AVVISO PUBBLICO. per la realizzazione di progetti a favore della Coesione Sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVVISO PUBBLICO. per la realizzazione di progetti a favore della Coesione Sociale"

Transcript

1 PROVINCIA DI PAVIA SETTORE SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO AVVISO PUBBLICO per la realizzazione di progetti a favore della Coesione Sociale Art. 1 Finalità Il presente Avviso intende sostenere progetti in grado di avviare azioni concrete volte a promuovere la coesione sociale e a favorire il generarsi di condizioni di benessere e di socializzazione. Gli interventi progettuali devono, nello specifico, riguardare le seguenti aree: A) Solidarietà Sociale: - promozione di percorsi di coesione sociale attraverso progetti di inclusione sociale a favore di anziani, disabili, minori, adulti in difficoltà, famiglie, carcerati, immigrati e popolazione nomade; - rilevazione e supporto del fenomeno migratorio correlato all accoglienza profughi provenienti dall Africa B) Cooperazione Internazionale con i Paesi in via di Sviluppo (PVS): - soddisfacimento dei bisogni primari e in primo luogo alla salvaguardia della vita umana; - autosufficienza alimentare; - crescita economica, sociale e culturale dei paesi che versino in stato di necessità; - attuazione e al consolidamento dei processi di sviluppo; - miglioramento della condizione femminile e dell infanzia; - promozione di un dialogo e di un interscambio di valori tra comunità locali; - comprensione di identità culturali diverse ed alla diffusione di una maggior sensibilità verso i problemi e le condizioni di sottosviluppo presenti nel mondo. C) Sport: - Realizzazione di progetti e di attività sportive con particolare attenzione alle categorie di soggetti socialmente fragili; - eventi sportivi di rilevanza provinciale o sovra provinciale Art. 2 Dotazione finanziaria del bando Le risorse disponibili per il finanziamento di progetti a favore della Coesione Sociale ammontano complessivamente ad ,00 (ottantaquattromilacinquecento/00). Tali risorse si riferiscono a contributi a fondo perduto per il finanziamento di progetti riconducibili alle aree di intervento di cui al precedente art. 1 Pagina 1 di 11

2 Art. 3 Iniziative ammissibili, Soggetti ammessi a presentare domanda e beneficiari, Spese ammissibili e Criteri di valutazione delle domande Per l area A) Solidarietà Sociale vedi Allegato 1. Per l area B) Cooperazione Internazionale vedi Allegato 2. Per l area C) Sport vedi Allegato 3. Art. 4 Intensità dei contributi Il finanziamento provinciale non potrà essere superiore ad 4.000,00. I beneficiari dovranno assicurare un cofinanziamento pari ad almeno il 10% del costo totale del progetto. Tale percentuale dovrà essere garantita anche in sede di rendicontazione del progetto; in caso contrario si provvederà alla riduzione del contributo assegnato sino a riportare la quota di risorse proprie che il beneficiario deve garantire all importo equivalente al 10% del costo complessivo sostenuto. Il cofinanziamento potrà essere costituito da: - Risorse proprie del soggetto proponente; - Eventuali contributi finanziari di altri soggetti pubblici e/o privati. Art. 5 Predisposizione dei progetti Il progetto dovrà essere composto dai seguenti documenti, secondo gli schemi allegati: 1. scheda di sintesi del progetto che indichi: - il luogo dell'intervento, la durata del progetto e la data di inizio prevista; - la motivazione dell intervento e il bisogno cui si vuole dare risposta; - la descrizione di eventuali partner cofinanziatori e delle modalità di cofinanziamento; - gli obbiettivi ed i risultati da conseguire, generali e specifici; - categorie di beneficiari; - le attività di informazione e sensibilizzazione; - eventuali progetti già conclusi (con indicazione delle fonti di finanziamento) che il soggetto proponente ha realizzato nella stessa area tematica di quella del progetto presentato. 2. Un piano economico sottoscritto dal legale rappresentante del soggetto proponente che deve indicare, tra le altre cose: - la spesa prevista individuando le singole voci di spesa; - gli apporti, economici o di altra natura, dei partner coinvolti; Art. 6 Modalità e termini di presentazione delle domande La richiesta di assegnazione di contributo dovrà essere obbligatoriamente corredata dalla seguente documentazione: - Domanda di assegnazione del contributo (All. 1) - scheda di sintesi del progetto (All. 2) - piano economico (All. 3) Le domande di contributo dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 12,00 del 15 febbraio A tal fine farà fede: - la data di protocollo, apposta sulle domande consegnate a mano esclusivamente all'ufficio di protocollo della Provincia di Pavia nei giorni lavorativi con esclusione del venerdì pomeriggio; - la data del timbro dell'ufficio postale di spedizione, per le istanze spedite a mezzo posta (raccomandata con ricevuta di ritorno). Pagina 2 di 11

3 - la data di ricevimento della domanda inviata tramite PEC. La domanda inviata dovrà essere indirizzata al Settore Sviluppo Sociale ed Economico della Provincia di Pavia, P.zza Italia n. 5, Pavia. Sulla busta contenente la domanda di contributo dovrà essere apposta la dicitura: Avviso pubblico per la realizzazione di progetti a favore della Coesione Sociale. Non saranno prese in considerazione le domande pervenute oltre il termine previsto. Art. 7 Valutazione dei progetti Le istanze di contributo presentate saranno oggetto di istruttoria tecnico amministrativa e di merito, da parte di un apposita Commissione composta dal Dirigente Responsabile del Settore e due funzionari del Settore. La Commissione svolge le seguenti funzioni: - verifica l ammissibilità delle domande di partecipazione; - valuta i progetti sulla base dei criteri di valutazione declinati nel Cap. Criteri di valutazione dei progetti ; - redige la graduatoria finale sulla base dei punteggi assegnati. La graduatoria finale sarà pubblicata sul sito web della Provincia di Pavia Gli esiti della valutazione saranno, altresì, comunicati a tutti i Soggetti che hanno presentato domanda di partecipazione. Entro i successivi 15 giorni, tali soggetti dovranno comunicare, alla Provincia di Pavia, Settore Sviluppo Sociale ed Economico (Piazza Italia 5, Pavia), pena la revoca del contributo stesso, l accettazione del contributo. In caso di rinuncia da parte di uno o più soggetti si procederà al finanziamento delle iniziative nel rispetto della graduatoria. Al verificarsi di maggiori disponibilità finanziarie si potrà procedere all ampliamento della graduatoria. Art. 8 Modalità di erogazione dei contributi Il contributo concesso potrà essere corrisposto con le seguenti modalità: - anticipo del 60% del contributo assegnato una volta esecutiva la determinazione dirigenziale di impegno della relativa spesa, ed una volta ricevuta la lettera di accettazione del contributo. - unica soluzione/saldo 40% ad attività conclusa, dietro presentazione di relazione sullo svolgimento del progetto e sui risultati ottenuti e di rendicontazione finale delle spese complessivamente sostenute. Art. 9 Modalità di rendicontazione dei contributi Entro 60 giorni dalla data di chiusura del progetto, i soggetti beneficiari diretti dei contributi dovranno presentare: - relazione finale descrittiva del progetto realizzato; - la richiesta di saldo del contributo assegnato con le previste dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà. - tabella dei consuntivi di spesa e l elenco delle pezze giustificative delle spese sostenute firmate dal legale rappresentate dell ente titolare del contributo - dichiarazione del o dei partner che confermi la realizzazione del progetto. Le pezze giustificative delle spese sostenute non dovranno essere allegate alla rendicontazione, ma archiviate e mantenute a disposizione per eventuali controlli e verifiche presso la sede legale/operativa dell Ente per un periodo di 5 anni. Pagina 3 di 11

4 Qualora in fase di presentazione del rendiconto le spese effettivamente sostenute (corrispondenti alla differenza tra uscite ed entrate) risultassero inferiori al preventivo, il contributo potrà essere oggetto di decurtazione da parte della Provincia di Pavia. Dovrà comunque essere raggiunto un tetto di spesa pari ad almeno il 70% del costo complessivo del progetto. Art. 10 Revoca del contributo Essendo il contributo vincolato alla realizzazione dell'intervento per il quale è concesso, l'impossibilità anche sopraggiunta di dare completa attuazione allo stesso deve essere comunicata alla Provincia per le determinazioni in ordine alla revoca totale o parziale del contributo o alla sua devoluzione a favore di altro intervento. In caso di mancata attuazione delle attività programmate, la Giunta Provinciale della Provincia di Pavia provvederà con apposito atto alla revoca e al recupero totale del contributo. Il contributo assegnato inoltre potrà essere revocato qualora la documentazione presentata a conclusione del progetto non sia idonea o risulti irregolare e non permetta di stabilire il costo totale sostenuto per le iniziative realizzate. In caso di revoca del contributo si procede al recupero delle somme indebitamente percepite, maggiorate degli interessi legali. Art. 11 Variazione del progetto in corso d opera Qualora durante il periodo di realizzazione degli interventi si verifichino eventi eccezionali ed imprevisti, gli enti beneficiari di contributo potranno presentare istanza motivata di variazione dei progetti in corso d opera allegando la relativa documentazione. La Commissione precedentemente descritta valuterà le modifiche proposte al progetto e nei successivi 30 giorni comunicherà per iscritto all Ente interessato l esito dell istanza. Le variazioni non potranno comportare alcun aumento del contributo assegnato. Le modifiche ammissibili potranno concernere: - parziale variazione delle località di intervento, purché non vengano variati gli obiettivi e le tipologie di azioni specifiche; - parziale variazione dei partners, purché si tratti di sostituzioni o aggiunte, debitamente motivate; - variazione in aumento dei singoli capitoli del preventivo di spesa per quote non superiori al 30%. Non è necessaria l autorizzazione qualora l aumento del valore del singolo capitolo non superi il 10%; - variazioni di caratteristiche tecniche delle opere in fase di realizzazione; - parziale variazione delle metodologie previste per la realizzazione delle azioni specifiche. La realizzazione del progetto in maniera difforme da quanto previsto in sede di istanza, anche in termini di durata temporale, senza che siano state concordate le modifiche con la Provincia comporterà la revoca del contributo concesso. Art. 12 Utilizzo del logo provinciale I soggetti beneficiari dovranno dare visibilità del contributo ricevuto in ogni occasione di evidenza pubblica, su tutti i materiali prodotti nonché sulle opere edilizie realizzate, riportando l elemento grafico contenente il logo provinciale. Le modalità ed i termini di utilizzo del suddetto elemento grafico verranno comunicati successivamente. Pagina 4 di 11

5 Art. 13 Pubblicazione del presente Avviso Il testo del presente Avviso, con gli allegati, è scaricabile presso il sito Internet: Art. 14 Informazioni di carattere generale Ai sensi del D.lgs 196/03, si informa che il trattamento dei dati personali che verranno comunicati alla Provincia di Pavia sarà unicamente finalizzato all espletamento delle funzioni inerenti alle procedure di finanziamento, di informazione e promozione delle attività realizzate. L istanza di contributo deve necessariamente riportare un consenso esplicito al trattamento dei dati personali ai sensi del D.lgs 196/03 (Codice in materia di protezione dei dati personali). Il responsabile del procedimento è il Dirigente Responsabile Elisabetta Pozzi, a cui possono essere richieste ulteriori informazioni (tel. 0382/597608, fax 0382/597370, e mail: Titolare del trattamento dei dati personali è Elisabetta Pozzi, alla quale gli interessati potranno rivolgersi per verificare i propri dati e farli integrare, aggiornare o rettificare e/o per esercitare gli altri diritti previsti dall'art. 7 del Codice. Gli enti titolari dei contributi assegnati con il presente bando, in occasione delle proprie attività di informazione/comunicazione, sono tenuti a specificare che il progetto è stato realizzato con il contributo della Provincia di Pavia. Pagina 5 di 11

6 AREA DI INTERVENTO A) Solidarietà Sociale Iniziative ammissibili Le proposte progettuali, presentate a valere su questo ambito di intervento, dovranno essere realizzate nel territorio provinciale e dovranno riguardare: 1. la promozione di percorsi di coesione sociale attraverso progetti di inclusione sociale a favore di anziani, disabili, minori, adulti in difficoltà, famiglie, carcerati, immigrati e popolazione nomade; 2. la rilevazione ed il supporto del fenomeno migratorio correlato all accoglienza profughi provenienti dall Africa; Soggetti ammessi a presentare domanda e beneficiari Possono presentare progetti e accedere alle risorse finanziarie individuate al precedente art. 2 i soggetti che, alla data di presentazione della domanda, siano in possesso dei requisiti di seguito elencati: 1. appartenere ad una delle seguenti categorie: - Associazioni senza scopo di lucro e Associazioni di Promozione Sociale (A.P.S.) iscritte ai Registri regionale e provinciale dell associazionismo e ottemperanti all obbligo di mantenimento dei requisiti; - Organizzazioni di volontariato iscritte alla Sezione provinciale del registro generale regionale del volontariato e ottemperanti all obbligo di mantenimento dei requisiti; - Organizzazioni non profit iscritte all anagrafe delle ONLUS; 2. sede legale e/o operativa nella provincia di Pavia; 3. disponibilità di risorse, personale e assetto organizzativo necessari alla realizzazione del progetto presentato; Ciascun Soggetto avente diritto può presentare una sola proposta progettuale. Spese ammissibili Le spese ritenute ammissibili per il finanziamento dei progetti in ambito di solidarietà Sociale oggetto del presente avviso sono: Oneri per il personale espressamente dedicato alla realizzazione del progetto (devono essere dettagliati per giornate/uomo) e per collaboratori o consulenti esterni in misura non superiore al 40% del costo totale del progetto; Acquisto di beni ed attrezzature necessarie per la realizzazione delle attività progettuali; Spese generali in misura forfettaria pari al 10% delle spese ammissibili di cui ai precedenti punti; Spese di promozione dell iniziativa e di sensibilizzazione in misura non superiore al 10% del costo totale del progetto; Tali spese dovranno essere: direttamente connesse e necessarie per la realizzazione delle attività progettuali previste; sostenute durante il periodo di realizzazione del progetto. chiaramente identificabili e verificabili. Pagina 6 di 11

7 Sono ammissibili le spese sostenute a partire dalla data di avvio dei progetto. I progetti in graduatoria saranno finanziati sino ad esaurimento dei fondi disponibili. Ogni soggetto proponente (o soggetto capofila in caso di progetti consortili) non può essere finanziato che per un solo progetto. I progetti finanziati dovranno iniziare entro il 30/06/2012 e dovranno terminare entro 18 mesi dall'avvio. Criteri di valutazione delle domande Di seguito sono indicati i criteri e i relativi punteggi di valutazione sulla base dei quali lo stesso soggetto proponente può autoverificare la congruenza del progetto presentato e sulla cui base verrà formalizzata la graduatoria definitiva. Per l analisi e la valutazione tecnica dei progetti sono stati individuati specifici elementi di valutazione: CRITERIO Punteggio Qualità della proposta progettuale e pertinenza della risposta progettuale rispetto al problema Max 40 punti individuato capacità di coinvolgimento del partenariato locale, con particolare riferimento all area dei Piani di Max 30 punti Zona, e di messa in rete delle risorse dello specifico territorio rilevanza sovracomunale del progetto Max 15 punti rilevanza provinciale del progetto Max 15 punti TOTALE MASSIMO PUNTI 100 Pagina 7 di 11

8 AREA DI INTERVENTO B) Cooperazione Internazionale con i Paesi in via di Sviluppo (PVS) Iniziative ammissibili Le proposte progettuali, presentate a valere su questo ambito di intervento, devono riguardare: - il soddisfacimento dei bisogni primari e in primo luogo alla salvaguardia della vita umana; - l autosufficienza alimentare; - la crescita economica, sociale e culturale dei paesi che versino in stato di necessità; - l attuazione e al consolidamento dei processi di sviluppo; - il miglioramento della condizione femminile e dell infanzia; - la promozione di un dialogo e di un interscambio di valori tra comunità locali; - la comprensione di identità culturali diverse ed alla diffusione di una maggior sensibilità verso i problemi e le condizioni di sottosviluppo presenti nel mondo. Soggetti ammessi a presentare domanda e beneficiari Possono presentare progetti e accedere alle risorse finanziarie individuate al precedente art. 2 i soggetti che, alla data di presentazione della domanda, siano in possesso dei requisiti di seguito elencati: 1. appartenere ad una delle seguenti categorie: - ONG, - Organizzazioni non profit iscritte all anagrafe delle ONLUS; - Associazioni senza scopo di lucro e Associazioni di Promozione Sociale (A.P.S.) iscritte ai Registri regionale e provinciale dell associazionismo e ottemperanti all obbligo di mantenimento dei requisiti; - Organizzazioni di volontariato iscritte alla Sezione provinciale del registro generale regionale del volontariato e ottemperanti all obbligo di mantenimento dei requisiti; 2. assenza di finalità di lucro e divieto di distribuzione di utili fra gli associati; 3. sede legale in Italia ed esistenza di una sede operativa attiva nella provincia di Pavia; 4. disponibilità di risorse, personale e assetto organizzativo necessari alla realizzazione delle attività di cooperazione; Ciascun Soggetto avente diritto può presentare una sola proposta progettuale. Spese ammissibili Le spese ritenute ammissibili per il finanziamento dei progetti in ambito di solidarietà Sociale oggetto del presente avviso sono: Oneri per il personale espressamente dedicato alla realizzazione del progetto (devono essere dettagliati per giornate/uomo) e per collaboratori o consulenti esterni in misura non superiore al 40% del costo totale del progetto; Trasferte: Spese per le trasferte in Italia, nel paese di intervento e per stage in Italia da parte dei beneficiari dell intervento. Le spese per le trasferte relative ai mezzi di trasporto ed alla diaria giornaliera (vitto e alloggio) vanno indicate separatamente e sono riconosciute ammissibili fino al 30% del costo totale del progetto. Acquisto di beni ed attrezzature necessarie per la realizzazione delle attività progettuali; Pagina 8 di 11

9 Spese generali in misura forfettaria pari al 10% delle spese ammissibili di cui ai precedenti punti; Spese di promozione dell iniziativa e di sensibilizzazione in misura non superiore al 10% del costo totale del progetto; Tali spese dovranno essere: direttamente connesse e necessarie per la realizzazione delle attività progettuali previste; sostenute durante il periodo di realizzazione del progetto. chiaramente identificabili e verificabili. Sono ammissibili le spese sostenute a partire dalla data di avvio dei progetto. I progetti in graduatoria saranno finanziati sino ad esaurimento dei fondi disponibili. Ogni soggetto proponente (o soggetto capofila in caso di progetti consortili) non può essere finanziato che per un solo progetto. I progetti finanziati dovranno iniziare entro il 30/06/2012 e dovranno terminare entro 18 mesi dall'avvio. Criteri di valutazione delle domande Di seguito sono indicati i criteri e i relativi punteggi di valutazione sulla base dei quali lo stesso soggetto proponente può autoverificare la congruenza del progetto presentato e sulla cui base verrà formalizzata la graduatoria definitiva. Per l analisi e la valutazione tecnica dei progetti sono stati individuati specifici elementi di valutazione CRITERIO Punteggio Esperienza specifica in materia (proponente che abbia già realizzato programmi di cooperazione Max 15 punti decentrata nell area tematica del progetto) Esperienza maturata nell area geografica di intervento (proponente che operi già da tempo Max 10 punti nell area geografica, nel paese oggetto dell intervento) Qualità della proposta progettuale e pertinenza della risposta progettuale rispetto al problema Max 30 punti individuato rilevanza strategica (progetto inserito in un programma più vasto o in una strategia di ampio Max 20 punti intervento sull area considerata, a livello nazionale o internazionale, o progetto che prevede cooperatività con altre regioni italiane, europee e altre ong italiane presenti nell area di intervento valorizzazione della messa in rete dei soggetti e delle competenze locali quali: università, centri di Max 25 punti ricerca, municipalità, enti religiosi locali; TOTALE MASSIMO PUNTI 100 Pagina 9 di 11

10 AREA DI INTERVENTO C) Sport Iniziative ammissibili Lo sport può contribuire ad una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva poiché, grazie al suo impatto socio educativo, è strumento di sicurezza sociale, garantisce una migliore qualità della vita e contribuisce alla coesione sociale e alla partecipazione civica. E inoltre mezzo di promozione dell inclusione sociale di gruppi svantaggiati con particolare riferimento alle fasce di disabilità. Le proposte progettuali, presentate a valere su questo ambito di intervento, dovranno svolgersi prevalentemente sul territorio provinciale e dovranno riguardare: 1. la realizzazione di progetti e di attività sportive con particolare attenzione alle categorie di soggetti socialmente fragili; 2. eventi sportivi di rilevanza provinciale o sovra provinciale Soggetti ammessi a presentare domanda e beneficiari Possono presentare progetti e accedere alle risorse finanziarie individuate al precedente art. 2 i soggetti che, alla data di presentazione della domanda, siano in possesso dei requisiti di seguito elencati: 1. appartenere ad una delle seguenti categorie: a. Associazioni e Società sportive a carattere dilettantistico regolarmente iscritte alle Federazioni sportive Nazionali e/o affiliate agli Enti di Promozione Sportiva, comunque iscritte al registro nazionale C.O.N.I. b. Associazioni senza scopo di lucro e Associazioni di Promozione Sociale (A.P.S.) iscritte ai Registri regionale e provinciale dell associazionismo e ottemperanti all obbligo di mantenimento dei requisiti; c. Organizzazioni di volontariato iscritte alla Sezione provinciale del registro generale regionale del volontariato e ottemperanti all obbligo di mantenimento dei requisiti; 2. sede legale e/o operativa nella provincia di Pavia; 3. disponibilità di risorse, personale e assetto organizzativo necessari alla realizzazione del progetto presentato; Ciascun Soggetto avente diritto può presentare una sola proposta progettuale. Spese ammissibili Le spese ritenute ammissibili per il finanziamento dei progetti in ambito di solidarietà Sociale oggetto del presente avviso sono: Oneri per il personale espressamente dedicato alla realizzazione del progetto (devono essere dettagliati per giornate/uomo) e per collaboratori o consulenti esterni in misura non superiore al 40% del costo totale del progetto; Acquisto di beni ed attrezzature necessarie per la realizzazione delle attività progettuali; Spese generali in misura forfettaria pari al 10% delle spese ammissibili di cui ai precedenti punti; Spese di promozione dell iniziativa e di sensibilizzazione in misura non superiore al 10% del costo totale del progetto; Pagina 10 di 11

11 Tali spese dovranno essere: direttamente connesse e necessarie per la realizzazione delle attività progettuali previste; sostenute durante il periodo di realizzazione del progetto. chiaramente identificabili e verificabili. Sono ammissibili le spese sostenute a partire dalla data di avvio dei progetto. I progetti in graduatoria saranno finanziati sino ad esaurimento dei fondi disponibili. Ogni soggetto proponente (o soggetto capofila in caso di progetti consortili) non può essere finanziato che per un solo progetto. I progetti e le attività sportive di cui al punto 1 del paragrafo Iniziative ammissibili dovranno iniziare entro il 30/06/2012 e dovranno terminare entro 18 mesi dall'avvio. Gli eventi sportivi dovranno tenersi entro il 31/12/2012. Criteri di valutazione delle domande Di seguito sono indicati i criteri e i relativi punteggi di valutazione sulla base dei quali lo stesso soggetto proponente può autoverificare la congruenza del progetto presentato e sulla cui base verrà formalizzata la graduatoria definitiva. Per l analisi e la valutazione tecnica dei progetti sono stati individuati specifici elementi di valutazione : CRITERIO Punteggio Qualità della proposta progettuale e pertinenza della risposta progettuale rispetto al problema Max 40 punti individuato capacità di coinvolgimento del partenariato locale e di messa in rete delle risorse dello specifico Max 30 punti territorio SUB AREA realizzazione di progetti e di attività sportive con particolare attenzione alle categorie di soggetti socialmente fragili attività sportive rivolte a categorie di soggetti socialmente fragili Max 15 punti attività sportive rivolte all integrazione delle persone disabili Max 15 punti SUB AREA eventi sportivi di rilevanza provinciale o sovra provinciale Numero di sportivi coinvolti Rilevanza territoriale dell iniziativa Destinazione benefica di eventuali introiti Max 10 punti Max 15 punti Max 5 punti TOTALE MASSIMO PUNTI 100 Pagina 11 di 11

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

1) SOGGETTI AMMISSIBILI

1) SOGGETTI AMMISSIBILI BANDO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN EVENTO DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE DA PARTE DI ASSOCIAZIONI O GRUPPI INFORMALI GIOVANILI. Ciessevi, Centro

Dettagli

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali e Comunitari Direzione Sanità Settore Programmazione Sanitaria BANDO Per il personale sanitario dipendente delle strutture

Dettagli

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015 PREMESSA Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, data la presenza attiva sul territorio di Associazioni impegnate nell organizzazione e gestione di Rassegne teatrali, intende sollecitare i soggetti interessati

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari Servizio Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari Servizio Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero BANDO PUBBLICO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE OPERANTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIGGIANO - INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI - Art. 1 FINALITA Il Comune di Triggiano

Dettagli

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE rende noto Bando Provinciale per l erogazione dei contributi per lo spettacolo dal vivo ai sensi della L.R. 11/2009, del Piano triennale

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 2 Ricerca applicata in campo medico 2015/2016 Istruzione Universitaria e Ricerca 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO

TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO 1. PREMESSA Con il presente avviso il CESV Centro Servizi per il Volontariato -, di seguito Centro,

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

Art.1 Oggetto del bando. Art.2 Progetti start up. Art.3 Progetti di sviluppo

Art.1 Oggetto del bando. Art.2 Progetti start up. Art.3 Progetti di sviluppo Art.1 Oggetto del bando Il Bando 2013 del CSV Napoli Programm Azioni Sociali è volto al sostegno della progettazione sociale delle Organizzazioni di Volontariato, di seguito OdV, della provincia di Napoli.

Dettagli

Art. 2 SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA E REQUISITI DI AMMISSIBILITA

Art. 2 SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA E REQUISITI DI AMMISSIBILITA pro Bando per il sostegno di progetti a favore dei Centri Sociali per anziani della provincia di Milano (D.G.P. atti n. 283290 13.3\2008\405 /2008 del /12/2008) ART. 1. - OGGETTO La Provincia di Milano

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 732 del 28/11/2013 Proposta: DAL/2013/783 del 26/11/2013 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

Regolamento per la presentazione ed il finanziamento di progetti di solidarieta internazionale e di cooperazione decentrata.

Regolamento per la presentazione ed il finanziamento di progetti di solidarieta internazionale e di cooperazione decentrata. Comune di Ornago Provincia di Milano Via Santuario 6 20060 ORNAGO c.f. 05827280156 p.iva 00806390969 tel. 039-628631 - fax 039-6011094 www.comuneornago.it Regolamento per la presentazione ed il finanziamento

Dettagli

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione)

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione) Oggetto: Domanda di contributo per la realizzazione di iniziative sportive e del tempo libero. (Ogni domanda deve essere presentata per una singola iniziativa o progetto unitario.) L.R. 9 marzo 1988 n.

Dettagli

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 BANDO per le associazioni socie del Cesvot per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 volontariato ANNO 2015 Pagina 1 1. Chi può presentare Hanno diritto a presentare

Dettagli

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1

SOMMARIO. Bando per il sostegno della progettazione e dell adozione di politiche in materia di energia. Anno 2004. pag. 1 SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER GLI ENTI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO ART. 1 - FINALITÀ... 2 ART. 2

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE Nell ambito del convegno nazionale La figura del tutor all

Dettagli

C O M U N E D I V A L B R E M B I L L A Provincia di Bergamo www.comune.valbrembilla.bg.it

C O M U N E D I V A L B R E M B I L L A Provincia di Bergamo www.comune.valbrembilla.bg.it C O M U N E D I V A L B R E M B I L L A Provincia di Bergamo www.comune.valbrembilla.bg.it BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI, GRUPPI E ASSOCIAZIONI SPORTIVE PER LE ATTIVITÀ SVOLTE NELL ANNO

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993.

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Allegato A Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Anno 2014 A. Finalità La Regione Basilicata nell ambito delle

Dettagli

PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE

PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE FINALITÀ Gli ambiti di intervento per i quali possono essere presentate le proposte progettuali sono: 1. la prevenzione e il contrasto al disagio giovanile

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO BANDO SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO ANNO 2009 42 1. I progetti 1. L idea nasce dalla consapevolezza che il Servizio Civile Nazionale rappresenta per molti giovani una significativa opportunità di crescita

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo

Dettagli

2 BANDO 2016 TUTELA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE A RACCOLTA EROGAZIONE

2 BANDO 2016 TUTELA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE A RACCOLTA EROGAZIONE 2 BANDO 2016 TUTELA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE A RACCOLTA EROGAZIONE Per il finanziamento di progetti di utilità sociale nel settore della Tutela, promozione

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007-

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. In applicazione dell

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Art. l (Finalità) Art. 2 (Oggetto dell Avviso Pubblico)

Art. l (Finalità) Art. 2 (Oggetto dell Avviso Pubblico) ALLEGATO A REGIONE LAZIO Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Avviso Pubblico per la presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio Centro Solidarietà e Sussidiarietà

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 124 del 25/02/2015 Proposta: DAL/2015/128 del 24/02/2015 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA Regolamento per la concessione di contributi a sostegno dei Centri vacanza per minori ai sensi del Regolamento Regionale approvato con DPReg n. 0190/PRES del 22.05.2001 e dei Centri socio-educativi per

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio per il Volontariato Asti e Alessandria, nel perseguire l obiettivo di sostenere e

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O Prot. n. 47660/AEP del 15/09/06 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE L ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO PER LA TRASFORMAZIONE A GAS NATURALE DEGLI IMPIANTI PER RISCALDAMENTO

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R.

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R. BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R. 9/90) Annualità 2014 (anno scolastico 2015-2016) 1 Premessa Con deliberazione n. 86/2013

Dettagli

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ RELATIVE AI SERVIZI TERRITORIALI ED ALLE POLITICHE SOCIO-SANITARIE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Dettagli

Tali soggetti devono possedere, al momento della presentazione della domanda, i seguenti requisiti :

Tali soggetti devono possedere, al momento della presentazione della domanda, i seguenti requisiti : Art. 1. PREMESSA L Associazione delle Fondazioni delle Casse di Risparmio Piemontesi e la Regione Piemonte sono dal 2006 impegnate congiuntamente in un programma di azione finalizzato alla lotta alla povertà

Dettagli

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015

Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 Bando Ricerca Scientifica di particolare interesse sociale n 4 Anno 2015 120.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani BANDO DI CONCORSO CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani INDICE: Art. 1 Finalità Art. 2 Indirizzi di programma ed obiettivi Art. 3 Procedure e termini di presentazione delle domande Art. 4 Requisiti

Dettagli

Al Sindaco del Comune di:

Al Sindaco del Comune di: Prot. n.1225 del 16/01/13 Al Sindaco del Comune di: 1. Caivano (NA) 2. Cesa (CE) 3. Ottaviano (NA) 4. Calvizzano (NA) Oggetto: LETTERA DI INVITO PER EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AI COMUNI CONSORZIATIPER

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

REGIONE LAZIO. Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO

REGIONE LAZIO. Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO ALLEGATO 1 REGIONE LAZIO Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande concernenti progetti di valorizzazione e promozione turistica destinati a migliorare l accoglienza

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007)

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007) BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007) Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. Sulla

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012 Foto di Luca Eula Bando A SOSTEGNO DI progetti e ATTIVITÁ IN mirafiori sud Anno 2012 2 Fondazione della Comunità di Mirafiori Onlus Bando - Anno 2012 Budget complessivo 40.000 euro Premessa La Fondazione

Dettagli

Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia

Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia COMUNE DI BRESCIA Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia OBIETTIVI DEL BANDO La Fondazione della Comunità Bresciana ed il Comune di Brescia intendono congiuntamente continuare

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione. Avviso Pubblico D.AV.I.D. (Domanda AVviso Inserimento Disabili)

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione. Avviso Pubblico D.AV.I.D. (Domanda AVviso Inserimento Disabili) Allegato A REGIONE LAZIO Assessorato Lavoro e Formazione Avviso Pubblico D.AV.I.D. (Domanda AVviso Inserimento Disabili) 1) PREMESSA La Regione Lazio, con la legge regionale 19/2003, ha dato operatività

Dettagli

Azioni di contrasto alle nuove povertà

Azioni di contrasto alle nuove povertà Azioni di contrasto alle nuove povertà UNISOLIDARIETA ONLUS Unisolidarietà Onlus & Volontariato in Rete Federazione Provinciale di Vicenza Ente Gestore CSV di VI Centro di Servizio per il Volontariato

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Avviso provinciale per la realizzazione di un progetto per lo sviluppo di azioni di monitoraggio e analisi del fenomeno degli abbandoni scolastici e formativi nella provincia di Mantova

Dettagli

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014)

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014) Decreto Direttoriale n. 2216 del 1 luglio 2014 Regole e modalità per la presentazione delle domande finalizzate alla concessione dei contributi previsti dalla Legge 6/2000 per gli strumenti di intervento:

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA REGIONE LAZIO STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO PROGRAMMAZIONE TURISTICA DETERMINAZIONE N. G01236 del 29/10/2013 Proposta n. 16879 del

Dettagli

BANDO SPORT ANNO 2015

BANDO SPORT ANNO 2015 BANDO SPORT ANNO 2015 Pubblicato il 02.03.2015 Premessa La Fondazione Cassa di Risparmio di Modena è una Fondazione di diritto privato ai sensi dell art. 2 comma 1 del Decreto Legislativo n. 153 del 17/05/1999.

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

5 Bando 2015 SOSTEGNO AI GIOVANI RICERCATORI

5 Bando 2015 SOSTEGNO AI GIOVANI RICERCATORI 5 Bando 2015 SOSTEGNO AI GIOVANI RICERCATORI Per il finanziamento di progetti per la valorizzazione della conoscenza scientifica OBIETTIVI DEL BANDO Sostegno ai giovani ricercatori che svolgano la loro

Dettagli

BANDO GIOVENTÙ ESPLOSIVA Torino 2010 Capitale Europea dei Giovani. La mia associazione può presentare 2 progetti come soggetto proponente?

BANDO GIOVENTÙ ESPLOSIVA Torino 2010 Capitale Europea dei Giovani. La mia associazione può presentare 2 progetti come soggetto proponente? BANDO GIOVENTÙ ESPLOSIVA Torino 2010 Capitale Europea dei Giovani F.A.Q. La mia associazione può presentare 2 progetti come soggetto proponente? Sì, purché i progetti appartengano a due aree tematiche

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 Codice A15120 D.D. 11 dicembre 2014, n. 4 L.R. 9/2007 art. 24 - d.g.r. 33-743 del 5.12.2014. Approvazione bando regionale per l'assegnazione di contributi anno 2014 a

Dettagli

Incubatore Sociale Selezione di n 25 giovani Promotori di innovazione sociale

Incubatore Sociale Selezione di n 25 giovani Promotori di innovazione sociale AVVISO PUBBLICO Incubatore Sociale Selezione di n 25 giovani Promotori di innovazione sociale ART. 1 PREMESSA Nell ambito del Programma Italia Tunisia 2007/ 2013 -Strumento Europeo di Vicinato e Partenariato

Dettagli

BANDO N. 4 ANNO 2015. ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE

BANDO N. 4 ANNO 2015. ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE BANDO N. 4 ANNO 2015 ASSISTENZA SOCIALE seconda sessione SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE BUDGET COMPLESSIVO : Euro 110.000 messi a disposizione dalla Fondazione Cariplo per il tramite della Fondazione

Dettagli

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO D Dgr n. 1382 del 12/05/2009 pag. 1/10 marca da bollo Indicare il motivo di esenzione : 1 organismi di volontariato iscritti al Registro regionale di cui alla L.R.

Dettagli

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso 1 1. PREMESSA Con deliberazione n.57 del 12 Luglio 2007 il Consiglio Regionale

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: Rete tante tinte I.C. VR 11 BORGO ROMA OVEST BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PRESENTATI DA ASSOCIAZIONI DI STRANIERI ai sensi del: Programma Regionale di iniziative e interventi

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO ANNO 2014 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI. SETTORE D INTERVENTO : CULTURA. PRENOTAZIONE IMPEGNO

Dettagli

Bando Patrocini 2015

Bando Patrocini 2015 Scadenza: 16/07 Premessa La missione della Fondazione della Comunità del Novarese onlus si articola in tre punti: 1. diffondere la cultura del dono, offrendo servizi che consentano di riconoscere e soddisfare

Dettagli

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA BANDO 2015 METTI IN CIRCOLO L ENERGIA Diamo energia ai migliori progetti non profit per il sociale La Fondazione di Comunità ONLUS è un ente no profit che nasce per una scelta dei 28 Comuni e dell Azienda

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 140 79470 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 13 aprile 2012, n. 710 Approvazione dei criteri e modalità per il finanziamento dei

Dettagli

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014 MODULISTICA - Domanda di contributo (MOD 1) - Scheda progettuale Bando (MOD 2) - Piano dei costi (MOD 3) - Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà a cura delle Odv (MOD 4) - Lettera di partenariato

Dettagli

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale Allegato parte integrante Allegato A Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale La Provincia autonoma di Trento ai sensi della Legge Provinciale n. 10/1988

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA Ufficio Affari Generali, Cultura e Istruzione

PROVINCIA DI POTENZA Ufficio Affari Generali, Cultura e Istruzione PROVINCIA DI POTENZA Ufficio Affari Generali, Cultura e Istruzione Piano Provinciale Annuale dello Sport 2013 (PPS) per la concessione di finanziamenti per interventi di promozione delle attività fisico-motorie

Dettagli

2. DESTINATARI: Sono destinatari del programma tutti gli enti, pubblici e privati, senza scopo di lucro e non esercenti impresa.

2. DESTINATARI: Sono destinatari del programma tutti gli enti, pubblici e privati, senza scopo di lucro e non esercenti impresa. SAPERE DONARE Insieme 2010 Regolamento 1. OBIETTIVI: Sapere Donare è un progetto della Fondazione CRT nato per sostenere e promuovere la cultura della donazione. L avvio del progetto nel 2005 è consistito

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE ALLEGATO 1 Criteri di partecipazione per la realizzazione di un programma sperimentale di sport terapia per persone con disabilita. D.G.R. 28/68 del 24/06/2011 L Assessorato dell Igiene e Sanità e dell

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

Unione dei Comuni di BARCHI ORCIANO DI PESARO PIAGGE SAN GIORGIO DI PESARO

Unione dei Comuni di BARCHI ORCIANO DI PESARO PIAGGE SAN GIORGIO DI PESARO Unione dei Comuni di BARCHI DI PESARO SAN GIORGIO DI PESARO PROT. 1720 DEL 20/5/2015 AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DI ATTIVITA LUDICO-RICREATIVE-EDUCATIVE-SPORTIVE

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI

BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI REALIZZATO NELL'AMBITO DEL PIANO LOCALE DELL IMMIGRAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RIVOLTI AI SETTORI SOCIO-OCCUPAZIONALE, INFORMATIVO E INTERCULTURALE

Dettagli