Percorso Diagnostico, Terapeutico e Assistenziale (PDTA) per le persone con disturbi dello spettro autistico residenti nella provincia di Modena

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorso Diagnostico, Terapeutico e Assistenziale (PDTA) per le persone con disturbi dello spettro autistico residenti nella provincia di Modena"

Transcript

1 Percorso Diagnostico, Terapeutico e Assistenziale (PDTA) per le persone con disturbi dello spettro autistico residenti nella provincia di Modena Definizioni I disturbi dello spettro autistico (Autistic Spectrum Disorders, ASD) sono disordini del neurosviluppo biologicamente determinati, con possibili modulazioni da parte di fattori ambientali, ad esordio precoce (primi 3 anni di vita). Sono caratterizzati da difficoltà di comunicazione e d interazione sociale (difficoltà linguistiche, difetto di reciprocità sociale); interessi ristretti; atipie comportamentali, in particolare comportamenti ripetitivi e stereotipati. Possono essere associati a disabilità intellettiva (presente in oltre la metà dei casi) e ad altri disturbi neurologici (ad es. l epilessia) o psichiatrici. Epidemiologia Le linee guida dell Istituto Superiore di Sanità (ISS, ottobre 2011) stimano una prevalenza di casi per per le forme di autismo tipico, di casi per includendo tutte le forme di ASD. Tuttavia negli ultimi anni, soprattutto dai paesi anglofoni, si segnala un significativo incremento nella prevalenza di tali disturbi, imputabile a vari fattori, con dati di prevalenza di casi su (DSM-5 TM, APA 2013). La prevalenza nel sesso maschile è 3-4 volte superiore rispetto al sesso femminile. In circa il 15% dei casi di ASD sono documentabili specifiche mutazioni genetiche. Linee generali del progetto integrato Il Percorso Diagnostico, Terapeutico e Assistenziale (PDTA) qui illustrato si propone di fornire alle persone affette da ASD e alle loro famiglie un insieme di interventi integrati, con l obiettivo di: - formulare una diagnosi precoce, anche mediante programmi di screening svolti in collaborazione con i Pediatri di Libera Scelta (PLS), secondo criteri condivisi a livello internazionale (ICD-10, WHO), nazionale (Linee guida ISS), regionale (PRI-A); - erogare un trattamento abilitativo precoce, basato sulle migliori evidenze di efficacia (Linee guida ISS), volto all acquisizione della migliore autonomia possibile per ciascun individuo con ASD; - favorire l integrazione scolastica degli alunni affetti da ASD; - promuovere l inclusione sociale dei bambini e degli adolescenti con ASD; - predisporre interventi di parent training e teacher training; - diffondere la conoscenza dell autismo presso la cittadinanza, anche allo scopo di contrastare lo stigma. I criteri ispiratori del progetto sono: l equità di accesso (sono eleggibili tutti i soggetti con diagnosi di ASD residenti nella provincia di Modena), la personalizzazione degli interventi (documentati con progettualità specifica, individualizzata, condivisa con i familiari), la verificabilità dei risultati, la sostenibilità economica in termini di rapporto costi/benefici. Elemento innovativo del progetto è la costruzione del percorso con il contributo di vari interlocutori, istituzionali e non: Ausl, privato accreditato, istituti scolastici, enti locali, associazioni. Ai medesimi attori è affidata, per quanto di specifica competenza (vedi a Monitoraggio del progetto ), la realizzazione delle attività e la verifica dei risultati. Il progetto si suddivide in tre fasce d età: età prescolare (0-5 anni), età della scuola dell obbligo (6-15 anni), adolescenti che hanno assolto l obbligo scolastico (16-17 anni). 1

2 I. Età prescolare (0-5 anni) Popolazione target: Circa bambini, con una prevalenza del 4-5 per Unità erogante Ausl, Unità Operativa di NeuroPsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza (NPIA) del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP), Spoke per gli ASD. Sede principale Centro ASD di Via Cardarelli 43, Modena. Ulteriori sedi Centri di NeuroPsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza (CNPIA) distrettuali, con i relativi poli erogativi. Attività principali Diagnosi precoce, anche mediante programmi di screening svolti in collaborazione con i PLS (somministrazione della CHecklist for Autism in Toddlers-CHAT nell ambito del 4 bilancio di salute, a 22 mesi circa) Diagnosi clinica secondo linee guida (somministrazione ADOS, ADI-R, test cognitivi e linguistici), anche mediante accertamenti strumentali (neuroimmagini, esami neurofisiologici) e di laboratorio (esami genetici e neurometabolici) Diagnosi funzionale e predisposizione del Progetto Terapeutico Abilitativo Individualizzato (PTAI) Erogazione degli interventi abilitativi programmati Attività certificativa medico-legale (Legge Regionale 4/2008 e successivi decreti regionali applicativi) Attività volte all integrazione scolastica (nidi, scuole dell infanzia) secondo quanto previsto dagli accordi di programma provinciali e distrettuali Attività d integrazione sociosanitaria secondo quanto previsto nei piani distrettuali per la salute e il benessere sociale Parent training, teacher training Profili professionali coinvolti Équipe multidisciplinare della UO di NPIA, costituita da medici, psicologi, logopedisti, tecnici della riabilitazione psichiatrica, educatori (Spoke ASD). Risorse impiegate Risorse dipartimentali assegnate alla UO di NPIA Programma Regionale Integrato per l'assistenza territoriale alle persone con disturbo dello spettro Autistico (PRIA), commessa di cui alla DGR n. 153 del 26/9/2011, che nel triennio ha previsto per l Ausl di Modena un finanziamento di annui Risorse assegnate dagli Enti Locali 2

3 II. Età scolare (6-15 anni) Popolazione target: Circa bambini e preadolescenti, con una prevalenza di circa il 3-4 per Unità erogante Le attività elencate alla sezione precedente sono erogate dall Ausl, Unità Operativa di NeuroPsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza (NPIA) del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP), Spoke per gli ASD. Le attività abilitative, svolte secondo le metodologie indicate nelle linee guida dell ISS, sono erogate da una équipe costituita ad hoc, con personale internalizzato da Ente privato accreditato ai sensi della DGR 911/2007. Sedi principali Centro ASD di Via Cardarelli 43, Modena per le attività istituzionali di cui alla precedente sezione Centro di Cognento per le attività abilitative secondo le metodologie indicate dall ISS (previo accreditamento sanitario, cfr. DGR) Ulteriori sedi Centri di NeuroPsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza (CNPIA) distrettuali, con i relativi poli erogativi Le attività abilitative potranno svolgersi nei contesti di vita dei bambini e degli adolescenti, cioè presso il loro domicilio e in luoghi di aggregazione Palestre per le attività gruppali a gestione mista con gli educatori accreditati, con l obiettivo di migliorare le abilità sociali e le autonomie individuali Attività principali Oltre alle attività istituzionali descritte per la fascia d età prescolare (inclusi gli interventi finalizzati all integrazione scolastica e sociosanitaria), sono erogate attività abilitative dalla équipe multidisciplinare ad hoc costituita dall Ente privato accreditato. Profili professionali coinvolti Équipe multidisciplinare della UO di NPIA, costituita da medici, psicologi, logopedisti, tecnici della riabilitazione psichiatrica, educatori. Équipe multidisciplinare Ente privato accreditato, costituita da psicologi, logopedisti, tecnici della riabilitazione psichiatrica, psicomotricisti, educatori. Risorse impiegate Risorse dipartimentali assegnate alla UO di NPIA; Programma Regionale Integrato per l'assistenza territoriale alle persone con disturbo dello spettro Autistico (PRIA), commessa di cui alla DGR n. 153 del 26/9/2011: obiettivi Circa da destinare agli interventi abilitativi secondo quanto previsto dalle linee guida ISS, con particolare riferimento alla metodologia ABA, reperiti mediante ridefinizione del contratto di fornitura dell Ospedale Privato Accreditato Villa Igea, passando da un finanziamento forfetario ad uno a tariffa. Circa le risorse messe a disposizione dagli assessorati all istruzione dei vari Comuni, singoli o associati, si propone che nei contratti di fornitura per l assistenza educativa nelle scuole prevista una parte di educatori con formazione specifica sul trattamento degli ASD. 3

4 III. Adolescenti che hanno assolto l obbligo scolastico (16-17 anni) Popolazione target: Circa adolescenti. Unità erogante Oltre a quanto già declinato nelle sezioni precedenti, questa fascia d età prevede il coinvolgimento diretto dell Associazione Aut Aut (o di ulteriori associazioni che dovessero sorgere) e degli enti locali per attività d integrazione sociosanitaria, con le finalità espresse al paragrafo seguente, Attività principali. Sedi principali Come sezioni precedenti Ulteriori sedi Come sezioni precedenti; inoltre: Soggetti pubblici e privati per percorsi di alternanza scuola-lavoro e borse lavoro Spazi aggregativi Attività principali Oltre alle attività descritte alle sezioni precedenti, questa fascia d età si caratterizza per la prevalenza di interventi di inclusione sociale volti al conseguimento e al mantenimento della massima autonomia possibile, con la partecipazione degli enti locali, nelle seguenti aree: formazione al lavoro (percorsi di alternanza scuola/lavoro, borse lavoro, stage lavorativi); progetti abitativi (abitare supportato); sollievo alle famiglie; attività di inclusione sociale (attività sportive, soggiorni-vacanze, gestione del tempo libero). Profili professionali coinvolti Équipe multidisciplinare della UO di NPIA, costituita da medici, psicologi, fisioterapisti, logopedisti, tecnici della riabilitazione psichiatrica, educatori, infermiere Équipe multidisciplinare Ente privato accreditato, costituita da psicologi, logopedisti, tecnici della riabilitazione psichiatrica, educatori Tutor per lo svolgimento dei percorsi di alternanza scuola/lavoro Assistenti sociali e educatori Risorse impiegate Oltre alle risorse descritte alle sezioni precedenti, per questa fascia d età è previsto l utilizzo di risorse di varia provenienza volte al supporto dei progetti di inclusione sociale (vedi ad Attività principali ), con la partecipazione degli enti locali, del terzo settore, di privati, e mediante fund raising. Questi interventi saranno oggetto di specifiche convenzioni tra l Ausl, le associazioni e gli enti locali. 4

5 Nota Particolare cura deve essere porta al passaggio alla maggiore età. Gli interventi previsti in questa fascia d età potranno progressivamente essere estesi ai giovani adulti con ASD, in collaborazione con il Settore Psichiatria Adulti, il Dipartimento di Cure Primarie e il Servizio sociale. A oggi sono circa 10 soggetti ma, nel prossimo futuro, si può prevedere che annualmente siano dimessi dalla UO di NPIA adolescenti con diagnosi di ASD. Attivazione dei percorsi Come anticipato, per il progetto sono eleggibili tutti i soggetti con diagnosi di ASD residenti nella provincia di Modena; gli invii sono disposti dai medici (neuropsichiatri) dell Ausl per la fascia prescolare e dalle specifiche Unità di Valutazione Multidisciplinare (UVM), previo accertamento diagnostico sulla base dei criteri espressi nei citati documenti nazionali e regionali. Monitoraggio del progetto Aspetti clinici: Ausl di Modena, équipe multidisciplinare dedicata agli ASD (Spoke ASD), in collaborazione con l Hub di Reggio Emilia (formazione condivisa nell Area vasta AVEN, possibilità di un secondo parere nei casi controversi). Sono oggetto di questo specifico ambito di monitoraggio: la correttezza della diagnosi (clinica e funzionale) e della sua comunicazione; l appropriatezza del progetto individualizzato (obiettivi e metodi di trattamento); la puntuale verifica degli esiti dei diversi trattamenti. Aspetti economici: Ausl di Modena, Servizi sociali. La metodologia adottata è quella del budget di salute che consente di monitorare le risorse messe a disposizione di ciascun bambino o adolescente con ASD, e della sua famiglia, da parte dei vari attori (Ausl, istituzioni scolastiche, enti locali, privati), ai fini di un equa ripartizione delle risorse. Aspetti di processo: il monitoraggio complessivo del progetto sarà attuato, a vari livelli, mediante indicatori di processo preventivamente concordati tra i sottoscrittori e sottoposti a verifica periodica nelle sedi appropriate (negoziazione di budget, uffici di direzione dipartimentali e distrettuali, uffici di piano, CUFO, Comitato consultivo misto). Bibliografia essenziale Linee guida per l autismo - Raccomandazioni tecniche-operative per i servizi di neuropsichiatria dell eta evolutiva (Società Italiana di NeuroPsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza SINPIA, 2005) Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti Linea guida 21 (Istituto Superiore di Sanità - ISS, ottobre 2011) Diagnostic and statistical manual of mental disorders DSM-5 TM (American Psychiatric Association-APA, 2013) 5

6 Parole chiave Disturbi dello spettro autistico, disturbi pervasivi dello sviluppo (cfr. ICD-10, DSM-5 TM ) Applied Behavior Analysis (ABA), Analisi applicata del comportamento o Analisi comportamentale applicata. L' ABA si basa sull'uso dei principi della scienza del comportamento (Skinner, 1953) per la modifica di comportamenti socialmente significativi. L'ABA può essere applicata diversi campi, tra cui l'autismo. ABA è un metodo educativo, altamente individualizzato, che cerca di: - interpretare il comportamento del soggetto - modificare tale comportamento - stimolare l acquisizione di competenze utili Budget di salute. È una metodologia che si applica per l allocazione delle risorse assistenziali in rapporto a specifici bisogni di salute Modena, 15/05/14 Dott. Paolo Stagi *********************************** Settore Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Via Antonio Cardarelli, MODENA Tel Fax *********************************** 6

AUTISMO e ASD: epidemiologia in Emilia Romagna

AUTISMO e ASD: epidemiologia in Emilia Romagna DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE PROGRAMMA AUTISMO HUB E SPOKE DIRETTORE Dott.ssa Maria Linda Gallo Viale Umberto I, 50-42100 Reggio Emilia Tel. 0522/339038-339048 AUTISMO e ASD: epidemiologia in Emilia Romagna

Dettagli

LA RETE DEI CENTRI AUTISMO DELL ASL DI MODENA

LA RETE DEI CENTRI AUTISMO DELL ASL DI MODENA Dipartimento di Salute Mentale Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza Modena, 29 Novembre 2014 LA RETE DEI CENTRI AUTISMO DELL ASL DI MODENA Dott.ssa Milena Gibertoni LE ORIGINI 1996-1998: costituzione

Dettagli

PRIA - Programma Regionale Integrato per i Disturbi dello Spettro Autistico

PRIA - Programma Regionale Integrato per i Disturbi dello Spettro Autistico PRIA - Programma Regionale Integrato per i Disturbi dello Spettro Autistico Autismo : risorse e strumenti per una integrazione di qualità Forlì, 8-9 maggio 2008 Elisabetta Fréjaville, Assessorato Politiche

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA I disturbi dello spettro autistico rappresentano un disordine neuropsicologico complesso biologicamente

Dettagli

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Prof. Lucio Moderato Psicologo Psicoterapeuta - Direttore Servizi Diurni e Territoriali Fondazione

Dettagli

Centri regionali di riferimento

Centri regionali di riferimento Centri regionali di riferimento Emilia-Romagna BOLOGNA - AREA VASTA CENTRO - AUSL - in attesa di ricezione dati Centro Team HUB Disturbi dello Spettro Autismo Viale Pepoli 5-40100 Bologna Telefono: 051/6584164

Dettagli

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO PERCORSI DI DIAGNOSI E PRESA IN CARICO NELL ASL TO 3 Dr.ssa B.Giannini, S.C. PSICOLOGIA ASL TO 3 Preoccupazione per lo sviluppo del bambino (sospetto ASD) PEDIATRA S.C.

Dettagli

NPIA : la rete delle reti

NPIA : la rete delle reti Dr. Paolo Soli Direttore Struttura Complessa NPIA Modena Sud Ricordando Sergio Neri Liceo Classico Muratori Modena 17.10.2015 ITALIA NPIA : unica come specialità medica Scuola : unica inclusiva ( quasi

Dettagli

Integrazione Scuola-Famiglia-Centro per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo. Esperienze di percorsi riabilitativi nei Disturbi dello Spettro Autistico

Integrazione Scuola-Famiglia-Centro per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo. Esperienze di percorsi riabilitativi nei Disturbi dello Spettro Autistico Integrazione Scuola-Famiglia-Centro per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Esperienze di percorsi riabilitativi nei Disturbi dello Spettro Autistico Dott.ssa G. Pozio Centro per i Disturbi Pervasivi dello

Dettagli

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria E. Veneselli U.O. e Cattedra di Neuropsichiatria Infantile Istituto G. Gaslini Università di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 143 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BIONDELLI, ANTEZZA, BINI, BOCCIA, CARRA, COCCIA, COVA, D INCECCO, FEDI, FIANO, CINZIA MARIA

Dettagli

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA AUTISMO Il termine autismo identifica una disabilità permanente complessa, di natura neurobiologica, che si manifesta ed è identificabile nella prima infanzia sulla base di difficoltà di comunicazione,

Dettagli

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015 Data di pubblicazione ottobre 2011 Data di aggiornamento ottobre 2015 LINEA GUIDA Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti Critiche infondate Critiche pertinenti

Dettagli

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp V.Corridori Regione Toscana - Azienda Ospedaliera Universitaria Senese A.Monti Direttore UOC NPI Empoli-Membro gruppo di lavoro Riferimenti nazionali Legge

Dettagli

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Pag. 1 /5 PROTOCOLLO OPERATIVO TRA UNITA OPERATIVA HANDICAP E UNITA OPERATIVA MATERNO INFANTILE

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE INTEGRATO PER LA ASSISTENZA TERRITORIALE ALLE PERSONE CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO (PRIA): OBIETTIVI 2011-2014

PROGRAMMA REGIONALE INTEGRATO PER LA ASSISTENZA TERRITORIALE ALLE PERSONE CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO (PRIA): OBIETTIVI 2011-2014 PROGRAMMA REGIONALE INTEGRATO PER LA ASSISTENZA TERRITORIALE ALLE PERSONE CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO (PRIA): OBIETTIVI 2011-2014 LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Vista la propria delibera

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (SAM/08/30823) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Premesso che con propria delibera n. 1066 del 7 giugno 2004 Linee guida per la promozione della salute delle persone con autismo ed altri

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE INTEGRATO PER L'ASSISTENZA TERRITORIALE ALLE PERSONE CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO (PRIA): OBIETTIVI 2011-2013

PROGRAMMA REGIONALE INTEGRATO PER L'ASSISTENZA TERRITORIALE ALLE PERSONE CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO (PRIA): OBIETTIVI 2011-2013 Progr.Num. 1378/2011 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 26 del mese di settembre dell' anno 2011 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna Centro Studi Erickson Autismi. Dai bambini agli adulti, dalla famiglia alla società I Servizi per l Autismo: la situazione italiana Franco Nardocci Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

PERCORSO AUTISMO Ausl di Bologna Approvato dal CUFO Autismo il 15/6/2011

PERCORSO AUTISMO Ausl di Bologna Approvato dal CUFO Autismo il 15/6/2011 ALLEGATO 1 PERCORSO AUTISMO Ausl di Bologna Approvato dal CUFO Autismo il 15/6/2011 1. Il Gruppo di Lavoro Il gruppo CUFO Autismo che ha definito il Percorso Autismo è composto da: Angelo Fioritti (direttore

Dettagli

Tavolo sull'autismo promosso dal Ministero della Salute Gruppo di lavoro Servizi e presa in carico

Tavolo sull'autismo promosso dal Ministero della Salute Gruppo di lavoro Servizi e presa in carico Tavolo sull'autismo promosso dal Ministero della Salute Gruppo di lavoro Servizi e presa in carico Documento unitario presentato dalle Associazioni: FISH Anffas Autismo Italia - Angsa - GRUPPO ASPERGER

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

IL PRI-A A e il PROGRAMMA AUTISMO della AUSL di REGGIO EMILIA

IL PRI-A A e il PROGRAMMA AUTISMO della AUSL di REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE PROGRAMMA AUTISMO HUB E SPOKE DIRETTORE Dott.ssa Maria Linda Gallo Viale Umberto I, 50-42100 Reggio Emilia Tel. 0522/339038-339048 IL PRI-A A e il PROGRAMMA AUTISMO della AUSL

Dettagli

Il Distretto che vuole la Regione Veneto

Il Distretto che vuole la Regione Veneto IL NUOVO PIANO SOCIO-SANITARIO REGIONALE Il Distretto che vuole la Regione Veneto Este, 13 aprile 2012 Dott.ssa M.Cristina Ghiotto LA STORIA La DGR n.3242/2001 ha sancito l importanza del Distretto nel

Dettagli

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall et età evolutiva all et età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 Paolo Bailo, Marina Gandione Ricerche recenti hanno indicato una prevalenza dei DPS

Dettagli

Dall infanzia all età adulta: la gestione del paziente disabile in un Servizio territoriale MG Stagnaro Neuropsichiatra Infantile ASL4 Chiavarese

Dall infanzia all età adulta: la gestione del paziente disabile in un Servizio territoriale MG Stagnaro Neuropsichiatra Infantile ASL4 Chiavarese Welfare di seconda generazione per il benessere e la salute Genova, 12.1.2015 Dall infanzia all età adulta: la gestione del paziente disabile in un Servizio territoriale MG Stagnaro Neuropsichiatra Infantile

Dettagli

MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO. Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato

MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO. Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato MILANO 20 marzo 2010 MODELLI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI DEI SERVIZI DEDICATI ALL AUTISMO Educazione/Riabilitazione Sindromi autistiche Intervento precoce, intensivo, integrato Villa Dott.ssa Laura Centro

Dettagli

DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Nota ministeriale n. 26 del 05 gennaio 2005 Atto di indirizzo e coordinamento relativo ai compiti delle UnitàSanitarie Locali in materia di alunni portatori di handicap Nota

Dettagli

L AUTISMO NELLE MARCHE

L AUTISMO NELLE MARCHE 26 novembre 2015, Anna Maria Cirolla L AUTISMO NELLE MARCHE Dalla scoperta della sindrome alla realtà marchigiana. 1 Anna Maria Cirolla STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE Cos è l autismo? Passaggi storici nella

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale Dipartimento di Salute Mentale UO DI PSICHIATRIA E NEUROPSICHIATRIA Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO DI PSICHIATRIA Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della cura e della riabilitazione

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI DSA VALIDA AI FINI SCOLASTICI

CERTIFICAZIONE DI DSA VALIDA AI FINI SCOLASTICI CERTIFICAZIONE DI DSA VALIDA AI FINI SCOLASTICI Requisiti necessari per l inserimento negli elenchi dei soggetti autorizzati a effettuare la prima certificazione diagnostica dei Disturbi Specifici dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie COMUNICATO STAMPA Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie Parma, 2 aprile 2010. Sorgerà in via La Spezia, nei locali della ex scuola elementare San

Dettagli

Le proposte di modifiche sono relative: alla chiarificazione di alcuni passaggi e al loro allineamento alle Linee di Indirizzo;

Le proposte di modifiche sono relative: alla chiarificazione di alcuni passaggi e al loro allineamento alle Linee di Indirizzo; Parere delle Regioni e delle Province autonome sul Testo base adottato dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato concernente Disposizioni in materia di prevenzione, cura, riabilitazione delle persone

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni a Tutela delle persone con Autismo e Sindrome di Asperger

Federazione Nazionale delle Associazioni a Tutela delle persone con Autismo e Sindrome di Asperger Federazione Nazionale delle Associazioni a Tutela delle persone con Autismo e Sindrome di Asperger PAROLE CONTRO IL SILENZIO Le persone con l autismo l e le loro famiglie sono immerse nel silenzio. Il

Dettagli

LINEE GUIDA CASE MANAGEMENT NELL ETA EVOLUTIVA A VILLA DEI CEDRI - MERATE

LINEE GUIDA CASE MANAGEMENT NELL ETA EVOLUTIVA A VILLA DEI CEDRI - MERATE LINEE GUIDA CASE MANAGEMENT NELL ETA EVOLUTIVA A VILLA DEI CEDRI - MERATE Il Progetto Famiglie in crescita il Case management complessivo sulla persona prevede le seguenti azioni: Accoglienza e raccolta

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCELLA VILLANOVA Indirizzo / Telefono / Fax / E-mail / Nazionalità Italiana Data di nascita 17/05/1981

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 01-09-2014 (punto N 3 ) Delibera N 724 del 01-09-2014 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

REGIONE LIGURIA IN BREVE

REGIONE LIGURIA IN BREVE REGIONE LIGURIA IN BREVE La Regione Liguria ha approvato, nel tempo, diversi progetti per l autismo, effettuati in collaborazione con i centri specialistici e le associazioni di familiari. Nel 2004 approva

Dettagli

Progetto ABA per l autismo

Progetto ABA per l autismo Progetto Paletta e secchiello... per costruire insieme una realtà diversa PREMESSA Nella zona del Vicentino, come in altri Comuni d Italia, si osserva una mancanza di risorse nella riabilitazione dei soggetti

Dettagli

Linee di indirizzo regionali per i Disturbi dello Spettro Autistico

Linee di indirizzo regionali per i Disturbi dello Spettro Autistico giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO_A_ Dgr n. del pag. 1/9 Linee di indirizzo regionali per i Disturbi dello Spettro Autistico Premessa Le conoscenze in merito all autismo si sono modificate notevolmente

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. del OGGETTO: Approvazione Linee di Indirizzo regionali per i Disturbi dello Spettro Autistico (ASD). NOTE PER LA TRASPARENZA: Approvazione delle Linee di Indirizzo

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA DEFINIZIONE E UTENZA: L Unità Operativa di Riabilitazione Generale in Regime Diurno Continuo, accreditata presso il

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 Linee di indirizzo Modello di convenzione fra Provincie, Aziende UU.SS.LL., Società della Salute/

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE ORGANISMO DI RAPPRESENTANZA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SANITARIO ISTITUITO DALL ART. 5 della LEGGE PROVINCIALE

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE N. 1- SASSARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE N. 1- SASSARI Prot. n /DG Sassari, Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula 1. Soggetto Proponente (Operante in Sardegna) Ragione Sociale U.O. Territoriale di Neuropsichiatria

Dettagli

PROGETTO AUTISMO AUSL IMOLA

PROGETTO AUTISMO AUSL IMOLA PRI-A Programma Regionale Integrato per i Disturbi dello Spettro Autistico Centro HUB Area Vasta Emilia Centro (BO, FE, IMOLA) PROGETTO AUTISMO AUSL IMOLA SEMINARIO REGIONALE AUTISMO: RISORSE E STRUMENTI

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

* Temple Grandin, classe 1947, americana, persona con autismo ad alto funzionamento

* Temple Grandin, classe 1947, americana, persona con autismo ad alto funzionamento Cartella stampa Il mondo ha bisogno di tutti i tipi di mente - Temple Grandin* Indice 1. Premessa 2. Numeri 3. Servizi in Lombardia 4. Linee Guida 5. Il CTRS a. A chi si rivolge il ctrs b. Come funziona

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Disturbi Specifici dell apprendimento - Coinvolgono oltre 1,5 mln di persone in Italia. PARI A: - Oltre il 4,5% degli studenti. I DSA NON POSSONO DUNQUE ESSERE IGNORATI

Dettagli

Atto Senato n. 1009-8 agosto 2013

Atto Senato n. 1009-8 agosto 2013 Atto Senato n. 1009-8 agosto 2013 Disposizioni in materia di prevenzione, cura, riabilitazione delle persone affette da autismo e di assistenza alle famiglie PADUA ORRU' - GIACOBBE - SILVESTRO - PUPPATO

Dettagli

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP)

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP) Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP) 1 Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP)... 1 Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP)... 4 1.

Dettagli

Stabilità. Renzi: "Non taglieremo servizi e sanità. Regioni intervengano sugli sprechi"

Stabilità. Renzi: Non taglieremo servizi e sanità. Regioni intervengano sugli sprechi Stabilità. Renzi: "Non taglieremo servizi e sanità. Regioni intervengano sugli sprechi" http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=23897 Page 1 of 1 20/10/2014 quotidianosanità.it 19

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS. ONLUS IRCCS

ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS. ONLUS IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS. ONLUS IRCCS Corso di formazione in house Disturbi dello spettro autistico: dalla diagnosi all intervento educativo ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS. ONLUS D.P.R. 471 del 24-6-1974

Dettagli

Autismo e età adulta: epidemiologia e iniziative formative nel territorio vicentino

Autismo e età adulta: epidemiologia e iniziative formative nel territorio vicentino Autismo e età adulta: epidemiologia e iniziative formative nel territorio vicentino Dott.ssa Annalisa Menegolo Responsabile S.S.D.Disabilità ULSS 3 25 Settembre 2015 1 FONDAZIONE BRUNELLO Gruppo Provinciale

Dettagli

Disabilità intellettiva e/o autismo La presa in carico, il progetto individuale, il rapporto con i servizi diurni e residenziali.

Disabilità intellettiva e/o autismo La presa in carico, il progetto individuale, il rapporto con i servizi diurni e residenziali. Disabilità intellettiva e/o autismo La presa in carico, il progetto individuale, il rapporto con i servizi diurni e residenziali Roberto Keller Ambulatorio Disturbi spettro autistico in età adulta Centro

Dettagli

Insegnamento di abilità documentazione del rischio gestione della crisi e Team Teach

Insegnamento di abilità documentazione del rischio gestione della crisi e Team Teach Insegnamento di abilità documentazione del rischio gestione della crisi e Team Teach Elena Clò Analista del Comportamento, BCBA Team Teach intermediate tutor Bologna, 26 marzo 2015 Disturbi dello spettro

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013

DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013 DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

U. O. C. INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA DIRETTORE : DR. FRANCESCO PERROTTA PIANO AZIENDALE ADOLESCENTI

U. O. C. INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA DIRETTORE : DR. FRANCESCO PERROTTA PIANO AZIENDALE ADOLESCENTI U. O. C. INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA DIRETTORE : DR. FRANCESCO PERROTTA SERVIZIO ADOLESCENTI - Dr.ssa Rosamaria Zampetti PIANO AZIENDALE ADOLESCENTI PROMOZIONE E TUTELA DELLA SALUTE DEGLI ADOLESCENTI

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

GRUPPO AUTISMO U.O. E CATTEDRA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE UNIVERSITÀ DI GENOVA ISTITUTO G. GASLINI FORMAZIONE E DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE

GRUPPO AUTISMO U.O. E CATTEDRA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE UNIVERSITÀ DI GENOVA ISTITUTO G. GASLINI FORMAZIONE E DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE U.O. E CATTEDRA DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE UNIVERSITÀ DI GENOVA ISTITUTO G. GASLINI GRUPPO AUTISMO E DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE FORMAZIONE A D Operatori sanitari Università Servizi Territoriali Medicina

Dettagli

A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS

A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS I SERVIZI A.G.S.A.T. - Anna Folgarait - 1 Associazione Genitori Un servizio che nasce dal bisogno di molte famiglie di trovare

Dettagli

ANGSA LOMBARDIA ONLUS

ANGSA LOMBARDIA ONLUS ANGSA LOMBARDIA ONLUS Convegno Coop. Sociale Cascina Bianca ASCOLTARE, INFORMARE SENSIBILIZZARE, FARE RETE presentazione di RETE AUTISMO CRITICITA DEL PROGETTO DI VITA DELLE PERSONE CON AUTISMO I CARE

Dettagli

COS È QUESTA COSA CHIAMATA AUTISMO?

COS È QUESTA COSA CHIAMATA AUTISMO? con la collaborazione di Organizzazioni non lucrative di utilità sociale del territorio locale Lunedì 2 aprile ore 16-19 COS È QUESTA COSA CHIAMATA AUTISMO? Sala dei Comuni in Castello Estense L autismo

Dettagli

Il Dipartimento di Salute Mentale dell A.O. G. Salvini è composto dalle seguenti Unità Operative:

Il Dipartimento di Salute Mentale dell A.O. G. Salvini è composto dalle seguenti Unità Operative: Dipartimento di Salute Mentale. Integrazione dipartimentale per favorire l accessibilità ai servizi e l inserimento degli utenti nei percorsi di cura appropriati Organizzazione e offerta del DSM Il Dipartimento

Dettagli

PROGETTO AUTISMO: VERSO LA MIGLIOR AUTONOMIA POSSIBILE

PROGETTO AUTISMO: VERSO LA MIGLIOR AUTONOMIA POSSIBILE PROGETTO AUTISMO: VERSO LA MIGLIOR AUTONOMIA POSSIBILE Oggetto Il presente progetto definisce le modalità operative di collaborazione tra Associazione Aut Aut, AUSL di Modena (Dipartimento Salute Mentale-NPIA,

Dettagli

MONTEVECCHI, BERTOROTTA, MANGILI, TAVERNA, FUCKSIA, SANTANGELO

MONTEVECCHI, BERTOROTTA, MANGILI, TAVERNA, FUCKSIA, SANTANGELO Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1487 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SERRA, MONTEVECCHI, BERTOROTTA, MANGILI, TAVERNA, FUCKSIA, SANTANGELO e MORRA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Disturbi dello Spettro Autistico: Sperimentazione di un progetto integrato nella Provincia di Piacenza 16-10-2012

Disturbi dello Spettro Autistico: Sperimentazione di un progetto integrato nella Provincia di Piacenza 16-10-2012 Disturbi dello Spettro Autistico: Sperimentazione di un progetto integrato nella Provincia di Piacenza 16-10-2012 CENTRO SERVIZI AUTISMO C.T.S. Centro Territoriale di Servizi per le disabilità U.S.T. XIV

Dettagli

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Giovanni Corsello, Maria Piccione Dipartimento di Promozione della Salute e Materno-Infantile

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE. di iniziativa dei consiglieri: Mario Barboni. Carlo Borghetti. Marco Carra. Luca Gaffuri. Gian Antonio Girelli.

PROGETTO DI LEGGE. di iniziativa dei consiglieri: Mario Barboni. Carlo Borghetti. Marco Carra. Luca Gaffuri. Gian Antonio Girelli. PROGETTO DI LEGGE Linee d indirizzo per la promozione e il miglioramento della qualità e dell appropriatezza degli interventi sanitari, socio-sanitari e sociali a favore delle persone minori, adolescenti

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato p.l. 82/9^- 153/9^ disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO Il Dirigente F.TO ANTONIO CORTELLARO Il Presidente F.TO Nazzareno

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 932 30/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 22729 DEL 24/12/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE

Dettagli

Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv)

Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv) CENTRO DIURNO SPERIMENTALE PER PERSONE CON AUTISMO ADOLESCENTI E ADULTE: UN PROGETTO PER PERCORSI DI CRESCITA Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv) Presupposti teorici

Dettagli

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni.

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni. DSA 2 il progetto distrettuale Istituti Comprensivi di Castellarano, Casalgrande, Rubiera, Baiso Viano, Scandiano Boiardo,Scandiano Spallanzani ( R.E) Istituto Superiore Gobetti di Scandiano Progetto Crescere

Dettagli

I Disturbi dello Spettro Autistico

I Disturbi dello Spettro Autistico 1 I Disturbi dello Spettro Autistico MEMORIA PER LA COMMISSIONE IGIENE E SANITA SENATO DELLA REPUBBLICA Prof. Stefano Vicari Direttore Unità di Neuropsichiatria Infantile, Dipartimento di Neuroscienze,

Dettagli

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Filippo Gitti Indirizzo Via Boccacci 83 Brescia Telefono 0302090625 Fax 0303704436 E-mail filippo.gitti@spedalicivili.brescia.it Nazionalità

Dettagli

Dipartimento Salute Mentale - Dp FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE

Dipartimento Salute Mentale - Dp FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE Dipartimento Salute Mentale - Dp FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DI PROGETTI PARTECIPATI CON ASSOCIAZIONI CUFO-SM Determinazione n. 0002189 del 12/12/2013.

Dettagli

Relatore: Michelangelo mirabello

Relatore: Michelangelo mirabello PROPOSTA Di legge n. 57/x^ Di Iniziativa dei consiglieri REGIONALi m. MIRABELLO, G. GIUDICEANDREA, D. BATTAGLIA, N. IRTO, D. BEVACQUA e S. ROMEO recante: INTERVENTI PER L ASSISTENZA A FAVORE DI PERSONE

Dettagli

IL SERVIZIO SOCIO EDUCATIVO RIABILITATIVO

IL SERVIZIO SOCIO EDUCATIVO RIABILITATIVO IL SERVIZIO SOCIO EDUCATIVO RIABILITATIVO E un servizio diurno a valenza cittadina rivolto a persone ultrasedicenni con disabilità intellettiva. Il servizio si caratterizza per la presa in carico individualizzata

Dettagli

Centri regionali di riferimento

Centri regionali di riferimento Centri regionali di riferimento Sicilia AGRIGENTO - U.O. di Neuropsichiatria dell'infanzia Unità Multidisciplinare Aziendale dedicata Viale della Vittoria 321 - Agrigento Telefono: 0922/407483 Responsabile/Referente

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL)

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) Premessa La tutela della Salute materno- infantile e la riabilitazione in età evolutiva, ha valenza strategica nei sistemi sanitari, sia per le ripercussioni sul

Dettagli

Presidente. Past President. Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità

Presidente. Past President. Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità Società Italiana Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza SINPIA Bernardo Dalla Bernardina Presidente Franco Nardocci Past President Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità Roma, 13

Dettagli

AUTISMO : COME E COSA FARE

AUTISMO : COME E COSA FARE AUTISMO : COME E COSA FARE Quale formazione? Florinda Ferrara Psicologa 25/09/2015 Obiettivi del corso Introdurre alla problematica dell autismo e del suo trattamento Offrire stimoli per la programmazione

Dettagli

ANGSA LOMBARDIA ONLUS

ANGSA LOMBARDIA ONLUS 1 A. Bovi NASCITA DI ANGSA 1985 In Italia nasce ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici), con il principale obiettivo di: promuovere attività di formazione, informazione e scambi culturali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia - Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Prot. n. NOTE ORGANIZZATIVE PER UNA CORRETTA GESTIONE

Dettagli

Le Linee Guida per l Autismo e il confronto con la realtà.

Le Linee Guida per l Autismo e il confronto con la realtà. Franco Nardocci Presidente Società Italiana di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Centro Autismo AUSL Rimini Le Linee Guida per l Autismo e il confronto con la realtà. Brescia, 18 maggio2007

Dettagli

VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma

VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma Conferenza stampa VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma Parma, 2 aprile 2013 Via La Spezia n. 147, ore 11,30 Intervengono Laura Rossi, Assessore al Welfare Comune

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. Dott.ssa Alessandra Martini

ACCORDO DI PROGRAMMA. Dott.ssa Alessandra Martini ACCORDO DI PROGRAMMA Dott.ssa Alessandra Martini Alunni in quale situazione? Disturbo evolutivo funzione motoria Funzionamento cognitivo limite Handicap Svantaggio socio-culturale Svantaggio linguistico

Dettagli

La formazione universitaria dell insegnante ed il bambino con difficoltà scolastiche

La formazione universitaria dell insegnante ed il bambino con difficoltà scolastiche La formazione universitaria dell insegnante ed il bambino con difficoltà scolastiche Prof. Antonio Pascotto Neuropsichiatria Infantile Seconda Università degli studi di Napoli PREVALENZA DISTURBI PSICHICI

Dettagli

Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità

Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità Servizio Salute Mentale Dipendenze Patologiche e salute nelle Carceri Bologna 8 gennaio 2013 1 Obiettivi della riunione Progetto

Dettagli

IX GIORNATA MONDIALE DELLA CONSAPEVOLEZZA SULL AUTISMO

IX GIORNATA MONDIALE DELLA CONSAPEVOLEZZA SULL AUTISMO Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale Personalità Giuridica riconosciuta con D.P.R. 1542/64 Iscr. Reg. Naz. delle Ass. di Prom. Sociale al n.95/04 Sede:

Dettagli