Manuale d uso Modulo SCE Versione 2.2 Data: 25/06/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale d uso Modulo SCE 4.35.1. Versione 2.2 Data: 25/06/2014"

Transcript

1 Manuale d us Mdul SCE Versine 2.2 Data: 25/06/2014

2 Infrmazini sul dcument ID Deliverable DE Titl Deliverable Manuale d us Mdul SCE ID Attività N. Versine / Revisine 2.2 Natura: Bzza / Definitiv Finale Partner respnsabile DISIT Distribuzine: Riservat / Pubblic Pubblic Riferimenti Autre Daniele Cenni, Claudi Badii Data redazine 18/04/2014 Riferimenti revisre Pal Nesi Data revisine 30/06/2014 Riferimenti sggett che apprva Pal Nesi Data apprvazine e cnsegna 30/06/2014 Cntrll delle revisini Oggett Numer Data Prima stesura e revisine /03/2014 Secnda stesura /05/2014 Terza stesura /06/2014 finale /06/2014 Nta di riservatezza Il presente dcument sarà utilizzat esclusivamente ai fini del prgett ICARO, ha carattere riservat e nn ptrà quindi essere divulgat se nn in seguit ad esplicita autrizzazine scritta da parte dell ATS, salv il cas in cui di richieste di ttemperare ad bblighi di legge a richieste di pubbliche autrità. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 2 di 55

3 Indice 1 Hme Jbs Triggers New Jb Jb Data Trigger Data New Jb (drmant) New Trigger Ndes Status Ndes Lg Lg Prgrammatically call the Scheduler Insert a Jb Updating a Jb Other peratins Cnfiguratin Tester Hme Create a DataCenter Hst Machine Mnitr Inf Lcal Netwrk Lcal Strage Shared Strage External Strage, Firewall, Ruter Shared Strage Create XML Eccezini nella generazine del file XML Create a BusinessCnfiguratin Chse DataCenter Create Virtual Machine IcarApplicatin Icar Service icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 3 di 55

4 SLAgreement, SLObjective, SLActin e SLMetric Creatr Create XML Eccezini nella generazine del file XML Eccezini nell'inseriment del file XML nella KB Create ServiceMetrics Create XML Simulate DataCenter Real Time Simulatin Faster Simulatin Analyze Metrics icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 4 di 55

5 Legenda Acrnimi e sigle The Smart Clud Engine Scheduler presents a list f menu items at the bttm f the main page. Jbs, views the list f currently registered jbs in the scheduler; Triggers, views the list f currently registered triggers in the scheduler; New Jb, frm fr creating a new jb with an assciated trigger, and registering them int the scheduler; New Jb (drmant), frm fr creating a new jb withut an assciated trigger, and registering it int the scheduler; New Trigger, frm fr creating a new trigger, and registering them int the scheduler; Start Scheduler, starts the Scheduler's threads that fire triggers. When a scheduler is first created it is in 'stand-by' mde, and will nt fire triggers. The misfire/recvery prcess will be started, if it is the initial call t this actin n this scheduler instance; Standby Scheduler, temprarily halts the Scheduler's firing f triggers. When 'Start Scheduler' is called (t bring the scheduler ut f stand-by mde), trigger misfire instructins will NOT be applied during the start - any misfires will be detected immediately afterward. The scheduler can be re-started at any time; Shutdwn Scheduler, halts the Scheduler's firing f triggers, and cleans up all resurces assciated with the Scheduler, waiting jbs t cmplete (the scheduler cannt be re-started and requires Tmcat restart); Frce Shutdwn Scheduler, halts the Scheduler's firing f triggers, and cleans up all resurces assciated with the Scheduler (the scheduler cannt be re-started and requires Tmcat restart); Pause Triggers, pauses all triggers, after using this methd 'Resume Triggers' must be called t clear the scheduler's state f 'remembering' that all new triggers will be paused as they are added; Resume Triggers, resumes (un-pauses) all triggers n every grup; Ndes Status, views the ndes status; Ndes Lg, views the ndes status lg; Lg, views the lg; Truncate Catalina, truncate the catalina lg file f the scheduler; Back, return back; Hme, link t hme page; Clear Scheduler, clears (deletes) all scheduling data: all Jbs, Triggers, Calendars; In the fllwing, the sectins f the SCE Scheduler web interface are described. 1 Hme The main status page lists the table f the events ccurring in the scheduler, srted (default) by descending ID. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 5 di 55

6 The clumns f the table are: SCHEDULER NAME, the name f the scheduler that executed the reprted event. This clumn als reprts the fllwing icns (frm left t right) Edit Jb, edits the details f the jb (lads the newjb.php page); Delete Jb, deletes the jb frm the scheduler; Resume Jb, resumes a paused jb; Pause Jb, pauses a jb; Interrupt Jb, stps the jb; View Triggers, views the triggers assciated t a jb; Trigger Jb, immediately fires a triggers assciated t a jb; ID, the autincrement integer ID; FIRE_INSTANCE_ID, the unique firing ID; DATE, the date at which ccurred the reprted event; JOB NAME, the name f the jb; JOB GROUP, the grup f the trigger; STATUS, the status f the reprted event (i.e., FIRED, RUNNING, SUCCESS, FAILED); TRIGGER NAME, the name f the trigger; TRIGGER GROUP, the grup f the trigger; PREV FIRE TIME, the previus time at which the reprted trigger fired; NEXT FIRE TIME, the next time at which the reprted trigger will fire; REFIRE COUNT, hw many times the trigger assciated t this event will be fired frm nw n (0 indicates frever); RESULT, the result returned by the jb; SCHEDULER INSTANCE ID, the scheduler instance unique ID; IP ADDRESS, the IPv4 addresses f the scheduler. In case f multiple IP addresses, all f them are reprted here; icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 6 di 55

7 The page als reprts the main details abut the current scheduler status (e.g., memry, cpu usage, jbs running). The results f the page are paginated, and can be srted (ascending r descending) by every clumn f the table. At the bttm f the status page, there is a Push Mde buttn that makes the web page autmatically refresh every 3 secnds. When in push mde, each clumn f the table includes a text bx, that can be used t filter the results. 2 Jbs The jbs page lists the table f the jbs registered in the scheduler. The clumns f the table are: SCHED NAME, the name f the scheduler that executed the reprted event. This clumn als reprts the fllwing icns (frm left t right) Edit Jb, edits the details f the jb (lads the newjb.php page); Delete Jb, deletes the jb frm the scheduler; Resume Jb, resumes a paused jb; Pause Jb, pauses a jb; Interrupt Jb, stps the jb; View Triggers, views the triggers assciated t a jb; JOB NAME, the name f the jb. Clicking n the value reprted in this field, a jb can be edited; JOB GROUP, the grup f the trigger. Clicking n the value reprted in this field, a jb can be edited; icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 7 di 55

8 DESCRIPTION, the descriptin f the jb; JOB CLASS NAME, the class name f the jb (i.e., RESTJb, RESTJbStateful, RESTXMLJb, RESTXMLStateful, PrcessExecutrJb, PrcessExecutrStateful). A Jb instance can be defined as "stateful" r "nn-stateful". Nn-stateful jbs nly have their JbDataMap stred at the time they are added t the scheduler. This means that any changes made t the cntents f the jb data map during executin f the jb will be lst, and will nt seen by the jb the next time it executes. IS DURABLE, reprts whether the jb is durable r nt. A durable jb shuld remain stred after it is rphaned. If a jb is nn-durable, it is autmatically deleted frm the scheduler nce there are n lnger any active triggers assciated with it. In ther wrds, nn-durable jbs have a life span bunded by the existence f its triggers; IS NONCONCURRENT, reprts the nncncurrency attribute f the jb. If set t true (1) then the jb is disallwed t execute cncurrently (new triggers that ccur befre the cmpletin f the current running jb will be delayed); IS UPDATE DATA, reprts wheter the jb can update its jb data during executin; REQUESTS RECOVERY, in clustering mde, this parameter is set t true t ensure jb fail-ver. If a jb 'requests recvery', and it is executing during the time f a 'hard shutdwn' f the scheduler (i.e. the prcess it is running within crashes, r the machine is shut ff), then it is re-executed when the scheduler is started again; JOB DATA, the jb data included in the jb data map; The results f the page are paginated, and can be srted (ascending r descending) by every clumn f the table. 3 Triggers The triggers page lists the table f the triggers registered in the scheduler. The clumns f the table are: icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 8 di 55

9 SCHED NAME, the name f the scheduler that executed the reprted event. This clumn als reprts the fllwing icns (frm left t right) Edit Trigger, edits the details f the trigger (lads the newtrigger.php page); Delete Trigger, deletes the jb frm the scheduler; Resume Trigger, resumes a paused trigger; Pause Trigger, pauses a trigger; TRIGGER NAME, the name f the trigger; TRIGGER GROUP, the grup f the trigger; JOB NAME, the name f the jb. Clicking n the value reprted in this field, a jb can be edited; JOB GROUP, the grup f the trigger. Clicking n the value reprted in this field, a jb can be edited; DESCRIPTION, the descriptin f the trigger; NEXT FIRE TIME, the next time at which the reprted trigger will fire; PREV FIRE TIME, the previus time at which the reprted trigger fired; PRIORITY, the pririty f executin f the trigger (the higher the pririty, the higher the prbability fr the trigger t be fired n time); TRIGGER STATE, the status f the trigger WAITING, the nrmal state f a trigger, waiting fr its fire time t arrive and be acquired fr firing by a scheduler; PAUSED, means that ne f the scheduler s pause methds was used. The trigger is nt eligible fr being fired until it is resumed; ACQUIRED, a scheduler nde has identified this trigger as the next trigger it will fire - may still be waiting fr its fire time t arrive. After it fires the trigger will be updated (per its repeat settings, if any) and placed back int the WAITING state (r be deleted if it des nt repeat again); BLOCKED, the trigger is prevented frm being fired because it relates t a StatefulJb that is already executing. When the stateful jb cmpletes its executin, all triggers relating t that jb will return t the WAITING state; TRIGGER TYPE, the trigger type (SIMPLE); START TIME, reprts the date when the trigger started firing; END TIME, reprts the date when the trigger will stp firing; CALENDAR NAME, the name f the calendar assciated t the trigger; MISFIRE INSTR, the misfire instructin f the trigger MISFIRE_INSTRUCTION_IGNORE_MISFIRE_POLICY, instructs the scheduler that the Trigger will never be evaluated fr a misfire situatin, and that the scheduler will simply try t fire it as sn as it can, and then update the Trigger as if it had fired at the prper time. If a trigger uses this instructin, and it has missed several f its scheduled firings, then several rapid firings may ccur as the trigger attempt t catch back up t where it wuld have been. Fr example, a simple trigger that fires every 15 secnds which has misfired fr 5 minutes will fire 20 times nce it gets the chance t fire; icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 9 di 55

10 MISFIRE_INSTRUCTION_SMART_POLICY, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the update after misfire methd will be called n the Trigger t determine the mis-fire instructin, which lgic will be trigger-implementatin-dependent; MISFIRE_INSTRUCTION_FIRE_NOW, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be fired nw by scheduler. This instructin shuld typically nly be used fr "ne-sht" (nn-repeating) triggers. If it is used n a trigger with a repeat cunt > 0 then it is equivalent t the instructin; MISFIRE_INSTRUCTION_RESCHEDULE_NOW_WITH_EXISTING_REPEAT_COUNT, instructs the Scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be re-scheduled t "nw" (even if the assciated Calendar excludes "nw") with the repeat cunt left as-is. This des bey the trigger end-time hwever, s if "nw" is after the end-time the Trigger will nt fire again. Use f this instructin causes the trigger t "frget" the start-time and repeat-cunt that it was riginally setup with (this is nly an issue if yu fr sme reasn wanted t be able t tell what the riginal values were at sme later time); MISFIRE_INSTRUCTION_RESCHEDULE_NOW_WITH_REMAINING_REPEAT_COUNT, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be re-scheduled t "nw" (even if the assciated Calendar excludes "nw") with the repeat cunt set t what it wuld be, if it had nt missed any firings. This des bey the trigger end-time hwever, s if "nw" is after the end-time the Trigger will nt fire again. Use f this instructin causes the trigger t "frget" the start-time and repeat-cunt that it was riginally setup with. Instead, the repeat cunt n the trigger will be changed t whatever the remaining repeat cunt is (this is nly an issue if yu fr sme reasn wanted t be able t tell what the riginal values were at sme later time). This instructin culd cause the Trigger t g t the "COMPLETE" state after firing "nw", if all the repeat-fire-times where missed; MISFIRE_INSTRUCTION_RESCHEDULE_NEXT_WITH_REMAINING_COUNT, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be rescheduled t the next scheduled time after "nw" - taking int accunt any assciated Calendar, and with the repeat cunt set t what it wuld be, if it had nt missed any firings. This instructin culd cause the trigger t g directly t the "COMPLETE" state if all fire-times where missed; MISFIRE_INSTRUCTION_RESCHEDULE_NEXT_WITH_EXISTING_COUNT, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be re-scheduled t the next scheduled time after "nw" - taking int accunt any assciated Calendar, and with the repeat cunt left unchanged. This instructin culd cause the Trigger t g directly t the "COMPLETE" state if the end-time f the trigger has arrived; JOB DATA, the jb data included in the jb data map; The results f the page are paginated, and can be srted (ascending r descending) by every clumn f the table. 4 New Jb This page includes a frm fr creating new jbs and registering them in the scheduler. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 10 di 55

11 The frm includes the fllwing fields and checkbxes: 4.1 Jb Data Stre Durably, set whether r nt the jb shuld remain stred after it is rphaned. If a jb is nn-durable, it is autmatically deleted frm the scheduler nce there are n lnger any active triggers assciated with it. In ther wrds, nn-durable jbs have a life span bunded by the existence f its triggers; Nn-cncurrent, set the jb t disallw t execute cncurrently (new triggers that ccur befre the cmpletin f the current running jb will be delayed); Request recvery, in clustering mde, this parameter must be set t true t ensure jb failver. If a jb 'requests recvery', and it is executing during the time f a 'hard shutdwn' f the scheduler (i.e. the prcess it is running within crashes, r the machine is shut ff), then it is re-executed when the scheduler is started again; Jb Name, set the jb name; icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 11 di 55

12 Jb Grup, set the jb grup; Jb Descriptin, set the jb descriptin; Jb Type, set the jb type (i.e., REST, RESTXML, PrcessExecutr); URL, set the url t be called (enabled fr REST-like jbs); Prcess Path, set the path f prcess t be executed (enabled fr PrcessExecutr-like jbs); 4.2 Trigger Data Start At, set the time the trigger shuld start at - the trigger may r may nt fire at this time - depending upn the schedule cnfigured fr the trigger; End At, set the time at which the trigger will n lnger fire - even if it's schedule has remaining repeats; Calendar Name, set the name f the Calendar that shuld be applied t this trigger's schedule; Trigger Name, set the trigger name; Trigger Grup, set the trigger grup; Trigger Descriptin, set the given (human-meaningful) descriptin f the Trigger; Pririty, set the pririty f executin f the trigger (the higher the pririty, the higher the prbability fr the trigger t be fired n time); Repeat Cunt, set hw many times this trigger will be fired (0 indicates frever); Interval (s), set the repeat interval in secnds; Misfire Instructin, the misfire instructin f the trigger MISFIRE_INSTRUCTION_IGNORE_MISFIRE_POLICY, instructs the scheduler that the Trigger will never be evaluated fr a misfire situatin, and that the scheduler will simply try t fire it as sn as it can, and then update the Trigger as if it had fired at the prper time. If a trigger uses this instructin, and it has missed several f its scheduled firings, then several rapid firings may ccur as the trigger attempt t catch back up t where it wuld have been. Fr example, a simple trigger that fires every 15 secnds which has misfired fr 5 minutes will fire 20 times nce it gets the chance t fire; MISFIRE_INSTRUCTION_SMART_POLICY, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the update after misfire methd will be called n the Trigger t determine the mis-fire instructin, which lgic will be trigger-implementatin-dependent; MISFIRE_INSTRUCTION_FIRE_NOW, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be fired nw by scheduler. This instructin shuld typically nly be used fr "ne-sht" (nn-repeating) triggers. If it is used n a trigger with a repeat cunt > 0 then it is equivalent t the instructin; MISFIRE_INSTRUCTION_RESCHEDULE_NOW_WITH_EXISTING_REPEAT_COUNT, instructs the Scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be re-scheduled t "nw" (even if the assciated Calendar excludes "nw") with the repeat cunt left as-is. This des bey the trigger end-time hwever, s if "nw" is after the end-time the Trigger will nt fire again. Use f this instructin causes the trigger t "frget" the start-time and repeat-cunt that it was riginally setup with (this is nly an issue if yu fr sme reasn wanted t be able t tell what the riginal values were at sme later time); icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 12 di 55

13 MISFIRE_INSTRUCTION_RESCHEDULE_NOW_WITH_REMAINING_REPEAT_COUNT, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be re-scheduled t "nw" (even if the assciated Calendar excludes "nw") with the repeat cunt set t what it wuld be, if it had nt missed any firings. This des bey the trigger end-time hwever, s if "nw" is after the end-time the Trigger will nt fire again. Use f this instructin causes the trigger t "frget" the start-time and repeat-cunt that it was riginally setup with. Instead, the repeat cunt n the trigger will be changed t whatever the remaining repeat cunt is (this is nly an issue if yu fr sme reasn wanted t be able t tell what the riginal values were at sme later time). This instructin culd cause the Trigger t g t the "COMPLETE" state after firing "nw", if all the repeat-fire-times where missed; MISFIRE_INSTRUCTION_RESCHEDULE_NEXT_WITH_REMAINING_COUNT, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be rescheduled t the next scheduled time after "nw" - taking int accunt any assciated Calendar, and with the repeat cunt set t what it wuld be, if it had nt missed any firings. This instructin culd cause the trigger t g directly t the "COMPLETE" state if all fire-times where missed; MISFIRE_INSTRUCTION_RESCHEDULE_NEXT_WITH_EXISTING_COUNT, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be re-scheduled t the next scheduled time after "nw" - taking int accunt any assciated Calendar, and with the repeat cunt left unchanged. This instructin culd cause the Trigger t g directly t the "COMPLETE" state if the end-time f the trigger has arrived; , set the where t send a ntificatin message upn jb cmpletin; In additin t these fields, there are fur links that can be used t add data t the jb Add Data Map, clicking n this link the user can specify a key-value pair fr the jb; Add Next Jb, clicking n this link the user can specify a cnditinal expressin that execute anther jb (i.e., IF RESULT - THEN TRIGGER); Add Prcess Parameter, clicking n this link the user can specify prcess parameters (key = label, value = parameter value) fr the jb. This must be used nly when defining jbs f type PrcessExecutr/PrcessExecutrStateful; Add Jb Cnstraint, clicking n this link the user can specify jb cntraints using peratrs ( ==,!=, <, >, <=, >= ) OS Architecture, the architecture f the perating system (e.g., amd64); Available Prcessrs, the number f available cpu(s); OS Name, the perating system name (e.g., Windws, Linux, Mac); System Lad Average, the system lad average fr the last minute. The system lad average is the sum f the number f runnable entities queued t the available prcessrs and the number f runnable entities running n the available prcessrs averaged ver a perid f time. The way in which the lad average is calculated is perating system specific but is typically a damped time-dependent average. If the lad average is nt available, a negative value is returned. This value is designed t prvide a hint abut the system lad and may be queried frequently. The lad icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 13 di 55

14 average may be unavailable n sme platfrm where it is expensive t implement this methd; OS Versin, the perating system versin (e.g., generic); Cmmitted Virtual Memry Size, the amunt f virtual memry that is guaranteed t be available t the running prcess in bytes, r -1 if this peratin is nt supprted; Free Physical Memry Size, the amunt f free physical memry in bytes; Free Swap Space Size, the amunt f free swap space in bytes; Prcess Cpu Lad, the recent cpu usage fr the Java Virtual Machine prcess. This value is a duble in the [0.0, 1.0] interval. A value f 0.0 means that nne f the CPUs were running threads frm the JVM prcess during the recent perid f time bserved, while a value f 1.0 means that all CPUs were actively running threads frm the JVM 100% f the time during the recent perid being bserved. Threads frm the JVM include the applicatin threads as well as the JVM internal threads. All values between 0.0 and 1.0 are pssible depending f the activities ging n in the JVM prcess and the whle system. If the Java Virtual Machine recent CPU usage is nt available, the methd returns a negative value; Prcess Cpu Time, the cpu time used by the prcess n which the Java virtual machine is running in nansecnds. The returned value is f nansecnds precisin but nt necessarily nansecnds accuracy. This value reprts -1 if the platfrm des nt supprt this peratin; System Cpu Lad, the recent cpu usage fr the whle system. This value is a duble in the [0.0, 1.0] interval. A value f 0.0 means that all CPUs were idle during the recent perid f time bserved, while a value f 1.0 means that all CPUs were actively running 100% f the time during the recent perid being bserved. All values betweens 0.0 and 1.0 are pssible depending f the activities ging n in the system. If the system recent cpu usage is nt available, the methd returns a negative value; Ttal Physical Memry Size, the ttal amunt f physical memry in bytes; Ttal Swap Space Size, the ttal amunt f swap space in bytes; IP Address, the IP address f the scheduler; Clicking n the submit buttn, will cause the frm data t be submitted t the scheduler. A ntificatin ppup will appear, reprting the success (timestamp f the accepted request) r failure (errr message) frm the scheduler. 5 New Jb (drmant) This page is the same as New Jb, excepting that it des nt allw t specify a trigger assciated t the jb. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 14 di 55

15 6 New Trigger This page includes a frm fr creating new triggers and registering them in the scheduler. The frm includes the fllwing fields and checkbxes: Start At, set the time the trigger shuld start at - the trigger may r may nt fire at this time - depending upn the schedule cnfigured fr the trigger; icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 15 di 55

16 End At, set the time at which the trigger will n lnger fire - even if it's schedule has remaining repeats; Jb Name, set the name f the jb which shuld be fired by the prduced trigger; Jb Grup, set the grup f the jb which shuld be fired by the prduced trigger; Calendar Name, set the name f the Calendar that shuld be applied t this trigger's schedule; Trigger Name, set the trigger name; Trigger Grup, set the trigger grup; Trigger Descriptin, set the given (human-meaningful) descriptin f the trigger; Pririty, set the pririty f executin f the trigger (the higher the pririty, the higher the prbability fr the trigger t be fired n time); Repeat Cunt, set hw many times this trigger will be fired (0 indicates frever); Interval (s), set the repeat interval in secnds; Misfire Instructin, the misfire instructin f the trigger MISFIRE_INSTRUCTION_IGNORE_MISFIRE_POLICY, instructs the scheduler that the Trigger will never be evaluated fr a misfire situatin, and that the scheduler will simply try t fire it as sn as it can, and then update the Trigger as if it had fired at the prper time. If a trigger uses this instructin, and it has missed several f its scheduled firings, then several rapid firings may ccur as the trigger attempt t catch back up t where it wuld have been. Fr example, a simple trigger that fires every 15 secnds which has misfired fr 5 minutes will fire 20 times nce it gets the chance t fire; MISFIRE_INSTRUCTION_SMART_POLICY, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the update after misfire methd will be called n the Trigger t determine the mis-fire instructin, which lgic will be trigger-implementatin-dependent; MISFIRE_INSTRUCTION_FIRE_NOW, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be fired nw by scheduler. This instructin shuld typically nly be used fr "ne-sht" (nn-repeating) triggers. If it is used n a trigger with a repeat cunt > 0 then it is equivalent t the instructin; MISFIRE_INSTRUCTION_RESCHEDULE_NOW_WITH_EXISTING_REPEAT_COUNT, instructs the Scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be re-scheduled t "nw" (even if the assciated Calendar excludes "nw") with the repeat cunt left as-is. This des bey the trigger end-time hwever, s if "nw" is after the end-time the Trigger will nt fire again. Use f this instructin causes the trigger t "frget" the start-time and repeat-cunt that it was riginally setup with (this is nly an issue if yu fr sme reasn wanted t be able t tell what the riginal values were at sme later time); MISFIRE_INSTRUCTION_RESCHEDULE_NOW_WITH_REMAINING_REPEAT_COUNT, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be re-scheduled t "nw" (even if the assciated Calendar excludes "nw") with the repeat cunt set t what it wuld be, if it had nt missed any firings. This des bey the trigger end-time hwever, s if "nw" is after the end-time the Trigger will nt fire again. Use f this instructin causes the trigger t "frget" the start-time and repeat-cunt that it was riginally setup with. Instead, the repeat cunt n the icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 16 di 55

17 trigger will be changed t whatever the remaining repeat cunt is (this is nly an issue if yu fr sme reasn wanted t be able t tell what the riginal values were at sme later time). This instructin culd cause the Trigger t g t the "COMPLETE" state after firing "nw", if all the repeat-fire-times where missed; MISFIRE_INSTRUCTION_RESCHEDULE_NEXT_WITH_REMAINING_COUNT, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be rescheduled t the next scheduled time after "nw" - taking int accunt any assciated Calendar, and with the repeat cunt set t what it wuld be, if it had nt missed any firings. This instructin culd cause the trigger t g directly t the "COMPLETE" state if all fire-times where missed; MISFIRE_INSTRUCTION_RESCHEDULE_NEXT_WITH_EXISTING_COUNT, instructs the scheduler that upn a misfire situatin, the simple trigger wants t be re-scheduled t the next scheduled time after "nw" - taking int accunt any assciated Calendar, and with the repeat cunt left unchanged. This instructin culd cause the Trigger t g directly t the "COMPLETE" state if the end-time f the trigger has arrived; Clicking n the submit buttn, will cause the frm data t be submitted t the scheduler. A ntificatin ppup will appear, reprting the success (true) r failure (errr message) frm the scheduler. 7 Ndes Status The ndes status page lists the current status f each nde included in the scheduler cluster. Each nde updates its status every 60 secnds. The clumns f the table are: ID, the autincrement integer ID; DATE, the date at which ccurred the reprted event; IP ADDRESS, the IPv4 addresses f the scheduler. In case f multiple IP addresses, all f them are reprted here; SCHEDULER INSTANCE ID, the scheduler instance unique ID; CPU LOAD, the recent cpu usage fr the whle system. This value is a duble in the [0.0, 1.0] interval. A value f 0.0 means that all CPUs were idle during the recent perid f time bserved, while a value f 1.0 means that all CPUs were actively running 100% f the time during the recent perid being bserved. All values between 0.0 and 1.0 are pssible depending f the activities ging n in the system. If the system recent cpu usage is nt available, the methd returns a negative value; icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 17 di 55

18 FREE PHYSICAL MEMORY, the amunt f free physical memry in bytes; JOBS EXECUTED, the number f jbs executed since the scheduler started; SCHEDULER NAME, the name f the scheduler that executed the reprted event; RUNNING SINCE, the time since when the scheduler is running; CLUSTERED, reprts whether the scheduler is wrking in cluster mde; PERSISTENCE, reprts whether the scheduler is wrking in persistence mde (i.e., using a jb stre); REMOTE SCHEDULER, reprts whether the scheduler supprts remte cmmands thrugh RMI; CURRENTLY EXECUTING JOBS, reprts the number f currently executing jbs; CPU LOAD JVM, the recent cpu usage fr the Java Virtual Machine prcess. This value is a duble in the [0.0, 1.0] interval. A value f 0.0 means that nne f the CPUs were running threads frm the JVM prcess during the recent perid f time bserved, while a value f 1.0 means that all CPUs were actively running threads frm the JVM 100% f the time during the recent perid being bserved. Threads frm the JVM include the applicatin threads as well as the JVM internal threads. All values between 0.0 and 1.0 are pssible depending f the activities ging n in the JVM prcess and the whle system. If the Java Virtual Machine recent CPU usage is nt available, the methd returns a negative value; SYSTEM LOAD AVERAGE, the system lad average fr the last minute. The system lad average is the sum f the number f runnable entities queued t the available prcessrs and the number f runnable entities running n the available prcessrs averaged ver a perid f time. The way in which the lad average is calculated is perating system specific but is typically a damped time-dependent average. If the lad average is nt available, a negative value is returned. This value is designed t prvide a hint abut the system lad and may be queried frequently. The lad average may be unavailable n sme platfrm where it is expensive t implement this methd; OPERATING SYSTEM VERSION, the perating system versin (e.g., generic); COMMITTED VIRTUAL MEMORY, the amunt f virtual memry that is guaranteed t be available t the running prcess in bytes, r -1 if this peratin is nt supprted; OPERATING SYSTEM NAME, the perating system name (e.g., Windws, Linux, Mac); FREE SWAP SPACE, the amunt f free swap space in bytes; PROCESS CPU TIME, the cpu time used by the prcess n which the Java virtual machine is running in nansecnds. The returned value is f nansecnds precisin but nt necessarily nansecnds accuracy. This value reprts -1 if the platfrm des nt supprt this peratin; TOTAL PHYSICAL MEMORY, the ttal amunt f physical memry in bytes; NUMBER OF PROCESSORS, the number f available cpu(s); OPERATING SYSTEM ARCHITECTURE, the architecture f the perating system (e.g., amd64); TOTAL SWAP SPACE, the ttal amunt f swap space in bytes; IS SCHEDULER STANDBY, reprts whether the scheduler is in standby; IS SCHEDULER SHUTDOWN, reprts whether the scheduler is shutdwn; IS SCHEDULER STARTED, reprts whether the scheduler is running; TOTAL DISK SPACE, reprts the ttal disk space f the scheduler s hst machine; UNALLOCATED DISK SPACE, reprts the unallcated disk space f the scheduler s hst machine; icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 18 di 55

19 USABLE DISK SPACE, reprts the usable disk space f the scheduler s hst machine; The results f the page are paginated, and can be srted (ascending r descending) by every clumn f the table. At the bttm f the status page, there is a Push Mde buttn that makes the web page autmatically refresh every 3 secnds. When in push mde, each clumn f the table includes a text bx, that can be used t filter the results. 8 Ndes Lg The ndes status page lists the histry status f each nde included in the scheduler cluster. Each nde updates its status every 60 secnds. The clumns f the table are: ID, the autincrement integer ID; DATE, the date at which ccurred the reprted event; IP ADDRESS, the IPv4 addresses f the scheduler. In case f multiple IP addresses, all f them are reprted here; SCHEDULER INSTANCE ID, the scheduler instance unique ID; CPU LOAD, the recent cpu usage fr the whle system. This value is a duble in the [0.0, 1.0] interval. A value f 0.0 means that all CPUs were idle during the recent perid f time bserved, while a value f 1.0 means that all CPUs were actively running 100% f the time during the recent perid being bserved. All values between 0.0 and 1.0 are pssible depending f the activities ging n in the system. If the system recent cpu usage is nt available, the methd returns a negative value; FREE PHYSICAL MEMORY, the amunt f free physical memry in bytes; icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 19 di 55

20 JOBS EXECUTED, the number f jbs executed since the scheduler started; SCHEDULER NAME, the name f the scheduler that executed the reprted event; RUNNING SINCE, the time since when the scheduler is running; CLUSTERED, reprts whether the scheduler is wrking in cluster mde; PERSISTENCE, reprts whether the scheduler is wrking in persistence mde (i.e., using a jb stre); REMOTE SCHEDULER, reprts whether the scheduler supprts remte cmmands thrugh RMI; CURRENTLY EXECUTING JOBS, reprts the number f currently executing jbs; CPU LOAD JVM, the recent cpu usage fr the Java Virtual Machine prcess. This value is a duble in the [0.0, 1.0] interval. A value f 0.0 means that nne f the CPUs were running threads frm the JVM prcess during the recent perid f time bserved, while a value f 1.0 means that all CPUs were actively running threads frm the JVM 100% f the time during the recent perid being bserved. Threads frm the JVM include the applicatin threads as well as the JVM internal threads. All values between 0.0 and 1.0 are pssible depending f the activities ging n in the JVM prcess and the whle system. If the Java Virtual Machine recent CPU usage is nt available, the methd returns a negative value; SYSTEM LOAD AVERAGE, the system lad average fr the last minute. The system lad average is the sum f the number f runnable entities queued t the available prcessrs and the number f runnable entities running n the available prcessrs averaged ver a perid f time. The way in which the lad average is calculated is perating system specific but is typically a damped time-dependent average. If the lad average is nt available, a negative value is returned. This value is designed t prvide a hint abut the system lad and may be queried frequently. The lad average may be unavailable n sme platfrm where it is expensive t implement this methd; OPERATING SYSTEM VERSION, the perating system versin (e.g., generic); COMMITTED VIRTUAL MEMORY, the amunt f virtual memry that is guaranteed t be available t the running prcess in bytes, r -1 if this peratin is nt supprted; OPERATING SYSTEM NAME, the perating system name (e.g., Windws, Linux, Mac); FREE SWAP SPACE, the amunt f free swap space in bytes; PROCESS CPU TIME, the cpu time used by the prcess n which the Java virtual machine is running in nansecnds. The returned value is f nansecnds precisin but nt necessarily nansecnds accuracy. This value reprts -1 if the platfrm des nt supprt this peratin; TOTAL PHYSICAL MEMORY, the ttal amunt f physical memry in bytes; NUMBER OF PROCESSORS, the number f available cpu(s); OPERATING SYSTEM ARCHITECTURE, the architecture f the perating system (e.g., amd64); TOTAL SWAP SPACE, the ttal amunt f swap space in bytes; IS SCHEDULER STANDBY, reprts whether the scheduler is in standby; IS SCHEDULER SHUTDOWN, reprts whether the scheduler is shutdwn; IS SCHEDULER STARTED, reprts whether the scheduler is running; TOTAL DISK SPACE, reprts the ttal disk space f the scheduler s hst machine; UNALLOCATED DISK SPACE, reprts the unallcated disk space f the scheduler s hst machine; USABLE DISK SPACE, reprts the usable disk space f the scheduler s hst machine; icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 20 di 55

21 The results f the page are paginated, and can be srted (ascending r descending) by every clumn f the table. At the bttm f the status page, there is a Push Mde buttn that makes the web page autmatically refresh every 3 secnds. When in push mde, each clumn f the table includes a text bx, that can be used t filter the results. 9 Lg The lg page lists the status histry f the scheduler. The clumns f the table are: ID, the autincrement integer ID; DATE, the date at which ccurred the reprted event; FIRE_INSTANCE_ID, the unique firing ID; JOB NAME, the name f the jb; JOB GROUP, the grup f the trigger; TRIGGER NAME, the name f the trigger; TRIGGER GROUP, the grup f the trigger; STATUS, the status f the reprted event (i.e., FIRED, RUNNING, COMPLETE, SUCCESS, FAILED); PREV FIRE TIME, the previus time at which the reprted trigger fired; NEXT FIRE TIME, the next time at which the reprted trigger will fire; REFIRE COUNT, hw many times the trigger assciated t this event will be fired frm nw n (0 indicates frever); RESULT, the result returned by the jb; icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 21 di 55

22 SCHEDULER INSTANCE ID, the scheduler instance unique ID; SCHEDULER NAME, the name f the scheduler that executed the reprted event IP ADDRESS, the IPv4 addresses f the scheduler. In case f multiple IP addresses, all f them are reprted here; LOGGER, the lgging class (i.e., LggingTriggerHistryPluginCustm); LEVEL, the message level (i.e., INFO, DEBUG, ERROR); MESSAGE, the human-meaningful event lg message; The results f the page are paginated, and can be srted (ascending r descending) by every clumn f the table. At the bttm f the status page, there is a Push Mde buttn that makes the web page autmatically refresh every 3 secnds. When in push mde, each clumn f the table includes a text bx, that can be used t filter the results 10 Prgrammatically call the Scheduler Calling the scheduler t insert/update/delete/pause/resume a jb requires encapsulating data in an assciative array and encde it in JSON, befre psting t the webservice as the fllwing assciative array: array ('jsn' => jsnarray), where jsnarray is the jsn encded array. Endpint URL: Insert a Jb Here are the keys f the assciative array t be built, with example values. Thse with # are reserved keys. "startat":" " "endat":" " "withdescriptin":"a" "withidentitynamegrup":["a","a"] "withpririty":"5" "repeatfrever":"true" "withintervalinsecnds":"60" "stredurably":"true" "requestrecvery":"true" "withjbidentitynamegrup":["a","a"] "withjbdescriptin":"a" "id":"schedulejb" "jbclass":"prcessexecutrjb" "jbdatamap":{ "#isnncncurrent":"true" "#nextjbs": "peratr":"!=" "result":"1" "jbname":"nextjb1" icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 22 di 55

23 } "jbgrup":"nextgrup1 "#prcessparameters": "prcesspath":"/var/www/script.sh" "prcess1":"param1" "prcess2":"param2" "#jbcnstraints": ["peratr":"==" "result":"1" "jbname":"nextjb1" "jbgrup":"nextgrup1" "systemparametername":"sarch" "value":"linux"] ["peratr":"==" "result":"1" "jbname":"nextjb1" "jbgrup":"nextgrup1" "systemparametername":"ipaddress" "value":" "] Here is a JSON example fr inserting a jb: {"startat":" ","endat":" ","withdescriptin":"a","withidentitynamegr up":["a","a"],"withpririty":"5","repeatfrever":"true","withintervalinsecnds":"60","stredurably" :"true","requestrecvery":"true","withjbidentitynamegrup":["a","a"],"withjbdescriptin":"a","i d":"schedulejb","jbclass":"prcessexecutrjb","jbdatamap":{"#ntificatin ":"daniele.cenn bname\\":\\"nextjb1\\",\\"jbgrup\\":\\"nextgrup1\\"}]","#prcessparameters":"[{\\"prcessp ath\\":\\"\\\\\\/var\\\\\\/www\\"},{\\"prcess1\\":\\"param1\\"},{\\"prcess2\\":\\"param2\\"}]","# jbcnstraints":"[{\\"peratr\\":\\"==\\",\\"result\\":\\"1\\",\\"jbname\\":\\"nextjb1\\",\\"jbg rup\\":\\"nextgrup1\\",\\"systemparametername\\":\\"sarch\\",\\"value\\":\\"linux\\"},{\\"per atr\\":\\"==\\",\\"result\\":\\"1\\",\\"jbname\\":\\"nextjb1\\",\\"jbgrup\\":\\"nextgrup1\\", \\"systemparametername\\":\\"ipaddress\\",\\"value\\":\\" \\"}]"}} 10.2 Updating a Jb Example f JSON t be psted fr updating a jb s data: {"withidentitynamegrup":[" e-b81d f70e4e285480","5dc e-4a80- a962- f ff1f"],"stredurably":"true","requestrecvery":"false","withjbidentitynamegrup":["jb1 ","grup1"],"id":"updatejb","jbclass":"prcessexecutrjb","jbdatamap":{"#isnncncurrent":"t rue","#nextjbs":"[{\\"peratr\\":\\"!=\\",\\"result\\":\\"1\\",\\"jbname\\":\\"jb3\\",\\"jbgru p\\":\\"grup2\\"}]","#prcessparameters":"[{\\"prcesspath\\":\\"\\\\\\/var\\\\\\/www\\\\\\/html \\\\\\/sce\\\\\\/test\\\\\\/javabashtest.sh\\"}]"}} 10.3 Other peratins Sme examples f JSON calls t perfrm ther peratins n the scheduler. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 23 di 55

24 { id : isinstandbymde } // wheter the scheduler is in standby Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : isshutdwn } // wheter the scheduler was shutdwn Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : isstarted } // wheter the scheduler is started Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : deletejb, jbname : jbname, jbgrup : jbgrup} // delete a jb Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : resumejb } // resume a jb Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : pausejb, jbname : jbname, jbgrup : jbgrup} // pause a jb Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : interruptjb, jbname : jbname, jbgrup : jbgrup} // stp a jb Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : unschedulejb, triggername : triggername, triggergrup : triggergrup} // delete a trigger Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : triggerjb, jbname : jbname, jbgrup : jbgrup} // delete a jb Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : deletejb, jbname : jbname, jbgrup : jbgrup} // delete a jb Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : resumetrigger, triggername : triggername, triggergrup : triggergrup} // resume a trigger Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : pausetrigger, triggername : triggername, triggergrup : triggergrup} // pause a trigger Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : startscheduler } // start the scheduler icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 24 di 55

25 Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : standbyscheduler } // standby the scheduler Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : shutdwnscheduler } // shutdwn the scheduler (wait fr running jbs t cmplete) Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : frceshutdwnscheduler } // start the scheduler Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : clearscheduler } // clear the scheduler (delete all jbs and triggers) Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : pauseall } // pause all jbs and triggers Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : resumeall } // resume all jbs and triggers Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] { id : truncatecatalinalg } // truncate catalina lg Respnse: {"0":["respnse"],"1":t/f} // t/f = [ true, false ] icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 25 di 55

26 11. Cnfiguratin Tester Cme si può vedere nel derivable D2.8.2, all'intern del cmpnente Smart Clud, ltre ad avere l Smart Clud Engine, si ha il Cnfiguratin Tester e in quest capitl andrem a descrivere cme è pssibile usare tale strument Hme Quand si accede all'applicazine web che realizza il cmpnente Cnfiguratin Tester, si ha davanti una pagina bianca cn una barra di navigazine sulla quale si può scegliere quale perazine eseguire fra quelle presenti (Figura 11.1). Figura 10.1: Operazini che è pssibile eseguire cn il Cnfiguratin Tester 11.2 Create a DataCenter Figura 11.2: Pagina principale per la creazine di un datacenter La parte principale di gni piattafrma clud è il data center ed è necessari, quindi, avere a dispsizine un strument che cnsenta di inserire all'intern della KB un nuv datacenter da pter analizzare. Questa perazine può essere fatta utilizzand l'perazine Create a DataCenter presente nella barra iniziale del Cnfiguratin Tester. Una vlta cliccat sul link dell'perazine si accede alla pagina mstrata in Figura Attravers il frm di Figura 11.2 è pssibile inserire le infrmazini prprie del datacenter: urn:cludicar:datacenter: la KB è realizzata attravers un'ntlgia e in quest tip di database gni entità è identificata univcamente attravers un URI. Per quant riguarda i datacenter la parte iniziale dell'uri è sempre la stessa, ma la parte finale è variabile e può essere scelta dall'utente, che sta creand il datacenter, inserendla in quest camp hasname: in quest camp è pssibile inserire il nme che si vule assegnare al datacenter che si sta creand icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 26 di 55

27 hasidentifier: è pssibile anche assciare un identificativ al datacenter e si può fare utilizzand quest camp Cme si può vedere nella Figura 11.2 queste infrmazini nn sn sufficienti per la creazine di un datacenter: l'alert di clre giall indica quali sn le altre entità che devn necessariamente essere inserite affinché sia pssibile creare il file XML rappresentante il datacenter appena creat. Cliccand sul pulsante Add è pssibile aggiungere ulteriri entità (Figura 11.3) al datacenter, sia che queste sian necessarie, sia che queste sian pzinali, alla creazine del file XML. Il pulsante Clear, visibile in alt sulla barra di navigazine nella Figura 11.3, cnsente di resettare tutti i frm riempiti: una vlta premut nn sarà pssibile recuperare i dati inseriti. Il link Back, visibile in alt a destra sulla barra di navigazine nella Figura 11.3, cnsente di trnare alla Hme per pter scegliere un'altra perazine da eseguire cn l'applicazine. Figura 11. 3: Entità che è pssibile aggiungere all'intern del datacenter che si sta creand Iniziam a vedere cme si pssn aggiungere le entità al datacenter che si sta creand, partend dall'entità hstmachine che è necessaria per la creazine del file XML Hst Machine Per velcizzare l'inseriment delle infrmazini, il frm per la creazine delle entità hstmachine (Figura 11.4), cnsente di eseguire l'inseriment di gruppi di hstmachine anziché l'inseriment di gni singla hstmachine. A differenza dei dati inseriti per il datacenter, in quest cas nn è necessari inserire l' URI delle hstmachine: essend un inseriment multipl l'uri viene generat autmaticamente in base: al datacenter dve si trvan le hstmachine, al numer del grupp di hstmachine che viene creat e al numer di hstmachine presenti nel grupp. Per esempi, se un grupp di hstmachine viene generat cn il frm in Figura 11.4 all'intern di un datacenter generat cn le infrmazini della Figura 11.3, sarann generati i seguenti URI: urn:cludicar:hstmachine:test-012_hm01 icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 27 di 55

28 urn:cludicar:hstmachine:test-012_hm02.. urn:cludicar:hstmachine:test-012_hm010 Gli altri campi devn essere riempiti cn le seguenti infrmazini: prefixname: il prefiss del nme di tutte le hstmachine che verrann create da quest frm. A tale prefiss, cme fatt per l'uri, sarà aggiunt un numer finale identificativ della hstmachine all'intern del grupp prefixidentifier: il prefiss dell'identificativ di tutte le hstmachine che verrann create da quest frm. A tale prefiss, cme fatt per l'uri, sarà aggiunt un numer finale identificativ della hstmachine all'intern del grupp CPUType: il tip di CPU che si trva all'intern di gni hstmachine del grupp (p.es. Intel Xen) dmain: il dmini all'intern del quale si trvan le hstmachine. Al mment la KB accetta cme dmini DC01 (Figura 11.4) username: l'username di access alle hstmachine. Sarà inserit uguale per tutte le hstmachine del grupp. passwrd: la passwrd di access alle hstmachine. Sarà inserita uguale per tutte le hstmachine del grupp. # Hst: il numer di hst machine che verrann create cn tutte le caratteristiche inserite negli altri campi CPU: il numer di CPU che ha al su intern gni hstmachine CPUSpeed: la velcità in Ghz che ha gni CPU inserita nel camp precedente memrysize: la dimensine della memria principale ('RAM') in GB presente all'intern di gni hstmachine capacity: capacità generica di gni hstmachine peratingsystem: sistema perativ installat in gni hstmachine (si pssn scegliere i sistemi perativi previsti all'intern del datacenter reale) mnitrstate: indica se il mnitr stia men funzinand su gni hstmachine. Si può scegliere fra i valri: Enabled che indica il mnitr funzinante e Disabled che indica il mnitr disabilitat icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 28 di 55

29 Figura 11.4: Frm per la creazine di un grupp di hstmachine Cme il datacenter anche gni hstmachine può avere delle entità assciate. Vediam in dettagli quali sn le entità che pssn essere aggiunte Mnitr Inf Questa entità rappresenta infrmazini utili per l'sm che deve mnitrare le metriche delle hst machine reali presenti nel datacenter. Cn la creazine del grupp di hstmachine ad gni hstmachine del grupp sarà assciata una prpria entità mnitrinf cn gli stessi dati delle altre. Il frm per l'inseriment di un'entità mnitrinf è quell che si può vedere in Figura 11.5 e le infrmazini che devn essere inserite sn le seguenti: metricname: nme della metrica che l' SM deve tenere stt cntrll arguments: argmenti che pssn risultare utili al cntrll effettuat dal SM warningvalue: valre che può innescare della azini vlte a prevenire prblemi se raggiunt dalla metrica criticalvalue: valre che può innescare della azini vlte a prevenire prblemi se raggiunt dalla metrica maxcheckattemps: numer di tentativi che devn essere effettuati sul valre della metrica prima di intraprendere azini crrettive icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 29 di 55

30 mnitrstate: indica se il mnitr stia men funzinand su tale mnitr inf. Si pssn scegliere due valri: Enabled che indica il mnitr funzinante e Disabled che indica il mnitr disabilitat checkmde: indica in che mdalità debba essere effettuat il cntrll. Si pssn scegliere due valri: Passive e Active Figura 11.5: Frm per l'inseriment di una entità mnitrinf Lcal Netwrk Ogni hst machine può avere un più netwrkadapter: varian in base al numer di lcalnetwrk alle quali si cnnette. Cnsiderat che si sta generand un grupp di hstmachine e nn una hstmachine singla, si è ritenut pprtun nn inserire l stess indirizz IP per gni hstmachine: si inseriscn i dati sulle lcalnetwrk alle quali accede il grupp di hstmachine e l'applicazine: genererà in autmatic gli indirizzi IP da assciare ai netwrkadapter delle hstmachine cntrllerà che nn esistan due lcalnetwrk inserite cn l stess URI e dati diversi cntrllerà che la dispnibilità di indirizzi IP di gni lcalnetwrk riesca a sddisfare la richiesta di indirizzi IP in base al numer di entità che devn avere un netwrkadapter per accedere ad una determinata lcalnetwrk. I dati di gni lcalnetwrk pssn essere inseriti attravers il frm di Figura 11.6 inserend i seguenti dati: netwrkaddress: l'indirizz della lcalnetwrk che si sta creand subnetmask: la subnet mask della lcalnetwrk che si sta creand. Attravers tale valre si può sapere quanti indirizzi IP è pssibile generare all'intern della lcalnetwrk che si sta inserend. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 30 di 55

31 urn:cludicar:lcalnetwrk: cme già vist per il datacenter anche in quest cas si deve inserire la parte variabile dell'uri relativ alla lcalnetwrk. Tale parte variabile deve essere univca rispett a tutte le altre lcalnetwrk name: il nme che si vule assciare alla lcalnetwrk identifier: l'identificativ che si vule assciare alla lcalnetwrk Figura 10.6: Frm per l'inseriment di una entità lcal netwrk Lcal Strage Questa entità si cmprta esattamente cme l'entità mnitrinf: gni entità creata sarà inserita all'intern di gni hst machine del grupp che si sta generand. Ogni entità lcalstrage, però, a differenza di mnitrinf avrà un prpri URI che viene calclat in autmatic dall'applicazine, tenend cnt del datacenter e dell'hstmachine all'intern dei quali si trva e dal numer di lcalstrage creati all'intern di un grupp di hstmachine: urn:cludicar:lcalstrage:test-012_hm01_ls0 Le infrmazini che devn essere inserite nel frm di Figura 11.7 sn: name: il nme del lcalstrage identifier: l'identificativ del lcalstrage disksize: la dimensine in GB del disc fiss cntenut nel lcalstrage Figura 11.7: Frm per l'inseriment di una entità lcalstrage Shared Strage A differenza delle altre entità assciate ad una hstmachine, l'entità Shared Strage nn viene definita cmpletamente all'intern del frm per la creazine di un grupp i hstmachine. Si può icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 31 di 55

32 slamente inserire l'uri di un sharedstrage da assciare ad gni hstmachine del grupp che si sta generand, attravers il camp visibile in Figura Figura 11.8: Camp singl sul quale inserire l'uri di un SharedStrage In seguit, vedrem dve sia pssibile definire tale entità e i cntrlli che sn eseguiti affinché l'uri di un sharedstrage inserit nel frm di creazine di un grupp di hstmachine, sia uguale ad un sharedstrage effettivamente creat External Strage, Firewall, Ruter Dat che i frm per l'inseriment delle entità externalstrage, firewall e ruter sn identici, a parte una vce aggiuntiva nel menù a tendina del frm dell' externalstrage, relativa all'inseriment dell'entità sharedstrage accennata nel precedente paragraf, si descrivn insieme e si pssn vedere in Figura Anche per queste entità vale quant affermat per le hstmachine: per velcizzare l'inseriment delle entità del datacenter da testare, nn si esegue un inseriment per gni singla entità ma si crean gruppi di entità in mdalità autmatica. Naturalmente se si crea un grupp cn numersità 1 si creerà una singla entità. Le infrmazini da inserire per la creazine di queste entità sn: prefixname: il nme che deve avere l'entità che si sta creand. Cme per l'entità hstmachine il test che si inserisce sarà slamente il prefiss del nme seguit da un numer che identifica il grupp e l'entità stessa all'intern del grupp prefixidentifier: l'identificativ che deve avere l'entità che si sta creand. Cme per l'entità hstmachine il test che si inserisce sarà slamente il prefiss dell'identificativ seguit da un numer che identifica il grupp e l'entità stessa all'intern del grupp mdel: il mdell (p.es. Cisc xxxx, WesternDigital 12345) dell'entità che si sta creand # Entità: il numer di entità che si desidera creare cn le caratteristiche presenti negli altri campi mnitrstate: indica se il mnitr stia men funzinand su gni entità creata. Si può scegliere fra i valri: Enabled che indica il mnitr funzinante e Disabled che indica il mnitr disabilitat icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 32 di 55

33 Figura 11.9: Frm per l'inseriment di gruppi di externalstrage, firewall, ruter Per le entità che si pssn aggiungere cme mnitrinf e lcalnetwrk si rimanda alla descrizine effettuata per le stesse entità assciate alle hstmachine nei paragrafi: Mnitr Inf e Lcal Netwrk Shared Strage Cme vist nel paragraf Shared Strage è pssibile assciare ad gni hstmachine un sharedstrage, ma all'intern del frm di creazine di un grupp di hstmachine è pssibile slamente inserire l'uri di tale sharedstrage. All'intern del frm di un externalstrage è pssibile creare tale sharedstrage in quant quest'ultim deve necessariamente far parte di un externalstrage. Il frm per la creazine di questa entità si può vedere nella Figura icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 33 di 55

34 Cme si può vedere i dati da inserire sn gli stessi di un'entità lcalstrage, cn l'aggiunta dell'uri necessari per essere assciat ad una hstmachine. Quindi i dati da inserire sn: Figura 11.10: Frm di inseriment di un'entità SharedStrage urn:cludicar:sharedstragevlume: l'uri dell sharedstrage che può essere assciat ad una hstmachine. Ogni externalstrage sarà assciat alla singla entità generata da quest frm. name: il nme del sharedstrage identifier: l'identificativ del sharedstrage disksize: la dimensine in GB del disc fiss cntenut nel sharedstrage Create XML Se vengn inserite tutte le infrmazini richieste dall'alert visibile in Figura 11.2: il pulsante Create XML si attiva (Figura 11.11), l'alert scmpare ed è pssibile eseguire la creazine dell'xml che rappresenta il datacenter relativ alle infrmazini inserite. Figura 11.11: Cme appare il pulsante "Create XML" attiv Una vlta premut il pulsante Create XML, se nn ci sn prblemi (vedi paragraf successiv), si accede alla pagina visibile in Figura icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 34 di 55

35 Figura 11.12: Pagina di creazine di un file XML relativ all'entità datacenter In questa pagina è visibile un'area di test cntenente il file XML generat: tale test nn è mdificabile, ma è selezinabile per pter essere cpiat in una qualsiasi altra applicazine che cnsente di maniplare testi. Cliccand il pulsante Dwnlad XML il file XML viene autmaticamente inviat al brwser, che si sta utilizzand per accedere alla applicazine web, ed è pssibile aprirl direttamente scaricarl sul prpri cmputer. Il file scaricat è un semplice file di test cn estensine.xml e cn filename datacenteryyyy-mm-ddthh_mm_ss indicante quale sia l'entità che è cntenuta all'intern dell'xml (in quest cas un datacenter) e il timestamp di quand il file è stat inviat al brwser. Cliccand il pulsante SendTKB viene apert il mdalpanel in Figura dve si può inserire l'indirizz IP e la prta ai quali è pssibile trvare l'api REST espsta dalla KB per effettuare l'perazine di inseriment di un datacenter. Figura 11.13: Frm per l'invi di un nuv datacenter alla KB Se l'invi alla KB del file XML del datacenter ha esit psitiv viene visualizzat un panel cme quell di Figura icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 35 di 55

36 Figura 11.14: Messaggi che indica che l'invi del datacenter è avvenut cn success Se l'invi alla KB del file XML del datacenter ha esit negativ, perché all'indirizz IP e alla prta inseriti nn si trva un' istanza della KB, allra viene visualizzat un panel cme quell di Figura Figura 11.15: Messaggi che indica che l'invi del datacenter nn è avvenut Il link Back prta alla pagina di creazine di un datacenter dve vengn mstrati i dati precedentemente inseriti che pssn essere mdificati. Una vlta apprtate le mdifiche desiderate verrà generat un nuv XML e si verrà indirizzati nuvamente nella pagina di visualizzazine del file XML creat. Il link Create a BusinessCnfiguratin serve per creare un'entità businesscnfiguratin sul datacenter che si è appena generat. Per sapere cme creare una businesscnfiguratin attravers l'applicazine qui descritta vedere il capitl successiv Eccezini nella generazine del file XML Cme scritt nel paragraf Lcal Netwrk l'applicazine: cntrllerà che nn esistan due lcalnetwrk inserite cn l stess URI e dati diversi cntrllerà che la dispnibilità di indirizzi IP di gni lcalnetwrk riesca a sddisfare la richiesta di indirizzi IP in base al numer di entità che devn avere un netwrkadapter per accedere ad una determinata lcalnetwrk. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 36 di 55

37 E cme anticipat nel paragraf Shared Strage l'applicazine: esegue i cntrlli affinché l'uri di un sharedstrage inserit nel frm di creazine di un grupp di hstmachine, sia uguale ad un sharedstrage effettivamente creat. Se i cntrlli che esegue l'applicazine nn vann a bun fine vengn generati dei messaggi di errre per avvertire l'utente che i dati inseriti nn sn crretti. Questi messaggi vengn generati in una nuva pagina dalla quale si può trnare a quella di inseriment dei dati e mdificarli per evitare che si generin nuve eccezini. Figura 11.16: Eccezine generata se una lcalnetwrk nn ha abbastanza indirizzi IP Se la lcalnetwrk che viene inserita nn ha a dispsizine abbastanza indirizzi IP per tutte le entità che sn assciate a tale rete, allra viene generata l'eccezine in Figura Figura 11.17: Eccezine generata se sn state inserite due LcalNetwrk cn l stess URI, ma cn gli altri dati diversi Se un utente vule che due gruppi di hstmachine sian assciati alla stessa lcalnetwrk deve inserire in gnun dei due gruppi la stessa lcalnetwrk cn gli stessi dati. Se durante quest inseriment le due lcalnetwrk avesser uguali URI sarebber cnsiderate la stessa rete dall'applicazine e gli indirizzi IP e le subnetmask dvrebber essere identici per nn generare l'eccezine che si può vedere in Figura Figura 11.18: Eccezine generata se l SharedStrage assciat ad un'hstmachine nn è stat creat in nessuna ExternalStrage icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 37 di 55

38 L'ultima eccezine che si può generare, cme la precedente, cntrlla che i dati inseriti in due psizini diverse nei frm di inseriment del datacenter, cncrdin fra di lr. Ad gni grupp di hstmachine si può assciare un SharedStrage, ma quest deve essere definit all'intern di un externalstrage. Quand un sharedstrage assciat ad un grupp di hstmachine nn cincide cn un sharedstrage creat all'intern di un externalstrage viene generata l'eccezine di Figura Create a BusinessCnfiguratin Cme vist nel paragraf Create XML è pssibile creare una businesscnfiguratin direttamente dalla pagina di visualizzazine di un datacenter appena generat. In quest cas si accede direttamente al frm che cnsente di creare la businesscnfiguratin. Invece, se clicchiam sul link Create a BusinessCnfiguratin, che si trva nella barra di navigazine della pagina principale dell'applicazine (Figura 11.1), si viene reindirizzati ad una pagina intermedia dve è pssibile scegliere un datacenter, presente in KB, all'intern del quale inserire una businesscnfiguratin Chse DataCenter In questa pagina è pssibile inserire indirizzip e prta (Figura 11.19) ai quali si trva funzinante. una KB Figura 11.19: Inseriment indirizz IP e prta di una KB funzinante Se i dati inseriti risultan crretti viene mstrata una lista cntenente i datacenter presenti nella KB indicata (Figura 11.20). Se questa KB nn è quella desiderata è pssibile mdificare i dati inseriti attravers il pulsante Change. Se si vule cnscere hstmachine, virtualmachine e icarservice cntenuti in un dei datacenter della lista, si deve premere il pulsante Lad, una vlta selezinat il datacenter di interesse. Visualizzate le entità di un datacenter, se si decide di creare una businesscnfiguratin all'intern di quest'ultim, si deve cliccare il pulsante Next per accedere al frm di inseriment di una nuva businesscnfiguratin. N.B.: Quand si preme il pulsante Next viene cnsiderat cme datacenter sul quale inserire la nuva businesscnfiguratin l'ultim che è stat recuperat attravers il pulsante Lad. Selezinare un datacenter dalla lista senza premere il pulsante Lad nn l recupera e viene cnsiderat il datacenter precedente, già caricat in memria. Per quest mtiv quand appare la lista di scelta dei datacenter, il pulsante Next nn è visibile fin a che nn viene caricat un datacenter dalla KB. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 38 di 55

39 Create Virtual Machine Una vlta scelt e recuperat dalla KB il datacenter desiderat, si può creare la nuva businesscnfiguratin. Per farl, si devn per prima csa inserire le virtualmachine sulle quali dvrann appggiarsi i servizi. Le virtualmachine pssn essere inserite tramite il frm visibile in Figura Figura 11.21: Frm per l'inseriment di gruppi di virtualmachine Il frm ha mlti campi uguali a quelli presenti nel frm per la creazine di un grupp di hstmachine, ma ce ne sn alcuni nuvi, vediam quali sn le infrmazini da inserire in tutti i campi: externalipaddress: indirizz IP che ha la virtualmachine vers l'estern della rete e che può essere utilizzat per accedervi mnitringipaddress: indirizz IP che ha la virtualmachine e sul quale viene effettuat il mnitraggi icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 39 di 55

40 prefixname: il prefiss del nme di tutte le virtualmachine che verrann create da quest frm. A tale prefiss, cme fatt per l'uri, sarà aggiunt un numer finale identificativ della virtualmachine all'intern del grupp prefixidentifier: il prefiss dell'identificativ di tutte le virtualmachine che verrann create da quest frm. A tale prefiss, cme fatt per l'uri, sarà aggiunt un numer finale identificativ della virtualmachine all'intern del grupp dmain: il dmini all'intern del quale si trvan le virtualmachine. Al mment la KB accetta cme dmini DC01 (Figura 11.21) username: l'username di access alle virtualmachine. Sarà inserit uguale per tutte le virtualmachine del grupp. passwrd: la passwrd di access alle virtualmachine. Sarà inserita uguale per tutte le virtualmachine del grupp. # Virtual: il numer di virtualmachine che verrann create cn tutte le caratteristiche inserite negli altri campi CPU: il numer di CPU che ha al su intern gni virtualmachine CPUReservatin: la velcità minima in Mhz che ha gni CPU inserita nel camp precedente CPULimit: la velcità massima in Mhz che ha gni CPU inserita nel camp precedente. Quest limite può essere impstata in base a quanta CPU viene utilizzata da tutte le virtualmachine presenti in una hstmachine memrysize: indica quanta memria, di quella presente fisicamente nell'hstmachine, può essere utilizzata al massim da gni virtualmachine del grupp che si sta creand memryreservatin: indica quanta memria, di quella presente fisicamente nell'hstmachine, viene riservata per gni virtualmachine del grupp che si sta creand. Questa memria è sempre dispnibile per la virtualmachine e nn dipende dalle altre virtualmachine che stann eseguend nella stessa hstmachine memrylimit: indica quanta memria, di quella presente fisicamente nell'hstmachine, può essere utilizzata effettivamente dalla virtualmachine. Quest valre dipende da quanta memria stann usand le altre virtualmachine che si trvan nella stessa hstmachine peratingsystem: sistema perativ installat in gni virtualmachine (si pssn scegliere i sistemi perativi previsti all'intern del datacenter reale) mnitrstate: indica se il mnitr stia men funzinand su gni virtualmachine. Si può scegliere fra i valri: Enabled che indica il mnitr funzinante e Disabled che indica il mnitr disabilitat icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 40 di 55

41 arepartof: si deve scegliere in quale hstmachine risiederà il grupp di virtualmachine che si sta creand. Si può scegliere una delle hstmachine presenti nel datacenter che si è selezinat nella pagina precedente isstredon: cnsente di scegliere in quale strage della hstmachine selezinata al punt precedente devn essere salvate tutte le virtualmachine del grupp che si sta creand. Si può scegliere sia un lcalstrage che un virtualstrage assciat alla hstmachine scelta nel camp precedente Anche in quest cas nn è necessari inserire l' URI delle virtualmachine: essend un inseriment multipl l'uri viene generat autmaticamente in base: al datacenter e all'hstmachine dve si trvan le virtualmachine, al numer del grupp di virtualmachine che viene creat e al numer di virtualmachine presenti nel grupp. Per esempi, se un grupp di virtualmachine viene generat cn il frm in Figura 11.21, sarann generati i seguenti URI: urn:cludicar:hstmachine:test-onehst_hm01_vm01 urn:cludicar:hstmachine:test-onehst_hm01_vm02.. urn:cludicar:hstmachine:test-onehst_hm01_vm05 Cme per le altre entità presenti nella KB, anche alle virtualmachine è pssibile assciare altre stt entità cme: mnitrinf, lcalnetwrk e virtualstrage (Figura 11.22). Figura 10.22: Entità che è pssibile aggiungere ad una virtualmachine Per vedere cme aggiungere tali entità e per i dettagli delle infrmazini da inserire si può cnsultare i paragrafi Mnitr Inf, Lcal Netwrk e Virtual Strage, in quant i frm e le infrmazini da inserire nn varian rispett alle entità che è pssibile aggiungere ad un hstmachine. L'unica csa che cambia è l'uri generat autmaticamente per un virtualstrage rispett a quell generat per un lcalstrage, che sarà del tip: urn:cludicar:virtualstrage:test-onehst_hm01_vm02_vs0 Cme il frm per la creazine di datacenter anche quest frm mstra un alert di clre giall che infrma l'utente quali sian le entità da inserire per abilitare il pulsante Next che cnsente di andare alla pagina successiva per creare la nuva businesscnfiguratin. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 41 di 55

42 Il pulsante Clear permette di resettare la pagina cancelland tutte le infrmazini inserite e i frm aggiunti al frm iniziale. Il link Back cnsente di trnare alla pagina di scelta di un datacenter nel cas l'utente vlesse cambiarl cn un altr presente nella stessa KB vlesse cambiare la KB scelta in precedenza. Scelt il datacenter sul quale creare la nuva businesscnfiguratin e create le virtualmachine sulle quali inserire gli IcarService, viene spiegat cme creare una businesscnfiguratin attravers il frm che si può vedere in Figura Figura 11.23: Pagina principale per la creazine di una businesscnfiguratin Attravers il frm di Figura è pssibile inserire le infrmazini prprie della businesscnfiguratin urn:cludicar:businesscnfiguratin: la KB è realizzata attravers un'ntlgia e in quest tip di database gni entità è identificata univcamente attravers un URI. Per quant riguarda le businesscnfiguratin la parte iniziale dell'uri è sempre la stessa, ma la parte finale è variabile e può essere scelta dall'utente che sta creand il data center inserendla in quest camp hasname: in quest camp è pssibile inserire il nme che si vule assegnare alla businesscnfiguratin che si sta creand hasidentifier: è pssibile anche assciare un identificativ alla businesscnfiguratin e si può fare utilizzand quest camp hascntractid: identifica l'id del cntratt assciat alla businesscnfiguratin per pter risalire all'utente che ha sttscritt questa businesscnfiguratin Cme si può vedere nella Figura queste infrmazini nn sn sufficienti per la creazine di una businesscnfiguratin: l'alert di clre giall indica quali sn le altre entità che devn necessariamente essere inserite affinché sia pssibile creare il file XML rappresentante la businesscnfiguratin appena creata. Cliccand sul pulsante Add è pssibile aggiungere ulteriri icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 42 di 55

43 entità (Figura 11.23) alla businesscnfiguratin, sia che queste sian necessarie, sia che queste sian pzinali, alla creazine del file XML. Il pulsante Clear, visibile in alt sulla barra di navigazine nella Figura 11.23, cnsente di resettare tutti i frm riempiti: una vlta premut nn sarà pssibile recuperare i dati inseriti. Il link Back cnsente di trnare alla pagina precedente per pter mdificare le virtualmachine create. Iniziam a vedere cme si pssn aggiungere le entità alla businesscnfiguratin che si sta creand, partend dall'entità icarapplicatin che è necessaria per la creazine del file XML IcarApplicatin Il frm che cnsente di aggiungere un'entità icarapplicatin alla businesscnfiguratin che si sta creand si può vedere in Figura Figura 11.24: Frm per l'inseriment di un'entità icarapplicatin I campi che devn essere inseriti sn i seguenti: name: in quest camp è pssibile inserire il nme che si vule assegnare alla icarapplicatin che si sta inserend identifier: è pssibile anche assciare un identificativ alla icarapplicatin e si può fare utilizzand quest camp capacity: identifica una generica quantità cntenuta dalla icarapplicatin typeofapplicatin: si può scegliere la tiplgia di icarapplicatin che deve essere inserita. Le applicazini che sn presenti nella lista sn quelle che pssn essere istanziate all'intern della piattafrma clud icar. Creand un'icarapplicatin, cme succede per altre entità già viste, nn è necessari inserire l'uri di tale entità, in quant quest'ultima viene creata in base al tip di applicazine che si sta inserend, la businesscnfiguratin all'intern della quale si sta dichiarand e il numer di icarapplicatin cntenute dalla businesscnfiguratin. Nel cas in cui una icarapplicatin venga inserita cn le infrmazini della Figura e della Figura avrem cme URI generata: icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 43 di 55

44 urn:cludicar:jmla:test-007_0 Cme è pssibile vedere in Figura è pssibile aggiungere ulteriri entità ad una icarapplicatin. Figura 11.26: Entità che pssn essere aggiunte ad una icarapplicatin N.B. Al mment, anche se presente nel menù a tendina, nn è pssibile aggiungere una entità icartenant: viene visualizzat il frm per l'inseriment ma i dati nn vengn racclti per la creazine del file XML. Quindi analizzerem le infrmazini che devn essere inserite per le altre entità Icar Service Ogni icarapplicatin ha bisgn di alcuni servizi per funzinare e se questi servizi nn vengn inseriti, allra l'applicazine genererà dei messaggi appsiti per avvertire l'utente di questa mancanza (si pssn vedere nei seguenti paragrafi). Il frm cn il quale si pssn inserire infrmazini relative alle entità icarservice si può vedere in Figura e i campi da riempire sn i seguenti: mnitripaddress: indirizz IP dve si può trvare l'icarservice e sul quale viene effettuat il mnitraggi name: in quest camp è pssibile inserire il nme che si vule assegnare all'icarservice che si sta creand identifier: è pssibile anche assciare un identificativ alla icarapplicatin e si può fare utilizzand quest camp prcessname: il nme del prcess cn il quale l'icarservice viene eseguit all'intern della virtualmachine username: l'username di access all'icarservice passwrd: la passwrd di access all'icarservice icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 44 di 55

45 typeofservice: in quest camp si vincla la scelta ai tipi di servizi che cnsentn l'esecuzine di tutte le icarapplicatin previste all'intern del clud icar. L'utente è respnsabile di scegliere quei servizi che cnsentn l'esecuzine della icarapplicatin che sta inserend in un determinat mment. Figura 11.27: Frm per l'inseriment dell'entità IcarService supprtedlanguage: è pssibile scegliere quale linguaggi supprta l'icarservice che si sta creand. La scelta è vinclata ai linguaggi che si decide di supprtare all'intern della piattafrma clud icar. MnitrState: indica se il mnitr stia men funzinand sull'icarservice che si sta creand. Si può scegliere fra i valri: Enabled che indica il mnitr funzinante e Disabled che indica il mnitr disabilitat runsonvm: si deve indicare in quale virtualmachine si vule che sia res funzinante l'icarservice che si sta generand. La scelta è vinclata alle virtualmachine inserite al pass precedente. Cme si può vedere dalla Figura è pssibile aggiungere ulteriri entità ad un icarservice. Infatti, è pssibile aggiungere un'entità mnitrinf, un'entità TCP Prt e un'entità UDP Prt. Per quant riguarda l'entità mnitrinf e le infrmazini che devn essere inserite si può vedere il paragraf Mnitr Inf. Le altre due entità cntengn semplicemente un camp numeric dve si può indicare il numer della prta TCP e/ UDP alla quale è pssibile trvare l'icarservice. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 45 di 55

46 Figura 11.28: Entità che è pssibile aggiungere ad un Icar Service SLAgreement, SLObjective, SLActin e SLMetric Cme previst dalla KB ad gni icarapplicatin può essere assciat un questa entità può essere inserita tramite il frm presente in Figura SLAgreement e Le infrmazini da inserire all'intern del frm sn: starttime: data che indica da quand l SLAgreement inizia a valere endtime: data che indica fin a quand l SLAgreement vale L SLAgreement è univc per gni icarapplicatin e nn ne può essere creat più di un. Però pssn essere aggiunti a tale entità un numer indefinit di SLObjective, a lr vlta cmpsti da SLActin, che rappresentan le azini che devn essere intraprese dal sistema se nn vengn rispettate le clausle delle SLAMetric (Figura 11.29). Cme si può vedere (Figura 11.29), l'entità SLObjective nn ha campi prpri ma è un semplice cntenitre per le entità SLActin e SLMetric. Le infrmazini che pssn essere inserite in un'entità SLActin sn: name: il nme dell'azine che viene eseguita se i vincli impsti da SLMetric nn vengn rispettati calluri: se l'azine che si deve eseguire è pssibile chiamarla attravers una URI, in quest camp si deve inserire tale URI Le infrmazini che si pssn inserire in un'entità SLMetric sn: name: il nme della metrica che viene memrizzata all'intern della KB ed è ggett del cntrll per rispettare quest SLAgreement unit: l'unità di misura che viene assciata al seguente camp value icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 46 di 55

47 Figura 11.29: Frm per l'inseriment delle entità relative ad un SLAgreement value: il valre che deve essere rispettat in base al limit inserit in seguit limit: indica la cndizine che devn rispettare le metriche memrizzate all'intern della KB rispett al valre inserit precedentemente (camp value ). I valri che pssn essere scelti sn: Greater, Less Equal che crrispndn ai simbli >, < e =. dependson: naturalmente la stessa metrica può essere misurata su più risrse cntenute nella piattafrma clud e in quest camp si deve inserire quale sia la risrsa di interesse per rispettare questa clausla dell'slagreement. Al mment è pssibile scegliere fra le VirtualMachine e le HstMachine cme risrse da mnitrare Creatr Una icarapplicatin può essere assciata al su creatr. Per fare ciò, si devn inserire le infrmazini seguenti, nel frm che si può vedere in Figura 11.30: icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 47 di 55

48 urn:cludicar:user: si deve inserire l'uri che si desidera per il creatre che si sta inserend name: nme del creatre che si sta inserend nel frm del creatre che si sta inserend nel frm Figura 11.30: Frm per l'inseriment dell'entità creatr Questa entità è simile alla entità lcalnetwrk vista nei paragrafi precedenti: si inseriva una lcalnetwrk per creare in autmatic le entità netwrkadapter da assciare alle entità che si cnnettevan a quella rete e si cntrllava che nn ci fsser due lcalnetwrk cn l stess URI e cn diverse infrmazini inserite. Infatti, quand si inseriscn i dati in quest frm la vera entità che viene generata è quella User che sarà assciata alle altre entità per realizzare la prprietà hascreatr. Inltre, se l'utente inserit è creatr di due icarapplicatin allra si dvrà eseguire il cntrll che nn esistan due User cn l stess URI e diversi name e . Nel paragraf precedente si è descritt le infrmazini e le entità necessarie alla creazine di un'entità icarapplicatin all'intern di una businesscnfiguratin. Oltre a tale entità si pssn aggiungere ad una businesscnfiguratin le entità SLAgreement e Creatr. Siccme tali entità hann l stess frm delle entità che si pssn aggiungere ad una icarapplicatin si cnsiglia di vedere i paragrafi precedenti per sapere cme inserire tali infrmazini all'intern dei frm Create XML Per quant riguarda la creazine del file XML relativ alla businesscnfiguratin inserita e alla pagina alla quale si accede una vlta creat tale file si può vedere il paragraf Create XML relativ alla creazine del file XML di un datacenter. Le uniche mdifiche riguardan il fatt che nella barra di navigazine nn è presente il link per la creazine di una nuva businesscnfiguratin, dat che se ne è appena creata una ed è differente la API REST che viene invcata per l'inseriment della businesscnfiguratin, appena generata, dentr la KB. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 48 di 55

49 Eccezini nella generazine del file XML Nel paragraf precedente si è affermat che l'applicazine dvrà effettuare dei cntrlli nel cas in cui sian inseriti due creatri (p. es. un della businesscnfiguratin e un di una icarapplicatin) per: evitare che esistan due User cn l stess URI e diversi name e Nel cas in cui il cntrll abbia esit negativ, ciè esistn due entità User/Creatr differenti name e/ , viene mstrat all'utente il messaggi di Figura cn l stess URI ma Figura 11.31: Eccezine generata se sn stati inseriti due User cn l stess URI, ma cn gli altri dati diversi Lett il messaggi è pssibile trnare alla pagina precedente per effettuare le mdifiche necessarie ad evitare di ricevere nuvamente il messaggi che avverte dell'errre fatt in fase di inseriment Eccezini nell'inseriment del file XML nella KB Cme dett all'inizi del paragraf Icar Service, gni icarapplicatin ha bisgn di alcuni servizi per funzinare e se questi servizi nn vengn inseriti, allra l'applicazine genererà dei messaggi appsiti per avvertire l'utente di questa mancanza. Tali messaggi, a differenza delle eccezini che vengn generate dall'applicazine, vengn generate durante l'inseriment del file all'intern della KB, in quant riguardan regle inserite nella KB e nn nell XSD-SCHEMA perla generazine dei file XML. Figura 11.32: Messaggi restituit dalla KB per ntificare gli icarservice mancanti, necessari per l'icarapplicatin di tip Quest prta, per esempi, ad avere il messaggi di Figura in rispsta al tentativ di invi alla KB di un file XML di una businesscnfiguratin cntenente un icarapplicatin di tip XLMS, della quale nn sn stati dichiarati tutti i servizi di cui ha bisgn. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 49 di 55

50 11.4 Create ServiceMetrics Questa perazine cnsente di creare un numer predefinit di metriche da assciare ad una determinata entità (p.es. una hstmachine una virtualmachine), decidend il perid temprale nel quale devn essere distribuite, i valri che devn avere durante tale perid e il valre finale che deve essere inserit nell'ultima metrica. Questa perazine può essere utile se si vule cntrllare la crretta rilevazine di prblemi, per esempi relativi ad un sframent dei limiti impsti dall SLA, attravers delle metriche inserite in KB. Figura 11.33: Frm per l'inseriment delle entità Service Metrics Per la creazine delle metriche il frm che si deve riempire è quell di figura e le infrmazini necessarie sn le seguenti: urientity: uri dell'entità alla quale si devn riferire le metriche generate autmaticamente name: il nme che si desidera dare a tutte le metriche che verrann generate unit: l'unità di misura che deve essere assciata ai valri inseriti per la metrica # servicemetric: il numer di metriche che devn essere generate minvalue: il più piccl valre che può assumere la metrica maxvalue: il più grande valre che può assumete la metrica finalvalue: il valre che deve assumere la metrica finale che verrà generata. Può anche essere un valre che nn rientra fra i valri minvalue e maxvalue. frm: data di inizi delle metriche. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 50 di 55

51 t: data di fine delle metriche Il perid di generazine delle metriche è un perid fittizi e le metriche verrann generate tutte istantaneamente per essere inviate alla KB Create XML Per quant riguarda la creazine del file XML relativ alle servicemetrics inserite e alla pagina alla quale si accede una vlta creat tale file si può vedere il paragraf Create XML relativ alla creazine del file XML di un datacenter. Le uniche mdifiche riguardan il fatt che nella barra di navigazine nn è presente il link per la creazine di una nuva businesscnfiguratin, dat che stiam creand delle metriche, è differente la API REST che viene invcata per l'inseriment delle servicemetric, appena generate, dentr la KB e il file XML generat cntiene tutte le servicemetric generate, anziché generare un singl XML per gni servicemetrics Simulate DataCenter Questa perazine cnsente di simulare (in md apprssimativ, per il mment) il funzinament di una piattafrma clud per: generare delle metriche in mdalità autmatica studiare il cmprtament della piattafrma clud nella fase di inseriment di nuve businesscnfiguratin, in particlare nell'inseriment di nuve virtualmachine e icarservice La simulazine può essere effettuata in due mdalità: RealTime: il temp di simulazine è l stess del temp che passa nella realtà. Attravers questa simulazine si cercherà di studiare il cmprtament del clud durante l'inseriment di nuve businesscnfiguratin Faster: in quest cas nn si può parlare di un ver e prpri temp di simulazine. Si scelgn la data iniziale e la data finale della simulazine e in quel lass di temp vengn generate delle metriche in mdalità autmatica per tutte le entità di un determinat datacenter, scelt in precedenza La scelta fra le due simulazini può essere fatta attravers gli appsiti pulsanti visibili in Figura Una vlta scelta una delle due tiplgie di simulazine si viene reindirizzati sulla pagina di scelta del datacenter, in quant dbbiam scegliere quale datacenter simulare. Per avere infrmazini su tale pagina vedere il paragraf Chse DataCenter. Figura 11.34: Pulsanti per la scelta della tiplgia di simulazine da effettuare icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 51 di 55

52 Real Time Simulatin La pagina che cnsente di simulare un datacenter si può vedere in Figura Figura 11.35: Pagina principale per la simulazine di datacenter All'intern della pagina pssiam vedere dei panel che sarann riempiti cn dei grafici una vlta iniziata la simulazine. Ad gni panel è assciata una hstmachine e nell'header viene indicat quante virtualmachine sn presenti all'intern dell'hstmachine relativa a quel panel. Se si vule iniziare la simulazine si può premere il pulsante Start. Una vlta iniziata la simulazine, nella pagina appain i grafici relativi ai dati della simulazine e i pulsanti della barra di navigazine vengn mdificati cme si può vedere in Figura Figura 11.36: Simulazine di un datacenter cn i grafici relativi a CPU, Memry e Strage Nei tre grafici visibili pssiam vedere l'andament dei dati simulati di CPU, Memry e Strage relativi ad una singla hstmachine. I grafici vengn aggirnati gni 5 secndi cn il refresh della pagina. Il pulsante Stp permette di interrmpere istantaneamente la simulazine. Il frm che segue il pulsante Stp cnsente di scegliere una KB (inserend indirizz IP e prta di una KB funzinante) e il temp cn il quale i dati simulati vengn campinati e inviati per essere inseriti nella KB scelta. Il timestamp che verrà inserit all'intern delle metriche inviate alla KB è riferit al mment in cui queste vengn campinate. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 52 di 55

53 Figura 11.37: Cme appare la pagina della simulazine quand si aggiungn virtualmachine Figura 11.38: Cme appare la pagina della simulazine quand si aggiungn businesscnfiguratin Il pulsante Create a BusinessCnfiguratin, se premut, per il mment fa apparire un frm per l'inseriment di virtualmachine e a seguire un frm per l'inseriment di una businesscnfiguratin Figura e Figura Si devn implementare le funzini che cnsentan di aggiungere queste entità dinamicamente al simulatre Faster Simulatin Se nn si ha bisgn di effettuare una simulazine in real time, ma si devn simulare dei dati prvenienti da un determinat datacenter, si può utilizzare la Faster Simulatin, la quale, a differenza della creazine di servicemetric: genera le metriche per tutte le entità di un datacenter anziché generarle per una sla entità genera le metriche cn un intervall di 5 minuti, anziché redistribuirle in md unifrme nel perid indicat nn prevede limite inferire superire ai valri che pssn essere assunti dalla metrica e nemmen un valre finale L'interfaccia per la generazine autmatica delle metriche si può vedere in Figura icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 53 di 55

54 Figura 11.39: Pagina per realizzare una faster simulatin Si deve semplicemente inserire la data dalla quale deve partire la simulazine, inserire il numer di girni che devn essere simulati e cliccare sul pulsante simulate. Le metriche sarann create istantaneamente e inviate alla KB dalla quale è stat caricat il datacenter che si sta simuland Analyze Metrics Attravers tale perazine è pssibile analizzare le metriche che sn già presenti all'intern della KB. Cme già spiegat nel paragraf Chse DataCenter per prima csa è necessari scegliere e caricare dalla KB il datacenter che si vule analizzare. Una vlta che si è caricat un datacenter ptrem vedere la pagina in Figura Figura Pagina che cnsente di analizzare le metriche di entità cntenute in un determinat datacenter Si può ntare sulla sinistra l'elenc di hstmachine e virtualmachine cntenute all'intern del datacenter selezinat nella pagina precedente. Su tale lista si pssn selezinare più virtualmachine e/ più hstmachine delle quali analizzare le metriche. Una vlta selezinate le entità si devn inserire data di inizi e data di fine dell'analisi che si vule effettuare. Premend il pulsante Metrics vengn generati i grafici di Fiugra Se due entità hann una stessa metrica allra i dati verrann raggruppati all'intern di un singl grafic e si avrà una curva icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 54 di 55

55 per gni entità: in Figura abbiam 3 curve perché si sn selezinate 3 entità che hann le stesse metriche. Il pulsante Reset Zm riprta il grafic alla sua risluzine riginaria dp che si è effettuat un zm cn il muse. Il checkbx Filled disegna l'area sttstante di gni curva che in Figura è trasparente. Il chechbx Stacked smma i vari cntributi di gni curva e realizzand un grafic cn i dati cumulati fra le tre curve. Gli ultimi tre bttni Hurly, Daily e Mnthly servn per scalare la risluzine del grafic per avere una visine miglire dell'andament dei dati. icar - La piattafrma clud per l accelerazine del business delle PMI tscane Pagina 55 di 55

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi Via Renat Cesarini, 58/60 00144 Rma Via Scrate 26-20128 - Milan P. IVA: 01508940663 CCIAA: 11380/00/AQ Cisc, Juniper and Micrsft authrized Trainers Esame 70 291: (Btcamp Crs MS-2276 e crs MS-2277 ) Crs

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni:

Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni: premium access user guide powwownow per ogni occasione Making a Call Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni: 1. Tell your fellow conference call participants what

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 14 - Thread in Java 1 Cos è un

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Le basi. Creare un elenco

Le basi. Creare un elenco Le basi Creare un elenco Fabrik Tables New dare un titolo (che apparirà) alla tabella su label in Intoduction sarà visualizzato un testo che apparirà sopra la tabella nella scheda Publishing: Published:

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

PREREQUISITI WEBGATE400

PREREQUISITI WEBGATE400 PREREQUISITI WEBGATE400 V7 1 PREREQUISITI MINIMI TECNICI 1.1 Scopo del documento Il presente documento intende definire alcune linee guida per la configurazione minima del Server (System I) e del client

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

Il compilatore Dev-C++

Il compilatore Dev-C++ Il compilatore Dev-C++ A cura del dott. Marco Cesati 1 Il compilatore Dev-C++ Compilatore per Windows: http://www.bloodshed.net/devcpp.html Installazione Configurazione Utilizzazione 2 1 Requisiti di sistema

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

OS X come piattaforma di analisi : Diskarbitrationd

OS X come piattaforma di analisi : Diskarbitrationd Maurizio Anconelli OS X come piattaforma di analisi : Diskarbitrationd Con la crescente diffusione sui desktop di giovani e professionisti, il sistema operativo della mela morsicata inizia a rivestire

Dettagli

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO Poste ALL. 15 Informazioni relative a FDA (Food and Drug Administration) FDA: e un ente che regolamenta, esamina, e autorizza l importazione negli Stati Uniti d America d articoli che possono avere effetti

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER Price ExWorks Gallarate 60.000,00euro 95 needles, width of quilting 240cm, 64 rotative hooks, Pegasus software, year of production 1999

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE.

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE. UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIR 3 RVIZI ALITALIA. MPR DI PIÙ, PR T. FAT TRACK. DDICATO A CHI NON AMA PRDR TMPO. La pazienza è una grande virtù. Ma è anche vero che ogni minuto è prezioso. Per questo

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

lavorare con dati tabellari in ArcGis

lavorare con dati tabellari in ArcGis lavorare con dati tabellari in ArcGis 1. gestione delle tabelle 2. aggregazione di dati tabellari 3. relazioni con tabelle esterne 4. modifica di dati tabellari (1) gestione delle tabelle Tipi di tabelle

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo

Architettura degli Elaboratori. Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Corso di Laurea Triennale in Informatica Università degli Studi di Bari Aldo Moro Anno Accademico 2012-2013 Lez. 8 : Il Livello di Sistema Operativo Sebastiano Pizzutilo Strutturazione del Sistema Operativo

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Creare una applicazione Winsock di base

Creare una applicazione Winsock di base Creare una applicazione Winsock di base Usiamo le API Winsock incluse in Creare un progetto per una Socket Windows (in Dev C++) Selezionare la file New Projects Selezionare Empty Project Salvare

Dettagli