Distributori di carburanti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Distributori di carburanti"

Transcript

1 Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio marzo 2015 Distributori di carburanti Criteri semplificati per la caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica dei suoli e delle acque sotterranee per le aree di sedime o di pertinenza dei punti vendita carburanti MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 12 febbraio 2015, n. 31 Regolamento recante criteri semplificati per la caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica dei punti vendita carburanti, ai sensi dell'articolo 252, comma 4, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n (15G00043) (GU n. 68 del ) DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale. (G.U. n. 88 del 14 aprile Suppl. Ordinario n. 96) D. Lgs. 11 febbraio 1998, n. 32 Razionalizzazione del sistema di distribuzione dei carburanti, a norma dell articolo 4, comma 4, lettera e), della L. 15 marzo 1997, n. 59

2 Impianti di distribuzione di gas naturale (metano), semplificazione L'installazione di impianti fissi senza serbatoi d'accumulo derivati da rete domestica adibiti al rifornimento a carica lenta di gas naturale per autotrazione e' subordinata alla presentazione di una dichiarazione d'inizio attività LEGGE 30 luglio 2010, n. 122 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitivita' economica (Suppl. ordinario n. 174 alla Gazz. Uff., 30 luglio 2010, n. 176) DECRETO-LEGGE 31 maggio 2010, n. 78 Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica. (10G0101) (GU n. 125 del Suppl. Ordinario n. 114) D.Lgs. 11 febbraio 1998, n. 32. Razionalizzazione del sistema di distribuzione dei carburanti, a norma dell'articolo 4, comma 4, lettera c), della L. 15 marzo 1997, n Norme per liberalizzare la distribuzione dei carburanti. 1. L'installazione e l'esercizio di impianti di distribuzione dei carburanti, di seguito denominati «impianti», sono attività liberamente esercitate sulla base dell'autorizzazione di cui al comma 2 e con le modalità di cui al presente decreto. Il regime di concessione di cui all'articolo 16, comma 1, del decreto-legge 26 ottobre 1970, n. 745, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 dicembre 1970, n. 1034, cessa dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Le regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e Bolzano provvedono a quanto disposto dal presente decreto secondo le previsioni dei rispettivi statuti e delle relative norme di attuazione. 2. L'attività di cui al comma 1 è soggetta all'autorizzazione del comune in cui essa è esercitata. L'autorizzazione è subordinata esclusivamente alla verifica della conformità alle disposizioni del piano regolatore, alle prescrizioni fiscali e a quelle concernenti la sicurezza sanitaria, ambientale e stradale, alle disposizioni per la tutela dei beni storici e artistici, nonché alle norme di indirizzo programmatico delle regioni. Insieme all'autorizzazione il comune rilascia le concessioni edilizie necessarie ai sensi dell'articolo 2. L'autorizzazione è subordinata al rispetto delle prescrizioni di prevenzione incendi secondo le procedure di cui al decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998, n. 37.

3 2. Competenze comunali e regionali. 1-bis. La localizzazione degli impianti di carburanti costituisce un mero adeguamento degli strumenti urbanistici in tutte le zone e sottozone del piano regolatore generale non sottoposte a particolari vincoli paesaggistici, ambientali ovvero monumentali e non comprese nelle zone territoriali omogenee A. Provvedimenti dello Stato: DECRETO-LEGGE 31 maggio 2010, n. 78 Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica. (10G0101) (GU n. 125 del Suppl. Ordinario n. 114) LEGGE 6 agosto 2008, n. 133 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitivita', la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria. (GU n. 195 del Suppl. Ordinario n. 196) TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 25 giugno 2008, n. 112 Testo del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 (pubblicato nel supplemento ordinario n. 152/L alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2008), coordinato con la legge di conversione 6 agosto 2008,n. 133, recante: «Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, lasemplificazione, la competitivita', la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria». DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 ottobre 2003, n. 340 Regolamento recante disciplina per la sicurezza degli impianti di distribuzione stradale di G.P.L. per autotrazione. (G.U. n. 282 del 4 dicembre 2003) MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 12 settembre 2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacità geometrica non superiore a 9 m3, in contenitori-distributori rimovibili per il rifornimento di automezzi destinati all'attività di autotrasporto. (G.U. n. 221 del 23 settembre 2003) MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 24 maggio 2002 Norme di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio degli impianti di distribuzione stradale di gas naturale per autotrazione. (G.U. n. 131 del 6 giugno 2002)

4 Ministero delle attività produttive DECRETO 31 ottobre 2001 Approvazione del Piano nazionale contenente le linee guida per l'ammodernamento del sistema distributivo dei carburanti. D. Lgs. 11 febbraio 1998, n. 32 Razionalizzazione del sistema di distribuzione dei carburanti, a norma dell articolo 4, comma 4, lettera e), della L. 15 marzo 1997, n. 59 Decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998, n. 37 Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma dell'articolo 20, comma 8, della l. 15 marzo 1997, n. 59. (GU n. 57 del 10 marzo 1998). Ministero dell Interno Circolare 27 gennaio 2000, n. 2/2000 UA.R.À.L. (G.U. n.46, 25 febbraio 2000) Provvedimenti della Regione Piemonte: La concessione per l installazione di un nuovo impianto autostradale di carburanti è subordinata alla conformità alle disposizioni del piano regolatore, alle prescrizioni fiscali e a quelle concernenti la sicurezza sanitaria, ambientale, antincendio nonché alle disposizioni per la tutela dei beni storici e artistici. L istanza per il rilascio della concessione per l installazione e l esercizio del nuovo impianto autostradale e della relativa concessione edilizia è presentata dall interessato al Comune competente per territorio, fatto salvo quanto disposto dal D.P.R , n D.G.R. 30 Dicembre 2009, n Impianti autostradali di distribuzione carburanti. Semplificazione delle procedure amministrative di competenza dei Comuni. Modifica della DGR 2 aprile 2001, n (Bollettino Ufficiale n. 4 del 28 / 01 / 2010)

5 Deliberazione della Giunta Regionale 7 luglio 2008, n Legge regionale 31 maggio 2004 n. 14, ( Norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva dei carburanti ), art 2 Provvedimenti attuativi Allegato A Art. 1 (Rete stradale) gli impianti che costituiscono la rete stradale si distinguono convenzionalmente in: a) impianti generici: b) impianti funzionanti esclusivamente con apparecchiature self-service prepagamento. Art. 2 (Tipologie nuovi impianti) 2 Nelle zone omogenee regionali A, B e C i nuovi impianti devono essere dotati anche di almeno uno tra i prodotti g.p.l. e metano. 3 Le pensiline dei nuovi impianti devono essere dotate di pannelli fotovoltaici che garantiscano una potenza installata pari ad almeno 8 KW e da impianto di videosorveglianza a circuito chiuso da attivare anche al di fuori dell orario del servizio assistito. 5 Gli impianti funzionanti esclusivamente con apparecchiature self-service prepagamento, sulla base di quanto stabilito dalla programmazione regionale, nelle aree dalla stessa individuate, possono derogare dal rispetto dei requisiti di superficie di cui al comma 2 e 3 del successivo art. 12. Art. 11 (Zone omogenee a livello comunale) Ai fini della localizzazione degli impianti il territorio comunale è ripartito in 4 zone omogenee, così definite: Zona 1. Centri storici: le parti del territorio interessate da agglomerati urbani che rivestono interesse storico, artistico e di particolare pregio ambientale, di cui al D.M. 2 aprile 1968, n (zona A); Zona 2. Zone residenziali: le parti del territorio parzialmente o totalmente edificate diverse dai centri storici e destinate prevalentemente alla residenza (zone B e C del citato D.M. 1444); Zona 3. Zone per insediamenti produttivi (industriali-artigianali e per servizi commerciali di vario tipo): le parti del territorio destinate a nuovi o preesistenti insediamenti per impianti industriali o ad essi assimilati e le parti del territorio destinate ad attrezzature ed impianti di interesse generale ( zone D ed F del citato D.M. 1444); Zona 4. Zone agricole: le parti del territorio destinate ad attività agricole ( zona E). Art. 12 (Superficie minima dell area di localizzazione dell impianto) 1 Per i fini di cui all art. 2, lettera c) della legge regionale n. 14, le superfici minime degli insediamenti di nuovi impianti debbono essere calcolate in modo da assicurare unicamente il rispetto delle norme sulla sicurezza stradale, delle disposizioni a tutela dell ambiente, della salute, della sicurezza antincendio e delle norme di carattere urbanistico. 2 Nel calcolo della superficie minima si deve altresì tenere conto degli spazi di parcheggio, dedicati all impianto, correlati alle attività integrative ove presenti ed in

6 ogni caso dello spazio di almeno un parcheggio funzionale all utilizzo dei servizi igienici. 3. Il numero di parcheggi è determinato moltiplicando il totale della superficie di vendita delle attività integrative presenti sull impianto per il coefficiente 0,05 di cui all art. 25, comma 3, dell allegato A della D.C.R n , così come modificato dall allegato A della D.C.R n Il coefficiente di trasformazione in superficie di ciascun posto a parcheggio è determinato secondo quanto previsto dall art. 25, comma 6 del citato allegato A della D.C.R n Nella zona omogenea regionale D la superficie destinata a parcheggi correlati alle attività integrative può essere ridotta del 50%. 5. Per gli impianti funzionanti esclusivamente con apparecchiature self-service prepagamento (installati o trasformati) collocati nelle aree svantaggiate, così come definite al successivo art. 22, non sono richieste le condizioni di cui al comma 2 ma è richiesta comunque la presenza del fuoristrada. Art. 13 (Distanze minime per le nuove posizioni) 1 Per il posizionamento dei nuovi impianti, di cui all art. 2, commi 1 e 2, della l.r. 31/05/2004 n. 14, si deve tenere conto delle distanze minime previste da norme regolamentari dettate dall ente proprietario della strada a tutela della sicurezza stradale e da norme poste a tutela della salute e della pubblica incolumità. 2 Nella zona omogenea 1 (centro storico) non sono ammessi nuovi insediamenti. Art. 14 (Attività integrative negli impianti) 1 I nuovi impianti possono essere dotati, oltre che di autonomi servizi all auto e all automobilista, di autonome attività artigianali, commerciali e/o di pubblici esercizi (somministrazione di alimenti e bevande). Nel caso di attività commerciali queste devono avere una superficie netta di vendita non superiore a quelle degli esercizi di vicinato di cui all articolo 4, comma 1, lettera d), del decreto legislativo 31 marzo 1998, n Le attività integrative sono connesse all impianto di carburante, non possono essere cedute autonomamente e decadono con la chiusura definitiva dell impianto. La titolarità di tale autorizzazione spetta al soggetto titolare della licenza di esercizio rilasciata dall Agenzia delle Dogane, ai sensi dell art. 19 della legge 57/2001, salva sua rinuncia a favore del titolare dell autorizzazione dell impianto.

7 Provvedimenti della Regione Piemonte: D.G.R. 30 Dicembre 2009, n Impianti autostradali di distribuzione carburanti. Semplificazione delle procedure amministrative di competenza dei Comuni. Modifica della DGR 2 aprile 2001, n (Bollettino Ufficiale n. 4 del 28 / 01 / 2010) Deliberazione della Giunta Regionale 7 luglio 2008, n Legge regionale 31 maggio 2004, n. 14, ("Norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione e l'ammodernamento della rete distributiva dei carburanti"), art. 2 Provvedimenti attuativi. (Supplemento Ordinario n. 29 al B.U. n. 29 del 17 luglio 2008) Deliberazione della Giunta Regionale 19 marzo 2007, n Modifica dell art. 12 dell allegato A alla DGR , n Norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva dei carburanti (Bollettino Ufficiale n. 15 del 12 aprile 2007) Deliberazione della Giunta Regionale 20 dicembre 2004, n Approvazione disposizioni attuative dell art 2 della legge regionale 31 maggio 2004 n. 14. Norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva dei carburanti ( Bollettino Ufficiale n. 01 del 5 / 01 / 2005) Legge regionale 31 maggio 2004, n. 14. Norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva dei carburanti. (Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 22 del 3 giugno 2004) Deliberazione della Giunta Regionale 1 marzo 2000, n Intervento sostitutivo regionale per determinare i criteri, requisiti e caratteristiche delle aree sulle quali possono essere installati gli impianti stradali di distribuzione carburanti ( B.U.R. n. 10, 8 marzo 2000) Deliberazione della Giunta Regionale 31 gennaio 2000, n Determinazione dei criteri, requisiti e caratteristiche delle aree sulle quali possono essere installati gli impianti stradali di distribuzione carburanti (art 2, comma i del D.L , n. 383, convertito, con modificazioni, dalla legge , n. 496) (B.U.R. n. 8, 23febbraio 2000)

IX LEGISLATURA Atti 5462/2011 IV COMMISSIONE PDL N. 120. di iniziativa del Presidente della Giunta Regionale

IX LEGISLATURA Atti 5462/2011 IV COMMISSIONE PDL N. 120. di iniziativa del Presidente della Giunta Regionale IX LEGISLATURA Atti 5462/2011 IV COMMISSIONE PDL N. 120 di iniziativa del Presidente della Giunta Regionale MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 2 FEBBRAIO 2010, N. 6 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA

Dettagli

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 1 / 6 Origine Documento Ente o Servizio Emittente Tipo Esterna / L. Esterna / L. Descrizione Legge 17.08.1942, n. 1150 Legge Urbanistica Pubblicato G.U. 16.10.1942, n. 244 Legge 06.08.1967, n. 765

Dettagli

SOMMARIO. Preambolo. PREAMBOLO Visto l articolo 117, comma quarto della Costituzione;

SOMMARIO. Preambolo. PREAMBOLO Visto l articolo 117, comma quarto della Costituzione; Modifiche alla legge regionale 7 febbraio 2005 n. 28 (Codice del commercio.testo unico in materia di commercio in sede fissa, su aree pubbliche, somministrazione alimenti e bevande, vendita di stampa quotidiana

Dettagli

Altre attività di vendita Carburanti

Altre attività di vendita Carburanti Altre attività di vendita Carburanti Descrizione Per impianto di distribuzione dei carburanti si intende quel complesso unitario costituito da uno o più distributori e dai serbatoi dei carburanti erogabili,

Dettagli

Iter autorizzatorio Impianto di distribuzione carburanti

Iter autorizzatorio Impianto di distribuzione carburanti Categoria: Commercio Descrizione: Per impianto di distribuzione carburanti si intende un unico complesso commerciale costituito da uno o più apparecchi di erogazione per uso di autotrazione con le annesse

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 10 NOVEMBRE 2009 N. 53

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 10 NOVEMBRE 2009 N. 53 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 10 NOVEMBRE 2009 N. 53 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007, N. 1 (TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO) E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI (BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di distribuzione di carburanti

Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di distribuzione di carburanti Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di distribuzione di carburanti Marco Marchini Elenco dei principali procedimenti autorizzativi in essere in materia di rete distributiva dei carburanti,

Dettagli

C O M U N E DI P E T R O N A ( Provincia di CATANZARO )

C O M U N E DI P E T R O N A ( Provincia di CATANZARO ) C O M U N E DI P E T R O N A ( Provincia di CATANZARO ) 2009 ANNO DELLA CREATIVITA E DELL INNOVAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 36 del Reg. Del 27-10-2009 C O P I A OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO

Dettagli

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO 2007,

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008

Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008 COMUNE DI NOVARA Via F.lli Rosselli n. 1 Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008 Oggetto: Disciplina degli orari di apertura e chiusura degli impianti stradali di distribuzione dei carburanti

Dettagli

Comune di Macerata REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI

Comune di Macerata REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI Comune di Macerata REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI Approvato con deliberazione commissariale n. 64 del 22 febbraio 2000 Approvato dal Coreco nella

Dettagli

Provincia di Roma SUSSIDIARIO allo SPORTELLO UNICO

Provincia di Roma SUSSIDIARIO allo SPORTELLO UNICO CITTA DI C A V E Provincia di Roma SUSSIDIARIO allo SPORTELLO UNICO Approvato Con deliberazione di Consiglio Comunale n 57 del 22/12/2005 e adeguato alle norme successivamente intervenute con delibera

Dettagli

1. Dati generali dell intervento 1.1 Indirizzo dell esercizio. 2. Specifiche relative all attività. B8 Distributori di carburante - 21/10/11

1. Dati generali dell intervento 1.1 Indirizzo dell esercizio. 2. Specifiche relative all attività. B8 Distributori di carburante - 21/10/11 Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO B-8 B8 Distributori di carburante - 21/10/11 Distributori di carburante 1. Dati generali dell intervento 1.1 Indirizzo dell esercizio perseguito 1.2

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 marzo 2003 n. 05

LEGGE REGIONALE 12 marzo 2003 n. 05 LEGGE REGIONALE 12 marzo 2003 n. 05 BOLLETTINO UFFICIALE REGIONALE 19/03/2003 n. 05 LEGGE N.05 del 2003 - Razionalizzazione ed ammodernamento della rete distributiva dei carburanti. Il Consiglio regionale

Dettagli

attività commerciali impianti di distribuzione dei carburanti modello 2_14_01

attività commerciali impianti di distribuzione dei carburanti modello 2_14_01 N. identificativo marca da bollo La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale dal soggetto interessato AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive -

Dettagli

24.7.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26

24.7.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 24.7.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 5 della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di Art. 13 - Sostituzione dell articolo 56 della l.r. 28/2005 osservarla e farla osservare

Dettagli

Capo IV Distributori di carburante

Capo IV Distributori di carburante Testo vigente dal 15 gennaio 2013 LEGGE PROVINCIALE SUL COMMERCIO 2010 Legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17 Disciplina dell'attività commerciale (b.u. 3 agosto 2010, n. 31, suppl. n. 1) Capo IV Distributori

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE ISTANZE RIGUARDANTI GLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI.

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE ISTANZE RIGUARDANTI GLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI. REGOLAMENTO RELATIVO ALLE ISTANZE RIGUARDANTI GLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 86 del 21 giugno 2005 Art. 1 DEFINIZIONI ED AMBITO DI APPLICABILITA

Dettagli

05.05.2014 QUESITO. Somministrazione in circolo privato - Autorizzazioni

05.05.2014 QUESITO. Somministrazione in circolo privato - Autorizzazioni 05.05.2014 QUESITO Somministrazione in circolo privato - Autorizzazioni Premesso che l associazione che vorrei costituire sarà associata a una riconosciuta dal ministero dell interno, con sede una villetta

Dettagli

Campania. Del. G.R. 3813 del 9 luglio 1999

Campania. Del. G.R. 3813 del 9 luglio 1999 Campania Del. G.R. 3813 del 9 luglio 1999 Attuazione decreto legislativo 30 marzo 1999, n. 96 Disciplina degli impianti autostradali di distribuzione carburanti per autotrazione Direttive ai Comuni. omissis

Dettagli

LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007 N. 1 e ss.mm.ii. TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO - Estratto parti relative alla distribuzione carburanti stradali

LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007 N. 1 e ss.mm.ii. TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO - Estratto parti relative alla distribuzione carburanti stradali LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007 N. 1 e ss.mm.ii. TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO - Estratto parti relative alla distribuzione carburanti stradali (Omissis) CAPO IX DISTRIBUZIONE CARBURANTI STRADALI

Dettagli

MILANO - GIOVEDÌ, 7 OTTOBRE 2004. Sommario. [4.6.1] Disciplina per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva dei carburanti

MILANO - GIOVEDÌ, 7 OTTOBRE 2004. Sommario. [4.6.1] Disciplina per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva dei carburanti REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - GIOVEDÌ, 7 OTTOBRE 2004 1º SUPPLEMENTO ORDINARIO Sommario Anno XXXIV - N. 237 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 7644 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 38 del 14-03-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 Procedimenti amministrativi in materia di commercio: Attuazione della direttiva 2006/123/CE

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE FOSSILE

AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE FOSSILE Provincia di Genova Direzione Ambiente, Ambiti Naturali e Trasporti Servizio Energia, Aria e Rumore Ufficio Energia e Rumore AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE FOSSILE

Dettagli

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Modena, 8/03/2011 Prot. Gen. n. 28679/2011 CG-MG/mg A tutto il Personale del Settore Agli Ordini e Collegi Professionali LORO SEDI OGGETTO: PROCEDURE DI

Dettagli

Art. 2 Articolazione dell intervento regionale. LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2004, n. 23

Art. 2 Articolazione dell intervento regionale. LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2004, n. 23 10 LEGGE REGIONALE 13 dicembre 2004, n. 23 Razionalizzazione e ammodernamento della rete distributiva dei carburanti (1). (Testo coordinato con le modifiche apportate con le leggi regionali 4 dicembre

Dettagli

in G.U. n 136, del 12/06/2013. sommario Entrata in vigore il 12/07/2013 Id. 3.008 DM 19_4_13 Pag: 1

in G.U. n 136, del 12/06/2013. sommario Entrata in vigore il 12/07/2013 Id. 3.008 DM 19_4_13 Pag: 1 DM 19_4_13 Pag: 1 DECRETO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 19 aprile 2013. Contributi per i costi ambientali di ripristino dei luoghi a valere sul Fondo per la razionalizzazione della rete di distribuzione

Dettagli

Epigrafe. Premessa. 1. Oggetto del regolamento. 2. Domanda di autorizzazione. 3. Fase istruttoria. 4. Provvedimento di autorizzazione.

Epigrafe. Premessa. 1. Oggetto del regolamento. 2. Domanda di autorizzazione. 3. Fase istruttoria. 4. Provvedimento di autorizzazione. D.P.R. 11-2-1998 n. 53 Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla autorizzazione alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di energia elettrica che utilizzano fonti

Dettagli

Piano Energetico. Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio. luglio 2015

Piano Energetico. Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio. luglio 2015 Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio luglio 2015 Piano Energetico Prestazioni energetiche degli edifici modalita' di applicazione della metodologia di calcolo delle prestazioni

Dettagli

Epigrafe. Premessa. Art. 2. L.R. 18 dicembre 2012, n. 62

Epigrafe. Premessa. Art. 2. L.R. 18 dicembre 2012, n. 62 Pagina 1 di 5 Leggi Regionali d'italia Abruzzo L.R. 18-12-2012 n. 62 Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 15 ottobre 2012, n. 49 «Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER

REGOLAMENTO COMUNALE PER COMUNE DI SAN MARTINO DI VENEZZE PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI D.Lgs. 114/98 e L.R. n. 37/99 Aggiornato al 5 dicembre 2001 Allegato alla deliberazione

Dettagli

2002 - Aggiornamento CE0503us13 VOCE E 5.3 LST/XIII,1. COMMERCIO FIERE E MERCATI D.Lgs. 11 febbraio 1998,n. 32

2002 - Aggiornamento CE0503us13 VOCE E 5.3 LST/XIII,1. COMMERCIO FIERE E MERCATI D.Lgs. 11 febbraio 1998,n. 32 DECRETO LEGISLATIVO 11 febbraio 1998,n. 32 «Razionalizzazione del sistema di distribuzione dei carburanti,a norma dell articolo 4,comma 4,lettera c),della L. 15 marzo 1997,n. 59». (G.U. 5 marzo 1998, n.

Dettagli

Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012. Parcheggi

Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012. Parcheggi Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012 Parcheggi Vi sono tre categorie di parcheggi, soggetti a discipline diverse: 1) i parcheggi "liberi",

Dettagli

Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità

Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità Laboratorio di Fisica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro normativo Norme Nazionali COMPLESSITA BUROCRATICA INSOSTENIBILE

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 325 del 08/08/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 325 del 08/08/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 325 del 08/08/2013 A.G.C. 12 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico Settore 4 Regolazione dei Mercati Oggetto dell'atto: DISCIPLINA DI COMPLETAMENTO IN MATERIA

Dettagli

schema MiSE norma rete carburanti - 12 novembre 2013 Art. Misure per la razionalizzazione della rete di distribuzione carburanti

schema MiSE norma rete carburanti - 12 novembre 2013 Art. Misure per la razionalizzazione della rete di distribuzione carburanti Art. Misure per la razionalizzazione della rete di distribuzione carburanti 10. Ai fini di incrementare la concorrenzialità del mercato dei carburanti e la diffusione al consumatore delle relative informazioni,

Dettagli

DISTRIBUTORI DI CARBURANTE PER USO PUBBLICO

DISTRIBUTORI DI CARBURANTE PER USO PUBBLICO DISTRIBUTORI DI CARBURANTE PER USO PUBBLICO - Definizione - Pre-requisiti - Cosa occorre fare - Informazioni sull istanza - Normativa di riferimento - Codice attività ATECO - Annotazioni DEFINIZIONE L

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 LUGLIO 2008, N.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 LUGLIO 2008, N. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 LUGLIO 2008, N. 35 9132 Pubblicata sul supplemento n. 29 del Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 17 luglio 2008 Legge regionale 31 maggio 2004, n. 14

Dettagli

DECRETO N. 1399 Del 25/02/2015

DECRETO N. 1399 Del 25/02/2015 DECRETO N. 1399 Del 25/02/2015 Identificativo Atto n. 452 PRESIDENZA Oggetto RIDETERMINAZIONE DELLA MISURA DELLO SCONTO SUGLI ACQUISTI DI BENZINA E ATTIVAZIONE DELLA MISURA DELLO SCONTO SUL GASOLIO PER

Dettagli

Legge Regione Lombardia. 5 ottobre 2004, n. 24 Disciplina per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva dei carburanti.

Legge Regione Lombardia. 5 ottobre 2004, n. 24 Disciplina per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva dei carburanti. LR(3) 24_04 A2 C Pag: 1 Legge Regione Lombardia. 5 ottobre 2004, n. 24 Disciplina per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva dei carburanti. Testo coordinato con le modifiche e

Dettagli

2002, così come convertito dalla legge 9 aprile 2002, n. 55, per violazione

2002, così come convertito dalla legge 9 aprile 2002, n. 55, per violazione D.L. 7 febbraio 2002, n. 7 (1). Misure urgenti per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale (2) (3) (4). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34. (2) Convertito in legge, con

Dettagli

Circolare N.70 del 11 Maggio 2012. Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti

Circolare N.70 del 11 Maggio 2012. Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti Circolare N.70 del 11 Maggio 2012 Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti: le novità per baristi, estetiste, autoriparatori, benzinai,

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ITALIANA IN MATERIA DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI

LA LEGISLAZIONE ITALIANA IN MATERIA DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI LA LEGISLAZIONE ITALIANA IN MATERIA DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI 1 D.Lgs. 11 febbraio 1998, n. 32 (1). Razionalizzazione del sistema di distribuzione dei carburanti, a norma dell'articolo 4, comma 4, lettera

Dettagli

attività commerciali impianti di distribuzione dei carburanti modello 2_14_04

attività commerciali impianti di distribuzione dei carburanti modello 2_14_04 AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Il Ministro della Difesa

Il Ministro della Difesa Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/2013/CONT/A9-3/0000106 il r.d. 18 novembre 1923 n.2440, sull amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello Stato; il r.d. 23 maggio 1924 n.827, che

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_02

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_02 N. identificativo marca da bollo La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale dal soggetto interessato AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso

Dettagli

Campania. Del. G.R. 952 del 26 marzo 1999. Disciplina degli impianti autostradali di distribuzione di carburanti per autotrazione.

Campania. Del. G.R. 952 del 26 marzo 1999. Disciplina degli impianti autostradali di distribuzione di carburanti per autotrazione. Campania Del. G.R. 952 del 26 marzo 1999 Disciplina degli impianti autostradali di distribuzione di carburanti per autotrazione. omissis PREMESSO che l art. 105 lett. f del D.Lgs.vo del 31/3/98 n. 112

Dettagli

Impianti eolici (produzione di energia elettrica)

Impianti eolici (produzione di energia elettrica) Autorizzazioni BOZZA Le procedure autorizzative da seguire per richiedere l installazione di un impianto, anche se semplificate al massimo, variano in base alla tipologia, alla sua grandezza e alla sua

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 Oggetto e finalità

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. ART. 1 Oggetto e finalità SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE DEL CAPO IV DISTRIBUTORI DI CARBURANTE DELLA LEGGE PROVINCIALE 30 LUGLIO 2010, N. 17 DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto

Dettagli

DOMANDA TRASFERIMENTO DISTRIBUTORE DI CARBURANTI 1 copia in bollo 2 copie in carta semplice

DOMANDA TRASFERIMENTO DISTRIBUTORE DI CARBURANTI 1 copia in bollo 2 copie in carta semplice DOMANDA TRASFERIMENTO DISTRIBUTORE DI CARBURANTI 1 copia in bollo 2 copie in carta semplice SPORTELLO UNICO COMUNE DI Il sottoscritto Cognome Nome Data di nascita Cittadinanza Luogo di nascita: Comune

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI BARRIERE ARCHITETTONICHE ACCESSIBILITÀ - C ORRADO B ORTOLIN ( NOV 2014) Circolare 01/03/2002 n. 4 Linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove

Dettagli

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE 1. Finalità del regolamento 2. Definizione di attività temporanee e tipologie consentite 3. Deroghe

Dettagli

Cassa Conguaglio GPL. Annualità 2013. A. Descrizione del contesto di riferimento

Cassa Conguaglio GPL. Annualità 2013. A. Descrizione del contesto di riferimento Cassa Conguaglio GPL Annualità 2013 A. Descrizione del contesto di riferimento La Cassa Conguaglio GPL, originariamente denominata Cassa conguaglio per i trasporti di gas di petrolio liquefatto, ente pubblico

Dettagli

Bollettino Ufficiale Regione Piemonte Parte I e II Supplemento al n. 29 17 luglio 2008

Bollettino Ufficiale Regione Piemonte Parte I e II Supplemento al n. 29 17 luglio 2008 Deliberazione della Giunta Regionale 7 luglio 2008, n.35-9132 Legge regionale 31 maggio 2004, n. 14, ("Norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione e l'ammodernamento della rete

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce

CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce ORDINANZA N. 41 Reg. n. 84 del 3 dicembre 2014 Oggetto : Orari, turni festivi e ferie impianti distribuzione carburanti per l anno 2015. IL SINDACO VISTA la legge regionale

Dettagli

Comune di Chiaravalle

Comune di Chiaravalle ALLEGATO A - NUOVE TARIFFE (approvate con Delibera G.C. n. del ) Determinazione dei valori dei Diritti di Segreteria istituiti con il comma 10 dell art. 10 del D.L. 18/01/1993 n. 8, convertito con Legge

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 di 5 27/05/2015 18:52 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 19 maggio 2015 Approvazione del modello unico per la realizzazione, la connessione e l'esercizio di piccoli impianti fotovoltaici integrati

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

Legge Regionale 29 gennaio 2010, n.5

Legge Regionale 29 gennaio 2010, n.5 Legge Regionale 29 gennaio 2010, n.5 Nuove norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione ed ammodernamento della rete distributiva carburanti ed attuazione delle norme di liberalizzazione

Dettagli

Allegato 1. omissis. in B.U.R.M. n. 13 del 18-02-2011 sommario. Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) DELIBERA. DGR(11) 125_11 Pag: 1

Allegato 1. omissis. in B.U.R.M. n. 13 del 18-02-2011 sommario. Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) DELIBERA. DGR(11) 125_11 Pag: 1 DGR(11) 125_11 Pag: 1 Deliberazione Regione Marche n. 125 del 07/02/2011. Regolamento regionale di competenza della Giunta regionale concernente: Disciplina della distribuzione dei carburanti per autotrazione,

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

autorizzativo di un impianto fotovoltaico

autorizzativo di un impianto fotovoltaico SCIA, TITOLI ABILITATIVI E ITER AUTORIZZATIVI Aspetti legali e tecnici L iter autorizzativo di un impianto fotovoltaico arch. Franco Claretti Giovedì 2 dicembre 2010 Normativa di riferimento DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

PROVVEDIMENTI ESECUTIVI

PROVVEDIMENTI ESECUTIVI OBIETTIVI distanza da luoghi sensibili programma contrasto sgravi fiscali corsi formazione esercenti PROVVEDIMENTI ESECUTIVI dgr 24 gennaio 2014 n. X/1274 dgr 30 gennaio 2014 n. X/1314 dgr 14 febbraio

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

Ordinanza Nr. 4 Serravalle Pistoiese, lì 04/02/2005

Ordinanza Nr. 4 Serravalle Pistoiese, lì 04/02/2005 COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) C.F. - P.I. 00185430477 Via Garibaldi 50 Serravalle Pistoiese Tel. 0573 9170 Fax. 0573 51064 e-mail: amministrazione@comune.serravalle-pistoiese.pt.it

Dettagli

Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze. Ing. Pier Luigi Coruzzi

Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze. Ing. Pier Luigi Coruzzi Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze Quali incombenze autorizzative per realizzare un impianto FV? Chiunque voglia realizzare un impianto fotovoltaico deve preventivamente occuparsi di tre problemi:

Dettagli

Controlli sulle imprese

Controlli sulle imprese Controlli sulle imprese Art. 25 del d.lgs. 33/2013 Oggetto dei controlli è la verifica della conformità delle attività esercitate a quanto autorizzato, ovvero del contenuto delle dichiarazioni rilasciate

Dettagli

OGGETTO: Nota Regione Piemonte Precisazioni in merito all art. 48 LR 56/77, così come modificato dalla LR 3/2013 e al DPR 380/01

OGGETTO: Nota Regione Piemonte Precisazioni in merito all art. 48 LR 56/77, così come modificato dalla LR 3/2013 e al DPR 380/01 Via Conte Verde, 125-14100 ASTI Casella Postale 130 Tel. +39 0141.481111 Fax. +39 0141.484095 e-mail: protocollo@pec.asl.at.it P.I. / Cod. Fisc. 01120620057 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE

Dettagli

Disposizioni regolamentari in materia di Imposta Municipale Propria (I.M.U.)

Disposizioni regolamentari in materia di Imposta Municipale Propria (I.M.U.) Allegato A) Disposizioni regolamentari in materia di Imposta Municipale Propria (I.M.U.) Art. 1 Oggetto del Regolamento Le presenti disposizioni regolamentano le modalità di applicazione dell Imposta Municipale

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

Comune di CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO

Comune di CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO 1 Articolo 1 Oggetto 11 Il presente Regolamento, in attuazione dell articolo 3, comma 2 della Legge Regionale 5 ottobre 2004 n 24, disciplina le procedure amministrative relative a: - installazione e modifiche

Dettagli

Reggio Emilia, 16 Maggio 03

Reggio Emilia, 16 Maggio 03 Reggio Emilia, 16 Maggio 03 Circolare n. 02/2003 Serbatoi di stoccaggio, fissi e/o mobili, di prodotti petroliferi presso aziende private - Impianti ad uso privato e Depositi ad uso privato - I numerosi

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA

COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA Ordinanza num. 7 emessa in data 27/01/2014 COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA Oggetto: Sistema distributivo dei carburanti - Determinazione dei criteri per l'articolazione degli orari

Dettagli

CONFERENZA UNIFICATA. Roma 6 giugno 2012 ore 15.00. Informativa resa

CONFERENZA UNIFICATA. Roma 6 giugno 2012 ore 15.00. Informativa resa CONFERENZA UNIFICATA Roma 6 giugno 2012 ore 15.00 PUNTO O.D.G. ESITI Approvazione del verbale del 10 maggio 2012 Approvati 1) Informativa in merito alla consultazione pubblica per l adozione di provvedimenti

Dettagli

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Allegato A alla Delibera Consiglio comunale n. 157 del 16/12/02 COMUNE DI PERUGIA PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Relazione INDICE 1. Fonti normative e finalità 2. Situazione attuale 3. Obiettivi operativi

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

Al Comune di Montecchio Emilia P.zza Repubblica n.1 42027 Montecchio Emilia RE

Al Comune di Montecchio Emilia P.zza Repubblica n.1 42027 Montecchio Emilia RE Bollo (non dovuto se presentata nell ambito della domanda unica) Al Comune di Montecchio Emilia P.zza Repubblica n.1 42027 Montecchio Emilia RE AUTORIZZAZIONE ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ai sensi dell art. 80 comma 2, L.R.T. n.01/2005 e s.m.i. (ex. art. 6 comma 2 lettera b) c) d) e) D.P.R. n.

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ai sensi dell art. 80 comma 2, L.R.T. n.01/2005 e s.m.i. (ex. art. 6 comma 2 lettera b) c) d) e) D.P.R. n. "!#$ %'&)(*% +-,.$/0/1.324, 56578, 7:9-?A@-B @DCCFEHGIDJKGLNM-IOQP, @R5S,)>T. U@B VMGW$XDXYGWAZ O-OTJ [*.R\]MGTW-X^XGTW$ZT.Vaj-,)Va,

Dettagli

COMUNE DI RIVALTA DI TORINO

COMUNE DI RIVALTA DI TORINO Regione Piemonte - Provincia di Torino COMUNE DI RIVALTA DI TORINO D.C.C. n. 16 del 8.02.2007 Approvazione dei criteri ex art. 8 comma 3 del D.Lgs. 114/98 per il rilascio delle autorizzazioni commerciali.

Dettagli

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia

Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia Legge Regionale 16 luglio 2009, N. n. 13 Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione del patrimonio edilizio ed urbanistico della Lombardia (BURL n. 28 2 suppl. ord. del 17 Luglio 2009 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2009-07-16;13

Dettagli

A. Definizione delle serre fotovoltaiche e caratteristiche strutturali.

A. Definizione delle serre fotovoltaiche e caratteristiche strutturali. CIRCOLARE n. 1/2012 CRITERI, MODALITÀ E PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI CONNESSI ALL AUTORIZZAZIONE PER LE REALIZZAZIONE DI SERRE FOTOVOLTAICHE SUL TERRITORIO REGIONALE. La Regione Puglia con legge regionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30 LUGLIO 2013 NORME PER LA QUALIFICAZIONE E L'AMMODERNAMENTO DEL SISTEMA DISTRIBUTIVO DEI CARBURANTI IL CONSIGLIO REGIONALE

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30 LUGLIO 2013 NORME PER LA QUALIFICAZIONE E L'AMMODERNAMENTO DEL SISTEMA DISTRIBUTIVO DEI CARBURANTI IL CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30 LUGLIO 2013 NORME PER LA QUALIFICAZIONE E L'AMMODERNAMENTO DEL SISTEMA DISTRIBUTIVO DEI CARBURANTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

Dettagli

Comunicazione di VARIAZIONI NON SOSTANZIALI a IMPIANTO DISTRIBUTORE CARBURANTI (L.R. 24 marzo 2004 n.19)

Comunicazione di VARIAZIONI NON SOSTANZIALI a IMPIANTO DISTRIBUTORE CARBURANTI (L.R. 24 marzo 2004 n.19) Comunicazione di VARIAZIONI NON SOSTANZIALI a IMPIANTO DISTRIBUTORE CARBURANTI (L.R. 24 marzo 2004 n.19) Al Sindaco del Comune di Pontedera Sportello unico Attività Produttive Il/la sottoscritto/a Cognome

Dettagli

LEGISLAZIONE VOLONTARIATO

LEGISLAZIONE VOLONTARIATO LEGISLAZIONE VOLONTARIATO Presidente della Repubblica Decreto del Presidente della Repubblica 6 febbraio 1981, n. 66 Regolamento di esecuzione della legge 8 dicembre 1970, n. 996, recante norme sul soccorso

Dettagli

Legge regionale n. 8 del 2-04-2001 e successive modificazioni nuove norme in materia di impianti di distribuzione di carburanti

Legge regionale n. 8 del 2-04-2001 e successive modificazioni nuove norme in materia di impianti di distribuzione di carburanti Legge regionale n. 8 del 2-04-2001 e successive modificazioni nuove norme in materia di impianti di distribuzione di carburanti CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità della legge) 1. La presente

Dettagli

Servizi GPE per impianti biometano

Servizi GPE per impianti biometano Servizi GPE per impianti biometano MODALITA' DI INCENTIVAZIONE LA PRODUZIONE DI BIOMETANO E' INCENTIVATA SECONDO TRE DIVERSE MODALITA' IMMISSIONE IN RETE E VENDITA AL MERCATO PER USO INDIFFERENZIATO: il

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia VIII LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI STRALCIO N. 229-01.01 Costituito da un emendamento aggiuntivo introduttivo di alcuni

Dettagli

(Misure per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali) quelle di stoccaggio sotterraneo di gas naturale rivestono carattere

(Misure per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali) quelle di stoccaggio sotterraneo di gas naturale rivestono carattere Decreto Sblocca Italia Art. 38 (Misure per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali) 1. Al fine di valorizzare le risorse energetiche nazionali e garantire la sicurezza degli approvvigionamenti

Dettagli

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali COMPETITIVITA La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali Dalla Dia alla Scia anche per le attività di vendita e somministrazione di alimenti e bevande Cosimo

Dettagli

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Comune di Padova NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 dell'8 ottobre 2012 In vigore dal

Dettagli

Direzione Regionale per la Lombardia

Direzione Regionale per la Lombardia Direzione Regionale per la Lombardia Direzione Regionale per la Lombardia Cogenerazione ad alto rendimento: novità e prospettive di sviluppo Aspetti fiscali legati alla cogenerazione ANGELINI GIUSEPPE

Dettagli

LEGGE 29 settembre 1964, n. 847 (1)

LEGGE 29 settembre 1964, n. 847 (1) LEGGE 29 settembre 1964, n. 847 (1) (1) In G.U. 8 ottobre 1964, n. 248 Autorizzazione ai Comuni e loro Consorzi a contrarre mutui per l'acquisizione delle aree ai sensi della L. 18 aprile 1962, n. 167

Dettagli

Comune di Quartu Sant Elena PROVINCIA DI CAGLIARI

Comune di Quartu Sant Elena PROVINCIA DI CAGLIARI - 1 - Piano di razionalizzazione ed ammodernamento della rete distributiva comunale Comune di Quartu Sant Elena PROVINCIA DI CAGLIARI Area Economica e dello Sviluppo Settore Attività Produttive Piano di

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale N. 39 9353 / 2013 (numero - protocollo / anno) OGGETTO: AUTORIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RICERCA

Dettagli