Alimentazione elettrica Tensione di rete

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alimentazione elettrica Tensione di rete"

Transcript

1 Alimentazione elettrica Tensione di rete In conseguenza dei principi fisici con i quali funzionano le macchine per la produzione, il trasferimento e l impiego dell energia elettrica, nelle nostre case e in tanti ambienti di lavoro si utilizza una tensione pari a 230 Volt che varia con legge sinusoidale. Tale legge, detta seno, rappresenta la proiezione, sull'asse delle ordinate, di un vettore che ruota con velocità angolare costante, come si vede da questa animazione. In pratica, tra i contatti di una presa elettrica, abbiamo una tensione detta anche d.d.p. (differenza di potenziale), che varia gradualmente da -230V a +230V (valore efficace) per circa 50 volte al secondo, cioè la tensione di rete ha una frequenza di 50 Hz (cicli/secondo); per questo viene definita tensione alternata. Si differenzia dalla tensione continua, presente ad esempio sui contatti di una batteria di accumulatori, dove le polarità sono distinte in postivo e negativo ed è necessario rispettarle nei collegamenti. Qualità della fornitura di energia elettrica L energia elettrica costituisce la forma più importante e diffusa di impiego dell energia. La sua disponibilità, in termini di quantità e qualità della fornitura, è uno dei requisiti fondamentali per il funzionamento e la crescita di un Paese avanzato. E infatti siamo talmente assuefatti all utilizzo dell energia elettrica, a premere un interruttore per disporre di tutta l energia necessaria ad illuminare stanze e abitazioni, far funzionare ascensori, elettrodomestici e apparecchiature varie, accendere computer e televisori, che ci accorgiamo della sua importanza soprattutto quando manca. I casi di black out, anche se limitati nel tempo o nello spazio, sono sempre traumatici. Inoltre, con la crescente diffusione di apparati elettronici per la gestione ed il controllo di dati o di processi energetici nelle attività produttive e nel terziario, la qualità dell alimentazione elettrica ha assunto una crescente, fondamentale importanza. La qualità del servizio elettrico prende in considerazione: continuità dell alimentazione, intesa come assenza di interruzioni nella fornitura di energia elettrica. qualità della tensione, intesa come qualità della forma d onda (ampiezza, frequenza, variazioni eccetera.) [ ] I Produttori affermano che la qualità tecnica della fornitura è correlata alla maggiore o minore presenza di guasti temporanei in rete e/o alla presenza di carichi disturbanti. Le interruzioni dell alimentazione vengono suddivise convenzionalmente in transitorie, o micro interruzioni con durata inferiore ad 1 secondo, brevi se inferiori a tre minuti, e lunghe con durata superiore a tre minuti.

2 Le diminuzioni improvvise e transitorie della tensione ad un valore compreso tra il 90% e l 1% vengono definite buchi di tensione. [..] I buchi di tensione e le interruzioni sono fenomeni sempre presenti nelle reti elettriche e sono causati principalmente da : - guasti sulla linea di alimentazione dell'utente o sulle linee ad essa connesse, seguiti da manovre di richiusura automatica - guasti su reti interne di clienti - correnti d'inserzione di trasformatori e condensatori - carichi che variano rapidamente e correnti di spunto dei motori Anche se la maggior parte dei buchi di tensione e delle interruzioni ha origine sulla rete di distribuzione, una sensibile percentuale dipende dal sistema di trasmissione e dagli utenti. Ma in ogni caso, anche in presenza di impianti della società di distribuzione e dell'utente adeguatamente coordinati ed allineati ai migliori standard tecnologici, è comunque prevedibile la presenza di un numero fisiologico di interruzioni e buchi di tensione. [.] A volte le interruzioni sono programmate con lo scopo di ridurre i consumi di energia L autorità per l energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha fissato limiti che riguardano queste interruzioni che dovrebbero essere rispettati dagli operatori di rete. [.]

3 Effetti sulle utenze Le conseguenze dei buchi di tensione e delle interruzioni brevi sono molto variabili, a seconda della tipologia degli impianti elettrici e delle singole apparecchiature, nonché del processo produttivo ed in particolare del grado di automazione dello stesso. Ad esempio, i buchi di tensione e le interruzioni brevi possono comportare interventi intempestivi dei relè di minima tensione, dei dispositivi di comando (teleruttori o contattori), irregolarità nel funzionamento dei motori, malfunzionamenti di apparati elettronici digitali, spegnimento di lampade a scarica con ritardo di riaccensione eccetera. Ma sono i sistemi elettronici di controllo e di elaborazione dei dati che sono maggiormente sensibili alle interruzioni; in assenza di opportune precauzioni il funzionamento si arresta con necessità di rielaborazione o recupero delle informazioni perdute. È noto che i fulmini sono una delle principali cause di guasti originati sulle reti in media tensione (MT) con linee aeree. Tali guasti determinano interruzioni e buchi di tensione. In particolare per la rete MT si stima che il 25%-30% delle interruzioni siano correlate agli effetti dei fulmini. Di conseguenza numerosi sono anche i buchi di tensione originati da questo fenomeno. [ ] [...] Per quanto la società distributrice di energia possa ridurre la probabilità di guasto, non è ipotizzabile la completa eliminazione. Peraltro va anche sottolineato che molti apparati sensibili possono essere de-sensibilizzati con interventi semplici e poco onerosi da parte del cliente utilizzatore. É il caso degli azionamenti statici, il cui funzionamento può essere reso insensibile a buchi di tensione che durano anche diverse centinaia di millisecondi, implementando opportune logiche negli inverter che consentano la ripresa "al volo" del motore. Altro esempio è quello di contattori che comandano motori: un attenta analisi del funzionamento dello specifico motore con il suo carico può spesso consentire un ritardo nello sganciamento del contattore a fronte di buchi di tensione. Le apparecchiature di comando e controllo possono essere, senza eccessivi oneri, alimentate da gruppi di continuità (UPS) evitando la lunghe fermate per la reinizializzazione dei processi a valle di ogni interruzione, anche breve, della alimentazione elettrica. E infine, i clienti dotati di apparecchiature particolarmente sensibili ai disturbi della qualità della tensione, possono ricorrere (dopo adeguati studi di valutazione, trattandosi di apparecchi costosi) a dispositivi sofisticati basati su elettronica di potenza (detti custom power) che agiscono su una parte o sull intero impianto di potenza. In generale le apparecchiature che permettono di risolvere il problema delle interruzioni dell alimentazione elettrica di rete sono gruppi di continuità e gruppi elettrogeni: gruppo di continuità statico: per tutte le potenze e per autonomie fino a 1-2 ore (o maggiori ma con costi elevati della batteria); gruppo di continuità rotante: per grandi potenze e idoneo solo per le micro interruzioni; gruppo elettrogeno: per potenze medie e grandi e lunghe autonomie; non è idoneo per le microinterruzioni.

4 Altre anomalie dell alimentazione elettrica Variazioni di tensione E un fenomeno legato al normale funzionamento della rete elettrica: le linee di distribuzione non possono fornire una tensione costante perché sono soggette a continue variazioni di carico. I produttori di energia elettrica dichiarano variazioni fino al 10%; di conseguenza anche le macchine elettriche sono costruite per funzionare con un margine di tolleranza. Oltre ai buchi di tensione abbiamo altre tipologie di scostamento dai parametri nominali: con la comune espressione tensione bassa definiamo quel fenomeno che affligge diverse utenze in diverse zone; è causato ad esempio da una linea sottodimensionata, da sovraccarichi, ecc. Con il termine sovratensione si definisce il sensibile aumento del valore efficace della tensione di linea. Distinguiamo le s. non impulsive che si verificano ad esempio quando le industrie riducono il consumo di energia, dalle s. impulsive. Le apparecchiature che permettono di risolvere il problema delle variazioni lente di tensione sono: Stabilizzatori: statici o elettrodinamici Due tipologie di gruppi di continuità: gruppo di continuità statico gruppo di continuità rotante Sovratensioni impulsive - picchi I sistemi informatici costituiscono la spina dorsale della nostra moderna società industriale. Questi disturbi di brevissima durata, sono molto pericolosi perchè possono raggiungere valori di tensione di migliaia di Volt. Sono causati dalle manovre di commutazione effettuate sugli elettrodotti, da fenomeni atmosferici, attivazione di grossi sistemi di rifasamento, disattivazione di carichi con alta potenza reattiva, ma anche da normali fotocopiatrici e condizionatori d'aria, se collegati alla stessa linea che alimenta le utenze sensibili. Vista la natura transitoria è difficile anche la rilevazione: sono infatti necessari adeguati strumenti di misura. Le sovratensioni impulsive sono una delle principali cause di guasti e danneggiamenti.

5 Gli impianti elettrici di ultima generazione, prevedono protezioni dalle sovratensioni, dette limitatori di sovratensione. Affinché possano effettivamente portare beneficio, devono essere inserite in modo coordinato e con molta perizia. Per proteggere in particolare le utenze sensibili sono disponibili sul mercato alcuni dispositivi più o meno efficaci: da blande ciabatte di connessione che hanno filtri e soppressori interni, ai più efficaci condizionatori di rete. La Powel ha progettato specifiche unità di protezione che adottano le migliori soluzioni tecniche. Variazioni di frequenza Le variazioni della frequenza di rete sono abbastanza contenute; tuttavia anche questo fenomeno può provocare avaria alle utenze, in particolare a quelle che la utilizzano la f. come riferimento. I gruppi elettrogeni, usati anche come alimentazione di soccorso, se non correttamente dimensionati, possono provocare queste variazioni. Per risolvere questo problema si consiglia di utilizzare un gruppo di continuità statico. Disturbi ad alta frequenza Le linee elettriche oltre alla tensione di rete, che ha frequenza 50Hz, possono essere interessate da tensioni indotte che hanno frequenza molto più alta, detta anche radio-frequenza. La rete elettrica è di fatto una grande antenna ed è sottoposta ai segnali irradiati dalle emittenti radiotelevisive, dai moderni sistemi di telecomunicazione, ecc. ecc. Questi disturbi sono nocivi per gli apparati elettronici; sono responsabili per esempio del deterioramento dell immagine sugli schermi televisivi.

6 Rimedi: Condizionatori di rete - Unità di protezione da sovratensione. Armoniche Sono componenti sinusoidali della tensione e/o della corrente, di frequenza superiore a quella fondamentale (50 Hz) che distorcono la forma d'onda dell'alimentazione di rete. Sono provocate dagli apparati elettrici ed elettronici con assorbimento non lineare come: convertitori AC/CC, variatori di velocità, azionamenti, alimentatori switching, lampade fluorescenti, saldatrici, forni ad arco, ecc. Tale disturbo può provocare: sovraccarichi sulle linee, scoppio dei condensatori di rifasamento, diminuzione del rendimento dei trasformatori e dei motori elettrici, malfunzionamento dei sistemi di misura e protezione, ecc. Si contrastano con Filtri passivi o attivi, Gruppi di continuità statici. Variazioni di fase ( nei sistemi polifase ) Nei casi precedenti abbiamo preso in considerazione una sola grandezza, la forma d onda di tensione che varia in modo sinusoidale, che rende disponibili tra due punti, i due contatti della nostra presa di alimentazione elettrica, 230 Volts. Se noi raggruppiamo opportunamente più forme d onda, con la stessa ampiezza, la stessa frequenza, ma con FASE tra loro diversa, costituiamo un sistema polifase. Il trasporto dell energia elettrica, detto più propriamente trasferimento di potenza, avviene come abbiamo già detto con i limiti imposti dalle leggi fisiche; la tecnologia migliora continuamente le prestazioni delle macchine, ma il sistema rimane immutato. La potenza viene traferita dalla centrale

7 di produzione anche a grandi distanze per mezzo di elettrodotti; dapprima con tensione molto elevata (AT) in sistemi polifase, di seguito distribuita nei vari distretti a stazioni di trasformazione che la rendono disponibile alle aziende e alle aree residenziali sotto forma di media tensione (MT) e bassa tensione (BT) che è la più diffusa e tutti conosciamo con le definizioni di 400V trifase e 230V monofase. Le eventuali variazioni del rapporto esistente tra le fasi (angolo di 120 nel sistema trifase), possono compromettere il funzionamento sia dei dispositivi di trasformazione che delle macchine utilizzatrici, ad esempio i motori elettrici. In alcuni casi, serve una alimentazione ausiliaria, quindi meglio il Gruppo elettrogeno. Gran parte delle anomalie descritte si verifica in modo casuale, temporaneo, se non istantaneo; è quindi difficile caratterizzarle. Per realizzare apparecchiature idonee al loro contenimento o alla eliminazione è necessario uno studio approfondito. Sono necessari costosi apparati di simulazione che permettono di riprodurre i fenomeni in laboratorio.

Rete esterna dell ente distributore

Rete esterna dell ente distributore Rete esterna dell ente distributore Power Quality La crescente diffusione dell elettronica ha determinato la necessità della continuità di funzionamento di molti processi e della qualità della tensione

Dettagli

Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica

Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica Armoniche Variazione di frequenza Sovratensioni lente Sovratensioni impulsive Buco

Dettagli

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore Antonello Greco Rifasare vuol dire ridurre lo sfasamento fra la tensione e la corrente introdotto da un carico induttivo (figura 1); significa aumentare il valore del fattore di potenza (cosϕ) del carico

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

Photo. Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati dalle discontinuità del servizio. Ing. Antonio Ardito - CESI S.p.A.

Photo. Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati dalle discontinuità del servizio. Ing. Antonio Ardito - CESI S.p.A. Workshop PRESENTAZIONE DELL'INDAGINE SULLA QUALITÀ DELLA DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA 17 Dicembre 2004 - Auditorium Assolombarda Milano Photo Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati

Dettagli

(Uninterruptible Power Supply, UPS hanno bisogno di una continuità di alimentazione con un certo ritardo

(Uninterruptible Power Supply, UPS hanno bisogno di una continuità di alimentazione con un certo ritardo I gruppi di continuità (Uninterruptible Power Supply, UPS) vengono utilizzati per alimentare utenze che hanno bisogno di una continuità di alimentazione, cioè quelle utenze che devono essere alimentate

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte

Dettagli

Il ruolo dei gruppi di continuità per la sicurezza dei sistemi Giugno 2001 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm

Dettagli

Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1

Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1 Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1 Cosa significa rifasare Per molti tipi di utilizzatori (motori, lampade

Dettagli

SPD: che cosa sono e quando devono essere usati

SPD: che cosa sono e quando devono essere usati Antonello Greco Gli SPD, o limitatori di sovratensione, costituiscono la principale misura di protezione contro le sovratensioni. La loro installazione può essere necessaria per ridurre i rischi di perdita

Dettagli

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali.

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali. Sede legale: Viale Vittorio Veneto 60, 59100 Prato P.IVA /CF 02110810971 Sede operativa: Via del Mandorlo 30, 59100 Prato tel. (+39) 0574 550493 fax (+39) 0574 577854 Web: www.aria-srl.it Email: info@aria-srl.it

Dettagli

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO PREMESSA: Gli interruttori differenziali sono apparsi sul mercato negli anni 50; furono utilizzati per evitare i furti di energia, dovuti all utilizzo di correnti verso terra e solo in un secondo tempo

Dettagli

SOLUZIONI PER I PROBLEMI DI ALIMENTAZIONE

SOLUZIONI PER I PROBLEMI DI ALIMENTAZIONE .1 PROTEZIONE INTEGRATA Le soluzioni realizzabili sono numerose; pertanto la scelta dell utente deve tenere conto di vari parametri (costo, tipo di disturbo, caratteristiche delle apparecchiature da proteggere,

Dettagli

Scheda tecnica n. 36E - Installazione di gruppi di continuità statici ad alta efficienza (UPS)

Scheda tecnica n. 36E - Installazione di gruppi di continuità statici ad alta efficienza (UPS) Scheda tecnica n. 36E - Installazione di gruppi di continuità statici ad alta efficienza (UPS) 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita Utile 2 : Vita Tecnica

Dettagli

"FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI?

FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI? "FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI? CONVEGNO DEL 30/05/2012 Novità per dimensionamento impianto Principali novità per dimensionamento: regole tecniche di connessione Passaggio dalle Normative di riferimento

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Ing. ARMANDO FERRAIOLI Ing. BIAGIO AURIEMMA Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Rifasare un impianto elettrico significa risparmiare

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

Risparmia fino al 30% di consumi di elettricità. Facile e veloce installazione nel proprio circuito elettrico. Non necessitano di alcuna munutenzione.

Risparmia fino al 30% di consumi di elettricità. Facile e veloce installazione nel proprio circuito elettrico. Non necessitano di alcuna munutenzione. Pagina1 I dispositivi progettati e costruiti dalla società Sun Power Energy D&R Institute Co. Ltd. sono in grado di aumentare il rendimento della distribuzione di energia in un impianto elettrico. Risparmia

Dettagli

Premessa. L angolo ϕ può essere rappresentato graficamente come appare nelle figure seguenti.

Premessa. L angolo ϕ può essere rappresentato graficamente come appare nelle figure seguenti. Premessa Il fattore di potenza, che viene indicato come coseno dell angolo ϕ, viene determinato dalle caratteristiche del carico che si comporta come un assorbitore di energia reattiva, in quadratura con

Dettagli

Manuale d istruzioni degli inverter PSI 1000, PSI 1500, PSI 2000 a 12V o 24V

Manuale d istruzioni degli inverter PSI 1000, PSI 1500, PSI 2000 a 12V o 24V Manuale d istruzioni degli inverter PSI 1000, PSI 1500, PSI 2000 a 12V o 24V Importato da: Paoletti Ferrero S.r.l. Via Pratese 24 50145 Firenze Tel. 055/319367 319437 319528 fax 055/319551 E-mail: info@paolettiferrero.it

Dettagli

Dati del Richiedente Denominazione:.. Ragione Sociale:... Codice fiscale/partita IVA:...

Dati del Richiedente Denominazione:.. Ragione Sociale:... Codice fiscale/partita IVA:... Pag. 1/5 Richiesta di connessione alla rete di distribuzione dell energia elettrica in media tensione di impianti di produzione ai sensi della Delibera ARG/Elt n. 99/08 dell Autorità per l Energia Elettrica

Dettagli

CATALOGO TC 11. Settore ENERGIA ALTERNATIVA. Gruppo UX Unità d energia portatile

CATALOGO TC 11. Settore ENERGIA ALTERNATIVA. Gruppo UX Unità d energia portatile CATALOGO TC 11 Settore ENERGIA ALTERNATIVA Gruppo UX Unità d energia portatile - UNITA PORTATILE DI ENERGIA ACCESSORI OPZIONALI PER IL MULTI POWER 747 Lampada Fluorescente Ideale come lampada da tavolo

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini ALIMENTAZIONE ELETTRICA

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Alcune delle principali anomalie presenti sulla rete elettrica sono le sovratensioni che tipicamente si manifestano come sensibili aumenti del valore

Alcune delle principali anomalie presenti sulla rete elettrica sono le sovratensioni che tipicamente si manifestano come sensibili aumenti del valore Alcune delle principali anomalie presenti sulla rete elettrica sono le sovratensioni che tipicamente si manifestano come sensibili aumenti del valore efficace della tensione di linea. Esse rappresentano

Dettagli

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Il rifasamento degli impianti elettrici viene realizzato quando il fattore di potenza raggiunge un valore tale da introdurre svantaggi

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

1). Descrizione dell impianto attraverso uno schema e specifica della funzione dei componenti.

1). Descrizione dell impianto attraverso uno schema e specifica della funzione dei componenti. SOLUZIONE TEMA MINISTERIALE TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE 2012 1). Descrizione dell impianto attraverso uno schema e specifica della funzione dei componenti. L impianto elettrico a

Dettagli

SISTEMI DI ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA

SISTEMI DI ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA SSM D LMNZON D MGNZ Un sistema di alimentazione di emergenza è un sistema elettrico in grado di alimentare, per un periodo di tempo più o meno lungo, un certo numero di utenze in caso venga a mancare l

Dettagli

Regolatori di potenza reattiva per sistemi di rifasamento automatico in Bassa Tensione

Regolatori di potenza reattiva per sistemi di rifasamento automatico in Bassa Tensione Regolatori di potenza reattiva per sistemi di rifasamento automatico in Bassa Tensione Regolatori di potenza reattiva per sistemi di rifasamento automatico in Bassa Tensione Il regolatore di potenza reattiva

Dettagli

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA Impianti elettrici All. E ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA CABINE DI TRASFORMAZIONE Verifiche e controlli almeno semestrale con annotazione sull apposito registro specifico

Dettagli

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato.

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato. In questo numero riportiamo uno svolgimento possibile al quesito posto dal Ministero per l esame di stato di abilitazione all esercizio della libera professione di perito industriale della sessione 2008.

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Pubblicato il: 26/07/2004 Aggiornato al: 26/07/2004 di Gianluigi Saveri Protezione dalle sovracorrenti, sezionamento per esecuzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE. SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE. SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Basilio Focaccia via Monticelli (loc. Fuorni) - Salerno PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica Anno scolastico:

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE PRComunicazione.com RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE Opportunità di efficientamento energetico Normativa, casi pratici e incentivi. Perchè rifasare? Nei circuiti elettrici, la corrente risulta in fase

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi.

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. Negli ultimi anni, il concetto di risparmio energetico sta diventando di fondamentale

Dettagli

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Regola tecnica di connessione BT Norma CEI 0-21:

Dettagli

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione di Saveri Gianluigi 1. Generalità Un apparecchiatura elettrica in condizioni di normale funzionamento (condizioni specificate dai

Dettagli

25 26 giugno 2014. Dott Ing Anna Bruno. Dott. Ing. Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa

25 26 giugno 2014. Dott Ing Anna Bruno. Dott. Ing. Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa SISTEMI UPS DINAMICI E LORO INTEGRAZIONE NELLA CONTINUITÀ Dott Ing Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa CAMPI DI APPLICAZIONE dove serve continuità e qualità dell alimentazione elettrica Finanza

Dettagli

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato I sistemi elettrici: lezione introduttiva Prof.ssa Maria Dicorato La produzione di energia elettrica L insieme dei mezzi di produzione, denominato centrali elettriche, nei quali avviene la trasformazione

Dettagli

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO SETTORE DOCUMENTI PER LA DISCUSSIONE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA TECNOLOGICO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA ESITI DI APPRENDIMENTO (competenze, abilità, conoscenze) Regolamento,

Dettagli

Gruppi di continuità UPS

Gruppi di continuità UPS Pubblicato il: 24/01/2005 Aggiornato al: 24/01/2005 di Massimo Barezzi I gruppi di continuità UPS (Uninterruptible Power Supply) sono delle apparecchiature molto importanti, ma per il momento non ancora

Dettagli

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter Western Co. Leonardo Inverter 1 Leonardo Inverter 1500 Inverter ad onda sinusoidale pura Potenza continua 1500W Potenza di picco 2250W per 10sec. Tensione di Output: 230V 50Hz Distorsione Armonica

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE. Opportunità di efficientamento energetico Normativa, casi pratici e incentivi.

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE. Opportunità di efficientamento energetico Normativa, casi pratici e incentivi. RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE Opportunità di efficientamento energetico Normativa, casi pratici e incentivi. Perchè rifasare? Nei circuiti elettrici, la corrente risulta in fase con la tensione solamente

Dettagli

UNA GAMMA DI SOLUZIONI ALLE PERTURBAZIONI ELETTRICHE

UNA GAMMA DI SOLUZIONI ALLE PERTURBAZIONI ELETTRICHE UNA GAMMA DI SOLUZIONI ALLE PERTURBAZIONI ELETTRICHE La protezione dai difetti dell alimentazione elettrica È svolta da una vasta gamma di apparecchiature che migliorano la qualità dell alimentazione elettrica

Dettagli

MODULO RPR-MT. RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv

MODULO RPR-MT. RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv MODULO RPR-MT RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE SUPERIORE A 1 kv 30/12/2008 Rev. 01 Pag. 1 di 6 Spettabile Azienda Servizi Municipalizzati Via Stenico, 11 38079 TIONE

Dettagli

TERMOGRAFIA. FLIR Systems

TERMOGRAFIA. FLIR Systems TERMOGRAFIA Un controllo ad infrarossi dedicato all impianto elettrico consente di identificare le anomalie causate dall azione tra corrente e resistenza. La presenza di un punto caldo all interno di un

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI GENERALITA': il quadro elettrico, oggetto della presente specifica, è destinato al comando e controllo di gruppi elettrogeni automatici

Dettagli

I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE. Stefano PANI

I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE. Stefano PANI I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE c/o Schneider Electric S.p.A. Via Orbetello 140 10148 TORINO Stefano PANI Sommario 1. Consumo d elettricità 2. Il motore

Dettagli

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC.

Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Gestione dei segnali analogici nei sistemi di automazione industriale con PLC. Nelle automazioni e nell industria di processo si presenta spesso il problema di gestire segnali analogici come temperature,

Dettagli

Sistemi di distribuzione a MT e BT

Sistemi di distribuzione a MT e BT Sistemi di distribuzione a MT e BT La posizione ottima in cui porre la cabina di trasformazione coincide con il baricentro elettrico, che il punto in cui si pu supporre concentrata la potenza assorbita

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

Gruppi di continuità UPS Line Interactive. PC Star EA

Gruppi di continuità UPS Line Interactive. PC Star EA Gruppi di continuità UPS Line Interactive PC Star EA Modelli: 650VA ~ 1500VA MANUALE D USO Rev. 01-121009 Pagina 1 di 8 SOMMARIO Note sulla sicurezza... 1 Principi di funzionamento... 2 In modalità presenza

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

Rapporto / Analisi : Qualità fornitura in BT sistema TT 50 Hz 230/400 V potenza impegnata 50kW. Insediamento produttivo sito in

Rapporto / Analisi : Qualità fornitura in BT sistema TT 50 Hz 230/400 V potenza impegnata 50kW. Insediamento produttivo sito in Studio Tecnico A & S Misure fisico tecniche Per. Ind. Remo Zandonella Via Nazionale, 25 3242 Calalzo di Cadore (BL) Rapporto / Analisi : Qualità fornitura in BT sistema TT 5 Hz 23/4 V potenza impegnata

Dettagli

Connessione di un sistema di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile

Connessione di un sistema di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile Connessione di un sistema di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile L impianto di produzione di energia rinnovabile Ing. Ido Traini Per conto della ESCO DEL SOLE, Milano Cell: 333.3609891

Dettagli

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Nothing protects quite like Piller piller.com Sommario 1 Introduzione 3 2 Requisiti di base di una rete isolata stabile 3 3 Requisiti per

Dettagli

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Prof. Dott. Ing. Sergio Rosati SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Roma, aprile 2012. PREMESSA Una buona conoscenza delle modalità di allaccio di installazioni, civili

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze.

Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze. Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita

Dettagli

9. Introduzione al PQ

9. Introduzione al PQ Corso di Elementi di ingegneria elettrica di potenza Angelo Baggini angelo.baggini@unibg.it 9. Introduzione al PQ Corso di Elettrotecnica NO Introduzione> Power quality? Introduzione> Prodotto - Energia

Dettagli

Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT

Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT VENETO Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT Relatore: Ing. Raoul Bedin Interruttore automatico Le funzioni fondamentali sono quelle di sezionamento e protezione di una rete

Dettagli

Risparmio energetico ed economico conseguente al rifasamento delle utenze condominiali

Risparmio energetico ed economico conseguente al rifasamento delle utenze condominiali RISORSE 2000 SRL VIA EUROPA, 725 21042 CARONNO PERTUSELLA (VA) TEL 02/9657345 FAX 02/9650241 E-MAIL: risorse2000srl@libero.it CONVEGNO CONFAPPI - ASSO GREEN POWER FNA MILANO 8 NOVEMBRE 2003 PALAZZO DELLE

Dettagli

Calcolo del rifasamento

Calcolo del rifasamento Rifasamento Dato un sistema (mono/trifase) avente potenza attiva P, con un certo f.d.p. e alimentato con una tensione concatenata V, si può osservare che: fissata la potenza attiva P, la potenza apparente

Dettagli

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter Elettropompe con inverter: analisi tecnico economica Il risparmio energetico delle elettropompe è un elemento cruciale per il sistema produttivo, in quanto la presenza di motori elettrici nella produzione

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti 2/31 3/31 4/31 In questa fase vengono effettuate le

Dettagli

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Pubblicato il: 13/06/2005 Aggiornato al: 13/06/2005 di Massimo Barezzi Analisi, problemi e soluzioni per proteggersi dalle correnti provocate dalla

Dettagli

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica !! !!!#! %&! (#%) Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica Sbocchi lavorativi Progettista e installatore di impianti elettrici civili e industriali Progettista e installatore di impianti fotovoltaici

Dettagli

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze...

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze... SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. Le sovratensioni di rete RIMEDI CONTRO LE SOVRATENSIONI... INDICE DI SEZIONE...6 Avvertenze...6 Schema di collegamento...6

Dettagli

STABILIZZATORI DI TENSIONE QUALITY MADE IN ITALY

STABILIZZATORI DI TENSIONE QUALITY MADE IN ITALY STABILIZZATORI DI TENSIONE MONOmatic e TRImatic QUALITY MADE IN ITALY Tensione costante per il tuo Power Quality garantito Le apparecchiature elettriche sono progettate per funzionare alimentate con una

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli CENTRALE PIANETASOLE BEGHELLI Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO Indice Cos è la Centrale

Dettagli

Problematiche di Power Quality: casistiche

Problematiche di Power Quality: casistiche Problematiche di Power Quality: casistiche Armoniche Variazione di frequenza Sovratensioni lente Sovratensioni impulsive Buco di tensione Interruzione dell alimentazione www.icar.com- sales@icar.com Casi

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Progetto in inchiesta pubblica

Progetto in inchiesta pubblica N O R M A I T A L I A N A C E I 1 Data Scadenza Inchiesta C. 1058 15-09-2010 Data Pubblicazione 2010- Classificazione 0-. Titolo Regola tecnica di riferimento per l a connessione di utenti attivi e passivi

Dettagli

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica Pag.1 Alimentazioni di sicurezza Definizioni e classificazione Per alimentazione dei servizi di sicurezza, più brevemente alimentazione di sicurezza, si intende l'alimentazione che ha lo scopo di garantire

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Impianti Fotovoltaici

Impianti Fotovoltaici Impianti Fotovoltaici prof. ing. Alfonso Damiano alfio@diee.unica.it Per informazioni: Sardegna Ricerche Edificio 2 - Loc. Piscinamanna Pula (CA) Tel. 070 9243.2161 / Fax 070 9243.2203 lab.fotovoltaico@sardegnaricerche.it

Dettagli

Impianto fotovoltaico

Impianto fotovoltaico a cura di Antonello Greco Oggetto dellʼintervento Installazione di un impianto fotovoltaico da 6 kw su edificio. Norme, Leggi e Delibere applicabili Guida CEI 82-25: 2010-09: Guida alla realizzazione di

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

Considerazioni su scelta e progettazione di sistemi UPS di elevata potenza in Data Center Tier III e IV

Considerazioni su scelta e progettazione di sistemi UPS di elevata potenza in Data Center Tier III e IV Considerazioni su scelta e progettazione di sistemi UPS di elevata potenza in Data Center Tier III e IV Presentato da: Anna Bruno ATME Srl (partner Hitec Power Protection) Massimo Mattioli Verizon Business

Dettagli

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici Esame di Stato di Istituto Professionale Indirizzo: Tecnico delle industrie elettriche Tema di: Elettrotecnica, Elettronica e Applicazioni Luigi Manzo - Giuseppe Gallo In una piccola industria di floricoltura,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

UPS ed alimentazione

UPS ed alimentazione UPS ed alimentazione INFORMAZIONE Uno dei principali pregi di internet è anche uno dei suoi peggiori difetti: tutti possono pubblicare materiale informativo, dal ricercatore più esperto, al quindicenne

Dettagli

COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTER. Roma, 30 ottobre 2012

COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTER. Roma, 30 ottobre 2012 COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTER Roma, 30 ottobre 2012 UPS rotanti per le applicazioni IT Paolo Mazzola Piller Italia srl Presentazione azienda Dal 1909 Piller produce macchine elettriche con particolare

Dettagli

- Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti Art.4 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A.

- Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti Art.4 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A. CIRCOLARE n. 02/12 UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4 40131 Bologna Tel. 051 6347139 - Fax 051

Dettagli

Building Automation. Inquinamento e risparmio energetico

Building Automation. Inquinamento e risparmio energetico Building Automation Il concetto edificio intelligente o meglio conosciuto come Building Automation, identifica quelle costruzioni progettate e costruite in modo da consentire la gestione integrata e computerizzata

Dettagli

I vuoti di tensione: definizioni, origini e grandezze caratteristiche. G. Carpinelli

I vuoti di tensione: definizioni, origini e grandezze caratteristiche. G. Carpinelli Bari, 2003 I vuoti di tensione: definizioni, origini e grandezze caratteristiche G. Carpinelli Dipartimento di Ingegneria Elettrica Università degli Studi di Napoli Definizione di Power Quality introdotta

Dettagli

1 NO 1 NO 1 NO Corrente nominale/max corrente istantanea A

1 NO 1 NO 1 NO Corrente nominale/max corrente istantanea A Serie - Rilevatore di movimento e di presenza 10 A SERIE Caratteristiche.41.51.61 Rilevatore di movimento e di presenza Ampia area di copertura fino a 120m 2 Due aree di rilevamento (tipo.51): zona presenza

Dettagli

Gruppi Statici di Continuità DSP, FLESSIBILITÀ E POTENZA

Gruppi Statici di Continuità DSP, FLESSIBILITÀ E POTENZA Gruppi Statici di Continuità DSP, FLESSIBILITÀ E POTENZA Minipower UPX. Dedicati ad utenze professionali I gruppi di continuità a doppia conversione della serie Minipower UPX sono apparecchi professionali

Dettagli

Qualità del servizio di distribuzione di energia elettrica: le iniziative in corso nell ambito della ricerca di sistema

Qualità del servizio di distribuzione di energia elettrica: le iniziative in corso nell ambito della ricerca di sistema Workshop PRESENTAZIONE DELL'INDAGINE SULLA QUALITÀ DELLA DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA 17 Dicembre 2004 - Auditorium Assolombarda Milano Photo Qualità del servizio di distribuzione di energia elettrica:

Dettagli

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI GENERALITA': Il quadro elettrico oggetto della presente specifica è destinato al comando e al controllo di gruppo elettrogeni automatici

Dettagli

Monitor di isolamento ISL Monitoraggio continuo dei sistemi IT dal fotovoltaico all industriale.

Monitor di isolamento ISL Monitoraggio continuo dei sistemi IT dal fotovoltaico all industriale. Monitor di isolamento ISL Monitoraggio continuo dei sistemi IT dal fotovoltaico all industriale. Assicurare la continuità di servizio Per assicurare la continuità di funzionamento di un impianto elettrico,

Dettagli

ERS P3k PLUG & PLAY. Sistema di recupero energia per Ascensori

ERS P3k PLUG & PLAY. Sistema di recupero energia per Ascensori Sistema di recupero energia per Ascensori 2 3 Il primo sistema sul mercato del recupero energetico per ascensori. Inserire un sistema consente di: Migliorare la classe energetica Migliorare l efficientamento

Dettagli