ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI"

Transcript

1 ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati i bisogni manifestati dalla popolazione di riferimento, ritiene di consentire l applicazione e misure derogatorie previste dalla legge regionale n. 14 del 2009 e ss.mm.ii. (in seguito denominata Legge), con riferimento gli edifici aventi natura abitativa, con preferenza per gli edifici adibiti a prima casa di abitazione e finalizzati al rinnovamento del patrimonio esistente, purchè in ambito residenziale, nonché gli edifici produttivi in zona propria e commerciali fermo restando il limite di superficie di vendita fissata nel PI, con l esclusione degli edifici funzionali all esercizio di attività agrosilvopastorali esistenti in territorio agricolo. Tale valutazione, in particolare, è stata effettuata sulla scorta a ricognizione del tessuto edilizio e urbanistico esistente, anche considerando i dati analizzati in sede di adozione e di approvazione del P.A.T.I. e del P.I. Ne è così conseguito: che in alcun modo potrebbe farsi applicazione, indipendentemente dalla destinazione d uso immobile, di tutte le misure previste dalla legge regionale; che altrettanto in alcun modo potrebbe farsi applicazione di qualsiasi misura per gli immobili con destinazione diversa da quella residenziale o produttiva; che, infine, con riferimento alle destinazioni da ultimo menzionate, le misure incentivanti dovranno essere ridotte e contenute, comunque, entro limiti inferiori a quelli stabiliti dalla legge regionale, per poter ritenersi sostenibili dal punto di vista ambientale, paesaggistico e urbanistico. ART. 2 - DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Le presenti disposizioni comunali, sono applicabili anche alla prima casa d abitazione. Il rispetto a definizione di prima casa di abitazione deve essere contenuta, dichiarata e costituire impegno del richiedente in sede di presentazione di DIA o PdC. Qualora tale condizione non venga rispettata: - nelle ZTO nelle quali, anche agli immobili non destinati a prima casa di abitazione, sia comunque consentita l applicazione degli art. 2 e 3 a l.r. 14/2009, come modificata dalla l.r. 32/2013, dovrà essere versato il contributo altrimenti dovuto maggiorato del 50% nonchè degli interessi legali per il mancato versamento e somme dovute; - nelle ZTO nelle quali, agli immobili non destinati a prima casa di abitazione, non sia consentita l applicazione degli art. 2 e 3 a l.r. 14/2009, come modificata dalla l.r. 32/2013, dovrà essere corrisposto al comune, la sanzione di cui all art.34 comma 2 del D.P.R.380/2001, oltre ai maggiori oneri dovuti aumentati degli interessi legali per il mancato versamento e somme dovute. L applicazione e riduzioni del contributo di cui all articolo 7 a Legge è riservato esclusivamente agli edifici o unità immobiliari destinati a prima abitazione del proprietario o avente titolo. In tutti gli altri casi il contributo dovrà essere completamente corrisposto. Ai fini applicazione e riduzioni previste dall art.7 comma 1bis si evidenzia che i 3 kw devono essere installati da ciascuna e unità immobiliari che beneficiano ampliamento e/o dalle nuove unità sorte dall ampliamento stesso. Nella realizzazione degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 a Legge, oltre alle norme sotto citate devono essere rispettate tutte le norme statali tra le quali le principali sono: distanze dagli elementi idrologici, L.122/89 sulla dotazione di parcheggi, normativa sul risparmio energetico, sulla sicurezza degli impianti, sull abbattimento e barriere architettoniche, sulla sicurezza dei cantieri, sulla prevenzioni incendi, codice civile ecc; Inoltre in merito alla legislazione relativa alle distanze e altezze devono essere rispettate le seguenti disposizioni: Distanze tra le costruzioni: la distanza tra le pareti finestrate e pareti di edifici antistanti, non deve essere inferiore all'altezza del fabbricato più alto con un minimo di ml. 10,00 (DM 2 Aprile 1968 n. 1444).

2 Distanze dai confini di proprietà: la distanza minima dai confini di proprietà è stabilita, in via generale, in ml 5,00, ovvero alla metà altezza edificio ampliato qualora lo stesso superi i 10 metri di altezza. Nei lotti in cui l edificio esistente non rispetti la distanza minima dai confini di proprietà di 5 ml, per gli interventi di cui agli articoli 2 e 3 a Legge la distanza minima di 5 ml dal confine può essere ridotta solo in caso di assenso reso nei termini di legge da parte dei vicini confinanti, a condizione che vengano comunque rispettate le distanze tra costruzioni. Distanze dai limiti di zona: la distanza minima dai limiti di zona fissata nel PRC è derogata. Distanze dalle strade: nella realizzazione degli interventi devono essere rispettate le distanze dalle strade, salvo la possibilità di autorizzazione da parte del Comune di costruire secondo allineamenti preesistenti. Fuori del centro abitato si applicano le disposizioni degli artt. 26 e 27 del citato D.P.R. n. 495/1992 e successive modifiche ed integrazioni. Altezza degli edifici: le altezze degli edifici oggetto di intervento nelle Z.T.O. B e C possono superare di un piano l'altezza massima prevista dalle NTO di PI per la zona in cui ricade il fabbricato oggetto di intervento, con la sola eccezione per gli edifici in zona agricola per i quali non può essere superato il numero massimo di due piani. Nelle zone produttive gli interventi non possono portare al superamento del limite massimo altezza stabilita dalle NTO per la zona. Tutti gli interventi devono essere realizzati nel rispetto dei caratteri tipologici degli edifici, dettati dal Prontuario per la qualità architettonica a la mitigazione ambientale e dalle NTO del PI, nonchè nel rispetto e caratteristiche edificio esistente e intorno, inserendosi armoniosamente nel contesto. Tutti gli interventi sia residenziali che non, sono subordinati all esistenza ed all adeguatezza e opere di urbanizzazione primaria, compresa la viabilità, attestate dal professionista previa acquisizione del parere da parte degli enti gestori dei sottoservizi,. ad esclusione degli interventi realizzati sulla prima casa di abitazione. L eventuale necessario adeguamento e opere di urbanizzazione primaria ai sensi art. 9 comma 4 a L.R.14/2009, che dovrà essere assunto come impegno in un atto unilaterale d obbligo, non da diritto a scomputo dai corrispondenti oneri di urbanizzazione. Gli interventi previsti dalla Legge, agli articoli 2 e 3 non trovano applicazione negli edifici di cui all art.9 a stessa con le seguenti precisazioni ed integrazioni: negli edifici ed aree di pertinenza dei complessi di valore testimoniale e documentale individuati nel PI; nelle Zone per servizi F. negli edifici situati in zona impropria. nelle zona individuate dal PATI come ambiti di riconversione e/o soggette a programmi complessi. Con gli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 se ammessi nella zona, può essere sempre modificata la destinazione d uso degli edifici nel caso di cui all articolo 2, comma 2, in relazione all ampliamento realizzato mediante l utilizzo di un corpo edilizio contiguo già esistente. In ogni caso gli ampliamenti sono consentiti esclusivamente su aree che abbiano una destinazione compatibile con la destinazione d uso edificio da ampliare. Con gli interventi di cui agli articoli 2 e 3 a legge può inoltre essere modificata la destinazione d uso degli immobili situati in zona impropria, qualora la nuova destinazione sia consentita dalla disciplina edilizia a zona stessa esclusivamente nella seguenti ZTO: ZTO B (con esclusione a Zone Significative)e C: limitatamente al volume che sarebbe realizzabile ai sensi a specifica disciplina di zona, incrementato a percentuale di ampliamento consentita dalla Legge. Tali interventi devono essere subordinati all approvazione di un Piano Urbanistico Attuativo e preceduti da una richiesta di parere preventivo sul progetto di fattibilità, sul quale l amministrazione esprimerà un parere per la stesura del successivo progetto definitivo. In tal caso, il PUA sarà presentato a seguito del

3 riscontro positivo a tale richiesta preventiva ed in conformità alle eventuali prescrizioni e condizioni. L individuazione ambito di PUA, presentati ai sensi a Legge 14/2009 e ss.mm.ii, non richiede la predisposizione di una variante urbanistica. Con gli interventi di cui agli articoli 2 e 3 a legge è ammessa, nell osservanza e presenti norme, la formazione di solo una ulteriore unità immobiliare rispetto alle esistenti, in particolare nelle zone agricole, tale unità dovrà essere prima casa di abitazione. Sugli edifici esistenti e ricadenti in zone sottoposte a PUA, in assenza di piano non sono ammessi gli interventi di cui all art.2 e 3 a legge. Tutte le disposizioni contenute nel presente atto relative alla Zona Agricola si applicano anche agli ambiti per l istituzione di parchi di interesse comunale e sovra comunale e nei nuclei residenziali in ambito agricolo. ART. 3 - APPLICABILITÀ DEL PIANO CASA AGLI EDIFICI CON DESTINAZIONE DIVERSA DA QUELLA RESIDENZIALE Con riferimento agli immobili aventi destinazione diversa da quella residenziale, produttiva e commerciale, il Comune di Cadoneghe ritiene: 1) di non consentire le misure derogatorie per gli annessi rustici, in quanto gli stessi possono essere ampliati nel rispetto del articolo 44 a L.R.11/2004 2) di consentire l applicazione e misure derogatori all interno a zona industriale artigianale ad eccezione e zone da riqualificare, nel rispetto e distanze fissate dal PI ed esclusione a deroga in materia di altezze previste per la zona dal PI. 3) Ai sensi art.9 comma 9, l aumento a superficie utile di pavimento all interno dei volumi autorizzati, ossia l incremento a superficie utile senza incremento del volume urbanistico né a superficie coperta, può essere realizzata alle seguenti condizioni: - siano rispettati i parametri igienico-sanitari di legge; - sia versato il contributo di costruzione; - sia adeguata la dotazione degli standard; - non venga modificata la sagoma esterna del fabbricato; - tale disposizione, non si applica agli edifici produttivi situati in zona impropria. L applicazione del piano casa per gli edifici aventi destinazione commerciale non deve essere volta ad eludere o derogare le disposizioni regionali e comunali in materia di commercio. Nel caso di interventi comportanti aumento a S.L.P., deve essere ricavata una dotazione di parcheggi pubblici o ad uso pubblico almeno pari a 0,8 mq/ 1 mq di nuova SLP; tale dotazione, in caso di impossibilità al suo realizzo, può essere monetizzata. Gli ampliamenti per le destinazioni commerciali direzionali e produttive, sono consentiti purchè compatibili con la ZTO; in ogni caso gli interventi sono subordinati al reperimento a dotazione di parcheggio sopra indicata e nel rispetto e NTO vigenti. Tali interventi sono finalizzati esclusivamente all ampliamento e attività esistenti; non possono pertanto dar luogo alla creazione di ulteriori unità immobiliari. ART. 4 APPLICABILITÀ DEL PIANO CASA AGLI EDIFICI CON DESTINAZIONE RESIDENZIALE Con riferimento agli edifici aventi destinazione residenziale, gli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 3 bis a legge regionale n. 14 del 2009, così come modificata dalla legge regionale n. 32 del 2013, sono consentiti nei limiti appresso precisati. Resta fermo quanto precisato al successivo art. 5 in tema di valutazione ambientale strategica. Interventi di cui all articolo 2 a L.R.14/2009:

4 Gli interventi di ampliamento di cui all'art. 2 a Legge sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici comunali, salvo quanto disposto in seguito. Gli interventi di ampliamento di cui all art. 2 a legge non potranno essere realizzati mediante la costruzione di corpi edilizi separati, anche se con destinazione meramente accessoria e pertinenziale, se non nei casi in cui sia oggettivamente dimostrata l impossibilità di realizzare l ampliamento sul corpo di fabbrica principale; si evidenzia in tale eventualità, che il corpo edilizio separato dovrà comunque essere collocato in prossimità esistente corpo edilizio, comunque posizionato alla minima distanza atta a garantire il rispetto di quanto previsto dal D.M. 1444/68. Resta inteso, altresì, che qualora già esista un corpo edilizio separato, anche con destinazione meramente accessoria e pertinenziale, la volumetria o la superficie aggiuntiva potrà essere sfruttata soltanto su tale corpo di fabbrica, non dando luogo alla creazione di nuove pertinenze o di nuovi edifici; Con gli interventi di ampliamento è ammessa, nell osservanza e presenti norme, la formazione di solo una ulteriore unità immobiliare rispetto alle esistenti, in particolare nelle zone agricole, tale unità dovrà essere prima casa di abitazione. Ad esclusione e prime case di abitazione, nell ambito di PUA vigenti ed all interno e Zone Significative ZTO B1 il presente articolo è applicabile esclusivamente per il recupero dei sottotetti esistenti o previsti in progetto il cui titolo edilizio sia stato presentato entro il 31 ottobre Gli ampliamenti che danno luogo a nuove unità abitative sono subordinati al reperimento di almeno un posto auto riservato in proprietà privata, con un minimo di 1 mq. ogni 10 mc, per ogni nuova unità. L aumento a superficie coperta può avvenire nel rispetto e distanze dai confini fissate dal PRC fermo restando il rispetto del D.M. 1444/68. Interventi di cui all articolo 3 a L.R.14/2009 Gli interventi di cui al comma 2 art.3 possono riguardare anche solo parte edificio, in questo caso la percentuale va applicata con riferimento al volume o superficie coperta demoliti. Tutti gli interventi realizzati ai sensi del presente articolo devono portare alla realizzazione di un unico corpo edilizio. Nel caso in cui l immobile sia in partenza composto da corpi edilizi separati regolarmente assentiti e facenti parte a medesima unità, ad esempio pertinenze staccate, nell ambito a ricostruzione devono essere ricomposti ed accorpati in un unico immobile. Nelle Zone Significative B1 sono possibili solo interventi di cui al commi articolo 3, nel qual caso i proprietari interessati alla riqualificazione edilizia dovranno richiedere un parere preventivo al Comune. Nell ambito intervento devono essere ricavati i parcheggi in proprietà privata secondo le vigenti disposizioni del PRC, con un minimo di 1 mq. ogni 10 mc, costruiti. La localizzazione edificio ricostruito, fatte salve le variazioni conseguenti all ampliamento, deve mantenere un rapporto con il suo sedime originario, con esclusione quindi a possibilità di ricomporre il volume in altra posizione, anche se nella stessa area di proprietà, fatti salvi eventuali spostamenti necessari per ripristinate il rispetto e distanze di legge dai confini di proprietà, dagli edifici contermini e dalle strade. Interventi di cui all articolo 3 bis a L.R.14/2009 Con riferimento agli interventi nelle zone agricole, di cui all art. 3 bis, al fine di preservare il territorio ancora inedificato e di evitare trasformazioni incontrollate che potrebbero causare grave detrimento al territorio e, al contempo di sostenere l attività agricola in quanto presidio del territorio, è consentita la realizzazione degli interventi previsti dal presente articolo nei limiti sopra precisati, nonché nei limiti di cui al precedente art. 2. Interventi di cui all articolo 3 ter a L.R.14/2009: Gli interventi di cui al presente articolo sono consentiti per tutte le tipologie di edificio, fermo restando i limiti sopra precisati.

5 Interventi di cui all articolo 3 quater a L.R.14/2009: Si rileva che nel Comune di Cadoneghe non esistono aree dichiarate ad alta pericolosità idraulica e idrogeologica, non trovano quindi applicazione le misure premiali previste nell art. 3 quater a citata legge regionale. ART DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Tra gli interventi ammessi dagli articoli 2, 3 e 3 bis a L.R. 14/2009 e ss.mm.ii, possono essere ritenuti immediatamente eseguibili, in assenza di verifica di assoggettabilità a V.A.S., quelli previsti nei precedenti articoli 2,3 e 4. Restano invece subordinati alla preventiva verifica di assoggettabilità a V.A.S. i restanti interventi ammessi dalla L.R. 14/2009 e successive modifiche ed integrazioni.

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE

Dettagli

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO 2007,

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare,

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare, IL VECCHIO E IL NUOVO PIANO CASA A CONFRONTO con le nuove disposizioni dettate dalla legge regionale n. 32 del 29 novembre 2013 (Bur n. 103 del 30/11/2013) - Il primo dicembre 2013 è entrata in vigore

Dettagli

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI MONITORAGGIO PIANO CASA STATO DELL ARTE Numero di istanze

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (da Piano degli Interventi Variante 2 Dicembre 2011) Committente:

Dettagli

Ufficio Tecnico Comunale

Ufficio Tecnico Comunale COMUNE di LEIVI Provincia di Genova Via IV Novembre, n.1 16040 LEIVI Tel.0185.319033 + Fax.0185.319569 ufficio tecnico@comune.leivi.ge.it Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

Piano casa della Regione Marche Le modifiche L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010

Piano casa della Regione Marche Le modifiche L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010 ANCE MARCHE Piano casa della Regione Marche Le modifiche L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010 INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITA EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE

Dettagli

CITTA DI VITTORIO VENETO IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011

CITTA DI VITTORIO VENETO IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011 CITTA DI VITTORIO VENETO IL NUOVO PIANO CASA LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011 Vittorio Veneto, Biblioteca Civica 10 ottobre 2011 La legge sul nuovo piano casa è una legge che non prevede nuovo

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo Regione Piemonte Bollettino Ufficiale n. 38 del 24 settembre 2009 Circolare della Presidente della Giunta Regionale 21 settembre 2009, n. 4/PET Legge regionale 14 luglio 2009, n. 20 Snellimento delle procedure

Dettagli

RUE 2015 FAENZA. Incentivi urbanistici ed economici. Incontro del 4/05/2016. (analisi normativa ed esemplificazioni)

RUE 2015 FAENZA. Incentivi urbanistici ed economici. Incontro del 4/05/2016. (analisi normativa ed esemplificazioni) Incentivi urbanistici ed economici (analisi normativa ed esemplificazioni) RUE 2015 FAENZA Incontro del 4/05/2016 RUE 2015 - Unione della Romagna Faentina - Settore Territorio - Via Zanelli n. 4 - Faenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Ufficio Tecnico Settore Urbanistica DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 21.01.2010 1 DEI PARCHEGGI PRIVATI

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

IL PIANO CASA DEL COMUNE DI BADIA POLESINE Dicembre 2009

IL PIANO CASA DEL COMUNE DI BADIA POLESINE Dicembre 2009 1 INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA Articolo 1 IL CONCETTO DI PRIMA CASA DI ABITAZIONE Articolo 2 IL CONCETTO DI EDIFICI ESISTENTI Articolo 3 DEFINIZIONE

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA

INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA Articolo 1 IL CONCETTO DI PRIMA CASA DI ABITAZIONE Articolo 2 IL CONCETTO DI EDIFICI ESISTENTI Articolo 3 DEFINIZIONE

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata COMUNE DI CAGLIARI Servizio Edilizia Privata Indirizzi Interpretativi 19 Dicembre 2013 1 La presente nota scaturisce dalla necessità di dare risposta ai quesiti più frequenti posti all ufficio da parte

Dettagli

PIANO CASA VENETO SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA VENETO SCHEDA SINTETICA PIANO CASA VENETO SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 8/7/2009 n. 14, Dgr 24/8/2009 n. 2499 e 2508, Dgr 22/9/2009 n. 2797, L. 8/7/2011, n. 13; L. 1/8/2012, n. 36; Circolare

Dettagli

Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1)

Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) Legge Regionale 11 Agosto 2009, n. 21 Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l'edilizia residenziale sociale (1) Testo coordinato artt.li 1-6 testo, con modifiche introdotte dalla

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

Comune di Veggiano Provincia di Padova

Comune di Veggiano Provincia di Padova Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 così come modificata dalla legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 PREMESSA Nell'intento

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il Piano degli Interventi IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

Art. 1 (Interventi di ampliamento)

Art. 1 (Interventi di ampliamento) Legge Regionale 8 ottobre 2009, n. 22: Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l'occupazione, migliorare la sicurezza degli

Dettagli

CAMPANIA. Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti per il solo residenziale con aumento del:

CAMPANIA. Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti per il solo residenziale con aumento del: CAMPANIA AMPLIAMENTI Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti per il solo residenziale con aumento del: 20% del volume esistente per tipologie uni-bifamiliari o comunque

Dettagli

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 4/E Roma, 04 gennaio 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza Giuridica Art. 1 della legge n. 449 del 1997 Piano Casa Possibilità di fruire della detrazione del 36 per cento

Dettagli

LE PROCEDURE EDILIZIE E LA DISCIPLINA DEI TITOLI ABILITATIVI. Analisi di alcuni casi pratici

LE PROCEDURE EDILIZIE E LA DISCIPLINA DEI TITOLI ABILITATIVI. Analisi di alcuni casi pratici LE PROCEDURE EDILIZIE E LA DISCIPLINA DEI TITOLI ABILITATIVI. Analisi di alcuni casi pratici Relatori: Arch. Alberto Biraghi, responsabile del settore tecnico del Comune di Albiate Avv. Marco Locati, libero

Dettagli

INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI

INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI L.P. 5 SETTEMBRE 1991, N. 22 articolo 99, comma 1, lettera e bis) INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI (testo approvato con deliberazione della Giunta provinciale n.

Dettagli

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato

PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE. Direzione Legislazione Mercato Privato PIANO CASA 2 CONFRONTO REGIONALE Direzione Legislazione Mercato Privato DOSSIERAGGIORNATOAL17marzo2010 Senzaalcuna specificazione divolume: AMPLIAMENTI EDIFICI AMMESSI DESTINAZIONI D'USO MUTAMENTO DESTINAZIONED'USO

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE In base al combinato disposto dagli artt. 15, 29 e 30 della L.R. 19/09 e dagli artt. 6 e 7 del relativo Regolamento di Attuazione nonché, con riferimento alla Circolare 1/2012

Dettagli

PIANO CASA REGIONALE LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI OGGETTO DELLA L.R.14/2009, COSÌ COME MODIFICATA DALLA L.R.

PIANO CASA REGIONALE LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI OGGETTO DELLA L.R.14/2009, COSÌ COME MODIFICATA DALLA L.R. COMUNE DI CANDIANA Provincia di Padova Regione del Veneto PIANO CASA REGIONALE LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI OGGETTO DELLA L.R.14/2009, COSÌ COME MODIFICATA DALLA L.R. 13/2011 Allegato

Dettagli

ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola

ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola ing. Fulvio Bartoli ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola L attività edilizia libera Il PdC I frazionamenti L Attività Edilizia Libera

Dettagli

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA Comune di Jesi Sportello Unico Edilizia Incontro con i professionisti 26 maggio 2015 La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA LEGGE REGIONALE 20 APRILE 2015

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA Legge Regionale: Norme sulla sanatoria degli abusi edilizi di cui all art. 32 del Decreto Legge 30.09.2003, n. 269. * * * * * * * * * Articolo 1 Oggetto della legge 1.

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP Piacenza, 10.06.2015 AL DIRIGENTE SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE e SUPPORTO AMMINISTRATIVO AL RESPONSABILE SUEAP AGLI ISTRUTTORI TECNICI SUEAP OGGETTO: Deliberazione Assemblea Legislativa Regione Emilia

Dettagli

COMUNE DI MASER (TV) Limiti e modalità operative di applicazione della L.R. 14/2009 così come integrata e modificata dalla L.R.

COMUNE DI MASER (TV) Limiti e modalità operative di applicazione della L.R. 14/2009 così come integrata e modificata dalla L.R. COMUNE DI MASER (TV) Limiti e modalità operative di applicazione della L.R. 14/2009 così come integrata e modificata dalla L.R. 13/2011 Allegato A alla delibera di Consiglio Comunale n. 35 del 30/11/2011

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49

LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con modificazioni,

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA CERTIFICAZIONE ENERGETICA La certificazione energetica è un processo finalizzato a far conoscere al cittadino le caratteristiche energetiche del sistema edificio-impianto che sta per acquistare o per affittare.

Dettagli

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001)

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001) COMUNE di MAGLIANO DE MARSI Provincia di L Aquila Via S. Maria di Loreto n.8 cap 67062 Tel. 0863/516 - FAX 0863/515018 P.I. 001820906 E-Mail info@comune.maglianodemarsi.aq.it Protocollo Generale Al Sig.

Dettagli

VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014. SCIA n... del... (busta.../... )

VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014. SCIA n... del... (busta.../... ) AL DIRIGENTE RESPONSABILE DEL SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI IMPRUNETA VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014 SCIA n..... del... (busta...../.... ) SCIA n..... del... (busta...../....

Dettagli

Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato

Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato Direzione Legislazione Mercato Privato Il Decreto del Fare : le novità per il settore privato CAGLIARI, 27 settembre 2013 Semplificazioni in materia edilizia Art. 30 Semplificazioni per la ristrutturazione

Dettagli

QUERCE" IN ZONA DI ESPANSIONE C2-1 - LOCALITA' SAN BIAGIO - ADOZIONE.

QUERCE IN ZONA DI ESPANSIONE C2-1 - LOCALITA' SAN BIAGIO - ADOZIONE. Oggetto: VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE "DUE QUERCE" IN ZONA DI ESPANSIONE C2-1 - LOCALITA' SAN BIAGIO - ADOZIONE. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: - con delibera della Giunta Comunale

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08-10-2009 REGIONE MARCHE Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 15996 PROGETTO DI LEGGE N. 0392 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI METALLA E IL MARE. COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE Provincia Carbonia - Iglesias SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

UNIONE DEI COMUNI METALLA E IL MARE. COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE Provincia Carbonia - Iglesias SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA UNIONE DEI COMUNI METALLA E IL MARE COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE Provincia Carbonia - Iglesias SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA via Vittorio Emanuele, 200-09010 Fluminimaggiore (CI) tel 0781 5850230 fax 0781 580519

Dettagli

L'altezza dei vani accessori, quali corridoi, disimpegni, bagni, gabinetti e simili, non può essere inferiore metri 2,40.

L'altezza dei vani accessori, quali corridoi, disimpegni, bagni, gabinetti e simili, non può essere inferiore metri 2,40. Legge Regione Friuli - Venezia Giulia : Legge regionale 23/08/1985 N. 44 Altezze minime e principali requisiti igienico-sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi.

Dettagli

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA COMUNE DI PORDENONE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1) altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

Legge Abruzzo 19/08/2009 n. 16: Intervento regionale a sostegno del settore edilizio. Ordinario N 45 del 28 Agosto 2009. Art. 1.

Legge Abruzzo 19/08/2009 n. 16: Intervento regionale a sostegno del settore edilizio. Ordinario N 45 del 28 Agosto 2009. Art. 1. ABRUZZO Legge Abruzzo 19/08/2009 n. 16: Intervento regionale a sostegno del settore edilizio. Ordinario N 45 del 28 Agosto 2009 Art. 1 Finalità 1. La Regione Abruzzo promuove misure per il rilancio dell

Dettagli

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia SAMANTA RICCO LUCA GRASSI mercoledì, martedì, 23 18 settembre 2014 2013 Le semplificazioni e i procedimenti introdotti Giornata del Decreto del fare dal decreto del fare in edilizia DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 REGIONE MARCHE Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE L'OCCUPAZIONE, MIGLIORARE LA

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Settore Strumenti per la Valutazione e per lo Sviluppo Sostenibile Arch.. Pietro Novelli Le competenze degli EELL in merito alle autorizzazioni

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione VENETO

Guida al PIANO CASA della Regione VENETO Guida al PIANO CASA della Regione VENETO (aggiornata a marzo 2015) SOMMARIO INTRODUZIONE.. pag. 3 IL PIANO CASA NEL VENETO.. pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico.....pag. 6 EDIFICI RESIDENZIALI,

Dettagli

COMUNE DI VITTORIO VENETO

COMUNE DI VITTORIO VENETO COMUNE DI VITTORIO VENETO L.R. 13/2011 SECONDO PIANO CASA A VITTORIO VENETO Determinazioni limiti e modalità di applicazione IL SINDACO Gianantonio Da Re L' ASSESSORE ALL' EDILIZIA PRIVATA Flavio De Nardi

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici ALLEGATO B Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli edifici Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili,

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata

COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata COMUNE DI SASSARI Settore Edilizia Privata Prot. n. 117048 del 25.09.2012 Oggetto: - Risposte a quesiti sul piano casa e non solo. Modifica del punto 7 della precedente nota prot. 57027 del 18.05.2012

Dettagli

PIANO CASA LAZIO SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA LAZIO SCHEDA SINTETICA PIANO CASA LAZIO SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/8/2009 n. 21; Deliberazione giunta 23/12/2009, n. 985, L. 3/2/2010 n. 1, L. 13/8/2011, n. 10, Circolare Lazio

Dettagli

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE 1. Finalità del regolamento 2. Definizione di attività temporanee e tipologie consentite 3. Deroghe

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i.

RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i. RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i. Il/La sottoscritto/a Arch./Ing./Geom./Per.Ind. nato/a

Dettagli

Piano casa: le regole poste dai Comuni

Piano casa: le regole poste dai Comuni Piano casa: le regole poste dai Comuni PIEMONTE LR n. 20/2009 Le esclusioni previste dalla legge edifici in assenza o difformità dal titolo abilitativo edifici nei centri storici o nelle aree esterne d'interesse

Dettagli

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE 15 ottobre 2012, n. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con

Dettagli

Epigrafe. Premessa. Art. 2. L.R. 18 dicembre 2012, n. 62

Epigrafe. Premessa. Art. 2. L.R. 18 dicembre 2012, n. 62 Pagina 1 di 5 Leggi Regionali d'italia Abruzzo L.R. 18-12-2012 n. 62 Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 15 ottobre 2012, n. 49 «Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011,

Dettagli

Comune di Villa Guardia Provincia di Como

Comune di Villa Guardia Provincia di Como Agg.07/04/14- O:\UFFICI\UTC\MARZIA\STRUMENTI URBANISTICI\PGT\REGOLAMENTO NEGOZIAZIONE\REGOLAMENTO NEGOZIAZIONE-APPROVATO.DOC Comune di Villa Guardia Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA 1 Superficie Fondiaria relativa al lotto 2: mq. 1584,00 composto da Foglio 16 particella 925 di mq. 650 Foglio 16 particella

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA Per facilitare l'individuazione del procedimento più appropriato si forniscono di seguito alcune indicazioni di carattere generale, sottolineando che con l'entrata

Dettagli

COMUNE DI CERVETERI. (Provincia di Roma) Area II^ - Assetto Uso e Sviluppo del Territorio Servizio Urbanistica. Regolamento comunale

COMUNE DI CERVETERI. (Provincia di Roma) Area II^ - Assetto Uso e Sviluppo del Territorio Servizio Urbanistica. Regolamento comunale COMUNE DI CERVETERI (Provincia di Roma) Area II^ - Assetto Uso e Sviluppo del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A Regolamento comunale Criteri di applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO COPIA COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia Servizio Segreteria Delibera N. 28 del 29/11/2011 EDIL.PRIV./alm VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO (ASSUNTA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE)

Dettagli

PIANO CASA 2 La mappa degli interventi regionali

PIANO CASA 2 La mappa degli interventi regionali PIANO CASA 2 La mappa degli interventi regionali Direzione Legislazione Mercato Privato Ultimo aggiornamento: ottobre 2011 AMPLIAMENTO di edifici esistenti DEMOLIZIONE RICOSTRUZIONE Titolo abilitativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO 1 STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO In attuazione del comma 2, lett. d) art. 6 della L.R. n. 14 del 30.07.2009 Misure straordinarie ed urgenti a sostegno dell attività edilizia e per il miglioramento della

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA

DIREZIONE URBANISTICA DIREZIONE URBANISTICA LE VERIFICHE DI CONFORMITA URBANISTICO - EDILIZIA IN REGIME DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO (Deliberazione Consiglio comunale nr. 13/2014) SCHEDA INFORMATIVA

Dettagli

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA DETERMINAZIONE SETTORE : 3 N 241 del Reg. Sett Data 19/11/2004 AREA TECNICO - MANUTENTIVA N 1501 del Reg. Gen. Al Responsabile Settore FINANZIARIO Al Segretario

Dettagli