Data Mining applicato ai sistemi informativi, una panoramica dei principali algoritmi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Data Mining applicato ai sistemi informativi, una panoramica dei principali algoritmi"

Transcript

1 Università degli Studi di Milano Polo Didattico e di Ricerca di Crema Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Sistemi Informativi Data Mining applicato ai sistemi informativi, una panoramica dei principali algoritmi Studenti: Massimo Manara Andrea Gobbi Docente del corso: Enrico Spoletini Anno Accademico 2005/2006

2 ..

3 Indice 3 Indice 1 Introduzione 4 2 Cosa è il Data Mining Un pò di storia Interdisciplinare Il processo Alcune tecniche Mining association rules Alberi di decisione GA - Algoritmi genetici Software CRM - Customers Oriented 14 5 Quali standard 15 6 E la Privacy? 16 A Articolo 17 A.1 Il data mining non serve per sconfiggere il terrorismo, ma si diffonde in Usa Bibliografia 20

4 4 1 Introduzione 1 Introduzione In ogni momento della nostra giornata siamo assaliti da moltissimi dati ed informazioni è importante tuttavia definire nel modo più chiaro possibile la distinzione tra dato ed informazione: Dato 1 : è qualcosa che possiamo vedere, ascoltare; per fare un esempio, un dato può essere un libro. Informazione 2 : l informazione, ci dà qualcosa in più sul dato; nell esempio fatto prima l informazione del dato libro potrebbe essere il titolo, l editore, il numero di pagine del libro [7]. Il data mining è un processo tramite il quale è possibile sapere sulla base di molti dati gli andamenti delle vendite, delle offerte; nel caso di un supermercato. Questa tecnica, può inoltre essere applicata a moltissimi campi; ed a sua volta fà uso di moltissime discipline: matematica, statistica, chimica, fisica, economia... Il data mining può essere visto come il naturale sviluppo dell IT, inoltre deve essere visto come risultato di un process. 1 Per dato nella legge italiana, si intende informazione codificata da un pc. 2 Per informazione nella legge italiana, si intende delle informazioni non contenute all interno del pc.

5 2 Cosa è il Data Mining 5 2 Cosa è il Data Mining Traducendo letteralmente il termine, si trova: miniera di dati; interpretando il termine nel contesto informatico, si può capire come questa sia la base di partenza di un processo che prende il nome di data mining. In altre parole, è un processo attraverso il quale è possibile grazie ad una quantità notevole di dati e attraverso particolari algoritmi, estrarre delle informazioni nascoste: estrarre la conoscenza; knowledge [1]. 2.1 Un pò di storia Figura 1: L evoluzione della tecnologia dei database 2.2 Interdisciplinare Le tecniche di data minig, possono essere applicate in moltissimi ambiti: ambito biomedico e DNA analysis, analisi finanziarie, telecomunicazioni... a

6 6 2 Cosa è il Data Mining sua volta la tecnica di DM, si basa molte altre discipline. Alcuni esempi: Data Mining Database technology Informatica Statistica Tecniche di visualizzazione dei dati Machine Learning (apprendimento automatico); infatti, l identificazione di pattern può paragonarsi all apprendimento, da parte del sistema data mining, di una relazione causale precedentemente ignota, cosa che trova applicazione in ambiti come quello degli algoritmi euristici e della intelligenza artificiale [4]. Altre 2.3 Il processo Il processo di data mining è formato da varie fasi: Data Cleaning In applicazioni reali, è difficile a volte riuscire a definire con precisione e con completezza le informazioni; consideriamo per esempio il caso di un database contenente dati identificativi di persone; non è detto che conosca tutti i dati di tutti i record. Come sopperire a questo problema: Tuple Ignorate Uso di attributi per completare quelli mancanti Usare il valore più probabile per completare quello mancante Correzione dei dati inconsistenti, riferimenti esterni. Data Integration Sempre più spesso, ed anche per motivi di prestazioni, i database sono distribuiti; progettati su piattaforme uguali, in questo caso non ci sono problemi o su piattaforme diversificate ed in questo caso possono sorgere problemi di integrazione appunto. Per risolvere questo problema, vanno considerati anche aspetti come la ridondanza 3 delle informazioni al fine di ridurre al minimo sprechi 3 Si intende un dato che può essere ricavato da altre tabelle

7 2 Cosa è il Data Mining 7 e perdita di prestazioni. Questi dati ridondanti possono essere trovati grazie ad una analisi di correlazione: r A,B = (A Ā) (B B) (n 1)σ a σ B (1) dove con n, si indica il numero di tuple, con Ā e B il significato 4 e σ A, σ B, la deviazione standard 5. Se il risultato dell equazione (1) è maggiore di 0 allora A e B sono correlati; cioè se cresce il valore di A anche B cresce. Se il valore è zero allora A e B sono indipendenti; mentre se il risultato è minore di zero A e B sono correlati negativamente, cioè se A cresce, B diminuisce. Data Trasformation In questa fase si cerca di trasformare o consolidare i dati affinché la forma di questi sia la più adatta alla applicazione degli algoritmi. In genere si procede in vari passi: Caratteristiche comuni (Smoothing): cluster, cioè avere gruppi di dati con caratteristiche comuni vedi Figura 2 a Pagina 7 Figura 2: Cluster Analisi 4 Significato: A Ā = n. 5 Deviazione (A standard: Ā) 2 σ A = n 1

8 8 3 Alcune tecniche Aggregazione: raggruppare i dati per mese di vendita ad esempio, per anno per settimana (Usato nella Data-Cube analisys, raggruppare dati secondo delle direzioni rappresentate sul cubo). Generalizzazione: dividere i dati in livelli di importanza, es. città, via, numero civico... Costruzione di attributi: per favorire il processo di ricerca, aggiungere nuovi attributi se necessario Data Mining L algoritmo usato viene eseguito su i dati al fine di produrre i risultati. Pattern evaluation Al fine di valutare se il pattern è valido, si cerca di rispondere alle seguenti domande: capire se è di facile lettura per l uomo, se sono interessanti tutti i patterns oppure solo alcuni; nella maggior parte dei casi solo alcuni. La risposta a queste domande è definita con una probabilità rappresentata dai concetti di supporto e confidenza [5]. Definiti come: supporto(x Y ) = P (X Y ). confidenza(x Y ) = P (Y X). Il primo rappresenta la percentuale di transazioni dove sono contenute sia X che Y ; mentre il secondo rappresenta la probabilità che una transazione che contiene X, contenga Y. Un esempio si può ottenere sostituendo ad X e Y dei valori ad esempio X = birra, Y = pannolini. 3 Alcune tecniche Esistono parecchi modi di analizzare i dati al fine di giungere a delle conclusioni; molti algoritmi già esistenti e molti studi ancora sono in continuo sviluppo per cercarne di nuovi e migliorarne, ottimizzarne altri. Alcuni di questi sono: Mining Association rules Applicata soprattutto nella MBA: Market basket Analysis Classification and Prediction Fanno parte di questa categoria i metodi Bayesiani, i GA Genetic Algorithms, approcci Fuzzy Cluster Analysis

9 3 Alcune tecniche Mining association rules Come già accennato questa tecnica viene usata nella Market Basket Analysis, la quale cerca di dare una risposta alla domanda Quale oggetti sono acquistati insieme da un acquirente? Tabella 1: Base di dati per basket analysis Transazione Data Oggetto Qta Prezzo 1 17/12/98 pantaloni-sci e 1 17/12/98 scarponi e 2 18/12/98 maglietta 1 25 e 2 18/12/98 giacca e 2 18/12/98 stivali e 3 18/12/98 giacca e 4 19/12/98 giacca e 4 19/12/98 maglietta 3 25 e Questa tecnica si basa sull uso dei concetti di supporto e confidenza presentati nella Sezione 2.3 a Pagina 6. Tabella 2: Regole di associazione Testa Corpo Supporto Confidenza pantaloni-sci scarponi 0.25 a 1 scarponi pantaloni-sci giacche magliette b magliette,stivali giacche a Numero di transazioni dove c è sia il corpo che la testa diviso il numero di transazioni totale; vedi Tabella 1 a Pagina 9 b Numero di transazioni dove c è sia il corpo che la testa diviso il numero di transazioni dove è presente il corpo vedi Tabella 1 a Pagina 9

10 10 3 Alcune tecniche 3.2 Alberi di decisione Un albero di decisione è un diagramma simile ad una struttura ad albero (vedi Figura 3 a Pagina 10), dove ogni nodo ha al suo interno ha un test su un attributo ed ogni scelta, rappresenta un risultato del test; le foglie dell albero rappresentano la classe o le classi di distribuzione. Questo algoritmi si basa sulla tecnica greedy. Figura 3: Albero di decisione La Figura 3 mostra l albero delle decisioni del concetto di acquirenti di computer; indica se una persona in base all età compra o meno un pc. Il percorso nodo radice, foglia, risulta essere la classe di previsione. 3.3 GA - Algoritmi genetici Questo tipo di algoritmi, si basa sull idea dell evoluzione naturale. In generale l evoluzione comincia come: Popolazione iniziale Creata con delle regole generate in modo casuale; ogni regola può essere rappresentata da una stringa di bit. Consideriamo ad esempio, due attributi booleani A 1, A 2 e due classi, C 1, C 2. La regola: if {A 1 && (not A 2 )} then C 2

11 3 Alcune tecniche 11 possa essere rappresentata dalla stringa di bit 100 dove i primi due bit rappresentano A 1, A 2 mentre l ultimo bit rappresenta C 2. Un altro esempio: if {not A 1 && (not A 2 )} then C 1 può essere codificato con la stringa di bit 001. Se ho una variabile k dove k > 2, allora si useranno k bit per rappresentarla. Dalla nozione di sopravvivenza, una nuova popolazione è formata da tutta una serie di regole. In genere la forma di una regola è valutata sulla base di un insieme semplice. I figli, sono creati attraverso il crossover; vengono prese un paio di regole e modificate, scambiate (swapped) per formare un nuovo paio di regole. Mentre con la fase di mutazione, vengono scelti dei bit in una regola ed in modo aleatorio vengono invertiti. Questo processo di evoluzione continua affinché la popolazione non è diventata della misura voluta. In genere questi tipi di algoritmi applicati all ottimizzazione dei problemi. Mentre nella data mining possono venire applicati per valutare la forma di altri algoritmi. Figura 4: Evoluzione

12 12 3 Alcune tecniche 3.4 Software Figura 5: Progetto Weka Weka è una collezione di machine learning algorithms per il data mining. Questo programma è scritto in Java, e tramite questo linguaggio è possibile richiamare dei dataset su cui applicare gli algoritmi. Weka contiene degli strumenti per il pre-processing dei dati, per la classificazione, per il clustering e l associazione di regole. Figura 6: Screenshot Weka Questo software è stato sviluppato dall università di Waikato [6].

13 3 Alcune tecniche 13 Il secondo software che presentiamo è una suite commerciale di Microsoft: Microsoft Dynamics. È un software che permette di gestire una organizzazione nel suo insieme, fornendo anche un supporto per il data mining [9]. Figura 7: Microsoft Dynamics Altri vendors nel campo del data mining sono: SAS Oracle Integrazione del data mining nei database Angoss Una delle prime applicazioni per il data mining HNC Fornisce delle soluzioni mirate e specifiche Unica

14 14 4 CRM - Customers Oriented 4 CRM - Customers Oriented Le applicazioni di Customer Relationship Management (CRM) sono essenziali per acquisire e mantenere le relazioni con il Cliente. Includono aspetti di marketing automation, sales force automation. Questo tipo di applicazioni risultano fortemente strategiche per la sopravvivenza del business. L azienda ricorre alle soluzioni Customer Relationship Management per migliorare la qualità e l accessibilità delle informazioni attraverso una loro gestione ottimale, il tutto in un ottica customer-centric. Il concetto che sta alla base del Customer Relationship Management si riassume brevemente nella capacità di raccogliere e gestire in modo appropriato la conoscenza (da con confondere con informazione ) relativa ad un cliente o ad un gruppo di clienti che l azienda già possiede all interno della sua struttura ma che non usa in modo appropriato per incrementare la Customer Satisfaction come mezzo per raggiungere un elevata Customer Retention 6. In altre parole, le aziende tramite il data mining come supporto dei CRM, possono sapere molte informazioni, per esempio, le preferenze di acquisto dei loro clienti e quindi fornire un prodotto più mirato alle loro esigenze. 6 Tenere i clienti soddisfatti; in altre parole non perdere clienti.

15 5 Quali standard 15 5 Quali standard Predictive Model Markup Language 7 (PMML) Data Mining Group [10] basato su XML (DTD) Java Data Mining API(JSR ) 8 Oracle, Sun, IBM... Supporto per data mining APIs su piattaforme J2EE Costruzione, gestione, attività programmate [11] OLE 9 database a supporto del Data Mining Basati su tabelle Microsoft PMML In genere alcune applicazioni si basano su più standard per essere più produttive. 1 <? xml version =" 1.0 "?> <! DOCTYPE PMML [ 3 <! ELEMENT MapValuesPair EMPTY > <! ATTLIST MapValuesPair 5 column CDATA # REQUIRED in CDATA # REQUIRED 7 out CDATA # REQUIRED > 9 ]> <PMML version =" 2.0 "> 11 < Header copyright =" Copyright (c) 2001, Oracle Corporation. All rights reserved." > < Application name =" Oracle 9i Data Mining " version =" "/> 13 </ Header > 15 < Itemset id=" 1" support =" " numberofitems =" 1" > < ItemRef itemref ="2"/> 17 </ Itemset > < AssociationRule support =" " confidence =" " antecedent =" 5" consequent =" 170 "/> 19 < AssociationRule support =" " confidence =" " antecedent =" 170 " consequent ="5"/> </ AssociationModel > 21 </ PMML > Codice 1: Esempio PMML 7 Predictive Model Markup Language (PMML) è un linguaggio basato su XML che descrive modelli statistici e di data mining. 8 È uno standard Java che permette di comunicare con altri standard ad esempio PMML. 9 Object Linking and Embedding

16 16 6 E la Privacy? 6 E la Privacy? In Italia esiste la legge 31 dicembre 1996, n. 675: Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 5 dell 8 gennaio Supplemento Ordinario n. 3; la quale regola il trattamento dei dati personali. È stata puoi riunita con il decreto legislativo n 196 del 30 giugno 2003 che ha fornito un Testo Unico per la privacy (L. 675/96, DPR 318/99). Ad esempio nel CAPO 3, Sezione 1, Art. 9: 1. I dati personali oggetto di trattamento devono essere: (a) trattati in modo lecito e secondo correttezza; (b) raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini non incompatibili con tali scopi; (c) esatti e, se necessario, aggiornati; (d) pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati; (e) conservati in una forma che consenta l identificazione dell interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati. Un altra importante parte è quella del consenso. Abbiamo aggiunto questa sezione sulla privacy in quanto è importante sapere che dati si stia trattando, a volte questo aspetto viene sottovalutato, a discapito delle persone e delle norme vigenti.

17 A Articolo 17 A Articolo A.1 Il data mining non serve per sconfiggere il terrorismo, ma si diffonde in Usa. Nel mondo post-11 settembre si presta molta attenzione a unire i punti. Molti credono che il data mining sia la sfera di cristallo che ci permetterà di svelare future trame terroristiche Nel mondo post-11 settembre si presta molta attenzione a unire i punti. Molti credono che il data mining sia la sfera di cristallo che ci permetterà di svelare future trame terroristiche. Ma anche nelle proiezioni più sfrenatamente ottimistiche, il data mining non è sostenibile per tale scopo. Non stiamo barattando la privacy per la sicurezza; stiamo rinunciando alla privacy senza ottenere in cambio alcuna sicurezza. Moltissime persone scoprirono per la prima volta in che cosa consiste il data mining nel novembre 2002, quando fece notizia un massiccio programma governativo di data mining chiamato Total Information Awareness. L idea di fondo era audace quanto ripugnante: raccogliere quanti più dati possibile su chiunque, passarli al vaglio grazie a potentissimi calcolatori, e investigare quei pattern, quelle ricorrenze che potrebbero indicare trame terroristiche. Gli americani di ogni credo politico denunciarono il programma, e nel settembre 2003 il Congresso ne eliminò i fondi e ne chiuse gli uffici. Ma Total Information Awareness non scomparve. Secondo The National Journal cambiò semplicemente nome e fu spostato all interno del Dipartimento della Difesa. Ciò non dovrebbe sorprendere. Nel maggio 2004, il General Accounting Office pubblicò un rapporto che elencava 122 diversi programmi di data mining varati dal governo federale che si servivano delle informazioni personali dei cittadini. Tale lista non comprendeva i programmi segreti, come le intercettazioni della NSA o programmi a livello statale come MATRIX 10. La promessa del data mining è avvincente, e molti ne sono affascinati. Ma tutto ciò è sbagliato. Non scopriremo trame terroristiche con sistemi 10 Informazioni reperibili all indirizzo: res html, (Multistate Anti-TeRrorism Information exchange) è un sistema di sorveglianza che combina informazioni su persone da database governativi ed altri database di multinazionali.

18 18 A Articolo come questo, e siamo in procinto di sprecare risorse preziose inseguendo falsi allarmi. Per capire perché, occorre osservare l economia del sistema. La sicurezza è sempre un compromesso, e perché un sistema sia valido, i vantaggi devono essere maggiori degli svantaggi. Un programma di data mining nazionale troverà una certa percentuale di attacchi reali, e una certa percentuale di falsi allarmi. Se i benefici derivanti dall individuare e dal fermare quegli attacchi superano i costi (in denaro, in libertà, ecc.) allora il sistema è buono. In caso contrario, sarebbe preferibile spendere quei costi in altro modo. Il data mining funziona al meglio quando si è alla ricerca di un ben determinato profilo, un numero ragionevole di attacchi ogni anno, e un costo contenuto per i falsi allarmi. La frode delle carte di credito è un caso di successo del data mining: tutte le compagnie di carte di credito esaminano i propri database delle transazioni in cerca di pattern di spesa che indichino la presenza di una carta di credito rubata. Molti ladri di carte di credito presentano un simile pattern: l acquisto di costosi beni di lusso, l acquisto di oggetti facilmente smerciabili tramite ricettazione, ecc.; e i sistemi di data mining in molti casi possono minimizzare le perdite bloccando la carta. In più, il costo dei falsi allarmi è rappresentato solo da una telefonata al titolare della carta, richiedendogli di verificare un paio di acquisti. E i titolari delle carte non sono nemmeno seccati da queste chiamate (purché avvengano di rado), per cui il costo si riduce semplicemente ad alcuni minuti di chiamata con un operatore. Le trame terroristiche sono differenti. Non esiste un profilo ben determinato, e gli attacchi sono molto rari. Presi insieme, questi fatti significano che i sistemi di data mining non rileveranno alcun complotto terroristico a meno che non siano molto accurati, e che anche i sistemi più accurati saranno talmente inondati da falsi allarmi da diventare inutili. [... ] Per ridurre entrambi quei numeri, è necessario un profilo ben definito. Ed è questo il problema quando si è alle prese con il terrorismo. Col senno di poi, era davvero semplice unire i punti dell 11 settembre e puntare ai vari segnali d allarme, ma è molto più difficile prima dell evento. Di sicuro esistono segnali d allarme comuni a molti complotti terroristici, ma ognuno è al tempo stesso unico. Più è possibile definire nei dettagli ciò che si sta cercando, migliori saranno i risultati. Il data mining alla caccia di trame terroristiche è destinato a essere approssimativo, e sarà difficile scoprire qualcosa di utile.

19 A Articolo 19 Il data mining è come cercare un ago in un pagliaio. Vi sono 900 milioni di carte di credito in circolazione negli Stati Uniti. Secondo lo FTC Identity Theft Survey Report del settembre 2003, ogni anno circa l 1% (10 milioni) delle carte di credito viene rubato e usato in modo fraudolento. Il terrorismo è diverso. Vi sono trilioni di connessioni fra persone ed eventi (cose che il sistema di data mining dovrà osservare) e pochissimi complotti. Questo livello di rarità rende inutili persino i sistemi di identificazione più accurati. [... ] Questo sistema irrealisticamente accurato genererà un miliardo di falsi allarmi per ogni complotto terroristico rilevato. Ogni giorno di ogni anno le forze dell ordine dovranno investigare 27 milioni di potenziali complotti per poter arrivare a scoprire l unico vero complotto terroristico ogni mese. Aumentiamo l accuratezza dei falsi positivi a un assurdo 99,9999% e si dovranno affrontare ancora falsi allarmi al giorno; ma questo farà aumentare inevitabilmente anche i falsi negativi, e sarà molto probabile mancare uno di quei dieci veri complotti terroristici. [... ] Il data mining può funzionare. Aiuta Visa a contenere i costi delle frodi, così come aiuta Amazon.com a mostrarmi libri che potrebbero interessarmi e che potrei comprare, e Google a mostrarmi annunci pubblicitari che potrebbero incuriosirmi. Ma queste sono tutte istanze in cui il costo dei falsi positivi è basso (una chiamata di un operatore Visa, un annuncio non interessante) e riguardano sistemi che hanno valore anche se il numero di falsi negativi è elevato. Scoprire complotti terroristici non è un problema che si presta a essere risolto dal data mining. È il tipico caso dell ago nel pagliaio, e aumentare la pila di paglia non facilita la risoluzione del problema. Sarebbe molto meglio incaricare persone all investigazione di potenziali trame terroristiche e permettere a queste persone di dirigere i computer, invece di assegnare l incarico ai computer e lasciar decidere a loro chi bisognerebbe indagare [2], [3]. di Bruce Schneier #comments

20 20 Riferimenti bibliografici Riferimenti bibliografici [1] Jiawei Han M. Kamber (2001), Data Mining Concepts and Tecniques Morgan Kuafmann Publishers [2] [3] [4] Data mining Data accesso [5] P. Atzeni, S. Ceri, S. Paraboshi, R. Torlone (1999), Basi di dati Seconda edizione McGraw-Hill [6] [7] M. J. A. Berry, G. Linoff (1997), Data mining techniques For Marketing, Sales, and Custumer Suport Wiley Computer Publishing [8] Paolo Giudici (2001), Data mining Metodi statistici per le applicazioni aziendali McGraw-Hill [9] 0/navision_40_release.mspx [10] [11]

Introduzione alle tecniche di Data Mining. Prof. Giovanni Giuffrida

Introduzione alle tecniche di Data Mining. Prof. Giovanni Giuffrida Introduzione alle tecniche di Data Mining Prof. Giovanni Giuffrida Programma Contenuti Introduzione al Data Mining Mining pattern frequenti, regole associative Alberi decisionali Clustering Esempio di

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali

Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO RUBERTI Cenni al Data Mining 1 Data Mining nasce prima del Data Warehouse collezione di tecniche derivanti da Intelligenza Artificiale,

Dettagli

DATA MINING. Data mining. Obiettivo: estrarre informazione nascosta nei dati in modo da consentire decisioni strategiche

DATA MINING. Data mining. Obiettivo: estrarre informazione nascosta nei dati in modo da consentire decisioni strategiche DATA MINING datamining Data mining Obiettivo: estrarre informazione nascosta nei dati in modo da consentire decisioni strategiche Una materia interdisciplinare: - statistica, algoritmica, reti neurali

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com. Il processo di KDD Il processo di KDD Introduzione Crescita notevole degli strumenti e delle tecniche per generare e raccogliere dati (introduzione codici a barre, transazioni economiche tramite carta di credito, dati da

Dettagli

Data Mining: Applicazioni

Data Mining: Applicazioni Sistemi Informativi Universitá degli Studi di Milano Facoltá di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione 1 Giugno 2007 Data Mining Perché il Data Mining Il Data

Dettagli

-Possibilità di svolgere le attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet.

-Possibilità di svolgere le attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet. COMMERCIO ELETTRONICO -Possibilità di svolgere le attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet. -Un qualsiasi tipo di transazione tendente a vendere o acquistare un prodotto

Dettagli

Data mining. Data Mining. processo di Data Mining estrarre automaticamente informazioneda un insieme di dati

Data mining. Data Mining. processo di Data Mining estrarre automaticamente informazioneda un insieme di dati Data mining Il consente l informazione processo di Data Mining estrarre automaticamente informazioneda un insieme di dati telefoniche, ènascostaa a causa di fra quantitàdi loro, complessità: non... ci

Dettagli

Mining Positive and Negative Association Rules:

Mining Positive and Negative Association Rules: Mining Positive and Negative Association Rules: An Approach for Confined Rules Alessandro Boca Alessandro Cislaghi Premesse Le regole di associazione positive considerano solo gli item coinvolti in una

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Data mining e rischi aziendali

Data mining e rischi aziendali Data mining e rischi aziendali Antonella Ferrari La piramide delle componenti di un ambiente di Bi Decision maker La decisione migliore Decisioni Ottimizzazione Scelta tra alternative Modelli di apprendimento

Dettagli

Data mining for e- commerce sites

Data mining for e- commerce sites Data mining for e- commerce sites Commercio elettronico Possibilità di svolgerele attività commerciali per via elettronica, in particolare tramite Internet. Un qualsiasi tipo di transazione tendente a

Dettagli

Data Mining. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it

Data Mining. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Data Mining Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Perché fare data mining La quantità dei dati memorizzata su supporti informatici è in continuo aumento Pagine Web, sistemi di e-commerce Dati relativi

Dettagli

Data Mining e Analisi dei Dati

Data Mining e Analisi dei Dati e Analisi dei Dati Rosaria Lombardo Dipartimento di Economia, Seconda Università di Napoli La scienza che estrae utili informazioni da grandi databases è conosciuta come E una disciplina nuova che interseca

Dettagli

Data Mining in SAP. Alessandro Ciaramella

Data Mining in SAP. Alessandro Ciaramella UNIVERSITÀ DI PISA Corsi di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica per la Gestione d Azienda e Ingegneria Informatica Data Mining in SAP A cura di: Alessandro Ciaramella La Business Intelligence

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Data Mining. Introduzione La crescente popolarità

Dettagli

Introduzione al Calcolo Scientifico

Introduzione al Calcolo Scientifico Introduzione al Calcolo Scientifico Corso di Calcolo Numerico, a.a. 2010/2011 Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari Francesca Mazzia (Univ. Bari) Introduzione al Calcolo Scientifico

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

Introduzione al Calcolo Scientifico

Introduzione al Calcolo Scientifico Introduzione al Calcolo Scientifico Corso di Calcolo Numerico, a.a. 2008/2009 Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari Francesca Mazzia (Univ. Bari) Introduzione al Calcolo Scientifico

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

Introduzione al Datamining. Francesco Passantino francesco@iteam5.net www.iteam5.net/francesco

Introduzione al Datamining. Francesco Passantino francesco@iteam5.net www.iteam5.net/francesco Introduzione al Datamining Francesco Passantino francesco@iteam5net wwwiteam5net/francesco Cos è il datamining Processo di selezione, esplorazione e modellazione di grandi masse di dati, al fine di scoprire

Dettagli

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali ACE PROTEGGE LA RISERVATEZZA DEI TUOI DATI Ace European Group Ltd. fin dalla sua nascita ha deciso di ispirare la propria azione ai valori della sicurezza, della trasparenza e della qualità. Il risultato

Dettagli

Data Mining a.a. 2010-2011

Data Mining a.a. 2010-2011 Data Mining a.a. 2010-2011 Docente: mario.guarracino@cnr.it tel. 081 6139519 http://www.na.icar.cnr.it/~mariog Informazioni logistiche Orario delle lezioni A partire dall 19.10.2010, Martedì h: 09.50 16.00

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL prof Carmine Napoli Introduzione Database: Si definisce Database un insieme di dati, di solito di notevoli dimensioni, raccolti, memorizzati ed organizzai in modo

Dettagli

Introduzione al Data Mining Parte 1

Introduzione al Data Mining Parte 1 Introduzione al Data Mining Parte 1 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica II Facoltà di Ingegneria, sede di Cesena (a.a. 2009/2010) Prof. Gianluca Moro Dipartimento di Elettronica, Informatica

Dettagli

KULDAT. La tecnologia che ha superato l uomo nell identificare i clienti ideali. EMEA :: Marco Visibelli:: CEO e Data Scientist, Kuldat Inc, Q3 2014

KULDAT. La tecnologia che ha superato l uomo nell identificare i clienti ideali. EMEA :: Marco Visibelli:: CEO e Data Scientist, Kuldat Inc, Q3 2014 KULDAT La tecnologia che ha superato l uomo nell identificare i clienti ideali EMEA :: Marco Visibelli:: CEO e Data Scientist, Kuldat Inc, Q3 2014 Mi presento Marco Visibelli (@marcovisibelli) Data scientist

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

CORSO ACCESS PARTE II. Esistono diversi tipi di aiuto forniti con Access, generalmente accessibili tramite la barra dei menu (?)

CORSO ACCESS PARTE II. Esistono diversi tipi di aiuto forniti con Access, generalmente accessibili tramite la barra dei menu (?) Ambiente Access La Guida di Access Esistono diversi tipi di aiuto forniti con Access, generalmente accessibili tramite la barra dei menu (?) Guida in linea Guida rapida Assistente di Office indicazioni

Dettagli

Il DataMining. Susi Dulli dulli@math.unipd.it

Il DataMining. Susi Dulli dulli@math.unipd.it Il DataMining Susi Dulli dulli@math.unipd.it Il Data Mining Il Data Mining è il processo di scoperta di relazioni, pattern, ed informazioni precedentemente sconosciute e potenzialmente utili, all interno

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

Base Dati Introduzione

Base Dati Introduzione Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Modulo di Alfabetizzazione Informatica Base Dati Introduzione Si ringrazia l ing. Francesco Colace dell Università di Salerno Gli archivi costituiscono una memoria

Dettagli

Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di Intelligenza Artificiale

Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di Intelligenza Artificiale Esperienze di Apprendimento Automatico per il corso di lippi@dsi.unifi.it Dipartimento Sistemi e Informatica Università di Firenze Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Introduzione

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Vincenzo Antonio Manganaro vincenzomang@virgilio.it, www.statistica.too.it Indice 1 Architettura di un generico algoritmo di DM. 2 2 Regole di associazione:

Dettagli

Introduzione ai database I concetti fondamentali Database e DBMS Per comprendere appieno cos'è un Database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, soprattutto nel settore gestionale, è necessario

Dettagli

Il guadagno informativo negli alberi decisionali: un nuovo approccio

Il guadagno informativo negli alberi decisionali: un nuovo approccio Il guadagno informativo negli alberi decisionali: un nuovo approccio Sommario Descrizione del problema... 2 Il guadagno informativo di Nanni... 3 Il software Weka... 3 Cos è Weka... 3 Il guadagno Informativo

Dettagli

KNOWLEDGE DISCOVERY E DATA MINING

KNOWLEDGE DISCOVERY E DATA MINING KNOWLEDGE DISCOVERY E DATA MINING Prof. Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano LE TECNOLOGIE DI GESTIONE DELL INFORMAZIONE DATA WAREHOUSE SUPPORTO ALLE DECISIONI DATA MINING ANALISI

Dettagli

KLEIS A.I. SECURITY SUITE

KLEIS A.I. SECURITY SUITE KLEIS A.I. SECURITY SUITE Protezione delle applicazioni web Kleis A.I. SecureWeb www.kwaf.it Cos'è Kleis A.I. SecureWeb? Kleis A.I. SecureWeb è un modulo software della Kleis A.I. Security Suite che ha

Dettagli

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 12

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 12 Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 12 Nella lezione precedente: In realtà non tutto il data mining è dettato dagli interessi economici (commercial) data mining Abbiamo visto risvolti commerciali

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing)

Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing) Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing) Metodi e Modelli per il Supporto alle Decisioni 2002 Dipartimento di Informatica Sistemistica e Telematica (Dist) Il termine OLAP e l acronimo di On-Line

Dettagli

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente.

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. esperienza + innovazione affidabilità Da IBM, una soluzione completamente nuova: ACG Vision4,

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

DATA MINING E DATA WAREHOUSE

DATA MINING E DATA WAREHOUSE Reti e sistemi informativi DATA MINING E DATA WAREHOUSE Marco Gottardo FONTI Wikipedia Cineca Università di Udine, Dipartimento di fisica, il data mining scientifico thepcweb.com DATA MINING 1/2 Il Data

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Corso di Esercitazioni di Programmazione

Corso di Esercitazioni di Programmazione Corso di Esercitazioni di Programmazione Introduzione Dott.ssa Sabina Rossi Informazioni Pagina web del corso: News Orari Mailing list Lezioni Esercitazioni Date esami Risultati esami.. http://www.dsi.unive.it/~prog1

Dettagli

Uno standard per il processo KDD

Uno standard per il processo KDD Uno standard per il processo KDD Il modello CRISP-DM (Cross Industry Standard Process for Data Mining) è un prodotto neutrale definito da un consorzio di numerose società per la standardizzazione del processo

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Docente. Sistemi Informativi. Programma. Programma. Ing. Fabrizio Riguzzi

Docente. Sistemi Informativi. Programma. Programma. Ing. Fabrizio Riguzzi Docente Sistemi Informativi Ing. Fabrizio Riguzzi Fabrizio Riguzzi http://www.ing.unife.it/docenti/fabrizioriguzzi Orario di ricevimento: mercoledì 15-17 studio docente, terzo piano, corridoio di destra,

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database Uso delle basi di dati Uso delle Basi di Dati Il modulo richiede che il candidato comprenda il concetto di base dati (database) e dimostri di possedere competenza nel suo utilizzo. Cosa è un database,

Dettagli

DBMS. Esempi di database. DataBase. Alcuni esempi di DBMS DBMS. (DataBase Management System)

DBMS. Esempi di database. DataBase. Alcuni esempi di DBMS DBMS. (DataBase Management System) (DataBase Management System) Sistemi di ges3one di basi di da3 Un Database Management System è un sistema software progettato per consentire la creazione e manipolazione efficiente di database (collezioni

Dettagli

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software Introduzione Valentina Presutti (A-L) Riccardo Solmi (M-Z) Indice degli argomenti Introduzione all Ingegneria del Software UML Design Patterns Refactoring

Dettagli

Gestione della conoscenza

Gestione della conoscenza Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A10_1 V1.1 Gestione della conoscenza Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Microsoft Access 2000

Microsoft Access 2000 Microsoft Access 2000 Corso introduttivo per l ECDL 2004 Pieralberto Boasso Indice Lezione 1: le basi Lezione 2: le tabelle Lezione 3: creazione di tabelle Lezione 4: le query Lezione 5: le maschere Lezione

Dettagli

Tecniche di DM: Alberi di decisione ed algoritmi di classificazione

Tecniche di DM: Alberi di decisione ed algoritmi di classificazione Tecniche di DM: Alberi di decisione ed algoritmi di classificazione Vincenzo Antonio Manganaro vincenzomang@virgilio.it, www.statistica.too.it Indice 1 Concetti preliminari: struttura del dataset negli

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

Obiettivo Principale: gli studenti imparano come funziona Internet, e che relazione ha con gli indirizzi web (URL) e con le pagine web.

Obiettivo Principale: gli studenti imparano come funziona Internet, e che relazione ha con gli indirizzi web (URL) e con le pagine web. 18 LEZIONE: Internet Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 20 Minuti. Obiettivo Principale: gli studenti imparano come funziona Internet, e che relazione ha con gli indirizzi web

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistemi informazionali La crescente diffusione dei

Dettagli

AIR MILES un case study di customer segmentation

AIR MILES un case study di customer segmentation AIR MILES un case study di customer segmentation Da: G. Saarenvirta, Mining customer data, DB2 magazine on line, 1998 http://www.db2mag.com/db_area/archives/1998/q3/ 98fsaar.shtml Customer clustering &

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

I vantaggi ottenibili nei campi applicativi attraverso l uso di tecniche di data mining

I vantaggi ottenibili nei campi applicativi attraverso l uso di tecniche di data mining Dipartimento di Informatica e Sistemistica I vantaggi ottenibili nei campi applicativi attraverso l uso di tecniche di data mining Renato Bruni bruni@dis.uniroma1.it Antonio Sassano sassano@dis.uniroma1.it

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides Database Si ringrazia Marco Bertini per le slides Obiettivo Concetti base dati e informazioni cos è un database terminologia Modelli organizzativi flat file database relazionali Principi e linee guida

Dettagli

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre.

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre. Corso di Statistica Medica 2004-2005 Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre. Sono previste 30 ore di lezione di statistica e 12 di

Dettagli

IBM SPSS Direct Marketing 20

IBM SPSS Direct Marketing 20 IBM SPSS Direct Marketing 20 Nota: Prima di utilizzare queste informazioni e il relativo prodotto, leggere le informazioni generali disponibili in Note legali a pag. 109. Questa versione si applica a IBM

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

IBM SPSS Direct Marketing 21

IBM SPSS Direct Marketing 21 IBM SPSS Direct Marketing 21 Nota: Prima di utilizzare queste informazioni e il relativo prodotto, leggere le informazioni generali disponibili in Note a pag. 109. Questa versione si applica a IBM SPSS

Dettagli

USO DI EXCEL COME DATABASE

USO DI EXCEL COME DATABASE USO DI EXCEL COME DATABASE Le funzionalità di calcolo intrinseche di un foglio di lavoro ne fanno uno strumento eccellente per registrarvi pochi dati essenziali, elaborarli con formule di vario tipo e

Dettagli

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Regressione Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Regressione Esempio Un azienda manifatturiera vuole analizzare il legame che intercorre tra il volume produttivo X per uno dei propri stabilimenti e il corrispondente costo mensile Y di produzione. Volume

Dettagli

INFORMATICA. Prof. MARCO CASTIGLIONE ISTITUTO TECNICO STATALE TITO ACERBO - PESCARA

INFORMATICA. Prof. MARCO CASTIGLIONE ISTITUTO TECNICO STATALE TITO ACERBO - PESCARA INFORMATICA Prof. MARCO CASTIGLIONE ISTITUTO TECNICO STATALE TITO ACERBO - PESCARA Informatica per AFM 1. SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE E SISTEMA INFORMATICO ITS Tito Acerbo - PE INFORMATICA Prof. MARCO

Dettagli

La Progettazione Concettuale

La Progettazione Concettuale La Progettazione Concettuale Università degli Studi del Sannio Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica CorsodiBasidiDati Anno Accademico 2006/2007 docente: ing. Corrado Aaron Visaggio

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Lezione 8. Data Mining

Lezione 8. Data Mining Lezione 8 Data Mining Che cos'è il data mining? Data mining (knowledge discovery from data) Estrazione di pattern interessanti (non banali, impliciti, prima sconosciuti e potenzialmente utili) da enormi

Dettagli

ACRL Association of College and Research Libraries

ACRL Association of College and Research Libraries ACRL Association of College and Research Libraries Standard delle competenze per il possesso dell informazione (information literacy) nell educazione superiore Standard, indicatori di performance, obiettivi

Dettagli

Identificare come i vari elementi dei Microsoft Dynamics CRM possono essere utilizzati per le relazioni con i clienti

Identificare come i vari elementi dei Microsoft Dynamics CRM possono essere utilizzati per le relazioni con i clienti PERIODO : Dal 11 novembre 2015 AL 4 dicembre 2015 Sede del corso: Presso GI Formazione in Piazza IV novembre 5, Milano Orari dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 A CHI E RIVOLTO IL CORSO Questo

Dettagli

Privacy Policy di FORMAZIONE MANTOVA FOR.MA Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.

Privacy Policy di FORMAZIONE MANTOVA FOR.MA Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Privacy Policy di FORMAZIONE MANTOVA FOR.MA Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Titolare del Trattamento dei Dati FORMAZIONE MANTOVA FOR.MA Azienda Speciale della Provincia

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE. modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita.

IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE. modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita. IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita ebook 1 SOMMARIO Introduzione Allineare meglio le vendite e il marketing Creare

Dettagli

Formazione Aziendale per la Qualità

Formazione Aziendale per la Qualità 4 Corsi e Formazione per la Qualità Formazione Aziendale per la Qualità Il nostro obiettivo L organizzazione, l analisi e l interpretazione dei dati aziendali all interno del proprio business, può rappresentare

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT:

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT: LA BICOCCA PER LE IMPRESE CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT: MODELLI E TECNOLOGIE PROGETTO WISPER: ESEMPIO DI CUSTOMER SATISFACTION VITTORIO VIGANO CONSORZIO MILANO RICERCHE MERCOLEDI 22 GIUGNO 2005 Università

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

Sistemi Informativi. Ing. Fabrizio Riguzzi

Sistemi Informativi. Ing. Fabrizio Riguzzi Sistemi Informativi Ing. Fabrizio Riguzzi Docente Fabrizio Riguzzi http://www.ing.unife.it/docenti/fabrizioriguzzi Orario di ricevimento: su appuntamento studio docente, terzo piano, corridoio di destra,

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MARK WEB ANALYTICS E BUSINESS INTELLIGENCE ESTENDERE LA BI PER SUPPORTARE IL MARKETING ONLINE E LA CUSTOMER ANALYSIS

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MARK WEB ANALYTICS E BUSINESS INTELLIGENCE ESTENDERE LA BI PER SUPPORTARE IL MARKETING ONLINE E LA CUSTOMER ANALYSIS LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MARK MADSEN SOCIAL MEDIA, WEB ANALYTICS E BUSINESS INTELLIGENCE ESTENDERE LA BI PER SUPPORTARE IL MARKETING ONLINE E LA CUSTOMER ANALYSIS ROMA 12-13 MAGGIO 2011 VISCONTI

Dettagli

[EEDS] Comprendere cosa è l hardware, conoscere i fattori che influiscono sulle prestazioni di un computer e sapere cosa sono le periferiche.

[EEDS] Comprendere cosa è l hardware, conoscere i fattori che influiscono sulle prestazioni di un computer e sapere cosa sono le periferiche. PROPOSTA PER L EROGAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE CON CERTIFICAZIONE FINALE ECDL (CORE E/O HEALTH) A CURA DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA (TEST CENTER DI ATENEO AGI_02) A FAVORE DEL DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA,

Dettagli

Marketing relazionale

Marketing relazionale Marketing relazionale Introduzione Nel marketing intelligence assume particolare rilievo l applicazione di modelli predittivi rivolte a personalizzare e rafforzare il legame tra azienda e clienti. Un azienda

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di dati 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Introduzione ai sistemi di basi

Dettagli

Correttezza. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 10. A. Miola Novembre 2007

Correttezza. Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1. Dispensa 10. A. Miola Novembre 2007 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 10 Correttezza A. Miola Novembre 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Correttezza 1 Contenuti Introduzione alla correttezza

Dettagli

Politica sui cookie. Introduzione Informazioni sui cookie

Politica sui cookie. Introduzione Informazioni sui cookie Introduzione Informazioni sui cookie Politica sui cookie La maggior parte dei siti web che visitate utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, consentendo al sito di 'ricordarsi' di voi,

Dettagli