INCONTRI INTERNAZIONALI B2B Applicazioni innovative della metrologia per l innovazione di prodotto e di processo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INCONTRI INTERNAZIONALI B2B Applicazioni innovative della metrologia per l innovazione di prodotto e di processo"

Transcript

1 1 INCONTRI INTERNAZIONALI B2B Applicazioni innovative della metrologia per l innovazione di prodotto e di processo Applicazioni metrologiche innovative sulle macchine utensili: la MMT (Measuring Machine Tool) Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) L azienda 2 Alesamonti è un costruttore di alesatrici, fresatrici e foratrici dal Ha una produzione per commessa su modelli di macchine di tre tipologie: - a montante fisso e tavola mobile; - a montante mobile e tavola fissa; - a montante mobile e tavola mobile. In questi ultimi anni Alesamonti ha cercato di rispondere alle esigenze del mercato migliorando l efficienza delle proprie macchine. Efficienza vuol dire produrre macchine che funzionano sempre ed intervenire rapidamente quando il cliente ha bisogno. Efficienza vuol anche dire porre attenzione al mantenimento delle prestazioni ottimali delle macchine nel tempo attraverso le più efficaci innovazioni di prodotto e di servizio. efficienza + innovazione 1

2 Le macchine utensili per Work Shop 3 Nell ambito dei sistemi di lavorazione Alesamonti produce macchine utensili (MU) per workshop; esse sono sistemi complessi di lavorazione in grado di spostare un utensile in un sistema di coordinate spaziali. Compito di queste macchine è produrre pezzi meccanici complessi e differenziati, generalmente in piccoli lotti, in base a specifiche tecniche definite nel disegno meccanico del pezzo. Varietà di parti SISTEMI DI LAVORAZIONE Work Shop MU a CNC Celle di lavorazione FMC FMS Linee di lav. fless. Linee di lav. rigide Q.tà tot annue Il disegno meccanico contiene tutte le informazioni necessarie alla costruzione del pezzo e per ogni caratteristica geometrica prescrive delle tolleranze che devono essere verificate tramite attività di misurazione. La macchina utensile durante l esercizio Una macchina utensile è un mezzo di produzione che durante il suo ciclo di vita deve essere mantenuto in buone condizioni di efficienza se si vuole che esso possa operare entro i limiti stabiliti dal costruttore. Le macchine infatti degradano le loro prestazioni nel tempo ed inoltre perdono di affidabilità; per questo motivo ogni macchina deve essere periodicamente verificata per sapere esattamente in quale stato si trova e per poter definire gli interventi necessari per mantenere la macchina il più possibile nelle condizioni e nelle prestazioni originarie. Un operatore, per quanto esperto, non può compensare le imprecisioni di lavorazione della macchina tanto più se queste non sono state accuratamente individuate. Per conoscere quindi lo stato della macchina occorre impostare un programma sistematico di controllo periodico dei mezzi di produzione per conoscere in termini reali la potenzialità dei mezzi di produzione e quindi la loro capacità di realizzare quanto prescritto nei disegni. 4 2

3 Gli errori ed i limiti operativi della macchina utensile Una macchina utensile nell ambito di un processo di produzione può essere correttamente utilizzata se si conoscono i suoi errori ed i suoi limiti operativi. Gli errori che la macchina presenta sono relativi a: - geometrie strutturali delle guide (rettilineità, parallelismi e perpendicolarità) - geometrie dei suoi assi di rotazione (rotondità, ondeggiamento, ecc.); - accuratezza dei suoi sistemi di misura - efficienza dei suoi sistemi di interpolazione Questi errori sono in genere valutabili tramite collaudi in relazione alle norme ISO 230. I limiti operativi sono riferiti a: - condizioni ambientali in cui la macchina opera per quanto riguarda la loro stabilità nel tempo e la loro uniformità spazio; - caratteristiche del processo di lavorazione in relazione alla tipologia degli utensili impiegati ed alle caratteristiche metallurgiche e strutturali del pezzo da sottoporre a lavorazione; - condizioni di piazzamento e di staffaggio del pezzo da lavorare. Sia gli errori che i limiti operativi sono elementi che, in base alla loro variabilità, riducono le precisioni di lavorazione che la macchina avrebbe se la sua geometria fosse perfetta e se i processi di lavorazione non introducessero errori difficili da tenere sotto controllo come quelli termici o di deformazione. 5 La produzione di pezzi meccanici complessi in piccoli lotti 6 Quando poi si entra nelle problematiche della produzione di pezzi meccanici complessi in piccoli lotti occorre ricordare alcune tipiche criticità di questi processi: - difficoltà e complessità dello staffaggio del pezzo sulla tavola; questa operazione può richiedere anche parecchie ore ed è di fondamentale importanza per la buona riuscita della lavorazione; - complessità del ciclo di lavorazione che può richiedere molti utensili, attrezzature particolari e tempi di lavorazione che possono arrivare anche a parecchi giorni/macchina; - difficoltà a mantenere condizioni ambientali stabili ed uniformi i per tutto tt il tempo di lavorazione. Risulta quindi importante durante o al termine del ciclo di lavorazione effettuare delle attività di controllo per verificare la conformità dei pezzi prodotti alle specifiche di disegno. 3

4 Generalmente quando si parla di pezzi meccanici complessi la verifica di conformità alle specifiche avviene tramite macchine di misura a coordinate (CMM) che, lavorando in ambienti controllati e in regime di riferibilità metrologica, sono in grado di misurare le caratteristiche geometriche del pezzo e consentire la verifica delle tolleranze dimensionali e di forma. Quindi il pezzo prodotto dalla macchina utensile deve essere trasportato sulla CMM. La verifica del pezzo (Offline part inspection) 7 Nella verifica di un pezzo meccanico complesso su di una CMM occorre considerare che: - può essere necessario un tempo considerevolmente lungo per togliere gli staffaggi del pezzo sulla macchina utensile (specie per i controlli interoperazionali) e per stabilizzarlo prima di portarlo nell ambiente di misura della CMM; - è necessario avere una CMM con dimensioni compatibili con il pezzo da misurare (problema particolarmente sentito per pezzi complessi di grandi dimensioni); diversamente è necessario trasportare il pezzo all esterno presso un centro di controllo (con problemi logistici ed ambientali) - se il pezzo dopo la misurazione risulta non conforme alle specifiche ed è necessario rilavoralo sulla macchina utensile, occorre verificare la disponibilità della macchina utensile e ristaffare il pezzo in macchina; - occorre definire un part-program di misura ed una strategia di misura. Inefficienze del sistema produttivo 8 L intero processo di produzione di pezzi meccanici complessi in piccoli lotti presenta quindi delle evidenti inefficienze che si possono così riassumere: - grande dispendio di tempo dovuto a ripetuti staffaggi e spostamenti dei pezzi; - onerosi investimenti in macchine di misura di grandi dimensioni con conseguenti costi per la realizzazione di ambienti di misura condizionati; - elevati tempi totali di produzione del pezzo quando sono richiesti controlli interoperazionali i e finali anche inrelazione ai tempi di stabilizzazione i term. del pezzo; - elevata probabilità di produrre pezzi non conformi (scarti) se non si eseguono accurati controlli interoperazionali; -elevaticosti di movimentazione dei pezzi tenendo conto che spesso le aziende che producono non hanno a disposizione CMM idonee e quindi le verifiche del pezzo devono essere fatte presso sale metrologiche esterne; ciò ha conseguenze negative sulla mobilità, sulla sicurezza e sull ambiente; -elevatitempitempi morti sulle macchine utensili in attesa del risultato del controllo. Questo ed altro creano inefficienze i nel sistema produttivo industriale che si trasformano in mancanza di competitività quando si opera in mercati globalizzati ove è necessario ridurre al minimo i costi della manodopera non specializzata (manodopera comunque ad alto costo nel mondo occidentale) ed i costi della qualità (misurazioni, controlli, scarti). L ideale sarebbe misurare direttamente il pezzo in macchina. 4

5 Perché è difficile misurare il pezzo in macchina (online part inspection)? 9 Affinché il risultato di una misurazione sia valido e possa essere utilizzato correttamente, esso deve essere ottenuto seguendo scrupolose regole sia sulla gestione degli strumenti sia sui metodi adottati per misurare. In particolare lo strumento deve essere in stato di taratura. La taratura dello strumento conferisce al risultato della misurazione la proprietà della riferibilità consistente nel poterlo riferire a campioni appropriati, generalmente nazionali o internazionali, attraverso una catena ininterrotta i tt di confronti tuttitti aventi incertezza dichiarata. Quindi se si vuole misurare il pezzo in macchina ed ottenere misure riferibili è necessario tarare la macchina utensile. 3 1 Campioni nazionali 2 λ K Tarare una macchina utensile richiede una strumentazione costosa, tempi lunghi ed andrebbe eseguita prima di ogni misurazione, stante i continui cambiamenti dello stato della macchina Perché è difficile misurare il pezzo in macchina? 10 Inoltre se il risultato di una misurazione serve per prendere delle decisioni sulla conformità o non conformità del pezzo alle specifiche è necessario conoscere l incertezza della misura ed applicare la UNI EN ISO al fine di definire la zona di sicura conformità. Calcolare l incertezza di misura di una macchina utensile può essere molto complesso in relazione alla conoscenza dei suoi errori e delle altre grandezze di influenza (ambiente, operatore, ecc.) Un caso particolare è la misura per comparazione con un artefatto identico al pezzo (master workpiece). In questo caso molti problemi metrologici possono essere risolti ma questa tecnica è difficilmente applicabile a pezzi meccanici complessi prodotti in piccoli lotti. 5

6 Perché è difficile misurare il pezzo in macchina? 11 Quindi è necessario ricordare che la prassi di mettere un tastatore sulla macchina utensile per effettuare misurazioni assolute ha senso solo se si è tarata la macchina utensile (o se si effettua una verifica delle prestazioni in relazione ad un errore massimo ammesso) e se si è in grado di valutare l incertezza del processo di misurazione. Inoltre occorre essere sicuri che gli errori geometrici della macchina siano stabili ovvero non abbiano variazioni causate dalle attività di lavorazione della macchina dopo l ultima taratura. La ISO Il problema di utilizzare una macchina utensile per effettuare misurazioni è da tempo dibattuto in ambito ISO; su questo argomento nel 2007 è stato emesso un working draft nell ambito della famiglia di norme ISO 230 Test code for machine tool. La ISO/WD Test code for machine tools Part 10: determination ti of the measuring performance of a numerically controlled machine tool ha quindi lo scopo di verificare le prestazioni metrologiche di una macchina utensile a controllo numerico quando viene equipaggiata con un sistema tastatore. La norma identifica i seguenti campi applicativi: - misure delle caratteristiche degli utensili (raggio, lunghezza, offset); - misure del posizionamento dell utensile prima della lavorazione; - misure del posizionamento del pezzo prima della lavorazione; - misure delle caratteristiche del pezzo dopo la lavorazione quando è ancora in macchina. Risulta quindi evidente l interesse del mondo industriale a semplificare i processi produttivi portando sulla macchina utensile anche le attività di misurazione. 6

7 Un progetto di ricerca: la MMT 13 Trasferire le capacità metrologiche di una CMM su di una macchina utensile potrebbe sicuramente portare grandi vantaggi al processo produttivo (inline part inspection). La MMT (Measuring Machine Tool) è proprio questo. MMT Alesamonti sta lavorando per un progetto di ricerca che coinvolge centri di ricerca italiani ed europei per definire questa nuova tipologia di macchina in grado di rivoluzionare i concetti organizzativi della produzione industriale. Le basi concettuali della MMT Una macchina utensile è concettualmente composta da tre carri che si muovono nello spazio. Assimilando questi tre carri a dei corpi rigidi che si muovono lungo una retta possiamo ritenere che il loro movimento sia affetto da sei errori per carro e cioè: - errore di perpendicolarità dell asse rispetto al piano formato dagli atri due assi; - errore di rettilineità nel piano orizzontale; - errore di rettilineità nel piano verticale; - errore angolare di beccheggio; - errore angolare di rollio; - errore angolare di imbardata. Quindi sei errori per ogni asse portano ad un modello di 18 errori a cui vanno aggiunti i tre errori di linearità dei sistemi di misura sugli assi. La presenza di questi errori geometrici fa in modo che esista un errore nel posizionamento del punto centrale dell utensile (TCP: Toool Central Point). yaw pitch rol l 7

8 Le basi concettuali della MMT 15 Una MMT è in grado di riconoscere e valutare i sei errori geometrici ed i tre errori di linearità per ogni asse grazie ad un sistema di artefatti metrologici già presenti nella struttura della macchina (taratura online). Questi artefatti sono riferibili ai campioni nazionali o internazionali e quindi, correggendo i sei errori per ogni asse tramite un software di compensazione volumetrica si è in grado di correggere il posizionamento del centro dell utensile e quindi di riportarsi in una condizione ideale. Se in questa condizione si pone un tastatore di misura sul mandrino della macchina è possibile effettuare misurazioni riferibili in quanto gli errori di posizionamento del centro dell utensile sono stati compensati e comunque verificati essere entro i limiti massimi ammessi. Inoltre la MMT, conoscendo anche le proprie condizioni termiche in relazione alla temperatura ambiente, è in grado di compensare le proprie deformazioni termiche e quelle del pezzo. Con la conoscenza degli effetti delle grandezze d influenza sul processo di misurazione, si è in grado di calcolare l incertezza di misura con cui lavora la MMT e fornire un corretta valutazione della conformità del pezzo eseguito alle specifiche prescritte applicando la norma UNI EN ISO Modalità operative della MMT 16 Le modalità di funzionamento di una MMT consentono le seguenti attività: - all accensione della macchina si attiva un ciclo di verifica degli errori geometrici (check iniziale) che consente di valutare se la macchina lavorerà entro gli errori massimi assegnati dal costruttore; in caso contrario viene attivato un processo di tele-assistenza che consente al costruttore di collegarsi direttamente con il sistema di controllo della macchina e verificare in tempo reale eventuali problemi della macchina; - se il controllo iniziale ha dato esito favorevole, la MMT inizia la lavorazione del pezzo in relazione al partprogramm acquisito tramite CAD; - se, dopo una fase di lavorazione, è richiesto un controllo interoperazionale la MMT effettua la taratura online, riconosce i propri errori ed il proprio stato termico ed attiva il software di compensazione degli errori; utilizzando un tastatore esegue la misura della caratteristica del pezzo e verifica la sua conformità alle specifiche tenendo conto della sua incertezza di misura; - nel caso il pezzo risultasse non conforme alle specifiche la MMT verifica la possibilità di attivare un processo di rilavorazione del pezzo modificando il part-programm e richiamando nuovi utensili o accessori. ISDN 8

9 Modalità operative della MMT 17 - alla fine del processo di lavorazione la MMT ripete l operazione di taratura online, compensa gli errori rilevati e verifica tutte le caratteristiche del pezzo sottoposte a tolleranza, emettendo un rapporto di conformità del pezzo alle specifiche con garanzia di riferibilità ai campioni nazionali o internazionali; - periodicamente la MMT è in grado di attivare un processo di manutenzione preventiva e predittiva, esaminando ogni possibile degrado delle sue caratteristiche meccaniche ed anticipando o posticipando le attività di manutenzione in funzione delle analisi effettuate. In questo modo la MMT rende disponibile al gestore della produzione le reali prestazioni della macchina in termini di accuratezza di lavorazione, consentendo di orientare la produzione dei pezzi coerentemente con le tolleranze richieste. Una ipotesi di fabbrica del futuro 18 modelli di cono oscenza determinare le reali prestazioni delle macchine utensili nelle diverse condizioni operative e, grazie alle funzioni integrate di controllo della qualità del pezzo, reagire alle variabili di processo adattando il ciclo di lavorazione, le attrezzature ed eventualmente riconfigurare la produzione su altre macchine valutate idonee allo scopo sviluppare modelli di manutenzione preventiva e predittiva basandosi sulle informazioni geometriche, termiche e funzionali provenienti dalle MMT (teleservice) rivoluzionare la logistica dei materiali ed i layout di fabbrica integrando produzione e controllo ottimizzare il progetto della macchina in relazione alle informazioni sulle deformazioni rilevate sperimentalmente (OEM) costruire data base tecnologici sugli errori di lavorazione in grado di guidare gli operatori alle rilavorazioni dei pezzi (in modo automatico o manuale) bus per informazioni inerenti lo stato geometrico, termico e funzionale della macchina e del pezzo prodotto alesatrici centri di lavoro rettifiche torni MMT (Measuring Machine Tool) level for variable small batch production 9

10 Conclusioni 19 La ricerca finalizzata alla realizzazione di una MMT porterà quindi i seguenti vantaggi per il sistema industriale: - miglioramento delle lavorazioni grazie ad un accurato controllo del deterioramento delle prestazioni della macchina tramite periodiche attività di verifica; - miglioramento del layout di fabbrica con snellimento dei percorsi dei materiali; - riduzione del tempo totale di produzione attraverso la completa integrazione delle attività di lavorazione e misurazione nel ciclo di produzione; - riduzione dei tempi morti sulla macchina utensile derivanti dalle attese delle verifiche dimensionali e geometriche nel reparto di Controllo Qualità con conseguente raggiungimento della saturazione della macchina; - riduzione degli scarti di produzione attraverso controlli interoperazionali che riducono l accumulo degli errori durante il ciclo di lavorazione; - riduzione del carico di lavoro del reparto di Controllo Qualità che può dedicarsi ad attività metrologiche più accurate; - riduzione delle attività di rilavorazione del pezzo intervenendo immediatamente all insorgere del problema; - riduzione dei costi di logistica e trasporto dei pezzi che non possono essere controllati internamente quando le dimensioni del pezzo eccedono le capacità interne di controllo; questo significa minor consumo di combustibili, minor consumo di energia elettrica per carri ponte, minor consumi di imballi per il trasporto; - attivazione di una politica di manutenzione preventiva e predittiva per ridurre il deterioramento della macchina. Bibliografia 20 G. Malagola, A. Ponterio, La metrologia dimensionale per l industria meccanica, Edizioni Augusta, Torino (www.metrologiadimensionale.it) G. Malagola, Misurare per mantenere, Manutenzione, Tecnica e Management, Anno X, 11/2003 G. Malagola, A. Ponterio, La valutazione sperimentale dell incertezza di misura in ambito industriale, Tutto_Misure 01/2003 G. Malagola, A. Ponterio, La misura dei diametri interni ed esterni nell industria meccanica, Tutto_Misure 02/2003 G. Branca, G. Malagola, Problematiche di misura dell umidità relativa Dossier Manutenzione Civile Manutenzione, Tecnica e Management 04/2005 Malagola G., Ponterio A., Determinazione dell incertezza strumentale in funzione dell errore massimo ammesso II Congresso Italiano di Metrologia & Qualità Milano 2001 G. Malagola, A. Ponterio, Valutazione della incertezza di misura con calibri a corsoio, Tutto_Misure 1/

27 BI-MU Milano 5-9 Ottobre 2010 PIANETA GIOVANI. Il controllo numerico, la macchina, l'utensile: sinergia di tecnologie per eccellere

27 BI-MU Milano 5-9 Ottobre 2010 PIANETA GIOVANI. Il controllo numerico, la macchina, l'utensile: sinergia di tecnologie per eccellere 1 27 BI-MU Milano 5-9 Ottobre 2010 PIANETA GIOVANI Il controllo numerico, la macchina, l'utensile: sinergia di tecnologie per eccellere L evoluzione delle macchine utensili ad asportazione di truciolo

Dettagli

Applicazioni pratiche della ISO/TR 16907, Machine tools Numerical compensation of geometric errors

Applicazioni pratiche della ISO/TR 16907, Machine tools Numerical compensation of geometric errors Convegno QUALITÀ, SICUREZZA E AMBIENTE: LE NORME A SUPPORTO DELLA COMPETITIVITÀ NEL SETTORE DELLE MACCHINE UTENSILI BI-MU 2014 Applicazioni pratiche della ISO/TR 16907, Machine tools Numerical compensation

Dettagli

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI Antonio Scippa u macchine utensili u Ottimizzare i parametri per una lavorazione di fresatura su macchina a controllo numerico significa sfruttare in

Dettagli

Il collaudo geometrico di una macchina utensile

Il collaudo geometrico di una macchina utensile R 3.2 gennaio 2007 Il collaudo geometrico di una macchina utensile OR 3: Precision Engineering Responsabile Area 3: prof. ing. Giovanni Moroni Ricercatori: ing. Raffaele Lefemine Laboratorio MUSP- Macchine

Dettagli

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa

L automazione. L automazione. Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa L automazione 1 L automazione Insieme delle tecniche e dei metodi per sostituire o ridurre l intervento umano in un attività lavorativa Politecnico di Torino 1 Automazione delle macchine utensili (M.U.)

Dettagli

Ing. Gianfranco Malagola ALESAMONTI Barasso (VA)

Ing. Gianfranco Malagola ALESAMONTI Barasso (VA) La manutenzione delle macchine utensili: situazione attuale e prospettive future dal punto di vista del costruttore di macchine. L esperienza di Alesamonti Ing. Gianfranco Malagola ALESAMONTI Barasso (VA)

Dettagli

MMSC3 Sistema di calibrazione per guida robot bidimensionale e tridimensionale basato su visione artificiale

MMSC3 Sistema di calibrazione per guida robot bidimensionale e tridimensionale basato su visione artificiale Atti del V Congresso Metrologia & Qualità (Marzo 2007) MMSC3 Sistema di calibrazione per guida robot bidimensionale e tridimensionale basato su visione artificiale M. GALIMBERTI (1), R.SALA (2), N.CAPELLI

Dettagli

ALLINEAMENTO Macchine Utensili

ALLINEAMENTO Macchine Utensili ApplicationNotes be ALLINEAMENTO Macchine Utensili Centri di lavoro e linee a trasferta Sistema raccomandato : L-743 Sistema di Allineamento per Macchine Utensili Qualunque sia la macchina, Foratrice,

Dettagli

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ

10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10 CONTROLLO STATISTICO DELLA QUALITÀ 10.2.2 Il controllo di un processo Considerazioni sulle carte di controllo A fianco del numero di elementi non conformi delle carte di controllo p e pn e del numero

Dettagli

INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO

INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO Il progetto, dalla parola latina proiectus, è un insieme di operazioni che hanno lo scopo di realizzare

Dettagli

MTL1 OPTICAL MEASURING MACHINE. Italian Version

MTL1 OPTICAL MEASURING MACHINE. Italian Version MT1 OPTICA MEASURING MACHINE Italian Version 2 Molteplici misure con un unico strumento: MT1 MT1 Una grande area di misura pari a 300x60 mm in una pratica e compatta macchina di misura per pezzi torniti.

Dettagli

MISURE DIMENSIONALI MISURE DIMENSIONALI: - Sistemi a contatto. - Sistemi senza contatto.

MISURE DIMENSIONALI MISURE DIMENSIONALI: - Sistemi a contatto. - Sistemi senza contatto. MISURE DIMENSIONALI Modello: tubo cilindrico misurato con forcelle del calibro caratterizzate da superfici piane e parallele fra loro. MISURE DIMENSIONALI: D Diametro del tubo misurato con calibro. Ripetendo

Dettagli

Tecnologia di piegatura economica: TruBend Serie 3000. Macchine utensili / Utensili elettrici Tecnologia laser / Elettronica Tecnologia medicale

Tecnologia di piegatura economica: TruBend Serie 3000. Macchine utensili / Utensili elettrici Tecnologia laser / Elettronica Tecnologia medicale Tecnologia di piegatura economica: TruBend Serie 3000 Macchine utensili / Utensili elettrici Tecnologia laser / Elettronica Tecnologia medicale Riferimento nella piegatura. Indice Riferimento nella piegatura.

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

Informazioni sul prodotto. Macchine di misura a portale mobile

Informazioni sul prodotto. Macchine di misura a portale mobile Informazioni sul prodotto PIONEER Macchine di misura a portale mobile PIONEER... PIONEER è la soluzione perfetta sia per utilizzatori che acquistano la loro prima macchina di misura a coordinate sia per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza Corso di Disegno Tecnico Industriale per il Corso di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria Meccatronica Tolleranze

Dettagli

Corso Master: (Febbraio Giugno 2009) (52 ore d aula) In collaborazione con: Presenta il: FORMAZIONE SPECIALISTI DELLE MISURE

Corso Master: (Febbraio Giugno 2009) (52 ore d aula) In collaborazione con: Presenta il: FORMAZIONE SPECIALISTI DELLE MISURE FORMAZIONE SPECIALISTI DELLE MISURE Studio dei principi e dell'applicazione delle metodologie tecniche ed organizzative per la qualità dei prodotti, dei servizi e discipline connesse. In collaborazione

Dettagli

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Sistemi di gestione di Qualità: certificazione (UNI EN ISO 9001:2008) ed accreditamento (UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005) ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Ferrara, 11 Maggio 2011 Rita Settimo Arpa Ferrara

Dettagli

Industria e Taratura - novità, progetti, programmi

Industria e Taratura - novità, progetti, programmi ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Industria e Taratura - novità, progetti, programmi Mario Mosca Direttore Dipartimento Laboratori di Taratura m.mosca@accredia.it 011 3 919 735 AFFIDABILITA &

Dettagli

INFORMAZIONI SUL PRODOTTO. m&h PRESETTING LASER Misurare sulle macchine utensili rapido e preciso

INFORMAZIONI SUL PRODOTTO. m&h PRESETTING LASER Misurare sulle macchine utensili rapido e preciso INFORMAZIONI SUL PRODOTTO m&h PRESETTING LASER Misurare sulle macchine utensili rapido e preciso m&h PRESETTING LASER... Applicazioni e programmi di misura Una qualità della produzione costante richiede

Dettagli

Marketing & Communication Dept. 03/10/2014. SMIMec Company Profile

Marketing & Communication Dept. 03/10/2014. SMIMec Company Profile Marketing & Communication Dept. 03/10/2014 SMIMec Company Profile 1 Profilo SMIMEC SMIMec è la super officina del Gruppo SMI; Costituita nel 1999, dal 2004 è organizzata come una vera e propria divisione

Dettagli

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto.

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto. 1 T I P I D I P R O D U Z I O N E Per PRODUZIONE s intende l insieme delle lavorazioni, dei controlli, dei montaggi necessari alla realizzazione di un particolare o di un complessivo. La produzione può

Dettagli

Misure di durezza. Caratteristiche dei durometri automatici

Misure di durezza. Caratteristiche dei durometri automatici Misure di durezza La misura della durezza relativa a gomma e plastica è una misura di rigidità ottenuta tramite un test di penetrazione. La durezza viene calcolata in base all affondamento di un penetratore

Dettagli

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova Perugia, 30 giugno 2005 D.ssa Daniela Vita ISO/IEC 17025:2005 1 Differenza tra UNI EN ISO 9001:2000 e ISO/IEC 17025:2005 La norma UNI EN ISO 9001:2000 definisce

Dettagli

MD-09-01-DL/DSp rev.0 Pag. 1 di 12. Sigla.. Sede. Pag... di... 7. REQUISITI TECNICI

MD-09-01-DL/DSp rev.0 Pag. 1 di 12. Sigla.. Sede. Pag... di... 7. REQUISITI TECNICI Pag. 1 di 12 7. REQUISITI TECNICI L ispettore tecnico deve compilare l intestazione della propria check list con i dati pertinenti dell organizzazione. A fine visita, deve consegnare all ispettore di sistema

Dettagli

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Lo schema seguente descrive l evoluzione dei sistemi di produzione industriale con l avvento dell automazione. Vengono presi in considerazione la lavorazione alle macchine utensili,

Dettagli

TITOLO: CONTRIBUTI DI INCERTEZZA DERIVANTI DAI RISULTATI DI TARATURA DEI TRASDUTTORI DI FORZA E STIMA DELLE VARIANZE

TITOLO: CONTRIBUTI DI INCERTEZZA DERIVANTI DAI RISULTATI DI TARATURA DEI TRASDUTTORI DI FORZA E STIMA DELLE VARIANZE Identificazione: SIT/Tec-013/05 Revisione: 0 Data 2005-06-06 Pagina 1 di 10 Annotazioni: Il presente documento è ispirato al rapporto interno IMGC 1040. COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA

Dettagli

E0322B221 23/02/2015 10/03/2015

E0322B221 23/02/2015 10/03/2015 E0322B221 Attività professionali non regolamentate - Personale tecnico delle imprese che trasformano i veicoli per l uso dei gas GNC e GPL - Parte 1 - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza La norma

Dettagli

Sommario FORM 20 FORM 30. Il generatore Preparazione del lavoro. Highlights Struttura meccanica Controllo

Sommario FORM 20 FORM 30. Il generatore Preparazione del lavoro. Highlights Struttura meccanica Controllo FORM 20 FORM 30 Il miglior rapporto qualità-prezzo 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Controllo 4 6 10 Il generatore Preparazione del lavoro GF AgieCharmilles 12 13 14 FORM 20 FORM 30 La macchina

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA; PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE; IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni Meccaniche

Dettagli

DI MISURAZIONE CON CMM. di Gianfranco Costelli. stagionali di ± 1 C, a cui si sovrappongono oscillazioni giornaliere di ± 1 C.

DI MISURAZIONE CON CMM. di Gianfranco Costelli. stagionali di ± 1 C, a cui si sovrappongono oscillazioni giornaliere di ± 1 C. P R O B I N G ARTICOLO SELEZIONATO DA PROBING N 10 Notiziario semestrale di tecnica ed informazione dell Associazione CMM Club Italia STIMA DELL INCERTEZZA DI UN PROCESSO DI MISURAZIONE CON CMM di Gianfranco

Dettagli

Minicorso Regole di Disegno Meccanico

Minicorso Regole di Disegno Meccanico Parte 3 Minicorso Regole di Disegno Meccanico di Andrea Saviano Tolleranze dimensionali di lavorazione Accoppiamenti mobili, stabili e incerti Giochi e interferenze Posizione della zona di tolleranza e

Dettagli

IL TORNIO CNC PRINCIPI FONDAMENTALI Tornio a CNC Graziano CTX310 Controllo Siemens 840D con Shop Turn

IL TORNIO CNC PRINCIPI FONDAMENTALI Tornio a CNC Graziano CTX310 Controllo Siemens 840D con Shop Turn ========================================================== SCUOLA PROFESSIONALE PROVINCIALE PER L INDUSTRIA L ARTIGIANATO ED IL COMMERCIO GUGLIELMO MARCONI Via K. WOLF 42. I-39012 Merano (BZ) Tel.: +39

Dettagli

Per vincere la sfida del mercato servono 5 assi

Per vincere la sfida del mercato servono 5 assi Fresatrici Mikron HEM 500U / HEM 700U Per vincere la sfida del mercato servono 5 assi Fresatrici Mikron HEM 500U / HEM 700U Mikron HEM 500U / HEM 700U Vincono in produttività Si adattano ad ogni settore

Dettagli

m&h SISTEMI DI TASTATORI

m&h SISTEMI DI TASTATORI CASE STUDY m&h SISTEMI DI TASTATORI E SOFTWARE Walther Wolf GmbH, Wendelstein,Germania Enorme guadagno di tempo di Karl-Heinz Gies La misurazione delle superfici sulla macchina utensile non solo assicura

Dettagli

- alberi scanalati - mandrini con cono ISO e HSK, con o senza profilo scanalato - cannotti - flange - master di controllo - accessori speciali

- alberi scanalati - mandrini con cono ISO e HSK, con o senza profilo scanalato - cannotti - flange - master di controllo - accessori speciali L Officina Meccanica di Precisione Prandi nasce nel 1952 dalla passione per la meccanica del suo fondatore Guerino Prandi. Il nostro core business è la fabbricazione, su disegno, di componenti meccanici

Dettagli

FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI (TRE ASSI LINEARI E TAVOLA ROTANTE)

FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI (TRE ASSI LINEARI E TAVOLA ROTANTE) 1 FRESATRICE A BANCO FISSO FMC 4 ASSI (TRE ASSI LINEARI E TAVOLA ROTANTE) CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE STRUTTURA DELLA MACCHINA La struttura, realizzata completamente in fusione di ghisa perlitica stabilizzata,

Dettagli

Intervista all Ing Michael Bubolz, Amministratore Delegato della Azienda Micheal Bubolz Zerspannungstechnick

Intervista all Ing Michael Bubolz, Amministratore Delegato della Azienda Micheal Bubolz Zerspannungstechnick MICROTECNICA + COMPONENTI Tecnica medicale Intervista all Ing Michael Bubolz, Amministratore Delegato della Azienda Micheal Bubolz Zerspannungstechnick LA 305LINEAR SCHÜTTE: MAGAZZINO A CINQUE POSTAZIONI

Dettagli

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione Prof. Arturo Capasso LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione si occupa della trasformazione fisica dei prodotti e delle attività accessorie necessarie per rendere

Dettagli

LABORATORIO METROLOGICO. Descrizione del Servizio

LABORATORIO METROLOGICO. Descrizione del Servizio LABORATORIO METROLOGICO Descrizione del Servizio 1. PRESENTAZIONE... 3 2. NORME DI RIFERIMENTO... 5 3. MISURE EFFETTUATE... 6 3.1. Catena metrologica... 6 3.2. Grandezze... 6 3.3. Strumenti campione di

Dettagli

Misure laser e diagnosi ballbar per sistemi di movimento

Misure laser e diagnosi ballbar per sistemi di movimento Sistema laser XL-80 Sistema ballbar QC20-W wireless Misure laser e diagnosi ballbar per sistemi di movimento Ballbar Controlla l accuratezza del posizionamento della macchina ed esegue una diagnosi automatica

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO IL CICLO DI LAVORAZIONE. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO IL CICLO DI LAVORAZIONE. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO IL CICLO DI LAVORAZIONE Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 Si definisce CICLO DI LAVORAZIONE la successione delle operazioni da compiere per la produzione di un particolare meccanico,

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h)

4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 37 4. Nome e direzione degli assi (2h) (teoria: 1h, pratica: 1h) 4.1 La disposizione degli assi secondo la norma ISO Ogni asse è definito dal verso e dalla direzione di movimento della slitta ed è caratterizzato

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Sistemi di fissaggio Renishaw Una soluzione completa per tutte le applicazioni di metrologia

Sistemi di fissaggio Renishaw Una soluzione completa per tutte le applicazioni di metrologia H-1000-0086-02-A Sistemi di fissaggio Renishaw Una soluzione completa per tutte le applicazioni di metrologia Sistemi di fissaggio per CMM Sistemi di fissaggio per macchine di visione Sistemi di fissaggio

Dettagli

Manuale utente. Ingranometro DO-0 PC

Manuale utente. Ingranometro DO-0 PC Manuale utente Ingranometro DO-0 PC Indice 1. Elenco degli articoli... 3 2. Introduzione... 4 3. Descrizione... 5 3.1 Caratteristiche generali... 5 3.2. Parametri controllati... 6 3.3 Caratteristiche generali...

Dettagli

SCELTA DEL TIPO DI FRESA

SCELTA DEL TIPO DI FRESA LAVORAZIONE CON FRESE A CANDELA SCELTA DEL TIPO DI FRESA La scelta del tipo di fresa a candela dipende dal grado di tolleranza e finitura superficiale richiesti. Utilizzare una fresa riaffilabile per applicazioni

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

Software per centro di lavorazione

Software per centro di lavorazione Scheda tecnica H-2000-2295-13-B Software per centro di lavorazione - caratteristiche del software NOVITÀ ORA DISPONIBILI Software base EasyProbe Presetting utensili senza contatto Pacchetti software per

Dettagli

PROVE DI RESISTENZA SU RETI DI SICUREZZA

PROVE DI RESISTENZA SU RETI DI SICUREZZA PROVE DI RESISTENZA SU RETI DI SICUREZZA Oggetto delle prove Reti di sicurezza con maglia quadrata, realizzate con funi di nylon 6. I seguenti campioni di rete sono stati prelevati dalla produzione del

Dettagli

MODUS. Centro di Lavoro a 3 assi controllati con rotazione tavolo porta profili -90, 0, +90 per la lavorazione su 3 facce del profilo.

MODUS. Centro di Lavoro a 3 assi controllati con rotazione tavolo porta profili -90, 0, +90 per la lavorazione su 3 facce del profilo. MODUS Centro di Lavoro a 3 assi controllati con rotazione tavolo porta profili -90, 0, +9 per la lavorazione su 3 facce del profilo. CARATTERISTICHE TECNICHE: Carenatura perimetrale con apertura portellone

Dettagli

CNC PER PANTOGRAFO DA TAGLIO E INCISIONE CATALOGO APPLICAZIONI. Versione 1.1 08/08/2013. ISAC S.r.l.

CNC PER PANTOGRAFO DA TAGLIO E INCISIONE CATALOGO APPLICAZIONI. Versione 1.1 08/08/2013. ISAC S.r.l. CATALOGO APPLICAZIONI CNC PER PANTOGRAFO DA TAGLIO E INCISIONE Versione 1.1 08/08/2013 ISAC S.r.l. CAPITALE SOCIALE 100.000,00 C.F. e P.I. 01252870504 VIA MAESTRI DEL LAVORO, 30 56021 CASCINA (PI) ITALY

Dettagli

Elementi in legno massiccio: lavorazione completamente automatizzata

Elementi in legno massiccio: lavorazione completamente automatizzata Elementi in legno massiccio: lavorazione completamente automatizzata Centro di lavoro WMP per pareti PIU VALORE Competenza: l elemento base per le innovazioni E il mercato che decide e la WEINMANN è in

Dettagli

GESTIONE QUALITA : DAL TQM ALLE CERTIFICAZIONI ISO 9000

GESTIONE QUALITA : DAL TQM ALLE CERTIFICAZIONI ISO 9000 GESTIONE QUALITA : DAL TQM ALLE CERTIFICAZIONI ISO 9000 Seminario del corso Progetto e misura della qualità a cura di Michele Incagli 1 Contenuti del seminario/1 Qualità: introduzione e cenni storici Definizione

Dettagli

ACCREDIA L ente italiano di accreditamento. Panoramica sui nuovi decreti legislativi e ricaduta in termini di nuove richieste di taratura

ACCREDIA L ente italiano di accreditamento. Panoramica sui nuovi decreti legislativi e ricaduta in termini di nuove richieste di taratura ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Panoramica sui nuovi decreti legislativi e ricaduta in termini di nuove richieste di taratura 23 Diego ORGIAZZI Rosalba MUGNO XXIX Convegno dei Centri di Taratura

Dettagli

attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392

attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392 attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392 392 5.4.1 celle di carico tecnotest unità di controllo digitale monotronic monotronic - centralina digitale a microprocessore AD 005

Dettagli

e qualità della produzione nell automotive

e qualità della produzione nell automotive PRODUZIONE AUTOMOTIVE Certificazione ISO/TS e qualità della produzione nell automotive Immagine Fiat di Fabrizio Crosta e Sergio Pio Angelillis Grazie all introduzione di un sistema software integrato

Dettagli

Schumacher Precision Tools GmbH

Schumacher Precision Tools GmbH Image-Broschure Tecnologia della Filettatura Schumacher Precision Tools GmbH Prodotti Applicazioni Servizi L impresa Utensili di precisione dal 1918 Schumacher produce utensili di alta qualità e precisione

Dettagli

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Como / Collegio dei Geometri della Provincia di Como / Ordine degli Architetti della Provincia di Como / Ordine

Dettagli

Misure di pressione: i campioni di misura e la taratura degli strumenti

Misure di pressione: i campioni di misura e la taratura degli strumenti Misure di pressione: i campioni di misura e la taratura degli strumenti Mercede Bergoglio e Gianfranco Molinar - CNR Torino (IMGC-CNR) Istituto di Metrologia G. Colonnetti Istituto di Metrologia G. Colonnetti

Dettagli

QUOTATURA DISEGNO TECNICO

QUOTATURA DISEGNO TECNICO QUOTATURA DISEGNO TECNICO La quotatura costituisce il complesso delle informazioni in un disegno che precisano le dimensioni di un oggetto o di un componente meccanico. La quotatura deve quindi definire

Dettagli

Il tappeto dei piani nel carone ondulato

Il tappeto dei piani nel carone ondulato Il tappeto dei piani nel carone ondulato Le funzioni che i tappeti dei piani devono assolvere nel processo di fabbricazione del cartone ondulato si possono distinguere in due categorie: FUNZIONI MECCANICHE

Dettagli

LaserControl NT. controllo utensile affidabile notevole precisione controllo usura estremamente preciso

LaserControl NT. controllo utensile affidabile notevole precisione controllo usura estremamente preciso LaserControl NT controllo utensile affidabile notevole precisione controllo usura estremamente preciso LaserControl NT I Sistemi Laser Blum costituiscono lo standard riconosciuto nella misura utensili.

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH94 Pag. 1 di 7 PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER 1 26.09.2002 Rev. Generale

Dettagli

Misurare sulle macchine utensili Soluzioni software per la misura

Misurare sulle macchine utensili Soluzioni software per la misura Misurare sulle macchine utensili Soluzioni software per la misura Controllo in macchina Controllo di processo Soluzioni Software a scalare m&h Inprocess Messtechnik GmbH, leader tecnologico per la misura

Dettagli

LAVORAZIONI MONTESI Componentistica su disegno per spostamenti lineari vite-madrevite

LAVORAZIONI MONTESI Componentistica su disegno per spostamenti lineari vite-madrevite LAVORAZIONI MONTESI Componentistica su disegno per spostamenti lineari vite-madrevite Componentistica su disegno per spostamenti lineari vite-madrevite Affidabilità Meccanica Obiettivi Sappiamo quanto

Dettagli

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA ANDREA MARIO FRANCHINI I VANTAGGI DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA La fusione sinergica delle conoscenze meccaniche, elettroniche e informatiche consente di giungere a nuovi concetti di macchina e a uno

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

MANUFATTI IN CALCESTRUZZO CON TAPPETINI SOTTO TRAVERSA (USP) SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA INDICE I PARTE I... 3 II PARTE II... 5 III PARTE III...

MANUFATTI IN CALCESTRUZZO CON TAPPETINI SOTTO TRAVERSA (USP) SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA INDICE I PARTE I... 3 II PARTE II... 5 III PARTE III... 2 di 20 INDICE I PARTE I... 3 I.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 I.2 DOCUMENTAZIONE CORRELATA... 3 I.3 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 4 II PARTE II... 5 II.1 INTRODUZIONE... 5 II.2 GENERALITÀ... 5

Dettagli

Produzione di ingranaggi in piccole-medie aziende

Produzione di ingranaggi in piccole-medie aziende Produzione di ingranaggi in piccole-medie aziende La produzione di ingranaggi in grande serie, tipica del settore automobilistico, ha come primo problema la riduzione dei tempi di lavorazione, con lo scopo

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

CONTROLLO NUMERICO NCONEx

CONTROLLO NUMERICO NCONEx CONTROLLO NUMERICO NCONEx I' NCONEx é l'ultimo controllo numerico prodotto da CNI, riassume tutte le funzionalità dei precedenti controlli numerici sviluppati nell'ambito del gruppo CNI ed esprime al meglio

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Ph.D. Ing. Mosè Gallo Introduzione La produzione di un bene o l erogazione di in servizio richiede

Dettagli

LA PRECISIONE NEL CAMPO DEI NANOMETRI ERA SOLO UN'UTOPIA. IN SEGUITO VENNE PRECIMAR

LA PRECISIONE NEL CAMPO DEI NANOMETRI ERA SOLO UN'UTOPIA. IN SEGUITO VENNE PRECIMAR Prec i m a r. La pre ci s i o n e n el l a m i sura d el l e l ung hez z e LA PRECISIONE NEL CAMPO DEI NANOMETRI ERA SOLO UN'UTOPIA. IN SEGUITO VENNE PRECIMAR Ulteriori informazioni sui prodotti PRECIMAR

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

OBIETTIVO : RAFFORZARE LA COMPETITIVITÀ DEGLI OROLOGI SVIZZERI

OBIETTIVO : RAFFORZARE LA COMPETITIVITÀ DEGLI OROLOGI SVIZZERI OBIETTIVO : RAFFORZARE LA COMPETITIVITÀ DEGLI OROLOGI SVIZZERI I binari di guida lineari, sviluppati dal fabbricante di macchine utensili CNC Almac, garantiscono dei componenti di miglior qualità agli

Dettagli

COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA N CONSEGNATA A:

COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA N CONSEGNATA A: Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data 2001-11-08 Pagina 1 di 18 Annotazioni: COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA N CONSEGNATA A: 0 Emissione 2001-11-08 Sottocomitato tecnico

Dettagli

Fresatura Tornitura Rettifica Controllo Qualità 3D Assemblaggio. MECCANICALUGLI.com

Fresatura Tornitura Rettifica Controllo Qualità 3D Assemblaggio. MECCANICALUGLI.com resatura Rettifica ontrollo Qualità ssemblaggio MNILULIcom MNILULIcom Tecnologia ed esperienza al servizio dell industria L Officina meccanica di precisione Lugli medeo nasce nel 17 in un piccolo laboratorio

Dettagli

Corso di controllo numerico (Cnc iso)

Corso di controllo numerico (Cnc iso) Corso di controllo numerico (Cnc iso) A cura di Ferrarese Adolfo. - Copyright 2007 - Ferrarese Adolfo - Tutti i diritti riservati - 1 Prefazione: Il corso si articola in 8 sezioni: 7 lezioni più un'ampia

Dettagli

Corso di Disegno di Macchine + Abilità Informatiche. Test di autovalutazione 14 marzo 2012 / A

Corso di Disegno di Macchine + Abilità Informatiche. Test di autovalutazione 14 marzo 2012 / A Test di autovalutazione 14 marzo 2012 / A 1) Quali, tra le seguenti coppie, è composta da forme duali? a. Il piano punteggiato e la stella di piani; b. la retta punteggiata e lo spazio punteggiato; c.

Dettagli

RETTIFICA. Quando il gioco. 148 tecnologie meccaniche Ottobre 2011 www.tecnologiaindustriale.it 148 25/10/2011 12.13.38

RETTIFICA. Quando il gioco. 148 tecnologie meccaniche Ottobre 2011 www.tecnologiaindustriale.it 148 25/10/2011 12.13.38 RETTIFICA Quando il gioco 148 tecnologie meccaniche Ottobre 2011 www.tecnologiaindustriale.it 148 25/10/2011 12.13.38 D ossier Gli specialisti delle trafile La trafilatura rimane tutt oggi il mercato di

Dettagli

WINSTORE. Magazzino automatico

WINSTORE. Magazzino automatico WINSTORE Magazzino automatico Quando competitività significa riorganizzare la propria produzione Made In Biesse 2 Il mercato chiede un cambiamento nei processi produttivi che consenta di accettare il maggior

Dettagli

Le misure metrologiche per la direttiva MID

Le misure metrologiche per la direttiva MID Piero G. Squizzato Le misure metrologiche per la direttiva MID La nascita del denaro ha generato, come conseguenza, la necessità di unità di misura quantificanti i beni da acquistare con l unità di moneta,

Dettagli

Imetric: sinonimo di affidabilità e qualità

Imetric: sinonimo di affidabilità e qualità Imetric: sinonimo di affidabilità e qualità 2 La tecnologia di precisione Swiss-made Vicino alla catena montuosa del Giura, in una regione che è famosa per la sua industria orologiera e probabilmente conosciuta

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

VTE-60-FTD. Sirmu è una storica realtà di Rivanazzano

VTE-60-FTD. Sirmu è una storica realtà di Rivanazzano [ CENTRO DI TORNITURA-FRESATURA ] di Andrea Pagani SONO MOLTE LE MACCHINE CAPACI DI ESEGUIRE OPERAZIONI DI TORNITURA E FRESATURA, MA SI TRATTA PREVALENTEMENTE DI COMPROMESSI DELL UNA O DELL ALTRA OPERAZIONE.

Dettagli

Riproducibilità degli assi rotativi. Relatore Oscar Arienti Azienda: HEIDENHAIN ITALIANA S.r.l.

Riproducibilità degli assi rotativi. Relatore Oscar Arienti Azienda: HEIDENHAIN ITALIANA S.r.l. Riproducibilità degli assi rotativi Relatore Oscar Arienti Azienda: HEIDENHAIN ITALIANA S.r.l. Accuratezza del sistema Sistema di misura Progetto della macchina Accuratezza del sistema Elettronica Fattori

Dettagli

TOP CUT 500 ALLESTIMENTO BASE (A)

TOP CUT 500 ALLESTIMENTO BASE (A) TOP CUT 500 E una fresa a ponte, completamente costruita in fusione di ghisa, il movimento degli assi avviene su guide a ricircolo di sfere, mediante cremagliere ad alta precisione, riduttori a gioco ridotto

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE. Ing. Ricci Andrea Simone

Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE. Ing. Ricci Andrea Simone Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE Ing. Ricci Andrea Simone INCERTEZZA DI MISURA - Introduzione X SISTEMA Y Misura > complesso di attività volte alla valutazione

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi UNI EN ISO 3834 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 Perché considerare la UNI EN ISO 3834:2006 nella propria azienda?

Dettagli

Patrizia Rossi & Silvia Tramontin

Patrizia Rossi & Silvia Tramontin Patrizia Rossi & Silvia Tramontin Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate - Istituto Superiore di Sanità - Roma Dipartimento Laboratori di prova per la sicurezza degli alimenti

Dettagli

Incertezza delle misure e metodi di controllo

Incertezza delle misure e metodi di controllo Corso di Formazione APC MONITORAGGIO DI SPOSTAMENTI NEL SOTTOSUOLO E PRESSIONI INTERSTIZIALI SOTTO FALDA Incertezza delle misure e metodi di controllo Lucia Simeoni Università degli Studi dell Aquila Dipartimento

Dettagli

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS La srl progetta, costruisce, collauda ed installa impianti e macchine per la lavorazione dell EPS vantando 20 anni di esperienza nel settore. La continua ricerca

Dettagli

Abilità Scegliere e usare per ogni esigenza la strumentazione appropriata;

Abilità Scegliere e usare per ogni esigenza la strumentazione appropriata; Tecnica 1 della misurazione Obiettivi Conoscenza degli strumenti di misurazione e controllo delle dimensioni e delle forme dei pezzi; conoscenza delle tecniche di misurazione; conoscenza e comprensione

Dettagli

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 1 Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 Flavio Banfi ITALCERT Viale Sarca 336 20126 Milano banfi@italcert.it Cos è la certificazione? 2 La certificazione di conformità è l azione attestante

Dettagli

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie Moduli Applicativi BMS-PRS: Produzione di Serie BMS-PRC: Produzione a Commessa BMS-PIP: Pianificazione Produzione BMS-CNP: Configuratore di Prodotto BMS-QUA: Qualità e Non Conformità BMS-DOC: Gestione

Dettagli