1.5: Gestione dei Processi e della CPU

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.5: Gestione dei Processi e della CPU"

Transcript

1 1.5: Gestione dei Processi e della CPU Concetto di Processo Multitasking Operazioni sui processi Stati di un processo Eventi e risorse Context switch Scheduling dei processi A breve termine A medio/lungo termine Scheduling della CPU Algoritmi di scheduling della CPU 1.5.1

2 Concetto di Processo Terminologia usuale: Sistemi batch: job Sistemi time sharing: processo, o task Processo = un programma in esecuzione, nel suo proprio ambiente operativo. Un processo include: Program Counter Sezione testo (codice del programma read only, shared) Stack (nella fase utente) Sezione dati Unix only: sezione dati non inizializzati (bss). Avanzamento di un processo = avanzamento nell'esecuzione delle sue 1.5.2

3 Architettura Multitasking di Riferimento CPU I/O Proc. Disco RAM controller RAM Architettura minima: un processore centrale, un processore di I/O. I sistemi di calcolo attuali hanno sempre più processori che eseguono istruzioni in parallelo base per il multitasking. Goal: sfruttare al massimo questo parallelismo per accelerare il throughput del sistema, soddisfare le richieste degli utenti, mantenere 1.5.3

4 Architettura Multitasking di Riferimento (Cont.) A I/O A A B I/O B B I/O B B C I/O C C (msec.) a) Esecuzione in un sistema senza processore periferico (di I/O) (msec.) A B C A B C B Esecuzione tramite CPU I/O A I/O B I/O C I/O B Esecuzione tramite I/O proc (msec.) b) Esecuzione in un sistema con processore periferico indipendente dalla CPU richiesta al processore di I/O interrupt di fine I/O 1.5.4

5 Operazioni su Processi N.B. argomenti ripresi in maggior dettaglio in questa e nella prossima dispensa. Creazione Processi padri creano processi figli e così via (albero di processi). Risorse: condivise o no, in tutto o in parte, tra padre e figlio es.: file aperti, memoria condivisa, socket (networking), etc. Esecuzione: padre e figlio si eseguono concorrentemente o no; padre sincronizzato sulla terminazione del figlio Figlio esegue un programma specificato dal padre, oppure lo stesso programma del padre Terminazione Con chiamata di sistema esplicita (es. exit()) o implicita (esecuzione ultima 1.5.5

6 Operazioni su Processi (Cont.) Sincronizzazione Tra processi, su base cooperativa Sincronizzazione sulla terminazione di un processo Comunicazione Richiede la sincronizzazione Comunicazione di dati tra processi One to one, one.to many, many.to many, many to one Internamente alla macchina o attraverso rete di calcolatori Segnalazione Comunicazione non di dati, ma di eventi asincroni Implementata di norma con interrupt software Utilizzabile per provocare la terminazione di altri processi (es. padre che 1.5.6

7 Stati di un Processo Durante la sua esecuzione, un processo cambia stato New: il processo è in fase di creazione Running: il processo ha il controllo della CPU, e sta eseguendo istruzioni del programma (è in fase di avanzamento) Waiting, o Asleep: il processo sta aspettando il verificarsi di qualche evento (o l'acquisizione di qualche risorsa) Ready: il processo è in attesa di avere il controllo della CPU Terminated: il processo ha terminato l'esecuzione del programma, ed è in fase di terminazione. Perchè "Asleep": Un processo "va a dormire" in attesa di un evento; quando l'evento si verifica, il processo "viene svegliato" e ricomincia a eseguire istruzioni

8 Stati di un Processo (Cont.) New ammesso uscita Terminated interrupt/trap. Ready rilascio CPU: sched_yield() Running dispatch verificarsi di evento (o completamento I/O) Waiting attesa di evento (o di I/O) 1.5.8

9 Descrittore di Risorsa Descrittori di risorse: strutture di dati, usate dal Kernel, utilizzate per gestire le varie risorse presenti nel sistema. Qualunque risorsa hardware o software; reale o astratta Contengono informazioni sulla risorsa, sul suo stato, etc.; spesso anche puntatori a funzione (operazioni sulla risorsa) Utilizzati dagli algoritmi che gestiscono le varie risorse Strutt. dati diverse per ciascuna risorsa In un S.O. (ad es. Linux), ci sono centinaia di tipi diversi Esempi di risorse: Aree di memoria Blocchi di disco... Pacchetti dati per interfacce di rete 1.5.9

10 Descrittore di Processo Descrittore di processo (Process Descriptor, PD): descrittore di risorsa per la risorsa "processo" informazioni associate a ciascun processo, usate dal Kernel; contenute in una struttura dati. Contiene: Identificatore del processo (PID) Stato del processo Program Counter e registri CPU (compresi i condition code del PSW) Stack Informazioni per lo scheduling della CPU (priorità, etc.) Informazioni per la gestione di memoria RAM Registri MMU, limiti di memoria, etc. Informazioni di contabilizzazione risorse Tempo CPU, user/system time, etc

11 Eventi e Risorse Risorsa = qualunque oggetto (reale o astratto) che i processi usano e che può condizionarne l'avanzamento. Avanzamento di un processo: condizionato dalla disponibilità di risorse di vario tipo. Compito tipico di un S.O. multitasking: controllare l'uso di risorse da parte dei processi in modo da risolvere eventuali conflitti. Risorsa = formalizzazione di Evento: Processo in attesa di evento E: in attesa di acquisire la risorsa R(E). Il processo è bloccato su E, ovvero in attesa di acquisire R(E). Evento = la risorsa R(E) diventa disponibile

12 Eventi e Risorse (Cont.) Risorse: due tipi Risorse permanenti (o riusabili) Utilizzate più volte da più processi; il loro stato non cambia. Seriali (utilizzabili da un processo alla volta) o condivise (shared) (caso opposto). Prodotte dal Kernel per processi; recuperate sistematicamente dal Kernel (al più tardi, alla terminazione del processo). Associate normalmente a entità fisiche (o ad esse riconducibili). Es.: area di memoria (per dati; per libreria condivisa). Numero finito Np, determinato a priori, di tipi di risorse permanenti; per ogni tipo T i di risorsa (1 <= i <= N p ) il Kernel dispone di un numero finito n i, determinato a priori, di unità di risorsa disponibili

13 Risorse consumabili Eventi e Risorse (Cont.) Oggetti transienti; tempo di vita = dalla produzione alla consumazione. Prodotte da processi (produttori) per altri processi (consumatori) dal Kernel per processi. Associate normalmente a entità astratte (o ad esse riconducibili). Es.: buffer con dati, trasferiti da un processo ad un altro. La produzione (da processo Pp ) e la consumazione (da P c ) di una risorsa consumabile sincronizza P c rispetto a P p. Numero finito Nc, determinato a priori, di tipi di risorse consumabili; per ogni tipo T j di risorsa (1 <= j <= N c ) il Kernel dispone di un numero infinito (non noto a priori) di unità n j di risorse, che possono essere prodotte continuamente da processi produttori, in quantità e ad istanti di

14 Eventi e Risorse (Cont.) Schema interazione risorse permanenti: P richiede risorsa R (P va a dormire) Kernel assegna risorsa R a P (Kernel risveglia P) P acquisisce R e la utilizza P rilascia R (Kernel risveglia altri processi in attesa) Schema interazione risorse consumabili: loop: Pc (processo consumatore) richiede risorsa R (P c va a dormire) Pp (processo produttore) produce risorsa R (P p risveglia P c ) Pc acquisisce R e la consuma P p e P c sono sincronizzati

15 Eventi e Risorse (Cont.) Descrittore di risorsa: Utilizzato dal Kernel (Resource Manager) per gestire tutte le risorse Contiene: Nome o tipo di risorsa Numero totale di unità (configurato nel sistema solo ris. permanenti) Numero di unità disponibili (a un dato istante) Puntatore a lista dei processi in attesa di acquisizione della risorsa

16 Code di Scheduling dei Processi Job queue insieme di tutti i processi nel sistema. Ready queue insieme di tutti i processi in stato Ready, pronti ad eseguirsi e in attesa della CPU. Device queues insieme di tutti i processi in attesa del completamento di un'operazione di I/O da parte di una data periferica. Più in generale, Event queues insieme di tutti i processi in attesa di qualche evento o risorsa (di tipo hardware o software) es.: in attesa della terminazione di un processo figlio. I processi migrano tra le varie code durante l'esecuzione. Le code sono normalmente implementate con liste collegate di strutture di dati PD, nel Kernel (collegamento semplice o doppio)

17 Code di Scheduling dei Processi (Cont.) Ready q. PD3 PD13 PD9 PD18 Disk q. PD16 PD2 Tty q. Ether. q. PD41 PD5 PD22... Sfw evt q. PD8 PD15 PD11 PD21 PD

18 Code di Scheduling dei Processi (Cont.) Ready queue CPU I/O I/O queue(s) Richiesta di I/O Time slice esaurito Figlio avviato Sfw. Event queue Fork processo figlio Risorsa disponibile Sfw. Event queue Attesa di risorsa consumabile

19 Context Switch Context switch: parte del lavoro di uno scheduler di processi. Quando la CPU commuta ad un altro processo della Ready queue, il Kernel deve salvare lo stato (il PD) del processo precedente e caricare lo stato del nuovo processo (salvato in precedenza nel suo PD). Il tempo di context switch è tutto overhead; non c'è nessun lavoro utile durante la commutazione (dal punto di vista dell'avanzamento dei processi), quindi va minimizzato. Il tempo di overhead può dipendere dal supporto hardware della CPU

20 Context Switch (Cont.) (N.B. PCB = PD) (overhead) (overhead)

21 Thread Un thread (o processo leggero, lightweight process, LWP) è un'unità di esecuzione del programma associato a un processo; comprende almeno Program Counter e registri CPU (non tutti) uno stack (e uno Stack Pointer) Un thread condivide con i thread suoi pari (peer thread) sezione testo sezione dati risorse del S.O. (N.B. peer = "di pari livello"). Un processo tradizionale (processo pesante, heavyweight process) equivale a un task con soltanto un thread. I thread sono una soluzione elegante al problema di minimizzare l'overhead dello scheduler (context switch)

22 Thread (Cont.) Esempi d'uso: In un server a più thread, un thread principale è bloccato in attesa di connessioni da client, mentre altri thread possono eseguirsi. In applicazioni che richiedono un buffer comune (es. produttore consumatore), l'uso di più thread velocizza il programma. In un sistema WYSIWIG di trattamento di testo, dopo l'inserzione di un paragrafo, un thread può provvedere a riformattare tutto il testo, mentre un altro thread è pronto immediatamente ad accettare nuovi comandi dall'utente. Thread a livello Kernel: supportate direttamente nel kernel, con chiamate di sistema specifiche (Mach, OS/2, Linux). Thread a livello utente: implementate con un set di chiamate a routine di libreria che lavorano a livello utente (libreria Pthread, POSIX.1c). Pro e contro: Uno ULT (User level thread) è più veloce da commutare, e più leggero

23 Scheduling di Processi Pro memoria: scheduling = trovare un ordinamento ottimale di certe operazioni di un dato tipo, secondo alcune metriche prestazionali. Operazione fondamentale in molte parti di un S.O. Quasi tutte le risorse hardware di un calcolatore sono sottoposte a scheduling prima dell'uso (CPU, dischi, etc.). Scheduler a lungo termine (o job scheduler) tipico dei sistemi batch. Seleziona quali processi inserire nella ready queue e li carica in RAM. Scheduler a breve termine (o scheduler della CPU) seleziona qual'è il prossimo processo da eseguire, e gli alloca la CPU. Sistemi time sharing: lo scheduling a lungo termine è assente; sostituito da uno job scheduler a medio termine, che si occupa dello swapping dei task tra la RAM e il disco (zona di swap). Verrà esaminato in seguito

24 Scheduling di Processi (Cont.) CPU Running Terminated RAM Ready CPU scheduler In core asleep Swap in DISK Medium term scheduler Swapped out ready Swap out, total swap out Swapped out asleep New

25 Scheduling di Processi (Cont.) Scheduler a breve termine: chiamato molto di frequente (millisecondi) deve essere veloce. Scheduler a medio lungo termine: chiamato di rado (secondi; minuti) può essere lento. Lo scheduler a medio/lungo termine controlla il grado di multiprogrammazione, cioè il numero di processi concorrentemente in memoria

26 Cicli di Uso della CPU I processi possono essere caratterizzati come: Processi I/O bound passano più tempo in attesa di operazioni di I/O che in fasi di calcolo; molti burst di CPU, brevi. Processi CPU bound passano la maggior parte del tempo in fasi di calcolo; pochi burst di CPU, lunghi. Tutti i processi (senza eccezione) alternano continuamente l'esecuzione di cicli di CPU con cicli di attesa di I/O (istruzioni eseguite, per conto del processo, da un processore periferico) CPU I/O burst cycle. I burst di CPU tendono ad avere una distribuzione statistica ben delineata, con decadimento esponenziale o iper esponenziale

27 Cicli di Uso della CPU (Cont.) Distribuzione dei burst di CPU in funzione della durata (dati sperimentali)

28 Scheduling della CPU Scheduler della CPU (scheduler a breve termine): seleziona qual'è il prossimo processo da eseguire, e gli alloca la CPU. Le decisioni di scheduling possono aver luogo quando un processo: 1. Passa da stato Running a Waiting 2. Passa da Running a Ready per un interrupt o un trap 3. Passa da Running a Ready perchè rilascia volontariamente la CPU 4. Passa da Waiting a Ready 5. Termina. Uno scheduler che prende decisioni solo nei casi 1, 3 e 5 è senza prelazione (nonpreemptive) (una decisione deve comunque essere presa). Ogni altro tipo di scheduler è con prelazione (preemptive)

29 Scheduling della CPU (Cont.) New ammesso 2 interrupt/trap uscita 5 Terminated Ready rilascio CPU 3 Running 4 verificarsi di evento (o completamento I/O) dispatch Waiting 1 attesa di evento (o di I/O) N.B. un interrupt può essere causato dal timer di sistema (esaurimento del time slice del processo)

30 Scheduling della CPU (Cont.) Lo scheduling senza prelazione è molto più semplice, e non necessita di particolare supporto hardware, ma è meno efficiente. Lo scheduling con prelazione è in grado di intervenire "d'autorità" in qualunque circostanza, e pertanto di proteggere la risorsa "CPU" dall'uso indiscriminato di un singolo processo. Lo scheduling senza prelazione deve far affidamento sulla "cooperatività" di tutti i processi per funzionare correttamente; per questo può essere adatto a sistemi di tipo personale (PC), ma è inadeguato per un sistema multiutente time sharing

31 Criteri di Scheduling Influenzano la scelta dello specifico algoritmo di scheduling che si vuole adottare. Dipendono ovviamente dalle specifiche metriche prestazionali di interesse: Utilizzo CPU mantenere la CPU più occupata possibile (MAX) Throughput del sistema numero di processi che completano l'esecuzione nell'unità di tempo (MAX) Tempo di turnaround tempo necessario per eseguire un particolare processo (dall'avvio del processo alla sua terminazione) (MIN) Tempo d'attesa tempo che un processo ha speso nella ready queue (MIN) L'algoritmo di scheduling non influenza il tempo impiegato per eseguire il programma, ma il tempo perso in attesa della CPU. Tempo di risposta intervallo di tempo tra l'invio di una richiesta al programma e l'inizio della risposta (per ambienti interattivi); definibile anche come il tempo speso nella ready queue fino alla prima transizione in stato Running (MIN)

32 Scheduling FCFS Scheduling FCFS = First Come, First Served esempio per valutazione prestazioni: Processo Burst Time (msec) P 1 24 P 2 3 P 3 3 Ordine di arrivo: P 1, P 2, P 3 P 1 P 2 P Tempo d'attesa: P 1 = 0; P 2 = 24; P 3 =

33 Scheduling FCFS (Cont.) Ordine di arrivo: P 2, P 3, P 1 P 2 P 3 P P 1 Tempo d'attesa: P1 = 6; P2 = 0; P3 = 3 Tempo medio d'attesa: ( )/3 = 9/3 = 3 msec Molto meglio del primo caso. Effetto convoglio (convoy effect): molti processi brevi che aspettano dietro a un processo lungo. FCFS è senza prelazione, quindi inadeguato per il time sharing

34 Scheduling SJF Scheduling SJF = Shortest Job First; detto anche SJN (Shortest Job Next). Si associa ad ogni processo la lunghezza del suo prossimo burst di CPU; si seleziona il processo con la minima lunghezza. Due varianti: SJF senza prelazione una volta data la CPU a un processo, questo non può essere prelazionato fino al completamento del suo burst di CPU. SJF con prelazione se si presenta un nuovo processo con burst di CPU inferiore al tempo rimanente per il processo in esecuzione, questo viene prelazionato. Schema detto Shortest Remaining Time First (SRTF). SJF è ottimale: fornisce il minimo tempo medio di attesa possibile per un dato insieme di processi. Unico problema: occorre predire il futuro... Inadeguato (a meno di approssimazioni) per scheduling a breve termine Usato spesso per scheduling a lungo termine in sistemi batch, basandolo sul limite di tempo del processo, che viene specificato alla sottomissione

35 Scheduling SJF senza prelazione Esempio per valutazione prestazioni: Processo Tempo di arrivo Burst Time P P P P4 5 4 SJF Tempi (senza di arrivo prelazione): P 1 P 2 P 3 P 4 P 4 P 1 P 3 P Tempo medio di attesa: [0 + (8 2) + (7 4) + (12 5)] / 4 = P 1 P 2 P 3 P 4

36 Scheduling SJF con prelazione Stesso esempio: Processo Tempo di arrivo Burst Time P P P P4 5 4 SJF Tempi (con di arrivo prelazione): P 1 P 2 P 3 P 4 P P 1 P 2 P 3 P 2 P Tempo medio di attesa: [( ) + ( ) (7 5)] / 4 = ( )/4 = 12/4 = 3 msec

37 Scheduling con Priorità Scheduling con priorità (priority scheduling): si associa ad ogni processo una priorità (un intero), che dovrà variare dinamicamente Di solito, intero più piccolo = priorità massima. La CPU è data ogni volta al processo più prioritario Senza prelazione Con prelazione. SJF è uno scheduling con priorità: la priorità è la lunghezza (stimata) del prossimo burst di CPU. Problema (generale): starvation (blocco indefinito) processi a bassa priorità potrebbero non essere mai eseguiti. To starve = morire di fame Soluzione: tecnica dell' invecchiamento (aging) al passare del tempo, aumentare la priorità dei processi in attesa Soluzione pratica molto diffusa negli scheduler time sharing: priorità = f( T CPU / T eff )

38 Scheduling RR Scheduling RR = Round Robin adatto in particolare per sistemi realtime (hard o soft), o anche per sistemi time sharing. Viene data ad ogni processo una piccola quantità di tempo CPU (quanto di tempo time quantum, o timeslice). Dopo questo tempo, il processo è prelazionato e aggiunto in coda alla ready queue (che lavora come una coda circolare). Se ci sono n processi nella ready queue, e il timeslice è q, ogni processo ottiene 1/n del tempo CPU, in frazioni lunghe al massimo q unità di tempo alla volta. Nessun processo aspetta più di (n 1)q unità di tempo. Prestazioni: q grande FIFO (FCFS) q piccolo noto come processor sharing (condivisione di processore). N.B. q deve essere grande rispetto al context switch, altrimenti l'overhead

39 Scheduling RR (Cont.) Esempio per valutazione prestazioni: Processo Burst Time P P 2 60 P Si assume che tutti i processi siano arrivati contemporaneamente nella ready queue, nell'ordine indicato, e che nessun altro processo arrivi nel frattempo. P P 5 40 SJF: P 5 P 2 P 4 P 1 P

40 Scheduling RR (Cont.) RR, con timeslice = 70 msec.: Durata del timeslice P 1 P 2 P 3 P 4 P 5 P 1 P 3 P 4 P 1 P 3 P Tempo medio di attesa: ( )/5 = 300 msec. Tempo medio di risposta: ( )/5 = 134 msec. Tipicamente con RR si ottengono tempi di attesa (e quindi, a parità di programmi, tempi di turnaround) più alti di SJF, ma tempi di risposta molto migliori N.B. al diminuire del timeslice, il tempo medio di attesa cambia ma rimane pressochè invariato, mentre diminuisce sensibilmente il tempo di risposta;

41 Contesti particolari Sistemi multi CPU: Algoritmi più complessi Due categorie: Multiprocessing simmetrico (un'unica ready queue; load sharing) Multiprocessing asimmetrico (una sola CPU accede alle strutture dati del kernel; condivisione di dati più semplice non ci sono conflitti). Sistemi real time: Hard real time: task critici hanno limiti massimi di tempo di risposta Non si può usare paginazione di memoria né dischi (tempi di esecuzione hanno variazioni imprevedibili) Quindi, solo software special purpose su hardware dedicato. Soft real time: task critici hanno stabilmente maggior priorità degli altri Possono essere compatibili con sistemi time sharing classici (es

42 Latenza di Dispatch Latenza di dispatch: tempo tra il verificarsi di un evento e il suo trattamento. Parametro fondamentale per i sistemi interattivi e (soprattutto) real time Influenza direttamente il tempo di risposta. Problema: per assicurare la consistenza di strutture dati, i Kernel (incluso molte implementazioni di Unix) permettono un context switch solo: Al completamento di una chiamata di sistema (cioè: le chiamate di sistema non sono prelazionabili) Quando c'è un blocco per attesa di I/O In questi casi, la latenza di dispatch è inevitabilmente lunga. Soluzioni: Inserire punti di prelazionabilità nel codice di chiamate di sistema complesse

43 Latenza di Dispatch (Cont.) Solaris 2 ha un fully preemptible kernel (kernel totalmente prelazionabile); effetti sulla latenza di dispatch: Oltre 100 msec. con la prelazionabilità disabilitata 2 msec. con la prelazionabilità abilitata. Linux ha iniziato ad introdurre meccanismi per la prelazionabilità del kernel a partire dalla versione 2.0; la versione 2.4 ha un kernel quasi totalmente prelazionabile. Meccanismi: Semafori di kernel Spinlock (per SMP). Non sono disponibili misure esatte sulle prestazioni

44 Latenza di Dispatch (Cont.) Fase dei conflitti nel dispatching: Prelazione dei processi eventualmente attivi nel kernel Rilascio di risorse da parte di processi a bassa priorità, richieste da un processo a priorità maggiore

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Corso di Laurea Triennale in Informatica Università degli Studi di Bari Aldo Moro Anno Accademico 2012-2013 Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Sebastiano Pizzutilo Strutturazione del Sistema Operativo

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi. 1 Mattia Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2008/09 1 c 2009 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 14 - Thread in Java 1 Cos è un

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Realizzazione di un sistema timesharing Materiale didattico a cura di: Prof. A. Mazzeo Ing. L. Romano Ing. L. Coppolino Ing. A. Cilardo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE. Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione.

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE. Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione. UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione Tesi di Laurea Progettazione e sviluppo di un modulo per il task-scheduling per il

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO PD32 Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO Domanda #5 14/09/2000 Si dispone di un PD32 per effettuare il collaudo di un circuito integrato combinatorio con 5 ingressi e una uscita,

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 1: Introduzione ai sistemi operativi

Sistemi Operativi. Modulo 1: Introduzione ai sistemi operativi Sistemi Operativi Modulo 1: Introduzione ai sistemi operativi Renzo Davoli Alberto Montresor Copyright Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Capitolo 12 Intrusion Detection System I meccanismi per la gestione degli attacchi si dividono fra: meccanismi di prevenzione; meccanismi di rilevazione; meccanismi di tolleranza (recovery). In questo

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati Tipologie di pianificatori Pianificazione Intelligenza Artificiale e Agenti II modulo Pianificazione a ordinamento parziale (POP) (HTN) pianificazione logica (SatPlan) Pianificazione come ricerca su grafi

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi Sistemi Operativi Processi Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega 1 Processi indipendenti possono avanzare concorrentemente senza alcun vincolo

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Il Sistema Operativo: il File System

Il Sistema Operativo: il File System Il Sistema Operativo: il File System Il File System è quella parte del S.O. che si occupa di gestire e strutturare le informazioni memorizzate su supporti permanenti (memoria secondaria) I file vengono

Dettagli

Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi

Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi Interazione, sincronizzazione e comunicazione tra processi Classificazione Processi interagenti processi interagenti/indipendenti due processi sono indipendenti se l esecuzione di ognuno non è in alcun

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Ricerca non informata in uno spazio di stati

Ricerca non informata in uno spazio di stati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A5_2 V2.4 Ricerca non informata in uno spazio di stati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati.

I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati. gestione documentale I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati. In qualsiasi momento e da qualsiasi parte del mondo accedendo al portale Arxidoc avete la possibilità di ricercare, condividere

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi

Laboratorio di Sistemi Operativi II Semestre - Marzo/Giugno 2008 Matricole congr. 0 mod 3 File & Directory #include #include stat,fstat e lstat int stat (const char *pathname, struct stat *buf); int fstat (int

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Fig. 1 - L apparato radio CNR2000

Fig. 1 - L apparato radio CNR2000 EO ESCLUSIVA L articolo descrive la strategia seguita nella progettazione e realizzazione della funzionalità di Frequency Hopping per un apparato radio preesistente: la radio tattica CNR2000, di produzione

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione Pipeline Processori RISC Salti Appendice A: Storia Bibliografia Versione con i frame Versione in pdf Architettura del processore Una possibile

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

CREAZIONE DI UN FILE

CREAZIONE DI UN FILE #include #include CREAZIONE DI UN FILE fd = creat(filename, mode); int fd, mode; char *filename; La primitiva creat crea un file, se non ne esiste uno col nome specificato, oppure

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi Prof. S.Pizzutilo Elementi

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli