Oxygen HPC OpenMP fondamenti. Carmine Spagnuolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oxygen HPC OpenMP fondamenti. Carmine Spagnuolo"

Transcript

1 Oxygen HPC OpenMP fondamenti Carmine Spagnuolo

2 1 Oxygen HPC Cluster Oxygen Ambiente - Module Environment - Portable Batch System 2 OpenMP 31 fondamend Modello di esecuzione OpenMP core DireGve OpenMP Roadmap 2014 Università degli Studi di Salerno

3 1 Oxygen HPC Cluster Oxygen Ambiente - Module Environment - Portable Batch System 2 OpenMP 31 fondamend Modello di esecuzione OpenMP core DireGve OpenMP Roadmap 2014 Università degli Studi di Salerno

4 Hardware: 9 x DELL PowerEdge PowerEdge C6220: - Processors: 2 x Intel(R) Xeon E5-2680, 8C, 27GHz, 20M Cache, 8GT/s, 130W TDP, Turbo, HT,DDR3-800/1066/1333/1600 MHz; - Memory: 256GB DDR3; - Hard Drive: 6 x 1TB; - Network: 2 x Intel CorporaDon I350 Gigabit, 2 x Intel CorporaDon 82599EB 10- Gigabit SFI/SFP+ Oxygen 2014 Università degli Studi di Salerno

5 Hardware: 12 x GPU NVIDIA Tesla M2090: - CUDA Driver Version / RunDme Version: 55 / 55 - CUDA Capability Major/Minor version number: 20 - Total amount of global memory: 5GB - MulDprocessors, ( 32) CUDA Cores/MP: 512 CUDA Cores - GPU Clock rate: 1301 MHz (130 GHz) - Memory Clock rate: 1848 Mhz - Memory Bus Width: 384- bit - L2 Cache Size: bytes Oxygen 2014 Università degli Studi di Salerno

6 wwwisislabit:8092/phpldapadmin PBS ssh p Oxygen 2014 Università degli Studi di Salerno

7 Nodi Oxygen: - Oxygen[1-8] - Oxygen1 (2 GPU) - Oxygen5 (8 GPU) SSH - ssh p SSH Key Exchange - ssh- keygen t rsa - cat ssh/id_rsa >> ssh/authorized_keys Oxygen - Ambiente 2014 Università degli Studi di Salerno

8 L ambiente utente è gesdto tramite: Environment Modules - hop://modulessourceforgenet/ Uno strumento per aiutare gli utend a gesdre il loro ambiente di shell Unix o Linux, permeoendo di gesdre le variabili di ambiente in modo dinamico Modules can be loaded and unloaded dynamically and atomically, in a clean fashion Oxygen - Module 2014 Università degli Studi di Salerno

9 Environment Modules: module [ switches ] [ sub- command ] [ sub- command- args ] sub- command 1 available (av) 2 load module- name 3 unload module- name 4 whads module- name 5 list 6 swap module- name1 module- name2 7 purge Oxygen - Module 2014 Università degli Studi di Salerno

10 Oxygen - Module

11 Ambiente di esecuzione: Portable Batch System (PBS) è un sistema di gesdone e controllo del carico su un insieme di nodi: Queuing Scheduling Monitoring PBS 2014 Università degli Studi di Salerno

12 Flow di esecuzione: - Creazione: script Unix per comunicare i vari parametri del job PBS: tempo di esecuzione (walldme), numero e caraoerisdche delle risorse e come eseguire il job - So9omissione: comando qsub [opdons] script_name - Esecuzione: verificato stato comando qstat [opdons] queue- name? - Finalizzazione: quando un job termina lo standard output ed error sono salvad in file e copiad nella cartella dalla quale il job è stato sooomesso PBS 2014 Università degli Studi di Salerno

13 Job flow: - Creazione - Sooomissione DireGve: - #PBS - l walldme=hh:mm:ss - #PBS - l pmem=size- GB - #PBS - l nodes=n:ppn=m (N può essere un pardcolare nodo del sistema) - #PBS - q queuename - #PBS j file_name Modalità interagva: - qsub - I - l nodes=1:ppn=1 - l walldme=4:00:00 PBS 2014 Università degli Studi di Salerno

14 Job flow: - Creazione: script Unix per comunicare i vari parametri del job PBS: tempo di esecuzione (walldme), numero e caraoerisdche delle risorse e come eseguire il job PBS 2014 Università degli Studi di Salerno

15 TORQUE PBS, basato sul progeoo PBS originale (OpenPBS, NASA Ames Research Center): - hop://wwwadapdvecompudngcom/products/open- source/torque/ - hop://wwwadapdvecompudngcom/support/download- center/torque- download/ - Feature: 1 Fault Tolerance 2 Scheduling Interface 3 Scalability 4 Usability PBS TORQUE MAUI Scheduler 2014 Università degli Studi di Salerno

16 MAUI scheduler: - hop://wwwadapdvecompudngcom/products/open- source/maui/ (registrazione) - Features: 1 Scalability 2 Rich administrator dashboard tools 3 Simplified HPC job submission and management 4 Grid and muld- cluster workload management capabilides 5 Enforce usage accoundng budgets or provide pay- for use PBS TORQUE MAUI Scheduler 2014 Università degli Studi di Salerno

17 TORQUE PBS installazione: /configure - - with- default- server=one - - with- server- home=/oxygen/var/ spool/pbs - - with- rcp=scp - - with- debug - - enable- nvidia- gpus - - with- nvml*- include=/oxygen/compilers/cuda/55/include - with- nvml- lib=/oxygen/ compilers/cuda/55/lib64 2>&1 tee configure_torquelog make j numero_di_processi make packages torque- package- clients- linux- x86_64sh - - install torque- package- devel- linux- x86_64sh install (solo head node) torque- package- doc- linux- x86_64sh install (solo head node) torque- package- mom- linux- x86_64sh - - install torque- package- server- linux- x86_64sh install (solo head node) trucco echo /opt/torque/lib > /etc/ldsoconfd/torqueconf *NVIDIA Management Library (NVML): A C- based API for monitoring and managing various states of the NVIDIA GPU devices PBS TORQUE MAUI Scheduler 2014 Università degli Studi di Salerno

18 MAUI scheduler installazione: /configure - - with- pbs=/opt/torque - - with- spooldir=/opt/maui make j numero_di_processi make install Configurazione ambiente PBS e MAUI: oxyegn_set_envsh in /etc/profiled/ #oxygen setup /etc/profiled/modulessh export PATH=$PATH:/opt/torque/bin:/opt/torque/sbin:/opt/maui/sbin:/ opt/maui/bin NOTE OpenMPI /configure - - prefix=/oxygen/compilers/mpi/openmpi/ java- - oracle- 160_ enable- mpi- java - - with- jdk- bindir=/oxygen/compilers/java/oracle/160_25/bin - - with- jdk- headers=/oxygen/compilers/java/oracle/160_25/include - - with- tm=/opt/torque - - enable- mpi- thread- muluple PBS TORQUE MAUI Scheduler 2014 Università degli Studi di Salerno

19 Tempi di esecuzione: UDlizzare le API disponibili nella piaoaforma udlizzata Soluzione Veloce- Veloce Ume ls ac aout myjoberr real 0m0004s wall clock Dme (from start to finish the call) user 0m0003s CPU Dme (user- mode code) sys 0m0000s - CPU Dme (kernel code) user+sys CPU total Ume Oxygen performance 2014 Università degli Studi di Salerno

20 PBS Demo

21 1 Oxygen HPC Cluster Oxygen Ambiente 1 Oxygen HPC Cluster Oxygen Module Environment - Portable Batch System 2 OpenMP 31 fondamenu Roadmap 2014 Università degli Studi di Salerno

22 OpenMP (Open MulDprocessing) è un API muldpiaoaforma per la creazione di applicazioni parallele su sistemi a memoria condivisa (Fortran, C e C++) L obiegvo principale di OpenMP è quello di semplificare lo sviluppo di applicazioni muldthread RiferimenD: hop://openmporg/ hop://openmporg/mp- documents/omp- hands- on- SC08pdf Common Mistakes in OpenMP and How To Avoid Them A CollecUon of Best PracUces, Michael Süß and Claudia Leopold OpenMP Università degli Studi di Salerno

23 Compilatori: GNU: gcc 42 in poi [- fopenmp] Oracle [- xopenmp] Intel [- Qopenmp or openmp] PGI (Portland Group Compilers and Tools) [- mp] hop://openmporg/wp/openmp- compilers/ OpenMP Università degli Studi di Salerno

24 OpenMP 31

25 OpenMP 31

26 OpenMP 31

27 OpenMP core syntax I costrug udlizzad in OpenMP sono diregve al compilatore: #pragma omp construct [clause [clause] ] Esempio: #pragma omp parallel num_threads(4) ProtoDpi delle funzioni e i Dpi: #include <omph> Compilazione GCC: gcc - fopenmp hellompc - o helloout HelloWorld Example: #ifdef _OPENMP #include <omph> #endif void main() { #pragma omp parallel { int ID=omp_get_thread_num(); prin ( hello(%d),id); prin ( world(%d)\n,id); hello(3)hello(1)hello(5)world(5) hello(0)world(0) world(3) world(1) hello(2)world(2) hello(4)world(4) OpenMP 31

28 OpenMP Creazione dei Thread Fork- Join Parallelism: il master thread distribuisce un team di thread dinamicamente OpenMP Fork-Join Parallelism 2014 Università degli Studi di Salerno

29 OpenMP Fork-Join model

30 OpenMP creazione dei Thread Il construoo parallel consente di creare i thread Definizione del numero di thread: 1 Clausola alla diregva parallel: #pragma omp parallel num_threads(4); 2 RunDme funcdon: omp_set_thread_num(x); 3 Environment variable: export OMP_NUM_THREADS=x Example: #ifdef _OPENMP #include <omph> #endif void main() { double A[1000]; omp_set_num_threads(4); #pragma omp parallel { int ID=omp_get_thread_num(); func(id,a); BARRIER prin ( all done\n ); OpenMP 31

31 OpenMP sincronizzazione DireGve: cridcal atomic barrier ordered flush lock (simple e nested) In presuto da Golang OpenMP 31

32 OpenMP sincronizzazione DireGve: criucal solo un thread alla volta entra nella regione cridca atomic barrier ordered flush lock (simple e nested) criucal Example: float res; #pragma omp parallel { float B; int i,id,nthrds; id=omp_get_thread_num(); nthrds=omp_get_num_threads(); for(i=id;i<niters;i+nthrds){ B=big_job(); #pragma omp criucal cosume(b,res); I thread aoendono il loro turno e solo un thread alla volta chiama la consume OpenMP 31

33 OpenMP sincronizzazione DireGve: cridcal atomic operazioni in mutua esclusione barrier ordered flush lock (simple e nested) atomic Example: #pragma omp parallel { double tmp, B; B = DOIT(); tmp = big(b); #pragma omp atomic X += tmp; Operazione atomica solo sulla leoura/ aggiornamento di X OpenMP 31

34 OpenMP sincronizzazione DireGve: cridcal atomic barrier ogni thread aoende finché tug non raggiungono la barriera ordered flush lock (simple e nested) barrier Example: #pragma omp parallel { #pragma omp master prin ( I am the MASTER\n ); prin ( ID %d,id); #pragma omp barrier prin ( all done\n ); OpenMP 31

35 OpenMP sincronizzazione DireGve: cridcal atomic Barrier ordered flush lock (simple e nested) OpenMP 31 ordered Example: int i=0; #pragma omp parallel for schedule(stauc)\ ordered for ( i = 0; i <= 10; ++i) { // Do something here #pragma omp ordered prin ("test() iteradon %d\n", i); test() iteradon 0 test() iteradon 1 test() iteradon 2 test() iteradon 3 test() iteradon 4 test() iteradon 5 test() iteradon 6 test() iteradon 7 test() iteradon 8 test() iteradon 9 test() iteradon 10

36 OpenMP sincronizzazione DireGve: cridcal atomic barrier ordered flush lock (simple e nested) flush Example: double A; A = compute(); flush(a); // flush to memory to make sure other // threads can pick up the right value Definisce un sequence point dove ad ogni thread è garandta la consistenza della memoria OpenMP 31

37 OpenMP sincronizzazione DireGve: cridcal atomic barrier ordered flush lock (simple e nested) Modello di memoria: Relaxed Consistency Variante della weak consistency Le operazioni S rispeoano l ordine sequenziale in ogni thread Le operazioni di W e R non possono essere riordinate rispeoo le operazioni S: S W, S R, R S, W S, S S (S=sincronizzazione, W=write e R=read) OpenMP 31

38 OpenMP sincronizzazione DireGve: cridcal atomic barrier ordered flush lock (simple e nested) simple lock Example: Il rilascio del lock implica il flush delle variabili visibili da tug I thread omp_lock_t lck; omp_init_lock(&lck); #pragma omp parallel private (tmp, id) { id = omp_get_thread_num(); tmp = do_lots_of_work(id); omp_set_lock(&lck); prin ( %d %d, id, tmp); omp_unset_lock(&lck); omp_destroy_lock(&lck); OpenMP 31

39 OpenMP Worksharing Consentono la distribuzione dell esecuzione di una regione di codice (in a clever fashion) Worksharing: 1 loop 2 secdons/secdon 3 single 4 task Barriera implicita in uscita ma non in ingresso (clausola nowait può eliminarla) OpenMP 31

40 OpenMP Worksharing Worksharing: 1 loop 2 secdons/secdon 3 Single 4 task La variabile i diventa automadcamente privata ad ogni thread, ciò può anche essere realizzato tramite la clausola private(i) for Example: #pragma omp parallel { #pragma omp for for (i=0;i<n;i++){ independent_work(i); OpenMP 31

41 OpenMP Worksharing Worksharing: 1 loop 2 secdons/secdon 3 Single 4 task Clausola schedule: StaDc: esecuzione divisa in chunk, assegnazione round- robin Dynamic: ogni thread richiede un chunk alla volta Guided: esecuzione divisa in chuck di taglia differente, assegnazione dinamica (caso speciale Dynamic) Run- Dme: controllato da variabili di ambiente OpenMP 31 for Example: Codice sequenziale: for (i=0;i<n;i++){ a[i]=a[i]+b[i]; Single Program MulCple Data: #pragma omp parallel { int id, i, Nthrds, istart, iend; id = omp_get_thread_num(); Nthrds = omp_get_num_threads(); istart = id * N / Nthrds; iend = (id+1) * N / Nthrds; if (id == Nthrds- 1) iend = N; for(i=istart;i<iend;i++) {a[i]=a[i]+b[i]; Worksharing: #pragma omp parallel schedule(stauc,1) { #pragma omp for for (i=0;i<n;i++){ work(i);

42 OpenMP Worksharing Worksharing: 1 loop 2 secdons/secdon 3 Single 4 Task Trucco per testare la dipendenza: Verificare che un loop sequenziale produca lo stesso risultato in reverse order OpenMP 31 for Example: int i, j, A[MAX]; j = 5; for (i=0;i< MAX; i++) { j +=2; A[i] = big(j); int i, A[MAX]; #pragma omp parallel for for (i=0;i< MAX; i++) { int j = 5 + 2*i; A[i] = big(j); Data dependencies: A[0] = 0; A[1] = 1; for(i = 3; i < 99; i++){ A[i] = A[i- 1] + A[i- 2];

43 OpenMP Worksharing Worksharing: 1 loop 2 secdons/secdon 3 single 4 task Clausola collapse(n) for Example: NO error nested loop #pragma omp parallel { #pragma omp for for (i=0;i<n;i++){ #pragma omp for for (j=0;j<n;j++){ work(i,j); #pragma omp parallel for collapse(2) for (i=0;i<n;i++){ for (j=0;j<n;j++){ work(i,j); OpenMP 31

44 OpenMP Worksharing Worksharing: 1 loop 2 secdons/secdon 3 single 4 task Clausola reducdon(op,var): op: +, -, *, MIN,MAX var: shared Viene creata una copia locale della variabile (inizializzata in modo appropriato +,0 *,1 +,0) alla terminazione della regione parallela viene aggiornato il valore della variabile condivisa for Example: double ave=00, A[MAX]; int i; for (i=0;i< MAX; i++) { ave + = A[i]; ave = ave/max; double ave=00, A[MAX]; int I; #pragma omp parallel for reducuon (+:ave) for (i=0;i< MAX; i++) { ave + = A[i]; ave = ave/max; OpenMP 31

45 OpenMP Worksharing Worksharing: 1 loop 2 secuons/secuon 3 single 4 task OpenMP 31 for Example: int main() { #pragma omp parallel secuons\ num_threads(4) { prin ("Hello from thread OUT %d\n", omp_get_thread_num()); prin ("Hello from thread OUT %d\n", omp_get_thread_num()); #pragma omp secuon prin ("Hello from thread %d\n", omp_get_thread_num()); #pragma omp secuon prin ("Hello from thread %d\n", omp_get_thread_num()); #pragma omp secuon Hello from thread 0 prin ("Hello from thread %d\n", Hello from thread 0 omp_get_thread_num()); Hello from thread OUT 3 #pragma omp secuon Hello from thread OUT 3 prin ("Hello from thread %d\n", Hello from thread 1 omp_get_thread_num()); Hello from thread 2

46 OpenMP Worksharing Worksharing: 1 loop 2 secdons/secdon 3 single 4 task Denota un blocco di codice eseguibile da un solo thread single Example: #pragma omp parallel { do_many_things(); #pragma omp single { exchange_boundaries(); do_many_other_things(); Alla terminazione del blocco è presente una barriera implicita OpenMP 31

47 OpenMP Worksharing Worksharing: 1 loop 2 secdons/secdon 3 single 4 task DireGva introdooa in OpenMp 30 e migliorata in 31 e 40 Task sono unità di lavoro indipendend Ogni task viene assegnato a un thread Il rundme system decide dinamicamente come eseguire i task OpenMP 31

48 OpenMP Worksharing Worksharing: 1 loop 2 secdons/secdon 3 single 4 task Un thread prepara l esecuzione dei task: packaging (code and data) execudon (un thread del team esegue il task) I task sono gesdd in una coda OpenMP garandsce che alla terminazione della regione parallela ogni task è terminato OpenMP 31

49 OpenMP Worksharing Worksharing: 1 loop 2 secdons/secdon 3 Single 4 task La diregva task è udle per la parallelizzazione di paoern irregolari e funzioni ricorsive Soluzione 1: Troppa sincronizzazione (nested parallel regions) Poca flessibilità OpenMP 31 task Example: Soluzione 1: void preorder(node *p) { process(p- >data); #pragma omp parallel secuons if (p- >le ) #pragma omp secuon preorder(p- >le ); if (p- >right) #pragma omp secuon preorder(p- >right); Soluzione 2: void preorder (node *p) { process(p- >data); If (p- >le ) #pragma omp task preorder(p- >le ); if (p- >right) #pragma omp task preorder(p- >right);

50 OpenMP Worksharing Worksharing: 1 loop 2 secdons/secdon 3 Single 4 task Sincronizzazione task: taskwait task Example: void traverse(node *p) { If (p- >le ) #pragma omp task traverse(p- >le ); if (p- >right) #pragma omp task traverse(p- >right); if(postorder) #pragma omp taskwait process(p- >data); OpenMP 31

51 OpenMP RunUme Library Modificare/Verificare il numero di thread: - omp_set_num_threads(n) - omp_get_num_threads() - omp_get_thread_num() - omp_get_max_threads() Regione parallela? - omp_in_parallel() GesDone dinamica del numero di thread tra le regioni parallele: - omp_set_dynamic() - omp_get_dynamic() Numero di processori disponibili? - omp_num_procs() OpenMP 31

52 OpenMP Data sharing Nei costrug è possibile definire la visibilità delle variabili: shared private firstprivate, privata ma inizializzata col valore della variabile prima della regione parallela Thread number: 5 x: 5 lastprivate, privata ma alla terminazione della regione Thread number: 9 x: 9 parallela il valore è quello dell uldma Thread number: iterazione 4 x: 4 OpenMP 31 lastprivate Example: x=44; #pragma omp parallel for lastprivate(x) for(i=0;i<=10;i++){ x=i; prin ("Thread number: %d x: %d \n",omp_get_thread_num(),x); prin ("x is %d\n", x); Thread number: 1 Thread number: 2 Thread number: 7 Thread number: 3 Thread number: 8 Thread number: 10 Thread number: 0 Thread number: 6 x is 10 x: 1 x: 2 x: 7 x: 3 x: 8 x: 10 x: 0 x: 6

53 PADABS 2014 Università degli Studi di Salerno

54 wwwdmasonorg wwwisislabit

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 14 - Thread in Java 1 Cos è un

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio:

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio: Flops FLOPS e' un'abbreviazione di Floating Point Operations Per Second e indica il numero di operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo dalla CPU. (Top500 e il BlueGene) Ad esempio nel caso del

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi Sistemi Operativi Processi Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega 1 Processi indipendenti possono avanzare concorrentemente senza alcun vincolo

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

I Metacaratteri della Shell Unix

I Metacaratteri della Shell Unix I Metacaratteri della Shell Unix La shell Unix riconosce alcuni caratteri speciali, chiamati metacaratteri, che possono comparire nei comandi. Quando l utente invia un comando, la shell lo scandisce alla

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Corso di Laurea Triennale in Informatica Università degli Studi di Bari Aldo Moro Anno Accademico 2012-2013 Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Sebastiano Pizzutilo Strutturazione del Sistema Operativo

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Zeroshell su HP Microserver

Zeroshell su HP Microserver Zeroshell su HP Microserver Introduzione Un Captive Portal su HP Microserver Approfondisco l argomento Zeroshell, mostrando la mia scelta finale per la fornitura di un captive portal in versione boxed,

Dettagli

L'ambiente UNIX: primi passi

L'ambiente UNIX: primi passi L'ambiente UNIX: primi passi Sistemi UNIX multiutente necessità di autenticarsi al sistema procedura di login Login: immissione di credenziali username: nome identificante l'utente in maniera univoca password:

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

OS X come piattaforma di analisi : Diskarbitrationd

OS X come piattaforma di analisi : Diskarbitrationd Maurizio Anconelli OS X come piattaforma di analisi : Diskarbitrationd Con la crescente diffusione sui desktop di giovani e professionisti, il sistema operativo della mela morsicata inizia a rivestire

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

SSH: uso quotidiano. LinuxDay 2k12. mailto:johnnyrun@linuxvar.it

SSH: uso quotidiano. LinuxDay 2k12. mailto:johnnyrun@linuxvar.it SSH: uso quotidiano LinuxDay 2k12 mailto:johnnyrun@linuxvar.it Cosa?? - intro supersonica su ssh - non posso vivere senza... - Troppi host e poca memoria (dell'op) - networking e ssh - il mio ambiente

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fulvio Corno Antonio Lioy Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica v. 4.02 01/09/2009 Indice 1 Introduzione 2 1.1 Nota metodologica........................................

Dettagli

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Realizzazione di un sistema timesharing Materiale didattico a cura di: Prof. A. Mazzeo Ing. L. Romano Ing. L. Coppolino Ing. A. Cilardo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Pipe Cos'è un pipe? E' un canale di comunicazione che unisce due processi Caratteristiche: La più vecchia

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

24 TIRANTI - PULL STUDS - ANZUGSBOLZEN - TIRETTES

24 TIRANTI - PULL STUDS - ANZUGSBOLZEN - TIRETTES Pag. 339 DIN 69872 340 ISO 7388/2 A 341 ISO 7388/2 B 342 CAT - METRIC 343 MAS 403 BT 344 JS - B 6339 345 347 OTT - HURCO MITSUI - KITAMURA C.B. FERRARI CHIRON - CINCINNATI etc. etc. 348 CHIAVE DINAMOMETRICA

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Castelli Flavio Email flavio.castelli@gmail.com Sito web personale http://www.flavio.castelli.name Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL CIRCUITI INTEGRATI Costruzione di circuiti (logici e non) su un substrato di silicio. Non solo la parte attiva, ma anche le connessioni tra le porte. Incredibile miglioramento nelle prestazioni, nell affidabilità

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed 1 Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed Laboratorio di Sistemi Operativi I Anno Accademico 2008-2009 Copyright 2005-2007 Francesco Pedullà, Massimo Verola Copyright 2001-2005 Renzo Davoli,

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...)

Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...) Analisi di sistemi compromessi (ricerca di rootkit, backdoor,...) Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi Introduzione al VHDL Alcuni concetti introduttivi Riferimenti The VHDL Cookbook, Peter J. Ashenden, Reperibile nel sito: http://vlsilab.polito.it/documents.html The VHDL Made Easy, David Pellerin, Douglas

Dettagli