CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE GIANNI RODARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. Pag. 1 di 18

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE GIANNI RODARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. Pag. 1 di 18"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE GIANNI RODARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Pag. 1 di 18

2 Sommario PRESENTAZIONE DELLA CARTA DEI SERVIZI LA CARTA DEI SERVIZI LE MODALITÀ DI ACCESSO ALL ASILO NIDO CRITERI E PROCEDURE DI AMMISSIONE LA GRADUATORIA... 5 TEMPI DI RISPOSTA... 6 ORGANIZZAZIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE ORGANIZZAZIONE GENERALE... 7 IL PROGETTO PEDAGOGICO GIORNATA TIPO DELL ASILO NIDO... 9 LE TARIFFE DELL ASILO NIDO COMUNALE REGOLE PER PERIODI PARTICOLARI LA QUALITÀ CHE CI IMPEGNIAMO A GARANTIRE LA QUALITÀ ABITATIVA LA QUALITÀ ALIMENTARE LA QUALITÀ PROFESSIONALE LA QUALITÀ RELAZIONE E SOCIALE ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE CUSTOMER SATISFACTION MODULO DI RECLAMO/SUGGERIMENTO CALENDARIO SCOLASTICO A.S. 2014/ Pag. 2 di 18

3 Presentazione della Carta dei Servizi. La Carta dei Servizi è un altro passo nella direzione di un rapporto sempre più diretto e trasparente con il cittadino: la carta infatti descrive sinteticamente i servizi offerti, indica le modalità per accedervi, le tariffe dei servizi e la quota a carico degli utenti, definisce gli standard di qualità che il Comune si impegna a garantire. I principi su cui si basa questa Carta dei servizi sono la trasparenza e la certezza del servizio. In coda alla Carta si trovano le informazioni necessarie per conoscere la composizione degli organismi di partecipazione. Vi è inoltre un modulo, che si può consegnare al responsabile della struttura per esprimere un proprio reclamo, in modo da permettere al Comune di ascoltare il cittadino per interagire e migliorare continuamente. L adozione della Carta rappresenta lo strumento primo con cui il Comune di Corbetta vuole instaurare un rapporto diretto con le persone, con chiarezza di compiti e responsabilità reciproche. Anche questa nuova iniziativa fa parte del progetto più ampio che ha visto in questi ultimi anni l acquisizione della certificazione ISO L Amministrazione Comunale Pag. 3 di 18

4 La Carta dei Servizi. Informa Impegna Indica È in sintesi È utile sui servizi offerti dall asilo nido comunale Gianni Rodari sulle modalità per accedervi Il Comune di Corbetta a garantire l erogazione dei servizi e delle prestazioni a determinati livelli di qualità. diritti e doveri del cittadino. un patto tra il Comune di Corbetta e gli utenti. La carta dei servizi è uno strumento per gli utenti ed i loro familiari e per coloro che desiderano conoscere le modalità di risposta ai bisogni. agli uffici, agli enti e alle istituzioni, alle organizzazioni del privato sociale e del volontariato, alle organizzazioni sindacali e a chiunque partecipi alla fase di programmazione, di gestione Pag. 4 di 18

5 Le modalità di accesso all Asilo Nido. Criteri e procedure di ammissione. Il Regolamento di funzionamento dell Asilo Nido (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 80 del ) disciplina le modalità di accesso all Asilo Nido Comunale. Le domande di richiesta di iscrizione al nido si possono presentare tutti i giorni. Le domande di ammissione al nido presentate entro il 31 marzo di ciascun anno, concorrono alla formazione della graduatoria per l ammissione al nido nel successivo anno scolastico. La modulistica può essere scaricata dal sito internet del Comune di Corbetta oppure può essere richiesta presso l Ufficio Servizi Sociali o direttamente presso l Asilo Nido Comunale (riferimenti nell ultima pagina della presente Carta). Le domande presentate dopo il 31 marzo potranno essere prese in considerazione per l anno scolastico immediatamente successivo solo una volta esaurita la graduatoria vigente ed in presenza di posti liberi. La graduatoria. La graduatoria è predisposta dal Responsabile del Servizio dell'asilo nido ed approvata dall'amministrazione Comunale previo presentazione della stessa da parte del Responsabile del Settore Servizi Sociali. La graduatoria è pubblicata all Albo pretorio e affissa nella bacheca del nido. I criteri adottati per la formazione della graduatoria sono i seguenti: a) Bambini residenti portatori di handicap certificato dall A.S.L. (Azienda Sanitaria Locale); b) Bambini residenti il cui nucleo familiare presenti una situazione socioambientale segnalata e/o documentata dai servizi sociali operanti sul territorio, tale da essere di pregiudizio per un sano sviluppo psicofisico del bambino stesso; c) Bambini conviventi con un solo genitore residente; d) Nuclei familiari residenti con presenza di portatori di handicap o che assistono continuativamente parenti fino al primo grado; e) Nuclei familiari residenti in cui entrambi i genitori lavorano; f) Nuclei familiari di dipendenti di ruolo del Comune di Corbetta, anche se non residenti; Pag. 5 di 18

6 g) Nuclei familiari residenti in cui un solo genitore lavora; h) Nuclei familiari non residenti in cui almeno uno dei genitori lavora nel territorio di Corbetta; i) Altri nuclei familiari non residenti. A parità di condizioni si considera l ordine cronologico di presentazione della domanda di iscrizione. Nella formazione della graduatoria non ha alcuna rilevanza la condizione economica delle famiglie (ISEE). Entro dieci giorni dalla pubblicazione della graduatoria è possibile presentare eventuali ricorsi. I ricorsi sono decisi dal responsabile del settore competente. Le domande non soddisfatte durante l'anno scolastico corrente, concorrono alla determinazione della graduatoria dell'anno scolastico successivo. In caso di rinuncia all'inserimento del proprio bambino al nido è necessario presentare formale richiesta sottoscritta. Tempi di risposta La comunicazione alla famiglia circa l ammissione del bambino all asilo nido viene effettuata entro il mese di giugno telefonicamente dalla responsabile del servizio che invita gli interessati ad un primo momento di incontro nell assemblea dei genitori dei nuovi iscritti. La data dell assemblea viene comunicata anche per iscritto e la notizia è diffusa sia sul sito internet che presso l Asilo Nido Comunale. Successivamente, la famiglia è invitata a partecipare ad un colloquio con l educatrice di riferimento del bambino. Per coloro che non vengono ammessi, viene trasmessa una comunicazione scritta entro il mese di giugno di ogni anno. Pag. 6 di 18

7 Organizzazione dell Asilo Nido Comunale. Organizzazione generale L Asilo nido è un servizio socio-educativo, che accoglie fino a 60 bambini (il numero massimo di iscritti può essere elevato ulteriormente del 20% come previsto dalla circolare regionale esplicativa) dai 3 mesi ai 3 anni di età, aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 7:30 alle ore 18:00. L Asilo nido garantisce il rispetto del rapporto numerico educatori / bambino previsto dai requisiti di accreditamento (rapporto 1 a 7) per 7 ore continuative dalle ore 09:00 alle ore 16:00. Gli utenti che intendono frequentare part-time possono scegliere una delle seguenti modalità: part-time mattutino dalle 07:30 sino alle ore 13:00/13:30 (mattino + pranzo) part-time mattutino dalle 07:30 sino alle 12:00 (mattino senza pranzo) part-time pomeridiano dalle 12:00 a chiusura (con pranzo) part-time pomeridiano dalle 13:00/13:30 a chiusura (senza pranzo) A richiesta è possibile usufruire del servizio di pre (dalle ore 7,15) e post nido (fino alle ore 18,15). L asilo nido garantisce il funzionamento 47 settimane all anno (l attività è garantita anche per parte del periodo natalizio e pasquale). Il calendario di ciascun anno scolastico viene allegato ogni alla Carta dei Servizi, indicando puntualmente le aperture e le chiusure per ponti e festività. L eventuale ritiro dovrà essere comunicato per iscritto. Di norma l asilo nido è articolato in tre sezioni: Piccoli 3-16 mesi Medi mesi Grandi mesi Il progetto pedagogico. L attività dell Asilo Nido Comunale si sviluppa secondo un progetto educativo e pedagogico che viene aggiornato annualmente. Il progetto educativo è uno strumento operativo con il quale le educatrici dell Asilo Nido Comunale seguono l andamento del servizio e la sua capacità di rispondere ai Pag. 7 di 18

8 reali bisogni dei bambini che frequentano quotidianamente il nido. Con il progetto educativo inoltre le educatrici iniziano il dialogo di conoscenza e presentazione con le famiglie che accedono al Nido. E suddiviso in aree di conoscenza, ognuna frutto di confronto e di anni di esperienza e di ascolto del contesto e dei suoi utenti: 1. l ambiente, inteso come contesto unitario in cui il bambino si trova ad agire quando si trova al Nido, la relazione con gli individui, con lo spazio fisico, con lo scandirsi dei tempi, con i materiali, gli strumenti di crescita, con il territorio in cui vive; 2. gli obiettivi, perché un equipe di lavoro che voglia essere educativa si prefigge degli obiettivi a breve o lungo termine attraverso cui preparare un ambiente relazionale e di crescita costruttivo e adatto ai bambini di quel momento; 3. una giornata al nido, che oltre ad essere un esempio di ciò che il Nido offre, è soprattutto punto di partenza per monitorare l andamento del servizio e la risposta dei suoi piccoli utenti all offerta educativa; 4. infine, insieme al nido, un esempio delle strutture e delle attività- gioco che il Nido offre in modo flessibile e in base alla domanda, esplicita o implicita, dei bambini. Ognuno di questi punti presenta dei sottopunti che analizzano più da vicino il significato della vita all interno di un Asilo Nido e insieme esprimono la visione che le educatrici e la coordinatrice hanno del bambino 0-3 e dei suoi bisogni all interno di una struttura comunitaria dal forte valore pedagogico quale è un Asilo Nido. All interno di questo progetto educativo si trovano dunque i frutti di riflessioni collegiali, discussioni, osservazioni e ascolto del contesto e di ogni bambino, di elaborazioni di strategie e di valutazioni di gruppo. Si tratta quindi di un documento, autentico, che per la sua natura di strumento di comunicazione, lavoro, ricerca e verifica, non si presenta rigido, non è sempre uguale nel tempo, ma flessibile, in continua evoluzione e cambiamento, seguendo il cambiamento dei bambini. Il progetto educativo viene consegnato alle famiglie nella prima riunione utile svolta nel mese di settembre. Pag. 8 di 18

9 Giornata tipo dell Asilo Nido La giornata tipo nell asilo nido si sviluppa di norma secondo questa scansione temporale le porte del nido si aprono! Durante questo lasso di tempo i bambini arrivano al nido accompagnati dai loro familiari. L accoglienza per i bambini piccoli avviene direttamente in sala dove trova le proprie educatrici. Per i bimbi medi e grandi il ritrovo dalle 7.30 alle 8.30 è in un unica sala, alle 8.30 con l arrivo della seconda educatrice per ogni sala i bimbi si spostano nelle rispettive sale è l ora della frutta cambio e attività libere e guidate pranzo cambio per prepararsi al sonno nanna cambio e merenda inizio uscita dei bimbi le porte del nido si chiudono! Le tariffe dell Asilo Nido Comunale. Le tariffe possono essere aggiornate annualmente dalla Giunta Comunale. E possibile richiedere il calcolo della retta in base all I.S.E.E. (Indicatore Situazione Economica Equivalente) in relazione alle rispettive fasce. Le ultime tariffe valide (a.s. 2013/2014) sono le seguenti: n. Da a Importo Euro 0,00 Euro 5.000,00 Euro 150,00 Euro 5.001,00 Euro ,00 2,9% del valore ISEE Euro ,00 Euro ,00 Euro 400,00 Euro ,00 Euro ,00 Euro 425,00 Euro ,00 Euro ,00 Euro 430,00 > Euro ,00 Euro 450,00 In assenza di ISEE Euro 500,00 Pag. 9 di 18

10 Nel caso di frequenza part-time la tariffa derivante dall applicazione della tabella che precede è ricalcolata nel seguente modo: frequenza part-time mattutino sino alle ore 13:00/13:30 (mattino + pranzo): 50% frequenza part-time mattutino sino alle 12:00 (mattino senza pranzo): 40% frequenza part-time pomeridiano dalle 12:00 a chiusura (con pranzo): 50% frequenza part-time pomeridiano dalle 13:00/13:30 a chiusura (senza pranzo): 40%. Sono previste inoltre le seguenti riduzioni: assenza per malattia : Euro 3,50 al giorno riduzione retta mensile per assenza superiore a 1 mese 50% frequenza di un secondo figlio o ulteriore: riduzione retta mensile 50% Ai sensi dell art. 7 del Regolamento dell Asilo Nido il deposito cauzionale è determinato in Euro 80,00.=, il cui versamento dovrà essere effettuato entro dieci giorni dalla conferma dell ammissione. La cauzione sarà stornata all atto dell emissione della prima retta di frequenza. Regole per periodi particolari Il calendario scolastico prevede alcuni periodo (natalizio, pasquale, estivo) nei quali le famiglie devono comunicare i periodi o i giorni di presenza del bambino. In questi periodi, i servizi vengono pagati in funzione dei giorni di fruizione dei servizio comunicati dalla famiglia, attraverso l applicazione della formula riportata qui sotto. Per il periodo estivo la tariffa applicata normalmente durante l'anno scolastico se viene comunicata la presenza per l''intero periodo di luglio. Per periodi più brevi e per gli eventuali di agosto la tariffa verrà proporzionata ai giorni di frequenza del bambino comunicati con apposito modulo. Qualora la famiglia intenda modificare il periodo di frequenza, dovrà comunicarlo tempestivamente e per iscritto in forma libera. Diversamente, sarà tariffato l'intero periodo comunicato. La formula applicata sarà la seguente: TARIFFA MENSILE / 20 * N dove TARIFFA MENSILE = tariffa applicata durante l'anno scolastico 20 = divisione convenzionale mensile N = giorni di presenza comunicati con il presente modulo In ogni caso, trovano applicazione le riduzioni già previste per assenze per malattia applicate durante l'anno scolastico. Pag. 10 di 18

11 La qualità che ci impegniamo a garantire. L Asilo Nido Comunale Gianni Rodari è regolarmente certificato secondo la norma ISO L Asilo Nido Comunale Gianni Rodari è altresì accreditato dall Ufficio di Piano dell Ambito di Magenta nel rispetto dei requisiti di accreditamento vigenti per i servizi per la prima infanzia. Nelle pagine seguenti vengono presentate le principali aree di qualità e vengono descritti gli standard rilevanti che il Comune di Corbetta si impegna a garantire. L Asilo Nido offre i seguenti spazi: La qualità abitativa. Spazi di accettazione dove sono collocati gli armadietti per i bambini. E presente un fasciatoio. L ingresso a questi spazi è sorvegliato nelle ore di entrata ed uscita dei bambini. Ufficio amministrativo: all ingresso è posto un ufficio amministrativo per il disbrigo delle principali pratiche. Spazi dedicati ad ogni sezione: ogni sezione ha spazi propri dedicati al gioco ed alle attività giornaliere. Ogni sezione ha dei propri bagni di riferimento dotati di fasciatoio e mobili per gli indumenti personali dei bambini. Pag. 11 di 18

12 Dormitori: le sezioni Medi e Grandi sono dotate di un grande dormitorio comune. La sezione piccoli è dotata di un proprio dormitorio ad uso esclusivo. Giardino: l Asilo Nido è contornato da un ampio giardino. Ogni sezione può disporre di una propria area gioco delimitata, posta nelle vicinanze della sezione stessa. In giardino trovate: una pista in materiale anti trauma, coperta da glicine, per il gioco estivo dei bambini; una sabbiera grande e piccole sabbiere mobili per ogni sezione; giochi, casette, scivoli, altalene. Cucina: l Asilo Nido è dotato di una cucina interna dedicata alla produzione dei pasti. Le derrate sono fornite mediante contratto di appalto. La pulizia dei locali è assicurata con personale dedicato e viene svolta al termine di ogni attività. La qualità alimentare. Il servizio di mensa è assicurato mediante cucina interna. La cuoca è responsabile della preparazione, cottura e conservazione dei prodotti e dell igiene e della pulizia dei locali. Il menù è differenziato in base all età dei bimbi. Su prescrizione del dietista e/o dal pediatra, per specifiche patologie, sono possibili diete personalizzate. La qualità del cibo, la provenienza e la somministrazione è garantita dal sistema HACCP, ovvero dall autocontrollo delle derrate alimentari secondo parametri stabiliti Pag. 12 di 18

13 a livello europeo. I prodotti vengono trasportati, conservati e somministrati in base a precise regole che ne tutelano l integrità. Tutto il personale del nido è regolarmente formato secondo gli standard HACCP. Il menù, differenziato nei periodi estivo ed invernale, è elaborato tenendo conto dei principi e delle linee guida in uso presso l ASL della Provincia di Milano n. 1. Il menù si articola in 4 settimane tipo, prevedendo un adeguata alternanza dei cibi e la presenza di prodotti di stagione. La qualità professionale. La dotazione dell organico del nido è determinata in base ai rapporti numerici tra bambini ed educatori previsti dalla normativa vigente ed è definita in riferimento all attuazione del progetto educativo, alle fasce orarie di frequenza dei bambini ed all articolazione dei turni di lavoro del personale. In presenza di bambini portatori di handicap il rapporto numerico educatore bambino, è modificato in relazione al numero e alla gravità dei casi così come previsto dalla vigente normativa contrattuale. L organico del nido è composto dalle seguenti figure professionali: educatori (n. 18 operatori) ausiliari addetti ai servizi (n. 5 operatori) cuoco (n. 1 operatore) Sono altresì previste figure di coordinamento organizzativo e pedagogico. Per ciascuna figura professionale è prevista l organizzazione di corsi di formazione almeno in misura pari alla vigente disciplina in materia di accreditamento dei servizi prima infanzia. L Asilo nido adotta per questo scopo un piano di formativo che assicura il rispetto degli standard vigenti. COORDINAMENTO Il Coordinamento dell Asilo Nido, sentito il Collettivo degli educatori, è affidato dal Responsabile del Settore ad una educatrice scelta tra il personale educativo in servizio. La Coordinatrice deve: a) Collaborare alle riunioni collettive delle educatrici alla programmazione delle modalità di attuazione del progetto educativo, verificandone collegialmente i risultati; b) mantenere i contatti con il Responsabile del Servizio e con l Amministrazione Comunale; c) formulare proposte per il miglioramento del servizio; Pag. 13 di 18

14 d) indicare la necessità di sostituzione del personale assente; e) riunire il Collettivo delle educatrici di cui è referente; EDUCATORI I diritti doveri degli educatori sono definiti dalle finalità del progetto educativo, dalla gestione sociale e dalla normativa contrattuale. In particolare gli educatori hanno il compito di : realizzare tutte le attività con i bambini necessarie all attuazione del progetto educativo, curando a tal fine anche l organizzazione dei tempi della giornata e degli spazi del nido; curare l alimentazione, l igiene personale e il riposo di ogni bambino nel rispetto dei suoi ritmi; vigilare sulla sicurezza dei bambini; realizzare colloqui individuali con i genitori dei bambini e incontri di gruppo per discutere temi specifici relativi allo sviluppo e all educazione dei bambini; partecipare alle riunioni dell assemblea dei genitori; far parte del Collettivo educativo, adempiendo agli obblighi che ne derivano e partecipando alle sue riunioni; partecipare alle iniziative di aggiornamento professionale e di formazione permanente. La libertà di scelta del metodo educativo è un diritto individuale degli educatori che viene esercitato all interno del Collettivo educativo al fine dell elaborazione collegiale delle linee di attuazione del progetto medesimo AUSILIARI ADDETTI AI SERVIZI EDUCATIVI Gli ausiliari addetti ai servizi educativi esplicano le funzioni demandate dalla normativa contrattuale alla loro figura professionale e relative al mantenimento di condizioni ambientali rispondenti alle finalità del servizio. Cooperano inoltre con gli educatori in iniziative complementari sussidiarie alle attività educative. La qualità relazione e sociale. Tutti i genitori, previo accordo con gli operatori, possono accedere all Asilo Nido; durante l inserimento è prevista la presenza del genitore o di una figura parentale di riferimento. Per l inserimento dei bambini nell asilo nido vengono effettuati colloqui individuali con le famiglie, mentre all inizio delle attività è indetta una riunione plenaria. Almeno due volte all anno vengono organizzati incontri di sezione. Pag. 14 di 18

15 Sono previsti almeno due colloqui individuali con i genitori. E sempre possibile richiedere ulteriori colloqui individuali in caso di necessità. E sempre possibile richiedere una consulenza alla psicologa presente nel nido una volta al mese. È presente un organo di partecipazione, il Comitato di Gestione, che organizza almeno due incontri all anno. Nel nido è presente una biblioteca con testi a disposizione dei genitori che possono aiutare nell esercizio della funzione educativa. Esiste un diario di bordo con descritte le attività quotidiane per ogni sezione, utilizzato dalle educatrici per svolgere al meglio il loro ruolo. Nel presente nido è sempre presente materiale informativo sul servizio svolto. Ogni anno, al fine di far conoscere il servizio ed integrarlo con le altre realtà del territorio, viene organizzato almeno un Open Day. Come occasione di incontro tra le famiglie e di festa per i bambini viene festeggiata la fine dell anno educativo. Per i bambini che terminano il percorso di frequenza del nido, le educatrici effettuano un incontro di raccordo con la scuola dell infanzia. Vengono infine mantenuti costanti rapporti con i servizi del territorio quali: servizi sociali; neuropsichiatria infantile, scuola dell infanzia e con ogni altra agenzia del territorio che opera nel campo della prima infanzia. L Asilo nido e i suoi operatori sono disponibili a partecipare a momenti di confronto promossi dall Ufficio di Piano del magentino. L Asilo nido rispetta le regole fissata da Regione Lombardia e dagli altri enti preposti per l invio di informazioni e dati connessi al debito informativo previsto dalla normativa vigente. Organismi di partecipazione. Il Regolamento di funzionamento dell Asilo Nido prevede due organismi di partecipazione: l assemblea dei genitori e il Comitato di Gestione. L assemblea dei genitori è composta da tutti i genitori dei bambini iscritti all asilo nido e viene convocata dal responsabile del servizio o dal Presidente del Comitato di Gestione. Compito dell assemblea è designare tre rappresentanti in seno al Comitato di Gestione Il Comitato di Gestione è composto da otto membri così designati: a) due dal consiglio Comunale, uno dei quali in rappresentanza delle minoranze; Pag. 15 di 18

16 b) tre dall assemblea dei genitori; c) tre dal personale addetto all asilo nido, uno dei quali dovrà essere la Coordinatrice dell Asilo Nido. Il Comitato di Gestione propone all amministrazione comunale la realizzazione di opere e l adozione di provvedimenti di carattere straordinario e promuove la partecipazione delle famiglie alla gestione del nido. Il Comitato di Gestione dura in carica due anni e l incarico è a titolo gratuito. Sono previste due assemblee con tutti i genitori (giugno e ottobre). Customer satisfaction In ogni anno scolastico viene avviata un indagine di customer satisfaction per poter rilevare il grado di soddisfazione dei genitori e valutare le opportune azioni di miglioramento. Il questionario di norma viene somministrato nel mese di maggio. I dati vengono resi pubblici indicativamente nel mese di giugno attraverso il sito internet del Comune di Corbetta (www.comune.corbetta.mi.it) ed esposti nella bacheca del nido. Pag. 16 di 18

17 Modulo di reclamo/suggerimento Asilo Nido Comunale G. Rodari Corbetta Segnalazione da parte di UTENTE (suggerimenti e/o reclami) Questo modulo può essere lasciato nell apposita Cassetta collocata presso il Nido, o fatto pervenire all URP o al Responsabile del Servizio Sig.ra M. Morretta (c/o Comune di Corbetta Via Roma, 17) Fax Prot. N.: sala: [ ] PICCOLI [ ] MEDI [ ] GRANDI [ ] TUTTE RECLAMO SUGGERIMENTO Nominativo del genitore: Ambito: DESCRIZIONE Data Firma:.. Responsabile delle Azioni: Azioni poste in essere: Modalità di comunicazione all Utente: Eventuale Azione Correttiva (AC): Verifica dell Efficacia dell AC: Pag. 17 di 18

18 Calendario scolastico a.s. 2014/2015 Apertura nido: 1 settembre 2014 Periodo nido estivo : dal 29 giugno 2015 al 31 luglio 2015 Chiusura nido: dal 1 agosto 2015 (ultimo giorno 31 luglio 2015) CHIUSURE PREVISTE Festa Ognissanti: 1 novembre 2014 Chiusura di Natale : dal 25 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015 Chiusura vacanze Pasqua: dal 2 aprile al 6 aprile 2015 Festa Liberazione: 25 Aprile 2015 Festa dei Lavoratori : 1 maggio 2015 Festa della Repubblica: 2 giugno 2015 (1 giugno 2015 chiuso in ponte ) CITTA DI CORBETTA Servizio Asilo Nido Via Roma, CORBETTA (MI) Tel Fax posta elettronica certificata: Cod. fiscale e P.iva Asilo Nido Comunale Via Caldara, CORBETTA (MI) Tel Pag. 18 di 18

COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano 20011 Via C. Cattaneo, 25 SETTORE SERVIZI SOCIALI C.F. / P.I. 03122360153 Tel.

COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano 20011 Via C. Cattaneo, 25 SETTORE SERVIZI SOCIALI C.F. / P.I. 03122360153 Tel. COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano 20011 Via C. Cattaneo, 25 SETTORE SERVIZI SOCIALI C.F. / P.I. 03122360153 Tel. 0297204201-210 REGOLAMENTI ASILO NIDO GIANNI RODARI ART.1 - FINALITÀ DELL ASILO NIDO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO MAGNOLIA

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO MAGNOLIA Comune di Mariano Comense CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO MAGNOLIA Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 132 del 14/11/2012 Settore Istruzione ed Asilo Nido Tel 031.757298 296 e-mail istruzione@comune.mariano-comense.co.it

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

Regolamento del Servizio di Asilo Nido

Regolamento del Servizio di Asilo Nido COMUNE DI TAGLIO DI PO Provincia di Rovigo Regolamento del Servizio di Asilo Nido (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.61 del 9/08/2005) (Modificato con deliberazione di Consiglio comunale

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO 1. Premessa Il nido Nel parco nasce come servizio interaziendale in partnership tra Asl e il Consorzio di Cooperative Sociali Sol.Co Mantova

Dettagli

COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI. ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti

COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI. ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti COMUNE DI OFFANENGO Servizi Educativi CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO COMUNALE Mons. Don Bellino Capetti CHE COS E LA CARTA SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento attraverso il quale si forniscono alle

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze Settore I Servizi Amministrativi Ufficio Istruzione

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze Settore I Servizi Amministrativi Ufficio Istruzione BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 36 POSTI NEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA (12 36 mesi) ANNO 2014/2015 IL RESPONSABILE DEL SETTORE I^ PREMESSO che: - con Legge Regionale 22 novembre 2013, n. 67

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Comune di Saletto Provincia di Padova --==ooooo== ==ooooo==-- REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 29 del 03/08/2009 TITOLO I ISTITUZIONE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

Indicatori e Standard di qualità per la Carta dei Servizi Prima Infanzia di Ambito

Indicatori e Standard di qualità per la Carta dei Servizi Prima Infanzia di Ambito CENTRO STUDI ALSPES RICERCA SOCIALE VALUTAZIONE E SVILUPPO DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI Via Tagliamento, 2 20097 San Donato Milanese (MI) tel. 02.52.79.190 www.alspes.it Indicatori e Standard di qualità per

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano 1 art. 1 - finalità La Ludoteca infantile è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

Città di Stradella Provincia di Pavia Assessorato al Welfare

Città di Stradella Provincia di Pavia Assessorato al Welfare Città di Stradella Provincia di Pavia Assessorato al Welfare SERVIZIO: Attività Socio-Assistenziale Culturale Educativa Sportiva - Carta dei Servizi: ASILO NIDO Pag. 1 INDICE della Carta dei Servizi Che

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

Comune di Erba. Nido Magolibero. Gestito da. Cooperativa Sociale Lavoro e Solidarietà CARTA DEL SERVIZIO

Comune di Erba. Nido Magolibero. Gestito da. Cooperativa Sociale Lavoro e Solidarietà CARTA DEL SERVIZIO Comune di Erba Nido Magolibero Gestito da Cooperativa Sociale Lavoro e Solidarietà CARTA DEL SERVIZIO Per noi il nido è... Il nido è un servizio socio-educativo per la prima infanzia, aperto a tutti i

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano)

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) Sommario LA CARTA DEI SERVIZI...3 Sezione I...4 Introduzione al servizio...4 CHI SIAMO...5 DOVE SIAMO...5 CALENDARIO DI FUNZIONAMENTO...5 I NOSTRI

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO COMUNALE ART. 1 ISTITUZIONE Il Comune di Lauria istituisce un servizio di Asilo Nido per i bambini di età compresa tra i tre mesi ed i tre anni. Il numero minimo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60 Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Brembate sopra, settembre 2010 La Carta dei Servizi è il requisito

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

MICRO NIDO IL PULCINO Sesto Calende CARTA DEI SERVIZI

MICRO NIDO IL PULCINO Sesto Calende CARTA DEI SERVIZI MICRO NIDO IL PULCINO Sesto Calende CARTA DEI SERVIZI INDICE: 1. LA CARTA DEI SERVIZI 2. IL SERVIZIO DELL ASILO NIDO 3. COME RAGGIUNGERE LA STRUTTURA 4. COME SI ACCEDE AL SERVIZIO 5. COME FUNZIONA 5a.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA MENSA SCOLASTICA ED ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO PER L USO DELLA MENSA SCOLASTICA ED ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE MENSA C I T T A D I (Provincia di Venezia) C A O R L E REGOLAMENTO PER L USO DELLA MENSA SCOLASTICA ED ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE MENSA Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO TAM TAM Cooperativa Sociale IVia G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263 e-mail tamtamcoop@

Dettagli

Comune di Cesenatico NIDO D INFANZIA

Comune di Cesenatico NIDO D INFANZIA Comune di Cesenatico PROVINCIA DI FORLI - CESENA - Settore Servizi alla Persona, Turismo e Sport Ufficio Servizi per l Infanzia e la Scuola NIDO D INFANZIA SERVIZIO INVERNALE CARTA DEI SERVIZI ANNO SCOLASTICO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di refezione scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze. Il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C. n 88 del 20/12/2010 1 2 ART. 1 - OGGETTO 1. La mensa scolastica

Dettagli

CAPO I NORME GENERALI

CAPO I NORME GENERALI COMUNE DI MERCATO SARACENO Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione C.C. n. 30 del 21.04.2009 Modificato con deliberazione C.C. n. 43

Dettagli

CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia. Servizio Istruzione. Regolamento mensa scolastica 1

CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia. Servizio Istruzione. Regolamento mensa scolastica 1 CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia Servizio Istruzione Regolamento mensa scolastica 1 ART. 1 GESTIONE La mensa scolastica è gestita dal Comune di Travagliato in collaborazione con la Direzione Didattica.

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 22/12/2010 MODIFICATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNALE GESTIONE GESTIONE RERASILO ASILO - NIDO - NIDO TEL. ASILO NIDO: O434/81310 COORDINATRICE: CENTIS FRANCA (REGOLAMENTO APPROVATO

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di consiglio comunale n 33 del 08.08.2007 INDICE Art. 1 Oggetto del servizio Art.

Dettagli

BANDO PER L ISCRIZIONE ASILO NIDO COMUNALE Anno Educativo 2015/2016

BANDO PER L ISCRIZIONE ASILO NIDO COMUNALE Anno Educativo 2015/2016 COMUNE DI LORETO Provincia di Ancona Settore VI - Servizi Sociali BANDO PER L ISCRIZIONE ASILO NIDO COMUNALE Anno Educativo 2015/2016 Il Responsabile 6 Settore Funzionale rende noto che sono aperte le

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO

Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA COMUNALE IL MELOGRANO ARTICOLO 1 FINALITÀ DEL NIDO

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Deliberazione di Consiglio Comunale 31 25.09.2002 Approvazione Deliberazione di Consiglio Comunale 14 29.06.2005 Modifica Deliberazione di Consiglio

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 19.06.2008 INDICE Art. 1 - Finalità generali

Dettagli

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 - 1 - INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo

Dettagli

ALLEGATO 3 SPECIFICHE TECNICHE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER L INFANZIA FASCIA 0/6 ANNI DI ETA

ALLEGATO 3 SPECIFICHE TECNICHE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER L INFANZIA FASCIA 0/6 ANNI DI ETA ALLEGATO 3 SPECIFICHE TECNICHE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER L INFANZIA FASCIA 0/6 ANNI DI ETA PERIODO 27 AGOSTO 2015-31 LUGLIO 2018 CON OPZIONE DI RINNOVO PER ALTRI 3 ANNI

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008 COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Settore Sociale Servizi Sociali e Servizio Pubblica Istruzione Piazza S.Fedele n.1 24033 Calusco d Adda (Bg) Tel. 0354389051 Fax 0354389076 e-mail mina.mendola@comune.caluscodadda.bg.it

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari Settore - Servizio Istruzione e Cultura

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari Settore - Servizio Istruzione e Cultura COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari Settore - Servizio Istruzione e Cultura Approvato con deliberazione della G.C. n. 68 del 13.05.2015 MODALITA DI ACCESSO AL SERVIZIO MENSA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 30/11/2001 1 modifica approvata con

Dettagli

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI SERVIZI SCOLASTICI L ufficio Pubblica Istruzione si trova in Piazza XXVI Aprile, n. 16. L ufficio è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 Telefono 030 7479225 - E-mail:

Dettagli

COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione di C.C. n 30 del 30.05.2007 Articolo 1 - OBIETTIVI E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Articolo 2 - CAPIENZA

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO Errore. Il segnalibro non è definito. VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 8 del 21.04.2010 - Entrato in vigore il

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI BRENTONICO P R O V I N C I A D I T R E N T O REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE **** Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 dd. 31/03/2009 Modificato con deliberazione

Dettagli

(te s to coo rdin ato )

(te s to coo rdin ato ) COMUNE DI GAGGIO MONTANO Provin cia di Bologn a REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO (te s to coo rdin ato ) Approvato con D.C.C. n. 28 del 15/06/07. Modificato con D.C.C. n. 10 del 28/02/08.

Dettagli

La voce dei bambini. Asilo nido bilingue ad indirizzo montessoriano accreditato con il Comune di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO

La voce dei bambini. Asilo nido bilingue ad indirizzo montessoriano accreditato con il Comune di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO > pag. 1 di 6 Allegato 3 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO In vigore dall anno educativo 2014/2015 e tuttora valido Art. 1 L asilo Nido La voce dei bambini è un servizio socio-educativo di interesse pubblico, che

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Requisiti per la presentazione delle domande

Requisiti per la presentazione delle domande CITTA DI LEGNAGO Provincia di Verona BANDO PER L ISCRIZIONE AGLI ASILI NIDO COMUNALI Anno educativo 2016/2017 Si rende noto che dal 1 febbraio 2016 saranno aperte le iscrizioni per l ammissione all Asilo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino Approvato con atto C.C. n. 11 del 30.3.2006 1 INDICE Art. 1 - FINALITA Art. 2 RICETTIVITA

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 18 aprile 2012 Regolamento del Servizio di Ristorazione Scolastica Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Modalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA CITTA DI TRAVAGLIATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova ART 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione dei servizi educativi pubblici, privati sociali e privati per l infanzia

Dettagli

FAQ PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

FAQ PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE FAQ PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE 1. Quando si possono presentare le domande? Le domande possono essere presentate durante tutto l anno, ma le graduatorie vengono fatte due volte l anno: con le domande presentate

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CAIVANO

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CAIVANO AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CAIVANO Anno Scolastico 2013 2014 Il servizio di refezione scolastica è destinato agli alunni delle scuole statali e comunali di Caivano, iscritti alla scuola dell infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE Via Guido Reni 17/1 - Padova Tel. 049 611333 - Fax 049 611923

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

COMUNE DI GAVIRATE Varese. P.zza Matteotti n. 8 21026 Gavirate C.F. 00259850121 REGOLAMENTO. SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Prof.Paolo Crosta GAVIRATE

COMUNE DI GAVIRATE Varese. P.zza Matteotti n. 8 21026 Gavirate C.F. 00259850121 REGOLAMENTO. SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Prof.Paolo Crosta GAVIRATE COPIA COMUNE DI GAVIRATE Varese P.zza Matteotti n. 8 21026 Gavirate C.F. 00259850121 REGOLAMENTO SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Prof.Paolo Crosta GAVIRATE Parificata con Decreto 73 del 6.02.2003 MIUR Milano

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

LA CARTA DEL SERVIZIO. Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30

LA CARTA DEL SERVIZIO. Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30 IL NIDO DI CASA REBECCA VIA MAIOLO, 5 10044 PIANEZZA (TO) LA CARTA DEL SERVIZIO ORARI Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30 Pre-Nido 7,30-8,30 Tempo Pieno 8,30/9,30-16,15/16,30 Mattino corto 8,30-12,30/13,00

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE E istituito a cura dell Amministrazione Comunale, il servizio di Asilo Nido per bambini, di età inferiore ai 3 anni, divisi in lattanti,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO (Comuni di Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola) REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO Art.1 TIPOLOGIA

Dettagli

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA -

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - Art. 1 Finalità del Regolamento Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione

Dettagli

COMUNE DI CASTELBELLINO

COMUNE DI CASTELBELLINO PROVINCIA DI ANCONA - INDICE - PREMESSA Pag. 2 Che cos è la carta del servizio Pag. 2 A chi si rivolge Pag. 2 Finalità Pag. 2 Valutazione ed aggiornamento della carta Pag. 2 1) FINALITA E PRINCIPI FONDAMENTALI

Dettagli

Area 2 - Servizi alla Persona Assessorato alla scuola e istruzione CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI

Area 2 - Servizi alla Persona Assessorato alla scuola e istruzione CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI Area 2 - Servizi alla Persona Assessorato alla scuola e istruzione CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI PAG. 1 di 6 Che cos è la Carta dei Servizi La Carta

Dettagli

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.37 DEL 30/09/2011 ART. 1 - FINALITÀ DEL SERVIZIO Il Comune

Dettagli

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione del C.C. n.43 del 28.11.2000 Modificato con deliberazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE UN.DUE..TRE STELLA! VIA EINAUDI 5 Approvata con Deliberazione C.C. n. 8 del 27.02.2006 ANNO EDUCATIVO 2013/2014 ART. 1 - FINALITA Il Comune di Casorezzo, a conferma

Dettagli

lettura, manipolazione, pittura, travasi, gioco simbolico, collage, costruzioni, ecc.

lettura, manipolazione, pittura, travasi, gioco simbolico, collage, costruzioni, ecc. a.s. 2014/2015 Caratteristiche del Servizio È un servizio integrativo al nido, che intende garantire risposte flessibili e differenziate alle esigenze delle famiglie (genitori e nonni) e dei bambini. Risponde

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking) Indice: SEZIONE I Asilo Nido Premessa Art. 1 - Finalita dell Asilo nido Art. 2 - Ammissioni - criteri e graduatoria

Dettagli

COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza

COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza SERVIZIO SOCIALE PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 29.06.2012 regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Art. 1 (Principi, finalità ed ambito di applicazione) 1. L Amministrazione comunale riconosce il valore

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Ufficio Pubblica Istruzione REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA

COMUNE DI MASSAROSA Ufficio Pubblica Istruzione REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI MASSAROSA Ufficio Pubblica Istruzione REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA INDICE Art. 1 FINALITA Pag. 3 Art. 2 MODALITA DI GESTIONE... Pag. 3 Art. 3 DESTINATARI DEL SERVIZIO. Pag. 3

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI FALCADE (Provincia di Belluno) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA (TESTO DEFINITIVO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 17.02.2005) ART. 1 - FINALITA... 2 ART. 2 -

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA Z.O. N. 8

COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA Z.O. N. 8 BANDO PER L ACCREDITAMENTO DELLE UNITA DI OFFERTA SOCIALE PER LA PRIMA INFANZIA Art. 1 - Oggetto L Ambito Territoriale Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve, in attuazione della DGR n. 20943 del 16

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI SERVIZI SOCIO-CULTURALI

COMUNE DI ASSEMINI SERVIZI SOCIO-CULTURALI COMUNE DI ASSEMINI SERVIZI SOCIO-CULTURALI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA (Deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 08.07.2009) PARTE I - OGGETTO, DESTINATARI,

Dettagli

PGQ 04 Mod.01 Data 16/06/2015 Rev.0 Pag.1 di 7. Programmazione del servizio. Micro Nido Privato. Largo Città dei Ragazzi 1, Roma

PGQ 04 Mod.01 Data 16/06/2015 Rev.0 Pag.1 di 7. Programmazione del servizio. Micro Nido Privato. Largo Città dei Ragazzi 1, Roma PGQ 04 Mod.01 Data 16/06/2015 Rev.0 Pag.1 di 7 Programmazione del servizio Largo Città dei Ragazzi 1, Roma Rev. 0 del 16/06/2015 Qualifica Nominativo Elaborato da Coordinatrice Lorena Ottaviani Verificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. ART. 1 Oggetto del Regolamento TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento disciplina la gestione ed il funzionamento

Dettagli

PETER PAN COOPERATIVA SOCIALE REGOLAMENTO DI GESTIONE

PETER PAN COOPERATIVA SOCIALE REGOLAMENTO DI GESTIONE PETER PAN COOPERATIVA SOCIALE REGOLAMENTO DI GESTIONE Anno Scolastico 2014-2015 I ORARIO E CALENDARIO Per venire incontro ai bisogni delle famiglie, i nostri servizi adottano un orario flessibile. L orario

Dettagli

ASILO NIDO FANTANIDO

ASILO NIDO FANTANIDO Ge.A.S.C. Gestione Aziendale Servizi Comunali ASILO NIDO FANTANIDO CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. LA CARTA DEI SERVIZI I PRINCIPI FONDAMENTALI 2. L ASILO NIDO FANTANIDO LE FINALITA GLI ORARI 3. LE MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO ART. 1 - FINALITA L Asilo Nido è un servizio educativo e sociale di interesse collettivo che garantisce alla prima infanzia le condizioni di un armonico sviluppo psico-fisico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza

Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza (Approvata con Delibera di Giunta n. 220 del 09/12/2008) INDICE Parte I PRINCIPI GENERALI :Che cos è la Carta del Servizio? La sua validità Finalità

Dettagli

ASILO NIDO IL PICCOLO NAVIGLIO

ASILO NIDO IL PICCOLO NAVIGLIO COMUNE DI BOFFALORA SOPRA TICINO Provincia di Milano Piazza IV giugno, 20010 Boffalora Sopra Ticino (MI) Codice Fiscale e Partita Iva 02030870154 Tel. +39 02972381.1 Fax +39 029755490 Email: nido@boffaloraticino.it

Dettagli

ASILO NIDO INTEGRATO GIARDINO DELLA PACE CARTA DEI SERVIZI SETTEMBRE 2015. e-mail: giardinodellapace@gmail.com. sito www.giardinodellapace.

ASILO NIDO INTEGRATO GIARDINO DELLA PACE CARTA DEI SERVIZI SETTEMBRE 2015. e-mail: giardinodellapace@gmail.com. sito www.giardinodellapace. ASILO NIDO INTEGRATO GIARDINO DELLA PACE CARTA DEI SERVIZI SETTEMBRE 2015 e-mail: giardinodellapace@gmail.com sito www.giardinodellapace.com Indice Mission educativa Presentazione Le finalità e i contenuti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 16 febbraio 2006 INDICE: Art. 1 Finalità del servizio Art. 2 Destinatari del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA COMUNE DI VILLA GUARDIA Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 1 INDICE art. 1 Finalità del Servizio pag. 3 art. 2 Area di utenza

Dettagli

DELL ASILO NIDO COMUNALE

DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 6 del 14/0/201 1 FINALITA E GESTIONE Art. 1Finalità L asilo nido è un servizio socio-educativo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 1) Sono ammissibili al doposcuola, tutti gli allievi che frequentano

Dettagli