Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno"

Transcript

1 Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 16 Resource Management Systems: PBS, MAUI Il Computing Element Griglie computazionali - a.a

2 Singoli server Risorse Computazionali Cluster di calcolatori ovvero server interconnessi tramite una LAN Macchine Multiprocessore Griglie computazionali - a.a

3 CLUSTER DI PC Griglie computazionali - a.a

4 CLUSTER DI PC Griglie computazionali - a.a

5 Cluster di server ad alte prestazioni Griglie computazionali - a.a

6 Griglie computazionali - a.a

7 High Throughput Computing - HTC Una grande quantità di dati indipendenti da processare Calcolo in parallelo e non calcolo parallelo Prestazioni di insieme piuttosto che alte prestazioni del singolo programma. Ridondanza piuttosto che totale affidabilità dei singoli componenti. Applicazioni nella fisica delle alte energie, nella biologia, nell utilizzo condiviso di risorse da parte di molti utenti indipendenti Condor è un sistema HTC Griglie computazionali - a.a

8 High Performance Computing - HPC Grande potenza computazionale da utilizzare nel singolo programma. Dati complessi e correlati. Porta naturalmente al calcolo parallelo Sviluppo nei supercomputer e nel cluster computing. Richiede totale affidabilità del sistema. Applicazioni nelle previsioni metereologiche, nella mappatura del DNA, nelle simulazioni geofisiche Griglie computazionali - a.a

9 Il Calcolo Parallelo Limiti del calcolo seriale su singolo computer: limiti fisici: numero di cicli al secondo, velocità di trasmissione. limiti tecnici: clock estremamente alti causano alta dissipazione. limiti applicativi: insufficienza della memoria limiti economici: utilizzare Commodity off the shelf Notare che: già adesso i processori seriali presentano un parallelismo interno (funzionale): più pipeline indipendenti già adesso un singolo chip può presentare più processori Griglie computazionali - a.a

10 Modelli di programmazione parallela Ci occupiamo del paradigma Message passing, che è di livello più basso, poiché è quello usato in GRID. Griglie computazionali - a.a

11 Il gestore di risorse e lo scheduler Un ambiente di High Throughput Computing (HTC) può essere realizzato da un sistema software per l'esecuzione di lavori (job) in modalità a lotti (batch) su workstation collegate in rete: regolamentare l esecuzione di un gran numero di programmi ottimizzare l utilizzo delle risorse di un cluster. Utilizzo un Resource Manager, in particolare un sistema di code: Il sistema si basa sulla definizione di "code" (queue), analoghe ad una coda di stampa. Un programma destinato all'esecuzione (JOB) viene sottomesso ad una coda e il Resource Manager si occupa di assegnarlo ad un processore disponibile, sulla base del carico corrente e delle caratteristiche del job. Lo scheduler stabilisce la priorità di esecuzione di ciascun job in base alle policy implementate. Griglie computazionali - a.a

12 LRMS (Local( Resource Management System) In ambito GRID l insieme del sistema di code e dello scheduler si chiama LRMS (Local Resource Management System) Ci occupiamo di uno dei sistemi più diffusi in Grid per la gestione delle risorse distribute a livello LOCALE. Un SITO Grid è un insieme di risorse sotto un singolo dominio amministrativo, generalmente su LAN. Un sito, al suo interno, gestisce le risorse in modo non molto diverso da un cluster tradizionale. Griglie computazionali - a.a

13 PBS/Torque + MAUI scheduler PBS (Portable Batch System) ed il suo successore open source Torque, sono tra i sistemi di code maggiormente utilizzati al interno dei siti Grid. MAUI/MOAB è lo scheduler generalmente associato a PBS per implementare policies e algoritmi elaborati di condivisione delle risorse Griglie computazionali - a.a

14 PBS/Torque PBS ha una architettura client/server e prevede, un unico master node che esegue il demone pbs_server e un numero arbitrario di nodi slave che eseguono il demone pbs_mom. I nodi slave sono i nodi che eseguiranno effettivamente i job Griglie computazionali - a.a

15 PBS/Torque PBS Ha il ruolo di creare e gestire le code job, definire gli utenti che possono utilizzarle e le risorse alle quali si riferiscono. Il PBS server può essere interrogato e fornire informazioni sulle risorse computazionali presenti, sulle code configurate, sui job presenti sulle singole code, sul loro stato. Griglie computazionali - a.a

16 PBS/Torque Quando arriva un job al server PBS esso non fa altro che aggiungerlo alla coda di destinazione ed aspetta che lo scheduler gli dia il comando per mandare il job in esecuzione sulle risorse Griglie computazionali - a.a

17 ~]# qstat -q server: atlasce01.na.infn.it PBS/Torque Queue State Memory CPU Time Walltime Node Run Que Lm cert -- 48:00:00 72:00: E R atlas -- 48:00:00 72:00: E R grid -- 48:00:00 72:00: E R alice -- 48:00:00 72:00: E R lhcb -- 48:00:00 72:00: E R atlas_short -- 12:00:00 24:00: E R cms -- 48:00:00 72:00: E R Griglie computazionali - a.a

18 PBS/Torque ~]# qstat -an more atlasce01.na.infn.it: Req'd Req'd Elap Job ID Username Queue NDS TSK Memory Time S Time Jobname SessID atlasce0 pilatlas atlas :00 R 31:02 STDIN atlaswn atlasce0 pilatlas atlas :00 R 31:15 STDIN 3456 atlaswn atlasce0 pilatlas atlas :00 R 31:18 STDIN atlaswn atlasce0 pilatlas atlas :00 R 31:40 STDIN atlaswn25 Griglie computazionali - a.a

19 scheduler Lo scheduler ha il compito di mandare in esecuzione i job che si trovano nelle differenti code, secondo delle politiche di priorità, dalle più semplici a quelle più complesse che prevendono l uso di pesi differenti. MAUI è un software che realizza uno scheduler Griglie computazionali - a.a

20 Maui / Moab scheduler Maui Cluster Scheduler, il precursore di Moab Cluster Suite, è un job scheduler open source per cluster e supercomputers. É un tool ottimizzato e configurabile, capace di supportare un array di scheduling policies, priorità dinamiche, preallocazione delle risorse, capacità di fairshare capabilities. Maui e Moab sono in uso in centinaia di siti governativi, accademici e commerciali in tutto il mondo. Griglie computazionali - a.a

21 Maui Job Prioritization Un sito ha spesso numerosi obiettivi indipendenti: Massimizzare l utilizzo delle risorse Dare preferenza a utenti di progetti specifici Fare in modo che i job non restino in coda per più di un certo tempo L approccio di Maui è di assegnare dei pesi ai diversi obiettivi, in modo che un valore complessivo della priorità possa essere associato ad ogni decisione di scheduling. Con i job prioritizzati, lo scheduler può soddifare gli obiettivi del sito lanciando i job in ordine di priorità. Griglie computazionali - a.a

22 Calcolo della priorità di un job La prorità di un job risulta come somma pesata di un insieme di componenti. Ogni componente è scomposto in sottocomponenti, dando la possibilità di fare un tuning fine della priorità Il valore di ogni sottocomponente è determinato dalla formula: <COMPONENT WEIGHT> * <SUBCOMPONENT WEIGHT> * <PRIORITY SUBCOMPONENT VALUE> Esistono un gran numero di componenti e sottocomponenti, ma un sito configura solo quelli che interessano per i suoi obiettivi. Di default il valore dei pesi di componenti e sottocomponenti è settato a 1 e 0 rispettivamente. L unica eccezione è per il sottocomponente QUEUETIME, il cui peso è 1 di default. Il comportamento default di Maui è quindi che la priorità totale di un job dipende solo dal tempo in coda, risultando quindi come una semplice FIFO Griglie computazionali - a.a

23 Maui job priority: Alcuni componenti e subcomponenti Griglie computazionali - a.a

24 Gestore di code e scheduler In un installazione tipica lo scheduler e il server di gestione di code si trovano su una macchina di frontend, mentre gli slave del gestore di code sono sulle macchine di calcolo. I client del gestore di code si trovano sulle macchine di frontend. Griglie computazionali - a.a

25 Il Computing Element Il Computing Element (CE) in ambito glite è il servizio di front-end verso le risorse di calcolo. Esso si compone Gatekeeper LCMAPS LCAS LRMS Sistema informativo locale Esegue l accounting Griglie computazionali - a.a

26 Il Computing Element Il Gatekeeper è il componente che esegue il management dei job in arrivo. Controlla i certificati Accetta in job in ingresso (com. sicura) Smista i job verso gli scheduler Recupera l output dal LRMS Restituisce l output al WMS (com. sicura) Griglie computazionali - a.a

27 Il Computing Element LCAS Local Centre Authorization Serivce È il componente che autorizza gli utenti sulle risorse a livello di sito ed a livello di VO. Interagisce con il servizio VOMS Griglie computazionali - a.a

28 Il Computing Element LCMAPS Local Credential Mapping Service È il componente che esegue il mapping del subject di un certificato su un utente locale alla risorsa computazionale, preoccupandosi di mappare i permessi e i privilegi espressi a livello VOMS in permessi e privilegi del sistema operativo Il Mapping può essere statico o dinamico Griglie computazionali - a.a

29 ESEMPIO DI MAPPING Il Computing Element "/C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Federico II/CN=Vania Boccia".matisse001 "/C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Napoli/CN=Antonio de Candia".matisse002 "/C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Napoli/CN=Francesco Maria Taurino".matisse003 "/C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Napoli/CN=Nicola Spinelli".matisse004 "/C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Napoli/CN=Raffaele Mennillo".matisse005 "/C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Napoli/CN=Rosario Esposito".matisse006 "/C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Napoli/CN=Silvio Pardi".sgmmatisse001 "/C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Napoli/CN=Tiziana Abete".matisse008 "/C=IT/O=INFN/OU=Personal Certificate/L=Napoli/CN=giovanni cantele".matisse009 Griglie computazionali - a.a

30 Il Computing Element LRMS (Local Resource Management System) l insieme del sistema di code e dello scheduler si chiama Sistema informativo locale fornisce informaizoni all site-bdii sullo stato dell occupazione delle CPU Griglie computazionali - a.a

31 I WORKER NODE I Workernode in glite (WN) sono le macchine che eseguono la computazione pura e si compongono di Demone slave per il sistema di code Librerie scientifiche Griglie computazionali - a.a

32 JOB From WMS COMPUTING ELEMENT Gatekeeper LCAS No reject Sistema Informativo yes LCMAPS DN->localuser LRMS Schedula Job sulla coda WN1 WN1 WN1WN1 Accounting-DGAS Griglie computazionali - a.a

33 CONSIDERAZIONI DI SICUREZZA Hanno bisogno di certificati per parlasi tra loro User Interface (certificato utente) Computing Element (certificato server) Storage Element (certificato server) WMS (certificato server) VOMS (certificato server) LFC (certificato server) HLR (certificato server) FTS (certificato server) Griglie computazionali - a.a

34 CONSIDERAZIONI DI SICUREZZA NON hanno bisogno di certificati SITE-BDII TOP-BDII User Interface (non serve certificato server) WORKER NODE Griglie computazionali - a.a

35 CONSIDERAZIONI DI SICUREZZA IN PARTICOLARE Le comunicaizoni tra WN e CE avvengono in maniera sicura ma tramite chiavi ssh La sottomissione job sui CE dal WMS avviene tramite connessioni sicure GSI Il ritorno dell output dal CE verso il WMS avviene tramite connessioni sicure GSI Le interrogazioni al site-bdii o al top-bdii avvengono con chiamate ldap in chiaro Griglie computazionali - a.a

Griglie computazionali

Griglie computazionali Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 5 Caratterizzazione di un sistema di calcolo distribuito convenzionale High

Dettagli

Sommario. Introduzione al problema Infrastruttura realizzata Procedure di ottimizzazione Validazione Conclusioni

Sommario. Introduzione al problema Infrastruttura realizzata Procedure di ottimizzazione Validazione Conclusioni Sommario Introduzione al problema Infrastruttura realizzata Procedure di ottimizzazione Validazione Conclusioni 2 Il cluster INFN Perugia Oltre 250 cpu e 40TB di spazio dati 9 gruppi, 100 utenti locali

Dettagli

Griglie computazionali

Griglie computazionali Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno IL MIDDLEWARE Richiami sulla caratterizzazione dei sistemi GRID Il Concetto di Virtual

Dettagli

Si digita login e password e si clicca su accedi. Si apre la finestra di collegamento:

Si digita login e password e si clicca su accedi. Si apre la finestra di collegamento: Corso di Laurea Specialistica Ingegneria Informatica Laboratorio di Calcolo Parallelo Prof. Alessandra d Alessio GUIDA AL LABORATORIO DI CALCOLO PARALLELO Il progetto SCoPE (www.scope.unina.it) ha messo

Dettagli

Analisi e sviluppo di un sistema automatico per la segnalazione di stati anomali dei job del Data Center S.Co.P.E.

Analisi e sviluppo di un sistema automatico per la segnalazione di stati anomali dei job del Data Center S.Co.P.E. Tesi di Laurea Analisi e sviluppo di un sistema automatico per la segnalazione di stati anomali dei job del Data Center S.Co.P.E. Anno Accademico 2011/2012 Relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque Correlatore

Dettagli

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la Architettura del middleware INFNGRID e piano di deployment sull'infrastruttura SCoPE Gennaro Tortone INFN Napoli 21 febbraio 2007 Indice Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization

Dettagli

Laboratorio Virtuale per la Didattica

Laboratorio Virtuale per la Didattica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Gruppo Tecnico Trasversale Laboratorio Virtuale per la Didattica G.B. Barone x, V. Boccia y, D. Bottalico z, L. Carracciuolo w. Maggio 2011 (BOZZA) x Università

Dettagli

Running batch jobs on supercomputers

Running batch jobs on supercomputers Running batch jobs on supercomputers Catello Di Martino Catello.dimartino@unina.it University of Naples Federico II, Dipartimento di Informatica e Sistemistica DIS Materiale a cura di Giulio Merolla (gmerolla@yahoo.it)

Dettagli

Realizzazione di un cluster Condor su macchine virtuali

Realizzazione di un cluster Condor su macchine virtuali Realizzazione di un cluster Condor su macchine virtuali Davide Petturiti Sistemi Operativi Avanzati Prof. Osvaldo Gervasi A.A. 2007/2008 Corso di Laurea Specialistica in Informatica Facoltà di Scienze

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 14. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 14 OGSA, OGSI e WSRF Gli Standard OGF Griglie computazionali - a.a. 2009-10

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

Grid Tutorial Day Palermo, 13 Aprile 2011 Job Description Language Gestione job utente

Grid Tutorial Day Palermo, 13 Aprile 2011 Job Description Language Gestione job utente Grid Tutorial Day Palermo, 13 Aprile 2011 Marco Cipolla Job Description Language Gestione job utente Jobs e Applicazioni Utente I job permettono l esecuzione di programmi utente sulla GRID Per sottomettere

Dettagli

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-2 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus

Dettagli

GRIGLIE COMPUTAZIONALI

GRIGLIE COMPUTAZIONALI Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL

Dettagli

Un sistema operativo è un insieme di programmi che consentono ad un utente di

Un sistema operativo è un insieme di programmi che consentono ad un utente di INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI 1 Alcune definizioni 1 Sistema dedicato: 1 Sistema batch o a lotti: 2 Sistemi time sharing: 2 Sistema multiprogrammato: 3 Processo e programma 3 Risorse: 3 Spazio degli

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia Parte 2. Risorse (e loro gestione) Job di griglia e applicazioni di griglia Riservare le risorse ai job

Ambienti di calcolo a griglia Parte 2. Risorse (e loro gestione) Job di griglia e applicazioni di griglia Riservare le risorse ai job Ambienti di calcolo a griglia Parte 2 Risorse (e loro gestione) Job di griglia e applicazioni di griglia Riservare le risorse ai job Docente: Marcello CASTELLANO La vera rivoluzione non è più la capacità

Dettagli

DGAS Accounting economico e bilanciamento del carico di lavoro per la European DataGrid

DGAS Accounting economico e bilanciamento del carico di lavoro per la European DataGrid DGAS Accounting economico e bilanciamento del carico di lavoro per la European DataGrid Rosario M. Piro Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) Sezione di Torino 10 dicembre 2003 Il sistema di gestione

Dettagli

CLUSTER COKA. Macchine e Risorse

CLUSTER COKA. Macchine e Risorse CLUSTER COKA Macchine e Risorse Il cluster per il progetto COKA si compone complessivamente delle seguenti 5 macchine: rd coka 01 : server con il MIC e le GPU K20; rd gpu 01 : server con GPU C1060; rd

Dettagli

scheduling Riedizione modifi cata delle slide della Prof. DI Stefano

scheduling Riedizione modifi cata delle slide della Prof. DI Stefano scheduling Riedizione modifi cata delle slide della Prof. DI Stefano 1 Scheduling Alternanza di CPU burst e periodi di I/O wait a) processo CPU-bound b) processo I/O bound 2 CPU Scheduler Seleziona uno

Dettagli

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004

EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW. Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 EGRID MIDDLEWARE OVERVIEW Angelo Leto Abdus Salam I.C.T.P. aleto@ictp.trieste.it 08/10/2004 Introduzione al concetto di GRID Sulla base dell implementazione GLOBUS-EDG-EGRID What is the GRID? What is the

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 10 Tecnologie di Storage; DAS, NAS, SAN Esempio di SRM: StoRM 1 Introduzione

Dettagli

Introduzione alle griglie computazionali

Introduzione alle griglie computazionali Introduzione alle griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea in Informatica III Anno LEZIONE N. 7 Grid Data Management Replica Location Service Replica Metadata

Dettagli

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul sistema HPC CRESCO di ENEA GRID NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NEPTUNIUS PROJECT 201001 NOME FILE: NEPTUNIUS201001.doc DATA: 03/08/10 STATO: Versione rivista

Dettagli

Tutorial. Cluster Linux 15-09-2003 Ultimo aggiornamento Ottobre 2004

Tutorial. Cluster Linux 15-09-2003 Ultimo aggiornamento Ottobre 2004 Documento tratto dal CD multimediale disponibile presso la biblioteca del Dipartimento di Matematica Tutorial Cluster Linux 15-09-2003 Ultimo aggiornamento Ottobre 2004 Istruzioni base CLUSTER LINUX ULISSE

Dettagli

Sistemi Operativi. Scheduling della CPU SCHEDULING DELLA CPU. Concetti di Base Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling

Sistemi Operativi. Scheduling della CPU SCHEDULING DELLA CPU. Concetti di Base Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling SCHEDULING DELLA CPU 5.1 Scheduling della CPU Concetti di Base Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling FCFS, SJF, Round-Robin, A code multiple Scheduling in Multi-Processori Scheduling Real-Time

Dettagli

Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL 5.1

Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL 5.1 SCHEDULING DELLA CPU 5.1 Scheduling della CPU Concetti di Base Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling FCFS, SJF, Round-Robin, A code multiple Scheduling in Multi-Processori Scheduling Real-Time

Dettagli

Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Lezione 2

Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Lezione 2 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 2 Giovedì 8-10-2015 Sistemi batch multiprogrammati La causa principale

Dettagli

Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU

Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU Scheduling della CPU Concetti di Base Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling FCFS, SJF, Round-Robin, A code multiple Scheduling in Multi-Processori Scheduling

Dettagli

Scheduling della CPU Simulazione in linguaggio Java

Scheduling della CPU Simulazione in linguaggio Java Scheduling della CPU Simulazione in linguaggio Java Realizzato da: Amelio Francesco 556/001699 Di Matteo Antonio 556/000067 Viola Antonio 556/000387 Progetto di Sistemi Operativi Docente Giancarlo Nota

Dettagli

Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento

Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento Presentazione NIS Network Integration & Solutions s.r.l. Autore: nome Cognome Data: Evento Chi siamo NIS nasce nel 1993 come spin-off dalla Università di Genova (DIST) Nel 1996 viene aperta una unità operativa

Dettagli

Contribuire alla ricerca con il software Open Source: BOINC Berkeley Open Infrastructure for Network Computing

Contribuire alla ricerca con il software Open Source: BOINC Berkeley Open Infrastructure for Network Computing Contribuire alla ricerca con il software Open Source: BOINC Berkeley Open Infrastructure for Network Computing Chi sono Studente del terzo anno di informatica (tra circa un mese mi laureo :) ) Presidente

Dettagli

Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Lezione 2

Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Lezione 2 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 2 Giovedì 10-10-2013 1 Sistemi a partizione di tempo (time-sharing) I

Dettagli

Organizzazioni nel Grid Computing

Organizzazioni nel Grid Computing Il ruolo delle Organizzazioni nel Grid Computing Un primo sguardo a Globus - Parte 5 Organizzazioni di Grid Computing Panoramica sui prodotti software Primo sguardo a Globus Dott. Marcello CASTELLANO La

Dettagli

Cos'é una (Computing) GRID?

Cos'é una (Computing) GRID? Incontro Borsisti Progetto Lauree Scientifiche Perugia, 26 agosto 1 settembre 2007 Cos'é una (Computing) GRID? Istituto Nazionale Fisica Nucleare Sezione di Perugia Università Studi di Perugia Perché il

Dettagli

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS

D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS D3.2 Documento illustrante l architettura 3D Cloud per la realizzazione di servizi in modalità SaaS Il modello SaaS Architettura 3D Cloud Il protocollo DCV Benefici Il portale Web EnginFrame EnginFrame

Dettagli

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Conferenza GARR 2011 Bologna, 8-10 Novembre Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Joint work with A. Secco, F. Ambrosino, G. Bracco,

Dettagli

Scheduling della CPU Introduzione ai Sistemi Operativi Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica

Scheduling della CPU Introduzione ai Sistemi Operativi Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica Scheduling della CPU Introduzione ai Sistemi Operativi Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica prof. Ing. Corrado Santoro A.A. 2010-11 Architettura di un sistema operativo Progr 1 Progr 2 Progr

Dettagli

Grid on Cloud : Implementazione e Monitoraggio

Grid on Cloud : Implementazione e Monitoraggio Tesi di Laurea Magistrale Anno Accademico 2013-2014 Relatore Ch.mo Prof. Marcello Cinque Correlatori Ch.mo Ing. Flavio Frattini Ch.mo Ing. Davide Bottalico Candidato Antonio Nappi Matr. M63000141 Supercalcolatori

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management in Globus Toolkit GridFTP (Trasferimento Dati) RFT (Trasferimento Dati Affidabile) RLS (Gestione

Dettagli

Processi e Thread. Scheduling (Schedulazione)

Processi e Thread. Scheduling (Schedulazione) Processi e Thread Scheduling (Schedulazione) 1 Scheduling Introduzione al problema dello Scheduling (1) Lo scheduler si occupa di decidere quale fra i processi pronti può essere mandato in esecuzione L

Dettagli

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Reti di Calcolatori Applicazioni di Rete avanzate: Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Corso di Reti di Calcolatori Carlo Mastroianni Reti di Calcolatori RETI PEER-TO-PEER Sistemi P2P In una rete

Dettagli

Lezione 6. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 6. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 6 Sistemi operativi 31 marzo 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 6.1 Di cosa parliamo in questa lezione? La schedulazione 1 e caratteristiche

Dettagli

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari

INFORMATICA. Il Sistema Operativo. di Roberta Molinari INFORMATICA Il Sistema Operativo di Roberta Molinari Il Sistema Operativo un po di definizioni Elaborazione: trattamento di di informazioni acquisite dall esterno per per restituire un un risultato Processore:

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Grid Data Management Services. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui

Grid Data Management Services. Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid Data Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Data Management in Globus Toolkit GridFTP RFT RLS OGSA-DAI GridFTP GT4 Data Services High-performance

Dettagli

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione al sistema operativo Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Che cos è un sistema operativo Alcuni anni fa un sistema operativo era definito come: Il software necessario a controllare

Dettagli

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato SCP: SCHEDULER LAYER a cura di Alberto Boccato PREMESSA: Negli ultimi tre anni la nostra scuola ha portato avanti un progetto al quale ho partecipato chiamato SCP (Scuola di Calcolo Parallelo). Di fatto

Dettagli

Capitolo 1: Introduzione

Capitolo 1: Introduzione Capitolo 1: ntroduzione Che cos è un sistema operativo? Sistemi mainframe. Sistemi desktop. Sistemi multiprocessore. Sistemi distribuiti. Sistemi cluster. Sistemi in tempo reale. Sistemi palmari. Migrazione

Dettagli

Sun N1 Grid Engine l alternativa open al calcolo distribuito. Gian Luca Farina Perseu Responsabile Sviluppo Software admin Srl

Sun N1 Grid Engine l alternativa open al calcolo distribuito. Gian Luca Farina Perseu Responsabile Sviluppo Software admin Srl Sun N1 Grid Engine l alternativa open al calcolo distribuito Gian Luca Farina Perseu Responsabile Sviluppo Software admin Srl Agenda: Il mondo HPC Sun N1 Grid Engine DRMAA Demo GECO (Open Source) admin

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Studio delle prestazioni di un batch system basato su TORQUE / Maui

Studio delle prestazioni di un batch system basato su TORQUE / Maui Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Tesi di Laurea Studio delle prestazioni di un batch system basato su TORQUE / Maui Candidato

Dettagli

Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita

Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita Claudio Zunino claudio.zunino@polito.it Andrea Sanna andrea.sanna@polito.it Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Dettagli

Sistemi Operativi. Rappresentazione e gestione delle attività e della computazione: processi e thread

Sistemi Operativi. Rappresentazione e gestione delle attività e della computazione: processi e thread Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Rappresentazione e gestione delle attività e della computazione:

Dettagli

Diagramma delle durate dei CPU burst. Lo scheduler della CPU. Criteri di scheduling. Dispatcher

Diagramma delle durate dei CPU burst. Lo scheduler della CPU. Criteri di scheduling. Dispatcher Schedulazione della CPU Scheduling della CPU Introduzione allo scheduling della CPU Descrizione di vari algorimi di scheduling della CPU Analisi dei criteri di valutazione nella scelta di un algoritmo

Dettagli

Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Dispatcher. Scheduler della CPU

Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Dispatcher. Scheduler della CPU Scheduling della CPU Concetti fondamentali Criteri di scheduling Algoritmi di scheduling Concetti fondamentali L obiettivo della multiprogrammazione è di avere processi sempre in esecuzione al fine di

Dettagli

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini 1 Kelyon Fonda il suo business esclusivamente sull'open source Offre soluzioni open per il settore pharma,

Dettagli

Grid Scheduling e WS-Agreement

Grid Scheduling e WS-Agreement Grid Scheduling e WS-Agreement D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Il Problema del esource Management Applicazioni in più domini Obiettivi del proprietario vs. obiettivi

Dettagli

Il software di base comprende l insieme dei programmi predisposti per un uso efficace ed efficiente del computer.

Il software di base comprende l insieme dei programmi predisposti per un uso efficace ed efficiente del computer. I Sistemi Operativi Il Software di Base Il software di base comprende l insieme dei programmi predisposti per un uso efficace ed efficiente del computer. Il sistema operativo è il gestore di tutte le risorse

Dettagli

BEOWULF Cluester Linux/BSD

BEOWULF Cluester Linux/BSD BEOWULF Cluester Linux/BSD Nardo Guido 784169 Introduzione Negli anni passati, il mondo del Supercomputer inteso come clusters, è sempre stato dominato da architetture e software proprietario delle maggiori

Dettagli

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013 tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Università di Torino Mar 6, 2013 il centro di calcolo INFN Università di Torino Mar 6, 2013-2/417 Cosa facciamo a torino Ricerca tecnologica Core

Dettagli

Scheduling. Sistemi Operativi e Distribuiti A.A. 2004-2005 Bellettini - Maggiorini. Concetti di base

Scheduling. Sistemi Operativi e Distribuiti A.A. 2004-2005 Bellettini - Maggiorini. Concetti di base Scheduling Sistemi Operativi e Distribuiti A.A. 2-25 Bellettini - Maggiorini Concetti di base Il massimo utilizzo della CPU si ottiene mediante la multiprogrammazione Ogni processo si alterna su due fasi

Dettagli

Clustering for Everyone. Matteo Cicuttin

Clustering for Everyone. Matteo Cicuttin Clustering for Everyone Matteo Cicuttin Presentazioni Mi sono laureato in informatica qui a Udine Attualmente frequento il corso di laurea specialistica Per qualche tempo ho lavorato nel campo dell HPC

Dettagli

Service Level Agreement Management Framework

Service Level Agreement Management Framework Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Catania Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Workshop su QoS e SLA Service Level Agreement Management Framework Giovanni Morana

Dettagli

INTEGRAZIONE delle FARM di Sezione e di Grid Consiglio di Sezione 8 ottobre 2007 Tullio Macorini Lucio Strizzolo

INTEGRAZIONE delle FARM di Sezione e di Grid Consiglio di Sezione 8 ottobre 2007 Tullio Macorini Lucio Strizzolo n 1 L integrazione tra macchine della farm di sezione e macchine della farm di GRID è già una realtà. L integrazione è stata possibile grazie ad alcuni fattori determinanti: Distribuzione degli RPM del

Dettagli

Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno. Emilia Romagna

Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno. Emilia Romagna 1 IMPLEMENTAZIONE OPERATIVA DI UN MODELLO DI PREVISIONI METEOROLOGICHE SU UN SISTEMA DI CALCOLO PARALLELO LINUX/GNU Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno Emilia Romagna LM-COSMO-LAMI 2 Il modello LM

Dettagli

Sistema Operativo e Applicativi

Sistema Operativo e Applicativi Sistema Operativo e Applicativi Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Software A.A. 2012-2013 1 / 36 Software Conosciamo due classi di software: Programmi

Dettagli

Verso una infrastruttura di calcolo aperta e flessibile: risorse multipiattaforma nella GRID di produzione

Verso una infrastruttura di calcolo aperta e flessibile: risorse multipiattaforma nella GRID di produzione CASPUR,Roma, 26-27/3/2009 Riunione IGI-TF-Progettazione Verso una infrastruttura di calcolo aperta e flessibile: risorse multipiattaforma nella GRID di produzione G. Bracco, A. Santoro, C. Scio*, A. Rocchi,

Dettagli

ARCHITETTURE MULTIPROCESSORE E CALCOLO PARALLELO (Motivazioni e Classificazioni)

ARCHITETTURE MULTIPROCESSORE E CALCOLO PARALLELO (Motivazioni e Classificazioni) ARCHITETTURE MULTIPROCESSORE E CALCOLO PARALLELO (Motivazioni e Classificazioni) Michele Colajanni Università di Modena e Reggio Emilia E-mail: colajanni@unimo.it Perché le Architetture Multiprocessor?

Dettagli

WS-Agreement. Sommario. Il Problema del Resource Management. Obiettivi del proprietario vs. obiettivi delle applicazioni

WS-Agreement. Sommario. Il Problema del Resource Management. Obiettivi del proprietario vs. obiettivi delle applicazioni Gid Grid Scheduling Shdli e WS-Agreement D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Il Problema del esource Management Applicazioni i i in più domini i Obiettivi del proprietario

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3

Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 TOC Ambienti di calcolo a griglia - Parte 3 Obiettivo Formativo Un software di griglia può essere installato con una certa facilità da programmatori. Al crescere dell uso e della dipendenza dell utenza,

Dettagli

Informatica di Base - 6 c.f.u.

Informatica di Base - 6 c.f.u. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica di Base - 6 c.f.u. Anno Accademico 2007/2008 Docente: ing. Salvatore Sorce Il Sistema Operativo Gerarchia del software

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Processo - generalità

Processo - generalità I processi Processo - generalità Astrazione di un attività; Entità attiva che ha un suo percorso evolutivo; Attività = azione dedicata al raggiungimento di uno scopo Il processo esegue istruzioni per svolgere

Dettagli

Workshop CCR-INFNGRID 2010. Survey MPI. Roberto Alfieri - Università di Parma & INFN, Gr.Coll. di Parma. Catania, 18 Maggio 2010

Workshop CCR-INFNGRID 2010. Survey MPI. Roberto Alfieri - Università di Parma & INFN, Gr.Coll. di Parma. Catania, 18 Maggio 2010 Workshop CCR-INFNGRID 2010 Survey MPI Roberto Alfieri - Università di Parma & INFN, Gr.Coll. di Parma Catania, 18 Maggio 2010 1 Sommario - Survey sull uso di MPI - Stato dei cluster che supportano MPI

Dettagli

Lezione 10. Scheduling nei sistemi multiprocessori. Esempio: P=2 processori. Scheduling dei processi

Lezione 10. Scheduling nei sistemi multiprocessori. Esempio: P=2 processori. Scheduling dei processi Lezione 10 Cenni ai sistemi operativi distribuiti 2. Gestione della CPU e della memoria nei multiprocessori Gestione dei processi Scheduling Bilanciamento del carico Migrazione dei processi Gestione della

Dettagli

Pag. 1. Introduzione allo scheduling. Concetti fondamentali. Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Algoritmi.

Pag. 1. Introduzione allo scheduling. Concetti fondamentali. Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Algoritmi. Concetti fondamentali Scheduling della CU Introduzione allo scheduling Uno degli obbiettivi della multiprogrammazione è quello di massimizzare l utilizzo delle risorse e in particolare della CU er raggiungere

Dettagli

Workload Management Service (1/2)

Workload Management Service (1/2) Introduzione alle griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea in Informatica III Anno LEZIONE N. 9 WMS (Workload Management Service) (Job Description Language) Matchmaking

Dettagli

Scheduling della CPU. Contenuti delle lezioni del 23 e del 26 Marzo 2009. Sequenza alternata di CPU burst e di I/O burst.

Scheduling della CPU. Contenuti delle lezioni del 23 e del 26 Marzo 2009. Sequenza alternata di CPU burst e di I/O burst. Contenuti delle lezioni del 23 e del 26 Marzo 2009 Scheduling della CPU Introduzione allo scheduling della CPU Descrizione di vari algoritmi di scheduling della CPU Analisi dei criteri di valutazione nella

Dettagli

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Workshop congiunto INFN CCR GARR 2012 Napoli, 14-17 Maggio Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Sommario Introduzione al Cloud

Dettagli

40. Le transizioni fra stati Lo schema di transizione fra stati può essere rappresentato graficamente nel modo seguente :

40. Le transizioni fra stati Lo schema di transizione fra stati può essere rappresentato graficamente nel modo seguente : 32. Il Sistema Operativo : definizione e struttura Il SO è un insieme di programmi le cui funzioni principali sono costituire un interfaccia tra la macchina e l utente e gestire in modo ottimale le risorse

Dettagli

Definizione di processo. Un processo è un programma (o una parte di una programma) in corso di esecuzione

Definizione di processo. Un processo è un programma (o una parte di una programma) in corso di esecuzione SISTEMI OPERATIVI (parte prima - gestione dei processi) Tra i compiti di un sistema operativo sicuramente troviamo i seguenti: Gestione dei processi Gestione della memoria Gestione del file-system Ci occuperemo

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 3 Martedì 15-10-2013 1 Struttura ed organizzazione software dei sistemi

Dettagli

Infrastruttura di produzione INFN-GRID

Infrastruttura di produzione INFN-GRID Infrastruttura di produzione INFN-GRID Introduzione Infrastruttura condivisa Multi-VO Modello Organizzativo Conclusioni 1 Introduzione Dopo circa tre anni dall inizio dei progetti GRID, lo stato del middleware

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T3 3-Schedulazione 1 Prerequisiti Concetto di media Concetto di varianza 2 1 Introduzione Come sappiamo, l assegnazione della CPU ai processi viene gestita dal nucleo, attraverso

Dettagli

Scheduling della CPU:

Scheduling della CPU: Coda dei processi pronti (ready( queue): Scheduling della CPU primo ultimo PCB i PCB j PCB k contiene i descrittori ( process control block, PCB) dei processi pronti. la strategia di gestione della ready

Dettagli

Capitolo 5: Scheduling della CPU! Scheduling della CPU! Concetti di Base! Alternanza di Sequenze di CPU- e I/O-Burst!

Capitolo 5: Scheduling della CPU! Scheduling della CPU! Concetti di Base! Alternanza di Sequenze di CPU- e I/O-Burst! Capitolo 5: Scheduling della CPU Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling Cenni Scheduling per sistemi multprocessore Modelli Asimmetrico e Simmetrico Scheduling della CPU 5.2 Concetti di Base Alternanza

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Gestione della memoria Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 Gestione della memoria 1. Si descriva il concetto di memoria virtuale (esame del 19-06-2006)

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Sistemi Operativi Prof. Stefano Berretti SEMINARIO: VIRTUALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE INFORMATICHE a cura di: Nicola Fusari A.A. 2012/2013

Dettagli

WP 3. Deliverable D3

WP 3. Deliverable D3 NICE -DIEE WP 3 Analisi di tecniche e modelli per il brokering di sessioni VDI R.3.1 Report sulle tecnologie di WMS R.3.2 Rilascio di un SRD (System Requirements Document) mirato alla progettazione di

Dettagli

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Wireless Grids e Pervasive Grids Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Wireless Grids e Pervasive Grids Wireless Grids Caratteristiche Sistemi Applicazioni

Dettagli

I processi. Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore.

I processi. Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore. I processi Cos è un processo? Un processo è una attività, controllata da un programma, che si svolge su un processore. Il programma è una entità statica che descrive la sequenza di istruzioni che devono

Dettagli

Infrastrutture di calcolo su GRID in Italia

Infrastrutture di calcolo su GRID in Italia Infrastrutture di calcolo su GRID in Italia IFAE 27 Napoli, 12 aprile Enzo Miccio INFN/CNAF - CERN IFAE 27, Napoli, 12 aprile Sommario In prospettiva Progetti attuali e futuri Lo stato attuale GRID in

Dettagli

Strategie di Super-Scheduling e Replicazione dei dati in Griglie per Applicazioni Data-intensive : Risultati per il progetto EU-DataGrid.

Strategie di Super-Scheduling e Replicazione dei dati in Griglie per Applicazioni Data-intensive : Risultati per il progetto EU-DataGrid. POLITECNICO DI BARI Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Tesi di Laurea in Sistemi Operativi Strategie di Super-Scheduling e Replicazione dei dati in Griglie per Applicazioni

Dettagli

Laboratorio Turing @ Centro Calcolo

Laboratorio Turing @ Centro Calcolo INTRODUZIONE AI CLUSTER DI CALCOLO DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Centro di Calcolo Ottobre 2014 A cura di L. Ciambella, A. Gabrielli, A. Seghini {ciambella, gabrielli, seghini}@mat.uniroma1.it Laboratorio

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

Implementazione di un ambiente Grid per il calcolo ad alte prestazioni

Implementazione di un ambiente Grid per il calcolo ad alte prestazioni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Tesi di Laurea Implementazione di un ambiente Grid per il calcolo ad alte prestazioni

Dettagli

Lo scheduler di UNIX (1)

Lo scheduler di UNIX (1) Lo scheduler di UNIX (1) Lo scheduling a basso livello è basato su una coda a più livelli di priorità 1 Lo scheduler di UNIX (2) Si esegue il primo processo della prima coda non vuota per massimo 1 quanto

Dettagli

Lo schedulatore del kernel

Lo schedulatore del kernel Lo schedulatore del kernel Lo schedulatore Lo schedulatore è un programma del kernel che si occupa di scegliere un processo/lavoro che ha richiesto una risorsa. Lo schedulatore a lungo termine LTS è quello

Dettagli