Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. ai sensi del D. Lgs. 231/2001"

Transcript

1 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 1

2 Le origini del decreto 1977 (USA): Foreign Corrupt Practices Act 1995 (UE): Convenzione sulla tutela finanziaria delle Comunità Europee 1997 (UE): Convenzione contro la corruzione dei funzionari comunitari 1997 (OCSE): Convenzione sulla lotta alla corruzione di pubblici ufficiali stranieri nelle operazioni economiche internazionali 2000 (Legge n settembre 2000): art. 11 per la Ratifica ed esecuzione degli Atti Internazionali, cui si aggiunge la delega al governo per la disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche 2

3 I contenuti del D.Lgs. 231/01 La novità introdotta dal decreto Responsabilità amministrativa della società per i reati penali (alcuni) commessi da soggetti apicali (amministratori, dirigenti, dipendenti) o persone sottoposte alla loro vigilanza o direzione Nell interesse o vantaggio della società 3

4 I contenuti del D.Lgs. 231/01 ciò significa che : se una qualsiasi risorsa interna od esterna (sottoposta alla direzione della società) nell esercizio delle proprie attività lavorative, commette uno dei reati previsti dal decreto, che anche solo potenzialmente possa portare un vantaggio per la società, sono considerati responsabili: Il singolo che ha commesso il reato (come avveniva in passato); + La società per la quale il singolo lavora 4

5 I contenuti del D.Lgs. 231/01 I reati previsti dal Decreto (1) - Reati commessi nei rapporti con la Pubblica Amministrazione (art. 25) - Reati di falsità in monete, in carte di pubblico credito e in valori di bollo (art. 25 bis L. 409/2001 conv. D.L. 350/2001 L. 99/2009) - Reati societari (art. 25ter D.Lgs. 61/2002) - Reati con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico (art. 25quater L. 7/03) - Reati contro la personalità individuale (art. 25 quinquies L. 228/03) - Reati di Market Abuse (art. 25 sexies L. 62/05) - Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili (art. 25quater 1 - L. 7/2006) - Omicidio colposo e lesioni gravi o gravissime colpose per violazione della normativa antinfortunistica (art. 25 septies L. 123/07 - D. Lgs. 81/2008 ) 5

6 I contenuti del D.Lgs. 231/01 I reati previsti dal Decreto (2) - Antiriciclaggio e ricettazione (art. 25 octies - D.Lgs. 231/07) - Reati informatici e trattamento illecito dei dati ( Cyber Crime ) ( L. 48/2008 art. 24 bis indebita percezione finanz. truffa ai danni dello Stato Frode informatica) - Delitti di criminalità organizzata (art. 24 ter L.15 Luglio 2009 n.94) - Delitti contro l industria e il commercio (art. 25 bis 1 L.23 Luglio 2009 n.99 ) - Delitti in materia di violazioni del diritto d autore (art. 25 novies L.23 Luglio 2009 n.99 ) - Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all autorità giudiziaria (art. 25 novies L. 3 agosto 2009 n. 116) 6

7 I contenuti del D.Lgs. 231/01 I reati nei rapporti con la P.A. - Malversazione a danno dello Stato o di altro ente pubblico (art. 316-bis c.p.) - Indebita percezione di contributi, finanziamenti o altre erogazioni da parte dello Stato o di altro ente pubblico (art. 316-ter c.p.) - Truffa in danno dello Stato o di altro ente pubblico (art. 640,1 c., n. 1 c.p.) - Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche (art. 640-bis c.p.) - Frode informatica in danno dello Stato (art. 640-ter c.p.) - Corruzione per un atto d ufficio (art. 318 c.p.) - Corruzione per un atto contrario ai doveri d ufficio (art. 319 c.p.) - Corruzione in atti giudiziari (art. 319-ter c.p.) - Istigazione alla corruzione (art. 322 c.p.) - Concussione (art. 317 c.p.) 7

8 Gli enti Incaricati di Pubblico Servizio Non esistono criteri precisi per stabilire se un ente privato può essere considerato incaricato di pubblico servizio o meno. La giurisprudenza ha indicato una serie di indici rivelatori del carattere pubblicistico dell ente: La sottoposizione ad un attività di controllo e di indirizzo a fini sociali, nonché ad un potere di nomina e revoca degli amministratori da parte dello Stato o di altri enti pubblici La presenza di una convenzione e/o concessione con la Pubblica Amministrazione L apporto finanziario da parte dello Stato L immanenza dell interesse pubblico in seno all attività economica 8

9 I contenuti del D.Lgs. 231/01 I reati societari - False comunicazioni sociali (art c.c.) - False comunicazioni sociali in danno dei soci o dei creditori (art c.c.) - Falso in prospetto (art c.c.) - Falsità nelle relazioni o nelle comunicazioni delle società di revisione (art c.c.) - Impedito controllo (art c.c.) - Indebita restituzione dei conferimenti (art c.c.) - Illegale ripartizione degli utili e delle riserve (art c.c.) - Illecite operazioni sulle azioni o quote sociali della società controllante (art c.c.) - Operazioni in pregiudizio dei creditori (art c.c.) - Formazione fittizia del capitale (art c.c.) 9

10 I contenuti del D.Lgs. 231/01 Quali le conseguenze, per l azienda, in caso di violazioni? Le sanzioni a carico della Società sono applicate secondo le regole del processo penale Pecuniarie Sanzioni fino a euro ,70 (Lit. 3mld) (aumentabili fino al triplo nel caso di pluralità di illeciti commessi con un unica azione od omissione ovvero commessi nello svolgimento di una medesima attività) Interdittive Interdizione dall esercizio dell attività; Sospensione o revoca di licenze e concessioni; Divieto di contrarre con la Pubblica Amministrazione (es. divieto di partecipare a gare di appalto); Esclusione/revoca di finanziamenti e contributi (es. perdita di finanziamenti CEE ). 10 Confisca

11 I contenuti del D.Lgs. 231/01 Come può la società escludere la propria responsabilità? 11

12 I contenuti del D.Lgs. 231/01 La legge offre comunque la possibilità di escludere la propria responsabilità. E infatti previsto che una società non risponda degli illeciti commessi dai singoli se: 1.Prova di avere adottato ed implementato un MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO idoneo a prevenire i reati previsti. 2.Prova di avere affidato ad un PROPRIO ORGANISMO il compito di vigilare sul funzionamento, l osservanza e l aggiornamento costante del Modello (cd Organismo di Vigilanza) 3.I responsabili hanno commesso il reato ELUDENDO FRAUDOLENTEMENTE il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo 4.Non vi è stata OMESSA O INSUFFICIENTE VIGILANZA da parte dell organismo preposto a vigilare sul funzionamento, l osservanza e l aggiornamento costante dl modello 12

13 I contenuti del Modello (più diffuso) Parte Generale. Nella parte generale vengono illustrati gli obiettivi ed i principi del Modello e le sue componenti essenziali con particolare riferimento all Organismo di Vigilanza, la formazione del personale e diffusione del modello nel contesto aziendale, il sistema disciplinare e le misure da adottare in caso di mancata osservanza delle prescrizioni del modello. Vengono inoltre indicati i processi che sono stati valutati a maggior rischio reato nella realtà aziendale (Processi Sensibili). Parte Speciale La Parte Speciale riguarda le specifiche categorie di reato rilevanti per l ente (reati contro la Pubblica Amministrazione, reati societari etc.) ed include le procedure di prevenzione di tali reati ed i controlli dell OdV con particolare riferimento ai Processi Sensibili indicati nella Parte Generale. 13

14 Alcuni orientamenti REATO: Corruzione attraverso la costituzione di fondi neri, al fine di ottenere l aggiudicazione di un appalto di Enelpower per la fornitura di turbine a gas. SANZIONI: sanzione interdittiva con divieto di contrattare con la Pubblica Amministrazione italiana per 1 anno, in relazione alla fornitura di turbine a gas. Ordinanza del Tribunale di Milano del 28/4/04:.. può escludersi che Siemens abbia efficacemente attuato un Modello di organizzazione, gestione e controllo dell attività societaria idoneo a prevenire reati della specie di quello verificatosi (modello che, se adottato e diligentemente attuato avrebbe garantito all ente un esenzione di responsabilità per i reati ciò nonostante commessi dai propri funzionari). Le modalità con le quali l azione corruttiva è stata condotta dai funzionari dimostrano infatti non solo l assoluta inefficacia del Modello di controllo adottato e l inattività degli organi preposti a verificarne l osservanza, ma anche che l ente considerava l erogazione come una possibile strategia imprenditoriale 14

15 Alcuni orientamenti (1) REATO: Corruzione e truffa aggravata nei confronti di soggetti della Pubblica Amministrazione per l aggiudicazione di appalti. SANZIONI: commissariamento giudiziale in via cautelare per 1 anno Dall Ordinanza del Gip di MIlano del 20/09/04, è emerso che i MODELLI adottati sono stati ritenuti tutti INADEGUATI a prevenire i reati della specie di quello verificatosi, in quanto eccessivamente GENERICI E LACUNOSI. In particolare, il Giudice ha rilevato carenze nelle seguenti aree: nomina dell OdV, attività di formazione al personale, attività informativa verso l OdV, sistema disciplinare, mappatura dei reati e delle attività sensibili concludendo, per tutte e 4 le società: Il Modello elaborato.. si mostra sotto i profili sopra evidenziati estremamente carente, e si esaurisce in una mera iterazione del dettato normativo e difetta conseguentemente sia di specificità che di dinamicità 15

16 Alcuni orientamenti (2) Alcuni dei rilievi evidenziati sono i seguenti: Nomina dell OdV: mancanza di indicazione dei requisiti di professionalità ed autonomia, cause di ineleggibilità inadeguate Formazione: indicazioni assolutamente generiche non si prevede il contenuto dei corsi, la loro frequenza, l obbligatorietà della partecipazione.., controlli di frequenza ed di qualità.. Attività di Informazione all OdV : mancata previsione e disciplina dell obbligatorietà di comunicazione all OdV di notizie rilevanti, l unica previsione viene ritenuta estremamente generica e non indicativa delle modalità con cui riferire all OdV. Sistema disciplinare: mancata previsione di sanzioni a carico dei soggetti apicali per la violazione dell obbligo di vigilanza sui soggetti sottoposti Mappatura dei reati e delle attività sensibili: assoluta genericità dei protocolli di prevenzione, i quali si limitano ad enunciati privi di un qualsiasi contenuto concreto ed operativo 16

17 Alcuni orientamenti REATO: Corruzione per l aggiudicazione di una gara indetta dall Inail per la fornitura di buoni pasto su tutto il territorio nazionale SANZIONI: divieto di contrattare con la Pubblica Amministrazione per 1 anno, sanzione pecuniaria di 75mila Euro e confisca di 1 milione di Euro, quale profitto del reato. Sentenza del Tribunale di Milano 20/3/2007: costoro, in concorso tra loro e nelle qualità apicali.. commettevano il reato nell interesse della società, con conseguente vantaggio per questa che ne ricavava profitto di rilevante entità La società al momento del fatto era PRIVA DI UN QUALUNQUE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE idoneo a prevenire fatti della specie di quello contestato 17

18 Alcuni orientamenti REATO: Truffa ai danni dello Stato nell ambito degli appalti per lo smaltimento dei rifiuti in Campania SANZIONI: sanzione interdittiva con divieto di contrattare con la Pubblica Amministrazione per 1 anno e confisca di 750 milioni di Euro, quale profitto del reato (importo ridotto poi a 266 milioni dal Tribunale del Riesame nel febbraio 2010). Dall Ordinanza del Gip di Napoli del 26/6/07, è emerso che il MODELLO adottato è stato ritenuto INTEMPESTIVO ed INADEGUATO, in quanto: adottato solo molto tempo dopo l inizio della condotta criminale non vi erano specificati i requisiti di professionalità ed indipendenza dell OdV Non vi erano previste sanzioni per la violazione degli obblighi di informazione verso l OdV non erano previste sanzioni a carico dei soggetti apicali per la violazione dell obbligo di vigilanza sui soggetti sottoposti non vi era l obbligatorietà della partecipazione del personale ai training per le aree sensibili, non risultavano adottate previsioni specifiche, procedure esattamente determinate e determinabili, regole individuate anche nella loro rigida sequenza e funzionalmente dirette a garantire il conseguimento di precisi risultati 18

19 Alcuni orientamenti REATO: Omicidio colposo plurimo e lesioni colpose gravi con violazione delle norme di prevenzione infortuni, a seguito di un incidente sul lavoro che causò la morte di 5 operai e l intossicazione di un altro, a seguito delle esalazioni sprigionatesi da una cisterna nella quale lavoravano SANZIONI: condanna penale delle persone responsabili, sanzioni pecuniarie per 3 società a vario titolo coinvolte : 1 milione e 400mila Euro per Fs Logistics, 400mila euro ciascuno per Cinque Bio Trans e per Truck Center Sas. Secondo la sentenza del Tribunale di Trani del 26/10/09, se l'evento delittuoso è il risultato della mancata adozione di misure di prevenzione, spesso è agevole sostenere che la mancata adozione di tali misure abbia garantito un vantaggio alla società o all'ente, ad esempio nella forma di un risparmio di costi". Oltre a ciò è stata posta in evidenza la MANCATA ADOZIONE del Modello Organizzativo da parte di due società, e la GRAVE INADEGUATEZZA del Modello adottato dalla terza, il quale era indirizzato a prevenire solo gli infortuni dei propri dipendenti o di soggetti presenti nel proprio ambiente, ma non era prevista una procedura per il passaggio di informazioni sui rischi dei prodotti pericolosi trattati nei rapporti e nelle relazioni commerciali con le altre società 19

20 Alcuni orientamenti REATO: Aggiotaggio per la comunicazione di notizie false idonee a provocare una sensibile alterazione del valore delle azioni e delle obbligazioni emesse da società del Gruppo (market abuse) Con sentenza del Tribunale di Milano 17/11/2009, il Gip ha sancito la VALIDITA ED EFFICACIA DEGLI ESIMENTI, e ha assolto la società, ritenendo che i comportamenti illeciti oggetto di imputazione non siano frutto di un errato modello organizzativo, ma siano da addebitare al comportamento dei vertici della società che risultano in contrasto con le regole interne del modello regolarmente adottato. La procedura seguita per la commissione del reato è risultata una palese elusione del Modello che appare dettata proprio dalle finalità che si volevano evitare con il modello, cioè la creazione di notizie false. Altri elementi considerati a favore sono stati la tempestività della società ad adeguarsi alle disposizioni di legge, la formalizzazione di procedure adeguate, l istituzione di specifici flussi informativi verso l OdV e la professionalità ed indipendenza dell OdV. 20

21 Alcuni orientamenti REATO: Corruzione internazionale attraverso il pagamento di ingenti somme di denaro in favore di pubblici ufficiali nigeriani per l ottenimento di contratti per la realizzazione di gasdotti in Nigeria. Con sentenza del 30/9/ 2010 (dep. il 01/12/2010), la Corte di Cassazione ha sancito l applicabilità delle misure cautelari interdittive anche nel caso di Corruzione internazionale sebbene le sanzioni indicate nell art. 9, comma 2, D.Lgs. 231/01 sono state pensate in rapporto a soggetti che operano all interno del territorio dello Stato, tuttavia non può ritenersi che siano tutte inidonee ad intervenire su situazioni relative a fatti di corruzione internazionale. 21

22 Alcuni orientamenti... in corso... REATO: associazione per delinquere transnazionale finalizzata al riciclaggio e al reimpiego di capitali illecitamente acquisiti attraverso un articolato sistema di frodi fiscali. La Procura di Roma ha fatto richiesta formale di commissariamento delle società ai sensi del D. Lgs 231/01, motivando la mancata vigilanza. 22

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI Via Tibullo 10-00193 Roma Tel (+39) o6 97996050 Fax (+39) 06 97996056 D.lgs 231/01 e responsabilità amministrativa (penale) delle società. Sostanziale obbligo di adozione di specifici modelli organizzativi

Dettagli

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI IL D.LGS. 231/2001 INTRODUZIONE Su delega legislativa il Governo italiano ha emanato il D.lgs. 231/2001 intitolato Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001)

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) Disciplina della responsabilita' amministrativa delle persone giuridiche, delle societa' e delle

Dettagli

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001:

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001: MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 ADECCO ITALIA S.P.A. - ELENCO DEI REATI 231 - Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001 Studio Bolzoni Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001 Introduzione Il decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 ha introdotto nell ordinamento italiano la responsabilità degli

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 4 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Indice Pag. 2 di 4 I) PARTE GENERALE INTRODUZIONE 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 PREMESSA: per compilare le tabelle che seguono sono stati inizialmente presi in considerazione tutti i reati previsti dal D.lgs.

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 231/01

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 DECRETO LEGISLATIVO 231/01 Il Decreto Legislativo 231/2001 ha introdotto per la prima volta nell ordinamento giuridico italiano il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE... MODELLO ORGANIZZATIVO D. Lgs. 231/2001 Data emissione: Luglio 2006 Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3 I Soggetti...4 I Reati...5 Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...8

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001. 28 aprile 2009

LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001. 28 aprile 2009 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001 28 aprile 2009 Relatore: Co-relatore: Avv. Riccardo Nalin Ing. Andrea Semino D. LGS. 231/2001 Responsabilità Amministrativa Persone Giuridiche

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS 13 febbraio 2013 Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca Sommario - I fatti illeciti a vantaggio o nell interesse dell organizzazione - Le fattispecie di reato rilevanti - I modelli di organizzazione e controllo e la mappatura dei processi a rischio Il D. Lgs.

Dettagli

Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001. Presentazione

Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001. Presentazione Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001 Presentazione Il decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa

Dettagli

BREVE SINTESI DEL MOGC

BREVE SINTESI DEL MOGC BREVE SINTESI DEL MOGC 1. Il d.lgs. 231/01 Con il decreto legislativo 231 del 2001 è stata introdotta la responsabilità amministrativa degli enti in conseguenza di reati commessi o tentati, da soggetti

Dettagli

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE D&D srl offre servizi di consulenza per la responsabilità d impresa (D. Lgs. n. 231/01) e la privacy agli Enti, alle PMI e alle

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria Bosin & Maas & Stocker Wirtschaftsberatung Steuerrecht Arbeitsrecht Revisoren dottori commercialisti consulenti del lavoro revisori dr. F. J. S c h ö n w e g e r dr. M a n f r e d B o s i n dr. G o t t

Dettagli

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili Meda Pharma SpA - Allegato A al Modello Organizzativo Reato non rilevante Reato rilevante Articolo D.Lgs Fattispecie iilecito amministrativo Anno introduzione Reato Articolo 23 D. Lgs. Inosservanza delle

Dettagli

D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione. CONFAPI Bari, 19 novembre 2010

D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione. CONFAPI Bari, 19 novembre 2010 D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione CONFAPI Bari, 19 novembre 2010 Decreto Legislativo 231/2001 Ha introdotto la c.d. responsabilità amministrativa e penale delle Società. Reato Responsabilità individuale

Dettagli

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it La Corporate Governance nelle recenti best practices - I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it 27 Febbraio 2012 1 INTRODUZIONE Con il D. Lgs. 231/2001, il legislatore

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 LAURO CANTIERI VALSESIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 Premessa Ai fini dell efficace predisposizione di un Modello Organizzativo,

Dettagli

Introduzione al D.lgs 231/2001

Introduzione al D.lgs 231/2001 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 1.1. LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231, che reca la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1 Pagina 1 di 7 APPENDICE 1 Il D.Lgs 231/2001, recante la disciplina in tema di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, superando il principio che individuava nella persona fisica l unico

Dettagli

Avv. Carlo Autru Ryolo

Avv. Carlo Autru Ryolo Gestione della responsabilità amministrativa L'apparato organizzativo della D.Lgs. 231/01 e il Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa L'APPARATO ORGANIZZATIVO DELLA D.LGS. 231/01 Disciplina

Dettagli

Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da

Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da Indice Introduzione Formazione Parte 1 Cosa prevede la legge Principali riferimenti legislativi

Dettagli

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INFORMATION SECURITY MANAGEMENT 8ª EDIZIONE, ROMA FEBBRAIO 2011- SETTEMBRE 2011 ICT Risk Management Aspetti legali L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi

Dettagli

INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300

INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300 INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300 La norma applica a tutti i casi di omicidio colposo o lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme sulla salute e sicurezza sul

Dettagli

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI Realizzazione di programmi di formazione e di servizi a favore del personale finanziati con contributi pubblici Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno

Dettagli

Meda 26-27 novembre 2014. Gruppo Poltrona Frau. Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti

Meda 26-27 novembre 2014. Gruppo Poltrona Frau. Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti Meda 26-27 novembre 2014 Gruppo Poltrona Frau Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti Agenda Prima parte Il D.Lgs. n. 231/2001 1. La norma 2. Le misure sanzionatorie

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 ALITALIA SOCIETÀ AEREA ITALIANA S.p.A. ALLEGATO 1 ELENCO REATI 1 Adottato con delibera del 25/03/2016. INDICE I Reati previsti dal Decreto

Dettagli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Assemblea Annuale di Assifero Venezia 7 Maggio 2010 Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Avv. Roberto Randazzo Sommario La Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

Novità e aggiornamenti D.Lgs. 231/2001

Novità e aggiornamenti D.Lgs. 231/2001 Novità e aggiornamenti D.Lgs. 231/2001 Evoluzione della normativa e della giurisprudenza Dr. Ennio Battistoli Milano, 15 gennaio 2015 D.Lgs. 231/2001 Il Decreto in sintesi Prevede la responsabilità degli

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali. "D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda"

D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali. D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali "D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda" Il quadro di riferimento L evoluzione normativa e l introduzione di nuove fattispecie

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

Mittel S.p.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 SINTESI DEL MODELLO

Mittel S.p.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 SINTESI DEL MODELLO Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 SINTESI DEL MODELLO Sintesi - Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 Aggiornamento Aprile 2013 1 INDICE SINTETICO

Dettagli

L applicazione del D.Lgs 231/2001

L applicazione del D.Lgs 231/2001 L applicazione del D.Lgs 231/2001 Prof. Avv.Dario Soria Dottore Commercialista Scuola di formazione Aldo Sanchini White collar crimes prevention and punishment Roma, 10 Giugno 2010 Indice La responsabilità

Dettagli

Genova Parcheggi S.p.A. MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE

Genova Parcheggi S.p.A. MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE Genova Parcheggi S.p.A. MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE Modello di organizzazione e gestione ex D.Lgs. n. 231/2001 Integrato ai sensi di Legge 190/2012 1 INDICE 1. PREMESSA pag. 3 2. PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2 Relazione di sintesi Marzo 2013 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 3 1.2. METODOLOGIA...

Dettagli

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas Il modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/01 e il reato connesso ad omicidio o lesioni personali gravi e gravissime in violazione di norme sulla prevenzione degli infortuni

Dettagli

PREMESSE. - soggetti che occupano una posizione apicale all interno dell ente ( ossia chi esercita, anche di fatto, le funzioni di rappresentanza,

PREMESSE. - soggetti che occupano una posizione apicale all interno dell ente ( ossia chi esercita, anche di fatto, le funzioni di rappresentanza, 1. Il regime di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche per i reati commessi nel loro interesse ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 Il D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 (di seguito Decreto ),

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

Linee Guida. per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo

Linee Guida. per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo Linee Guida per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo Ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 «Disciplina

Dettagli

ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011

ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011 ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011 Reati contro la Pubblica Amministrazione (art. 24 e art. 25, D.Lgs. 231/01) - Malversazione a danno dello Stato o di altro

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01 VICINI S.p.A. INDICE PRIMA PARTE... 4 1) Il decreto legislativo n. 231/ 2001... 4 2) La struttura del decreto... 4 3) Sanzioni applicabili... 7 4) Azioni

Dettagli

STILMAS MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. N. 231/2001¹

STILMAS MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. N. 231/2001¹ STILMAS MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. N. 231/2001¹ ¹ Approvato dall Assemblea dei Soci di Stilmas S.p.A. in data 6 marzo 2012 INDICE DEGLI ARGOMENTI TRATTATI PARTE GENERALE

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RHRG00 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI Rev. 01 2014.10.20 Pagine 10 Pagina 1 RHRG00 REVISIONE 01 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RAVENNA HOLDING S.P.A. Via Trieste, 90/A - 48122 Ravenna

Dettagli

Modello Organizzativo di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 PARTE GENERALE Pagina 1 di 13 INDICE PARTE GENERALE 1. PREMESSA 3 2. STRUTTURA DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 3 3. DESTINATARI

Dettagli

Circolare Informativa

Circolare Informativa Circolare Informativa Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 7 marzo 2010 RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA PER LE SOCIETÀ DI CAPITALI EX D.LGS. N.231/2001 CERTIFICAZIONE SICUREZZA AZIENDALE OHSAS 18001 Ricordiamo

Dettagli

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001)

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI WIND RETAIL S.R.L. AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 231/2001 Responsabilità amministrativa della Società - ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E

Dettagli

deleghe di responsabilità Roberto Frigerio Presidente Comitato Affari Legali Federchimica

deleghe di responsabilità Roberto Frigerio Presidente Comitato Affari Legali Federchimica D.Leg. 231/01 e Testo Unico sulla Sicurezza; deleghe di responsabilità Roberto Frigerio Presidente Comitato Affari Legali Federchimica Schema della Presentazione 1) Il Comitato Affari Legali di Federchimica

Dettagli

MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo

MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Testo adottato dal Consiglio di Amministrazione di SOPAF S.p.A. ( 13 Novembre 2007) Modificato dal

Dettagli

ALLEGATO 1 TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01

ALLEGATO 1 TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01 ALLEGATO 1 TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01 1. Indebita percezione di erogazioni, truffa in danno dello Stato o di un ente pubblico o per il conseguimento di erogazioni

Dettagli

1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica

1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica PARTE GENERALE 1. Il Decreto Legislativo n. 231/2001 1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica Il D.Lgs

Dettagli

3.1 Individuazione delle attività sensibili...17. 4.1 Codice di condotta...20 4.2 Principi di comportamento...20

3.1 Individuazione delle attività sensibili...17. 4.1 Codice di condotta...20 4.2 Principi di comportamento...20 Modello organizzativo di gestione e controllo di ETRA SPA per esimere la società dalla responsabilità amministrativa per i reati contemplati nel D.Lgs. 231/2001 e seguenti commessi nell interesse o a vantaggio

Dettagli

La Responsabilità Amministrativa delle Società: il D.Lgs. 231/2001.

La Responsabilità Amministrativa delle Società: il D.Lgs. 231/2001. La Responsabilità Amministrativa delle Società: il D.Lgs. 231/2001. Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 disciplina la responsabilità amministrativa delle Società, delle Associazioni e degli Enti

Dettagli

D.LGS. 231/01: responsabilità penale-amministrativa degli enti

D.LGS. 231/01: responsabilità penale-amministrativa degli enti D.LGS. 231/01: responsabilità penale-amministrativa degli enti Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231, recante la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE Presentazione MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D.Lgs. 231/01 Pag 1 di 6 PREMESSA Con l introduzione nell ordinamento giuridico italiano del D.Lgs. 8 giugno 2001, n.231 qualsiasi soggetto giuridico

Dettagli

INAZ SRL Società Unipersonale MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

INAZ SRL Società Unipersonale MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. INAZ SRL Società Unipersonale MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Gennaio 2014 1 INDICE PARTE GENERALE... 3 1 - DESCRIZIONE DEL QUADRO

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione ANDREA MENEGOTTO DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione Rev. 00 novembre 2012 Il decreto legislativo

Dettagli

FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Via Alessandro Volta n. 4-20090 Assago (MI) Tel 02/45.700.758. - Fax 02/89.77.06.74.

FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Via Alessandro Volta n. 4-20090 Assago (MI) Tel 02/45.700.758. - Fax 02/89.77.06.74. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.Lgs. n. 231/01 DELLA FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Approvato dal Consiglio d Amministrazione con deliberazione n. 16 del 06.10.2015 1 Cronologia delle

Dettagli

MODELLO DI ORgANIZZAZIONE gestione E CONTROLLO

MODELLO DI ORgANIZZAZIONE gestione E CONTROLLO MODELLO DI ORgANIZZAZIONE gestione E CONTROLLO (ai sensi del D. Lgs. 8 giugno 2001 N. 231) 1 INDICE IL DECRETO LEgISLATIVO N. 231/2001 E LA NORMATIVA RILEVANTE...7 IL REgIME DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA...7

Dettagli

Securmatica Security Management S.r.l. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Securmatica Security Management S.r.l. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Securmatica Security Management S.r.l. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Redatto ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Disciplina della responsabilità

Dettagli

OHSAS 18001: 2007 un nuovo Standard

OHSAS 18001: 2007 un nuovo Standard SALUTE & SICUREZZA nelle Strutture Sanitarie OHSAS 18001: 2007 un nuovo Standard Modena, 09-10-08 Franco Pugliese SG Formaz. SG Manutenz. SGSL SG L. 231/01 SGA SGQ Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 ha introdotto

Dettagli

SIRAP INSULATION S.r.l.

SIRAP INSULATION S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SIRAP INSULATION S.r.l. ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 «Disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

GALLERIA VERDE S.r.l.

GALLERIA VERDE S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO GALLERIA VERDE S.r.l. ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 «Disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali

L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali Avv. Dario Soria Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Roma Roma, 3 Marzo, 2011 White collar crimes

Dettagli

Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A.

Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A. Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A. PARTE GENERALE e ORGANISMO di VIGILANZA 3 Adeguamento ed aggiornamento del Modello adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21 gennaio

Dettagli

SIRAP INSULATION S.r.l.

SIRAP INSULATION S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SIRAP INSULATION S.r.l. ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 «Disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001

Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 a) REATI IN TEMA DI EROGAZIONI PUBBLICHE (Art. 24, D. Lgs. n. - Malversazione a danno dello Stato (art. 316-bis c.p.): qualora, dopo aver ottenuto dallo

Dettagli

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs.

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS.

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 PARTE GENERALE

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 PARTE GENERALE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 PARTE GENERALE RIBES S.P.A. - Ricerche e Informazioni per Banche e Società SOCIETÀ SOTTOPOSTA ALLA DIREZIONE E COORDINAMENTO

Dettagli

Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Articolo 300 D.Lgs. 81/08 Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 1. L articolo 25-septies del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, è sostituito dal seguente: «Art. 25-septies (Omicidio

Dettagli

Interventi regionali per l adozione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi degli artt. 6 e 7 del D.Lgs 231 dell 8/6/2001

Interventi regionali per l adozione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi degli artt. 6 e 7 del D.Lgs 231 dell 8/6/2001 PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Interventi regionali per l adozione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi degli artt. 6 e 7 del D.Lgs 231 dell 8/6/2001 RELAZIONE Corruzione, sicurezza

Dettagli

IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA

IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA I modelli di organizzazione e gestione ex art. 30 D. Lgs. 81/08 in connessione con il D. Lgs. 231/01 Pesaro, Hotel Flaminio, 12 febbraio 2010 Collegio Provinciale

Dettagli

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme in materia di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori Bastia Umbra, 21 maggio 2012 dr. Armando Mattioli Art. 15. (Misure

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo di Italferr S.p.A. ai sensi del D.Lgs. 231/2001

Modello di organizzazione, gestione e controllo di Italferr S.p.A. ai sensi del D.Lgs. 231/2001 Documento rappresentativo del Modello di organizzazione, gestione e controllo di Italferr S.p.A. ai sensi del D.Lgs. 231/2001 APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ITALFERR S.P.A. In data 15 maggio

Dettagli

Modello di Organizzazione e Controllo ex D.Lgs. 8 Giugno 2001 N. 231. Cementir Holding S.p.A.

Modello di Organizzazione e Controllo ex D.Lgs. 8 Giugno 2001 N. 231. Cementir Holding S.p.A. Modello di Organizzazione e Controllo ex D.Lgs. 8 Giugno 2001 N. 231 Cementir Holding S.p.A. Roma, 8 maggio 2008 INDICE PREMESSA...4 CORPORATE GOVERNANCE...4 STRUTTURA ORGANIZZATIVA...5 SEZIONE PRIMA...6

Dettagli

Organismo di Vigilanza COMMERCIO E FINANZA LEASING E FACTORING MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 231/2001

Organismo di Vigilanza COMMERCIO E FINANZA LEASING E FACTORING MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 231/2001 Organismo di Vigilanza COMMERCIO E FINANZA LEASING E FACTORING MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 231/2001 INDICE Presupposti di esclusione della responsabilità dell ente... 3 1. MODELLO

Dettagli

PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D. Lgs. n. 231 del 8 giugno 2001. ( Modello 231 )

PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D. Lgs. n. 231 del 8 giugno 2001. ( Modello 231 ) PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D. Lgs. n. 231 del 8 giugno 2001 ( Modello 231 ) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 23 settembre 2014 SINTESI Sede Legale Via Bronzino 9,

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Sede Legale in Milano, Via Bonfadini 148 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 120.000,00 Registro delle Imprese di Milano n. 03673440966 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi

Dettagli

GALLI srl FASCICOLO 1

GALLI srl FASCICOLO 1 FASCICOLO 1 Modello di Organizzazione, gestione e controllo Decreto Legislativo 8 giugno 2011 n. 231 e successive modificazioni e integrazioni di GALLI srl Parte Generale 1 Approvazione dell Amministratore

Dettagli

I Modelli Organizzativi ex Dlgs 231/01

I Modelli Organizzativi ex Dlgs 231/01 RISCOSSIONE SICILIA 30 OTTOBRE 2015 I Modelli Organizzativi ex Dlgs 231/01 Correlazioni con la legislazione e la normativa in materia di Sicurezza e Ambiente Ing. Ciro STRAZZERI Presidente Asso231 Presidente

Dettagli

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO Reati contro la Pubblica Amministrazione (art. 24 e 25): Malversazione a danno dello Stato o di altro Ente Pubblico (art. 316 bis, cod. pen.); Indebita percezione di erogazioni

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. SMA S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. SMA S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SMA S.p.A. Ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L.

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex art. 6, 3 comma, Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

ENTE AUTONOMO PER LE FIERE DI VERONA

ENTE AUTONOMO PER LE FIERE DI VERONA ENTE AUTONOMO PER LE FIERE DI VERONA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE A i s e n s i d e l D. L g s. 8 g i u g n o 2 0 0 1 n. 2 3 1 e s u c c e s s i v e m o d i f i c h e e i n t e g r a z i o n

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli Enti. Responsabilità amministrativa degli enti. esperienze operative

La responsabilità amministrativa degli Enti. Responsabilità amministrativa degli enti. esperienze operative La responsabilità amministrativa degli Enti L adozione dei modelli organizzativi, di gestione e di controllo per la prevenzione dei reati degli enti ai sensi del d.lgs. 231/01 previsto dal D.Lgs. 231/01

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 PARTE GENERALE

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 PARTE GENERALE Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 PARTE GENERALE 1. Premessa Il Decreto legislativo 8 giugno 2001, n 231 (d ora in avanti D. Lgs. 231/01 o il decreto)

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231 Legge di riferimento: Decreto Legislativo n. 231 / 01 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231 PARTE GENERALE Adottato da ISTITUTO LUCE CINECITTÀ S.R.L. 19/02/2013

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001. G T F S.p.A. Via Piave n.86-21018 SESTO CALENDE VA

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001. G T F S.p.A. Via Piave n.86-21018 SESTO CALENDE VA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 G T F S.p.A. Via Piave n.86-21018 SESTO CALENDE VA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n.

Dettagli

MANITAL SOCIETA CONSORTILE PER I SERVIZI INTEGRATI PER AZIONI CONSORZIO STABILE

MANITAL SOCIETA CONSORTILE PER I SERVIZI INTEGRATI PER AZIONI CONSORZIO STABILE MANITAL SOCIETA CONSORTILE PER I SERVIZI INTEGRATI PER AZIONI CONSORZIO STABILE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Revisione Approvazione

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 Giugno 2001, n. 231

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 Giugno 2001, n. 231 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 Giugno 2001, n. 231 Via Martiri della Libertà, 71 43052 Colorno Parma Italy Capitale Sociale I.V. Euro 2.500.000,00 - R.E.A.

Dettagli