,""m,""nj F... n dove nj è il numero di job assegnato alla macchina j e L:::i=1 nj = n. Ed

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ",""m,""nj F... n dove nj è il numero di job assegnato alla macchina j e L:::i=1 nj = n. Ed"

Transcript

1 ~~~~, Macchine in parallelo Consideriamo il problema P/ /F. Abbiamo cioè n job, disponibili per la lavorazione contemporaneamente ed abbiamo a disposizione, invece di una singola macchina, m macchine identiche in parallelo, quindi Pii = Pi dove con Pii indichiamo il tempo di lavorazione del pezzo i se lavorato dalla macchina j. Nel caso di m macchine in parallelo F = L..j=1 L..i=l,""m,""nj F... ') n dove nj è il numero di job assegnato alla macchina j e L:::i=1 nj = n. Ed inoltre L:::7;1 Fij = L:::7;1 Pij( nj - i + 1), questo perchè Fij = Plj Pij, dato che il flusso di Ji è dato dalla somma dei tempi di lavorazione di tutti i job che lo precedono sulla macchina j-esima (tempo di attesa del job Ji perchè la macchina sia libera). Abbiamo anche per questo problema un algoritmo che permette di trovare lo schedule che minimizza il flusso medio (se siamo nel caso in cui non è possibile interrompere la lavorazione di un job su una macchina per continuarla su un' altra, cioè in assenza di preemption): 26.

2 1) Ordiniamo i job in modo non decrescente rispetto ai tempi di lavorazione. 2) Assegnamo i job cosi ordinati alle singole macchine in modo da assegnare ogni volta il job alla macchina alla quale fino a quel momento sono stati assegnati job con un tempo globale di lavorazione minore rispetto alle altre. In pratica quello che viene fatto è assegnare i job in questo modo: m J[l] J[2] J[m] J[m+l] J[2m] Si ha cosi lo schedule ottimo Esempi notevoli Consideriamo ora il seguente problema: P2/pmtn/cmax cioè un problema con due macchine in parallelo, possibilità. di interruzione della lavorazione e con Cmax come criterio di ottimalità. (nel caso di una singola macchina Cmax è costante e non è perciò un criterio di ottimalità. valido). Per ciascuna macchina in parallelo il Make-span ( il tempo richiesto per completare la lavorazione di tutti i job) ottimo è ovviamente la somma dei tempi di lavorazione di tutti i job diviso m, numero di macchine (qui m = 2), se non esiste alcun job con tempo di lavorazione maggiore, cioè : M * = max { Li:l Pi,. max Pi }. m I=l,...,n Una tecnica elementare per la risoluzione del problema di Make-span ottimo, è stata fornita da.msjiaughton(!9~) nel caso di job indipendenti, con possibilità. di interruzione lavorando con due o più macchine in parallelo. Tale tecnica risolve cioè P2/pmtn/cmax ed il più generico P/pmtn/cmax.. Algoritmo di McNaughton 1. Scegliere un job e cominciare la lavorazione sulla prima macchina 27

3 2. Scegliere un qualsiasi job non ancora schedulato e schedularlo prima possibile sulla medesima macchina. Ripetere questo passo finchè la macchina non sia occupata per un tempo pari a M* (eventualmente interrompendo la lavorazione in corso) oppure fino ad esaurimento dei job 3. Sostituire la macchina con la sua successiva, azzerare il tempo e iterare il processo tornando al passo 2. La soluzione ottenuta è certamente la soluzione ottima dal momento che il tempo di lavorazione è equamente distribuito fra le varie macchine (ciascuna lavora lo stesso tempo }.tf*. n metodo però fornisce solo una delle possibili soluzioni, senza preoccuparsi del numero di interruzioni che si possono verificare, mentre una soluzione potrebbe risultare preferibile ad altre proprio per un minore numero di interruzioni. Più complessa è la risoluzione di problemi in cui non è prevista la possibilità. di interruzione. Si ottengono problemi ancora risolubili se aggiungiamo al problema P/ /cmax ~c~.t~!--completo) l'ipotesi di essere in presenza di vincoli di precedenz~ri "fi'mplill lavorazione unitarif P/~Pi = l/cmax è risolubile tramite l' algoritmo di Hu (1961) in tempo polinomiale (o(n)), si semplifica infatti la ricerca della soluzione ottima diminuendo il numero di soluzioni possibili. 1& stesse a:lg8fit,;:;-.e, medi8:~-.t" "~LLLplj,-j J.J.IOdtfiQe,.-IÌ.Q!~~ il ~f8è- J.em.a- ~ \t\ f ~ -\- o C $.'7 c P/tree,pi = l/cmax ~le relazioni di precedenza sono strutturate ad albero, i tempi di lavorazione sono tutti uguali e nessun job ha più di un diretto successore (in tree). Lo schema di Hu può essere usato anche ~U~..P:!4~)~vorazione non p/+'/.tt)t sono unitari purchè sia lecita_la interruziq!!~(tramite la quale interrompiamo la lavorazione dei job simulando tempi di lavorazione unitari). Se però non abbiamo neppure questa ipotesi allora l' algoritmo non garantisce l'ottimo. Tale algoritmo sfrutta una particolare tecnica per associare etichette ai vari job ed in base a tali etichette trova poi la soluzione ottima. In questo ultimo problema, ad esempio, ad ogni job viene assegnata come etichetta il tempo richiesto per lavorare i job che lo seguono nell' unico cammino che da lui arriva alla radice dell' albero che esprime le relazioni di precedenza fra job.. Algoritmo di H u 28

4 '" - :""-- ~- 7""- Fase di etichettamento fase a.) 1 1. Assegna.mo etichetta. O a. ciascun job terminale (senza. successori diret ti nell' albero che esprime le precedenze) 2. Per ciascun J j troviamo l'unico J k tale che j ~ k, ed assegna.mo al job J j etichetta. e j = ek + 1 Fase di sched uling fase b) 1. Se il numero di job senza. predecessori è $ m (numero di ma.cchine), schedulia.mo'questi job conìempora.nea.mente lascia.ndo ina.ttive le ma.cchine in più. Andia.mo a Se il numero di job senza. predecessori è ~ m (numero di ma.cchine), schedulia.mo gli m job con le etichette più grosse. 3. Eliminia.mo i job schedula.ti, tornia.mo a! finchè non sono - terminati i job da. schedula.re. '"- Esa.miniamo adesso il problema. in cui reinseriamo la. interruzione: P2/pmtn,prec/cmax cioè il problema. di pa.rtenza ma con l'inserimento di relazioni di precedenza fra job. Questo problema è risolubile in modo ottimo, in tempo polinomiale (c( n2») seguendo una strada che sfrutta. i risultati di McN aughton, _di Hu ed il fatto che, essendo possibile interrompere la làvorazione di un job, possiamo pensa.re di avere a. che fare con job con tempi di la.vorazione unitari.. Algoritmo di Muntz e Coffma.n Fase di etichettamento fase a) 1. Rimpiazzia.mo il job Jj con una catena. di job con tempi di lavorazione unita.ri ( j = 1,2,..., n ) 2. Assegnamo a ciascun job terminale nella. catena., l'etichetta O 3. Assegna.moaljob Jj l'etichetta. ;,,",,~~o~' ~o&~.~ L..' t' ej = max{ei t.c.j ~ i} + 1 Fase di sched uling fase b) 1. Poniamo k = O,e = max{ei} con i = 1,..., n 2. Creia.mo l'insieme Sk assegnando a. Sk i job tali che ej = e Se più di un job è assegnato a Sk vai a 4 altrimenti vai a 3 29

5 3. Consideriamo i job tali che ej = e-l. Se qualcuno di questi non ha predecessorin nessuna catena oppure li ha tutti assegnati agli insiemi 51,52,..., 5k-l, allora assegnamolo a 5k. A 4. Se e =, cominciamo lo schedule degli insiemi applicando <:1- la regola di McNaughton, altrimenti decrementiamo e di l, incrementiamo k di 1 e torniamo a ~--~'~..'-~~=-- i In pratica l' algoritmo suddivide i job in sottoinsiemi caratterizzati dal non avere alloro interno relazioni di precedenza tra i job stessi. Successivamente utilizza la regola di McNaughton per risolvere in ogni sottoinsieme il problema P2/pmtn/cmax' Sfortunatamente l' algoritmo fornisce la soluzione ottima più lo schedule solo nel ottimo. caso di problemi con due macchine, se m > 2 ~~~ f~iììisce- -- Si può, mantenendo le precedenze, sopprimere la possibilità. di interruzione inserendo un' altra ipotesi P2/prec,p= l/cmax ed anche in questo caso si possiede un algoritmo che determina in tempo polinomiale la soluzione. Anche solo aumentando il numero di macchine (P/prec,p = l/cmax) il problema diventa però NP-Completo. I problemi dove si sopprime la possibilità. di interruzione senza inserire nessuna ipotesi aggiuntiva cioè: P/ /cmax sono NP-Completi e, per risolverli, non abbiamo che processi euristici che non garantiscono il raggiungi mento del Make-span ottimo. Fra questi ricordiamo il metodo Longer Processing Time (L.P. T.) nel quale i job vengono ordinati secondo tempi di lavorazione non crescenti (ordinamento L.P. T.).. Tecnica euristica L.P. T. l. Ordinare i job secondo la tecnica L.P.T. 2. Schedulare i job assegnando ogni volta il job da schedulare alla macchina che ha il minore tempo di lavorazione già. assegnato. Per problemi con macchine in parallelo dove non sia permessa la interruzione, il valore del Make-span ottimo fornisce una limitazione inferiore 30

6 per M, valore ottenuto senza interruzione. il rapporto -li- può perciò essere preso come stima dell' efficienza dell' algoritmo. Cercare di minimizzare il valore di M è un problema risolubile tramite la programmazione intera: la funzione obiettivo è minm con i seguenti vincoli: n ~ O'v'j = 1,2,...,m M - LPiXij i=l ryv LXi. = 1 'v'i = 1,2,...,n.=1 dove Xii = 1 se l'i-esimo job è assegnato alla macchina j-esima xii = O altrimenti (il secondo vincolo indica che una soluzione accettabile assegnerà. il job i-esimo solo ad una macchina). il problema cosi formalizzato contiene m + n vincoli in nm + 1 variabili. 1.7 Problemi con più macchine I problemi di scheduling possono essere divisi a seconda del percorso che i job devono compiere attraverso le macchine presenti nel sistema: abbiamo perciò, come già. visto, problemi OPEN-SHOP, FLOW-SHOP, JOB-SHOP Problemi di tipo OPEN-SHOP Fra i problemi di questa classe solo quelli che prevedono Cmax come misura di ottimalità. sono risolubili in tempo polinomiale, gli altri risultano tutti NP-Completi (eccezion fatta per 0/ pmtn, Ti/ Lmax risolubile tramite un algoritmo di programmazione lineare). il problema 02//cmax e' risolubile in tempo polinomiale ( o( n)) con l' algoritmo di Gonzalez e Sahni (1976) e di conseguenza l'introduzione della possibilità. del preemption non porta diminuzione del tempo di esecuzione. Basta però variare di poco le ipotesi per ottenere problemi NP-Completi: per esempio aumentare il numero di macchine ottenendo 03//cmax, 31

7 inserire date di arrivo differenziate per i vari job 02/ri/Cmax, oppure inserire relazioni di precedenza fra job 02/tree/cmax. Essendo questi problemi NP-Completi, tale risulterà anche il più generico O//cmax' In generale l'introduzione della interruzione permette di risolvere problemi altrimenti non risolubili; risolubili sono infatti: O/pmtn/cmax, 02/pmtn,ri/Cmax, 03/pmtn,tree/cmax' Notevoli contributi in proposito sono dovuti a Gonzalez e Sahni (1976,1979). In ogni caso la soluzione ottenuta inserendo l'interruzione fornisce una limitazione inferiore della soluzione ottima Problemi di tipo FLOW-SHOP Nel caso di problemi con una sola macchina c' è corrispondenza biunivoca fra le possibili sequenze dei job e le possibili permutazioni di n indici. Per trovare la sequenza ottima basta perciò considerare tutte le n! permutazioni di n indici. Lo stesso discorso vale per ciascuna delle m macchine che in- (" tervengono in un generico problema flow-shop: per c!-~cuna macchina sono possibili n! combinazioni, quindi complessivamente-( n!)m possibili sequenze da esaminare.... ") Le seguenti proprietà permettono di scartare alcune possibilità: Proprietà 1: scelta una misura di performance regolare, è sufficiente considerare solo gli schedule in cui la stessa sequenza di job si presenta alle macchi ne l e 2 Proprietà 2: scelta come misura di performance il Make-span minimo, è sufficiente considerare soltanto gli schedule in cui la stessa sequenza di job si presenta alle macchine m-l ed m. 32

8 Uno schedule di permutazione è soltajlto uno schedule in cui la stessa sequenza di job si presenta su tutte le macchine, esso è perciò completamente caratterizzato dalla permutazione di indici che lo ha generato. Dalle due proprietà enunciate sopra discende che è sufficiente considerare schedule di permutazione nei seguenti due casi: 1. misura di performance regolare, m = 2 2. obiettivo min Make - span, m = 2 o m = 3 Minimizzare il Make-span in un problema Flow-shop con due sole macchine è noto come problema di Johnson e, tramite il suo algoritmo (1954) è risolubile in modo ottimo in tempo o( n log n). Tale algoritmo si basa sul seguente risultato: Teòrema 1.12 Per problemi F2//Cmax iljob Ji precede iljob Jj nella sequenza ottima se -" i. min{pii,pj2} :$ min{pi2,pji}, {-.1 dove Pir indica il tempo di lavornzione del job Ji sulla macchina r. Algoritmo di Johnson 1. trovare min{pii,pi2} (a) se tale minimo è associato alla macchina 1, porre il job associato nella prima posizione libera della lista. Andare a 2. (b) se tale minimo è associato alla macchina 2, poni il job associato nell' ultima posizione libera della lista. Andare a eliminare il job assegnato e tornare a 1. finchè tutte le posizioni della lista non sono piene La lista finale contiene quindi la permutazione ottima. Vediamone il funzionamento su di un semplice esempio: Abbiamo 7 job da lavorare su due macchine con i seguenti tempi di lavorazione ai (per i = 1,...,7) su MI e bi (per i = 1,...,7) su M2: job MI \7 M

9 Al primo passo si ha che a4 = 1 = min{6,2,4, 1,...,8, 1, 5,6} perciò j4 è il primojob da schedulare nell' ordinamento ottimo < j4,... >. Eliminiamo j4 e procedendo si ha che bs = 1 = min{6,2,4,7,...,3,1,5,6} ottenendo cosi la soluzione parziale <j4,...,js>. Si procede ora trovando che b1 = b3 = min{ 6,2,4,4,...,9,3,5, 6} dovendo cosi scegliere quale fra jl e j3 mettere in penultima posizione, notiamo quindi che non si ha unicità dello schedule ottimo. Proseguendo cosi' si trovano le due soluzioni ottime complete e < j4,j2,j6,j7,jl,j3,js > < j4,j2,j6,j7,j3,jl,js >.6 È possibile una generalizzazione di questo processo nel caso che le macchine siano tre; tale generalizzazione si basa sul seguente risultato: Teorema 1.13 Si ha che:. se min{pkl}?: max{pk2}' cioè se i tempi di lavorazione sulla macchina 1 sono sempre maggiori di quelli sulla macchina 2, allora il job Ji precede il job J j nello schedule ottimo se min{pil + Pi2,Pj2 + Pj3} $: min{pi2 + Pi3,Pjl + Pj2}. se min {Pk3}?: max {Pk2} allora il job J i precede il job J j nello schedule ottimo se min{pil + Pi2,Pj2 + Pj3} $: min{pi2 + Pi3,Pjl + Pj2} L' algoritmo che risolve il problema con tre macchine è sostanzialmente lo stesso di quello per due macchine dove il primo passo è però sostituito dalla ricerca del min {PiI + Pi2, Pi2 + Pi3} e poi procede esattamente allo stesso modo. Se non vale nessuna di queste proprietà di dominanza, il problema delle tre macchine è NP-completo. Può essere risolto in modo euristico spezzandolo in due sottoproblemi, cioè quelli legati alle prime due ed alle ultime due macchine. Se risolvendo separatamente questi due otteniamo la stessa soluzione ottima (nella parte comune), concatenandole otteniamo anche la soluzione ottima del problema di partenza. 34

10 1.7.3 Problemi di tipo JOB-SHOP L' algoritmo che permette la risoluzione di questo tipo di problemi è sempre quello di Johnson. Ad esempio il problema '\ J2/mj ~ 2/cmax è risolubile in tale modo in un tempo o(n.logn). Dividiamo i job in quattro classi a seconda del tipo di lavorazione della quale necessitano: Tipo A B C D lavoraz. su MI M2 MI 1-+ M2 M2 1-+ MI Si ordinano i job di tipo C e D secondo la regola di Johnson e si fanno lavorare alle due macchine i job nel seguente ordine: macchina MI macchina M2 In modo analogo (risultato dovuto a Hefetz e Adui, 1979) si può risolvere il problema J2/Pij = l/cmax. Se modifichiamo qualche condizione o aumentiamo il numero delle macchine otteniamo problemi NP-Completi, tali sono: J3/mj ~ 3/cmax J3/mj ~ 2/cmax ed ovviamente il più generico fra tutti J / /Cmax. n problema della lettura dei giornali affrontato in modo euristico pagine addietro si colloca in questa classe di problemi: ed è NP-completo. J4/ri/Cmax 35

11 Bibliography [1] K.R.Baker lntrodution to sequencing and scheduling John Wiley & sons, 1974 [2] R. W. Conway, W.L. Maxwell, L. W. Miller Theory oj scheduling Addison- Wesley Publishing Company, 1967 [3] E.G. Coffman, Jr. Computer and job-shop scheduling theory John Wiley & sons, 1976 [4] M.A.H. Dempster, J.K. Lenstra, A.H.G. Rinnoykan Deterministic and stochastic scheduling D. Reidel Publishing Company,

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali 1. Considerazioni generali Modelli di shop scheduling In molti ambienti produttivi l esecuzione di un job richiede l esecuzione non simultanea di un certo numero di operazioni su macchine dedicate. Ogni

Dettagli

Esercizi di Gestione della Produzione Industriale. Tabella 1: tempi di lavorazione di un set di job.

Esercizi di Gestione della Produzione Industriale. Tabella 1: tempi di lavorazione di un set di job. Esercizio 1: schedulazione con il modello di Johnson...2 Soluzione dell esercizio 1 (schedulazione con il modello di Johnson)...2 Esercizio 2: schedulazione con il modello di Hodgson...3 Soluzione dell

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA RICERCA OPERATIVA

APPLICAZIONI DELLA RICERCA OPERATIVA Università degli Studi della Calabria Laurea in Informatica A.A. 2004/2005 Appunti di supporto didattico al corso di APPLICAZIONI DELLA RICERCA OPERATIVA Indice 1 Introduzione alla teoria dello Scheduling

Dettagli

SCHEDULING SCHEDULING

SCHEDULING SCHEDULING Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 INDICE Esempio Introduttivo Generalità sui problemi di scheduling SINGLE MACHINE SPT (shortest processing

Dettagli

Parte 3: Gestione dei progetti, Shop scheduling

Parte 3: Gestione dei progetti, Shop scheduling Parte : Gestione dei progetti, Shop scheduling Rappresentazione reticolare di un progetto Insieme di attività {,...,n} p i durata (nota e deterministica dell attività i) relazione di precedenza fra attività:

Dettagli

Approcci esatti per il job shop

Approcci esatti per il job shop Approcci esatti per il job shop Riferimenti lezione: Carlier, J. (1982) The one-machine sequencing problem, European Journal of Operational Research, Vol. 11, No. 1, pp. 42-47 Carlier, J. & Pinson, E.

Dettagli

Bibliografia. Gestione operativa della produzione. Terminologia. Schedulazione. Schedulazione operativa della produzione

Bibliografia. Gestione operativa della produzione. Terminologia. Schedulazione. Schedulazione operativa della produzione Bibliografia Gestione operativa della produzione Schedulazione operativa della produzione 14/12/2001 11.54 E.L. Lawler, J.K. Lenstra, A.G.H. Rinnoy Kan, D.B. Shmoys, Sequencing and Scheduling: Algorithms

Dettagli

Modelli di scheduling su macchina singola. relazione alle macchine che devono eseguire le varie operazioni, allora ogni singola macchina nello shop è

Modelli di scheduling su macchina singola. relazione alle macchine che devono eseguire le varie operazioni, allora ogni singola macchina nello shop è . Modello base Consideriamo il caso in cui ogni job consiste di una sola operazione. Poiché un insieme di job è partizionato in relazione alle macchine che devono eseguire le varie operazioni, allora ogni

Dettagli

Principi di Schedulazione in tempo reale

Principi di Schedulazione in tempo reale Principi di Schedulazione in tempo reale 1 Task in tempo reale Un task t i è una sequenza di processi in tempo reale τ ik ciascuno caratterizzato da q un tempo d arrivo r ik (r=release time, oppure a=arrival

Dettagli

Schedulazione: più macchine. Schedulazione: più macchine. Modello. Modello. job composti di un unico task da schedulare su una tra più macchine;

Schedulazione: più macchine. Schedulazione: più macchine. Modello. Modello. job composti di un unico task da schedulare su una tra più macchine; Schedulazione: più macchine Schedulazione: più macchine casi: job composti di un unico task da schedulare su una tra più macchine; open shop (tutti i job hanno task su tutte le macchine, ma non le stesse

Dettagli

Introduzione alla teoria dello scheduling

Introduzione alla teoria dello scheduling 1. Generalità I problemi di scheduling riguardano l allocazione di risorse limitate ad attività nel tempo. In generale il processo di decisione associato richiede la determinazione dell ordine in cui l

Dettagli

SPERIMENTAZIONE CON LINDO SU UN PROBLEMA DI SCHEDULING

SPERIMENTAZIONE CON LINDO SU UN PROBLEMA DI SCHEDULING UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE STATISTICHE ED ECONOMICHE TESI DI LAUREA SPERIMENTAZIONE CON LINDO SU UN PROBLEMA DI SCHEDULING Relatore: Ch.mo

Dettagli

Schedulazione di attività in presenza di attività interrompibili

Schedulazione di attività in presenza di attività interrompibili Schedulazione di attività in presenza di attività interrompibili Maria Silvia Pini Resp. accademico: Prof.ssa Francesca Rossi Università di Padova Attività FSE DGR 1102/2010 La gestione dell informazione

Dettagli

Ottimizzazione della produzione tramite software di scheduling

Ottimizzazione della produzione tramite software di scheduling Ottimizzazione della produzione tramite software di scheduling Alessio Puppato, Barbara Fuoco, Andrea Rossi, Michele Lanzetta A partire da una classificazione dell architettura delle linee produttive,

Dettagli

Organizzazione della produzione

Organizzazione della produzione Scheduling Organizzazione della produzione PROOTTO che cosa chi ORGNIZZZIONE PROCESSO come FLUSSO I PROUZIONE COORINMENTO PINIFICZIONE SCHEULING quando Pianificazione della produzione: schedulazione di

Dettagli

Esercizi e complementi di Ottimizzazione nella Gestione dei Progetti

Esercizi e complementi di Ottimizzazione nella Gestione dei Progetti Esercizi e complementi di Ottimizzazione nella Gestione dei Progetti Marco Pranzo 16 Aprile 009 1 Organizzazione concerto rock I promotori di un evento rock devono svolgere le attività (Tabella 1) per

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa I

Esercizi di Ricerca Operativa I Esercizi di Ricerca Operativa I Dario Bauso, Raffaele Pesenti May 10, 2006 Domande Programmazione lineare intera 1. Gli algoritmi per la programmazione lineare continua possono essere usati per la soluzione

Dettagli

Modelli di Programmazione Lineare Intera

Modelli di Programmazione Lineare Intera 8 Modelli di Programmazione Lineare Intera Come è stato già osservato in precedenza, quando tutte le variabili di un problema di Programmazione Lineare sono vincolate ad assumere valori interi, si parla

Dettagli

Sono casi particolari di MCF : SPT (cammini minimi) non vi sono vincoli di capacità superiore (solo x ij > 0) (i, j) A : c ij, costo di percorrenza

Sono casi particolari di MCF : SPT (cammini minimi) non vi sono vincoli di capacità superiore (solo x ij > 0) (i, j) A : c ij, costo di percorrenza Il problema di flusso di costo minimo (MCF) Dati : grafo orientato G = ( N, A ) i N, deficit del nodo i : b i (i, j) A u ij, capacità superiore (max quantità di flusso che può transitare) c ij, costo di

Dettagli

Sommario della lezione

Sommario della lezione Universitá degli Studi di Salerno Corso di Algoritmi Prof. Ugo Vaccaro Anno Acc. 2014/15 p. 1/36 Sommario della lezione Ulteriori esempi di applicazione della Programmazione Dinamica Esempio di applicazione

Dettagli

CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling)

CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling) CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling) Contenuti Le funzioni della PO Gli obiettivi della PO Il job loading Il metodo dell assegnazione Il job sequencing Regole e tecniche di priorità

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati II: Parte B Anno Accademico 2004-2005. Lezione 11

Algoritmi e Strutture Dati II: Parte B Anno Accademico 2004-2005. Lezione 11 Algoritmi e Strutture Dati II: Parte B Anno Accademico 2004-2005 Docente: Ugo Vaccaro Lezione 11 In questa lezione vedremo alcune applicazioni della tecnica greedy al progetto di algoritmi on-line. Vediamo

Dettagli

Scheduling Introduzione Tipi di scheduler Scheduler di lungo termine (SLT) Scheduler di medio termine (SMT) Scheduler di breve termine (SBT)

Scheduling Introduzione Tipi di scheduler Scheduler di lungo termine (SLT) Scheduler di medio termine (SMT) Scheduler di breve termine (SBT) Scheduling Introduzione Con scheduling si intende un insieme di tecniche e di meccanismi interni del sistema operativo che amministrano l ordine in cui il lavoro viene svolto. Lo Scheduler è il modulo

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Problemi di soddisfacimento di vincoli. Formulazione di problemi CSP. Colorazione di una mappa. Altri problemi

Problemi di soddisfacimento di vincoli. Formulazione di problemi CSP. Colorazione di una mappa. Altri problemi Problemi di soddisfacimento di vincoli Maria Simi a.a. 2014/2015 Problemi di soddisfacimento di vincoli (CSP) Sono problemi con una struttura particolare, per cui conviene pensare ad algoritmi specializzati

Dettagli

Problemi di Programmazione Lineare Intera

Problemi di Programmazione Lineare Intera Capitolo 4 Problemi di Programmazione Lineare Intera La Programmazione Lineare Intera (PLI) tratta il problema della massimizzazione (minimizzazione) di una funzione di più variabili, soggetta a vincoli

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Tecniche avanzate di sintesi di algoritmi: Programmazione dinamica Algoritmi greedy

Tecniche avanzate di sintesi di algoritmi: Programmazione dinamica Algoritmi greedy Tecniche avanzate di sintesi di algoritmi: Programmazione dinamica Algoritmi greedy Dr Maria Federico Programmazione dinamica Solitamente usata per risolvere problemi di ottimizzazione il problema ammette

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Ripasso sulla Modellazione in Programmazione Lineare

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Ripasso sulla Modellazione in Programmazione Lineare Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Ripasso sulla Modellazione in Programmazione Lineare Luigi De Giovanni 1 Modelli di programmazione lineare I modelli di programmazione lineare sono una

Dettagli

Modelli di Programmazione Lineare Intera

Modelli di Programmazione Lineare Intera 8 Modelli di Programmazione Lineare Intera 8.1 MODELLI DI PROGRAMMAZIONE LINEARE INTERA Esercizio 8.1.1 Una compagnia petrolifera dispone di 5 pozzi (P1, P2, P3, P4, P5) dai quali può estrarre petrolio.

Dettagli

ESERCIZI SULLO SCHEDULING DEL CORSO DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

ESERCIZI SULLO SCHEDULING DEL CORSO DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ESERCIZI SULLO SCHEDULING DEL CORSO DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Spt-Edd (La parte teorica necessaria a svolgere questi esercizi fa riferimento alla lezione n 10 del corso di Automazione Industriale tenute

Dettagli

1) Descrivere dettagliatamente a quale problema di scheduling corrisponde il problema.

1) Descrivere dettagliatamente a quale problema di scheduling corrisponde il problema. Un veicolo viene utilizzato da una società di trasporti per trasportare beni a partire da un unico deposito verso prefissate località di destinazione. Si supponga che occorre trasportare singolarmente

Dettagli

Albero semantico. Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni.

Albero semantico. Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni. Albero semantico Albero che mette in corrispondenza ogni formula con tutte le sue possibili interpretazioni. A differenza dell albero sintattico (che analizza la formula da un punto di vista puramente

Dettagli

Laboratory for innovation MUSP. Macchine utensili e sistemi di produzione. Laboratorio MUSP www.musp.it

Laboratory for innovation MUSP. Macchine utensili e sistemi di produzione. Laboratorio MUSP www.musp.it Laboratory for innovation MUSP Macchine utensili e sistemi di produzione www.musp.it Sommario La schedulazione della produzione Gli obiettivi nella schedulazione Le problematiche legate alla schedulazione

Dettagli

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU 9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A LU 9.1 Il metodo di Gauss Come si è visto nella sezione 3.3, per la risoluzione di un sistema lineare si può considerare al posto

Dettagli

Un sistema multi-agente per lo scheduling on-line in ambito manifatturiero

Un sistema multi-agente per lo scheduling on-line in ambito manifatturiero Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria TESI DI LAUREA Un sistema multi-agente per lo scheduling on-line in ambito manifatturiero Relatori: Chiar.mo Prof. Antonio Boccalatte Chiar.mo Prof.

Dettagli

Corso di Analisi Numerica - AN1. Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari. Roberto Ferretti

Corso di Analisi Numerica - AN1. Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari. Roberto Ferretti Corso di Analisi Numerica - AN1 Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari Roberto Ferretti Richiami sulle norme e sui sistemi lineari Il Metodo di Eliminazione di Gauss Il Metodo di Eliminazione con

Dettagli

PROVA FINALE V. AULETTA G. PERSIANO ALGORITMI II - -MAGIS INFO

PROVA FINALE V. AULETTA G. PERSIANO ALGORITMI II - -MAGIS INFO PROVA FINALE V. AULETTA G. PERSIANO ALGORITMI II - -MAGIS INFO 1. Load Balancing Un istanza del problema del load balancing consiste di una sequenza p 1,..., p n di interi positivi (pesi dei job) e un

Dettagli

Complessità computazionale degli algoritmi

Complessità computazionale degli algoritmi Complessità computazionale degli algoritmi Lezione n. 3.bis I precursori dei calcolatore Calcolatore di Rodi o di Andikithira 65 a.c. Blaise Pascale pascalina XVII secolo Gottfried Leibniz Joseph Jacquard

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione:

Modelli di Sistemi di Produzione: Modelli di Sistemi di Produzione: programma dettagliato - giugno 2007 1. Algoritmi Metaeuristici 1.1 Algoritmi costruttivi ed algoritmi di ricerca locale/metaeuristici 1.2 Algoritmo di ricerca locale 1.3

Dettagli

Programmazione dinamica

Programmazione dinamica Capitolo 6 Programmazione dinamica 6.4 Il problema della distanza di edit tra due stringhe x e y chiede di calcolare il minimo numero di operazioni su singoli caratteri (inserimento, cancellazione e sostituzione)

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Dispatcher. Scheduler della CPU

Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Dispatcher. Scheduler della CPU Scheduling della CPU Concetti fondamentali Criteri di scheduling Algoritmi di scheduling Concetti fondamentali L obiettivo della multiprogrammazione è di avere processi sempre in esecuzione al fine di

Dettagli

Programmazione lineare

Programmazione lineare Programmazione lineare Dualitá: definizione, teoremi ed interpretazione economica Raffaele Pesenti 1 Dualità 1.1 Definizione e teoremi Definizione 1 Dato un problema di LP in forma canonica max x = ct

Dettagli

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra.

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra. Appunti di Calcolatori Elettronici Modello di macchina multilivello Introduzione... 1 Linguaggi, livelli e macchine virtuali... 3 La struttura a livelli delle macchine odierne... 4 Evoluzione delle macchine

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

Definizione di processo. Un processo è un programma (o una parte di una programma) in corso di esecuzione

Definizione di processo. Un processo è un programma (o una parte di una programma) in corso di esecuzione SISTEMI OPERATIVI (parte prima - gestione dei processi) Tra i compiti di un sistema operativo sicuramente troviamo i seguenti: Gestione dei processi Gestione della memoria Gestione del file-system Ci occuperemo

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

Schedulazione delle attività di un progetto in presenza di multi-calendari

Schedulazione delle attività di un progetto in presenza di multi-calendari Schedulazione delle attività di un progetto in presenza di multi-calendari Maria Silvia Pini Resp. accademico: Prof.ssa Francesca Rossi Università di Padova Attività FSE DGR 1102/2010 La gestione dell

Dettagli

Metodi diretti per la soluzione di sistemi lineari

Metodi diretti per la soluzione di sistemi lineari Metodi diretti per la soluzione di sistemi lineari N Del Buono 1 Introduzione Consideriamo un sistema di n equazioni in n incognite a 11 x 1 + a 12 x 2 + a 13 x 3 + + a 1n x n = b 1, a 21 x 1 + a 22 x

Dettagli

STRUTTURE NON LINEARI

STRUTTURE NON LINEARI PR1 Lezione 13: STRUTTURE NON LINEARI Michele Nappi mnappi@unisa.it www.dmi.unisa.it/people/nappi Per la realizzazione della presentazione è stato utilizzato in parte materiale didattico prodotto da Oronzo

Dettagli

Sistemi Organizzativi docente: Stefano Smriglio stefano.smriglio@univaq.it

Sistemi Organizzativi docente: Stefano Smriglio stefano.smriglio@univaq.it Sistemi Organizzativi docente: Stefano Smriglio stefano.smriglio@univaq.it Pre-requisiti: Classi di complessità Programmazione Lineare (Intera) Metodo branch-and-bound Cammini minimi su grafi Materiale

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Capitolo 3: Ottimizzazione Discreta. E. Amaldi DEIB, Politecnico di Milano

Capitolo 3: Ottimizzazione Discreta. E. Amaldi DEIB, Politecnico di Milano Capitolo 3: Ottimizzazione Discreta E. Amaldi DEIB, Politecnico di Milano 3.1 Modelli di PLI e PLMI Moltissimi problemi decisionali complessi possono essere formulati o approssimati come problemi di Programmazione

Dettagli

Algoritmi di scheduling - Parte 2

Algoritmi di scheduling - Parte 2 Algoritmi di scheduling - Parte 2 Automazione I 12/11/2013 Vincenzo Suraci STRUTTURA DEL NUCLEO TEMATICO ALGORITMO DEADLINE MONOTONIC PRIORITY ORDERING (DMPO) ALGORITMO TIMELINE SCHEDULING (TS) SCHEDULING

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

TSP con eliminazione di sottocicli

TSP con eliminazione di sottocicli TSP con eliminazione di sottocicli Un commesso viaggiatore deve visitare 7 clienti in modo da minimizzare la distanza percorsa. Le distanze (in Km) tra ognuno dei clienti sono come segue: 3 5 7-8 9 57

Dettagli

Programmazione della produzione MT MT

Programmazione della produzione MT MT Programmazione della produzione Architettura gerarchica del processo di programmazione M P S livello 1 - livello di fabbrica orizzonte temporale lungo (12-24 mesi) Master Production Schedule n settimane

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

Software Testing. Lezione 2 Livelli di test. Federica Spiga. federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: F.Rabini/F.Spiga

Software Testing. Lezione 2 Livelli di test. Federica Spiga. federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: F.Rabini/F.Spiga Software Testing Lezione 2 Livelli di test Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it A.A. 2010-2011 Autori: F.Rabini/F.Spiga 1 2 Livelli di test Unit Testing Integration Testing System Testing Unit Testing

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Riassunto di Sistemi in Tempo Reale LS

Riassunto di Sistemi in Tempo Reale LS Riassunto di Sistemi in Tempo Reale LS Silvia Cereda July 10, 2007 1 Schedulazione di processi periodici Condizione necessaria (ma non sufficiente) affinché un insieme di N processi sia schedulabile è

Dettagli

Reti sequenziali e strutturazione firmware

Reti sequenziali e strutturazione firmware Architettura degli Elaboratori, a.a. 25-6 Reti sequenziali e strutturazione firmware Alla parte di corso sulle reti sequenziali è apportata una sensibile semplificazione rispetto a quanto contenuto nel

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il concetto di Algoritmo e di Calcolatore Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Cos

Dettagli

Ricerca Operativa A.A. 2007/2008

Ricerca Operativa A.A. 2007/2008 Ricerca Operativa A.A. 2007/2008 9. Cenni su euristiche e metaeuristiche per ottimizzazione combinatoria Motivazioni L applicazione di metodi esatti non è sempre possibile a causa della complessità del

Dettagli

La programmazione con vincoli in breve. La programmazione con vincoli in breve

La programmazione con vincoli in breve. La programmazione con vincoli in breve Obbiettivi Introdurre la nozione di equivalenza di CSP. Dare una introduzione intuitiva dei metodi generali per la programmazione con vincoli. Introdurre il framework di base per la programmazione con

Dettagli

Contenuto e scopo presentazione. Vehicle Scheduling. Motivazioni VSP

Contenuto e scopo presentazione. Vehicle Scheduling. Motivazioni VSP Contenuto e scopo presentazione Vehicle Scheduling 08/03/2005 18.00 Contenuto vengono introdotti modelli e metodi per problemi di Vehicle Scheduling Problem (VSP) Scopo fornire strumenti di supporto alle

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Un sistema operativo è un insieme di programmi che consentono ad un utente di

Un sistema operativo è un insieme di programmi che consentono ad un utente di INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI 1 Alcune definizioni 1 Sistema dedicato: 1 Sistema batch o a lotti: 2 Sistemi time sharing: 2 Sistema multiprogrammato: 3 Processo e programma 3 Risorse: 3 Spazio degli

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

1. Archivi. 1.1. Codici I.V.A. 1.2. Codici Lingue Estere. 1.3. Progressivi Ditta

1. Archivi. 1.1. Codici I.V.A. 1.2. Codici Lingue Estere. 1.3. Progressivi Ditta PRODUZIONE E MAGAZZINO 1. Archivi Per gestire il magazzino e la produzione occorre creare i seguenti archivi. 1.1. Codici I.V.A. Occorre creare, obbligatoriamente, tutti i codici I.V.A. (soggetti, esenti,

Dettagli

Introduzione alla tecnica di Programmazione Dinamica

Introduzione alla tecnica di Programmazione Dinamica Universitá degli Studi di Salerno Corso di Algoritmi Prof. Ugo Vaccaro Anno Acc. 2014/15 p. 1/37 Sommario della lezione Introduzione alla tecnica di Programmazione Dinamica Esempio di applicazione n. 1:

Dettagli

Produzione e forza lavoro

Produzione e forza lavoro Produzione e forza lavoro Testo Un azienda produce i modelli I, II e III di un certo prodotto a partire dai materiali grezzi A e B, di cui sono disponibili 4000 e 6000 unità, rispettivamente. In particolare,

Dettagli

Minimo Albero Ricoprente

Minimo Albero Ricoprente Minimo lbero Ricoprente Pag. 1/20 Minimo lbero Ricoprente Il problema della definizione di un Minimo lbero Ricoprente trova applicazione pratica in diverse aree di studio, quali ad esempio la progettazione

Dettagli

La pianificazione della produzione

La pianificazione della produzione Manufacturing Planning and Control 1 La pianificazione della produzione La pianificazione della produzione è un processo complesso che coinvolge larga parte dell azienda (funzioni e risorse) e deve ragionare

Dettagli

Informatica. Esistono varie definizioni: Scienza dei calcolatori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione

Informatica. Esistono varie definizioni: Scienza dei calcolatori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Informatica Esistono varie definizioni: Scienza dei calcolatori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Scienza della rappresentazione, memorizzazione, ed elaborazione dell informazione.

Dettagli

Concetti di base. Scheduling della CPU. Diagramma della durata dei CPU-burst. Sequenza Alternata di CPU Burst e I/O Burst

Concetti di base. Scheduling della CPU. Diagramma della durata dei CPU-burst. Sequenza Alternata di CPU Burst e I/O Burst Impossibile visualizzare l'immagine. Scheduling della CPU Concetti di base La multiprogrammazione cerca di ottenere la massima utilizzazione della CPU. L esecuzione di un processo consiste in cicli d esecuzione

Dettagli

Introduzione ai problemi di Scheduling

Introduzione ai problemi di Scheduling Introduzione ai problemi di Scheduling A. Agnetis December 12, 2000 1 Introduzione Con il termine scheduling si intende una vasta classe di problemi, molto diversi tra loro per complessitµa e struttura.

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Lezione 6. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 6. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 6 Sistemi operativi 31 marzo 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 6.1 Di cosa parliamo in questa lezione? La schedulazione 1 e caratteristiche

Dettagli

Le dimensioni degli Studi di settore

Le dimensioni degli Studi di settore Le dimensioni degli Studi di settore Vincenzo Adamo Luglio 2008 Introduzione In queste pagine vengono presentati alcuni aspetti legati ai diversi punti di vista che caratterizzano uno strumento così complesso

Dettagli

Lezione 10. Scheduling nei sistemi multiprocessori. Esempio: P=2 processori. Scheduling dei processi

Lezione 10. Scheduling nei sistemi multiprocessori. Esempio: P=2 processori. Scheduling dei processi Lezione 10 Cenni ai sistemi operativi distribuiti 2. Gestione della CPU e della memoria nei multiprocessori Gestione dei processi Scheduling Bilanciamento del carico Migrazione dei processi Gestione della

Dettagli

RISOLUZIONE TRAMITE ALGORITMO EURISTICO DEL PROBLEMA DEL TRASPORTO DELLE PELLI FRESCHE DAI MACELLI ALLA CONCERIA

RISOLUZIONE TRAMITE ALGORITMO EURISTICO DEL PROBLEMA DEL TRASPORTO DELLE PELLI FRESCHE DAI MACELLI ALLA CONCERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria Gestionale DIPARTIMENTO DI TECNICA E GESTIONE DEI SISTEMI INDUSTRIALI Tesi di Laurea Triennale RISOLUZIONE TRAMITE ALGORITMO EURISTICO DEL PROBLEMA

Dettagli

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi

Dettagli

Scopo intervento. Integrazione scorte e distribuzione. Indice. Motivazioni

Scopo intervento. Integrazione scorte e distribuzione. Indice. Motivazioni Scopo intervento Integrazione scorte e distribuzione Modelli a domanda costante Presentare modelli e metodi utili per problemi di logistica distributiva Indicare limiti degli stessi e come scegliere tra

Dettagli

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali Corso Sistemi Informativi Aziendali,. Sistemi informativi aziendali di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Febbraio - Marzo 2009 Produzione (cenni) Pagina 2 Produzione La produzione, in termini

Dettagli

Lo scheduling. Tipici schedulatori

Lo scheduling. Tipici schedulatori Lo scheduling Un processo durante la sua evoluzione è o running o in attesa di un evento. Nel secondo caso trattasi della disponibilità di una risorsa (CPU, I/O, struttura dati, ecc.) di cui il processo

Dettagli

Corso di Elettronica dei Sistemi Programmabili. Sistemi Operativi Real Time. Introduzione. Aprile 2014 Stefano Salvatori 1/28

Corso di Elettronica dei Sistemi Programmabili. Sistemi Operativi Real Time. Introduzione. Aprile 2014 Stefano Salvatori 1/28 Corso di Elettronica dei Sistemi Programmabili Sistemi Operativi Real Time Introduzione Aprile 2014 Stefano Salvatori 1/28 Sommario Definizioni livelli di astrazione processi di tipo batch e processi interattivi

Dettagli

Sistemi di Numerazione

Sistemi di Numerazione Fondamenti di Informatica per Meccanici Energetici - Biomedici 1 Sistemi di Numerazione Sistemi di Numerazione I sistemi di numerazione sono abitualmente posizionali. Gli elementi costitutivi di un sistema

Dettagli

Esercizi Capitolo 6 - Alberi binari di ricerca

Esercizi Capitolo 6 - Alberi binari di ricerca Esercizi Capitolo 6 - Alberi binari di ricerca Alberto Montresor 23 settembre 200 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Implementazione del gioco del Bantumi Corso di Intelligenza Artificiale 2012

Implementazione del gioco del Bantumi Corso di Intelligenza Artificiale 2012 Implementazione del gioco del Bantumi Corso di Intelligenza Artificiale 2012 Nicola Febbrari Università degli Studi di Verona Facoltà MM.FF.NN. nicola.febbrari@studenti.univr.it 22 gennaio 2013 1 Introduzione

Dettagli

B-Tree. Struttura dati usata in applicazioni che necessitano di gestire insiemi di chiavi ordinate Una variante (B+-Tree) è diffusa in:

B-Tree. Struttura dati usata in applicazioni che necessitano di gestire insiemi di chiavi ordinate Una variante (B+-Tree) è diffusa in: B-Tree Prof. Rudolf Bayer Struttura dati usata in applicazioni che necessitano di gestire insiemi di chiavi ordinate Una variante (B+-Tree) è diffusa in: Filesystem: btrfs, NTFS, ReiserFS, NSS, XFS, JFS

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Ripasso sulla Modellazione in Programmazione Lineare

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Ripasso sulla Modellazione in Programmazione Lineare Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Ripasso sulla Modellazione in Programmazione Lineare Luigi De Giovanni 1 Modelli di programmazione lineare I modelli di programmazione lineare sono una

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T Scorrimento-Rotazione-Ricerca Prerequisiti Programmazione elementare Conoscenza ed uso di vettori Introduzione Lo scopo di questa Unità è approfondire il concetto di vettore

Dettagli

Ricerca con avversari

Ricerca con avversari Ricerca con avversari Roberto Tagliaferri Dipartimento di Informatica Università di Salerno ( Sa ) 84084 Fisciano rtagliaferri@unisa.it Indice I giochi Decisioni ottime nei giochi L algoritmo minimax Potatura

Dettagli

Corso di Geometria e Algebra Lineare - Sezione di Metodi Numerici

Corso di Geometria e Algebra Lineare - Sezione di Metodi Numerici Corso di Geometria e Algebra Lineare - Sezione di Metodi Numerici C. Vergara 3. Metodo della fattorizzazione LU per la risoluzione di un sistema lineare Errori di arrotondamento. Prima di affrontare la

Dettagli