PIANO CASA REGIONALE LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI OGGETTO DELLA L.R.14/2009, COSÌ COME MODIFICATA DALLA L.R.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO CASA REGIONALE LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI OGGETTO DELLA L.R.14/2009, COSÌ COME MODIFICATA DALLA L.R."

Transcript

1 COMUNE DI CANDIANA Provincia di Padova Regione del Veneto PIANO CASA REGIONALE LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI OGGETTO DELLA L.R.14/2009, COSÌ COME MODIFICATA DALLA L.R. 13/2011 Allegato A alla delibera di Consiglio Comunale del 29/04/2013 N. 8

2 SOMMARIO 1 PREMESSA NORMATIVA E DOCUMENTI UFFICIALI DI RIFERIMENTO LIMITI AGLI INTERVENTI INTERVENTI ESCLUSI DAL PIANO CASA CRITERI E MODALITÁ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI APPLICAZIONE ART.2, COMMA 1 (CALCOLO DI VOLUMI E SUPERFICI IN AMPLIAMENTO) APPLICAZIONE ART.2, COMMA 2 (MODALITÀ REALIZZATIVE, DISTANZE, ALTEZZE, ECC) Ampliamento in aderenza al fabbricato esistente Ampliamento su corpi contigui esistenti Condizioni eccezionali per l ampliamento mediante corpo edilizio separato APPLICAZIONE ART.2, COMMA 3 (RECUPERO DEI SOTTOTETTI) APPLICAZIONE ART.2, COMMA 4 (AMPLIAMENTO EDIFICI A SCHIERA MEDIANTE PIANO GUIDA) APPLICAZIONE ART.2, COMMA 5 (INCENTIVI PER L USO DI FONTI RINNOVABILI) APPLICAZIONE ART.3 (RINNOVAMENTO DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE) Vincoli di mantenimento del sedime Vincoli sulle tecniche costruttive APPLICAZIONE ART.7, COMMA 2 (ULTERIORI INCENTIVI COMUNALI PER LA BIOEDILIZIA) APPLICAZIONE ART.9, COMMA 1, LETTERA A) (APPLICAZIONE NEI CENTRI STORICI) APPLICAZIONE ART.9, COMMI 2, 2 BIS, 2 TER (SFORAMENTI DI Z.T.O., CAMBI D USO) APPLICAZIONE ART.9, COMMA 4 (ESISTENZA OPERE URBANIZZAZIONE) APPLICAZIONE ART.9, COMMA 9 (AUMENTO SUPERFICIE UTILE ALL INTERNO DI VOLUMI) APPLICAZIONE ART.10 (DEFINIZIONE DI RISTRUTTURAZIONE) DEFINIZIONI E CHIARIMENTI INTERPRETATIVI ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 2/15

3 1 PREMESSA Questa Amministrazione, considerati i principi e orientamenti espressi sia nel Piano Regolatore Comunale vigente che nel Documento Preliminare del PAT, recentemente approvato, intende definire le modalità applicative lasciate in capo al Comune dalla L.R.14/2009 così così come modificata dalla L.R. 13/2011. Fatte salve le deroghe stabilite dalla L.R. n. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011, per quanto non espressamente disciplinato dalle presenti disposizioni e ad esclusione delle disposizioni non soggette ad alcun limite temporale di efficacia dettate dagli artt. 5, 10 e 12 della legge medesima, si applicano le vigenti norme Regolamentari e di Piano Regolatore Generale/Comunale (regolamento edilizio, norme tecniche di attuazione, ecc.). Sulla base delle specifiche valutazioni di carattere urbanistico, edilizio, paesaggistico ed ambientale già contenute ed esplicitate nel PIANO REGOLATORE COMUNALE vigente, nonché nel PATI DEL CONSELVANO, preso atto che la L.R. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011 introduce un insieme sistematico di deroghe alle normative esistenti di vario livello, con il presente documento si intende definire e/o limitare gli interventi che potrebbero compromettere l equilibrio di aree/edificazioni critiche o sensibili, compromettere l obbiettivo di uno sviluppo urbanistico coerente per aree omogenee, oppure precludere la riqualificazione di aree/edifici appositamente individuati. Salvo quanto specificato nel presente documento, per l applicazione della norma regionale si rimanda alle relative note esplicative contenute nella DGRV n 1782/2011 alleg. A. 2 NORMATIVA E DOCUMENTI UFFICIALI DI RIFERIMENTO L.R. 14/2009: Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile e modifiche alla legge regionale 12 luglio 2007, n. 16 in materia di barriere architettoniche. L.R. 13/2011: Modifiche alla legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile e modifiche alla legge regionale 12 luglio 2007, n. 16 in materia di barriere architettoniche e successive modificazioni, alla legge regionale 23 aprile 2004, n. 11 Norme per il governo del territorio e in materia di paesaggio e successive modificazioni e disposizioni in materia di autorizzazioni di impianti solari e fotovoltaici. DGRV n 1782/2011 alleg. A: note esplicative regionali alla L.R. 13/2011. Nota dir. urbanistica regionale prot del 11/06/2012. L.R. 36/2012: modifiche alla L.R. 14/2009 circa gli interventi in zona agricola. ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 3/15

4 3 LIMITI AGLI INTERVENTI In riferimento agli edifici destinati a prima casa di abitazione, l art.8 della legge regionale 13/2011, pur attribuendo ai comuni la facoltà di deliberare in merito all applicazione degli articoli 2 e 3 della legge regionale n. 14/2009, così come da ultimo modificata, esclude la prima casa di abitazione dal novero delle fattispecie su cui le scelte comunali possono incidere. 3.1 INTERVENTI ESCLUSI DAL PIANO CASA Oltre a quanto previsto dall art. 9 della L.R. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011, sono esclusi dall applicazione le seguenti tipologie di edifici: 1. strutture agricolo-produttive destinate all allevamento così come definite all art. 44, c. 8 della L.R. 11/2004, e gli allevamenti zootecnico-intensivi così come definiti dall art. 44, c. 9 della L.R. 11/2004; 2. attività produttive in zona impropria da trasferire; 3. edifici ricadenti all interno delle aree a tutela delle unità insediative di interesse storico, architettonico ed ambientale in zona agricola (edifici di interesse storico, ambientale e rurale, individuati dal PRG ai sensi degli articoli 10 e 12 della legge regionale 5 marzo 1985 n. 24); 4. edifici esistenti ricadenti in z.t.o. D2: attività commerciali e di servizio, a meno che non si intervenga mediante un piano urbanistico attuativo ai sensi dell articolo 20 della legge regionale 11/2004, finalizzato alla riqualificazione urbanistica dell area 5. edifici di valore monumentale e testimoniale, nonché le Ville Venete e relative pertinenze e contesti figurativi, disciplinati dagli artt e seguenti delle NTA del PATI citato; 6. le zone limitrofe interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante ai sensi del D.Lgs 334/99 e D.M. 09/06/2001, come modificati ed integrati con D.lgs. 238/05, gli interventi andranno valutati con riferimento ai rischi definiti nell'elaborato del P.T.C.P. denominato Rischio Tecnologico e alle relative aree di danno. ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 4/15

5 4 CRITERI E MODALITÁ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI Col presente documento si intende definire, precisare o specificare i criteri progettuali e ed i vincoli con cui le potenzialità edificatorie concesse dalla L.R. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011 possono essere realizzate. In questo modo si manterrà omogeneo e uniforme lo sviluppo del tessuto urbano, criterio di assoluta importanza e data la temporaneità delle deroghe introdotte dalla L.R. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011. Gli interventi previsti dalla L.R. n. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011, in mancanza di specifica disposizione contraria, siano cumulabili con gli altri previsti dal Piano Regolatore Generale Comunale. Il proprietario può, quindi, anche mediante istanze separate, chiedere l'ampliamento residuo di PRG e, sulla base del volume esistente al 31 Maggio 2011, chiedere l'ampliamento del 20% (30%). Sono fatti salvi i limiti inderogabili definiti da disposizioni statali, da qualunque fonte provengano (leggi, decreti, codice civile) né i rapporti negoziali secondo le norme dell'ordinamento civile (diritti di servitù, regolamento contrattuale di condominio). Inoltre si elencano di seguito le ulteriori modalità applicative della L.R. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011, impostate nella forma della disposizione normativa di ammissione, non ammissione o di precisazione 4.1 APPLICAZIONE ART.2, COMMA 1 (CALCOLO DI VOLUMI E SUPERFICI IN AMPLIAMENTO) Nell applicazione della L.R. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011, che si conferma per quanto attiene la definizione dei criteri di calcolo del volume urbanistico (per la destinazione residenziale) e della superficie coperta (per le destinazioni non residenziali), viene confermata l applicazione dei vigenti criteri di calcolo del volume urbanistico e della superficie coperta stabiliti dal PRG comunale. 4.2 APPLICAZIONE ART.2, COMMA 2 (MODALITÀ REALIZZATIVE, DISTANZE, ALTEZZE, ECC) Gli interventi consentiti dalla L.R. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011, relativamente alle distanze dai confini e dai fabbricati, saranno ammessi nel rispetto delle norme del vigente PRG, salvo le deroghe previste dalla stessa norma regionale per gli edifici destinati a prima casa di abitazione. ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 5/15

6 Per quanto riguarda le altezze, gli ampliamenti consentiti dalla presente legge saranno ammessi nel rispetto delle norme del vigente PRG per le singole z.t.o., salvo le deroghe previste dalla stessa norma regionale per gli edifici destinati a prima casa di abitazione. Per superficie coperta esistente, quale parametro per la quantificazione dell ampliamento ammesso dalla legge, si intende la superficie lorda di pavimento di ogni piano utile. Per superficie coperta in ampliamento ai sensi della L.R. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011 si intendono anche gli ampliamenti in sopraelevazione, e non quindi solo l utilizzo alla quota campagna di nuovo sedime. Per ampliamento del 20% della superficie coperta, se adibito ad usi diversi dal residenziale, si intende di rendere ammissibili gli interventi di ampliamento mediante l utilizzo alla quota campagna esistente (quota da definire e riportare graficamente negli elaborati) di nuovo sedime sviluppabile in altezza nei limiti massimi ammessi dal vigente PRG; Ampliamento in aderenza al fabbricato esistente La L.R. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011 prevede che l ampliamento deve essere realizzato in aderenza rispetto al fabbricato esistente o utilizzando un corpo edilizio contiguo già esistente. Questo criterio è la regola sistematica per la realizzazione degli interventi. La L.R. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011 prevede solo due casi in cui si può autorizzare (facoltà di autorizzazione) la costruzione di un corpo edilizio separato: 1. l ampliamento in aderenza non risulti possibile ; 2. l ampliamento comprometta l armonia estetica del fabbricato esistente La presenza di almeno una di queste due condizioni (che in seguito sono definite condizioni ostative ) non è sufficiente per motivare l autorizzazione: infatti, nelle note esplicative si chiarisce che in ogni caso, nella realizzazione di corpi edilizi separati deve essere garantito il collegamento funzionale con l edificio ampliato. Spetta al comune di regolamentare tale collegamento. Nell apposito paragrafo viene definito come dimostrare la presenza di almeno una delle due condizioni necessarie e come si intende garantito il collegamento funzionale con l edificio ampliato Ampliamento su corpi contigui esistenti L ampliamento su corpo edilizio contiguo esistente NON deve necessariamente determinare la realizzazione di una nuova unità abitativa. L ampliamento utilizzando un corpo edilizio contiguo già esistente può essere realizzato indipendentemente dalla destinazione d uso del medesimo corpo edilizio contiguo, accostando ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 6/15

7 anche destinazioni d uso diverse da quella esistente, fermo restando il rispetto delle vigenti normative in materia, con particolare riferimento alle disposizioni di carattere igienicosanitarie Condizioni eccezionali per l ampliamento mediante corpo edilizio separato La facoltà di autorizzare l edificazione di copri edilizi separati, come sopra anticipato, prevede innanzitutto che sia dimostrata nella documentazione di progetto la sussistenza di almeno uno delle condizioni ostative alla realizzazione di un ampliamento in aderenza: 1. l ampliamento in aderenza non risulti possibile ; 2. l ampliamento comprometta l armonia estetica del fabbricato esistente In particolare, la compromissione dell armonia estetica del fabbricato esistente va dimostrata dal progettista incaricato, attraverso la predisposizione di un fascicolo da allegare alla DIA contenente la documentazione fotografica dell'edificio e dell'intorno dello stato dei luoghi, dei prospetti comparativi e del fotorendering dello stato ante e post intervento. Pertanto, ciascuno di questi due casi, non può costituire unico elemento valutativo di ammissibilità dell ampliamento mediante la costruzione di un nuovo corpo edilizio separato (in quanto elemento soggettivo, discrezionale, non normato): infatti, nelle note esplicative si chiarisce che in ogni caso, nella realizzazione di corpi edilizi separati deve essere garantito il collegamento funzionale con l edificio ampliato. Spetta al comune di regolamentare tale collegamento. Pertanto, si definiscono i seguenti criteri per garantire il collegamento funzionale: 1. La pratica edilizia venga presentata come permesso di costruire in cui l avente Titolo risulti proprietario/comproprietario del fabbricato generatore e dell area sulla quale verrà realizzato il corpo edilizio separato ; 2. l edificio esistente e l ampliamento di progetto che ne deriva siano contemporaneamente e completamente inscrivibili in un cerchio avente diametro massimo D= 130 m; 3. il corpo edilizio separato, da realizzarsi in ogni caso nella stessa z.t.o del fabbricato generatore, sia collocato in area tale da non pregiudicare la viabilità di accesso delle aree edificabili previste dagli strumenti urbanistici vigenti; 4. ai fini dell applicazione degli incrementi volumetrici previsti dall art. 2 della L.R. n. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011, con la comunicazione di fine lavori allegata alla prima richiesta di agibilità, sussiste l'obbligo da parte del ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 7/15

8 Committente e del Direttore dei Lavori di rendere congiuntamente una ulteriore dichiarazione per i seguenti casi: dell'avvenuta installazione dell'impianto con utilizzo di fonti di energia rinnovabile con potenza non inferiore a 3 kw nel caso di utilizzo dell incremento volumetrico del 10% previsto dal comma 5 art. 2 della citata regionale; della certificazione energetica attestante l avvenuto conseguimento della prestazione energetica almeno in classe B dell edificio generatore, nel caso di utilizzo dell incremento volumetrico del 15% previsto dal comma 5bis art. 2 della citata legge regionale. In zona agricola va comunque salvaguardata la tipologia rurale. 4.3 APPLICAZIONE ART.2, COMMA 3 (RECUPERO DEI SOTTOTETTI) Per una miglior comprensione interpretativa dell articolo 2 comma 3 si rimanda alla circolare del Presidente della Regione Veneto n 4/2009 (note esplicative alla L.R. 14/2009). 4.4 APPLICAZIONE ART.2, COMMA 4 (AMPLIAMENTO EDIFICI A SCHIERA MEDIANTE PIANO GUIDA) L'ampliamento delle unità immobiliari a schiera potrà essere eseguito previa presentazione di un progetto unitario (cd Piano Guida ) sottoscritto da tutti gli interessati aventi titolo così come previsto dal co. 4, ultimo periodo, dell'art. 2, L.R. n. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/ APPLICAZIONE ART.2, COMMA 5 (INCENTIVI PER L USO DI FONTI RINNOVABILI) Per una miglior comprensione interpretativa dell articolo 2 comma 5 si rimanda alla circolare del Presidente della Regione Veneto approvata come allegato A alla DGRV 1782/2011 (note esplicative alla L.R. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011). ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 8/15

9 4.6 APPLICAZIONE ART.3 (RINNOVAMENTO DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE) Gli interventi previsti da questo articolo sono applicabili anche agli edifici residenziali ubicati in zona agricola e non collegati a nessuna azienda o imprenditore agricolo, in quanto, l obiettivo che la legge si propone è quello di promuovere il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente e l adeguamento agli attuali standard qualitativi ed energetici. Il concetto di zona territoriale propria richiesto dalla legge (e richiamato anche dalle note esplicative) per l'ammissibilità dell'intervento deve essere inteso come compatibilità di zona e l edificato residenziale esistente in zona agricola deve ritenersi, generalmente, compatibile Vincoli di mantenimento del sedime La demolizione (anche parziale) e ricostruzione prevista dall'art. 3, co. 2, deve avvenire mantenendo almeno una porzione del sedime esistente. Infatti, le note esplicative chiariscono che per quanto poi concerne la localizzazione dell edificio ricostruito, ove integralmente demolito, si evidenzia che esso, fatte salve le variazioni conseguenti all ampliamento, deve mantenere un rapporto con la sua localizzazione originaria, utilizzando almeno parzialmente il vecchio sedime. Essendo possibile una demolizione anche parziale, ne consegue che, in tale ipotesi, l ampliamento ammesso in fase di ricostruzione, sarà calcolato sulla sola parte demolita (note esplicative). Il sedime dell ampliamento può ricadere in z.t.o. diversa rispetto a quella su cui insiste il manufatto che dà origine all ampliamento, a condizione che la destinazione d uso del nuovo volume risultante dall ampliamento sia compatibile con la z.t.o. su cui viene realizzato. Non è comunque ammessa la realizzazione degli ampliamenti di cui alla legge n. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011 in zona agricola nel caso in cui gli ampliamenti medesimi siano generati da altre z.t.o. di PRG Vincoli sulle tecniche costruttive Gli interventi previsti dall art.3 prevedono l utilizzo delle tecniche costruttive definite dalla Giunta Regionale con deliberazione n del 4 agosto 2009, nella quale è stato stabilito: 1. al fine della verifica del rispetto dei requisiti di bioedilizia, un sistema di valutazione diversificato tra edifici residenziali ed edifici non residenziali; 2. la graduazione della volumetria e della superficie coperta in ampliamento sulla base del punteggio realizzato dall'edificio in applicazione della scala prestazionale relativa alle tecniche costruttive utilizzate; ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 9/15

10 3. il mantenimento in capo alla Amministrazione Comunale della fissazione dei criteri necessari per stabilire se e quando elevare fino al 50% la possibilità di ampliare il volume o la superficie coperta esistente; Sulla base del terzo punto testé specificato si sancisce che gli ambiti da sottoporre alla riqualificazione urbanistica, in applicazione del 3 comma dell'art. 3, verranno individuati con specifica deliberazione di Consiglio Comunale su richiesta dei proprietari o aventi titolo, nell'arco temporale di validità della L.R. n. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011 (10 luglio 2011). In merito al contenuto di cui all'art. 3, co. 4, della L.R. n. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011, considerato che questa tipologia di interventi è strettamente collegata a specifici particolari costruttivi che determinano un punteggio in base al quale viene riconosciuta una potenzialità edificatoria in ampliamento, l'avvenuta ricostruzione verrà valutata sulla reale possibilità di applicare alle parti residue non ancora edificate, le tecniche costruttive di bioedilizia individuate dalla deliberazione di G.R. sopra indicata in modo che l'intervento rientri nei parametri minimi per l'accesso al bonus volumetrico. (punteggio complessivo = 1). Risulta ovvio che se l'edifico è concluso in ogni sua parte, anche se privo di agibilità, l'articolo 3 della L.R. n. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011 non troverà applicazione. Si potrà verificare, comunque, l'applicabilità dell'art. 2 della L.R. n. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011. Se non diversamente previsto dal Piano Regolatore Generale/Comunale, la ricostruzione degli edifici potrà prevedere l'aumento del numero delle unità immobiliari fermo restando la verifica dei requisiti edilizi ed igienico sanitari, nonché degli standard urbanistici e di progetto (parcheggi pertinenziali) previsti dalla vigenti norme di Legge, Regolamentari e di Piano Regolatore Generale. Anche in questo caso gli ampliamenti in zona agricola, come peraltro già previsto dall'art. 44 della L.R11/04, dovranno essere eseguiti nel rispetto integrale della tipologia originaria, uniformandosi all'altezza dell'edificio esistente o, in alternativa, realizzando al massimo n. 2 piani (Piano Terra e Piano Primo). 4.7 APPLICAZIONE ART.7, COMMA 2 (ULTERIORI INCENTIVI COMUNALI PER LA BIOEDILIZIA) Nel caso in cui l ampliamento residenziale oppure l intero edificio residenziale ampliato sia classificato e/o certificato con le seguenti modalità: sistema A.N.A.B. SB100 (e successivi eventuali aggiornamenti) standard CasaClima NATURE (e successivi eventuali aggiornamenti) l importo complessivo degli oneri, se dovuti, è ridotto del 30%. ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 10/15

11 4.8 APPLICAZIONE ART.9, COMMA 1, LETTERA A) (APPLICAZIONE NEI CENTRI STORICI) Salvo le esclusioni previste dall art. 9 della legge regionale, è consentita l applicazione della L.R. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011 anche a tutti gli edifici all interno del centro storico che non ricadono tra quelli esclusi dal presente documento e che risultino privi di grado di protezione, ovvero con grado di protezione di demolizione e ricostruzione, di ristrutturazione o sostituzione edilizia, di ricomposizione volumetrica o urbanistica, anche se soggetti a piano urbanistico attuativo. Gli interventi di ampliamento in centro storico devono sottostare ai criteri edificatori del PRG vigente (altezze, distanze, ecc.). 4.9 APPLICAZIONE ART.9, COMMI 2, 2 BIS, 2 TER (SFORAMENTI DI Z.T.O., CAMBI D USO) Il comma 2 consente, per gli interventi di cui agli articoli 2, 3, 4, il cambio di destinazione d uso degli edifici a condizione che lo strumento urbanistico comunale ammetta la nuova destinazione richiesta dall interessato. il comma 2bis che prevede che, ove l istanza riguardi edifici con destinazione impropria essa può essere accolta limitatamente al volume che potrebbe essere realizzabile secondo la disciplina di zona, salvo aggiungere a questo la percentuale di ampliamento prevista per l intervento specifico. Le norme del comma 2 e 2bis non consentono, invece, il cambio di destinazione d uso in zona agricola tranne che nella sola ipotesi eccezionale di ampliamento di un edificio residenziale realizzato mediante l utilizzo anche parziale di un annesso rustico già esistente. Per quanto riguarda il comma 2 ter, la norma dispone che per gli interventi disciplinati dal comma 2 bis e cioè per interventi su edifici situati in zona impropria, ovviamente diversa da quella agricola, per i quali sia richiesto il cambio di destinazione d uso, risulta necessario un piano urbanistico attuativo ai sensi dell articolo 20 della legge regionale 11/ APPLICAZIONE ART.9, COMMA 4 (ESISTENZA OPERE URBANIZZAZIONE) Per quanto attiene gli interventi assoggettati ad intervento edilizio diretto, per esistenza delle opere di urbanizzazione primaria deve intendersi riferita alle infrastrutture e ai relativi sottoservizi, ammettendo la monetizzazione degli standards a verde e parcheggio. ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 11/15

12 Per quanto attiene gli interventi subordinati alla preliminare redazione di un piano urbanistico attuativo (nei casi in cui, cioè, di ampliamenti fino al 40-50%), devono essere adeguate e/o incrementate le opere di urbanizzazione primaria attinenti all intero insediamento (intendendo sia le volumetrie esistenti che quelle in ampliamento) per quanto attiene ai sottoservizi; la realizzazione degli standards a verde e a parcheggio primario è prescritta per le volumetrie in ampliamento di cui alla legge nr. 14/2009 così come modificata dalla L.R. 13/2011, e non quindi per le volumetrie esistenti APPLICAZIONE ART.9, COMMA 9 (AUMENTO SUPERFICIE UTILE ALL INTERNO DI VOLUMI) Quanto disposto dall articolo 9 comma 9 è da ritenere applicabile per tutte le destinazioni d uso, vincolando l ammissibilità dell intervento al reperimento degli standards urbanistici di norma, e nel rispetto delle destinazioni d uso ammesse dal vigente PRG per le diverse z.t.o APPLICAZIONE ART.10 (DEFINIZIONE DI RISTRUTTURAZIONE) L art. 10, dedicato alla ristrutturazione edilizia, fa parte del gruppo di disposizioni a regime, non sottoposte cioè al limite temporale di scadenza del piano casa, oggi indicato al 30 novembre 2013, ed applicabili quindi a tempo indeterminato, ancorché nelle more dell approvazione della nuova disciplina regionale sull edilizia. La lett. a) di tale articolo precisa che nel novero degli interventi di ristrutturazione edilizia contemplati dall articolo 3, comma 1, lettera d), del D.P.R. 380/2001, devono farsi rientrare anche quelli che comportano integrale demolizione e ricostruzione con il medesimo volume o con volume inferiore e all interno della sagoma del fabbricato precedente ; rientrano in tale categoria gli interventi spesso indispensabili per consentire l utilizzo di nuove tecniche costruttive, ad esempio per realizzare strutture antisismiche o per adeguare le fondazioni di vecchi edifici. In ogni caso l edificio ricostruito (in tal senso va intesa l espressione nuova costruzione ) deve mantenere il medesimo volume e restare all interno della sagoma originaria, fatta salva l applicazione della normativa antisismica nei limiti di cui al DPR 380/2001 nonché l utilizzo di nuove tecniche costruttive. Va altresì precisato che il concetto di ricostruzione implica che tale intervento debba avvenire sulla medesima area di sedime. La lett. b) stabilisce che per la parte nella quale l intervento mantiene i volumi e la sagoma dell edificio preesistente, esso è assoggettato per quanto attiene alle prescrizioni in materia di indici di edificabilità ed agli ulteriori parametri di carattere quantitativo alla stessa disciplina della ristrutturazione edilizia mentre, per la parte nella quale l intervento costituisce ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 12/15

13 ampliamento, esso è assoggettato sempre riguardo agli indici ed ai parametri quantitativi sopra detti alla disciplina propria della nuova costruzione. La parte di edificio demolita e ricostruita con lo stesso volume e all interno della sagoma originari, mantiene una condizione privilegiata (per esempio, la possibilità di mantenere le distanze preesistenti) propria del fabbricato nella sua conformazione originaria, mentre l ampliamento viene assoggettato alle eventuali più restrittive disposizioni pianificatorie vigenti. ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 13/15

14 5 DEFINIZIONI E CHIARIMENTI INTERPRETATIVI Si elencano una serie di definizioni e chiarimenti interpretativi sugli aspetti su cui si inizia ad avere un orientamento chiaro ed una giurisprudenza univoca, a chiarimento degli aspetti più controversi: 1. PRIMA ABITAZIONE DEL PROPRIETARIO, PRIMA CASA DI ABITAZIONE: per prima abitazione del proprietario e prima casa di abitazione, si riporta la definizione di cui all Art. 8 L.R. 26/2009, come modificato dalla L.R. 13/2011: si intendono le unità immobiliari in proprietà, usufrutto o altro diritto reale in cui l avente titolo, o i suoi familiari, risiedano oppure si obblighino a stabilire la residenza ed a mantenerla almeno per i ventiquattro mesi successivi al rilascio del certificato di agibilità. ; 2. FAMILIARI: per familiari si intendono i coniugi e i parenti di 2 grado. Nel caso in cui il familiare debba spostare la residenza nell ampliamento realizzato mediante piano-casa, il cambio di residenza dovrà essere richiesto contestualmente/allegato alla domanda di rilascio del certificato di agibilità; 3. AMPLIAMENTI SIMULTANEI AI SENSI L.R. 14/2009 ED ART. 44 C. 5 L.R. 11/2004: Nel caso di ampliamento fabbricato esistente in zona agricola, per il quale la volumetria massima assentibile e realizzabile sia quella prevista dall art. 44 comma 5 della L.R. n 11/2004 (sino a 800 mc), da attuarsi mediante edificazione di un corpo edilizio separato o su di un corpo contiguo esistente, è consentito accorpare all ampliamento di cui alla L.R.14/2009 e s.m.i. anche l ampliamento spettante al fabbricato esistente ai sensi della predetta L.R. 11/2004. Rimane ferma invece l esclusione da tale possibilità per gli edifici non destinati a prima abitazione, ovvero nel caso non si ricorra al contestuale utilizzo della norma straordinaria del Piano Casa, con l obbligo di realizzare l ampliamento, di cui alla L.R.11/2004, in aderenza al fabbricato esistente. Si conferma che entrambi gli ampliamenti (L.R. 14/2009/L.R. 11/2004 e s.m.i.), sono concessi agli edifici che rispettano le caratteristiche determinate dalle rispettive norme. L efficacia di tale applicazione si esaurisce con i termini di validità definiti dalla L.R. 14/2009 così come modifica dalla L.R. 13/2011; ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 14/15

15 4. RIDUZIONE DI ONERI E CONTRIBUTI: poiché l art. 7, comma 1, della L.R. n. 14/2009 stabilisce che per gli interventi di cui agli artt. 2 e 3 della stessa Legge, il contributo di costruzione è ridotto del 60% nell ipotesi di edificio o unità immobiliari destinati a prima abitazione del proprietario o dell avente titolo, mentre ai sensi dell art. 17, comma 3 lett. b) del D.P.R. 06/06/2001 n. 380, detto contributo di costruzione non è dovuto per gli interventi di ristrutturazione e ampliamento in misura non superiore al 20% di edifici unifamiliari, risulta necessario chiarire che quest ultima esenzione non opera in caso di applicazione delle agevolazioni plani volumetriche ammesse ai sensi della L.R. n. 14/2009, così come modificata dalla L.R. n. 13/2011, trattandosi di normativa speciale, eccezionale e temporanea; 5. OBBLIGO AL MANTENIMENTO DI RESIDENZA: nei casi in cui i soggetti si obbligano a stabilire e mantenere la residenza almeno per i ventiquattro mesi successivi alla data di rilascio dell agibilità, deve essere costituita cauzione mediante Polizza Fidejussoria bancaria o assicurativa (primaria compagnia da concordare con l Amministrazione comunale) che dovrà espressamente prevedere e specificare i seguenti requisiti: la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all art c.c., comma 2, l operatività delle medesima entro 15 (quindici) giorni a semplice richiesta scritta da parte dell Ente garantito, senza che nessuna eccezione possa essere opposta; il mancato pagamento delle rate annuali di premio e/o rinnovo non potrà essere invocato dal fidejussore (Banca/Compagnia Assicurativa) quale rifiuto alla corresponsione dell indennizzo in caso di escussione; il tacito rinnovo fino alla lettera di svincolo di questo Comune; l'importo complessivo garantito pari al 180% della riduzione del contributo di costruzione goduta, a garanzia sia del contributo di costruzione non versato, sia delle sanzioni per mancati/ritardati pagamenti come previsto ai sensi del combinato disposto art. 81 L.R. n. 61/85 ed art. 42 D.P.R. n. 380/01. Se l importo coperto dalla polizza non fosse escutibile per ragioni indipendenti dall operato del Comune, si provvederà alla riscossione coattiva. ALLEGATO A alla delibera di C.C. n. 8/2013 Pag. 15/15

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO 2007,

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

Comune di Veggiano Provincia di Padova

Comune di Veggiano Provincia di Padova Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 così come modificata dalla legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 PREMESSA Nell'intento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE

Dettagli

Ufficio Tecnico Comunale

Ufficio Tecnico Comunale COMUNE di LEIVI Provincia di Genova Via IV Novembre, n.1 16040 LEIVI Tel.0185.319033 + Fax.0185.319569 ufficio tecnico@comune.leivi.ge.it Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Ufficio Tecnico Settore Urbanistica DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 21.01.2010 1 DEI PARCHEGGI PRIVATI

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI MASER (TV) Limiti e modalità operative di applicazione della L.R. 14/2009 così come integrata e modificata dalla L.R.

COMUNE DI MASER (TV) Limiti e modalità operative di applicazione della L.R. 14/2009 così come integrata e modificata dalla L.R. COMUNE DI MASER (TV) Limiti e modalità operative di applicazione della L.R. 14/2009 così come integrata e modificata dalla L.R. 13/2011 Allegato A alla delibera di Consiglio Comunale n. 35 del 30/11/2011

Dettagli

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare,

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare, IL VECCHIO E IL NUOVO PIANO CASA A CONFRONTO con le nuove disposizioni dettate dalla legge regionale n. 32 del 29 novembre 2013 (Bur n. 103 del 30/11/2013) - Il primo dicembre 2013 è entrata in vigore

Dettagli

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 4/E Roma, 04 gennaio 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza Giuridica Art. 1 della legge n. 449 del 1997 Piano Casa Possibilità di fruire della detrazione del 36 per cento

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata COMUNE DI CAGLIARI Servizio Edilizia Privata Indirizzi Interpretativi 19 Dicembre 2013 1 La presente nota scaturisce dalla necessità di dare risposta ai quesiti più frequenti posti all ufficio da parte

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA COMUNE DI PORDENONE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1) altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA

INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA Articolo 1 IL CONCETTO DI PRIMA CASA DI ABITAZIONE Articolo 2 IL CONCETTO DI EDIFICI ESISTENTI Articolo 3 DEFINIZIONE

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI MONITORAGGIO PIANO CASA STATO DELL ARTE Numero di istanze

Dettagli

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici ALLEGATO B Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli edifici Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili,

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP Piacenza, 10.06.2015 AL DIRIGENTE SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE e SUPPORTO AMMINISTRATIVO AL RESPONSABILE SUEAP AGLI ISTRUTTORI TECNICI SUEAP OGGETTO: Deliberazione Assemblea Legislativa Regione Emilia

Dettagli

CITTA DI VITTORIO VENETO IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011

CITTA DI VITTORIO VENETO IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011 CITTA DI VITTORIO VENETO IL NUOVO PIANO CASA LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011 Vittorio Veneto, Biblioteca Civica 10 ottobre 2011 La legge sul nuovo piano casa è una legge che non prevede nuovo

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

Gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili non soggetti ad autorizzazione unica. Gestione dei procedimenti unici SUAP

Gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili non soggetti ad autorizzazione unica. Gestione dei procedimenti unici SUAP Gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili non soggetti ad autorizzazione unica Gestione dei procedimenti unici SUAP Inquadramento Le FER: Autorizzazioni e procedure amministrative Normativa

Dettagli

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo Regione Piemonte Bollettino Ufficiale n. 38 del 24 settembre 2009 Circolare della Presidente della Giunta Regionale 21 settembre 2009, n. 4/PET Legge regionale 14 luglio 2009, n. 20 Snellimento delle procedure

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (ex regime concessorio) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale 12/05 Il/ La sottoscritto/a Cod. fiscale/partita IVA residente /con sede in via n. CAP tel. in qualità proprietario

Dettagli

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo.

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Parere n. 50/2010 - Edificazione su territorio agricolo Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Si precisa che le risposte ai quesiti posti

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA CERTIFICAZIONE ENERGETICA La certificazione energetica è un processo finalizzato a far conoscere al cittadino le caratteristiche energetiche del sistema edificio-impianto che sta per acquistare o per affittare.

Dettagli

PIANO CASA VENETO SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA VENETO SCHEDA SINTETICA PIANO CASA VENETO SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 8/7/2009 n. 14, Dgr 24/8/2009 n. 2499 e 2508, Dgr 22/9/2009 n. 2797, L. 8/7/2011, n. 13; L. 1/8/2012, n. 36; Circolare

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

IL PIANO CASA DEL COMUNE DI BADIA POLESINE Dicembre 2009

IL PIANO CASA DEL COMUNE DI BADIA POLESINE Dicembre 2009 1 INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA Articolo 1 IL CONCETTO DI PRIMA CASA DI ABITAZIONE Articolo 2 IL CONCETTO DI EDIFICI ESISTENTI Articolo 3 DEFINIZIONE

Dettagli

INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI

INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI L.P. 5 SETTEMBRE 1991, N. 22 articolo 99, comma 1, lettera e bis) INDIRIZZI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI E FOTOVOLTAICI (testo approvato con deliberazione della Giunta provinciale n.

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova ATTO UNILATERALE D OBBLIGO TIPO PER LE ZONE OMOGENEE D Relativo all intervento di ristrutturazione urbanistica / ristrutturazione edilizia / demolizione / ampliamento / nuova costruzione dell immobile

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

C O M U N E D I C A M B I A N O

C O M U N E D I C A M B I A N O C O M U N E D I C A M B I A N O MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO EDILIZIO INCARICO DEL 20/10/2014 RELAZIONE I Tecnici Incaricati Ing. Andrea BAUCHIERO Geom. Gianluigi PAGLIERO COMUNE DI CAMBIANO

Dettagli

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale COMUNITA' ALTO GARDA E LEDRO PIANO TERRITORIALE DELLA COMUNITA' PIANO STRALCIO IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE art. 25 bis, comma 1 bis l.p.4 marzo 2008, n.1 NORME TECNICHE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione VENETO

Guida al PIANO CASA della Regione VENETO Guida al PIANO CASA della Regione VENETO (aggiornata a marzo 2015) SOMMARIO INTRODUZIONE.. pag. 3 IL PIANO CASA NEL VENETO.. pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico.....pag. 6 EDIFICI RESIDENZIALI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

RISOLUZIONE N. 118/E

RISOLUZIONE N. 118/E RISOLUZIONE N. 118/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Spese sostenute per la redazione di un atto di vincolo unilaterale - Art. 16-bis del TUIR - Istanza

Dettagli

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

BOZZA DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE INERENTE LA L.R. 13 DEL 10 GIUGNO 2008.

BOZZA DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE INERENTE LA L.R. 13 DEL 10 GIUGNO 2008. BOZZA DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE INERENTE LA L.R. 13 DEL 10 GIUGNO 2008. Premesso che: - la Regione Puglia, con la Legge Regionale 10 giugno 2008, n. 13, Norme per l abitare

Dettagli

TABELLE ONERI CONCESSORI

TABELLE ONERI CONCESSORI TABELLE ONERI CONCESSORI 1 - INSEDIAMENTI RESIDENZIALI (costi che si applicano per mc.) INTERVENTI Zona A Zona B Zona C Zona D Zona F primaria 1,85 2,12 2,25 2,25 2,25 secondaria 5,60 5,60 5,60 5,60 5,60

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA Legge Regionale: Norme sulla sanatoria degli abusi edilizi di cui all art. 32 del Decreto Legge 30.09.2003, n. 269. * * * * * * * * * Articolo 1 Oggetto della legge 1.

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità

Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità Laboratorio di Fisica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro normativo Norme Nazionali COMPLESSITA BUROCRATICA INSOSTENIBILE

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

Denuncia di inizio attività ai sensi dell'art. 41 c. 2 e 42 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12

Denuncia di inizio attività ai sensi dell'art. 41 c. 2 e 42 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 ALLO SPRTELLO UNICO PER L EDILZIA DEL COMUNE DI BREGNANO Denuncia di inizio attività ai sensi dell'art. 41 c. 2 e 42 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 l sottoscrit.. (C.F. ) residente a in Via.. Tel. in qualità

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) AL COMUNE DI PIEVE EMANUELE Via Viquarterio, 1 20090 Ufficio Edilizia Privata SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990 come modificato ed integrato dall

Dettagli

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE 15 ottobre 2012, n. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 15996 PROGETTO DI LEGGE N. 0392 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art.

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art. S.C.I.A. n. / (riservato al Comune) Timbro del Protocollo Generale AL COMUNE DI ROSTA UFFICIO TECNICO Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta Torino OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A.

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA

COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sportello per: Edilizia sede di: Venezia - San Marco 4023 Campo Manin - 30124 (VE) - Fax 041/2747680; Attività Produttive Z.T.O. D sede di: Venezia

Dettagli

Venezia 16 maggio 2012 Direzione per la Prevenzione Regione Veneto

Venezia 16 maggio 2012 Direzione per la Prevenzione Regione Veneto La normativa regionale finalizzata alla sicurezza delle manutenzioni in quota e alla definizione dei requisiti di salute e sicurezza degli insediamenti produttivi. Venezia 16 maggio 2012 Direzione per

Dettagli

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E comune di CAMPOSANTO P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E Norme di specificazione per gli interventi di ricostruzione e/o delocalizzazione di edifici posti in territorio rurale vincolati dalla

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il Piano degli Interventi IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria

Dettagli

VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014. SCIA n... del... (busta.../... )

VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014. SCIA n... del... (busta.../... ) AL DIRIGENTE RESPONSABILE DEL SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI IMPRUNETA VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014 SCIA n..... del... (busta...../.... ) SCIA n..... del... (busta...../....

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R.

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R. COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO INERENTE GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E IL COSTO DI COSTRUZIONE (L.R. 1/05) Approvato con deliberazione di C.C. n.. del esecutivo dal. SERVIZIO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO COPIA COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia Servizio Segreteria Delibera N. 28 del 29/11/2011 EDIL.PRIV./alm VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO (ASSUNTA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE)

Dettagli

AGGIORNAMENTO TABELLA ONERI URBANIZZAZIONE PRIMARIA-SECONDARIA-SMALTIMENTO RIFIUTI

AGGIORNAMENTO TABELLA ONERI URBANIZZAZIONE PRIMARIA-SECONDARIA-SMALTIMENTO RIFIUTI AGGIORNAMENTO TABELLA ONERI URBANIZZAZIONE PRIMARIA-SECONDARIA-SMALTIMENTO RIFIUTI (approvati con deliberazione C.C. n. 32 del 14.04.2016) MODELLO 3.1.1 002_TAB_ONERI_E_COSTO _C Destinazioni d'uso Nuove

Dettagli

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Normativa di riferimento: D.P.R. 380/2001 art. 16, 17, 18, 19, 42 D.M. 10 Maggio 1977 Delibera C. R. n. 119/1 del 28/07/1977 Delibera C. R. n. 208/5 del 26/03/1985 D.M.

Dettagli

COMUNE DI BRENDOLA Provincia di Vicenza

COMUNE DI BRENDOLA Provincia di Vicenza COMUNE DI BRENDOLA Provincia di Vicenza ORIGINALE n. 94 Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Sessione Straordinaria di Seconda convocazione in seduta Pubblica Oggetto: DEFINIZIONI DELLE MODALITA'

Dettagli

COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania

COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania VII SERVIZIO URBANISTICA SVILUPPO DEL TERRITORIO Dirigente Responsabile : Ing. Sebastiano Leonardi OGGETTO: Comune di Belpasso Art. 17, L.R. 16 aprile 2003, n. 4

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO (estratto)

REGOLAMENTO EDILIZIO (estratto) Variante Parziale al P.R.G. n. 26 L.R 61/85 50 comma 4, lettera l) Adottata con Del. di C.C. n.. del. Approvata con Del. di C.C. n.. del. TAV. 3 REGOLAMENTO EDILIZIO (estratto) Il Sindaco : Trentini Luca

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA SEZIONE AGROAMBIENTE

IL DIRETTORE DELLA SEZIONE AGROAMBIENTE DECRETO N. 25 DEL 18 MARZO 2012 OGGETTO: Deliberazione della Giunta regionale n. 2879 del 30 dicembre 2013 Semplificazione dei procedimenti nel Settore primario. Atti di indirizzo ai sensi dell art. 50,

Dettagli

ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA E ABUSIVISMO EDILIZIO. Kristina Tomic

ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA E ABUSIVISMO EDILIZIO. Kristina Tomic AREA CITTÀ E TERRITORIO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA ed EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, MOBILITA e TRAFFICO ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA E ABUSIVISMO EDILIZIO Kristina Tomic Responsabile Abusivismo Edilizio Comune

Dettagli

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.)

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) Timbro quadro del professionista o logo Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) allegata a S.C.I.A. ex art. 19 L. 241/1990, come sostituito dall art.

Dettagli

Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio (ai sensi dell art. 18 del Regolamento Edilizio)

Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio (ai sensi dell art. 18 del Regolamento Edilizio) COMUNE DI FERRARA Città patrimonio dell Umanità Marca da Bollo PG Allo Sportello Unico per l Edilizia PR Ufficio Ricezione Data di arrivo Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia

COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia Piazza Libertà, 1 C.A.P. 30020 Tel.0421/203680 Fax.0421/203693 - Codice Fiscale 83003010275 Partita IVA 00609690276 E-mail urbanistica.ediliziaprivata@comune.pramaggiore.ve.it

Dettagli

Comune di Diamante Ufficio Tecnico Settore Urbanistica Demanio Patrimonio Via Pietro Mancini n. 10 87023 Diamante

Comune di Diamante Ufficio Tecnico Settore Urbanistica Demanio Patrimonio Via Pietro Mancini n. 10 87023 Diamante MARCA DA BOLLO Comune di Diamante Ufficio Tecnico Settore Urbanistica Demanio Patrimonio Via Pietro Mancini n. 10 87023 Diamante OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio di attività edilizia (SCIA)

Dettagli

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA ATTIVITA EDILIZIA TOTALMENTE LIBERA Ossia gli interventi edilizi per i quali non è richiesto nessun titolo abitativo, né è prevista alcuna specifica comunicazione,

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA in materia di Attività Produttive. ai sensi dell art. 19 della Legge n. 241 del 07.08.1990 e s.m.i.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA in materia di Attività Produttive. ai sensi dell art. 19 della Legge n. 241 del 07.08.1990 e s.m.i. S.C.I.A. N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA in materia di Attività Produttive ai sensi dell art. 19 della Legge n.

Dettagli

RUE 2015 FAENZA. Incentivi urbanistici ed economici. Incontro del 4/05/2016. (analisi normativa ed esemplificazioni)

RUE 2015 FAENZA. Incentivi urbanistici ed economici. Incontro del 4/05/2016. (analisi normativa ed esemplificazioni) Incentivi urbanistici ed economici (analisi normativa ed esemplificazioni) RUE 2015 FAENZA Incontro del 4/05/2016 RUE 2015 - Unione della Romagna Faentina - Settore Territorio - Via Zanelli n. 4 - Faenza

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI,

Dettagli

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA Comune di Jesi Sportello Unico Edilizia Incontro con i professionisti 26 maggio 2015 La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA LEGGE REGIONALE 20 APRILE 2015

Dettagli

COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) Contributi per gli oneri di urbanizzazione e per il costo di costruzione relativi ai permessi di costruire e alle denunce di inizio attività Marzo 2010 Indice

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine Riservato al protocollo Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine ALLEGATA ALLA : SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (art. 20 e 21 L.R. 31/2002) RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49

LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con modificazioni,

Dettagli

Via Gobetti, 9-37138 VERONA - Telefono 045.572697 - Fax 045.572430 - www.poroton.it - info@poroton.it Detrazioni fiscali per le ristrutturazioni valide anche per la "demolizione e ricostruzione" Le "Semplificazioni

Dettagli

COMUNE di PUTIGNANO. Provincia di Bari

COMUNE di PUTIGNANO. Provincia di Bari COMUNE di PUTIGNANO Provincia di Bari LINEE DI INDIRIZZO DEL CONSIGLIO COMUNALE IN MERITO ALLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DA COLLOCARE SU EDIFICI E MANUFATTI ESISTENTI IN AMBITO ESTESO B C

Dettagli

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A REGOLAMENTO ARREDI DELLE AREE PERTINENZIALI Atto collegato

Dettagli

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO Regolamento Comunale per l edilizia sostenibile finalizzato alla graduazione degli incentivi (Approvato con delibera di

Dettagli

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001)

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001) COMUNE di MAGLIANO DE MARSI Provincia di L Aquila Via S. Maria di Loreto n.8 cap 67062 Tel. 0863/516 - FAX 0863/515018 P.I. 001820906 E-Mail info@comune.maglianodemarsi.aq.it Protocollo Generale Al Sig.

Dettagli