40. Le transizioni fra stati Lo schema di transizione fra stati può essere rappresentato graficamente nel modo seguente :

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "40. Le transizioni fra stati Lo schema di transizione fra stati può essere rappresentato graficamente nel modo seguente :"

Transcript

1 32. Il Sistema Operativo : definizione e struttura Il SO è un insieme di programmi le cui funzioni principali sono costituire un interfaccia tra la macchina e l utente e gestire in modo ottimale le risorse del sistema. Il SO ha una schematizzazione a strati o a cipolla, dove ogni strato può essere visto come un modulo software eseguito sfruttando quanto è messo a disposizione dello strato sottostante. Si dice anche che ogni strato è una macchina virtuale per gli strati superiori, cioè che a qualsiasi livello si collochi, gli strati sottostanti vengono visti come oggetto unico, come se fosse una macchina fisica che fornisce le primitive attraverso le quali è possibile interagire con esso, che opera su particolari tipi di oggetti e accetta specifici comandi. La struttura di un S.O. è gerarchica : questo significa che i programmi che lo compongono si collocano a livelli diversi, si servono di programmi che stanno ai livelli sottostanti e servono i programmi dei livelli superiori. 33. Elaborazione batch Con questo termine si fa riferimento ai primi sistemi operativi (batch monoprogrammati) che avevano lo scopo di svincolare il sistema dalle attese improduttive, eliminando gli intervalli tra la fine dell esecuzione di un programma e l inizio del successivo. Il sistema operativo doveva essere dotato di un programma speciale, sempre residente in memoria centrale, che raccoglieva i lavori (job) presentati dagli utenti e li eseguiva in successione. Nell elaborazione batch l utente non interagiva con il calcolatore durante l esecuzione dei programmi. Al contrario, occorreva preparare prima di tutto il lavoro da svolgere, e al termine si otteneva il risultato. Il lavoro batch può quindi essere considerato l opposto di interattività. Il termine elaborazione batch o a lotti è ancora in uso oggi e significa che i dati necessari all elaborazione sono accumulati in una memoria ausiliaria durante un certo periodo di tempo : a una scadenza prefissata vengono elaborati tutti insieme ( in un unico lotto) dai programmi applicativi. (Es. procedura stampa cedolini paga). 34. Time sharing Il time sharing, o condivisione di tempo, è un modello di sistema operativo che si basa su una politica di gestione della CPU che prevede l assegnazione del processore a turno ai vari programmi utente per un limitato periodo di tempo, chiamato time-slice o quanto. Se le commutazioni tra utenti sono abbastanza frequenti, ognuno ha la sensazione di lavorare su una macchina dedicata. La velocità della CPU costituisce un parametro critico di un sistema dove essa viene gestita in time-sharing. Per evitare i sovraccarichi occorre eseguire in ogni time slice un numero sufficiente di operazioni di CPU, che deve essere comunque molto più grande del numero di istruzioni eseguite per effettuare i riassegnamenti. Il time slice deve essere piccolo per garantire che in un tempo impercettibile da una persona, per esempio un secondo, si trovi un numero elevato di time slice, per poter offrire il servizio a tutti gli utenti almeno una volta. Riducendo il numero di time slice, il numero delle commutazioni tra utenti cresce troppo e di conseguenza il tempo dedicato alle routine di sistema diviene eccessivo ( system overhead o più precisamente system overload). In questa modalità di lavoro assumono grande importanza 2 parametri : la velocità della CPU e la dimensione della MC. Nei sistemi operativi monoutente, la tecnica di time-sharing è meglio nota con il termine multitasking 35. La multiprogrammazione, la monoprogrammazione e la multiutenza, la monoutenza Multiprogrammazione significa che più processi sono caricati in MC ed avanzano in parallelo;l obiettivo è di non lasciare inattiva la CPU.. Quando un processo richiede ad esempio un operazione di I/O, viene messo in attesa per eseguire un altro processo, migliorando il rendimento del processore. La tecnica della multiprogrammazione ha permesso lo sviluppo dei sistemi operativi multiutente e del time-sharing; non implica la multiutenza (basta pensare al multitasking). Monoprogrammazione significa che in MC è caricato un solo processo; implica la monoutenza. La monoutenza, cioè quando vi è un solo utente, non implica però la monoprogrammazione, mentre la multiutenza implica la multiprogrammazione. 36. Il gestore dei processori La componente principale dell elaboratore è la CPU. Tutti i programmi hanno bisogno della CPU per essere eseguiti, ma questa è unica e quindi viene contesa dai vari processi in esecuzione. Riveste allora particolare importanza quella parte del S.O. che si occupa dell assegnazione della CPU ai singoli lavori che ne chiedono l uso ovvero il gestore dei processori. Le funzioni che deve svolgere sono : 1. mantenere aggiornato lo stato del processore (Libero/occupato) 2. decidere a quale processo assegnare il processore quando se ne presenti la necessità 3. assegnare il processore al processo (quello scelto) 4. riprendere il controllo del processore quando il processo è terminato o sospeso. I moduli più importanti sono: - lo scheduler dei lavori (job scheduler o long term scheduling); - lo schedulatore dei processi (process scheduler o short term scheduling); - il controllore del traffico (traffic controller o dispatcher). I due moduli di scheduling utilizzano particolari politiche di scelta basati su criteri quali massimizzare l utilizzo della CPU; massimizzare il numero dei programmi eseguiti nell unità di tempo; -minimizzare il tempo di turn-around e di risposta; garantire a tutti gli utenti un servizio omogeneo in termini di tempo d attesa.

2 37. Job scheduler e process scheduler Il job scheduler sceglie, fra quelli proposti, i lavori da eseguire e li carica da MdM in MC creando i relativi processi. Si occupa quindi della transazione da stato hold a stato ready di un processo. I descrittori di tutti i lavori sono organizzati in una lista che il job scheduler scandisce al fine di determinare quale lavoro portare in MC per l esecuzione. Tra tutti i lavori che hanno queste caratteristiche bisognerà effettuare una scelta e a questo scopo sono state definite diverse politiche : FIFO : i lavori sono ordinati in una lista in ordine di arrivo. Il primo lavoro inserito nella lista sarà il primo a passare dallo stato Hold allo stato Ready. E una politica molto semplice da gestire ma non permette una reale ottimizzazione delle risorse PRIORITA STATICA : a ogni lavoro è assegnato un valore ( priorità) che indica il livello di importanza del lavoro. La priorità è memorizzata nel JCB di ciascun lavoro e può essere assegnata dal responsabile del centro. Il job scheduler sceglierà allora il lavoro che ha la priorità maggiore: tra quelli con pari priorità potrà essere la politica Fifo PRIORITA DINAMICA : affinchè non ci siano lavori che permangono troppo tempo in coda perché ce ne sono altri con priorità maggiore, il S.O. aumenta il valore della priorità in funzione del tempo di permanenza del lavoro in coda. Per poter attuare questa politica è necessario inserire nel JCB un informazione che indichi il momento di inserimento del descrittore nella lista, cioè il tempo in cui è stata richiesta l esecuzione del programma. Il process scheduler invece opera sulla lista dei processi in stato ready e sceglie, in base ad una particolare politica di scheduling, quale processo portare in stato run. Esso è in grado di compiere questa funzione secondo una delle seguenti politiche : round robin : il processore viene assegnato a turno, per un intervallo di tempo stabiito, ai processi nell ordine in cui questi ne hanno fatto richiesta. La coda è gestita con il metodo FIFO e quindi tutti gli inserimenti provenienti dalla coda ready o dalla cosa di wait avvengono al fondo. Round robin a percentuale di tempo : con la tecnica precedente i processi che richiedono molte operazioni di I/O sono penalizzati rispetto a quelli che ne richiedono meno perché il rientro dallo stato di wait significa l inserimento del processo al fondo della coda. La tecnica a percentuale di tempo è una variante del round robin : il processo non verrà inserito necessariamente al fondo, ma la posizione di rientro nella coda dipende dalla percentuale di tempo di CPU utilizzata. Questo significa che se un processo lascia il processore perché richiede un I/O, e quindi non ha ancora esaurito il proprio time-slice, il suo rientro nella coda non sarà più al fondo ma tanto più avanti quanto minore è la percentuale di tempo di CPU utilizzata prima dell interruzione. Round robin limitato : è ancora una variante del round robin. E prefissato un numero di time slice che un processo può utilizzare : terminati questi time slice che sono gestiti con la tecnica del round robin tradizionale, il processo è inserito in una nuova coda che sarà presa in considerazione solo quando la coda del round robin è esaurita 38. Il concetto di processo e di stati Il concetto di Processo è fondamentale in sistemi caratterizzati da più attività che possono essere svolte logicamente in parallelo. Esso descrive, in termine di operazione eseguite dalla CPU, il comportamento di un programma in esecuzione. Un programma è un entità statica (passiva) che descrive le azioni da compiere, mentre un processo è un entità dinamica (attiva) che rappresenta l esecuzione di tali azioni. Ogni volta che si lancia un istanza di programma si avvia un processo che è dunque un entità astratta e dinamica. Ogni processo ha un insieme di dati ad esso riferiti: è un area dati contenente informazioni relative all identità del processo ed alla sua eventuale priorità e altro. Viene chiamato Descrittore del Processo Gli stati del processo sono: - run, il processo è in esecuzione ovvero gli è stata assegnata la CPU; - wait, il processo non può avanzare in quanto non ha tutte le risorse a disposizione (ad esempio è in attesa di I/O); - ready, il processo ha a disposizione tute le risorse necessarie ma non il processore (CPU); -terminate, il processo è terminato; - hold, il. il programma si trova ancora su MdM.

3 39. Il concetto di risorsa e la classificazione Perché un processo posso evolvere nel tempo, occorre che possa disporre di tutti gli oggetti necessari per l esecuzione di quanto descritto nel programma ovvero delle risorse che possono essere definite, quindi, come gli elementi hardware e/o software che condizionano l avanzamento di un processo. Le risorse possono essere classificate in vari modi : Hardware o Software Permanenti(può essere utilizzata ripetutamente) o Consumabili (viene creata da un processo e utilizzata da un altro) Seriali (un solo processo alla volta) o Parallele (più processi in parallelo) SUL LIBRO SI PARLA DI MOLTEPLICITA Interrompibili ( è seriale ma è possibile che passi ciclicamente da un processo ad un altro) 40. Le transizioni fra stati Lo schema di transizione fra stati può essere rappresentato graficamente nel modo seguente : RUN HOLD READY TERMINA TE WAIT Il significato delle varie transizioni è il seguente : da Hold a Ready : il processo viene caricato da Memoria di Massa in Memoria centrale. (job scheduler in collaborazione con il gestore della memoria) da Ready a Run : al processo viene assegnata la CPU e viene quindi mandato in esecuzione (process scheduler) da Run a Terminate : il processo termina e rilascia tutte le risorse da Run a Wait : il processo ha richiesto un operazione di I/O o ha bisogno di risorse diverse dalla CPU da Run a Ready : il processo ha terminato il time slice a sua disposizione da Wait a Ready : l operazione di I/O o la risorsa richiesta e attesa dal processo è stata concessa e il processo ritorna in stato ready 44. Il gestore della memoria E il modulo del sistema operativo che si occupa di gestire in modo ottimale la risorsa memoria centrale. Un programma, prima di essere eseguito, deve essere caricato nella memoria centrale : gli deve essere cioè assegnata una certa quantità di byte in memoria centrale in grado di contenere la sua zona dati ( le variabili) e la sua zona istruzioni ( scritte in LM). Il gestore della memoria (memory management) è formato dai moduli del S.O. che si occupano di: tenere aggiornato lo stato di ogni locazione di memoria ( libera o occupata) assegnare la memoria centrale ai processi che ne fanno richiesta gestire il recupero della memoria centrale quando un processo termina. Il Gestore della Memoria affronta un duplice problema legato alla mappa della memoria a) rilocare il codice b) allocare ai processi la quantità di memoria necessaria

4 45. La rilocazione La rilocazione è la funzione che trasforma da spazio fisico a spazio logico. In multiprogrammazione la memoria disponibile viene ogni momento suddivisa tra i vari processi. Il programmatore, al momento della stesura del software non può sapere in quale zona della memoria sarà allocato per l esecuzione quindi non può scrivere il programma in termini di indirizzi assoluti di memoria ma solo di indirizzi relativi che fanno riferimento ad un indirizzo base ipotetico. E basilare quindi che il SO sia in grado di rilocare cioè tradurre gli indirizzi relativi in indirizzi assoluti. Esistono tre metodi di rilocazione: assoluta, statica e dinamica che si differenziano per il momento in cui esse avvengono. La rilocazione assoluta avviene nella fase di compilazione o linker ed è quindi utilizzabile solo in monoprogrammazione. La rilocazione statica avviene al momento del caricamento del processo in memoria centrale. La rilocazione dinamica avviene nel momento dell esecuzione di ogni singola istruzione : è il metodo più sofisticato, consente di poter spostare un processo in memoria centrale durante la sua esecuzione e richiede un hardware adeguato. 46. L allocazione a partizioni statiche Le partizioni vengono prestabilite e non vengono più cambiate né in numero né in dimensioni. La scelta iniziale è fatta da una stima del carico tipico raccogliendo informazioni. Il sistema può periodicamente ri-caricare il sistema con nuove partizioni. Quando un processo passa in stato ready verrà scelta la partizione libera adatta per quel processo. In ogni partizione può essere allocato un solo processo. Esistono 2 tipi di algoritmi di scelta : FIRST FIT nel quale viene scelta la prima partizione libera di dimensione sufficiente viene occupata dal processo; BEST FIT nel quale viene scelta la migliore ( nel senso quella che lascia meno spazio non occupato) partizione libera. La rilocazione utilizzata con questo metodo di allocazione è quella statica. Il metodo provoca il fenomeno della frammentazione interna e inoltre esistono alcuni problemi quali il fatto che un processo potrebbe non andare in esecuzione perché nessuna partizione libera è sufficiente a contenerlo nonostante la somma delle aree libere sarebbe sufficiente e l impossibilità per un processo di andare in esecuzione se nessuna partizione è grande a sufficienza. 47. L allocazione a partizione dinamica Inizialmente c è una zona di memoria libera. Ogni volta che un processo chiede il caricamento in memoria si cerca una zona libera che possa contenerlo e si ritaglia la partizione ad hoc. In generale si avranno più zone libere (holes). All arrivo di un processo si cercherà una zona sufficiente a contenerlo. Al termine del processo la zona occupata dovrà essere considerata libera immergendola con eventuali zone libere adiacenti. Le strategie di scelta sono : FIRST FIT : la prima area libera di dimensione sufficiente viene occupata dal processo; BEST FIT : la migliore ( nel senso quella che lascia meno spazio non occupato) area libera; WORST FIT : la peggiore ( nel senso quella che lascia più spazio libero) area libera. La rilocazione utilizzata con questo metodo di allocazione è quella statica. Il metodo provoca il fenomeno della frammentazione esterna e i problemi individuati nella tecnica di allocazione a partizione statiche non vengono risolti. 48. La paginazione La paginazione è una tecnica per sfruttare la memoria anche per zone non contigue. Essa richiede un hardware dedicato che consente la rilocazione dinamica. La memoria fisica è divisa in frame (pagine) tutti della stessa dimensione (2K o multipli). Il processo viene suddiviso in pagine logiche della stessa dimensione delle pagine fisiche. Un processo richiede un certo numero di pagine tutte piene tranne l ultima (frammentazione interna). Vi è una lista di page frames disponibili da cui si prelevano i frame necessari. Il loro numero è via via inserito nelle page table del processo che garantisce la corrispondenza fra pagine fisiche e pagine logiche. Gli indirizzi logici sono divisi in page number (parte alta) e page offset (parte bassa). I vantaggi sono che è possibile allocare processi in aree di memoria non contigue sfruttando tutta la memoria disponibile, è stata eliminata la frammentazione esterna ed è stata diminuita la frammentazione interna. 49. La segmentazione La tecnica della segmentazione presuppone una suddivisione logica, effettuata a priori, del programma che andrà in esecuzione. Tale suddivisione prevede l individuazione di unità di dimensioni diverse chiamate segmenti, sulla base di criteri logici stabiliti anche da parte del programmatore. Un programma può essere suddiviso in un segmento contenente il codice relativo alle procedure di uso più frequente. Per riferirci ad un oggetto all interno del programma occorre conoscere il numero di segmento in cui è contenuto e l indirizzo all interno del segmento detto offset. A ogni segmento logico corrisponde un segmento fisico allocato in celle contigue di MC. La segmentazione appare una generalizzazione della tecnica di allocazione a partizioni variabili in cui si consente al programmatore di suddividere il programma in segmenti ognuno dei quali è allocato in una partizione. 50. La memoria virtuale segmentata e paginata E la tecnica più flessibile e sofisticata. Consiste nel suddividere logicamente il programma in segmenti e i segmenti in pagine logiche.

5 51. La memoria virtuale Si parla di memoria virtuale quando un programma si comporta come se avesse a disposizione una memoria molto più grande della MC effettivamente disponibile. Il meccanismo di memoria virtuale provoca un rallentamento nell esecuzione del programma a causa dei continui trasferimenti di dati tra memoria centrale e memoria di massa. E nata per far fronte al problema di processi troppo grandi per la memoria disponibile, attraverso il caricamento in memoria centrale solo di una parte del processo e rimandando il caricamento di altre parti ad una richiesta del processo stesso. 52. Gli algoritmi di scelta di una partizione Gli algoritmi di scelta per una partizione sono: - first fit, la prima partizione libera di dimensione sufficiente viene occupata dal processo; - best fit (la migliore partizione libera), lascia meno spazio non occupato; - worst fit, lapeggiore area libera nel senso quella che lascia più spazio libero. Le prime due sono usate sia dalla tecnica di allocazione a partizioni statiche che da quella a partizioni dinamiche, mentre la terza ha senso solo per la tecnica a partizioni variabili. 53. Gli algoritmi di scheduling di un processo Gli algoritmi di scheduling di un processo sono: - round robin, il processore viene assegnato, a turno, ad ogni processo per un certo periodo di tempo e, se alla fine del periodo l esecuzione non è terminata, il processo viene riportato nella coda dei ready; - tecnica a rientro per percentuale di tempo usato, il processore viene assegnato a turno ad ogni processo ma, se il quanto di tempo viene usato solo in parte, quando il processo rientra nella coda dei ready la sua posizione verrà determinata in rapporto alla percentuale di tempo usata; - round robin a più livelli, inizialmente tutti i processi vengono posti nella coda1 e a ciascuno di essi a turno viene assegnato un quanto di tempo del processore, se alla fine del tempo concesso il processo non è terminato viene posto nella coda successiva che è a più basso livello di priorità (le code vengono scandite in ordine di priorità). 54. Gli algoritmi di scheduling di un lavoro Gli algoritmi di scheduling di un lavoro sono: - FIFO, i lavori vengono eseguiti nell ordine in cui giungono; - priorità statica, si assegna ad ogni lavoro un parametro che condiziona le decisioni dello schedulatore; - priorità dinamica, il SO incrementa la priorità del lavoro al crescere dei tempi d attesa. 55. Il problema del frame allocation Il problema del frame allocation consiste nel numero di pagine da caricare all inizio per un processo, esso infatti non è definito. Esistono teorie diverse al riguardo e si può dimostrare che nessuna scelta garantisce l ottimizzazione. Infatti caricando tutte le pagine si arriva presto ad una saturazione della MC e caricando solo la prima pagina si avrà un forte numero di page fault. 56. Il problema della page replacement Il problema della page replacement è quello di sapere quale frame sostituire quando, a causa di un page fault, il sistema deve caricare una nuova pagina in MC e non ci sono più frame disponibili... Alcuni algoritmi possibili sono: - FIFO, ad ogni pagina si associa il tempo del suo caricamento in memoria (quando occorre sostituire una pagina essa viene sostituita con la pagina in memoria da più tempo, l algoritmo quindi fornisce sempre una sequenza di esecuzione corretta ma potrebbe essere inefficiente); - LFU (least frequently used), scelgo la pagina usata meno frequentemente; - LRU (least recently used), sostituisco la pagina che non è stata usata da più lungo tempo. 57. Il gestore delle periferie Un importantissima attività del SO riguarda la gestione dei dispositivi periferici o genericamente periferiche con cui intendiamo unità al servizio del computer che non sono dotate di un autonomo sistema di calcolo e governo. Possono essere: - dispositivi di input, ovvero quei dispositivi che trasformano e qualificano l informazione esterna in dati in formato digitale utilizzabili dalla CPU; - dispositivi di output ovvero quei dispositivi che trasformano e decodificano i dati digitali in dati in forma utilizzabili dall utente. 58. Lo spool Lo spool è nato per risolvere il problema dell occupazione del buffer in MC che può assumere dimensioni considerevoli non determinabili a priori in quanto dipendono dalle richieste dei singoli processi. L organizzazione a spooling sostituisce il buffer di MC con più file in MDM detti file di immagine. In questo modo la crescita non prevedibile dalle dimensioni del buffer non è più un problema perché la MDM si considera di capacità più che sufficiente anche se a discapito della velocità delle operazioni di scrittura su disco dei dati da stampare. Questa era di MDM è detta area di spooling.

6 59. Il file system Il file system è la componente del sistema operativo che permette all utente di riferirsi ed utilizzare i files senza preoccuparsi di come effettivamente siano memorizzati sul supporto di MDM. Esso deve consentire una: - una facile identificazione dei file; - una visione astratta delle operazioni logiche di uso più comune; - la condivisione e l acesso ai files; - un sistema di protezione dei files. L obbiettivo del file system è trasformare le operazioni logiche sui file in operazioni fisiche sul supporto su cui sono memorizzati. 60. Il calcolo degli indirizzi Per trasformare da spazio logico a spazio fisico il calcolo dipende dal tipo di allocazione : - Nella allocazione a partizioni statiche o dinamiche il calcolo è dato semplicemente dalla somma dell indirizzo relativo con l indirizzo base di caricamento - Nella paginazione occorre avere l indirizzo suddivido in due parti : il numero di pagina e l offset all interno della pagina - Nella tecnica della memoria segmentata e paginata occorre avere l indirizzo suddiviso in 3 parti : il numero di segmento, il numero di pagina all interno del segmento e l offset all interno della pagina 61. La frammentazione FRAMMENTAZIONE INTERNA : un processo richiede m parole di memoria e viene caricato in una partizione di dimensione n ( con n>m). Si dice allora che n-m è la frammentazione interna. FRAMMENTAZIONE ESTERNA : se invece una partizione è vuota ed è troppo piccola per i processi in coda si parla di frammentazione esterna. 62. ALLOCAZIONE A PARTIZIONI RILOCABILI Questa tecnica, detta anche della COMPATTAZIONE, elimina la frammentazione esterna rendendo consecutivi tutti i buchi e spostando le aree occupate ; questo sistema per essere possibile ha bisogno della rilocazione dinamica. Gli algoritmi di compattazione sono in genere costosi e raffinati. 63. L evoluzione dei SO Dalla nascita dei primi calcolatori ( inizio anni Quaranta) fino all inizio degli anni Cinquanta gli utenti dovevano gestire l hardware della macchina perché non c era il sistema operativo. Questi utenti, oltre a dover scrivere i loro programmi in linguaggio macchina dovevano conoscere perfettamente le caratteristiche dell hardware impiegato. Si comprese ben presto che occorrevano strumenti opportuni per ridurre il tasso di errore e per accrescere la produttività dell elaboratore. A determinare la nascita dei primi rudimentali sistemi operativi, avvenuta agli inizi degli anni Cinquanta, è stata la necessità di ridurre i tempi in cui venivano svolti gli interventi manuali : era ormai evidente il divario esistente tra il tempo necessario agli operatori in rapporto al tempo di elaborazione vero e proprio. Nascono i primi sistemi operativi (batch monoprogrammati) che tendono a svincolare il sistema dalle attese improduttive, eliminando gli intervalli tra la fine dell esecuzione di un programma e l inizio del successivo. Il sistema operativo deve essere dotato di un programma speciale, sempre residente in memoria centrale, che raccoglie i lavori (job) presentati dagli utenti e li esegue in successione. Nonostante si siano ridotti i tempi di inattività della CPU, essa era ancora poco utilizzata perché rimaneva inattiva durante le operazioni di I/O. Negli anni Sessanta si sviluppano notevolmente le funzioni del sistema operativo che diventa il vero gestore delle risorse software e hardware della macchina. Per sfruttare al massimo la capacità produttiva della CPU è introdotta la multiprogrammazione : mentre un job sta eseguendo un operazione di I/O, la CPU esegue le istruzioni di un altro programma già caricato in memoria centrale. Con l introduzione dei videoterminali e quindi di sistemi interattivi che danno la possibilità di colloquiare con il programma durante la sua esecuzione, si sviluppano le procedure che facilitano l accesso di molti utenti a una stessa unità centrale ( sistemi in time-sharing). Tra gli anni Sessanta e Settanta si sviluppano anche sistemi operativi in real time, capaci di rispondere istantaneamente agli stimoli esterni ( sono ancor oggi usati per il controllo di processi industriali particolarmente delicati dove un ritardo nella risposta può provocare ingenti danni). Dagli Anni Settanta in poi i sistemi operativi si sono evoluti diventando in grado di supportare tecniche sempre più sofisticate per la gestione dei database e dei collegamenti in rete dei calcol

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Corso di Laurea Triennale in Informatica Università degli Studi di Bari Aldo Moro Anno Accademico 2012-2013 Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Sebastiano Pizzutilo Strutturazione del Sistema Operativo

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi. 1 Mattia Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2008/09 1 c 2009 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Realizzazione di un sistema timesharing Materiale didattico a cura di: Prof. A. Mazzeo Ing. L. Romano Ing. L. Coppolino Ing. A. Cilardo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Lezione 15 File System

Lezione 15 File System Lezione 15 File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Il Sistema Operativo: il File System

Il Sistema Operativo: il File System Il Sistema Operativo: il File System Il File System è quella parte del S.O. che si occupa di gestire e strutturare le informazioni memorizzate su supporti permanenti (memoria secondaria) I file vengono

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test Prefazione, Contenuto Parte 1: Sviluppo di programmi Parte 2: Uso e test SIMATIC Parte 3: Descrizione del linguaggio Programmazione di blocchi Appendici Glossario, Indice analitico Manuale Numero di ordinazione

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Capitolo 12 Intrusion Detection System I meccanismi per la gestione degli attacchi si dividono fra: meccanismi di prevenzione; meccanismi di rilevazione; meccanismi di tolleranza (recovery). In questo

Dettagli

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi Sistemi Operativi Processi Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega 1 Processi indipendenti possono avanzare concorrentemente senza alcun vincolo

Dettagli

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS Integrazione Ecad Mcad Ecad - MENTOR GRAPHICS MENTOR GRAPHICS - PADS La crescente complessità del mercato della progettazione elettronica impone l esigenza di realizzare prodotti di dimensioni sempre più

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Altri cifrari a blocchi

Altri cifrari a blocchi Altri cifrari a blocchi Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci RC2 [1989] IDEA (International

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati Tipologie di pianificatori Pianificazione Intelligenza Artificiale e Agenti II modulo Pianificazione a ordinamento parziale (POP) (HTN) pianificazione logica (SatPlan) Pianificazione come ricerca su grafi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli