Local Authorities GI-based web sites and spatial governance: Towards an evaluation framework.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Local Authorities GI-based web sites and spatial governance: Towards an evaluation framework."

Transcript

1 Local Authorities GI-based web sites and spatial governance: Towards an evaluation framework. Michele Campagna, Giancarlo Deplano Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria del Territorio Piazza d Armi 16, Cagliari (IT) Tel (+39) Fax (+39) Abstract Recent policies at the European, national and local levels are leading to the development of Information Communication Technology driven forms of e-government. The exploitation of Public Sector Information (PSI) is promoted as economic resource as well as a mean to bring transparency into the government processes. Geographic Information (GI) plays a major role in supporting the development of online forms of spatial e-government (-nance). While technology might be considered ready for the development of high tech planning support systems online, still Public Administrations (PA) often show difficulties in acquiring technology in every day practice due mainly to organizational, institutional, and cultural constraints. With this premises, in this paper, special attention has been paid to spatial planning and development processes of e-government (-ance), and an evaluation methodology for Public Administration GI-based web sites (PAGIWEB) evaluation developed by the authors (Campagna and Deplano, forthcoming) is further extended and applied to the Italian case. Introduction High-speed digital communication technology is affecting the way physical fabric and people activities develop in the city (Mitchell, 1999). Global and local community networks are growing as the virtual arenas where public and private sectors, and citizens play the exchange of information, services, and bargains. Many cities have nowadays a digital clone, a digital space where people interact digitally. The metaphors used to build a digital city may vary as the scopes for they are built. Hence difference interpretation of the concept of digital city can be given, different types of digital city can be built, referring to different terms such as digital city, virtual city, cyber city and so

2 forth. In other words, the term digital city may refer to the digital communication network infrastructure (figure 1a), to digital models of the real cities (figure 1b), to virtual communities, which interact in digital spaces (figure 1c), and so forth. Figure 1a IP addresses distribution over London (Shiode & Dodge, 1999) Figure 1b Virtual Tokyo (www.planet9.com) Figure 1c ActiveWorld (wwwactiveworlds.com) In the digital city, Geographic Information (GI) plays different roles such as the data that feed the 3D digital model of the city, the object of business, or the mean to deliver a service or a message to the users. The latter aspect is of particular interest here for it concerns the use of GI, which can be done by public sector to carry on transparent form of e-government. GI and related technology, offers a reliable support to the delivery of information and services related to space, being them, for instance, tourism, regional marketing, spatial development or planning. Recent research results of the authors have shown the different ways Public Administration provide GI through the web to citizens in Italy (Campagna & Deplano, forthcoming). Different Geographic Information Technologies are currently used to develop web applications, which allow users to have access to raw GI data and GI-based services. However, in spite of internet GIT development (Peng, 2001), nevertheless it may be still considered difficult to implement application such as Planning Support Systems (Brail & Klosterman, 2001; Geertman & Stillwell, 2003) or Public Participation GIS (Craig et Al, 2002), as support to such a complex process as planning due to institutional, organizational, socio-cultural constraints. Hence, applications, and their level of development, vary widely in different cases due also to different level of acquisition of technology and research results these constraints may cause. Thus, the observation of the real examples might be of help in understanding how to apply PSS and PPGIS advanced research results to everyday practice, and eventually suggests guideline for implementation. To this ends, a method is proposed to evaluate Public Administration GI-based web sites (PAGIWEB). Towards a PAGIWEB evaluation method. Recently, quantitative and qualitative studies on the diffusion and consistency of GI/GIS in Italian Local Authorities have been presented (Ciancarella et Al., 1998; Fiducia, 2001; Campagna and Deplano, 2002; Salvemini, 2002). While they offer a reliable knowledge in SDI policy tuning, a qualitative analysis focused on the applications may offer useful hints for GI/GIS exploitation for (spatial) e-government initiatives. The observation of best practices suggests tremendous possibilities for application development in this field. Thus, the analysis of existing examples in different geo-political contexts, across

3 European Countries and regions, may offer useful hints for drawing guidelines within an application development framework. The authors have recently proposed (Campagna and Deplano, forthcoming) a rapid evaluation method based on two main variables: GI content and GI Technology. According to the method proposed, once analyzed the planning system framework and the overall diffusion of Public Administration (PA), for a given geo-political context (a whole country or a region), Public Administration GI-based web sites (PAGIWEBs) are classified by mean of a matrix which axis are the main variables of analysis (Campagna e Deplano, ibidem), the so called GI-content /GItechnology matrix (CTM) The reasons for the need of preliminary analysis of the planning system and of PA web sites frameworks are twofold. Firstly, in general, as the two frameworks may present sound differences in different geo-political contexts, the nominal scales in the CTM matrix axis might demand minor tuning. As an example, we may note how the local planning system framework defines the admitted public participation degree in a planning process; the latter may change from the public right to know to the public making decision (in the extreme instance), and this variability may affect the scale definition ( do I need a class where I can classify bi-directional flows of information- PA to Public and Public to PA- if there is no way to take information from the public into account? ). Likewise, the overall digital uptake may change widely by countries, and as in different continents Internet diffusion, online public, PA web presence and e-government capacity varies (Ronhagan, 2002), still the application of the CTM in countries which present extreme e-government benchmarks may demand for a scale refining. Secondly, the two frameworks may help in having a better insight in the CMT application and interpretation of the results. However, within macro-geopolitical regions, such as the European Community, the CMT may be applied to national and regional contexts without substantial variation if the scope is a comparative analysis between them. Hence, the CMT method may be used locally to have an insight on a specific context, or in a comparative way, to outline differences within a macro-region. To this end, the spatialisation of the CMT has been proposed (Campagna and Deplano, ibidem) to facilitate cross-regional comparison. The CMT method has been applied to the Italian case study at national, regional, and local level: results have shown it as a reliable method to have a first insight in the use of GI PAs do with special reference to urban and regional planning. The method resulted agile enough to be applied to a large and comprehensive set of sample PAGIWEBs. However, to better understand opportunities and threats of existing PAGIWEBs, and critical success or failure factors of best and worst practices, more dimensions may integrate the CTM matrix. Hence, in this paper further dimensions are considered in order to extend the CTM method analysis capabilities. The CTM method extension has been though in a such form that resulting method still can be quickly applied, thus being still suitable to examine a large number of samples. While the descriptive analysis of the planning system framework gave a substantial aid in the CTM axis definition and in its application result interpretation, it treats institutional conditions only implicitly. Hence, the need to improve the insight offered by the CTM by defining more variables concerning with the role of GI and role of public participation in planning, the development of the Spatial Data Infrastructure, and the e-government capacity as found in the regional laws.

4 In the reminder of this paper, the analysis of these issues applied to the Italian case study is presented, together with the spatialisation of the CTM extended with the new variables, as a support for PAGIWEB evaluation and comparative study development. Extending the GI-content / GI-technology Matrix: looking for new variables. The application of the CTM to consistent geo-political frameworks may offer a reliable support for PAGIWEB comparative study and case study classification. However, the original objective for its development was the availability of a tool capable to supply quickly a first insight in PAGIWEB typology trends in order to research critical success/failure factors. As mentioned earlier in this paper, the PAGIWEB development should not be considered dependent by merely technological factors, but, rather, as for the digital city, its successful implementation faces institutional, organizational, socio-cultural problems. As starting point for further development the CTM methodology, the analysis of local legal acts concerning with SDI and GIS development, the use of GIS as planning support, the public participation and subsidiarity in planning, and e-government is then proposed. The regional law database developed by the Italian Chamber of Deputies (http://www.camera.it/) has been used by for a comprehensive keyword search scan of the regional acts. As shown in table 1, there is not homogeneity in the way how different Regional Governments deals with the issues of concern. In some cases, such as Abruzzo and Basilicata, a set of normative acts regarding SDI and GIS development have been found with explicit reference to spatial planning and environment protection, while in some other Regions no act concerning the concerns of interest have been found. In Tuscany, the law framework presents the most comprehensive set of tools, which potentially offers a favorable ground for web-based collaborative planning support system (WPSS) development. In the following paragraphs, results are describes in more details, while their Spatial Distribution is given in Appendix 1. Spatial Data Infrastructure Where as in many Regional Acts references are found to consistency of cartography and spatial database ( SDI-consistency in table 1), funding programs for cartography production and GIS implementation ( SDI-econ ), and the competence different public administration have within a Region ( SDI-competence ), only few Regions issued a comprehensive law on SDI / GIS development. Among them we find Abruzzo, Basilicata, and Valle d Aosta. GIS in planning Widely spread among the regional law are references to GIS as normative support for planning. In some cases they refer directly to environmental protection and impact assessment while in some other cases to urban and regional planning, transportation, rural development, health.

5 SDI PLANNING REGION CONSISTENCY ECON COMPETENCE ENVIRONMENT PLANNING PARTICIPATION SUBSIDIARITY e-gov Bolzano-Bozen (Prov) Trento (Prov) Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino-Alto Adige Umbria Valle d'aosta Veneto Table 1 Presence of the issues of concern in the Law system in Italian Regions. Public Participation and Subsidiarity Many of the acts related to planning refer to public participation and subsidiarity. Some of the acts reflect European Spatial Development Perspective (ESDP, 1999) guidelines. Rarely, however, particular attention is given to community participation to spatial decision-making; directives are rather generic. Usually acts refer to public participation as the public right to know. Often, subsidiarity among public bodies as well as public participation is only stated, but reference to any form of regulation have not been found.

6 Information Society and e-government It is difficult to find reference to forms of e-government as such. In some cases references is given to regional portal development, which usually are devoted to sector development programs (tourism, economic development). Emilia Romagna Region issued a comprehensive act oriented to the development of e-government initiatives for public access to pubic information and service delivery to citizens. The extension of the CMT The CMT as been designed to classify PAGIWEB according to its two variables so that it can be used to understand which PAGIWEB typologies are more spread in a given geo-political context. The spatialisation of the CTM in figure 2 shows the PAGIWEB typologies with reference to the Italian Regions in early Figure 2 The CMT spatialisation applied to Italian Region PAGIWEB (2003) The spatialised view of the CTM may be used for spatio-temporal comparison. In figure 3 is presented the comparison between the same contexts, the Italian Regions, in two different points in time. The two images show a development in the provision of GI related to planning in However the development in the content does not seem followed by a development in the use of GIT.

7 Figure 3a: year 2001 Figure 3a: year 2003 The spatialised view can be further developed to take into account the new variables related to the institutional framework synthesized in table 1 (figure 4, 5). Figure 4 CTM and SDI In figure 4, the level of development of the legal framework related to SDI at regional level in Italy has been added to the CTM spatialisation as third dimension for every given PAGIWEB typology. Figure 5 shows the same kind of representation applied to the issue of the use of GIS in planning. Figure 5 CTM and Planning

8 As figure 4 and 5 show, there is no evident relationship between the development of the legal frameworks with the PAGIWEB typology development. This kind multidimensional of representation may be used for comparative analysis as well. Conclusion A methodology for the evaluation of the PAGIWEB is proposed in this paper. Based on the application of the CMT the methodology, it is further extended with the aim of taking into account the relationships between PAGIWEB diffusion, their typology, and the local legal frameworks with reference to SDI, the use of GIS in planning, Public Participation and E-government. The original methodology, consisting of the following steps: National planning system analysis, Digital cities diffusion assessment, PAGIWEB search, GI content / GI Technology Matrix application, CTM spatialisation, has been augmented with two more steps: Regional/local legal system framework analysis, Visual integration of results. While the methodology proposed may be perfectible, the overall approach adopted shows the possibilities for comparative study development in time and space. Given the blowing of a great number of new applications at all institutional levels (national, regional, local) this methodology may offer the advantage of supplying a first insight in the PAGIWEB landscape, which can be used to select best practices for more detailed analysis.

9 References Brail R, Klosterman R, (eds), Planning Support Systems: Integrating Geographic Information Systems, Models and Visualization Tools, Esri Press, 2001 Campagna M, Deplano G, 2002, Public administration, governance, planning and GIS: Italian experiences in the e-europe. Michael Gould, Maurici Ruiz and Jerònia Ramon (Eds.)5th AGILE CONFERENCE Proceedings on Geographic Information Science ISBN Palma (Mallorca, Spain) April 2002 Campagna M, Deplano G, "Evaluating Geographic Information provision within Public Administration web sites", Environment and Planning B: Planning and Design, forthcoming Ciancarella, L. - Craglia, M. - Ravaglia, E. - Secondini, P. - Valpreda, E. La diffusione dei GIS nelle Amministrazioni Locali Italiane. Franco Angeli Milano, 1998 Craig W, Harris T, Weiner D, Community Participation and Geographical Information Systems, Taylor and Francis, 2002 ESDP - Commission for the European Communities: The European Spatial Development Perspective. Brussels: CEC, 1999 Fiducia A, Web-mapping e portali. Dall offerta d informazione geografica non specialistica alla nascita dei servizi Internet di seconda generazione. Mondo GIS VI-27, 2001 Geertman S, Stillwell J, Planning Support Systems in Practice, Springer: Berlin, 2003 Mitchell W, E-topia: Urban Life, Jim But Not As We Know It (MIT Press), 1999 Peng Z-R, Internet GIS for Public Participation Environment and Planning B: Planning and Design , 2001 Salvemini M, GI for the governance of Local Authorities:Critical aspects and technical solutions. 8th EC-GI & GIS WORKSHOP Proceedings: ESDI - A Work in Progress Dublin, Ireland July 3-5, 2002

10 APPENDIX 1: Spatial distribution of the issues of concern within Regional Acts* *Presence in dark SDI contents SDI econ SDI competence *Presence in dark Environment Planning

11 *Presence in dark Public Participation Subsidiarity ICT / e-gov *The darker the higher SDI PLANNING E-GOV

12 APPENDIX 2: ITALIAN REGIONAL ACTS REFERENCES Bolzano-Bozen (Province) Trento (Province) Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli-Venezia Giulia Lazio Liguria LEGGE PROVINCIALE N. 10 DEL REGIONE BOLZANO (Prov.) << Riordinamento della struttura dirigenziale della Provincia Autonoma di Bolzano >> LEGGE PROVINCIALE N. 22 DEL REGIONE TRENTO (Prov.) Ordinamento urbanistico e tutela del territorio LEGGE REGIONALE N. 60 DEL REGIONE ABRUZZO Norma per l' impiego, la conservazionee la manutenzione del sistema informativo territoriale regionale. LEGGE REGIONALE N. 91 DEL REGIONE ABRUZZO Integrazione dell' art. 6 della Legge Regionale 20 giugno 1980, n. 67 Settore Informatica >>. LEGGE REGIONALE N. 95 DEL REGIONE ABRUZZO Nuova disciplina per il funzionamento dell' Istituto Abruzzese di Ricerche e Sviluppo ( IARES). LEGGE REGIONALE N. 16 DEL REGIONE ABRUZZO Bilancio di previsione per l' esercizio finanziario 1991 e Bilancio pluriennale LEGGE REGIONALE N. 81 DEL REGIONE ABRUZZO Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo LEGGE REGIONALE N. 32 DEL REGIONE ABRUZZO Bilancio di previsione per l' esercizio Bilancio pluriennale LEGGE REGIONALE N. 18 DEL REGIONE ABRUZZO Bilancio di previsione per l' esercizio Bilancio pluriennale 1993/ 95. LEGGE REGIONALE N. 18 DEL REGIONE ABRUZZO Bilancio di previsione per l' esercizio finanziario Bilancio pluriennale 1994/ 96. LEGGE REGIONALE N. 7 DEL REGIONE ABRUZZO Bilancio di previsione per l' esercizio finanziario 1995 LEGGE REGIONALE N. 13 DEL REGIONE ABRUZZO Bilancio di previsione per l' esercizio finanziario LEGGE REGIONALE N. 42 DEL REGIONE ABRUZZO Bilancio di previsione per l' esercizio finanziario Bilancio pluriennale 1997/ 99 LEGGE REGIONALE N. 3 DEL REGIONE ABRUZZO BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO BILANCIO PLURIENNALE 1999/2001 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL REGIONE BASILICATA TUTELA, GOVERNO ED USO DEL TERRITORIO LEGGE REGIONALE N. 3 DEL REGIONE BASILICATA MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA L.R. N. 23 DELL RECANTE NORME PER: TUTELA, GOVERNO ED USO DEL TERRITORIO LEGGE REGIONALE N. 19 DEL REGIONE CALABRIA Disciplina dei servizi di sviluppo agricolo nella Regione Calabria LEGGE REGIONALE N. 17 DEL REGIONE CALABRIA Interventi a sostegno di iniziative infrastrutturali ed imprenditoriali per lo sviluppo della New Economy in Calabria LEGGE REGIONALE N. 19 DEL REGIONE CALABRIA Norme per la tutela, governo ed uso del territorio Legge Urbanistica della Calabria. // LEGGE REGIONALE N. 42 DEL REGIONE EMILIA-ROMAGNA NORME IN MATERIA DI BIBLOTECHE E ARCHIVI STORICI DI ENTI LOCALI O DI INTERESSE LOCALE LEGGE REGIONALE N. 33 DEL REGIONE EMILIA-ROMAGNA NORME IN MATERIA DI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI LEGGE REGIONALE N. 20 DEL REGIONE EMILIA-ROMAGNA DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L USO DEL TERRITORIO LEGGE REGIONALE N. 63 DEL REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Disposizioni in materia di cartografia regionale e di sistema informativo territoriale cartografico. LEGGE REGIONALE N. 13 DEL REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Disposizioni collegate alla Legge finanziaria "LEGGE REGIONALE N. 23 DEL REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Assestamento del bilancio 2002 e del bilancio pluriennale ai sensi dell articolo 18 della legge regionale 16 aprile 1999, n. 7." LEGGE REGIONALE N. 33 DEL REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Istituzione dei Comprensori montani del Friuli Venezia Giulia. LEGGE REGIONALE N. 24 DEL REGIONE LAZIO PIANIFICAZIONE PAESISTICA E TUTELA DEI BENI E DELLE AREE SOTTOPOSTI A VINCOLO PAESISTICO. LEGGE REGIONALE N. 53 DEL REGIONE LAZIO ORGANIZZAZIONE REGIONALE DELLA DIFESA DEL SUOLO IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE 18 MAGGIO 1989, N LEGGE REGIONALE N. 38 DEL REGIONE LAZIO "NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO" LEGGE REGIONALE N. 8 DEL REGIONE LAZIO Legge finanziaria regionale per l esercizio 2002 (legge regionale 20 novembre 2001 n. 25 articolo 11). LEGGE REGIONALE N. 36 DEL REGIONE LIGURIA

13 Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Legge urbanistica regionale. LEGGE REGIONALE N. 32 DEL REGIONE LOMBARDIA Censimento e catasto delle acque - piani in materia di tutela delle acque dall' inquinamento. LEGGE REGIONALE N. 66 DEL REGIONE LOMBARDIA << Norme per l' erogazione di contributi per la formazione di strumenti urbanistici generali >>. "LEGGE REGIONALE N. 10 DEL REGIONE LOMBARDIA DISPOSIZIONI PER LA VALORIZZAZIONE, LO SVILUPPO E LA TUTELA DEL TERRITORIO MONTANO IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 97/1994." LEGGE REGIONALE N. 4 DEL REGIONE LOMBARDIA NORME PER L ATTUAZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE E PER LA MODIFICA E L INTEGRAZIONE DI DISPOSIZIONI LEGISLATIVE. LEGGE REGIONALE N. 30 DEL REGIONE MARCHE Organizzazione amministrativa della Regione LEGGE REGIONALE N. 60 DEL REGIONE MARCHE Istituzione dell' agenzia regionale per la protezione ambientale delle Marche (ARPAM) "LEGGE REGIONALE N. 10 DEL REGIONE MARCHE Riordino delle funzioni amministrative della Regione e degli Enti locali nei settori dello sviluppo economico ed attività produttive, del territorio, ambiente e infrastrutture, dei servizi alla persona e alla comunità, nonché dell'ordinamento ed organizzazione amministrativa" LEGGE REGIONALE N. 14 DEL REGIONE MOLISE Ordinamento della struttura organizzativa della Regione. "LEGGE REGIONALE N. 15 DEL REGIONE MOLISE INTERVENTI PER LA TUTELA, LO SVILUPPO E LA VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO MONTANO" LEGGE REGIONALE N. 42 DEL REGIONE PIEMONTE Norme sull' organizzazione degli uffici della Regione Piemonte LEGGE REGIONALE N. 60 DEL REGIONE PIEMONTE Istituzione dell' Agenzia regionale per la protezione ambientale LEGGE REGIONALE N. 20 DEL REGIONE PUGLIA Norme generali di governo e uso del territorio. LEGGE REGIONALE N. 18 DEL REGIONE SARDEGNA Disposizioni per la formazione del bilancio annuale della Regione (legge finanziaria 1989). LEGGE REGIONALE N. 71 DEL REGIONE SICILIA Norme integrative e modificative della legislazione vigente nel territorio della Regione siciliana in materia urbanistica. LEGGE REGIONALE N. 5 DEL REGIONE TOSCANA Norme per il governo del territorio LEGGE REGIONALE N. 66 DEL REGIONE TOSCANA Istituzione dell' Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana. "LEGGE REGIONALE N. 88 DEL REGIONE TOSCANA Attribuzione agli enti locali e disciplina generale delle funzioni amministrative e dei compiti in materia di urbanistica e pianificazione territoriale, protezione della natura e dell'ambiente, tutela dell'ambiente dagli inquinamenti e gestione dei rifiuti, risorse idriche e difesa del suolo, energia e risorse geotermiche, opere pubbliche, viabilità e trasporti conferite alla Regione dal decreto legislativo 31 marzo 1998, n " LEGGE REGIONALE N. 17 DEL REGIONE TOSCANA Rete escursionistica della Toscana e disciplina delle attività escursionistiche. LEGGE REGIONALE N. 42 DEL REGIONE TOSCANA Norme per il trasporto pubblico locale. LEGGE REGIONALE N. 43 DEL REGIONE TOSCANA Legge finanziaria per l'anno Trentino-Alto Adige Umbria Valle d'aosta // "LEGGE REGIONALE N. 53 DEL REGIONE UMBRIA Prime norme di politica urbanistica." LEGGE REGIONALE N. 31 DEL REGIONE UMBRIA Disciplina della pianificazione urbanistica comunale e norme di modificazione delle LL.RR. 2 settembre 1974, n. 53, 18 aprile 1989, 26, 17 aprile 1991, n. 6 e 10 aprile 1995, n. 28. LEGGE REGIONALE N. 39 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA Norme per la costituzione del Sistema Informativo Territoriale Regionale( SITR). LEGGE REGIONALE N. 41 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA Istituzione dell' Agenzia regionale per la protezione dell' ambiente (ARPA) e creazione, nell' ambito dell' Unità sanitaria locale della Valle d' Aosta, del Dipartimento di prevenzione e dell' Unità operativa di microbiologia LEGGE REGIONALE N. 48 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA Interventi regionali in materia di finanza locale LEGGE REGIONALE N. 37 DEL REGIONE UMBRIA Norme in materia di trasporto pubblico locale in attuazione del decreto legislativo 19 novembre 1997, n LEGGE REGIONALE N. 1 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA Finanziamenti di spesa nei diversi settori regionali di intervento e rideterminazione delle autorizzazioni di spesa di leggi regionali in vigore, assunti in coincidenza con l'approvazione del bilancio di previsione per l'anno finanziario 1999 e per il triennio (Legge finanziaria per gli anni 1999/2001).

14 Veneto Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VALLE LEGGE REGIONALE N. 27 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina dell'organizzazione del servizio idrico integrato. LEGGE REGIONALE N. 12 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA Disposizioni in materia di cartografia e di sistema cartografico e geografico regionale. LEGGE REGIONALE N. 18 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA Approvazione del piano socio-sanitario regionale per il triennio 2002/2004 LEGGE REGIONALE N. 50 DEL REGIONE VENETO Norme in materia di musei, biblioteche, archivi di enti locali o di interesse locale. LEGGE REGIONALE N. 3 DEL REGIONE VENETO Piano Socio - Sanitario LEGGE REGIONALE N. 5 DEL REGIONE VENETO Piano Socio - Sanitario regionale per il triennio 1996/ 1998

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

M. Vanzetta*, E. Vellone**, M.G. De Marinis***, I. Cavicchi****, R. Alvaro*****

M. Vanzetta*, E. Vellone**, M.G. De Marinis***, I. Cavicchi****, R. Alvaro***** L informazione online fornita dalle ASL e AO Italiane: indagine descrittiva Ann Ig 2012; 24: 507-516 L informazione online fornita dai siti delle Aziende Sanitarie Ospedaliere Italiane: indagine descrittiva

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI

12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI 12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI CAPITOLO 12 RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Maria LOGORELLI 1 Coordinatore statistico: Matteo SALOMONE 1 Coordinatore tematico: Salvatore CURCURUTO 1 1) ISPRA 902 Tema SINAnet

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds 4 to 7 funds 8 to 15 funds 16 to 25 funds 26 to 40 funds 41 to 70 funds 53 Chi siamo Epsilon SGR è una società di gestione del risparmio del gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione di portafoglio

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli