ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI"

Transcript

1 I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI Dr. Raffaella Ferrari Direttore S.C. Salute Mentale ASL Milano

2 La salute mentale è un sistema molto complesso e difficile da gestire a più livelli ma può essere laboratorio utile per individuare modelli efficaci in termini di gestione sanitaria.

3 Governance clinica Un lavoro di responsabilizzazione sulla rete dei servizi è stato effettuato tramite l Organismo di Coordinamento della Salute Mentale di cui regione ha demandato l istituzione alle ASL per operare nel senso della valutazione e applicazione di azioni correttive relative al controllo della appropriatezza delle prestazioni e dei percorsi-paziente.

4 Regione Lombardia 2004 PIANO REGIONALE SALUTE MENTALE DGR N VII/17513 del 17/05/04 Determinazioni in ordine alla gestione del Servizio Socio Sanitario Regionale (Delibere Giunta Regionale Lombardia: N VII/15324 del 28/11/03; N VII/ /11/03; nota del 6/2/04)

5 Piano Regionale Triennale per la Salute Mentale Vengono indicati i modelli e gli strumenti per una programmazione per la Salute Mentale. Successivamente confermati e attualizzati dal Piano Socio Sanitario Regionale 2007/2009

6 Piano Salute Mentale: i fondamenti teorici 1. PSICHIATRIA DI COMUNITA 2. DIVERSIFICAZIONE PERCORSI DI CURA

7 Contesto Lombardo Regione Associazioni Volontariato 3 settore ASL Province Comuni Erogatori pubblici Erogatori privati accreditati e a contratto Erogatori extraregionali Erogatori regionali non a contratto

8 ASL Milano 2 ORGANISMI DI COORDINAMENTO PSICHIATRIA (delibera n dell 8/6/2004 e successiva integrazione n del 23/11/2005 ) NEUROPSICHIATRIA (delibera n del 8/09/2006)

9 Organismo Coordinamento: Circ. 19/SAN 2005 A.O. Direttori D.S.M. / N.P.I. ASL: PAC Organismo di Coordinamento Enti Locali: Funzionari delegati Erogatori Privati Accreditati Associazioni Tutela, Volontari, Terzo Settore

10 REGOLAMENTO OdC Art. 2 Finalità La finalità dell OdC è assicurare che i diversi attori coinvolti definiscano e attuino insieme strategie, obiettivi e azioni per il fine comune della tutela della salute mentale, dell inserimento sociale e dei diritti di cittadinanza delle persone affette da disturbi psichici attraverso una metodologia di integrazione tra servizi sanitari sociali, pubblici, privati e no profit e di collaborazione con la rete informale presente, in una reale apertura alla società civile.

11 Funzioni OdC FUNZIONI GENERALI FUNZIONI TECNICHE FUNZIONI GESTIONALI Tutela salute mentale secondo strategie e azioni che assicurino partecipazione di tutti gli attori Analisi bisogno territorio e risorse Programmi innovativi e progetti territoriali NPIA Integrazione rete socio sanitaria Programmazione attività psichiatria - NPIA Previsioni budget in particolare per residenzialità Controllo prestazioni e loro appropriatezza

12 OdC Milano: obiettivi raggiunti Ricostruzione spesa psichiatria e NPIA Attivazione funzioni PAC: - Negoziazione Programmazione/Acquisto prestazioni - Funzioni Controllo: Commissioni Sopraluoghi Riqualificazione strutture Osservatorio Epidemiologico Popolazione Milano Protocollo Doppia Diagnosi con Servizi Dipendenze Protocollo operativo Residenzialità Leggera: Progetto riabilitativo nel territorio ASL Milano Protocollo Area di Confine: passaggio in cura dalla NPIA alla PSI Tavoli Tecnici Tematici Approvazione/monitoraggio programmi innovativi salute mentale Approvazione/monitoraggio progetti territoriali NPIA

13 Programma Innovativo DSM Sacco: Messa in campo e diffusione nella città di Milano di modelli operativi per l inserimento lavorativo di soggetti affetti da gravi disturbi psichiatrici

14 DSM: il fulcro del sistema SPDC / DH Ambulatori DSM CPS Residenzialità Semiresidenzialità Solo il DSM attua la vera e propria PRESA IN CARICO del paziente e l eventuale INVIO IN Struttura Residenziale

15 LA PSICHIATRIA DOPO LA LEGGE 180 L. 180/78: superamento istituzionalizzazione 1) RICOVERI OSPEDALIERI 2) PRESTAZIONI TERRITORIALI Residenziali e Ambulatoriali semiresidenziali

16 ACCOGLIENZA VALUTAZIONE CONSULENZA ASSUNZIONE IN CURA PRESA IN CARICO

17 Diversificazione percorsi di cura: servizi territoriali Servizi Territoriali Ambulatoriali Consulenza Assunzione in cura Patologie Minori (Disturbi Ansia e disturbi cognitivi anziano) - MMG Patologie Specialistiche (Disturbi Alimentari e disturbi dell umore)- Specialista Presa in carico Patologie Gravi (Psicosi e gravi disturbi della personalità) Equipe multi professionale

18 Diversificazione percorsi di cura: SR SR media intensità Strutture Territoriali Residenziali SR alta intensità Residenzialità leggera Territorio

19 SR media intensità SR alta intensità Residenzialità leggera Probl. alloggi Probl. lavoro Ritmi stressanti TERRITORIO Microcriminalità Sostanze psicotrope Rete familiare e sociale debole

20 DIFFERENZIAZIONE STRUTTURE RESIDENZIALI Le strutture si differenziano per il loro funzionamento sui 2 assi RIABILITATIVO ASSISTENZIALE

21 RESIDENZIALITÁ: La Riqualificazione (DGR N VIII/ del 28/02/07) AREA RIABILITATIVA AREA ASSISTENZIALE AREA RESIDENZIALITÁ LEGGERA

22 RIABILITATIVE CRA CRM ALTA RIABILITAZIONE ALTA ASSISTENZA ALTA RIABILITAZIONE Media Assistenza STRUTTURE ASSISTENZIALI CPA CPM Media Riabilitazione ALTA ASSISTENZA Media Riabilitazione Media Assistenza

23 AREE RIABILITAZIONE - Abilità base (es. affiancamento per igiene personale) - Coinvolgimento mansioni vita quotidiana (es. affiancamento per igiene domestica) - Interventi intrattenimento (interne/esterne alla struttura) - Interventi sostegno personalizzato colloqui strutturati specialistici - Interventi risocializzazione (interne/esterne alla struttura) - Coinvolgimento del volontariato per il sostegno di programmi personalizzati

24 AREE RIABILITAZIONE - Partecipazione attività comunitaria - Partecipazione attività gruppo - Attività fuori sede rete sociale (es. gruppo autoaiuto) - Coinvolgimento Resonsabile dell utente alla gestione della vita comunitaria - Interventi riabilitativi psicosociali strutturati - Attività prelavorativa inserimento lavorativo - Partecipazione all attività delle rete sociale

25 PROGRAMMI RIABILITATIVI: 4 Tipologie BASSA INTENSITA RIABILITATIVA: Durata non stabilita MEDIA INTENSITA RIABILITATIVA: max 36 mesi POST ACUZIE: max 3 mesi ALTA INTENSITA RIABILITATIVA: max 18 mesi

26 DURATA PROGRAMMI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA Tratto da Deliberazione n VIII/4221 del 28/02/2007 (riordino residenzialità psichiatrica) TIPOLOGIA STRUTTURA ETA' MASSIMA DI ACCESSO DURATA INIZIALE DEL PROGETTO PROROGA Note CRA 65 post acuzie 3 mesi Non prorogabile E' possibile un rinnovo per un nuovo episodio di scompenso CRA mesi ad alta intensità riabilitativa 6 mesi possibile ridefinizione del programma: 36 mesi a media intensità CRM mesi ad alta intensità riabilitativa 6 mesi possibile ridefinizione del programma: 36 mesi a media intensità CPA mesi a media intensità riabilitativa 36 mesi a bassa intensità riabilitativa possibile ridefinizione del programma: 36 mesi a media intensità CPM mesi a media intensità riabilitativa 36 mesi a bassa intensità riabilitativa possibile ridefinizione del programma: 36 mesi a media intensità

27 CRA Comunità Riabilitativa ad Alta Assistenza - Tipologia intervento: ALTA INTENSITÀ RIABILITATIVA 24 h - Durata: 3 / 18 mesi - Caratteristiche Paziente: Età non > 50 a Diagnosi elettive: schizofrenia e sindromi correlate, sindromi affettive gravi (depressione grave, sindrome bipolare), disturbi personalità gravi - Tariffa: /die

28 CRA Comunità Riabilitativa ad Alta Assistenza POST ACUZIE (max 3 mesi) 2 possibilità di Programma ALTA INTENSITÁ RIABILITATIVA (max 18 mesi)

29 PROGRAMMI ALTA INTENSITÁ RIABILITATIVA: 18 mesi Devono prevedere le attività di media / bassa intensità e in aggiunta: Gruppi psico e socioterapici: psicodramma musicoterapia Psicoterapia e/o colloqui specialistici individuali e familiari Coinvolgimento responsabile utente gestione vita comunitaria Interventi riabilitazione psicosociale strutturati Partecipazione a attività pre lavorative e/o inserimento lavoro Partecipazione attività rete sociale sul territorio finalizzata alla corresponsabilità nella cura e/e gruppi autoaiuto (incontri con associazioni, promozione attività esterna comunità ecc.)

30 PROGRAMMI POST ACUZIE: 3 mesi OBIETTIVI: Stabilizzazione quadro clinico dopo episodio acuto Inquadramento clinico diagnostico in funzione riabilitativa Monitoraggio farmacologico Impostazione programma terapeutico mediolungo termine STRUMENTI: Interventi per valutazione clinico diagnostica Interventi risocializzazione individuale e di gruppo Interventi abilità base interpersonali e sociali

31 - Tipologia intervento: ALTA RIABILITAZIONE / MEDIA ASSISTENZA 24 h - Durata: 18 / 24 mesi (+ eventuali 6 mesi) - Caratteristiche Paziente: Età non > 50 a Diagnosi elettive = CRA Diagnosi esclusione: Demenza primaria Grave ritardo mentale - Tariffa: /die CRM: Comunità Riabilitativa a Media Assistenza

32 CPA: Comunità Protetta ad Alta Assistenza - Tipologia intervento: MEDIA RIABILITAZIONE / ALTA ASSISTENZA 24 h - Durata: 36 mesi - Caratteristiche Paziente: Età non > 65 a Diagnosi elettive = CRA Diagnosi esclusione = CRM - Tariffa: / die

33 CPM: Comunità Protetta a Media Assistenza - Tipologia intervento: MEDIA RIABILITAZIONE / MEDIA ASSISTENZA 12 h - Durata: 36 mesi + eventuali 36 mesi - Caratteristiche Paziente: Età non > 65 a Diagnosi elettive = CRA Diagnosi esclusione = CRM - Tariffa: / die

34 Residenzialità Leggera Programmi sanitari che non hanno il loro fulcro nella SR, ma nel territorio. Le soluzioni abitative sono svincolate dai vincoli dell accreditamento.

35 Residenzialità Leggera - Durata: non ha limite temporale - Caratteristiche Paziente: No limite età Clinicamente stabilizzato - Tariffa: 45 / die

36 Strumenti di Programmazione e Controllo Le Regole I Contratti Il Budget I Tavoli Tecnici Tematici I Flussi

37 Le Regole Ogni anno regione Lombardia detta le regole per il sistema sanitario e quindi identifica gli interventi prioritari anche in psichiatria e neuropsichiatria infantile.

38 Regole 2009: linee di indirizzo Sviluppo e innovazione in psichiatria : Linee di indirizzo regionali per il triennio Favorire l ampliamento e lo sviluppo specifico delle attività territoriali nei dipartimenti di Salute mentale, Confermare la funzione integrativa dell organismo di coordinamento di salute mentale che è chiamato anche ad esprimere parere, sull accreditamento di strutture residenziali e semiresidenziali sia per la psichiatria sia per la neuropsichiatria. Stabilizzare i programmi innovativi residenziali di residenzialità leggera

39 Regole 2009: linee di indirizzo Sviluppo e innovazione in psichiatria : Linee di indirizzo regionali per il triennio Proseguire nel processo di monitoraggio da parte delle Asl delle attività dei CPS e della residenzialità; Dedicare particolare attenzione alla riduzione del flusso 43/san relativo ai ricoveri in strutture regionali non a contratto e in strutture ubicate fuori regione, monitorando le caratteristiche socio-anagrafiche e cliniche degli utenti.

40 Regole 2009: criticità accessibilità ai servizi delle fasce giovanili disturbi psichici comuni ( percorsi di cura con MMG e ASL) aree di confine ( fascia infanzia adolescenza, abuso di sostanze, popolazione immigrata)

41 Le azioni di ASL Milano APPROVAZIONE E MONITORAGGIO DEI PROGRAMMI INNOVATIVI E DEI PROGETTI TERRITORIALI PER LE ATTIVITA COMPLESSE DI NPIA TAVOLI TECNICI TEMATICI NELL AMBITO DEGLI OdC SULLE CRITICITA ESISTENTI

42 Le azioni di ASL Milano LA GESTIONE DELL EMERGENZA URGENZA IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE NEL TERRITORIO DI ASL MILANO. Monitoraggio dei ricoveri e trasmissione in Regione della proposta di completamento dell attivazione del reparto di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza c/o l Azienda Ospedaliera San Paolo di Milano. L OSSERVAZIONE DELLA CONTINUITA TERAPEUTICA DEI GIOVANI PAZIENTI IN SR analisi epidemiologica dei minori inseriti in SR criticità relative al sistema residenziale Lombardo per la NPIA

43 Regole 2010: linee di indirizzo Prosecuzione delle attività dei programmi innovativi territoriali triennali avviati nel 2009 e sviluppo nuovi progetti di particolare rilevanza regionale Possibilità con risorse aggiuntive non storicizzabili di proseguire o attivare sulla base di esigenze cliniche documentate specifici progetti di NPIA

44 Tavoli Tecnici Tematici Sulla base delle indicazioni regionali, dei contratti e dei bisogni emergenti dall OCSM derivano riunioni ristrette su temi specifici, dette tavoli tecnici tematici. In tali ambiti si affrontano argomenti che necessitano di approfondimento o di soluzioni operative.

45 Tavoli Tecnici Tematici Nel corso del 2009, nell ambito dell OCSM, sono stati attivati Tavoli Tecnici Tematici che trattassero i temi segnalati come criticità dalle regole di sistema regionali. E stato avviato un lavoro di integrazione tra la NPIA e la psichiatria, con partecipazione congiunta su aree d interesse

46 Tavolo Area di Confine Ha realizzato la procedura per il passaggio in cura dalla NPIA ai DSM corredata dalla raccolta di dati epidemiologici che descrivono l entità del fenomeno; tale lavoro è stato approvato dai due OdC e diffuso alle Aziende Ospedaliere / Fondazioni per l applicazione.

47 Tavoli Tecnici Tematici Implementazione dell accesso ai servizi dei pazienti tra i 18 e i 24 anni. Disturbi psichici comuni nella fascia giovanile: messa in rete delle risorse disponibili sul territorio ASL Milano per i pazienti affetti da DCA. Disturbi psichici comuni con particolare attenzione alla popolazione anziana in collaborazione con gli MMG. Corretta presa in carico di pazienti psichiatrici e neuropsichiatrici con problemi di dipendenza da sostanze.

48 Tavoli Tecnici Tematici 2010 Autismo Salute Mentale nei minori con procedimento penale in corso Residenzialità leggera Individuazione di linee guida per l integrazione al lavoro dei pazienti psichiatrici nella città di Milano (ALA Sacco)

49 Conclusioni un attenzione alla programmazione, anche attraverso strumenti adeguati, responsabilizzazione dei servizi e appropriatezza dei percorsi paziente può portare, anche nella complessità psichiatrica, a risultati rispondenti alle esigenze di appropriatezza, indirizzando i decisori clinici ad un sempre miglior utilizzo dei percorsi di cura, pur nel rispetto di una maggior attenzione alla spesa.

50 Grazie per l attenzione

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Congresso: La psicologia e il sistema socio-sanitario regionale L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Mauro Percudani, Dipartimento di Salute Mentale A.O. G. Salvini Garbagnate Milanese

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

Conferenza territoriale per la salute mentale

Conferenza territoriale per la salute mentale Conferenza territoriale per la salute mentale Lecco, 3. 12. 2007 LA RESIDENZIALITA LEGGERA IN LOMBARDIA Giorgio Cerati Residenzialità psichiatrica: i punti critici Disomogeneità della presenza delle SR

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

RIORDINO DELLA RESIDENZIALITÀ PSICHIATRICA IN ATTUAZIONE DELLA D.G.R. 17 MAGGIO 2004 N. VII/17513 "PIANO REGIONALE TRIENNALE PER LA SALUTE MENTALE"

RIORDINO DELLA RESIDENZIALITÀ PSICHIATRICA IN ATTUAZIONE DELLA D.G.R. 17 MAGGIO 2004 N. VII/17513 PIANO REGIONALE TRIENNALE PER LA SALUTE MENTALE DELIBERAZIONE N. VIII/4221 DEL 28.2.2007 Oggetto: RIORDINO DELLA RESIDENZIALITÀ PSICHIATRICA IN ATTUAZIONE DELLA D.G.R. 17 MAGGIO 2004 N. VII/17513 "PIANO REGIONALE TRIENNALE PER LA SALUTE MENTALE" LA

Dettagli

Il Dipartimento di Salute Mentale dell A.O. G. Salvini è composto dalle seguenti Unità Operative:

Il Dipartimento di Salute Mentale dell A.O. G. Salvini è composto dalle seguenti Unità Operative: Dipartimento di Salute Mentale. Integrazione dipartimentale per favorire l accessibilità ai servizi e l inserimento degli utenti nei percorsi di cura appropriati Organizzazione e offerta del DSM Il Dipartimento

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale Dipartimento di Salute Mentale UO DI PSICHIATRIA E NEUROPSICHIATRIA Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO DI PSICHIATRIA Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della cura e della riabilitazione

Dettagli

I percorsi riabilitativi

I percorsi riabilitativi Azienda Ospedalieria Ospedale di Lecco" Conferenza Territoriale per la Salute Mentale 20 ottobre 2005 I percorsi riabilitativi Progetti e strutture residenziali F. Rossi Dipartimento Salute Mentale - DEFINIZIONE

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA

DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA ALLEGATO B1 DOCUMENTO TECNICO DEL SISTEMA DI RESIDENZIALITA PSICHIATRICA Riferimenti normativi 1. Piano Sanitario Nazionale 2007-2009 adottato con DPCM del 7.4.2006. 2. Piano Socio Sanitario Regionale

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

IL SERVIZIO SOCIALE NEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE DI LECCO

IL SERVIZIO SOCIALE NEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE DI LECCO IL SERVIZIO SOCIALE NEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE DI LECCO SCALETTA: CONTESTO SOCIO-SANITARIO (Riabilitazione psicosociale) NORMATIVA DI SETTORE (Piano regionale salute mentale) FINALITA DSM - QUADRO

Dettagli

RIORGANIZZARE I PERCORSI DI ASSISTENZA: AREE DI INTERVENTO E MODELLI OPERATIVI

RIORGANIZZARE I PERCORSI DI ASSISTENZA: AREE DI INTERVENTO E MODELLI OPERATIVI RIORGANIZZARE I PERCORSI DI ASSISTENZA: AREE DI INTERVENTO E MODELLI OPERATIVI 3.1 I PERCORSI TERRITORIALI LA SITUAZIONE ATTUALE La rilevazione delle attività delle UOP e dei DSM attraverso il Sistema

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale di Brescia Conferenza territoriale per la salute mentale

Azienda Sanitaria Locale di Brescia Conferenza territoriale per la salute mentale Azienda Sanitaria Locale di Brescia Conferenza territoriale per la salute mentale Analisi dei consumi (1) Numero di soggetti trattati con TSO, nel tempo, residenti ASL di Brescia 140 120 100 nume ero di

Dettagli

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12.

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12. DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE Direttore: Dott. Antonio Lora Via dell Eremo, 9/11 23900 Lecco Tel. 0341.489171/0 - Fax. 0341.489176 e-mail : a.lora@ospedale.lecco.it PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

1. Scenario normativo e regolamentare

1. Scenario normativo e regolamentare Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 53/8 del 29.12.2014 Programmazione nel settore della Salute mentale per gli anni 2015-2016. Assistenza residenziale e semiresidenziale: tipologie di struttura, numero di

Dettagli

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013)

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013) GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE (25 marzo 2013) Indice: Premessa 1. Le Strutture Residenziali Psichiatriche 2. Indicazioni sull assetto

Dettagli

Il Distretto che vuole la Regione Veneto

Il Distretto che vuole la Regione Veneto IL NUOVO PIANO SOCIO-SANITARIO REGIONALE Il Distretto che vuole la Regione Veneto Este, 13 aprile 2012 Dott.ssa M.Cristina Ghiotto LA STORIA La DGR n.3242/2001 ha sancito l importanza del Distretto nel

Dettagli

REGIONE LIGURIA IN BREVE

REGIONE LIGURIA IN BREVE REGIONE LIGURIA IN BREVE La Regione Liguria ha approvato, nel tempo, diversi progetti per l autismo, effettuati in collaborazione con i centri specialistici e le associazioni di familiari. Nel 2004 approva

Dettagli

Organizzazione dei servizi psichiatrici. Filippo Franconi

Organizzazione dei servizi psichiatrici. Filippo Franconi Organizzazione dei servizi psichiatrici Filippo Franconi Obiettivi di salute mentale Promozione della salute mentale a tutte le età Prevenzione primaria e secondaria dei disturbi mentali Riduzione delle

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

LA SALUTE MENTALE. Assistente Sociale Dott.ssa Roberta Canal. Dipartimento di Salute Mentale dell ULSS n 7. Vittorio Veneto, 9 febbraio 2013

LA SALUTE MENTALE. Assistente Sociale Dott.ssa Roberta Canal. Dipartimento di Salute Mentale dell ULSS n 7. Vittorio Veneto, 9 febbraio 2013 LA SALUTE MENTALE Assistente Sociale Dott.ssa Roberta Canal Dipartimento di Salute Mentale dell ULSS n 7 n Vittorio Veneto, 9 febbraio 2013 SINTESI ARGOMENTI 1) Concetti di SALUTE/MALATTIA MENTALE 2) Principali

Dettagli

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO Edizione 2009 INSERIMENTI IN CENTRO DIURNO Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale con funzioni terapeutico riabilitative, collocata nel contesto territoriale.

Dettagli

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria E. Veneselli U.O. e Cattedra di Neuropsichiatria Infantile Istituto G. Gaslini Università di

Dettagli

PIANO DI AZIONI NAZIONALE PER LA SALUTE MENTALE

PIANO DI AZIONI NAZIONALE PER LA SALUTE MENTALE PIANO DI AZIONI NAZIONALE PER LA SALUTE MENTALE Indice Introduzione Premessa I problemi di salute mentale della popolazione: bisogni di salute, priorità, azioni, monitoraggio Cap. 1 Le aree di bisogno

Dettagli

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 ASL To5 310.000 cittadini 60.000 > 65 enni 1.000 ricoverati in RSA in convenzione 6.000 progetti UVG in 10 anni,

Dettagli

Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità

Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità Servizio Salute Mentale Dipendenze Patologiche e salute nelle Carceri Bologna 8 gennaio 2013 1 Obiettivi della riunione Progetto

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE L A C O L L A B O R A Z I O N E T R A S E R V I Z I D I S A L U T E M E N T A L E E M E D I C I N A G E N E R A L E : E S P E R I E N Z A D E L

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco

Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco Documento di programmazione e coordinamento dei servizi iis Sanitari i e Socio Sanitari Sanitari anno 2014 Lecco, 28 gennaio 2014 1 Documento di programmazione

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

ATTIVITÀ TERRITORIALE

ATTIVITÀ TERRITORIALE L ATTIVITA DELLA STRUTTURA COMPLESSA DI PSICHIATRIA NEL 2013 ATTIVITÀ TERRITORIALE Redazione: Dr. Romolo Gadaldi Responsabile S.S. Area Territoriale S.C. Psichiatria STRUTTURE DELL AREA TERRITORIALE CPS

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto. dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007

Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto. dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007 Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007 I Servizi per la salute mentale sono costituiti in Dipartimento:

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Premessa La Comunità Airone opera da diversi anni nel campo delle tossicodipendenze e in questi ultimi tempi sta tentando di adattare gli approcci terapeutici

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

ORGANISMO DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE DELLA PROVINCIA DI LECCO

ORGANISMO DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE DELLA PROVINCIA DI LECCO ORGANISMO DI COORDINAMENTO PER LA SALUTE MENTALE DELLA PROVINCIA DI LECCO GIUGNO 2007 INDICE INTRODUZIONE I PARTE Rilevamento dati; Obiettivi strategici del triennio; priorità di intervento; Azioni di

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALBERTO SANTI Amministrazione Telefono dell Ufficio 06 58704411 A O San Camillo Forlanini Piazza Carlo Forlanini,

Dettagli

U. O. C. INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA DIRETTORE : DR. FRANCESCO PERROTTA PIANO AZIENDALE ADOLESCENTI

U. O. C. INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA DIRETTORE : DR. FRANCESCO PERROTTA PIANO AZIENDALE ADOLESCENTI U. O. C. INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA DIRETTORE : DR. FRANCESCO PERROTTA SERVIZIO ADOLESCENTI - Dr.ssa Rosamaria Zampetti PIANO AZIENDALE ADOLESCENTI PROMOZIONE E TUTELA DELLA SALUTE DEGLI ADOLESCENTI

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso Magenta, 29. 3. 2013 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Direttore: Dr Giorgio Cerati Tel. 02 97963.501

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA I disturbi dello spettro autistico rappresentano un disordine neuropsicologico complesso biologicamente

Dettagli

PROGETTO PILOTA Depressione in gravidanza e nel post partum: modello organizzativo in ambito clinico, assistenziale e riabilitativo

PROGETTO PILOTA Depressione in gravidanza e nel post partum: modello organizzativo in ambito clinico, assistenziale e riabilitativo PROGETTO PILOTA Depressione in gravidanza e nel post partum: modello organizzativo in ambito clinico, assistenziale e riabilitativo D ONORE Strutture coinvolte A. O. Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano

Dettagli

SALUTE EQUILIBRIO - BENESSERE FISICO PSICHICO SOCIALE

SALUTE EQUILIBRIO - BENESSERE FISICO PSICHICO SOCIALE SALUTE EQUILIBRIO - BENESSERE FISICO PSICHICO SOCIALE 1 SALUTE = POSSIBILITA SVILUPPO POTENZIALITA NON C ÈC SALUTE SENZA SALUTE MENTALE (O.M.S.) Circa il 20% della popolazione mondiale maggiore dei 18

Dettagli

LE STRUTTURE PRIVATE E LA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

LE STRUTTURE PRIVATE E LA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA LE STRUTTURE PRIVATE E LA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA In Regione Lombardia i privati ricoprono un ruolo molto rilevante nel sistema sanitario. Un affermazione tanto più vera se si pensa alla riabilitazione

Dettagli

I problemi di salute mentale della popolazione: bisogni di salute, priorità, azioni, monitoraggio

I problemi di salute mentale della popolazione: bisogni di salute, priorità, azioni, monitoraggio I problemi di salute mentale della popolazione: bisogni di salute, priorità, azioni, monitoraggio Introduzione La tutela della salute mentale della popolazione costituisce uno degli obiettivi principali

Dettagli

DOCUMENTO DI INTESA a cura del TAVOLO SALUTE MENTALE. del PIANO DI ZONA DELL AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE - AGGIORNAMENTO 2010 -

DOCUMENTO DI INTESA a cura del TAVOLO SALUTE MENTALE. del PIANO DI ZONA DELL AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE - AGGIORNAMENTO 2010 - DOCUMENTO DI INTESA a cura del TAVOLO SALUTE MENTALE del PIANO DI ZONA DELL AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE - AGGIORNAMENTO 2010 - COMPOSIZIONE DEL TAVOLO Coordinatore del Tavolo Sara Ambivero (Comune di

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE

DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Il Dipartimento di Salute Mentale (DSM) è un Dipartimento a Struttura e provvede, con le sue strutture e con strutture e associazioni private convenzionate e/o accreditate,

Dettagli

Seminario Un ponte tra Ospedale e territorio

Seminario Un ponte tra Ospedale e territorio Seminario Un ponte tra Ospedale e territorio Prof.ssa A. Peloso Tipologie e necessità degli adolescenti ultraquattordicenni in carico al Servizio di Degenza Ospedaliera Chi sono? Presentano sottodiverse

Dettagli

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche Silvia Gallozzi Indicazioni operative specificate nella Determina Regionale B 02807/2013

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MASSIMO CLERICI Via Roncaglia 18 20146 Milano Telefono cell 338-7106055 Fax tel/fax 02-48018507

Dettagli

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALCIATI ALESSANDRA Indirizzo Telefono 3381985310 CF E-mail VIA CAPRERA 4, 20144 MILANO LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

Dettagli

CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA. Le diverse sedi proposte sono:

CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA. Le diverse sedi proposte sono: SETTORE ENTE SEDE PRIVATO CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA Torino Le diverse sedi proposte sono: Comunità Terapeutica Residenziale Passaggio a Nord- Ovest Strada alla funicolare di Superga n. 47/6 10132

Dettagli

TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL RELATORE ADOTTATO COME TESTO BASE

TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL RELATORE ADOTTATO COME TESTO BASE Disposizioni in materia di assistenza psichiatrica. C. 919 Marinello, C. 1423 Guzzanti, C. 1984 Barbieri, C. 2065 Ciccioli, C. 2831 Jannone, C. 2927 Picchi, C. 3038 Garagnani e C. 3421 Polledri. TESTO

Dettagli

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC)

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) POLITICA CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) U.O. RIABILITAZIONE PSICHIATRICA RESIDENZA FRA MOSE BONARDI L unità di recupero e rieducazione funzionale Fra Mose Bonardi è una struttura per la riabilitazione

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA IN ATTUAZIONE DEL

CONTRATTO INTEGRATIVO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA IN ATTUAZIONE DEL CONTRATTO INTEGRATIVO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA IN ATTUAZIONE DEL DECRETO DIREZIONE GENERALE WELFARE N. 2394 DEL 31.03.2016 FRA ATS DELLA MONTAGNA E L ASST

Dettagli

Percorso formativo. mercoledì 23 aprile 2008. Sala Diego Valeri via Trieste - Padova

Percorso formativo. mercoledì 23 aprile 2008. Sala Diego Valeri via Trieste - Padova Azienda Ulss 16 CENTRO SERVIZIO Comune di Padova Padova VOLONTARIATO PROVINCIALE Ass.to alle Politiche Sociali DI PADOVA Osservatorio delle Associazioni iscritte al Registro Comunale Area Sociale e Sanitaria

Dettagli

Oggetto: LINEE DI INDIRIZZO REGIONALE PER LA NEUROPSICHIATRIA DELL'INFANZIA E DELL'ADOLESCENZA IN ATTUAZIONE DEL PSSR 2007-2009 LA GIUNTA REGIONALE

Oggetto: LINEE DI INDIRIZZO REGIONALE PER LA NEUROPSICHIATRIA DELL'INFANZIA E DELL'ADOLESCENZA IN ATTUAZIONE DEL PSSR 2007-2009 LA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE N. VIII/6860 DEL 19.03.2008 Oggetto: LINEE DI INDIRIZZO REGIONALE PER LA NEUROPSICHIATRIA DELL'INFANZIA E DELL'ADOLESCENZA IN ATTUAZIONE DEL PSSR 2007-2009 LA GIUNTA REGIONALE RICHIAMATI:

Dettagli

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC L esperienza della ASL RMC Mariella Masselli Responsabile U.O.S.D Tutela Salute Riabilitazione Disabili Adulti d. 12 - ASL RMC Roma, 11 settembre 2013 Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione

Dettagli

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 17 febbraio 2012 Integrazione ospedale-territorio Sperimentazione di una rete di strutture a media

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Il contesto demografico, epidemiologico e sociale Gli anziani a Cesena Aumento del 35% della popolazione

Dettagli

Staff - Servizio psichiatrico di diagnosi e cura

Staff - Servizio psichiatrico di diagnosi e cura INFORMAZIONI PERSONALI Nome MORO CRISTINA Data di nascita 03/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio DIRIGENTE MEDICO ASL DI VERCELLI Staff - Servizio psichiatrico

Dettagli

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE

DISTURBI AFFETTIVI. Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) 27/09/2012 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE DISTURBI AFFETTIVI Antonio Lora DISTURBI AFFETTIVI NEI DSM LOMBARDI (2009) DIST. BIPOLARE DIST. 6% DEPRESSIVO 17% 8.223 PAZIENTI CON DISTURBO BIPOLARE 22.234 CON DISTURBO DEPRESSIVO PREVALENZA TRATTATA

Dettagli

Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche

Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER LA DIPENDENZA DA ALCOOL 22/05/2015 Elena Bruno, Cristina

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Il sistema di salute mentale della Regione Lombardia

Il sistema di salute mentale della Regione Lombardia Il sistema di salute mentale della Regione Lombardia Direzione Generale Sanità Struttura: Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile e Terme A cura di Antonio Lora L elaborazione dei dati geografici è stata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Fondazione Emilia Bosis

CARTA DEI SERVIZI Fondazione Emilia Bosis CARTA DEI SERVIZI Fondazione Emilia Bosis PROFILO ISTITUZIONALE La fondazione Emilia Bosis è un organismo istituzionale no-profit che, raccogliendo l eredità storica e culturale della Comunità Logos dell

Dettagli

(esecutiva con provvedimento della CCAR n. spec. 377 del 23 marzo 1995).

(esecutiva con provvedimento della CCAR n. spec. 377 del 23 marzo 1995). Progetto obiettivo per la salute della donna, dell infanzia e dell adolescenza Deliberazione del consiglio regionale della Lombardia dell 8 marzo 1995 n V/1438 (esecutiva con provvedimento della CCAR n.

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale Guida ai servizi

Dipartimento di Salute Mentale Guida ai servizi www.ulss.tv.it Per informazioni DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Via Scarpa, 9 - tel. 0422 322010 fax 0422 322047 e-mail: segdirdsmtv@ulss.tv.it Direttore: Andrea Angelozzi UNITA' OPERATIVA COMPLESSA N.

Dettagli

Dott.ssa PAOLA D AMBROSIO

Dott.ssa PAOLA D AMBROSIO F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Dott.ssa PAOLA D AMBROSIO ESPERIENZA LAVORATIVA Periodo Dal 03.06.2008 Datore di lavoro Consultorio Familiare La Casa di Varese Via

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA'

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA' LINEE GUIDA DEI PERCORSI ASSISTENZIALI CHE FAVORISCANO L INTEGRAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLE FUNZIONI SOCIALI, SANITARIE ED EDUCATIVE NEL SETTORE DELLA DISABILITÀ ADULTA ART. 1 OGGETTO Con il presente

Dettagli

«Prevenzione dei disturbi mentali nei giovani e supporto alle famiglie»

«Prevenzione dei disturbi mentali nei giovani e supporto alle famiglie» «Prevenzione dei disturbi mentali nei giovani e supporto alle famiglie» IL TERRITORIO E LA COMUNITÀ LOCALE COME FATTORI DI PREVENZIONE E RIABILITAZIONE DEI DISTURBI MENTALI NEI GIOVANI NELL ESPERIENZA

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Politiche Sociali Integrate - Servizio LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Politiche Sociali Integrate - Servizio LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : Riordino del sistema tariffario per la residenzialità e semiresidenzialità sociosanitaria. Abrogazione della D.G.R. n. 308/2005. N. 969 IN 01/08/2008 del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA DATA Richiamati

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DI VERONA 1 SERVIZIO AUTONOMO DI PSICHIATRIA Direttore: prof.

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DI VERONA 1 SERVIZIO AUTONOMO DI PSICHIATRIA Direttore: prof. AUTONOMO DI PSICHIATRIA Servizio Psichiatrico Ospedale Civile Maggiore Piazzale Stefani n. 3726 Verona Segreteria: tel. 045-82 27 99 fax: 045-82 32 99 E-mail: psichiatrico@ulss20.verona.it Direttore: Prof.

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE DCA AUSL MODENA CLAUDIO ANNOVI AUSL MODENA

PROGRAMMA AZIENDALE DCA AUSL MODENA CLAUDIO ANNOVI AUSL MODENA PROGRAMMA AZIENDALE DCA AUSL MODENA CLAUDIO ANNOVI AUSL MODENA Mirandola 13 Giugno 2015 I MESSAGGI CHIAVE DELLE LINEE GUIDA DEL MINISTERO DELLA SALUTE I disturbi dell alimentazione sono uno dei problemi

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Strutture di Accoglienza Terapeutico-Riabilitative Rete di Servizi per l'emergenza Psichiatrica in Età Evolutiva

PROTOCOLLO D INTESA. Strutture di Accoglienza Terapeutico-Riabilitative Rete di Servizi per l'emergenza Psichiatrica in Età Evolutiva PROTOCOLLO D INTESA Strutture di Accoglienza Terapeutico-Riabilitative Rete di Servizi per l'emergenza Psichiatrica in Età Evolutiva ASL Roma A Comune di Roma ISMA Istituti Santa Maria in Aquiro Centro

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO Art. 1 - Premessa La Legge 328/00 e la Legge Regionale n. 3/2008 sono volte ad assicurare alle persone ed alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali, finalizzato alla promozione

Dettagli

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio 1 Il territorio 2 Il territorio: tendenze evolutive Aumentata l aspettativa di vita: U = 76 anni D = 82,4 anni Patologie croniche prevalgono su quelle acute Possibilità di eseguire piccoli interventi chirurgici

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA SALUTE MENTALE ASL 10 FIRENZE: NUOVE PROSPETTIVE

DIPARTIMENTO TUTELA SALUTE MENTALE ASL 10 FIRENZE: NUOVE PROSPETTIVE DIPARTIMENTO TUTELA SALUTE MENTALE ASL 10 FIRENZE: NUOVE PROSPETTIVE Roberto Leonetti Azienda Sanitaria Firenze 1 NON C E SALUTE SENZA SALUTE MENTALE (OMS) Azienda Sanitaria Firenze 2 Azienda Sanitaria

Dettagli

PROTOCOLLO AREA DELLA TERRITORIALITA FRA I COMUNI DELLA PROVINCIA DI LECCO, L AZIENDA OSPEDALIERA DI LECCO, L ASL DI LECCO E LA PROVINCIA DI LECCO

PROTOCOLLO AREA DELLA TERRITORIALITA FRA I COMUNI DELLA PROVINCIA DI LECCO, L AZIENDA OSPEDALIERA DI LECCO, L ASL DI LECCO E LA PROVINCIA DI LECCO PROTOCOLLO AREA DELLA TERRITORIALITA FRA I COMUNI DELLA PROVINCIA DI LECCO, L AZIENDA OSPEDALIERA DI LECCO, L ASL DI LECCO E LA PROVINCIA DI LECCO per gli interventi di natura socio- assistenziale e di

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

L infermiere case manager in psichiatria

L infermiere case manager in psichiatria Studi & Esperienze 1 L introduzione di nuovi modelli organizzativi all interno dei servizi psichiatrici territoriali rappresenta un importante sfida per fornire risposte efficaci ai mutevoli bisogni di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris -PISA 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Sartori Cecilia 29.10.1955 Indirizzo Via Bissolati 20 - Cremona Telefono 0372-405951 / 0372-405930 Fax 0372-405936 E-mail

Dettagli

UOC PSICOLOGIA. Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD)

UOC PSICOLOGIA. Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD) UOC PSICOLOGIA Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD) Dr.ssa Annalisa Antichi (Conferenza Dipartimento DSMD, 25/6/15) L intervento psicologico mira al potenziamento

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.9 di TREVISO. Borgo Cavalli n. 42 31100 TREVISO Cod. Ente 050-109 Cod. Fisc. 03084880263

AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.9 di TREVISO. Borgo Cavalli n. 42 31100 TREVISO Cod. Ente 050-109 Cod. Fisc. 03084880263 AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.9 di TREVISO Borgo Cavalli n. 42 31100 TREVISO Cod. Ente 050-109 Cod. Fisc. 03084880263 PERCORSO AZIENDALE DI CURA E ASSISTENZA TRA IL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE

Dettagli