COME ALLENERO QUEST ANNO?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COME ALLENERO QUEST ANNO?"

Transcript

1 COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia una nuova STAGIONE bisogna sapersi rinnovare, mettersi in discussione. Costruirsi una leadership (da Gestione delle risorse umane P.Drucker, 2009) La leadership non è un diritto calato dall alto, ma è qualcosa che viene riconosciuto dal basso Il leader deve continuare ad essere un riferimento credibile e riconosciuto nel tempo Oltre al consenso ed al coinvolgimento nel tempo è imprescindibile il raggiungimento di un alto livello di coerenza Aggiungere l elemento temporale (persone e risultati) impone di considerare la leadership come qualcosa di mutevole Il cambiamento Il cambiamento è diventato una dimensione con cui è necessario che tutti ma nel nostro caso ALLENATORI, dirigenti e organizzazioni sportive devono prenderne atto. Il cambiamento prevede la messa in discussione delle proprie abitudini, della propria struttura mentale, del proprio modo di porsi, di fare, di parlare, di insegnare, di organizzare di vedere la propria interazione con l attività da un punto di vista diverso, nuovo, quindi comprendere e condividere i nuovi obiettivi e la struttura necessaria per raggiungerli. Chi non si adatta al cambiamento è destinato a rimanere fuori dalle dinamiche comunicative dall interazione tra soggetti Non è più possibile pensare di raggiungere risultati eccellenti rimanendo sempre gli stessi, rifiutando di mettersi in discussione Questo potrebbe significare anche mettere in dubbio ciò che fino a ieri ha portato risultati o ciò che negli anni è sempre stato considerato punto di forza.. Il mettersi in gioco, nei rapporti, dovrebbe valere, naturalmente, a tutti i livelli: quello organizzativo, di team, del singolo dirigente, del tecnico, dell atleta di tutto l indotto.

2 La motivazione come valore 1. Sviluppare il senso di appartenenza 2. Valorizzare il ruolo e il contributo di ognuno 3. Promuovere il consenso sulle decisioni 4. Mediare i conflitti, tutelando soprattutto i deboli senza condannare i più forti 5. Da gratificare a RESPONSABILIZZARE Un po di teoria non fa mai male, questa è una piccola dose, che è necessaria per iniziare la fase del cambiamento. La Pallavolo negli ultimi anni ha avuto molti mutamenti dovuti a tanti fattori che non credo sia il caso di sottolineare, il dato rilevante è che tutti siamo d accordo che per migliorare la qualità occorre modificare alcuni costumi e abitudini (purtroppo negative) che lentamente hanno affondato le radici nel quotidiano delle nostre palestre, occorre UN CAMBIAMENTO siamo tutti disposti Per produrre il cambiamento bisogna volerlo, questo processo ha bisogno di 4 elementi fondamentali: Condivisione Disponibilità Tempo Pazienza Coerenza COSTRUZIONE di un MODELLO Costruire un ambiente positivo, formativo e motivante, promuovere la qualità, l educazione, la motivazione, la partecipazione.. Promuovere il talento ma anche la pratica dell attività sportiva. Io nel progetto: La completa condivisione ci impone di : Sentirsi funzionali al sistema e non satelliti di un sistema Se decido di stare dentro..scelgo di essere un protagonista Iniziare per gradi, per costruire un modello, bisognerà definire alcuni aspetti importanti: 1. Il metodo 2. Le regole 3. Il controllo 4. La qualità IL METODO ALLENARE non vuol dire solo far crescere un atleta, ma soprattutto far crescere una persona, chi è deputato alla formazione deve essere disposto anche al cambiamento, se necessario, dello stile personale. Deve essere disposto a studiare, apprendere ed applicare i principi pedagogici elementari. L ALLENAMENTO è un PROCESSO PEDAGOGICO GUIDATO Modificare l habitat, attraverso la scelta dello stile.

3 AUTORITA O AUTOREVOLEZZA G. Esposito, RU. Management A. La differenza sostanziale tra autorevolezza e autorità è rappresentata dall'origine dell assegnazione dell'una o dell'altra. L'autorità è corrispondente al livello gerarchico, quindi al potere del grado. L'autorevolezza è invece riconosciuta dagli altri. In genere, l'autorità è legata allo stile direttivo (ad esempio per comunicare ordini non negoziabili), quindi al superiore gerarchico, al "capo"; L'autorevolezza, invece, più efficacemente si associa allo stile partecipativo, quindi al consenso e alla capacità di convincere e di vendere, anche un'idea. L Autorevole è un capo che non ha paura di perdere credibilità, al contrario, interviene con rapidità nel prendere decisioni e nel negoziare con la propria gerarchia. Il capo autorevole, quindi, ha anch'esso una sua azione autoritaria, ma la sua dote maggiore è rappresentata dalla capacità soprattutto comportamentale, di comunicare con i suoi collaboratori individualmente, con tutto il gruppo ed esercitare quando necessario la propria gerarchia. Nell ambito sportivo autorità e autorevolezza devono essere entrambe presenti nella persona dell allenatore, lo stile autoritario risulterà fondamentale nella conduzione di allenamenti e nei momenti di vita comune, lo stile autorevole sarà invece indispensabile nel difficile lavoro di equilibrio tra i rapporti allenatore-atleti-regole, tra atleti-atleti-dinamiche di gruppo, tra allenatore-dirigente-società, tra allenatoreatleta-genitori. IL tutto guidato da una grande dose di BUON SENSO. Priorità di scelta: LE REGOLE 1. Educazione e comportamento (linguaggio e regole comportamentali durante tutta l attività) 2. Rispetto di persone e strutture ( allenatori, compagni di squadra, allenamenti, dirigenti, genitori, palestre, spogliatoi) 3. Comportamento sportivo (Arbitro, avversari, pubblico, trasferte) 4. IL CONTROLLO ATTEGGIAMENTO COERENTE Alle parole seguono i fatti.sempre 1. Profondo rispetto per la persona/atleta/giovane 2. Stesso stile con tutti 3. Stessa quantità comunicativa con tutti 4. Stessa qualità comunicativa con tutti 5. Stessa interazione con tutti 6. Stessa attenzione tecnica con tutti 7. Un obiettivo tecnico ed agonistico per tutti 8. Sviluppo per tutti del senso di appartenenza al gruppo ed all attività 9. Campo per tutti in proporzione alle capacità MA PER TUTTI!!!!

4 ERRORI DA NON COMMETTERE Non lasciarsi influenzare da simpatie ed antipatie Non lasciarsi condizionare dai furbetti Non lasciarsi condizionare dalla bravura tecnica Non lasciarsi condizionare da genitori antipatici Non parlare mai di altre cose se non dell accaduto Non usare mai parole offensive neanche per scherzo Non usare mai parole lesive neanche per scherzo Non usare mai parole che indichino punizioni corporee Non scendere mai sul personale Non alzare mai la voce Non perdere mai la calma Non sentirsi chiamato in causa PERDITA di COERENZA INDIVIDUALE Avere un comportamento poco attento e superficiale Mostrare con parole e comportamento, poca motivazione, poco entusiasmo Avere un linguaggio demotivante e scoraggiante anche se per scherzo Partecipare passivamente all allenamento (allontanarsi dalla palestra, parlare con altri, parlare al telefonino) Usare due pesi e due misure Lasciarsi condizionare dal proprio umore giornaliero Accanirsi sempre contro gli stessi Non considerare tutte gli atleti persona allo stesso modo Non dare a tutti le opportunità tecniche, in allenamento e gara. Essere poco propositivi in allenamento e gara perdendo subito la pazienza Essere assenteisti Incoerenza tra il dire ed il fare PERDITA di COERENZA AMBIENTALE Non rispettare il regolamento e le procedure Avere un atteggiamento buonista per apparire più bravi degli altri Mettere in dubbio l operato di un altro tecnico o dirigente Parlare privatamente, esponendo la propria contrarietà al regolamento, alle procedure, ad un episodio e ad un provvedimento sia con i diretti interessati che con chiunque appartenente all ambiente. Contraddire pubblicamente l applicazione del regolamento e delle procedure, ma discuterne privatamente Prendere provvedimenti immediati con atleti di altri gruppi senza attivare le procedure Scendere sul personale con altri tecnici, dirigenti, genitori. LA QUALITA PROCEDURE PER UN ALLENAMENTO ORGANIZZATO PRESUPPOSTI Puntualità Avvisare con sms/tel incaso di assenze, ritardi e inconvenienti vari (pena l applicazione delle procedure) Si arriva in palestra 15 prima dell ora di allenamento (non un ora prima) Comportamento corretto negli spogliatoi e corridoi

5 ATLETI Divisa da allenamento obbligatoria per tutti Bottiglia o borraccia per bere durante l allenamento Elastico individuale, ginocchiere ALLENATORE Rete ben messa, carrello, palloni, altra attrezzatura necessaria, borsa medicinali In abbigliamento sportivo, con cartellina e programma di allenamento e registro presenze. Si entra il palestra solo al momento di inizio allenamento e non prima Raduno in cerchio al centro del campo, per verifica presenze, presentazione allenamento Allenamento: non si parla, non si perde tempo, non ci si distrae, Spiegazione esercizio breve e chiara, correzioni se possibile, individuali senza interrompere, di squadra con brevissime interruzioni Ogni blocco di lavoro 30 circa, sosta per bere 45 Al termine raduno al centro del campo per comunicazioni e programmi Controllo finale negli spogliatoi per verificare il comportamento DA EVITARE Di organizzare esercizi che escludono alcuni atleti Di organizzare esercizi, cambi e rotazioni che limitano sempre gli stessi atleti Di organizzare esercizi troppo complicati e tecnicamente complessi Di organizzare allenamenti sempre con la stessa struttura Di organizzare esercizi che non abbiano una progressione crescente Di provare sempre il sestetto che gioca senza mai provare gli altri Di abbassare il livello qualitativo dell allenamento per provare tutti Di interrompere con frequenza gli esercizi Di non interrompere mai gli esercizi COME FAR GIOCARE TUTTI SENZA ABBASARE TROPPO LA QUALITA Oltre ai cambi classici per ruolo, durante gli allenamenti: Specializzare alcune riserve sulla battuta (per un cambio in battuta) Specializzare alcune riserve per la difesa( per un giro dietro) Specializzare alcune riserve per il muro o attacco per un giro avanti I CAMBI, QUANDO? Nella prima parte del set (fino a 16) In set con uno scarto positivo o negativo di 8 punti Al 3 set di una partita compromessa (che si poteva vincere) Distribuiti al di una partita che si può vincere Mai 2/3 cambi insieme quando si è in vantaggio di 2-0 (set) Distribuiti con parsimonia ed in maniera strategica in un set o partita equilibrata (cambio in : battuta, a muro sul centrale avanti, in difesa sull opposto in 2 linea che non riceve, al posto del palleggiatore basso per una posizione avanti, cambio avanti su un attaccante che non attaccherà comunque )

6 RAPPORTI SPORT/STUDIO L istruzione deve rimanere la prima priorità nel percorso formativo di una persona, per cui nella nostra attività dovremo tenere in considerazione questo punto. Chiaramente bisognerà giocare d anticipo, con alcuni passaggi importanti: 1. Chiedere periodicamente agli atleti il loro andamento scolastico 2. Chiedere periodicamente ai genitori l andamento scolastico dei figli 3. Concedere ogni tanto la pausa studio 4. In caso di scarso rendimento scolastico, scegliere il periodo strategicamente MIGLIORE per una sospensione dalle attività, concordata con i genitori, per permettere il recupero. 5. Non sovraccaricare troppo gli atleti, occupando ogni giorno con allenamenti e gare 6. Ricordiamoci sempre che abbiamo a che fare con soggetti in fase di CRESCITA a 360 e lo sport deve essere scelto e non imposto.

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Concetto ASF. Formazione degli allenatori Corso di perfezionamento. 2011/12. (Livello Diploma C / B) www.dreamteam11.ch

Concetto ASF. Formazione degli allenatori Corso di perfezionamento. 2011/12. (Livello Diploma C / B) www.dreamteam11.ch Concetto ASF Formazione degli allenatori Corso di perfezionamento. 2011/12 (Livello Diploma C / B) Basi per lo sviluppo Le basi del nostro modo d agire sono il rispetto ed il fairplay Rispetto Fairplay

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO PROGETTO RELATIVO AI GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI ANNO SCOLASTICO 2007/2008 Nell ambito dell organizzazione dei giochi sportivi studenteschi,

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

COME COMPORTARSI E RAPPORTARSI CON ALLIEVI E GIOCATORI DURANTE LE LEZIONI E GLI ALLENAMENTI.

COME COMPORTARSI E RAPPORTARSI CON ALLIEVI E GIOCATORI DURANTE LE LEZIONI E GLI ALLENAMENTI. COMECOMPORTARSIERAPPORTARSICONALLIEVIEGIOCATORI DURANTELELEZIONIEGLIALLENAMENTI. CONSIGLIESUGGERIMENTI Siribadisce,comedettoinaltreoccasioniquandosièparlatodimetodologia,il concettodifondamentaleimportanzacheè:nondilungarsitroppodurantele

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL AGOSTO 2013 1 INDICE PREMESSA...2 COMPETENZE DEL TECNICO DI BASE...2 PERCORSO FORMATIVO E QUALIFICA...3 VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI...3 I FORMATORI

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO Corso Nordic Walking Torino 04-10-2014 METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO CANALI DELLA COMUNICAZIONE METODI DI INSEGNAMENTO STILI DI INSEGNAMENTO ORGANIZZARE UNA SEDUTA I CANALI DELLA COMUNICAZIONE VERBALE

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI

PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI PROGETTO EDUCATIVO LO SPORT LO SPORT come tempo di crescita personale, come mezzo per educare, come scoperta di valori, come proposta ludica, come attività

Dettagli

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio Obiettivi, contenuti, modalità della valutazione del movimento Prof. Mancini Roberto Valutare gli aspetti qualitativi del movimento Considerare con

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Premessa La Scuola Primaria di Casamicciola Terme è una realtà educativa che da sempre pone l alunno al centro del processo di apprendimento

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio obiettivo del corso Informazioni Un altro modo di vedere il calcio Un modo per ri-ordinare le informazioni Un metodo, base per costruire il vostro Motivazioni (vostra e nostra) Il QUADRATO Quanti quadrati

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

IL MINIVOLLEY. MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014. Progetto: "UNA REGIONE IN MOVIMENTO

IL MINIVOLLEY. MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014. Progetto: UNA REGIONE IN MOVIMENTO MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Ambito Territoriale Vibo Valentia A.S. 2013-2014 Progetto: "UNA REGIONE IN MOVIMENTO IL MINIVOLLEY Prof. Carmine Cavallaro GIOCOSPORT Premessa Mentre dagli

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA Premessa Il Progetto Giochi Sportivi Studenteschi si propone di rimarcare l importanza della: Corporeità e della motricità, intese come elementi portanti

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL AGOSTO 2013 1 INDICE PREMESSA... 2 COMPETENZE DEL TECNICO DI BASE... 2 PERCORSO FORMATIVO E QUALIFICA... 3 VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI... 3 I FORMATORI

Dettagli

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE ALLENAMENTO 1D FEMMINILE Corsisti: Ballardini Samuele, Ceccarini Barbara, Rossi Giacomo INTRODUZIONE Nelle ultime partite la squadra allenata (1 divisione femminile) ha avuto un'efficacia in attacco del

Dettagli

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE Il calcio è ormai uno sport mondiale, si gioca infatti in ogni angolo del pianeta, anche i più remoti; i praticanti appartengono ad ogni età, razza, religione e sesso.

Dettagli

Diversamente uguali nello Sport

Diversamente uguali nello Sport Diversamente uguali nello Sport di Silvia Cabano e Furio Dioguardi COMPETENZE PEDAGOGICHE E RELAZIONALI NELLO SPORT FEMMINILE di furio dioguardi - furio.dioguardi@gmail.com "Casa dello Sport Viale Italia

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

Obiettivi formativi del documento

Obiettivi formativi del documento DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.S. GIOVANNI PAOLO II SAN MARZANO SUL SARNO (SA) Piazza Amendola-84010-Tel. 081/955291- Fax: 081/5189080 C.F. 80047350659 Codice Meccanografico SAEE152003 Sito: www.ddsanmarzano.gov.it

Dettagli

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE

COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Emanuele Lajolo di Cossano COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI SELEZIONE Università degli Studi - Torino, 19 aprile 2010 La prima cosa da fare PERCHE SONO QUI? QUAL E IL MIO OBIETTIVO? CHE COSA VOGLIO ASSOLUTAMENTE

Dettagli

La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta

La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta Corso Nazionale Allenatori Terzo Grado Settima Edizione La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta TEMA FONDAMENTALE: Il sistema muro

Dettagli

Io tifo positivo nel segno di Candido

Io tifo positivo nel segno di Candido BRUGHERIO Io tifo positivo nel segno di Candido La PROPOSTA parte da un lavoro che ha visto in questi anni coinvolti circa 10000 ragazzi delle scuole primarie e secondarie di molti comuni della provincia

Dettagli

Codice di Comportamento 2015

Codice di Comportamento 2015 Codice di Comportamento 2015 Raccolta di modi di agire ai quali tendere, frutto di una ricerca e del confronto con altre società sportive, non solo nel settore pallavolo. Polisportiva D. Borgo Virgilio

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

Genova 13 Settembre 2010

Genova 13 Settembre 2010 Genova 13 Settembre 2010 Progetto Giovani Matteo Quarantelli 2 La percezione della qualità di un servizio è generato dalla corrispondenza con le aspettative (bisogni) degli utenti. I nostri utenti sono

Dettagli

E-mail: calla2002@libero.it

E-mail: calla2002@libero.it RELATORE: FABIO FOSSATI - HEAD-COACH ADVISOR FIP FIBA EUROPE - DOCENTE BASKET FACOLTA SCIENZE - MOTORIE UNIVERSITA STATALE DI BRESCIA DIPARTIMENTO DI MEDICINA - CERTIFIED MENTAL COACH E-mail: calla2002@libero.it

Dettagli

REGOLAMENTO MINIVOLLEY TOUR PROVINCIALE MANTOVA

REGOLAMENTO MINIVOLLEY TOUR PROVINCIALE MANTOVA REGOLAMENTO MINIVOLLEY TOUR PROVINCIALE MANTOVA CI IMPEGNAMO PER Orientare l attività a tutela dei diritti del bambino atleta. Attraverso le sue esperienze e le opportunità che gli verranno offerte potrà

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MOTORIE Docente : PROF. ARUNDO CLAUDIA CLASSE : II A CAT CONTESTO DELLA

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo

Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Via Natta, 11-20151 MILANO TEL. 0238005599-0238007204 - FAX 0233402739 -C.F.: 80122690151 e-mail - info@iiscardano.it Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo LA

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO PIANO DI LAVORO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE classe 2 B tecnico ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE: FIGLIOLA ANTONELLA TESTO ADOTTATO:

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE PIANO DELLE 5 ASM. ANNO 2011/2012 n. 1 Titolo: La p ercezione del proprio corpo e lo sviluppo espressive 1 - La percezione di sé e il completamento

Dettagli

REGOLAMENTO. Direttore sportivo

REGOLAMENTO. Direttore sportivo REGOLAMENTO Il presente regolamento ha l'obiettivo di dare un'organizzazione interna all'associazione e responsabilizzare ogni singolo socio, dirigente, allenatore, atleta e sostenitore della A.s.d. Volley

Dettagli

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL CULTURA AZIENDALE RITENIAMO CHE UNA FORTE CULTURA AZIENDALE COSTITUISCA UN ENORME VANTAGGIO CONCORRENZIALE. QUANDO PARLO DELLA CULTURA DELLA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

MTB GRAVITY TEAM BIKE 4 KIDS GUIDES & TOURS

MTB GRAVITY TEAM BIKE 4 KIDS GUIDES & TOURS CODICE ETICO Art. 1 Premessa L'Associazione Sportiva Dilettantistica A.s.d. 360 MTB (di seguito l'associazione) opera nell ambito sportivo del ciclismo. L'Associazione riconosce lo sport quale strumento

Dettagli

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare Il perché di un Progetto educativo? Lo scoutismo è certamente un avventura affascinante per

Dettagli

Introduzione all animazione in oratorio

Introduzione all animazione in oratorio Corso animatori oratorio Canegrate Introduzione all animazione in oratorio Canegrate 9 ottobre 2005 Animatore: Premessa Cos è l oratorio? Per oratorio s intende quel luogo educativo ecclesiale che accoglie

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

IPSSAR Matteotti G. - PISA. Programmazione di Scienze Motorie classe III Sala B A. S. 2014/2015

IPSSAR Matteotti G. - PISA. Programmazione di Scienze Motorie classe III Sala B A. S. 2014/2015 IPSSAR Matteotti G. - PISA Programmazione di Scienze Motorie classe III Sala B A. S. 2014/2015 Obiettivi trasversali formativi Nel rispetto delle linee guida ministeriali, le Scienze Motorie promuovono

Dettagli

La leadership sanitaria:

La leadership sanitaria: La leadership sanitaria: una nuova dimensione per le professioni sanitarie Dott. Alessandro Rovetta Leadership SAPER CREARE UN MONDO AL QUALE LE PERSONE DESIDERINO APPARTENERE 1 Perchè servono professionisti

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI Corso di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa La LUM School of Management crede fermamente

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria Curricolo di Educazione fisica Istituto Comprensivo Gandhi Prato Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : COMPETENZA CHIAVE:

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO L ASD RUGBY CERNUSCO è una associazione sportiva dilettantistica che opera, come da Statuto, nei settori sportivo, ricreativo e culturale, con lo scopo di sviluppare e diffondere

Dettagli

Esperienza di integrazione di preparazione fisica

Esperienza di integrazione di preparazione fisica Esperienza di integrazione di preparazione fisica 6 Corso Preparatori Fisici Pallacanestro TIRRENIA Aprile P.F. Silvio Barnabà Conclusioni Dopo aver stabilito quale è in termini di forza, controllo e coordinazione

Dettagli

Guida del tutor Associazione LECCO 100

Guida del tutor Associazione LECCO 100 Guida del tutor Associazione LECCO 100 Sommario INTRODUZIONE... 3 Dediche dagli allievi ai tutor... 4 GLI OBIETTIVI... 6 LE REGOLE... 7 LE ATTIVITÀ... 8 La preparazione... 8 La giornata con l'allievo...

Dettagli

Coinvolgere per cambiare

Coinvolgere per cambiare Coinvolgere per cambiare Di cosa parliamo oggi 1. L approccio lean al cambiamento 2. Gli attori del processo di cambiamento (operatori, Middle Management, Top Management) 3. Il processo di change management

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-14

ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ZINI BARBARA Scienze Motorie e Sportive CLASSE 1 B Via IV Novembre, 4 40050 (BO) Tel. 051-6761483 Fax 051-6764245 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa

Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa Un progetto socialmente responsabile in collaborazione tra Assolombarda Coni Lombardia Fondazione Sodalitas Impresa & Sport è un progetto che nasce da

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano (Università di Bologna) Il Direttore come responsabile della gestione complessiva (1) Cosa vuol dire avere una visione gestionale complessiva,

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE

Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE Illusione reale Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE manuale www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Daniele Tuzi Tutti i diritti riservati Dedicato a coloro che sanno come camminare nell Inferno di questi giorni

Dettagli

LICEO A. MANZONI Caserta

LICEO A. MANZONI Caserta Pag.1 di 8 LICEO A. MANZONI Caserta ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA PRIMO BIENNIO INDIRIZZO : Classe ª SEZ. MATERIA : SCIENZE MOTORIE CLASSE DI CONCORSO A029 DOCENTE PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

CORSO PER ALLIEVO ALLENATORE e PRIMO GRADO

CORSO PER ALLIEVO ALLENATORE e PRIMO GRADO CORSO PER ALLIEVO ALLENATORE e PRIMO GRADO Alcuni elementi sulla leadership Stili di leadership a confronto 1 Programma didattico Elementi di leadership Definizione Stili di leadership a confronto Passivo,

Dettagli

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento.

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Mario Solerio Partner D.O.C. marketing Di cosa parleremo Cosa intendiamo con cambiamento e le relative dinamiche Come comportarsi nei percorsi di cambiamento

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 REGOLAMENTO e MANSIONI STAFF TECNICO Pag. 1 OBIETTIVI - FILOSOFIA E PRINCIPI ISPIRATORI LA LEGACY Uno degli obiettivi della NOSTRA società sportiva è quello di lasciare una

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA Non possiamo parlare di un unica metodologia per allenare la pallavolo, in quanto essa cambia in rapporto al livello di gioco: non può essere la

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA Bologna Aprile 2009 L IMPORTANZA DEL MOMENTO In un mercato denso di criticità e nel medesimo tempo di opportunità, l investimento sulle

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

EQUICONFOR Codice Etico - Comportamentale

EQUICONFOR Codice Etico - Comportamentale EQUICONFOR Codice Etico - Comportamentale Ultima versione del 4 novembre 20131 Premessa Il codice etico comportamentale dell equiconfor riprende i principi fondamentali di lealtà correttezza e probità

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

I PROPRI COLLABORATORI. Bozen Bolzano 11.07.2008. Franco Cesaro

I PROPRI COLLABORATORI. Bozen Bolzano 11.07.2008. Franco Cesaro COME MOTIVARE E FIDELIZZARE I PROPRI COLLABORATORI Franco Cesaro Retention Management Cosa si intende per RETENTION Trattenere le persone di valore Un detto SONO SEMPRE I MIGLIORI CHE SE NE VANNO!!!! Lutti

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

METODOLOGIA DI ALLENAMENTO NELLA PALLAVOLO GIOVANILE

METODOLOGIA DI ALLENAMENTO NELLA PALLAVOLO GIOVANILE METODOLOGIA DI ALLENAMENTO NELLA PALLAVOLO GIOVANILE di Massimo Merighi La pianificazione e l organizzazione dell allenamento determinano la metodologia di allenamento che sarà determinata in funzione

Dettagli

Corsi 2010 2011. Formazione per tecnici sportivi

Corsi 2010 2011. Formazione per tecnici sportivi Corsi 2010 2011 Formazione per tecnici sportivi Allenatore 2 grado FIPAV Durata e modalità: 24 moduli da 2 ore, una prima fase periodica che prevede un esame di sbarramento ed una fase residenziale di

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Osservatorio sui Diritti dei Minori CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Per i giovani e con i giovani Presentazione Il Codice di autoregolamentazione dello Sport è una dichiarazione di intenti,

Dettagli

Gestione del conflitto o della negoziazione

Gestione del conflitto o della negoziazione 1. Gestione del conflitto o della negoziazione Per ognuna delle 30 coppie di alternative scegli quella che è più vera per te. A volte lascio che siano gli altri a prendersi la responsabilità di risolvere

Dettagli