. Reazioni avverse dopo vaccinazione Come tutti i farmaci, compresi quelli naturali, anche i vaccini possono avere degli effetti collaterali, pur essendo accuratamente testati per la sicurezza prima della loro commercializzazione; la maggior parte delle reazioni è di breve durata e non ha conseguenze permanenti; non si può, però, mai escludere la possibilità di una severa reazione allergica, anche se è un evento eccezionale, che insorge entro pochi minuti dalla somministrazione, ma è controllabile con un pronto intervento farmacologico.

5 Gli eventi più frequenti dopo alcune vaccinazioni sono riassunte nella tabella seguente: Vaccino Effetti collaterali Possibile inizio Esavalente Pneumococco Meningococco C Morbillo Parotite Rosolia Varicella Febbre, dolore, arrossamento e gonfiore nel punto di iniezione Febbre, dolore, arrossamento e gonfiore nel punto di iniezione Febbre, dolore, arrossamento e gonfiore nel punto di iniezione Febbre lieve, rash cutaneo, ingrossamento delle ghiandole Dolore e arrossamento nel sito di iniezione Febbre ed eruzione cutanea tipo varicella Entro 48 ore Entro 48 ore Entro 48 ore Da 5 a 12 giorni dal vaccino Entro 48 ore Da 7 a 28 giorni dal vaccino Se gli effetti collaterali durano più di due giorni è meglio consultare il medico per verificare che non si tratti di sintomi riferibili ad altra malattia che dovrà essere riconosciuta e trattata. Ricordate Se non tutto vi è chiaro o desiderate ulteriori informazioni, potete parlarne con il Vostro pediatra o con gli operatori dell ambulatorio vaccinale. Se volete approfondire le Vostre conoscenze in modo corretto, segnaliamo il sito internet curato da autorevoli società scientifiche italiane; in particolare, nella sezione contro la disinformazione potete trovare risposte esaurienti a falsi luoghi comuni. Dopo la vaccinazione... qualche consiglio utile Se la zona in cui è stata fatta l iniezione (gamba o braccio) appare calda, gonfia e arrossata applicare del ghiaccio avvolto in un panno pulito e fresco; se ritenete che il bambino abbia molto dolore poiché reagisce alla minima pressione, potete somministrare paracetamolo, un farmaco che aiuta a ridurre il dolore (si trova in commercio con diversi nomi). Se, dopo 24 ore, il rossore tende ancora ad aumentare consultate il pediatra o il servizio vaccinale. Se, dopo la vaccinazione, il bambino diventa particolarmente noioso o appare irrequieto si può somministrare paracetamolo. Se lo stato di irrequietezza persiste per più di 24 ore, consultate il pediatra o il servizio vaccinale. Se al bambino viene la febbre dategli da bere in abbondanza, vestitelo in modo leggero senza coprirlo eccessivamente, fategli un bagno in acqua tiepida (non fredda); se la febbre supera i 38 C (38,5 C con la misurazione rettale) è possibile somministrare paracetamolo. Se la febbre continua o tende ad aumentare o se il bambino presenta sintomi insoliti, consultate il pediatra o chiamate il centro vaccinale.

6 Si fornisce un prospetto indicativo per somministrare il farmaco. DOSE DI PARACETAMOLO Peso (Kg) Supposte Gocce Sciroppo da 62,5 mg da 125 mg da 250 mg Oltre i 21 1 da 500 mg 4 gocce ogni Kg di peso 0.5 ml ogni Kg di peso Ripetere una eventuale 2 somministrazione dopo 6 ore. Se persistono i sintomi consultare il pediatra. Per ogni dubbio o preoccupazione chiamate il servizio vaccinale e ricordatevi di annotare e riferire qualsiasi cosa riteniate utile. Indennizzo per danno da vaccinazione Pur essendo situazioni estremamente rare, in caso di reazione avversa grave che lascia un danno permanente a causa di vaccinazioni obbligatorie o raccomandate, lo Stato ha previsto un indennizzo per i soggetti colpiti, alle condizioni e nei modi stabiliti dalla Legge 210/92 e successive modifiche e integrazioni. Per avere le informazioni ci si può rivolgere all Ufficio Legale A.S.L. di Lodi - Piazza Ospitale Lodi, tel Il servizio vaccinale è disponibile a fornire qualsiasi chiarimento nonché, agli aventi diritto, copia della documentazione cartacea presente nei propri archivi. Dissenso sull esecuzione delle vaccinazioni In caso di rifiuto delle vaccinazioni, sarete invitati, nel corso di un colloquio, a sottoscrivere un modulo di dissenso. Le vaccinazioni saranno riproposte a seguito di eventuali condizioni di rischio infettivo collettivo e all interessato al compimento del 18 anno di età. Un eventuale rifiuto in condizioni di rischio sarà segnalato ai Servizi Sociali del Comune di residenza e al Tribunale dei Minori, ipotizzando uno stato di trascuratezza del minore.

7 VACCINAZIONE ANTIDIFTERICA LE VACCINAZIONI Protegge dalla difterite, una malattia batterica grave (mortale nel 5-10% dei casi anche se curata) che si trasmette principalmente per via aerea. La difterite è dovuta all'azione di una tossina che agisce sul tessuto cardiaco, sui reni, sul fegato, sul sistema nervoso causando danni anche permanenti. La malattia può causare grave difficoltà respiratoria (cui può seguire coma o morte per asfissia), alterazioni cardio-circolatorie e renali, paralisi precoci e tardive dei muscoli del laringe, faringe (cui può seguire la morte) e paralisi dei muscoli oculari. L'efficacia della vaccinazione antidifterica è testimoniata dalla scomparsa della malattia nei Paesi in cui la popolazione è stata ben vaccinata e dalla sua ricomparsa in quelle parti del mondo in cui la pratica della vaccinazione è stata, anche solo temporaneamente, trascurata. Reazioni possibili dopo la vaccinazione sono: febbre superiore ai 38 C (in circa 3 vaccinati ogni 100), gonfiore e dolore in sede d iniezione (6% - 8% dei vaccinati); questa reazione locale è tanto più probabile quanto più alto è il numero di dosi già effettuate dal soggetto; per questo è una reazione più frequente nell adulto. Altre reazioni possibili, ma rarissime, sono shock anafilattico (1 caso ogni 1 6 milioni di dosi), neurite o poliradicolite, cioè l infiammazione di un nervo o di un plesso nervoso (1 caso ogni 5 10 milioni di dosi), ascesso sterile (1 caso ogni 6 10 milioni di dosi). VACCINAZIONE ANTITETANICA Protegge dal tetano, una malattia mortale in oltre il 50% dei casi, causata da un bacillo presente nell'ambiente che può penetrare attraverso ferite anche banali e produce una tossina potentissima che agisce sulle terminazioni nervose provocando spasmi muscolari incontenibili; la complicanza più temibile è la paralisi dei muscoli respiratori, cui segue morte per asfissia. La risposta anticorpale alla vaccinazione è ottima: circa il 99% dei bambini, a distanza di 1 mese dal completamento delle prime tre dosi (ciclo di base), è protetto nei confronti della malattia. Le possibili reazioni alla vaccinazione sono le stesse già indicate per la vaccinazione antidifterica. La vaccinazione antitetanica, come quella antidifterica, per mantenere la sua protezione nel tempo, deve essere periodicamente ripetuta: il primo richiamo è proposto dopo 4-5 anni dall'ultima dose del ciclo di base con vaccino anti difterite-tetano-pertosse; le dosi successive sono somministrate ad intervalli di dieci anni. La vaccinazione antitetanica periodica riduce la necessità di ricorrere alle immunoglobuline in caso di ferite. Il rischio di tetano, infatti, è presente ogni qualvolta vi è possibilità, per il bacillo tetanico, di annidarsi nei tessuti, trasportato da terriccio,

8 sporcizia o da oggetti appuntiti contaminati; una puntura di spina, una ferita che sanguina poco, un abrasione sporca di terra, una morsicatura di animale sono tutte situazioni ad alto rischio. In questi casi, se sono trascorsi più di 5 anni dall ultima dose praticata, sarà il medico a valutare la necessità di un eventuale richiamo anticipato. VACCINAZIONE ANTIPOLIOMIELITICA Protegge dalla poliomielite, malattia causata da virus che, dopo aver provocato un'infezione a livello intestinale, possono localizzarsi nel sistema nervoso causando la paralisi di uno o più arti e/o dei muscoli respiratori; la mortalità della malattia varia dal 2% al 10%. Grazie alla vaccinazione, la malattia è scomparsa da tutti i Paesi europei, ma rimane in alcune aree del mondo e la sua ricomparsa, anche in Italia, è ancora possibile fino a che persisteranno questi casi. Dal 2002 la vaccinazione antipolio viene effettuata con vaccino Salk per l intero ciclo vaccinale. Il vaccino Salk contiene il virus della poliomielite ucciso (vaccino con virus inattivati) che si somministra con iniezione intramuscolare. Non esistono effetti collaterali importanti o più frequenti dopo somministrazione di questo vaccino. Come qualsiasi sostanza estranea all organismo, può determinare, se pure con frequenza estremamente rara, reazioni allergiche anche gravi. VACCINAZIONE CONTRO L'EPATITE VIRALE B Protegge dall'epatite B, una malattia infettiva virale contagiosa che colpisce il fegato. La trasmissione avviene attraverso il contatto con liquidi biologici infetti (sangue e suoi derivati, secrezioni contenenti sangue, sperma e muco vaginale) di persone ammalate o di portatori (soggetti apparentemente in buone condizioni di salute che presentano il virus nel sangue) ed è anche possibile il contagio dalla mamma infetta al figlio, soprattutto durante il parto. Anche la semplice infezione (stato di portatore), come la malattia vera e propria, può diventare una forma cronica in percentuali tanto maggiori quanto minore è l'età al momento dell'infezione, con conseguenze (epatite cronica attiva, cirrosi epatica, cancro del fegato) che si manifestano a distanza di molti anni. Il vaccino contro l epatite B attualmente in uso contiene solo una parte del virus non in grado di trasmettere l epatite B; è altamente efficace (lo è maggiormente nel bambino che nell adulto) e conferisce una protezione di lunga durata. E un vaccino estremamente ben tollerato: nella sede di iniezione è possibile che compaiano transitoriamente dolore, rossore e gonfiore di lieve entità. Tra gli effetti generali, molto rari, si possono verificare febbre non elevata, mal di testa, nausea, vertigini, dolori muscolari ed articolari di intensità moderata e di breve durata. Ancor più raramente sono

9 state segnalate al Ministero della Salute, solo a carico di adolescenti e adulti, neuriti periferiche guarite senza lasciare alcuna conseguenza. VACCINAZIONE ANTIPERTOSSE In occasione della prima dose dei vaccini contro difterite, tetano, poliomielite ed epatite B è raccomandata la vaccinazione contro la pertosse, sia per la gravità della malattia, soprattutto nel 1 anno di vita, sia per le possibili complicanze neurologiche. La malattia si trasmette tramite le goccioline emesse con la respirazione e il bambino che viene a contatto con chiunque sia ammalato, anche in forma lieve, si ammala nel 70-90% dei casi, soprattutto se molto piccolo. La pertosse di solito guarisce, anche se sono possibili complicanze come laringiti, polmoniti, convulsioni e danno cerebrale. La malattia è particolarmente pericolosa nel 1 anno di vita, dal momento che nel neonato e nel lattante frequentemente si complica con vere e proprie crisi di soffocamento e difficoltà respiratoria che costringono al ricovero in ospedale. Nel bambino piccolo sono, inoltre, più frequenti le complicanze cerebrali che possono causare danni permanenti e, nei casi più gravi, anche la morte. La pertosse, comunque, disturba molto il bambino di tutte le età per gli accessi di tosse che limitano il gioco ed il movimento, ostacolano il riposo notturno e l alimentazione. I rischi da malattia, se paragonati a quelli possibili dopo vaccinazione, sono molto più gravi e frequenti. Il vaccino è efficace e, in genere, ben tollerato. Nei primi due giorni dopo la vaccinazione è possibile che, nella sede dell iniezione, compaiano reazioni lievi come rossore, gonfiore e dolore; il bambino può altresì presentare febbre, irritabilità o sonnolenza: anche queste sono reazioni transitorie e oggi più rare con l impiego dei vaccini acellulari. Le reazioni generali considerate maggiori (febbre superiore ai 40.5 C, pianto inconsolabile della durata di tre o più ore consecutive, episodi simili al collasso, convulsioni) sono diventate eccezionali con i nuovi vaccini acellulari. Esse, comunque, non lasciano conseguenze e non indicano la necessità di sospendere la vaccinazione. La protezione data dalla vaccinazione non è totale e tende a diminuire con il passare degli anni; per questo, con il richiamo difterite-tetano-polio a 5 anni e con quello per difteritetetano a 15 anni, viene proposto anche il richiamo per la pertosse. Chi dovesse ammalarsi nonostante abbia effettuato la vaccinazione manifesterà la malattia in forma più lieve, con decorso più rapido e, comunque, in un età più avanzata, quando i rischi di complicanze sono minori. VACCINAZIONE ANTI HAEMOPHILUS B Con la prima dose della altre vaccinazioni è raccomandata anche la somministrare del vaccino contro l Haemophilus influenzae tipo b (Hib), bacillo che può essere responsabile, soprattutto nei primi anni di vita, di gravi malattie come meningite e polmonite.

10 La trasmissione di questo microrganismo avviene da persona a persona, attraverso l inalazione di goccioline emesse da un soggetto infetto, anche se non malato, mentre parla, starnutisce, tossisce. Il vaccino anti-hib è efficace e ben tollerato. Nella sede dell iniezione possono comparire rossore, gonfiore o dolore (5-30% dei vaccinati), fenomeni di intensità lieve e del tutto transitori. Sintomi generali sono rappresentati da febbre, in genere inferiore ai 38,5 C (2% circa dei vaccinati), irritabilità, sonnolenza, comparsa di alcune macchioline sulla pelle, diarrea; si tratta di eventi molto rari, di intensità lieve, che compaiono a distanza di 6-48 ore dalla vaccinazione e che si risolvono spontaneamente nel giro di 1 2 giorni. I vaccini che proteggono da difterite, tetano, polio, epatite B, pertosse e Hib sono somministrati insieme, in un unica iniezione, per 3 volte nel corso del primo anno di vita. VACCINAZIONE CONTRO MORBILLO, PAROTITE E ROSOLIA Il MORBILLO è una malattia molto contagiosa che provoca febbre alta, comparsa di macchioline sulla pelle, tosse, congiuntivite; dura da 1 a 2 settimane. Si trasmette per via aerea tramite le goccioline di saliva espulse parlando, tossendo o starnutendo. Su 1000 bambini che si ammalano di morbillo 50 avranno otite, 25 polmonite, uno infezione cerebrale (encefalite) che potrebbe dare convulsioni, perdita dell udito, ritardo mentale o morte. Molto raramente (un caso ogni bambini che si ammalano) si può manifestare, diversi anni dopo il morbillo, una malattia molto grave che colpisce il cervello chiamata PESS (panencefalite sclerosante subacuta); la metà dei casi di PESS interessa i bambini che si sono ammalati prima dei due anni di vita. Il morbillo manifesta tante più complicanze quanto più colpisce bambini sotto i due anni. La PAROTITE causa febbre, mal di testa e ingrossamento delle ghiandole parotidi (si trovano nella zona dietro l orecchio) che diventano dolenti. Dura parecchi giorni e si trasmette facilmente da una persona all altra per via aerea. Le complicanze della parotite possono essere: infiammazione delle membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale (in circa 3 soggetti su 10 che si ammalano), encefalite (in 1 caso ogni 6000 malati), infiammazione dei testicoli (in 1 caso ogni 4 maschi che contraggono la parotite in età adulta), infiammazione delle ovaie (nel 7% delle femmine adulte che si ammalano). La ROSOLIA si manifesta con febbricola, ingrossamento delle ghiandole del collo, comparsa di macchioline rosse sulla pelle. La malattia è pericolosa soprattutto per il feto durante le prime 10 settimane di gravidanza: i soggetti che non si vaccinano contro la rosolia possono ammalarsi e trasmettere la malattia ad una donna gravida non protetta, provocando, nel 50% dei casi, aborto spontaneo o gravi difetti del neonato (cecità, sordità, malattie cardiache, difficoltà di apprendimento).

11 I vaccini che proteggono contro tutte e tre le malattie sono somministrati insieme, in un unica iniezione. La vaccinazione stimola la formazione di anticorpi specifici in circa il 95% dei vaccinati, proteggendoli da queste malattie. Inoltre, anche nei casi in cui non si sviluppa una completa protezione e il bambino si ammala, la vaccinazione riduce la frequenza delle complicanze associate all infezione naturale. L età più indicata per la vaccinazione contro morbillo, parotite, rosolia è subito dopo il compimento dell anno, quando è finito l effetto protettivo degli anticorpi trasmessi dalla mamma, e prima dei 2 anni. Non esiste, comunque, un limite d età per questo tipo di vaccinazione. L aver già avuto una o più di queste malattie non sconsiglia la vaccinazione che, anzi, serve a rinforzare le difese naturali che possono diminuire con il passare del tempo. E consigliata, poi, una seconda dose di vaccino che serve ad aumentare la risposta immunitaria suscitata dalla prima vaccinazione o a stimolare l immunità di buona parte di coloro che non sono riusciti a produrre anticorpi specifici dopo la prima dose. La maggior parte dei bambini non avrà alcun problema dopo la vaccinazione, altri potranno avere una lieve reazione locale con dolore e arrossamento nel punto dell iniezione. Nel 15-30% dei vaccinati, a distanza di 5-12 giorni dalla somministrazione, possono comparire delle macchioline sulla pelle accompagnate da febbre, talora elevata, che dura 1-2 giorni; ancora più raramente si può manifestare un lieve ingrossamento delle ghiandole poste dietro l orecchio e sotto la mandibola o delle ghiandole del collo, oppure si può avere, in particolare nelle femmine di età superiore a 12 anni, dolore e ingrossamento delle articolazioni (artrite). Si tratta di forme attenuate di malattia, causate dal vaccino che contiene virus vivi resi non virulenti. Non è necessario adottare precauzioni dopo la vaccinazione per chi viene a contatto con il vaccinato: queste forme non sono mai contagiose. Nei bambini predisposti, la febbre elevata può causare un episodio convulsivo, controllabile con i comuni farmaci specifici e che non lascia esiti. Da studi effettuati sul solo vaccino trivalente, è risultata possibile, se pure eccezionalmente, una diminuzione transitoria delle piastrine (trombocitopenia) nei 2 mesi successivi alla vaccinazione; questa complicanza si verifica con frequenza molto più elevata durante l infezione naturale di morbillo e rosolia. Ancora più raramente (meno di un caso su un milione di dosi somministrate) si sono verificati gravi problemi cerebrali.

12 VACCINAZIONE ANTIVARICELLA La varicella è una malattia molto diffusa e molto contagiosa. Si presenta con febbre, vescicole cutanee, prurito. E causata da un virus ed è trasmessa per via respiratoria o per contatto con le lesioni cutanee. E di norma benigna, ma può avere un decorso severo negli adulti o in persone con difese immunitarie ridotte. Durante la gravidanza la malattia può provocare danni al neonato. E raro che una persona sviluppi la varicella due volte, ma in alcuni casi il virus può risvegliarsi, dopo anni, con il quadro clinico di herpes zoster, anche conosciuto come fuoco di Sant Antonio. Contro la varicella esiste un vaccino, efficace e sicuro, già utilizzato da anni in alcuni stati esteri; in Lombardia è offerta, da febbraio 2014, a tutti gli adolescenti che non hanno mai contratto la malattia e, in futuro, anche in Lombardia, sarà offerta a tutti i bambini che hanno compiuto un anno. Il vaccino contiene virus vivi attenuati, di norma incapaci di causare la malattia. La somministrazione, che è effettuata sotto cute, è praticata nella parte alta del braccio. Il vaccino è controindicato in caso di problemi delle difese immunitarie, di particolari allergie e in gravidanza. Le reazioni collaterali più comuni sono: dolore e arrossamento nel sito di iniezione, febbre, talvolta eruzione cutanea tipo varicella dopo 7 28 giorni dalla somministrazione; se si manifesta l eruzione cutanea deve essere evitato il contatto stretto con persone gravide o immunodepresse non immuni per varicella. Una reazione allergica al vaccino è possibile, ma rara. N.B. Per 6 settimane dopo la vaccinazione evitare l uso di aspirina e salicilati. VACCINAZIONE ANTI-PNEUMOCOCCO Lo pneumococco è un batterio di cui si conoscono oltre 90 tipi ed è responsabile di infezioni di varia gravità che colpiscono soprattutto i bambini nei primi anni di vita e gli anziani. Alcune condizioni espongono ad un maggior rischio di infezione: prematurità, difetti del sistema immunitario, malattie croniche a carico dei reni, del fegato, del cuore, dei polmoni, del sangue, diabete. Le infezioni causate dallo pneumococco colpiscono frequentemente l orecchio e le prime vie respiratorie, causando otite e sinusite (soprattutto in età infantile). Forme di infezione più gravi sono la polmonite, la meningite e la sepsi (infezione diffusa a tutto il corpo) che possono portare anche alla morte. La vaccinazione è effettuata con un vaccino contenente i tipi di pneumococco più diffusi e più pericolosi.

13 In commercio ne esistono due: uno contiene 13 tipi e uno ne contiene 10; entrambi si sono dimostrati capaci di prevenire le forme più gravi di infezione. In Italia questo vaccino è proposto gratuitamente a tutti i bambini nel primo anno di vita; è consigliato anche ai soggetti di qualsiasi età affetti da patologie che li espongono a maggior rischio d infezione. La vaccinazione è di solito ben tollerata. Le reazioni nella sede dell iniezione, se compaiono, si manifestano entro ore e possono essere: dolore, gonfiore, rossore, indurimento (nodulo). Sono possibili anche reazioni generali: febbre, irritabilità, dolori muscolari, debolezza, eruzioni cutanee. Come per tutti i farmaci, non è possibile escludere l eventualità di reazioni allergiche anche gravi come lo shock anafilattico. VACCINAZIONE ANTI-MENINGOCOCCO Il meningococco è un batterio di cui si conoscono diversi tipi. La maggior parte delle malattie meningococciche nell uomo è dovuta ai tipi A, B, C, W135 e Y: in Italia e in Europa i più diffusi sono attualmente il B e il C, mentre in Africa è prevalente il tipo A. Il meningococco può essere responsabile di infezioni di varia gravità e colpire soggetti di tutte le età. Quasi sempre le infezioni non danno sintomi o provocano solo una leggera infiammazione delle alte vie respiratorie. In alcuni casi però, il meningococco si diffonde al sistema nervoso o in tutto il corpo causando così meningite o sepsi, malattie gravi che possono determinare lesioni permanenti o portare alla morte. La trasmissione avviene tramite le goccioline di saliva. In Italia, a tutti i bambini, al compimento dell'anno, è proposto il vaccino contro il meningococco di tipo C, che ha una grande capacità di difendere dalla malattia e determina una protezione di lunga durata. La vaccinazione antimeningococco è raccomandata ai soggetti con malattie che li espongono a un maggior rischio d infezione: malattie della milza e difetti del sistema immunitario; è di solito ben tollerata. Le reazioni nella sede dell iniezione, se compaiono, si manifestano entro ore e possono essere: rossore, gonfiore, dolore. Può comparire la febbre. Come per tutti i farmaci, non è possibile escludere l eventualità di reazioni allergiche anche gravi come lo shock anafilattico. Esistono inoltre vaccini quadrivalenti, che coprono contro i meningococchi di gruppo A C W135 Y, raccomandati quando si deve intraprendere un viaggio in Paesi dove questi tipi di meningococco sono presenti.

14 VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS I papillomavirus (HPV) sono responsabili di infezioni che possono provocare lesioni della cute o delle mucose, soprattutto dell apparato genitale femminile. L infezione è molto frequente nelle persone giovani e il contatto sessuale è la forma più comune di trasmissione, anche se è possibile contrarre l infezione per contatto diretto cutaneo con superfici contaminate. L'infezione e le eventuali lesioni, di solito, guariscono spontaneamente e solo una minima parte, dopo un lungo periodo di tempo (20 anni e più), si trasforma in tumore. Almeno l 80% delle donne sessualmente attive si infetta, anche contemporaneamente, con differenti tipi di HPV (se ne conoscono più di 100) entro 6 mesi dall inizio dell attività sessuale. La vaccinazione è efficace nel prevenire l infezione, mentre non è utile se una donna è già infettata: per questo la vaccinazione, utilizzabile dopo i 9 anni, viene offerta a tutte le bambine in età pre-pubere. Sono in commercio due vaccini: uno contiene due tipi di HPV e l altro ne contiene quattro; entrambi hanno HPV 16 e 18, responsabili di più del 70% delle forme tumorali; rimane una parte di tumori, dovuta ad altri tipi di HPV, contro cui il vaccino non è efficace; per questo resta indispensabile l esecuzione regolare del Pap test nelle età tra i 25 e i 65 anni. Gli effetti indesiderati più comuni sono: arrossamento, dolore, gonfiore, prurito, lieve sanguinamento nel punto dell iniezione, febbre, mal di testa, dolori muscolari, stanchezza. La vaccinazione consiste in 2 o 3 iniezioni, a seconda del tipo di vaccino e dell età. In Italia il vaccino viene offerto gratuitamente solo alle ragazze di anni, fino al compimento del 13 anno. Per le donne di età maggiore il vaccino è disponibile solo presso l ambulatorio ospedaliero di vaccinazione, contribuendo al costo del vaccino. ALTRE VACCINAZIONI VACCINAZIONE ANTI-INFLUENZALE L influenza è una malattie acuta virale che, nei soggetti in buone condizioni di salute, non provoca, in genere, complicanze. Il vaccino è consigliata alle persone con malattie croniche o con compromissione del sistema immunitario. Il virus dell influenza si modifica da un anno all altro; per questo deve essere ripetuto ogni anno. Tra gli effetti indesiderati della vaccinazione sono segnalati dolore, rossore e gonfiore in sede di iniezione, generalmente lievi e che si risolvono da soli. Reazioni generali come malessere, stanchezza, febbre sono rare.

15 VACCINAZIONE ANTI-EPATITE A L epatite A è causata da un virus che colpisce il fegato e viene eliminato con le feci. Ci si ammala principalmente ingerendo cibi o acqua contaminati. Generalmente si guarisce in uno o due mesi; in rari casi è mortale. Il vaccino è efficace già dopo 15 giorni dalla somministrazione di una dose; dopo 6-12 mesi è opportuno effettuare una seconda dose, che consente di mantenere la protezione per almeno 20 anni. La vaccinazione viene raccomandata ai bambini che si recano in Paesi esteri dove il virus è molto diffuso. Tra gli effetti indesiderati sono segnalati dolore, rossore e gonfiore in sede di iniezione, generalmente lievi e che si risolvono da soli. Reazioni generali come malessere, stanchezza, febbre, nausea, vomito e perdita di appetito sono riportati in meno del 5% dei vaccinati. Non sono mai state segnalate reazioni avverse gravi.

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia scuola morbillo vaccino parotite rosolia Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2004 Il morbillo è

Dettagli

LE VACCINAZIONI PROTEGGONO IL TUO BAMBINO DALLE MALATTIE INFETTIVE

LE VACCINAZIONI PROTEGGONO IL TUO BAMBINO DALLE MALATTIE INFETTIVE Dipartimento Tutela Materno Infantile e della Genitorialità U.O.C. Procreazione Cosciente e Responsabile Direttore Dr.ssa P. Auriemma LE VACCINAZIONI PROTEGGONO IL TUO BAMBINO DALLE MALATTIE INFETTIVE

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

Libretto delle vaccinazioni

Libretto delle vaccinazioni REGIONE LIGURIA Libretto delle vaccinazioni Cognome Nome Data di nascita Il centro vaccinale della mia ASL: Indirizzo: Tel.: DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE U.O. IGIENE E SANITÀ PUBBLICA Direzione: Tel: e-mail:

Dettagli

Informazioni ai genitori per un'adesione consapevole LE VACCINAZIONI IN ETÀ PEDIATRICA

Informazioni ai genitori per un'adesione consapevole LE VACCINAZIONI IN ETÀ PEDIATRICA Informazioni ai genitori per un'adesione consapevole LE VACCINAZIONI IN ETÀ PEDIATRICA Presentazione Gentili genitori, Vi invitiamo a leggere con attenzione questo opuscolo, che ha lo scopo di fornire

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

S.C. Igiene e Sanità Pubblica

S.C. Igiene e Sanità Pubblica Informazioni sulle vaccinazioni dalla nascita ai due anni S.C. Igiene e Sanità Pubblica vaccino Poliomielite Epatite B Difterite Tetano Pertosse Emofilo Pneumococco Meningococco B *vedi nota alla nascita

Dettagli

IL VACCINO ESAVALENTE

IL VACCINO ESAVALENTE IL VACCINO ESAVALENTE (Difterite-Tetano-Pertosse acellulare, Polio, Hib, Epatite B) Cosa c è da sapere I vaccino esavalente protegge da 6 gravi malattie, causate da virus e batteri. Queste ma- sintomi,

Dettagli

IL VACCINO ESAVALENTE

IL VACCINO ESAVALENTE IL VACCINO ESAVALENTE (Difterite-Tetano-Pertosse acellulare, Polio, Hib, Epatite B) Cosa c è da sapere I vaccino esavalente protegge da 6 gravi malattie, causate da virus e batteri. Queste ma- sintomi,

Dettagli

RETE DEI REFERENTI REGIONALI FIMP PER LE VACCINAZIONI SCHEDE PER I GENITORI SULLE VACCINAZIONI

RETE DEI REFERENTI REGIONALI FIMP PER LE VACCINAZIONI SCHEDE PER I GENITORI SULLE VACCINAZIONI RETE DEI REFERENTI REGIONALI FIMP PER LE VACCINAZIONI SCHEDE PER I GENITORI SULLE VACCINAZIONI Rete dei Referenti Regionali FIMP per le Vaccinazioni seguici su: @ReteVacciniFIMP www.facebook/fimpretevaccini

Dettagli

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA REGIONE VENETO ASSESSORATO ALLE POLITICHE SANITARIE DIREZIONE REGIONALE PER LA PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina

Dettagli

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Assessorato alla Sanità Direzione Regionale Prevenzione LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina e il metodo più efficace per combattere

Dettagli

La Campagna Straordinaria di Recupero

La Campagna Straordinaria di Recupero La Campagna Straordinaria di Recupero Strategie di vaccinazione da attuare per eliminare il morbillo Raggiungere e mantenere nel tempo coperture vaccinali entro i 2 anni per una dose di MPR > 95%. Vaccinare

Dettagli

ASSESSORATO ALLA SANITÀ

ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLA SANITÀ DIREZIONE REGIONALE PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina e il metodo

Dettagli

Sommario. Introduzione pag. 04. Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06. Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09

Sommario. Introduzione pag. 04. Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06. Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09 Sommario Introduzione pag. 04 Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06 Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09 Vaccinazione contro la difterite e il tetano pag. 11 Vaccinazione contro l epatite

Dettagli

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi IMPFDIENST Opuscolo informativo per genitori e allievi Servizio polmonare Argovia Gentili genitori Cari allievi e allieve Il servizio vaccinazioni, in collaborazione con i medici scolastici e il servizio

Dettagli

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio)

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio) (fuoco di Sant Antonio) Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è (Cosa è L è un infezione causata dal virus Varicella Zoster (che per semplicità chiameremo VZV) che è caratterizzata dalla

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

Perché, quando, come: informazioni per i genitori. Le vaccinazioni nell infanzia

Perché, quando, come: informazioni per i genitori. Le vaccinazioni nell infanzia Perché, quando, come: informazioni per i genitori Le vaccinazioni nell infanzia L opuscolo si apre con una introduzione generale sulle vaccinazioni nell infanzia (il perché, i vantaggi, come saperne di

Dettagli

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0 Le vaccinazioni Lezioni di igiene ed educazione sanitaria Anno accademico: 2008-20092009 Le vaccinazioni Costituiscono un intervento per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive Cos è un

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale Che cos è la meningite? La meningite è un infiammazione delle membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale, che può essere causata da virus o batteri. Le forme virali sono solitamente più lievi

Dettagli

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA ASSESSORATO ALLA SANITÀ DIREZIONE REGIONALE PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina e il metodo più efficace per combattere

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INDICE. Influenza... 26 Infezioni da Rotavirus... 27 Epatite A... 28 Altre informazioni utili... 29

INDICE. Influenza... 26 Infezioni da Rotavirus... 27 Epatite A... 28 Altre informazioni utili... 29 INDICE LEGENDA... 2 CALENDARIO DELLE VACCINAZIONI PEDIATRICHE... 3 Offerta attiva e gratuita... 3 Per le ragazze: offerta attiva e gratuita... 3 Offerta attiva e gratuita per gruppi a rischio... 3 LE VACCINAZIONI

Dettagli

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti 2015 MOTORE SANITÀ STATI GENERALI DELLA SANITÀ REGIONE DEL VENETO 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino Prevenzione in Sanità:

Dettagli

VADEMECUM INFORMATIVO PER CONOSCERE E CONDIVIDERE LE VACCINAZIONI

VADEMECUM INFORMATIVO PER CONOSCERE E CONDIVIDERE LE VACCINAZIONI ASL Varese Direzione Sanitaria Dipartimento di Prevenzione Medico Servizio Medicina Preventiva nelle Comunità VADEMECUM INFORMATIVO PER CONOSCERE E CONDIVIDERE LE VACCINAZIONI ASL VARESE DIPARTIMENTO DI

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE PER CONSENSO INFORMATO ALLA VACCINAZIONE

SCHEDE INFORMATIVE PER CONSENSO INFORMATO ALLA VACCINAZIONE SCHEDE INFORMATIVE PER CONSENSO INFORMATO ALLA VACCINAZIONE VACCINAZIONE ANTIPOLIOMIELITICA POLIOMIELITE La poliomielite è una malattia causata da virus che colpiscono alcune cellule nervose responsabili

Dettagli

Direzione Sanitaria Dipartimento di Prevenzione Medico Servizio Medicina Preventiva nelle Comunità

Direzione Sanitaria Dipartimento di Prevenzione Medico Servizio Medicina Preventiva nelle Comunità Direzione Sanitaria Dipartimento di Prevenzione Medico Servizio Medicina Preventiva nelle Comunità ASL VARESE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Tel. 0332-277240 Servizio Medicina Preventiva nelle Comunita

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

Poliomelite. Vaccinare:

Poliomelite. Vaccinare: Tetano Il tetano è una grave malattia infettiva causata dall azione di una tossina (tossina tetanica) prodotta da batteri (clostridi del tetano) che vivono nel suolo o nell'intestino degli animali. La

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

LE VACCINAZIONI DEI BAMBINI

LE VACCINAZIONI DEI BAMBINI dedicato ai genitori Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria INDICE LEGENDA...3 Offerta attiva e gratuita...4 Per le ragazze: offerta attiva e gratuita...4 Offerta attiva e gratuita per gruppi

Dettagli

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Versione: 09.10.2013 Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale 1. Cos è il sistema immunitario?

Dettagli

La verità sul vaccino triplo MPR. l immunizzazione. il modo più sicuro per proteggere vostro figlio per tutta la vita

La verità sul vaccino triplo MPR. l immunizzazione. il modo più sicuro per proteggere vostro figlio per tutta la vita La verità sul vaccino triplo MPR l immunizzazione il modo più sicuro per proteggere vostro figlio per tutta la vita Il morbillo, la parotite, la rosolia e il vaccino triplo MPR (o vaccino anti morbillo-parotite-rosolia)

Dettagli

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Anno 2013 A cura: C. Braida, T. Gallo Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria,politiche sociali e famiglia Regione

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Priorix, polvere e solvente per soluzione iniettabile in una siringa preriempita Vaccino (vivo) antimorbillo, antiparotite, antirosolia Legga attentamente

Dettagli

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma TETANO - Anatossina - Tempi 0, 1, 6 mesi - Richiami ogni 10 anni dopo almeno

Dettagli

Le vaccinazioni. La loro efficacia. Le modalità di somministrazione. Giancarlo Malchiodi ASL di Bergamo Dipartimento di Prevenzione Medico

Le vaccinazioni. La loro efficacia. Le modalità di somministrazione. Giancarlo Malchiodi ASL di Bergamo Dipartimento di Prevenzione Medico Le vaccinazioni. La loro efficacia. Le modalità di somministrazione Giancarlo Malchiodi ASL di Bergamo Dipartimento di Prevenzione Medico Vaccini e sicurezza I vaccini hanno una elevata sicurezza perché

Dettagli

INDICE. Vaccini che prevengono alcune forme di meningite Infezioni da Stretptococcus pneumoniae (pneumococco) pag. 26. Informazioni ai genitori pag.

INDICE. Vaccini che prevengono alcune forme di meningite Infezioni da Stretptococcus pneumoniae (pneumococco) pag. 26. Informazioni ai genitori pag. INDICE Informazioni ai genitori pag. 3 Attacco e difesa pag. 5 Risposta sicura pag. 7 Regole e raccomandazioni pag. 8 Calendario delle vaccinazioni pediatriche pag. 9 Nel primo anno di vita pag. 12 Un

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara VACCINO ANTI MORBILLO, ROSOLIA, PAROTITE E VARICELLA Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara Morbillo, parotite, rosolia e varicella sono patologie

Dettagli

Vaccinazioni 2007 13-04-2007 8:24 Pagina 1

Vaccinazioni 2007 13-04-2007 8:24 Pagina 1 Vaccinazioni 2007 13-04-2007 8:24 Pagina 1 Vaccinazioni 2007 13-04-2007 8:24 Pagina 2 Hanno partecipato alla prima edizione del documento i Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie regionali:

Dettagli

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio

LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio LAZIOSANITÀ - AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Meningite Cos'è e come affrontarla? Regione Lazio L'obiettivo di questo opuscolo è di fornire informazioni semplici ai cittadini su alcune malattie infettive, su

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Dr. Mino Baitelli Dirigente Medico Responsabile della

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI?

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI? In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi di tetano, circa 60.000 casi di morbillo e 30.000

Dettagli

I Papillomavirus sono tutti uguali?

I Papillomavirus sono tutti uguali? Cos è il Papillomavirus? Il Papillomavirus è un microscopico nemico della tua salute. Attento, però, a non sottovalutare la pericolosità di questo microrganismo lungo solo 55 milionesimi di millimetro.

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

ASL di Vallecamonica/Sebino

ASL di Vallecamonica/Sebino ASL Vallecamonica-Sebino ASL di Vallecamonica/Sebino DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene e Sanità Pubblica Informazione aigenitori ASL di Vallecamonica-Sebino Anno 2008 Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

ASL di Vallecamonica/Sebino

ASL di Vallecamonica/Sebino ASL di Vallecamonica/Sebino DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene e Sanità Pubblica Informazione aigenitori ASL di Vallecamonica-Sebino Anno 2008 Dipartimento di Prevenzione Direttore: Dr.ssa Giuliana

Dettagli

VACCINI VACCINAZIONI SIERI

VACCINI VACCINAZIONI SIERI VACCINI VACCINAZIONI SIERI 1 IMMUNITA INNATA ACQUISITA ARTIFICIALE NATURALE ATTIVA (VACCINAZIONE) PASSIVA (SIEROPROFILASSI) ATTIVA (INFEZIONE) PASSIVA (PLACENTA) 2 2 IMMUNITA PASSIVA Immunità passiva artificiale:

Dettagli

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS)

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) COSA SONO? Sono malattie provocate da virus, batteri, parassiti o funghi; l infezione viene trasmessa attraverso i rapporti sessuali con persone malate o portatrici

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 98. e-mail: sep@aslbenevento1.it. Rosolia: perché rischiare? Campagna di Eliminazione della Rosolia Congenita

Bollettino Epidemiologico n. 98. e-mail: sep@aslbenevento1.it. Rosolia: perché rischiare? Campagna di Eliminazione della Rosolia Congenita Dipartimento di Prevenzione E&P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 98 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - 0824 308286-9 Fax 0824-308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Rosolia: perché rischiare?

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

ASP Vibo Valentia Ufficio Scolastico Provinciale VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS DELLE DODICENNI

ASP Vibo Valentia Ufficio Scolastico Provinciale VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS DELLE DODICENNI ASP Vibo Valentia Ufficio Scolastico Provinciale VACCINAZIONE ANTI-PAPILLOMAVIRUS DELLE DODICENNI La Vaccinazione contro il Papillomavirus: una vaccinazione nata per prevenire un cancro Il cancro del collo

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali La Febbre: Info per i genitori Calvani Mauro e Laura Reali 1. A cosa serve la febbre? La febbre èun importante e benefico meccanismo di difesa con cui il tuo bambino si difende dai germi che entrano nel

Dettagli

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Incontriamo i Medici competenti Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Intervento a cura di: Marino Faccini Milano 28 maggio 2014 Le vaccinazioni hanno sempre un impatto di Sanità Pubblica Contesto

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Le vaccinazioni nell infanzia e nell adolescenza. Perché, quando, come: informazioni per i genitori

Le vaccinazioni nell infanzia e nell adolescenza. Perché, quando, come: informazioni per i genitori Le vaccinazioni nell infanzia e nell adolescenza Perché, quando, come: informazioni per i genitori L opuscolo si apre con una introduzione generale sulle vaccinazioni e sui benefici per gli individui e

Dettagli

Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia

Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia parotite epidemica Malattia virale acuta, sistemica, causata da un paramyxovirus che colpisce prevalentemente i bambini in età scolare. La principale manifestazione

Dettagli

non solo Pap test il vaccino contro il Papillomavirus un opportunità in più per la prevenzione del tumore del collo dell' utero COSA CHIEDERSI...

non solo Pap test il vaccino contro il Papillomavirus un opportunità in più per la prevenzione del tumore del collo dell' utero COSA CHIEDERSI... COSA CHIEDERSI... non solo Pap test il vaccino contro il Papillomavirus un opportunità in più per la prevenzione del tumore del collo dell' utero REGIONE LAZIO COS'E' IL COLLO DELL'UTERO E' la parte dell'utero

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) Razionale d uso Vaccino DTPa e vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio inattivato (IPV),

Dettagli

a cura di Azienda usl della valle d aosta

a cura di Azienda usl della valle d aosta a cura di Azienda usl della valle d aosta SOMMARIO PAG. 4... Perché vaccinare PAG. 5... Il momento della vaccinazione PAG. 6... I vaccini contro : - POLIOMIELITE - DIFTERITE E TETANO - PERTOSSE - EMOFILO

Dettagli

Ai Pediatri di libera scelta Ai Medici di Medicina Generale ASP Siracusa

Ai Pediatri di libera scelta Ai Medici di Medicina Generale ASP Siracusa Corso Gelone, 17-96100 Siracusa C.F./P.I. 01661590891 REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE S I R A C U S A U.O.C. SEMP Direttore Dott.ssa Maria Lia Contrino Traversa La Pizzuta (ex ONP) - 96100

Dettagli

Proteggiamoci insieme!

Proteggiamoci insieme! Influenza stagionale. Proteggiamoci insieme! Informazioni importanti per Lei e per la sua famiglia. www.vaccinarsicontrolinfluenza.ch www.ufsp.admin.ch B C Cos è l influenza stagionale e quali sono i sintomi

Dettagli

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità.

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Le vaccinazioni prioritarie che sono evidenziate in grassetto dovrebbero prevedere dei programmi organici ed efficaci di offerta attiva. 13 19 (*)

Dettagli

Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH

Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH Centro di Medicina Preventiva e assistenza sanitaria Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive VACCINATION MONTH INFLUENZA Malattia respiratoria acuta causata da un virus appartenente agli

Dettagli

EPATITE B: cause, conseguenze e prevenzione

EPATITE B: cause, conseguenze e prevenzione EPATITE B: cause, conseguenze e prevenzione Commissione Federale per le Vaccinazioni Ufficio Federale della Sanità Pubblica SEVHep (Swiss Experts in Viral Hepatitis) LA VACCINAZIONE CONTRO L'EPATITE, UN

Dettagli

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI INFEZIONI DA MENINGOCOCCO: INFORMAZIONI PER I CITTADINI S.I.S.P. - U.O.S. Epidemiologia e Profilassi Malattie Infettive Dr.ssa Andreina Ercole La meningite batterica Evento raro, nei paesi industrializzati,

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Proteggiamoci insieme!

Proteggiamoci insieme! Influenza stagionale. Proteggiamoci insieme! Informazioni importanti per Lei e per la sua famiglia. www.uniticontrolinfluenza.ch www.bag.admin.ch B C Cos è l influenza stagionale e quali sono i sintomi

Dettagli

Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste

Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste dott.fulvio Zorzut Direttore S.C. Igiene Sanità Pubblica Prevenzione Ambientale Dipartimento di Prevenzione di Trieste La Campagna

Dettagli

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 I.T.I. OMAR GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 Procedure igienico sanitarie OTTOBRE 2009 REVISIONE 01 SOMMARIO La sindrome influenzale da virus A/H1N1 3 Misure di prevenzione 3 Come lavare

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

ANATETALL J07AM01. Sospensione iniettabile in siringa pre-riempita senza conservanti. Voce n. 13 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE

ANATETALL J07AM01. Sospensione iniettabile in siringa pre-riempita senza conservanti. Voce n. 13 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE 1 ANATETALL J07AM01 Sospensione iniettabile in siringa pre-riempita senza conservanti Voce n. 13 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE: ANATETALL Sospensione iniettabile in siringa

Dettagli

Foglio di approfondimento Virus

Foglio di approfondimento Virus Foglio di approfondimento Virus VIRUS DELL INFLUENZA L influenza è una malattia virale acuta del tratto respiratorio causata da virus appartenenti alla famiglia Orthomyxoviridae, suddivisi in 3 generi

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*"

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF ((*03/.&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&357$$*/-&/&--3&(*0/&'3*6-*7&/&;* (*6-* %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF PHHFUUP "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*" %FCPSB4&33"$$)*"/* 1SFTJEFOUF 4FSHJP#0-;0/&--0 7JDF1SFTJEFOUF

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Proteggiamoci insieme!

Proteggiamoci insieme! Influenza stagionale. Proteggiamoci insieme! Informazioni importanti per Lei e per la sua famiglia. www.vaccinarsicontrolinfluenza.ch www.ufsp.admin.ch B C Cos è l influenza stagionale e quali sono i sintomi

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0212. di iniziativa dei Consiglieri regionali:

PROGETTO DI LEGGE N. 0212. di iniziativa dei Consiglieri regionali: REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 6598 PROGETTO DI LEGGE N. 0212 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Violi, Carcano, Casalino Buffagni, Corbetta, Fiasconaro, Maccabiani, Macchi,

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Massimo Cornale Angela Garbini Monica Mascellani AUSL di Ferrara tratto da Francesca Russo Veneto Maria Grazia Pascucci- Emilia Romagna Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

Zika virus: domande a risposte

Zika virus: domande a risposte Zika virus: domande a risposte 1. LA MALATTIA Che cos è la malattia da Zika virus? Zika è una malattia causata dal virus Zika che appartiene alla famiglia dei Flaviviridae. Non è un nuovo virus. E stato

Dettagli

I VACCINI: DOMANDE E RISPOSTE SU...

I VACCINI: DOMANDE E RISPOSTE SU... I VACCINI: DOMANDE E RISPOSTE SU... COME FUNZIONANO E PERCHE' SOMMINISTRARE I VACCINI Perché è necessario che vaccini mio figlio? Ci sono due ragioni per vaccinare: è importante per ogni bambino ed è utile

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE TUMORE DELLA CERVICE, LESIONI PRE-CANCEROSE e INFEZIONI DA PAPILLOMAVIRUS Perché, come, chi? INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE www.wacc-network.org PERCHÉ PREVENIRE IL CANCRO Tube di Falloppio Ovaio Che cos

Dettagli

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K V O L U M E 8, N U M E R O 8 Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G

Dettagli

HPV. proteggiti davvero. Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv)

HPV. proteggiti davvero. Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv) HPV proteggiti davvero Campagna di informazione sulle patologie da Papillomavirus umano (hpv) Che cos è il Papillomavirus (hpv)? L hpv è un virus molto diffuso, che si trasmette in particolare attraverso

Dettagli